DAQ: Segnali. Dal punto di vista della DAQ possiamo catalogare i segnali secondo lo schema seguente:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAQ: Segnali. Dal punto di vista della DAQ possiamo catalogare i segnali secondo lo schema seguente:"

Transcript

1 DAQ: Segnali Dal punto di vista della DAQ possiamo catalogare i segnali secondo lo schema seguente: Segnali analogici d ingresso (analog input) Segnali analogici d uscita (analog output) Segnali digitali (digital I/O) Contatori (counters) Segnali legati a bus trasmissivi (seriali, GPIB, )

2 Analog Input Signals Un segnale analogico d ingresso è tipicamente un segnale in tensione, che rientra nella categoria segnali a tempo continuo (e ampiezza continua) che avete incontrato nella prima parte del corso col Prof. Servoli. Sempre relativamente a tale classificazione, esso può essere periodico o aperiodico Vediamo uno schema tipo di acquisizione di AIs: Low Pass amplifier ADC (Analog to Digital Converter) Signal Conditioning DAQ Card

3 Condizionamento del segnale La parte di signal conditioning è solitamente esterna alle schede (più economiche) Essa è costituita solitamente da un filtro passa basso, a volte da uno stadio di preamplificazione accoppiato in AC o in DC con il segnale stesso Il filtro passa basso prende il nome di filtro antialiasing (lezioni di Servoli). Essenzialmente il segnale viene acquisito dalla DAQ con una frequenza (di campionamento) f c prefissata. Se il segnale analogico ha un contenuto in frequenza superiore alla metà di f c compaiono, nel segnale acquisito, frequenze fittizie (alias) che sono un artefatto matematico. Se a priori non si conosce perfettamente la frequenza massima del nostro segnale è d obbligo anteporre il filtro antialiasing.

4 condizionamento del segnale 2 A volte, quando non si è interessati al contenuto in frequenza del segnale, ma, per esempio, si verifica saltuariamente il livello di una grandezza che varia lentamente nel tempo, si può fare a meno del filtro antialiasing. Il preamplificatore può essere necessario per adattare l ampiezza del segnale al range d ingresso del proprio sistema di DAQ. Questo stadio (o l amplificatore successivo) si dice accoppiato in DC se anche le componenti costanti del segnale vengono trasmesse all ADC. Si dice accoppiato in AC se la componente in continua viene bloccata (con l ausilio di un capacitore). Per ottimizzare la lettura dell input signal, il dispositivo (sorgente) che emette il segnale da leggere deve avere una impedenza d uscita (source impedance) molto bassa rispetto a quella d ingresso dello stadio di condizionamento

5 condizionamento del segnale 3 L amplificatore presente nella scheda è solitamente un PGIA: Programmable Gain Instrumentation amplifier Gain (guadagno) dal PC V in V in PGIA V m = Voltaggio misurato La funzione di trasferimento di questo dispositivo è V m ( V V ) Gain = in in Il guadagno è il fattore di amplificazione che viene imposto dall operatore tramite il programma di controllo

6 Grounding Nella figura precedente l instrumentation amplifier ha due ingressi (V in e V in ). Questo è legato al fatto che ci sono sorgenti di segnale con caratteristiche di messa a terra (grounding) diverse: grounded: la sorgente del segnale ha la terra in comune con la terra dell apparato di DAQ floating: la sorgente del segnale non è collegata a terra Per esempio una termocoppia non è collegata a terra, ma è flottante in quanto una differenza di potenziale si presenta ai suoi estremi in base alla temperatura a cui si trova In base alla natura della sorgente del segnale (floating o grounded) ed in base ai requisiti dell acquisizione che vogliamo compiere sono possibili diverse configurazioni di connessione

