3. Indicazioni per incentivare la fruizione turistico-naturalistica, la divulgazione e l'educazione ambientale nel parco: 143

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Indicazioni per incentivare la fruizione turistico-naturalistica, la divulgazione e l'educazione ambientale nel parco: 143"

Transcript

1

2 PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE - L.R. 42/96 Piano pluriennale per la fruizione turistico naturalistica, la divulgazione e l'educazione ambientale PARTE PRIMA Introduzione 4 1. Il turismo nelle aree protette Il turismo verde: tipologie di fruitori Turismo ricreativo Turismo escursionistico Turismo scolastico Turismo scientifico Le azioni da intraprendere per incentivare il turismo verde La promozione dell'offerta turistica Le fasi dello sviluppo del turismo verde Conciliare la valorizzazione turistica con la tutela dell'area protetta Progettare percorsi di fruizione Adeguare la ricettività al turismo verde Offrire servizi informativi e didattici Il Parco delle Prealpi Giulie Il territorio del Parco Geologia Flora e vegetazione Fauna I comuni del Parco Situazione socio-demografica Situazione economico-produttiva e occupazionale Le cooperative e il Parco I collegamenti Le risorse turistiche del Parco Risorse naturali: I fenomeni geomorfologici Risorse naturali: la flora Risorse naturali: la fauna Risorse naturali: i problemi della conservazione e valorizzazione 74 1

3 2.3.5 Risorse architettoniche Risorse culturali Sintesi I servizi turistici disponibili nella zona del Parco Ricettività Sport Informazione La domanda turistica nel Parco Statistiche della domanda turistica nelle strutture ricettive La domanda turistica per visite e escursioni Sintesi Indicazioni per incentivare la fruizione turistico-naturalistica, la divulgazione e l'educazione ambientale nel parco: Organizzazione, commercializzazione e promozione del prodotto turistico La qualificazione dell'offerta turistica Il comprensorio delle prealpi giulie Il prodotto turistico La promozione L'informazione Le risorse umane Gli strumenti Interventi per l'adeguamento della ricettività Ricettività alberghiera Ricettività in abitazioni o stanze in affitto Ricettività sociale Ricettività in agriturismi Ricettività in campeggi e camper Ricettività in alta quota Interventi per l'adeguamento delle strutture,servizi di animazione e informazione Centri visita Punti informativi Giardini botanici Ecomuseo in Val Resia Interventi per l'adeguamento di percorsi, tracciati e servizi per lo sport Trekking Mountain bike Equitazione Arrampicata sportiva Lo sci 212 2

4 3.4.6 Canoa, kayak e rafting Volo libero Interventi per l'adeguamento dei servizi di didattica ed educazione ambientale Articolazione dell'offerta per tipo di esperienza didattica Articolazione dell'offerta per tipo di contenuti Gli spazi e le strutture Il sistema di valutazione Interventi per l'adeguamento della pubblicistica e della promozione turistica Editoria didattica Editoria scientifica e naturalistica Editoria promozionale Qualificazione e valorizzazione delle risorse umane L'animazione La formazione Animazione e ricerca intervento nel Parco delle Prealpi Giulie 250 3

5 Introduzione Il turismo verde è una forma di fruizione del territorio che si basa sulle specificità ambientali sia di tipo naturalistico che storico-culturale. E' un'attività sostenibile, poiché non intacca le risorse di cui il territorio dispone, consistendo soprattutto nel godimento dei suoi beni immateriali, ed anzi può rappresentare un valido incentivo alla tutela dell'ambiente. Al centro di tutto vi è il patrimonio locale, costituito da ecosistemi naturali e dalla cultura materiale espressa dalle comunità che operano su quel territorio, e che si esplicita nell'articolazione del paesaggio agrario, nelle forme del costruito, nell'artigianato, nella gastronomia. Spesso tale patrimonio non è immediatamente percepibile, di conseguenza la sua fruizione non è né facile né immediata. In generale, affinché un'area di notevole valenza ambientale e culturale (è il caso dei parchi) sia anche attrattiva, è necessario che venga garantita un'offerta di servizi ricca ed articolata. Compito di chi promuove l'offerta turistica è di costruire programmi di fruizione anche complessi e comunicarli in modo semplice ai potenziali utenti. Il turismo verde nei parchi, per dimostrarsi efficace e remunerativo, deve articolarsi in percorsi, ovvero in programmi di fruizione che collegano luoghi e servizi in un insieme armonico. La realizzazione di questi percorsi comporta la partecipazione di diversi attori, i quali svolgono le rispettive funzioni in modo coordinato. Numerosi sono i programmi di fruizione realizzabili in un'area protetta: dipendono dal patrimonio locale esistente, dalla presenza e professionalità degli operatori nonché dai servizi disponibili sul posto. L'articolazione del Piano che viene presentato nelle pagine seguenti rispecchia questa logica. Il primo capitolo è dedicato all'analisi delle caratteristiche e delle potenzialità del turismo nelle aree protette. Vengono descritte le tipologie dei potenziali fruitori ed il tipo di prodotto turistico che può rispondere alle loro esigenze. Viene inoltre presentata una tipologia di percorsi di fruizione adeguati alle diverse esigenze ed aspettative dei turisti "verdi", con particolare attenzione ai servizi di supporto che devono essere attivati in relazione ai percorsi stessi. Il secondo capitolo è dedicato alla ricognizione della situazione attuale del Parco delle Prealpi Giulie e del territorio che lo ospita, nonché all'analisi delle risorse presenti e valorizzabili a fini turistici. Si analizzano quindi le caratteristiche ambientali del territorio e la situazione socio-demografica dei comuni interessati dal Parco. Vengono poi descritte le risorse disponibili per il turismo, distinguendo tra risorse naturali, architettoniche e culturali. 4

6 L'analisi prosegue prendendo in esame la disponibilità attuale di servizi per il turismo, in particolare dei servizi ricettivi, dei servizi per lo sport e dei servizi informativi. Infine viene presentata un'analisi della domanda turistica attuale nei comuni del Parco, basata in parte su dati statistici ed in parte su dati forniti dalle diverse associazioni culturali e pro loco dell'area, oltre che dallo stesso Ente Parco. Nel terzo capitolo, infine, basandosi sui risultati delle analisi territoriali descritte nel secondo capitolo, vengono presentate una serie di indicazioni operative per incentivare il turismo nel Parco. Le indicazioni coprono tutti i campi coinvolti nella programmazione turistica: la ricettività; i servizi di animazione, i servizi per lo sport e l'escursionismo; i servizi di didattica ed educazione; la pubblicistica e la promozione turistica; la qualificazione delle risorse umane. Dalle indicazioni operative vengono ricavate le schede-progetto (parte seconda), vere e proprie proposte progettuali di immediata spendibilità. Tali schede sono state elaborate tenendo conto dei seguenti criteri: 1. distribuire la progettualità su un arco temporale di 7 anni (dal 2001 al 2007) in analogia, e sfalsato di un anno, alla programmazione comunitaria ( ); 2. determinare le poste annuali tenendo conto delle disponibilità dell'ente collegate al trasferimento ordinario della Regione; 3. indicare la provenienza delle fonti di finanziamento extra trasferimento ordinario; 4. selezionare i programmi effettivamente da svolgere all'interno del perimetro del Parco o direttamente e funzionalmente connessi all'attività dell'ente; 5. inserire gli altri progetti al fine di proporre la loro realizzazione, anche in accordo con l'ente Parco, a tutti i soggetti di sviluppo presenti nell'area in relazione alle loro competenze. Nelle schede progettuali relative alle azioni che verranno realizzate direttamente dall'ente Parco viene indicato il preventivo di spesa dettagliato per singola annualità. In ogni settore di intervento a queste schede principali fanno seguito altre schede riferite ai progetti di cui l'ente riconosce l'importanza ed auspica la realizzazione anche da parte di altri soggetti coinvolgibili ciascuno sulla base delle proprie competenze. I progetti finanziati direttamente dall'ente Parco e quelli di cui è auspicata la realizzazione sono stati scorporati nel capitolo 4.3 in cui viene riportato il quadro complessivo delle spese previste dal Piano. 5

7 1. Il turismo nelle aree protette 1.1 Il turismo verde: tipologie di fruitori Con la definizione di "turismo verde" si indica una realtà che non è affatto omogenea e indifferenziata. Il mercato turistico "verde", oltre ad espandersi, tende infatti anche a differenziarsi al proprio interno. Per l'analisi delle potenzialità turistiche del Parco delle Prealpi Giulie si è utilizzata la distinzione fra quattro segmenti del mercato turistico verde: "ricreativo", "escursionistico", "scolastico", "scientifico" Turismo ricreativo Il turismo ricreativo rappresenta il segmento di turismo più ampio fra quelli che interessano i parchi. E' costituito da persone che ricercano soprattutto lo svago ed il riposo e che dimostrano un interesse generico nei confronti dell'ambiente naturale e del patrimonio storico-architettonico locale. Il rappresentante-tipo di questa categoria proviene da località relativamente vicine (in un raggio di 100 km, quali Udine e Trieste nel caso del Parco delle Prealpi Giulie); può essere un visitatore giornaliero (soprattutto domenicale) oppure il tradizionale villeggiante estivo o in vacanza durante le festività natalizie. Non troppo esigente e poco propenso al movimento, attratto dai monumenti e dalle risorse naturali più facilmente accessibili, si limita a richiedere i servizi turistici essenziali o a fare uso delle strutture attrezzate presenti in luoghi che possono essere raggiunti in auto o con brevi passeggiate. Si tratta di un turismo senza eccessive pretese, che comunque va "coltivato" e gestito con particolare attenzione, in quanto può garantire buone opportunità di sviluppo: promuovendolo si valorizza il territorio e si favorisce la conoscenza ed il rispetto dell'ambiente Turismo escursionistico L'escursionista è un turista dinamico, cerca il contatto diretto con la natura, è particolarmente sensibile e disponibile ad approfondire le conoscenze sulla cultura e le 6

8 tradizioni locali. Si muove a piedi, in bicicletta o a cavallo, non disdegnando percorsi difficili e impegnativi. Utilizza in modo sistematico i rifugi ed i bivacchi posti lungo i sentieri. Gran parte degli escursionisti che visitano un parco sono di provenienza locale. Appartengono alla categoria dei turisti giornalieri o di fine settimana e di solito si muovono in piccoli gruppi. E' questo un tipo di turismo assai esigente che punta alla qualità dei luoghi e dei servizi: ricerca infatti l'autenticità e la tipicità. Richiede a volte il servizio di guide e ha bisogno di strutture ed infrastrutture adeguate (sentieri percorribili, punti informativi efficienti, strutture ricettive accoglienti). Il turismo culturale, più settoriale, votato alle visite dei centri d'arte e dei monumenti, può essere inserito nella categoria. Nell'ambito di un'area protetta, il visitatore che ne fa parte viene stimolato ad allargare il proprio orizzonte di conoscenze all'ambiente naturale, accessibile nelle sue manifestazioni più dirette Turismo scolastico Il turismo scolastico si struttura nelle tradizionali gite e nei soggiorni che coinvolgono le scuole, organizzati questi ultimi nella forma di settimane o mini-settimane verdi e concentrati nel periodo primaverile o autunnale. Le classi provengono da scuole esterne all'area del parco, quasi esclusivamente della regione. E' un turismo che utilizza percorsi di fruizione ben definiti ed organizzati, volti a far conoscere ed apprezzare l'ambiente e la cultura locale. Risponde alle esigenze di formazione e alla domanda di educazione ambientale provenienti dagli istituti scolastici, soprattutto cittadini, di ogni ordine e grado. Il turismo scolastico si configura come una vera e propria attività economica, promossa da soggetti imprenditoriali quali le agenzie turistiche (raramente dall'ente parco) che definiscono e commercializzano il pacchetto ottemperando alle specifiche normative del settore Turismo scientifico Le risorse ambientali presenti in un parco e l'ampia documentazione scientifica che di norma è già disponibile sugli aspetti naturalistici dell'area costituiscono un indiscutibile elemento di attrazione per studiosi e ricercatori. Si tratta in primo luogo di persone che per motivi professionali (ricercatori, docenti universitari, dottorandi) dedicano parte del proprio lavoro alla ricerca sul campo, ma anche di studiosi dilettanti che amano trascorrere parte delle 7

9 vacanze in luoghi nei quali possono approfondire le proprie conoscenze naturalistiche. Una terza categoria di utenti è rappresentata da studenti universitari che frequentano corsi per i quali è previsto un periodo di attività sul campo: in questo caso la partecipazione avviene per gruppi di studenti accompagnati da uno o più docenti e/o assistenti e la permanenza varia in genere da pochi giorni fino a una settimana. Il turismo scientifico, oltre a risultare estremamente qualificante per il parco, può contribuire in maniera netta allo sviluppo del territorio, portando a conoscenza di un target strategico per la diffusione delle informazioni le peculiarità dell'area. Inoltre consente di avviare proficui contatti con le istituzioni universitarie italiane e straniere, anche al fine di stabilire forme di collaborazione per le attività di ricerca scientifica da condurre localmente. 1.2 Le azioni da intraprendere per incentivare il turismo verde La promozione dell'offerta turistica Alcuni elementi si dimostrano decisivi nella fruizione turistica di un'area protetta, per la quale, all'atto dell'istituzione, è già stata certificata l'elevata qualità e la notevole diversità delle risorse naturali e culturali che vi sono contenute e che necessitano di una gestione unitaria: 1. La conoscenza, ovvero l'acquisizione da parte del visitatore di informazioni sulle caratteristiche del territorio e sulle relative opportunità di fruizione, considerando l'articolazione e la molteplicità delle risorse disponibili, ma anche il contatto diretto con l'ambiente locale da cui possono scaturire le forme di apprendimento più immediate e consapevoli. Si tratta, a ben rifletterci, di una delle finalità istituzionali per cui il Parco è stato istituito e che muove il turismo verde catalizzando interessi ed attenzione. Ovviamente l'ente gestore e gli operatori turistici dovranno fare in modo di rendere efficace e coinvolgente questo trasferimento di conoscenza, facendo uso di tutti gli strumenti possibili ed adottando le più opportune strategie. Ciò può avvenire in modo diretto mediante strutture permanenti (centri visita, punti informativi, musei ed altri allestimenti) o attraverso l'organizzazione di manifestazioni che valorizzino aspetti e tradizioni locali; altrimenti fornendo al turista servizi e infrastrutture (sentieri, guide, noleggio biciclette, ma anche locali in cui sia possibile consumare piatti tipici) che gli consentano di muoversi sul territorio e di conoscerlo in modo 8

10 diretto. 2. La dinamicità, in quanto il Parco è esteso e le varie risorse vi si distribuiscono in modo diffuso. Se il desiderio di conoscenza e la volontà di fare esperienze costituiscono una sorta di cinghia di trasmissione per indurre il turista a far visita al Parco e a soggiornarvi, tali disposizioni si potranno manifestare solo attraverso frequenti spostamenti che in taluni casi si prospetteranno come necessità intrinsiche al tipo di fruizione prescelta. Vari saranno i mezzi utilizzati, conformi alla tipologia e agli interessi del visitatore, ma sempre si tratterà di percorsi di fruizione che collegheranno luoghi e servizi. Compito dell'operatore locale è di predisporre tali programmi, individuando il tema della visita e definendo di conseguenza l'itinerario fisico, con le strutture, le infrastrutture ed i servizi di cui si intende fare uso. Nel sistema di servizi che costituiscono l'ossatura dell'offerta turistica operano due soggetti: uno pubblico, rappresentato dall'ente gestore, ed una serie di operatori privati che svolgono varie attività e che rappresentano interessi diversi. Determinante è la presenza pubblica, il cui ruolo, qualunque sia il livello di coinvolgimento ed il grado di attivazione dei privati, è comunque quello di favorire lo sviluppo del turismo nei comuni interessati dal Parco. Infatti la sola offerta di servizi turistici privati normalmente non è sufficiente a rispondere alle esigenze della domanda, anche in considerazione del tipo di turismo da "coltivare", particolarmente esigente, e dell'elevato impegno richiesto nel soddisfare il visitatore. L'impegno che l'ente Parco deve assumersi varia in relazione al livello di sviluppo del turismo. Si possono individuare tre livelli di intervento, partendo da una situazione di sostanziale inerzia operativa quale è quella del Parco delle Prealpi Giulie: 1. Indirizzo dell'offerta locale. Si pone alla base di qualsivoglia processo di sviluppo nel settore turistico. Consiste nella definizione delle strategie da adottare individuando delle linee-guida che devono essere seguite per caratterizzare l'area sotto il profilo dell'offerta. Le azioni di promozione che ne derivano puntano ad orientare i servizi turistici verso determinate forme di fruizione del territorio. Nell'ambito del turismo verde, si deve valutare se va privilegiato il turismo ricreativo rispetto a quello escursionistico, quale ruolo deve assumere il turismo scolastico, ecc. Le stesse iniziative finalizzate a promuovere nuove imprenditorialità o ad attivare strumenti per la formazione professionale risentono ovviamente dell'indirizzo che si è deciso di assumere. 9

11 2. Offerta diretta di servizi turistici. In una prima fase, di fronte all'inadeguatezza e all'inesperienza dell'operatore privato che spesso non dispone neppure delle risorse necessarie ad intraprendere specifiche attività, l'ente locale (Ente Parco, Comune) procede in proprio all'attivazione di determinati servizi turistici, facendosi carico della loro gestione e mettendoli a disposizione nell'ambito dei programmi di fruizione del territorio, che a loro volta sono assoggettati alle norme del settore. L'iniziativa è necessaria da un lato per garantire comunque visibilità ad un'area che altrimenti non disporrebbe di servizi e di opportunità di richiamo (se si escludono, ovviamente, la natura e la cultura che ne costituiscono il fondamento), dall'altro può esercitare una funzione di stimolo alla nascita di nuove imprese che successivamente, una volta dimostrata la redditività del servizio, potrebbero rilevarlo sgravando l'operatore pubblico di un'attività dispendiosa e poco attinente ai fini istituzionali. Va aggiunto che alcune infrastrutture, come la sentieristica, non possono che essere di competenza pubblica. Altri servizi, invece, una volta realizzati e "testati", possono essere dati in gestione a cooperative locali o ad altri soggetti privati che, percepite le opportunità di sviluppo, si mettono sul mercato qualificando ulteriormente l'offerta. 3. Promozione e commercializzazione dell'offerta turistica. In una fase avanzata di sviluppo, con la presenza di servizi ed attività turistiche di buon livello, sufficientemente articolate e distribuite sul territorio, l'ente gestore può concentrare gli sforzi nella promozione turistica dell'area in generale e non più dei singoli servizi, puntando alla costruzione di un'immagine del Parco che sappia esprimere il livello raggiunto nel campo dell'offerta e procedendo nel contempo alla diffusione del relativo messaggio sul mercato. Anche in questa fase di maturazione acquisita l'ente deve continuare a svolgere un ruolo di raccordo tra gli interventi pubblici e quelli privati e di coordinamento: gli interventi a sostegno del sistema turistico vanno sempre orientati e resi omogenei, al fine di garantire la qualità dei servizi e la loro copertura sul territorio Le fasi dello sviluppo del turismo verde Di fronte ad una domanda turistica già esistente (gli attuali, limitati, flussi turistici dipendono dal richiamo che comunque il Parco già esercita e dalla presenza di città d'arte e di monumenti di grande rilievo localizzati all'esterno all'area protetta), è necessario avviare da subito un numero anche se limitato di servizi, che dovrebbero successivamente consolidarsi 10

12 ed affermarsi. Contestualmente gli operatori locali dovranno acquisire una ben maggiore consapevolezza del valore e delle opportunità di sviluppo legate al turismo verde. Il processo di sviluppo potrà verificarsi attraverso tre fasi: 1. La fase iniziale, propedeutica, prende avvio con la presenza sul territorio delle prime esperienze di offerta turistica. Si tratta di servizi pubblici (punti informativi qualificati distribuiti sul territorio, sentieri attrezzati, servizi di tipo museale) facilmente realizzabili ed attivabili in tempi brevi e limitati al solo territorio comunale. Ad essi devono collegarsi altri servizi turistici di natura privata di tipo tradizionale, come il servizio di guide naturalistiche, il noleggio di biciclette o il ristorante con piatti tipici. Ovviamente l'offerta non potrà che essere parziale e limitata, ma comunque dovrà costituire un segnale inequivocabile a dimostrazione della volontà dell'ente Parco di avviare un processo di sviluppo. Dovrà costituire inoltre un'iniezione di fiducia negli operatori locali affinché intervengano direttamente ed investano. 2. La seconda fase coincide con la presenza diffusa nei comuni del Parco di servizi utili alla conoscenza e alla fruizione dell'area protetta. Al potenziamento e all'evoluzione delle esperienze collaudate si aggiungerà l'apertura di altre strutture di cui l'ente Parco ha già previsto la realizzazione. Ma la qualificazione dell'offerta turistica dipenderà soprattutto dalla possibilità di poter disporre di percorsi articolati a livello di sistema territoriale, ovvero di programmi che non si limitino ad una sola località o ad un unico argomento di visita, ma che coinvolgano più settori del Parco e più operatori, attraverso la piena collaborazione dell'ente gestore e di altri soggetti pubblici con gli operatori privati. 3. La terza fase può decollare quando l'offerta è matura, ben distribuita ed articolata sull'intero territorio del Parco. L'ulteriore e definitivo salto di qualità dovrebbe riguardare l'estensione dell'offerta turistica all'esterno dei comuni dell'area protetta tramite l'inserimento in un circuito più allargato di proposte ricercando interlocutori di maggiore affidabilità (Aziende di Promozione Turistica, Direzione Regionale del Turismo, Consorzi Servizi Turistici), e questo per qualificare ulteriormente l'offerta affinché il Parco Naturale delle Prealpi Giulie possa meglio competere con altre strutture simili. A tal fine si può prospettare la realizzazione di percorsi di tipo provinciale e regionale, rivolti ad esempio al turismo scolastico. E' inoltre auspicabile la collaborazione con gli organismi di gestione di altre aree protette regionali (Parco Naturale delle Dolomiti Friulane) o di oltre confine (Parco del Triglav) per una promozione esterna più efficace e ad ampio raggio. In tale ambito potrebbe essere prospettata una campagna promozionale 11

13 attraverso l'individuazione di un marchio comune per differenziare e promuovere la qualità di prodotti e servizi offerti in un ambito territoriale più allargato. Decisivo, per la riuscita di tale processo di sviluppo, è il fattore umano, ovvero la capacità della comunità locale di credere nell'iniziativa. Per garantire una partecipazione efficace al progetto si dimostra fondamentale l'avvio da parte dell'ente gestore di una strategia finalizzata alla qualificazione e alla valorizzazione delle risorse umane attraverso attività di animazione e di formazione professionale. 1.3 Conciliare valorizzazione turistica e tutela dell'area protetta Ognuno dei diversi segmenti del turismo verde ha un approccio differente alle risorse naturali e storico-culturali dell'area protetta. Il turista ricreativo privilegia i beni naturalistici o architettonici più noti e più facilmente accessibili, preferibilmente se dotati di servizi come bar, ristoranti, punti di ristoro, ecc. In questo caso l'afflusso turistico, che tende a concentrarsi nei weekend e nella stagione estiva, rischia spesso di creare una pressione eccessiva sulla zona interessata, così da mettere a rischio le stesse attrattive che hanno motivato la visita. Per ridistribuire i flussi turistici nel territorio del Parco, in modo da "alleggerire" le aree sottoposte a particolare pressione e valorizzare altre zone meno conosciute, è necessario intervenire soprattutto sul turismo ricreativo. Per allargare il raggio di azione del turista ricreativo sono necessari interventi coordinati che riguardano sia l'informazione e la promozione, per far conoscere le zone meno note del Parco, sia i servizi, per venire incontro alle esigenze di un segmento turistico che è composto in buona parte da famiglie ed anziani. Il turista escursionista tende invece ad esplorare anche le aree più impervie e remote del Parco ed apprezza le risorse naturali meno accessibili. Si muove nell'area protetta a piedi o con mezzi di trasporto a basso impatto ambientale, come la bici o il cavallo. Questo non toglie che una totale mancanza di controllo su questo tipo di turismo possa creare problemi anche seri negli habitat più fragili e vulnerabili. Il turismo scolastico e quello scientifico rischiano ugualmente di avere impatti negativi in quelle zone del Parco che, proprio per il loro valore didattico o scientifico, sono particolarmente frequentate. 12

14 1.3.1 Progettare percorsi di fruizione Un importante strumento per valorizzare e tutelare al tempo stesso le risorse di un'area protetta è la creazione di percorsi. Il percorso infatti è un itinerario in grado di offrire un collegamento sia fisico che ideale tra una serie di località dotate di specifiche attrattive. Il filo conduttore è un tema, che unisce elementi di diverso tipo (naturalistico, storico, architettonico, culturale), aventi diversi livelli di interesse. Il percorso offre quindi al fruitore una chiave di lettura del territorio che va al di là della semplice visita ad alcune attrattive, perché gli permette di legare le singole emergenze ad un contesto d insieme. Risponde quindi ad una delle caratteristiche fondamentali del turismo verde (e del turismo sostenibile in generale), cioè la volontà di conoscere ed immergersi nel territorio visitato e nella sua cultura e non solamente di attraversarlo. E per questo che la presenza di un percorso può rendere turisticamente attraente anche un area che non dispone di risorse naturali o storico-culturali in grado, singolarmente prese, di giustificare un viaggio. Inoltre, suggerendo al turista l'itinerario da seguire e le modalità con cui percorrerlo, può anche costituire uno strumento di regolamentazione dei flussi turistici e quindi di tutela delle zone più vulnerabili dell'area protetta. La progettazione del percorso si basa in genere sulla rete stradale o sentieristica esistente e deve tenere conto del mezzo di trasporto da utilizzare per gli spostamenti. A questo riguardo va sottolineato che anche l'utilizzo di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale può, se non regolamentato, minacciare l'integrità degli ambienti attraversati. Nelle pagine che seguono tratteremo della creazione di tre tipi di percorsi: escursionisticisportivi, storico-culturali e accessibili, cioè dedicati a categorie particolari di utenti quali gli anziani o i portatori di handicap. Nel descrivere le tre diverse tipologie individuate si presterà particolare attenzione ai possibili impatti ambientali di queste forme di fruizione, affinché la loro attivazione non produca effetti negativi rispetto alle finalità di conservazione dell'area protetta. Percorsi escursionistici e sportivi L'escursionismo è un'attività sportiva e culturale insieme e come tale induce a camminare facendo dimenticare i mezzi di trasporto, aumentando a dismisura le possibilità di vedere, di osservare, cioè di conoscere i molteplici aspetti di un ambiente, di un territorio, di un 13

15 paesaggio. E' uno strumento validissimo per l'educazione ambientale dei giovani, e non solo, non a tavolino ma concreto; è un momento qualificato di conoscenza, perché basato sull'esperienza. Escursionismo è anche vivere insieme, è un momento di socializzazione e di apertura a modi diversi di vita; è scoperta in un giusto spirito d'avventura, è conquista della meta prefissa, è consapevolezza di riuscire a percorrere a piedi distanze prima impensabili, di riuscire a vivere del poco, del solo necessario, senza le esigenze imposte dalla società del "benessere": è libertà vera nella conquista dei valori semplici ed essenziali offerti dalla natura. Camminando si impara ad osservare le mille meraviglie che si presentano, non solo quelle macroscopiche di grandi panorami o splendidi tramonti, ma anche quelle più piccole e nascoste in cui la vita si esprime e si rigenera attorno, dal silenzio del bosco al canto di un uccello, dal filo d'erba che sbuca dalla roccia al bocciolo del fiore, dai mille colori della vegetazione di un prato o di un bosco alle infinite relazioni e interrelazioni della vita degli animali con le piante. Quanto appreso dall'esperienza non si dimentica più, inoltre durante le uscite e le visite all'aperto si trovano spunti e motivazioni per approfondire innumerevoli argomenti con spirito di vera ricerca, è un modo per riuscire a superare la divisione tra studio teorico e vita concreta. L'escursionismo è uno strumento che porta a conoscere ricchezze di cui nessuno parla e che molte volte nessun libro ha trattato, porta a conoscere valori antichi, opere della fatica di secoli, testimonianze dell'uomo che ha reso le povere terre di montagna vivibili con il suo intelligente lavoro quotidiano, con una tenacia ed una capacità di adattamento che hanno generato un equilibrio che ora, dove l'uomo se ne è andato, è in crescente modificazione e destinato a scomparire se non si provvede prontamente al suo recupero. L'escursionismo è quindi un mezzo efficace di valorizzazione di molti territori che possono trarre da questa nuova forma di turismo, che non ha bisogno di grandi strutture ed è rispettosa dell'ambiente, rilevanti benefici. Può rappresentare un sostegno ad un'economia fragile ed un'occasione per l'occupazione, giovanile in particolare, creando posti di lavoro, assai importanti per la microeconomia di montagna (recupero ambientale, salvaguardia del bosco, ripristino di vecchi sentieri ed antiche vie di comunicazione con ristrutturazione di edifici per punti tappa, attività di guide, ecc.) e per la valorizzazione di tradizioni locali, artigianato, gastronomia, agriturismo. L'escursionismo si lega spesso alla pratica sportiva, dando origine a una vasta gamma di forme di fruizione, che necessitano di percorsi specificamente progettati. 14

16 Trekking In montagna il trekking viene praticato su strade e piste forestali di collegamento con gli alpeggi, su sentieri e tracciati escursionistici. L'attività ha termine con le prime forti nevicate. Sulle Alpi ci sono km di vie escursionistiche che collegano tra loro circa 2000 punti di appoggio. Nel complesso l'escursionismo a piedi ha visto una crescita enorme difficilmente documentabile: è di gran lunga l'attività sportiva più praticata sulle Alpi (non sono disponibili dati precisi sul numero dei praticanti, tuttavia dovrebbero essere tra i 5 e 10 milioni le persone che effettuano almeno un'escursione all'anno nel comprensorio alpino). Impatto ambientale Camminare in montagna, se si osservano alcune regole comportamentali corrette, non crea impatti negativi sull'ambiente. In alcuni casi si possono però innescare processi di degrado provocati dall'eccessiva concentrazione di persone in un breve arco di tempo. Il calpestio continuo, aggiunto alla pessima abitudine di alcuni escursionisti di prendere scorciatoie o di uscire dal tracciato, con il rischio che si formino più "piste" parallele, può danneggiare la copertura vegetale, determinando un aumento dell'erosione. Ad alte quote, in presenza di condizioni climatiche particolari, questi danni possono essere recuperati solo gradualmente. Ulteriori aspetti negativi derivano dall'apertura di nuovi percorsi in aree sensibili o dall'abbandono sistematico di piste e sentieri nel corso delle escursioni. Grida e schiamazzi ma soprattutto la presenza di cani non tenuti al guinzaglio provocano disturbo agli animali selvatici e ai loro ritmi di vita, in particolare durante l'alimentazione e l'allevamento dei piccoli. Altro comportamento scorretto è dato dall'abbandono dei rifiuti, che crea non solo degrado ma può costringere a dispendiose azioni di recupero. La raccolta di piante e fiori, anche se dissuasa da leggi che prevedono pene pecuniarie, rappresenta un fenomeno ancora diffuso. Va aggiunto l'impatto prodotto dalle ferrate, ovvero dai percorsi su roccia dotati di attrezzature fisse, quali funi, scale o chiodi, che assicurano ai frequentatori una protezione pressoché totale in corrispondenza dei tratti esposti. In tali sentieri si assiste spesso ad un danneggiamento della flora rupestre. Le ferrate si trovano di solito in luoghi non facilmente accessibili, di conseguenza c'è il rischio che molti animali (stambecchi, camosci, rapaci e altri uccelli nidificanti in ambienti rupestri) vengano disturbati o scacciati dalle loro aree di rifugio. L'impatto maggiore dell'escursionismo sull'ambiente, accanto ai problemi legati all'approvvigionamento e all'eliminazione dei rifiuti dai rifugi e dai bivacchi, e all'apertura di 15

17 nuovi tracciati, è dato dal comportamento scorretto degli escursionisti. Adottare provvedimenti, diretti ed indiretti, per prevenire eventuali danni, può essere utile al fine di garantire la compatibilità tra l'utilizzo del territorio e la sua conservazione. Nelle regioni alpine, in Italia e all'estero, l'attività escursionistica ricade sotto le disposizioni del diritto di libera fruizione dell'ambiente e di conseguenza è regolamentata in misura minima, anche se la tendenza a prevedere precise norme comportamentali lungo i sentieri e ad interdire determinati tracciati che attraversano aree sensibili è comune a tutte le aree protette. La sensibilizzazione resta la strategia più praticabile per promuovere un comportamento degli escursionisti maggiormente rispettoso nei confronti dell'ambiente. La predisposizione di strumenti informativi sotto forma di pieghevoli o tabelle collocate all'inizio dei sentieri, l'organizzazione di campagne formative ed educative (costituite da corsi, incontri di approfondimento, giornate ecologiche), ma anche l'orientamento dei flussi di visitatori verso aree in grado di sostenere carichi notevoli o la chiusura temporanea di alcuni tracciati per proteggere la fauna e la flora, sono solo alcune delle iniziative possibili che consentono di fronteggiare meglio la situazione e di regolamentare in parte l'attività escursionistica. Mountain biking La bicicletta può essere impiegata in diversi modi: può essere un mezzo di locomozione, uno strumento di ricreazione e di divertimento, oppure di agonismo. Chi utilizza la bicicletta, per pratica sportiva o per semplice hobby, dispone normalmente di un mezzo di sua proprietà e si sposta in automobile da casa sino al punto di inizio dell escursione; altri ancora praticano questo sport, sempre in modo non agonistico, organizzandosi in gruppi ristretti (in particolare nuclei familiari) per gite piacevoli e rilassanti. Vi sono infine coloro che utilizzano la bici per gareggiare in manifestazioni organizzate: con l espansione del mercato della mountain bike negli ultimi vent anni la pratica agonistica di questo sport è cresciuta parimenti al fenomeno turistico; infatti l organizzazione di queste manifestazioni consente agli operatori commerciali di percepire un immediato guadagno, poiché vi partecipano centinaia di persone, e nel contempo contribuire a promuovere da un punto di vista turistico la zona o la località interessata. L utilizzo della bici all interno di un parco naturale può riguardare tutte le tipologie descritte (sportiva, agonistica, occasionale): la rete viaria normalmente si snoda, oltre che su strade ottimamente asfaltate e quindi ideali per le passeggiate con la bici da strada, su piste 16

18 forestali e carrarecce che permettono al ciclista-escursionista di cimentarsi nella pratica del mountain biking. Impatto ambientale Il mountain biking è di per sé uno sport compatibile con l ambiente se praticato in modo ragionevole e rispettoso, utilizzando in primo luogo le strade, le piste forestali e i sentieri montani ciclabili adatti a questo utilizzo. Viaggiare al di fuori delle piste o dei tracciati consentiti (off-road), percorrere sentieri non del tutto ciclabili e provocare rumore, reca senza dubbio disturbo all ambiente e agli altri visitatori del Parco. La pratica non corretta di questo sport può determinare: disturbo alla fauna che vive in zone molto frequentate dai ciclisti (come conseguenza si possono verificare forti concentrazioni di animali in altre aree non percorse dagli escursionisti); danni diretti agli uccelli, particolarmente sensibili durante il periodo della cova, così come l uccisione diretta di piccoli animali, tipiche vittime del traffico, quali molluschi e anfibi. L utilizzo della bicicletta in montagna può arrecare danni anche alla vegetazione, ad esempio: danni alla superficie del suolo, in particolare a causa delle frenate durante le discese al di fuori di piste forestali o tracciati segnati (particolarmente gravi risultano i danni provocati nelle aree umide), con il possibile innesto di fenomeni erosivi o il danneggiamento di giovani specie arboree provocato dal passaggio delle biciclette sopra rami e radici; compattamento del terreno dovuto all elevata frequentazione e conseguente formazione di piste. In generale, i danni causati alla vegetazione sui sentieri di montagna dipendono principalmente dal numero dei transiti, dal fenomeno dell'off-road e dalla capacità di rigenerazione dell ambiente (tale processo risulta particolarmente difficile nelle aree di alta montagna, dove le condizioni climatiche e la breve stagione vegetativa non permettono un pieno recupero dei danni prodotti dal passaggio del ciclista). La nuova pratica sportiva della bicicletta ha causato in montagna anche il sorgere di conflitti con altri soggetti che spesso non gradiscono o tollerano a malapena il cicloturista: conflitti con gli escursionisti a piedi, dovuti in genere all elevato rischio di incidenti sui sentieri più stretti; conflitti con i proprietari dei terreni e dei fondi percorsi dai ciclisti; 17

19 conflitti con i cacciatori a causa dell allontanamento della fauna selvatica da parte dei ciclisti; conflitti con gli operatori turistici, che si orientano prevalentemente verso il visitatore tradizionale. La problematica dell impatto ambientale del mountain biking e i conflitti che ne derivano devono necessariamente essere risolti mediante l utilizzo di strumenti appropriati, in primo luogo la regolamentazione di queste attività da parte di chi amministra e gestisce il territorio. Equitazione Andare a cavallo costituisce un approccio alla natura tra i più corretti, trattandosi di un'attività che non danneggia l'ambiente e non produce rumori molesti. Al di là di queste ragioni, il turismo equestre è anche uno sport di grande fascino che permette a chi lo pratica di raggiungere luoghi lontani dai centri abitati dove le auto non possono arrivare. Il continuo aumento degli ippoturisti, del resto, è la prova tangibile di un interesse e di un'attenzione sempre crescenti. I soggiorni in strutture attrezzate e i viaggi a cavallo sono le due principali opportunità offerte da questa nuova forma di turismo naturalistico. Centri di turismo equestre, collegati all'ante (Associazione Nazionale per il Turismo Equestre e per l'equitazione di Campagna) e quindi "raccomandati" o "riconosciuti" da questa associazione, sono sorti in tutta Italia ed anche in Friuli; essi dispongono di una attrezzatura ricettiva che va dal tipo alberghiero alle sistemazioni più spartane, come il camping o l'azienda agrituristica, e in più trasmettono, con gli interventi di guide ed istruttori, le prime nozioni o le tecniche migliori per andare a cavallo. Gli ospiti vengono anche coinvolti nelle attività della scuderia, provvedendo direttamente all'abbeveraggio e alla distribuzione delle razioni, oltre che alla cura, alla pulizia e alla sellatura del cavallo che sarà montato. Le giornate trascorrono all'insegna delle uscite in campagna e delle visite a luoghi di interesse naturalistico e paesaggistico. I viaggi a cavallo non sono di facile realizzazione e comportano un'organizzazione complessa: è necessario infatti tracciare gli itinerari e in alcuni casi farsi concedere i diritti di passo, suddividere il tragitto da coprire in tappe e predisporre gli alloggi per uomini ed animali. Per ogni giornata di cammino si deve raccogliere una serie di informazioni minuziose riguardanti le aree da attraversare, la localizzazione dei punti di appoggio, la presenza di scuderie nella zona. Non si potranno trascurare nemmeno gli indirizzi dei veterinari, dei 18

20 maniscalchi, dei sellai, dei fornitori di foraggio, dei pronto soccorso locali, dei campeggi e degli agriturismi attrezzati. Un contributo rilevante sotto il profilo organizzativo ed informativo può essere fornito dall'ante, che promuove numerose iniziative nel settore. Sotto l'egida del Ministero del Turismo e di quello delle Politiche Agricole, protegge e valorizza il mondo e il patrimonio rurale, con particolare attenzione al mantenimento dei sentieri e alla preparazione di itinerari inediti. Costituita nel 1968, l'associazione, senza scopo di lucro, sovrintende ad oltre duecento maneggi e raggruppa circa 5000 soci per i quali svolge importanti servizi: redige carte topografiche con i tracciati percorribili e fornisce indicazioni sui posti tappa, mantiene contatti con le principali organizzazioni europee ed internazionali e concede brevetti di cavaliere, accompagnatore e guida. Impatto ambientale L'escursionismo equestre è un'attività sportiva del tutto compatibile con l'ambiente se praticata in modo corretto e rispettoso. Effetti negativi si possono verificare in caso di abbandono di piste e tracciati predisposti per il trekking a cavallo, soprattutto se si tratta di itinerari che attraversano aree sensibili. Il rischio è che si inneschino processi erosivi e che vengano arrecati danni alla vegetazione e alla superficie del suolo. L'entità dei danneggiamenti dipende generalmente dalla frequenza dei transiti e dalla capacità di rigenerazione dell'ambiente, che a sua volta è influenzata dalle caratteristiche del terreno, dal tipo e dalle condizioni della vegetazione. Analogamente comportamenti scorretti e inopportuni possono provocare disturbo agli animali soprattutto durante l'alimentazione e l'allevamento dei piccoli. E' inoltre preferibile non concentrare l'attività nelle zone già frequentate da altri fruitori, quali escursionisti o cicloturisti. Non bisogna dimenticare che l'utilizzo del cavallo consente allo sportivo di ampliare notevolmente il proprio raggio di azione, aumentando così il potenziale di disturbo rispetto a un frequentatore abituale. Eventuali conflitti possono sorgere con i proprietari di terreni, a causa dell'attraversamento dei fondi al di fuori dei tracciati e del conseguente danneggiamento che si può verificare. Alla crescente richiesta di turismo equestre va data una risposta in termini di aree idonee e compatibili. Un parco naturale risponde perfettamente a questa esigenza. Offre garanzie da un punto di vista pedologico, presentando tracciati in terra battuta, sentieri, zone incolte, sottobosco, e dà la possibilità di percorrere itinerari ben indicati da paline e tabelle. Talvolta 19

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

INFORMAZIONI e REGISTRAZIONE al TrailTrophy Plan de Corones 2015

INFORMAZIONI e REGISTRAZIONE al TrailTrophy Plan de Corones 2015 INFORMAZIONI e REGISTRAZIONE al TrailTrophy Plan de Corones 2015 PROGRAMMA/INFORMAZIONI La prima del TrailTrophy a Plan de Corones: alla fine di luglio la comunità del TrailTrophy si ritrova una seconda

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli