Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A"

Transcript

1 Rette IIntterscollasttiica dell XIIII Muniiciipiio dii ROMA Accordo di Rete delle scuole del XII Municipio di R O M A Testo approvato dall Assemblea dei Dirigenti nella seduta del 28 Settembre 2010

2 Accordo di rete tra le Istituzioni Scolastiche Autonome del XII Municipio L anno 2010, addì 05 Aprile 2011, presso l Istituto Comprensivo Orsa Maggiore sede di coordinamento, sito in Via delle Costellazioni, 369, sono presenti, in qualità di legali rappresentanti pro-tempore, i Dirigenti Scolastici delle Istituzioni Scolastiche Autonome elencate in calce al presente accordo, che dichiarano tutti di essere autorizzati alla stipulazione del presente atto con delibera del Consiglio di Circolo/Istituto della medesima Istituzione Scolastica, ai sensi dell art. 33 del D.I , n 44; PREMESSO CHE - L art. 7 del D.P.R. 8 marzo 1999, n 275 prevede la facoltà per le Istituzioni Scolastiche Autonome di promuovere accordi di rete per il raggiungimento delle proprie finalità istituzionali; - A mente della stessa disposizione l accordo può avere ad oggetto attività didattiche, di ricerca, di sperimentazione e sviluppo, di formazione e aggiornamento; di amministrazione e contabilità, di acquisto di beni e servizi, di organizzazione e di altre attività coerenti con le finalità istituzionali, nonché l istituzione di laboratori finalizzati, tra l altro, alla ricerca didattica e alla sperimentazione, alla documentazione di ricerche, esperienze e informazioni, alla formazione in servizio del personale scolastico, all orientamento scolastico e professionale; - Le Istituzioni Scolastiche Autonome sopraddette hanno interesse a collaborare reciprocamente per l attuazione di iniziative comuni afferenti agli ambiti predetti; - Tale collaborazione è finalizzata alla miglior realizzazione della funzione della scuola come centro di educazione e istruzione, nonché come centro di promozione culturale, sociale e civile del territorio; al completamento e miglioramento dell iter formativo degli alunni; a favorire una comunicazione più intensa e proficua fra le Istituzioni Scolastiche Autonome; a stimolare e a realizzare, anche attraverso studi e ricerche, l accrescimento della qualità dei servizi offerti dalle Istituzioni Scolastiche Autonome; VISTI - il testo del precedente Accordo di Rete, siglato in data 27 Febbraio 2007; - le modifiche al medesimo testo apportate nell Assemblea dei Dirigenti del 28 Settembre 2010 e le conseguenti delibere di approvazione e delega del Dirigente Scolastico alla stipula, che si allegano in copia al presente atto, dei Consigli di Istituto/Circolo delle I.S.A. elencate in calce al presente Accordo 1

3 I SOPRADDETTI CON IL PRESENTE ATTO CONVENGONO QUANTO SEGUE: Art. 1 NORMA DI RINVIO La premessa e gli allegati costituiscono parte integrante e sostanziale del presente accordo, che si pone in continuità con il precedente Accordo del 27 Febbraio Art. 2 - COSTITUZIONE E ADESIONE E costituita Scuoleinsieme Rete interscolastica del XII Municipio di Roma quale rete scolastica territoriale permanente composta dalle Istituzioni Scolastiche Autonome statali del XII Municipio che hanno sottoscritto il presente accordo, d ora in avanti denominate I.S.A.. L organizzazione ha sede presso l I.S.A. diretta dal Coordinatore Generale di cui all art. 6. L adesione alla Rete va richiesta con dichiarazione del Dirigente Scolastico, che deve essere trasmessa all Assemblea dei Dirigenti Scolastici, presso la sede dell I.S.A. diretta dal Coordinatore Generale di cui all art. 6. L adesione, che deve essere approvata dall Assemblea dei Dirigenti Scolastici nella prima riunione utile, ha effetto dal momento della formale sottoscrizione dell accordo da parte del Dirigente dell I.S.A. richiedente, previa conforme delibera del Consiglio di Circolo / Istituto della medesima I.S.A. Le I.S.A. aderenti hanno facoltà di aderire ad altre Reti o consorzi, anche permanenti, e di sviluppare progetti in piena autonomia, salvo il caso previsto dall art. 11, lett. b Art. 3 OGGETTO Il presente accordo ha ad oggetto la costituzione di un organizzazione interscolastica territoriale, Rete, la cui durata è prevista dal presente accordo secondo quanto indicato al successivo art. 4., per l accrescimento della qualità dell offerta formativa delle Istituzioni scolastiche autonome (I.S.A.) che vi aderiscono e per la promozione culturale, sociale e civile del territorio. Il presente accordo ha, altresì, ad oggetto la collaborazione tra le I.S.A. che vi aderiscono per la progettazione e la realizzazione di attività: a) di documentazione e di scambio di esperienze e informazioni; b) di formazione ed aggiornamento di tutto il personale scolastico c) di ricerca, sperimentazione e sviluppo; d) di orientamento scolastico e professionale; e) di acquisizione e gestione di beni e servizi; e ogni altra attività coerente con le finalità istituzionali Il funzionamento dell organizzazione è garantito da: Una quota annuale stabilita dall Assemblea dei Dirigenti scolastici di cui al successivo art.5; Le risorse umane destinate all organizzazione ed al funzionamento della Rete da ciascuna ISA, almeno una unità oltre al DS; I laboratori e le attrezzature destinate allo svolgimento delle attività di Rete messe a disposizione dalle scuole dotate di idonee strutture; Un sistema di comunicazione interna ed esterna; 2

4 Art. 4 DURATA dell ACCORDO e MODIFICHE allo stesso Il presente accordo ha validità triennale, per anni scolastici, a decorrere dalla data del presente accordo. Alla scadenza del triennio dovrà essere rinnovato con le modalità di cui all art. 2. Eventuali modifiche all Accordo stesso nel corso del triennio sono deliberate dall Assemblea dei Dirigenti Scolastici a maggioranza qualificata dei due terzi degli aventi diritto e sono sottoposte a ratifica dei Consigli di Istituto/Circolo, a pena di esclusione dalla Rete. Art. 5 ASSEMBLEA dei DIRIGENTI SCOLASTICI L Assemblea dei Dirigenti Scolastici (d ora in poi denominata Assemblea ) è l organo decisionale della Rete; ad essa spetta di: a. eleggere il Coordinatore Generale tra i Dirigenti delle ISA aderenti b. determinare le strategie, la politica e gli obiettivi annuali e specifici della Rete c. determinare l ammontare di una quota annuale da richiedere a tutte le I.S.A. aderenti in relazione alle spese generali per il funzionamento e l organizzazione della Rete in relazione agli obiettivi individuati ed a quanto previsto dal precedente art. 3; d. determinare annualmente gli eventuali compensi spettanti al Coordinatore Generale e ai componenti del Nucleo di Coordinamento interno di cui all art. 7, a carico dei fondi di cui alla lettera precedente; e. determinare le quote percentuali, a carico dei finanziamenti ottenuti, spettanti alle Scuole Coordinatrici di progetti di Rete per la retribuzione delle attività di coordinamento e gestione amministrativa del progetto stesso; f. determinare gli standard della Rete relativamente alla progettazione, gestione e rendicontazione delle attività; g. concordare le attività che saranno oggetto dei progetti di cui all art. 8 e pianificare le attività di progettazione, stabilendone i criteri generali; h. individuare acquisito l assenso dei competenti OO.CC. sul progetto di massima - le I.S.A. incaricate della elaborazione, della gestione e del coordinamento dei progetti stessi, d ora in poi denominate Scuole Coordinatrici di Progetto ; i. approvare i progetti di rete e la partecipazione a bandi o a proposte pervenute da altri Enti o Istituzioni; j. ratificare l adesione delle singole I.S.A. ai progetti di rete; k. decidere in ordine all utilizzo, alla destinazione e al riparto dei finanziamenti erogati in favore della rete e degli eventuali saldi attivi; l. individuare gli ambiti e i settori strategici di attività della rete e i Dirigenti responsabili degli stessi. m. decidere in ordine alla stipulazione di convenzioni e alla promozione e partecipazione ad accordi e consorzi pubblici e privati con istituzioni scolastiche, enti, associazioni o agenzie sulla base di progetti di comune interesse, ai sensi dell art. 7 del D.P.R. 8 Marzo 1999, n 275, commi 8, 9 e 10; n. adottare ogni determinazione rientrante nell autonoma competenza di gestione del Dirigente Scolastico, che risulti necessaria all attuazione delle attività della Rete di cui all art.3 e dei progetti di cui all art. 8; o. designare i componenti del Nucleo di Coordinamento interno di cui al successivo art. 7; p. delegare il Coordinatore Generale e il Nucleo di Coordinamento ad assumere decisioni su attività specifiche q. avanzare proposte agli Organi Collegiali delle I.S.A. della Rete su tematiche di comune interesse. 3

5 L Assemblea si riunisce con cadenza di regola mensile, e comunque almeno all inizio e alla fine dell anno scolastico, ed è convocata, con almeno cinque giorni di preavviso, dal Coordinatore Generale di cui all art. 6. Essa è altresì convocata su richiesta scritta di almeno un terzo dei Dirigenti delle I.S.A. aderenti, che dovranno indicare espressamente il motivo della richiesta. L Assemblea è validamente costituita in presenza della maggioranza assoluta dei Dirigenti delle I.S.A. aderenti. Il Dirigente può incaricare un docente collaboratore, con delega scritta ad assumere decisioni sugli argomenti all ordine del giorno; il delegato può chiedere che la propria posizione sia assunta con riserva, da sciogliere dopo aver consultato il Dirigente. La partecipazione ai lavori dell Assemblea non dà luogo ad alcun compenso a carico della Rete stessa. Tutte le decisioni dell Assemblea sono assunte a maggioranza semplice degli intervenuti, qualora non sia indicata dal presente accordo una maggioranza diversamente qualificata. Tutte le votazioni avvengono pe r dichiarazione palese, tranne che non sia diversamente richiesto dalla maggioranza degli intervenuti Art. 6 COORDINATORE GENERALE Il Coordinatore eletto dall Assemblea ai sensi dell art. 5, lett. a) svolge funzioni di coordinamento generale e di rappresentanza esterna della rete; in particolare egli: a. rappresenta legalmente la Rete nei confronti dei soggetti esterni, istituzionali e non b. presiede il Nucleo di Coordinamento, di cui al successivo art.7, in collaborazione con il quale gestisce l organizzazione della Rete e ne assicura la funzionalità attraverso le risorse messe a disposizione da ciascuna Istituzione Scolastica per tale scopo c. è responsabile del raggiungimento degli obiettivi assegnatigli dall Assemblea d. convoca l Assemblea, stabilendone l ordine del giorno dei lavori, tenuto conto delle richieste pervenute dagli altri membri dell Assemblea; e. promuove la comunicazione e la diffusione di informazioni all interno della Rete per tutti gli aspetti di comune interesse; f. assume al protocollo dell I.S.A. di cui è dirigente le comunicazioni e gli atti relativi all attività della Rete e ne cura l archiviazione; g. gestisce attraverso il bilancio dell I.S.A. di cui è dirigente i fondi assegnati per il funzionamento e il coordinamento generale della Rete di cui all art. 5, lett. c, e ne rendiconta annualmente all Assemblea, al termine dell anno gestionale. h. relaziona annualmente, a inizio e fine anno scolastico, all Assemblea in merito alle attività della Rete e al raggiungimento degli obiettivi i. avanza all Assemblea, sentito il Nucleo di Coordinamento, proposte in merito allo sviluppo e al miglioramento continuo della Rete j. effettua attività di monitoraggio su tutti i progetti e le attività della Rete k. svolge qualsiasi altro compito di coordinamento che gli venga conferito dall Assemblea dei Dirigenti Il Coordinatore Generale potrà delegare altri Dirigenti Scolastici della Rete ad esercitare di volta in volta le sue funzioni. L incarico di Coordinatore Generale ha durata triennale. Il Coordinatore può percepire un compenso forfetario per l attività svolta, nella misura stabilita annualmente dall Assemblea ai sensi dell art. 5, lett. d) 4

6 Art. 7 - NUCLEO DI COORDINAMENTO INTERNO È istituito un Nucleo di Coordinamento interno, presieduto dal Coordinatore Generale e composto da altri cinque Dirigenti Scolastici eletti tra i componenti dell Assemblea, garantendo comunque la rappresentanza di tutti gli ordini e gradi scolastici, che assicura la gestione collegiale della Rete attraverso le seguenti funzioni: a. coadiuvare il Coordinatore Generale in tutte le attività di propria competenza b. preparare i lavori dell Assemblea ed avanzare proposte alla stessa c. decidere su tutte le materie delegategli dall Assemblea stessa I Membri del Nucleo di Coordinamento possono percepire un compenso forfetario per l attività svolta, nella misura stabilita annualmente dall Assemblea ai sensi dell art. 5, lett. d) L Assemblea può individuare altri Dirigenti Scolastici responsabili per i settori ritenuti strategici ai sensi dell art. 5, punto l, che assumono anche la rappresentanza esterna della Rete limitatamente al settore di pertinenza, con le competenze e i limiti definiti dall Assemblea dei Dirigenti. Art. 8 - PROGETTAZIONE di RETE e GESTIONE delle ATTIVITA L Istituzione Scolastica individuata ai sensi dell art. 5, lett. h dovrà predisporre un progetto elaborato secondo gli standard di progettazione, gestione e rendicontazione adottati dall Assemblea. Il progetto di cui al presente articolo deve essere approvato dall Assemblea dei Dirigenti Scolastici di cui all art. 5 nonché, ove siano coinvolte materie rientranti nell ambito della loro competenza, anche dagli Organi Collegiali (Consiglio di Circolo / Istituto e/o Collegio dei Docenti) delle singole I.S.A. coinvolte nel progetto. Il progetto deve prevedere l assunzione dell impegno e dell onere della relativa gestione amministrativo contabile e della necessaria attività di segreteria. In sede di progettazione devono essere previsti i compensi, a valere sugli eventuali finanziamenti ottenuti, dovuti per le attività di coordinamento e di gestione amministrativa, nella misura stabilita dall Assemblea ai sensi dell art. 5, lett. e. I Dirigenti preposti alle Scuole Coordinatrici di Progetto assumono anche il coordinamento e la rappresentanza esterna della rete limitatamente ai progetti di cui sono incaricati. In tale ambito possono essere costituiti Gruppi di Progetto composti da rappresentanti delle Scuole coinvolte nelle attività. Di tutte le attività progettuali deve essere informato il Coordinatore Generale. Le decisioni in materia di gestione dei Progetti e in particolare di determinazione e distribuzione di fondi sono adottate dai Dirigenti delle Scuole coinvolte nei Progetti stessi, nel rispetto dei criteri generali eventualmente stabiliti dall Assemblea. Ai singoli Progetti di Rete possono partecipare anche I.S.A. non aderenti alla Rete, previa approvazione da parte dell Assemblea, su proposta della Scuola Coordinatrice del Progetto stesso e dietro esplicita assicurazione di rispetto degli standard di progettazione, gestione e rendicontazione stabiliti dalla Rete. 5

7 Art. 9 FINANZIAMENTO E GESTIONE AMMINISTRATIVO CONTABILE a) Fondi di Rete La gestione dei fondi destinati al funzionamento della Rete è di competenza del Coordinatore Generale, che provvederà a curarne la gestione, all interno del bilancio dell Istituzione Scolastica da lui diretta, in conformità alle indicazioni ricevute dall Assemblea. La relativa gestione amministrativo-contabile avverrà nelle forme e con le modalità previste dal D.P.R. 20 Aprile 1994, n 367 e dal D.I. n 44 del La gestione amministrativo-contabile dei fondi destinati al funzionamento della Rete è oggetto di analitica rendicontazione, secondo le scadenze individuate nell art. 6, lett. g. La destinazione degli eventuali saldi attivi è determinata dall Assemblea dei Dirigenti Scolastici secondo le modalità richiamate nell art. 5, lett. k. In caso di decadenza o scadenza del mandato di Coordinatore Generale tutti i fondi a qualsiasi titolo destinati al funzionamento e all organizzazione della Rete debbono immediatamente essere trasferiti alla Scuola diretta dal nuovo Coordinatore Generale, per essere colà gestiti con le medesime modalità b) Fondi afferenti a progettualità di rete I progetti di rete, nell individuazione delle risorse finanziarie e nella ripartizione delle stesse fra le I.S.A. coinvolte, specificano l Istituzione Scolastica incaricata della gestione delle attività amministrative e contabili. L Istituzione Scolastica così incaricata acquisirà al proprio bilancio gli eventuali finanziamenti interni ed esterni alla rete destinati all attuazione del progetto, quale entrata finalizzata allo stesso. In ogni momento, comunque, gli Organi delle altre I.S.A. possono esercitare il diritto di accesso ai relativi atti. La gestione amministrativo-contabile avverrà nelle forme e con le modalità previste dal D.P.R. 20 Aprile 1994, n 367 e dal D.I. n 44 del L Istituzione Scolastica incaricata porrà in essere, attraverso i propri Uffici, tutte le attività necessarie, ivi comprese quelle afferenti ai procedimenti di scelta del contraente. Le attività di gestione amministrativa di tipo deliberativo vengono adottate secondo le modalità richiamate nell art. 5, lett. k e nell art. 8. La gestione amministrativo-contabile è oggetto di analitica rendicontazione, parziale e/o finale, secondo le scadenze individuate nel progetto, all Assemblea. Copia della documentazione relativa alla rendicontazione del Progetto deve essere inviata al Coordinatore Generale La destinazione degli eventuali saldi attivi è determinata dall Assemblea dei Dirigenti Scolastici secondo le modalità richiamate nell art. 5, lett. k. 6

8 Art. 10 RAPPORTI con gli ORGANI COLLEGIALI delle I.S.A. aderenti alla RETE Con la delibera di adesione alla Rete i singoli Consigli di Istituto/Circolo conferiscono ampio mandato al proprio Dirigente Scolastico ad assumere decisioni nell ambito delle competenze proprie dell Assemblea di cui al precedente art. 5 Tutte le decisioni assunte a tale titolo dall Assemblea sono portate a conoscenza dei Consigli di Istituto/Circolo o, qualora di propria competenza, ai Collegi dei Docenti, a cura dei singoli Dirigenti Scolastici. In sede di programmazione anuuale, su mandato dell Assemblea, il Coordinatore può convocare assemblee allargate ai Presidenti dei Consigli di Istituto, ai DSGA e ai rappresentanti delle Istituzioni e degli EE.LL. Resta in ogni caso garantito alle I.S.A. aderenti al presente accordo il diritto di non partecipare a singoli progetti, attività, iniziative, fatte salve quelle essenziali all organizzazione, al funzionamento e alla gestione della Rete stessa Art. 11 MODALITA DI RECESSO ed ESCLUSIONE Le I.S.A. aderenti hanno facoltà di recesso dal presente accordo. Il recesso è esercitato tramite dichiarazione del Dirigente Scolastico, trasmessa a mezzo raccomandata A.R., previa conforme delibera del Consiglio di Circolo / Istituto, alla Assemblea dei Dirigenti Scolastici, presso la sede dell I.S.A. coordinatrice. L Assemblea dei Dirigenti può deliberare, a maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto, l esclusione di una I.S.A. dalla Rete per i seguenti motivi: a. mancato versamento della quota di adesione annuale; b. partecipazione a progetti e attività in concorrenza con la Rete stessa senza aver preventivamente acquisito il parere favorevole della prima Assemblea utile, con richiesta scritta motivata c. mancato rispetto dei criteri di gestione e ripartizione dei fondi stabiliti dall Assemblea in relazione a progetti di rete d. assunzione di atteggiamenti o posizioni gravemente lesive dell immagine esterna della Rete e. non condivisione delle politiche di Rete stabilite dall Assemblea L esclusione viene comunicata dal Coordinatore Generale mediante lettera raccomandata con A.R. indirizzata al Dirigente dell Istituzione Scolastica esclusa e ha effetto immediato. In caso di esclusione o recesso non si procederà a restituzione delle somme eventualmente versate a qualsiasi titolo; la medesima Scuola conserva comunque il diritto a partecipare ai progetti di rete nei quali è coinvolta. Il presente atto, la cui validità decorre dalla data di approvazione in Assemblea dei Dirigenti Scolastici della Rete ScuoleInsieme del 28 settembre 2010, è stato ratificato in occasione di una riunione plenaria alla presenza di tutti i Dirigenti Scolastici della Rete in data 5 aprile

9

ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO

ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO VISTO l art. 15 della Legge 7 agosto 1990, n. 241 che prevede per le Amministrazioni Pubbliche la possibilità di concludere tra loro accordi

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

Accordo di rete tra i Centri Provinciali per l'istruzione degli Adulti della Regione Toscana

Accordo di rete tra i Centri Provinciali per l'istruzione degli Adulti della Regione Toscana 1 Accordo di rete tra i Centri Provinciali per l'istruzione degli Adulti della Regione Toscana L anno duemilaquattordicii, addì 24, del mese di Settembre, viene sottoscritto l'accordo di rete, a valere

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

Oggetto: ACCORDO DI RETE Le Scuole Lombarde che Promuovono Salute

Oggetto: ACCORDO DI RETE Le Scuole Lombarde che Promuovono Salute Prot. n. 3025/12.06.2012 All USR/Lombardia- ufficio lv, Ai Dirigenti scolastici pro-tempore, in indirizzo, Agli Atti. Oggetto: ACCORDO DI RETE Le Scuole Lombarde che Promuovono Salute ACCORDO DI RETE Le

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA AMICI DELL ONCOLOGIA Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Denominazione È costituita l Associazione senza scopo

Dettagli

Accordo di rete Nazionale

Accordo di rete Nazionale Accordo di rete Nazionale Accordo fra gli istituti costituzione della rete "Senza Zaino per una scuola comunità" PREMESSO CHE - il modello Senza Zaino è stato promosso nell anno 2002 da un gruppo di docenti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE Logo regolarmente registrato presso C.C.I.A.A. della Spezia Il giorno 01 maggio 2001 alla Spezia in Via Cadorna 24, viene costituita l Associazione Culturale

Dettagli

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA Visto il D.P.R. n. 275/1999, art. 7, che prevede la possibilità per le istituzioni Scolastiche autonome di stipulare accordi di rete per perseguire

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO FINALITÀ E SCOPI Art. 1 L Associazione è costituita al fine di sostenere le scuole aderenti nel raggiungimento dei fini istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede)

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede) STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE Articolo 1 (Denominazione e sede) E costituita, ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n.383 e della legge regionale 6 dicembre 2012, n.42, l Associazione di Promozione Sociale

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione culturale e professionale degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative lend

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DANEO

STATUTO ASSOCIAZIONE DANEO STATUTO ASSOCIAZIONE DANEO Art. 1 Costituzione, democraticità della struttura e assenza del fine di lucro 1. È costituita con sede nella scuola elementare Giovanni Daneo in Genova, Salita Concezione 2,

Dettagli

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE S T A T U T O Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE 1) In attuazione dell articolo 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto degli Enti pubblici non economici stipulato il 6 luglio 1995,

Dettagli

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Approvato dal Consiglio Nazionale del 21/10/2006 Art. 1. Denominazione 1) È costituita la Sede Locale

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata..

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata.. ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Denominata.. L anno (in lettere), il mese, il giorno. (in lettere), i Signori: 1. (Cognome, Nome, luogo e data di nascita, residenza, attività svolta

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Denominazione Oggetto Sede Art. 1 1. E costituita, ai sensi dell art. 36 c.c., l Associazione culturale denominata Cinaforum. La denominazione

Dettagli

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA STATUTO Coordinamento Nazionale per la tutela dai campi elettromagnetici CO.NA.CEM. ONLUS TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE Art. 1 - Costituzione e denominazione. 1 E costituita l Associazione denominata «Coordinamento

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO ART. 1 ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA E costituita un associazione denominata: Associazione Commercianti - Pubblici Esercizi - Attività di Servizi - Ausiliari del Commercio

Dettagli

REGOLAMENTO RSU DEL COMUNE DI BOLOGNA

REGOLAMENTO RSU DEL COMUNE DI BOLOGNA REGOLAMENTO RSU DEL COMUNE DI BOLOGNA Ai sensi dell art. 47 del D.Lgs. n. 29 e dell Accordo collettivo quadro per la costituzione delle rappresentanze sindacali unitarie del 7 agosto 1998, a seguito delle

Dettagli

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE IMPRESE COOPERATIVE. Testo approvato dall Assemblea ordinaria del 9 giugno 2005 ART. 1 COSTITUZIONE Al fine di promuovere

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D.

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. COMUNE DI CARUGATE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. DEL COMUNE DI CARUGATE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 62 DEL 25/07/2007 ART. 1 Il Comune di Carugate ha attivato,

Dettagli

COMUNE DI SONA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI SONA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI SONA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con Deliberazione C.C. n. 16 del 30/04/2015 1 Indice - Art. 1 Finalità e competenze - Art. 2 - Composizione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA Pag. 1 di 5 SCUOLA D INFANZIA E PRIMARIA Il presente regolamento fa riferimento al testo Regolamento dell attività scolastica, redatto da CIOFS SCUOLA, aggiornato al 06 settembre 2008, depositato presso

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI DI STUDIO SULLE MATERIE OGGETTO DELLA PROFESSIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena Accordo di Rete fra i CTP della provincia di Modena 1 L anno duemilanove il giorno 22 gennaio 2010 i Dirigenti Scolastici - Stentarelli Claudio CTP di Carpi - Campagnoli Paola CTP di Mirandola - Calanchi

Dettagli

STATUTO NAZIONALE CENTRO DI AZIONE GIURIDICA (Ce.A.G.) Il Centro di Azione Giuridica ha sede in Roma, Via Salaria n.

STATUTO NAZIONALE CENTRO DI AZIONE GIURIDICA (Ce.A.G.) Il Centro di Azione Giuridica ha sede in Roma, Via Salaria n. STATUTO NAZIONALE CENTRO DI AZIONE GIURIDICA (Ce.A.G.) DI LEGAMBIENTE ONLUS Approvato il 14.04.2013 ART. 1. Organizzazione e sede del Ce.A.G. Il Centro di Azione Giuridica ha sede in Roma, Via Salaria

Dettagli

ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA

ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA PREMESSO CHE l art. 7 del D.P.R. 8 marzo 1999, n. 275 prevede la facoltà per le istituzioni scolastiche di promuovere accordi di rete per il raggiungimento delle proprie

Dettagli

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Art. 1 Denominazione - Oggetto e scopi E costituita la associazione denominata Società Italiana di Diritto ed Economia - SIDE (Italian Society of Law and

Dettagli

ACCORDO DI RETE. Fra le istituzioni scolastiche:

ACCORDO DI RETE. Fra le istituzioni scolastiche: ACCORDO DI RETE All. J CdI 27.11.2013 Fra le istituzioni scolastiche: 1. Istituto Comprensivo II Chiari C.F. 82001490174 2. Istituto Comprensivo Adro C.F. 82001020179 3. Istituto Comprensivo Capriolo C.F.

Dettagli

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o Assonautica Provinciale di Imperia S t a t u t o Art. 1 Denominazione e natura giuridica L Associazione provinciale per la nautica da diporto di Imperia, denominata Assonautica provinciale di Imperia,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani STATUTO del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani ART. 1 E costituito il Coordinamento Nazionale degli Enti locali per la Pace e i Diritti Umani (di seguito denominato

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli

FormaFarma. Associazione culturale senza scopo di lucro S T A T U T O

FormaFarma. Associazione culturale senza scopo di lucro S T A T U T O FormaFarma Associazione culturale senza scopo di lucro Art 1 Denominazione e sede S T A T U T O È costituita l Associazione culturale sotto la denominazione: FormaFarma - Associazione culturale senza scopo

Dettagli

Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale. Art. 1 Costituzione

Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale. Art. 1 Costituzione Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale Art. 1 Costituzione 1. E costituita l associazione di promozione sociale a carattere nazionale denominata ANTEAS Servizi (Associazione nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013)

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) REGOLAMENTO (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) Articolo 1 Funzionamento del Fondo 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento: degli organi del Fondo paritetico interprofessionale nazionale

Dettagli

Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata

Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata STATUTO FEDERALBERGHI SIENA ASSOCIAZIONE SENESE ALBERGATORI Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata FEDERALBERGHI SIENA - ASSOCIAZIONE

Dettagli

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato Il giorno, alle ore, nel Comune di Via n. con la presente scrittura privata si sono riuniti i sig.ri (1): per costituire l organizzazione

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) Art. 1 Oggetto, denominazione e sede Il presente regolamento

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE Denominazione e scopi Art. 1 In data 10 agosto 2002 è costituito in Lucca,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D.

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D. ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BUONI AMICI STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. a - E costituita l Associazione di Volontariato BUONI AMICI. L Associazione ha sede in Favria, Via

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Che cos è il Consiglio di Istituto? Il C.d.I. è l organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali

Dettagli

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE NEXTO Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10 Codice fiscale n. 97798460016 * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO DELL ASSOCIAZIONE come modificato dall Assemblea Straordinaria dei

Dettagli

STATUTO Centro per la formazione e l aggiornamento DIESSE Didattica e innovazione scolastica

STATUTO Centro per la formazione e l aggiornamento DIESSE Didattica e innovazione scolastica STATUTO Centro per la formazione e l aggiornamento DIESSE Didattica e innovazione scolastica Art. 1 Denominazione È costituita una Associazione denominata Titolo I Denominazione, sede, finalità e durata

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

CENTRO DI RICERCA SUL MADE IN ITALY (MADEINT)

CENTRO DI RICERCA SUL MADE IN ITALY (MADEINT) CENTRO DI RICERCA SUL MADE IN ITALY (MADEINT) Presso l Università degli Studi internazionali di Roma (Facoltà di Economia) è istituito il Centro di Ricerca sul Made In Italy (MADEINT). A tal fine, onde

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede

STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede Articolo 1 - Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.36 e seguenti

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: SGUARDI DI LUCE Associazione di genitori, familiari di bambini e ragazzi

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

Consulta Regionale Volontariato di Protezione Civile

Consulta Regionale Volontariato di Protezione Civile Consulta Regionale Volontariato di Protezione Civile Regolamento Approvato nell Assemblea Generale del 20 Aprile 2002 1 Consulta regionale volontariato di protezione civile REGOLAMENTO Art. 1 (Oggetto

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN *

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * Art. 1 È costituita l associazione culturale denominata Istituto Internazionale Jacques Maritain, con sede sociale a Roma. Art. 2 L Istituto non

Dettagli

STATUTO CENTRO INTERDIPARTIMENTALE CENTRO STUDI E RICERCHE DONNE E DIFFERENZE DI GENERE

STATUTO CENTRO INTERDIPARTIMENTALE CENTRO STUDI E RICERCHE DONNE E DIFFERENZE DI GENERE STATUTO CENTRO INTERDIPARTIMENTALE CENTRO STUDI E RICERCHE DONNE E DIFFERENZE DI GENERE Art. 1 (Natura) Il centro interdipartimentale di ricerca Centro di studio e ricerca sulle donne e le differenze di

Dettagli

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Centro Universitario di Mediazione n. 209 registro Ministero della Giustizia REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE Articolo 1 Costituzione del Centro Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1. E costituita un Associazione di Promozione Sociale, senza fini di lucro, denominata Il Laghetto Cantone. L Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PRODUZIONE VEGETALE (DI.PRO.V.)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PRODUZIONE VEGETALE (DI.PRO.V.) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PRODUZIONE VEGETALE (DI.PRO.V.) Art. 1 1. Il presente Regolamento concerne attribuzioni, gestione e funzionamento del Dipartimento di Produzione Vegetale dell Università

Dettagli

Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata. O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009.

Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata. O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009. Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009 Statuto Art.1 DENOMINAZIONE E costituita una associazione avente le caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito.

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito. ALLEGATO A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE E CULTURALE CARPE DIEM. Art. 1 - DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione sociale

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli