I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI"

Transcript

1 I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Sei stato vittima di un provvedimento disciplinare ingiusto? Le informazioni qui di seguito riportate ti permetteranno di conoscere i limiti all esercizio del potere disciplinare del datore di lavoro e ti consentiranno quindi di esercitare pienamente il tuo diritto di difesa. Le norme che riguardano i provvedimenti disciplinari sono dettate dai contratti, e possono quindi variare non solo in funzione del contratto nazionale di categoria ma anche di quello aziendale. Il datore di lavoro che intende esercitare il potere disciplinare, in presenza di un comportamento del lavoratore censurabile sotto il profilo disciplinare, deve rispettare il procedimento contemplato dall'art. 7, L. n. 300/1970, diretto a garantire la difesa dell'interessato. Individuazione delle infrazioni La concreta determinazione dei comportamenti non consentiti si trova generalmente nei contratti collettivi o nei regolamenti aziendali predisposti dal datore di lavoro. Le norme che dispongono le infrazioni disciplinari, le sanzioni e le procedure di contestazione delle stesse devono essere raccolte in un codice disciplinare e devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti. Le sanzioni normalmente previste in ordine di gravità sono: rimprovero verbale; rimprovero scritto; multa, per un importo non superiore a 4 quote orarie della retribuzione base; sospensione dal servizio e dalla retribuzione, per un periodo non superiore a 10 giorni; trasferimento, a condizione che tale sanzione sia prevista dalla contrattazione collettiva e che le nuove mansioni assegnate al lavoratore siano equivalenti alla precedenti;. Qui di seguito riportiamo le sanzioni disciplinari previste dai contratti collettivi esaminati: CCNL Sanzioni Alimentari ammonizione verbale e scritto multa non superiore all importo di 3 ore di retribuzione sospensione dal lavoro e dalla retribuzione per non più di 3 giorni di effettivo lavoro senza preavviso, ma con TFR Autotrasporto merci e logistica rimprovero verbale e scritto multa fino a 3 ore di retribuzione sospensione da servizio e retribuzione da 1 a 10 giorni Calzature ammonizione verbale e scritta multa non superiore a 2 ore del minimo contrattuale e dell indennità di contingenza sospensione per non più di 3 giorni Carta rimprovero verbale e scritto multa fino a 3 ore di normale retribuzione sospensione dal lavoro fino a 3 giorni (operai) o 5 giorni (impiegati) senza preavviso Chimici richiamo verbale e ammonizione scritta multa sospensione Gomma/Plastica richiamo verbale multa fino a 3 ore di paga ed indennità di contingenza ammonizione scritta sospensione dal lavoro fino a 3 giorni Cisl Brescia, via Altipiano d Asiago 3 Pagina 1/5

2 Grafici/Editoriali rimprovero verbale e scritto multa fino a 3 ore di lavoro normale (operai) o fino a 3 ore di retribuzione (impiegati) sospensione dal lavoro fino a 3 giorni (operai) o 5 giorni (impiegati) senza preavviso Legno rimprovero verbale e scritto multa fino a 3 quote orarie della retribuzione base (operai) o 3 ore di retribuzione (intermedi e impiegati) sospensione dal lavoro e retribuzione fino a 3 giorni (operai) o 5 giorni (intermedi e impiegati) (operai) o licenziamento con preavviso e senza preavviso (intermedi e impiegati) Metalmeccanici richiamo verbale o ammonizione scritta multa non superiore a 3 ore di retribuzione oraria calcolata sul minimo tabellare sospensione dal lavoro e retribuzione fino a 3 giorni per mancanze Terziario biasimo verbale e scritto (per recidiva) multa fino a 4 ore di normale retribuzione sospensione da retribuzione e servizio fino a 10 giorni senza preavviso Tessili ammonizione verbale e scritta multa fino a 2 ore del minimo contrattuale sospensione del lavoro fino a 3 giorni Turismo rimprovero verbale e scritto multa fino a 3 ore di lavoro sospensione dal lavoro e retribuzione fino a 5 giorni Presupposto essenziale per la valida irrogazione di una sanzione disciplinare è l affissione del codice disciplinare e dell intero contratto collettivo incorporante la normativa disciplinare. L affissione deve essere in atto al momento della commissione dell infrazione, non essendo sufficiente che l affissione si sia protratta per un certo periodo di tempo antecedente l infrazione. In difetto di valida affissione, il datore di lavoro non può sanzionare disciplinarmente i comportamenti del lavoratore: la sanzione eventualmente irrogata è nulla. La sanzione affetta da nullità per omessa affissione del codice disciplinare non può essere rinnovata, poiché la previa conoscenza o valida conoscibilità della normativa disciplinare costituisce condizione essenziale per la stessa attivazione del procedimento disciplinare. Procedimento disciplinare Modalità delle sanzioni Il datore di lavoro non può adottare alcun provvedimento disciplinare nei confronti del lavoratore (ad eccezione del rimprovero verbale) senza avergli preventivamente contestato l'addebito e senza averlo sentito a sua difesa. La contestazione deve soddisfare i requisiti della specificità, dell'immediatezza e dell'immutabilità dei fatti contestati e deve essere portata a conoscenza del lavoratore con le modalità stabilite dalla legge. La contestazione deve essere specifica, cioè deve fornire le indicazioni necessarie ed essenziali per individuare, nella sua materialità,il fatto o i fatti nei quali il datore di lavoro ha ravvisato infrazioni disciplinari: non è necessaria una dettagliata descrizione dell illecito disciplinare. L'immediatezza della contestazione dell'addebito ha carattere relativo in quanto deve essere valutata tenuto conto anche della peculiarità della fattispecie e, in particolare, della possibilità del datore di lavoro di venire a conoscenza della illegittimità della condotta del lavoratore e di reagire alla condotta medesima (Cass. 16 maggio 2000, n. 6348), nonché della complessità dell'azione di accertamento e dell'organizzazione aziendale (Cass. 26 maggio 2000, n. 6925). L'immutabilità della contestazione riguarda i fatti su cui si fonda il provvedimento sanzionatorio e non la loro qualificazione giuridica. Il principio dell immutabilità preclude al datore di lavoro di far valere, a sostegno delle sue determinazioni disciplinari, circostanze nuove rispetto a quelle contestate, tali da implicare una diversa valutazione dell'infrazione anche diversamente tipizzata dal codice Cisl Brescia, via Altipiano d Asiago 3 Pagina 2/5

3 disciplinare apprestato dalla contrattazione collettiva (Cass. 28 agosto 2000, n ). Inoltre, il datore di lavoro, una volta esercitato validamente il potere disciplinare nei confronti del lavoratore in relazione a determinati fatti costituenti infrazioni non può esercitarlo una seconda volta per quegli stessi fatti; tale principio peraltro non opera nel caso in cui il nuovo esercizio del potere disciplinare riguardi fatti che, sebbene della stessa indole di quelli che hanno formato oggetto del procedimento pregresso, siano tuttavia diversi per le particolari circostanze di tempo e di luogo che li distinguono e, come tali, siano stati contestati nella loro specifica individualità (Cass. 2 aprile 1996 n. 3039). In effetti la brevità dell'intervallo temporale tra due infrazioni disciplinari della medesima natura, commesse con azioni distinte, aventi autonoma individualità, non è sufficiente ad attribuire carattere unitario alle due condotte (Cass. 23 novembre 1989, n. 5035). Contestazione dell'addebito La contestazione di infrazioni comportanti sanzioni disciplinari più gravi del rimprovero verbale deve avvenire per iscritto. Non essendo indicate dalla legge specifiche modalità di consegna dell'atto al lavoratore è ammessa ogni forma di comunicazione: invio di lettera raccomandata con ricevuta di ritorno o consegna a mano effettuata da persona incaricata dal datore di lavoro (Cass. 1 giugno 1988, n.3716). Oggetto della contestazione è il fatto nei suoi elementi materiali. La contestazione non richiede particolari formalità, ma solo l'esposizione dei dati e degli aspetti essenziali del fatto materiale sanzionabile per via disciplinare: è valida quindi la contestazione di addebito contenuta in una missiva qualificata come "comunicazione" ma nella quale siano esposti i fatti addebitati al lavoratore (Cass. 7 gennaio 1998, n. 67), come è valida la contestazione che faccia riferimento, per una più precisa descrizione dei fatti, ad una precedente comunicazione inviata al lavoratore (Cass. 16 settembre 1999 n ). La preventiva contestazione al lavoratore incolpato deve riguardare, a pena di nullità, anche la recidiva, o comunque i precedenti disciplinari che la integrano, ove questa rappresenti elemento costitutivo della mancanza addebitata (Cass. 23 dicembre 2002, n ). Non può tenersi conto ad alcun effetto delle sanzioni disciplinari decorsi due anni dalla loro applicazione. Sospensione cautelare. Il datore di lavoro può sospendere cautelarmente il lavoratore, qualora i tempi del procedimento disciplinare intrapreso siano incompatibili con la presenza di quest ultimo all interno dell azienda. La sospensione perde efficacia non appena la procedura disciplinare sia stata ultimata. La sospensione cautelare non è un provvedimento disciplinare e non comporta la sospensione della retribuzione, salvo che ciò non sia espressamente previsto dalla contrattazione collettiva. Audizione e difesa del lavoratore. Entro 5 giorni dalla ricezione della contestazione il lavoratore può presentare a sua difesa giustificazioni scritte e/o chiedere di essere sentito oralmente. Il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante dell'associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato; è invece esclusa la possibilità di assistenza da parte di un legale (Cass. 30 agosto 2000, n ). Al termine di 5 giorni viene applicata la regola generale secondo cui devono ricomprendersi nel numero di giorni assegnato dalla legge anche le giornate festive intermedie, nelle quali la decorrenza del termine suddetto non può considerarsi né sospesa né interrotta (Cass. 13 novembre 2000, n.14680). Entro il termine indicato il lavoratore deve far pervenire le controdeduzioni al datore di lavoro; conseguentemente il termine non può ritenersi rispettato quando, pur avendo il lavoratore predisposto le proprie difese prima del suo decorso, l'atto sia stato ricevuto dal datore di lavoro trascorsi i cinque giorni dalla contestazione dell addebito(cass. 19 novembre 1996, n ). Irrogazione della sanzione. Cisl Brescia, via Altipiano d Asiago 3 Pagina 3/5

4 Una volta esperita validamente la procedura disciplinare, il datore di lavoro trascorso il termine di 5 giorni può intimare il provvedimento sanzionatorio. In ogni caso, i provvedimenti disciplinari più gravi del rimprovero verbale non possano essere applicati prima che siano trascorsi cinque giorni dalla contestazione per iscritto del fatto che vi ha dato causa. Il datore di lavoro non è tenuto a menzionare nel provvedimento disciplinare le giustificazioni fornite dal lavoratore a seguito della contestazione della mancanza e ad enunciare le ragioni che lo hanno indotto a disattenderle (Cass. 13 novembre 2000, n ). La sanzione disciplinare deve essere proporzionata all'addebito tenendo a tal fine conto sia delle circostanze oggettive che delle modalità soggettive della condotta del lavoratore (Cass. 23 gennaio 2002, n. 736): tale valutazione è comunque necessaria anche quando il comportamento sia previsto nella normativa collettiva come fattispecie tipica da sanzionare (Cass. 25 novembre 1996, n ). La valutazione del datore di lavoro circa la proporzionalità tra il comportamento del lavoratore e la sanzione irrogata è sempre soggetta al controllo del giudice (Cass. 26 maggio 2001, n. 7188), il quale valuta la legittimità del provvedimento tenuto conto dei precedenti disciplinari del lavoratore e delle circostanze del caso concreto. Quando vengono contestati al lavoratore episodi plurimi, occorre valutare la gravità del comportamento nel suo complesso e non esaminare ad uno ad uno tali episodi (Cass. 5 aprile 2004, n. 6668). Come in materia di trattamento economico- normativo, così in materia disciplinare non sussiste nel nostro ordinamento un principio di parità di trattamento, anche per la pratica impossibilità di comparare sotto ogni profilo, oggettivo e soggettivo, comportamenti di rilevanza disciplinare tenuti da diversi dipendenti in circostanze e tempi differenziati (Cass. 22 febbraio 1995, n. 2018). Irrogazione prima della scadenza del termine Il provvedimento disciplinare può essere legittimamente irrogato anche prima della scadenza dei 5 giorni, quando il lavoratore ha esercitato pienamente il proprio diritto di difesa facendo pervenire al datore di lavoro le proprie giustificazioni, senza manifestare alcuna esplicita riserva di ulteriori produzioni documentali o motivazioni difensive (Cass. S.U. 7 maggio 2003, n. 6900). Termine finale del procedimento La legge non stabilisce un termine massimo entro il quale il procedimento disciplinare deve concludersi; tale termine può essere previsto in sede di contrattazione collettiva come negli esempi che seguono: se il provvedimento disciplinare non viene comminato entro i 6 giorni successivi alla presentazione delle giustificazioni da parte del lavoratore, queste si ritengono accolte (art. 23, Disc. Gen., c.c.n.l. per le aziende metalmeccaniche); l'adozione del provvedimento disciplinare deve essere comunicata al lavoratore con lettera raccomandata entro 15 giorni dalla scadenza del termine assegnato al lavoratore stesso per presentare le sue controdeduzioni. Per esigenze interne aziendali il termine di cui sopra può essere prorogato di ulteriori 30 giorni, purché l'azienda ne dia preventiva comunicazione scritta al lavoratore interessato (art. 153, c.c.n.l. per le aziende del Terziario). Impugnazione del provvedimento Avverso il provvedimento disciplinare il lavoratore ha la possibilità: di promuovere, entro i 20 giorni successivi all'applicazione della sanzione, anche per mezzo dell'associazione sindacale di appartenenza, la costituzione di un collegio di conciliazione ed arbitrato presso la Direzione provinciale del lavoro, composto da un rappresentante di ciascuna delle parti e da un terzo membro scelto di comune accordo o, in difetto di accordo, nominato dal direttore dell'ufficio del lavoro; in questo caso la sanzione resta sospesa fino alla pronuncia da parte del collegio; di adire l'autorità giudiziaria in via ordinaria. Cisl Brescia, via Altipiano d Asiago 3 Pagina 4/5

5 In alternativa il dipendente può ricorrere alle procedure conciliative ed arbitrali previste nei contratti collettivi. A sua volta il datore di lavoro: se il lavoratore ha fatto ricorso al collegio di conciliazione ed arbitrato, deve nominare il proprio rappresentante in seno al collegio stesso entro dieci giorni dall'invito rivoltogli dalla Direzione del lavoro; in caso di mancata nomina la sanzione disciplinare irrogata non ha effetto; può rivolgersi all'autorità giudiziaria per l'accertamento della sanzione irrogata, nel qual caso va richiesta la sospensione della sanzione fino alla definizione del giudizio. Cisl Brescia, via Altipiano d Asiago 3 Pagina 5/5

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 25.04.2011 LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO Il codice civile, con l art. 2106, attribuisce al datore di lavoro

Dettagli

Il sistema disciplinare

Il sistema disciplinare ALLEGATO 2a Il sistema disciplinare Si fa riferimento alle vigenti norme di legge e di contratto, tra cui: D.Lgs 81/08 - Art. 20 - Obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI MODELLO DI ORGANIZZAZ IONE GESTIONE E CONT ROLLO REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Maria Elisa Caldera Consulente del Lavoro Iscritta al n 839 dell'albo di Brescia info@calderaconsulenzalavoro.it Il potere disciplinare Consiste nella facoltà del datore di

Dettagli

Guida alle Sanzioni disciplinari

Guida alle Sanzioni disciplinari Guida alle Sanzioni disciplinari La materia dei provvedimenti disciplinari è regolata dalla legge (artt. 2104, 2105 e 2106 c.c. ed art. 7 Statuto dei lavoratori) e dai singoli CCNL. Pur non essendoci da

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA Se nel corso del rapporto un lavoratore compie un atto tanto grave da non consentire anche solo in via provvisoria la prosecuzione del rapporto,

Dettagli

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE SETTORI SOCIOASSISTENZIALE, SOCIO-SANITARIO ED EDUCATIVO UNEBA Unione Nazionale Istituzioni ed Iniziative di Assistenza Sociale ESTRATTO

Dettagli

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE APPROVATO DAL CDA SOLINFO IL 21/05/15 Rev. 1 del 01/04/2015 Pag. 1 di 10 Indice 1. SEZIONE I - PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Destinatari...

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE

SISTEMA DISCIPLINARE COZZI S.r.l. Sistema disciplinare ex D.lgs. 231/2001 COZZI S.r.l. SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi dell art. 6 D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 ENTRATA IN VIGORE DATA (Deliberazione C.d.a. 15/12/2009) 15/12/2009

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA COMUNE DI VIGONZA (PROVINCIA DI PADOVA) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 126 del 03.10.2011) INDICE Art. 1 Inquadramento normativo fonti Art. 2 Sanzioni disciplinari

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

INDICE. Introduzione 9. Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11

INDICE. Introduzione 9. Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11 INDICE Introduzione 9 Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11 Capitolo 2 IL CODICE DISCIPLINARE 17 2.1 Contenuti e caratteri del Codice Disciplinare 17 2.2 L obbligo di

Dettagli

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di responsabilità: RESPONSABILITÀ CIVILE regolata dall art. 2043

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI Pag. 1 di 5 Con la presente si informa il lavoratore su alcuni aspetti tratti dal contratto collettivo nazionale di categoria: Art. 47 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI L inosservanza, da parte del lavoratore,

Dettagli

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE Vittorio De Luca avvocato e dottore commercialista Studio De Luca Avvocati Giuslavoristi Galleria Passarella, 2 Milano Milano - 17 Settembre

Dettagli

Licenziamenti e dimissioni: i nuovi termini per la comunicazione obbligatoria

Licenziamenti e dimissioni: i nuovi termini per la comunicazione obbligatoria Licenziamenti e dimissioni: i nuovi termini per la comunicazione obbligatoria Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la nota n. 18273/2012, il Ministero del Lavoro e delle Politiche

Dettagli

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101 SISTEMA DISCIPLINARE EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO DI ADOTTATO DA RISORSA SOCIALE GERA D ADDA... 4 2. IL SISTEMA DISCIPLINARE DI RISORSA SOCIALE GERA

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI 2 INDICE Introduzione... 4 Sistema disciplinare... 4 Dirigenti... 5 Amministratori...

Dettagli

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla ART.95 CCNL SCUOLA -CODICE DISCIPLINARE (SOLO PERSONALE ATA) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla gravità della mancanza ed in conformità di quanto

Dettagli

http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/problema-settimana/licenziamento-disciplinare-nonprevede-rientro:20130128.php

http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/problema-settimana/licenziamento-disciplinare-nonprevede-rientro:20130128.php Il licenziamento disciplinare non prevede rientro http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/problema-settimana/licenziamento-disciplinare-nonprevede-rientro:20130128.php Per «licenziamento disciplinare»

Dettagli

AZIENDA SANITARIA DI NUORO. REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato alla deliberazione n. 56 del 2014

AZIENDA SANITARIA DI NUORO. REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato alla deliberazione n. 56 del 2014 AZIENDA SANITARIA DI NUORO REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato alla deliberazione n. 56 del 2014 ART. 1 Fonti normative Il presente Regolamento ha per oggetto gli obblighi del dipendente,

Dettagli

LEGGE 4 maggio 1977, n. 23 (pubblicata nell'albo del Pubblico Palazzo in data 10 maggio 1977).

LEGGE 4 maggio 1977, n. 23 (pubblicata nell'albo del Pubblico Palazzo in data 10 maggio 1977). LEGGE 4 maggio 1977, n. 23 (pubblicata nell'albo del Pubblico Palazzo in data 10 maggio 1977). Legge che detta norme sulle sanzioni disciplinari e sui licenziamenti individuali e collettivi. Noi Capitani

Dettagli

Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari

Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari Inserito il 23 dicembre 2009 Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari Il Decreto Legislativo 150/2009, pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre 2009

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il licenziamento

Dettagli

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO CCNL 94 97 ART. 33 Cause di cessazione del rapporto

Dettagli

Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 maggio 1970, n. 131.

Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 maggio 1970, n. 131. L. 20 maggio 1970, n. 300 Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 maggio 1970, n. 131. Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150 TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 ARTICOLO 67 Oggetto e finalità Comma 1 Finalità: potenziare i livelli di efficienza negli

Dettagli

Sistema Disciplinare. Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo

Sistema Disciplinare. Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Sistema Disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Rev 00 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 23/10/2013 SISTEMA DISCIPLINARE Pag. 2 di 11 INDICE: PREMESSA... 3 SISTEMA

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS)

SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS) SISTEMA DISCIPLINARE SANZIONATORIO Rev 0 SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS) MODELLO ORGANIZZATIVO Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Disciplina e Compiti dell Organismo

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DELL ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DELL ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DELL ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

RESPONSABILITA DISCIPLINARE

RESPONSABILITA DISCIPLINARE RESPONSABILITA DISCIPLINARE del dirigente medico. I Quadro normativo e principi generali Principali norme di legge Artt. 2104, 2105 e 2106 c.c. D.lgs. n. 165/2001 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi D.LGS. 231/2001

SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi D.LGS. 231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi D.LGS. 231/2001 Distribuzione non controllata Distribuzione cartacea controllata Il file disponibile sul server aziendale costituisce copia ufficiale conforme all originale

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELL ATER DI LATINA ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA Testo approvato dal Commissario Straordinario

Dettagli

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro;

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; Premessa Non mutano i concetti di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; di giustificato motivo soggettivo (cioè

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario 2014 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario Federazione Autonoma Bancari Italiani Dipartimento Nazionale Formazione 1 DOVERI DEL LAVORATORE DIPENDENTE

Dettagli

Campo di applicazione

Campo di applicazione Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre LIC. DISCIPLINARE: CAMPO DI APPLICAZIONE 41 SOMMARIO Cap. 1. Campo di applicazione Sez. 1 - Giusta causa I. Nozione... 1112 II. Casistica... 1132 Sez. 2 - Giustificato motivo

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

L art. 31 del CCNL del 23 gennaio 2008 è sostituito dal seguente:

L art. 31 del CCNL del 23 gennaio 2008 è sostituito dal seguente: VERBALE DI ACCORDO L anno 2012, il giorno 3 del mese di luglio in Roma, in sede di Commissione Sindacale la Confederazione Generale Italiana del Commercio, del turismo, dei servizi, delle Professioni e

Dettagli

Licenziamenti e Riforma Fornero

Licenziamenti e Riforma Fornero Licenziamenti e Riforma Fornero La legge n. 92/2012 un anno dopo Messina, 25.10.13 1 Il nuovo art. 18 La tutela del lavoratore in caso di licenziamento illegittimo Reintegra e risarcimento pieno (5 min)

Dettagli

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 2.0 approvato dal CdA il 21/01/2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA DENOMINATA LIBERO CONSORZIO COMUNALE AI SENSI DELLA L.R. N. 8/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE

Dettagli

Il licenziamento individuale: intimazione

Il licenziamento individuale: intimazione Il licenziamento individuale: intimazione Novembre 2013 Albini 1 Licenziamento individuale: nozione Atto con il quale il datore di lavoro manifesta unilateralmente la volontà di recedere dal contratto

Dettagli

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 1 Ancona, 9 marzo 2011 A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 Maxisanzione per il lavoro nero La prima novità introdotta dal Collegato Lavoro, in tema

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 Pag. 1 a 8 CODICE SANZIONATORIO Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 In vigore dal: 30/04/2014 Precedenti versioni: PRIMA EMISSIONE

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario Introduzione... 2 Le violazioni e le misure disciplinari... 2 SISTEMA SANZIONATORIO PER I LAVORATORI DIPENDENTI... 3 LAVORATORI DIPENDENTI NON DIRIGENTI (QUADRI, IMPIEGATI, OPERAI)... 3 DIRIGENTI...

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE 21 marzo 2007 Direttive recanti chiarimenti operativi circa l applicazione del decreto ministeriale del 30 gennaio 2007, adottato ai sensi dell

Dettagli

Le sanzioni disciplinari ed il relativo procedimento

Le sanzioni disciplinari ed il relativo procedimento Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale Le sanzioni disciplinari ed il relativo procedimento di Arturo Bianco Aggiornato a Maggio 2007 SSPAL Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Dettagli

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI 1 responsabilità e diligenza del dipendente il lavoratore dipendente può incorrere in: responsabilità

Dettagli

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Contenuti 1. Introduzione... 3 1.1 Lavoratori dipendenti non Dirigenti... 3 1.2 Lavoratori dipendenti Dirigenti... 4 1.3 Misure nei confronti degli Amministratori e

Dettagli

Circolare n. 10/2010 del 22 novembre 2010 * LE NOVITA DEL COLLEGATO LAVORO

Circolare n. 10/2010 del 22 novembre 2010 * LE NOVITA DEL COLLEGATO LAVORO Circolare n. 10/2010 del 22 novembre 2010 * LE NOVITA DEL COLLEGATO LAVORO Mancano solo due giorni all entrata in vigore della Legge n. 183/2010 (c.d. Collegato Lavoro ), prevista per il 24.11.2010. Le

Dettagli

CODICE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI AMIU SPA TARANTO

CODICE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI AMIU SPA TARANTO CODICE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI AMIU SPA TARANTO Le seguenti disposizioni si applicano a tutti i dipendenti dell AMIU Spa nel caso in cui adottino comportamenti o compiano azioni non conformi a quanto

Dettagli

ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Corso propedeutico all'esame di Stato per Consulenti del Lavoro Organizzato da Ordine CDL AP Relatore e coordinatore Dott.ssa Roberta Sgattoni Lezione n. 11 23 settembre

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale Decreto n. 460 del 28 Maggio 2008 IL DIRETTORE GENERALE VISTO Il D. L.gs 165/01 ed in particolare il disposto degli artt. 12, 16 lett. f) e 17; VISTO Il DPR 260/2007, in particolare l articolo 7, che prevede

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 Numero Approvazione Data EDIZIONE 01 Consiglio di Amministrazione 19/12/2013 EDIZIONE 02 Consiglio di Amministrazione 03/09/2015 Pag. 2/8 INDICE 1. Obiettivo

Dettagli

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato dal comitato direttivo nella seduta del 15 Marzo 2012 1 Il presente regolamento

Dettagli

L PO1ERE DISOPLINARE NEL LAVORO PRIVATO E NEL PUBBLICOIMPEGO PRIVÀTIZZATO IL DIRITTO PRIVATO OGGI LUIGI DI PAOLA GIUEFRE EDITORE

L PO1ERE DISOPLINARE NEL LAVORO PRIVATO E NEL PUBBLICOIMPEGO PRIVÀTIZZATO IL DIRITTO PRIVATO OGGI LUIGI DI PAOLA GIUEFRE EDITORE IL DIRITTO PRIVATO OGGI Série a cura di Paolo Cendon LUIGI DI PAOLA L PO1ERE DISOPLINARE NEL LAVORO PRIVATO E NEL PUBBLICOIMPEGO PRIVÀTIZZATO GIUEFRE EDITORE INDICE SOMMAEIO Elenco délie principali abbreviazioni

Dettagli

Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI

Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI Via G. B. Basile, 39-80014 Giugliano in Campania (NA)- tel. 081/8945777 fax 081/3302641 -codice meccanografico NARI020001- codice

Dettagli

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro Art. 1 Campo di applicazione Applicabile anche ai datori di lavoro non imprenditori, che svolgono senza fine di lucro attività di natura politica, sindacale, culturale, di istruzione ovvero di religione

Dettagli

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi lexform.it II.1 IL VECCHIO E IL NUOVO ARTICOLO 18 S.L.. In quali casi si applica il nuovo procedimento giudiziario specifico? In

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE RELATIVO ALL APPLICAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA. SIBELCO ITALIA S.p.a.

SISTEMA DISCIPLINARE RELATIVO ALL APPLICAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA. SIBELCO ITALIA S.p.a. SISTEMA DISCIPLINARE RELATIVO ALL APPLICAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA SIBELCO ITALIA S.p.a. SOMMARIO I. INTRODUZIONE.- I. 1. Il Modello di Organizzazione, Gestione

Dettagli

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti

Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti (adottato con D.R. n. 877 del 25 giugno 2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione 2 Art. 2 - Illecito disciplinare 2 Art. 3

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un b CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI BARI SISTEMA DISCIPLINARE ex D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Principi generali Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un adeguato

Dettagli

Cons. Antonio Naddeo firmato

Cons. Antonio Naddeo firmato CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DELL AREA VII DELLA DIRIGENZA UNIVERSITÀ E ISTITUZIONI ED ENTI DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE PER ILQUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 E BIENNIO

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31 luglio 2014

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31 luglio 2014 SISTEMA SANZIONATORIO E approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31 luglio 2014 Pag. 1 di 15 Indice 1. Ambito di applicazione... 3 2. Linee guida... 4 3. Sanzioni per il personale dipendente.

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A.

SISTEMA DISCIPLINARE. Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A. SISTEMA DISCIPLINARE Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A. Versione: 3.0 Approvato con determinazione dell Amministratore Unico il 7 novembre 2014 MO231 - pag. 1 di 5 SISTEMA DISCIPLINARE 1. PREMESSA

Dettagli

Copertina. Federazione Autonoma Bancari Italiani Reggio Emilia RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE DEL BANCARIO E PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

Copertina. Federazione Autonoma Bancari Italiani Reggio Emilia RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE DEL BANCARIO E PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Copertina Federazione Autonoma Bancari Italiani Reggio Emilia RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE DEL BANCARIO E PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Convegno CONVEGNO INDETTO DALLA SEGRETERIA FABI REGGIO EMILIA Materiale

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell'istituto DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE e DELL'ANNULLAMENTO DEGLI ATTI IN VIA DI AUTOTUTELA

REGOLAMENTO per la disciplina dell'istituto DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE e DELL'ANNULLAMENTO DEGLI ATTI IN VIA DI AUTOTUTELA Comune di Serra San Bruno REGOLAMENTO per la disciplina dell'istituto DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE e DELL'ANNULLAMENTO DEGLI ATTI IN VIA DI AUTOTUTELA INDICE TITOLO I - Disposizione in materia di accertamento

Dettagli

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO 1. Premessa 2. Violazioni 3. Soggetti destinatari 4. Misure disciplinari nei confronti dei lavoratori dipendenti 5. Misure disciplinari nei confronti

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l.

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 PREMESSA Art. 2 ILLECITI DISCIPLINARI E CRITERI SANZIONATORI Art. 3 LAVORATORI

Dettagli

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015 CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Ivrea, 8 maggio 2015 Art. 1 Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

STATUTI FIDUCIARI SUISSE (UNIONE SVIZZERA DEI FIDUCIARI) SEZIONE TICINO

STATUTI FIDUCIARI SUISSE (UNIONE SVIZZERA DEI FIDUCIARI) SEZIONE TICINO STATUTI FIDUCIARI SUISSE (UNIONE SVIZZERA DEI FIDUCIARI) SEZIONE TICINO I. Forma giuridica e denominazione Art. 1 Sotto la denominazione Associazione FIDUCIARI SUISSE (Unione Svizzera dei Fiduciari) Sezione

Dettagli

Stralcio D. Lgs. 150/09

Stralcio D. Lgs. 150/09 Stralcio D. Lgs. 150/09 CAPO V Sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici Art. 67. Oggetto e finalità 1. In attuazione dell articolo 7 della legge 4 marzo 2009, n. 15, le disposizioni

Dettagli

Lavoratori somministrati 2013, la comunicazione obbligatoria entro il 31 gennaio

Lavoratori somministrati 2013, la comunicazione obbligatoria entro il 31 gennaio N.29 del 27.01.2014 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DTL Modena (1) Lavoratori somministrati 2013, la comunicazione obbligatoria entro il 31 gennaio Le aziende che nel corso del 2013

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ACCERTAMENTO DELL IDONEITÀ AL SERVIZIO QUESITO (posto in data 29 agosto 2014) Sono un dirigente medico in servizio dal 1990. Il direttore della mia unità operativa ha fatto richiesta, a fronte

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ EXTRA-ISTITUZIONALI SENATO ACCADEMICO 25 gennaio 2016 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 29 gennaio 2016 DECRETO RETTORALE

Dettagli

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO ****

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO **** Regolamento comunale **** **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 105 del 23-12-2014 C O M U N E D I SAN CATALDO (Provincia di Caltanissetta)

Dettagli

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ******

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO,

Dettagli

1. In via preliminare: nullità del procedimento disciplinare per

1. In via preliminare: nullità del procedimento disciplinare per ANNULLATO PROVVEDIMENTO DISCIPLINARE AD RSU GILDA UNAMS DI ACQUAVIVA DELLE FONTI (BARI). Una vicenda che ha dell'incredibile per la sua valenza discriminatoria. Una docente nostra RSU presso un istituto

Dettagli

CCNL comparto scuola del 29.11.200, art. 91-95, in particolare per il personale ATA

CCNL comparto scuola del 29.11.200, art. 91-95, in particolare per il personale ATA CCNL comparto scuola del 29.11.200, art. 91-95, in particolare per il personale ATA CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE I - Personale docente ART. 91 - RINVIO DELLE NORME DISCIPLINARI 1. Per il personale

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE E DI QUALIFICA DIRIGENZIALE

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE E DI QUALIFICA DIRIGENZIALE Regolamento dei procedimenti disciplinari Pagina 1 REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE E DI QUALIFICA DIRIGENZIALE (CC.NN.LL. Personale del 6.7.1995 22.1.2004

Dettagli