PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA"

Transcript

1 PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA (art. 4 legge regionale n. 15/ 2007, Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE A DOCUMENTO STRATEGICO Gennaio 2008

2 2

3 A DOCUMENTO STRATEGICO IL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA 1.1 Il contesto territoriale: dati turistici e rilevanza turistica dell area territoriale pag Il sistema infrastrutturale pag Analisi delle risorse e attrazioni turistiche disponibili pag Acqua, ghiaccio e vapore: la sublimazione pag Terra e roccia: natura e storia pag Spirito e materia: cultura, lavoro e tradizioni pag Prodotti tipici ed enogastronomia pag Altre forme di turismo: il turismo congressuale, il turismo dello shopping e l autodromo di Franciacorta pag Analisi SWOT del settore turistico dell area pag Strategia di comunicazione, promozione e commercializzazione pag. 82 3

4 IL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA 1.1 Il contesto territoriale: dati turistici e rilevanza turistica dell area territoriale Il Sistema turistico: La sublimazione dell acqua fa riferimento ad un area geografica appartenente alla Regione Lombardia, inserita nelle due province di Bergamo e Brescia e comprendente le aree geografiche territoriali appartenenti alla Valle Camonica, alla Val di Scalve, alla Val Cavallina, al Sebino bresciano e bergamasco, alla Val Calepio e alla Franciacorta. Il Sistema turistico: La sublimazione dell acqua comprende e interessa almeno tre aree territoriali e turistiche connesse a specifici prodotti turistici prevalenti e principali secondo una tripartizione riferita: 1) area territoriale e turistica di PIANURA e COLLINA con specifico riferimento all area Franciacorta la cui forma turistica d eccellenza è rappresentata dal TURISMO ENOGASTRONOMICO connesso in particolare al TURISMO D AFFARI; 2) area territoriale e turistica LACUALE e FLUVIALE con specifico riferimento ai laghi d Iseo, Endine e laghi alpini e al fiume Oglio e ai relativi affluenti, seppur con un entroterra prevalentemente montano e significative valenze enogastronomiche e rurali; 3) area territoriale e turistica MONTANA le cui forme turistiche d eccellenza sono rappresentate, da una parte e per l inverno, dalle stazioni sciistiche e quindi dal TURISMO BIANCO e, dall altra parte per le altre stagioni, dai Parchi, in particolare il Parco Regionale dell Adamello, e quindi dal TURISMO ATTIVO nelle sue diverse accezioni e declinazioni quali a titolo esemplificativo il turismo naturalistico, attivo e didattico e le sue prevalenti pratiche come il trekking, il cicloturismo e l escursionismo all insegna dell avventura, dello sport e del pieno rispetto dell ambiente. Il TURISMO ATTIVO (cicloturismo e trekking), VERDE, CULTURALE e RURALE, nonché TERMALE rappresentano forme di turismo trasversali al territorio interessato. 4

5 In base agli indirizzi metodologici espressi nella ricerca IReR 2003 Modelli innovativi per l organizzazione del turismo a livello regionale Mappatura del turismo lombardo per definire la rilevanza turistica di una determinata area territoriale l indicatore più immediato, ancorché non sufficiente è stato identificato nella densità turistica (rapporto tra presenze nelle strutture ricettive e popolazione residente) rilevata a livello comunale e quindi aggregata per aree. La soglia minima di densità turistica è stata stabilita secondo un rapporto di almeno presenze ogni abitanti; mentre, la densità ricettiva alberghiera minima secondo una soglia di almeno 4 posti letto ogni abitanti. La selezione così operata ha portato a individuare 503 comuni turistici in Lombardia a fronte dei esistenti pari circa ad un terzo del totale. Essendo questo parametro, come sottolineato, non sufficiente ad interpretare e leggere il fenomeno complesso del turismo in una determinata area territoriale, sono state identificate ulteriori informazioni utili a consentire una sua più consona e approfondita lettura ed interpretazione. Sono state così a loro volta individuate le seguenti informazioni: 1. Il movimento turistico: ha come obiettivo quello di spiegare la rilevanza dei fenomeni turistici e, per alcuni aspetti, la loro tipologia, per cui è risultata fondamentale la rilevazione dei seguenti indicatori: a) durata della permanenza media; b) l incidenza della domanda estera. 2. La dotazione di servizi: ha come obiettivo quello di spiegare la dotazione dell offerta, limitatamente ai servizi connessi all ospitalità. In particolare, gli indicatori sono: a) l individuazione delle strutture ricettive; b) la dotazione di servizi di ristorazione; c) la presenza sul territorio di alcuni servizi ricreativi-tipo e la presenza di servizi di informazione e di accoglienza. 3. Le attrazioni turistiche: l individuazione dei fattori di attrazione viene articolata su sei voci: a) arte e cultura; b) terme; c) enogastronomia; d) fiere; e) congressi; f) parchi ricreativi. 4. La dinamicità dello sviluppo turistico: il trend di evoluzione dell offerta; 5. L eccellenza dell offerta: si intende mettere in evidenza il livello di eccellenza nell offerta relativamente ad alcuni servizi presenti in tutte, o in parte delle aree: a) la ricettività alberghiera; b) la ristorazione; c) la dotazione di impianti sciistici. 6. Il grado di sistemicità dell area: grado di collaborazione e integrazione esistente tra gli operatori pubblici e privati. Ciò premesso, di seguito, analizzeremo e confronteremo, punto per punto (con l esclusione del punto 3, oggetto del primo capitolo e del punto 6), la rispondenza dell area costituente il Sistema Turistico La sublimazione dell acqua, a questi indicatori e all identificazione delle aree turistiche realizzate da parte della stessa ricerca IReR. 5

6 Come si potrà riscontrare, esiste una forte congruità ed uniformità alle risultanze e prospettive della ricerca IReR, per altro le discrepanze, dallo studio sottolineate e non taciute, verranno adeguatamente, seppur succintamente motivate e chiarite. Analisi delle aree turistiche del sistema turistico: la sublimazione dell acqua La ricerca IReR 2003 ha individuato in totale 32 aree turistiche. Le tabelle della ricerca IreR 2003 riguardanti le aree turistiche: 1. Bassa Valle Camonica (Area turistica numero 5.2); 2. Iseo Franciacorta (Area turistica numero 7) 3. Alta Valseriana Val di Scalve (Area turistica numero 11) 4. Sebino Val Cavallina (Area turistica numero 15) fra loro accorpate coincidono esattamente con il territorio di riferimento del Sistema Turistico. Le quattro aree della ricerca IReR 2003 comprendo infatti tutti i comuni interessati dal Sistema Turistico, salvo due discrepanze: 1) l inclusione dei Comuni di Edolo e Corteno Golgi nell area turistica Bassa Valle Camonica (Area turistica numero 5.2). 2) l esclusione di tutti i comuni dell Alta Val Seriana dall area turistica Alta Valseriana Val di Scalve (Area turistica numero 11). Fatte salve queste considerazioni e discrepanze generali, di seguito analizzeremo le quattro aree turistiche. BASSA VALCAMONICA ANGOLO TERME ARTOGNE BERZO DEMO BERZO INFERIORE BIENNO BORNO BRAONE BRENO CAPO DI PONTE CEDEGOLO CERVENO CETO CEVO CIMBERGO CIVIDATE CAMUNO DARFO BOARIO TERME ESINE GIANICO LOSINE LOZIO MALEGNO MALONNO NIARDO ONO SAN PIETRO OSSIMO PAISCO LOVENO PASPARDO PIAN CAMUNO PIANCOGNO PRESTINE SAVIORE DELL'ADAMELLO SELLERO SONICO Per ciò che concerne la Bassa Valle Camonica su 33 comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 16 Comuni (in corsivo e grassetto). Nella bassa Valle Camonica la media dei comuni a rilevanza turistica è del 48,5%. 6

7 L esclusione del Comune di Bienno si giustifica ovviamente a causa degli indicatori e, tuttavia, per la ricchezza delle attrazioni turistiche appare contestabile considerando che: esiste un Museo Regionale; vengono organizzate molte manifestazioni tra cui la Mostra Mercato assai frequentata e conosciuta; Bienno appartiene al prestigioso e ristretto Club dell ANCI I Borghi più belli d Italia. A quest elenco, come detto, si devono per altro aggiungere il Comune di Edolo ed il Comune di Corteno Golgi che nella ricerca sono entrambi inseriti nella Alta Valle Camonica, ma che fanno parte integrante di questo Sistema Turistico. Il Comune di Edolo non ha infatti partecipato al PISL dell Alta Valle Camonica, bensì a quello appunto di Edolo e Sonico. Il Comune di Corteno Golgi non ha infatti partecipato al PISL dell Alta Valle Camonica, bensì al PISL denominato START promosso in parternariato con il Comune di Aprica. I comuni risultano quindi non 33, ma 35, considerando che la ricerca considera i due comuni mancanti di rilevanza turistica, per questa area il totale dei comuni di rilevanza turistica è 18 e la media è dunque oltre il 50%. ISEO FRANCIACORTA ADRO CAPRIOLO CAZZAGO SAN MARTINO CORTE FRANCA ERBUSCO ISEO MARONE MONTE ISOLA MONTICELLI BRUSATI OME PADERNO FRANCIACORTA PALAZZOLO SULL'OGLIO PARATICO PASSIRANO PISOGNE PROVAGLIO D'ISEO RODENGO-SAIANO SALE MARASINO SULZANO ZONE Per ciò che concerne l area Iseo e Franciacorta su 20 comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 17 Comuni (in corsivo e grassetto). La media di rilevanza turistica per quest area è dell 85%. ALTA VALSERIANA VAL DI SCALVE ARDESIO ONORE AZZONE PARRE CASTIONE DELLA PRESOLANA PIARIO CERETE PONTE NOSSA CLUSONE PREMOLO COLERE ROVETTA FINO DEL MONTE SCHILPARIO GANDELLINO SONGAVAZZO GORNO VALBONDIONE GROMO VALGOGLIO OLTRESSENDA VILLA D'OGNA ONETA VILMINORE DI SCALVE Per ciò che concerne l area Alta Valeriana e Val di Scalve su 24 comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 13 Comuni (in corsivo e grassetto). La media di rilevanza turistica è dell 54,2%. 7

8 In base alla suddivisione del Sistema Turistico La sublimazione dell acqua l area comprende esclusivamente i comuni appartenenti alla Valle di Scalve, cioè Azzone, Colere, Schilpario e Vilminore di Scalve, per cui su questi ultimi comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 3 comuni Tre su quattro sono i comuni di rilevanza turistica e dunque la media di rilevanza turistica, della Valle di Scalve, scorporata dall alta Valle Seriana, sale dunque al 75%. SEBINO VAL CAVALLINA (l area è data dall unione delle Comunità Montane: Monte Bronzone Basso Sebino, Alto Sebino e Valle Cavallina) ADRARA SAN MARTINO ADRARA SAN ROCCO BERZO SAN FERMO BIANZANO BORGO DI TERZO BOSSICO CASAZZA CASTRO CENATE SOPRA COSTA VOLPINO CREDARO ENDINE GAIANO ENTRATICO FONTENO FORESTO GANDOSSO GAVERINA TERME GRONE LOVERE LUZZANA MONASTEROLO DEL CASTELLO PARZANICA PIANICO PREDORE RANZANICO RIVA DI SOLTO ROGNO SARNICO SOLTO COLLINA SOVERE SPINONE AL LAGO TAVERNOLA BERGAMASCA TRESCORE BALNEARIO VIADANICA VIGANO SAN MARTINO VIGOLO VILLONGO ZANDOBBIO Per ciò che concerne il Sebino e la Val Cavallina su 38 comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 18 Comuni (in corsivo e grassetto). La media di rilevanza turistica è del 47,4%. A conclusione di questa parte del raffronto bisogna constatare che: 1) la media dei comuni turistici in Lombardia è di 503 su 1.546, cioè il 32,5%; 2) sulle 32 aree turistiche individuate dalla ricerca IReR, 4 appartengono al Sistema Turistico La sublimazione dell acqua, cioè il 12,5% del totale; 3) i comuni compresi nell area interessata dal Sistema Turistico La sublimazione dell acqua, sono 97, vale a dire il 6,2% del totale dei comuni lombardi; 4) 56 dei comuni appartenenti al Sistema Turistico sono stati considerati comuni turistici e dunque il 57,3% del totale; 5) il 10,9% del totale dei comuni turistici lombardi appartiene al territorio del Sistema Turistico. Analisi della domanda e dell offerta nelle aree individuate La distribuzione dei flussi turistici nelle strutture ricettive. 8

9 Sinteticamente l area metropolitana milanese accoglie il 37% delle presenze complessive della regione e il 46,6% degli arrivi. La fisionomia prevalente del turismo lombardo è dunque il turismo business ad elevata mobilità. La sponda lombarda del lago di Garda (Basso e Alto Garda) con oltre 5,2 ml di presenze (21,6% della regione) costituisce di gran lunga la prima area di destinazione ricettiva, seguita dall Alta Valtellina, area montana per eccellenza, con oltre 1,5 ml di presenze (6,5% della regione). Complessivamente, l area metropolitana milanese, il Garda e l Alta Valtellina concentrano il 65% delle presenze regionali e sono da considerarsi aree forti: destinate per altro a dar vita ad altrettanti sistemi turistici assestanti. Escluse le aree forti, le presenze complessivamente, inerenti alle restanti aree, si riducono dunque a circa il 35%, cioè su un totale di all incirca presenze. Se le presenze nelle 4 aree del Sistema Turistico ( ), a livello regionale, rappresentano il 5,9%, le stesse presenze rappresentano il 16,8% del restante, escluse cioè le aree forti. Anche ed ovviamente gli arrivi regionali totali ( ) si concentrano per il 65,0% nelle aree forti contro un restante 35% ( arrivi). Se gli arrivi nelle 4 aree del Sistema Turistico ( ), a livello regionale, rappresentano circa il 5,%, gli stessi arrivi rappresentano il 11,1% del restante, escluse cioè le aree forti. Si può notare, sia a livello regionale, che nella restanti aree, senza le aree forti, una maggiore percentuale per ciò che concerne le presenze rispetto agli arrivi e dunque l area si caratterizza per un grado di maggiore permanenza e soggiorno. Per ciò che concerne la densità turistica la regione presenta una densità modesta (2,8 presenze per abitante) ben lontana da quella delle regioni a maggiore orientamento turistico (il Trentino A.A., ad esempio, presenta un apporto presenze/popolazione di 41,3, la Valle d Aosta di 27,1, il Veneto di 12,8), il che riflette pienamente il ruolo che il turismo occupa nel sistema economico regionale. 9

10 Fanno eccezione le aree come l Alto e Basso Garda, l Alta Valtellina, a spiccata vocazione turistica, che presentano una densità oltre il 65 presenze per abitante, ed in parte l Alta Valle Camonica e il Lario Occidentale rispettivamente 22,8 e 16,1. La densità nelle 4 aree turistiche appartenenti al Sistema Turistico è così ripartita (la media si riferisce all area e non alla Regione): La densità media dell area, 4,7, è dunque superiore alla media regionale. Un alta permanenza media è indice della presenza di un turismo fortemente stanziale, spesso in ricettività extralberghiera, mentre una bassa permanenza media caratterizza solitamente il turismo itinerante, sia nella accezione di turismo culturale che in quella, più diffusa in Lombardia, di turismo d affari. La mappa evidenzia chiaramente come tutte le aree di vacanza presentino una permanenza media più elevata. Una permanenza molto elevata (es Bassa Valcamonica 6,6 gg.) potrebbe essere anche indice di una domanda molto statica in estate e di uno scarso apporto di forme di turismo breve. Le altre aree Iseo e Sebino presentano una media di 3 o 4 giorni e 5 giorni la Val di Scalve. 10

