REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PORTO TURISTICO DI PALAU

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PORTO TURISTICO DI PALAU"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PORTO TURISTICO DI PALAU (APPROVATO CON DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 1 del )

2 INDICE Articolo 1 - NORME GENERALI... 4 Articolo 2 - IDENTIFICAZIONE DELL AREA PORTUALE... 4 Articolo 3 - DENOMINAZIONI...4 Articolo 4 - DESTINAZIONE DEGLI ORMEGGI... 5 Articolo 5 - MODALITÀ DI ORMEGGIO... 5 Articolo 6 - ANCORAGGIO... 6 Articolo 7 - MANOVRE E NAVIGAZIONE ALL INTERNO DEL PORTO... 6 Articolo 8 - DEPOSITO DI MERCI IN BANCHINA E ATTIVITÀ LAVORATIVE IN PORTO... 6 Articolo 9 - POSTI DI ORMEGGIO... 7 Articolo 10 - POSTI DI ORMEGGIO RISERVATI MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE... 8 Articolo 11 - DISCIPLINA E DISPONIBILITÀ DEI POSTI DI ORMEGGIO... 9 Articolo 12 - DISPONIBILITÀ POSTI DI ORMEGGIO DI TRANSITO Articolo 14 - CORRISPETTIVO UTILIZZO POSTO DI ORMEGGIO - MODALITÀ DI VERSAMENTO Articolo 15 - NORME GENERALI DI CIRCOLAZIONE DELLE IMBARCAZIONI Articolo 16 - ACCESSO VIA TERRA E CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI Articolo 17 - CASI DI EMERGENZA E DI FORZA MAGGIORE Articolo 18 - INQUINAMENTI E MOLESTIE Articolo 19 - PRESCRIZIONI E VERIFICHE CONCERNENTI LA SICUREZZA Articolo 20 - ISPEZIONI Articolo 21 - ASSICURAZIONE Articolo 22 - SERVIZI PORTUALI Articolo 23 - ALAGGIO E VARO DELLE IMBARCAZIONI E DEI NATANTI Articolo 24 - AREE DI RIMESSAGGIO E LAVORI Articolo 25 - PIANO ANTINCENDIO

3 Articolo 26 - ATTIVITA COMMERCIALI E PROFESSIONALI Articolo 27 STRUTTURE PRECARIE ED AMOVIBILI SULLE AREE IN CONCESSIONE Articolo 27 - ESERCIZIO DELLA CONCESSIONE Articolo 28 DISPOSIZIONI FINALI

4 Articolo 1 - NORME GENERALI 1. Il presente Regolamento disciplina l uso e la gestione del Porto Turistico di Palau ed è predisposto, in qualità di concessionario, dal Comune di Palau di seguito denominato Comune. 2. Il Comune esercita la propria attività in virtù degli atti di Concessione n. 175 del 15/12/1997, n. 119 del 19/12/2000, n. 51 del 24/04/2001, rilasciati dalla Capitaneria di Porto di Olbia, n. 36 del 21/12/2006 e del provvedimento di anticipata occupazione n. 8 del 08/07/2004, rilasciato dalla Capitaneria di Porto di La Maddalena, provvedimenti accorpati, integrati e prorogati con la determinazione n.1933/35316 del 22/09/2011 rilasciata dalla Regione Autonoma della Sardegna Assessorato degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica - Servizio territoriale demanio e patrimonio di Tempio-Olbia, avente ad oggetto Accorpamento, rettifica e proroga concessioni demaniali marittime Porto Turistico di Palau Concessionario Comune di Palau. Reg. Porti n. 06. Le disposizioni qui di seguito contenute sono obbligatorie per chiunque, per qualsiasi ragione, anche transitoria, si trovi all interno del Porto Turistico di Palau di seguito anche denominato Porto. 3. Il Comune cura la pubblicità del Regolamento e delle disposizioni integranti dello stesso, mediante pubblicazione sul sito istituzionale, affissione nei locali del Comune e mediante ogni altra forma ritenuta opportuna. Il Comune si riserva il diritto di aggiornare, integrare, modificare, con l approvazione dell Autorità Marittima, le norme contenute nel presente Regolamento. 4. Ferme restando le competenze delle Autorità Statali, l applicazione e l osservanza del presente Regolamento, vengono controllate dall ufficio della Direzione del Porto Turistico. Chiunque si trovi nell ambito del Porto deve attenersi alle disposizioni impartite da detto personale al fine dell osservanza delle norme suddette. Chiunque non ottemperi alle disposizioni impartite dalla Direzione del Porto in esecuzione di norme previste dal presente Regolamento, potrà essere dalla stessa allontanato dall ormeggio anche coattivamente, a rischio e spese dell interessato, con la perdita immediata della titolarità dell ormeggio. Articolo 2 - IDENTIFICAZIONE DELL AREA PORTUALE L area portuale turistica di Palau rappresentata dalla allegata planimetria comprende: a. le banchine ed i pontili fissi e galleggianti riportati all art. 3; b. gli specchi acquei destinati alla manovra e ormeggio delle unità nautiche; c. il campo boa presso la Baia dell Isolotto Punta Nera; d. l area a terra compresa tra la P.za Popoli d Europa e la Direzione del Porto Turistico, compresa l area destinata alle operazioni di alaggio e varo e l area destinata ai lavori di manutenzione dei natanti posta e delimitata sul retro della Direzione del porto turistico. Articolo 3 - DENOMINAZIONI Le aree e strutture considerate ai fini del presente Regolamento sono così denominate: - Pontile galleggiante A - Pontile galleggiante B 4

5 - Pontile galleggiante C - Pontile galleggiante D - Pontile galleggiante E - Pontile galleggiante F - Pontile galleggiante G - Banchina H Alta - Banchina H Bassa - Banchina I - Banchina L - Banchina M Est - Banchina M West - Banchina N - Pontile fisso O - Pontile galleggiante P - Pontile galleggiante Q - Pontile fisso Q - Banchina R - Pontile fisso S - Specchio acqueo prospiciente i pontili in concessione - Campo boe presso la Baia dell Isolotto Punta Nera - Area alaggio e varo - Specchio acqueo travel - Scivolo alaggio e varo - Area lavori Articolo 4 - DESTINAZIONE DEGLI ORMEGGI 1. Le banchine, i pontili fissi e galleggianti identificati dalla lettera A alla lettera R sono destinati all ormeggio di unità da diporto comprese quelle adibite ad uso commerciale. Il pontile fisso identificato dalla lettera S è destinato all ormeggio dei mezzi dell Autorità Marittima e delle Forze di Polizia. 2. Campo boe asservito presso la Baia dell Isolotto Punta Nera è destinato all ormeggio di unità da diporto. Articolo 5 - MODALITÀ DI ORMEGGIO Le imbarcazioni devono essere ormeggiate secondo le corrette modalità dettate dalla perizia marinaresca e comunque in sicurezza. 1. Nelle banchine e nei pontili di cui al precedente articolo, le unità devono essere ormeggiate di punta con la poppa o la prua rivolte alla banchina, in quanto più funzionale e sicuro per le operazioni di ormeggio, disormeggio, accesso e discesa da bordo. 2. È vietato l ormeggio con l ancora. 3. È vietato l ormeggio di unità da pesca in aree diverse da quelle individuate e stabilite dall Autorità Marittima. 5

6 4. Il Comune, in qualità di concessionario dei pontili, ha discrezionalità nell assegnazione degli ormeggi delle unità da diporto, nei limiti delle capacità di ciascun pontile. In ogni caso, per motivi di sicurezza, la locale Autorità Marittima potrà dare disposizioni di ormeggio in tali aree. 5. All interno dei pontili in concessione dovrà essere disponibile almeno il 10% della ricettività totale per le unità in transito. 6. Il Comune è tenuto a comunicare all Autorità Marittima ogni variazione o modifica apportata al presente Regolamento. 7. La manutenzione delle strutture è eseguita dal Comune. 8. Gli utenti sono tenuti alla custodia, manutenzione e sostituzione delle cime di ormeggio che vanno dalla catenaria a bordo e da bordo al pontile. 9. Gli utenti sono responsabili di ogni eventuale danno alle attrezzature portuali e alle unità in porto, causato dall inadeguatezza di ormeggio della propria unità. 10. Il Comune, oltre ad essere tenuto a predisporre forme e procedure atte a prevenire ogni possibile incidente nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia, dovrà provvedere ad un adeguata copertura assicurativa (responsabilità civile, incendio, etc.) di tutta l area in concessione. Articolo 6 - ANCORAGGIO È fatto divieto, salvo casi di forza maggiore e previa autorizzazione della locale Autorità Marittima, di dare fondo all ancora negli specchi acquei portuali. Articolo 7 - MANOVRE E NAVIGAZIONE ALL INTERNO DEL PORTO 1. Lo specchio acqueo portuale è unicamente destinato alle manovre di ormeggio e disormeggio e alle rotte di ingresso ed uscita delle unità. 2. I comandanti delle unità, nell eseguire tutte le manovre all interno del porto ed in particolare quelle di attracco e di partenza, dovranno sempre attenersi alle regole per prevenire gli abbordi in mare, a quelle del presente Regolamento e alle indicazioni impartite dall Autorità Marittima, pur restando pienamente responsabili dell attuazione della manovra stessa. 3. Le manovre dovranno essere eseguite in modo da non arrecare danni alle altre unità in porto. 4. La condotta delle unità all interno dell ambito portuale deve avvenire a velocità non superiore a 2 nodi o, comunque, alla velocità minima di manovra, tale da non provocare onde e da garantire la sicurezza della navigazione e prevenire situazioni di pericolo e di danno a terzi ed alle opere portuali. 5. Le unità in uscita dal porto hanno la precedenza su quelle in entrata. 6. Nel transitare nello specchio acqueo adiacente al distributore marino di carburanti, è obbligatorio limitare l andatura in modo da non ostacolare eventuali operazioni di rifornimento in corso. 7. È fatto obbligo a chiunque segnalare prontamente all Autorità Marittima eventuali pericoli che possano comportare ostacolo alla navigazione delle unità all interno del porto. Articolo 8 - DEPOSITO DI MERCI IN BANCHINA E ATTIVITÀ LAVORATIVE IN PORTO 1. È vietato il deposito di merci in banchina e nelle aree portuali. Chiunque intenda esercitare una qualsiasi attività all interno del Porto Turistico di Palau o a bordo delle unità ivi ormeggiate dovrà rispettare le disposizioni dettate dalla competente Regione Autonoma della Sardegna in materia di attività esercitate sul demanio marittimo ai sensi dell art. 68 del Codice della Navigazione. 6

7 Articolo 9 - POSTI DI ORMEGGIO A ciascun posto di ormeggio può essere attraccata una sola imbarcazione. Le banchine, i pontili galleggianti e le boe consentono l ormeggio riservato di natanti ed imbarcazioni da diporto come indicato nel seguente prospetto: Porto Turistico Categoria Dimensioni massime N Posti I da ml.00,00 a ml. 06, II da ml. 06,51 a ml. 08, II da ml. 08,01 a ml. 09,50 50 IV da ml. 09,51 a ml. 11,50 52 V da ml. 11,51 a ml. 13,50 60 VI da ml. 13,50 a ml. 16,50 04 VII oltre 16,50 02 Darsena lato Ovest Banchina Commerciale Categoria Dimensioni massime N Posti I da ml a ml. 06,50 15 II da ml. 06,51 a ml. 08,00 15 Campo Boe Baia dell Isolotto Categoria Dimensioni massime N Posti VI da ml. 13,50 a ml. 16,50 10 L imbarcazione e/o il natante ormeggiabile non può eccedere le dimensioni massime sopra indicate oltre la tolleranza del 2% (due per cento) in larghezza e del 5% (cinque per cento) in lunghezza. Potranno essere ormeggiate imbarcazioni e/o natanti che eccedano le dimensioni massime su riportate, solo previa autorizzazione della Direzione del Porto Turistico. Tali dimensioni si intendono riferite agli effettivi ingombri dell imbarcazione o del natante (compresa l eventuale delfiniera, plance, pulpito, parabordi, motori fuori bordo e qualsiasi altra sporgenza, quali pinne stabilizzatrici, lancia su gru a poppa, bracci fissi etc.). L Utente che intende assicurarsi l utilizzo di un posto di ormeggio deve dichiarare le esatte dimensioni dell imbarcazione e/o del natante per l inserimento nella categoria di appartenenza. Qualora l Utente non dichiari le esatte dimensioni della sua imbarcazione e/o del natante o riesca ad attraccare un imbarcazione e/o un natante di dimensioni maggiori di quelle previste per il proprio ormeggio, il Comune mediante la Direzione del Porto si riserva la facoltà di disporre l immediato allontanamento dell unità. 7

8 La Direzione del Porto Turistico, si riserva la possibilità di revocare qualsiasi tipo di assegnazione di ormeggio sia permanente sia temporaneo. l Utente, è obbligato a liberare immediatamente l ormeggio. In caso di inadempienza la Direzione del Porto provvederà allo sgombero con i mezzi propri, anche al di fuori dell ambito portuale, a spese dell Utente. Articolo 10 - POSTI DI ORMEGGIO RISERVATI MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE L atto dell assegnazione del posto di ormeggio riservato e dei relativi servizi portuali si perfeziona con la sottoscrizione di un contratto di cessione riferito specificatamente all unità da diporto ed a carattere rigorosamente personale. Tale contratto può essere, a breve o a lungo o termine. La durata massima di un contratto di cessione del diritto di utilizzo di un posto di ormeggio e dei relativi servizi portuali sarà annuale (dodici mesi) con scadenza naturale il 31 dicembre di ogni anno. L Utente che intende fruire del diritto di utilizzo di un posto di ormeggio deve inoltrare alla Direzione del Porto domanda scritta su apposito modulo (facsimile allegato al presente Regolamento allegato A) indicando: dati personali (nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico); dati dell imbarcazione o del natante (dimensioni fuori tutto, tipo, nome ed eventuale numero ed ufficio di iscrizione); periodo durante il quale intende avere la disponibilità del posto di ormeggio; assicurazione. L Utente è tenuto inoltre a fornire tutte le altre notizie indicate nel modulo suddetto pena la nullità della domanda. Esso è responsabile della veridicità delle proprie dichiarazioni. La richiesta per il posto di ormeggio a lungo termine (contratto annuale 12 mesi continuativi o 10 mesi con esclusione dei mesi di Luglio ed Agosto) dovrà essere presentata nel periodo compreso tra il 1 Settembre ed il 1 Marzo. L occupazione di un posto di ormeggio in assenza di contratto è abusiva e quindi illegittima. La Direzione del Porto potrà provvedere, alla rimozione dell unità, con l addebito delle relative spese all Utente. I contratti a lungo termine saranno rinnovati automaticamente ogni anno salvo disdetta scritta dell Utente. In caso di mancata conferma o di disdetta che dovrà essere effettuata almeno 1 (un) mese prima della scadenza, il contratto si intenderà risolto alla sua scadenza naturale. La vendita delle unità da diporto, in possesso di un contratto a lungo termine, dà diritto al compratore di subentrare nella titolarità del contratto, previa rinuncia scritta del precedente titolare del posto barca. E possibile comunque nel periodo invernale presentare richieste per contratti a breve termine (non superiori a 8 mesi) purché il periodo richiesto sia compreso tra ottobre e maggio con esclusione dei quattro mesi estivi. Nel caso in cui l Utente voglia avere la disponibilità del diritto di utilizzo di un posto di ormeggio a breve termine per il periodo estivo (Giugno - Settembre) la richiesta dovrà essere inoltrata nel periodo compreso tra il 1 Marzo ed il 31 Maggio dell anno in cui si intende accedere all utilizzo di un posto di ormeggio. I contratti a breve termine non saranno rinnovabili di anno in anno ma si risolveranno alla loro scadenza naturale. 8

9 I termini di presentazione delle domande non saranno prorogabili in nessun caso. Compatibilmente con la disponibilità di posti per ogni singola categoria indicata all art. 9 del presente Regolamento, per i contratti a breve termine avranno priorità nell assegnazione dell utilizzo di un posto di ormeggio le richieste aventi le seguenti indicazioni: periodo di permanenza che abbinato ai mesi di Luglio e Agosto comprenda parte di Giugno e Settembre; periodo di permanenza superiore e comunque non inferiore a 30 (trenta) giorni; periodo di permanenza che coincida con l inizio e la chiusura della quindicina o decade. A parità di periodo richiesto sarà preso in considerazione l ordine cronologico di presentazione della domanda. Per tutte le richieste sopra citate la Direzione del Porto provvederà a rispondere per iscritto entro un tempo massimo di 60gg. Articolo 11 - DISCIPLINA E DISPONIBILITÀ DEI POSTI DI ORMEGGIO L assegnazione dei posti di ormeggio è di totale competenza della Direzione del Porto che si riserva la facoltà di variare in qualsiasi momento e per qualsiasi ragione (condizioni meteo, motivi di sicurezza, lavori, manutenzioni, cause di forza maggiore, problemi ed esigenze organizzative, etc.), ed a suo insindacabile giudizio, i posti di ormeggio assegnati, nonché eventualmente l ubicazione degli stessi, provvedendo allo spostamento delle unità direttamente, mediante il personale a sua disposizione, in caso di irreperibilità dell Utente. L Utente non potrà rifiutarsi di lasciare o cambiare il posto di ormeggio pena la rimozione dell unità, come stabilito dall art del presente Regolamento. E espressamente vietato: concedere l utilizzo del posto di ormeggio a terzi, lo scambio non autorizzato fra Utenti, qualsiasi forma di subaffitto, pena l allontanamento immediato dell unità. In caso di sostituzione dell unità indicata nel contratto (es. acquisto nuova imbarcazione) ovvero variazione del tipo di utilizzo dell unità stessa (diporto/commerciale), l Utente è soggetto alla stipula di un nuovo contratto per l adeguamento del canone e per l eventuale assegnazione di un nuovo posto barca (qualora le dimensioni o il tipo di unità cambino rispetto a quelle indicate nel precedente contratto). In caso di mancato aggiornamento del contratto, la nuova unità sarà ritenuta occupante abusivamente un posto barca e quindi allontanata dal Porto. In caso di decadenza o cessazione del diritto di utilizzo del posto di ormeggio (risoluzione e/o scadenza del contratto, morosità etc.), l Utente è obbligato a rimuovere l unità. Ove non si provveda, la Direzione del Porto ricorrerà alla rimozione forzosa dell unità con alaggio e trasporto, se necessario, anche fuori dall ambito portuale con l addebito all Utente delle relative spese. 9

10 Ove l Utente non utilizzi, debba o voglia rinunciare temporaneamente ad utilizzare il posto di ormeggio a lui assegnato, potrà farlo solo ed esclusivamente a favore della Direzione del Porto, dandone comunicazione scritta o verbale ed indicando il periodo nel quale la rinuncia avrà effetto. In assenza di comunicazione scritta o verbale da parte dell Utente, la Direzione del Porto potrà, solo nei periodi di maggiore richiesta ed afflusso, riutilizzare, assegnandolo a terzi, il posto di ormeggio lasciato vacante. Resta inteso che nel momento in cui l Utente si appresterà a rientrare nel posto di ormeggio in precedenza assegnato, sarà obbligo della Direzione del Porto liberare tempestivamente lo stesso o metterne a disposizione un altro della stessa categoria. La Direzione del Porto, per conto del Comune, declina ogni responsabilità nei casi in cui eventi di forza maggiore, comunque non dipendenti o imputabili alla stessa, non consentano l immediata disponibilità del posto di ormeggio. Gli ormeggi sono annotati in un apposito registro presso la Direzione del Porto, con l identificazione dei nominativi degli Utenti e delle unità. Detto registro è a disposizione dell Autorità Marittima e delle Forze di Polizia per eventuali controlli. L utente ha l obbligo di ormeggiare la propria imbarcazione al posto a lui assegnato. Nel caso in cui rifiuti, per qualsiasi motivo, occupando eventualmente un altro posto arbitrariamente, la Direzione del Porto provvederà alla rimozione forzosa dell unità con l allontanamento della stessa dall ambito portuale in osservanza dell art del presente Regolamento. Articolo 12 - DISPONIBILITÀ POSTI DI ORMEGGIO DI TRANSITO L unità in transito e cioè che giunge in Porto senza una preventiva prenotazione opportunamente confermata dalla Direzione del Porto, potrà utilizzare gli ormeggi, qualora ve ne sia disponibilità, al momento del suo ingresso in Porto. L Utente in transito, al suo arrivo, deve recarsi alla Direzione del Porto e compilare una Dichiarazione, su cui saranno riportati tutti i dati dell unità e dell Utente nonché le condizioni di ormeggio. L Utente è responsabile della veridicità della propria Dichiarazione. L Utente in transito è tenuto al pagamento della tariffa per la sosta e per i servizi generali portuali secondo le tariffe in vigore approvate dall Autorità Marittima. L Utente in transito non potrà sostare per un periodo consecutivo di ormeggio superiore a 7 (sette) giorni. Il diritto al posto di ormeggio di transito si interrompe non appena l imbarcazione si allontana dallo stesso. Le norme sopraindicate valgono anche per le imbarcazioni eventualmente in avaria. L ormeggio in transito non è quindi riservabile, se non da parte della Direzione del Porto o dell Autorità Marittima, per comprovate ragioni di sicurezza o forza maggiore. L utilizzazione di tali posti è gratuita per le unità da diporto per un tempo inferiore alle 12 ore giornaliere nella fascia oraria dalle 08,00 alle ore 20,00 e per non più di tre ormeggi nell arco di ciascun mese. 10

11 Il numero dei posti da lasciare per l ormeggio di transito deve essere pari almeno al 10 % (dieci per cento) del numero complessivo dei posti barca. L ubicazione degli stessi sarà a completa discrezione della Direzione del Porto. Articolo 13 - POSTI ORMEGGIO CORPI DI POLIZIA La Direzione del Porto Turistico, per conto del Comune di Palau, in caso di richiesta da parte dell Autorità Marittima e dei vari Corpi di Polizia, metterà a disposizione gratuitamente il posto di ormeggio richiesto. L ubicazione degli stessi è prevista nel Pontile fisso S e sarà concordata al momento secondo le rispettive esigenze. Articolo 14 - CORRISPETTIVO UTILIZZO POSTO DI ORMEGGIO - MODALITÀ DI VERSAMENTO La Direzione del Porto, per conto del Comune, riscuoterà i corrispettivi per l utilizzo del diritto del posto di ormeggio, in applicazione alle tariffe stabilite dal Comune di Palau su autorizzazione della competente Autorità Marittima. Nel caso di contratti a breve termine, il corrispettivo dovrà essere versato dall Utente contestualmente all assegnazione del posto di ormeggio e/o alla sottoscrizione del contratto di cessione temporanea del diritto di utilizzo del posto di ormeggio. Gli Utenti delle unità in transito, una volta compilata la Dichiarazione di Arrivo, dovranno versare il corrispettivo dovuto. L utente in possesso di un contratto a lungo termine e da residente potrà versare il corrispettivo nelle seguenti modalità: 1. con un unico versamento (entro il 31 marzo dell anno in corso) 2. con due versamenti, ciascuno pari al 50% del corrispettivo totale (il primo entro il 31marzo, il secondo entro il 30 giugno dell anno corrente di utilizzo). Il mancato pagamento entro i termini stabiliti comporta la decadenza della titolarità dell ormeggio. Il Comune di Palau, previa diffida, può disporre ingiunzione di sgombero dell unità da diporto. In caso di inottemperanza si provvederà di ufficio alla rimozione dell unità da diporto a spese del proprietario, la cui restituzione è subordinata al pagamento delle spese di ormeggio e delle altre spese sostenute dal Comune di Palau. L Utente sarà tenuto al pagamento dell intera somma relativa al periodo prenotato anche nel caso in cui, per cause non imputabili al Comune di Palau e/o alla Direzione del Porto, occupi in ritardo il posto di ormeggio a lui assegnato. Articolo 15 - NORME GENERALI DI CIRCOLAZIONE DELLE IMBARCAZIONI 1. Accesso e sosta delle unità in porto L approdo è consentito in ogni tempo solo alle unità da diporto e alle unità dello Stato. In caso di condizioni meteo avverse o di forza maggiore l approdo è consentito anche al naviglio in genere, sempre che sussistano le condizioni di disponibilità in termini di posti di ormeggio adeguati. 11

12 La sosta è calcolata in giornate di presenza, e cioè periodi di 24 ore, da mezzogiorno a mezzogiorno. Le frazioni di giorno sono calcolate per intero. 2. Identificazione delle imbarcazioni e contrassegni Ogni unità ormeggiata in Porto deve essere chiaramente identificabile dal personale della Direzione del Porto. L Utente deve perciò provvedere affinché il nome o la matricola della propria unità siano chiaramente riconoscibili dalla banchina o dal pontile. Nel caso di natanti (unità non immatricolate), la Direzione del Porto fornirà a ciascun Utente un contrassegno numerato da tenere a bordo in posizione ben visibile. Ogni imbarcazione o natante non identificabile sarà ritenuto dalla Direzione del Porto come occupante abusivamente un posto di ormeggio e pertanto potrà esserne disposto lo spostamento. 3. Manovre in Porto Lo specchio acqueo portuale è unicamente destinato a manovre di ormeggio e disormeggio e a rotte di ingresso ed uscita delle unità. L Utente, nell eseguire tutte le manovre all interno del Porto ed in particolare quelle di attracco e di partenza, dovrà sempre attenersi alle disposizioni del presente Regolamento, nonché alle indicazioni scritte o verbali impartite dalla Direzione del Porto o dal personale da essa dipendente, pur restando l Utente pienamente responsabile dell attuazione della propria manovra. In ogni caso, le manovre dovranno essere eseguite in modo da non arrecare molestie o danni alle altre unità o alle opere portuali. Durante il periodo estivo l Utente dovrà dare preventiva comunicazione alla Direzione del Porto nei seguenti casi: assenza superiore alle 24 ore; rientro dopo le 21,00; partenza prima delle 08,30 o dopo le 19,30. La navigazione a vela è proibita nell ambito portuale, salvo in caso di avaria o di mancanza del motore ausiliario. E vietato ogni tipo di evoluzione non connesso con le manovre suddette, in particolare per barche a motore e wind - surf. La velocità massima consentita all interno dell approdo turistico è di 2 (due) nodi, o alla velocità minima consentita dalle caratteristiche evolutive dell unità al fine di garantire le manovre in totale sicurezza. La presente disposizione si applica a qualsiasi tipo di imbarcazione transiti all interno dell approdo turistico. 4. Ormeggi Le imbarcazioni devono essere ormeggiate in sicurezza e secondo le corrette norme marinaresche. Ciascun posto di ormeggio è corredato di un sistema di ormeggio costituito da corpi morti, catenarie e bitte. La manutenzione di tali strutture è eseguita a cura del Comune. Nei posti di ormeggio riservati con contratto di cessione temporanea del diritto di utilizzo di ormeggio sia a lungo sia a breve termine (art. 10), l'utente è tenuto alla custodia, manutenzione e sostituzione delle cime di 12

13 ormeggio dalla catenaria a bordo e da bordo in banchina, della cui efficienza ed adeguatezza è l'unico responsabile. L Utente, con contratto di cessione temporanea del diritto di utilizzo di ormeggio, è il solo ed unico responsabile dell adeguatezza ed efficienza della cima di ormeggio da bordo alla banchina e/o al pontile, e della cima di ormeggio da bordo alla catenaria per la sola parte di essa che si trova a bordo. La Direzione del Porto potrà comunque disporre di sostituire d autorità ogni cima di ormeggio, con facoltà di rivalsa sull Utente, qualora ravvisasse in essa uno stato di precarietà tale da inficiarne la sicurezza. L Utente non può modificare il sistema di ormeggio, né i sistemi di erogazione dei servizi sussidiari, senza la preventiva autorizzazione della Direzione del Porto. E vietato in ogni caso l ormeggio per mezzo di catene e lucchetti che non permettano lo spostamento immediato dell unità. La Direzione del Porto si riserva la facoltà di rimuovere senza preavviso, con il personale ed i mezzi a sua disposizione, tali sistemi di ormeggio. Articolo 16 - ACCESSO VIA TERRA E CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI Il Porto è dotato di parcheggi individuati da apposita segnaletica verticale e/o orizzontale, nel rispetto delle modalità fissate dal presente Regolamento. Il Parcheggio è gratuito, non è custodito e non garantisce a ciascun utente la disponibilità di uno stallo. Il Comune non risponde di eventuali danni, furti o incidenti. Nei parcheggi asserviti l utente dovrà esporre obbligatoriamente ed in modo ben visibile il contrassegno di riconoscimento che verrà consegnato dall Ufficio della Direzione del Porto. I veicoli che non espongono il contrassegno che legittima l occupazione dello stallo, saranno soggetti alla sanzione amministrativa pecuniaria e a quella accessoria della eventuale rimozione coatta del veicolo, ai sensi del vigente codice della strada. Gli utenti devono attenersi alle apposite indicazioni stradali, fermando e parcheggiando i veicoli nell ambito dell area portuale, esclusivamente nelle zone a ciò destinate ed all interno degli stalli all uopo individuati. È fatto espresso divieto di fermata e sosta nei pressi del ciglio banchina. La velocità massima dei veicoli nell area portuale è di 10 (dieci) Km all ora come da apposita segnaletica. E fatto divieto di usare segnali acustici, se non in caso di effettiva necessità. All interno del Porto è severamente vietato: - l accesso di qualsiasi veicolo sui pontili; - la sosta dei carrelli per il trasporto delle barche sganciate dall auto trainante; - l accesso di camper, caravan e ogni altro mezzo similare. In caso di inosservanza delle disposizioni sopra indicate si farà riferimento al Codice della strada. L accesso pedonale ai pontili galleggianti è consentito agli Utenti possessori di unità all ormeggio e ai suoi congiunti/ospiti, sotto la diretta responsabilità del titolare dell ormeggio stesso. 13

14 La Direzione è da ritenersi manlevata da qualsivoglia responsabilità sia in sede civile ed amministrativa, che in sede penale per eventuali danni a terzi e/o persone che dovessero derivare dall inosservanza del presente punto. Articolo 17 - CASI DI EMERGENZA E DI FORZA MAGGIORE In casi di particolari condizioni meteorologiche, di pericolo della vita umana o in qualsiasi altra situazione di pericolo, valutata dalla Direzione del Porto, la Direzione potrà avvalersi anche dell equipaggio presente nell approdo turistico. Eventuali unità in avaria o prive di equipaggio, ove ricorrano gli eventi sopraddetti, potranno essere rimosse a cura e con il personale della Direzione del Porto. Nel caso in cui una unità affondi nell ambito portuale o nella zona di accesso al Porto, l Utente è obbligato alla relativa rimozione e/o allo smantellamento, previo nulla-osta dell Autorità Marittima e della Direzione del Porto. Articolo 18 - INQUINAMENTI E MOLESTIE All interno dell approdo turistico, a meno di specifica autorizzazione della Direzione del Porto, è vietato: durante tutto l arco della giornata, l uso di proiettori, sirene e di generatori; delle ore 22,00 alle 09,00 e dalle 13,00 alle 16,00 qualsiasi operazione che generi rumori molesti; l abbandono di irifiuti di qualsiasi genere, di oggetti ed ogni altra sostanza liquida o solida sia in acqua, sui pontili o sulla banchina; l uso degli impianti igienici di bordo con scarico diretto a mare; l abbandono di accumulatori elettrici esausti (batterie); lo svuotamento di acqua di sentina, la pulizia dei serbatoi e delle casse carburanti ed oli; la pesca e la balneazione in Porto; il lavaggio delle stoviglie e delle vele in banchina o sui pontili; fare la doccia sulla banchina o sui pontili; ingombrare con oggetti, carrelli, tenders o altro le banchine, i moli ed i pontili; gli animali domestici sono ammessi nell area portuale solo per il tempo necessario al loro imbarco e sbarco. In ogni caso dovranno essere prese tutte le opportune precauzioni al fine di evitare che la loro presenza possa arrecare molestia o disagio agli Utenti e sporcare i pontili e le banchine; usare fonti luminose di colore e potenza tali da creare interferenze con la segnaletica portuale e/o arrecare disturbo agli Utenti del Porto; accendere fuochi; effettuare lavori di manutenzione alle unità nel posto di ormeggio, salvo quelle di piccola ed ordinaria manutenzione. nelle aree a terra al di fuori delle aree adibite ad alaggio, varo e zona lavori, depositare qualsiasi mezzo (carrelli, invasi, gru etc.), imbarcazioni o natanti e materiali di vario genere. I trasgressori incorreranno nelle sanzioni previste dall art 1161 e seguenti del Codice della Navigazione. 14

15 Articolo 19 - PRESCRIZIONI E VERIFICHE CONCERNENTI LA SICUREZZA Le unità degli Utenti devono essere in regola con le vigenti disposizioni di legge relative al naviglio da diporto nazionale ed estero, e devono essere efficienti ai fini della sicurezza della navigazione e stazionamento. In particolare deve essere evitata ogni anormale predisposizione che possa determinare pericolo di incendio, e la possibilità di arrecare danni alle unità limitrofe o alle installazioni a terra. La Direzione del Porto avrà la facoltà, nell ambito del contratto di cessione temporanea del diritto di utilizzo del posto di ormeggio, di stabilire eventuali norme di sicurezza aggiuntive per assicurare la migliore gestione dell approdo turistico. L Utente deve osservare le seguenti disposizioni a carattere preventivo e generale: è assolutamente vietato, nell ambito del Porto, qualsiasi modalità di rifornimento, anche parziale, sia per mezzo di serbatoi mobili, ancorché autotrasportati, sia con qualsivoglia cisterna. In caso di assoluta necessità sarà necessario richiedere espressa autorizzazione scritta alla Direzione del Porto; prima della messa in moto del motore l Utente deve provvedere all aerazione dello stesso; gli estintori di bordo devono essere rispondenti ai regolamenti in vigore, in numero adeguato ed in perfetta efficienza; gli impianti elettrici di bordo devono essere in perfetto stato di funzionamento; le unità in porto non devono detenere alcuna sostanza pericolosa o suscettibile di esplosione, tranne fuochi regolamentari di sicurezza (razzi, fuochi a mano etc.) ed i combustibili necessari all uso. Le installazioni e gli apparecchi predisposti per i combustibili devono essere conformi al Regolamento in vigore per le unità di quella categoria; in caso di incendio a bordo di una unità, sia il personale che l equipaggio della stessa, e quello delle unità vicine, deve fare il possibile per lo spegnimento ed isolamento delle fiamme mettendo in funzione con la massima efficacia, i mezzi più idonei in dotazione. La Direzione del Porto dovrà essere tempestivamente avvisata per attivare immediatamente il personale a propria disposizione per l utilizzo degli impianti in dotazione al Porto, ed informare tempestivamente le Autorità competenti. Le spese relative agli interventi operati in conseguenza degli incendi e l eventuale risarcimento dei danni arrecati a terzi o agli arredi ed opere portuali sono a carico dell Utente responsabile; ogni unità, prima di ormeggiarsi, deve controllare che non esistano residui di perdite di idrocarburi in sentina e che non vi siano in atto perdite degli stessi; in caso di sversamento di idrocarburi in acqua o sulla banchina, moli o pontili, l Utente deve immediatamente avvisare la Direzione del Porto, nonché l Ufficio Locale Marittimo di Palau, provvedendo nel frattempo con i mezzi a sua disposizione a contenere lo sversamento nella zona interessata e ad informare il personale e/o gli equipaggi delle unità vicine. La bonifica della zona interessata sarà effettuata, sotto il controllo della locale Autorità Marittima, seguendo le procedure stabilite dalla normativa vigente; è assolutamente vietato immergersi nelle acque portuali senza la specifica autorizzazione della Direzione del Porto. In ogni caso il divieto di immersione e la relativa autorizzazione dovranno essere comunque subordinati anche alle disposizioni della Autorità Marittima (iscrizione negli albi dei sommozzatori e palombari in regola con le visite mediche). L Utente potrà rivolgersi alla Direzione che provvederà a contattare personale autorizzato, proprio o da essa incaricato. Le spese dell intervento saranno a carico dell Utente. in Porto e nelle vicinanze dello stesso è vietato l uso di apparati VHF per le comunicazioni che non siano strettamente legate ad operazioni portuali e/o di soccorso; 15

16 Articolo 20 - ISPEZIONI La Direzione del Porto potrà disporre in qualsiasi momento sopralluoghi ed ispezioni, al fine di contribuire alla prevenzione di incidenti e danni relativamente alle unità all ormeggio. La Direzione del Porto può richiedere, qualora sussistano fondati motivi, che siano effettuate ispezioni a bordo delle unità all ormeggio da parte della locale Autorità Marittima per accertare che esse siano in perfetta efficienza per la sicurezza dello stazionamento ed in regola con le prescrizioni emanate in proposito dalle competenti Autorità. Le unità all ormeggio ritenute non in regola con le prescrizioni concernenti la sicurezza, potranno essere allontanate dalla zona in Concessione. Articolo 21 - ASSICURAZIONE Le unità all ormeggio dovranno essere obbligatoriamente assicurate per responsabilità civile verso terzi. L Utente che si renderà colpevole di incendi, scoppi, danneggiamenti, distruzioni o perdite alle altre unità, nonché alle attrezzature ed agli impianti del porto, sarà ritenuto l unico responsabile di tali eventi, con l obbligo di risarcimento del danno. Il Comune non potrà essere responsabile solidamente per i danni causati da terzi o verso coloro che utilizzano i posti di ormeggio e non risponde di eventuali furti, sottrazioni o smarrimenti subiti da chiunque utilizzi o transiti nell area dell approdo turistico. Il Comune potrà allontanare dalla zona in Concessione l unità la cui copertura assicurativa non risponda alle prescrizioni che precedono. Articolo 22 - SERVIZI PORTUALI Il Comune, per mezzo della Direzione del Porto e del personale a sua disposizione, fornisce agli Utenti i seguenti servizi portuali: Assistenza all ormeggio e disormeggio delle imbarcazioni. Pulizia dei pontili, delle banchine e dello specchio acqueo. Servizio meteo e radio. Servizi igienici. Gestione dei rifiuti. Scalo galleggiante di varo ed alaggio unità sino a ml. 6,50 Fornitura di acqua dolce ed energia elettrica. Servizio antincendio. 1. Assistenza all ormeggio e disormeggio delle imbarcazioni. 16

17 Gli addetti al servizio di assistenza all'ormeggio intervengono nelle fasi di ormeggio e disormeggio in ausilio ai diportisti, da terra o con gommoni preposti a tale scopo. Il servizio è fornito tutti i giorni dalle h. 08,00 alle h. 20,00 compresi i festivi. 2. Pulizia dei pontili, delle banchine e dello specchio acqueo 3. Servizio meteo e radio La Direzione del Porto mette a disposizione dell utenza sia un servizio meteo, mediante l affissione in bacheca di vari bollettini meteorologici provenienti da diverse fonti di comprovata validità, sia di un servizio di ascolto, sul canale di lavoro assegnato dal Ministero delle PP.TT. (canale nove), e mantiene una stazione radiofonica conforme alla normativa vigente. 4. Servizi igienici Il porto è dotato di servizi igienici ad uso esclusivo dei diportisti provvisti di docce e di acqua calda. 5. Gestione dei rifiuti Per i rifiuti speciali, il Comune dispone di una ISOLA ECOLOGICA - RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI posizionata all interno dell area di rimessaggio (vedi planimetria allegata) dotata di appositi contenitori per il conferimento di accumulatori di piombo (batterie), oli esausti, emulsioni oleose (residui di sentina, idrocarburi emulsionati etc.) e fusti per lo stoccaggio di filtri imbevuti d olio, morchie oleose, stracci etc. Per quanto riguarda le emulsioni oleose il conferimento massimo giornaliero consentito è di 20 litri per utente. Per i rifiuti assimilati provenienti dalle unità di diporto e dal naviglio minore da passeggeri impiegato in gite turistiche di breve durata Il Comune dispone di una ISOLA ECOLOGICA - RIFIUTI ASSIMILATI posizionata all interno dell area di rimessaggio dotata di contenitori per il conferimento separato delle frazioni merceologiche: secco non riciclabile; organico; carta e cartone; vetro; plastica; lattine. Gli Utenti potranno accedere alle ISOLE ECOLOGICHE secondo le direttive impartite dalla Direzione del Porto e dagli uffici competenti. Per quanto non specificato nel presente Regolamento valgono le disposizioni contenute nel Piano di Gestione dei Rifiuti Portuali predisposto dall Autorità Marittima. I contravventori, oltre a rendersi responsabili per eventuali danni che dovessero derivare dal loro comportamento illecito, incorreranno, salvo che il fatto non costituisca reato, nelle sanzioni previste dall art del Codice della Navigazione. 6. Scalo galleggiante di varo ed alaggio unità sino a ml. 6,50 7. Fornitura di acqua dolce ed energia elettrica. Per ciò che concerne la fornitura di acqua, è fatto obbligo agli utenti del Porto di far uso di apposite pistole regolatrici di flusso, da applicare alle manichette, al fine di evitare sprechi. L uso dell acqua sarà consentito agli Utenti solo ed esclusivamente per fare bunkeraggio e lavare l unità al rientro in porto. 17

18 La somministrazione dell energia elettrica può avvenire solo con l impiego di spine previste e cavi a norma di legge. I terminali di distribuzione (colonnine) potranno essere aperti solo dal personale del porto ed ogni tentativo di allaccio in forma diversa sarà perseguito. Il personale della Direzione sarà sempre a disposizione per informare e coadiuvare gli Utenti per un corretto allaccio. Il pagamento dei servizi di cui sopra avverrà secondo le modalità, condizioni e patti riportati nel contratto di cessione temporanea del diritto di utilizzo del posto di ormeggio. La Direzione del Porto, in nome e per conto del Comune, non è tenuta ad assicurare la fornitura di acqua ed energia elettrica nei casi di avarie ed incompletezza degli impianti, ed in particolare per carenze dovute a siccità. Detti servizi godono della clausola di esclusiva ex art C.C. 8. Servizio antincendio. Il Comune dispone di impianti fissi. Le spese relative agli interventi operati saranno a carico dell Utente riconosciuto responsabile, cui farà altresì carico l eventuale risarcimento dei danni arrecati a terzi, agli arredi ed alle attrezzature portuali. L Utente deve attenersi alle prescrizioni di cui all art. 18 e seguenti per evitare ogni incidente che possa provocare incendi ed altro danno. Articolo 23 - ALAGGIO E VARO DELLE IMBARCAZIONI E DEI NATANTI. 1. Alaggio e varo delle unità a mezzo del travel-lift o gru L alaggio ed il varo di unità nel porto di Palau a mezzo del travel-lift o gru, utilizzate dal personale dipendente delle ditte autorizzate, delimitata nel settore sud del Porto Turistico (allegato B evidenziata in azzurro) devono avvenire secondo le seguenti modalità: a. è fatto obbligo al responsabile dell impresa di verificare che durante le operazioni di varo e alaggio il cancello di accesso rimanga chiuso per tutto il periodo delle operazioni. b. è vietato nelle vicinanze del bacino di alaggio l accesso a persone o mezzi non autorizzati ; c. è fatto obbligo al responsabile dell impresa di garantire il rispetto della vigente normativa in materia di sicurezza e tutela dei lavoratori sul luogo di lavoro, nonché di ogni altra normativa in vigore; d. le operazioni di alaggio o varo non possono essere eseguite qualora nel raggio di metri 15 (quindici) dal mezzo che opera siano in corso operazioni potenzialmente pericolose o incompatibili; e. è vietata la presenza di persone, liquidi o gas infiammabili o inquinanti sull unità che deve essere alata o messa in mare; f. le operazioni potranno essere svolte esclusivamente dalle ore 07:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 fino a 30 minuti dopo il tramonto del sole, salvo eccezionali ed urgenti motivi e previa autorizzazione della locale Autorità Marittima; g. le operazioni di alaggio e varo devono essere preventivamente comunicate alla Direzione del Porto Turistico a mezzo mail o fax utilizzando l apposito modulo in allegato. Tale documentazione sarà poi trasmessa per conto della Direzione del Porto alla locale Autorità Marittima; 18

19 h. le unità da diporto, da traffico o da pesca devono essere alate e messe in mare a mezzo del travel-lift o gru, esclusivamente nel bacino e nello scalo di alaggio allo scopo destinati; i. al termine delle operazioni, il personale dell impresa dovrà effettuare la pulizia della banchina; j. eventuali autocarri o rimorchi porta imbarcazioni possono sostare in prossimità del bacino di alaggio per il tempo strettamente necessario al compimento delle operazioni di carico o scarico delle unità. k. All interno del bacino di alaggio sono autorizzati l alaggio ed il varo di unità di dislocamento non superiore alle 65 tonnellate e comunque in osservanza delle portate operative dei mezzi utilizzati per tali operazioni. l. Non potranno essere alate o varate unità con requisiti e caratteristiche superiori a quelle dei mezzi meccanici (travel, gru, camion gru etc.) impiegati per tali operazioni. m. L alaggio ed il varo di unità a mezzo di veicoli attrezzati con gru e travel-lift sono consentiti solo presso la zona asservita e appositamente delimitata, ai soggetti in regola con le disposizioni dettate dalla normativa in materia e dalla competente Regione Autonoma della Sardegna in materia di attività esercitate sul demanio marittimo ai sensi dell art. 68 del Codice della navigazione. n. Le operazioni di alaggio e varo delle unità a mezzo di autogru dovranno essere svolte a distanza di sicurezza dal ciglio banchina. 2. Spostamento in ambito portuale del travel-lift Durante gli spostamenti in ambito portuale, il travel-lift, l autogru e, in generale, tutti i mezzi pesanti (autogru, rimorchi, semirimorchi etc.) interessati alla movimentazione di imbarcazioni da e per lo scalo di alaggio dovranno attenersi alle norme del vigente Codice della strada (trasporti eccezionali), nonché alle disposizioni in materia di circolazione stradale in ambito portuale emanate con ordinanza n 17/97 in data 21/06/1997 e seguenti dalla competente Capitaneria di Porto di La Maddalena. 3. Danni e responsabilità Ferme restando le responsabilità e gli adempimenti prescritti dalla legge in caso di danni recati a terzi, i conducenti dei mezzi impegnati nelle operazioni di cui al precedente articolo sono tenuti ad informare immediatamente la locale Autorità Marittima e la Direzione del Porto Turistico di eventuali danni arrecati a strutture portuali o viarie (tombini, segnaletica, etc.). 4. Divieti nei pressi del bacino di alaggio All interno del bacino di alaggio è vietato l ormeggio e la sosta di qualsiasi unità tranne di quelle in attesa di effettuare le operazioni di alaggio. 5. Alaggio di unità attraverso l uso dello scalo galleggiante (scivolo) Le unità da diporto di dimensioni non superiori alla portata dello scivolo (ml 6,50), munite di carrello e idonei argani o verricelli possono essere alate o varate autonomamente e liberamente dai rispettivi proprietari, servendosi dell apposito scivolo. L accesso allo scivolo deve essere effettuato da un solo veicolo alla volta e deve avvenire per il tempo strettamente necessario all effettuazione delle operazioni di alaggio e messa a mare. 19

20 I veicoli in attesa di effettuare le predette operazioni devono mantenersi a distanza di sicurezza, evitando di creare intralcio ad altri mezzi. Al termine delle operazioni di varo, i veicoli con carrello al seguito devono essere allontanati dallo scalo e dalle immediate vicinanze e possono essere parcheggiati secondo le disposizioni del presente Regolamento. Le operazioni di alaggio e varo devono essere effettuate in sicurezza, avendo cura di evitare ogni tipo di danno alle altre unità che dovessero trovarsi nei pressi dello scivolo ed inquinamento dello specchio acqueo. Presso detto scivolo e nelle immediate vicinanze è vietata la sosta di carrelli, unità navali, invasature, veicoli e, in genere, di tutto ciò che possa in qualche modo intralciarne la transitabilità e l utilizzazione. Al fine di assicurare la possibilità di alaggi improvvisi a seguito di avarie e per non intralciarne il normale utilizzo, lo scalo di alaggio dovrà essere lasciato sempre libero al pubblico uso. L uso dello scivolo è nella piena e diretta responsabilità dell utente. È responsabilità di chi utilizza la suddetta struttura la preventiva verifica delle condizioni e dello stato d uso della stessa e la conseguente valutazione degli eventuali rischi derivanti dalle operazioni di messa a mare e di alaggio che si intendono effettuare. L uso della struttura è comunque subordinato alla perfetta efficienza e alla valida copertura assicurativa dei mezzi navali e terrestri impiegati. L uso dello scivolo è vietato ai minori di anni 18, salvo che ciò avvenga sotto la supervisione e la responsabilità di persona maggiorenne. Articolo 24 - AREE DI RIMESSAGGIO E LAVORI Per le operazioni di manutenzione ordinaria sulle unità, i titolari di un posto barca hanno a disposizione l area delimitata nel settore est del Porto Turistico. Tali operazioni potranno essere eseguite durante tutto l arco dell anno tranne che nei mesi di luglio e di agosto (vedi allegato B). Le imbarcazioni dovranno essere collocate e stabilizzate esclusivamente su carrelli ovvero su tacchi omologati e posizionati sotto la diretta responsabilità della ditta incaricata. Chiunque intenda depositare temporaneamente imbarcazioni e/o natanti e pertinenze delle stesse nell area riservata ai lavori di manutenzione, dovrà presentare domanda in carta semplice alla Direzione del Porto Turistico in cui dovranno essere indicate: - le generalità del richiedente, - il tipo di imbarcazione, - il periodo di sosta, - il motivo della richiesta, - i lavori da eseguire. Le unità posizionabili nell area destinata ai lavori di manutenzione non potranno essere superiori a metri 10,00 di lunghezza lineare fuori tutto. dal 15 giugno 15 settembre è consentito alle unità di dimensioni anche maggiori a metri 10,00 che nel periodo estivo non utilizzano il posto barca, il deposito momentaneo nell area adibita a lavori di manutenzione. La Direzione del Porto potrà inoltre utilizzare l area predetta anche per il deposito dei carrelli delle unità di proprietà degli utenti titolari di posti barca. 20

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI ARTICOLO 1 ORMEGGI PER IMBARCAZIONI ECCEDENTI LA LUNGHEZZA Gli ormeggi, ubicati a levante del pontile principale

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO

REGOLAMENTO DI UTILIZZO REGOLAMENTO DI UTILIZZO IN VIGORE DAL 01 LUGLIO 2010 APPROVATO DA: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure SEZIONE TECNICA ORDINANZA N

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE Art. 1 Il presente regolamento ha per oggetto le norme di esercizio del Porto lacuale Portogoen s.r.l. di Pisogne.

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 21 DEL 21.02.2013, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 31 DEL

Dettagli

PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO

PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA La Società Yacht Club Tevere srl con sede legale in Fiumicino (RM) Via Costalunga n. 21-31 titolare dell atto di concessione per la costruzione e gestione del

Dettagli

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A.

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. TITOLO I - NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto del regolamento) Il presente regolamento ha per oggetto l esercizio e l uso dell approdo turistico, e dei

Dettagli

PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI.

PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI. PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI. 1. Sfera di Applicazione... 1 2. Pubblicità del Regolamento... 2 3. Sanzioni... 2 4. Piano degli Ormeggi... 2 5. Imbarcazioni

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto di Taranto Largo Arcivescovado, n 17 tel. 099/4713611 fax 0994718288 taranto@guardiacostiera.it - www.taranto.guardiacostiera.it/ ORDINANZA

Dettagli

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO Approvato nella seduta del 3 marzo 2010 del Consiglio Direttivo dello YACHT CLUB LIVORNO 1 TITOLO I DEI SOCI Art. 1.1 Procedura

Dettagli

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI ART. 1 Il presente regolamento ha per oggetto l'uso da parte dei soci, dei pontili e degli ormeggi, ottenuti in diritto di concessione dal Circolo ed utilizzati per lo svolgimento

Dettagli

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280)

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) PROT.N. 1248/2012 li 22.03.2012 OGGETTO: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NEL PORTO COMUNALE E SULLA RIVA GRANDE SCADENZA

Dettagli

$UW $0%,72',$33/,&$=,21(

$UW $0%,72',$33/,&$=,21( 5(*2/$0(172 '(*/,$3352',',81,7$ $9(/$$',%,7($/&+$57(51$87,&235(662/$ '$56(1$$&721'(/32572',1$32/, $0%,72',$33/,&$=,21( Il presente regolamento disciplina, a titolo sperimentale, l uso delle banchine portuali

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

PORTO TURISTICO MARINA DI ARBATAX

PORTO TURISTICO MARINA DI ARBATAX PORTO TURISTICO MARINA DI ARBATAX Regolamento Interno Articolo 1 PREMESSE 1.1. FONTI La Società TURISMAR S.r.l. ha redatto il presente regolamento interno per la gestione del Porto Turistico MARINA di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Accesso, circolazione e sosta in porto dei veicoli e dei

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO IN CONCESSIONE A TERZI

REGOLAMENTO SULL USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO IN CONCESSIONE A TERZI REGOLAMENTO SULL USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO IN CONCESSIONE A TERZI Settore Finanziario Dr.ssa Stefania Cufaro Approvato con D.C.C. n. 21 del 26/02/2009 Modificato con D.C.C. n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI SICUREZZA DEL PORTO MARINA DI VILLAPUTZU PORTO CORALLO

REGOLAMENTO DI SICUREZZA DEL PORTO MARINA DI VILLAPUTZU PORTO CORALLO REGOLAMENTO DI SICUREZZA DEL PORTO MARINA DI VILLAPUTZU PORTO CORALLO CAPO I NORME GENERALI Articolo 1 Campo di applicazione e normativa di riferimento 1. Il presente regolamento si applica all interno

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA PORTO TURISTICO REGOLAMENTO DEL PORTO DI BORDIGHERA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DEL

COMUNE DI BORDIGHERA PORTO TURISTICO REGOLAMENTO DEL PORTO DI BORDIGHERA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DEL COMUNE DI BORDIGHERA PORTO TURISTICO REGOLAMENTO DEL PORTO DI BORDIGHERA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE N 4 IN DATA 16-01-2013 (Composto

Dettagli

IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L.

IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L. IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L. TERMINALE FERROVIARIO INTERPORTO REGIONALE DELLA PUGLIA REGOLAMENTO GENERALE Pagina 1 di 11 INDICE 1. - Premesse 2. - Utilizzo delle aree e modalità 3. - Viabilità

Dettagli

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA Concessione Cantonale Il Patriziato di Magadino ha posato, sulla base dell autorizzazione n. 3.139.0377 del 18.12.2000, che sostituisce

Dettagli

COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso

COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI BENI IMMOBILI, MOBILI E ATTREZZATURE COMUNALI Approvato con Delibera del C.C. n. del INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Impianti sportivi

Dettagli

Regolamento per l uso temporaneo del Piazzale denominato Area o Zona F

Regolamento per l uso temporaneo del Piazzale denominato Area o Zona F Il Regolamento vincola tutti coloro che utilizzano, a qualsiasi titolo, il Piazzale denominato come Area o zona F. Definizioni: ai fini del Regolamento, si definiscono: 1) Convenzione: la riconsegna della

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UFFICIO PATRIMONIO MANUALE DI UTILIZZO DEI PARCHEGGI NON CUSTODITI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI 1 INDICE TITOLO I - NORME COMUNI 4 ARTICOLO 1 ACCESSO E SOSTA

Dettagli

CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano Cusio Ossola

CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano Cusio Ossola CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI POSTI D ORMEGGIO DEI PORTI TURISTICI D INTERESSE COMUNALE SITI IN OMEGNA DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 17 DEL 14.3.2006

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO (adottato con deliberazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO

REGOLAMENTO PER L USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER L USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO Approvato con deliberazione di C.C. n. 108 del 28/12/2012 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI...

Dettagli

MinisterodelleI nfrastruttureedei Trasporti Capitaneria di Portodi Napoli

MinisterodelleI nfrastruttureedei Trasporti Capitaneria di Portodi Napoli Ordinanza CP n. 124 /2004 Ordinanza AP n. 23/2004 Il Presidente dell'autorità Portuale di Napoli e il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Napoli 9LVWR la legge 28.1.1994 n. 84 e il

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI PORTO TORRES

CAPITANERIA DI PORTO DI PORTO TORRES CAPITANERIA DI PORTO DI PORTO TORRES ORDINANZA N. 52/08 REGOLAMENTO DEL PORTO DI CASTELSARDO Il sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Porto Torres: VISTA VISTA VISTA VISTA

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO POLITICHE DELL AMBIENTE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO POLITICHE DELL AMBIENTE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO POLITICHE DELL AMBIENTE BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE ACQUE MARINE SUPERFICIALI DELLA FASCIA COSTIERA CALABRESE CAPITOLATO

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SAN ROCCO S.p.A

REGOLAMENTO INTERNO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SAN ROCCO S.p.A REGOLAMENTO INTERNO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SAN ROCCO S.p.A AMM. ISP.C. (C.P.) GIUSEPPE FRANCESE DECRETO N 122 DEL 27/06/2003 DEL CAPO DEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

Norme di sicurezza ditte esterne. Norme di sicurezza ditte esterne

Norme di sicurezza ditte esterne. Norme di sicurezza ditte esterne Norme di sicurezza ditte esterne Redazione * Verifica QA * Autorizzazione * Revisore QA Pedrinelli Giacomo 10:53:00 Resp. SPP Tonelli Alberto 10:32:00 Resp. Acquisti e Logistica Cozzini Silvia Verifica

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI POSTEGGI COMUNALI

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI POSTEGGI COMUNALI CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI POSTEGGI COMUNALI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 7 DEL 27 FEBBRAIO 2007 1 INDICE CAPO I OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE Art. 1 AMMISSIONE ALLA FIERA Possono essere ammessi come espositori: a) Le aziende italiane ed estere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO TURISTICO DI BISCEGLIE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO TURISTICO DI BISCEGLIE 1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO TURISTICO DI BISCEGLIE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 5 giugno 2014 Aggiornamento deliberato dal Consiglio d Amministrazione in data 31 ottobre

Dettagli

ORARI 2011. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Isola di Giannutri e ritorno. Isola del Giglio e ritorno

ORARI 2011. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Isola di Giannutri e ritorno. Isola del Giglio e ritorno Collegamento di linea Porto S. Stefano Isola di Giannutri e ritorno ORARI 2011 Collegamento di linea Porto S. Stefano Isola del Giglio e ritorno MAREGIGLIO Compagnia di Navigazione Via Umberto 1, 22 58013

Dettagli

CITTA DI RAGUSA PORTO DI MARINA DI RAGUSA PROGETTO ESECUTIVO CAPITOLATO DI GESTIONE

CITTA DI RAGUSA PORTO DI MARINA DI RAGUSA PROGETTO ESECUTIVO CAPITOLATO DI GESTIONE CITTA DI RAGUSA PORTO DI MARINA DI RAGUSA PROGETTO ESECUTIVO CAPITOLATO DI GESTIONE Art. 1.- Finalità Il porto turistico di Marina di Ragusa costituisce una infrastruttura fondamentale per la riqualificazione

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO VAN SHARING. Van Shering Imola Servizio di Van Sharing Città di Imola in Convenzione col Comune di Imola e gestita da:

REGOLAMENTO SERVIZIO VAN SHARING. Van Shering Imola Servizio di Van Sharing Città di Imola in Convenzione col Comune di Imola e gestita da: Pagina 1 di 6 Van Shering Imola Servizio di Van Sharing Città di Imola in Convenzione col Comune di Imola e gestita da: AREA BLU S.P.A REGOLAMENTO Indice 1. Tariffe pag. 1 2. Modalità di prenotazione pagg.

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA

GESTIONE DELLA SICUREZZA ASM S.p.A. AMBIENTE SERVIZI MOBILITA Via Galcianese 15, 59100 Prato SERVIZIO DI GESTIONE IMPIANTO DI SELEZIONE E TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI, SPECIALI ASSIMILATI E SPECIALI NON PERICOLOSI AI FINI DELLA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI 1. OGGETTO L armatore concede in locazione al Conduttore l imbarcazione da diporto senza equipaggio, indicata nella comunicazione di conferma di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI ANCONA

REGOLAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI ANCONA REGOLAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI ANCONA La Marina Dorica s.p.a. Società di gestione del Porto Turistico di Ancona 60125 ANCONA Via Mascino, 5L Tel. 07154800 Fax 071.54801 C.F. e P.IVA 01063560427 - E-mail:

Dettagli

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN COMUNE DI PREONE Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN Approvato con delibera C.C. n. 30 del 29 giugno 2012 REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento d esercizio

Regolamento d esercizio Regolamento d esercizio Edizione 2011 INDICE 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Campo d applicazione...3 2. CATEGORIE DEI NATANTI E DEGLI ATTRACCHI...3 2.1. Categorie dei natanti...3

Dettagli

C OMUNE D I A NDORA REGOLAMENTO COMUNALE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL BACINO TURISTICO DI ANDORA

C OMUNE D I A NDORA REGOLAMENTO COMUNALE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL BACINO TURISTICO DI ANDORA C OMUNE D I A NDORA PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL BACINO TURISTICO DI ANDORA CAPO I - DENOMINAZIONE E DESTINAZIONE DEGLI ORMEGGI ART. 1 - CATEGORIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure Ordinanza n 152/2009 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Savona

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Savona MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Savona REGOLAMENTO DEL PORTO TURISTICO MARINA DI VARAZZE (aggiornato con Ordinanza n. 17/2012 del 13/02/2012) CAPO

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE PER L OCCUPAZIONE DELLA RIVA PUBBLICA CON NATANTI (del 1. gennaio 1992)

ORDINANZA MUNICIPALE PER L OCCUPAZIONE DELLA RIVA PUBBLICA CON NATANTI (del 1. gennaio 1992) ORDINANZA MUNICIPALE PER L OCCUPAZIONE DELLA RIVA PUBBLICA CON NATANTI (del 1. gennaio 1992) aggiornata con RM del 10.07.95 aggiornata con RM del 03.06.96 aggiornata con RM del 28.01/4.02/22.04/21.05/1.07.2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE CONFERENZE. Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 29/04/2011

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE CONFERENZE. Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 29/04/2011 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE CONFERENZE Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 29/04/2011 In vigore dal 01/06/2011 1 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 3 MODALITÀ DI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PRESTAZIONALE CONCESSIONE SERVIZIO RITIRO E GESTIONE RIFIUTI DALLE NAVI CIG 56363341F5

CAPITOLATO SPECIALE PRESTAZIONALE CONCESSIONE SERVIZIO RITIRO E GESTIONE RIFIUTI DALLE NAVI CIG 56363341F5 CAPITOLATO SPECIALE PRESTAZIONALE CONCESSIONE SERVIZIO RITIRO E GESTIONE RIFIUTI DALLE NAVI CIG 56363341F5 Articolo 1 Normativa La concessione ha per oggetto l affidamento del servizio di raccolta e gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA Provincia di Rovigo Piazza Marconi, 2 45030 Villanova Marchesana (RO) REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO CENTRO RICREATIVO

Dettagli

COMUNE DI BELLAGIO http://www.comune.bellagio.co.it

COMUNE DI BELLAGIO http://www.comune.bellagio.co.it REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO COMUNE DI BELLAGIO http://www.comune.bellagio.co.it +39031950815 +39031950513 Via Giuseppe Garibaldi, n. 1 22021 BELLAGIO (Como) Italia PER LA VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROVINCIA DI FOGGIA Settore Appalti, Contratti e Assicurazioni Piazza XX settembre 20 71100 Foggia Tel 0881791412 fax 0881791330 sdagostino@provincia.foggia.it www.provincia.foggia.it Gara n SERVIZI PER

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

REGOLAMENTO PORTO TURISTICO MARINA DI BRINDISI

REGOLAMENTO PORTO TURISTICO MARINA DI BRINDISI REGOLAMENTO PORTO TURISTICO MARINA DI BRINDISI DEFINIZIONI per Porto Turistico o Porto o Approdo Turistico si intende il compendio costituito da aree private ed aree del demanio marittimo e del mare territoriale,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4401 Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 8. DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Aggiornato con le disposizioni della legge 218/2003 disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus

Dettagli

APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 26.07.2001

APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 26.07.2001 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI LIQUAMI E/O RIFIUTI LIQUIDI AL DEPURATORE COMUNALE MEDIANTE AUTOBOTTE ALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CAORLE VIA TRAGHETE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

07294870634 CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO REGOLAMENTO DI TRASPORTO PER PASSEGGERI E MERCI

07294870634 CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO REGOLAMENTO DI TRASPORTO PER PASSEGGERI E MERCI La TRA.VEL.MAR. S.r.l., appresso identificata come La Società, assume il trasporto delle persone, del loro bagaglio e degli autoveicoli, motoscooter e motociclette al seguito dei passeggeri, in conformità

Dettagli

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia ORDINANZA n. 121 SINDACO Polizia Locale OGGETTO: ATTIVAZIONE DEL SISTEMA DEI VARCHI ELETTRONICI PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO - ZTL.

Dettagli

Marina & Yacht Service Center LISTINO PREZZI. 43 30 40 N 16 14 40 E VHF: 17 ch

Marina & Yacht Service Center LISTINO PREZZI. 43 30 40 N 16 14 40 E VHF: 17 ch Marina & Yacht Service Center LISTINO PREZZI 43 30 40 N 16 14 40 E VHF: 17 ch LISTINO PREZZI Marina Trogir listino prezzi in EURO: ormeggio in mare LOA * Larghezza Annuale Stagionale Mensile Abbinato Giornaliero

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Regolamento comunale per la videosorveglianza

Regolamento comunale per la videosorveglianza COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Regolamento comunale per la videosorveglianza (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 20 maggio 2010) - 1 - SOMMARIO CAPO PRIMO: PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

Comune di Roccaromana

Comune di Roccaromana Comune di Roccaromana Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 37 del 29/09/2014 INDICE ART. 1

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 28/7 in data 31/03/2008 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze Il presente capitolato d oneri disciplina la concessione d uso

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Vista Vista Considerato Considerato MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto

Dettagli

COMUNE DI DECOLLATURA

COMUNE DI DECOLLATURA COMUNE DI DECOLLATURA ORDINANZA N.29 DELL 8.11.2010 ( PROVINCIA DI CATANZARO) Tel. 0968/61169 fax. 0968/61247 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO per le UTENZE DOMESTICHE RITENUTO necessario adottare apposito

Dettagli

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TITOLO PRIMO AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO ESPOSITORI

REGOLAMENTO ESPOSITORI REGOLAMENTO ESPOSITORI ART.1 Denominazione e organizzazione Il festival internazionale dell ambiente e dell ecologia Ecocity Expo 2014 è organizzata dall associazione no profit Città Ecocompatibile. La

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

CONCESSIONE D USO DI IMPIANTI PUBBLICITARI INSISTENTI PRESSO I CENTRI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MILANO ED IN GESTIONE A MILANOSPORT

CONCESSIONE D USO DI IMPIANTI PUBBLICITARI INSISTENTI PRESSO I CENTRI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MILANO ED IN GESTIONE A MILANOSPORT CONCESSIONE D USO DI IMPIANTI PUBBLICITARI INSISTENTI PRESSO I CENTRI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MILANO ED IN GESTIONE A MILANOSPORT S.p.A. CONTRATTO tra Milanosport S.p.A., con sede in Milano,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1. Oggetto del servizio 2. Gestione del servizio

CAPITOLATO TECNICO 1. Oggetto del servizio 2. Gestione del servizio CAPITOLATO TECNICO 1. Oggetto del servizio 1. Il presente Capitolato ha per oggetto l affidamento del servizio di prelievo, trasporto, messa in sicurezza, demolizione e radiazione dal Pubblico Registro

Dettagli

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 0,1,67(52'(//('(,7563257, &3,71(5,',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 9,672 il Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2005 n.134 Regolamento recante disciplina per le navi mercantili dei

Dettagli

COMUNE DI SALERNO Servizio Manutenzione Infrastrutture Ufficio Strade e Fogne Via Ennio Daniele, 1 84125 Salerno Tel. 089665561 Fax 089665571

COMUNE DI SALERNO Servizio Manutenzione Infrastrutture Ufficio Strade e Fogne Via Ennio Daniele, 1 84125 Salerno Tel. 089665561 Fax 089665571 Servizio Manutenzione Infrastrutture Ufficio Strade e Fogne Via Ennio Daniele, 1 84125 Salerno Tel. 089665561 Fax 089665571 SERVIZI PER IL RIPRISTINO DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA DELLA VIABILITÀ STRADALE

Dettagli

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO.

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. Approvato con Deliberazione di C.C. n. 66. del 07.07.2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE Approvato con delibera consiliare n. 26 del 4 maggio 2015 1 INDICE Art. 1 - Oggetto... Pag.

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA

PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI Società Unipersonale Marina di Pescara a r.l. Via Papa Giovanni XXIII, s.n. Palazzina Torre di Controllo 65126 Pescara Tel.

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO ACCESSO E USO PALESTRE SCOLASTICHE REGOLAMENTO

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO ACCESSO E USO PALESTRE SCOLASTICHE REGOLAMENTO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO ACCESSO E USO PALESTRE SCOLASTICHE REGOLAMENTO (Approvato con deliberazione del C.C. n. 43 del 09.06.1992) Art. 1 Le palestre scolastiche sono patrimonio dell

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA COMMUNE DE QUART VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO PER MANIFESTAZIONI

DOMANDA DI PERMESSO PER MANIFESTAZIONI DOMANDA DI PERMESSO PER MANIFESTAZIONI Richiedente / società richiedente: Persona di riferimento: Indirizzo: Telefono: Posta elettronica: Genere della manifestazione: Data della manifestazione: Luogo della

Dettagli

SCHEMA PER LA SUBCONCESSIONE n. 2 SPIAGGIA ATTREZZATA CON BALNEAZIONE, BAR, BARCHETTE A REMI

SCHEMA PER LA SUBCONCESSIONE n. 2 SPIAGGIA ATTREZZATA CON BALNEAZIONE, BAR, BARCHETTE A REMI SCHEMA PER LA SUBCONCESSIONE n. 2 SPIAGGIA ATTREZZATA CON BALNEAZIONE, BAR, BARCHETTE A REMI Tra: -L Isola dei Renai S.p.a., con sede in Signa, P.za della Repubblica n. 1, P.IVA qui di seguito indicata

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE. (approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 5 del 19/02/2009)

COMUNE DI MAGIONE. (approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 5 del 19/02/2009) COMUNE DI MAGIONE CRITERI PER IL RILASCIO E LA GESTIONE DELLE AUTORIZZAZIONI COMUNALI ALL'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DI NOLEGGIO E DI LOCAZIONE DI NATANTE DA DIPORTO SUL LAGO TRASIMENO (approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI Premessa Gli impianti sportivi come le altre strutture comunali hanno preciso intento di dare una

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali INDICE pg Art. 1 - Oggetto del Regolamento 2 Art. 2 - Spazi disponibili 2 Art. 3 - Orari d uso 2 Art. 4 - Modalità di concessione degli

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI.

CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI. CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL CAMPO DI DI. L anno il giorno del mese di alle ore, in Rosignano Marittimo e nella Sede Comunale si sono costituiti i Signori: BROGI VINCENZO, nato a Rosignano

Dettagli