7 Connessioni Una sorgente di segnale può essere collegata ad un apparato di DAQ in due configurazioni fondamentali: Differential e Singleended. Differential: in questo caso ogni sorgente di segnale è collegata tramite due fili e ciascuna ha la propria linea di ritorno del segnale (o segnale di riferimento) Singleended: in questo caso il segnale è portato da un solo filo e la linea di ritorno del segnale è comune alle varie sorgenti Signal 1 ACH0 ACH8 Signal 1 ACH0 Signal 2 Signal 3 Signal 4 ACH1 ACH9 ACH2 ACH10 ACH3 ACH11 DAQ Device Differential Connection: many wires Signal 2 Signal 3 Signal 4 ACH1 ACH2 ACH3 AISENSE DAQ Device Singleended Connection: fewer wires

8 connessioni 2 Input Tipi di sorgente in ingresso Sorgente di segnale flottante Esempi: termocoppie, strumenti con ingresso isolato, dispostivi con batteria Sorgente di segnale grounded Esempi: strumenti con ingresso non isolato Differenziale ACH ACH R ACH ACH AISENSE AIGND Singleended Riferenziato a terra (RSE) ACH AIGND NO ACH AIGND Vs Singleended non riferenziato a terra (NRSE) ACH AISENSE R AIGND ACH AISENSE

9 connessioni 3 La connessione differenziale è consigliata quando: si hanno segnali piccoli immersi in un forte rumore ambientale la sorgente del segnale è distante più di 3 m dal dispositivo di DAQ Le sorgenti di segnale sono flottanti con riferimento l uno indipendente dall altro si vuole ridurrele fluttuazione di modo comune dei segnali Quando si vuole fare uso di una connessione singleended per risparmiare il numero di connessioni (e/o aumentare il numero di canali) è preferibile usare la connessione NRSE La connessione sconsigliata può essere causa della rottura del DAQ. Infatti ci possono essere diversi volts di differenza fra la terra della sorgente e quella del sistema di DAQ. Tale differenza causa una grossa corrente fra i due dispositivi I resistori (R) in figura sono detti resistori di polarizzazione (bias) e servono per non far fluttuare il segnale troppo lontano dalla terra del DAQ. Il loro valore tipico è circa 100 volte la resistenza della sorgente di segnale (100kΩ1MΩ)

10 Multiplexing Una scheda multicanale, per motivi di economicità, non ha spesso lo stesso numero di ADC, ma solitamente uno solo. La lettura dei diversi canali di ingresso viene effettuata tramite un multiplexer che mette in collegamento un canale alla volta con l ADC Per questo motivo, sulle schede più economiche, ci può essere un ritardo di alcuni microsecondi fra un canale e l altro

11 Risoluzione La risoluzione di un ADC è rappresentata dal numero di bit dell ADC L imprecisione di ricostruzione del segnale digitalizzato si chiama errore si quantizzazione Detto N il numero di bits, il numero di livelli è 2 N. Scheda ADC economiche hanno 12bit (4096 livelli), schede a più alta risoluzione hanno 16 bit (65536 livelli) (vedi simulazione)

12 Device Range e Sensibilità L intervallo di tensioni che l ADC può accettare in ingresso è detto range. Solitamente le schede accettano fra 10V e 10V, ma è bene appurare le caratteristiche hardware della propria scheda. Alcune schede hanno la possibilità di regolare via software il device range, per migliorare la sensibilità, cioè la minima variazione di segnale che può essere misurata. Supponiamo che un segnale abbia un escursione massima fra 2 e 2 V e che la scheda ADC (12bit) sia regolata con un range fra 10 e 10V. In questo modo il minimo segnale rilevabile è 20V/ mV Se si fosse aggiustato il range, per esempio, fra 4V e4v la sensibilità sarebbe migliorata a 8V/4096 2mV Vedi simulazione

13 Analog Input VIs Per l input analogico ci sono tre livelli di VI Easy Analog Input Costituito da 4 Vis. 2 per la lettura di un unico campione da uno o più canali 2 per la lettura di un buffer di dati da uno o più canali Intermediate Analog Input Permettono la lettura bufferizzata di più campioni da uno o più canali Advanced analog input gestiscono le funzionalità di triggering e raggruppamento logico dei canali

14 Acquisizione Dati semplice Acquisizione di un solo campione I VI del livello facile sono comode da usare in quanto raggruppano tutte le funzionalità in un icona sola, richiedono pochi inputs basilari e hanno i controlli di errore implementati al loro interno Per l acquisizione di un campione da un solo canale o da più canali, quando non è necessario mantenere una temporizzazione rigorosa, LabVIEW mette a disposizione due funzioni: AI ONE PT (per uno stream di dati o per più stream di dati)

15 Mantenere il tempo Come si è detto più volte, data la natura asincrono dei Sistemi Operativi dei PC, non è possibile affidarsi ad essi per mantenere la temporizzazione di una acquisizione dati con il PC. Per questo motivo le schede di acquisizione soo dotate di un clock interno, di una memoria FIFO (First In First Out) e dell elettronica di accesso diretto alla memoria (DMA). Nell acquisizione bufferizzata i campioni vengono immagazzinati nella FIFO, scaricati via DMA nella memoria del PC e resi disponibili alla CPU senza caricare e senza dipendere da quest ultima L acquisizione bufferizzata si distingue in due tipi, quella a buffer semplice (Simple VI) e quella a buffer circolare (intermediate VI) Bufferizzata semplice: AI Mult PT

16 Intermediate Analog Input VI Acquisizione a Buffer Circolare Quando si deve fare un acquisizione continuata, con temporizzazione certa, si usa la tecnica della bufferizzazione circolare Viene definito un buffer dove la scheda, tramite accesso DMA, scrive i dati Mentre LA CPU legge i dati, la scheda continua a scrivere Esaurito il buffer, la scheda ricomincia dall inizio, sovrascrivendo i dati preesistenti. Occorre quindi che la lettura da parte della CPU sia abbastanza veloce per non perdere informazioni

17 Vediamo un esempio: Buffer Circolare Il terminale scan backlog restituisce lo stato di occupazione del buffer

18 Advanced AI VIs Sono essenzialmente VI utilizzati quando occorre effettuare acquisizione condizionata da un trigger esterno Si distinguono alcuni tipi di trigger: Hardware digitale analogico Software

19 Trigger Hardware Un trigger è detto hardware quando si usa una linea separata (non sempre è presente nella scheda) per far partire l acquisizione dati Se questa linea porta un informazione del tipo ON/OFF il trigger è digitale. Solitamente, in questo caso, si usa una porta TTL (05V) Se invece l informazione che fa partire l acquisizione non è di tipo ON/OFF parliamo di trigger hardware analogico. In questo caso si può discriminale sull ampiezza del segnale di trigger, sulla sua pendenza (negativa o positiva)

20 Trigger Software Alcune schede non sono dotate di linea separata per il trigger In questo caso si usa il trigger software: la scheda è in acquisizione continuata, ma i dati acquisiti vengono scaricati nella memoria del PC solo se le condizioni di trigger sono rispettate

21 Scrittura di files in acquisizione Quando si acquisisce un solo punto alla volta o un buffer alla volta, possono essere utilizzate le tecniche di alto livello di scrittura dei files Quando si effettua un acquisizione con buffer circolare è d obbligo l utilizzo di tecniche di scrittura a basso livello.

Introduzione all acquisizione Dati

Introduzione all acquisizione Dati Introduzione all acquisizione Dati Laboratorio di Robotica Industriale Evoluzione della strumentazione Introduzione all acquisizione dati - 2 Trend nella strumentazione Introduzione all acquisizione dati

Dettagli

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED Un tipico sistema di acquisizione dati di tipo PC-based ha quattro componenti hardware fondamentali (Fig.1): una morsettiera, un cavo, un dispositivo DAQ (Data Acquisition

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso.

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso. (5 min) Esercizio 1 1) Con una scheda di acquisizione dati, con dinamica d ingresso bipolare, si devono misurare i seguenti segnali su un circuito: V 1 tensione di alimentazione di una connessione USB

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica 03 COME OTTIMIZZARE IN LABVIEW APPLICAZIONI DI TEST AUTOMATIZZATI PER PROCESSORI MULTICORE David Hall Vediamo come delle applicazioni scritte in LabVIEW possono essere ottimizzate sfruttando tecniche di

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi What is LabVIEW???? Pietro Giannone University of Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Circuiti d ingresso analogici

Circuiti d ingresso analogici ircuiti d ingresso analogici - 1 ircuiti d ingresso analogici 1 - Il riferimento per i potenziali Schemi single-ended e differenziali I segnali elettrici prodotti dai trasduttori, oppure prelevati da un

Dettagli

L ACQUISIZIONE DIGITALE DEI SEGNALI I vantaggi principali dei sistemi digitali consistono in: elevata insensibilità ai disturbi bassa incertezza con costi relativamente contenuti compatibilità intrinseca

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione La traccia presenta lo sviluppo di un progetto relativo al monitoraggio della temperatura durante un processo di produzione tipico nelle applicazione

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

Lezione 21 Cenni di elettronica

Lezione 21 Cenni di elettronica Cenni di elettronica Elettronica Acquisizione dati Rivelatori di Particelle 1 Cenni di elettronica Gli apparati del giorno d oggi, sia che siano per targhetta fissa o Collider sono fatti a cipolla ( o

Dettagli

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano condizionamento e conversione dei segnali Introduzione I segnali forniti dagli elementi sensibili di misura richiedono specifici trattamenti (condizionamento) prima del campionamento e della conversione

Dettagli

Acquisizione dati: L interfaccia tra PC e mondo reale. 1. Esempi di convertitori DAC e ADC 2. Esempi pratici di acquisizione dati in ambiente MATLAB

Acquisizione dati: L interfaccia tra PC e mondo reale. 1. Esempi di convertitori DAC e ADC 2. Esempi pratici di acquisizione dati in ambiente MATLAB Acquisizione dati: L interfaccia tra PC e mondo reale 1. Esempi di convertitori DAC e ADC 2. Esempi pratici di acquisizione dati in ambiente MATLAB Interfacciamento tra PC e mondo reale, Acquisizione Dati

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE

ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE PER LE CLASSI DEL CORSO C ELETTRONICA Insegnanti: Ulderico Libertini Ivano Graziani

Dettagli

National Instruments Italy. L utilizzo della Strumentazione Virtuale per le Misure Digitali

National Instruments Italy. L utilizzo della Strumentazione Virtuale per le Misure Digitali National Instruments Italy L utilizzo della Strumentazione Virtuale per le Misure Digitali Agenda Introduzione alla strumentazione Virtuale Elementi di una catena di misura Dimostrazione di LabVIEW Esercitazioni

Dettagli

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo SCH 33 Voltmetro a 3 digit Obiettivi Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo IC1 = CA 3162 A/D converter for 3-Digit Display IC2 = CA 3161 BCD to seven segment

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Scheda di acquisizione dati DAQ NI-6008USB: analisi e sviluppo di applicazioni di misura in LabVIEW

Scheda di acquisizione dati DAQ NI-6008USB: analisi e sviluppo di applicazioni di misura in LabVIEW Università degli studi di Padova Facoltà di Ingegneria Tesi di Laurea in Ingegneria Elettronica Scheda di acquisizione dati DAQ NI-6008USB: analisi e sviluppo di applicazioni di misura in LabVIEW Relatore

Dettagli

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi Virtualizzazione delle Periferiche Corso di Sistemi Operativi Introduzione Una delle funzioni principali di un SO è di controllare tutte le periferiche connesse al PC SO deve: comandare i dispositivi ascoltare

Dettagli

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari INFORMATICA Il Sistema Operativo di Roberta Molinari Il Sistema Operativo un po di definizioni Elaborazione: trattamento di di informazioni acquisite dall esterno per per restituire un un risultato Processore:

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Memory TREE. Luigi Zeni DII-SUN Fondamenti di Elettronica Digitale

Memory TREE. Luigi Zeni DII-SUN Fondamenti di Elettronica Digitale Memory TREE Mercato delle memorie non-volatili Organizzazione della memoria Row Address 1 2 M Row D e c o d e r M 2 rows 1 Bitline One Storage Cell Cell Array Wordline Row Decoder 2 M 1 2 N Sense Amplifiers

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus

L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus Micaela Caserza Magro Genoa Fieldbus Competence Centre srl Via Greto di Cornigliano 6r/38 16152 Genova

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Complementi: Buffer I/O Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Obiettivo e specifiche del progetto 1. Monitoraggio in tempo reale della temperatura in una stanza (Tacq= 4 sec, Input range=

Dettagli

BIOSENSORI. Esercitazione su sensori di Forza. Alessandro Tognetti Nicola Carbonaro

BIOSENSORI. Esercitazione su sensori di Forza. Alessandro Tognetti Nicola Carbonaro BIOSENSORI Esercitazione su sensori di Forza Alessandro Tognetti Nicola Carbonaro a.tognetti@centropiaggio.unipi.it nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Problema Voglio misurare una forza F con caratteristiche:

Dettagli

Modello MR8875 MR8880/20 8870/20 MR8847 8860/50 8861/50 Modalità di funzionamento

Modello MR8875 MR8880/20 8870/20 MR8847 8860/50 8861/50 Modalità di funzionamento Modello MR8875 MR8880/20 8870/20 MR8847 8860/50 8861/50 Modalità di funzionamento MEM HIGHSPEED SI SI SI SI SI SI REC REALTIME SI SI - SI SI SI Calcolo RMS - SI - SI* SI SI Diagramma X-Y - - - SI SI SI

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi Elettronica I - Sistemi Elettronici I/II Esercitazioni con PSPICE 1) Amplificatore di tensione con componente E (file: Amplificatore_Av_E.sch) Il circuito mostrato in Fig. 1 permette di simulare la classica

Dettagli

Sistemi di Automazione Industriale

Sistemi di Automazione Industriale Introduzione ai PLC Sistemi di Automazione Industriale Ridurre e/o eliminare il ruolo dell operatore umano Ogni sistema di automazione prevede: Sistema Controllato; è un generatore di eventi non prevedibili

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti BARI Via Re David 186 - Tel : 080/5425512 080/5560840 Anno Scolastico : 2009/2010

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

Circuiti sequenziali e elementi di memoria

Circuiti sequenziali e elementi di memoria Il Livello Logicoigitale I circuiti sequenziali Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Sommario Circuiti sequenziali e elementi di memoria Bistabile SR asincrono Temporizzazione e clock

Dettagli

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC Capitolo 1 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC 1.1 Il BUS di espansione del PC 1.2 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC, con dispositivi non programmabili 1.3 Istruzioni per leggere

Dettagli

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 IPSES S.r.l. Scientific Electronics IPSES SCHEDE DI I/O Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 Le schede di gestione I/O IPSES

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

Descrizione del Sistema TLOG-Commander per la gestione della protezione catodica.

Descrizione del Sistema TLOG-Commander per la gestione della protezione catodica. Descrizione del Sistema TLOG-Commander per la gestione della protezione catodica. Il sistema proposto è composto da un Centro operativo di raccolta dati dotato del software Commander e dai logger TLOG

Dettagli

DATA LOGGER. Modello LR8410/20 LR8400/20 LR8401/20 LR8402/20 LR8431/20 8423. Portate: K, J, E, T, N, R, S, B, W, da -200 C a +2000 C

DATA LOGGER. Modello LR8410/20 LR8400/20 LR8401/20 LR8402/20 LR8431/20 8423. Portate: K, J, E, T, N, R, S, B, W, da -200 C a +2000 C DATA LOGGER Data Logger Misure Tensione Vcc Modello LR8410/20 LR8400/20 LR8401/20 LR8402/20 LR8431/20 8423 Temperatura termocoppie Temperatura termoresistenze PT100 e jpt100, a +800 C Umidità con sensore

Dettagli

Incertezza delle misure e metodi di controllo

Incertezza delle misure e metodi di controllo Corso di Formazione APC MONITORAGGIO DI SPOSTAMENTI NEL SOTTOSUOLO E PRESSIONI INTERSTIZIALI SOTTO FALDA Incertezza delle misure e metodi di controllo Lucia Simeoni Università degli Studi dell Aquila Dipartimento

Dettagli

Esercitazione Schede di acquisizione dati

Esercitazione Schede di acquisizione dati Esercitazione Schede di acquisizione dati - 1 Esercitazione Schede di acquisizione dati 1 - Oggetto Impiego di una scheda di acquisizione dati plug-in. Predisposizione dei parametri. Acquisizione da scheda.

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU Lezione n.7 Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU 1 SOMMARIO Architettura del moltiplicatore Architettura di base di una CPU Ciclo principale di base di una CPU Riprendiamo l analisi

Dettagli

DEFINIZIONE 1/2 memoria ad accesso casuale RAM

DEFINIZIONE 1/2 memoria ad accesso casuale RAM CORSO BASE DI TECNICO RIPARATORE HARDWARE RAM Docente: Dott. Ing. Antonio Pagano DEFINIZIONE 1/2 In informatica la memoria ad accesso casuale, acronimo RAM (del corrispondente termine inglese Random-Access

Dettagli

EOLO crp: la nuova frontiera dei datalogger imbarcabili

EOLO crp: la nuova frontiera dei datalogger imbarcabili EOLO crp: la nuova frontiera dei datalogger imbarcabili Luca Pasquini e Stefano Vianelli Eurins srl Abstract Il datalogger imbarcabile EOLO crp è concepito per l impiego in numerosi settori applicativi

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse.

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse. Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni Anelli ad aggancio di fase (PLL) B6 - Demodulatori e sincronizzatori» FSK, PSK, PAM» recupero dati/clock (CDR)»

Dettagli

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A.

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A. Sistemi Elettronici Definizioni e concetti generali Concetti generali Il microcontrollore è un dispositivo che raggruppa su un unico chip un processore ed un insieme di dispositivi CPU Memoria RAM Memoria

Dettagli

Conversione Analogico/Digitale

Conversione Analogico/Digitale Conversione Analogico/Digitale Le grandezze fisiche che vogliamo misurare variano con continuità in un dato intervallo ed in funzione del tempo: sono descrivibili come una funzione continua di variabile

Dettagli

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi:

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: 1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: compile time, load time, execution time. Quale delle modalità precedenti necessita di un supporto hardware per poter essere

Dettagli

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico 1 L oscilloscopio consente di visualizzare forme d onda e più in generale è un dispositivo che visualizza una qualunque funzione di 2 variabili. Per fare ciò esse devono essere o essere trasformate in

Dettagli

DATA LOGGER. Modello LR8410/20 LR8400/20 LR8401/20 LR8402/20 LR8431/20 8423. Portate: K, J, E, T, N, R, S, B, W, da -200 C a +2000 C

DATA LOGGER. Modello LR8410/20 LR8400/20 LR8401/20 LR8402/20 LR8431/20 8423. Portate: K, J, E, T, N, R, S, B, W, da -200 C a +2000 C DATA LOGGER Data Logger Misure Tensione Vcc Modello LR8410/20 LR8400/20 LR8401/20 LR8402/20 LR8431/20 8423 Temperatura termocoppie ±10mV a ±100V K, J, E, T, N, R, S, B, da -200 C a +2000 C Temperatura

Dettagli

Tensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio

Tensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio ensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio RIASSUNO: ensioni variabili e periodiche Ampiezza, valor medio, ed RMS Generatori di forme d onda ensioni sinusoidali Potenza : valore medio e valore efficace

Dettagli

LABORATORIO DI RETI. 02 La Multiplazione Statistica nelle Reti a Paccchetto

LABORATORIO DI RETI. 02 La Multiplazione Statistica nelle Reti a Paccchetto LABORATORIO DI RETI 02 La Multiplazione Statistica nelle Reti a Paccchetto La multiplazione La capacità dei mezzi trasmissivi fisici può essere suddivisa per ottenere più canali di velocità più bassa La

Dettagli

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270 A: Quadri elettrici OBIETTIVI DEL Conoscere i principali apparecchi di comando, segnalazione e protezione degli impianti elettrici. Conoscere il CAD elettrico. Saper descrivere le caratteristiche degli

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione QUANTIZZAZIONE Di seguito lo schema che illustra le diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale. Dopo aver trattato la fase di campionamento, occupiamoci ora della quantizzazione.

Dettagli

Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la commutazione

Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la commutazione Commutazione 05.2 Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -05: Reti a di circuito Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

ESERCIZI - SERIE N.1

ESERCIZI - SERIE N.1 ESERCIZI - SERIE N.1 ACQUISIZIONE DELLO STATO DI SEGNALI ON/OFF Problema: acquisizione, da parte di un'unità di elaborazione realizzata con tecnologia a funzionalità programmata, di un'informazione proveniente

Dettagli

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso I Circuiti digitali Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso Caratteristiche dei circuiti digitali pagina 1 Elaborazione dei segnali

Dettagli

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM.

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. La sfida Certificare il corretto montaggio dell impianto elettrico, escludendo la presenza di cortocircuiti

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Dispensa di Informatica I.1

Dispensa di Informatica I.1 IL COMPUTER: CONCETTI GENERALI Il Computer (o elaboratore) è un insieme di dispositivi di diversa natura in grado di acquisire dall'esterno dati e algoritmi e produrre in uscita i risultati dell'elaborazione.

Dettagli

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

arsic Italia Voltmetri

arsic Italia Voltmetri Voltmetri Il voltmetro è uno strumento per la misura della differenza di potenziale elettrico tra due punti di un circuito, la cui unità di misura è il volt con simbolo V. L'unità di misura possiede questo

Dettagli

Corso di Sistemi Automatici di Misura

Corso di Sistemi Automatici di Misura Corso di Sistemi Automatici di Misura I SISTEMI DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED 1 I sistemi di acquisizione dati PC-based E costituito da 4 componenti hardware fondamentali: una morsettiera; un cavo; un

Dettagli

Oscilloscopi numerici Indice

Oscilloscopi numerici Indice 1 Indice unità 5 Struttura dello strumento Modalità di campionamento Modalità di trigger Presentazione Problemi di ricostruzione del segnale Prestazioni 2 Oscilloscopi numerici 3 Indice Generalità sul

Dettagli

Sistema di controllo impianto FV FRONIUS IG Signal Card & FRONIUS IG DatCom

Sistema di controllo impianto FV FRONIUS IG Signal Card & FRONIUS IG DatCom Sistema di controllo impianto FV FRONIUS IG Signal Card & FRONIUS IG DatCom IL PIACERE DELLA COMUNICAZIONE KOMMUNIKATIONS- FREUDIG CONTROLLO E VISUALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FV. LA FRONIUS IG SIGNAL CARD

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop.

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop. 1 Cenni introduttivi sulle proprieta elementari del Feedback La tecnica del feedback e applicata molto estesamente nei circuiti analogici, ad es. il feedback negativo permette eleborazioni i segnali con

Dettagli

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Esame di Stato 2015 Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Il problema proposto riguarda un sistema di acquisizione dati e controllo. I dati acquisiti sono in parte di natura digitale (misura del grado

Dettagli

8400/20LR - 8401/20LR - 8402/20LR

8400/20LR - 8401/20LR - 8402/20LR Data logger portatili dotati di n 30, espandibili fino a 60, per misure da trasduttori, termocoppie termoresistente, contatori e segnali logici. 8400/20LR Registratore data logger dotato di n 30 per la

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

Corso PLC - Manuale Pratico 1

Corso PLC - Manuale Pratico 1 Corso PLC - Manuale Pratico 1 "!#$ % L'unità centrale di un PLC, chiamata più semplicemente CPU, normalmente occupa il primo modulo del rack. Si individua subito in quanto tipicamente è dotata di un selettore,

Dettagli

Prove sperimentali sugli inverter durante l'esercizio degli impianti FV

Prove sperimentali sugli inverter durante l'esercizio degli impianti FV POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Ingegneria Elettrica Prove sperimentali sugli inverter durante l'esercizio degli impianti FV F. Spertino filippo.spertino@polito.it Dip. Ingegneria Elettrica - Politecnico

Dettagli