11 Il grado di internazionalità del movimento turistico è mediamente alto in Lombardia, con un incidenza degli stranieri che nell intera regione si colloca sul 46,1%, inferiore solo alla Toscana (48%) al Lazio (53,7%) al Trentino Alto Adige (53,9%), peraltro condizionato dalla forte presenza tedesca in Alto Adige, e al Veneto (58,4%). Complessivamente la presenza di stranieri è ben distribuita sul territorio, indotta sia da turismo di vacanza (laghi, ad esempio), sia dal turismo d affari (aree urbane). Le aree a maggiore incidenza (in qualche caso ci si avvicina all esclusività) del turismo estero sono tutte quelle lacuali, ove le presenze estere variano dal 65 al 90%. Nelle aree urbane l incidenza varia tra il 40 e il 60%, in ragione soprattutto del grado d internazionalità economica delle aree stesse, essendo largamente dipendenti dal turismo d affari. Le aree in cui l incidenza è più bassa sono quelle ove il turismo è orientato alla sola vacanza montana estiva o al soggiorno termale (Bassa Valcamonica, Valli Bergamasche, Valsassina, Oltrepo pavese). Molte di queste aree sono anche quelle che presentano una permanenza media più elevata, indice di scarsa mobilità. L attrazione nei confronti degli stranieri (Presenze straniere/presenze totali) è nel Sistema Turistico così distribuita (la media si riferisce all area e non alla Regione): Come sottolineato dalle considerazioni presenti nella ricerca dell IReR, anche per il presente Sistema Turistico è prevalentemente il prodotto turistico lago ad attrarre il turista estero, ciò spiega l alta affluenza di turisti stranieri nel Sebino e nell area Iseo/Franciacorta, in quest ultima è probabilmente anche il vino ad attrarre il turismo internazionale. Bisogna sottolineare invece come le aree Bassa Valle Camonica e Val di Scalve, fra le 32 aree, siano agli ultimi due posti di questa particolare classifica. Rispetto alla media regionale l area interessata dal Sistema Turistico presenta una media inferiore. 11

12 Il turismo extralberghiero è essenzialmente turismo in campeggio, essendo questa la forma di ricettività maggiormente rilevata. L incidenza del turismo nei campeggi è massima nelle aree lacuali, dove supera ovunque il 50% delle presenze complessive: Val Sabbia-Val Trompia (Lago d Idro), Iseo-Franciacorta, Basso Garda, Lario Occidentale, Lago Maggiore; in alcuni di questi casi la forte presenza di turismo in campeggio si accompagna ad una elevata incidenza di stranieri. Presenta tuttavia una significativa incidenza (dal 20 al 40%) anche in aree montane dove il campeggio svolge una funzione di succedaneo alla seconda casa, con l utilizzo di caravan stanziali per i turisti pendolari delle aree urbane lombarde (Val Camonica, Val Brembana, Val Seriana, Valsassina). L incidenza di questa particolare forma di turismo nelle aree del Sistema Turistico è assai rilevante: si va infatti da una incidenza tra il 20 ed il 35% nelle aree Sebino e Bassa Val Camonica, quindi tra il 35% e il 50% nell area della Valle di Scalve e infine oltre il 50% nell area di Iseo/Franciacorta. 12

13 Il tema del turismo in appartamento è assai ostico per cui ci limitiamo a riportare un grafico di sintesi, ricordando che la media per aree è di 12,8 (p.l.appart.tur.+p.l.alloggi REC/p.l.alberghi): Riportiamo di seguito una tabella riassuntiva inerente alla ricettività alberghiera ed extralabreghiera con riferimento esclusivo alle aree del Sistema Turistico. Dalla tabella di sintesi emergono almeno due fatti degni di attenzione e riflessione: 1) da una parte, con l eccezione dell area Iseo/Franciacorta, prevale nettamente la ricettività in appartamento; 2) dall altra parte, sempre con l eccezione dell area Iseo/Franciacorta, appare del tutto irrilevante il soggiorno in agriturismo. Queste due caratteristiche non rappresentano per altro un anomalia all interno della Regione Lombardia, tutt altro, se si escludono le aree di pianura, e, tuttavia, sembrerebbe fondamentale, al fine di diversificare l offerta ricettiva lombarda incentivare il soggiorno in albergo e negli agriturismo e specialmente e soprattutto nelle aree montane. Il territorio appartenente al Sistema Turistico, in linea generale, sembra rientrare nelle due tipologie Aree lacuali a prevalente vocazione open air e Aree di montagna a prevalente ricettività in appartamento. Affrontiamo ora l analisi secondo una differenziazione di tipologia ricettiva. 13

14 L offerta ricettiva e le sue caratteristiche IL SOGGIORNO IN ALBERGO La disponibilità quantitativa di posti letto alberghieri sul territorio è indice indipendentemente da altre variabili della consistenza dell offerta che garantisce un turismo più evoluto, più duraturo nell arco stagionale ed a maggiore redditività per l intero territorio ( ) La distribuzione dei posti letto per tipologie di ricettività consente di individuare un profilo delle aree in rapporto all offerta ricettiva. 14

15 Dalle due cartine si nota una certa uniformità delle quattro aree interessate con due distinguo: 1) le due aree montane Bassa Valcamonica e Val di Scalve, presentano indici più elevati soprattutto in riferimento alla densità ricettiva alberghiera; 2) l area Sebino/Val Cavallina appare la meno strutturata. Per analizzare e leggere i dati sul soggiorno in albergo proponiamo alcune chiavi interpretative partendo da due considerazioni oggettive che appaiono ai nostri occhi fondamentali e discriminati: 1) Milano per il turismo d affari, il Garda per il turismo lacuale e la Valtellina per il turismo montano spiccano ed appaiono le aree a maggior vocazione turistica e con il maggior afflusso del turismo internazionale, quindi sono destinate a costituire altrettanti sistemi turistici a se stanti. 2) è nelle aree a forte intensità urbana che il turismo si caratterizza per un offerta essenzialmente alberghiera, e quindi prevalentemente nelle aree di pianura; Come abbiamo detto il territorio interessato dal Sistema Turistico La sublimazione dell acqua potrebbe rientrare nelle categorie Aree lacuali a prevalente vocazione open air e Aree di montagna a prevalente ricettività in appartamento e tuttavia ad un raffronto più ravvicinato si possono notare alcune differenziazioni. Di seguito riportiamo i dati assoluti di presenze e posti letto del Sistema Turistico: Ad un confronto comparativo su base regionale le presenze in albergo nel Sistema Turistico costituiscono il 4,4% del totale regionale e rappresentano il 6,6% per ciò che concerne i posti letto. 15

16 Il risultato appare assai modesto anche perché, sempre ad un livello regionale, il maggior peso della seconda voce indica chiaramente un minor utilizzo delle strutture alberghiere. Tuttavia, nella classifica regionale fra presenze e posti letto e dunque tra domanda ed offerta emerge che la Bassa Valcamonica ed il Sebino conservano le loro posizioni (10 a e 25 a ), mentre la Val di Scalve è 22 a posizione per ciò che concerne la domanda, ma 14 a per ciò che concerne l offerta. Viceversa l area Iseo è 14 a per ciò che concerne la domanda e 18 a per ciò che concerne l offerta. In base alle due considerazioni precedenti proponiamo, tuttavia, due distinte ed alternative letture dei dati. 16

17 1. I grafici che seguono riportano i dati su presenze e posti letto in albergo scorporati: al totale della Regione Lombardia e al totale del Sistema Turistico si affiancano i dati delle tre aree forti (Milano, Garda e Valtellina) e le restanti aree turistiche In questa logica e prospettiva, ciò che appare discriminate ed interessante è allora il raffronto fra il Sistema Turistico e le altre aree turistiche con l esclusione dunque delle tre aree forti. In questo caso, la percentuale di presenze e posti letto in albergo del Sistema Turistico rispetto al totale delle rimanenti aree turistiche è rispettivamente del 14,9% e del 17,9%. 17

18 2. I grafici che seguono riportano i dati su presenze e posti letto in albergo scorporati: al totale della Regione Lombardia e al totale del Sistema Turistico si affiancano i dati delle aree a forte intensità urbana e dunque di pianura e le restanti aree turistiche. In questa logica e prospettiva, ciò che appare discriminate ed interessante è allora il raffronto fra il Sistema Turistico e le altre aree turistiche con l esclusione dunque delle tre aree urbane e pianeggianti. In questo caso, la percentuale di presenze e posti letto in albergo del Sistema Turistico rispetto al totale delle rimanenti aree turistiche è rispettivamente del 13% e del 15,8%. 18

19 3. Infine, se volessimo ulteriormente scorporare i dati escludendo sia le aree urbane che quelle forti e confrontare il Sistema Turistico con le aree restanti risulterebbero i seguenti grafici e dati. In questo caso, la percentuale di presenze e posti letto in albergo del Sistema Turistico rispetto al totale delle rimanenti aree turistiche sarebbe rispettivamente del 36,2% e del 33,9%. In altre parole, ad un raffronto con aree più simili ed omogenee, il peso del sistema alberghiero del Sistema Turistico, apparirebbe meno irrilevante che a livello regionale e, perciò, notevolmente meno ristretto. Per di più e soprattutto, si riscontra un utilizzo maggiore delle stesse strutture alberghiere. Queste percentuali, per altro, per essere soppesate e comparabili più adeguatamente, dovrebbero anche tener conto dell estensione delle aree analizzate e del numero degli abitanti residenti nelle stesse. Analizziamo ora gli stessi dati da una prospettiva interna al sistema turistico. 19

20 La ricettività open air L offerta di campeggi e villaggi turistici ha la sua maggior concentrazione su tutti i laghi lombardi, per questo motivo il raffronto in questo caso più adeguato è forse fra aree gravitanti intorno ai quattro laghi maggiori: Garda, Maggiore, di Como e lago di Iseo. L esistenza di molti laghi alpini è in questo caso trascurata seppur non del tutto irrilevante in questa analisi. Su base regionale, il Sistema Turistico rappresenta come disponibilità di posti letto in campeggio il 15,6% del totale, mentre raffrontato alle aree gravitanti intorno agli altri quattro laghi (Aree: 8, 9, 17, 18, 19, 20, 21, 24, 25 e 26) rappresenta il 22,7%. Vale la pena di raffrontare ora, esclusivamente, i quattro laghi scorporando quindi la voce Altre Aree Lacustri. In questo caso la ricettività open air fra laghi vede il lago di Garda rappresentare il 44,8% della ricettività, il lago di Como il 21,6%, il lago Maggiore il 17,2 ed il Sistema Turistico lago d Iseo il 16,5%. 20

21 La ricettività in Agriturismo Come precedentemente detto, in Italia e Lombardia lo sviluppo agrituristico è stato relativamente debole. Le aree turistiche appartenenti al Sistema Turistico vedono una decisa contrapposizione fra l area bresciana e quella bergamasca: Iseo e Bassa Val Camonica presentano infatti tra i 100 e i 200 posti letto in strutture agrituristiche, inferiori solo agli indici del Lago Maggiore Orientale e all Alto Garda, mentre le aree Sebino e Val di Scalve soltanto fino a 30 posti letto. Qualità e tipologia dell offerta ricettiva alberghiera La qualità e la tipologia dell offerta ricettiva alberghiera, nell analisi dell IreR, come nella nostra analisi, meritano sicuramente una particolare attenzione. La definizione di una strategica di sviluppo e promozione turistica che possa perseguire efficacemente e realisticamente la finalità di implementare i flussi turistici nella Regione Lombardia, come nel Sistema Turistico, non può assolutamente prescindere dalla qualità dell offerta turistica alberghiera. Allo stesso tempo non è possibile prescindere dalla precisa identificazione del/i segmento/i di mercato turistico su cui si vuole concentrare lo sviluppo e la promozione turistica e, dunque, sull identificazione della/e forma/e di turismo su cui indirizzare e concentrare le azioni e gli interventi. In altri termini, è la sfida alla qualità e tipologia del prodotto e dell offerta turistica a risultare il vero e primo fattore di competitività del settore turistico. La dimensione alberghiera costituisce un indicatore importante per valutare indirettamente il grado di competitività aziendale. ( ) La crescita della dimensione media alberghiera è 21

22 condizione per il rafforzamento del sistema turistico lombardo e dovrà quindi essere considerata con molta attenzione nelle politiche regionali. Da un punto di vista dimensionale interno all area del Sistema Turistico l area del Sebino appare quella meno strutturata (35), spicca in questa classifica invece la Val di Scalve (41). La media (37,5) è comunque inferiore ai 40 posti e dunque inferiore alle 20 camere per struttura ricettiva. All interno dell area del Sistema Turistico l albergo a tre stelle risulta essere la tipologia più diffusa (4.483 posti letto totali), mentre l albergo di qualità a 4 o 5 stelle risulta sul territorio poco diffuso (1.317 posti letto totali per una percentuale del 14,3%). Fa eccezione l area di Iseo/Franciacorta che non solo presenta una differenziazione più articolata e bilanciata, ma con ben 815 posti letto in alberghi da 4 e 5 stelle rappresenta nel Sistema Turistico il 61,9% dell offerta di qualità complessiva. Vi è una buona correlazione tra dimensione media alberghiera e livello qualitativo dell offerta, per cui, di seguito, riportiamo una tabella riassuntiva del Sistema Turistico inerente alla distribuzione per livelli di offerta (distribuzione % posti letto per stelle). Posti letto Alberghieri Distribuzione % 1-2 stelle 3 stelle 4-5 stelle Residence Bassa Valcamonica ,0 48,3 9,4 5,2 Iseo Franciacorta ,1 36,9 37,7 4,3 Sebino - Val Cavallina ,7 54,0 5,3 0,0 Alta Valseriana - Val di Scalve ,2 57,6 5,1 0,0 TOTALE ,9 48,8 14,3 2,9 Per ciò che concerne il rapporto bagni/camere tutte le aree del Sistema Turistico sono al di sopra della quota minima di livello di qualità per strutture considerate di qualità decisamente bassa fissata a 0,9 e tuttavia con l eccezione della Valle di Scalve (0,97) sono inferiori alla media regionale 0,96. Infine, dall analisi dell utilizzo lordo alberghiero ((presenze/posti letto x 365)x 100) emerge che le due aree bresciane Iseo e Bassa Valcamonica presentano una percentuale d utilizzo fra il 20 e 30%, mentre nelle due aree bergamasche la stessa è inferiore al 20%. 22

23 Altrettanto importante è analizzare l evoluzione dell offerta alberghiera, così abbiamo rielaborato ed applicato al Sistema Turistico l analisi della ricerca IReR nella parte inerente alla variazione dei posti letto e alla variazione di dimensione aziendale tra il 1994 ed il L area interessata dal Sistema Turistico appare in forte crisi: su 12 aree in contrazione ben tre appartengono al Sistema Turistico: le aree che hanno visto il maggior decremento dei posti letto sono in larga prevalenza le aree della bassa montagna. Fa eccezione l area Iseo/Franciacorta in rilevante espansione (+25,2% prima fra le aree turistiche regionali): l area con maggiore incremento di posti letto si rivela l Iseo-Franciacorta, che già attraverso altri indicatori è emersa come un area in ascesa, caratterizzata dall eccellenza enogastronomica e dalla buona qualità delle strutture. Con l eccezione dell area Iseo/Franciacorta (+27,4) ed in parte del Sebino (+10,5) anche la dimensione aziendale non presenta indici particolarmente rosei ad un confronto regionale. Addirittura in negativo la Bassa Valcamonica. A conclusione della breve analisi sull evoluzione dell offerta alberghiera diamo un occhiata alle presenze con riferimento all intervallo temporale che va dal 1998 al 2001: la variazione delle presenze è il miglior indicatore di sintesi per decretare il successo turistico di un area. 23

AVVISO PUBBLICO Rivolto a soggetti svantaggiati non percettori di indennità o sussidi derivanti dallo stato di disoccupazione o inoccupazione

AVVISO PUBBLICO Rivolto a soggetti svantaggiati non percettori di indennità o sussidi derivanti dallo stato di disoccupazione o inoccupazione AVVISO PUBBLICO Rivolto a soggetti svantaggiati non percettori di indennità o sussidi derivanti dallo stato di disoccupazione o inoccupazione 1. PREMESSA Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale,

Dettagli

IL SISTEMA TURISTICO

IL SISTEMA TURISTICO IL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA Sviluppo, valorizzazione e promozione del turismo integrato come modello di responsabilizzazione sociale dei territori a vocazione turistica INDICE IL SISTEMA

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA

PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA (art. 4 legge regionale n. 15/ 2007, Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) A DOCUMENTO STRATEGICO I

Dettagli

Costi Materiali ferrosi

Costi Materiali ferrosi Adrara San Martino 1927 37.710 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 19,57 P Adrara San Rocco 804 22.420 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 27,89 P Albano Sant'Alessandro 6955 81.130 - - - - - - - 11,66 P

Dettagli

CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO

CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO Andrea Macchiavelli- CeSTIT Università di Bergamo LA PROVINCIA DI BERGAMO IN LOMBARDIA LA MONTAGNA IL LAGO BERGAMO E LA PIANURA La montagna INDICATORI

Dettagli

INDIRIZZI DELLE SEDI DISTRETTUALI DELL ASL DI BERGAMO E ELENCO COMUNI DEL TERRITORIO CON RELATIVI AMBITI DI ZONA E DISTRETTUALI

INDIRIZZI DELLE SEDI DISTRETTUALI DELL ASL DI BERGAMO E ELENCO COMUNI DEL TERRITORIO CON RELATIVI AMBITI DI ZONA E DISTRETTUALI Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo Via Gallicciolli, 4-24121 Bergamo - C.F. e P.I. 02584740167 INDIRIZZI DELLE SEDI DISTRETTUALI DELL ASL DI BERGAMO E ELENCO COMUNI DEL TERRITORIO CON

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE PER TIROCINIO CURRICULARE ED EXTRACURRICULARE

AVVISO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE PER TIROCINIO CURRICULARE ED EXTRACURRICULARE AVVISO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE PER TIROCINIO CURRICULARE ED EXTRACURRICULARE PROGETTO BORSE DI TIROCINIO FINANZIATE DAL CONSORZIO BIM OGLIO Premessa L iniziativa nasce nell ambito dell

Dettagli

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE ALTRE RACCOLTE DIFFERENZIATE

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE ALTRE RACCOLTE DIFFERENZIATE TABELLE DI DETTAGLIO SULLE ALTRE RACCOLTE DIFFERENZIATE Altri metalli Olio vegetale Pneumatici Raccolta multimateriale RAEE Stracci e indumenti dismessi Altre raccolte differenziate ALTRI METALLI Comune

Dettagli

Bike tour dell Oglio 30 31 maggio 1 e 2 giugno 2015

Bike tour dell Oglio 30 31 maggio 1 e 2 giugno 2015 Bike tour dell Oglio 30 31 maggio 1 e 2 giugno 2015 Aperte le iscrizioni al Bike Tour dell Oglio, la pedalata non competitiva per 50 ciclisti, lungo la Ciclovia del Fiume Oglio: 280 chilometri in quattro

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE AGRARIA 1 REGIONE AGRARIA 2 Comuni di: AVERARA, BRANZI, CARONA, CASSIGLIO, CUSIO, FOPPOLO, ISOLA DI FONDRA, LENNA, MEZZOLDO, MOIO DE` CALVI, OLMO AL

Dettagli

Da Brescia a Paratico Km.30

Da Brescia a Paratico Km.30 Da Brescia a Paratico Km.30 Lunghezza: Km 30 Tempo di percorrenza: Circa due ore e trenta Andamento: Aperto Fondo: Asfalto e sterrato Tipo di bicicletta:: City bike, da strada, Mtb Grado di difficoltà:

Dettagli

RILEVAMENTO DEL TRAFFICO AGGIORNATO AL 31.12.2011. Ufficio Catasto Strade Bergamo, febbraio 2012

RILEVAMENTO DEL TRAFFICO AGGIORNATO AL 31.12.2011. Ufficio Catasto Strade Bergamo, febbraio 2012 PROVINCIA DI BERGAMO Settore Viabilità e Trasporti RILEVAMENTO DEL TRAFFICO AGGIORNATO AL 31.12.2011 Ufficio Catasto Strade Bergamo, febbraio 2012 TABELLA A SEZIONE DI RILEVAMENTO FISSE TABELLA B TABELLA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA, QUADRO ECONOMICO ED ELENCO STRADE OGGETTO DELL APPALTO

RELAZIONE TECNICA, QUADRO ECONOMICO ED ELENCO STRADE OGGETTO DELL APPALTO PROVINCIA DI BRESCIA AREA TECNICA SETTORE MANUTENZIONE E VIABILITA RELAZIONE TECNICA, QUADRO ECONOMICO ED ELENCO STRADE OGGETTO DELL APPALTO INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA DELLA SEGNALETICA STRADALE

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIO SANITARI

CARTA DEI SERVIZI SOCIO SANITARI CARTA DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ASL DI VALLECAMONICA - SEBINO NUOVA EDIZIONE OTTOBRE 2012 Vicini al cittadino: non è uno slogan, ma un impegno concreto da tradurre ogni giorno in realtà. La Carta dei

Dettagli

PROGETTI DI ECCELLENZA PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DEL SISTEMA TURISTICO NAZIONALE PROGETTO ISEO EXPRESS BUS

PROGETTI DI ECCELLENZA PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DEL SISTEMA TURISTICO NAZIONALE PROGETTO ISEO EXPRESS BUS All. 1 PROGETTI DI ECCELLENZA PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DEL SISTEMA TURISTICO NAZIONALE PROGETTO ISEO EXPRESS BUS NELL AMBITO DEL PROGETTO ACQUE DI LOMBARDIA: FIUMI, LAGHI E NAVIGLI PREMESSA Il presente

Dettagli

COMUNE DI ARCENE Email: protocollo@pec.comune.arcene.bg.it

COMUNE DI ARCENE Email: protocollo@pec.comune.arcene.bg.it Regione Lombardia - Giunta ASSESSORE A SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE SIMONA BORDONALI Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sicurezza@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

1993 il flusso turistico, a 150. livello nazionale, evidenzia 140. una costante crescita nel 130

1993 il flusso turistico, a 150. livello nazionale, evidenzia 140. una costante crescita nel 130 NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Numero 7 settembre 2005 IL TURISMO IN LOMBARDIA ANNO In questo numero di NOTIZIESTATISTICHE si vuole offrire un excursus del settore turistico in Lombardia con

Dettagli

INTERVENTI PER L'ORIENTAMENTO E L'OCCUPAZIONE DEI DISABILI

INTERVENTI PER L'ORIENTAMENTO E L'OCCUPAZIONE DEI DISABILI AZIONE PROGETTI CON INTERVENTI DI CARATTERE TRASVERSALE SU TUTTO IL TERRITORIO INCONTRO DOMANDA-OFFERTA PROVINCIALE Denominazione Ente Erogatore o Capofila ATS PROVINCIA di BERGAMO - CpI - Collocamento

Dettagli

LA CICLOVIA DELL OGLIO, UN PROGETTO AMBIZIOSO UNISCE GLI IMPORTANTI ENTI DI QUATTRO PROVINCE LOMBARDE

LA CICLOVIA DELL OGLIO, UN PROGETTO AMBIZIOSO UNISCE GLI IMPORTANTI ENTI DI QUATTRO PROVINCE LOMBARDE LA CICLOVIA DELL OGLIO, UN PROGETTO AMBIZIOSO UNISCE GLI IMPORTANTI ENTI DI QUATTRO PROVINCE LOMBARDE Quando l unione fa la forza: cinque enti in un asse strategico per il turismo sulle due ruote italiano

Dettagli

POSTI LETTO. tot. P.l. macroaree di cui 1* n. strut.

POSTI LETTO. tot. P.l. macroaree di cui 1* n. strut. OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Rapporto congiunturale area Orobie bergamasche consuntivo invernale 2009-2010 OSSERVATORIO TURISTICO PROVINCIA PIANO DI CAMPIONAMENTO FINALE CONGIUNTURALE

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG)

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) PREMESSA Lo studio del traffico relativo al Piano del Governo del Territorio si articolerà in tre fasi distinte:

Dettagli

Al Responsabile dell'ufficio Tecnico di:

Al Responsabile dell'ufficio Tecnico di: Giunta Regionale DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA SVILUPPO DI SISTEMI FORESTALI, AGRICOLTURA DI MONTAGNA, USO E TUTELA DEL SUOLO AGRICOLO Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it

Dettagli

PENDOLARISMO E SISTEMI LOCALI DEL LAVORO in provincia di Bergamo (2011)

PENDOLARISMO E SISTEMI LOCALI DEL LAVORO in provincia di Bergamo (2011) PENDOLARISMO E SISTEMI LOCALI DEL LAVORO in provincia di Bergamo (2011) Spostamenti giornalieri per motivi di studio e di lavoro (Censimento della Popolazione 2011) e nuova configurazione dei Sistemi Locali

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Lavori di realizzazione di parte del collettore intercomunale della Valle Camonica e del depuratore di Esine (BS).

PROGETTO ESECUTIVO. Lavori di realizzazione di parte del collettore intercomunale della Valle Camonica e del depuratore di Esine (BS). Comunità Montana di Valle Camonica Valle Camonica Servizi S.p.A. PROGETTO ESECUTIVO Lavori di realizzazione di parte del collettore intercomunale della Valle Camonica e del depuratore di Esine (BS). Primo

Dettagli

"Famiglia e Lavoro.Dimensioni umane in contrapposizione o sinergia?"

Famiglia e Lavoro.Dimensioni umane in contrapposizione o sinergia? "Famiglia e Lavoro.Dimensioni umane in contrapposizione o sinergia?" PRESENTAZIONE DELLA RICERCA "Il lavoro è il fondamento su cui si forma la vita familiare, la quale è un diritto naturale ed una vocazione

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Referente per l'istruttoria della pratica: MARIA GRAZIA SIGALINI Tel. 030/3462438

Referente per l'istruttoria della pratica: MARIA GRAZIA SIGALINI Tel. 030/3462438 Regione Lombardia - Giunta PRESIDENZA COORDINAMENTO SIREG E STER SEDE TERRITORIALE DI BRESCIA Via Dalmazia, 92/94 25125 Brescia www.regione.lombardia.it bresciaregione@pec.regione.lombardia.it Tel 030

Dettagli

Milano, 18 gennaio 2011 COMUNICATO STAMPA. ANDAMENTO TURISTICO AUTUNNO 2010 e PREVISIONI PER L INVERNO

Milano, 18 gennaio 2011 COMUNICATO STAMPA. ANDAMENTO TURISTICO AUTUNNO 2010 e PREVISIONI PER L INVERNO Milano, 18 gennaio 2011 COMUNICATO STAMPA ANDAMENTO TURISTICO AUTUNNO 2010 e PREVISIONI PER L INVERNO Bilancio positivo per le strutture ricettive lombarde nell ultimo trimestre 2010 Il 2010 si chiude

Dettagli

TURISMO OBIETTIVI INDICATORI. Strutture turistiche. Mettere in luce quanto la disponibilità ricettiva può influire sull ambiente.

TURISMO OBIETTIVI INDICATORI. Strutture turistiche. Mettere in luce quanto la disponibilità ricettiva può influire sull ambiente. OBIETTIVI Mettere in luce quanto la disponibilità ricettiva può influire sull ambiente Tracciare la tendenza dei flussi e la loro distribuzione sul territorio Evidenziare le aree che richiedono maggiore

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

Servizi Idrici Valle Camonica s.r.l.

Servizi Idrici Valle Camonica s.r.l. Servizi Idrici Valle Camonica s.r.l. VERBALE DETERMINAZIONI AMMINISTRATORE UNICO n. 1 del 05 gennaio 2015 Il giorno 05 gennaio 2015, presso la sede sociale di Via Mario Rigamonti n. 65 in Darfo Boario

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE AGRARIA 1 REGIONE AGRARIA 2 Comuni di: BERZO DEMO, CEDEGOLO, CEVO, CORTENO GOLGI, EDOLO, INCUDINE, MALONNO, MONNO, PAISCO LOVENO, PONTE DI LEGNO, SAVIORE

Dettagli

RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO

RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO La mobilità fa capo all unica strada importante che interessa Borno: la S.P. 5 Malegno Borno Confine Bergamasco che, attraversando il territorio comunale

Dettagli

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME La Valle dei Segni 3 marzo 2012 Capo di Ponte UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME Arch. Michela Vielmi Presidente Consorzio Turistico Terme di Boario I TEMI 1. CONTESTO: Valle

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

API. VIA F. LIPPI, 30 25134 BRESCIA TEL. 030/23076 FAX 030/2304108 e-mail: info@api.bs.it ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE ADERENTE ALLA CONFAPI

API. VIA F. LIPPI, 30 25134 BRESCIA TEL. 030/23076 FAX 030/2304108 e-mail: info@api.bs.it ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE ADERENTE ALLA CONFAPI ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE ADERENTE ALLA CONFAPI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE UBICATE NELLE AREE DEPRESSE (FESR - Docup Obiettivo 2 Regione Lombardia 2000-2006) AVVIO BANDI DI PRESENTAZIONE DELLE

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2011

RAPPORTO ANNUALE 2011 RAPPORTO ANNUALE 2011 Analisi e monitoraggio dei flussi e dell evoluzione turistica sul territorio bergamasco Introduzione Il turismo si presenta sempre più come un fenomeno complesso e articolato che

Dettagli

Ing. Marco Passigato Gruppo tecnico FIAB 25/02/2012

Ing. Marco Passigato Gruppo tecnico FIAB 25/02/2012 San Donà di Piave 2 marzo 2012 Seminario Il cicloturismo, opportunità per il turismo rurale del Veneto Orientale I manuali Infrastrutture a servizio del cicloturismo 2 Le reti Eurovelo e Bicitalia i cicloturisti

Dettagli

GAL dei Due Laghi Progetto Turismo Tematico Il Poliedro Istituto di Ricerche

GAL dei Due Laghi Progetto Turismo Tematico Il Poliedro Istituto di Ricerche CAPITOLO 1 Premessa Obiettivi, metodologia, inquadramento 1 L obiettivo del Progetto è quello di proporre, mediante una attenta lettura dei flussi turistici e delle risorse e opportunità locali, alcuni

Dettagli

Direzione Regionale della Lombardia

Direzione Regionale della Lombardia Prot. 2010/57157 Direzione Regionale della Lombardia Attivazione della Direzione Provinciale di Competenza territoriale per la registrazione degli atti notarili e degli atti emessi dagli Ufficiali roganti

Dettagli

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE PRINCIPALI RACCOLTE DIFFERENZIATE

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE PRINCIPALI RACCOLTE DIFFERENZIATE TABELLE DI DETTAGLIO SULLE PRINCIPALI RACCOLTE DIFFERENZIATE Carta e cartone Vetro Scarti vegetali Rifiuto organico ex F.O.R.S.U. Metalli ferrosi Plastica Legno CARTA E CARTONE Comune (241 Comuni) Adrara

Dettagli

Report del mercato del lavoro in Provincia di Brescia Suddivisione per Comuni I Trimestre 2014

Report del mercato del lavoro in Provincia di Brescia Suddivisione per Comuni I Trimestre 2014 AREA SVILUPPO ECONOMICO Settore Lavoro e Formazione Professionale Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Brescia Report del mercato del lavoro in Provincia di Brescia Suddivisione per Comuni

Dettagli

PIANO DI RISCHIO INTEGRATO AREA DI BERGAMO CAPITOLO 1. INTRODUZIONE AL PROGETTO E SINTESI NON TECNICA DEI RISULTATI OTTENUTI

PIANO DI RISCHIO INTEGRATO AREA DI BERGAMO CAPITOLO 1. INTRODUZIONE AL PROGETTO E SINTESI NON TECNICA DEI RISULTATI OTTENUTI PIANO DI RISCHIO INTEGRATO AREA DI BERGAMO CAPITOLO 1. INTRODUZIONE AL PROGETTO E SINTESI NON TECNICA DEI RISULTATI OTTENUTI Emis.N. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato 01 Agosto 2011 Prima Emissione

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche

L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche Milano, 12 ottobre 2010 COMUNICATO STAMPA ANDAMENTO TURISTICO ESTATE 2010 E PREVISIONI PER L AUTUNNO L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche Nel trimestre estivo il 63,6% delle

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

VENDITA > ALBERGHI-RESIDENCE > Noventa di Piave (VE) Z.I. ALBERGO - PROSSIMA REALIZZAZIONE

VENDITA > ALBERGHI-RESIDENCE > Noventa di Piave (VE) Z.I. ALBERGO - PROSSIMA REALIZZAZIONE VENDITA > ALBERGHI-RESIDENCE > Noventa di Piave (VE) Z.I. ALBERGO - PROSSIMA REALIZZAZIONE DESCRIZIONE IL PROGETTO Alla base di questo progetto c è l idea di offrire alle aziende uno spazio di nuova concezione

Dettagli

Le implicazioni del cambiamento climatico sulle destinazioni alpine lombarde

Le implicazioni del cambiamento climatico sulle destinazioni alpine lombarde Le implicazioni del cambiamento climatico sulle destinazioni alpine lombarde Per le fotografie si ringraziano Luca Grimaldi - IREALP - e il Prof. Michele Corti - Università di Milano, Facoltà di Agraria

Dettagli

Ruolo della Comunità Montana in Valle Camonica

Ruolo della Comunità Montana in Valle Camonica Premesse Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) è uno strumento di semplificazione amministrativa telematico: attraverso l ausilio di altri strumenti di semplificazione - come ad esempio

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova La rete ciclabile provinciale: programmi e progetti arch. Annarosa Rizzo Sicurezza Stradale e Mobilità Sostenibile provincia di mantova Perché la provincia di mantova si è impegnata per costruire una rete

Dettagli

ASSOCIAZIONE TITOLARI DI SINDACATO REGIONALE ORDINE DEI FARMACISTI FARMACIA BRESCIA TITOLARI DI FARMACIA BRESCIA

ASSOCIAZIONE TITOLARI DI SINDACATO REGIONALE ORDINE DEI FARMACISTI FARMACIA BRESCIA TITOLARI DI FARMACIA BRESCIA gruppo "B" 1 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

RIPARTO FONDI B.I.M.

RIPARTO FONDI B.I.M. ARDESIO RIQUALIFICAZIONE VIA LEONARDO DA VINCI QUALE INGRESSO DEL PAESE DA NORD 39.000,00 39.000,00 2000 RISTRUTTURAZIONE IMMOBILE DENOMINATO "VILLA DEGLI ABETI" NEL PARCO SEDE DEL CONSORZIO FORESTALE

Dettagli

B1_Contesto Territoriale

B1_Contesto Territoriale B1_Contesto Territoriale 1 Identificazione del territorio L infrastruttura 100% Urban Green Mobility Alto Mantovano sviluppata da Sisam Spa in collaborazione con Garda Uno spa si va a localizzare in maniera

Dettagli

STRADE E OPERE STRUTTURALI

STRADE E OPERE STRUTTURALI STRADE E OPERE STRUTTURALI "Nuova Palestra presso l'edificio della nuova scuola elementare di Gavardo" lavori di 2 stralcio funzionale Comune di Gavardo 2012/2013 Progettazione strutturale, Direzione Lavori

Dettagli

ORGANICO SOSTEGNO 2013-14 SCUOLA DI I GRADO

ORGANICO SOSTEGNO 2013-14 SCUOLA DI I GRADO Allegato 3 circ. n.10938 del 19/07/2013 ORGANICO SOSTEGNO 2013-14 SCUOLA DI I GRADO ORGANICO DI DIRITTO CATTEDRE PSICOFISICI ORGANICO DI FATTO CATTEDRE SENSORIALI UDITO CATTEDRE SENSORIALI VISTA Codici

Dettagli

Il sistema agricolo territoriale delle aree periurbane di pianura irrigua 4.

Il sistema agricolo territoriale delle aree periurbane di pianura irrigua 4. Il sistema agricolo territoriale delle aree periurbane di pianura irrigua 4. Nel territorio della regione Lombardia il secondo sistema di agricoltura periurbana individuato si sviluppa in senso orientale,

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA CONSISTENZA dell INFRASTRUTTURA

RELAZIONE DESCRITTIVA CONSISTENZA dell INFRASTRUTTURA Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura CONSORZIO SERVIZI VALLE CAMONICA 25047 Daro Boario Terme (BS) Via Mario Rigamonti, 65 Tel. 0364.542111 - Fax 0364.535230 Codice Fiscale 01254100173

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

Perdita di Competitività ITALIA

Perdita di Competitività ITALIA Perdita di Competitività ITALIA Totale assenza di qualsiasi riflessione sistematica sull innovazione di questo settore; Una eccessiva frammentazione della macchina gestionale che rende le poche risorse

Dettagli

Emergenze di oggi prospettive per il domani

Emergenze di oggi prospettive per il domani Assimpredil Ance Emergenze di oggi prospettive per il domani Avv. Marzio Agnoloni Presidente Milano Serravalle-Milano Tangenziali S.p.A. 12 maggio 2014 Profilo della Società Milano Serravalle Milano Tangenziali

Dettagli

www.vallecamonicacultura.it/carlomagno www.vallecamonicacultura.it www.museidivallecamonica.it info@turismovallecamonica.it

www.vallecamonicacultura.it/carlomagno www.vallecamonicacultura.it www.museidivallecamonica.it info@turismovallecamonica.it Questo volume è stato realizzato grazie al contributo del Distretto Culturale di Valle Camonica ed è parte del progetto Un percorso di ricerca storica e turismo culturale Un progetto del Distretto Culturale

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

IL SISTEMA TURISTICO INTERREGIONALE ADAMELLO per un turismo di tutte le stagioni PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO 2010/2012 DOCUMENTO STRATEGICO

IL SISTEMA TURISTICO INTERREGIONALE ADAMELLO per un turismo di tutte le stagioni PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO 2010/2012 DOCUMENTO STRATEGICO UNIONE DEI COMUNI DELL ALTA VALLE CAMONICA Provincia di Brescia IL SISTEMA TURISTICO INTERREGIONALE ADAMELLO per un turismo di tutte le stagioni PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO 2010/2012 DOCUMENTO STRATEGICO

Dettagli

Ordinanza relativa alla disciplina della circolazione stradale sulle strade provinciali tra il 15/11/2014 ed il 30/04/2015.

Ordinanza relativa alla disciplina della circolazione stradale sulle strade provinciali tra il 15/11/2014 ed il 30/04/2015. PROVINCIA DI Via Torquato Tasso, 8 24121 Bergamo - Tel. 035/387111 Codice Fiscale 80004870160 Partita IVA 00639600162 SETTORE VIABILITA, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E TRASPORTI Servizio Progettazione e

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1108/2015 ADOTTATA IN DATA 08/07/2015

DELIBERAZIONE N. 1108/2015 ADOTTATA IN DATA 08/07/2015 DELIBERAZIONE N. 1108/2015 ADOTTATA IN DATA 08/07/2015 OGGETTO: Proroga sino al 31.12.2015 delle convenzioni per il servizio di soccorso sanitario extraospedaliero estemporaneo della provincia di Bergamo.

Dettagli

MERCATI SETTIMANALI IN PROVINCIA DI BRESCIA WEEKLY MARKETS IN THE PROVINCE OF BRESCIA

MERCATI SETTIMANALI IN PROVINCIA DI BRESCIA WEEKLY MARKETS IN THE PROVINCE OF BRESCIA MERCATI SETTIMANALI IN PROVINCIA DI BRESCIA WEEKLY MARKETS IN THE PROVINCE OF BRESCIA LUOGO/ PLACE DATA/DATE NOTE/NOTES BRESCIA E HINTERLAND BRESCIA Piazza Loggia BORGOSATOLLO BOTTICINO CASTELMELLA CASTENEDOLO

Dettagli

BRESCIA CONVEGNO DEL 7 novembre 05 Stati generali dell economia bresciana AUDIZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AMBIENTALI CONTRIBUTO DEI CONSOLI DEL T.C.I.

BRESCIA CONVEGNO DEL 7 novembre 05 Stati generali dell economia bresciana AUDIZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AMBIENTALI CONTRIBUTO DEI CONSOLI DEL T.C.I. BRESCIA CONVEGNO DEL 7 novembre 05 Stati generali dell economia bresciana AUDIZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AMBIENTALI CONTRIBUTO DEI CONSOLI DEL T.C.I. ASPETTI AMBIENTALI, CULTURALI, ORGANIZZATIVI PER IL

Dettagli

1.Ex ferrovia Castellanza-Valmorea-Mendrisio Ferrovia della Valmorea. Estratto mappa non in scala

1.Ex ferrovia Castellanza-Valmorea-Mendrisio Ferrovia della Valmorea. Estratto mappa non in scala 1.Ex ferrovia Castellanza-Valmorea-Mendrisio Ferrovia della Valmorea Castellanza Mendrisio FNM ~35 km Apertura 1904-1926 Chiusura 1928-1977 Decreto di chiusura nd Nel tratto Gorla Maggiore-Castiglione

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

1782278841 035/0796305 NO Via IV Novembre, 7 24128 Bergamo 035/2811637 035/2811642 SI Via Roma, 43/1 24027 Nembro (BG)

1782278841 035/0796305 NO Via IV Novembre, 7 24128 Bergamo 035/2811637 035/2811642 SI Via Roma, 43/1 24027 Nembro (BG) 01_Bergamo Airone s.a.s. SI Via dei Carpinoni, 8 24126 Bergamo Assistenza domiciliare San Francesco 035/312910 333/4056309 1782278841 035/0796305 NO Via IV Novembre, 7 24128 Bergamo 035/2811637 035/2811642

Dettagli

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI E costituito da un offerta di 2.699 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico 2, ormai un

Dettagli

INDICE. Prefazione Presentazione 1. PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo

INDICE. Prefazione Presentazione 1. PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo XVIII Rapporto sul Turismo Italiano I INDICE Prefazione Presentazione 1 PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo 1 Il turismo nel mondo secondo

Dettagli

Pubblicazione: BURL n. del. Architetto Fausto Bianchi

Pubblicazione: BURL n. del. Architetto Fausto Bianchi Regione Lombardia P G T2011 Comune di Cevo Provincia di Brescia Comune di CEVO Piano di Governo del Territorio Documento di Piano Adozione: Delibera del Consiglio Comunale n. del Approvazione: Delibera

Dettagli

costruitevi il vostro evento

costruitevi il vostro evento In questa brochure vogliamo parlarvi dei nostri spazi, delle nostre persone, del nostro ambiente. Poi, immaginate voi cosa potrete fare dentro questa straordinaria struttura e cominciate a costruirlo.

Dettagli

Turismo verde questo sconosciuto. Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca

Turismo verde questo sconosciuto. Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Turismo verde questo sconosciuto Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Turismo verde?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3485 Seduta del 24/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3485 Seduta del 24/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3485 Seduta del 24/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

COSA FARE A MONASTEROLO DEL CASTELLO

COSA FARE A MONASTEROLO DEL CASTELLO COSA FARE A MONASTEROLO DEL CASTELLO LAGO D'ENDINE E DINTORNI www.invalcavallina.it ITINERARI A PIEDI - Da Monasterolo al Monte Torrezzo alla frazione Pur al BoscoGromo alla Valle Spirola al Monte Gramalto

Dettagli

CODICI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A.S. 2016/17

CODICI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A.S. 2016/17 CODICI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A.S. 2016/17 Num Codice Comune Scuola CodPresid 1 BSMM802012 Vezza d'oglio Scuola Secondaria I di Vezza D'Oglio BSIC802001 2 BSMM802023 Ponte di Legno Scuola Secondaria

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TERZI, STUCCHI, ALBORGHETTI, MARTINELLI, PIROVANO, CALDEROLI, FROSIO RONCALLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TERZI, STUCCHI, ALBORGHETTI, MARTINELLI, PIROVANO, CALDEROLI, FROSIO RONCALLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4796 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI TERZI, STUCCHI, ALBORGHETTI, MARTINELLI, PIROVANO, CALDEROLI, FROSIO RONCALLI Concessione

Dettagli

Percorso Ciclabile di Interesse Regionale

Percorso Ciclabile di Interesse Regionale SCHEDA DESCRITTIVA PCIR 09 Navigli Allegato 2 Percorso Ciclabile di Interesse Regionale 09 Navigli Lunghezza: 66 Km Territori provinciali attraversati: Milano Collegamenti con: altri percorsi ciclabili

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2006, IL TURISMO IN ITALIA HA PIU VELOCITA : PIU PRODOTTI PER PIU TURISTI SOPRATTUTTO STRANIERI 3 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

DAI GONZAGA AGLI ESTENSI PASSANDO PER IL PO 5 GIORNI/4 NOTTI

DAI GONZAGA AGLI ESTENSI PASSANDO PER IL PO 5 GIORNI/4 NOTTI DAI GONZAGA AGLI ESTENSI PASSANDO PER IL PO Mantova Ostiglia Stellata Ferrara Lombardia, Emilia Romagna 5 GIORNI/4 NOTTI La scoperta di due città d arte, Mantova e Ferrara, tra i più importanti esempi

Dettagli

Progetto di valorizzazione turistico sportiva del comprensorio Sebino Camuno

Progetto di valorizzazione turistico sportiva del comprensorio Sebino Camuno SEB-1 Progetto di valorizzazione turistico sportiva del comprensorio Sebino Camuno Partner e sostenitori Legambiente Alto Sebino Castro Gruppo Guide Alpine SEB1 Cooperativa sociale ISPARO - Provaglio

Dettagli

Report Gare aggiudicate periodo 7 aprile - 4 giugno 2012 - importi superiori ai 40,000 ed affidamento incarichi

Report Gare aggiudicate periodo 7 aprile - 4 giugno 2012 - importi superiori ai 40,000 ed affidamento incarichi Report Gare aggiudicate periodo 7 aprile - 4 giugno 2012 - importi superiori ai 40,000 ed affidamento incarichi SOC. ALLEVI snc Casirate D'adda art. 118 comma 1 lett. A del DPR 207/2010 16/04/2012 Manutenzione

Dettagli

informazioni RAGGIUNGERE BORMIO

informazioni RAGGIUNGERE BORMIO Bormio, 12/12/2006 INFORMAZIONI STORIA CENTRO STORICO TRADIZIONI RAGGIUNGERE CARTINA NUMERI UTILI HOTEL - ALBERGHI CERCA HOTEL BEAUTY FARM & SPA BAGNI NUOVI BAGNI VECCHI TERME DI SKI AREA PISTE DA SCI

Dettagli

PROGETTO PROMOSERIO IAT VALSERIANA

PROGETTO PROMOSERIO IAT VALSERIANA PROGETTO PROMOSERIO IAT VALSERIANA Programma sviluppo turistico orobie Progetto di sviluppo integrato, fondato sulla valorizzazione dei beni ambientali e territoriali dell area e delle risorse culturali

Dettagli

BERGAMO - ALBANO S.A. - CASAZZA - ENDINE - LOVERE - COSTA VOLPINO - BOARIO

BERGAMO - ALBANO S.A. - CASAZZA - ENDINE - LOVERE - COSTA VOLPINO - BOARIO Linea C BERGAMO - ALBANO S.A. - CASAZZA - ENDINE - LOVERE - COSTA VOLPINO - BOARIO ANDATA FER6 FER6 sco6 FER6 FER6 FER6 FER6 FER6 FER6 FEST FER6 FER6 FER6 FER6 FER6 GIOR FSAB FER6 FER6 FER6 GIOR FER6 GIOR

Dettagli

Una nuova grande fiera internazionale sulla bici. Una sede fieristica e un organizzazione forti

Una nuova grande fiera internazionale sulla bici. Una sede fieristica e un organizzazione forti Una nuova grande fiera internazionale sulla bici Una sede fieristica e un organizzazione forti La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l equilibrio devi muoverti. 1 SCENARIO La bicicletta è

Dettagli

La costruzione della rete ciclabile nazionale: a che punto siamo?

La costruzione della rete ciclabile nazionale: a che punto siamo? La costruzione della rete ciclabile nazionale: a che punto siamo? Antonio Dalla Venezia Responsabile Nazionale FIAB Area Cicloturismo Cagliari 28 novembre 2015 La commissione europea ha rilevato che solo

Dettagli

7. RETE FERROVIARIA. Interventi infrastrutturali e nuovi servizi per il sistema ferroviario provinciale

7. RETE FERROVIARIA. Interventi infrastrutturali e nuovi servizi per il sistema ferroviario provinciale Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 163 7. RETE FERROVIARIA Interventi infrastrutturali e nuovi servizi per il sistema ferroviario provinciale Gli interventi previsti nel territorio bergamasco

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 -

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 - Osservatorio Provinciale per il Turismo Servizio Turismo - Provincia Autonoma Trento www.turismo.provincia.tn.it/osservatorio/ Ufficio Piste ciclopedonali Servizio Conservazione della natura e valorizzazione

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli