Il recupero dati dai file system di Linux

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il recupero dati dai file system di Linux"

Transcript

1 Il recupero dati dai file system di Linux Bartosz Przybylski Artykuł opublikowany w numerze 3/2005 magazynu hakin9. Zapraszamy do lektury całego magazynu. Wszystkie prawa zastrzeżone. Bezpłatne kopiowanie i rozpowszechnianie artykułu dozwolone pod warunkiem zachowania jego obecnej formy i treści. Magazyn hakin9, Software-Wydawnictwo, ul. Piaskowa 3, Warszawa,

2 Il recupero dati dai file system di Linux Bartosz Przybylski Quando, per esempio in seguito ad un attacco al sistema, ci capiterà di perdere in Linux file importanti, non dovremo disperare. Esistono molti metodi per recuperare i dati. Anche se spesso è un lavoro impegnativo, un buon assortimento di strumenti ci permetterà di recuperare anche contenuto completo di un file system danneggiato. Difesa Il nostro server è stato vittima di pirata informatico. L'intruso è stato così malvagio da cancellare dal nostro disco parecchi file importanti, tra questi il programma sul quale abbiamo lavorato un paio di mesi. Prima di fare una reinstallazione del sistema (per assicurarci che non rimanga in esso nessun codice maligno lasciato dall intruso) bisogna cercare di recuperare i dati. Per farlo, dobbiamo servirci di alcuni strumenti che ogni distribuzione di Linux contiene. Strumenti utili Il primo elemento indispensabile è un insieme di strumenti per poter operare sui file system ext2 e ext3 si tratta del pacchetto e2fsprogs. Per noi il più importante sarà debugfs che, come indica il nome, serve per fare il debug dei file system. Di default (per la piattaforma x86) tutto il pacchetto viene installato insieme al sistema. Il successivo strumento indispensabile è reiserfsck che fa parte del pacchetto reiserfsprogs e che serve per editare il file system ReiserFS. Anche questo pacchetto dovrebbe essere allegato al sistema. Invece il programma dd ci servirà per recuperare tutta la partizione con il file system ReiserFS e come alternativa per recuperare dati dai vari tipi dei file system. La preparazione di una partizione per recuperare dati Indipendentemente dal file system dal quale recupereremo i dati, la prima operazione da eseguire sarà quella di smontare la partizione sulla quale lavoreremo. Per avere almeno una parziale certezza che i nostri dati non sono stati in alcun modo danneggiati, dovremo fare questo passo al più presto dopo l'eliminazione dei file. Dall'articolo imparerai... come recuperare dati dai file system di tipo ext2 e ext3, in che modo salvare file dalla partizione Reiser- FS. Cosa dovresti sapere... dovresti saperti servire della linea di comando in Linux, dovresti conoscere le basi della struttura dei file system. 60

3 Il recupero dei dati I termini legati alla gestione dello spazio su disco Gli inode L'inode è una struttura di dati utilizzata nei file system di Linux per descrivere un file. Di essa fanno parte: il tipo di file file ordinario, directory o file di dispositivo, l'identificativo UID di un proprietario, la lista dei blocchi del disco e i loro frammenti che compongono un file. Possiamo considerare l'inode come un particolare identificatore di un file su disco, di cui il sistema si serve per trovare un file richiesto. Ogni file su una data partizione ha un solo inode subordinato. Il blocco del disco Il blocco del disco è una parte di spazio su una partizione, che conserva informazioni. La dimensione di un blocco è definita da un utente durante la divisione del disco in partizioni. Può però essere cambiata usando i programmi per la modifica di un dato file system. Contrariamente agli inode, molti blocchi possono appartenere ad un solo file. Il journaling Il journaling (ingl. journaling, registrazione dei cambiamenti) è uno dei metodi per conservare dati su disco. Il principio è semplice ma particolarmente efficace. Lo schema di funzionamento, un po' semplificato, è visibile nella Fig. 1. Come si vede, File1 dopo la modifica non cambierà i dati compresi nella sua vecchia posizione (contrariamente ai file system senza il journaling), ma i dati saranno registrati in una nuova posizione. Questa è una grande cosa, infatti quando giungeremo alla conclusione che la versione precedente era migliore, anche dopo notevoli modifiche, saremo in grado di recuperare la forma originale di un file. Per smontare una partizione basta umount /dev/hdax (dove X è il numero della partizione dalla quale sono stati cancellati i dati, nel nostro caso essa avrà il valore 10). Se però durante quest'operazione otterremo il messaggio: # umount /dev/hda10 umount: /tmp: device is busy questo significa che qualche processo utilizza questa partizione. Ci sono due le vie d'uscita da una tale situazione. Una di queste è uccidere il processo che utilizza una data partizione. Prima però bisogna controllare quali processi bloccano la partizione. Utilizzeremo il programma fuser, che serve per identificare utenti e processi che adoperano determinati file o socket: di ottenere in output dati più dettagliati, con ciò, invece dei soli numeri PID, vedremo anche gli argomenti null dei programmi. Se constateremo che i processi ci sono inutili, basterà eliminarli con il comando: # fuser -k -v -m /dev/hda10 Se invece preferiamo terminare i processi normalmente, dovremo eseguire: # fuser -TERM -v -m /dev/hda10 Un modo alternativo per smontare un file system è quello di metterlo in modalità RO (read only). In questo modo i nostri file non potranno essere sovrascritti. Per eseguire quest'azione, dovremo impartire il seguente comando: # mount -o ro, remount /dev/hda10 Attenzione: il comando non funzionerà, se la partizione è la root directory, ossia il file system principale. Se in effetti è così, dovremo informare di questo il programma mount, affinché non registri i cambiamenti nel file /etc/mtab. A questo scopo aggiungiamo il parametro -n. Il recupero dati in Ext2fs Il primo tipo di file system del quale ci occuperemo è ext2fs (per saperne di più su questo e su altri file system, conviene dare un'occhiata al Riquadro I file system di Linux). Cominciamo trovando gli inode cancellati. La ricerca degli inode cancellati Per fare questo passo utilizzeremo il programma debugfs dal pacchetto e2fsprogs. Avviamo l'applicazione aprendo la partizione richiesta: # debugfs /dev/hda10 Quando apparirà un messaggio di prompt, dovremo eseguire il comando lsdel, che ci farà vedere tutti i file cancellati dal momento della creazione di questa partizione (nel caso di sistemi pubblici questa lista può avere migliaia di righe e la sua compilazione esige a volte un po' di tempo). Adesso esclusivamente in base alla data della cancellazione, # fuser -v -m /dev/hda10 L'opzione -m /dev/hda10 imporrà al programma di verificare quali servizi utilizzano la partizione hda10. Invece l'opzione -v (verbose) ci permetterà Fig. 1: Lo schema di funzionamento del journaling 61

4 Difesa Listing 1. L'effetto del comando lsdel del programma debugfs debugfs: lsdel Inode Owner Mode Size Blocks Time deleted /14 Tue Feb 15 19:13: /5 Tue Feb 15 19:13: deleted inodes found. debugfs: Listing 2. Il riversamento dei dati recuperati su di un file debugfs: dump <24> /home/aqu3l/recovered.000 debugfs: quit # cat /home/aqu3l/recovered.000 all'uid dell'utente e alla dimensione possiamo dedurre quali file appartenevano a noi e quali vogliamo recuperare. Una buona idea è scrivere o stampare i numeri degli inode. Guardiamo da vicino l'esito del comando lsdel (vedere Listing 1). Le colonne nei risultati del comando lsdel si presentano in questo ordine: il numero dell'inode (inode), il proprietario (owner), le opzioni d'accesso (mode), la dimensione in byte (size), il numero di blocchi occupati (blocks), il tempo di cancellazione (time deleted). Come si vede, i file cancellati hanno i numeri degli inode pari a 20 e 24. Cercheremo di recuperare proprio questi dati. Il recupero dei dati Adesso possiamo provare a recuperare l'inode 24 tramite il riversamento (ingl. dump) dei dati su un altro file. Come si vede nel Listing 1, occupa 5 blocchi. È un'informazione abbastanza importante questo metodo non sempre può essere efficace con file che occupano più di 12 blocchi. L'esempio di tale recupero si trova nel Listing 2. Tra le parentesi angolari indichiamo il nome del file o il numero dell'inode. Il secondo parametro è il nome del file di destinazione bisogna indicarlo con il percorso I file system di Linux d'accesso completo, quindi l'abbreviazione ~/ non avrà effetto. Una volta eseguito il comando digitiamo quit ed andiamo a leggere il contenuto del file recuperato. Spesso alla fine del file recuperato possono apparire diversi caratterispazzatura; sono i resti di altri file sovrascritti. Si possono eliminare con l'uso di un qualsiasi editor di testo. Questo metodo è ovviamente efficace soltanto nel caso di file di testo. C'è rimasto da recuperare un file dall'inode 20 (vedere Listing 1). Occupa 14 blocchi e, come abbiamo menzionato, il metodo del trasferimento dei dati da un inode che conta più di 12 blocchi non termina con successo (vedere Riquadro I blocchi e la loro gerarchia in ext2fs). Perciò per recuperare il 20º inode useremo il programma dd. Prima di recuperare il file verifichiamo i dati principali, cioè i numeri dei blocchi e la dimensione del blocco sulla partizione. Per verificare la dimensione del blocco utilizzeremo il comando: # dumpe2fs /dev/hda10 \ grep "Block size" Ext2fs Il file system, il cui principale creatore è Theodore Ts'o. Non ha il journaling. È stato progettato in modo tale che sia possibile recuperare dati da una partizione. È uno dei più popolari (proprio a causa della facilità di recupero) file system di UNIX. Ext3fs In teoria è la versione successiva di ext2. Nonostante non sia stato progettato così bene come il suo predecessore, offre la possibilità del journaling. Uno dei principali difetti è che gli sviluppatori non vi hanno previsto in ext3 la possibilità di recuperare un file cancellato. Questo succede perché il sistema dopo aver segnato il file come cancellato ne libera anche l'inode relativo, in questo modo rendendo impossibile leggere gli inode eliminati. ReiserFS Il file system creato dalla NameSys, più precisamente da Hans Reiser (da qui il nome). Fornisce anche il journaling; è stato sviluppato in base all'algoritmo dell'albero bilanciato (ingl. balanced tree). Maggiori informazioni sulla struttura specifica di reiserfs si trovano sul sito Web degli sviluppatori (vedere Riquadro In Rete). Jfs Jfs (IBM's Journaled File System for Linux) è il file system scritto dalla IBM per la piattaforma Linux. Ha lo scopo di rendere più efficiente la comunicazione con i prodotti IBM. È basato su un principio del journaling, similmente al resto dei sistemi che lo adoperano. Questo significa che i nuovi dati memorizzati vengono posti all'inizio del disco, invece le informazioni nel blocco principale, vengono aggiornate. Xfs Extended filesystem è stato progettato per i computer che hanno la necessità di conservare un grande numero di file in una sola directory e che devono averne un accesso immediato. Progettato principalmente per Irix, ha trovato anche impiego nei supercomputer funzionanti con il sistema GNU/Linux. Una curiosità è il fatto che il sistema è capace di mantenere in una sola directory persino 32 milioni di file. 62

5 Il recupero dei dati I blocchi e la loro gerarchia in ext2fs I blocchi sul disco non sono una sola sequenza attribuita ad un file (inode). In certe parti (dipendenti dal file system, non dall'utente) sono presenti i cosidetti blocchi indiretti, di tre tipi: il blocco indiretto (ingl. indirect block) IND, il blocco doppiamente indiretto (ingl. double indirect block) DIND, il blocco triplamente indiretto (ingl. triple indirect block) TIND. Ogni blocco successivamente numerato dipende dal precedente, però anche ogni successivo può conservare un maggiore numero di blocchi: i numeri dei primi 12 blocchi sono conservati direttamente in un inode (proprio essi sono spesso chiamati blocchi indiretti), un inode contiene il numero di un blocco indiretto; il blocco indiretto contiene i numeri dei successivi 256 blocchi con dati, un inode contiene il numero di un blocco doppiamente indiretto. Il blocco doppiamente indiretto contiene i numeri dei 256 blocchi indiretti supplementari, un inode contiene il numero di un blocco triplamente indiretto; il blocco triplamente indiretto contiene i numeri dei 256 blocchi doppiamente indiretti supplementari. La struttura è presentata nella Fig. 2. Listing 3. La verifica dei blocchi da recuperare # debugfs /dev/hda10 debugfs: stat <20> Inode: 20 Type: regular Mode: 0644 Flags: 0x0 Generation: User: 0 Group: 0 Size: BLOCKS: (0-11): , (IND): 22027, (12):22028 TOTAL: 14 Listing 4. Il recupero dei file tramite la modifica diretta di un inode da recuperare. Quest'operazione, la vediamo nel Listing 3 prestiamo attenzione al fatto che il blocco è un blocco indiretto (IND). Ci interessa la penultima riga, proprio in essa sono indicati i blocchi che appartengono al dato inode. Utilizziamo il programma dd per recuperare i blocchi da 0 (bisogna cominciare sempre da questo numero a contare i blocchi) a 11: # dd bs=4k if=/dev/hda10 \ skip=22015 count=12 \ > ~/recovered.001 # dd bs=4k if=/dev/hda10 \ skip=22028 count=1 \ >> ~/recovered.001 Alcune spiegazioni: bs indica la dimensione del blocco (fornito in kilobyte), che avevamo prima, if indica il file di input (ingl. input file), skip impone al programma di saltare blocchi della dimensione bs data, count indica il numero dei blocchi da aggregare. Il blocco è doppiamente indiretto, ecco perché l'abbiamo omesso ed abbiamo subito aggregato il blocco # debugfs -w /dev/hda10 debugfs: mi <24> Mode [ ] User ID [0] Group ID [0] Deletion time [ ] 0 Link count [0] 1 debugfs: quit # e2fsck -f /dev/hda10 e2fsck 1.35 (28-Feb-2004) Unattached inode 14 Connect to /lost+found<y>? yes In risposta dovremmo ottenere: dumpe2fs 1.35 (28-Feb-2004) Block size: 4096 Proprio quest'ultimo numero (4096) è la dimensione del blocco. Adesso, quando abbiamo già la dimensione del blocco, verifichiamo i blocchi La modifica degli inode Adesso ci occuperemo di un altro modo per recuperare dati della modifica diretta degli inode. Essa consiste nel cambiamento di un inode, in modo tale che il file system tratti rispettivi dati come mai cancellati, e in occasione della prossima verifica del disco sposti il file cancellato nella cartella lost+found su una data partizione. Anche per la modifica utilizzeremo il programma debugfs. L'intera procedura è riportata nel Listing 4. Come si vede, sono state modificate soltanto due stringhe: il tempo di cancellazione (deletion time non è però del tutto vero, perché il sistema non è in grado di determinare la data di cancellazione di un file) e il numero dei collegamenti al file 63

6 (link count). Adesso, dopo avere terminato il lavoro da debugfs, basta eseguire il comando: # e2fsck -f /dev/hda10 Il programma, dopo aver incontrato l'inode modificato, riconoscerà che esso non ha nessun allegato (ingl. unattached) e chiederà se i dati descritti in questo inode sono da allegare alla cartella lost+found. Se ci teniamo al file ovviamente premiamo il tasto y. Però non c'è rosa senza spine avendo dato un'occhiata nella cartella non vedremo i nomi eleganti dei file, ma esclusivamente i nomi degli inode ricostruiti (p.es. 24). Bisogna allora esplorare il file e dal contenuto riconoscere il suo nome originale. Ext3fs Il recupero dati in questo file system è specifico, a volte persino molto impegnativo (vedi anche Riquadro I file system di Linux). In verità non c'è nessun modo di recupero consolidato per questo tipo di partizione. Esistono però metodi non ufficiali per salvare dati. Difesa Figura 2. La struttura dei blocchi nel file system ext2 Listing 5. La ricerca degli inode cancellati in ext3fs # debugfs /dev/hda10 debugfs: lsdel Inode Owner Mode Size Blocks Time deleted 0 deleted inodes found. debugfs: q Listing 6. Il recupero dati dalla partizione ext3 montata come ext2 debugfs: lsdel Inode Owner Mode Size Blocks Time deleted /14 Tue Feb 14 19:20: /5 Tue Feb 15 19:13: deleted inodes found. debugfs: È ext3 o ext2? Ext3 e ext2 sono file system molto simili (ad eccezione del journaling e del modo di cancellare file) utilizziamo allora questo fatto per recuperare i nostri dati. Cercheremo di usare debugfs; questo processo è stato presentato nel Listing 5. Guardiamo il Listing 5. I nostri inode sono stati cancellati dal file system. La via che abbiamo scelto sembra non condurre in nessun luogo. Possiamo però provare un trucco fare in modo che il sistema tratti il file system come ext2. Questa soluzione si suddivide in tre tappe: smontare il file system, montarlo nuovamente, però questa volta come ext2, recuperare i file. Smontiamo allora la partizione: # umount /dev/hda10 64

7 Il recupero dei dati In seguito dobbiamo montarla di nuovo come ext2, per maggior sicurezza in modalità read only: # mount -o ro -t ext2 \ /dev/hda10 /tmp Adesso cerchiamo di lavorare con debugfs nel modo, che abbiamo presentato parlando del sistema ext2. Come trovare gli inode cancellati dalla partizione ext3 è illustrato nel Listing 6. L'inode 20 ha una falsa data di cancellazione. Succede così perché dopo la liberazione dell'inode da ext3, il sistema ext2 può avere dei problemi sulla lettura di dati corretti sui file. Dopo un'attenta analisi dell'intera lista dei file eliminati possiamo iniziare ad occuparci del recupero dei file di cui abbiamo bisogno. Il metodo è lo stesso come nel caso di ext2, però con ext3 si può incontrare qualche problema dopo la modifica diretta dell'inode. In alcuni casi può persino causare l'illeggibilità dell'intera partizione per il sistema. Il lavoro duro rende Il secondo metodo per recuperare dei file da ext2 è molto più difficile, però rende possibile recuperare un numero molto più grande di file di testo cancellati. Anche questo metodo, purtroppo, ha un serio difetto richiede l'esplorazione manuale del contenuto dei dischi, allora il salvataggio dei file binari è molto difficile. Una buona idea è quella di fare prima una copia di backup dell'intero disco. Facciamolo con il comando: $ dd if=/dev/hda10 \ >~/hda10.backup.img In Rete Listing 7. dsksplitter.pl un semplice script per dividere dischi #!/usr/bin/perl if ($ARGV[3] eq "") { print "Usage:\ndsksplitter.pl <dsk_parts> <part_size in Kb> <partition_to_split> <target_dir>"; } else { $parts = $ARGV[0]; $size = $ARGV[1]; $partition = $ARGV[2]; $tardir = $ARGV[3]; for ($i = 1; $i <= $parts; $i++) { system "dd bs=1k if=$partition of=$tardir/dks.$i count=$size skip=$ix$size"; } } Per facilitarci un po' il lavoro, possiamo suddividere la nostra partizione in parti più piccole. Se la partizione ha la capacità di 1 GB, sarà prudente dividerla in 10 parti da 100 MB. Un semplice script destinato a questo scopo è stato presentato nel Listing 7 il disco lo possiamo suddividere con il comando: $ dsksplitter.pl \ /dev/hda10 ~/dsk.split Utilizziamo ora il comando di sistema grep per trovare le sequenze di caratteri che ci interessano (per questa attività possiamo ovviamente usare il comando strings): $ grep -n -a -1 \ "int main" ~/dsk.split/* la pagina del pacchetto e2fsprogs, la homepage di ext2fs, la homepage degli sviluppatori di ReiserFS, il sito del file system jfs, la pagina del progetto xfs, il pacchetto unrm. Il parametro -n ci indicherà il numero della linea del file in cui si trova la sequenza. Il parametro -a impone di trattare i file binari come i file di testo, invece -1 visualizzerà una linea prima ed una linea dopo la sequenza trovata. Ovviamente possiamo cambiare la sequenza int main in una qualsiasi. Ecco i risultati ottenuti: ~/dsk.split/dsk.1:40210: #include <sys/socket.h> ~/dsk.split/dsk.1:40211: int main (int argc, char *argv[]) ~/dsk.split/dsk.1:40212: { Ext3 registra i nuovi file all'inizio del disco, possiamo allora supporre che la linea da noi trovata è proprio quella che cerchiamo. Proviamo, allora, ancora una volta, a dividere il file in parti più piccole e lì cercare i dati: $ mkdir ~/dsk1.split $ dsksplitter.pl \ ~/dsk.split/dsk.1 ~/dsk1.split Eseguiamo adesso il comando grep sul file dsk.1 diviso: $ grep -n -a -1 \ "int main" ~/dsk1.split/* Otterremo: ~/dsk1.split/dsk.3:143: #include <sys/socket.h> ~/dsk1.split/dsk.3:144: int main (int argc, char *argv[]) ~/dsk1.split/dsk.3:145: { Adesso abbiamo il file con il programma cancellato dall'intruso. In verità il file, in cui l'abbiamo trovato è di 10 MB, però, ad ogni modo, 65

8 Difesa è una prospettiva molto migliore che dover esplorare 1 GB di dati. Se però questa precisione non ci soddisfa, possiamo tentare di dividere il file di frammento di disco esaminato in parti ancora più piccole. Se la dimensione del file verrà diminuita abbastanza, non ci rimane che avviare un editor di testo ed occuparci della penosa eliminazione delle righe superflue. Questa tecnica è impegnativa, però efficace. È stata sottoposta ad un test con alcune distribuzioni di Linux, però non possiamo garantire che il metodo funzionerà su tutti i sistemi Linux. Il recupero in ReiserFS Per recuperare i file ci serviremo dei programmi standard di Linux. Cominciamo da dd lo useremo per creare l'immagine della partizione. È indispensabile, perché le azioni che eseguiremo potrebbero causare dei danni irreversibili. Eseguiamo allora il comando: $ dd bs=4k if=/dev/hda10 \ conv=noerror \ > ~/recovery/hda10.img dove /dev/hda10 è la partizione da recuperare, e bs (block size) lo abbiamo determinato con il comando: $ echo "Yes" reiserfstune \ -f /dev/hda10 grep "Blocksize" Il parametro conv=noerror causerà la conversione al file senza trasmettere errori, vuol dire che, anche se il programma incontrerà errori sul disco, continuerà a convertire dati al file. Dopo aver immesso il comando saremo costretti ad aspettare un determinato lasso di tempo, dipendente dalla dimensione della partizione. Adesso bisogna spostare il contenuto della nostra immagine della partizione sul dispositivo di loopback loop0, assicurandoci prima che sia libero: # losetup -d /dev/loop0 # losetup /dev/loop0 \ /home/aqu3l/recovery/hda10.img In seguito bisogna ricostruire l'albero l'intera partizione verrà verificata, invece qualsiasi resto dopo gli inode verrà aggiustato e ripristinato. Per fare ciò useremo il comando: # reiserfsck rebuild-tree -S \ -l /home/aqu3l/recovery/log /dev/loop0 Il parametro supplementare -S farà sì che venga verificato l'intero disco, e non soltanto la sua parte occupata. Il parametro -l con il parametro /home/user/recovery/log registra un file di log nella directory indicata. Adesso creiamo la directory per la nostra partizione e la montiamo: # mkdir /mnt/recover; \ mount /dev/loop0 /mnt/recover I file recuperati si possono trovare in uno dei seguenti tre luoghi. Il primo è la directory originale del file (trattiamo /mnt/recover/ come root directory). Il secondo è la directory lost+found nella nostra directory temporale principale (/mnt/recover). Il terzo è semplicemente la directory principale della partizione. Il file cercato quasi per certo si troverà in una di tre luoghi elencati. Se non lo troviamo lì, due possono essere le spiegazioni: o era il primo file sulla partizione ed è stato sovrascritto, oppure è stato erroneamente spostato in un'altra directory. Nel primo caso dovremo rinunciare ai nostri dati, invece nel secondo possiamo trovarlo in un altro luogo, utilizzando lo strumento find: $ find /mnt/recover \ -name nostri_dati Il recupero di un file recentemente modificato Concentriamoci adesso sul recupero di un solo file, recentemente modificato. Questo metodo si può adattare anche per i file più vecchi, però tale recupero dovrà essere basato su faticosi calcoli uniti ad un'ottima conoscenza del proprio file system e non ultimo ad una buona dose di fortuna. Come si vede nella Fig. 1, nei file system con journaling i nuovi file vengono registrati all'inizio stesso del disco. In teoria il nostro file si trova subito dietro al cosiddetto blocco principale (ingl. root block), ossia il blocco del disco che determina il luogo da dove cominciano i dati. Per localizzare il nostro root block bisogna eseguire il comando: # debugreiserfs /dev/hda10 \ grep "Root block" Otterremo qualcosa simile a: debugreiserfs (2003 Root block: 8221 Come è facile indovinare, 8221 è il numero del nostro blocco principale. Dobbiamo anche, almeno approssimativamente, stabilire la dimensione del nostro file diciamo che esso aveva 10 kb, quindi il triplo della dimensione dei blocchi dovrebbe essere sufficiente. A questo punto possiamo allora eseguire il comando: # dd bs=4k if=/dev/hda10 \ skip=8221 count=3 \ > ~/recovered.003 Dopo il recupero dei dati bisogna verificare la loro concordanza con il file cercato: # cat ~/recovered.003 Come nel caso di ext2fs alla fine del file possiamo incontrare spazzatura di ogni genere con facilità l'elimineremo. Facilitarsi la vita Esistono dei programmi, che automatizzano i modi presentati di recupero dati. Il maggior numero degli strumenti di questo tipo funziona con il file system ext2. Raccomandabile è il pacchetto unrm e la libreria e2undel scritta da Olivier Diedrich, funzionante con il pacchetto e2fsprogs. Ovviamente non dovremo sempre aspettarci di riuscire a recuperare il 100 per cento dei file cancellati (a volte è possibile) se riusciremo a salvare circa l'80 per cento di un file di grandi dimensioni, potremo considerarlo un successo. 66

Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4)

Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4) Gli Extended file system di Linux (Ext2/Ext3/Ext4) Gli extended file systems sono i file system di default di Linux Ext3, Ext4 sono le versioni migliorate di Ext2 (dimensioni file, prestazioni...) e ne

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

fare hard link fra file system diversi e su directory.

fare hard link fra file system diversi e su directory. Un sistema GNU/Linux, come ogni Unix, ha una directory principale, chiamata root ed indicata con / sotto la quale si trovano TUTTE le altre directory e TUTTI gli altri filesystems eventualmente montati

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso Base 2014 Lezione 3 15/04/2014 1 / 21 Obiettivi di questo incontro Conoscere cosa

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

Installare GNU/Linux

Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Linux non è più difficile da installare ed usare di qualunque altro sistema operativo Una buona percentuale di utenti medi si troverebbe in difficoltà ad installare

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Lezione T11 Virtual File System

Lezione T11 Virtual File System Lezione T11 Virtual File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5)

RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5) RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5) Nel precedente articolo sono state introdotte le diverse tipologie di RAID ed i concetti di parità per la gestione della ridondanza. Di

Dettagli

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti I.S. Sobrero Dipartimento di Informatica Utilizzo install.linux@home 1 La shell La shell di Linux è a linea di comando. Appare obsoleta e difficile da usare, ma in realtà è molto più potente e versatile

Dettagli

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Introduzione alla Shell di UNIX Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Composizione di un sistema informativo: Hardware (CPU, periferiche,

Dettagli

Raid1-mini-Howto. Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003

Raid1-mini-Howto. Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003 Raid1-mini-Howto Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003 1 Introduzione Scopo di questo documento è la descrizione sommaria dell installazione di un sistema raid1 (mirroring)

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 8. Cos'è la shell Le variabili d'ambiente L'uso della shell per la realizzazione di semplici script

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 8. Cos'è la shell Le variabili d'ambiente L'uso della shell per la realizzazione di semplici script Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 8 Cos'è la shell Le variabili d'ambiente L'uso della shell per la realizzazione di semplici script I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

DOS-Gestione delle Directory e comandi

DOS-Gestione delle Directory e comandi DOS-Gestione delle Directory e comandi In ambiente MS-DOS è doveroso saper gestire file e cartelle in modo rapido. Vediamo ora come sono organizzati i file. Un file è un qualsiasi insieme di informazioni

Dettagli

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Installazione di Ubuntu 10.04 Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Operazioni preliminari Backup di tutti i dati dalla partizione Windows Deframmentazione di tutte le partizioni Windows (n volte...) Abilitare

Dettagli

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui Filesystem Il file system è organizzato in blocchi logici contigui dimensione fissa di 1024, 2048 o 4096 byte indipendente dalla dimensione del blocco fisico (generalmente 512 byte) Un blocco speciale,

Dettagli

Samsung Auto Backup FAQ

Samsung Auto Backup FAQ Samsung Auto Backup FAQ Installazione D: Ho effettuato il collegamento con l Hard Disk esterno Samsung ma non è successo nulla. R: Controllare il collegamento cavo USB. Se l Hard Disk esterno Samsung è

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

L hard disk. L amministrazione dei dischi puo essere riassunta nelle seguenti operazioni di base: La formattazione. Il partizionamento

L hard disk. L amministrazione dei dischi puo essere riassunta nelle seguenti operazioni di base: La formattazione. Il partizionamento L hard disk L amministrazione dei dischi puo essere riassunta nelle seguenti operazioni di base: La formattazione Il partizionamento La creazione del filesystem Il mount L hard disk Le superfici sono divise

Dettagli

DUAL BOOT WINDOWS-LINUX.

DUAL BOOT WINDOWS-LINUX. DUAL BOOT WINDOWS-LINUX. Realizzato da Jona Lelmi Nickname PyLinx Iniziato il giorno 5 Luglio 2010 - terminato il giorno 8 Luglio 2010 email autore: jona.jona@ymail.com Canale Youtube http://www.youtube.com/user/pylinx

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...)

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161

Dettagli

MYSQL. Avviare MySQL Per avviare il server MySQL basta lanciare il Servizio Mysql presente (aggiunto) tra i servizi di sistema.

MYSQL. Avviare MySQL Per avviare il server MySQL basta lanciare il Servizio Mysql presente (aggiunto) tra i servizi di sistema. Documento creato da Andrea www.ceccherini.net Per informazioni : andrea@ceccherini.net MYSQL MySQL è un database piuttosto popolare, reso ancor più interessante da almeno due fattori: primo, la sua gratuità;

Dettagli

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1 File e Directory M. Guarracino - File e Directory 1 Date dei file Ogni volta che accediamo ai dati contenuti in un file, il sistema memorizza la data di ultimo accesso La stessa cosa accade quando modifichiamo

Dettagli

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Pagina 1 di 11 Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Questo approfondimento vuole introdurre gli strumenti essenziali per il recupero di un sistema Linux

Dettagli

1225 Capitolo 23 Cancellazione, recupero e copie di sicurezza « 23.1 Recupero dei dati cancellati... 1226

1225 Capitolo 23 Cancellazione, recupero e copie di sicurezza « 23.1 Recupero dei dati cancellati... 1226 1225 Capitolo 23 Cancellazione, recupero e copie di sicurezza 23.1 Recupero dei dati cancellati.............................................. 1226 23.1.1 Utilizzo generale di debugfs».....................................

Dettagli

Configurare e attivare NFS4 con Fedora 17 e superiori

Configurare e attivare NFS4 con Fedora 17 e superiori Premessa: Questa guida nasce con lo scopo di chiarire l'uso e la configurazione del servizio di condivisione di rete NFS4 (non NFS3 o inferiori), osservando che sulla questione in oggetto la documentazione

Dettagli

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX Aggiornato al 11 gennaio 2006 Ermes ZANNONI (ermes@zannoni.to.it) (http://www.zannoni.to.it) Indice : 1. Introduzione 2. La Shell 2.1 Comandida Shell 2.1.1 File e directory

Dettagli

Struttura del Micro Filesystem (µfs)

Struttura del Micro Filesystem (µfs) Struttura del Micro Filesystem (µfs) Il Micro Filesystem deve essere organizzato all'interno di un unico file regolare Linux (dev_ufs) ed può basato sul filesystem FAT-32 con la gestione dei permessi in

Dettagli

Corso UNIX avanzato. Utente avanzato. Amministratore. Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file

Corso UNIX avanzato. Utente avanzato. Amministratore. Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file Corso UNIX avanzato Corso UNIX avanzato Utente avanzato Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file Amministratore Gestione utenti Aggiunta rimozione hardware Backup

Dettagli

Educazione didattica per la E-Navigation

Educazione didattica per la E-Navigation Educazione didattica per la E-Navigation Guida utente per l utilizzo della piattaforma WIKI Rev. 3.0 23 febbraio 2012 Guida EDEN rev. 3.0 P. 1 di 24 23/02/2012 Indice Come registrarsi... 3 Utilizzo della

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell Il sistema operativo UNIX/Linux Gli script di shell Introduzione Le shell permettono La gestione di comandi su linea di comando La shell comprende automaticamente quando il costrutto termina e lo esegue

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell 1 GNU/Linux è un sistema operativo, cioè un insieme di programmi che collaborano fra di loro rendendo utilizzabile un calcolatore, infatti senza

Dettagli

Open Source e Computer Forensics Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti

Open Source e Computer Forensics Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti Open Source e Computer Forensics Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti Paolo Giardini Direttore OPSI Osservatorio Privacy e Sicurezza Informatica

Dettagli

Modulo 6 Proviamo Wordpress gratuitamente

Modulo 6 Proviamo Wordpress gratuitamente Copyright Andrea Giavara wppratico.com Modulo 6 Proviamo Wordpress gratuitamente 1. Wordpress.com una piattaforma gratuita per il blogging 2. Installare Wordpress in locale 3. Creare un sito gratis con

Dettagli

Esempi di domande della seconda provetta

Esempi di domande della seconda provetta Esempi di domande della seconda provetta Data la seguente stringa di riferimenti a pagine virtuali: S = 1, 7, 5, 1, 2, 1, 7, 1, 5, 7, 2, 1, 5 valutare la percentuale di Page Fault se il rimpiazzamento

Dettagli

Manca un programma importante

Manca un programma importante Manca un programma importante Finalmente, dopo tutte le volte che si è notato che un programma che vorremmo usare manca, impareremo ad installare nuovi pacchetti in modo molto semplice. Si è già detto

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

File system II. Sistemi Operativi Lez. 20

File system II. Sistemi Operativi Lez. 20 File system II Sistemi Operativi Lez. 20 Gestione spazi su disco Esiste un trade-off,tra spreco dello spazio e velocità di trasferimento in base alla dimensione del blocco fisico Gestione spazio su disco

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due:

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: Pagina 1 di 6 Strumenti di produzione Strumenti Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: 1. Netscape Composer, gratuito e scaricabile da netscape.org assieme al browser

Dettagli

E' sempre valido il comando che si usa anche con Outlook Express e con Windows Mail: shift più control più V.

E' sempre valido il comando che si usa anche con Outlook Express e con Windows Mail: shift più control più V. Microsoft Outlook 2007. Di Nunziante Esposito. `*************` Decima ed ultima parte: Varie. `***********` Dopo aver impostato al meglio le opzioni ed il layout di questo browser, e dopo le indicazioni

Dettagli

#GNU/Linux for NaLUG member

#GNU/Linux for NaLUG member #GNU/Linux for NaLUG member Sistemistica di base per hardcore associate members - Brainstorming #2 - Filesystem Init daemons && runlevel Terminale (operazioni su files e cotillons) Filesystem (in teoria)

Dettagli

Le parti della struttura che ci interessano, ai fini del problema che stiamo analizzando, sono il Volume Shadow Copy Service e il Volume Snapshot.

Le parti della struttura che ci interessano, ai fini del problema che stiamo analizzando, sono il Volume Shadow Copy Service e il Volume Snapshot. 2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati. Da PierGiorgio Malusardi (MCSE MCSA MCT) - IT Pro Evangelist Microsoft Italia Uno dei principali motivi di richiesta d aiuto al supporto IT delle

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

SMOOTHWALL EXPRESS Traduzione in Italiano TRADUZIONE DA INGLESE A ITALIANO DELLA GUIDA DI INSTALLAZIONE DI SMOOTHWALL EXPRESS 2.0.

SMOOTHWALL EXPRESS Traduzione in Italiano TRADUZIONE DA INGLESE A ITALIANO DELLA GUIDA DI INSTALLAZIONE DI SMOOTHWALL EXPRESS 2.0. TRADUZIONE DA INGLESE A ITALIANO DELLA GUIDA DI INSTALLAZIONE DI SMOOTHWALL EXPRESS 2.0 by kjamrio9 Il prodotto è sotto licenza GPL (Gnu Public License) e Open Source Software, per semplicità non riporto

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2009-2010 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Come recuperare file da un hard disk danneggiato

Come recuperare file da un hard disk danneggiato Luca Zamboni Come recuperare file da un hard disk danneggiato Per tutti i sistemi operativi, particolarmente Windows Luca Zamboni 01/11/2009 Sommario Introduzione... 3 Backup rapido con LiveCD... 4 Ottenere

Dettagli

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg SHELL GNU/Linux Bash Obiettivi : Gestire i permessi sui file Conoscere e configurare il proprio ambiente bash Editare testi Capire ed utilizzare i redirezionamenti Kernel speaks: dmesg Init e Runlevels

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux Update 5 Manuale d'installazione Sommario 1 Prima dell'installazione... 3 1.1 Componenti di Acronis Backup & Recovery 10... 3 1.1.1 Agente per Linux... 3 1.1.2

Dettagli

Come installare Ubuntu Linux

Come installare Ubuntu Linux Come installare Ubuntu Linux Come procurarsi Ubuntu Acquistando riviste del settore: www.linuxpro.it - www.linux-magazine.it - www.oltrelinux.com Chiedere a un amico di masterizzarcene una copia Richiederlo

Dettagli

Il File System. Il file system

Il File System. Il file system Il File System Il file system Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

Usare Python in Linux

Usare Python in Linux Università di Bologna 24 febbraio 2012 Outline 1 2 Outline 1 2 Cos è? Un sistema operativo Open Source; uno dei sistemi operativi dominanti in ambito server, ma utilizzabile su desktop, notebook, netbook,...

Dettagli

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Ottava parte: I link, seconda parte. `**********` I link, seconda parte.

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Ottava parte: I link, seconda parte. `**********` I link, seconda parte. Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Ottava parte: I link, seconda parte. `**********` I link, seconda parte. Continuiamo la parte che completerà la trattazione dei link, andando ad operare direttamente

Dettagli

Corso Linux per Principianti

Corso Linux per Principianti Corso Linux per Principianti In questa lezione vedremo come installare l'ultima versione di Ubuntu al momento disponibile, la 8.04, nome in codice Hardy Heron. Oltre ad essere l'ultima versione scaricabile

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

THE CORONER S TOOLKIT

THE CORONER S TOOLKIT Sistemi di Elaborazione dell informazione Sicurezza su Reti A.A. 2003/2004 Indice THE CORONER S TOOLKIT Introduzione Casi d uso Installazione La suite di TCT Ciampi Giovanni Lotti Emanuele 2 Introduzione:

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Controllo di processi

Controllo di processi Controllo di processi Ogni processo del sistema ha un PID (Process Identity Number). Ogni processo può generare nuovi processi (figli). La radice della gerarchia di processi è il processo init con PID=1.

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Funzioni. Il modello console. Interfaccia in modalità console

Funzioni. Il modello console. Interfaccia in modalità console Funzioni Interfaccia con il sistema operativo Argomenti sulla linea di comando Parametri argc e argv Valore di ritorno del programma La funzione exit Esercizio Calcolatrice 2, presente in tutti i programmi

Dettagli

Guida alla gestione degli hard disk fisici con winhex

Guida alla gestione degli hard disk fisici con winhex Guida alla gestione degli hard disk fisici con winhex Come utilizzare winhex per la gestione degli hdd fisici,senza partizioni o con file system non riconosciuti da windows. Come già molti di voi sapranno

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Guida - Riparare Windows XP

Guida - Riparare Windows XP Guida - Riparare Windows XP Guida completa per riparare XP anche in casi..disperati. Prima di formattare il vs. disco è bene prendere visione di questa guida. Premesse Spesso Windows XP riesce "da solo"

Dettagli

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ E necessario chiarire inizialmente alcuni concetti. La compilazione Il dispositivo del computer addetto all esecuzione dei programmi è la CPU La CPU

Dettagli

Rsync su GNU/Linux e su Windows? (Backup sincronizzato su disco di rete e/o RAID1 su server FreeNAS)

Rsync su GNU/Linux e su Windows? (Backup sincronizzato su disco di rete e/o RAID1 su server FreeNAS) Rsync su GNU/Linux e su Windows? (Backup sincronizzato su disco di rete e/o RAID1 su server FreeNAS) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 Gennaio 2011 rsync è un software per Unix

Dettagli

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Parte 3 Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Interfaccia utente Gestore dell I/O Gestore del File System Gestore dei Processi Gestore della Memoria Centrale *KERNEL Informatica

Dettagli

Al prompt inserire il seguente comando per installare le applicazioni server di SAMBA:

Al prompt inserire il seguente comando per installare le applicazioni server di SAMBA: Server Samba Reti Windows Sommario Introduzione Installare SAMBA Configurare SAMBA Server Client Spesso le reti di computer sono costituite da sistemi eterogenei e, sebbene gestire una rete composta interamente

Dettagli

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Soluzioni dell esercitazione n. 2 a cura di Giacomo Costantini 19 marzo 2014

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

Struttura del sistema operativo GNU/Linux

Struttura del sistema operativo GNU/Linux Struttura del sistema operativo GNU/Linux http://www.glugto.org/ Cos'è un filesystem Cosa vuol dire FHS Composizione albero di directory Concetto di Mount Utente root Permessi su files e directory GNU/Linux

Dettagli

Il software del PC. Il BIOS

Il software del PC. Il BIOS Il software del PC La parola software è un neologismo che è stato coniato in contrapposizione all hardware (ferraglia). L hardware si può prendere a calci, contro il software si può solo imprecare. Il

Dettagli

Convertitori numerici in Excel

Convertitori numerici in Excel ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA Convertitori numerici in Excel Prof. G. Ciaschetti Come attività di laboratorio, vogliamo realizzare dei convertitori numerici con Microsoft Excel

Dettagli

Dos: Guida ai comandi Dos

Dos: Guida ai comandi Dos Dos: Guida ai comandi Dos Nonostante oramai sembri vecchio e superato da tutti questi nuovi e potenti sistemi operativi, il buon vecchio Dos ancora oggi puo' risultare utile per tirare fuori le castagne

Dettagli

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il software L hardware non è direttamente utilizzabile Sono necessari dei programmi per far svolgere delle funzioni all insieme di circuiti Informatica 97 Il

Dettagli

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Daniele Pighin pighin@fbk.eu FBK Via Sommarive, 18 I-38050 Trento, Italy March 5, 2008 Outline 1 Sistema operativo e

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output:

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output: CAPITOLO 5 LA SHELL BASH Pietro Buffa Con questo capitolo comincia il nostro viaggio nel mondo delle Command Line Interface (CLI), ovvero le interfacce testuali a linea di comando tipiche dei sistemi UNIX

Dettagli

Utenti e File System

Utenti e File System Utenti e File System C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Gestione degli utenti Unix è un sistema multiutente ovvero più utenti possono lavorare su di una stessa macchina, anche contemporaneamente. Tutti gli utenti

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Guida per il PGP. Scritto da Spy. Indice:

Guida per il PGP. Scritto da Spy. Indice: Indice: Introduzione Le chiavi Chiave pubblica Chiave privata Verifica del messaggio e del mittente "Finger print" Installazione Gestione chiavi Come creare le chiavi Come estrarre una chiave Come esaminare

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

jt - joetex - percorsi didattici

jt - joetex - percorsi didattici jt - joetex - percorsi didattici Primi passi con linux Avvio della macchina Spegnere (o riavviare) il Computer Installare su HD il programma Linux EduKnoppix a. Avvio della macchina Una volta spento il

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

PC Crash Course: OBIETTIVI

PC Crash Course: OBIETTIVI PC Crash Course: OBIETTIVI 1. PC: uno strumento 2. Microsoft Windows XP: alcuni concetti chiave della interfaccia grafica 3. File System: file, direttori, link, 4. Il prompt dei comandi 5. Un occhiata

Dettagli

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount:

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount: Capitolo 16. NFS (Network File System) L'NFS permette di condividere file tra computer in rete come se fossero sul disco fisso locale del client. Red Hat Linux può essere sia un server che un client NFS,

Dettagli

Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) Miniguida n. 177 Ver. 1.0 Novembre 2012

Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) Miniguida n. 177 Ver. 1.0 Novembre 2012 SliTaz la distribuzione GNU/Linux da 32 MB che resuscita i PC morti (non è un errore di battitura, il CD-live è proprio di 32 MB) (the smallest desktop distro on the earth) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it)

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli