Appunti su ASP (Active Server Pages)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti su ASP (Active Server Pages)"

Transcript

1 Client Client Appunti su ASP (Active Server Pages) Che cosa è ASP Un server web è un computer che contiene tutte le pagine web di un determinato sito web. In tale computer è installato un software che consente di inviare queste pagine web a tutti i Client (browser) che le richiedono. Il server, in questo caso, si limita a Il client richiede una pagina web al Server Il server invia la pagina richiesta al Client Il client richiede una pagina ASP al Server Server Il server invia la pagina HTML elaborata al Client Server Il Server alloca in una propria area di lavoro la pagina ASP, e la elabora, sostituendo lo script ASP con testo HTML Gen pag. 1/11 ricercare la pagina statica richiesta e a spedirla. Perchè le pagine web diventino dinamiche, vi si possono inserire, degli script. Uno script è un codice di programma inserito in un file HTML che viene interpretato ed eseguito. Si possono avere script lato client, che vengono interpretati ed eseguiti dal browser, e script lato server. In questo caso il server, sulla base delle istruzioni di scripting, confeziona una pagina HTML e la invia al client. ASP è una tecnologia di scripting di solito lato server, che fa riferimento al linguaggio Visual Basic Script. VBScript è un dialetto del Microsoft Visual Basic, che conserva tutti i suoi costrutti e la maggior parte delle sue funzioni. Non si fa differenza tra maiuscole e minuscole. Le variabili non debbono essere tipizzate, in quanto VBScript le considera tutte di tipo variant, decidendo il tipo in base al contesto. Gli script di una pagina ASP sono compresi tra <% e. La prima riga di una pagina ASP deve essere la dichiarazione Language = VBSCRIPT. È buona regola comunque dichiarare le variabili prima di usarle, utilizzando la formula <% Option Explicit. Ecco un esempio di pagina ASP (supponiamo allocata nel server con il nome MiaPrimaPagina.asp. Language=VBSCRIPT <%Option Explicit <HEAD><TITLE>La mia prima prova di programma ASP </TITLE></HEAD> L'orologio del server segna le ore <% Response.Write Time() <br> <%If Hour(Time())<12 Then Response.Write( Buongiorno! ) Else Response.Write( Buonasera! ) End If

2 La funzione Time() restituisce l ora corrente nel formato standard del server; la funzione Hour() estrae esattamente l ora. L espressione Response.Write(stringa) (che sarà analizzata meglio in seguito scrive stringa nella pagina HTML. Il senso della pagina ASP è il seguente: il server consulta il suo clock, e inserisce il suo valore nella pagina HTML. Ne estrae l ora e la confronta con il valore 12; in conseguenza del confronto, inserisce la stringa Buongiorno! oppure Buonasera!. Ed ecco la pagina inviata al browser che l ha richiesta alle ore : <HEAD><TITLE>La mia prima prova di programma ASP </TITLE></HEAD> L'orologio del server segna le ore <br> Buongiorno! Se la richiesta fosse stata effettuata dopo le 12, la pagina HTML avrebbe salutato con Buonasera!. Ciò spiega perché le pagine ASP sono dinamiche. Gli oggetti di ASP ASP è un ambiente orientato agli oggetti (OOP, Object Oriented Programming). Fornisce una libreria di oggetti interni allo sviluppatore, e gli consente di costruire proprie classi e di istanziare oggetti. Gli oggetti interni della versione ASP 3.0 sono elencati di seguito. Oggetto Response L oggetto Response viene utilizzato per inviare dati al client. Uno dei metodi più usati di Response è Response.Write stringa, che abbiamo visto appena sopra. Esso è spesso abbreviato con =, per cui <% Response.Write ciao è equivalente a <% = ciao Oggetto Request L oggetto Request viene utilizzato per recuperare dati dal client Oggetto Application Un applicazione è l insieme delle pagine.asp allocate in una cartella e in tutte le sue sottocartelle. L oggetto Application viene utilizzato per condividere informazioni tra i Client che esplorano lo stesso gruppo di pagine appartenenti all applicazione. Per ogni applicazione allocata nel Server e richiamata da almeno un Client, viene creata un unica istanza dell oggetto Application, che viene condivisa da tutti gli altri eventuali Client che accedono all applicazione. Oggetto Session L oggetto Session si riferisce ad un singolo Client che accede ad una applicazione. All atto dell accesso all applicazione da parte di un Client, viene creata un istanza dell oggetto Session. I dati di ogni eventuale variabile di sessione vivono solo per la durata della Session. Oggetto Server L oggetto Server fornisce alcune proprietà e metodi del Server. Il metodo di Server più utilizzato è CreateObject, utilizzato per creare un istanza di un componente del server. I componenti sono pacchetti di oggetti che possono essere usati all interno delle pagine ASP. Gen pag. 2/11

3 Oggetto ObjectContext L oggetto ObjectContext serve per collegare le pagine ASP e Microsoft Transaction Server. MTS è utilizzato per rendere più scalabili i siti web e per rendere più efficienti le prestazioni di altri componenti. Oggetto ASPError L oggetto ASPError consente di ottenere informazioni sugli errori che occorrono negli script delle pagine ASP. Definizione di Collection L esigenza di elencare parametri con associati i rispettivi valori è risolta con le Collection. Intendiamo per Collection un insieme di coppie del tipo Chiave=valore, separate dal carattere &. Esempio: Cognome=Rossi&Nome=Mario&Eta=24 è composta da tre coppie; la prima coppia è data dalla chiave Cognome e dal valore associato Rossi, la seconda dalla chiave Nome e dal valore associato Mario, ecc. La comunicazione Client-Server Si affrontano i problemi del passaggio dei dati tra pagine web. Inizialmente si mostra come una pagina web possa trasmettere dei dati direttamente alla pagina ASP chiamata con l uso della stringa di trasmissione. Successivamente si presenta il passaggio dei dati che una pagina web raccoglie tramite un form, alla pagina ASP richiamata, che li recupera. La trasmissione dei dati tra pagine ha grossi limiti se più pagine debbono disporre degli stessi dati. Per rendere i dati disponibili a più pagine è possibile appoggiarli sul Client (Browser) grazie ai cookies. Oppure si possono appoggiare sul Server, tramite gli oggetto Session e Application. 1. Uso della stringa di interrogazione Come è noto, è possibile da una pagina HTML chiamare un altra pagina con l uso dei tag <A HREF = pagina_chiamata> stringa cliccabile </A>. La pagina chiamata può essere una pagina ASP, e i dati possono essere inviati tramite una collection; come separatore tra la pagina chiamata e la collection si inserisce il carattere? Esempio: Pagina chiamante Chiamata di una pagina con dati inviati tramite stringa <A HREF=RispostaDatiPerStringa.asp?nome=Gigi&eta=40>Premi qui</a> Pagina ASP chiamata (RispostaDatiPerStringa.asp) <% Option Explicit <% Dim strnome,ieta strnome=request( Nome ) ieta=request( Eta ) Il nome trasmesso e' <%=strnome Gen pag. 3/11

4 L'eta' trasmessa e' <%=ieta 2. Uso del FORM come strumento di invio dati al server Tag FORM Per predisporre un FORM si usano i tag <FORM> </FORM>. I parametri sono: NAME METHOD ACTION identifica il nome del form può assumere i valori: GET trasmissione dei dati attraverso la Collection QueryString (stringa di interrogazione v. oltre) POST trasmissione dei dati attraverso la Collection Form form_processing_script, cioè lo script o l eseguibile incaricato di processare i dati inviati Esempio 1: <FORM NAME = MioForm METHOD = GET ACTION = > </FORM> Internamente ai tag <FORM> </FORM> si usano i tag <INPUT>, <TEXTAREA> e <SELECT> Tag INPUT Ha diversi parametri a seconda del tipo. Comune a tutti è il parametro NAME che identifica il nome del tag. Gli altri parametri sono: TYPE che può assumere i valori TEXT, HIDDEN, PASSWORD, CHECKBOX, RADIO, SUBMIT, RESET, BUTTON, IMAGE (v. oltre) VALUE Indica il valore di default assunto dall oggetto oppure l etichetta SIZE Definisce la grandezza, misurata in caratteri, del campo da inserire MAXLENGHT Definisce il numero massimo di caratteri che possono essere inseriti in un campo. CHECKED Indica l eventuale selezione di default ALIGN Specifica l allineamento SRC Specifica una URL. Nella seguente tabella si riportano i tag in relazione al tipo. O = Obbligatorio, F = Facoltativo, E = Etichetta TYPE TEXT HIDDEN PASSWORD CHECKBOX NAME O O O O O F F F O VALUE F O O O E E E O SIZE F F F MAXLENGTH F F F CHECKED F F ALIGN F SRC F Esempio 2: <INPUT TYPE= TEXT NAME= NOME VALUE= Inserisci qui il tuo nome SIZE= 35 MAXLENGTH = 50 > RADIO SUBMIT RESET BUTTON IMAGE Gen pag. 4/11

5 Tag TEXTAREA I parametri sono: NAME Definisce il nome da utilizzare nella coppia nome/valore COLS Definisce la larghezza dell area di testo misurata in caratteri ROWS Definisce l altezza dell area di testo misurata in numero delle righe Esempio 3: <TEXTAREA NAME= MiaArea COLS= 20 ROWS= 10 > </TEXTAREA> Tag SELECT I parametri sono: NAME Definisce il nome da utilizzare nella coppia nome_della_selezione/valore_dell_opzione MULTIPLE La presenza di tale attributo permette la selezione di più valori SIZE Numero di righe visibili senza scorrere la lista delle opzioni; se la lista contiene più opzioni, viene generata nel lato sinistro del pannello la barra di scorrimento verticale Tra i tag <SELECT></SELECT> sono inserite due o più coppie di tag <OPTION></OPTION> Tag OPTION I parametri sono: NAME Definisce il nome da utilizzare nella coppia nome_dell_opzione/valore_dell_opzione nel caso in cui nel tag SELECT non è stato definito il parametro NAME VALUE Obbligatorio, diverso per ogni opzione, definisce il valore da utilizzare nella coppia nome_della_selezione/valore_dell_opzione SELECTED Opzione di default DISABLED Dà un opzione non disponibile, colorata in grigio. Esempio 4: <SELECT NAME= Attitudine > <OPTION VALUE= Poco >Pessimistica <OPTION VALUE= Medio SELECTED>Realistica <OPTION VALUE= Molto >Ottimistica </SELECT> La collection inviata, per default è: Attitudine = Medio Esempio 5: <SELECT> <OPTION NAME= Lingua VALUE= uk >Inglese <OPTION NAME= Lingua VALUE= fr SELECTED>Francese <OPTION NAME= Lingua VALUE= d >Tedesco </SELECT> La collection inviata, se si sceglie Tedesco, è Lingua = d. Gli esempi 4 e 5 differiscono per il fatto che nel 4 è dato un nome al tag SELECT, mentre nel 5 è dato lo stesso nome a tutti i tag componenti la SELECT Gen pag. 5/11

6 3. Passaggio dei dati tra pagine web tramite l oggetto Request con i metodi QueryString e Form Si assume come pagina di partenza una pagina consistente un semplice form composto di due INPUT di testo, dapprima con il metodo GET, e si analizza una pagina ASP che acquisisce i dati; successivamente i dati saranno inviati con il metodo POST, e si analizza una nuova pagina ASP che acquisisce i dati. Infine si analizza come processare i dati inviati con i vari tipi di INPUT e SELECT. Lo schema è: 1. Il client invia al server la richiesta della pagina INIZIO_XXX.HTM che contiene un Form 2. Il server invia la pagina INIZIO_XXX.HTM al client. 3. Il client compila il Form e lo invia al server con l azione ELABORA_XXX.ASP 4. Il server attiva la pagina ELABORA_XXX.ASP che opera sui dati inviati e restituisce al client una pagina con i dati elaborati Uso del metodo GET Pagina chiamante INIZIO_GET.HTM <FORM METHOD=GET ACTION= ELABORA_GET.ASP > Nome: <INPUT TYPE=TEXT NAME= Nome > Età: <INPUT TYPE=TEXT NAME= Eta > <INPUT TYPE=SUBMIT VALUE= Invia > </FORM> Supponiamo che l utente inserisca la stringa Carlo nel campo Nome e il valore 24 nel campo Eta. Quando preme il pulsante Invia, al server giunge una richiesta contenuta nella stringa di interrogazione (QueryString) in cui figura il nome dello script da attivare e la collection associata ELABORA_GET.ASP?Nome=Carlo&Eta=24 La pagina ELABORA_GET.ASP è così fatta: Language=VBScript <% Option Explicit <% Dim strnome,streta StrNome=Request.QueryString( Nome ) StrEta=Request.QueryString( Eta ) Nome = <% = strnome Eta = <% = streta Uso del metodo POST Pagina chiamante INIZIO_POST.HTM Gen pag. 6/11

7 <FORM METHOD=GET ACTION= ELABORA_POST.ASP > Nome: <INPUT TYPE=TEXT NAME= Nome > Età: <INPUT TYPE=TEXT NAME= Eta > <INPUT TYPE=SUBMIT VALUE= Invia > </FORM> Supponiamo di nuovo che l utente inserisca la stringa Carlo nel campo Nome e il valore 24 nel campo Eta. Quando preme il pulsante Invia, al server giunge una richiesta di attivare lo script ELABORA_POST.ASP. La collection contenente i dati è sull oggetto Form. La pagina ELABORA_POST.ASP è così fatta: Language=VBScript <% Option Explicit <% Dim strnome,streta StrNome=Request.Form( Nome ) StrEta=Request.Form( Eta ) Nome = <% = strnome Età = <% = streta La conclusione è che si verifica la seguente corrispondenza: Metodo usato dal Form che invia dati al server (parametro METHOD) GET POST Modo con cui i dati vengono acquisiti dalla pagina chiamata (parametro ACTION) Str = Request.Querystring(Nome_Campo) Str = Request.Form(Nome_Campo) Se nella pagina chiamante il form usa il metodo GET per inviare i dati e la pagina chiamata usa Request.Form, e, viceversa, se il form usa il metodo POST e la pagina chiamata usa Request.Querystring, vengono trasmesse stringhe di lunghezza 0. Usando semplicemente l oggetto Request senza attributi, sarà a suo carico indagare quale metodo è stato usato ed applicarlo. Pertanto, a prescindere dal metodo GET o POST che sia, l espressione Str = Request(Nome_Campo) risolverà automaticamente il dubbio di quale metodo sia stato usato Acquisizione dei dati da INPUT TYPE=RADIO e SELECT Il problema di entrambe queste strutture è quello di ottenere un dato selezionato tra molti (nell ipotesi che nella SELECT non sia presente l attributo MULTIPLE). Come abbiamo appena visto, in relazione al metodo GET o POST, cambierà il modo con cui la pagina azionata rileverà i dati (rispettivamente Request.Querystring o Request.Form). Quindi negli esempi trattiamo solo il metodo POST Pagina chiamante INIZIORADIO_POST.HTM Gen pag. 7/11

8 <FORM METHOD=GET ACTION= ELABORARADIO_POST.ASP > Maschio: <INPUT TYPE=RADIO NAME= Opzione1 VALUE= M > Femmina: <INPUT TYPE=RADIO NAME= Opzione1 VALUE= F > <INPUT TYPE=SUBMIT VALUE= Invia > </FORM> N.B. : se nel form fosse necessario avere un altra batteria di radio-button, tutti i membri della nuova batteria avrebbero dovuto avere un altro nome, (p. es. Opzione2). Quando l utente, per esempio femmina, seleziona la seconda opzione e preme il pulsante Invia, al server giunge una richiesta di attivare lo script ELABORA_POST.ASP. La collection contenente i dati è sull oggetto Form. La pagina ELABORARADIO_POST.ASP è così fatta: Language=VBScript <% Option Explicit <% Dim strsesso strsesso=request.form( Opzione1 ) Sesso = <% = strsesso Viene così visualizzato: Sesso = F Se la pagina è del tipo di cui all Esempio 5 e viene selezionata la voce Tedesco, cui corrisponde il valore d, la pagina attivata dovrà contenere qualcosa del genere: <% strlingua = Request.Form( Lingua ) Dove strlingua varrà d. Acquisizione dei dati da INPUT TYPE=CHECKBOX Per questo costrutto, così come per un costrutto SELECT con l attributo MULTIPLE, si pone il problema di rilevare le scelte effettuate dall utente, che possono riguardare zero, una o molte opzioni. Supponiamo che la pagina richiesta abbia il seguente frammento: <INPUT TYPE= CHECKBOX NAME= LingueNote VALUE= uk > Inglese <INPUT TYPE= CHECKBOX NAME= LingueNote VALUE= fr > Francese <INPUT TYPE= CHECKBOX NAME= LingueNote VALUE= d > Tedesco Gen pag. 8/11

9 Se viene marcata una sola risposta, per esempio Francese, la stringa restituita varrà fr ; se vengono marcate più risposte, la stringa restituita è composta di tutti i valori separati da una virgola; conoscendo per esempio tutte e tre le lingue la stringa restituita sarà uk,fr,d. Per poter disporre separatamente di tutte le risposte si può usare la seguente sequenza: 1 :<% Language=VBScript 2 :<% Dim strcheckbox 3 : strcheckbox=request.form( LingueNote ) 4 : Dim strchckboxarray 5 : strchckboxarray = split(strcheckbox,, ) 6 : dove l istruzione 5 estrae dalla stringa strcheckbox tutte le sottostringhe separate dal carattere,, inserendole nelle successive posizioni del vettore strchckboxarray. Per poter accedere alle diverse sottostringhe si può usare la sequenza: Dim i For i = LBound(strChckBoxArray) to UBound(strChckBoxArray) Response.Write strchckboxarray(i) & Next 4. Passaggio tramite appoggio sul Client con i Cookies Finora i dati sono stati comunicati da pagina a pagina: una pagina consegna i propri dati alla pagina chiamata, che li recupera. Se la pagina A comunica dati alla pagina B, e la pagina B chiama la pagina C, che ha ancora bisogno degli stessi dati, la pagina B deve nuovamente comunicarli alla pagina C, e così via, rendendo la comunicazione molto pesante. È necessario evidenziare che il rapporto Client-Server nel web è state-less, (senza persistenza dello stato. Lo stato di un sistema è l insieme dei valori assunti dalle variabili). Il server tenta di soddisfare la richiesta di qualunque client la presenti, senza tener traccia dell identità del client, per cui le informazioni scambiate vengono perse appena dopo lo scambio. ASP fornisce alcune tecniche per rendere persistente lo stato, che vengono presentate di seguito. Le informazioni che debbono essere conservate per tutte le pagine possono essere appoggiate sul client (cookie, trattato di seguito) oppure sul server (oggetti Session o Application, trattati nei paragrafi successivi). Un cookie (trad. biscottino) è un piccolo file che viene memorizzato sul disco del client (a condizione che il suo browser accetti i cookie opzione presente come livello di privacy). Lo sviluppatore deve specificare il tempo di persistenza del cookie, che, una volta scaduto, viene rimosso dal client. Ogni cookie deve avere un nome; può avere zero, una o più chiavi, scelta consigliabile per raggruppare più informazioni. Per esempio si può considerare un cookie di nome Utente, che ha come chiavi Nome e UltimaVisita. Il seguente frammento di pagina CreaCookie.ASP crea il cookie dell esempio sopra descritto. Language=VBScript <%Option Explicit <% Response.Cookies( Utente )( Nome )= Rossi Response.Cookies( Utente )( UltimaVisita )=Now Per acquisire le informazioni che il codice precedente ha memorizzato sul client, si usa il seguente frammento di codice: Language=VBScript Gen pag. 9/11

10 <%Option Explicit <% Dim strnome, strdata strnome = Request.Cookies( Utente )( Nome ) strdata = Request.Cookies( Utente )( UltimaVisita ) Nome = <% = strnome Ultima data = <% = strdata La proprietà Expires specifica la durata in vita del cookie. Per default il cookie scade quando l utente chiude il proprio browser. Quando un cookie è creato, si può stabilire una durata fino a una certa data, o di un periodo di una settimana, un anno, ecc. Esempi sono: Response.Cookies( Utente ).Expires = #31 dicembre 2010# Scade al 31 dicembre 2010 Response.Cookies( Utente ).Expires = Date() + 7 Scade dopo una settimana. 5. Passaggio tramite appoggio sul Server con l oggetto Session Per ciascun utente che si connette, viene allocata sul web server un area che conterrà un istanza dell oggetto Session. Se l utente non interagisce per un certo periodo con il server, l area allocata viene rilasciata. Il periodo di default è di 10 minuti, ma questo periodo può essere modificato dallo sviluppatore. Nell oggetto Session possono essere memorizzati dati (detti variabili di sessione) di qualunque tipo (numeri, stringhe, date, array, oggetti). È possibile registrare dati con la seguente sintassi: Session(Nome_Variabile_Sessione) = valore Esempi sono: <% Session( DataDiOggi ) = Date() Session( Nome ) = Rossi Un frammento di una pagina ASP che voglia recuperare tali dati ha la seguente forma: <% Dim stroggi, strmionome stroggi = Session( DataDiOggi ) = Date() strmionome = Session( Nome ) <% Response.Write Ciao & strmionome & <br> Gen pag. 10/11

11 Response.Write Oggi e il & stroggi 6. Passaggio tramite appoggio sul Server con l oggetto Application L oggetto Application è condiviso tra tutti gli utenti della stessa applicazione. Se è necessario disporre di un informazione che interessa tutti gli utenti della stessa applicazione, si può usare, similmente all oggetto Session, delle variabili di applicazione, con la seguente sintassi, rispettivamente per assegnare un valore e per recuperarlo: Application(Nome_Variabile_Applicazione) = valore Variabile = Application(Nome_Variabile_Applicazione) Confronto tra i modi di trasmettere dati tra pagine web Metodo Vantaggi Svantaggi Stringa di interrogazione Cookie Variabili di sessione Variabili di applicazione Se il client non ha abilitato i cookie. Pochi dati tra due pagine. Scarso impegno di memoria nel server. Se serve mantenere lo stato per periodi più lunghi di una sessione. Nessun sovraccarico sul server. Si possono memorizzare anche array e oggetti. I dati vengono conservati solo per la durata della sessione. Dati che cambiano spesso per tutti gli utenti della stessa applicazione. Difficoltà di manutenzione di tutte le pagine del sito se i dati e le pagine sono numerosi Non utilizzabili se il client li ha disabilitati. Si possono memorizzare solo dati semplici come numeri, stringhe, date, ma non si possono memorizzare array e oggetti. Sovraccaricano il server se i dati sono numerosi e se si collegano molti client. I dati vengono conservati solo per la durata della sessione. Solo dati globali (non personalizzati per client) Gen pag. 11/11

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati.

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati. I FORM Che cosa sono e che caratteristiche hanno Un form contiene molti oggetti che permettono di inserire dati usando la tastiera. Tali dati verranno poi inviati alla pagina php che avrà il compito di

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Uso di form HTML per inviare dati nel web dinamico. I form HTML ed il web dinamico. Struttura di base dei form HTML. Form: controlli di input

Uso di form HTML per inviare dati nel web dinamico. I form HTML ed il web dinamico. Struttura di base dei form HTML. Form: controlli di input I form HTML ed il web dinamico Antonio Lioy < lioy@polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica orario.html Uso di form HTML per inviare dati nel web dinamico partenza arrivo data browser

Dettagli

Ora possiamo specificare la dimensione della casella di immissione dati.

Ora possiamo specificare la dimensione della casella di immissione dati. 1 di 6 17/04/2012 6.37 D'ora in poi, per maggiore chiarezza, scriverò solo quello che sta fra i due tag . Tralascerò i tag head, body, title e form. Ovviamente nei tuoi documenti è necessario che

Dettagli

Tecniche e Best Practice nella costruzione di Form accessibili per il Web. Roberto Zucchetto consulenza e formazione ICT

Tecniche e Best Practice nella costruzione di Form accessibili per il Web. Roberto Zucchetto consulenza e formazione ICT Tecniche e Best Practice nella costruzione di Form accessibili per il Web Roberto Zucchetto consulenza e formazione ICT Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta leader

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Esercizi su HTML e JavaScript

Esercizi su HTML e JavaScript Linguaggi per il Web prof. Riccardo Rosati Corso di laurea in Ingegneria dei sistemi informatici Sapienza Università di Roma, a.a. 2014/2015 Esercizi su HTML e JavaScript Esercizio 1 (a) Scrivere un documento

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Form Dott. Stefano Burigat

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Form Dott. Stefano Burigat Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Form Dott. Stefano Burigat www.dimi.uniud.it/burigat Il ruolo dei form I form sono al giorno d'oggi un componente essenziale per l'interazione degli utenti con i siti

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER (Ultimo aggiornamento 14/05/2014) 2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 1 1.1. Cos è un SMS?... 1 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 1 1.3.

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com La presente Informativa è resa, anche ai sensi del ai sensi del Data Protection Act 1998, ai visitatori (i Visitatori ) del sito Internet

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL PRESTITO LOCALE 1. Dove posso trovare informazioni dettagliate sul prestito locale e sulla gestione dei lettori? 2. Come

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Tutela dei dati personali Vi ringraziamo per aver visitato il nostro sito web e per l'interesse nella nostra società. La tutela dei vostri dati privati riveste per noi grande importanza e vogliamo quindi

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Questo é il link all altra pagina

<a href= page2.html > Questo é il link all altra pagina </a> <a href= page2.html > <img src= lamiaimmagine.jpg/> </a> Tutorial 4 Links, Span e Div È ora di fare sul serio! Che ci crediate o no, se sei arrivato fino a questo punto, ora hai solo bisogno di una cosa in più per fare un sito reale! Al momento hai una pagina

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli