PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA"

Transcript

1 PROGRAMMA DI SVILUPPO TURISTICO DEL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA (art. 4 legge regionale n. 15/ 2007, Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE A DOCUMENTO STRATEGICO Gennaio 2008

2 2

3 A DOCUMENTO STRATEGICO IL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA 1.1 Il contesto territoriale: dati turistici e rilevanza turistica dell area territoriale pag Il sistema infrastrutturale pag Analisi delle risorse e attrazioni turistiche disponibili pag Acqua, ghiaccio e vapore: la sublimazione pag Terra e roccia: natura e storia pag Spirito e materia: cultura, lavoro e tradizioni pag Prodotti tipici ed enogastronomia pag Altre forme di turismo: il turismo congressuale, il turismo dello shopping e l autodromo di Franciacorta pag Analisi SWOT del settore turistico dell area pag Strategia di comunicazione, promozione e commercializzazione pag. 82 3

4 IL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA 1.1 Il contesto territoriale: dati turistici e rilevanza turistica dell area territoriale Il Sistema turistico: La sublimazione dell acqua fa riferimento ad un area geografica appartenente alla Regione Lombardia, inserita nelle due province di Bergamo e Brescia e comprendente le aree geografiche territoriali appartenenti alla Valle Camonica, alla Val di Scalve, alla Val Cavallina, al Sebino bresciano e bergamasco, alla Val Calepio e alla Franciacorta. Il Sistema turistico: La sublimazione dell acqua comprende e interessa almeno tre aree territoriali e turistiche connesse a specifici prodotti turistici prevalenti e principali secondo una tripartizione riferita: 1) area territoriale e turistica di PIANURA e COLLINA con specifico riferimento all area Franciacorta la cui forma turistica d eccellenza è rappresentata dal TURISMO ENOGASTRONOMICO connesso in particolare al TURISMO D AFFARI; 2) area territoriale e turistica LACUALE e FLUVIALE con specifico riferimento ai laghi d Iseo, Endine e laghi alpini e al fiume Oglio e ai relativi affluenti, seppur con un entroterra prevalentemente montano e significative valenze enogastronomiche e rurali; 3) area territoriale e turistica MONTANA le cui forme turistiche d eccellenza sono rappresentate, da una parte e per l inverno, dalle stazioni sciistiche e quindi dal TURISMO BIANCO e, dall altra parte per le altre stagioni, dai Parchi, in particolare il Parco Regionale dell Adamello, e quindi dal TURISMO ATTIVO nelle sue diverse accezioni e declinazioni quali a titolo esemplificativo il turismo naturalistico, attivo e didattico e le sue prevalenti pratiche come il trekking, il cicloturismo e l escursionismo all insegna dell avventura, dello sport e del pieno rispetto dell ambiente. Il TURISMO ATTIVO (cicloturismo e trekking), VERDE, CULTURALE e RURALE, nonché TERMALE rappresentano forme di turismo trasversali al territorio interessato. 4

5 In base agli indirizzi metodologici espressi nella ricerca IReR 2003 Modelli innovativi per l organizzazione del turismo a livello regionale Mappatura del turismo lombardo per definire la rilevanza turistica di una determinata area territoriale l indicatore più immediato, ancorché non sufficiente è stato identificato nella densità turistica (rapporto tra presenze nelle strutture ricettive e popolazione residente) rilevata a livello comunale e quindi aggregata per aree. La soglia minima di densità turistica è stata stabilita secondo un rapporto di almeno presenze ogni abitanti; mentre, la densità ricettiva alberghiera minima secondo una soglia di almeno 4 posti letto ogni abitanti. La selezione così operata ha portato a individuare 503 comuni turistici in Lombardia a fronte dei esistenti pari circa ad un terzo del totale. Essendo questo parametro, come sottolineato, non sufficiente ad interpretare e leggere il fenomeno complesso del turismo in una determinata area territoriale, sono state identificate ulteriori informazioni utili a consentire una sua più consona e approfondita lettura ed interpretazione. Sono state così a loro volta individuate le seguenti informazioni: 1. Il movimento turistico: ha come obiettivo quello di spiegare la rilevanza dei fenomeni turistici e, per alcuni aspetti, la loro tipologia, per cui è risultata fondamentale la rilevazione dei seguenti indicatori: a) durata della permanenza media; b) l incidenza della domanda estera. 2. La dotazione di servizi: ha come obiettivo quello di spiegare la dotazione dell offerta, limitatamente ai servizi connessi all ospitalità. In particolare, gli indicatori sono: a) l individuazione delle strutture ricettive; b) la dotazione di servizi di ristorazione; c) la presenza sul territorio di alcuni servizi ricreativi-tipo e la presenza di servizi di informazione e di accoglienza. 3. Le attrazioni turistiche: l individuazione dei fattori di attrazione viene articolata su sei voci: a) arte e cultura; b) terme; c) enogastronomia; d) fiere; e) congressi; f) parchi ricreativi. 4. La dinamicità dello sviluppo turistico: il trend di evoluzione dell offerta; 5. L eccellenza dell offerta: si intende mettere in evidenza il livello di eccellenza nell offerta relativamente ad alcuni servizi presenti in tutte, o in parte delle aree: a) la ricettività alberghiera; b) la ristorazione; c) la dotazione di impianti sciistici. 6. Il grado di sistemicità dell area: grado di collaborazione e integrazione esistente tra gli operatori pubblici e privati. Ciò premesso, di seguito, analizzeremo e confronteremo, punto per punto (con l esclusione del punto 3, oggetto del primo capitolo e del punto 6), la rispondenza dell area costituente il Sistema Turistico La sublimazione dell acqua, a questi indicatori e all identificazione delle aree turistiche realizzate da parte della stessa ricerca IReR. 5

6 Come si potrà riscontrare, esiste una forte congruità ed uniformità alle risultanze e prospettive della ricerca IReR, per altro le discrepanze, dallo studio sottolineate e non taciute, verranno adeguatamente, seppur succintamente motivate e chiarite. Analisi delle aree turistiche del sistema turistico: la sublimazione dell acqua La ricerca IReR 2003 ha individuato in totale 32 aree turistiche. Le tabelle della ricerca IreR 2003 riguardanti le aree turistiche: 1. Bassa Valle Camonica (Area turistica numero 5.2); 2. Iseo Franciacorta (Area turistica numero 7) 3. Alta Valseriana Val di Scalve (Area turistica numero 11) 4. Sebino Val Cavallina (Area turistica numero 15) fra loro accorpate coincidono esattamente con il territorio di riferimento del Sistema Turistico. Le quattro aree della ricerca IReR 2003 comprendo infatti tutti i comuni interessati dal Sistema Turistico, salvo due discrepanze: 1) l inclusione dei Comuni di Edolo e Corteno Golgi nell area turistica Bassa Valle Camonica (Area turistica numero 5.2). 2) l esclusione di tutti i comuni dell Alta Val Seriana dall area turistica Alta Valseriana Val di Scalve (Area turistica numero 11). Fatte salve queste considerazioni e discrepanze generali, di seguito analizzeremo le quattro aree turistiche. BASSA VALCAMONICA ANGOLO TERME ARTOGNE BERZO DEMO BERZO INFERIORE BIENNO BORNO BRAONE BRENO CAPO DI PONTE CEDEGOLO CERVENO CETO CEVO CIMBERGO CIVIDATE CAMUNO DARFO BOARIO TERME ESINE GIANICO LOSINE LOZIO MALEGNO MALONNO NIARDO ONO SAN PIETRO OSSIMO PAISCO LOVENO PASPARDO PIAN CAMUNO PIANCOGNO PRESTINE SAVIORE DELL'ADAMELLO SELLERO SONICO Per ciò che concerne la Bassa Valle Camonica su 33 comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 16 Comuni (in corsivo e grassetto). Nella bassa Valle Camonica la media dei comuni a rilevanza turistica è del 48,5%. 6

7 L esclusione del Comune di Bienno si giustifica ovviamente a causa degli indicatori e, tuttavia, per la ricchezza delle attrazioni turistiche appare contestabile considerando che: esiste un Museo Regionale; vengono organizzate molte manifestazioni tra cui la Mostra Mercato assai frequentata e conosciuta; Bienno appartiene al prestigioso e ristretto Club dell ANCI I Borghi più belli d Italia. A quest elenco, come detto, si devono per altro aggiungere il Comune di Edolo ed il Comune di Corteno Golgi che nella ricerca sono entrambi inseriti nella Alta Valle Camonica, ma che fanno parte integrante di questo Sistema Turistico. Il Comune di Edolo non ha infatti partecipato al PISL dell Alta Valle Camonica, bensì a quello appunto di Edolo e Sonico. Il Comune di Corteno Golgi non ha infatti partecipato al PISL dell Alta Valle Camonica, bensì al PISL denominato START promosso in parternariato con il Comune di Aprica. I comuni risultano quindi non 33, ma 35, considerando che la ricerca considera i due comuni mancanti di rilevanza turistica, per questa area il totale dei comuni di rilevanza turistica è 18 e la media è dunque oltre il 50%. ISEO FRANCIACORTA ADRO CAPRIOLO CAZZAGO SAN MARTINO CORTE FRANCA ERBUSCO ISEO MARONE MONTE ISOLA MONTICELLI BRUSATI OME PADERNO FRANCIACORTA PALAZZOLO SULL'OGLIO PARATICO PASSIRANO PISOGNE PROVAGLIO D'ISEO RODENGO-SAIANO SALE MARASINO SULZANO ZONE Per ciò che concerne l area Iseo e Franciacorta su 20 comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 17 Comuni (in corsivo e grassetto). La media di rilevanza turistica per quest area è dell 85%. ALTA VALSERIANA VAL DI SCALVE ARDESIO ONORE AZZONE PARRE CASTIONE DELLA PRESOLANA PIARIO CERETE PONTE NOSSA CLUSONE PREMOLO COLERE ROVETTA FINO DEL MONTE SCHILPARIO GANDELLINO SONGAVAZZO GORNO VALBONDIONE GROMO VALGOGLIO OLTRESSENDA VILLA D'OGNA ONETA VILMINORE DI SCALVE Per ciò che concerne l area Alta Valeriana e Val di Scalve su 24 comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 13 Comuni (in corsivo e grassetto). La media di rilevanza turistica è dell 54,2%. 7

8 In base alla suddivisione del Sistema Turistico La sublimazione dell acqua l area comprende esclusivamente i comuni appartenenti alla Valle di Scalve, cioè Azzone, Colere, Schilpario e Vilminore di Scalve, per cui su questi ultimi comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 3 comuni Tre su quattro sono i comuni di rilevanza turistica e dunque la media di rilevanza turistica, della Valle di Scalve, scorporata dall alta Valle Seriana, sale dunque al 75%. SEBINO VAL CAVALLINA (l area è data dall unione delle Comunità Montane: Monte Bronzone Basso Sebino, Alto Sebino e Valle Cavallina) ADRARA SAN MARTINO ADRARA SAN ROCCO BERZO SAN FERMO BIANZANO BORGO DI TERZO BOSSICO CASAZZA CASTRO CENATE SOPRA COSTA VOLPINO CREDARO ENDINE GAIANO ENTRATICO FONTENO FORESTO GANDOSSO GAVERINA TERME GRONE LOVERE LUZZANA MONASTEROLO DEL CASTELLO PARZANICA PIANICO PREDORE RANZANICO RIVA DI SOLTO ROGNO SARNICO SOLTO COLLINA SOVERE SPINONE AL LAGO TAVERNOLA BERGAMASCA TRESCORE BALNEARIO VIADANICA VIGANO SAN MARTINO VIGOLO VILLONGO ZANDOBBIO Per ciò che concerne il Sebino e la Val Cavallina su 38 comuni è stata attribuita una rilevanza turistica a 18 Comuni (in corsivo e grassetto). La media di rilevanza turistica è del 47,4%. A conclusione di questa parte del raffronto bisogna constatare che: 1) la media dei comuni turistici in Lombardia è di 503 su 1.546, cioè il 32,5%; 2) sulle 32 aree turistiche individuate dalla ricerca IReR, 4 appartengono al Sistema Turistico La sublimazione dell acqua, cioè il 12,5% del totale; 3) i comuni compresi nell area interessata dal Sistema Turistico La sublimazione dell acqua, sono 97, vale a dire il 6,2% del totale dei comuni lombardi; 4) 56 dei comuni appartenenti al Sistema Turistico sono stati considerati comuni turistici e dunque il 57,3% del totale; 5) il 10,9% del totale dei comuni turistici lombardi appartiene al territorio del Sistema Turistico. Analisi della domanda e dell offerta nelle aree individuate La distribuzione dei flussi turistici nelle strutture ricettive. 8

9 Sinteticamente l area metropolitana milanese accoglie il 37% delle presenze complessive della regione e il 46,6% degli arrivi. La fisionomia prevalente del turismo lombardo è dunque il turismo business ad elevata mobilità. La sponda lombarda del lago di Garda (Basso e Alto Garda) con oltre 5,2 ml di presenze (21,6% della regione) costituisce di gran lunga la prima area di destinazione ricettiva, seguita dall Alta Valtellina, area montana per eccellenza, con oltre 1,5 ml di presenze (6,5% della regione). Complessivamente, l area metropolitana milanese, il Garda e l Alta Valtellina concentrano il 65% delle presenze regionali e sono da considerarsi aree forti: destinate per altro a dar vita ad altrettanti sistemi turistici assestanti. Escluse le aree forti, le presenze complessivamente, inerenti alle restanti aree, si riducono dunque a circa il 35%, cioè su un totale di all incirca presenze. Se le presenze nelle 4 aree del Sistema Turistico ( ), a livello regionale, rappresentano il 5,9%, le stesse presenze rappresentano il 16,8% del restante, escluse cioè le aree forti. Anche ed ovviamente gli arrivi regionali totali ( ) si concentrano per il 65,0% nelle aree forti contro un restante 35% ( arrivi). Se gli arrivi nelle 4 aree del Sistema Turistico ( ), a livello regionale, rappresentano circa il 5,%, gli stessi arrivi rappresentano il 11,1% del restante, escluse cioè le aree forti. Si può notare, sia a livello regionale, che nella restanti aree, senza le aree forti, una maggiore percentuale per ciò che concerne le presenze rispetto agli arrivi e dunque l area si caratterizza per un grado di maggiore permanenza e soggiorno. Per ciò che concerne la densità turistica la regione presenta una densità modesta (2,8 presenze per abitante) ben lontana da quella delle regioni a maggiore orientamento turistico (il Trentino A.A., ad esempio, presenta un apporto presenze/popolazione di 41,3, la Valle d Aosta di 27,1, il Veneto di 12,8), il che riflette pienamente il ruolo che il turismo occupa nel sistema economico regionale. 9

10 Fanno eccezione le aree come l Alto e Basso Garda, l Alta Valtellina, a spiccata vocazione turistica, che presentano una densità oltre il 65 presenze per abitante, ed in parte l Alta Valle Camonica e il Lario Occidentale rispettivamente 22,8 e 16,1. La densità nelle 4 aree turistiche appartenenti al Sistema Turistico è così ripartita (la media si riferisce all area e non alla Regione): La densità media dell area, 4,7, è dunque superiore alla media regionale. Un alta permanenza media è indice della presenza di un turismo fortemente stanziale, spesso in ricettività extralberghiera, mentre una bassa permanenza media caratterizza solitamente il turismo itinerante, sia nella accezione di turismo culturale che in quella, più diffusa in Lombardia, di turismo d affari. La mappa evidenzia chiaramente come tutte le aree di vacanza presentino una permanenza media più elevata. Una permanenza molto elevata (es Bassa Valcamonica 6,6 gg.) potrebbe essere anche indice di una domanda molto statica in estate e di uno scarso apporto di forme di turismo breve. Le altre aree Iseo e Sebino presentano una media di 3 o 4 giorni e 5 giorni la Val di Scalve. 10

11 Il grado di internazionalità del movimento turistico è mediamente alto in Lombardia, con un incidenza degli stranieri che nell intera regione si colloca sul 46,1%, inferiore solo alla Toscana (48%) al Lazio (53,7%) al Trentino Alto Adige (53,9%), peraltro condizionato dalla forte presenza tedesca in Alto Adige, e al Veneto (58,4%). Complessivamente la presenza di stranieri è ben distribuita sul territorio, indotta sia da turismo di vacanza (laghi, ad esempio), sia dal turismo d affari (aree urbane). Le aree a maggiore incidenza (in qualche caso ci si avvicina all esclusività) del turismo estero sono tutte quelle lacuali, ove le presenze estere variano dal 65 al 90%. Nelle aree urbane l incidenza varia tra il 40 e il 60%, in ragione soprattutto del grado d internazionalità economica delle aree stesse, essendo largamente dipendenti dal turismo d affari. Le aree in cui l incidenza è più bassa sono quelle ove il turismo è orientato alla sola vacanza montana estiva o al soggiorno termale (Bassa Valcamonica, Valli Bergamasche, Valsassina, Oltrepo pavese). Molte di queste aree sono anche quelle che presentano una permanenza media più elevata, indice di scarsa mobilità. L attrazione nei confronti degli stranieri (Presenze straniere/presenze totali) è nel Sistema Turistico così distribuita (la media si riferisce all area e non alla Regione): Come sottolineato dalle considerazioni presenti nella ricerca dell IReR, anche per il presente Sistema Turistico è prevalentemente il prodotto turistico lago ad attrarre il turista estero, ciò spiega l alta affluenza di turisti stranieri nel Sebino e nell area Iseo/Franciacorta, in quest ultima è probabilmente anche il vino ad attrarre il turismo internazionale. Bisogna sottolineare invece come le aree Bassa Valle Camonica e Val di Scalve, fra le 32 aree, siano agli ultimi due posti di questa particolare classifica. Rispetto alla media regionale l area interessata dal Sistema Turistico presenta una media inferiore. 11

12 Il turismo extralberghiero è essenzialmente turismo in campeggio, essendo questa la forma di ricettività maggiormente rilevata. L incidenza del turismo nei campeggi è massima nelle aree lacuali, dove supera ovunque il 50% delle presenze complessive: Val Sabbia-Val Trompia (Lago d Idro), Iseo-Franciacorta, Basso Garda, Lario Occidentale, Lago Maggiore; in alcuni di questi casi la forte presenza di turismo in campeggio si accompagna ad una elevata incidenza di stranieri. Presenta tuttavia una significativa incidenza (dal 20 al 40%) anche in aree montane dove il campeggio svolge una funzione di succedaneo alla seconda casa, con l utilizzo di caravan stanziali per i turisti pendolari delle aree urbane lombarde (Val Camonica, Val Brembana, Val Seriana, Valsassina). L incidenza di questa particolare forma di turismo nelle aree del Sistema Turistico è assai rilevante: si va infatti da una incidenza tra il 20 ed il 35% nelle aree Sebino e Bassa Val Camonica, quindi tra il 35% e il 50% nell area della Valle di Scalve e infine oltre il 50% nell area di Iseo/Franciacorta. 12

13 Il tema del turismo in appartamento è assai ostico per cui ci limitiamo a riportare un grafico di sintesi, ricordando che la media per aree è di 12,8 (p.l.appart.tur.+p.l.alloggi REC/p.l.alberghi): Riportiamo di seguito una tabella riassuntiva inerente alla ricettività alberghiera ed extralabreghiera con riferimento esclusivo alle aree del Sistema Turistico. Dalla tabella di sintesi emergono almeno due fatti degni di attenzione e riflessione: 1) da una parte, con l eccezione dell area Iseo/Franciacorta, prevale nettamente la ricettività in appartamento; 2) dall altra parte, sempre con l eccezione dell area Iseo/Franciacorta, appare del tutto irrilevante il soggiorno in agriturismo. Queste due caratteristiche non rappresentano per altro un anomalia all interno della Regione Lombardia, tutt altro, se si escludono le aree di pianura, e, tuttavia, sembrerebbe fondamentale, al fine di diversificare l offerta ricettiva lombarda incentivare il soggiorno in albergo e negli agriturismo e specialmente e soprattutto nelle aree montane. Il territorio appartenente al Sistema Turistico, in linea generale, sembra rientrare nelle due tipologie Aree lacuali a prevalente vocazione open air e Aree di montagna a prevalente ricettività in appartamento. Affrontiamo ora l analisi secondo una differenziazione di tipologia ricettiva. 13

14 L offerta ricettiva e le sue caratteristiche IL SOGGIORNO IN ALBERGO La disponibilità quantitativa di posti letto alberghieri sul territorio è indice indipendentemente da altre variabili della consistenza dell offerta che garantisce un turismo più evoluto, più duraturo nell arco stagionale ed a maggiore redditività per l intero territorio ( ) La distribuzione dei posti letto per tipologie di ricettività consente di individuare un profilo delle aree in rapporto all offerta ricettiva. 14

15 Dalle due cartine si nota una certa uniformità delle quattro aree interessate con due distinguo: 1) le due aree montane Bassa Valcamonica e Val di Scalve, presentano indici più elevati soprattutto in riferimento alla densità ricettiva alberghiera; 2) l area Sebino/Val Cavallina appare la meno strutturata. Per analizzare e leggere i dati sul soggiorno in albergo proponiamo alcune chiavi interpretative partendo da due considerazioni oggettive che appaiono ai nostri occhi fondamentali e discriminati: 1) Milano per il turismo d affari, il Garda per il turismo lacuale e la Valtellina per il turismo montano spiccano ed appaiono le aree a maggior vocazione turistica e con il maggior afflusso del turismo internazionale, quindi sono destinate a costituire altrettanti sistemi turistici a se stanti. 2) è nelle aree a forte intensità urbana che il turismo si caratterizza per un offerta essenzialmente alberghiera, e quindi prevalentemente nelle aree di pianura; Come abbiamo detto il territorio interessato dal Sistema Turistico La sublimazione dell acqua potrebbe rientrare nelle categorie Aree lacuali a prevalente vocazione open air e Aree di montagna a prevalente ricettività in appartamento e tuttavia ad un raffronto più ravvicinato si possono notare alcune differenziazioni. Di seguito riportiamo i dati assoluti di presenze e posti letto del Sistema Turistico: Ad un confronto comparativo su base regionale le presenze in albergo nel Sistema Turistico costituiscono il 4,4% del totale regionale e rappresentano il 6,6% per ciò che concerne i posti letto. 15

16 Il risultato appare assai modesto anche perché, sempre ad un livello regionale, il maggior peso della seconda voce indica chiaramente un minor utilizzo delle strutture alberghiere. Tuttavia, nella classifica regionale fra presenze e posti letto e dunque tra domanda ed offerta emerge che la Bassa Valcamonica ed il Sebino conservano le loro posizioni (10 a e 25 a ), mentre la Val di Scalve è 22 a posizione per ciò che concerne la domanda, ma 14 a per ciò che concerne l offerta. Viceversa l area Iseo è 14 a per ciò che concerne la domanda e 18 a per ciò che concerne l offerta. In base alle due considerazioni precedenti proponiamo, tuttavia, due distinte ed alternative letture dei dati. 16

17 1. I grafici che seguono riportano i dati su presenze e posti letto in albergo scorporati: al totale della Regione Lombardia e al totale del Sistema Turistico si affiancano i dati delle tre aree forti (Milano, Garda e Valtellina) e le restanti aree turistiche In questa logica e prospettiva, ciò che appare discriminate ed interessante è allora il raffronto fra il Sistema Turistico e le altre aree turistiche con l esclusione dunque delle tre aree forti. In questo caso, la percentuale di presenze e posti letto in albergo del Sistema Turistico rispetto al totale delle rimanenti aree turistiche è rispettivamente del 14,9% e del 17,9%. 17

18 2. I grafici che seguono riportano i dati su presenze e posti letto in albergo scorporati: al totale della Regione Lombardia e al totale del Sistema Turistico si affiancano i dati delle aree a forte intensità urbana e dunque di pianura e le restanti aree turistiche. In questa logica e prospettiva, ciò che appare discriminate ed interessante è allora il raffronto fra il Sistema Turistico e le altre aree turistiche con l esclusione dunque delle tre aree urbane e pianeggianti. In questo caso, la percentuale di presenze e posti letto in albergo del Sistema Turistico rispetto al totale delle rimanenti aree turistiche è rispettivamente del 13% e del 15,8%. 18

19 3. Infine, se volessimo ulteriormente scorporare i dati escludendo sia le aree urbane che quelle forti e confrontare il Sistema Turistico con le aree restanti risulterebbero i seguenti grafici e dati. In questo caso, la percentuale di presenze e posti letto in albergo del Sistema Turistico rispetto al totale delle rimanenti aree turistiche sarebbe rispettivamente del 36,2% e del 33,9%. In altre parole, ad un raffronto con aree più simili ed omogenee, il peso del sistema alberghiero del Sistema Turistico, apparirebbe meno irrilevante che a livello regionale e, perciò, notevolmente meno ristretto. Per di più e soprattutto, si riscontra un utilizzo maggiore delle stesse strutture alberghiere. Queste percentuali, per altro, per essere soppesate e comparabili più adeguatamente, dovrebbero anche tener conto dell estensione delle aree analizzate e del numero degli abitanti residenti nelle stesse. Analizziamo ora gli stessi dati da una prospettiva interna al sistema turistico. 19

20 La ricettività open air L offerta di campeggi e villaggi turistici ha la sua maggior concentrazione su tutti i laghi lombardi, per questo motivo il raffronto in questo caso più adeguato è forse fra aree gravitanti intorno ai quattro laghi maggiori: Garda, Maggiore, di Como e lago di Iseo. L esistenza di molti laghi alpini è in questo caso trascurata seppur non del tutto irrilevante in questa analisi. Su base regionale, il Sistema Turistico rappresenta come disponibilità di posti letto in campeggio il 15,6% del totale, mentre raffrontato alle aree gravitanti intorno agli altri quattro laghi (Aree: 8, 9, 17, 18, 19, 20, 21, 24, 25 e 26) rappresenta il 22,7%. Vale la pena di raffrontare ora, esclusivamente, i quattro laghi scorporando quindi la voce Altre Aree Lacustri. In questo caso la ricettività open air fra laghi vede il lago di Garda rappresentare il 44,8% della ricettività, il lago di Como il 21,6%, il lago Maggiore il 17,2 ed il Sistema Turistico lago d Iseo il 16,5%. 20

21 La ricettività in Agriturismo Come precedentemente detto, in Italia e Lombardia lo sviluppo agrituristico è stato relativamente debole. Le aree turistiche appartenenti al Sistema Turistico vedono una decisa contrapposizione fra l area bresciana e quella bergamasca: Iseo e Bassa Val Camonica presentano infatti tra i 100 e i 200 posti letto in strutture agrituristiche, inferiori solo agli indici del Lago Maggiore Orientale e all Alto Garda, mentre le aree Sebino e Val di Scalve soltanto fino a 30 posti letto. Qualità e tipologia dell offerta ricettiva alberghiera La qualità e la tipologia dell offerta ricettiva alberghiera, nell analisi dell IreR, come nella nostra analisi, meritano sicuramente una particolare attenzione. La definizione di una strategica di sviluppo e promozione turistica che possa perseguire efficacemente e realisticamente la finalità di implementare i flussi turistici nella Regione Lombardia, come nel Sistema Turistico, non può assolutamente prescindere dalla qualità dell offerta turistica alberghiera. Allo stesso tempo non è possibile prescindere dalla precisa identificazione del/i segmento/i di mercato turistico su cui si vuole concentrare lo sviluppo e la promozione turistica e, dunque, sull identificazione della/e forma/e di turismo su cui indirizzare e concentrare le azioni e gli interventi. In altri termini, è la sfida alla qualità e tipologia del prodotto e dell offerta turistica a risultare il vero e primo fattore di competitività del settore turistico. La dimensione alberghiera costituisce un indicatore importante per valutare indirettamente il grado di competitività aziendale. ( ) La crescita della dimensione media alberghiera è 21

22 condizione per il rafforzamento del sistema turistico lombardo e dovrà quindi essere considerata con molta attenzione nelle politiche regionali. Da un punto di vista dimensionale interno all area del Sistema Turistico l area del Sebino appare quella meno strutturata (35), spicca in questa classifica invece la Val di Scalve (41). La media (37,5) è comunque inferiore ai 40 posti e dunque inferiore alle 20 camere per struttura ricettiva. All interno dell area del Sistema Turistico l albergo a tre stelle risulta essere la tipologia più diffusa (4.483 posti letto totali), mentre l albergo di qualità a 4 o 5 stelle risulta sul territorio poco diffuso (1.317 posti letto totali per una percentuale del 14,3%). Fa eccezione l area di Iseo/Franciacorta che non solo presenta una differenziazione più articolata e bilanciata, ma con ben 815 posti letto in alberghi da 4 e 5 stelle rappresenta nel Sistema Turistico il 61,9% dell offerta di qualità complessiva. Vi è una buona correlazione tra dimensione media alberghiera e livello qualitativo dell offerta, per cui, di seguito, riportiamo una tabella riassuntiva del Sistema Turistico inerente alla distribuzione per livelli di offerta (distribuzione % posti letto per stelle). Posti letto Alberghieri Distribuzione % 1-2 stelle 3 stelle 4-5 stelle Residence Bassa Valcamonica ,0 48,3 9,4 5,2 Iseo Franciacorta ,1 36,9 37,7 4,3 Sebino - Val Cavallina ,7 54,0 5,3 0,0 Alta Valseriana - Val di Scalve ,2 57,6 5,1 0,0 TOTALE ,9 48,8 14,3 2,9 Per ciò che concerne il rapporto bagni/camere tutte le aree del Sistema Turistico sono al di sopra della quota minima di livello di qualità per strutture considerate di qualità decisamente bassa fissata a 0,9 e tuttavia con l eccezione della Valle di Scalve (0,97) sono inferiori alla media regionale 0,96. Infine, dall analisi dell utilizzo lordo alberghiero ((presenze/posti letto x 365)x 100) emerge che le due aree bresciane Iseo e Bassa Valcamonica presentano una percentuale d utilizzo fra il 20 e 30%, mentre nelle due aree bergamasche la stessa è inferiore al 20%. 22

23 Altrettanto importante è analizzare l evoluzione dell offerta alberghiera, così abbiamo rielaborato ed applicato al Sistema Turistico l analisi della ricerca IReR nella parte inerente alla variazione dei posti letto e alla variazione di dimensione aziendale tra il 1994 ed il L area interessata dal Sistema Turistico appare in forte crisi: su 12 aree in contrazione ben tre appartengono al Sistema Turistico: le aree che hanno visto il maggior decremento dei posti letto sono in larga prevalenza le aree della bassa montagna. Fa eccezione l area Iseo/Franciacorta in rilevante espansione (+25,2% prima fra le aree turistiche regionali): l area con maggiore incremento di posti letto si rivela l Iseo-Franciacorta, che già attraverso altri indicatori è emersa come un area in ascesa, caratterizzata dall eccellenza enogastronomica e dalla buona qualità delle strutture. Con l eccezione dell area Iseo/Franciacorta (+27,4) ed in parte del Sebino (+10,5) anche la dimensione aziendale non presenta indici particolarmente rosei ad un confronto regionale. Addirittura in negativo la Bassa Valcamonica. A conclusione della breve analisi sull evoluzione dell offerta alberghiera diamo un occhiata alle presenze con riferimento all intervallo temporale che va dal 1998 al 2001: la variazione delle presenze è il miglior indicatore di sintesi per decretare il successo turistico di un area. 23

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

Disciplinare di produzione della denominazione di origine protetta «Silter»

Disciplinare di produzione della denominazione di origine protetta «Silter» Disciplinare di produzione della denominazione di origine protetta «Silter» Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta (DOP) Silter è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle

Dettagli

IL TERZIARIO IN GENERALE E I SERVIZI ALLE IMPRESE 1. LA SITUAZIONE ATTUALE

IL TERZIARIO IN GENERALE E I SERVIZI ALLE IMPRESE 1. LA SITUAZIONE ATTUALE 180 IL TERZIARIO IN GENERALE E I SERVIZI ALLE IMPRESE 1. LA SITUAZIONE ATTUALE La crescita, in termini sia di occupati, sia di valore aggiunto, dei servizi o del settore terziario (nel seguito dello scritto

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Free Time Area All in one Programma d intervento e Piano finanziario

Free Time Area All in one Programma d intervento e Piano finanziario DAT DEL BREMBO E DEI COLLI DI BERGAMO Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale Free Time Area All in one Programma d intervento e Piano finanziario Novembre 2014 PREMESSA

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Allegato A: Disciplinare di produzione Denominazione d Origine Protetta (DOP) SILTER Articolo 1 - DENOMINAZIONE

Allegato A: Disciplinare di produzione Denominazione d Origine Protetta (DOP) SILTER Articolo 1 - DENOMINAZIONE Allegato A: Disciplinare di produzione Denominazione d Origine Protetta (DOP) SILTER Articolo 1 - DENOMINAZIONE La Denominazione di Origine Protetta (DOP) Silter è riservata esclusivamente al formaggio

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA (art. 4 legge regionale n. 15/2007 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PARTE A DOCUMENTO STRATEGICO 1 AGENZIA TERRITORIALE PER IL TURISMO : Redazione a cura di: dott.ssa Lia Guinta

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Esame di Stato 2015 Istituto Professionale - Settore servizi Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Articolazione

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli