CONSUMATORI TURISTI. Diritti del consumatore turista. by CODACONS. by CODACONS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSUMATORI TURISTI. Diritti del consumatore turista. by CODACONS. by CODACONS"

Transcript

1 CONSUMATORI TURISTI DIRITTI DEL CONSUMATORE TURISTA E LE CONSEGUENZE LEGATE AL MANCATO RISPETTO DELLA NORMATIVA SULLA SANITÀ ED IGIENE NELLE STRUTTURE RICETTIVE

2 I VIAGGI Eventi e Situazioni: NEGATO IMBARCO (OVERBOOKING) CANCELLAZIONE DEL VOLO RITARDO PROLUNGATO (DELAYED) ERRORI NELLA PRENOTAZIONE BAGAGLI DIFFORMITA SULLO STATO DELLE CAMERE SPORCIZIA/CONDIZIONI NON IGIENICHE

3 In aeroporto LA NORMATIVA EUROPEA CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO e REGOLAMENTO CE N. 261/2004 Normativa vigente dal 17/02/2005 a tutela dei diritti del passeggero in caso di disservizi. Questo documento è da considerare come il supporto per tutti i passeggeri che trovandosi a subire pesanti inefficienze organizzative, intendono rivendicare un risarcimento dagli operatori del trasporto aereo o dell' intero viaggio. Ad esempio per l'overbooking si ha diritto al risarcimento e alla prenotazione sul volo successivo Regolamento CE n. 261/2004 del parlamento Europeo e del Consiglio del 11/02/2004 per regole comuni in materia di compensazione ed assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione del volo o di ritardo prolungato e che abroga il regolamento (CEE) n. 295/91 (Testo rilevante ai fini del SEE) Campo di applicazione Tutti i voli (di linea e non di linea) in partenza da un aeroporto comunitario Tutti i voli (di linea e non di linea) in partenza da un aeroporto situato in un Paese terzo con destinazione un aeroporto comunitario, nel caso in cui la compagnia aerea che effettua il volo sia comunitaria e salvo che non siano già stati erogati i benefici previsti dalla normativa locale (ad esempio compensazione pecuniaria, prenotazione su volo alternativo o assistenza)

4 NEGATO IMBARCO (OVERBOOKING) A. IL PASSEGGERO RINUNCIA VOLONTARIAMENTE ALL IMBARCO 1. BENEFICI DA CONCORDARE CON LA COMPAGNIA AEREA 2. RIPRENOTAZIONE O RIMBORSO DEL BIGLIETTO NON USATO B. IL PASSEGGERO NON è CONSENZIENTE ALLA RINUNCIA ALL IMBARCO 1. IL PASSEGGERO SCEGLIE LA RIPRENOTAZIONE a) COMPENSAZIONE PECUNIARIA b) RIPRENOTAZIONE SU VOLO ALTERNATIVO c) ASSISTENZA 2. IL PASSEGGERO RINUNCIA AL VOLO a) COMPENSAZIONE PECUNIARIA b) RIMBORSO DEL BIGLIETTO NON USATO c) ASSISTENZA CANCELLAZIONE DEL VOLO (CANCELLED) A. CAUSATA DA CIRCOSTANZE ECCEZIONALI 1. IL PASSEGGERO SCEGLIE LA RIPRENOTAZIONE a) RIPRENOTAZIONE SU VOLO ALTERNATIVO b) ASSISTENZA 2. IL PASSEGGERO SCEGLIE IL RIMBORSO DEL BIGLIETTO a) RIMBORSO DEL BIGLIETTO NON USATO b) ASSISTENZA B. NON CAUSATA DA CIRCOSTANZE ECCEZIONALI 1. IL PASSEGGERO SCEGLIE LA RIPRENOTAZIONE a) COMPENSAZIONE PECUNIARIA b) RIPRENOTAZIONE SU VOLO ALTERNATIVO c) ASSISTENZA 2. IL PASSEGGERO RINUNCIA AL VOLO a) COMPENSAZIONE PECUNIARIA b) RIMBORSO DEL BIGLIETTO NON USATO c) ASSISTENZA

5 RITARDO PROLUNGATO (DELAYED) A. RITARDO SUPERIORE ALLE 2, 3 O 4 ORE SULLA BASE DELLE DISTANZE IN KM DEL VOLO 1. ASSISTENZA B. RITARDO SUPERIORE ALLE 5 ORE 1. DIRITTO A RICHIEDERE IL RIMBORSO DEL BIGLIETTO NON USATO 2. ASSISTENZA ERRORI E MODIFICHE DELLA PRENOTAZIONE A. MODIFICA AL CALL-CENTER 1. DIRITTO A RICHIEDERE LA REVISIONE O CAMBIO DELLA PRENOTAZIONE B. MODIFICA AL BANCO DI CHECK-IN 1. DIRITTO A RICHIEDERE LA REVISIONE O CAMBIO DELLA PRENOTAZIONE E BAGAGLI C. ESUBERO DI BAGAGLI 1. TRASPORTO OGGETTI NON CONSENTITI NEL BAGAGLIO A MANO 2. MISURE E PESO MAGGIORI DEL BAGAGLIO A MANO 3. NUMERO DI BAGAGLI SUPERIORI AL CONSENTITO

6 BAGAGLI DANNEGGIAMENTO 1. RECARSI ALL UFFICIO Lost&Found DELL AEROPORTO PER SPORGERE DENUCIA DI DANNEGGIAMENTO BAGAGLI RITARDO NELLA CONSEGNA 1. CONTATTARE LA COMPAGNIA AEREA SMARRIMENTO DEI BAGAGLI 1. RECARSI ALL UFFICIO Lost&Found DELL AEROPORTO PER SPORGERE DENUCIA DI SMARRIMENTO BAGAGLI 2. CONTATTARE LA COMPAGNIA AEREA In albergo

7 STRUTTURE RICETTIVE E TURISTICHE Tipologie Alberghi e pensioni Strutture ricettive extra alberghiere Case per ferie Ostelli per la gioventù Esercizi affittacamere (Bed&Breakfast) Case appartamenti per vacanze Alloggi agrituristici Abitazioni collettive Dormitori pubblici Villaggi turistici Campeggi STRUTTURE RICETTIVE E TURISTICHE Normative di riferimento Legge 217/83 Legge quadro per il turismo e interventi per il potenziamento e la qualificazione dell'offerta turistica e s.m.i. (L. 284/91, L. 203/95, D.M. 12/7/96 e Leggi Regionali) Le leggi regionali dettano criteri per la classificazione delle strutture ricettive tenendo conto delle dimensioni e dei requisiti strutturali dei servizi offerti e della qualificazione degli addetti. Le leggi regionali prevedono cinque classi di alberghi contrassegnati, in ordine decrescente, da 5, 4, 3, 2 o 1 stella. Requisiti minimi degli alberghi ai fini della classificazione sono: capacità ricettiva non inferiore a sette stanze; almeno un servizio igienico ogni dieci posti letto; un lavabo con acqua corrente calda e fredda per ogni camera; un locale ad uso comune; impianti tecnologici e numero di addetti adeguati e qualificati al funzionamento della struttura.

8 STRUTTURE RICETTIVE E TURISTICHE Normative di riferimento Secondo i medesimi criteri, le leggi regionali provvedono a classificare le residenze turistico-alberghiere, contrassegnate con 4, 3 e 2 stelle. Gli alberghi contrassegnati con 5 stelle assumono la denominazione aggiuntiva "lusso" quando siano in possesso degli standards tipici degli esercizi di classe internazionale. I campeggi sono contrassegnati dalle leggi regionali con 4, 3, 2 e 1 stella in rapporto al servizio offerto, alla loro ubicazione ed alla presenza di attrezzature ricreative, culturali e sportive. I villaggi turistici sono contrassegnati con 4, 3 e 2 stelle in rapporto al servizio di attrezzature ricreative, culturali e sportive. Vengono contrassegnate con una stella le miniaree di sosta che hanno un minimo di dieci ed un massimo di trenta piazzuole e svolgono la propria attività integrata anche con altre attività extra- turistiche, al supporto del turismo campeggistico itinerante, rurale ed escursionistico. I campeggi e i villaggi turistici assumono la denominazione aggiuntiva "A" (annuale) quando sono aperti per la doppia stagione estivo-invernale o sono autorizzati ad esercitare la propria attività per l'intero arco dell'anno. La chiusura temporanea dei campeggi di cui al presente comma può essere consentita per un periodo di tre mesi all'anno a scelta dell'operatore e deve essere indicata nelle guide specializzate nonché segnalata nelle insegne del campeggio o del villaggio turistico. Le regioni individuano con legge i requisiti minimi necessari all'esercizio dell'attività di affittacamere DIFFORMITA SULLO STATO DELLE CAMERE PRENOTAZIONE PULIZIA 2. CONTATTARE L AGENZIA DI VIAGGIO 2. CONTATTARE L AGENZIA DI VIAGGIO DISSERVIZI SMARRIMENTO DEI BAGAGLI 2. CONTATTARE LE AUTORITA

9 SPORCIZIA/CONDIZIONI NON IGIENICHE PULIZIA CAMERA E BAGNO 2. CONTATTARE L AGENZIA DI VIAGGIO CONDIZIONI IGIENICHE DEL CIBO 1. RIVOLGERSI AL CAPOSALA 2. RIVOLGERSI ALLA RECEPTION 3. CONTATTARE LE AUTORITA Buon viaggio!

Vacanza Informata *** I diritti del passeggero nei principali casi di disservizio aeroportuale

Vacanza Informata *** I diritti del passeggero nei principali casi di disservizio aeroportuale Via Volturno n. 33-30173 VENEZIA/MESTRE Telefono e Fax 041/5349637 E-mail: info@associazionedifesaconsumatori.it www.associazionedifesaconsumatori.it Vacanza Informata *** I diritti del passeggero nei

Dettagli

Educazione al Consumo Consapevole: Economia, Turismo, e-commerce

Educazione al Consumo Consapevole: Economia, Turismo, e-commerce ISTITUTO TECNICO ECONOMICO E TECNOLOGICO LEONARDO DA VINCI DI MILAZZO Educazione al Consumo Consapevole: Economia, Turismo, e-commerce Associazione dei Consumatori IL MELOGRANO COS È UN PACCHETTO TURISTICO?

Dettagli

OVER BOOKING (AEREO) (OVERBOOKING 1 : prenotazioni molto più numerose delle disponibilità)

OVER BOOKING (AEREO) (OVERBOOKING 1 : prenotazioni molto più numerose delle disponibilità) OVER BOOKING (AEREO) (OVERBOOKING 1 : prenotazioni molto più numerose delle disponibilità) INTRODUZIONE L overbooking aereo si presenta quando il numero dei passeggeri con regolare prenotazione (confermata),

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

AVVISO SUI DIRITTI DEL PASSEGGERO IN CASO DI NEGATO IMBARCO, RITARDO O CANCELLAZIONE DEL VOLO VERSION 9 UPDATED 14/01/2011

AVVISO SUI DIRITTI DEL PASSEGGERO IN CASO DI NEGATO IMBARCO, RITARDO O CANCELLAZIONE DEL VOLO VERSION 9 UPDATED 14/01/2011 AVVISO SUI DIRITTI DEL PASSEGGERO IN CASO DI NEGATO IMBARCO, RITARDO O CANCELLAZIONE DEL VOLO VERSION 9 UPDATED 14/01/2011 Questo avviso contiene importanti informazioni in merito ai diritti dei passeggeri

Dettagli

Overbooking e negato imbarco

Overbooking e negato imbarco IL TRASPORTO AEREO Prenotazione e tariffe I voli sono classificabili in voli di linea, previsti dagli orari delle compagnie aeree, e voli "charter", ossia voli a carattere occasionale noleggiati da organizzazioni

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO

CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO AMBITO DI APPLICAZIONE ED INFORMAZIONI ESSENZIALI Il trasporto aereo è regolato dalla normativa comunitaria e dalle convenzioni internazionali applicabili nonché dal Codice

Dettagli

Tutela del viaggiatore e dell azienda cliente: normative e diritti nel trasporto aereo

Tutela del viaggiatore e dell azienda cliente: normative e diritti nel trasporto aereo Tutela del viaggiatore e dell azienda cliente: normative e diritti nel trasporto aereo QUALI TUTELE SONO PREVISTE IN CASO DI CANCELLAZIONE DEL VOLO? (Regolamento 281/2004) RIMBORSO del prezzo del biglietto

Dettagli

fenomeno dell overbooking

fenomeno dell overbooking Overbooking È una tecnica di vendita in forza della quale i vettori di linea accettano prenotazioni per un numero di passeggeri superiore a quello che può essere trasportato dall aeromobile fenomeno dell

Dettagli

INADEMPIMENTO DEL VETTORE AEREO E LA TUTELA DEI PASSEGGERI

INADEMPIMENTO DEL VETTORE AEREO E LA TUTELA DEI PASSEGGERI TRASPORTO AEREO Il contratto di trasporto aereo è un contratto per adesione (1341-1342 cod.civ.): il passeggero accetta in blocco le condizioni generali riprodotte in uno schema negoziale uniforme. - Il

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 6 7 8 12 novembre 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 Milano 0 1 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

Se viaggi in: Aereo Treno Mare Autobus. L Europa ci unisce!

Se viaggi in: Aereo Treno Mare Autobus. L Europa ci unisce! Se viaggi in: Aereo Treno Mare Autobus L Europa ci unisce! Se viaggi in Aereo I principali diritti dei passeggeri: Persone con disabilità e a mobilità ridotta Imbarco negato Cancellazione Lunghi ritardi

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

Tutela e diritti dei passeggeri di voli aerei: negato imbarco, cancellazione, ritardo e sistemazione in classe superiore o inferiore

Tutela e diritti dei passeggeri di voli aerei: negato imbarco, cancellazione, ritardo e sistemazione in classe superiore o inferiore Abstract Tribunale Bologna 24.07.2007, n.7770 - ISSN 2239-7752 Tutela e diritti dei passeggeri di voli aerei: negato imbarco, cancellazione, ritardo e sistemazione in classe superiore o inferiore 09 maggio

Dettagli

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Alberghi, motels e villaggi albergo Gli alberghi sono esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, che forniscono alloggio, eventualmente vitto ed

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità Percorso A ndimento 3 Un it à di re p p A Le imprese ricettive L industria dell ospitalità Il numero di imprese che attualmente operano nel settore turistico è elevato e possiamo individuare le seguenti

Dettagli

Carta dei Diritti del Turista

Carta dei Diritti del Turista Comitato Regionale Veneto PortaDiritti Consigli utili per scelte consapevoli Carta dei Diritti del Turista Quante volte accingendoci a sottoscrivere un contratto, ad acquistare un bene, ad usufruire di

Dettagli

LE REGOLE D ORO DEI TURISTI

LE REGOLE D ORO DEI TURISTI FEDERCONSUMATORI LOMBARDIA Sede di Milano e della Lombardia Viale Zara, 7/9-20159 Milano Fax 02-69900858 federconsumatori@infinito.it Tel. 02-60830081 LE REGOLE D ORO DEI TURISTI Questo opuscolo nasce

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima I SERVIZI TURISTICI. Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

INDICE SOMMARIO. Parte Prima I SERVIZI TURISTICI. Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Parte Prima I SERVIZI TURISTICI Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1. Il viaggio e le sue trasformazioni: da semplice trasporto di persone ad attività turistica. Il viaggio

Dettagli

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita')

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita') Legge regionale 23 marzo 1995, n. 38. (Testo coordinato) Disciplina dell'agriturismo. (B.U. 24 marzo 1995, suppl. al n. 12) Modificata da l.r. 38/2009 Art. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 Titolo I. Generalita'

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI SAINT-VINCENT REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REPUBBLICA ITALIANA COMMUNE DE SAINT-VINCENT REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE REPUBLIQUE ITALIENNE REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri.

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA N. 25 del 13 marzo 1995 Il

Dettagli

Regolamento Europeo n. 2004/261/CE del 11/2/2004, in vigore dal 17/2/2005

Regolamento Europeo n. 2004/261/CE del 11/2/2004, in vigore dal 17/2/2005 Spesso, nel corso del lavoro quotidiano, ci imbattiamo in situazioni che richiedono la conoscenza di alcune norme a tutela del viaggiatore e, per estensione, di noi stessi in quanto professionisti del

Dettagli

Affittacamere. Scheda di dettaglio. Scheda di sintesi

Affittacamere. Scheda di dettaglio. Scheda di sintesi Affittacamere L.r. n 31 del 15/4/1985 Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Gli affittacamere sono strutture ricettive extra alberghiere. Come dice il nome trattasi di un affitto di camere

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

Tropea.biz. LEGGE REGIONALE 7 marzo 1995, n. 4 Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. (BUR n. 25 del 13 marzo 1995)

Tropea.biz. LEGGE REGIONALE 7 marzo 1995, n. 4 Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. (BUR n. 25 del 13 marzo 1995) Tropea.biz LEGGE REGIONALE 7 marzo 1995, n. 4 Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. (BUR n. 25 del 13 marzo 1995) Art. 1 Definizione 1. È attività ricettiva di tipo extralberghiero

Dettagli

DIRITTI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO CON AUTOBUS

DIRITTI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO CON AUTOBUS DIRITTI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO CON AUTOBUS Dal 1 marzo 2013 è in vigore il Regolamento (UE) n. 181/2011, che stabilisce i diritti dei passeggeri nel trasporto effettuato con autobus, prevedendo,

Dettagli

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE QUADRO A L.R. n. 33/2002. Richiesta di classificazione di esercizio di casa per ferie. l sottoscritt in qualità di dell ente / associazione / soc. coop. / società proprietario / locatario della struttura

Dettagli

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). Definizione dei requisiti tecnici relativi alle strutture ricettive extraalberghiere - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 24 settembre

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 9 del 28 febbraio 2001 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina Regolamento Imposta di Soggiorno (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 06/11/2012) Art.1 Presupposto dell'imposta Presupposto dell'imposta di soggiorno

Dettagli

Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato

Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato Normativa di riferimento NORMATIVA SULL'ATTIVITA' TURISTICA Legge regionale 23 marzo 2000, n. 42 "Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo(testo

Dettagli

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Città di Mondragone Provincia di Caserta Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 27 del 29.04.2005 INDICE pag. Art.

Dettagli

Sommario REGOLAMENTO DI SCALO OPERAZIONI AEROPORTUALI. 1. Introduzione... 2

Sommario REGOLAMENTO DI SCALO OPERAZIONI AEROPORTUALI. 1. Introduzione... 2 REV. 1 PAG. 1/8 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Funzione dell Addetto al Check-In in caso di voli Overbooking/ Ritardati/Cancellati... 2 1.0 Elevato Ritardo... 2 2.0 OVERBOOKING... 3 3.0 Cancellazione

Dettagli

Sintesi statistiche sul turismo

Sintesi statistiche sul turismo Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2014 Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori... 3 Capacità degli esercizi ricettivi... 3 Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi...

Dettagli

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 Dopo il vademecum sulle attività commerciali e di somministrazione il Comune di Arezzo intende mettere a disposizione

Dettagli

EDIZIONI AV. AUTORE Massimo Deiana. Valentina Corona TITOLO. Legislazione turistica della Sardegna

EDIZIONI AV. AUTORE Massimo Deiana. Valentina Corona TITOLO. Legislazione turistica della Sardegna EDIZIONI AV AUTORE Massimo Deiana MANUALI E TRATTATI Valentina Corona TITOLO Manuale di Legislazione turistica della Sardegna II a Edizione CARATTERISTICHE Pagine 360 Illustrazioni Nessuna Formato 17 x

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE -

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4375 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 6. DISCIPLINA DELLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 104 del 22.10.2007

Dettagli

2h Turismo l.r. 42/2000 1

2h Turismo l.r. 42/2000 1 2h Turismo l.r. 42/2000 1 Legge Regionale 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. (Bollettino Ufficiale n. 15, parte prima, del 03.04.2000 ) Titolo I - IL SISTEMA

Dettagli

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 omissis TITOLO II IMPRESE TURISTICHE CAPO I STRUTTURE

Dettagli

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres.

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. Regolamento concernente le modalità di rilascio e i requisiti del provvedimento di classificazione

Dettagli

Notizie generali sulla struttura

Notizie generali sulla struttura Notizie generali sulla struttura DENOMINAZIONE DELL ESERCIZIO TIPOLOGIA Alberghi Motel Villaggi-Alberghi Alberghi Dimora Storica- Residenze d Epoca Campeggi Alberghi Centro Benessere Ostelli della gioventù

Dettagli

Nel 2012, l Istat rileva 33.728 esercizi alberghieri

Nel 2012, l Istat rileva 33.728 esercizi alberghieri 19 TURISMO Nel 2012, l Istat rileva 33.728 esercizi alberghieri (-0,6 per cento rispetto al 2011) e 123.500 esercizi extra-alberghieri (+3,1 per cento). Il flusso dei clienti nel 2013 (dati provvisori)

Dettagli

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative.

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative. COSTI DI COSTRUZIONE STABILITI CON DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1132 DI DATA 27.05.2011 IN VIGORE DAL 08.06.2011, ED ADEGUATI ALLE DISPOSIZIONI DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N.

Dettagli

Regione Piemonte. Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 38. Bollettino Ufficiale Regionale del 24 marzo 1995, n. 12. Disciplina dell'agriturismo.

Regione Piemonte. Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 38. Bollettino Ufficiale Regionale del 24 marzo 1995, n. 12. Disciplina dell'agriturismo. Regione Piemonte Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 38 Bollettino Ufficiale Regionale del 24 marzo 1995, n. 12 Disciplina dell'agriturismo. Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL COMMISSARIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere.

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 108 del 6 agosto 1993 Il Consiglio Regionale

Dettagli

Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2149 del 2.11.2004. Prot. n. (TUR/04/33617) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2149 del 2.11.2004. Prot. n. (TUR/04/33617) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 2149 del 2.11.2004 Prot. n. (TUR/04/33617) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la legge regionale L.R. 28 luglio 2004, n. 16: "Disciplina

Dettagli

Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici

Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici Art. 1 (Oggetto) (1) La presente legge disciplina l'esercizio, svolto in forma professionale, dell'attività di somministrazione

Dettagli

AFFITTACAMERE - TABELLA PREZZI -ANNO 20

AFFITTACAMERE - TABELLA PREZZI -ANNO 20 REGIONE TOSCANA MOD. TAB/AFR 1/2 PROVINCIA DI... AFFITTACAMERE - TABELLA PREZZI -ANNO 20 Denominazione completa dell'esercizio (scrivere a macchina o in stampatello) Gestore Indirizzo completo Via Località

Dettagli

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO ANNO 2013 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, adottato nell

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. Terreno sottoposto a scheda di indirizzo n. 67 del P.R.G.C. INTERVENTO TURISTICO RICETTIVO PROVINCIA DEL VCO

COMUNE DI VERBANIA. Terreno sottoposto a scheda di indirizzo n. 67 del P.R.G.C. INTERVENTO TURISTICO RICETTIVO PROVINCIA DEL VCO COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL VCO Terreno sottoposto a scheda di indirizzo n. 67 del P.R.G.C. INTERVENTO TURISTICO RICETTIVO La proprietà oggetto del presente intervento è affacciata sul Golfo Borromeo

Dettagli

TRASPORTO AEREO E DISSERVIZI COLLEGATI

TRASPORTO AEREO E DISSERVIZI COLLEGATI TRASPORTO AEREO E DISSERVIZI COLLEGATI Il pacchetto turistico così come definito dal Codice del Turismo è la combinazione di almeno due elementi, tra i quali quello principale è sicuramente rappresentato

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. Il presente regolamento stabilisce gli indirizzi per assicurare livelli minimi di uniformità sul territorio

Dettagli

IMPOSTA DI SOGGIORNO

IMPOSTA DI SOGGIORNO IMPOSTA DI SOGGIORNO TARIFFE in vigore dal 01.10.2014 Le tariffe dell imposta di soggiorno sono articolate in di - Venezia principalmente alla (ad es. San Clemente) zona di ubicazione della struttura -

Dettagli

Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO

Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 63 DEL 27.10.2014 1 Sommario Articolo 1 - Oggetto del Regolamento... 3 Articolo 2 - Istituzione

Dettagli

QUOTA PRATICA NESSUNA QUOTA PRATICA SARÀ DOVUTA DAL SOCIO CLIENTE PER L UTILIZZO DEL VOUCHER.

QUOTA PRATICA NESSUNA QUOTA PRATICA SARÀ DOVUTA DAL SOCIO CLIENTE PER L UTILIZZO DEL VOUCHER. REGOLAMENTO MONDO VACANZE! DIRITTI E DOVERI DEL CLIENTE MONDO VACANZE! 1) IL POSSESSORE DI VOUCHER PER UTILIZZARE I DIRITTI DERIVANTI DAL VOUCHER DOVRÀ CONTATTARE IL CENTRO PRENOTAZIONI B.L.U. 2) IL VOUCHER

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO Città di Chioggia Provincia di Venezia REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO (In vigore dal 1 gennaio 2015) Deliberazione del Consiglio Comunale n. 52 del 27/04/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi

CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi CLASSIFICAZIONE HOTELS La normativa sugli alberghi La classificazione degli esercizi alberghieri è regolata dalla legge.tutti gli esercizi alberghieri devono evidenziare all esterno, accanto alla propria

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Legge Regionale 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. (Bollettino Ufficiale n. 15, parte prima, del 03.04.2000 ) Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO...3

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 14-05-1984 REGIONE SARDEGNA. Norme per la classificazione delle aziende ricettive.

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 14-05-1984 REGIONE SARDEGNA. Norme per la classificazione delle aziende ricettive. LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 14-05-1984 REGIONE SARDEGNA Norme per la classificazione delle aziende ricettive. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 21 del 15 maggio 1984 Il Consiglio Regionale

Dettagli

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc.

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc. Relazione a Regolamento Regionale: degli standard qualitativi e delle dotazioni minime obbligatorie degli ostelli per la gioventù, delle case e appartamenti per vacanze, delle foresterie lombarde, delle

Dettagli

!! "" # $ %! " & & ' # $ ( ' (&! ' % & % # $ % " "" $! ( % ) & ""&! '! # && *(!! '! & ( $! '!! $ % # $ %

!!  # $ %!  & & ' # $ ( ' (&! ' % & % # $ %   $! ( % ) & &! '! # && *(!! '! & ( $! '!! $ % # $ % !! "" #$%! "&&'#$( '(&!' %& %#$% """$!( %)& ""&!'!#&&*(!!'!&( $!'!!$ %#$% DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE OBIETTIVO 2 2000-2006 2006 " % +,-./001%&+23 4' %%% 5& #$ $'6 ASSE 1 4 76 +23 88 +23 78! 7 #

Dettagli

Lettura Trasporto aereo: normative internazionali

Lettura Trasporto aereo: normative internazionali Trasporto aereo: normative internazionali La Convenzione di Varsavia Ratificata e resa esecutiva in Italia con la legge 19 maggio 1932 n. 841, la convenzione: 1. regola in particolare la responsabilità

Dettagli

ALLEGATI ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1553 DEL 26 LUGLIO 2013 1. Dimensioni minime dei posti macchina

ALLEGATI ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1553 DEL 26 LUGLIO 2013 1. Dimensioni minime dei posti macchina ALLEGATI ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1553 DEL 26 LUGLIO 2013 1 Tabella A Tabella B Tabella C Tabella D Funzioni e quantità minime Dimensioni minime dei posti macchina Dimensioni minime

Dettagli

Regolamento sull Imposta di Soggiorno

Regolamento sull Imposta di Soggiorno COMUNE di NOVARA Regolamento sull Imposta di Soggiorno Regolamento approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 27/06/2012 e modificato con deliberazioni del Consiglio Comunale n. 78 del

Dettagli

Carta Servizi Turistici di Qualità a tutela del consumatore e dell operatore. Strutture all aria aperta Campeggi

Carta Servizi Turistici di Qualità a tutela del consumatore e dell operatore. Strutture all aria aperta Campeggi Carta Servizi Turistici di Qualità a tutela del consumatore e dell operatore Strutture all aria aperta Campeggi 32 33 1. Accesso e posizione Il campeggio è ben segnalato, in ottime condizioni generali

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 settembre 2003, n. 28-149/Leg. (Registrato alla Corte dei conti il 29.10.2003, registro 1, foglio 14) Regolamento di esecuzione della legge provinciale 15 maggio

Dettagli

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI ARTICOLO 1 Generalità 1. La Regione Puglia favorisce lo sviluppo e la presenza su tutto il territorio

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE DI SOGGIORNO Con la deliberazione di Consiglio Comunale n.32 del 05 luglio 2012 è stata istituita l imposta comunale di soggiorno con decorrenza

Dettagli

4 LUGLIO 2014: GIORNATA EUROPEA DEI DIRITTI DEI PASSEGGERI AEREI

4 LUGLIO 2014: GIORNATA EUROPEA DEI DIRITTI DEI PASSEGGERI AEREI 4 LUGLIO 2014: GIORNATA EUROPEA DEI DIRITTI DEI PASSEGGERI AEREI Di Francesca D'Antuono (stagista presso Europe Direct e Eurodesk - Provincia di Pordenone) È giunta alla sua sesta edizione la Giornata

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Modifiche alla legge regionale 2/2002 in materia di turismo e alla legge regionale 4/2005 recante interventi per il sostegno e lo sviluppo

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 63 del 21 dicembre 2011. Modificato ed integrato con deliberazioni del

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 17.2.2004 L 46/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 261/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'11 febbraio 2004 che istituisce regole

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 04-11-2002 REGIONE VENETO TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 04-11-2002 REGIONE VENETO TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 04-11-2002 REGIONE VENETO TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO (..omissis..) TITOLO II Disciplina in materia di operatori turistici CAPO I Strutture ricettive

Dettagli

(barrare in caso di nuova attività o procedimento d ufficio- commi 1 e 6 art.10 r.r.16/2008)

(barrare in caso di nuova attività o procedimento d ufficio- commi 1 e 6 art.10 r.r.16/2008) Modello Richiesta di attestazione di classificazione extralberghiera. pag 1 di 11 DUPLICE COPIA Regione Lazio Dipartimento Istituzionale e Territorio Agenzia Regionale del Turismo Ufficio Territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina dell imposta di soggiorno

REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina dell imposta di soggiorno REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina dell imposta di soggiorno Approvato dal Consiglio Comunale in data 02 Novembre 2011, n. 27. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai

Dettagli

Campania. L.R. 15 marzo 1984, n. 15. Nuova Normativa per la classificazione delle aziende ricettive alberghiere ed all'aria aperta.

Campania. L.R. 15 marzo 1984, n. 15. Nuova Normativa per la classificazione delle aziende ricettive alberghiere ed all'aria aperta. Campania L.R. 15 marzo 1984, n. 15 Nuova Normativa per la classificazione delle aziende ricettive alberghiere ed all'aria aperta. Pubblicata nel B.U. 2 aprile 1984, n. 20. N.B.: Per la disciplina dei complessi

Dettagli

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 (Testo coordinato con la L.R. 17 gennaio 2005 n.

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG44U ATTIVITÀ 55.10.00 ALBERGHI ATTIVITÀ 55.20.51 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE, BED AND BREAKFAST, RESIDENCE ATTIVITÀ 55.90.20 ALLOGGI PER STUDENTI

Dettagli

CITTA' di TERMINI IMERESE

CITTA' di TERMINI IMERESE CITTA' di TERMINI IMERESE Secondo Settore: Territorio, Ambiente e Attività Produttive S.U.A.P. CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI Sportello unificato per la ricettivita turistica: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE

Dettagli

ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO

ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI LIVORNO ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO Indice Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Presupposto dell'imposta

Dettagli

La tutela dei diritti dei passeggeri in Italia. Il punto di vista dei cittadini tra nuovi diritti e vecchi disservizi

La tutela dei diritti dei passeggeri in Italia. Il punto di vista dei cittadini tra nuovi diritti e vecchi disservizi La tutela dei diritti dei passeggeri in Italia. Il punto di vista dei cittadini tra nuovi diritti e vecchi disservizi A cura di Isabella Mor Direttore Pit Il PiT di Cittadinanzattiva Il PIT (progetto integrato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 27-12-2006 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 27-12-2006 REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 27-12-2006 REGIONE UMBRIA Legislazione turistica regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA N. 60 EDIZIONE STRAORDINARIA del 29 dicembre 2006 ARTICOLO 1 (Principi

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte

REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte dalle leggi regionali e, da ultimo, con il R.R. n.

Dettagli

FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA DI TURISMO

FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA DI TURISMO FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA DI TURISMO Quali sono le autorità che possono produrre norme relative al turismo? 1) Stato; 2) Regioni; 3) Enti locali; 4) Diritto internazionale; 5) Unione europea. Art. 117

Dettagli

Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio 11 febbraio 2004, n. 261

Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio 11 febbraio 2004, n. 261 Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio 11 febbraio 2004, n. 261 Regolamento (CE) n. 261/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio dell'11 febbraio 2004 che istituisce regole comuni in materia

Dettagli

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue:

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue: Corte di Giustizia UE, Quinta Sezione, ordinanza 14 novembre 2014, causa C-394/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato

Dettagli

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO (Art. 4, D. Lgs. 14 marzo 2011, n. 23) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 25/03/2013 INDICE Articolo 1

Dettagli

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X TABELLA A (Art. 27) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ESERCIZI RICETTIVI ALBERGHIERI (alberghi, motels, alberghi residenziali, alberghi diffusi, villaggi-albergo e beauty-farm)

Dettagli

Attività ricettive non alberghiere

Attività ricettive non alberghiere Attività ricettive non alberghiere Le attività: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE; CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE; BED & BREAKFAST sono classificate come "attività ricettive non alberghiere", ai sensi della vigente

Dettagli

LA LEGGE QUADRO PER IL TURISMO N 217 DEL 1983

LA LEGGE QUADRO PER IL TURISMO N 217 DEL 1983 BREVE STORIA Nel corso dei decenni sono state emanate numerose norme destinate a disciplinare al meglio il mercato turistico e ricettivo che, a partire dalla metà dell 800 ha iniziato a prendere corpo

Dettagli