Il settore turistico in Italia: una ripresa troppo lenta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il settore turistico in Italia: una ripresa troppo lenta"

Transcript

1 Il settore turistico in Italia: una ripresa troppo lenta Servizio Studi e Ricerche

2 Il settore turistico in Italia: una ripresa troppo lenta Abstract 3 Executive Summary 4 1. Introduzione: la rilevanza economica dell industria turistica 8 2. La domanda turistica in Italia Presenze, arrivi e permanenza media nell ultimo decennio: effetto crisi? Focus sui turisti stranieri: i cali 29 delle presenze non sono stati generalizzati Le presenze turistiche per tipologia di esercizio ricettivo Le presenze di turisti nelle regioni italiane dati preliminari per il biennio Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Industry and Banking A cura di: Ilaria Sangalli BOX A: il turismo lacuale in Italia Il problema della stagionalità delle presenze L offerta turistica in Italia nel 21: focus sul settore alberghiero Il posizionamento internazionale nazionale La composizione dell offerta alberghiera nazionale L offerta turistica secondo il dettaglio regionale L occupazione del d settore alberghiero nel 21 4 Hanno collaborato: Cristina De Michele Giovanni Foresti Database management Angelo Palumbo 5. Le performance reddituali e di crescita del settore alberghiero L impatto della crisi Strategie aziendali vincenti, quali evidenze dai bilanci Risultati preliminari dai bilanci Focus: il comparto termale Peso e composizione c dell offerta termale La domanda di prodotti termali Performance e prospettive di rilancio del comparto: : intervista agli imprenditori del distretto Terme Euganee 9 7. Conclusioni 93 BOX B: Le infrastrutture per il trasporto in Italia 97 Appendice 97

3

4 Abstract Il 211 si sta dimostrando un anno caratterizzato da un buon dinamismo per il settore turistico. Il trend positivo si riscontra nei primi dati di fonte Banca d Italia sulla spesa turistica e sui pernottamenti dei viaggiatori stranieri in Italia per motivi di vacanza, oltre che nelle indagini disponibili fino al periodo estivo. La crisi del 29 è stata tuttavia pesante e i miglioramenti del insufficienti. I dati di bilancio sul 21 analizzati nel rapporto, i primi ad essere pubblicati, mostrano che si è recuperato poco o nulla dopo i crolli del 29, sia sul fronte del fatturato che della redditività. Gli ulteriori miglioramenti attesi nei conti delle aziende, impliciti nei dati sui viaggiatori stranieri nel 211, non modificano lo scenario di fondo. Nel complesso, i risultati contabili 21, che derivano dall analisi di un campione di circa 2. imprese alberghiere, sono caratterizzati da una moderata crescita del fatturato (2% in termini mediani) e da margini e redditività che continuano a permanere su livelli depressi. La ripresa in termini di EBITDA/fatturato è stata inferiore al mezzo punto percentuale, per un livello mediano pari al 5,6%. Sull effetto di compressione di margini e redditività ha inciso anche una struttura dei costi rigida, con un elevato costo del lavoro ed elevati ammortamenti per immobilizzazioni materiali. Il rapporto si sofferma in particolare su quattro nodi: vi è una urgente necessità di ingenti interventi di riqualificazione delle strutture fisiche, che sono peraltro in corso tra le imprese più competitive, le cui strategie sono analizzate; occorre anche un upgrade qualitativo del personale, che mostra livelli di scolarità molto inferiori a quelli dei competitor stranieri; vi è la necessità non solo di un rilancio complessivo ma di una particolare valorizzazione per le nicchie ad elevato valore aggiunto, come può essere il turismo termale e lacuale, sui quali si fanno due focus; occorre altresì trovare politiche ad hoc a livello locale, perché i territori hanno problematiche diverse. Il rapporto al riguardo fornisce livelli di dettaglio per analizzare la posizione delle singole regioni italiane di fronte al fenomeno turistico, raggiungendo talvolta il taglio distrettuale. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 3

5 Executive Summary Il turismo rappresenta un settore centrale per la crescita economica del Paese, con un impatto diretto sul PIL del 3,1%, che sale all 8,4% se si considera anche l indotto. La rilevanza del settore turistico è osservabile anche in termini di occupazione. La percentuale di incidenza sulla base occupazione nazionale è pari al 3,6% in termini di impatto diretto - del turismo in senso stretto - e al 9,4% in termini di impatto totale (ovvero se si somma, ancora una volta, l impatto derivante dall indotto turistico). Il confronto internazionale pone il sistema turistico italiano ai primi posti in termini di arrivi alle frontiere. Con 43,6 milioni di arrivi 21, l Italia si è posizionata al quinto posto nel ranking mondiale e al terzo nel ranking europeo, dietro Francia e Spagna. La perdita di una posizione che emerge dal confronto con la situazione degli anni Novanta si deve alla scalata della Cina, che sta sperimentando tassi di crescita sostenuti dal punto di vista del fenomeno turistico. Il colosso cinese è, infatti, andato a chiudere l anno 21 al terzo posto assoluto, alle spalle di Francia e Stati Uniti. Dal punto di vista della spesa turistica, con 27,1 miliardi di dollari l Italia si colloca all ottavo posto della classifica internazionale 21, lontana dai 77,7 miliardi di dollari della capolista tedesca. La domanda: confronto internazionale, impatto della crisi 29 e primi dati di sintesi per il biennio L analisi in serie storica del fenomeno di domanda turistica mette in risalto come dagli anni Novanta a oggi si sia verificato un incremento tendenziale del numero degli arrivi di turisti e dei pernottamenti effettuati negli esercizi ricettivi nazionali. Si evidenzia, in particolare, come più della metà del flusso nazionale sia riconducibile al turismo interno al Paese e transiti attraverso le strutture alberghiere, con una predilezione dei turisti italiani per le località marine e dei viaggiatori stranieri (a maggioranza tedesca) per le città d arte. In alcuni comparti, come quello termale, l incidenza delle presenze alberghiere è prossima al 9%. Alla crescita strutturale di presenze e arrivi nell ultimo decennio, si contrappone tuttavia un trend di progressivo ridimensionamento che ha avuto inizio nel 28 ed è culminato nel picco recessivo del 29. Il fenomeno di contrazione dei pernottamenti è risultato particolarmente accentuato, nell anno di crisi 29, per la clientela straniera (-2,4% sull anno di punta delle presenze il 27 per un complessivo di pernottamenti 29 pari a 159,5 milioni). Si tratta, nello specifico, della fascia di clientela più sensibile alle evoluzioni congiunturali. Solo il crollo più contenuto in corrispondenza delle presenze interne al Paese ha consentito al totale nazionale di chiudere il 29 a quota 371 milioni di pernottamenti. I cali 29 delle presenze straniere non sono stati però generalizzati: ben nove paesi sui primi venti di provenienza del turismo straniero in Italia hanno, infatti, sperimentato una crescita rispetto alle performance pre-crisi (in primis Germania e Paesi Bassi, che al 29 si inquadravano come le due mete primarie di provenienza dei turisti di matrice estera). Le difficoltà congiunturali degli ultimi anni sono andate a sommarsi alle modifiche intervenute in capo allo stile di vita e all andamento dei consumi, che hanno condotto sempre di più verso soggiorni brevi e magari ricorrenti durante l anno. Ciò ha determinato cambiamenti in termini di permanenza media dei turisti presso le strutture nazionali. Si è osservato, in particolare, un tracollo maggiore della permanenza media dei turisti nazionali, che è andata, di fatto, ad allinearsi nel 29 alle 3,9 notti medie della clientela proveniente dall estero. I primi dati di sintesi disponibili per il 21 mettono in evidenza una ripresa sottotono delle presenze turistiche complessive, decisamente al di sotto delle aspettative che si erano venute a creare dopo le criticità riscontrate nel 29. La variazione tendenziale calcolata sul già difficile anno recessivo è stata, difatti, ancora lievemente negativa (-,7%), per un complessivo di 368,2 milioni di pernottamenti. Tale risultato è tuttavia il saldo di due tendenze contrapposte. La dinamica della componente estera (in crescita del 2,4% sul 29, per 163,3 milioni di presenze) Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 4

6 è stata smorzata da un calo delle presenze domestiche la componente preponderante pari al 3,1% (24,7 milioni). Il 211 si sta dimostrando invece un anno caratterizzato da maggiore dinamismo del settore turistico italiano. I dati di fonte Banca d Italia evidenziano un trend positivo della spesa turistica e dei pernottamenti dei viaggiatori stranieri che si sono recati in Italia per motivi di vacanza (in crescita tendenziale del 7,3% e del 4,7% rispettivamente nel primo semestre dell anno). Le indagini disponibili fino al periodo estivo e i rapporti ISNART-Unioncamere confermano di fatto un andamento positivo anche per il turismo interno al Paese e mettono in risalto le performance più brillanti di alcuni segmenti di prodotto: il bacino lacustre e le città d arte beneficiano in particolare del turismo di matrice straniera, mentre il comparto montano di quello domestico. L attenzione è inoltre puntata sempre di più verso forme di turismo di nicchia, per ovviare al problema di stagionalità delle presenze turistiche. L offerta ricettiva turistica italiana consta al 21 di circa 15 mila unità per 4,6 milioni di posti letto. Il 48,4% dei posti letto nazionali (2,2 milioni) sono riconducibili alla ricettività alberghiera. Si tratta, nello specifico, dell offerta alberghiera più ampia a livello europeo proprio in termini di posti letto e della terza in termini di strutture, alle spalle dell industria turistica inglese e tedesca. Sono le strutture a stellaggio intermedio a risultare preponderanti: gli hotel tre e quattro stelle incidono per il 43,1% e il 31,3% sull aggregato dei posti letto nazionali. I posti letto nelle strutture a cinque stelle (che pesano il 2,7% a livello nazionale) aumentano di incidenza in corrispondenza delle città d arte e delle località termali. L offerta turistica nel 21: focus sul settore alberghiero Nel tempo si è osservato un fenomeno di riposizionamento verso l alto dell offerta alberghiera in termini qualitativi. Il saldo di circa 28 mila posti, che deriva dal confronto con la situazione dei posti letto nel 23, è infatti il risultato di una contrazione in corrispondenza dei posti letto delle categorie a basso stellaggio e di una contestuale crescita delle unità letto nelle strutture a stellaggio medio-alto. Il confronto con alcuni paesi europei a forte vocazione turistica mette tuttavia in luce, per il caso italiano, dei limiti legati alla dimensione contenuta delle strutture alberghiere (la media nazionale è di 32 camere per albergo, al 29). Il ritmo moderato di crescita della dotazione alberghiera italiana, che si contrappone al maggiore dinamismo di altre realtà europee, fa inoltre emergere come nel tempo sia cresciuta la competizione sul mercato. All offerta ricettiva turistica così delineata va ad associarsi un impiego complessivo di 229 mila addetti, sulla base dei dati Labour Force Survey Eurostat 21. Il peso dell occupazione temporanea (4,2%) nonostante la preponderanza dei contratti full time - cela implicitamente una stagionalità elevata dell attività turistica in Italia. Ciò pone il Paese a debita distanza dalle altre realtà a matrice turistica: la Spagna, ovvero il paese più direttamente paragonabile all Italia, registra una percentuale di incidenza dell occupazione temporanea pari al 31% circa. Anche in termini di grado di scolarizzazione emergono delle serie differenze con i principali partner europei. Scarsa presenza di personale laureato e contestuale incidenza degli addetti con bassa scolarizzazione. Una certa polarizzazione dei risultati si osserva anche dal punto di vista dell età media del personale impiegato nel settore turistico italiano: da non trascurare, infatti, la percentuale di incidenza della fascia dei lavoratori over 55 e la scarsa incidenza dell occupazione giovanile. Scendendo nel dettaglio territoriale, si noti come sia il Veneto la regione italiana che presenta il numero più elevato di presenze nel settore turistico (6,4 milioni nel 29). Seguono a distanza Trentino-Alto Adige, Toscana, Emilia Romagna, Lazio e Lombardia. Il grado di internazionalizzazione delle presenze premia invece il Lazio: l incidenza della componente straniera sulle presenze regionali è stata pari al 66,8% nel 29, grazie alla forte attrazione L occupazione alberghiera ra 21: i dati Labour Force Survey Eurostat Il dettaglio territoriale Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 5

7 esercitata dalla città di Roma. Si tratta, inoltre, della regione con il tasso più alto di utilizzazione lorda degli esercizi alberghieri (rapporto tra numero di presenze e giornate letto potenziali), pari al 46,6%. Anche Veneto, Trentino-Alto Adige, Lombardia, Toscana e Friuli-Venezia Giulia vanno a collocarsi al di sopra della media italiana per incidenza dei viaggiatori provenienti dall estero e, in generale, il quinquennio 25-9 ha segnato una crescita più o meno accentuata delle presenze turistiche straniere in quasi tutte le regioni italiane. In termini di offerta alberghiera, invece, sono due le regioni che si posizionano in cima al ranking nazionale: Emilia Romagna per numero dei posti letto (229 mila posti al 29, dislocati in strutture alberghiere) e Trentino-Alto Adige per numerosità delle strutture alberghiere (5.87 per 246 mila posti letto). Sono infine le regioni del Sud, in primis Calabria, Sardegna, Sicilia e Puglia, a emergere per dimensione media elevata delle strutture alberghiere (camere per albergo). L analisi dei dati di bilancio delle imprese alberghiere operanti sul territorio nazionale ha messo in luce come il settore abbia accusato perdite consistenti in termini di fatturato, margini e redditività nel triennio 27-9, e in particolare nell anno 29, che ha rappresentato il culmine del picco recessivo per l economia italiana nel suo complesso. E stato il comparto delle città d arte a incassare le performance peggiori all interno del campione analizzato 1, colpito dal calo di presenze straniere. A comprimere i dati di marginalità ha contribuito anche una struttura dei costi piuttosto rigida, caratterizzata da un elevato costo del lavoro e da elevati ammortamenti per immobilizzazioni materiali. L analisi per distribuzione del fatturato e del ROI delle imprese ha messo in luce, ad ogni modo, una certa dispersione delle performance all interno del campione: si evidenzia la presenza di un nucleo di aziende che anche durante il periodo di picco recessivo ha messo a segno risultati brillanti. E stato quindi preso in esame un piccolo sotto-campione di 4 imprese vincenti 2 allo scopo di individuare le leve strategiche e le politiche gestionali sulle quali hanno puntato per risultare competitive. Il rinnovamento delle strutture è emerso come strategia predominante - al fine della riqualificazione dell offerta alberghiera - parallelamente all ampliamento della gamma dei servizi offerti. Ai prodotti turistici di massa si sono affiancati prodotti specifici destinati a determinate fasce di clientela, quali i prodotti dell area benessere. Cresce inoltre sempre di più l attenzione verso forme turistiche alternative, quali il turismo congressuale. Non sono mancate politiche di razionalizzazione dei costi, che si contrappongono, invece, agli investimenti effettuati da alcune strutture in termini di certificazioni, di qualità del sistema di gestione aziendale o ambientale. Anche in ambito turistico si sta, infatti, sviluppando una certa sensibilità verso queste tematiche. Si tratta di investimenti spesso onerosi ma in grado di generare ricadute positive sull efficientamento dei processi e sull immagine percepita dalla rete di fornitori e clienti. I risultati di bilancio: l impatto della crisi 29, quali evidenze dalle relazioni di bilancio delle imprese vincenti e risultati preliminari per il 21 Le stime preliminari eseguite su un campione di bilanci 21 3 mettono in evidenza come la parziale ripresa delle presenze straniere nel corso dell anno abbia prodotto effetti positivi sui bilanci delle imprese alberghiere nazionali in alcuni comparti di attività. Il comparto delle città d arte è riuscito a mettere a segno un recupero più visibile rispetto al resto del campione, in corrispondenza del quale si sono osservate percentuali di miglioramento contenute. Nel complesso, faticano, infatti, a imboccare il cammino della ripresa fatturato e indicatori di marginalità (il MON in percentuale del fatturato, mediano, è risalito di circa mezzo punto 1 Per il periodo 27-9 è stato preso in considerazione un campione di 2.39 imprese alberghiere che hanno operato continuativamente sul triennio. Si veda il capitolo 5 del Rapporto per maggiori dettagli. 2 Si tratta di imprese con fatturato superiore a 6 milioni di euro di fatturato che hanno ottenuto buone performance reddituali nel biennio Per analizzare i risultati di bilancio relativi al 21 è stato costruito un campione chiuso sul triennio L adozione di un campione chiuso, con imprese che hanno operato continuativamente sul triennio, consente di aggiungere stabilità all analisi. Poiché la raccolta dei bilanci relativamente all anno 21 è ancora in stato di avanzamento, i risultati presentati sono da considerarsi preliminari. Per ulteriori dettagli in merito alla composizione del campione si veda il capitolo 5 del Rapporto. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 6

8 percentuale soltanto), lasciando sul terreno ancora ampi gap rispetto alle performance ante fase recessiva. L andamento depresso dei margini ha condizionato, di riflesso, anche i dati di redditività, con un recupero del ROI e del ROE netto (mediani) di settore attorno al punto percentuale. L ultima parte dello studio è dedicata a un approfondimento sul termalismo, segmento di importanza crescente per via della domanda di prodotti e servizi destinati alla cura della persona. Si tratta di un comparto a forte impronta alberghiera: strutture per posti letto (al 29) e un 88% di presenze (13 milioni nel 29) che transitano all interno delle strutture alberghiere. La netta predominanza della clientela nazionale cede il passo a situazioni più bilanciate tra turismo interno e internazionale nelle stazioni termali più rinomate, quali Montecatini, il distretto Terme Euganee o i distretti termali del Trentino-Alto Adige. Guardando ai dati di evoluzione delle presenze turistiche, tra il 23 e il 29, si nota nell ultimo biennio una contrazione generalizzata dei flussi e della permanenza media dei turisti presso le strutture, soprattutto per quanto concerne il turismo straniero, variabile portante dei risultati di bilancio di alcuni distretti termali. Sulle performance reddituali del segmento hanno inoltre inciso rigidità dal punto di vista dei fattori di costo - amplificate rispetto al settore alberghiero nel suo complesso - che hanno reso difficile un adeguamento rapido dell offerta alle mutate condizioni del mercato. Il commento ai risultati di bilancio delle imprese termali è stato integrato con le informazioni qualitative emerse nel corso di un indagine eseguita da Intesa Sanpaolo presso gli albergatori di Abano Terme e Montegrotto Terme nella primavera del 211. L indagine, realizzata attraverso questionari somministrati agli imprenditori locali, ha consentito di mettere in rilievo alcune strategie adottate nel corso del difficile anno di picco recessivo e di raccogliere le percezioni degli operatori circa il futuro del comparto. Le tematiche portanti sono risultate essere l inasprimento della competitività sul mercato - per via dell ingresso di nuovi player specializzati nel segmento wellness - e della concorrenza di prezzo, la caduta dei flussi intermediati dai tour operator e le difficoltà incontrate da alcune fasce di clientela (sulle quali incombono pressioni al ribasso sulla capacità di spesa). Ciononostante, è emerso anche un comportamento proattivo delle strutture alberghiere, tanto nel difficile anno 29 quanto in ottica prospettica. Puntare al flight to quality rappresenta cioè la strategia predominante anche in un contesto come quello attuale, caratterizzato da forte incertezza per via della lenta ripartenza del mercato. I nuovi progetti che hanno a oggetto il turismo non possono che mostrare un forte contenuto innovativo e riformante dello status attuale del settore. Le potenzialità intrinseche nell ampio patrimonio artistico italiano dovranno essere adeguatamente valorizzate attraverso piani di investimento che mettano a sistema tutto il territorio, al fine di tenere il passo con i paesi che stanno sperimentando un forte sviluppo dal punto di vista turistico. Il turismo culturale, che accanto a quello marino rappresenta una forma di offerta turistica core per il nostro Paese, è ancora una volta la carta privilegiata da giocare per aumentare gli introiti del settore. Senza contare che potrebbe, di riflesso, alleviare i problemi di stagionalità turistica cui sono sottoposte alcune regioni, con ricadute positive sulla base occupazionale. Il miglioramento del complesso infrastrutturale potrebbe velocizzare il processo di rilancio del settore. Adeguati investimenti nella rete stradale e ferroviaria sono, nello specifico, auspicabili al fine di velocizzare i collegamenti e rendere più accessibili alcuni siti turistici, migliorando la competitività. Focus sul comparto termale Per concludere Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 7

9 1. Introduzione: la rilevanza economica dell industria turistica In Italia il turismo in senso stretto impatta sul prodotto interno lordo in misura pari al 3,1% e la percentuale si alza all 8,4% se si tiene conto dell intero indotto (Fig. 1.1) 4. Si tratta, pertanto, di un settore con un potenziale elevato, che gioca un ruolo strategico nello sviluppo economico, produttivo e sociale del Paese. Anche l apertura al confronto internazionale restituisce l immagine di un settore ben posizionato dal punto di vista di domanda e offerta, sebbene con evidenti e crescenti problemi di competitività. Fig. 1.1 Il peso del turismo sul PIL in alcuni paesi europei, anno Impatto diretto sul PIL Impatto diretto e indiretto sul PIL Italia Grecia Spagna Francia Germania Fonte: elaborazioni su dati WTTC Sono diversi gli indicatori che ci possono aiutare a valutarne l importanza e l ampiezza. Sul fronte della domanda, le statistiche di fonte UNWTO (United Nations World Tourism Organization) posizionano l Italia al quinto posto nel mondo per rilevanza degli arrivi internazionali nel 21 (43,6 milioni) e al terzo nel solo ranking europeo (Tabelle 1.1 e 1.2). Il flusso dei turisti che hanno raggiunto il nostro Paese per soggiorni plurigiornalieri è cresciuto nel tempo e una crescita debole, dello,5%, si è registrata anche rispetto al difficile anno di recessione. Il 29 ha, infatti, rappresentato, anche in ambito turistico, un punto di minimo per i principali indicatori che caratterizzano l andamento del comparto: la flessione degli arrivi internazionali è stata pari al 4,2% a livello mondiale e al 5,7% a livello europeo e l anno 21, pur presentando degli spunti di ripresa, non è risultato esente da situazioni di stallo prolungato degli arrivi in alcuni paesi. Il confronto con la situazione degli arrivi internazionali del 199 fa emergere la perdita di una posizione dell Italia nella classifica internazionale, per via del sorpasso effettuato dalla Cina. Il colosso cinese, che nel 199 ricopriva solo la dodicesima posizione, è andato a chiudere il 21 in terza posizione assoluta, con un numero di arrivi internazionali pari a 55,7 milioni. La crescita tendenziale del 78,5% sul livello di inizio anni Duemila (e di oltre il 1% rispetto agli anni Novanta) sintetizza la forte crescita che il paese sta sperimentando dal punto di vista del fenomeno turistico. Il cambio ai vertici della classifica mondiale è stato favorito anche dalle difficoltà incontrate dalla Spagna nel corso del difficile anno 29, che hanno indotto una contrazione tendenziale degli arrivi internazionali nel paese pari all 8,7% (la Spagna si collocava 4 Fonte WTTC, World Trade Tourism Organization. I dati citati sono i medesimi sia per l anno 29 sia per l anno 21. Tra i settori connessi si annoverano quelli della lavanderia, delle forniture alimentari, del commercio all ingrosso, della contabilità, della produzione e costruzione di beni capitali e di esportazione utilizzati per viaggi o turismo ecc. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 8

10 infatti al terzo posto nella medesima classifica 29, davanti alla Cina). Resistono invece nelle prime due posizioni del ranking 21 Francia e Stati Uniti, sebbene anche la Francia abbia accusato una certa flessione degli arrivi dei turisti internazionali durante il picco della crisi. Fig Arrivi internazionali per area geografica, quote % Europa Asia e Pacifico Americhe Medio Oriente Africa % 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% Nota: i dati 21 sono stime provvisorie. Fonte: elaborazioni su dati UNWTO Tab Le prime dieci destinazioni mondiali per arrivi internazionali: rilevanza ed evoluzione Posizione nel ranking Arrivi di turisti internazionali, nazionali, milioni Peso % sul totale arrivi Var. % degli arrivi internazionali mondiale internazionali ionali 199 su 21 su del Francia 1 52,5 75,6 76,8 8,2 44, 1,6 Stati Uniti 2 39,4 5,9 59,7 6,4 29,2 17,3 Cina 12 1,5 31,2 55,7 5,9 197,1 78,5 Spagna 3 34,1 47,9 52,7 5,6 4,5 1, Italia 4 26,7 41,2 43,6 4,6 54,3 5,8 Regno Unito 7 18, 25,2 28,1 3, 4, 11,5 Turchia 24 4,8 9,1 27, 2,9 89,6 196,7 Germania 9 17, 19, 26,9 2,9 11,8 41,6 Malaysia 15 7,4 1,2 24,6 2,6 37,8 141,2 Messico 8 17,2 2,6 22,4 2,4 19,8 8,7 Nota: i dati 29 sono stime provvisorie. Fonte: elaborazioni su dati UNWTO Tab Le prime dieci mete europee per arrivi internazionali: rilevanza ed evoluzione Posizione nel ranking Arrivi di turisti internazionali, milioni Peso % sul totale arrivi Var. % degli arrivi internazionali mondiale internaz. in 199 su 21 su del 199 Europa, Francia 1 52,5 75,6 76,8 16,1 44, 1,6 Spagna 3 34,1 47,9 52,7 11,1 4,5 1, Italia 4 26,7 41,2 43,6 9,1 54,3 5,8 Regno Unito 7 18, 25,2 28,1 5,9 4, 11,5 Turchia 24 4,8 9,1 27, 5,7 89,6 196,7 Germania 9 17, 19, 26,9 5,6 11,8 41,6 Austria 6 19, 18, 22, 4,6-5,3 22,2 Ucraina ND ND 3,9 21,2 4,4 ND 443,6 Russia ND ND 21,2 2,3 4,3 ND -4,2 Grecia 13 8,9 13,1 15, 3,1 47,2 14,5 Nota: i dati 21 sono stime provvisorie. Fonte: elaborazioni su dati UNWTO Anche dal punto di vista della spesa per turismo internazionale rileva l avanzata cinese. Con 54,9 miliardi di dollari, la Cina si è posizionata nel 21 direttamente alle spalle di Germania e Stati Uniti (Tab. 1.3). L Italia si colloca invece all ottavo posto nella medesima classifica, con una spesa Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 9

11 di 27,1 miliardi di dollari in calo sul 29. E tuttavia ancora molto forte il distacco della Cina sugli altri paesi in termini di spesa turistica pro-capite. Tab.1.3 I primi dieci paesi per spesa turistica Spesa per turismo internazionale Quota di mercato Popolazione Spesa pro-capit capite (miliardi di dollari) mondiale (milioni) (dollari dollari) 2 21 Germania 47,6 77,7 8, Stati Uniti 64,5 75,5 8, Cina 13,1 54,9 6, Regno Unito 36,3 48,6 5, Francia 17,8 39,4 4, Canada 12,1 29,5 3, Giappone 31,9 27,9 3, Italia 15,7 27,1 2, Russia nd 26,5 2, Australia 8,5 22,5 2, Nota: i dati 21 sono stime provvisorie. Fonte: elaborazioni su dati UNWTO L ampiezza del settore turistico in Italia si può osservare anche dal punto di vista occupazionale. L impatto diretto 5 del segmento viaggi e turismo sulla base occupazionale nazionale è stimato nell ordine del 3,6% (nel 21), ma la quota sale al 9,4% se si tiene conto anche degli occupati nei settori connessi, ovvero della cosiddetta occupazione indiretta 6 (Tab. 1.4 e Fig. 1.3). I valori risultano superiori sia alla media dell Unione Europea a 27 (dove l occupazione diretta pesa il 3,1% e quella totale l 8,4%) che ai valori medi mondiali (3,3% l occupazione diretta e 8,6% quella totale). Se si considera però il dettaglio per singolo paese, sono ben 12 i paesi dell area UE-27 che si posizionano davanti all Italia per rilevanza degli occupati totali del turismo (in percentuale della forza lavoro nazionale). Risultano, infatti, decisamente più elevati i livelli raggiunti da Malta (23,8%), Cipro (18,8%), Grecia (17,9%) e Portogallo (16,8%), ma anche dalle vicine Spagna (12,6%) e Francia (1,3%). Il sorpasso della penisola iberica avviene tuttavia in termini di occupazione indiretta, dal momento che il confronto in termini di occupazione diretta la pone, invece, alle spalle dell Italia (2,6%, contro il 3,6% dell Italia). Osservando le statistiche sull occupazione italiana turistica in serie storica (Figure 1.4 e 1.5), si può notare una forte crescita negli anni Novanta, che ha poi lasciato spazio a un trend decrescente, soprattutto negli ultimi anni. Il livello occupazionale turistico del 21 torna, di fatto, ad allinearsi con i dati registrati a metà degli anni Novanta, sia in termini di occupazione totale che di sola occupazione diretta. 5 Rientrano in tale calcolo solo coloro che entrano in contatto diretto con i visitatori, ovvero linee aeree, alberghi, noleggio auto, ristoranti, commercio al dettaglio e attività creative. 6 Sono classificati come occupati indiretti gli addetti ai servizi di lavanderia, alle forniture alimentari, al commercio all ingrosso, alla contabilità, alla produzione e costruzione di beni capitali e di esportazione utilizzati per viaggi o turismo ecc. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 1

12 Tab Occupazione diretta e totale nel settore turismo e viaggi (%) Totale (a) Diretta EU-27 7,8 1,2 8,4 2,9 3,9 3,1 di cui: Malta 35, 28, 23,8 2,1 15,4 12,6 Cipro 34,4 35,4 18,8 12,6 12,6 6,5 Grecia 18,5 19,7 17,9 7,6 8,7 7,7 Portogallo 15,1 15,4 16,8 5,4 6, 6,5 Bulgaria 7,5 18,9 13,7 2,3 5,4 3,8 Estonia -1,1 16,7 13,1-8,4 4,5 3,5 Danimarca 15,3 17,2 12,6 9,2 1,4 8, Spagna 13, 14, 12,6 2,8 3,2 2,6 Austria 17, 15,7 12,5 5,9 5,5 4,6 Slovenia 9,4 11, 12,1 3,3 3,5 3,6 Ungheria 1,9 14,1 1,9 3,5 7,1 6, Francia 1,8 13,4 1,3 4,5 5,7 4,4 Italia 9, 11,3 9,4 3,3 4,4 3,6 Repubblica Ceca 5,5 18,8 9,3 2,2 7,9 4,1 Paesi Bassi 1,5 13,3 8,8 6,1 7,1 4,7 Latvia 1,3 4,8 7,6,8 1,7 2,8 Regno Unito 7,9 8,6 7,6 3, 3,4 3, Finlandia 6,8 1,8 6,9 2, 3,7 2,3 Lussemburgo 5,9 6,1 6,6 2,6 3, 2,9 Slovacchia 1,8 5,6 6,,6 2,1 2,4 Irlanda 12,4 7,8 5,7 2,4 2,4 1,6 Svezia 4, 5,5 5,6 1,3 1,9 1,8 Belgio 5,5 9,2 5,3 2,6 4, 2,1 Romania 4,6 3,6 5,2 2,5 2, 2,7 Germania 4,8 7, 4,9 1,8 2,5 1,8 Polonia 2,8 6, 4,9 1,1 2,6 1,9 Europa 8,4 8,7 7,6 2,8 3,1 2,6 Medio Oriente 6,4 8,5 7,9 2,6 3,3 3,1 Nord Africa 7,7 1,9 13,6 3,9 5,3 6,2 Africa Sub-Sahariana 3, 4,8 5,5 1,3 2,1 2,2 America Latina 11,5 7,7 7,9 5,1 2,8 2,9 Nord America 9,9 11,8 11,1 4, 5,1 4,5 Oceania 15,4 19,8 17,5 5, 6,7 6, Asia del Nord 7,9 7,8 7,6 2, 2,6 2,7 Asia del Sud 7,7 1,3 9,1 3, 3,7 3,1 Mondo 9,6 9,6 8,6 2,9 3,5 3,3 Nota: (a) si tratta della somma dell occupazione diretta e di quella indiretta nel settore. Fonte: WTTC Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche 11

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE Associazione Italiana Tecnico Economica Cemento NOTA di RICERCA dell UFFICIO STUDI AITEC www.aitecweb.com febbraio 2012 ufficiostudi@aitecweb.com IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia )

Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia ) Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia ) Hanno contribuito all elaborazione della ricerca: Elena Alessandrini,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma Regione Lazio Osservatorio per la Valutazione e la Qualità dei Servizi SISTAR-Lazio Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli