NUOVI MOSAICI TERRITORIALI Un progetto di sviluppo turistico per la Via Francigena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVI MOSAICI TERRITORIALI Un progetto di sviluppo turistico per la Via Francigena"

Transcript

1 Facoltà di Architettura di Ferrara _ Sessione di Laurea marzo 2008 Studente: Relatore: Isabella Tonioli Sebastiano Parmegiani Correlatori: Isabella Tagliavini Daniele Ferretti NUOVI MOSAICI TERRITORIALI Un progetto di sviluppo turistico per la Via Francigena

2 o _ Introduzione al progetto 1 _ Premessa 1.1_ Viaggio e viaggio turistico. 1.2_ Dal turismo di massa al turismo alternativo. 2 _ Il turismo alternativo 2.1_ Una definizione. 2.2_ I caratteri principali. 2.3_ Le condizioni per lo sviluppo. 2.4_ Ruolo e competenze degli attori istituzionali. _ 002

3 Questa prima parte del lavoro di Tesi contiene un analisi propedeutica al tema affrontato nel progetto. Il corso di studi universitario, proprio per la sua necessaria genericità nell'affrontare tutte le macroaree concernenti la formazione di un architetto, ha lasciato alcune carenze che ho cercato di colmare all'avvio del lavoro. La necessità di un approccio interdisciplinare e la specificità dei miei studi, e di conseguenza del mio punto di vista, sono due elementi essenziali che hanno collaborato alla realizzazione di questa prima parte di lavoro. Non ho avuto nessuna pretesa di completezza. Ho valutato essenziale inquadrare il tema nel necessario contesto interdisciplinare, presentando gli aspetti chiave di ogni disciplina in relazione al progetto intrapreso. Uno sguardo al mondo prima di passare alle specificità progettuali. Gli elementi ricavati da questa prima analisi delle dinamiche turistiche, sono quegli elementi che definiscono la strategicità delle scelte progettuali intraprese nel seguito di questo lavoro; attraverso le riflessioni portate avanti nei primi capitoli, ho ricavato le principali linee guida per un corretto approccio al territorio ed alla progettazione del suo sviluppo turistico. Nello specifico, da una prima serie di riflessioni legate all avvio del lavoro di Tesi, ho ricavato l oggetto principale di questa analisi preliminare nel turismo alternativo, definito in sintesi come una modalità di sviluppo locale che mette a sistema le singole risorse territoriali, allo scopo di garantirne una fruizione sostenibile da parte di categorie di utenti che sviluppano specifiche necessità, in relazione al loro rapporto con le risorse locali ed al loro mezzo di trasporto. Da questa definizione ho proseguito alla ricerca dei caratteri principali del turismo alternativo, individuati in rapporto ad alcune parole chiave quali territorio, sistema, mobilità dolce ed utenti; sempre in relazione a queste tematiche, sono stati stabiliti i presupposti per lo sviluppo del territorio in relazione alla sua fruizione turistica. Un ultimo paragrafo cerca di orientarsi tra le diverse competenze degli attori istituzionali coinvolti nei processi decisionali e di gestione dei sistemi turistici descritti. _ 003

4 3 _ Progetti di interesse europeo e nazionale 3.1_ I progetti a scala europea. 3.2_ Italia tra esistente e progetto. 3.4_ Conclusioni. 4 _ Esempi progettuali; uno sguardo all Europa 4.0_ Introduzione. 4.1_ Il sistema francese. 4.2_ La ciclopista sul Danubio. 4.3_ Il Cammino di Santiago. 4.4_ Il sistema Trentino-Alto Adige. 5 _ Conclusioni _ 004

5 La seconda parte del lavoro presenta una prima ricognizione sulle associazioni presenti in Europa ed in Italia e sui loro progetti per una fruizione alternativa del territorio internazionale. Sono inoltre descritti alcuni dei programmi di finanziamento della Comunità Europea che possono interessare la promozione e la realizzazione di progetti di turismo alternativo a scala nazionale ed internazionale. Parallelamente, si volge lo sguardo alle realtà estere attraverso l analisi dei progetti realizzati in alcuni Paesi Europei. Questo lavoro viene svolto per ricavare criticità e potenzialità delle dinamiche territoriali messe in atto dalle scelte progettuali e metodologiche portate avanti dai diversi enti decisionali. Da queste osservazioni si definiscono a loro volta le metodologie vincenti e le difficoltà a cui si va incontro, affrontando la progettazione con una maggiore consapevolezza degli effetti che le nostre decisioni avranno sul territorio. I quattro casi studio prescelti per il nostro lavoro sono stati i seguenti:. Lo Stato francese, in quanto presenta un sistema turistico complesso, in grado di integrare le diverse mobilità sul territorio nazionale con la valorizzazione delle singole risorse locali;. La pista ciclabile sul Danubio, in Austria, singolo percorso inserito in un più ampio sistema nazionale di cui si analizza la struttura organizzativa;. Il Cammino di Santiago, che presenta, nella sua gestione, una preponderante componente associativa rispetto a quella statale. La principale ragione per questo fenomeno è stata colta nel suo carattere particolare di via di pellegrinaggio religioso, elemento che accomuna questo caso studio alla Via Francigena in Italia.. Il quarto caso studio è il caso italiano del Trentino-Alto Adige, preso in considerazione per mostrare come, anche nella nostra realtà nazionale, si presentano elementi di grande interesse per il settore. Nonostante la sua particolarità di Regione a Statuto Autonomo, le politiche turistiche e regionali per lo sviluppo di un sistema di turismo alternativo rivolto al ricco patrimonio di risorse naturalistiche locali possono essere di esempio per le altre Regioni italiane. _ 005

6 6 _ La Via Francigena 6.1_ La Via Francigena: Un Territorio Strada. 6.2_ La Via Francigena oggi. 6.3_ Le ragioni di un progetto regionale. _ 006

7 La terza parte del lavoro si cala nella realtà italiana per definire il vero punto di partenza del nostro percorso progettuale. A cavallo tra la teoria, base essenziale per un cosciente esercizio della personale attività decisionale, e la pratica, che vede nel progetto di sviluppo territoriale la sua espressione concreta, questa sezione presenta le ragioni che hanno portato alla definizione di una strategia turistica per il territorio nazionale. Il rapporto quindi tra idea iniziale e pianificazione concreta si risolve in queste pagine e porta alla definizione degli obiettivi generali che il lavoro si propone. Elementi di importanza strategica della Via Francigena nel panorama nazionale..un solo intervento, di rilievo nazionale, per attivare l intera rete turistica locale italiana..elemento unitario, che funge da richiamo e da asse organizzatore della varietà dei progetti promossi a livello locale..un unico progetto che connette le realizzazioni locali ci permette di creare le condizioni per la realizzazione di quel prodotto turistico complesso in grado di soddisfare le esigenze della domanda contemporanea..la struttura stessa della Via Francigena, crea un sistema complesso che innerva il territorio e fonda le sue radici storiche nella molteplicità di eventi e trasformazioni avvenute nell Italia dell età medioevale..la ricchezza e la complessità di questa rete può essere realizzata nel tempo, a seconda delle necessità e delle possibilità economiche e culturali della realtà locale, senza forzarne la crescita. Il ruolo delle istituzioni e della pianificazione deve essere quello di guidare questo processo. Da queste considerazioni, e dallo studio presentato, nasce la sfida di questo progetto di Tesi, che vorrebbe suggerire una strategia di sviluppo per il turismo alternativo italiano, basato sulla Via Francigena e sulla sua conversione da tracciato medioevale ad itinerario culturale percorribile nella sua ricchezza storica, culturale ambientale e sociale. Un patrimonio per la nostra contemporaneità. _ 007

8 7_ Il caso studio 7.1_ La Via Francigena in Toscana. 7.2_ L analisi ambientale. 7.3_ L analisi turistica. 7.4_ Interazioni progetto-territorio. 8_ Il progetto Bassa Val d Arno 8.1_ LA centralità del progetto. 8.2_ Il sistema. 8.3_ La rete ed i suoi nodi. 8.4_ Conclusioni. _ 008

9 La quarta ed ultima parte descrive il percorso metodologico, di valenza generale, che dalla definizione delle linee guida nazionali porta alla reale concretizzazione sul territorio delle aspettative attese. Due sono i passaggi di scala necessari a questo processo: dal territorio nazionale a quello regionale e dal sistema regionale al sistema locale. Come caso studio esemplificativo è stata scelta la Regione Toscana; il metodo applicato è quello che, a partire dalle analisi turistiche ed ambientali, arriva a definire i progetti strategici da promuovere per un reale incontro tra le esigenze locali e le strategie nazionali. L analisi di fattibilità di ciascuno di questi progetti, svolta inizialmente a scala sistemica e di coordinamento, pone le condizioni a prescindere dalle quali gli interventi sul territorio rimarrebbero confusi ed incoerenti, portando allo spreco delle potenzialità di sviluppo che il progetto nazionale della Via Francigena offre al territorio che attraversa. _ 009

10 Il progetto come modello.la realtà regionale si pone come luogo di incontro delle esigenze espresse a scala nazionale e quelle espresse dalle singole comunità locali..promozione delle realtà turistiche, segnalazione degli itinerari e realizzazione dei primi servizi di supporto turistico, permettono di definire una matrice territoriale in cui successivamente si inseriranno le iniziative e la creatività locali..il progetto si definisce come modello per l approccio concreto alle diverse aree di sviluppo del percorso francigeno a scala nazionale. Il progetto risponde alla necessità di elaborare un metodo ed alcune linee guida che possano essere applicate ai diversi tratti della Via Francigena, una volta calati nelle peculiarità delle singole Regioni..La Regione Toscana è stata scelta in quanto realtà turistica complessa, in cui lo studio delle interrelazioni di questo sistema con il progetto della Via Francigena diventa estremamente articolato ed interessante..nella Regione Toscana i segni del periodo francigeno sono ancora ben radicati nel territorio e nella cultura tradizionale ed artigianale, arricchendo la Regione stessa di nuove opportunità di riscoperta, di radicamento e di sviluppo..la visione di sviluppo della Via Francigena dovrà essere relativa ad un contesto turistico allargato, che permetta di investire risorse pubbliche e private in diversi sistemi locali la cui complessità di offerta possa venire unificata dalla Via stessa allargandosi nel contempo ai territori limitrofi..l obiettivo del progetto e delle analisi che verranno svolte per la Regione Toscana, è il superamento delle contingenze locali legate al corridoio strada per individuare una reale offerta di prodotto turistico complesso ed integrato, su cui gli investitori potranno agire con lungimiranza per lo sviluppo complessivo della realtà toscana. _ 010

11 7 _ Il caso studio 7.2_ L analisi ambientale. _ 011

12 La comprensione di un territorio è un aspetto chiave per la progettazione di strategie ed interventi di sviluppo, che proprio nel territorio stesso trovano la struttura e la matrice base per la loro realizzazione. La complessità fisica, ambientale, sociale, economica e culturale di una Regione, ha reso però necessaria, in questo lavoro, una forte selezione degli elementi da coinvolgere nell analisi; quest ultima è stata portata avanti con un chiaro obiettivo finale, quello di individuare gli elementi coinvolti nel sistema turistico oggetto di progetto e le possibili interazioni tra il sistema progettato e la realtà ambientale. Le analisi proposte sono due: l analisi ambientale e l analisi turistica. Con il termine ambientale, si è voluto definire il contesto (demografico, economico, sociale ed infrastrutturale) in cui si inserisce il percorso francigeno, al fine di individuare alcune delle principali problematicità con cui questo itinerario dovrà dialogare. Un valido aiuto in questa prima ricognizione è stato il Piano di Indirizzo Territoriale della Regione Toscana per il periodo All interno dei suoi quadri analitici di riferimento ho potuto individuare potenzialità, debolezze, opportunità e rischi delle diverse aree in cui si inserisce il progetto francigeno. _ 012

13 Terminata questa prima parte di analisi, possiamo delineare alcune conclusioni. Per quel che riguarda l Area di Integrazione Policentrica, due sono le tematiche fondamentali che si possono dedurre dagli argomenti fin qui presentati: la prima di queste riguarda la salvaguardia ambientale, la seconda la qualità della vita negli ambiti fortemente urbanizzati che il progetto si troverà ad attraversare. L obiettivo di un sistema turistico in queste regioni, dovrà essere quello di connettere le maggiori emergenze naturalistiche locali, allo scopo di promuovere nuove relazioni tra gli abitanti ed il loro territorio, valorizzare una rete appetibile all utente turistico e creare corridoi ecologici che favoriscano la tutela della diversità faunistica e vegetale. La fruizione e la conoscenza delle riserve naturali presenti nella zona, sono di importanza strategica per la creazione di una rete verde che risponda alle esigenze non solo turistiche, ma anche della popolazione locale. Un sistema di mobilità dolce potrebbe favorire inoltre gli spostamenti all interno delle aree di influenza dei capoluoghi provinciali, promuovendo una alternativa sostenibile alle difficoltà che spesso provoca il pendolarismo. L operazione chiave per il raggiungimento di questi obiettivi è l infiltrazione di questo sistema turistico all interno della realtà edilizia, sociale e culturale del territorio che attraversa, per apportarvi nuovi elementi qualificanti e riconnettere i frammenti di un paesaggio disconnesso e destabilizzato dall urbanizzazione locale. Nelle Aree Rurali invece, il ruolo della Via Francigena è quello di farsi motore per lo sviluppo di un turismo alternativo locale, che valorizzi le risorse e stimoli una innovazione ed una diversificazione delle attività nelle zone agricole a rischio di abbandono. Il ruolo preminente della Regione Toscana nelle iniziative legate all integrazione delle imprese agricole con il turismo definito rurale, fonda buone basi per un ulteriore diversificazione ed organizzazione delle offerte, che devono concentrarsi sulle nuove categorie di utenze che un sistema di turismo alternativo porta sul territorio. Il fine del lavoro di progettazione dovrà essere un attenta ricognizione delle potenzialità turistiche regionali che potrebbero appoggiarsi alla via Francigena per promuovere ed integrare le diverse emergenze territoriali in un sistema dai vasti orizzonti spaziali. Un sistema, formato da un network fisico e da un network virtuale, per una lettura organica dei territori rurali toscani. _ 013

14 7 _ Il caso studio 7.3 _ l analisi turistica. _ 014

15 Per l individuazione delle emergenze coinvolte dalla progettazione della via Francigena, si è voluto procedere all analisi delle risorse turistiche presenti sul territorio regionale. Fedeli alla finalità del nostro lavoro, si è cercato di individuare quali offerte, all interno del panorama turistico toscano, potevano integrarsi con un sistema di turismo alternativo e con le esigenze che esso manifesta. Parallelamente all analisi ambientale, sono stati identificate due diverse realtà turistiche: quella del turismo di massa, legata alle forme tradizionali del turismo balneare e di quello dei centri artistico-culturali, e l altro turismo, che vede valorizzati gli elementi tradizionali, paesaggistici e gastronomici del territorio. Il turismo di massa, nonostante il ruolo di primaria importanza che ancora riveste a scala regionale, sta attraversando un momento di declino dovuto alle difficoltà di rinnovarsi per competere con i nuovi panorami turistici internazionali. Allo stesso modo, il turismo cosiddetto minore, ha spesso riscontrato un intrinseca difficoltà di sviluppo. Questa realtà bivalente è l oggetto delle analisi svolte, al fine di individuare le aree ed i nodi di maggiore interesse turistico situate lungo il percorso della Via Francigena. In questo abstract vengono omesse le carte di riferimento. Sono state da un lato rilevate le aree a maggior concentrazione di flussi turistici verso le città d arte e le località balneari, dall altro sono state illustrate le seguenti tematiche regionali:. Aree naturalistiche protette;. Altre aree di interesse turistico;. Le strade del vino;. Il sistema dei centri termali;. Il turismo religioso in Toscana;. La rete degli approdi turistici. _ 015

16 In conclusione, l analisi turistica, delinea un vasto panorama di offerte e di risorse territoriali intorno alle quali può organizzarsi un sistema di turismo alternativo che abbia tutte le caratteristiche prospettate nei capitoli iniziali di questo lavoro. L obiettivo raggiunto, è la creazione di una mappa virtuale delle opportunità a cui il progetto potrà attingere, base per la creazione di un sistema turistico regionale integrato. I rapporti tra la Via Francigena e le diverse forme di turismo presentate, andranno successivamente compresi allo scopo di individuare il ruolo di questa nuova infrastruttura dolce nel già complesso sistema di offerte presenti sul territorio. La strada si prospetta quindi non solo come un mezzo per fruire delle diverse offerte locali, ma anche il luogo in cui quest ultime vengono virtualmente connesse in un unico orizzonte spaziale e significante. Dimensione reale e dimensione virtuale si fondono e definiscono una realtà tangibile che si interfaccia con il preesistente in maniera di volta in volta differente, adattandosi alle contingenze ed alle necessità locali. Da promozione del territorio ad alternativa di fruizione dello stesso, il ruolo della Via Francigena si definisce a seconda del contesto. _ 016

17 7 _ Il caso studio 7.4 _ Interazioni progetto-territorio. Nelle pagine che seguono, vengono presentati i quattro progetti strategici a scala regionale che vengono dedotti dal confronto critico delle analisi fin qui presentate. Questi progetti rappresentano le realtà territoriali a cui ci si deve rivolgere nella costruzione delle diverse offerte turistiche. _ 017

18 Il progetto terre di Lunigiana Opportunità.Parco Regionale delle Alpi Apuane ed area montuosa della Lunigiana con ricche offerte di itinerari ed attività turistiche.valorizzazione di un territorio in declino per la sua marginalità.sviluppo nelle aree interne di sistemi turistici alternativi al turismo balneare lungo le coste Punti di forza.presenza di un territorio particolarmente ricco dal punto di vista ambientale.buon livello di promozione delle risorse locali.esistenza di Comunità Montane per la promozione del territorio.sviluppata rete museale integrata con strutture e servizi culturali Debolezze.Sovrapposizione, nell area costiera settentrionale, con le località balneari a forte presenza turistica.interazione con un territorio che presenta casi di recessione ed abbandono Il progetto per la Via Francigena in Lunigiana permetterà di connettere tra di loro le offerte turistiche di cui questo territorio è ricco. Nell area più meridionale, la Via Francigena interagisce con il Parco delle Alpi Apuane, gli itinerari di trekking, le ciclabili ed i percorsi equestri, i castelli ed i borghi fortificati. Si tratterebbe di un sistema interconnesso che potrebbe agire sullo squilibrio tra le aree costiere iperturisticizzate e le aree montane con il loro lento declino. _ 018

19 Il progetto Bassa Val d Arno Opportunità.Progetto regionale per un Parco Naturale lungo l Arno con realizzazione di un percorso ciclabile.progetto dell Ente Parco di Migliarino per la riqualificazione degli approdi nautici alla foce dell Arno.Possibile connessione tra Lucca, Pisa e Firenze attraverso un sistema di mobilità dolce.futuro sviluppo di un centro termale che sfrutti i fanghi del Lago di Massaciuccoli Punti di forza.presenza di aree protette di interesse naturalistico come il sistema delle aree paludose di Fucecchio ed il Parco regionale di Migliarino Debolezze.Sovrapposizione, nell area costiera settentrionale, con le località balneari a forte presenza turistica.prossimità di aree urbane e industriali caratterizzate da densità edilizia e periferie degradate Il progetto prevede la realizzazione di un anello di mobilità dolce tra Lucca, Fucecchio e Pisa. Il sistema integra mobilità ciclistica, pedonale, nautica e motorizzata, connettendo le risorse naturali locali ed inserendosi come elemento di qualificazione nei contesti urbani degradati che attraversa. _ 019

20 Il progetto Val di Chiana Opportunità.Rilancio del turismo rurale e montano nella Provincia di Siena.Sviluppo di un sistema turistico alternativo nella Val di Chiana senese Punti di forza.presenza di aree ad alto valore paesaggistico ed ambientale come le Crete senesi e la Val d Orcia, Patrimonio UNESCO.Ricchezza di borghi minori caratteristici.vicinanza con alcuni centri termali di grande suggestione.contesto naturale in molte aree ancora integro Debolezze.Assenza di un sistema turistico complesso ad eccezione della presenza del Parco della Val d Orcia: si tratta quindi di un progetto da affrontare nella sua quasi totalità Il progetto proposto, individua due percorsi ad anello che mettono in relazione tra loro la Val di Chiana e la Via Francigena, attraversando i territori delle Crete Senesi e del Parco della Val d Orcia. Un sistema così concepito, potrebbe permettere un rilancio del settore turistico rurale nella Val di Chiana Senese, sviluppo auspicato anche dal P.I.T. a scala regionale. _ 020

21 Il progetto Terre dei Tufi Opportunità.Rilancio del turismo rurale e montano nella Provincia di Siena.Sviluppo di un sistema turistico alternativo nella regione dei tufi.valorizzazione delle risorse attraverso lo sviluppo di un turismo rispettoso del contesto ambientale Punti di forza.ricchezza di borghi minori caratteristici e vicinanza con alcuni centri termali di interesse nazionale.ricchezza di siti archeologici etruschi in un contesto geologico e naturale unico e suggestivo.presenza di alcuni sistemi di offerta turistica locale Debolezze.Fragilità del contesto paesaggistico ed ambientale.interazione con aree montane a rischio di declino.difficoltà, già sperimentata, nel far sviluppare progetti turistici locali Nella regione dei tufi è già presente un sistema turistico locale che coinvolge i comuni di Pitigliano, Sovana e Sorano. La ricchezza di centri termali, quali Saturnia e Bagni di San Filippo, di vigneti, di percorsi pedestri e ciclabili e di borghi caratteristici, tra cui la stessa Pitigliano, ne fa una complessa ed articolata realtà turistica facilmente integrabile con la Via Francigena. _ 021

22 8 _ Il progetto Bassa Val d Arno 8.1 _ La centralità del progetto. La Bassa Val d Arno ha due vantaggi rispetto alle altre azioni proposte; da un lato è l unica area all interno di quella che abbiamo definito l Area di Integrazione Policentrica, con le sue criticità ambientali ed insediative. Dall altro lato invece, si tratta di una regione in cui diverse iniziative già esistenti pongono le basi per un possibile sviluppo in tempi brevi dei processi in questo lavoro auspicati. Proprio la fervente attività che esiste su questi temi e il ritmo crescente delle realizzazioni, impone una definizione chiara, univoca e rapida delle finalità che devono accomunare ogni intervento, delle linee guida per la progettazione concreta di infrastrutture e servizi, e del sistema di interrelazioni che ogni singola centralità deve costruire. _ 022 Riportiamo di seguito, in questo abstract, le tappe salienti del percorso progettuale finale.

23 Presupposti per lo sviluppo. punti di forza del sistema Territorio.Contesti naturalistici di pregio: le riserve naturali Sistema.Creazione di un prodotto turistico complesso: vie del vino. arte. natura. terme. diporto Mobilità dolce.realizzazione di percorsi di mobilità dolce: ciclopista lungo il fiume Arno. Via Francigena Utente.Gestione dei servizi a supporto: Associazioni. Attori privati. Enti Locali Esigenze nazionali Territorio.Promozione di una fruizione turistica sostenibile Sistema.Realizzazione di un unica infrastruttura per collegare le singole realtà locali Mobilità dolce.via Francigena come progetto chiave per una rete nazionale Utente.Diversificazione dell offerta turistica Esigenze locali Territorio.Promozione di un sistema unitario di salvaguardia ambientale Sistema.Via Francigena come luogo di incontro tra offerte locali e contesto regionale Mobilità dolce.integrazione tra finalità turistiche e mobilità locale Utente.Diversificazione dell offerta turistica _ 023

24 8 _ Il progetto Bassa Val d Arno 8.2 _ Il sistema. _ 024

25 Il primo elemento di progetto dovrà essere il sistema fisico in cui le risorse territoriali vengono messe in relazione. Nella sua definizione, si sono voluti sfruttare al massimo i progetti e le realizzazioni già presenti sull area, dandogli però una lettura globale ed una nuova organizzazione coerente con le finalità previste nelle precedenti fasi di analisi. Gli elementi individuati vengono letti quindi per livelli sovrapposti, per ognuno dei quali intervengono diversi attori e diverse categorie di azioni, ma che insieme costruiscono una rete di scambi e relazioni che si colloca alla base del nostro progetto. I livelli analizzati al fine di costruire il sistema nella sua complessità sono: Territorio _ le risorse naturali Territorio _ vie del vino _ città d arte _ centri termali Mobilità dolce _ pista ciclabile lungo il fiume Arno _ Via Francigena Mobilità _ rete ferroviaria _ approdi nautici _ 025

26 Il sistema turistico nella sua complessità _ 026

27 8 _ Il progetto Bassa Val d Arno 8.3 _ La rete ed i suoi nodi. In questo ultimo paragrafo sono contenute le azioni progettuali principali al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati durante il lavoro: sviluppo complessivo della regione di progetto ed organizzazione di un territorio in grado di offrire un prodotto di turismo alternativo complesso che si integri con le peculiarità e le esigenze specifiche dell area progettuale. _ 027

28 AZIONE 1. Individuazione degli itinerari turistici itinerario centrale La Via Francigena perde la sua connotazione lineare, unendosi con le ciclovie dei fiumi Arno e Serchio in un unico sistema circolare tra risorse naturali, borghi caratteristici e grandi città d arte. itinerario delle paludi Il percorso si caratterizza per una fauna ed una vegetazione tipiche delle aree umide interne, in un area chiave per i flussi migratori di una grande varietà di specie avicole. itinerario al lago di Massaciuccoli Centri termali odierni ed archeologici, attività sportive sul lago, costa marina e zone umide fanno parte di un unico itinerario alla periferia della Versilia e del suo turismo balneare. itinerari del vino Nelle aree collinari a ridosso dell itinerario centrale, una rete di percorsi carrabili secondari porta alla scoperta delle coltivazioni viticole e delle cantine di produzione locale. _ 028

29 AZIONE 2. Definizione degli standard qualitativi. Informazione verso gli attori pubblici e privati _ 029

30 _ 030

31 AZIONE 3. Prospettive di sviluppo per le centralità nodali Al fine di ottenere uno sviluppo complessivo del territorio, il lavoro di Tesi presenta, in conclusione, una prima ipotesi di crescita dei singoli nodi della rete, analizzati uno in stretta correlazione con l altro. Le singole funzioni precedentemente individuate, vengono declinate in base agli itinerari che si incrociano in ciascuna polarità. Territorio, storia ed economia dei centri segnalati concorrono alla definizione delle migliori strategie da attuare al fine di distribuire i benefici della Via Francigena al territorio circostante. _ 031

32 8 _ Il progetto Bassa Val d Arno 8.4 _ Conclusioni. _ 032

33 La definizione delle potenzialità di sviluppo delle singole centralità della rete turistica proposta, chiude il lavoro di tesi che vi abbiamo presentato. Oltre questo livello progettuale, saranno le singole Amministrazioni Locali, insieme ai privati, a definire le azioni specifiche da intraprendere nei loro ambiti territoriali. Abbiamo cercato di proporre un processo di pianificazione che permetta di realizzare obiettivi dagli ampi orizzonti spaziali nonostante la gerarchia con cui i diversi attori intervengono nel processo di concretizzazione progettuale. La definizione dei progetti strategici, l individuazione degli itinerari e il coordinamento dello sviluppo dei nodi della rete, permettono di individuare un offerta turistica complessa attraverso la quale le realtà puntuali possono investire in una visione di sviluppo che dia loro una concreta possibiltà di valorizzazione delle risorse. La Via Francigena, diventa così una realtà turistica che, snodandosi attraverso il territorio nazionale, innerva i tessuti sfrangiati che incontra e li rianima con una circolazione capillare di software territoriale, rivitalizzando un prato basso di opportunità che hanno il pregio di essere assai diffuse, variamente articolate e capaci di investire un estesa gamma di attori presenti sul territorio. Questo nuovo motore di sviluppo, apporta benefici economici alle Comunità Locali e, all interno delle aree periurbane a maggiore densità edilizia, realizza un infrastruttura ricreativa in grado di migliorare la mobilità locale e la qualità della vita. Ulteriori benefici si possono intravedere a scala territoriale, con la messa in rete dei sistemi ecologici, con un riequilibrio nei processi di sviluppo turistico e con la promozione di un nuovo approccio verso i luoghi visitati. L ampiezza del sistema e la tipologia di turismo che si propone di supportare, dovrebbero mitigare gli impatti maggiormente negativi che lo sviluppo turistico comportano sul territorio. Le ricerche iniziali sulle interazioni tra turismo alternativo e territorio, hanno portato ad un progetto di tesi in cui i segni tangibili delle azioni di intervento sono poco evidenti, certamente non stravolgenti, ma con ricadute che possono essere ricche di implicazioni positive. _ 033

34 _ 034 BIBLIOGRAFIA websites

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA ITALIANA AL PREMIO DEL PAESAGGIO DEL CONSIGLIO D EUROPA EDIZIONE 2014/2015

PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA ITALIANA AL PREMIO DEL PAESAGGIO DEL CONSIGLIO D EUROPA EDIZIONE 2014/2015 Comunicato Stampa Salone del Consiglio Nazionale, via del Collegio Romano 27 (presso la sede del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) - ROMA 28 aprile 2015 Ore 9.30 PRESENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

toscan i pri m i 'in Europa"

toscan i pri m i 'in Europa GG toscan i pri m i 'in Europa" IL sistema degli aeroporti toscani «è il nostro fiore all'occhiello», dice Martin Eurnekian ieri sulla pista di Peretola insieme al presidente di Corporacion America Italia,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma

Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata compresa la fotocopia, anche a uso interno o didattico, non autorizzata. Meltemi editore

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Convenzione quadro del Consiglio d Europa sul valore dell eredità culturale per la società

Convenzione quadro del Consiglio d Europa sul valore dell eredità culturale per la società Convenzione quadro del Consiglio d Europa sul valore dell eredità culturale per la società CONSIGLIO D EUROPA - (CETS NO. 199) FARO, 27.X.2005 Convenzione quadro del Consiglio d Europa sul valore dell

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli