Leggere il Dna. Innovazione. Dal metodo Sanger al Next generation sequencing: il genoma a disposizione della ricerca scientifica.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leggere il Dna. Innovazione. Dal metodo Sanger al Next generation sequencing: il genoma a disposizione della ricerca scientifica."

Transcript

1 Innovazione Leggere il Dna Rosario Iacono Dal metodo Sanger al Next generation sequencing: il genoma a disposizione della ricerca scientifica. Nel 1977 fu pubblicato il metodo per il sequenziamento delle molecole di Dna che ha segnato per sempre la storia della ricerca biologica. L avventura iniziò più di un quarto di secolo prima, quando gli studi di Sanger sulla struttura dell insulina (che gli avrebbero valso il Nobel nel 1959) dimostrarono l importanza dell ordine (sequenza) nel quale sono disposti gli amminoacidi, i mattoni molecolari di cui sono composte le proteine. Da lì a poco seguirono le scoperte sulla sequenza di un altra classe di molecole, gli acidi nucleici (Dna, Rna). Una volta compreso che esisteva una relazione che legava codice (Dna), messaggio (mrna) ed esecuzione del messaggio (trna, proteine) fu chiaro che la nuova sfida era imparare quella nuova lingua per riuscire a leggere il codice degli acidi nucleici, composto di una sequenza più o meno lunga di soli 4 nucleotidi (i mattoni di cui è fatto il Dna). Il metodo Sanger Già nel 1975 Sanger e Coulson, allora ricercatori a Cambridge, avevano proposto il loro innovativo metodo di sequenziamento noto come plus and minus [1] che rappresentò un passo fondamentale verso i successivi metodi di sequenziamento. Il metodo plus and minus prevedeva due reazioni successive mediate da due enzimi: la Dna polimerasi I e dalla T4 polimerasi. Nella prima reazione la Dna polimerasi neosintetizzava Dna partendo dallo stampo, ma in maniera lenta e asincrona producendo una popolazione di molecole di Dna composta da tutti i possibili prodotti aventi un estensione da uno fino ad alcune centinaia di paia di basi. Quindi, il prodotto di amplificazione della prima fase veniva diviso in aliquote e sottoposto a una seconda reazione della polimerasi in presenza di nucleotidi detti terminatori che, se aggiunti, determinano l arresto dell estensione della catena. In particolare, il metodo prevedeva l uso di due sistemi di reazione differenti. Il sistema di reazione minus nel quale la reazione della polimerasi avveniva in assenza di uno dei 4 nucleotidi fosfato e la sintesi di Dna procedeva in maniera accurata fino al punto in cui doveva essere incorporato il nucleotide mancante. La miscela random degli oligo-nucleotidi che era ancora legata al Dna stampo veniva re-incubata con la Dna polimerasi I in presenza di 3 dei 4 nucleotidi trifosfato (le quattro aliquote erano poste in 4 miscele differenti per il nucleotide mancante). Nell analizzare i prodotti per elettroforesi su gel di poliacrilammide, l altezza delle bande in ogni miscela forniva la posizione occupata nella sequenza dal nucleotide mancante. Di per sé il sistema minus permetteva già di determinare la sequenza, ma a questo fu affiancato il sistema plus. In questo metodo, la reazione della polimerasi avveniva in una miscela contenente un singolo nucleotide deossiribotrifosfato. La Dna polimerasi usata era la T4 polimerasi, ottenuta da Escherichia coli infettato da fago T4. Questa, dopo aver aggiunto il singolo nucleotide in prima posizione, iniziava, dove necessario, a lavorare da esonucleasi degradando la singola elica del Dna partendo dall estremità 3 e si fermava in corrispondenza del nucleotide trifosfato aggiunto. Ne risultava una miscela di frammenti di diversa lunghezza. Ogni frammento ottenuto nella miscela plus aveva un corrispettivo nel prodotto con miscela minus, più corto di una base. Dal confronto delle corse elettroforetiche dei due frammenti omologhi era possibile determinare l identità e la posizione della base terminatrice. Il metodo plus and minus permetteva di ottenere in modo accurato sequenze di 50 paia di basi di lunghezza, 1

2 per ogni corsa elettroforetica. Tuttavia, nel caso di lunghe successioni di basi uguali si ottenevano le sequenze iniziali e finali, ma non quelle intermedie. Questo inconveniente del metodo plus and minus fu risolto nel 1977 quando Sanger ne pubblicò una versione migliorata: nel metodo dei dideossi [2], oggi noto come metodo Sanger, la terminazione dell estensione era ottenuta non più con una miscela di nucleotidi naturali, ma con dei dideossinucleotidi, non discriminabili dai nucleotidi naturali da parte della Dna-polimerasi ma che causavano l interruzione della sintesi quando incorporati nella catena. La reazione della polimerasi avveniva in quattro miscele, contenenti come stampo lo stesso Dna da sequenziare, ma aventi ognuna un nucleotide terminatore diverso. Si ottenevano così 4 miscele con prodotti di lunghezza diversa, ma aventi in comune il fatto che l ultimo nucleotide incorporato era quello terminatore della miscela. Analizzati per elettroforesi su gel di poliacrilammide, la lunghezza di questi prodotti corrispondeva alle posizioni in cui la base azotata terminatrice in quella miscela era stata incorporata nella sequenza, l insieme dei dati delle 4 corse forniva la sequenza nucleotidica completa. La tecnica permetteva di avere una lunghezza di lettura affidabile per molecole di Dna lunghe fino a 400 paia di basi. Il passo successivo avvenne nel 1986, quando il laboratorio di Leroy Hood a Caltech (Usa), in collaborazione con Applied biosystems (Abi), riportò per la prima volta la possibilità di automatizzare il sequenziamento tramite dispositivi automatici che usavano nucleotidi terminatori marcati con fluorofori di colori diversi e in cui la corsa elettroforetica avveniva su gel di poliacrilammide in colonna. I prodotti all uscita dalla colonna erano analizzati con un foto-sensore elettronico collegato a un computer. Per oltre 35 anni, il metodo Sanger automatizzato è stato il più affidabile e universalmente utilizzato per il sequenziamento di sequenze più o meno lunghe fino alla recente ricostruzione di interi genomi (tra cui quello umano). Next generation sequencing In biologia non esistono traguardi ma solo nuove partenze e ogni risultato è il punto di partenza per una nuova sfida. Così, ottenuta la sequenza completa del genoma di alcuni individui di una specie nacque l idea di ottenere la sequenza di più genomi da più individui possibile. Questo portò all esigenza di avere nuovi metodi di sequenziamento in grado di produrre un numero maggiore di sequenze velocemente e in modo accurato e alla messa a punto di quelli che sono oggi i metodi di sequenziamento di nuova generazione Next generation sequencing (Ngs) o ad alta capacità (High troughput). Caratteristica comune a tutte le Ngs è il fatto che il Dna da sequenziare è immobilizzato su una superficie che consente di portare a termine miliardi di reazioni di sequenziamento contemporaneamente [3, 4, 5]. Si tratta di tecniche sviluppate combinando in maniera innovativa metodologie già note di preparazione del Dna da sequenziare, sequenziamento, acquisizione dei dati e assemblaggio delle sequenze ottenute, al fine di ottenere enormi quantità di dati (miliardi di sequenze per corsa) di ottima qualità e a basso costo, aprendo nuove e inaspettate possibilità alla ricerca. Le tecniche di preparazione del Dna da sequenziare utilizzate nelle Ngs possono avere il Dna amplificato tramite clonaggio in sistemi batterici e amplificazione. La tecnica della Pcr a emulsione (empcr) ha il vantaggio di eliminare la perdita di parti di sequenza, un problema tipico dei metodi di amplificazione in sistemi batterici. I frammenti da sequenziare sono legati ad adattatori universali e catturati su sfere di gel in condizioni che favoriscono il legame di una singola molecola per sfera. L amplificazione su base solida, invece, è usata per produrre frammenti distribuiti casualmente su una superficie vetrosa. La singola molecola di Dna, invece, è una tecnica più diretta che richiede una minore quantità di Dna di partenza (<1µg). Evitare l amplificazione significa ridurre il rischio di mutazioni nella sequenza Dna. In questo caso, le molecole sono immobilizzate seguendo tre differenti approcci. Nel primo le molecole singole di primer sono legate in maniera covalente a un supporto solido. Nel secondo, al Dna da amplificare tagliato a pezzi, sono aggiunti adattatori che gli permettono di legarsi a primer generici. Le molecole singole di Dna da sequenziare sono legate in maniera covalente a un supporto solido tramite estensione di molecole di Dna da sequenziare a singola elica. Quindi, un primer comune è legato a tutte le molecole da sequenziare. In questi primi due casi, la Dna polimerasi può legarsi alle molecole di Dna immobilizzate sul supporto e iniziare la reazione di Ngs. Il terzo, infine, prevede che le molecole singole di Dna polimerasi sono attaccate al supporto solido e a esse si 2

3 lega una molecola di Dna da sequenziare già unita ai primer. Preparato il Dna, si passa al sequenziamento vero e proprio e all acquisizione della sequenza. Esiste una differenza sostanziale nel caso si tratti di una sequenza amplificata per clonaggio, ovvero di una singola molecola di Dna, in quanto il Dna ottenuto con questa tecnica, risulta composto da una popolazione di molecole da sequenziare identiche, ognuna delle quali subisce la reazione di sequenziamento. In fase di acquisizione del segnale ciò che si osserva è una sequenza consenso a seconda dei nucleotidi o delle sonde aggiunte a ogni ciclo. Questo pone una forte domanda di efficienza nei processi di aggiunta dei nucleotidi, un estensione incompleta della catena porta al fenomeno di Lagging-strand dephasing per cui i due primer lavorano in maniera differente sulle molecole creando errori di lettura. Nel caso di singole molecole, invece, il Lagging-strand dephasing non è un problema: è minore l esigenza di efficienza di estensione a ogni ciclo. Tuttavia l aggiunta contemporanea di più nucleotidi o sonde a ogni ciclo può portare a errori per effetto dell annullamento del segnale tra molecole di fluorofori. Tra le techiche di sequenziamento oggi in commercio si annovera Cyclic reversible termination (Crt), usato dal ciclo a quattro colori di Illumina/Solexa e dal ciclo a un colore di Helicos bio sciences. Questo è caratterizzato dalla terminazione ciclica dell estensione con il ripetersi di tre fasi in cui la Dna polimerasi si lega al Dna da sequenziare già munito di primer e aggiunge o incorpora un singolo nucleotide modificato fluorescente complementare a quello presente nel Dna stampo da sequenziare. L interruzione reversibile dell estensione dopo questa aggiunta è il passaggio chiave di metodi Crt. I rimanenti nucleotidi, non incorporati, sono allontanati. Quindi si acquisisce il segnale al fine di determinare l identità del nucleotide incorporato e infine, il lavaggio rimuove il gruppo del nucleotide che ha interrotto la sintesi. Un ulteriore lavaggio è effettuato prima di riprendere il ciclo. Il sequenziamento per ligazione Sequencing by ligation (Sbl) è un metodo ciclico che si differenzia dal Crt perché utilizza una Dna-ligasi al posto della Dnapolimerasi e delle sonde mono o bi-nucleotidiche colorate al posto dei singoli nucleotidi colorati. Nella sua forma più semplice, una sonda marcata per fluorescenza si lega a una porzione di Dna adiacente al primer sul Dna da sequenziare. Si aggiunge la Dna-ligasi e successivamente le sonde non ibridizzate sono allontanate dai lavaggi. L emissione di fluorescenza permette di acquisire l identità della sonda legata. Quindi, il ciclo riprende. Partendo da questo metodo, Life/Apg ha messo in commercio la sua piattaforma basata sul sequenziamento Sbl chiamata Oligonucleotide ligation detection (Solid). Il metodo lavora su Dna amplificato per empcr e usa sonde binucleotidiche. La piattaforma Solid, grazie al metodo di acquisizione del colore detto Single nucleotide variation (Snv), è caratterizzata da una maggiore accuratezza del sequenziamento. Il sequenziamento per addizione di singoli nuecleotidi (pyrosequencing) è un metodo per bioluminescenza non elettroforetico che misura il rilascio di pirofosfato inorganico usato per marcare le sonde nucleotidiche, convertendolo in una quantità proporzionale di luce tramite una serie di reazioni enzimatiche. Il metodo di pyrosequencing agisce sull attività della Dna-polimerasi tramite l aggiunta di un singolo dntp in quantità limitata. Dopo l aggiunta di un singolo nucleotide complementare, la Dna polimerasi estende il primer di una base e si ferma. La sintesi di Dna è ripresa solo in seguito all aggiunta del successivo dntp complementare che causa il rilascio del pirofosfato e l emissione di luce. L ordine e l intensità dei picchi di luce sono registrati come flowgrams che rivelano la sequenza del Dna. La piattaforma commerciale che utilizza il pyrosequencing è commercializzata da Roche/454 e lavora su Dna amplificato per em-pcr. Il sequenziamento in tempo reale (Real-time sequencing) è un metodo che arriverà presto in commercio grazie alla Pacific biosciences. Questo metodo di sequenziamento coinvolge la rilevazione dei singoli nucleotidi incorporati in tempo reale senza che la sintesi debba essere interrotta. La verifica dell efficienza del metodo ha mostrato un accuratezza nella lettura dell 83%. Il sequenziamento tramite nanopori (Nanopore sequencing) [6] è una tecnologia innovativa, basata sul principio della misurazione della corrente ionica attraverso tecniche elettrofisiologiche tradizionali: quando una piccola differenza di potenziale elettrico (100mV) è imposta attraverso un nanoporo in una membrana impermeabile che separa due camere contenenti elettroliti acquosi, la risultante attraverso il poro può essere misurata con le tecniche elettrofisiologiche. Ricordando che l apertura e la chiusura di molti canali biologici dipende da porzioni peptidiche relativamente piccole che bloc- 3

4 cano fisicamente il canale e ne modificano la ionizzazione, Deamer D. W. all Università della California e Church G. dell Università di Harvard, indipendentemente uno dall altro, hanno ipotizzato che, se un filamento a singola elica di Dna o uno di Rna fossero stati spinti elettroforeticamente attraverso un nanoporo di diametro opportuno, le basi azotate avrebbero modulato in modo caratteristico la ionizzazione del canale. Di conseguenza Deamer, Branton e colleghi [6] hanno dimostrato che sequenze di Dna a singola elica o Rna possono essere sequenziate facendole passare attraverso un canale proteico costruito ad-hoc e rilevando l effetto sulla ionizzazione del canale al loro passaggio. Dopo il sequenziamento, le sequenze dei frammenti ottenute sono allineate per ricostruire il genoma complessivo. L assemblaggio può essere fatto ex novo sfruttando, per esempio le parziali zone di sovrapposizione tra le sequenze. Piante sequenziate Il progredire delle tecnologie ha permesso una relativa economicità e velocità del processo di sequenziamento mediante macchinari complessi. In virtù delle innovazioni acquisite negli ultimi decenni sono diverse le specie di interesse agrario il cui genoma è stato sequenziato. Nel 2007 è stata sequenziata la vite grazie al lavoro di due progetti di ricerca, uno ministeriale-universitario italo-francese Vigna e l altro italo-americano dell Istituto agrario di San Michele all Adige (Iasma). L attività di ricerca dello Iasma nel 2010 ha condotto, inoltre, al sequenziamento del melo nell ambito di un progetto internazionale. Nello stesso anno in America si completava in sequenziamento del mais. Nel dicembre del 2010 è stato avviato, con un finanziamento del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali il progetto di ricerca Olea sulla Genomica e miglioramento genetico dell olivo, finalizzato all applicazione di approcci di analisi genomica avanzata. Il progetto Olea propone di attuare ricerche finalizzate all acquisizione di conoscenze e allo sviluppo di mezzi e prodotti indispensabili per la salvaguardia della grande variabilità genetica e delle produzioni olivicole delle regioni italiane. Altre specie a essere state sequenziate sono Arabidopsis thaliana, pioppo e pomodoro. L ultima specie a essere stata sequenziata è il pesco. The International peach genome initiative (Ipgi) ha pubblicato sulla rivista Nature genetics la sequenza completa del genoma del pesco (Prunus persica). L iniziativa è partita in Italia nel 2005 con il progetto Drupomics e- volvendosi qualche anno più tardi in una partnership Italia-Usa che ha visto la partecipazione anche di istituzioni cilene, spagnole e francesi per un totale di 53 ricercatori appartenenti a più di 20 istituzioni. L interesse su Prunus persica è dovuto al crescente ruolo nella frutticoltura e al fatto di essere specie modello per la famiglia delle Rosacee in quanto mostra diploidia e un genoma contenuto con un periodo improduttivo molto limitato (2-3 anni). La disponibilità di linee omozigoti a tutti i loci, grazie all autogamia, aiuta le procedure di sequenziamento. Il progetto italiano è stato coordinato dal Cra (Centro di ricerca per la frutticoltura) di Roma ed è stato sviluppato con la collaborazione di 14 istituzioni di ricerca. Operativamente il progetto si è articolato in 4 linee di ricerca, la prima delle quali dedicata al sequenziamento del genoma di un doppio aploide della cultivar Lovell. Il sequenziamento del Dna e in particolare dei geni funzionali utili (compresi i fattori di trascrizione) e la relativa mappatura (cioè la loro localizzazione all interno di ciascun cromosoma), integrano il breeding convenzionale attraverso la Marker assisted selection (Mas) nella selezione delle varianti alleliche positive per le caratteristiche maggiormente premiate dal mercato. La selezione assistita consente, infatti, anche qualora determinate caratteristiche non sono espresse (a causa dell ambiente oppure soprattutto nelle piante arboree semplicemente perché la fruttificazione avviene dopo alcuni anni dall impianto), di programmare incroci tesi ad esaltare la produttività e la resistenza ad avversità biotiche ed abiotiche, e soprattutto a migliorare le caratteristiche qualitative dei frutti valorizzando il prodotto. Avendo le sequenze dell intero genoma a disposizione è possibile ottenere marcatori molecolari che, all interno o in prossimità dei geni maggiormente rilevanti ai fini agronomici e commerciali, riescono a identificare i genotipi partendo da qualsiasi tessuto e fase fenologica. La disponibilità della sequenza di interi genomi contribuisce significativamente all avanzamento del lavoro degli evoluzionisti che ora possono confrontare le sequenze delle diverse specie descrivendo con maggiore precisione la distanza filogenetica. 4

5 Riferimenti bibliografici [1] Sanger F., Coulson R., A rapid method for determining sequences in Dna by primed synthesis with Dna polymerase. Journal of molecular biology, 94, [2] Sanger F., Nicklen S., Coulson A. R., Dnasequencing with chain-terminating inhibitors. Procedings of national academy of sciences Usa, 74, [3] Hutchinson C. A., Dna sequencing: bench to bedside and beyond. Nucleic acid research, 35(18), [4] Mardis E. R., Next-generation Dna sequencing methods. Genomics and human genetics, 9, [5] Metzeker L. M., Sequencing technologies the next generation. Nature reviews genetics, 11, [6] Deamer D. W., Marziali A., Bayley H., Benner S. A., Butler T., Di Ventra M., Garaj S., Hibbs A., Huang X., Jovanovich S. B., Krstic P. S., Lindsay S., Ling X. S., Mastrangelo C. H., Meller A., Oliver J. S., Pershin Y. V., Ramsey J. M., Riehn R., Soni G. V., Tabard-Cossa V, Wuanunu M., Wiggin M., Schloss J. A., The potential and challenges of nanopore sequencing. Nature biotechnology, 10, Rosario Iacono è laureato in Scienze e tecnologie agrarie presso l Università di Catania. 5

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre?

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre? Test di logica e cultura generale 1. Tre amici Carlo, Piero e Nicola acquistano della frutta al mercato. Ognuno di loro sceglie un diverso tipo di frutta e spende una somma differente. Sapendo che: - Carlo

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Sopra ogni aspettativa

Sopra ogni aspettativa Sopra ogni aspettativa Pipette elettroniche Eppendorf Xplorer e Eppendorf Xplorer plus »Un modo intuitivo di lavorare.«chi dà il massimo ogni giorno, merita anche il massimo in termini di strumenti ed

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Matematica Discreta PARTE II

Matematica Discreta PARTE II Matematica Discreta PARTE II Giuseppe Lancia Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Indice 1 Piccioni e buche 1 1.1 Il principio della piccionaia, forma semplice............................

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

Caratterizzazione molecolare dell Anidrasi Carbonica in Trematomus spp.

Caratterizzazione molecolare dell Anidrasi Carbonica in Trematomus spp. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MM. FF. NN. Laurea di primo livello in Biologia Curriculum di Biologia Marina Caratterizzazione molecolare dell Anidrasi Carbonica in Trematomus spp.

Dettagli

ABSTRACTS IL VALORE DEI PRODOTTI TIPICI E L IMPATTO DELLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE ITALIANE ALL ESTERO

ABSTRACTS IL VALORE DEI PRODOTTI TIPICI E L IMPATTO DELLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE ITALIANE ALL ESTERO ABSTRACTS COS E UNA DOP ED IGP: CARATTERISTICHE E TIPOLOGIE Alessandra D Arrigo MIPAAF Obiettivo dell intervento è illustrare prima di tutto cosa sono le DOP e le IGP e quali sono le differenze fra le

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli