Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codici bifissi ed insiemi Sturmiani"

Transcript

1 Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico 2010/2011

2

3 Für die Entwicklung der logischen Wissenschften wird es, ohne Rücksicht uf etwige Anwendungen, von Bedeutung sein, usgedehnte Felder für Spekultion üer schwierige Proleme zu finden. Per lo sviluppo delle scienze logiche è importnte trovre, senz lcun rigurdo sulle possiili ppliczioni, mpî cmpi di speculzione su prolemi difficili. Alex Thue Wir müssen wissen, wir werden wissen. Dvid Hilert

4

5 Indice Introduzione viii 1 Nozioni preliminri Richimi lgerici Semigruppi, monoidi, gruppi, seminelli Morfismi Sottostrutture, quozienti, ideli Relzioni e congruenze Trsformzioni, zioni Genertori, grfo di Cyley Residuli, fttori Serie formli Prole, Linguggi, Codici Prole Ordine delle prole Prole infinite Plindrome Fttorizzzioni Linguggi Codici Prse ed interpretzioni Automi Automi, cmmini, linguggi riconosciuti Automi deterministici ed utomi completi Automi trim ed utomi semplici Automi minimli, monoide sintttico Automi invertiili, utomi di gruppo Insiemi fttorili Insiemi ricorrenti e prole ricorrenti Insiemi ricorrenti ed uniformemente ricorrenti Prole ricorrenti ed uniformemente ricorrenti Insiemi Sturmini v

6 vi INDICE Prole episturmine Insiemi Sturmini Codici prefissi in insiemi fttorili Codici ifissi in insiemi ricorrenti Prse Codici F-thin Nucleo, codice derivto Codici F-mssimli ifissi finiti Immgine e rngo di un prol Codici ifissi in insiemi Sturmini Crdinlità Periodicità Prole di ritorno Bsi di sottogruppi Gruppi Sintttici Gruppi di olonomi Rppresentzione di Schützenerger Gruppo fondmentle Relzioni di Green Gruppo di un codice ifisso Grdo di un gruppo sintttico Codici con nucleo vuoto Biliogrfi 99

7 Introduzione Tle tesi prende spunto dl lvoro di J. Berstel, C. De Felice, D. Perrin, C. Reutenur e G. Rindone rigurdnte lo studio dei codici ifissi in insiemi Sturmini in [1] e di risulti proposti d lcuni degli stessi utori nello studio dei gruppi sintttici in [12] e in [3] (nonché in [2] per un pnormic d insieme). L elorto è così suddiviso. Nel Cpitolo 1 sono contenute le nozioni preliminri. I tre mcrorgomenti che vengono ffrontti sono l Alger (Sezione 1.1), l Comintori delle Prole (Sezione 1.2) e l Teori degli Automi (Sezione 1.3). Sono qui presentti (ovvimente in mnier non esustiv) tutti gli rgomenti, e soprttutto tutte le notzioni, utili per sviluppre le nozioni dei Cpitoli successivi. Nel Cpitolo 2 si introducono i concetti di prole Sturmine, prole su un lfeto inrio non periodiche di complessità minim, e le prole episturmine, estensione l cso di lfeti finiti di crdinlità ritrri. Si riprendono nche i concetti di insiemi chiusi per prefissi e fttorili e si introducono quelli di insiemi ricorrenti, uniformemente ricorrenti e Sturmini. Questi formno un gerrchi discendente. Si ffront, quindi, lo studio insiemi prefissi contenuti dentro un insieme fttorile (Sezione 2.3) ed infine ci si concentr l cso di insiemi ifissi contenuti dentro insiemi ricorrenti (Sezione 2.4). Il Cpitolo 3 specilizz ncor di più i risultti del Cpitolo precedente studindo i codici ifissi dentro insiemi Sturmini. Qui sono presenti i principli risultti dell elorto, ovvero il Teorem dell Crdinlità (Teorem 3.1.3) ed il Teorem dell Bse Sturmin (Teorem 3.4.4) che crtterizz in termini di codici ifissi in insiemi Sturmini le si dei sottogruppi del gruppo liero. Infine il Cpitolo 4 è dedicto i gruppi sintttici. Alcuni dei risultti presenti rigurdno il grdo di un gruppo sintttico e sono ricvti d qunto dimostrto nel Cpitolo precedente. Vi è poi un ltro gruppo di risultti, rigurdnte i codici sintttici di codici con nucleo vuoto, che sfrutt le interpretzioni viste nel primo Cpitolo. vii

8 viii INDICE Un Congettur propost in form privt d C. Reutenur nel 2010, e postmi indipendentemente dl Prof. A. Restivo, ffermv che il Teorem dell Crdinlità (Teorem 3.1.3) fosse in un qulche senso invertiile, ovvero che fosse possiile dre un crtterizzzione delle prole Sturmine più generle di quell not. Il contro-esempio qui presentto (originle, con un semplificzione suggerit d D. Perrin) confut tle Congettur, lscindo però il prolem perto rispetto formulzioni più restrittive. Ringrzimenti. Mi è d oligo un ringrzimento l Prof. Antonio Restivo, reltore dell tesi, non solo per vermi indirizzto verso gli rgomenti dell tesi, m soprttutto per gli spunti di riflessione e i compiti per cs su congetture d dimostrre o confutre. Un ringrzimento v nche M. Dominique Perrin per i suoi suggerimenti semplifictori e per vermi ricordto che un mtemtico non serve costruire esplicitmente qulcos, st dimostrrne l esistenz. Grzie M. Jen-ÉricPinperlsudisponilitàecelerità nelrispondere lle mie richieste di iuto virtule. L stesur di un tesi prevede un lvoro sporco di scrittur e correzione. Per tle rgione ringrzio Lur Gimruno per i suggerimenti in GsTeXese ed Astrid Denro per i consigli estetici sull formttzione del documento. Infine un ringrzimento cloroso v Roerto Signorello che mi h iutto scovre errori/orrori tipogrfici in giro per queste pgine. V d sé che qulsisi eventule errore, si di contenuto che di form, è d imputre esclusivmente me. Frncesco Dolce Plermo, Mrzo 2012

9 Cpitolo 1 Nozioni preliminri Questo Cpitolo è dedicto lle nozioni silri di Alger (Sezione 1.1), Comintori delle Prole (Sezione 1.2) e Teori degli Automi (Sezione 1.3). L mggior prte degli rgomenti sono di livello elementre e sono qui riportti, oltre che per un utile ripsso, soprttutto per fissre l notzione. Per uno studio più pprofondito degli rgomenti si rimnd [10], [4] e [14]. 1.1 Richimi lgerici In quest Sezione si introducono le strutture lgeriche uste nell tesi semigruppi, monoidi, gruppi, seminelli ed ltre definizioni silri d esse legte. Di fondmentle importnz risulternno le nozioni di permutzione introdotte nell Sottosezione e quell di monoide e gruppo liero, nell Sottosezione Semigruppi, monoidi, gruppi, seminelli Si S un insieme. Un operzione inri su S è un funzione d S S in S. L immgine dell coppi (x, y) trmite quest funzione si dirà prodotto di x ed y e si denoterà come x y o, più spesso, come xy. Seguendo tle notzione l operzione inri srà dett moltipliczione. In lcuni csi si userà l notzione dditiv chimndo somm l immgine dell coppi (x,y) e denotndol x+y. Un operzione su S si dirà ssocitiv se per ogni x,y,z S si h (xy)z = x(yz). Srà dett invece commuttiv se per ogni x,y S si h xy = yx. Un coppi (S, ) è dett semigruppo se S è un insieme e è un operzione inri su S. Qundo non sussistono miguità sull operzione si dirà semplicemente che S è un semigruppo. Esempio

10 2 CAPITOLO 1. NOZIONI PRELIMINARI (N +, +) è il semigruppo degli interi positivi con operzione l usule somm di interi. (N + \{1}, ) è il semigruppo degli interi mggiori di 1 con operzione l usule prodotto di interi. All interno di un semigruppo vi sono degli elementi che godono di proprietà prticolri. Un elmento 1 di S è detto elemento neutro, o identità, dell operzione se per ogni x S risult x 1 = 1 x = x. È fcile dimostrre che se tle elemento neutro esiste esso srà unico. Chimeremo monoide un tripl (M,,1) dove (M, ) è un semigruppo ed 1èl elemento neutroperlsuoperzione. Anchein questocso, qundo non ci srnno miguità sull operzione e sull identità, diremo che M è un monoide. Esempio (N, +) è il monoide degli interi non negtivi con operzione l usule somm di interi ed elemento neutro 0. (N +, ) è il monoide degli interi non negtivi con operzione l usule prodotto di interi ed elemento neutro 1. Esempio PresounmonoideM,l insiemep(m)dituttiisottoinsiemi di M può essere dotto esso stesso dell struttur di monoide definendo come prodotto di due elementi X,Y M XY = {xy x X,y Y}. In tl cso l elemento neutro srà il singleton {1}. Se S è un semigruppo, si indicherà con S 1 il monoide dto d: S, nel cso S si già un monoide; S {1}, con 1 / S, se S non è un monoide, ed in tl cso l operzione di S si estenderà d S 1 definendo 1 s = s 1 = s s S 1. Esempio Il monoide dditivo N 1 +, h come supporto N + {0}. Esempio Considerimo B 2 il semigruppo dto delle mtrici 2 2 con elementi in {0,1} ed l più un 1. Il monoide B2 1 ottenuto considerndo nche l identità srà: {( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( )} B =,,,,,

11 1.1. RICHIAMI ALGEBRICI 3 Ponendo 1 l mtrice identic, 0 l mtrice null, = ( ) ( ) ( , si ottiene = e = dunque essere riscritto come B 1 2 = {1,,,,,0}. ( ) e = ). Il monoide può Moltiplicndo gli elementi tr loro si ottengono le relzioni = = 0, = e =. Un elemento e di S è detto identità destr (risp. identità sinistr) di S se per ogni s S risult se = s (risp. es = s). Un elemento e di S è detto idempotente se e 2 = e. L insieme degli idempotenti di S di denot E(S). Osservzione Un elemento è un identità se e solo se è contempornemente identità destr e sinistr. Inoltre un identità destr(risp. sinistr) è necessrimente un idempotente. Un elemento 0 S è detto zero se per ogni s S si h 0 s = s 0 = 0. Anche in questo cso è fcile dimostrre che se un semigruppo possiede uno zero questo è unico. Inoltre è possiile dre l nozione di zero destro (risp. zero sinistro) per un elemento e S tle che se = e (risp. es = e). Se S è un semigruppo, si indicherà con S 0 il semigruppo dto d: S, nel cso S possegg già uno zero; S {0}, con 0 / S, se S non h zeri, ed in tl cso l operzione di S si estenderà d S 0 definendo 0 s = s 0 = 0 s S 0. Esempio Il monoide moltiplictivo N 0 +, h come supporto N + {0}. Un semigruppo srà detto nullo se possiede uno zero ed il prodotto di due qulsisi suoi elementi è zero. Per definire gli inversi isognerà porre prticolre ttenzione. Vi sono inftti due diverse definizioni di inverso: un clssic ed un ltr deole ust in teori dei Semigruppi. Si M un monoide. Dto un elemento x M, un elemento x di M si dirà inverso destro (risp. inverso sinistro) di x se xx = 1 (risp. x x = 1). Un inverso di x è un elemento x che è contempornemente inverso destro ed inverso sinistro. Dto un elemento x di un semigruppo S, un elemento x S si dirà inverso deole di x se xx x = x e x xx = x.

12 4 CAPITOLO 1. NOZIONI PRELIMINARI Chirmente ogni inverso è un inverso deole, mentre il vicevers non sempre è verificto. Ad esempio, nel cso di un monoide finito si può dimostrre che ogni elemento h l più un solo inverso m può vere diversi inversi deoli. Un monoide (G,,1), o semplicemente G qundo srnno chiri operzione ed elemento neutro, tle che ogni suo elemento possiede un inverso è detto gruppo. In effetti è possiile dre un definizione equivlente più deole, in qunto è fcile vedere che un monoide è un gruppo se e solo se ogni suo elemento h un inverso destro ed un inverso sinistro. Nel cso di monoidi finiti l condizione si riduce ll esistenz del solo inverso destro (o del solo inverso sinistro). Si dimostr fcilmente che in un gruppo ogni elemento x h un unico inverso, che srà denotto come x 1. Esempio (Z, +) è il gruppo degli interi con operzione l usule somm di interi ed elemento neutro 0. (Q +, ) è il gruppo dei rzionli positivi con operzione l usule prodotto di interi ed elemento neutro 1. (Z/nZ, +) è il gruppo degli interi modulo n. Il numero di elementi in un semigruppo (risp. monoide, gruppo) è detto ordine del semigruppo (risp. del monoide, del gruppo). Esempio L ordine del gruppo Z/nZ è n. Un semigruppo (risp. monoide, gruppo) è detto commuttivo o Aelino se l su operzione è commuttiv. Esempio I semigruppi N + e N + \{1}, i monoidi N e N +, e i gruppi Z e Q + sopr definiti sono tutti Aelini. Il monoide P(M), con M monoide, invece, non è commuttivo. Un semigruppo S (risp. monoide) dotto di un relzione d ordine su S comptiile col prodotto, ovvero tle che per ogni x,y S e per ogni u,v S 1 si h l impliczione x y uxv uyv è detto semigruppo (risp. monoide) ordinto. Per enftizzre il ruolo di un relzione d ordine in un struttur lgeric S si userà l notzione (S, ). Esempio L ordine nturle degli interi non negtivi è comptiile con l ddizione, quindi N è un monoide ordinto.

13 1.1. RICHIAMI ALGEBRICI 5 Fin or imo studito strutture lgeriche con un sol operzione. Considerimo desso il cso in cui le operzioni presenti sino due. Un seminello è un qudrupl (T, +,, 0) tle che: (T, +,0) è un monoide commuttivo; (T, ) è un semigruppo; l moltipliczione è distriutiv rispetto ll ddizione, ossi per ogni s,t 1,t 2 T si h s(t 1 +t 2 ) = st 1 +st 2 e (t 1 +t 2 )s = t 1 s+t 2 s; per ogni s T si h 0s = s0 = 0. Anche in questo cso, qundo non vi srnno miguità sulle operzioni, diremo che T è un seminello. Nel cso in cui (T, +,0) si un gruppo Aelino, T srà detto nello. Nel cso nche l moltipliczione mmett un elemento neutro 1, e dunque (T, 1) si un monoide, il seminello (risp. nello) srà detto unitrio o con unità. Un seminello (risp. nello) è detto commuttivo se nche l moltipliczione è commuttiv. Esempio Preso un insieme X considerimo l insieme dei suoi sottoinsiemi P(X). Chirmente (P(X),, ) h un struttur di monoide commuttivo. Inoltre, seguendo qunto visto nell Esempio 1.1.3, P(X) può essere dotto dell struttur di monoide con operzione il prodotto di insiemi. Tle prodotto è distriutivo rispetto ll unione, ossi presi tre elementi L,L 1,L 2 P(X) si h: L(L 1 L 2 ) = LL 1 LL 2 e (L 1 L 2 )L = L 1 L L 2 L Dunque P(X) è un seminello unitrio Morfismi Un funzione tr due strutture lgeriche dello stesso tipo che preserv le operzioni è dett omomorfismo o, più semplicemente, morfismo. In prticolre un morfismo di semigruppi è un mpp ϕ d un semigruppo S d un semigruppo T tle che, per ogni s 1,s 2 S si i ϕ(s 1 s 2 ) = ϕ(s 1 )ϕ(s 2 ). Similmente un morfismo di monoidi è un morfismo di semigruppi ϕ d un monoide M d un monoide N tle che ϕ(1 M ) = 1 N.

14 6 CAPITOLO 1. NOZIONI PRELIMINARI Anlogmente un morfismo di monoidi ordinti è un morfismo di monoidi ϕ che, in più, preserv l ordine, ovvero per cui si i l impliczione s 1 s 2 ϕ(s 1 ) ϕ(s 2 ). Infine un morfismo di gruppi è un morfismo di monoidi ϕ d un gruppo G d un gruppo H tle che per ogni s G si i ϕ(s 1 ) = ϕ(s) 1. Si dimostr fcilmente che ogni morfismo di semigruppi d un gruppo G d un gruppo H è nche un morfismo di gruppi. Un morfismo ϕ : S T è detto isomorfismo se esiste un morfismo ψ : T S tle che ϕ ψ = id T e ψ ϕ = id S. È noto che gli isomorfismo di sottogruppi (risp. monoidi, gruppi) sono tutti e soli i morfismi iettivi. Osservzione Qunto ppen detto non vle per i morfismi di monoidi ordinti. Considerrimo inftti due relzioni d ordine distinte e su uno stesso monoide M. L identità id M è un morfismo iettivo d (M, ) (M, ) pur non essendo un isomorfismo. In effetti, un morfismo di monoidi ordinti ϕ : M N è un isomorfismo se e solo se è un morfismo iettivo e per ogni x,y M si h l equivlenz tr x y e ϕ(x) ϕ(y). Due semigruppi (risp. monoidi, gruppi, monoidi ordinti) sono detti isomorfi se esistono due isomorfismi dll uno ll ltro. Un morfismo che v d un semigruppo (risp. monoide, gruppo, monoide ordinto) in se stesso srà detto endomorfismo. Un endomorfismo che è nche isomorfismo srà detto utomorfismo Sottostrutture, quozienti, ideli Alcuni sottoinsiemi di un struttur possono essere essi stessi dotti di struttr lgeric. Un sottoinsieme T di S è detto sottosemigruppo se è chiuso rispetto ll operzione, ovvero se per ogni s 1,s 2 T si h s 1 s 2 T. Tle ftto è esprimiile nche dll espressione TT T. Un sottoinsieme N M di un monoide M srà detto sottomonoide se è un suo sottosemigruppo e in più contiene l identità. Anlogmente un sottogruppo di un gruppo è un sottomonoide che contiene gli inversi di tutti i suoi elementi. Nel cso di sottogruppi useremo l notzione H G per indicre che H è un sottogruppo del gruppo G.

15 1.1. RICHIAMI ALGEBRICI 7 Esempio L insieme degli interi pri 2Z è un sottogruppo del gruppo dditivo Z, ovvero 2Z Z Osservzione Esistono monoidi contenuti in M che non sono suoi sottomonoidi, ovvero può cpitre che N M verifichi NN N m che si i 1 M 1 N. Esempio Considerimo il monoide M 2 (N) delle mtrici 2 2 d elementi in N, dotto dell usule moltipliczione rig per colonne, ed il suo sottoinsieme ) N = {( N è un monoide con identità ( ) N = 0 0 } N. ( ) = 1 M. Dunque N è un monoide pur non essendo un sottomonoide di M. Per ogni idempotente e di un monoide M, l insieme eme è un monoide contenuto in M. Esso è detto monoide loclizzto in e ed è il più grnde monoide contenuto in M d vere e come elemento neutro. Alcuni sottoinsiemi di un struttur possono vere un struttur più ricc. DtounmonoideM, l insiemedeglielementiinvertiili dim èungruppo detto gruppo delle unità di M. In generle un sottosemigruppo G di un semigruppo (risp. monoide) S è detto un gruppo in S se vi è un idempotente e G tle che G dotto dell operzione di S risulti un gruppo con identità e. Esempio Il singleton {1} formto dll sol identità è nlmente un gruppo in S per ogni semigruppo (risp. monoide) S. Il seguente risultto è un proprietà clssic dei gruppi in un monoide. Proposizione Sino M un monoide, G un gruppo in M ed m,n M due elementi tli che mn G. Allor ngm è isomorfo G. Dimostrzione. D mn G ricvimo l inclusione ngmngm ngm. L elemento e = n(mn) 1 m ngm è chirmente un idempotente e ngm è un monoide con e come elemento neutro. Inoltre, per ogni g G, l elemento h = n((mn) 1 g 1 (mn) 1 )m è l inverso di ngm. DunquenGm è un gruppo. Si verific fcilmente che l mpp f : G ngm dt d f(g) = n(mn) 1 gm è un isomorfismo tr i due gruppi. Riprenderemo nel Cpitolo 4 lo studio dei gruppi ll interno di un monoide.

16 8 CAPITOLO 1. NOZIONI PRELIMINARI Osservzione Nel cso di gruppi finiti le strutture di sottosemigruppi e sottogruppi coincidono, ovvero ogni sottosemigruppo di un gruppo finito è un sottogruppo. È noto che i morfismi e gli inversi dei morfismi preservno le sottostrutture dei sottogruppi (risp. sottomonoidi, sottogruppi), ovvero se ϕ : S T è un morfismo di semigruppi (risp. monoidi, gruppi) ed S e T sono sottosemigruppi (risp. sottomonoidi, sottogruppi) rispettivmente di S e T, llor ϕ(s ) e ϕ 1 (T ) sono rispettivmente sottosemigruppi (risp. sottomonoidi, sottogruppi) di T e di S. Un sottomonoide N di un monoide M srà detto unitrio destr se è tle che u,uv M v M. Anlogmente si definisce l nozione di unitrio sinistr se u,uv M u M. Un sottomonoide N di un monoide M srà, invece, detto stile se, per ogni u,v,w M si h u,v,uw,wv N w N. Dto un grupppo G ed un suo sottogruppo H G chimeremo clssi lterli destre (risp. clssi lterli sinistre) di H gli insiemi dell form Hg = {hg h H} (risp. gh = {gh h H}) l vrire di g G. Si mostr fcilmente che due clssi lterli o sono disgiunte o coincidono. L indice [G : H] di un sottogruppo H G di un gruppo G è il numero delle clssi lterli destre disgiunte. Se K H G vle l formul [G : K] = [G : H][H : K]. (1.1) Dunque se H,K G sono due sottogruppi di indice d dello stesso gruppo e H K llor H = K. Sino S e T due semigruppi (risp. monoidi, gruppi, monoidi ordinti). T è detto essere un quoziente di S se esiste un morfismo suriettivo d S in T. Altri sottoinsiemi notevoli di un struttur sono gli ideli. Si S un semigruppo (risp. monoide). Un sottoinsieme R di S è detto idele destro se RS R, ovvero se per ogni r R e per ogni s S risult rs R. Simmetricmente, un idele sinistro è un sottoinsieme L di S tle che SL L. Un idele I è un sottoinsieme di S che è contempornemente idele destro e sinistro. Osservzione Equivlentemente si può definire idele di un semigruppo (risp. monoide) S un sottoinsieme I tle che per ogni s I e per ogni x,y S 1 si i xsy I, ovvero se SIS I. Osservzione Ogni intersezione di ideli (risp. ideli destri, ideli sinistri) è ncor un idele. L idele (risp. idele destro, idele sinistro) generto d un sottoinsieme R di un semigruppo (risp. monoide) S è il più piccolo idele (risp. idele

17 1.1. RICHIAMI ALGEBRICI 9 destro, idele sinistro) di S contenente R; questo è dto d S 1 RS 1 (risp. RS 1, S 1 R). Un idele è detto principle se è generto d un solo elemento. Osservzione L idele(risp. idele destro, idele sinistro) generto d un idempotente e è ugule SeS (risp. es, Se) nche se S non è un monoide. Inftti d e = eee si ottiene S 1 es 1 = SeS. È noto che i morfismi suriettivi e gli inversi dei morfismi preservno l struttur di idele (risp. idele destro, idele sinistro). Un idele I di un semigruppo S è detto minimle se per ogni idele non vuoto J di S si h l impliczione J I J = I. Un semigruppo h l più un idele minimle. Inftti sino I 1 ed I 2 due ideli minimli di un semigruppo S. Per l Osservzione I 1 I 2 è nch esso un idele e nlmente I 1 I 2 I 1. Dll minimlità di I 1 si ricv I 1 I 2 = I 1. Anlogmente si ottiene I 1 I 2 = I 2 e dunque I 1 = I 2. Vi sono due csi notevoli in cui sicurmente esiste un idele minimle: qundo S è finito e qundo S possiede uno zero. In quest ultimo cso un idele non vuoto I 0 tle che per ogni idele J I di S si i J = 0 o J = I è detto idele 0-minimle. Osservzione Mentre l idele minimle se esiste è unico, un semigruppo (risp. monoide) può vere più ideli 0-minimli. Esempio Si S = {0,,} il semigruppo con operzione xy = 0 per ogni x,y S. L idele minimle di S è {0}, mentre si {0,} che {0,} sono due ideli 0-minimli. Un gruppo in un monoide è contenuto in un unico idele, ovvero dti un monoide M, un suo idele I ed un gruppo G contenuto in M si h G I = o G I. Inftti, se x G I, llor per ogni g G si h g = x 1 xg I Relzioni e congruenze Si S un semigruppo (risp. monoide, gruppo). Un congruenz su S è un relzione di equivlenz stile su S, ovvero per ogni s,t S e per ogni u,v S 1, si h l impliczione s t = usv utv. Si può dotre l insieme delle clssi di equivlenz S/ di un struttur nturle di semigruppo (risp. monoide, gruppo) e l funzione che mnd ogni elemento s S nell su clsse di equivlenz [s] è dett proiezione cnonic ed è un morfismo d S in S/. Dimo di seguito due importnti esempi di congruenze.

18 10 CAPITOLO 1. NOZIONI PRELIMINARI Esempio Si C S un sottoinsieme di un semigruppo (risp. monoide) S. L relzione di equivlenz C su S per cui s C t se e solo se per ogni x,y S 1 si i è un congruenz. xsy C xty C L congruenz definit nell Esempio è dett congruenz sintttic di C ed il semigruppo (risp. monoide) quoziente S/ C è detto semigruppo sintttico di C. Nel cso in cui C = S si ometterà l dizione di C. Esempio Siϕ : S T unmorfismodisemigruppi(risp. monoidi). L equivlenz ϕ su S definit d è un congruenz. s ϕ t ϕ(s) = ϕ(t) L congruenz definit nell Esempio è dett congruenz nuclere di ϕ e gode dell seguente en noto proprietà. Proposizione (Primo Teorem d Isomorfismo). Si ϕ : S T un morfismo di semigruppi (risp. monoidi, gruppi) e si π : S S/ ϕ l proiezione cnonic. Esiste un unico morfismo di semigruppi (risp. monoidi, gruppi) ϕ : S/ ϕ T tle che ϕ = ϕ π. Inoltre ϕ è un isomorfismo tr S/ ϕ e ϕ(s) Trsformzioni, zioni Un trsformzione (risp. trsformzione przile) su un insieme Q è un funzione (risp. funzione przile) d Q in se stesso. Un trsformzione iettiv è dett permutzione. Per indicre un trsformzione s su un insieme Q di crdinlità n si userà un mtrice 2 n in cui in ogni colonn compiono nelle due righe rispettivmente gli elementi di Q e le immgini ttrverso s. Nel cso di trsformzioni przili useremo il simolo nell second rig nel cso l immgine dell elemento corrispondente si l insieme vuoto. Esempio Si Q = {,,c,d,e}. L funzione ( c d e e d è un trsformzione totle su Q. )

19 1.1. RICHIAMI ALGEBRICI 11 L funzione ( c d e e d d è un trsformzione przile su Q. L funzione è un permutzione su Q. ( c d e c e d Se l insieme Q è ordinto e qulor non sussist miguità si scriverà soltnto l second rig. Esempio Ordinndo l insieme Q dell Esempio ponendo < < c < d < e possimo riscrivere le tre trsformzioni rispettivmente come (ed), (e dd) e (ced). Si Q un insieme e si S un semigruppo (risp. monoide, gruppo). Un zione destr di S suqèunfunzioneq S Q, denott (q,s) q s, tle che per ogni s,t S e per ogni q Q si i (q s) t = q (st). Un zione srà dett fedele se q s = q t q Q = s = t. Un semigruppo di trsformzioni (risp. monoide di trsformzioni, gruppo di trsformzioni) su Q è un semigruppo S dotto di un zione fedele di S su Q. Un monoide (risp. gruppo) di trsformzioni S su Q si dirà trnsitivo se per ogni p,q Q esiste un g S tle che p g = S. Dto S un semigruppo (risp. monoide) di trsformzione su Q, l relzione di equivlenz ) ) s t = q s = q t q Q è un congruenz su S. Tle zione induce un zione fedele sul semigruppo (risp. monoide) quoziente S/. Il risultnte semigruppo (risp. monoide) di trsformzione (Q, S/ ) è detto semigruppo (risp. monoide) di trsformzione indotto dll zione di S su Q. Esempio Ogni semigruppo S definisce nlmente un semigruppo di trsformzioni (S 1,S) dto dll zione fedele q s = qs. Il semigruppo di tutte le trsformzioni su un insieme Q si denot con T(Q), quello di tutte le trsformzioni przili con F(Q) e quello delle permutzioni su Q con S(Q). Quest ultimo è, in effetti, un gruppo ed è chimto gruppo simmetrico dell insieme Q.

20 12 CAPITOLO 1. NOZIONI PRELIMINARI Nel cso prticolre Q = {1,2,...n} vengono uste nche le notzioni T n,f n ed S n. Tli semigruppi di trsformzioni sono di fondmentle importnz nello studio dei semigruppi. Vle inftti il seguente risultto. Proposizione Ogni semigruppo S è isomorfo d un sottosemigruppo di T (S 1 ). In prticolre, ogni semigruppo finito è isomorfo d un sottosemigruppo di T n per qulche n. Cyley h dimostrto un simile risultto per i gruppi. Teorem (Teorem di Cyley). Ogni gruppo G è isomorfo d un sottogruppo di S(G). In prticolre ogni gruppo finito è isomorfo d un sottogruppo di S n per qulche n. Dto G un gruppo di permutzioni su un insieme Q si definisce grdo di G l crdinlità di Q. Proposizione Sino G un gruppo di permutzioni trnsitivo su un insieme Q e p Q. Il sottogruppo H G di permutzioni che fissno p h indice Crd(Q). Dimostrzione. Per ogni q Q esisterà, essendo G trnsitivo, un elemento g q G tle che p g q = q. Per ogni ltro g G tle che p g = q si vrà p ggq 1 = p il che implic ggq 1 H d cui g H gq. Dunque ogni g G è in un clsse lterle H gq con q Q. Essendo tli clssi lterli due due disgiunte il loro numero è esttmente Crd(Q). Due gruppi di permutzioni G su un insieme R ed H su un insieme S srnno detti equivlenti se esiste un iezione β : R S ed un isomorfismo σ : G H tle che β(rg) = β(r)σ(g) g G,r R, (1.2) ovvero se il digrmm in Figur 1.1 è commuttivo per ogni g G. R g R β β S σ(g) Figur 1.1: G ed H, gruppi di permutzioni rispettivmente su R e su S, sono equivlenti. S

21 1.1. RICHIAMI ALGEBRICI 13 Un gruppo di permutzioni G srà detto regolre se tutti gli elementi g G\{1 G } sono privi di punto fisso, ovvero se q g = q per qulche q Q = g = 1 G. Proposizione Un gruppo di permutzioni trnsitivo e Aelino è regolre. Dimostrzione. Si g G un elemento vente un punto fisso p Q, ovvero tle che pg = p. Mostrimo che g = 1 G, ovvero che per ogni q Q si h qg = q. Poiché G trnsitivo esisterà un h G tle che p = qh. Dll Aelinità di G ricvimo q(hg) = q(gh) = (qg)h = qh ed essendo h è un permutzione ciò implic qg = q Genertori, grfo di Cyley Dto un sottoinsieme A di un semigruppo S, il sottosemigruppo di S generto d A è il più piccolo semigruppo di S contenente A. Esso si denot con A ed è ottenuto intersecndo tutti i sottogruppi di S contenenti A, ovvero considerndo tutti i possiili prodotti 1 2 n di elementi di A. In mnier simile, dto un monoide M ed un suo sottoinsieme A si definisce sottomonoide generto d X il sottosemigruppo generto d A con l ggiunt dell identità 1 S. Nel cso di un gruppo G, il sottogruppo generto d A G è definito nlgomente ed è formto d tutti i prodotti 1 2 n dove gli i sono o elementi di A o inversi di elementi di A. Un semigruppo (risp. monoide, gruppo) generto d un insieme A srà detto A-generto. Dto un monoide (risp. gruppo) A-generto M, si definisce grfo di Cyley destro di M il grfo che h per vertici gli elementi di M e per lti le triple (m,,m) con m M e A. In mnier nlog si definisce grfo di Cyley sinistro di M il grfo che h per vertici gli elementi di M e per lti le triple (m,,m) con m M e A. In Figur 1.2 è rppresentto il grfo di Cyley destro del monoide B 1 2 visto nell Esempio Un semigruppo (risp. monoide, gruppo) generto d un solo elemento è detto semigruppo ciclico (risp. monoide ciclico, gruppo ciclico). Ovvero S è ciclico se è dell form S = { n n N} con, nel cso S possegg un identità, 0 = 1. Se S è un semigruppo ciclico infinito (risp. monoide ciclico infinito, gruppo ciclico infinito) llor esso è isomorfo l semigruppo dditivo N + (risp. l monoide dditivo N, l gruppo dditivo Z).

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Topologia Algebrica e Analisi Complessa

Topologia Algebrica e Analisi Complessa Ginluc Occhett Note di Topologi Algeric e Anlisi Compless Diprtimento di Mtemtic Università di Trento Vi Sommrive 14 38050 - ovo (TN) Not per l lettur Queste note rccolgono gli rgomenti (lcuni vriili

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE Dt un ppliczione f: V W con V e W spzi vettorili si dice che f è un ppliczione linere o omomorfismo f(v + v 2 ) = f(v ) + f(v 2 ) v, v 2 V f(αv) = α f(v) v V e

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI Indice cpitolo Insiemi ed elementi di logic... 7 8 Insiemi... Operzioni con gli insiemi... 8 Introduzione ll logic... 9 Connettivi e tvole di verità... Espressioni proposizionli... 0 Predicti e quntifictori...

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

LINGUAGGI FORMALI Esercizi

LINGUAGGI FORMALI Esercizi LINGUAGGI FORMALI Esercizi PPPPPP Nicol Fnizzi LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Corso di Informtic T.P.S. Diprtimento di Informtic Università di Bri Aldo Moro [2014/01/28-13:30:23] [ 2 / 14 ] Indice 1 Introduzione

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Specialistica in Matematica Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Francesco Dolce 26 Marzo 2012 Outline 1. Parole e insiemi

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

Operazioni sulle Matrici

Operazioni sulle Matrici Corso di Lure in Disegno Industrile Corso di Metodi Numerici per il Design Lezione 9 Ottore Operzioni sulle Mtrici F. Cliò Addizione e Sottrzione Lezione 9 Ottore Operzioni sulle Mtrici Pgin Addizione

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica. Dispense del corso di ALGEBRA II

Corso di Laurea in Matematica. Dispense del corso di ALGEBRA II Corso di Laurea in Matematica Dispense del corso di ALGEBRA II a.a. 2012 2013 2 Indice I GRUPPI 5 1 Operazioni 7 1.1 Operazioni associative............................ 7 1.2 Matrici.....................................

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Integrali curvilinei e integrali doppi

Integrali curvilinei e integrali doppi Integrli curvilinei e integrli doppi Integrli curvilinei di prim specie Prim di inizire l trttzione di questo rgomento dimo l definizione di curv. Per curv nello 3 3 spzio R intendimo un sottoinsieme di

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

Aniello Murano Problemi non decidibili e riducibilità

Aniello Murano Problemi non decidibili e riducibilità Aniello Murno Problemi non decidibili e riducibilità 9 Lezione n. Prole chive: LBA e PCP Corso di Lure: Informtic Codice: Emil Docente: murno@ n.infn.it A.A. 2008-2009 LBA Liner bounded utomton DEFINIZIONE:

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione.

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. T. ZOLZZI. Appunti del corso di Introduzione ll Anlisi Funzionle Scuol di Dottorto in Scienze e Tecnologie dell Informzione e dell Comuniczione. NOTA. L utore desider ringrzire le studentesse di dottorto,

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto PRODOTTO CARTESIANO Dati due insiemi non vuoti X e Y si definisce prodotto cartesiano: X Y ={ x, y x X, y Y } attenzione che (x,y) è diverso da (y,x) perchè (x,y)={x,{y}} e (y,x)={y,{x}} invece sono uguali

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

Il calcolo integrale: intro

Il calcolo integrale: intro Il clcolo integrle: intro Le ppliczioni del clcolo integrle sono svrite: esistono, inftti, molti cmpi, dll fisic ll ingegneri, dll iologi ll economi, in cui si f lrgo uso degli integrli. Per fornire l

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S Relazioni binarie Una relazione binaria può essere rappresentata con un grafo o con una matrice di incidenza. Date due relazioni R, S A 1 A 2, la matrice di incidenza a seguito di varie operazioni si può

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1 Didttic 3. Il clcolo scuol (2): l uso dell clcoltrice 1 Ginfrnco Arrigo 57 1. Clcoli con un sol operzione L prim cos d insegnre d un giovne llievo che voglimo educre ll uso corretto dei moderni mezzi di

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Integrazione numerica di funzioni con singolarità

Integrazione numerica di funzioni con singolarità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA Fcoltà di Scienze Mtemtiche, Fisiche e Nturli Corso di Lure in Mtemtic Integrzione numeric di funzioni con singolrità RELATORE Dr. Frncesco Dell Accio CANDIDATO Contrtese

Dettagli

Dispense di Algebra 1 - Gruppi

Dispense di Algebra 1 - Gruppi Dispense di Algebra 1 - Gruppi Dikran Dikranjan e Maria Silvia Lucido Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine via delle Scienze 200, I-33100 Udine gennaio 2005 L algébre est généreuse,

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune Anno Numeri reli: proprietà e ppliczioni di uso comune Introduzione L insieme dei numeri rzionli è composto d numeri che si ottengono dl rpporto tr due numeri interi. Tle rpporto, o frzione, è sempre ssociile

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA Nome.Cognome. 8 Dicembre 008 Clsse G VERIFICA di MATEMATICA A) Risolvi le seguenti disequzioni goniometriche sin ) sin + ) 0 6 tn cos + sin ) 0 (punti:0,5) ) tn + tn > 0 sin 5) sin > cos (punti: ) 6) sin

Dettagli

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione.

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione. Le trsformzioni geometriche ITL 7 TERI Letture llo specchio! Ingegni, ossesso, nilin: tre esempi di plindromi, ovvero di prole che si possono leggere si d sinistr verso destr, si d destr verso sinistr.

Dettagli

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Giochi matematici nella storia della matematica

Giochi matematici nella storia della matematica Belluno, mrzo 00 Giochi mtemtici nell stori dell mtemtic UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bgni Diprtimento di Mtemtic e Informtic Università di Udine gni@dimi.uniud.it www.syllogismos.it di L

Dettagli

Capitolo 3 Il modello relazionale. Introduzione al modello relazionale

Capitolo 3 Il modello relazionale. Introduzione al modello relazionale Cpitolo 3 Il modello relzionle I dtse sono il fulcro dei sistemi informtivi, sono il cuore delle ppliczioni. L struttur di un dtse, denomint modello di dti (schem o nche progettzione di dtse), specific

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo:

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo: FUNZIONI MATEMATICHE Le relzioni mtemtihe utilizzte per desrivere fenomeni nturli, in iologi ome in ltre sienze, possono ovvimente essere le più svrite. Per lo più si trtt di equzioni lineri, qudrtihe,

Dettagli

Problemi di Sturm-Liouville

Problemi di Sturm-Liouville Problemi di Sturm-Liouville Alberto Tibldi 11 dicembre 2012 1 Introduzione e definizioni generli Nell mbito di problemi fisici/ingegneristici, spesso si h che fre con equzioni lle derivte przili (PDE:

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. DEFINIZIONE DI APPLICAZIONE LINEARE. Sio V e W due spzi vettorili su u medesimo cmpo K. Si :V W u ppliczioe di V i W. Si dice che l è u ppliczioe liere di V i W se soo veriicte

Dettagli

Le successioni di Fibonacci

Le successioni di Fibonacci Orzio Muscto Diprtimento di Mtemtic e Informtic Università degli studi di Ctni Le successioni di Fiboncci Complementi l corso di Istituzioni di Mtemtiche, Corso di Lure Specilistic quinquennle in Architettur,

Dettagli

Le verifiche finali e le scritture di assestamento

Le verifiche finali e le scritture di assestamento Numero 60/2012 Pgin 1 di 8 Le verifiche finli e le scritture di ssestmento Numero : 60/2012 Gruppo : Oggetto : Norme e prssi : Scric l guid complet sulle scritture di chiusur e il pssggio del bilncio d

Dettagli

Siano A e B due insiemi non vuoti. Una funzione f da A a B è un assegnamento di esattamente un elemento di B ad ogni elemento di A

Siano A e B due insiemi non vuoti. Una funzione f da A a B è un assegnamento di esattamente un elemento di B ad ogni elemento di A Funzioni Definizione di funzione: Sino A e B due insiemi non vuoti. Un funzione f d A B è un ssegnmento di esttmente un elemento di B d ogni elemento di A Scrivimo f() = b se b è l unico elemento dell

Dettagli

UN ESPERIENZA DIDATTICA IN UNA SECONDA CLASSE DI LICEO SCIENTIFICO: I RADICALI IN R

UN ESPERIENZA DIDATTICA IN UNA SECONDA CLASSE DI LICEO SCIENTIFICO: I RADICALI IN R ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA Sede di Bologn Scuol di Specilizzzione per l Insegnmento Secondrio Indirizzo Fisico Informtico Mtemtico Clsse A047 Direttore dell Scuol: Prof. Roberto Greci Direttore

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE. 1. Algebre di Boole

G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE. 1. Algebre di Boole G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE 1. Algebre di Boole Nel file precedente abbiamo incontrato la definizione di algebra di Boole come reticolo: un algebra di Boole e un reticolo limitato, complementato e distributivo.

Dettagli