3. Indicazioni per incentivare la fruizione turistico-naturalistica, la divulgazione e l'educazione ambientale nel parco: 143

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Indicazioni per incentivare la fruizione turistico-naturalistica, la divulgazione e l'educazione ambientale nel parco: 143"

Transcript

1

2 PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE - L.R. 42/96 Piano pluriennale per la fruizione turistico naturalistica, la divulgazione e l'educazione ambientale PARTE PRIMA Introduzione 4 1. Il turismo nelle aree protette Il turismo verde: tipologie di fruitori Turismo ricreativo Turismo escursionistico Turismo scolastico Turismo scientifico Le azioni da intraprendere per incentivare il turismo verde La promozione dell'offerta turistica Le fasi dello sviluppo del turismo verde Conciliare la valorizzazione turistica con la tutela dell'area protetta Progettare percorsi di fruizione Adeguare la ricettività al turismo verde Offrire servizi informativi e didattici Il Parco delle Prealpi Giulie Il territorio del Parco Geologia Flora e vegetazione Fauna I comuni del Parco Situazione socio-demografica Situazione economico-produttiva e occupazionale Le cooperative e il Parco I collegamenti Le risorse turistiche del Parco Risorse naturali: I fenomeni geomorfologici Risorse naturali: la flora Risorse naturali: la fauna Risorse naturali: i problemi della conservazione e valorizzazione 74 1

3 2.3.5 Risorse architettoniche Risorse culturali Sintesi I servizi turistici disponibili nella zona del Parco Ricettività Sport Informazione La domanda turistica nel Parco Statistiche della domanda turistica nelle strutture ricettive La domanda turistica per visite e escursioni Sintesi Indicazioni per incentivare la fruizione turistico-naturalistica, la divulgazione e l'educazione ambientale nel parco: Organizzazione, commercializzazione e promozione del prodotto turistico La qualificazione dell'offerta turistica Il comprensorio delle prealpi giulie Il prodotto turistico La promozione L'informazione Le risorse umane Gli strumenti Interventi per l'adeguamento della ricettività Ricettività alberghiera Ricettività in abitazioni o stanze in affitto Ricettività sociale Ricettività in agriturismi Ricettività in campeggi e camper Ricettività in alta quota Interventi per l'adeguamento delle strutture,servizi di animazione e informazione Centri visita Punti informativi Giardini botanici Ecomuseo in Val Resia Interventi per l'adeguamento di percorsi, tracciati e servizi per lo sport Trekking Mountain bike Equitazione Arrampicata sportiva Lo sci 212 2

4 3.4.6 Canoa, kayak e rafting Volo libero Interventi per l'adeguamento dei servizi di didattica ed educazione ambientale Articolazione dell'offerta per tipo di esperienza didattica Articolazione dell'offerta per tipo di contenuti Gli spazi e le strutture Il sistema di valutazione Interventi per l'adeguamento della pubblicistica e della promozione turistica Editoria didattica Editoria scientifica e naturalistica Editoria promozionale Qualificazione e valorizzazione delle risorse umane L'animazione La formazione Animazione e ricerca intervento nel Parco delle Prealpi Giulie 250 3

5 Introduzione Il turismo verde è una forma di fruizione del territorio che si basa sulle specificità ambientali sia di tipo naturalistico che storico-culturale. E' un'attività sostenibile, poiché non intacca le risorse di cui il territorio dispone, consistendo soprattutto nel godimento dei suoi beni immateriali, ed anzi può rappresentare un valido incentivo alla tutela dell'ambiente. Al centro di tutto vi è il patrimonio locale, costituito da ecosistemi naturali e dalla cultura materiale espressa dalle comunità che operano su quel territorio, e che si esplicita nell'articolazione del paesaggio agrario, nelle forme del costruito, nell'artigianato, nella gastronomia. Spesso tale patrimonio non è immediatamente percepibile, di conseguenza la sua fruizione non è né facile né immediata. In generale, affinché un'area di notevole valenza ambientale e culturale (è il caso dei parchi) sia anche attrattiva, è necessario che venga garantita un'offerta di servizi ricca ed articolata. Compito di chi promuove l'offerta turistica è di costruire programmi di fruizione anche complessi e comunicarli in modo semplice ai potenziali utenti. Il turismo verde nei parchi, per dimostrarsi efficace e remunerativo, deve articolarsi in percorsi, ovvero in programmi di fruizione che collegano luoghi e servizi in un insieme armonico. La realizzazione di questi percorsi comporta la partecipazione di diversi attori, i quali svolgono le rispettive funzioni in modo coordinato. Numerosi sono i programmi di fruizione realizzabili in un'area protetta: dipendono dal patrimonio locale esistente, dalla presenza e professionalità degli operatori nonché dai servizi disponibili sul posto. L'articolazione del Piano che viene presentato nelle pagine seguenti rispecchia questa logica. Il primo capitolo è dedicato all'analisi delle caratteristiche e delle potenzialità del turismo nelle aree protette. Vengono descritte le tipologie dei potenziali fruitori ed il tipo di prodotto turistico che può rispondere alle loro esigenze. Viene inoltre presentata una tipologia di percorsi di fruizione adeguati alle diverse esigenze ed aspettative dei turisti "verdi", con particolare attenzione ai servizi di supporto che devono essere attivati in relazione ai percorsi stessi. Il secondo capitolo è dedicato alla ricognizione della situazione attuale del Parco delle Prealpi Giulie e del territorio che lo ospita, nonché all'analisi delle risorse presenti e valorizzabili a fini turistici. Si analizzano quindi le caratteristiche ambientali del territorio e la situazione socio-demografica dei comuni interessati dal Parco. Vengono poi descritte le risorse disponibili per il turismo, distinguendo tra risorse naturali, architettoniche e culturali. 4

6 L'analisi prosegue prendendo in esame la disponibilità attuale di servizi per il turismo, in particolare dei servizi ricettivi, dei servizi per lo sport e dei servizi informativi. Infine viene presentata un'analisi della domanda turistica attuale nei comuni del Parco, basata in parte su dati statistici ed in parte su dati forniti dalle diverse associazioni culturali e pro loco dell'area, oltre che dallo stesso Ente Parco. Nel terzo capitolo, infine, basandosi sui risultati delle analisi territoriali descritte nel secondo capitolo, vengono presentate una serie di indicazioni operative per incentivare il turismo nel Parco. Le indicazioni coprono tutti i campi coinvolti nella programmazione turistica: la ricettività; i servizi di animazione, i servizi per lo sport e l'escursionismo; i servizi di didattica ed educazione; la pubblicistica e la promozione turistica; la qualificazione delle risorse umane. Dalle indicazioni operative vengono ricavate le schede-progetto (parte seconda), vere e proprie proposte progettuali di immediata spendibilità. Tali schede sono state elaborate tenendo conto dei seguenti criteri: 1. distribuire la progettualità su un arco temporale di 7 anni (dal 2001 al 2007) in analogia, e sfalsato di un anno, alla programmazione comunitaria ( ); 2. determinare le poste annuali tenendo conto delle disponibilità dell'ente collegate al trasferimento ordinario della Regione; 3. indicare la provenienza delle fonti di finanziamento extra trasferimento ordinario; 4. selezionare i programmi effettivamente da svolgere all'interno del perimetro del Parco o direttamente e funzionalmente connessi all'attività dell'ente; 5. inserire gli altri progetti al fine di proporre la loro realizzazione, anche in accordo con l'ente Parco, a tutti i soggetti di sviluppo presenti nell'area in relazione alle loro competenze. Nelle schede progettuali relative alle azioni che verranno realizzate direttamente dall'ente Parco viene indicato il preventivo di spesa dettagliato per singola annualità. In ogni settore di intervento a queste schede principali fanno seguito altre schede riferite ai progetti di cui l'ente riconosce l'importanza ed auspica la realizzazione anche da parte di altri soggetti coinvolgibili ciascuno sulla base delle proprie competenze. I progetti finanziati direttamente dall'ente Parco e quelli di cui è auspicata la realizzazione sono stati scorporati nel capitolo 4.3 in cui viene riportato il quadro complessivo delle spese previste dal Piano. 5

7 1. Il turismo nelle aree protette 1.1 Il turismo verde: tipologie di fruitori Con la definizione di "turismo verde" si indica una realtà che non è affatto omogenea e indifferenziata. Il mercato turistico "verde", oltre ad espandersi, tende infatti anche a differenziarsi al proprio interno. Per l'analisi delle potenzialità turistiche del Parco delle Prealpi Giulie si è utilizzata la distinzione fra quattro segmenti del mercato turistico verde: "ricreativo", "escursionistico", "scolastico", "scientifico" Turismo ricreativo Il turismo ricreativo rappresenta il segmento di turismo più ampio fra quelli che interessano i parchi. E' costituito da persone che ricercano soprattutto lo svago ed il riposo e che dimostrano un interesse generico nei confronti dell'ambiente naturale e del patrimonio storico-architettonico locale. Il rappresentante-tipo di questa categoria proviene da località relativamente vicine (in un raggio di 100 km, quali Udine e Trieste nel caso del Parco delle Prealpi Giulie); può essere un visitatore giornaliero (soprattutto domenicale) oppure il tradizionale villeggiante estivo o in vacanza durante le festività natalizie. Non troppo esigente e poco propenso al movimento, attratto dai monumenti e dalle risorse naturali più facilmente accessibili, si limita a richiedere i servizi turistici essenziali o a fare uso delle strutture attrezzate presenti in luoghi che possono essere raggiunti in auto o con brevi passeggiate. Si tratta di un turismo senza eccessive pretese, che comunque va "coltivato" e gestito con particolare attenzione, in quanto può garantire buone opportunità di sviluppo: promuovendolo si valorizza il territorio e si favorisce la conoscenza ed il rispetto dell'ambiente Turismo escursionistico L'escursionista è un turista dinamico, cerca il contatto diretto con la natura, è particolarmente sensibile e disponibile ad approfondire le conoscenze sulla cultura e le 6

8 tradizioni locali. Si muove a piedi, in bicicletta o a cavallo, non disdegnando percorsi difficili e impegnativi. Utilizza in modo sistematico i rifugi ed i bivacchi posti lungo i sentieri. Gran parte degli escursionisti che visitano un parco sono di provenienza locale. Appartengono alla categoria dei turisti giornalieri o di fine settimana e di solito si muovono in piccoli gruppi. E' questo un tipo di turismo assai esigente che punta alla qualità dei luoghi e dei servizi: ricerca infatti l'autenticità e la tipicità. Richiede a volte il servizio di guide e ha bisogno di strutture ed infrastrutture adeguate (sentieri percorribili, punti informativi efficienti, strutture ricettive accoglienti). Il turismo culturale, più settoriale, votato alle visite dei centri d'arte e dei monumenti, può essere inserito nella categoria. Nell'ambito di un'area protetta, il visitatore che ne fa parte viene stimolato ad allargare il proprio orizzonte di conoscenze all'ambiente naturale, accessibile nelle sue manifestazioni più dirette Turismo scolastico Il turismo scolastico si struttura nelle tradizionali gite e nei soggiorni che coinvolgono le scuole, organizzati questi ultimi nella forma di settimane o mini-settimane verdi e concentrati nel periodo primaverile o autunnale. Le classi provengono da scuole esterne all'area del parco, quasi esclusivamente della regione. E' un turismo che utilizza percorsi di fruizione ben definiti ed organizzati, volti a far conoscere ed apprezzare l'ambiente e la cultura locale. Risponde alle esigenze di formazione e alla domanda di educazione ambientale provenienti dagli istituti scolastici, soprattutto cittadini, di ogni ordine e grado. Il turismo scolastico si configura come una vera e propria attività economica, promossa da soggetti imprenditoriali quali le agenzie turistiche (raramente dall'ente parco) che definiscono e commercializzano il pacchetto ottemperando alle specifiche normative del settore Turismo scientifico Le risorse ambientali presenti in un parco e l'ampia documentazione scientifica che di norma è già disponibile sugli aspetti naturalistici dell'area costituiscono un indiscutibile elemento di attrazione per studiosi e ricercatori. Si tratta in primo luogo di persone che per motivi professionali (ricercatori, docenti universitari, dottorandi) dedicano parte del proprio lavoro alla ricerca sul campo, ma anche di studiosi dilettanti che amano trascorrere parte delle 7

9 vacanze in luoghi nei quali possono approfondire le proprie conoscenze naturalistiche. Una terza categoria di utenti è rappresentata da studenti universitari che frequentano corsi per i quali è previsto un periodo di attività sul campo: in questo caso la partecipazione avviene per gruppi di studenti accompagnati da uno o più docenti e/o assistenti e la permanenza varia in genere da pochi giorni fino a una settimana. Il turismo scientifico, oltre a risultare estremamente qualificante per il parco, può contribuire in maniera netta allo sviluppo del territorio, portando a conoscenza di un target strategico per la diffusione delle informazioni le peculiarità dell'area. Inoltre consente di avviare proficui contatti con le istituzioni universitarie italiane e straniere, anche al fine di stabilire forme di collaborazione per le attività di ricerca scientifica da condurre localmente. 1.2 Le azioni da intraprendere per incentivare il turismo verde La promozione dell'offerta turistica Alcuni elementi si dimostrano decisivi nella fruizione turistica di un'area protetta, per la quale, all'atto dell'istituzione, è già stata certificata l'elevata qualità e la notevole diversità delle risorse naturali e culturali che vi sono contenute e che necessitano di una gestione unitaria: 1. La conoscenza, ovvero l'acquisizione da parte del visitatore di informazioni sulle caratteristiche del territorio e sulle relative opportunità di fruizione, considerando l'articolazione e la molteplicità delle risorse disponibili, ma anche il contatto diretto con l'ambiente locale da cui possono scaturire le forme di apprendimento più immediate e consapevoli. Si tratta, a ben rifletterci, di una delle finalità istituzionali per cui il Parco è stato istituito e che muove il turismo verde catalizzando interessi ed attenzione. Ovviamente l'ente gestore e gli operatori turistici dovranno fare in modo di rendere efficace e coinvolgente questo trasferimento di conoscenza, facendo uso di tutti gli strumenti possibili ed adottando le più opportune strategie. Ciò può avvenire in modo diretto mediante strutture permanenti (centri visita, punti informativi, musei ed altri allestimenti) o attraverso l'organizzazione di manifestazioni che valorizzino aspetti e tradizioni locali; altrimenti fornendo al turista servizi e infrastrutture (sentieri, guide, noleggio biciclette, ma anche locali in cui sia possibile consumare piatti tipici) che gli consentano di muoversi sul territorio e di conoscerlo in modo 8

10 diretto. 2. La dinamicità, in quanto il Parco è esteso e le varie risorse vi si distribuiscono in modo diffuso. Se il desiderio di conoscenza e la volontà di fare esperienze costituiscono una sorta di cinghia di trasmissione per indurre il turista a far visita al Parco e a soggiornarvi, tali disposizioni si potranno manifestare solo attraverso frequenti spostamenti che in taluni casi si prospetteranno come necessità intrinsiche al tipo di fruizione prescelta. Vari saranno i mezzi utilizzati, conformi alla tipologia e agli interessi del visitatore, ma sempre si tratterà di percorsi di fruizione che collegheranno luoghi e servizi. Compito dell'operatore locale è di predisporre tali programmi, individuando il tema della visita e definendo di conseguenza l'itinerario fisico, con le strutture, le infrastrutture ed i servizi di cui si intende fare uso. Nel sistema di servizi che costituiscono l'ossatura dell'offerta turistica operano due soggetti: uno pubblico, rappresentato dall'ente gestore, ed una serie di operatori privati che svolgono varie attività e che rappresentano interessi diversi. Determinante è la presenza pubblica, il cui ruolo, qualunque sia il livello di coinvolgimento ed il grado di attivazione dei privati, è comunque quello di favorire lo sviluppo del turismo nei comuni interessati dal Parco. Infatti la sola offerta di servizi turistici privati normalmente non è sufficiente a rispondere alle esigenze della domanda, anche in considerazione del tipo di turismo da "coltivare", particolarmente esigente, e dell'elevato impegno richiesto nel soddisfare il visitatore. L'impegno che l'ente Parco deve assumersi varia in relazione al livello di sviluppo del turismo. Si possono individuare tre livelli di intervento, partendo da una situazione di sostanziale inerzia operativa quale è quella del Parco delle Prealpi Giulie: 1. Indirizzo dell'offerta locale. Si pone alla base di qualsivoglia processo di sviluppo nel settore turistico. Consiste nella definizione delle strategie da adottare individuando delle linee-guida che devono essere seguite per caratterizzare l'area sotto il profilo dell'offerta. Le azioni di promozione che ne derivano puntano ad orientare i servizi turistici verso determinate forme di fruizione del territorio. Nell'ambito del turismo verde, si deve valutare se va privilegiato il turismo ricreativo rispetto a quello escursionistico, quale ruolo deve assumere il turismo scolastico, ecc. Le stesse iniziative finalizzate a promuovere nuove imprenditorialità o ad attivare strumenti per la formazione professionale risentono ovviamente dell'indirizzo che si è deciso di assumere. 9

11 2. Offerta diretta di servizi turistici. In una prima fase, di fronte all'inadeguatezza e all'inesperienza dell'operatore privato che spesso non dispone neppure delle risorse necessarie ad intraprendere specifiche attività, l'ente locale (Ente Parco, Comune) procede in proprio all'attivazione di determinati servizi turistici, facendosi carico della loro gestione e mettendoli a disposizione nell'ambito dei programmi di fruizione del territorio, che a loro volta sono assoggettati alle norme del settore. L'iniziativa è necessaria da un lato per garantire comunque visibilità ad un'area che altrimenti non disporrebbe di servizi e di opportunità di richiamo (se si escludono, ovviamente, la natura e la cultura che ne costituiscono il fondamento), dall'altro può esercitare una funzione di stimolo alla nascita di nuove imprese che successivamente, una volta dimostrata la redditività del servizio, potrebbero rilevarlo sgravando l'operatore pubblico di un'attività dispendiosa e poco attinente ai fini istituzionali. Va aggiunto che alcune infrastrutture, come la sentieristica, non possono che essere di competenza pubblica. Altri servizi, invece, una volta realizzati e "testati", possono essere dati in gestione a cooperative locali o ad altri soggetti privati che, percepite le opportunità di sviluppo, si mettono sul mercato qualificando ulteriormente l'offerta. 3. Promozione e commercializzazione dell'offerta turistica. In una fase avanzata di sviluppo, con la presenza di servizi ed attività turistiche di buon livello, sufficientemente articolate e distribuite sul territorio, l'ente gestore può concentrare gli sforzi nella promozione turistica dell'area in generale e non più dei singoli servizi, puntando alla costruzione di un'immagine del Parco che sappia esprimere il livello raggiunto nel campo dell'offerta e procedendo nel contempo alla diffusione del relativo messaggio sul mercato. Anche in questa fase di maturazione acquisita l'ente deve continuare a svolgere un ruolo di raccordo tra gli interventi pubblici e quelli privati e di coordinamento: gli interventi a sostegno del sistema turistico vanno sempre orientati e resi omogenei, al fine di garantire la qualità dei servizi e la loro copertura sul territorio Le fasi dello sviluppo del turismo verde Di fronte ad una domanda turistica già esistente (gli attuali, limitati, flussi turistici dipendono dal richiamo che comunque il Parco già esercita e dalla presenza di città d'arte e di monumenti di grande rilievo localizzati all'esterno all'area protetta), è necessario avviare da subito un numero anche se limitato di servizi, che dovrebbero successivamente consolidarsi 10

12 ed affermarsi. Contestualmente gli operatori locali dovranno acquisire una ben maggiore consapevolezza del valore e delle opportunità di sviluppo legate al turismo verde. Il processo di sviluppo potrà verificarsi attraverso tre fasi: 1. La fase iniziale, propedeutica, prende avvio con la presenza sul territorio delle prime esperienze di offerta turistica. Si tratta di servizi pubblici (punti informativi qualificati distribuiti sul territorio, sentieri attrezzati, servizi di tipo museale) facilmente realizzabili ed attivabili in tempi brevi e limitati al solo territorio comunale. Ad essi devono collegarsi altri servizi turistici di natura privata di tipo tradizionale, come il servizio di guide naturalistiche, il noleggio di biciclette o il ristorante con piatti tipici. Ovviamente l'offerta non potrà che essere parziale e limitata, ma comunque dovrà costituire un segnale inequivocabile a dimostrazione della volontà dell'ente Parco di avviare un processo di sviluppo. Dovrà costituire inoltre un'iniezione di fiducia negli operatori locali affinché intervengano direttamente ed investano. 2. La seconda fase coincide con la presenza diffusa nei comuni del Parco di servizi utili alla conoscenza e alla fruizione dell'area protetta. Al potenziamento e all'evoluzione delle esperienze collaudate si aggiungerà l'apertura di altre strutture di cui l'ente Parco ha già previsto la realizzazione. Ma la qualificazione dell'offerta turistica dipenderà soprattutto dalla possibilità di poter disporre di percorsi articolati a livello di sistema territoriale, ovvero di programmi che non si limitino ad una sola località o ad un unico argomento di visita, ma che coinvolgano più settori del Parco e più operatori, attraverso la piena collaborazione dell'ente gestore e di altri soggetti pubblici con gli operatori privati. 3. La terza fase può decollare quando l'offerta è matura, ben distribuita ed articolata sull'intero territorio del Parco. L'ulteriore e definitivo salto di qualità dovrebbe riguardare l'estensione dell'offerta turistica all'esterno dei comuni dell'area protetta tramite l'inserimento in un circuito più allargato di proposte ricercando interlocutori di maggiore affidabilità (Aziende di Promozione Turistica, Direzione Regionale del Turismo, Consorzi Servizi Turistici), e questo per qualificare ulteriormente l'offerta affinché il Parco Naturale delle Prealpi Giulie possa meglio competere con altre strutture simili. A tal fine si può prospettare la realizzazione di percorsi di tipo provinciale e regionale, rivolti ad esempio al turismo scolastico. E' inoltre auspicabile la collaborazione con gli organismi di gestione di altre aree protette regionali (Parco Naturale delle Dolomiti Friulane) o di oltre confine (Parco del Triglav) per una promozione esterna più efficace e ad ampio raggio. In tale ambito potrebbe essere prospettata una campagna promozionale 11

13 attraverso l'individuazione di un marchio comune per differenziare e promuovere la qualità di prodotti e servizi offerti in un ambito territoriale più allargato. Decisivo, per la riuscita di tale processo di sviluppo, è il fattore umano, ovvero la capacità della comunità locale di credere nell'iniziativa. Per garantire una partecipazione efficace al progetto si dimostra fondamentale l'avvio da parte dell'ente gestore di una strategia finalizzata alla qualificazione e alla valorizzazione delle risorse umane attraverso attività di animazione e di formazione professionale. 1.3 Conciliare valorizzazione turistica e tutela dell'area protetta Ognuno dei diversi segmenti del turismo verde ha un approccio differente alle risorse naturali e storico-culturali dell'area protetta. Il turista ricreativo privilegia i beni naturalistici o architettonici più noti e più facilmente accessibili, preferibilmente se dotati di servizi come bar, ristoranti, punti di ristoro, ecc. In questo caso l'afflusso turistico, che tende a concentrarsi nei weekend e nella stagione estiva, rischia spesso di creare una pressione eccessiva sulla zona interessata, così da mettere a rischio le stesse attrattive che hanno motivato la visita. Per ridistribuire i flussi turistici nel territorio del Parco, in modo da "alleggerire" le aree sottoposte a particolare pressione e valorizzare altre zone meno conosciute, è necessario intervenire soprattutto sul turismo ricreativo. Per allargare il raggio di azione del turista ricreativo sono necessari interventi coordinati che riguardano sia l'informazione e la promozione, per far conoscere le zone meno note del Parco, sia i servizi, per venire incontro alle esigenze di un segmento turistico che è composto in buona parte da famiglie ed anziani. Il turista escursionista tende invece ad esplorare anche le aree più impervie e remote del Parco ed apprezza le risorse naturali meno accessibili. Si muove nell'area protetta a piedi o con mezzi di trasporto a basso impatto ambientale, come la bici o il cavallo. Questo non toglie che una totale mancanza di controllo su questo tipo di turismo possa creare problemi anche seri negli habitat più fragili e vulnerabili. Il turismo scolastico e quello scientifico rischiano ugualmente di avere impatti negativi in quelle zone del Parco che, proprio per il loro valore didattico o scientifico, sono particolarmente frequentate. 12

14 1.3.1 Progettare percorsi di fruizione Un importante strumento per valorizzare e tutelare al tempo stesso le risorse di un'area protetta è la creazione di percorsi. Il percorso infatti è un itinerario in grado di offrire un collegamento sia fisico che ideale tra una serie di località dotate di specifiche attrattive. Il filo conduttore è un tema, che unisce elementi di diverso tipo (naturalistico, storico, architettonico, culturale), aventi diversi livelli di interesse. Il percorso offre quindi al fruitore una chiave di lettura del territorio che va al di là della semplice visita ad alcune attrattive, perché gli permette di legare le singole emergenze ad un contesto d insieme. Risponde quindi ad una delle caratteristiche fondamentali del turismo verde (e del turismo sostenibile in generale), cioè la volontà di conoscere ed immergersi nel territorio visitato e nella sua cultura e non solamente di attraversarlo. E per questo che la presenza di un percorso può rendere turisticamente attraente anche un area che non dispone di risorse naturali o storico-culturali in grado, singolarmente prese, di giustificare un viaggio. Inoltre, suggerendo al turista l'itinerario da seguire e le modalità con cui percorrerlo, può anche costituire uno strumento di regolamentazione dei flussi turistici e quindi di tutela delle zone più vulnerabili dell'area protetta. La progettazione del percorso si basa in genere sulla rete stradale o sentieristica esistente e deve tenere conto del mezzo di trasporto da utilizzare per gli spostamenti. A questo riguardo va sottolineato che anche l'utilizzo di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale può, se non regolamentato, minacciare l'integrità degli ambienti attraversati. Nelle pagine che seguono tratteremo della creazione di tre tipi di percorsi: escursionisticisportivi, storico-culturali e accessibili, cioè dedicati a categorie particolari di utenti quali gli anziani o i portatori di handicap. Nel descrivere le tre diverse tipologie individuate si presterà particolare attenzione ai possibili impatti ambientali di queste forme di fruizione, affinché la loro attivazione non produca effetti negativi rispetto alle finalità di conservazione dell'area protetta. Percorsi escursionistici e sportivi L'escursionismo è un'attività sportiva e culturale insieme e come tale induce a camminare facendo dimenticare i mezzi di trasporto, aumentando a dismisura le possibilità di vedere, di osservare, cioè di conoscere i molteplici aspetti di un ambiente, di un territorio, di un 13

15 paesaggio. E' uno strumento validissimo per l'educazione ambientale dei giovani, e non solo, non a tavolino ma concreto; è un momento qualificato di conoscenza, perché basato sull'esperienza. Escursionismo è anche vivere insieme, è un momento di socializzazione e di apertura a modi diversi di vita; è scoperta in un giusto spirito d'avventura, è conquista della meta prefissa, è consapevolezza di riuscire a percorrere a piedi distanze prima impensabili, di riuscire a vivere del poco, del solo necessario, senza le esigenze imposte dalla società del "benessere": è libertà vera nella conquista dei valori semplici ed essenziali offerti dalla natura. Camminando si impara ad osservare le mille meraviglie che si presentano, non solo quelle macroscopiche di grandi panorami o splendidi tramonti, ma anche quelle più piccole e nascoste in cui la vita si esprime e si rigenera attorno, dal silenzio del bosco al canto di un uccello, dal filo d'erba che sbuca dalla roccia al bocciolo del fiore, dai mille colori della vegetazione di un prato o di un bosco alle infinite relazioni e interrelazioni della vita degli animali con le piante. Quanto appreso dall'esperienza non si dimentica più, inoltre durante le uscite e le visite all'aperto si trovano spunti e motivazioni per approfondire innumerevoli argomenti con spirito di vera ricerca, è un modo per riuscire a superare la divisione tra studio teorico e vita concreta. L'escursionismo è uno strumento che porta a conoscere ricchezze di cui nessuno parla e che molte volte nessun libro ha trattato, porta a conoscere valori antichi, opere della fatica di secoli, testimonianze dell'uomo che ha reso le povere terre di montagna vivibili con il suo intelligente lavoro quotidiano, con una tenacia ed una capacità di adattamento che hanno generato un equilibrio che ora, dove l'uomo se ne è andato, è in crescente modificazione e destinato a scomparire se non si provvede prontamente al suo recupero. L'escursionismo è quindi un mezzo efficace di valorizzazione di molti territori che possono trarre da questa nuova forma di turismo, che non ha bisogno di grandi strutture ed è rispettosa dell'ambiente, rilevanti benefici. Può rappresentare un sostegno ad un'economia fragile ed un'occasione per l'occupazione, giovanile in particolare, creando posti di lavoro, assai importanti per la microeconomia di montagna (recupero ambientale, salvaguardia del bosco, ripristino di vecchi sentieri ed antiche vie di comunicazione con ristrutturazione di edifici per punti tappa, attività di guide, ecc.) e per la valorizzazione di tradizioni locali, artigianato, gastronomia, agriturismo. L'escursionismo si lega spesso alla pratica sportiva, dando origine a una vasta gamma di forme di fruizione, che necessitano di percorsi specificamente progettati. 14

16 Trekking In montagna il trekking viene praticato su strade e piste forestali di collegamento con gli alpeggi, su sentieri e tracciati escursionistici. L'attività ha termine con le prime forti nevicate. Sulle Alpi ci sono km di vie escursionistiche che collegano tra loro circa 2000 punti di appoggio. Nel complesso l'escursionismo a piedi ha visto una crescita enorme difficilmente documentabile: è di gran lunga l'attività sportiva più praticata sulle Alpi (non sono disponibili dati precisi sul numero dei praticanti, tuttavia dovrebbero essere tra i 5 e 10 milioni le persone che effettuano almeno un'escursione all'anno nel comprensorio alpino). Impatto ambientale Camminare in montagna, se si osservano alcune regole comportamentali corrette, non crea impatti negativi sull'ambiente. In alcuni casi si possono però innescare processi di degrado provocati dall'eccessiva concentrazione di persone in un breve arco di tempo. Il calpestio continuo, aggiunto alla pessima abitudine di alcuni escursionisti di prendere scorciatoie o di uscire dal tracciato, con il rischio che si formino più "piste" parallele, può danneggiare la copertura vegetale, determinando un aumento dell'erosione. Ad alte quote, in presenza di condizioni climatiche particolari, questi danni possono essere recuperati solo gradualmente. Ulteriori aspetti negativi derivano dall'apertura di nuovi percorsi in aree sensibili o dall'abbandono sistematico di piste e sentieri nel corso delle escursioni. Grida e schiamazzi ma soprattutto la presenza di cani non tenuti al guinzaglio provocano disturbo agli animali selvatici e ai loro ritmi di vita, in particolare durante l'alimentazione e l'allevamento dei piccoli. Altro comportamento scorretto è dato dall'abbandono dei rifiuti, che crea non solo degrado ma può costringere a dispendiose azioni di recupero. La raccolta di piante e fiori, anche se dissuasa da leggi che prevedono pene pecuniarie, rappresenta un fenomeno ancora diffuso. Va aggiunto l'impatto prodotto dalle ferrate, ovvero dai percorsi su roccia dotati di attrezzature fisse, quali funi, scale o chiodi, che assicurano ai frequentatori una protezione pressoché totale in corrispondenza dei tratti esposti. In tali sentieri si assiste spesso ad un danneggiamento della flora rupestre. Le ferrate si trovano di solito in luoghi non facilmente accessibili, di conseguenza c'è il rischio che molti animali (stambecchi, camosci, rapaci e altri uccelli nidificanti in ambienti rupestri) vengano disturbati o scacciati dalle loro aree di rifugio. L'impatto maggiore dell'escursionismo sull'ambiente, accanto ai problemi legati all'approvvigionamento e all'eliminazione dei rifiuti dai rifugi e dai bivacchi, e all'apertura di 15

17 nuovi tracciati, è dato dal comportamento scorretto degli escursionisti. Adottare provvedimenti, diretti ed indiretti, per prevenire eventuali danni, può essere utile al fine di garantire la compatibilità tra l'utilizzo del territorio e la sua conservazione. Nelle regioni alpine, in Italia e all'estero, l'attività escursionistica ricade sotto le disposizioni del diritto di libera fruizione dell'ambiente e di conseguenza è regolamentata in misura minima, anche se la tendenza a prevedere precise norme comportamentali lungo i sentieri e ad interdire determinati tracciati che attraversano aree sensibili è comune a tutte le aree protette. La sensibilizzazione resta la strategia più praticabile per promuovere un comportamento degli escursionisti maggiormente rispettoso nei confronti dell'ambiente. La predisposizione di strumenti informativi sotto forma di pieghevoli o tabelle collocate all'inizio dei sentieri, l'organizzazione di campagne formative ed educative (costituite da corsi, incontri di approfondimento, giornate ecologiche), ma anche l'orientamento dei flussi di visitatori verso aree in grado di sostenere carichi notevoli o la chiusura temporanea di alcuni tracciati per proteggere la fauna e la flora, sono solo alcune delle iniziative possibili che consentono di fronteggiare meglio la situazione e di regolamentare in parte l'attività escursionistica. Mountain biking La bicicletta può essere impiegata in diversi modi: può essere un mezzo di locomozione, uno strumento di ricreazione e di divertimento, oppure di agonismo. Chi utilizza la bicicletta, per pratica sportiva o per semplice hobby, dispone normalmente di un mezzo di sua proprietà e si sposta in automobile da casa sino al punto di inizio dell escursione; altri ancora praticano questo sport, sempre in modo non agonistico, organizzandosi in gruppi ristretti (in particolare nuclei familiari) per gite piacevoli e rilassanti. Vi sono infine coloro che utilizzano la bici per gareggiare in manifestazioni organizzate: con l espansione del mercato della mountain bike negli ultimi vent anni la pratica agonistica di questo sport è cresciuta parimenti al fenomeno turistico; infatti l organizzazione di queste manifestazioni consente agli operatori commerciali di percepire un immediato guadagno, poiché vi partecipano centinaia di persone, e nel contempo contribuire a promuovere da un punto di vista turistico la zona o la località interessata. L utilizzo della bici all interno di un parco naturale può riguardare tutte le tipologie descritte (sportiva, agonistica, occasionale): la rete viaria normalmente si snoda, oltre che su strade ottimamente asfaltate e quindi ideali per le passeggiate con la bici da strada, su piste 16

18 forestali e carrarecce che permettono al ciclista-escursionista di cimentarsi nella pratica del mountain biking. Impatto ambientale Il mountain biking è di per sé uno sport compatibile con l ambiente se praticato in modo ragionevole e rispettoso, utilizzando in primo luogo le strade, le piste forestali e i sentieri montani ciclabili adatti a questo utilizzo. Viaggiare al di fuori delle piste o dei tracciati consentiti (off-road), percorrere sentieri non del tutto ciclabili e provocare rumore, reca senza dubbio disturbo all ambiente e agli altri visitatori del Parco. La pratica non corretta di questo sport può determinare: disturbo alla fauna che vive in zone molto frequentate dai ciclisti (come conseguenza si possono verificare forti concentrazioni di animali in altre aree non percorse dagli escursionisti); danni diretti agli uccelli, particolarmente sensibili durante il periodo della cova, così come l uccisione diretta di piccoli animali, tipiche vittime del traffico, quali molluschi e anfibi. L utilizzo della bicicletta in montagna può arrecare danni anche alla vegetazione, ad esempio: danni alla superficie del suolo, in particolare a causa delle frenate durante le discese al di fuori di piste forestali o tracciati segnati (particolarmente gravi risultano i danni provocati nelle aree umide), con il possibile innesto di fenomeni erosivi o il danneggiamento di giovani specie arboree provocato dal passaggio delle biciclette sopra rami e radici; compattamento del terreno dovuto all elevata frequentazione e conseguente formazione di piste. In generale, i danni causati alla vegetazione sui sentieri di montagna dipendono principalmente dal numero dei transiti, dal fenomeno dell'off-road e dalla capacità di rigenerazione dell ambiente (tale processo risulta particolarmente difficile nelle aree di alta montagna, dove le condizioni climatiche e la breve stagione vegetativa non permettono un pieno recupero dei danni prodotti dal passaggio del ciclista). La nuova pratica sportiva della bicicletta ha causato in montagna anche il sorgere di conflitti con altri soggetti che spesso non gradiscono o tollerano a malapena il cicloturista: conflitti con gli escursionisti a piedi, dovuti in genere all elevato rischio di incidenti sui sentieri più stretti; conflitti con i proprietari dei terreni e dei fondi percorsi dai ciclisti; 17

19 conflitti con i cacciatori a causa dell allontanamento della fauna selvatica da parte dei ciclisti; conflitti con gli operatori turistici, che si orientano prevalentemente verso il visitatore tradizionale. La problematica dell impatto ambientale del mountain biking e i conflitti che ne derivano devono necessariamente essere risolti mediante l utilizzo di strumenti appropriati, in primo luogo la regolamentazione di queste attività da parte di chi amministra e gestisce il territorio. Equitazione Andare a cavallo costituisce un approccio alla natura tra i più corretti, trattandosi di un'attività che non danneggia l'ambiente e non produce rumori molesti. Al di là di queste ragioni, il turismo equestre è anche uno sport di grande fascino che permette a chi lo pratica di raggiungere luoghi lontani dai centri abitati dove le auto non possono arrivare. Il continuo aumento degli ippoturisti, del resto, è la prova tangibile di un interesse e di un'attenzione sempre crescenti. I soggiorni in strutture attrezzate e i viaggi a cavallo sono le due principali opportunità offerte da questa nuova forma di turismo naturalistico. Centri di turismo equestre, collegati all'ante (Associazione Nazionale per il Turismo Equestre e per l'equitazione di Campagna) e quindi "raccomandati" o "riconosciuti" da questa associazione, sono sorti in tutta Italia ed anche in Friuli; essi dispongono di una attrezzatura ricettiva che va dal tipo alberghiero alle sistemazioni più spartane, come il camping o l'azienda agrituristica, e in più trasmettono, con gli interventi di guide ed istruttori, le prime nozioni o le tecniche migliori per andare a cavallo. Gli ospiti vengono anche coinvolti nelle attività della scuderia, provvedendo direttamente all'abbeveraggio e alla distribuzione delle razioni, oltre che alla cura, alla pulizia e alla sellatura del cavallo che sarà montato. Le giornate trascorrono all'insegna delle uscite in campagna e delle visite a luoghi di interesse naturalistico e paesaggistico. I viaggi a cavallo non sono di facile realizzazione e comportano un'organizzazione complessa: è necessario infatti tracciare gli itinerari e in alcuni casi farsi concedere i diritti di passo, suddividere il tragitto da coprire in tappe e predisporre gli alloggi per uomini ed animali. Per ogni giornata di cammino si deve raccogliere una serie di informazioni minuziose riguardanti le aree da attraversare, la localizzazione dei punti di appoggio, la presenza di scuderie nella zona. Non si potranno trascurare nemmeno gli indirizzi dei veterinari, dei 18

20 maniscalchi, dei sellai, dei fornitori di foraggio, dei pronto soccorso locali, dei campeggi e degli agriturismi attrezzati. Un contributo rilevante sotto il profilo organizzativo ed informativo può essere fornito dall'ante, che promuove numerose iniziative nel settore. Sotto l'egida del Ministero del Turismo e di quello delle Politiche Agricole, protegge e valorizza il mondo e il patrimonio rurale, con particolare attenzione al mantenimento dei sentieri e alla preparazione di itinerari inediti. Costituita nel 1968, l'associazione, senza scopo di lucro, sovrintende ad oltre duecento maneggi e raggruppa circa 5000 soci per i quali svolge importanti servizi: redige carte topografiche con i tracciati percorribili e fornisce indicazioni sui posti tappa, mantiene contatti con le principali organizzazioni europee ed internazionali e concede brevetti di cavaliere, accompagnatore e guida. Impatto ambientale L'escursionismo equestre è un'attività sportiva del tutto compatibile con l'ambiente se praticata in modo corretto e rispettoso. Effetti negativi si possono verificare in caso di abbandono di piste e tracciati predisposti per il trekking a cavallo, soprattutto se si tratta di itinerari che attraversano aree sensibili. Il rischio è che si inneschino processi erosivi e che vengano arrecati danni alla vegetazione e alla superficie del suolo. L'entità dei danneggiamenti dipende generalmente dalla frequenza dei transiti e dalla capacità di rigenerazione dell'ambiente, che a sua volta è influenzata dalle caratteristiche del terreno, dal tipo e dalle condizioni della vegetazione. Analogamente comportamenti scorretti e inopportuni possono provocare disturbo agli animali soprattutto durante l'alimentazione e l'allevamento dei piccoli. E' inoltre preferibile non concentrare l'attività nelle zone già frequentate da altri fruitori, quali escursionisti o cicloturisti. Non bisogna dimenticare che l'utilizzo del cavallo consente allo sportivo di ampliare notevolmente il proprio raggio di azione, aumentando così il potenziale di disturbo rispetto a un frequentatore abituale. Eventuali conflitti possono sorgere con i proprietari di terreni, a causa dell'attraversamento dei fondi al di fuori dei tracciati e del conseguente danneggiamento che si può verificare. Alla crescente richiesta di turismo equestre va data una risposta in termini di aree idonee e compatibili. Un parco naturale risponde perfettamente a questa esigenza. Offre garanzie da un punto di vista pedologico, presentando tracciati in terra battuta, sentieri, zone incolte, sottobosco, e dà la possibilità di percorrere itinerari ben indicati da paline e tabelle. Talvolta 19

p.c. L ECO DI BERGAMO LORO SEDI

p.c. L ECO DI BERGAMO LORO SEDI Bergamo, 18 febbraio 2011 Spettabili - Regione Lombardia Sede Territoriale di Bergamo - Ente Regionale per i Servizi all'agricoltura e alle Foreste - Provincia di Bergamo - Prefettura di Bergamo - Comuni

Dettagli

Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. Disciplina organica del turismo. da Art. 1 ad Art.

Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002. Disciplina organica del turismo. da Art. 1 ad Art. Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 16/01/2002, N. 002 Disciplina organica del turismo. da Art. 1 ad Art. 181 *** TITOLO I PRINCIPI GENERALI Principi generali da Art.

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 -

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 - Osservatorio Provinciale per il Turismo Servizio Turismo - Provincia Autonoma Trento www.turismo.provincia.tn.it/osservatorio/ Ufficio Piste ciclopedonali Servizio Conservazione della natura e valorizzazione

Dettagli

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Il turismo e le aree protettein Italia. Verso gli Stati generali Fabriano 8-9 ottobre 2014 Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Giuseppe Dodaro Realizzazione di un approfondimento

Dettagli

RIFLESSIONI E ASPETTI GENERALI PER UNA PIANIFICAZIONE INTEGRATA DEL PIANO DEL CANSIGLIO.

RIFLESSIONI E ASPETTI GENERALI PER UNA PIANIFICAZIONE INTEGRATA DEL PIANO DEL CANSIGLIO. RIFLESSIONI E ASPETTI GENERALI PER UNA PIANIFICAZIONE INTEGRATA DEL PIANO DEL CANSIGLIO. di PIPPO GIANONI INTRODUZIONE: Il territorio del Pian del Cansiglio ha un carattere agroforestale tipico delle aree

Dettagli

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa SOCIETA DELLE GUIDE DI GRESSONEY Sede legale: Località Tache 11020 Gressoney-La-Trinité (Ao) Sede ufficio: Località Lago Gover 11025 Gressoney-Saint-Jean (Ao) Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA INPDAP e I SOGGIORNI STUDIO 20 anni di Soggiorni Studio, tante generazioni di giovani che grazie all Istituto hanno avuto modo di confrontarsi con una esperienza all estero, dando loro una visione più

Dettagli

VACANZE STUDIO ITALIA PESCASSEROLI -AQ- HOTEL IL PICCHIO

VACANZE STUDIO ITALIA PESCASSEROLI -AQ- HOTEL IL PICCHIO INPDAP e I SOGGIORNI STUDIO 20 anni di Soggiorni Studio, tante generazioni di giovani che grazie all Istituto hanno avuto modo di confrontarsi con una esperienza all estero, dando loro una visione più

Dettagli

Dal tracciato alla fruizione turistica.

Dal tracciato alla fruizione turistica. Progetto Turismo Equestre Ippovie del Veneto Dal tracciato alla fruizione turistica. Franco Norido Settore Divulgazione Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica. Cos è una Ippovia

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo Allegato n 9 PIANO DIDATTICO CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO AE 1 LIVELLO STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE

ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE A 25 anni dall istituzione del Parco e 10 dalla Legge Regionale sulle Aree Protette, Legambiente propone al Parco e agli enti locali alcune di iniziative per rafforzare

Dettagli

CHI SIAMO COSA FACCIAMO

CHI SIAMO COSA FACCIAMO COMBINARE LO SPORT CON LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE E LA PROMOZIONE SOCIALE, CERCANDO DI EDUCARE LE PERSONE ALL ATTIVITÀ MOTORIA E ALL ESPLORAZIONE DEL TERRITORIO, IN COMPLETA ARMONIA CON L AMBIENTE CIRCOSTANTE,

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo PIANO DIDATTICO Allegato n 9 CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO 1 LIVELLO AE/AC STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

Corso di formazione per Guide Ambientali equestri

Corso di formazione per Guide Ambientali equestri Comune di Grosseto Centro di Educazione Ambientale CONSORZIO QUALITA' MAREMMA Iniziativa Comunitaria LEADER II Corso di formazione per Guide Ambientali equestri Corso di Formazione per guide ambientali

Dettagli

Attività per ragazzi ad adulti abituati alle escursioni. Attività dove è richiesto un buon allenamento alle escursioni

Attività per ragazzi ad adulti abituati alle escursioni. Attività dove è richiesto un buon allenamento alle escursioni Programma inverno 2014/15 Attività per tutta la famiglia. Limite età bimbi Attività per ragazzi ad adulti abituati alle escursioni Attività dove è richiesto un buon allenamento alle escursioni ACTIVITY

Dettagli

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Allegato B alla deliberazione consiliare n. 43 del 28 luglio 2010 Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Premessa: La montagna friulana

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30. Itinerari 1) GOUTA: boschi di conifere, prati, quota 1.100 m Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA SCUOL@NEVE.2014

OFFERTA FORMATIVA SCUOL@NEVE.2014 PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA SCUOL@NEVE.2014 IL CENTRO E I SOGGIORNI PER RAGAZZI Il Centro formativo Candriai è una struttura alberghiera che dispone di 70 posti letto, un ambiente familiare dall atmosfera

Dettagli

Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, CAI & promosse in collaborazione con l A.S.D. ViviMottarone

Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, CAI & promosse in collaborazione con l A.S.D. ViviMottarone Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, CAI & promosse in collaborazione con l A.S.D. ViviMottarone Cari insegnanti, per l imminente stagione invernale vi proponiamo le offerte formative

Dettagli

Scopri la Toscana. anche d inverno

Scopri la Toscana. anche d inverno Scopri la Toscana anche d inverno ABETONE LO SCI PROTAGONISTA Consorzio Abetone Multipass Via Brennero 429-51021 Abetone (PT) Tel. + 39 0573 60557 - +39 0573 606780 +39 0573 60556 (Bollettino neve) www.multipassabetone.it

Dettagli

Progetto interregionale cicloturismo

Progetto interregionale cicloturismo Progetto interregionale cicloturismo 1 Indice 1 Premessa...2 2 Titolo del progetto...3 3 Obiettivi...3 4 Descrizione generale...3 5 Azioni previste...4 6 Dettaglio fasi...5 Fase preliminare...5 Fase di

Dettagli

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra il Consorzio di gestione del Parco regionale delle Orobie Bergamasche, di seguito

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il lato migliore di una vacanza: südtirol privat. I più eleganti bed & breakfast e appartamenti dell Alto Adige

COMUNICATO STAMPA. Il lato migliore di una vacanza: südtirol privat. I più eleganti bed & breakfast e appartamenti dell Alto Adige Il lato migliore di una vacanza: südtirol privat I più eleganti bed & breakfast e appartamenti dell Alto Adige Intimità e cordialità! pagina 1 di 5 È qualcosa di particolare, una vacanza rilassante, armonizzata

Dettagli

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio PIANO DI GESTIONE Il Piano di gestione per la proposta progettuale di riqualificazione dell Amiantifera

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO REGIONE VENETO PROVINCIA DI BELLUNO COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO C. A. P. 3 2 0 4 3 C o r s o I t a l i a n. 3 3 T e l. 0 4 3 6 / 4 2 9 1 f a x 0 4 3 6 / 8 6 8 4 4 5 SERVIZIO CULTURA TURISMO E SPORT DETERMINAZIONE

Dettagli

Regione Puglia: Legge regionale 22/05/1985 N. 34 Bollettino Ufficiale Regionale N. 72 del 04/06/1985 Interventi a favore dell'agriturismo.

Regione Puglia: Legge regionale 22/05/1985 N. 34 Bollettino Ufficiale Regionale N. 72 del 04/06/1985 Interventi a favore dell'agriturismo. Regione Puglia: Legge regionale 22/05/1985 N. 34 Bollettino Ufficiale Regionale N. 72 del 04/06/1985 Interventi a favore dell'agriturismo. Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL COMMISSARIO

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

Legge Regionale 2 luglio 2014 n. 16 Istituzione degli Ecomusei della Sicilia. (Sicilia, Gazz. Uff. Reg. sic. 11 luglio 2014, n. 28, S.O. n.

Legge Regionale 2 luglio 2014 n. 16 Istituzione degli Ecomusei della Sicilia. (Sicilia, Gazz. Uff. Reg. sic. 11 luglio 2014, n. 28, S.O. n. Legge Regionale 2 luglio 2014 n. 16 Istituzione degli Ecomusei della Sicilia. (Sicilia, Gazz. Uff. Reg. sic. 11 luglio 2014, n. 28, S.O. n. 22) REGIONE SICILIANA L'ASSEMBLEA REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

MONTAGNAUISP - TUTTI IN PARADISO

MONTAGNAUISP - TUTTI IN PARADISO MONTAGNAUISP - TUTTI IN PARADISO Settimana di sport invernali nel Parco Nazionale del Gran Paradiso Noasca, Valle dell Orco 20-27 febbraio 2011 Brevemente l antefatto... Nell ambito delle attività della

Dettagli

PROGRAMMA SETTIMANALE DAL 21 DICEMBRE AL 13 MARZO

PROGRAMMA SETTIMANALE DAL 21 DICEMBRE AL 13 MARZO PROGRAMMA SETTIMANALE DAL 21 DICEMBRE AL 13 MARZO LUNEDI Andalo h. 10,00 / 15,00 -SCI: corso tempo pieno dal lunedì al venerdì Kids 6+ Corso di sci tenuto da Maestri di sci e Guide Alpine per dare ai tuoi

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

PROTOCOLLO DI ATTUAZIONE DELLA CONVENZIONE DELLE ALPI DEL 1991 NELL AMBITO DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PROTOCOLLO DI ATTUAZIONE DELLA CONVENZIONE DELLE ALPI DEL 1991 NELL AMBITO DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PROTOCOLLO DI ATTUAZIONE DELLA CONVENZIONE DELLE ALPI DEL 1991 NELL AMBITO DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PROTOCOLLO "PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SVILUPPO SOSTENIBILE"

Dettagli

Si è pensato di riassumere le diverse definizioni nel modo seguente:

Si è pensato di riassumere le diverse definizioni nel modo seguente: 3.1.3 IN MONTAGNA Prima di effettuare l'uscita nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, sul questionario è stato chiesto ai bambini se conoscevano questa realtà o meno, e a che cosa potesse servire un parco

Dettagli

CONVENZIONE tra Unione Italiana Sport per tutti e Parco Nazionale Appennino tosco-emiliano

CONVENZIONE tra Unione Italiana Sport per tutti e Parco Nazionale Appennino tosco-emiliano CONVENZIONE tra Unione Italiana Sport per tutti e Parco Nazionale Appennino tosco-emiliano Oggetto: Sviluppo e promozione di attività sportive sostenibili sul territorio del Parco Nazionale dell Appennino

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PALESTRA ARRAMPICATA CAI CORSICO

REGOLAMENTO GENERALE PALESTRA ARRAMPICATA CAI CORSICO REGOLAMENTO GENERALE PALESTRA ARRAMPICATA CAI CORSICO NORME GENERALI 1. Il presente Regolamento disciplina l ingresso e l utilizzo della palestra di arrampicata CAI Corsico e gestita dalla Scuola di Alpinismo

Dettagli

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA DISCIPLINARE DI QUALITÀ DELLA STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. TIPOLOGIE DI AZIENDE AMMESSE NELL ITINERARIO...5 2. REQUISITI DI QUALITÀ... 6 2.1. AZIENDE, CONSORZI E COOPERATIVE

Dettagli

LA LUXURY SAFARY TENTS LA CASA MOBILE

LA LUXURY SAFARY TENTS LA CASA MOBILE IL CAMPEGGIO.. Lo ZOO CAMPING, gestito dalla Fam. SALVATERRA fin dal momento della sua inaugurazione nel 1976, offre alla clientela l opportunità di trascorrere le proprie vacanze all'insegna di svago,

Dettagli

LE AZIONI REALIZZATE NEL 2001: INDICAZIONI PER LA PROGRAMMAZIONE 2002

LE AZIONI REALIZZATE NEL 2001: INDICAZIONI PER LA PROGRAMMAZIONE 2002 LE AZIONI REALIZZATE NEL 2001: INDICAZIONI PER LA PROGRAMMAZIONE 2002 Prima di entrare nel merito della descrizione dei progetti previsti in ogni singolo filone d intervento per il 2002, ci è sembrato

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA #################### Art. 1 Caratteri generali della Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Ferrara Art. 2 Standard di

Dettagli

VENETO IN BICICLETTA:

VENETO IN BICICLETTA: Monselice, 28 novembre 2011 GAL Patavino GAL Bassa Padovana Su due ruote tra i Colli Euganei e la Bassa Padovana VENETO IN BICICLETTA: Piano di valorizzazione del cicloturismo Rete Escursionistica Veneta

Dettagli

CONVENZIONE NUOVO E RINNOVO GIOVANI ASS.STRADALE 49,00 43,00

CONVENZIONE NUOVO E RINNOVO GIOVANI ASS.STRADALE 49,00 43,00 Araba Fenice Veneto www.cralaraba.com - E-mail : cralaraba@virgilio.it fax 0498995614 CONVENZIONE Anche quest anno proponiamo ai nostri soci la convenzione con il Touring Club Italiano. Con l iscrizione

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Progetto Eco-Turistico

Progetto Eco-Turistico Progetto Eco-Turistico Morro de San Paolo - Bahía Nord Est del Brasile Spiaggia di Garapuà Indice 1) MORRO DI SAN PAOLO Introduzione 2) TAMACA - LOCALIZZAZIONE - LE FASI DEL PROGETTO DI SVILUPPO URBANISTICO

Dettagli

LA MONTAGNA VICINA PROGRAMMA DI AVVICINAMENTO E CONOSCENZA DELLA MONTAGNA PER STUDENTI ISTITUTO ALBERT LANZO

LA MONTAGNA VICINA PROGRAMMA DI AVVICINAMENTO E CONOSCENZA DELLA MONTAGNA PER STUDENTI ISTITUTO ALBERT LANZO LA MONTAGNA VICINA PROGRAMMA DI AVVICINAMENTO E CONOSCENZA DELLA MONTAGNA PER STUDENTI ISTITUTO ALBERT LANZO Ala di Stura Ottobre 2008 1 A - AMBIENTE MONTANO: RISORSA di cui approfittare Fruizione ambiente

Dettagli

precedente messaggio, Strada dei Sapori e dei Colori della Collina Torinese, in vista di una integrazione tra i due tronconi progettuali.

precedente messaggio, Strada dei Sapori e dei Colori della Collina Torinese, in vista di una integrazione tra i due tronconi progettuali. Protocollo d intesa tra la Provincia di Torino, i Comuni di Cambiano, Carmagnola, Chieri, Cinzano, Poirino, Pralormo, Riva presso Chieri, Santena e, rappresentati attraverso l Unione della Collina Torinese,

Dettagli

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano prima edizione gennaio 2006 ultimo aggiornamento 14-06-2011 1 La mobilità ciclistica Tutti, a ragione, ritengono che l

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

Campi Avventura. Vacanze Estive 2015 per ragazzi dai 7 ai 17 anni

Campi Avventura. Vacanze Estive 2015 per ragazzi dai 7 ai 17 anni Campi Avventura Vacanze Estive 2015 per ragazzi dai 7 ai 17 anni Gli scenari dei Campi Avventura, per un Turismo Sostenibile" Comune di Comune Sant Urbano di Sant Urbano Casa Marina - Via Sottovenda, 3

Dettagli

Piano Paesaggistico Regionale. La proprietà collettiva: una risorsa per la gestione del paesaggio montano

Piano Paesaggistico Regionale. La proprietà collettiva: una risorsa per la gestione del paesaggio montano La proprietà collettiva: una risorsa per la gestione del paesaggio montano Nadia Carestiato Gruppo di lavoro dell Università degli Studi di Udine La proprietà collettiva Piano Paesaggistico Regionale Istituzione

Dettagli

Campi Avventura. Vacanze Estive 2014 per ragazzi dai 7 ai 18 anni divisi per fasce d età

Campi Avventura. Vacanze Estive 2014 per ragazzi dai 7 ai 18 anni divisi per fasce d età Campi Avventura Vacanze Estive 2014 per ragazzi dai 7 ai 18 anni divisi per fasce d età Cos è un Campo Avventura? Il Campo Avventura è un esperienza di vacanza per bambini e ragazzi, proposta dalla coop.

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Sede, dominio internet, marchio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II CARATTERISTICHE IDENTITARIE DELL ECOMUSEO, MISSIONE, SCOPI E FINAILITA Art. 3 Caratteristiche identitarie

Dettagli

UNA MONTAGNA PER TUTTI: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano Progetto INTERREG IIIA

UNA MONTAGNA PER TUTTI: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano Progetto INTERREG IIIA UNA MONTAGNA PER TUTTI: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano Progetto INTERREG IIIA OBIETTIVO: Avviare un processo verso un turismo accessibile, per rendere il territorio montano a cavallo

Dettagli

PROGETTO PER L ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE

PROGETTO PER L ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE ASSOCIAZIONE IMPRENDITORI ED OPERATORI DEL TURISMO ALL ARIA APERTA In collaborazione con lo Studio Tecnico Dott. Agr. Massimo Badino PROGETTO PER L ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE Una grande risorsa

Dettagli

Le Fasi della manovra sono:

Le Fasi della manovra sono: È indispensabile per una questione di sicurezza imparare a svolgere la manovra seguendo una sequenza di operazioni predeterminate. Le Fasi della manovra sono: 1. Auto-assicurazione 2. Predisposizione dell'ancoraggio

Dettagli

VACANZE DI CUCINA BIO VEGAN IN TOSCANA

VACANZE DI CUCINA BIO VEGAN IN TOSCANA VACANZE DI CUCINA BIO VEGAN IN TOSCANA Volete trascorrere una vacanza alternativa? Imparare le ricette tipiche toscane in versione vegana? Immergervi nella cultura italiana? LE NOSTRE VACANZE BIO SONO

Dettagli

AGRITURISMO DESCRIZIONE

AGRITURISMO DESCRIZIONE AGRITURISMO DESCRIZIONE L'attività di agriturismo nella Regione Veneto è stata regolata con Legge Regionale 18 aprile 1997, n. 9 che stabiliva i principi, le finalità e le condizioni per lo svolgimento

Dettagli

RIORDINO E RAZIONALIZZAZIONE DELLE PROFESSIONI TURISTICHE. Art. 1 Oggetto e finalità

RIORDINO E RAZIONALIZZAZIONE DELLE PROFESSIONI TURISTICHE. Art. 1 Oggetto e finalità RIORDINO E RAZIONALIZZAZIONE DELLE PROFESSIONI TURISTICHE Art. 1 Oggetto e finalità La presente legge disciplina la materia delle professioni turistiche nel rispetto delle norme costituzionali e comunitarie,

Dettagli

CERESOLE REALE. Escursionismo e mobilità sostenibile

CERESOLE REALE. Escursionismo e mobilità sostenibile CERESOLE REALE Escursionismo e mobilità sostenibile Ceresole Reale Porta del versante piemontese del Parco Nazionale Gran Paradiso, il più antico d Italia. Escursionismo a stella 150 km di sentieri. Crocevia

Dettagli

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri 2007 -Indagine sul settore AGRITURISMO in provincia di FIRENZE 4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri Fino a qualche anno fa, molte aziende agrituristiche non avevano

Dettagli

SocioMETREX PROJECT. The Social Face of Sustainability. Report 8 IT

SocioMETREX PROJECT. The Social Face of Sustainability. Report 8 IT SocioMETREX PROJECT The Social Face of Sustainability Report 8 IT Relazione per la Riunione METREX di Stoccarda sugli esiti del progetto SocioMETREX Nye Bevan House, 20 India Street, GLASGOW, G2 4PF T.

Dettagli

CUSTOMER CARE TURISTI

CUSTOMER CARE TURISTI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con CUSTOMER CARE TURISTI RAPPORTO ANNUALE Marzo 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Versione: 1.0

Dettagli

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero Attrezzato EEA / F, per escursionisti esperti con attrezzatura / facile, nella zona dell Altissimo

Dettagli

1) CHE COS E UNA DORSALE CICLOTURISTICA?

1) CHE COS E UNA DORSALE CICLOTURISTICA? 1) CHE COS E UNA DORSALE CICLOTURISTICA? Una dorsale cicloturistica è una infrastruttura leggera, di lunga percorrenza, utilizzata esclusivamente da ciclisti. Le dorsali sono normalmente caratterizzate

Dettagli

PROGRAMMA SETTIMANALE DAL 21 DICEMBRE AL 13 MARZO

PROGRAMMA SETTIMANALE DAL 21 DICEMBRE AL 13 MARZO PROGRAMMA SETTIMANALE DAL 21 DICEMBRE AL 13 MARZO LUNEDI Andalo h. 10,00 / 15,00 -SCI: corso tempo pieno dal lunedì al venerdì Kids 6+ Corso di sci full time tenuto da Maestri di sci e Guide Alpine. 25

Dettagli

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco Via Alpinistica PD / Poco Difficile, con passaggi su roccia di I, II e III grado (II obbligatorio) che conduce alla cima del Monte Baone (480). Descrizione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori Gentile Visitatore, attraverso l adesione alla Carta Europea per il Turismo sostenibile

Dettagli

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico IN COLLABORAZIONE CON SETTORE PROMOZIONE DEL TERRITORIO Comune di Cabras PHOINIX percorso archeologiconaturalistico Report dell incontro di presentazione del 10 aprile 2015 Progettisti: Arch. Pier Paolo

Dettagli

L IMPRESA TURISTICA OGGI: dal controllo economico alla crescita multimediale. Report Finale

L IMPRESA TURISTICA OGGI: dal controllo economico alla crescita multimediale. Report Finale L IMPRESA TURISTICA OGGI: dal controllo economico alla crescita multimediale Report Finale 1. Le origini del progetto e contesto di riferimento Il seguente progetto nasce da un analisi svolta da Confesercenti

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI GRATUITO

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI GRATUITO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI GRATUITO Tema: le Attività Outdoor e le Potenzialità formative e educative degli Sport in Ambiente Naturale Date di svolgimento 2 giorni con pernottamento e trattamento

Dettagli

Relazione per la Riunione METREX di Stoccarda sugli esiti del progetto SocioMETREX

Relazione per la Riunione METREX di Stoccarda sugli esiti del progetto SocioMETREX Relazione per la Riunione METREX di Stoccarda sugli esiti del progetto SocioMETREX Le relazioni 1-7 sui quattro workshop SocioMETREX (2001-2003) sono disponibili nel sito web METREX all indirizzo: www.eurometrex.org.

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE DI USO DEL VERDE pubblico TITOLO I Ambito di Applicazione - Disposizioni Generali ART.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Gest. dei Serv. Turistici A.A. 2014-2015 Economia del turismo Prof.ssa Carla Massidda Sezione 1 INTRODUZIONE ALL ECONOMIA

Dettagli

Nuovi fondi e nuove opportunità per lo Sviluppo Rurale 2014-2020

Nuovi fondi e nuove opportunità per lo Sviluppo Rurale 2014-2020 Nuovi fondi e nuove opportunità per lo Sviluppo Rurale 2014-2020 Cos è il GAL Il territorio del GAL I numeri delle precedenti programmazioni La strategia per il periodo 2014-2020 Nell'ambito dell'iniziativa

Dettagli

DOLOMITI FRIULANE, DOLOMITI SCONOSCIUTE

DOLOMITI FRIULANE, DOLOMITI SCONOSCIUTE DOLOMITI FRIULANE, DOLOMITI SCONOSCIUTE Trekking ad anello da rifugio a rifugio nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, dal 2009 patrimonio mondiale dell Unesco Rosso: circuito prinicipale Rosa: itinerari

Dettagli

www.bikearound.it bike@round by Alterego srl @ via F. Chiaves 1/B 10015 Ivrea (TO)

www.bikearound.it bike@round by Alterego srl @ via F. Chiaves 1/B 10015 Ivrea (TO) VACANZE, TOUR E TRAINING IN BICICLETTA www.bikearound.it bike@round by Alterego srl @ via F. Chiaves 1/B 10015 Ivrea (TO) BICICLETTA = passione bike@round IL MIX = fenomeno culturale e stile di vita: turismo

Dettagli

Guida rapida ai percorsi formativi

Guida rapida ai percorsi formativi Guida rapida ai percorsi formativi Aspirante Guida alpina e Guida alpina Maestro d Alpinismo Corsi Propedeutici I Corsi Propedeutici sono moduli informativi organizzati dal Collegio Regionale delle Guide

Dettagli

MUSEI DI CLASSE. Premessa

MUSEI DI CLASSE. Premessa MUSEI DI CLASSE Attività didattica per la scuola primaria e secondaria Premessa 1 La didattica museale acquista sempre maggiore importanza all interno delle attività ordinarie dei musei per la sua valenza

Dettagli

Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e attività all aria aperta

Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e attività all aria aperta PARCO MATILDICO DI MONTALTO via Lolli, 45 43030 Vezzano sul Crostolo (RE) tel./fax. 0522-858432 info@parcomatildico.com www.parcomatildico.com Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: voce 4: NARBOLIA: TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE SETTORE e Area di Intervento: voce 5: C/04 Salvaguardia e tutela di parchi e oasi naturalistiche

Dettagli

TITOLO III. Art. 46 (Definizione)

TITOLO III. Art. 46 (Definizione) Legge regionale 11 luglio 2006, n. 9. Testo unico delle norme regionali in materia di turismo. OMISSIS.. TITOLO III Professioni turistiche Art. 46 - Definizione Art. 47 - Abilitazione Art. 48 - Esenzioni

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

GAL dei Due Laghi Progetto Turismo Tematico Il Poliedro Istituto di Ricerche

GAL dei Due Laghi Progetto Turismo Tematico Il Poliedro Istituto di Ricerche CAPITOLO 1 Premessa Obiettivi, metodologia, inquadramento 1 L obiettivo del Progetto è quello di proporre, mediante una attenta lettura dei flussi turistici e delle risorse e opportunità locali, alcuni

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

*C.E.A. riconosciuto dalla Regione Abruzzo come Centro di Interesse Regionale (L.R. n. 122 del 29/11/1999)

*C.E.A. riconosciuto dalla Regione Abruzzo come Centro di Interesse Regionale (L.R. n. 122 del 29/11/1999) Majambiente S.C.arl Centro Visita Valle dell Orfento, via del vivaio, - 65023 Caramanico Terme (Pescara) ( +39 085 92 23 43 - www.majambiente.it - majambiente@pec.it - info@majambiente.it Escursioni, Trekking

Dettagli

Progetto Sentieri dei Colli Berici

Progetto Sentieri dei Colli Berici Progetto Sentieri dei Colli Berici Proposta di progetto per la creazione di una struttura dedicata alla gestione, manutenzione e promozione della rete sentieristica dei Colli Berici Preventivo versione

Dettagli

CORSO DI GUIDA IN MOUNTAIN BIKE

CORSO DI GUIDA IN MOUNTAIN BIKE Via Sandro Pertini 34/B 20019 Settimo Milanese (MI) Tel: 339.6817492 Fax: 02.70038183 gcardin@geologi.it CORSO DI GUIDA IN MOUNTAIN BIKE PROGETTO DI EDUCAZIONE AL CORRETTO USO DELLA BICICLETTA E RISCOPERTA

Dettagli

Nella speranza di rinnovare la collaborazione con Voi, ci rendiamo disponibili per eventuali incontri nei vostri istituti.

Nella speranza di rinnovare la collaborazione con Voi, ci rendiamo disponibili per eventuali incontri nei vostri istituti. Cari insegnanti, per la nuova stagione invernale la scuola Sci Stella Alpina Mottarone propone il progetto scuole sulla neve. Da anni operiamo in collaborazione agli istituti scolastici del territorio

Dettagli

Art. 1 Settori di intervento

Art. 1 Settori di intervento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1953/1173 del 5.7.1991 di revoca della deliberazione 574

Dettagli