Appunti su ASP (Active Server Pages)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti su ASP (Active Server Pages)"

Transcript

1 Client Client Appunti su ASP (Active Server Pages) Che cosa è ASP Un server web è un computer che contiene tutte le pagine web di un determinato sito web. In tale computer è installato un software che consente di inviare queste pagine web a tutti i Client (browser) che le richiedono. Il server, in questo caso, si limita a Il client richiede una pagina web al Server Il server invia la pagina richiesta al Client Il client richiede una pagina ASP al Server Server Il server invia la pagina HTML elaborata al Client Server Il Server alloca in una propria area di lavoro la pagina ASP, e la elabora, sostituendo lo script ASP con testo HTML Gen pag. 1/11 ricercare la pagina statica richiesta e a spedirla. Perchè le pagine web diventino dinamiche, vi si possono inserire, degli script. Uno script è un codice di programma inserito in un file HTML che viene interpretato ed eseguito. Si possono avere script lato client, che vengono interpretati ed eseguiti dal browser, e script lato server. In questo caso il server, sulla base delle istruzioni di scripting, confeziona una pagina HTML e la invia al client. ASP è una tecnologia di scripting di solito lato server, che fa riferimento al linguaggio Visual Basic Script. VBScript è un dialetto del Microsoft Visual Basic, che conserva tutti i suoi costrutti e la maggior parte delle sue funzioni. Non si fa differenza tra maiuscole e minuscole. Le variabili non debbono essere tipizzate, in quanto VBScript le considera tutte di tipo variant, decidendo il tipo in base al contesto. Gli script di una pagina ASP sono compresi tra <% e. La prima riga di una pagina ASP deve essere la dichiarazione Language = VBSCRIPT. È buona regola comunque dichiarare le variabili prima di usarle, utilizzando la formula <% Option Explicit. Ecco un esempio di pagina ASP (supponiamo allocata nel server con il nome MiaPrimaPagina.asp. Language=VBSCRIPT <%Option Explicit <HEAD><TITLE>La mia prima prova di programma ASP </TITLE></HEAD> L'orologio del server segna le ore <% Response.Write Time() <br> <%If Hour(Time())<12 Then Response.Write( Buongiorno! ) Else Response.Write( Buonasera! ) End If

2 La funzione Time() restituisce l ora corrente nel formato standard del server; la funzione Hour() estrae esattamente l ora. L espressione Response.Write(stringa) (che sarà analizzata meglio in seguito scrive stringa nella pagina HTML. Il senso della pagina ASP è il seguente: il server consulta il suo clock, e inserisce il suo valore nella pagina HTML. Ne estrae l ora e la confronta con il valore 12; in conseguenza del confronto, inserisce la stringa Buongiorno! oppure Buonasera!. Ed ecco la pagina inviata al browser che l ha richiesta alle ore : <HEAD><TITLE>La mia prima prova di programma ASP </TITLE></HEAD> L'orologio del server segna le ore <br> Buongiorno! Se la richiesta fosse stata effettuata dopo le 12, la pagina HTML avrebbe salutato con Buonasera!. Ciò spiega perché le pagine ASP sono dinamiche. Gli oggetti di ASP ASP è un ambiente orientato agli oggetti (OOP, Object Oriented Programming). Fornisce una libreria di oggetti interni allo sviluppatore, e gli consente di costruire proprie classi e di istanziare oggetti. Gli oggetti interni della versione ASP 3.0 sono elencati di seguito. Oggetto Response L oggetto Response viene utilizzato per inviare dati al client. Uno dei metodi più usati di Response è Response.Write stringa, che abbiamo visto appena sopra. Esso è spesso abbreviato con =, per cui <% Response.Write ciao è equivalente a <% = ciao Oggetto Request L oggetto Request viene utilizzato per recuperare dati dal client Oggetto Application Un applicazione è l insieme delle pagine.asp allocate in una cartella e in tutte le sue sottocartelle. L oggetto Application viene utilizzato per condividere informazioni tra i Client che esplorano lo stesso gruppo di pagine appartenenti all applicazione. Per ogni applicazione allocata nel Server e richiamata da almeno un Client, viene creata un unica istanza dell oggetto Application, che viene condivisa da tutti gli altri eventuali Client che accedono all applicazione. Oggetto Session L oggetto Session si riferisce ad un singolo Client che accede ad una applicazione. All atto dell accesso all applicazione da parte di un Client, viene creata un istanza dell oggetto Session. I dati di ogni eventuale variabile di sessione vivono solo per la durata della Session. Oggetto Server L oggetto Server fornisce alcune proprietà e metodi del Server. Il metodo di Server più utilizzato è CreateObject, utilizzato per creare un istanza di un componente del server. I componenti sono pacchetti di oggetti che possono essere usati all interno delle pagine ASP. Gen pag. 2/11

3 Oggetto ObjectContext L oggetto ObjectContext serve per collegare le pagine ASP e Microsoft Transaction Server. MTS è utilizzato per rendere più scalabili i siti web e per rendere più efficienti le prestazioni di altri componenti. Oggetto ASPError L oggetto ASPError consente di ottenere informazioni sugli errori che occorrono negli script delle pagine ASP. Definizione di Collection L esigenza di elencare parametri con associati i rispettivi valori è risolta con le Collection. Intendiamo per Collection un insieme di coppie del tipo Chiave=valore, separate dal carattere &. Esempio: Cognome=Rossi&Nome=Mario&Eta=24 è composta da tre coppie; la prima coppia è data dalla chiave Cognome e dal valore associato Rossi, la seconda dalla chiave Nome e dal valore associato Mario, ecc. La comunicazione Client-Server Si affrontano i problemi del passaggio dei dati tra pagine web. Inizialmente si mostra come una pagina web possa trasmettere dei dati direttamente alla pagina ASP chiamata con l uso della stringa di trasmissione. Successivamente si presenta il passaggio dei dati che una pagina web raccoglie tramite un form, alla pagina ASP richiamata, che li recupera. La trasmissione dei dati tra pagine ha grossi limiti se più pagine debbono disporre degli stessi dati. Per rendere i dati disponibili a più pagine è possibile appoggiarli sul Client (Browser) grazie ai cookies. Oppure si possono appoggiare sul Server, tramite gli oggetto Session e Application. 1. Uso della stringa di interrogazione Come è noto, è possibile da una pagina HTML chiamare un altra pagina con l uso dei tag <A HREF = pagina_chiamata> stringa cliccabile </A>. La pagina chiamata può essere una pagina ASP, e i dati possono essere inviati tramite una collection; come separatore tra la pagina chiamata e la collection si inserisce il carattere? Esempio: Pagina chiamante Chiamata di una pagina con dati inviati tramite stringa <A HREF=RispostaDatiPerStringa.asp?nome=Gigi&eta=40>Premi qui</a> Pagina ASP chiamata (RispostaDatiPerStringa.asp) <% Option Explicit <% Dim strnome,ieta strnome=request( Nome ) ieta=request( Eta ) Il nome trasmesso e' <%=strnome Gen pag. 3/11

4 L'eta' trasmessa e' <%=ieta 2. Uso del FORM come strumento di invio dati al server Tag FORM Per predisporre un FORM si usano i tag <FORM> </FORM>. I parametri sono: NAME METHOD ACTION identifica il nome del form può assumere i valori: GET trasmissione dei dati attraverso la Collection QueryString (stringa di interrogazione v. oltre) POST trasmissione dei dati attraverso la Collection Form form_processing_script, cioè lo script o l eseguibile incaricato di processare i dati inviati Esempio 1: <FORM NAME = MioForm METHOD = GET ACTION = > </FORM> Internamente ai tag <FORM> </FORM> si usano i tag <INPUT>, <TEXTAREA> e <SELECT> Tag INPUT Ha diversi parametri a seconda del tipo. Comune a tutti è il parametro NAME che identifica il nome del tag. Gli altri parametri sono: TYPE che può assumere i valori TEXT, HIDDEN, PASSWORD, CHECKBOX, RADIO, SUBMIT, RESET, BUTTON, IMAGE (v. oltre) VALUE Indica il valore di default assunto dall oggetto oppure l etichetta SIZE Definisce la grandezza, misurata in caratteri, del campo da inserire MAXLENGHT Definisce il numero massimo di caratteri che possono essere inseriti in un campo. CHECKED Indica l eventuale selezione di default ALIGN Specifica l allineamento SRC Specifica una URL. Nella seguente tabella si riportano i tag in relazione al tipo. O = Obbligatorio, F = Facoltativo, E = Etichetta TYPE TEXT HIDDEN PASSWORD CHECKBOX NAME O O O O O F F F O VALUE F O O O E E E O SIZE F F F MAXLENGTH F F F CHECKED F F ALIGN F SRC F Esempio 2: <INPUT TYPE= TEXT NAME= NOME VALUE= Inserisci qui il tuo nome SIZE= 35 MAXLENGTH = 50 > RADIO SUBMIT RESET BUTTON IMAGE Gen pag. 4/11

5 Tag TEXTAREA I parametri sono: NAME Definisce il nome da utilizzare nella coppia nome/valore COLS Definisce la larghezza dell area di testo misurata in caratteri ROWS Definisce l altezza dell area di testo misurata in numero delle righe Esempio 3: <TEXTAREA NAME= MiaArea COLS= 20 ROWS= 10 > </TEXTAREA> Tag SELECT I parametri sono: NAME Definisce il nome da utilizzare nella coppia nome_della_selezione/valore_dell_opzione MULTIPLE La presenza di tale attributo permette la selezione di più valori SIZE Numero di righe visibili senza scorrere la lista delle opzioni; se la lista contiene più opzioni, viene generata nel lato sinistro del pannello la barra di scorrimento verticale Tra i tag <SELECT></SELECT> sono inserite due o più coppie di tag <OPTION></OPTION> Tag OPTION I parametri sono: NAME Definisce il nome da utilizzare nella coppia nome_dell_opzione/valore_dell_opzione nel caso in cui nel tag SELECT non è stato definito il parametro NAME VALUE Obbligatorio, diverso per ogni opzione, definisce il valore da utilizzare nella coppia nome_della_selezione/valore_dell_opzione SELECTED Opzione di default DISABLED Dà un opzione non disponibile, colorata in grigio. Esempio 4: <SELECT NAME= Attitudine > <OPTION VALUE= Poco >Pessimistica <OPTION VALUE= Medio SELECTED>Realistica <OPTION VALUE= Molto >Ottimistica </SELECT> La collection inviata, per default è: Attitudine = Medio Esempio 5: <SELECT> <OPTION NAME= Lingua VALUE= uk >Inglese <OPTION NAME= Lingua VALUE= fr SELECTED>Francese <OPTION NAME= Lingua VALUE= d >Tedesco </SELECT> La collection inviata, se si sceglie Tedesco, è Lingua = d. Gli esempi 4 e 5 differiscono per il fatto che nel 4 è dato un nome al tag SELECT, mentre nel 5 è dato lo stesso nome a tutti i tag componenti la SELECT Gen pag. 5/11

6 3. Passaggio dei dati tra pagine web tramite l oggetto Request con i metodi QueryString e Form Si assume come pagina di partenza una pagina consistente un semplice form composto di due INPUT di testo, dapprima con il metodo GET, e si analizza una pagina ASP che acquisisce i dati; successivamente i dati saranno inviati con il metodo POST, e si analizza una nuova pagina ASP che acquisisce i dati. Infine si analizza come processare i dati inviati con i vari tipi di INPUT e SELECT. Lo schema è: 1. Il client invia al server la richiesta della pagina INIZIO_XXX.HTM che contiene un Form 2. Il server invia la pagina INIZIO_XXX.HTM al client. 3. Il client compila il Form e lo invia al server con l azione ELABORA_XXX.ASP 4. Il server attiva la pagina ELABORA_XXX.ASP che opera sui dati inviati e restituisce al client una pagina con i dati elaborati Uso del metodo GET Pagina chiamante INIZIO_GET.HTM <FORM METHOD=GET ACTION= ELABORA_GET.ASP > Nome: <INPUT TYPE=TEXT NAME= Nome > Età: <INPUT TYPE=TEXT NAME= Eta > <INPUT TYPE=SUBMIT VALUE= Invia > </FORM> Supponiamo che l utente inserisca la stringa Carlo nel campo Nome e il valore 24 nel campo Eta. Quando preme il pulsante Invia, al server giunge una richiesta contenuta nella stringa di interrogazione (QueryString) in cui figura il nome dello script da attivare e la collection associata ELABORA_GET.ASP?Nome=Carlo&Eta=24 La pagina ELABORA_GET.ASP è così fatta: Language=VBScript <% Option Explicit <% Dim strnome,streta StrNome=Request.QueryString( Nome ) StrEta=Request.QueryString( Eta ) Nome = <% = strnome Eta = <% = streta Uso del metodo POST Pagina chiamante INIZIO_POST.HTM Gen pag. 6/11

7 <FORM METHOD=GET ACTION= ELABORA_POST.ASP > Nome: <INPUT TYPE=TEXT NAME= Nome > Età: <INPUT TYPE=TEXT NAME= Eta > <INPUT TYPE=SUBMIT VALUE= Invia > </FORM> Supponiamo di nuovo che l utente inserisca la stringa Carlo nel campo Nome e il valore 24 nel campo Eta. Quando preme il pulsante Invia, al server giunge una richiesta di attivare lo script ELABORA_POST.ASP. La collection contenente i dati è sull oggetto Form. La pagina ELABORA_POST.ASP è così fatta: Language=VBScript <% Option Explicit <% Dim strnome,streta StrNome=Request.Form( Nome ) StrEta=Request.Form( Eta ) Nome = <% = strnome Età = <% = streta La conclusione è che si verifica la seguente corrispondenza: Metodo usato dal Form che invia dati al server (parametro METHOD) GET POST Modo con cui i dati vengono acquisiti dalla pagina chiamata (parametro ACTION) Str = Request.Querystring(Nome_Campo) Str = Request.Form(Nome_Campo) Se nella pagina chiamante il form usa il metodo GET per inviare i dati e la pagina chiamata usa Request.Form, e, viceversa, se il form usa il metodo POST e la pagina chiamata usa Request.Querystring, vengono trasmesse stringhe di lunghezza 0. Usando semplicemente l oggetto Request senza attributi, sarà a suo carico indagare quale metodo è stato usato ed applicarlo. Pertanto, a prescindere dal metodo GET o POST che sia, l espressione Str = Request(Nome_Campo) risolverà automaticamente il dubbio di quale metodo sia stato usato Acquisizione dei dati da INPUT TYPE=RADIO e SELECT Il problema di entrambe queste strutture è quello di ottenere un dato selezionato tra molti (nell ipotesi che nella SELECT non sia presente l attributo MULTIPLE). Come abbiamo appena visto, in relazione al metodo GET o POST, cambierà il modo con cui la pagina azionata rileverà i dati (rispettivamente Request.Querystring o Request.Form). Quindi negli esempi trattiamo solo il metodo POST Pagina chiamante INIZIORADIO_POST.HTM Gen pag. 7/11

8 <FORM METHOD=GET ACTION= ELABORARADIO_POST.ASP > Maschio: <INPUT TYPE=RADIO NAME= Opzione1 VALUE= M > Femmina: <INPUT TYPE=RADIO NAME= Opzione1 VALUE= F > <INPUT TYPE=SUBMIT VALUE= Invia > </FORM> N.B. : se nel form fosse necessario avere un altra batteria di radio-button, tutti i membri della nuova batteria avrebbero dovuto avere un altro nome, (p. es. Opzione2). Quando l utente, per esempio femmina, seleziona la seconda opzione e preme il pulsante Invia, al server giunge una richiesta di attivare lo script ELABORA_POST.ASP. La collection contenente i dati è sull oggetto Form. La pagina ELABORARADIO_POST.ASP è così fatta: Language=VBScript <% Option Explicit <% Dim strsesso strsesso=request.form( Opzione1 ) Sesso = <% = strsesso Viene così visualizzato: Sesso = F Se la pagina è del tipo di cui all Esempio 5 e viene selezionata la voce Tedesco, cui corrisponde il valore d, la pagina attivata dovrà contenere qualcosa del genere: <% strlingua = Request.Form( Lingua ) Dove strlingua varrà d. Acquisizione dei dati da INPUT TYPE=CHECKBOX Per questo costrutto, così come per un costrutto SELECT con l attributo MULTIPLE, si pone il problema di rilevare le scelte effettuate dall utente, che possono riguardare zero, una o molte opzioni. Supponiamo che la pagina richiesta abbia il seguente frammento: <INPUT TYPE= CHECKBOX NAME= LingueNote VALUE= uk > Inglese <INPUT TYPE= CHECKBOX NAME= LingueNote VALUE= fr > Francese <INPUT TYPE= CHECKBOX NAME= LingueNote VALUE= d > Tedesco Gen pag. 8/11

9 Se viene marcata una sola risposta, per esempio Francese, la stringa restituita varrà fr ; se vengono marcate più risposte, la stringa restituita è composta di tutti i valori separati da una virgola; conoscendo per esempio tutte e tre le lingue la stringa restituita sarà uk,fr,d. Per poter disporre separatamente di tutte le risposte si può usare la seguente sequenza: 1 :<% Language=VBScript 2 :<% Dim strcheckbox 3 : strcheckbox=request.form( LingueNote ) 4 : Dim strchckboxarray 5 : strchckboxarray = split(strcheckbox,, ) 6 : dove l istruzione 5 estrae dalla stringa strcheckbox tutte le sottostringhe separate dal carattere,, inserendole nelle successive posizioni del vettore strchckboxarray. Per poter accedere alle diverse sottostringhe si può usare la sequenza: Dim i For i = LBound(strChckBoxArray) to UBound(strChckBoxArray) Response.Write strchckboxarray(i) & Next 4. Passaggio tramite appoggio sul Client con i Cookies Finora i dati sono stati comunicati da pagina a pagina: una pagina consegna i propri dati alla pagina chiamata, che li recupera. Se la pagina A comunica dati alla pagina B, e la pagina B chiama la pagina C, che ha ancora bisogno degli stessi dati, la pagina B deve nuovamente comunicarli alla pagina C, e così via, rendendo la comunicazione molto pesante. È necessario evidenziare che il rapporto Client-Server nel web è state-less, (senza persistenza dello stato. Lo stato di un sistema è l insieme dei valori assunti dalle variabili). Il server tenta di soddisfare la richiesta di qualunque client la presenti, senza tener traccia dell identità del client, per cui le informazioni scambiate vengono perse appena dopo lo scambio. ASP fornisce alcune tecniche per rendere persistente lo stato, che vengono presentate di seguito. Le informazioni che debbono essere conservate per tutte le pagine possono essere appoggiate sul client (cookie, trattato di seguito) oppure sul server (oggetti Session o Application, trattati nei paragrafi successivi). Un cookie (trad. biscottino) è un piccolo file che viene memorizzato sul disco del client (a condizione che il suo browser accetti i cookie opzione presente come livello di privacy). Lo sviluppatore deve specificare il tempo di persistenza del cookie, che, una volta scaduto, viene rimosso dal client. Ogni cookie deve avere un nome; può avere zero, una o più chiavi, scelta consigliabile per raggruppare più informazioni. Per esempio si può considerare un cookie di nome Utente, che ha come chiavi Nome e UltimaVisita. Il seguente frammento di pagina CreaCookie.ASP crea il cookie dell esempio sopra descritto. Language=VBScript <%Option Explicit <% Response.Cookies( Utente )( Nome )= Rossi Response.Cookies( Utente )( UltimaVisita )=Now Per acquisire le informazioni che il codice precedente ha memorizzato sul client, si usa il seguente frammento di codice: Language=VBScript Gen pag. 9/11

10 <%Option Explicit <% Dim strnome, strdata strnome = Request.Cookies( Utente )( Nome ) strdata = Request.Cookies( Utente )( UltimaVisita ) Nome = <% = strnome Ultima data = <% = strdata La proprietà Expires specifica la durata in vita del cookie. Per default il cookie scade quando l utente chiude il proprio browser. Quando un cookie è creato, si può stabilire una durata fino a una certa data, o di un periodo di una settimana, un anno, ecc. Esempi sono: Response.Cookies( Utente ).Expires = #31 dicembre 2010# Scade al 31 dicembre 2010 Response.Cookies( Utente ).Expires = Date() + 7 Scade dopo una settimana. 5. Passaggio tramite appoggio sul Server con l oggetto Session Per ciascun utente che si connette, viene allocata sul web server un area che conterrà un istanza dell oggetto Session. Se l utente non interagisce per un certo periodo con il server, l area allocata viene rilasciata. Il periodo di default è di 10 minuti, ma questo periodo può essere modificato dallo sviluppatore. Nell oggetto Session possono essere memorizzati dati (detti variabili di sessione) di qualunque tipo (numeri, stringhe, date, array, oggetti). È possibile registrare dati con la seguente sintassi: Session(Nome_Variabile_Sessione) = valore Esempi sono: <% Session( DataDiOggi ) = Date() Session( Nome ) = Rossi Un frammento di una pagina ASP che voglia recuperare tali dati ha la seguente forma: <% Dim stroggi, strmionome stroggi = Session( DataDiOggi ) = Date() strmionome = Session( Nome ) <% Response.Write Ciao & strmionome & <br> Gen pag. 10/11

11 Response.Write Oggi e il & stroggi 6. Passaggio tramite appoggio sul Server con l oggetto Application L oggetto Application è condiviso tra tutti gli utenti della stessa applicazione. Se è necessario disporre di un informazione che interessa tutti gli utenti della stessa applicazione, si può usare, similmente all oggetto Session, delle variabili di applicazione, con la seguente sintassi, rispettivamente per assegnare un valore e per recuperarlo: Application(Nome_Variabile_Applicazione) = valore Variabile = Application(Nome_Variabile_Applicazione) Confronto tra i modi di trasmettere dati tra pagine web Metodo Vantaggi Svantaggi Stringa di interrogazione Cookie Variabili di sessione Variabili di applicazione Se il client non ha abilitato i cookie. Pochi dati tra due pagine. Scarso impegno di memoria nel server. Se serve mantenere lo stato per periodi più lunghi di una sessione. Nessun sovraccarico sul server. Si possono memorizzare anche array e oggetti. I dati vengono conservati solo per la durata della sessione. Dati che cambiano spesso per tutti gli utenti della stessa applicazione. Difficoltà di manutenzione di tutte le pagine del sito se i dati e le pagine sono numerosi Non utilizzabili se il client li ha disabilitati. Si possono memorizzare solo dati semplici come numeri, stringhe, date, ma non si possono memorizzare array e oggetti. Sovraccaricano il server se i dati sono numerosi e se si collegano molti client. I dati vengono conservati solo per la durata della sessione. Solo dati globali (non personalizzati per client) Gen pag. 11/11

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web PHP e FORMs HTML. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2013/2014

Laboratorio Progettazione Web PHP e FORMs HTML. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2013/2014 Laboratorio Progettazione Web PHP e FORMs HTML Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2013/2014 Struttura Applicazioni Web Browser Web HTTP Server Web API Dati Presentation Application Storage

Dettagli

Strumenti a disposizione

Strumenti a disposizione FORM Strumenti a disposizione L'HTML visto fino ad ora permette di descrivere solo documenti statici e passivi Colori, immagini, testi, etc... L'utente può solo interagire con i link Non sempre questo

Dettagli

04/05/2011. Lezione 6: Form

04/05/2011. Lezione 6: Form Lezione 6: Form In alcuni documenti HTML può essere utile creare dei moduli (form) che possono essere riempiti da chi consulta le pagine stesse (es. per registrarsi ad un sito). Le informazioni sono poi

Dettagli

Lezione 6: Form 27/04/2012

Lezione 6: Form 27/04/2012 Lezione 6: Form In alcuni documenti HTML può essere utile creare dei moduli (form) che possono essere riempiti da chi consulta le pagine stesse (es. per registrarsi ad un sito). Le informazioni sono poi

Dettagli

Il linguaggio HTML - Parte 3

Il linguaggio HTML - Parte 3 Corso IFTS Informatica, Modulo 3 Progettazione pagine web statiche (50 ore) Il linguaggio HTML - Parte 3 Dott. Chiara Braghin braghin@dti.unimi.it Addenda Vedi tabella caratteri speciali Vedi file caratteri_speciali.html

Dettagli

Interazione con l utente : i moduli.

Interazione con l utente : i moduli. Interazione con l utente : i moduli. Nelle lezioni fin qui riportate, non abbiamo mai trattato l input di utente. Nelle applicazioni web, l input dell utente si acquisisce tramite i moduli (o FORM) HTML.

Dettagli

Lezione nr. 5. Per creare un modulo è necessario avere delle conoscenze di base del linguaggio HTML. Niente di difficile ovviamente!

Lezione nr. 5. Per creare un modulo è necessario avere delle conoscenze di base del linguaggio HTML. Niente di difficile ovviamente! Lezione nr. 5 >> Come creare un modulo Web I moduli web sono delle strutture fondamentali per ogni sito web e la loro conoscenza ti permetterà di risolvere almeno il 60% delle problematiche di gestione

Dettagli

www.mtcube.com Manuale di ASP

www.mtcube.com Manuale di ASP Manuale di ASP Sommario degli argomenti Che cosa sono le Active Server Pages... 3 Struttura, creazione ed esecuzione della pagina Asp... 3 Variabili e tipi di dati... 4 Numero Intero... 4 Numeri in virgola

Dettagli

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ...

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: <HTML>... HTML HyperText Markup Language Struttura di un documento HTML Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ... ... ... Struttura di un documento

Dettagli

Corso basi di dati Mantenere dati persistenti

Corso basi di dati Mantenere dati persistenti Corso basi di dati Mantenere dati persistenti Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre Problema? Internet è basata sul modello client/server: 1. Il client apre un canale

Dettagli

ASP. Prof. Claudio Maccherani (tratto da Linguaggi nel Web di Arena, Borchia e da altre fonti varie)

ASP. Prof. Claudio Maccherani (tratto da Linguaggi nel Web di Arena, Borchia e da altre fonti varie) ASP Prof. Claudio Maccherani (tratto da Linguaggi nel Web di Arena, Borchia e da altre fonti varie) Un applicazione che interroghi un database remoto in un server Web è scritta in ASP (Active Server Page)

Dettagli

Sicurezza Protezioni in una pagina Web

Sicurezza Protezioni in una pagina Web Pagina 1 di 7 Sicurezza Protezioni in una pagina Web HTML è un linguaggio che consente di presentare informazioni in pagine di formato predefinito e accattivante. Quando non si hanno a disposizione informazioni

Dettagli

DURANTE LA NAVIGAZIONE NEI SITI WEB I VISITATORI NON SOLO POSSONO CONSULTARE INFORMAZIONI STATICHE

DURANTE LA NAVIGAZIONE NEI SITI WEB I VISITATORI NON SOLO POSSONO CONSULTARE INFORMAZIONI STATICHE MODULI O FORM DURANTE LA NAVIGAZIONE NEI SITI WEB I VISITATORI NON SOLO POSSONO CONSULTARE INFORMAZIONI STATICHE ADATTE ALLA LETTURA MA POSSONO SVOLGERE UN RUOLO ATTIVO NEI CONFRONTI DI UNA PAGINA WEB

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 9. HTML Parte II Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Applicazione ASP di esempio

Applicazione ASP di esempio Applicazione ASP di esempio Database in rete Prof. Claudio Maccherani Un server web è un programma che gira su un computer sempre collegato ad Internet e che mette a disposizione file, pagine e servizi.

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

1) Il client(browser utilizzato) invia al server i dati inseriti dall utente. Server

1) Il client(browser utilizzato) invia al server i dati inseriti dall utente. Server 2) Il Server richiama l'interprete PHP il quale esegue i comandi contenuti nel file.php specificato nell'attributo action del tag form creando un file HTML sulla base dei dati inviati dall utente 1) Il

Dettagli

Dott.ssa Adriana Pietramala

Dott.ssa Adriana Pietramala Corso di Informatica Laurea Triennale - Comunicazione&Dams Dott.ssa Adriana Pietramala a.pietramala@mat.unical.it Riferimenti Sito del corso: Manuale PHP http://www.php.net/download-docs.php Editor di

Dettagli

Forms. Commercio elettronico Registrazione di nuovi membri (organizzazioni non-profit) Ricerca di mercato (collezione di dati relativi a utenti)

Forms. Commercio elettronico Registrazione di nuovi membri (organizzazioni non-profit) Ricerca di mercato (collezione di dati relativi a utenti) Forms Rendono XHTML interattivo in modo semplice: Commercio elettronico Registrazione di nuovi membri (organizzazioni non-profit) Ricerca di mercato (collezione di dati relativi a utenti) Svariati controlli

Dettagli

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro Lezione II: Web server e ambiente di lavoro In questa lezione, in laboratorio, si mostrerà quali sono i passi necessari per creare ed eseguire una pagina ASP. Brevemente, verrà fatto anche vedere, come

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

MODULO 1 PARTE 3. Programmazione (scripting) server-side con PHP 3.a HTTP request e HTTP response (form e link)

MODULO 1 PARTE 3. Programmazione (scripting) server-side con PHP 3.a HTTP request e HTTP response (form e link) MODULO 1 PARTE 3 Programmazione (scripting) server-side con PHP 3.a HTTP request e HTTP response (form e link) Goy - a.a. 2009/2010 Programmazione Web 1 Gli oggetti HTTP request e HTTP response -I Vi ricordate?

Dettagli

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati.

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati. I FORM Che cosa sono e che caratteristiche hanno Un form contiene molti oggetti che permettono di inserire dati usando la tastiera. Tali dati verranno poi inviati alla pagina php che avrà il compito di

Dettagli

PHP. A. Lorenzi, R. Giupponi, D. Iovino LINGUAGGI WEB. LATO SERVER E MOBILE COMPUTING Atlas. Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas

PHP. A. Lorenzi, R. Giupponi, D. Iovino LINGUAGGI WEB. LATO SERVER E MOBILE COMPUTING Atlas. Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas PHP A. Lorenzi, R. Giupponi, D. Iovino LINGUAGGI WEB. LATO SERVER E MOBILE COMPUTING Atlas Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas Programmazione lato server PHP è un linguaggio che estende le funzionalità

Dettagli

Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML

Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML Gianluca Moro gianluca.moro@unibo.it Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica G. Moro - Università di Bologna World

Dettagli

WWW (World Wide Web)!& ( # %% (*0 #,% )0#1( &#"#2

WWW (World Wide Web)!& ( # %% (*0 #,% )0#1( &##2 ! "#$" %% $"$&&"'& $%%& $'&( ) *+&, ) && *+ ( -./ WWW (World Wide Web)!& ( # (&%#(!(&&( %% (*0 #,% )0#1( &#"#2 Siti Web pagine Web: documenti pronti per essere registrati su un server Internet residenza

Dettagli

GestPay Specifiche tecniche

GestPay Specifiche tecniche GestPay Specifiche tecniche Progetto: GestPay Pagina 1 di 35 Sommario Informazioni documento...3 Informazioni versione...4 1 Introduzione...5 2 Architettura del sistema...6 3 Descrizione fasi del processo...8

Dettagli

I Tag dell html. Parte quarta

I Tag dell html. Parte quarta I Tag dell html Parte quarta Le Form I moduli, o form, rendono interattive le pagine Web. Per creare un elemento modulo si usa il tag:

Dettagli

World Wide Web. Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML. Il Successo del Web. Protocolli di accesso

World Wide Web. Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML. Il Successo del Web. Protocolli di accesso Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML Gianluca Moro gmoro@deis.unibo.it Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università di Bologna World Wide Web nato

Dettagli

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML Reti Linguaggio HTML 1 HTML = Hypertext Markup Language E il linguaggio usato per descrivere documenti ipertestuali Ipertesto = Testo + elementi di collegamento ad altri testi (link) Linguaggio di markup:

Dettagli

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER 19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Introduciamo uno pseudocodice lato server che chiameremo Pserv che utilizzeremo come al solito per introdurre le problematiche da affrontare, indipendentemente dagli specifici

Dettagli

VBScript. VBScript. Visual Basic Scripting Edition. Linguaggio di script per browser e server Microsoft Deriva da Visual Basic, ma è interpretato

VBScript. VBScript. Visual Basic Scripting Edition. Linguaggio di script per browser e server Microsoft Deriva da Visual Basic, ma è interpretato VBScript Visual Basic Scripting Edition 1 VBScript Linguaggio di script per browser e server Microsoft Deriva da Visual Basic, ma è interpretato 2 Pag. 1 Principali caratteristiche Fine istruzione singola

Dettagli

Lezione nr. 8. Allora ecco come fare per recuperare le ultime tre tipologie di campo che ci sono rimaste da vedere.

Lezione nr. 8. Allora ecco come fare per recuperare le ultime tre tipologie di campo che ci sono rimaste da vedere. Lezione nr. 8 Ciao e benvenuto all ultima lezione del corso base. Innanzitutto voglio complimentarti con te per essere arrivato fino a qui. E stato un percorso un po duro e sei stato bravo nel superare

Dettagli

BASI DI DATI http://www.diee.unica.it/~giacinto/bd. Cos è il PHP. Cos è il PHP. Esercitazione su PHP & MySQL

BASI DI DATI http://www.diee.unica.it/~giacinto/bd. Cos è il PHP. Cos è il PHP. Esercitazione su PHP & MySQL Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Contatti BASI DI DATI http://www.diee.unica.it/~giacinto/bd Esercitazione su PHP & MySQL! Roberto Tronci! e-mail: roberto.tronci@diee.unica.it!

Dettagli

ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A)

ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A) Autore: Classe: Nicola Ceccon QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A) Dispensa La dispensa presenta i contenuti fondamentali di ASP nella

Dettagli

Pagine Asp. Pagine Asp

Pagine Asp. Pagine Asp Pagine Asp Architettura web Esistono alcune limitazioni alle applicazioni che si possono realizzare in HTML, ad esempio non è possibile costruire un sito web che consenta all utente di accedere ai dati

Dettagli

PHP. Per poter interagire con i dati che si trovano sul server remoto occorrono strumenti server-side.

PHP. Per poter interagire con i dati che si trovano sul server remoto occorrono strumenti server-side. PHP Il linguaggio HTML e i linguaggi di scripting come Javascript impongono alcune limitazioni alle applicazioni che si possono realizzare : per esempio non è possibile costruire un sito Web che consenta

Dettagli

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Un documento in formato Web può essere aperto con un browser, attraverso un collegamento a Internet oppure caricandolo dal disco del proprio computer senza connettersi

Dettagli

Form Editor. Dove NomeProfilo è personalizzabile.

Form Editor. Dove NomeProfilo è personalizzabile. Form Editor Il tema permette di generare automaticamente dei moduli per la raccolta di dati in tre semplici step: 1. Si crea una tabella nel database per la raccolta dei dati. Per la creazione si parte

Dettagli

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E.

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Bologna, 08/02/2010 Outline Da applicazioni concentrate a distribuite Modello

Dettagli

A. Lorenzi Pagine ASP

A. Lorenzi Pagine ASP Pagine ASP Web server software per la gestione di un computer host Internet oppure di un server di rete, che mette a disposizione dati o applicativi per gli utenti della rete Web server IIS (Internet Information

Dettagli

Fondamenti di Informatica II 29. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (2)

Fondamenti di Informatica II 29. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (2) Interazione client-server (1) per far interagire il client con il server e necessario usare programmi residenti su server (p.e. script CGI - Common Gateway Interface) Fondamenti di Informatica II 29. Elementi

Dettagli

3. Programmazione con le pagine ASP classiche

3. Programmazione con le pagine ASP classiche LIBRERIA WEB 3. Programmazione con le pagine ASP classiche 1. Le pagine ASP in generale ASP (Active Server Pages) è una tecnologia Microsoft che consente di scrivere codice eseguibile (script) lato server,

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Tecniche Web, stato dell arte

Tecniche Web, stato dell arte Tecniche Web, stato dell arte Presentazione delle tecnologia ASP Giuseppe MORELLI WWW: Architettura Si tratta di un sistema di strutturazione ed organizzazione di informazioni in rete. Questo tipo di organizzazione

Dettagli

Cimini Simonelli - Testa

Cimini Simonelli - Testa WWW.ICTIME.ORG HTML Manuale introduttivo al linguaggio HTML Cimini Simonelli - Testa v.2-11/01/2008 Sommario Introduzione... 3 Formattazione della pagina... 4 Inserire un colore di sfondo... 4 Inserire

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 6.1 PHP e il web 1. Conoscenza HTML Tecnica della programmazione Principi di programmazione web

Corso di PHP. Prerequisiti. 6.1 PHP e il web 1. Conoscenza HTML Tecnica della programmazione Principi di programmazione web Corso di PHP 6.1 PHP e il web 1 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Tecnica della programmazione Principi di programmazione web 2 1 Introduzione In questa Unità illustriamo alcuni strumenti di programmazione

Dettagli

Asp - Active Server Pages. Nicola Gessa

Asp - Active Server Pages. Nicola Gessa Asp - Active Server Pages Introduzione nl introduzione della tecnologia ASP è stata fatta con il rilascio della versione 3.0 di IIS nel 1997. ncon l acronimo ASP (Active Server Pages) si identifica NON

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web 1 Prerequisiti Architettura client/server Elementi del linguaggio HTML web server SQL server Concetti generali sulle basi di dati 2 1 Introduzione Lo

Dettagli

Accesso a basi di dati con ASP. Algoritmo per visualizzare un DB

Accesso a basi di dati con ASP. Algoritmo per visualizzare un DB Accesso a basi di dati con ASP 1 Algoritmo per visualizzare un DB 1. creare una connessione tra lo script ASP e il database 2. Costruire una QUERY in linguaggio SQL che opera sul database 3. Recuperare

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Corso Descrizione La durata di questo corso è complessivamente di ore 150 di cui 85 ore di teoria, 35 ore di pratica e 30 ore di stage in azienda. Nel nostro territorio esiste una richiesta di tale figura,

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Dott.ssa Maria Vittoria Avolio. Dott.ssa Adriana Pietramala

Dott.ssa Maria Vittoria Avolio. Dott.ssa Adriana Pietramala Corso di Informatica Laurea Triennale - Comunicazione&Dams Dott.ssa Maria Vittoria Avolio avoliomv@unical.it Dott.ssa Adriana Pietramala a.pietramala@unical.it Riferimenti Manuale PHP http://www.php.net/download-docs.php

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione alle ASP

Corso basi di dati Introduzione alle ASP Corso basi di dati Introduzione alle ASP Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre Web statico e Web interattivo In principio il Web era una semplice collezione di pagine

Dettagli

Web Programming. Lezione 4: Cookie e Sessioni. Giulio Rossetti 14/04/2011. Guru@Work

Web Programming. Lezione 4: Cookie e Sessioni. Giulio Rossetti 14/04/2011. Guru@Work Web Programming Lezione 4: Cookie e Sessioni Giulio Rossetti Guru@Work 14/04/2011 Contatti Materiale Tutto il materiale del corso sarà reso disponibile sul sito: www.guruatwork.com (e su blog.giuliorossetti.net)

Dettagli

WebDeveloper ASP. Proseguiamo il filone aperto. 1 Da sito statico a dinamico. 1 a lezione. A scuola con PC Open IL CALENDARIO DELLE LEZIONI

WebDeveloper ASP. Proseguiamo il filone aperto. 1 Da sito statico a dinamico. 1 a lezione. A scuola con PC Open IL CALENDARIO DELLE LEZIONI 1 a lezione A scuola con PC Open WebDeveloper ASP 1 Da sito statico a dinamico Proseguiamo il filone aperto a inizio d'anno con il corso Webmaster per affrontare questa volta la progettazione di pagine

Dettagli

Metodologie Informatiche applicate al Turismo

Metodologie Informatiche applicate al Turismo Metodologie Informatiche applicate al Turismo 11. Realizzare Siti Dinamici e Applicazioni Web Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

ALCUNI ESEMPI DI DATI 6,28 numerico costante

ALCUNI ESEMPI DI DATI 6,28 numerico costante Scheda 21 JAVA SCRIPT I DATI DATI E TIPI DI DATI In una elaborazione i dati sono l elemento essenziale: senza dati non c è elaborazione. Si possono avere dati VARIABILI e dati COSTANTI oppure dati NUMERICI

Dettagli

WebDeveloper ASP. Proseguiamo il filone aperto. 1 Da sito statico a dinamico. 1 a lezione. A scuola con PC Open IL CALENDARIO DELLE LEZIONI

WebDeveloper ASP. Proseguiamo il filone aperto. 1 Da sito statico a dinamico. 1 a lezione. A scuola con PC Open IL CALENDARIO DELLE LEZIONI 1 a lezione A scuola con PC Open WebDeveloper ASP 1 Da sito statico a dinamico Proseguiamo il filone aperto a inizio d'anno con il corso Webmaster per affrontare questa volta la progettazione di pagine

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli

Tecnologie e Programmazione Web

Tecnologie e Programmazione Web Presentazione 1 Tecnologie e Programmazione Web Html, JavaScript e PHP RgLUG Ragusa Linux Users Group SOftware LIbero RAgusa http://www.solira.org - Nunzio Brugaletta (ennebi) - Reti 2 Scopi di una rete

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic LIBRERIA WEB 6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic PROGETTO Il centro sportivo Olympic organizza corsi di tipo diverso: nuoto, danza, karate, ecc. Ogni corso ha un unico istruttore prevalente,

Dettagli

Il linguaggio PHP. Parte I Introduzione. Paolo Milazzo

Il linguaggio PHP. Parte I Introduzione. Paolo Milazzo Il linguaggio PHP Parte I Introduzione Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it A.A. 2010/2011 Paolo Milazzo (Università di Pisa)

Dettagli

Dato un form contenente

Dato un form contenente <input type=text name=weight size=20 /> Dato un form contenente Lo script PHP inserisce l input dell utente in una variabile speciale chiamata $_REQUEST['weight']il cui argomento è uguale al corrispondente

Dettagli

Esempio di esecuzione di una pagina JSP: Il client chiede la pagina: http:// sdfonline.unimc.it/info/modulo.jsp;

Esempio di esecuzione di una pagina JSP: Il client chiede la pagina: http:// sdfonline.unimc.it/info/modulo.jsp; JAVA SERVER PAGES Una pagina JSP (Java Server Pages), richiesta da un utente (client), viene eseguita dal server web nella propria memoria; generalmente il prodotto dell elaborazione è una pagina html

Dettagli

Session tracking Session tracking HTTP: è stateless, cioè non permette di associare una sequenza di richieste ad un dato utente. Ciò vuol dire che, in generale, se un browser richiede una specifica pagina

Dettagli

Simulazione seconda prova Esame di Stato Sito Web - Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso (Parte seconda)

Simulazione seconda prova Esame di Stato Sito Web - Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso (Parte seconda) Simulazione seconda prova Esame di Stato Sito Web - Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso (Parte seconda) Il candidato realizzi inoltre il sito Internet del centro che deve permettere, tra

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Alla base del web: il protocollo HTTP

Alla base del web: il protocollo HTTP Alla base del web: il protocollo HTTP Programmazione lato server Serie di tecniche che consentono di creare dinamicamente risorse da distribuire tramite un server Web Questo può essere ottenuto tramite

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag