Varianti del genoma umano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Varianti del genoma umano"

Transcript

1 1000 genomes

2 Varianti del genoma umano dbsnp ,442,771 SNP (1% del genoma) Varianti strutturali (DGV) CNVs: Inversioni: 953 InDels (100bp-1Kb): Total CNV loci: % del genoma

3 Obiettivi Catalogazione delle variazioni genetiche umane Caratterizzare più del 95 % delle varianti con frequenza allelica superiore all 1 % (0,1 % a livello esonico) in cinque dei maggiori gruppi etnici Individuazione di brevi indels e più ampie varianti strutturali Definizione di aplotipi e genotipi dei singoli soggetti Fornire linee cellulari dei campioni Diffusione pubblica e rapida dei dati Fornire una risorsa per il supporto di studi GWAS (e di associazione in genere) in varie popolazioni

4 Progetto pilota Sequenziamento a bassa copertura (2-6x) del genoma di 179 individui 59 Youruba dalla Nigeria (YRI) 60 persone con antenati europei dallo UTAH (CEU) 30 cinesi Han da Pechino (CHB) + 30 giapponesi da Tokyo (JPT) Sequenziamento ad alta copertura (in media 42x) di 6 individui in due gruppi familiari padre-madre-figlia 1 famiglia CEU 1 famiglia YRI Sequenziamento esonico di 8140 esoni (906 geni, 1,4 Mb) in 697 individui (7 popolazioni: YRI, LWK, CEU, TSI, CHB, JPT, CHD) (copertura >50x)

5 Metodi 1. Campioni di DNA da linee linfoblastoidi (vario numero di passaggi) fornite dal Coriell Institute Mancanza di dati fenotipici Nello studio pilota campioni per i quali erano disponibili dati riguardo gli SNP e le CNV Figlie nei trii con estensivi dati genomici preesistenti 2. Next-Generation-Sequencing 3. Analisi dei dati (vari algoritmi) 4. Pubblicazione dei dati 5. Validazione dei risultati (analisi comparative, sequenziamento, PCR, SNP-array,array-CGH, ecc.) 6. Pubblicazione dei risultati

6 Metodi: NGS

7 Workflow 1. Scoperta delle varianti (dopo allineamento delle reads al genoma di riferimento NCBI 36/hg18) 2. Filtraggio per la rimozione dei falsi positivi 3. Genotipizzazione (alleli presenti in un individuo ad un dato sito) Imputazione del genotipo (Aplotipi e Linkage Disequilibrium) 4. Validazione (stima del false discovery rate) 5. Pubblicazione dei dati su e sul dbsnp (www.ncbi.nlm.nih.gov/snp)

8 Metodi: NGS

9 Programmi e algoritmi

10 Imputazione del genotipo

11 Imputazione del genotipo Incremento dell efficienza dei GWAS Mappaggio fine delle varianti causali Meta-analisi Imputazione di varianti non tipizzate nel pannello di riferimento Imputazione di varianti non-snp Recupero di genotipi mancanti e correzione degli errori di genotipizzazione nell analisi dei chip.

12 Disegno sperimentale

13 Exon pilot Alta sensibilità per le varianti rare Individuazione di un maggior numero di varianti nuove e a bassa frequenza

14 Problematiche tecniche Etereogeneità dei metodi di sequenziamento 3 piattaforme: 454 Roche Genome Sequencer FLX System; Illumina Genome Analyser ABI SOLiD system Differente lunghezza delle reads (25 bp 400 bp) Single- o Paired-end Dati derivati da paired-end reads: 78 % low-coverage, 80 % trio, 56 % exon Evoluzione delle tecnologie e delle metodiche

15 Miglioramenti tecnici Base quality scores ricalibrati Reallineamento locale di tutte le reads, considerando un eventuale presenza di indels Analisi dei dati con diversi algoritmi e unione dei risultati Assemblaggio de novo: risoluzione dei punti di rottura delle delezioni più grandi di 50 bp raddoppiato il numero delle varianti strutturali (>1 kb) delineate alla risoluzione di 1 singola base identificazione di 3,7 Mb di sequenza non presenti nel genoma di riferimento

16 Confronto delle metodiche di identificazione degli SNPs: Gli SNP identificati da due o più hanno il 30% in meno di errori rispetto a quelli identificati da una sola metodica

17 Genoma accessibile Porzione del genoma di riferimento rimanente dopo l esclusione di regioni con reads localizzate in maniera ambigua o con un numero inaspettatamente alto o basso di reads allineate Low-coverage: 85 % del genoma di riferimento (NCBI36, hg18), 93% delle sequenze codificanti, >99% dei siti HapMapII. Non presente ~1/4 del DNA riprtitivo e delle duplicazioni segmentali Trio: 80 % del genoma di riferimento, 85% delle sequenze codificanti, 97% dei siti HapMapII

18 Ensembl Human Assembly Assembly GRCh37.p2 Paia di Basi Ultima modifica Oct 2010 Conteggio geni Geni noti codificanti per proteine Nuovi geni codificanti per proteine 521 Pseudogeni Geni x RNA Esoni Trascritti Altro Predizioni geniche Genscan 44,224 Variazioni 23,340,186

19 Pilot study Generale (hg18) Non-N autosomal bases LINE 21.35% 20% SINE 13.90% 13% LTR 9.03% 8% DNA transposons 3.46% 3% Simple_repeat 0.89% Low_complexity 0.59% 4% Satellite 0.38% 4% all repeats 49.86% 54% SegDups 4.87% HapMap2 0.14% all genes 35.85% 31% all exons 2.42% 2%? coding genes 31.35% 27% coding exons 2.00% 1,2%

20 Overview varianti identificate

21 Varianti identificate Trio project Low-coverage project Exon project Campioni Dati grezzi 1,08 Tb 2,22 Tb 1,43 Tb Coverage 42x 3,6x 56x Genoma accessibile 2,3 Gb 2,4 Gb 1,4 Mb SNPs trovati % nuovi 3,6 milioni (CEU) 4,5 milioni (YRI) 11% (CEU) 23% (YRI) 14,9 milioni 12,758 54% 70% Brevi indel (1-50 bp) ,3 milioni 96 Varianti strutturali nd

22 Validazione False discovery rate (FDR) <5 % per SNP e brevi indel, <10 % per varianti strutturali FDR per le nuove varianti 2,6 % per SNP del trio project 10,9 % per SNP del low coverage project 1,7 % per indel del low coverage project Variazioni non equamente distribuite Alta frequenza nelle regioni HLA e subtelomeriche Bassa frequenza in regioni altamente conservate (es.3p21) Varianti strutturali causate da NAHR più frequenti a livello di regioni HLA e subtelomeriche

23 Distribuzione delle varianti

24 Distribuzione SNP per popolazione

25 Distribuzione delezioni per popolazione

26 Tipologia delle nuove varianti

27 Distribuzione delle varianti nuove

28 Capacità di individuare varianti Il numero delle varianti scoperte è massimizzato dal sequenziare il maggior numero di genomi a bassa copertura Tipo e Frequenza Sensibilità SNP singleton 25% SNP >5/120 90% SNP >10/ % Del (>500bp) singleton 40% Del (>500bp) >10/120 90% Indel >10/ Ins. elementi mobili 75 Dup. comuni 30-40%

29 DNA Mitocondriale 163 campioni nel progetto low-coverage (analizzati manualmente) revised Cambridge Reference Sequence Variazioni del DNA mitocondriale rientrano in pattern filogenetici ben definiti 85,9 % di individui con eteroplasmia, soprattutto a livello delle regioni ipervariabili HSV1, HSV2 ed HSV3 Eteroplasmia di lunghezza nel 79 % dei casi (soprattutto nella regione di controllo) vs 52 % mediante sequenziamento con elettroforesi capillare Eteroplasmia da sostituzione di singole basi nel 45 % degli individui, distribuita su tutto il genoma

30 Accuratezza nella genotipizzazione Maggiore accuratezza per i siti presenti nell HapMap3 Accuratezza per SNP varia fra i vari progetti Low coverage project: errori di genotipizzazione SNP 1-3% Errori di genotipizzazione ampie delezioni <1% Utilità nell utilizzare informazioni di LD oltre ai dati del sequenziamento Accuratezza a livello dei siti di eterozigosi Tipo Frequenza Accuratezza SNP bassa 90% SNP intermedia 95% SNP alta 70-80% Del MAF <3% 86% Del MAF ~50% 97% Del MAF >90% 83%

31 Accuratezza nella genotipizzazione (delezioni)

32 Accuratezza in funzione della read depth

33 Varianti funzionali Effetti della selezione negativa Tipo di varianti codificanti % limitate ad una singola poplazione % presenti in un singolo individuo Non-sinonime 67,3 15,8 Stop-introducing 77,3 25,9 Splice-disrupting 82,2 21,6 HGMD 84,7 19,9 Sinonime 61,1 11,8

34 Varianti geniche Tipo 1000 genomes totali 1000 genomes nuovi dbsnp v genomes X individuo SNPs totali % 30,442,771^ 3 milioni SNPs sinonimi SNPs non-sinonimi Indel in frame nd Codoni di stop prematuri Perdita codoni di stop nd 10 Alterazione sito di splicing * Frameshift indels Delezioni geniche na Geni con varianti LOF 2304 nd > Mutazioni HGMD 671 nd na ^ dal dbsnp 132; *dal dbsnp 129

35 Mutazioni causanti malattia Individuate 671 (1,3%) delle varianti riportate nell HGMD-DM Alcune categorie di patologie maggiormente rappresentate

36 Importanza del numero di campioni Utilizzando campioni sequenziati ad alta copertura sarebbero necessari: 100 campioni per identificare il 99% delle varianti sinonime di un individuo 250 campioni per trovare il 99% delle varianti non sinonime 320 campioni per trovare il 97,4% delle varianiti LOF Utilizzando campioni sequenziati a bassa copertura sarebbero necessari: 250 campioni per identificare il 99% delle varianti sinonime 320 campioni per trovare il 98,5% delle varianti non sinonime e il 96,3% delle varianti LOF

37 Applicazione agli studi di associazione Alternative possibili nel definire varianti associate a determinati tratti o patologie: Sequenziamento diretto di ampie coorti a fenotipo noto Imputazione delle varianti in campioni genotipizzati mediante l utilizzo di un pannello di riferimento di soggetti sequenziati

38 Individuazione eqtl Confronto del numero dei cis-eqtls trovati da Stranger et al e individuabili mediante l utilizzo dei dati del progetto low-coverage, su 142 soggetti in comune fra i due studi Population Genotype Set Sample Size 317K 610K 1M 1000G CEU YRI CHB+JPT ALL N.B.: Incremento maggiore negli YRI (+varianti nuove, -LD)

39 Accuratezza dell imputazione

40 Imputazione nello studio degli eqtl: esempio Studio su 400 bambini con antenati europei (Dixon et al. 2007) Dati da low-coverage panel e HapMapII come pannelli di riferimento per l imputazione Maggiore capacità di imputazione per varianti con frequenza >10% Incremento cis-eqtl individuati: Low-coverage: 16% HapMap: 9% Individuazione di varianti addizionali che possano essere alla base di ciascuna associazione Es.: trovata una variante di un sito di splicing del gene GSDMB in LD con uno SNP vicino al gene ORMDL3, precedentemente associato ad alcune malattie immuno-mediate

41 Imputazione nello studio degli eqtl: esempio

42 Ruolo delle varianti non sinonime nella determinazione dei tratti complessi Catalogo NHGRI GWAS riporta 1227 SNP associati con uno o più tratti fenotipici 1185 (96,5 %) di questi presenti nel data set CEU del progetto low coverage Meno del 30% annotate come varianti non sinonime (6,5%) o in LD con varianti non sinonime La maggior parte del contributo delle varianti comuni all espressione di tratti complessi sembrerebbe di natura regolatoria

43 Mutazioni de novo SNP SNP CNV Delezioni Duplicazioni Frequenza di mutazione locus-specifica Numero medio di sostituzioni nucleotidiche per individuo Frequenza di mutazione locus-specifica Numero medio di eventi per individuo Numero medio di eventi per individuo 1,8-2,5x10-8 ~30 1,7x ,2x10-4 1/8 1/50 Van Ommen 2005 Lupski 2007

44 Mutazioni de novo Frequenza di mutazione per base per generazione 1.2 x 10-8 in CEU (49 mutazioni) 1.0 x 10-8 in YRI (35 mutazioni) Una quota rilevante (~95%) delle potenziali mutazioni de novo erano in realtà mutazioni somatiche o delle linee cellulari 1 mut. germinale codificante sinonima vs 17 mut. non germinale (1 sinonima e 16 non sinonime) Mutazioni non germinali stimate: 0,36 % di tutte le varianti nello studio low coverage 0,61% delle varianti funzionali nello studio low coverage 2,4 % di tutte le varianti nello studio exon 3,1% delle varianti funzionali nello studio exon

45 Utilità nello studio delle popolazioni Misura delle differenze fra le varie popolazioni Differenze fissate fra popolazioni 2 fra CEU e CHB+JPT (es. SLC24A5 var. missenso) 4 fra CEU e YRI 72 fra CHB+JPT e YRI Indentificate 139 varianti non-sinonime con ampie differenze nelle frequenze alleliche fra le popolazioni Presenza di varianti altamente differenziate Fra i siti più differenziati c è una maggiore quota di varianti non sinonime Mappaggio fine del selective sweep e analisi delle dinamiche di adattamento locale

46 Valutazione delle differenze nelle frequenze alleliche fra le popolazioni

47 Aumentata risoluzione dei confini degli hotspot di ricombinazione Ampiezza media degli hotspot ridotta a 2,3 kb rispetto alle 5,5 kb stimate dal progetto HapMapII

48 Distribuzione genomica degli hotspot di ricombinazione in varie popolazioni Differenze degli YRI: Quota di ricombinazione a livello degli hotspot inferiore negli YRI rispetto alle altre popolazioni Distribuzione degli hotspot meno concentrata negli YRI (70% degli hotspot, invece che 80%, nel 10% del genoma) Differenze di lunghezza nel dominio Zinc-finger del gene PRDM9, che influenza gli eventi di ricombinazione intorno gli hotspot

49 Riduzione della differenziazione tra popolazioni nelle vicinanze di SNP con rilevanti differenze alleliche tra le popolazioni

50 Valutazione degli eventuali effetti mutagenici della ricombinazione NO aumento della variazione degli SNP localizzati in prossimità dei motivi di legame di PRDM9, in corrispondenza dei siti con aumentata frequenza di ricombinazione La ricombinazione può influenzare il destino di una nuova mutazione ma non influenza la frequenza con cui appaiono le nuove mutazioni

51 Limiti dello studio Bassa sensibilità per le varianti rare Rumore di fondo nella stima delle frequenze alleliche Alcuni falsi positivi Raccolta dati fra campioni, piattaforme e popolazioni non casuale Utilizzo di genotipi imputati

52 Incremento degli SNP nel dbsnp Build 129 (aprile 2008) 14,708,752 Build 130 (maggio 2009) 17,804,034 Build 131 (aprile 2010) 23,653,737 Build 132 (settembre 2010) 30,442,771

53 Conclusioni Esistenza di robusti protocolli per la generazione di dati dal NGS Validazione degli algoritmi per l individuazione delle varianti e la definizione accurata dei genotipi Sequenziamento low-coverge fornisce un efficiente approccio per identificare varianti in tutto il genoma Sequenziamento targeted high-coverge permette una migliore definizione delle varianti di interesse funzionale Utilità dei dati ottenuti: Migliore comprensione della variabilità genetica umana Studi GWAS (imputazione, genotyping chip) Implicazioni per la genetica di popolazione

54 Progetto 1000 genomes completo 2500 soggetti totali (31 popolazioni) Sequenziamento low-coverage dell intero genoma Coverage >4x Sequenziamento high-coverage di tutte le regioni codificanti Genotipizzazione mediante array (<10 milioni di varianti dal progetto low-coverage)

55 Miglioramenti metodologici Miglioramento delle tecniche di sequenziamento Aumento del numero dei campioni Sviluppo di algoritmi più efficienti Contemporanea genotipizzazione con chip Incremento del genoma accessibile Incremento atteso della quota di genoma accessibile in funzione della lunghezza delle read e degli inserti

56 Risultati attesi Individuazione delle seguenti percentuali di varianti: Progetto low-coverage 95% con MAF >1% nei 5 principali gruppi etnici 90-95% con MAF >1% in ciascuna popolazione studiata 85% con MAF >1% in popolazioni strettamente correlate a quelle studiate Progetto esoni 95% con MAF 0,3% 60% con MAF 0,1%

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71 Metodi: genotipizzazione

72

73

74

75 Cromosoma Y

76

77

78 Meccanismi di formazione delle SV

79 Accuratezza nella genotipizzazione

80

81

82

83

Sequenziamento ed analisi dell esoma intero (All Exon)

Sequenziamento ed analisi dell esoma intero (All Exon) Sequenziamento ed analisi dell esoma intero (All Exon) Obiettivi La procedura ha l obiettivo di sequenziare solo le regioni trascritte e codificanti del genoma che rappresentano, almeno nell uomo, circa

Dettagli

Exome sequencing in sporadic autism spectrum disorders identifies severe de novo mutations

Exome sequencing in sporadic autism spectrum disorders identifies severe de novo mutations Exome sequencing in sporadic autism spectrum disorders identifies severe de novo mutations Brian J O Roak1, Pelagia Deriziotis2, Choli Lee1, Laura Vives1, Jerrod J Schwartz1, Santhosh Girirajan1, Emre

Dettagli

GENETICA DELLE MALATTIE COMPLESSE. Dr. Giovanni Malerba Biologia e Genetica, UniVR giovanni.malerba@univr.it

GENETICA DELLE MALATTIE COMPLESSE. Dr. Giovanni Malerba Biologia e Genetica, UniVR giovanni.malerba@univr.it GENETICA DELLE MALATTIE COMPLESSE Dr. Giovanni Malerba Biologia e Genetica, UniVR giovanni.malerba@univr.it CARATTERE COMPLESSO Predisposizione Genetica interazione Diagnosi Prevenzione Terapia efficiente

Dettagli

Sequenziamento e analisi di genomi completi

Sequenziamento e analisi di genomi completi Sequenziamento e analisi di genomi completi Genoma L'insieme del materiale genetico di un organismo o cellula. (Hans Winkler, 1920) Un genoma è sequenziato quando viene stabilita interamente la successione

Dettagli

Bioinformatica. Marin Vargas, Sergio Paul

Bioinformatica. Marin Vargas, Sergio Paul Bioinformatica Marin Vargas, Sergio Paul 2013 Wikipedia: La bioinformatica è una disciplina scientifica dedicata alla risoluzione di problemi biologici a livello molecolare con metodi informatici. La bioinformatica

Dettagli

Esercitazioni di Genomica

Esercitazioni di Genomica Esercitazioni di Genomica Bioinformatica ai tempi del NGS, PhD CRIBI Biotechnology Center, University of Padua BMR Genomics srl, Spin-Off Giovanni Birolo, PhD CRIBI Biotechnology Center, University of

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING Il test OncoScreening OncoScreening è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi multipla per valutare

Dettagli

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B Downloaded from www.immunologyhomepage.com Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B I geni che codificano i recettori per gli antigeni (BCR e TCR) sono presenti in uno

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN Il test ColonScreen ColonScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

Profilo aziendale. Prodotti e servizi per il mercato italiano

Profilo aziendale. Prodotti e servizi per il mercato italiano Profilo aziendale La ATLAS Biolabs GmbH è fornitore leader di servizi di genomica su microarray, quali espressione genica sull intero genoma e analisi degli SNP, analisi CGH e servizi diagnostici per dottori

Dettagli

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING dott.ssa Alessandra Cuccurullo EXOME SEQUENCING Anche noto come targeted exome capture. Strategia per sequenziare selettivamente

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2015-2016. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2015-2016. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2015-2016 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Possibili testi di riferimento Introduction to Genomics, A.M. Lesk, Oxford Capitoli 1, 3,

Dettagli

Alcuni aspetti legati al calcolo bioinformatico su CRESCO. Giuseppe Aprea UTMEA-CAL

Alcuni aspetti legati al calcolo bioinformatico su CRESCO. Giuseppe Aprea UTMEA-CAL Alcuni aspetti legati al calcolo bioinformatico su CRESCO Giuseppe Aprea UTMEA-CAL Principali attività bioinformatiche ENEA legate al calcolo Assemblaggio de Novo* Trascrittomica Analisi filogenetica Metagenomica*

Dettagli

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi. Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.it Il primo passo... Abbiamo la sequenza completa del DNA di un organismo:

Dettagli

Avanzamento dei sistemi di sequenziamento

Avanzamento dei sistemi di sequenziamento Avanzamento dei sistemi di sequenziamento Sistemi di sequenziamento capillare basati su: Lunghezza delle read: 800 basi Poche sequenze prodotte in una singola corsa Second Generation Sequencing (SGS):

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

II Anno II Semestre A.A. 2012/2013 Sbobinatura Patologia Generale Prof. Banfi

II Anno II Semestre A.A. 2012/2013 Sbobinatura Patologia Generale Prof. Banfi Seconda Università di Napoli II Anno II Semestre A.A. 2012/2013 Sbobinatura Patologia Generale Prof. Banfi Gruppo di studio La Sbobba A cura di dodo e Ely24e 1) Introduzione alla Genetica Medica Pag. 2

Dettagli

Organizzazione del genoma umano II

Organizzazione del genoma umano II Organizzazione del genoma umano II Lezione 7 & Pseudogeni I Pseudogeni non processati : convenzionali ed espressi * Copie non funzionali del DNA genomico di un gene. Contengono esoni, introni e spesso

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Lezione 8. DNA sequencing informatics

Lezione 8. DNA sequencing informatics Lezione 8 DNA sequencing informatics Il materiale di questa lezione è contenuto nel libro Next-generation DNA sequencing informatics Edited by Stuart M Brown Disponibile in biblioteca (CHIOSTRO 572.8633

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Fonti e testi di riferimento Dan Graur: http://nsmn1.uh.edu/dgraur/ >courses > bioinformatics

Dettagli

MECCANISMI DI RIPARAZIONE DEL DNA

MECCANISMI DI RIPARAZIONE DEL DNA MECCANISMI DI RIPARAZIONE DEL DNA MUTAZIONI SPONTANEE ED INDOTTE Il danno al DNA non riparato può portare a mutazioni che causano malattie o morte delle cellule. Le mutazioni derivano da cambiamenti della

Dettagli

Nel 1997 un gruppo di ricercatori dell Università di Monaco, guidato. Genomi e genomica. DOMANDE CHIAVE Come si ottengono

Nel 1997 un gruppo di ricercatori dell Università di Monaco, guidato. Genomi e genomica. DOMANDE CHIAVE Come si ottengono Genomi e genomica 14 DOMANDE CHIAVE Come si ottengono le sequenze del DNA genomico? Come viene decifrata l informazione contenuta nel genoma? Che cosa può rivelare la genomica comparata sulla struttura

Dettagli

Next Generation Sequencing nelle malattie non emopatiche

Next Generation Sequencing nelle malattie non emopatiche Next Generation Sequencing nelle malattie non emopatiche Vilma Mantovani 1,2 & Tommaso Pipucci 2 1 Centro Ricerca Biomedica Applicata - CRBA 2 U.O. Genetica Medica Bologna, 11 maggio 2012 Gene discovery

Dettagli

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1 Genoma La determinazione e la conoscenza dell intera sequenza genomica è la condizione necessaria per comprendere la biologia di un determinato organismo Il genoma contiene le istruzioni (geni) per la

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Caratterizzazione molecolare delle Distrofie Muscolari di Duchenne (DMD) e di Becker (BMD): diagnosi di malattia e studi familari L Proda esegue le indagini molecolari per le Distrofie muscolari di Duchenne

Dettagli

Lo splicing alternativo aumenta in modo considerevole la complessità del trascrittoma (e quindi del proteoma).

Lo splicing alternativo aumenta in modo considerevole la complessità del trascrittoma (e quindi del proteoma). Geni sovrapposti Lo splicing alternativo aumenta in modo considerevole la complessità del trascrittoma (e quindi del proteoma). % Splicing Alternativo Oltre il 90% dei geni umani è in grado di esprimere

Dettagli

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo 2 Convegno Nazionale Sindrome di Rubinstein Taybi Lodi, 17 19 maggio 2013 A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo Donatella Milani Cristina

Dettagli

Diagnosi genetiche molecolari

Diagnosi genetiche molecolari Diagnosi genetiche molecolari INDICAZIONI per la diagnosi genetica Ricorrenza nella famiglia di una malattia genetica - identificazione dei portatori - confermare la diagnosi basata sul quadro clinico

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

DNA sequencing. Reading Genomes. Giovanni Bacci

DNA sequencing. Reading Genomes. Giovanni Bacci Reading Genomes Giovanni Bacci Evoluzione del sequenziamento 1977 Frederick Sanger Prima tecnica di sequenziamento 1987 Applyed Biosystems Prima macchina automatica per il sequenziamento del DNA 1998 Phil

Dettagli

Lezione 2 Capitolo 18 del testo

Lezione 2 Capitolo 18 del testo Test genetico Lezione 2 Capitolo 18 del testo Cos e un test genetico/diagnostico M Il test genetico di per se non e solo utilizzato in diagnostica: sono un insieme di tecniche che vengono utilizzate per

Dettagli

Chimica Biochimica Biologia. Biologia Molecolare. Decodificazione Genoma Umano. Post-Genomica Medicina Molecolare. Patogenesi Terapia Diagnosi

Chimica Biochimica Biologia. Biologia Molecolare. Decodificazione Genoma Umano. Post-Genomica Medicina Molecolare. Patogenesi Terapia Diagnosi Patogenesi Terapia Diagnosi Dalla Genomica alla Medicina Molecolare Chimica Biochimica Biologia Biologia Molecolare Decodificazione Genoma Umano Post-Genomica Medicina Molecolare La CELLULA Nasce Si sviluppa

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

Summer School 2015. Alloreattività e trapianti nell uomo: le nuove metodiche di studio e i trapianti alternativi

Summer School 2015. Alloreattività e trapianti nell uomo: le nuove metodiche di studio e i trapianti alternativi Summer School 2015 Alloreattività e trapianti nell uomo: le nuove metodiche di studio e i trapianti alternativi Applicazioni della Next-Generation Sequencing con tecnologia Illumina Roberto Cusano 04-06

Dettagli

GENETICA GENERALE E MOLECOLARE

GENETICA GENERALE E MOLECOLARE GENETICA GENERALE E MOLECOLARE Il genoma umano: organizzazione e funzione delle sequenze - Correlazione tra contenuto di DNA e complessità -Sequenze uniche: struttura dei geni -Famiglie multigeniche e

Dettagli

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA I.P.S.I.A. Bettino Padovano Senigallia INDIRIZZO CHIMICO BIOLOGICO 2009/10 ALUNNO:MATTEO BARBARINI CLASSE: 5 TECNICO CHIMICO-BIOLOGICO DOCENTE:PROF.SSA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE DOTTORATO IN GENETICA MEDICA, MALATTIE METABOLICHE E NUTRIGENOMICA CICLO XXIV LA SCLEROSI MULTIPLA;

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Elementi di Bioinformatica per lʼanalisi di dati NGS

Elementi di Bioinformatica per lʼanalisi di dati NGS Corso di Alta formazione in Elementi di Bioinformatica per lʼanalisi di dati NGS 21-23 Settembre 2011 Centro Didattico Morgagni Viale Morgagni 40, Firenze Presentazione del corso Il corso di alta formazione

Dettagli

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA INDICE pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA 1.1. Il concetto d identificazione... 9 1.2. L identificazione nella storia....

Dettagli

Sperimenta il BioLab Attività di Bioinformatica Caccia al gene

Sperimenta il BioLab Attività di Bioinformatica Caccia al gene Sperimenta il BioLab Attività di Bioinformatica Caccia al gene Università degli Studi di Milano Settore Didattico, via Celoria 20, Milano Laboratorio 105 INTRODUZIONE Questa attività pratica ha come scopo

Dettagli

Genetica dei microrganismi 3

Genetica dei microrganismi 3 Genetica dei microrganismi 3 2 In questo caso il filtro poroso non eliminava lo scambio, indicando l esistenza di un fattore diffusibile DNasi resistente Trasduzione generalizzata 3 Figura 10.14 4 Trasduzione

Dettagli

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias INTRODUZIONE Il mio progetto di ricerca, finanziato dall Associazione Damiano per l Ematologia, si è inserito in un più ampio studio di caratterizzazione

Dettagli

Analisi Critica di Tecniche di Sequenziamento di Nuova Generazione

Analisi Critica di Tecniche di Sequenziamento di Nuova Generazione Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Analisi Critica di Tecniche di Sequenziamento di Nuova Generazione Laureando:

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013 La sindrome di Lynch Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC G. A. Pablo Cirrone 1 Caratteristiche generali I HNPCC (Hereditary Non-Polyposis Colonrectal Cancer) è caratterizzato dalla comparsa,

Dettagli

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Marco Santagostino Tutor: Elena Giulotto Dipartimento di Genetica e Microbiologia, Università degli Studi di Pavia Argomenti trattati 1. I telomeri e la telomerasi

Dettagli

Mutation screening mediante PCR

Mutation screening mediante PCR Mutation screening mediante PCR Denaturing High-Perfomance Liquid Chromatography (DHPLC) E una tecnica di analisi cromatografica ad alta pressione che consente di discriminare tra homoduplex ed heteroduplex

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 21. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 21. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 21 Domande concettuali C1. La genomica strutturale studia la composizione di un genoma. Lo scopo è di mappare tutti i geni nel genoma e alla fine di determinare la sequenza

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di

Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di GENETICA MEDICA Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di Perugia Centro Riferimento Regionale

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE?

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. RICHIESTA DI STUDIARE E/O INDIVIDUARE

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Come studiare un genoma complesso. 1. Costruirne la mappa

Come studiare un genoma complesso. 1. Costruirne la mappa Come studiare un genoma complesso 1. Costruirne la mappa Costruzione della mappa di un cromosoma Obiettivo: ordinare in modo reciproco lungo il cromosoma geni responsabili di fenotipi riconoscibili, o

Dettagli

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Una storia di interazione fra Medicina e Ricerca a cura di Debora Angeloni, Ph.D., Settore di Medicina Scuola Estiva di Orientamento

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

"Sotto l'azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va, nè sosta mai perchè tutte le immagini portano scritto più in là".

Sotto l'azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va, nè sosta mai perchè tutte le immagini portano scritto più in là. Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. Muore

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013 Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 1 Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013

Dettagli

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357.

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357. Analizziamo i figli: per 3 volte A è stato trasferito insieme a B e per 2 volte a insieme a b (5 parentali); per 2 volte A con b e B con a (2 ricombinanti). Secondo l ipotesi dell indipendenza, ci aspettiamo

Dettagli

DNA RICOMBINANTE E BIOTECNOLOGIE

DNA RICOMBINANTE E BIOTECNOLOGIE DNA RICOMBINANTE E BIOTECNOLOGIE INDICE DNA ricombinante e sue applicazioni Tecniche del DNA ricombinante Inserzione di un gene in un plasmide Progetto Genoma Umano Biotecnologie e loro applicazioni Organismi

Dettagli

LA SELEZIONE GENOMICA NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS

LA SELEZIONE GENOMICA NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS Associazione Italiana Allevatori LA SELEZIONE GENOMICA IMMAGINE NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS RICCARDO NEGRINI riccardo.negrini@unicatt.it negrini.r@aia.it Trend del mercato della carne nei Paesi

Dettagli

Lezioni di genetica medica. Specializzazioni 2014

Lezioni di genetica medica. Specializzazioni 2014 Lezioni di genetica medica Specializzazioni 2014 Programma, parte 1 genetica umana generale Il genoma umano: geni ed organizzazione Next generation sequencing (NGS), l'exoma Eterogeneità clinica ed eterogeneità

Dettagli

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI a cura di Maria Cristina Mazzilli 1 Antonio Calabrò 2 Carlo Catassi 2 Luigi Greco 2 Riccardo Troncone 2 Umberto Volta 2 Valerio Misefari 3 Antonio Amoroso 4 Ettore

Dettagli

Renata Bocciardi DINOGMI - Università degli Studi di Genova U.O.C. Genetica Medica - Istituto G. Gaslini. Genova, 3/02/2015 Teatro della Gioventù

Renata Bocciardi DINOGMI - Università degli Studi di Genova U.O.C. Genetica Medica - Istituto G. Gaslini. Genova, 3/02/2015 Teatro della Gioventù 1. Do you think genome sequencing will impact on your future life? Give examples of what you would want and what you would not want to happen because of genome sequencing. or 2. How can you explain human

Dettagli

Carpire il segreto della vita con l informatica Giosuè Lo Bosco Dipartimento di Matematica e Informatica, Università di Palermo, ITALY.

Carpire il segreto della vita con l informatica Giosuè Lo Bosco Dipartimento di Matematica e Informatica, Università di Palermo, ITALY. Carpire il segreto della vita con l informatica Giosuè Lo Bosco Dipartimento di Matematica e Informatica, Università di Palermo, ITALY. Lezioni Lincee Palermo, 26 Febbraio 2015 Alla base della vita degli

Dettagli

Come identificare i Cromosomi

Come identificare i Cromosomi Come identificare i Cromosomi Fino al 1970, i cromosomi sono stati classificati in base alle dimensioni ed alla posizione del centromero. A I più grandi (metacentrici) B Grandi (submetacentrici) C Medi

Dettagli

SINDROMI MIELODISPLASTICHE

SINDROMI MIELODISPLASTICHE SINDROMI MIELODISPLASTICHE MECCANISMI MOLECOLARI R. Piazza MECCANISMI MOLECOLARI Bejar R et al. JCO 2011;29:504-515 NEXT GENERATION SEQUENCING Flowcell NEXT GENERATION SEQUENCING Library di DNA Genomic

Dettagli

Applicazioni biotecnologiche in systems biology

Applicazioni biotecnologiche in systems biology Applicazioni biotecnologiche in systems biology Lezione #6 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Gene regulation analysis Lezione #6 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Regolazione genica Elementi molecolari e

Dettagli

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA.

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA. TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA RT-PCR REAL TIME PCR NORTHERN BLOTTING ANALISI POST-GENOMICHE Conoscere la sequenza genomica di un organismo non è che l inizio di una serie di esperimenti

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

RNA non codificanti ed RNA regolatori

RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Piccoli RNA non codificanti Gli RNA non codificanti (ncrna)

Dettagli

Progettazione di primer per PCR. Verifica della specificità

Progettazione di primer per PCR. Verifica della specificità Progettazione di primer per PCR. Verifica della specificità La PCR (Polymerase Chain Reaction) ha progressivamente assunto importanza tra le tecnologie ricombinanti in quanto in diversi protocolli applicativi

Dettagli

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto La regolazione genica nei procarioti Alcune proteine vengono prodotte dalla cellula ad un ritmo relativamente costante e l attività dei geni che codificano queste proteine non è regolata in modo sofisticato.

Dettagli

Applicazioni biotecnologiche in systems biology

Applicazioni biotecnologiche in systems biology Applicazioni biotecnologiche in systems biology Lezione #2 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Contatti Dr. Marco Galardini Dip. Di Biologia Via Madonna del Piano 6, Polo Scientifico S. Fiorentino (c/o Incubatore

Dettagli

IL CONTROLLO GENETICO DELLA PARENTELA NEL CANE CON ANALISI DEL DNA Michele Polli, Loredana Holzer, Stefano Marelli, Luigi Guidobono Cavalchini

IL CONTROLLO GENETICO DELLA PARENTELA NEL CANE CON ANALISI DEL DNA Michele Polli, Loredana Holzer, Stefano Marelli, Luigi Guidobono Cavalchini IL CONTROLLO GENETICO DELLA PARENTELA NEL CANE CON ANALISI DEL DNA Michele Polli, Loredana Holzer, Stefano Marelli, Luigi Guidobono Cavalchini Università degli Studi di Milano - Istituto di Zootecnica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità RELAZIONE TECNICA Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità PROSPETTO RIASSUNTIVO DELL'ANALISI ANALISI INDAGINE DI PATERNITA' PERSONE SOTTOPOSTE AL TEST QUESITO Campione Biologico Tampone

Dettagli

VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI

VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI Le alterazioni strutturali implicano cambiamenti di parti di cromosomi. Esistono 4 tipi di tali mutazioni: Delezione Duplicazione inversione Traslocazione Determinano

Dettagli

Genomica Servizio Sequenziamento DNA

Genomica Servizio Sequenziamento DNA Genomica Servizio Sequenziamento DNA Listino prezzi 1 maggio 2005 Value Read Codice Descrizione Prezzo / Lettura 1001-000000 Tubi 13,50 1001-000010 Tubi con etichetta codice a barre 12,00 1094-000050 Etichette

Dettagli

Sindrome di Sotos: Difetto genetico di base: gene NSD1 e analisi di mutazioni Marina Grasso Laboratorio Genetica Umana E.O.

Sindrome di Sotos: Difetto genetico di base: gene NSD1 e analisi di mutazioni Marina Grasso Laboratorio Genetica Umana E.O. Sindrome di Sotos: Difetto genetico di base: gene NSD1 e analisi di mutazioni Marina Grasso Laboratorio Genetica Umana E.O. Ospedali Galliera XVIII Congresso Nazionale Associazione Gulliver Monza 08 marzo

Dettagli

Tecniche di bandeggio

Tecniche di bandeggio Tecniche di bandeggio sono sistemi di colorazione che conferiscono ai cromosomi caratteristici pattern di bande più o meno intense ogni cromosoma umano presenta un bandeggio (ossia una sequenza di bande)

Dettagli

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92 PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale Esercizio Tipizzazione del gene PV92 Elementi trasponibili Che cosa sono gli elementi trasponibili? Sono segmenti di DNA che sono in grado di trasferirsi in

Dettagli

Anomalie. Transcrittasi inversa Codice genetico mitocondriale RNA splicing RNA editing RNA interference RNA switch Pseudogeni Trasposoni

Anomalie. Transcrittasi inversa Codice genetico mitocondriale RNA splicing RNA editing RNA interference RNA switch Pseudogeni Trasposoni Anomalie Transcrittasi inversa Codice genetico mitocondriale RNA splicing RNA editing RNA interference RNA switch Pseudogeni Trasposoni 17 Transcrittasi inversa 18 Codice genetico mitocondriale 19 Codone

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

Aggiornamenti in ambito genetico

Aggiornamenti in ambito genetico 10 Congresso Nazionale sulla Sindrome di Cornelia de Lange 1-4 novembre 2012 - Gabicce Aggiornamenti in ambito genetico Cristina Gervasini Genetica Medica Dip. Scienze della Salute Università degli Studi

Dettagli

XXIII CICLO DOTTORATO DI RICERCA IN TERAPIA PEDIATRICA E FARMACOLOGIA DELLO SVILUPPO. Coordinatore Scientifico: Prof.

XXIII CICLO DOTTORATO DI RICERCA IN TERAPIA PEDIATRICA E FARMACOLOGIA DELLO SVILUPPO. Coordinatore Scientifico: Prof. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologie XXIII CICLO DOTTORATO DI RICERCA IN TERAPIA PEDIATRICA E FARMACOLOGIA DELLO SVILUPPO

Dettagli

GREEN HIGH TECH: la Scienza nell'arte di nutrire il mondo? Non si sequenzia solo il genoma umano: ecco perché usando l'esempio del pesco

GREEN HIGH TECH: la Scienza nell'arte di nutrire il mondo? Non si sequenzia solo il genoma umano: ecco perché usando l'esempio del pesco GREEN HIGH TECH: la Scienza nell'arte di nutrire il mondo? Non si sequenzia solo il genoma umano: ecco perché usando l'esempio del pesco Luca Dondini - Dipartimento di Scienze Agrarie (Università di Bologna)

Dettagli

Applicazione di tecniche innovative di RNA-Seq per lo studio dei meccanismi di azione di un biofungicida

Applicazione di tecniche innovative di RNA-Seq per lo studio dei meccanismi di azione di un biofungicida Applicazione di tecniche innovative di RNA-Seq per lo studio dei meccanismi di azione di un biofungicida R.M. De Miccolis Angelini, D. Digiaro, C. Rotolo, S. Pollastro, F. Faretra Dipartimento di Scienze

Dettagli

Elementi di genetica di base e marcatori molecolari. Dott.ssa Marica Soattin

Elementi di genetica di base e marcatori molecolari. Dott.ssa Marica Soattin Elementi di genetica di base e marcatori molecolari Dott.ssa Marica Soattin Organismi animali costituiti da cellule di tipo eucariote Cellule con nucleo differenziato delimitato da membrana e organelli

Dettagli

Il sequenziamento del genoma umano

Il sequenziamento del genoma umano Il sequenziamento del genoma umano 1. storia e risultati dei due progetti: HGP e Celera. 2. innovazioni e problematiche di ricerca connesse al progetto genoma umano: (a) sequenziamento su larga scala (b)

Dettagli

Plasmidi come vettori di clonaggio

Plasmidi come vettori di clonaggio Plasmidi come vettori di clonaggio Un vettore plasmidico di buona qualità deve possedere le seguenti proprietà: 1. Piccole dimensioni (

Dettagli

Biosensori 3: Biosensori a DNA e Bio- Gene Chip

Biosensori 3: Biosensori a DNA e Bio- Gene Chip Biosensori 3: Biosensori a DNA e Bio- Gene Chip mazzei@di.unipi.it (materiale parzialmente tratto da: http://nestor.med.unibo.it/shared_files/seminari/sartini_21-10-2004.ppt) Biosensori ad affinità basati

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

Che significa animale transgenico o animale Knockout???

Che significa animale transgenico o animale Knockout??? Che significa animale transgenico o animale Knockout??? ORGANISMI TRANSGENICI Gli animali che sono stati ingegnerizzati per inserzione di un gene, delezione di un gene o sostituzione di un gene si chiamano

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli