Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ"

Transcript

1 Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ

2 Regolamento (CE) No 1083/2006 Art Lo Stato membro e l Autorità di Gestione del programma operativo forniscono informazioni circa i programmi cofinanziati e le operazioni e li pubblicizzano. 2. L Autorità di Gestione del programma operativo è responsabile della pubblicità conformemente alle modalità di applicazione del regolamento. Target dei destinatari: Cittadini Europei e Beneficiari. Scopo: Valorizzare il ruolo della Comunità e garantire la trasparenza dell'intervento dei Fondi.

3 Regolamento (CE) N 1828/2006 Capitolo II, sezione I Informazione e pubblicità Piano di comunicazione (art. 2-4) Misure di Informazione e pubblicità, inclusi i requisiti minimi (art. 5-9) Rete e scambio di esperienze (art. 10)

4 Responsabilità dell Autorità di Gestione L Autorità di Gestione: E responsabile della pubblicità Prepara il Piano di comunicazione Presenta il Piano di Comunicazione alla Commissione entro 4 mesi dall adozione del Programma Operativo (in assenza di osservazioni della CE entro 2 mesi, il Piano viene adottato) Informa il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo riguardo i seguenti punti: a) il piano di comunicazione e i progressi nella sua attuazione; b) gli interventi informativi e pubblicitari realizzati; c) i mezzi di comunicazione utilizzati.

5 Informazioni per i potenziali beneficiari (art. 5) L Autorita di Gestione deve fornire ai potenziali beneficiari informazioni chiare e dettagliate riguardanti: il Programma Operativo, che deve essere ampiamente diffuso e deve essere accessibile a tutti gli interessati le opportunita di finanziamento offerte congiuntamente dalla Commissione e dallo Stato Membro tramite il PO L Autorita di Gestione deve garantire che tali informazioni siano diffuse il piu ampliamente possibile. Elementi informativi importanti per i potenziali beneficiari: Condizioni di ammissibilita da rispettare; Descrizione delle procedure d esame delle domande e delle scadenze; Criteri di selezione delle operazioni da finanziare; I contatti per ottenere informazioni a livello nazionale, regionale e locale L AdG dovrà informare i potenziali beneficiari che: l elenco dei beneficiari + il nome dell operazione + l importo del finanziamento pubblico di ciascuna operazione verrà pubblicato.

6 Informazione rivolta ai beneficiari (art.6) L Autorita di Gestione informa i beneficiari che accettando il finanziamento accettano di venire inclusi nell elenco dei beneficiari che verra pubblicato

7 Informazione rivolta al pubblico Responsabilità dell Autorità di Gestione (art. 7) L Autorità di Gestione: Assicura che gli interventi informativi e pubblicitari siano realizzati conformemente al Piano di comunicazione con la massima copertura mediatica E responsabile dell organizzazione dei seguenti interventi informativi e pubblicitari: un attività informativa di rilievo che pubblicizzi l avvio del PO almeno un attività informativa di rilievo all anno che presenti i risultati del PO, inclusi i grandi progetti l esposizione della bandiera dell Unione europea per una settimana a partire dal 9 maggio davanti alla sede dell Autorità di gestione; la pubblicazione, elettronica o in altra forma, dell elenco dei beneficiari, delle denominazioni delle operazioni e dell importo del finanziamento pubblico destinato a ciascuna operazione.

8 Responsabilità dei Beneficiari FESR (art. 8) Il Beneficiario deve informare il pubblico circa la sovvenzione ottenuta dai Fondi. Se il contributo pubblico totale all operazione (finanziamento nazionale + finanziamento comunitario) supera euro per: Finanziamento di un infrastruttura o di interventi costruttivi: * durante l attuazione dei lavori deve installare un cartellone * entro sei mesi dal completamento dei lavori sostituire il cartellone con una targa esplicativa permanente. Acquisto di un oggetto fisico: * entro sei mesi dal completamento dei lavori deve installare una targa esplicativa permanente. L emblema dell Unione Europea, l indicazione del Fondo e lo slogan dovranno occupare almeno il 25% del cartellone e della targa.

9 Responsabilità dei Beneficiari FESR/FSE Il Beneficiario garantisce che i partecipanti a una operazione siano stati informati del finanziamento comunitario per quell operazione. Il Beneficiario informa in modo chiaro che l operazione in corso di realizzazione è stata selezionata nel quadro di un Programma operativo cofinanziato dal FESR o dal FSE. Ciascun documento riguardante un operazione cofinanziata deve includere la notizia del cofinanziamento e del Fondo interessato (FESR o FSE), anche i certificati di frequenza dei corsi o altri certificati. I nomi dei partecipanti a un operazione del FSE non vengono indicati.

10 Caratteristiche tecniche degli interventi (art. 9) Le misure per informare il pubblico dovranno contenere i seguenti elementi: L emblema dell Unione Europea e un riferimento alla Unione Europea L indicazione del Fondo pertinente: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Fondo Sociale Europeo Uno slogan scelto dall AdG che evidenzi il valore aggiunto dell intervento comunitario, preferibilmente Investiamo nel vostro futuro Oggetti promozionali di dimensioni ridotte dovranno contenere solo l emblema Europeo e il riferimento alla UE

11 Logo Unione Europea DESCRIZIONE SIMBOLICA Sullo sfondo blu del cielo una corona di dodici stelle dorate rappresenta l unione dei popoli europei. Il numero delle stelle è invariabile poiché 12 è simbolo di perfezione e unità. DESCRIZIONE ARALDICA Un cerchio composto da dodici stelle dorate a cinque punte, non contigue, in campo azzurro.

12 RIPRODUZIONE LOGO SU FONDO COLORATO Nell impossibilità di evitare uno sfondo colorato, incorniciare il rettangolo con un bordo bianco di spessore pari a 1/25 dell altezza del rettangolo. COLORI REGOLAMENTARI I colori dell emblema sono: PANTONE REFLEX BLUE per l area del rettangolo, PANTONE YELLOW per le stelle.

13 Sito web PON GATT

14 Rete e scambio di esperienze (art. 10) Ogni Autorità di gestione designa persone di riferimento responsabili delle informazioni e della pubblicità e ne informa la Commissione. È possibile istituire reti comunitarie che comprendano tutte le persone designate Obiettivo: assicurare un efficace attuazione degli interventi informativi e consentire lo scambio di buone pratiche e lo scambio di esperienze riguardo le strategie informative e i risultati ottenuti

15 Indicatori di sistema per verifica c/o RdM o BF Si No Note Pubblicità Istituzionale GUCE: GURI: BUR/GUR: QUOTIDIANI: INTERNET: AFFISSIONI ALTRO: Altra Pubblicità Informativa Informazione cofinanziamento UE EVENTI: INCONTRI: PORTALE WEB: SITI TEMATICI: PRESENZA LOGO: DESCRIZIONE COFINANZIAMENTO: CLAUSOLA SU INFORMAZIONI DESTINATARI: PREVISIONE UTILIZZO LOGHI: Notifica al BF o al Destinatario del rispetto degli obblighi di informazione e pubblicità PREVISIONE DELL'OBBLIGO NELLA DOMANDA : PREVISIONE DELL'OBBLIGO NEL DISCIPLINARE: PREVISIONE DELL'OBBLIGO NEL CONTRATTO: Modalità di controllo del rispetto degli obblighi da parte del RdM INDAGINI A CAMPIONE: VISITE IN LOCO: DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA: PRESENZA ALTRO MATERIALE INFORMATIVO NEL FASCICOLO: Indicatori per i sopralluoghi su operazioni cofinanziate Si No Note Presenza in loco dei materiali informativi e pubblicitari previsti Conformità a modalità tecniche di allestimento ex Reg. (CE) 1159/00 CARTELLONE: TARGA COMMEMORATIVA: SEGNALETICA STRADALE O TURISTICA: AFFISSIONI: MANIFESTI: LOGHI: DIMENSIONI: EMBLEMA: CARATTERI: MENZIONE FONDO:

16 Trasparenza amministrativa Particolare rilievo assumono gli adempimenti relativi alla pubblicità legale e al diritto di accesso agli atti amministrativi. Gli strumenti di comunicazione istituzionale atti a garantire la trasparenza e il diritto di accesso sono: Gazzetta Ufficiale della Unione Europea G.U.U.E. Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - G.U.R.I. Bollettino Ufficiale della Regione B.U.R. Portale istituzionale della Regione nelle pagine on line del BUR e nelle news Pubblicità legale sui giornali nazionali e locali: inserti degli estratti di Avvisi Pubblici, Bandi di gara, etc. Avvisi pubblici su affissioni * Versione agosto 2007

17 Conclusioni: cosa verificare? che i bandi riportino espressamente la menzione del cofinanziamento da parte dell'unione europea; che nella pubblicità istituzionale (quotidiani, siti internet, portali, brochure, ecc.) siano riportati il logo, la menzione del cofinanziamento da parte dell'unione europea, l indicazione del Fondo e lo slogan; che i documenti amministrativi (disciplinari, contratti, certificati) e le note con cui le Autorità (AdG, OI) notificano ai beneficiari la concessione di un contributo riportino espressamente la menzione del cofinanziamento da parte dell'unione europea e del Fondo interessato; che in caso di interventi superiori a euro siano rispettate le norme sulla cartellonistica e sulle targhe esplicative permanenti; che anche gli oggetti promozionali contengano il logo e il riferimento alla UE.

18 Conseguenze del mancato rispetto Le conseguenze del mancato rispetto? può condurre al disimpegno dei fondi può condurre ad una correzione finanziaria

19 : Guida del DPS

20

Linee guida per l'attuazione delle azioni di Informazione e Pubblicità per il periodo di programmazione 2007/2013

Linee guida per l'attuazione delle azioni di Informazione e Pubblicità per il periodo di programmazione 2007/2013 Linee guida per l'attuazione delle azioni di Informazione e Pubblicità per il periodo di programmazione 2007/2013 CCI:2007IT162PO001 INDICE INDICE... 1 PREMESSA... 2 1. OBIETTIVI E DESTINATARI DELLE AZIONI

Dettagli

L 368/60 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006

L 368/60 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 L 368/60 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 ALLEGATO VI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ SUL SOSTEGNO DA PARTE DEL FEASR (DI CUI ALL ARTICOLO 58, PARAGRAFO 3) 1. Misure di informazione rivolte

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA C.F. 80012000826 P.I. 02711070827

REPUBBLICA ITALIANA C.F. 80012000826 P.I. 02711070827 C.F. 80012000826 P.I. 02711070827 PRESIDENZA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE AREA COORDINAMENTO, ASSISTENZA TECNICA E COMUNICAZIONE U.O.B. 1 - Servizi della Comunicazione Data...16 febbraio 2007 Risposta

Dettagli

Linee guida per le azioni di informazione e pubblicità

Linee guida per le azioni di informazione e pubblicità Presidenza del Consiglio dei Ministri Struttura di Missione DPCM 1/6/2014 PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO 2007-2013 Linee guida per le azioni di informazione

Dettagli

Azioni di Informazione e Pubblicità

Azioni di Informazione e Pubblicità Azioni di Informazione e Pubblicità Linee guida per i Beneficiari del PON Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 UNA PA PER LA CRESCITA Novembre 2012 Sommario Introduzione... 3 Gli elementi grafici

Dettagli

CIRCOLARE SULL USO DEL LOGO DEL PIANO DI COMUNICAZIONE PO FSE 2007-2013

CIRCOLARE SULL USO DEL LOGO DEL PIANO DI COMUNICAZIONE PO FSE 2007-2013 Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale CIRCOLARE SULL USO DEL

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA-FRANCIA MARITTIMO 2007-2013 MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA-FRANCIA MARITTIMO 2007-2013 MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA-FRANCIA MARITTIMO 2007-2013 MANUALE DI IMMAGINE COORDINATA Guida ai progetti per il rispetto delle regole di informazione e pubblicità Versione 2 1 ottobre 2011 1 I regolamenti

Dettagli

LINEE GUIDA. Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti. investiamo nel vostro futuro

LINEE GUIDA. Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti. investiamo nel vostro futuro Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico investiamo nel vostro futuro

Dettagli

Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Linee guida e strumenti per comunicare

Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Linee guida e strumenti per comunicare Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Linee guida e strumenti per comunicare Indice 1. L Europa e la comunicazione dei Fondi Strutturali... 2. Informazione e pubblicità nel POR Campania

Dettagli

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE POR POR FESR FESR EMILIA-ROMAGNA 2007-2013 RISORSE IN IN RETE linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI INDICE Le ragioni di questa guida pag.

Dettagli

Informazione e Pubblicità

Informazione e Pubblicità PIC Interreg IIIA Italia-Svizzera 2000~2006 Informazione e Pubblicità Guida pratica Febbraio 2006 Avvertenze per i beneficiari finali Per ogni progetto, i beneficiari sono tenuti ad evidenziare la presenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PIEGHEVOLI INFORMATIVI NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Pagina 1 di 7 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti direttive trovano applicazione nelle aree SIC della rete Natura

Dettagli

Allegato 12 : Loghi e cartellonistica

Allegato 12 : Loghi e cartellonistica Allegato 12 : Loghi e cartellonistica 1 INDICE DISPOSIZIONI GENERALI... 3 LOGO FSC... 4 CARTELLONISTICA DI CANTIERE... 4 TARGA PERMANENTE... 6 PUBBLICITA SUI DOCUMENTI... 7 DISPOSIZIONI TRANSITORIE...

Dettagli

Con l Europa investiamo nel nostro futuro Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Regionale CCI 2007IT051PO007

Con l Europa investiamo nel nostro futuro Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Regionale CCI 2007IT051PO007 Con l Europa investiamo nel nostro futuro Bando per la selezione Di un esperto in azioni di pubblicità e SENSIBILIZZAZIONE relativamente alla realizzazione dei progetti previsti dalla circolare AOODGEFID/571

Dettagli

PO FESR 2007-2013 LINEE GUIDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ

PO FESR 2007-2013 LINEE GUIDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA PO FESR 2007-2013 LINEE GUIDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ INDICE Premessa... 2 I PARTE Le novità... 3 Le principali novità introdotte dai Regolamenti...

Dettagli

Obblighi di informazione e pubblicità

Obblighi di informazione e pubblicità Allegato A al Decreto n. 04 del 17 maggio 2016 pag. 1/17 PSR Veneto 2014-2020 Obblighi di informazione e pubblicità Linee Guida per i beneficiari 1 Allegato A al Decreto n. 04 del 17 maggio 2016 pag. 2/17

Dettagli

Regione Siciliana GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E PUBBLICITARI - LE FUNZIONI DEL REFERENTE DELLA COMUNICAZIONE

Regione Siciliana GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E PUBBLICITARI - LE FUNZIONI DEL REFERENTE DELLA COMUNICAZIONE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana PRESIDENZA Dipartimento della Programmazione Piazza L. Sturzo 36-90139 Palermo P r o g r a m m a O p e r a t i v o d e l F o n d o E u r o p e o d i

Dettagli

FONDO DI SVILUPPO E COESIONE (FSC)

FONDO DI SVILUPPO E COESIONE (FSC) FONDO DI SVILUPPO E COESIONE (FSC) INFORMAZIONE E PUBBLICITA LOGHI E CARTELLONISTICA Cagliari, 20 maggio 2009 Stato di attuazione dell Intesa Stato Regione Sardegna e degli APQ DISPOSIZIONI GENERALI Ai

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DELLA GARANZIA PER I GIOVANI IN COLLABORAZIONE CON LE REGIONI 1.PREMESSA Le linee guida della comunicazione della Garanzia Giovani derivano dall applicazione

Dettagli

OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE

OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE PSR per l Umbria 2014-2020 OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE Regolamento di esecuzione (UE) n. 808/2014 della Commissione Allegato III art. 2 I beneficiari di aiuto, sia delle misure a investimento che di quelle

Dettagli

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE

linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI RISORSE IN IN RETE POR POR FESR FESR EMILIA-ROMAGNA 2007-2013 RISORSE IN IN RETE linee guida PER PER LE LE AZIONI DI DI INFORMAZIONE A CURA A DEI DEI BENEFICIARI DEI DEI FINANZIAMENTI INDICE Le ragioni di questa guida pag.

Dettagli

CARTELLONI OBBLIGATORI

CARTELLONI OBBLIGATORI CARTELLONI OBBLIGATORI GUIDA ALLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLE NORME IN MATERIA D'INFORMAZIONE E DI PUBBLICITÀ SUGLI INTERVENTI DEI FONDI STRUTTURALI a norma del Regolamento (CE) n. 1159/2000 della Commissione

Dettagli

INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE

INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE INDIRIZZI DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE GRAFICA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE Facendo riferimento alla documentazione tecnica relativa alla progettazione definitiva degli interventi finanziati ai

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

LINEE GUIDA. Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti. investiamo nel vostro futuro

LINEE GUIDA. Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti. investiamo nel vostro futuro LINEE GUIDA Per le azioni di informazione e pubblicità a cura dei beneficiari dei finanziamenti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico investiamo

Dettagli

Linee guida e manuale d uso per la comunicazione. OBIETTIVO "Competitività regionale e occupazione"

Linee guida e manuale d uso per la comunicazione. OBIETTIVO Competitività regionale e occupazione Linee guida e manuale d uso per la comunicazione 3 Manuale d uso del logo INDICE 04 05 06 07 09 10 11 12 I riferimenti comunitari I loghi e le informazioni istituzionali Descrizione simbolica Descrizione

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 pag. 1/12

Allegato A al Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 pag. 1/12 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 pag. 1/12 LINEE GUIDA per l informazione e l utilizzo dei loghi previsti per le iniziative finanziate dal PSR per il Veneto 2007 2013 In

Dettagli

Piano di Comunicazione

Piano di Comunicazione Piano di Comunicazione Allegato 1: prospetto del piano di comunicazione e misure di informazione e pubblicità Obiettivo Informare il Comitato di Sorveglianza Informare delle opportunità del FSE, rendere

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 GARANTIRE LA VISIBILITÀ DELLA POLITICA DI COESIONE: NORME IN MATERIA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea

Dettagli

Applicazioni / Affissioni

Applicazioni / Affissioni Applicazioni / Affissioni 41 Manifesti pubblicitari Schema e disposizione delle informazioni (A) area riservata al logotipo del PO FSE () area riservata alle informazioni relative al messaggio pubblicitario

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. regionale il format. cartelli e targhe

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. regionale il format. cartelli e targhe UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale regionale e targhe 29 e targhe Il Regolamento (CE) N. 1828/2006 all art. 8 definisce le responsabilità in capo ai beneficiari per gli interventi informativi

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Pagina 1 di 10 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti direttive trovano applicazione nelle aree SIC della rete Natura

Dettagli

Linee guida per la progettazione delle aree web regionali dedicate alla Garanzia giovani

Linee guida per la progettazione delle aree web regionali dedicate alla Garanzia giovani Linee guida per la progettazione delle aree web regionali dedicate alla Garanzia giovani Progettazione dei siti regionali L aspetto grafico e i contenuti delle aree web dei portali regionali dedicati alla

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA Punto 6 odg Presentazione della Strategia di Comunicazione del POR FSE Abruzzo 2014-2020 per l approvazione Giovedi, 11 Giugno 2015 Ore 10.30 Piazza Gardone

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia - 20-1 Suppl. Straordinario al n. 20 19 maggio 2009 ALLEGATO C

Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia - 20-1 Suppl. Straordinario al n. 20 19 maggio 2009 ALLEGATO C Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia - 20-1 Suppl. Straordinario al n. 20 19 maggio 2009 Manuale per la pubblicità e la comunicazione delle attività promosse nell ambito del sistema regionale dell

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, L 130/30 REGOLAMENTO (CE) N. 1159/2000 DELLA COMMISSIONE del 30 maggio 2000 relativo alle azioni informative e pubblicitarie a cura degli Stati membri sugli interventi dei Fondi strutturali LA COMMISSIONE

Dettagli

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015)

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015) POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 Luglio 2015) 2 Informativa sull attuazione del Piano di Comunicazione (Punto

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R. 2007-2013) Disposizioni in materia di pubblicità e informazione sul sostegno da parte del

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R. 2007-2013) Disposizioni in materia di pubblicità e informazione sul sostegno da parte del PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R. 2007-2013) Disposizioni in materia di pubblicità e informazione sul sostegno da parte del FEASR (Fondo Europeo per lo Sviluppo Rurale) nell ambito del Programma di

Dettagli

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana Versione gennaio

Dettagli

Informare e dare pubblicità all'utilizzo dei Fondi strutturali comunitari GUIDA PRATICA

Informare e dare pubblicità all'utilizzo dei Fondi strutturali comunitari GUIDA PRATICA Informare e dare pubblicità all'utilizzo dei Fondi strutturali comunitari GUIDA PRATICA La presente pubblicazione, a cura del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo del Ministero dell'economia e delle

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale 19.5.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 20 159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Il presente regolamento disciplina la gestione, il funzionamento e l utilizzo del sito internet istituzionale del Comune di Trapani, nonché le modalità

Dettagli

Informare e dare pubblicità all'utilizzo dei Fondi strutturali comunitari GUIDA PRATICA

Informare e dare pubblicità all'utilizzo dei Fondi strutturali comunitari GUIDA PRATICA Informare e dare pubblicità all'utilizzo dei Fondi strutturali comunitari GUIDA PRATICA La presente pubblicazione, a cura del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo del Ministero dell'economia e delle

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 30.7.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 30.7.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.7.2014 C(2014) 5308 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 30.7.2014 che definisce le misure di informazione e pubblicità indirizzate al pubblico

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 117 del 10.12.2002 Modificato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 1.4.2004 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 11 GIUGNO 2015 Presentazione del RAE al 31 dicembre 2014 ASPETTI PRINCIPALI DEL RAE

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n.

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n. REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DEGLI ENTI NO-PROFIT Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n. 23 del 19/4/2007)

Dettagli

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO COMUNE DI S. STEFANO IN ASPROMONTE 89057 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile Avvisa che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato

Dettagli

Stralcio Allegato 1 - Titolo IV Disposizioni generali Punto 14) Informazione e comunicazione degli interventi

Stralcio Allegato 1 - Titolo IV Disposizioni generali Punto 14) Informazione e comunicazione degli interventi Progr.Num. 1298/2015 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 14 del mese di settembre dell' anno 2015 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO I CONTROLLI I CONTROLLI DELL AUTORITÀ DI GESTIONE I controlli dell Autorità di Gestione riguarderanno gli

Dettagli

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 AVVISO PUBBLICO Interventi di sostegno alla qualificazione e all occupabilità delle risorse umane Approvato con D.D. n. del ATTO

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA"

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 Investiamo nel vostro futuro IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento Torino - 8-9 aprile 2015 L attività

Dettagli

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO Comune di Caramanico Terme (PE) Corso Gaetano Bernardi, 30 - CAP 65023 - tel. (085) 92.90.131 - fax (085) 92.90.202 COMUNE DI CARAMANICO TERME (Provincia di Pescara) --------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGRAMMA CREA-ATTIVA-MENTE Progetto PugliApedali

PROGRAMMA CREA-ATTIVA-MENTE Progetto PugliApedali ALLEGATO 1 REGIONE PUGLIA Assessorato alle Infrastrutture Strategiche e Mobilità Area Politiche per la Mobilità e Qualità Urbana SERVIZIO RETI E INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITÀ UFFICIO RETI DELLA MOBILITÀ

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA ALLEGATO N. 1 UNIONE EUROPEA FEASR REGIONE LAZIO REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA P.S.R. LAZIO 2007/2013 ASSE IV LEADER (DGR

Dettagli

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO. Fondo Sociale Europeo. Investiamo sul nostro futuro

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO. Fondo Sociale Europeo. Investiamo sul nostro futuro LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO Fondo Sociale Europeo Investiamo sul nostro futuro Pubblicazione realizzata a cura della Regione Basilicata Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura

Dettagli

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 ( s i n te s i d e l R e g o l a m e n to C E 1 9 7 4 / 0 6 e d e l l a D e l i b e r a G i u n

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLE AZIONI DI SISTEMA PO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO OB. 2 FSE 2007-2013

MANUALE DI GESTIONE DELLE AZIONI DI SISTEMA PO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO OB. 2 FSE 2007-2013 MANUALE DI GESTIONE DELLE AZIONI DI SISTEMA PO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO OB. 2 FSE 2007-2013 Aggiornato 19 novembre 2015 Amt Europäischer Sozialfonds Ufficio Fondo Sociale Europeo Gerbergasse/Via Conciapelli

Dettagli

OBBLIGO DI TARGHE INFORMATIVE E CARTELLI

OBBLIGO DI TARGHE INFORMATIVE E CARTELLI OBBLIGO DI TARGHE INFORMATIVE E CARTELLI (Sintesi del regolamento CE 1974/06 e della Delibera di Giunta Regionale 4 agosto 2010, n. 1832) CHI HA L OBBLIGO I beneficiari di interventi ammessi agli aiuti

Dettagli

(Finalità e ambito di applicazione)

(Finalità e ambito di applicazione) 6 15.1.2003 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 gennaio 2003, n. 3/R Regolamento per lo svolgimento delle procedure telematiche di acquisto

Dettagli

Art. 1 (Finalità e obiettivi)

Art. 1 (Finalità e obiettivi) AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI, SOGGETTI PRIVATI SINGOLI O ASSOCIATI, FONDAZIONI ED ASSOCIAZIONI PER INIZIATIVE ED INTERVENTI IN MATERIA AMBIENTALE L art. 12

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici -APQ in Materia

Dettagli

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTA la legge 17 dicembre 2010, n. 227, recante disposizioni concernenti la definizione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

Incontro partenariale sulla programmazione POR FESR 2014 2020

Incontro partenariale sulla programmazione POR FESR 2014 2020 Incontro partenariale sulla programmazione POR FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Stato

Dettagli

74AD.2012/D.01107 28/11/2012

74AD.2012/D.01107 28/11/2012 DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT UFFICIO SISTEMA SCOLASTICO ED UNIVERSITARIO E COMPETITIVITA' DELLE IMPRESE 74AD 74AD.2012/D.01107 28/11/2012 OGGETTO: P.O. Basilicata FSE 2007-2013.Asse

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

Primo Circolo Didattico De Luca Picione

Primo Circolo Didattico De Luca Picione Prot. N. 2422/B15 Cercola, 14 maggio 2012 CIG.Z8304ED30A All Albo della Scuola Al sito della scuola Alle Ditte Interessate: - S. Di Luca - Grafico e Fotografo Pubblicitario Via Promiscua Coop. Elisabetta

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 CCI N 2007 IT 051 PO 002 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6711 del 17 dicembre 2007 MANUALE

Dettagli

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 13 ottobre 2015, n. 540 OGGETTO: POR FESR Lazio 2014-2020. Approvazione della Scheda Modalità Attuative (MAPO) relativa all'azione

Dettagli

Programma Operativo Regionale FSE 2014-2020 Regione Autonoma della Sardegna CCI 2014IT05SFOP021 Asse prioritario 1 Occupazione

Programma Operativo Regionale FSE 2014-2020 Regione Autonoma della Sardegna CCI 2014IT05SFOP021 Asse prioritario 1 Occupazione AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA PARTECIPAZIONE AL PERCORSO FORMATIVO SPERIMENTALE DESTINATO A CAREGIVER E ASSISTENTI FAMILIARI che svolgono attività di cura a favore di

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013. Insieme c è futuro

Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013. Insieme c è futuro Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013 Insieme c è futuro LOGO Versione a colori Proporzioni e area di rispetto Codici cromatici Caratteri

Dettagli

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 512 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 21.11.2011 Categoria Previdenza e lavoro Sottocategoria Agevolazioni

Dettagli

POR Campania FESR 2007/13 Asse 1 - Obiettivo Operativo 1.6 SCHEMA DI CONVENZIONE/ACCORDO TRA

POR Campania FESR 2007/13 Asse 1 - Obiettivo Operativo 1.6 SCHEMA DI CONVENZIONE/ACCORDO TRA POR Campania FESR 2007/13 Asse 1 - Obiettivo Operativo 1.6 SCHEMA DI CONVENZIONE/ACCORDO TRA la Regione Campania nella persona del Responsabile Ratione Materiae, Dott. Italo Giulivo, designato con D.P.G.R.

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO PISTA DI CONTROLLO INDICE 1. SCHEDA ANAGRAFICA...3 2. ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE...4 3. MACRO PROCESSO GESTIONALE...5

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Ordine dei Farmacisti della Provincia di Ferrara Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Manuale gestore DT-Manuale gestore (per utenti servizio CDI) VERSIONE 2.0 del 09/10/2015 1. Premesse

Dettagli

Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 41 del 28/03/2013*

Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 41 del 28/03/2013* FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 007-03 Asse 4 - LEADER - Attuazione Strategia di Sviluppo

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace Fondo Europeo Sviluppo Regionale a cura di: Bruno Diego Gallace 1 Gestione Amministrativa e Contabile Cosa fa una scuola che ha ricevuto un finanziamento del PON FESR Ambienti per l apprendimento? IL DIRIGENTE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali L esecutore deve organizzare le modalità di accesso all area ristorazione ed un servizio di controllo all entrata. Per consentire l accesso ai pasti dovranno essere predisposti degli inviti ad personam.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

VIII PIANO DI COMUNICAZIONE

VIII PIANO DI COMUNICAZIONE VIII PIANO DI COMUNICAZIONE 1. ATTIVITÀ SVOLTE Nel corso del semestre luglio-dicembre 2005 sono state realizzate importanti attività inserite nel Piano Operativo di Comunicazione del PON Trasporti 2000/2006.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

PIANO DI AZIONE LOCALE FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE GRUPPO DI AZIONE LOCALE BOLOGNAPPENNINO

PIANO DI AZIONE LOCALE FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE GRUPPO DI AZIONE LOCALE BOLOGNAPPENNINO RICHIESTA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DA REALIZZARSI IN MODALITÀ REGIA DIRETTA IN CONVENZIONE CON IL GAL APPENNINO BOLOGNESE A VALERE SULLA MISURA 413.7 OPERAZIONE

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 15 dicembre 1998, n. 441, recante "Norme per la diffusione e la valorizzazione dell'imprenditoria

Dettagli

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE TERZO INCONTRO

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE TERZO INCONTRO Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE TERZO INCONTRO Roma, 04 maggio 2015 1 Carlos Costa Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo 13) Lo studio di

Dettagli