CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI REATTORI SEQUENZIALI DISCONTINUI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI REATTORI SEQUENZIALI DISCONTINUI"

Transcript

1 CRIERI DI DIMENSIONAMENO DEI REAORI SEQUENZIALI DISCONINUI Piero Sirini, Agostina Chiavola INRODUZIONE Il reattore SBR rappresenta oggi la soluzione tecnologica forse più promettente in ambito depurativo fra le configurazioni impiantistiche proposte come modifica rispetto all originale sistema a fanghi attivi, per la rimozione della sostanza carboniosa e dei nutrienti. In un intervallo di tempo relativamente breve, l SBR è divenuto sempre più popolare fra i sistemi di trattamento biologico delle acque reflue di origine sia civile che industriale, principalmente per la sua semplicità ed ampia flessibilità operativa, dimostrandosi ampiamente competitivo rispetto ai tradizionali impianti a flusso continuo. L SBR è stato adottato con successo in molteplici applicazioni sia in scala di laboratorio e pilota, per la verifica dei livelli di depurazione conseguibili, che in piena scala con diverse tipologie di refluo. E tuttavia importante notare come in tutte queste applicazioni siano state adottate strategie operative selezionate principalmente sulla base dell esperienza acquisita piuttosto che su fondamenti teorici specifici; pertanto, anche per la depurazione di reflui della stessa natura sono state utilizzate strategie diverse, raggiungendo comunque efficienze di trattamento elevate e costanti nel tempo. Nella fattispecie, nell ambito della depurazione di reflui civili, si ritrova in letteratura che Imura et al. (1993), adottando un funzionamento con 4 cicli al giorno, ottennero la nitrificazione completa ed una rimozione del BOD, dei SS e del fosforo superiore al 95%. Bernardes e Klapwijk (1996) conseguirono un efficiente rimozione dei nutrienti utilizzando due SBR in serie, funzionanti ciascuno con 6 cicli al giorno, e diverse sequenze di fasi all interno di ogni ciclo, scelte su base comunque arbitraria. Un altro esempio particolarmente rappresentativo è dato dal trattamento del percolato da discarica: a tale scopo sono stati impiegati con successo valori del tempo di residenza idraulica variabili fra 1,5 e 10 giorni, del tempo di residenza cellulare compresi fra 20 e 50 giorni e durate del ciclo di ore (Dollerer e Wilderer, 1996; Boni et al., 2003; Zaloum e Abbott, 1997; imur e Ozturk, 1999; Yilmaz e Ozturk, 2001). Anche nel caso del trattamento di reflui industriali, a parte rare eccezioni, in letteratura non sono indicati i fondamenti teorici che hanno portato alla scelta di specifici parametri operativi e criteri dimensionali, al fine di garantire l efficienza desiderata (Carucci et al., 1999; Chiavola et al., 2004). 1

2 Gli studi ed i progressi compiuti negli ultimi anni nel campo dei trattamenti depurativi non hanno coinvolto direttamente l SBR, che al contrario si è sviluppato nel tempo con poche modifiche rispetto alla sua configurazione originaria. Le ricerche e gli studi che hanno avuto come oggetto l SBR si sono concentrate prevalentemente sui vantaggi che questo tipo di impianto presenta rispetto a quello convenzionale a flusso continuo, e verso la modifica dei parametri caratteristici quali ad esempio le modalità di alimentazione, la distribuzione e la durata dei cicli e delle fasi, proponendo e verificando la validità e le potenzialità applicative delle diverse alternative. In breve, si può affermare che gli sforzi principali siano stati dedicati ad acquisire maggiore esperienza dal punto di vista ingegneristico dell SBR, così da poter sfruttare appieno le potenzialità da esso offerte. Nell ultimo documento tecnico dell International Water Association (IWA) sull SBR (Wilderer et al., 2001) si afferma in modo esplicito che allo stato attuale non esistono delle linee guida unificate per il dimensionamento di tale impianto; ciò ha portato in alcuni casi alla realizzazione e/o gestione di impianti discontinui non in grado di assicurare il rispetto dei limiti normativi allo scarico. Gli autori del documento, tuttavia, concludono affermando di non voler essi stessi fornire un criterio univoco per il dimensionamento, data la molteplicità delle tipologie di SBR attualmente disponibili. Infatti, l elevata flessibilità operativa, che rappresenta la caratteristica principale di un SBR, se da un lato ne rende particolarmente conveniente l impiego rispetto ad un sistema a flusso continuo, in quanto consente di adattare il processo depurativo alle inevitabili variazioni della corrente influente, d altro canto rende difficile la codificazione di linee guida unificate, che possano essere applicate per il dimensionamento di un SBR in tutte le sue molteplici configurazioni. La mancanza di un approccio unificato al dimensionamento, rappresenta probabilmente il maggiore ostacolo ad una più ampia diffusione degli SBR, in particolar modo in Italia. Pertanto, ai fini del dimensionamento si deve ricorrere inequivocabilmente alla esperienza personale acquisita nell ambito della depurazione biologica, ed alle indicazioni fornite da altri autori riferite ai casi specifici di interesse. A tale scopo, le informazioni disponibili in letteratura risultano di entità e grado di approfondimento estremamente vario. Ci si può, ad esempio, riferire alla Environmental Protection Agency (EPA, 1999) che suggerisce di utilizzare per la depurazione di reflui di origine civile, 6 cicli al giorno, ognuno della durata di 4 ore, un fattore di carico organico (F/M) compreso nell intervallo 0,15-4,0 kg BOD/kg SS d ed un tempo di residenza idraulica variabile fra 6 e 14 ore; nel caso del trattamento di reflui di origine industriale, i campi di variabilità dei suddetti parametri progettuali risultano molto più ampi, rendendosi quindi necessario uno studio dedicato nello specifico caso di interesse. 2

3 L approccio della EPA, sebbene possa avere una certa utilità come base di partenza in assenza di indicazioni progettuali specifiche, risulta piuttosto generico; se utilizzato da solo, esso può condurre a valutazioni errate, poiché lascia ampia possibilità di scelta per i valori da assegnare a molti dei parametri necessari ai fini della progettazione completa di un impianto SBR. In alternativa e/o aggiunta alle indicazioni fornite dalla EPA, è comunque opportuno seguire l approccio che si adotta tipicamente nel dimensionamento degli impianti a flusso continuo, ovvero fare riferimento ai bilanci di materia del substrato e dei microrganismi. E però importante in questo caso prendere in considerazione al contempo anche tutti quei parametri che caratterizzano e distinguono il reattore a flusso discontinuo rispetto a quello a flusso continuo. Un supporto particolarmente valido alla progettazione è offerto in tal senso dalla modellizzazione di processo, in particolare quando fra gli obiettivi della depurazione vi è la rimozione dei nutrienti. Anche in questo caso, i tentativi riportati in letteratura sono molteplici (Artan et al., 2002; Artan et al., 2004; asli et al., 2001; Brenner, 2000). Gli studi a riguardo hanno evidenziato la necessità di integrare la modellizzazione di processo con l approccio basato sui bilanci di materia e sulla teoria della cinetica biologica, al fine di determinare l andamento dei profili di concentrazione dei parametri di interesse per un prefissato set di condizioni operative. Nel prosieguo della presente relazione verranno descritti alcuni criteri, fra i molteplici disponibili, per la progettazione di un impianto SBR per la rimozione della sostanza organica carboniosa e dei nutrienti, facendo riferimento unicamente ai sistemi a biomassa sospesa (Artan e Orhon, 2005). In anni recenti sono stati proposti ed applicati con successo, almeno in scala pilota o di laboratorio, impianti SBR a biomassa adesa (Sequencing Batch Biofilm Reactor, SBBR). I meccanismi che regolano i processi di rimozione degli inquinanti in tali sistemi sono piuttosto complessi, ed allo stato attuale non hanno raggiunto piena comprensione ed interpretazione; risulta, pertanto, prematuro proporre dei criteri univoci di dimensionamento per i sistemi SBBR, che conseguentemente non verranno presi in considerazione nel seguito (Wilderer, 1992). PRINCIPALI PARAMERI DI PROGEO Come noto, l SBR si compone di un singolo bacino che svolge le funzioni sia di reattore biologico che di sedimentatore secondario. In un SBR i processi biologici e la chiarificazione del refluo si alternano su base temporale all interno del medesimo reattore, piuttosto che avvenire simultaneamente in unità diverse come nei sistemi a flusso continuo. 3

4 In un impianto SBR, il volume complessivo del reattore si compone di una frazione volumetrica, V 0, nella quale si accumula il fango sedimentato, ed una frazione volumetrica, V F, pari al volume di refluo che viene introdotto nel reattore durante la fase di alimentazione e quindi allontanato durante la fase di scarico alla fine di ogni ciclo operativo. Il processo biologico viene attuato attraverso un funzionamento ciclico allo stato stazionario, con un alimentazione periodica e quindi intermittente per una prefissata durata di tempo, o anche continua durante tutto lo svolgimento del ciclo. Vediamo di seguito i principali parametri che caratterizzano il funzionamento ciclico di un SBR, e che risulta indispensabile selezionare ai fini della progettazione di tale impianto. Essi verranno definiti in analogia ai parametri corrispondenti nel caso di sistema a flusso continuo. 1) C durata complessiva di un ciclo, h 24/m (ovvero, se espressa in frazioni di giorno, 1/m) (1) dove m numero di cicli giornalieri, cicli/d 2) V F volume di refluo alimentato ad ogni ciclo, m 3 Q/m (2) dove Q portata volumetrica influente media giornaliera), m 3 /d V C + V 0 F 0 F 0 3) Θ tempo di residenza idraulica V /Q 1 ( 1+ R ) (3) dove V volume totale del reattore R V 0 /V F rapporto di ricircolo oppure 4) Θ V /Q (4) V C mvf VER V + V Q V + V mvf dove VER volumetric exchange ratio, o rapporto volumetrico di riempimento F C V F /V ale parametro ha importanza in quanto consente di visualizzare facilmente la percentuale di volume effettivamente utilizzata ai fini del trattamento; inoltre è correlato all effetto di diluizione che subisce l influente nella fase di riempimento. 4

5 5) C F + R + S + D + I (5) dove F, R, S, D, I rappresentano le durate rispettivamente delle fasi di alimentazione ( fill ), reazione ( react ), sedimentazione ( settle ), scarico ( draw ) e inattività ( idle ). Dal momento che le fasi attive del processo depurativo ai fini delle reazioni biologiche sono solo quelle di alimentazione (purché questa non sia di tipo stazionario o statico) e di reazione, è possibile anche riscrivere la (5) nel modo seguente: C A + S + D + I dove A F + R durata della fase attiva Inoltre le fasi di alimentazione e reazione possono essere miscelate oppure aerate (e miscelate), determinando conseguentemente la formazione di condizioni anossiche o anaerobiche (a seconda della presenza o meno dei nitrati come accettori di elettroni), e aerobiche. La scelta delle modalità di funzionamento delle apparecchiature elettromeccaniche a servizio dell impianto viene determinata dagli obiettivi da conseguire nel processo depurativo (ad esempio la denitrificazione, la rimozione biologica del fosforo, la rimozione della sostanza organica carboniosa da sola o in combinazione con la nitrificazione). 6) FR fill time ratio, o rapporto di durata dell alimentazione F / C (6) Anche tale parametro risulta di estrema importanza dal momento che influenza il valore della concentrazione residua di substrato alla fine della fase di alimentazione, e quindi all inizio di quella di reazione, condizionando pertanto la cinetica complessiva del processo biologico depurativo. Un impianto SBR si può comporre di un singolo reattore oppure di una serie di reattori SBR in parallelo. Nel primo caso, se l alimentazione della corrente influente risulta continua, è necessario realizzare un bacino di equalizzazione a monte del reattore al fine di disconnettere il regime di produzione dell influente da quello di alimentazione dell impianto. Nel secondo caso, il bacino di equalizzazione non si rende necessario dal momento che il sistema di alimentazione viene realizzato in modo tale che, mentre uno dei reattore della serie riceve l influente, gli altri svolgono le altre funzioni appartenenti ad un tipico ciclo operativo. Sulla base di queste considerazioni, risulta evidente che, nel caso di una serie di N R reattori, caratterizzati tutti dalla stessa durata della fase di alimentazione, valgono le seguenti relazioni: 5

6 7) C N R F (7) Inoltre: FR 1/N R 8) Θ x tempo medio di residenza cellulare o età del fango M x Px (8) dove M x massa totale di biomassa presente all interno del reattore P x massa di fango spurgata complessivamente ogni giorno dal reattore Nel caso in cui lo spurgo avvenga prima dell inizio della fase di sedimentazione, la concentrazione di biomassa spurgata è pari a quella,, presente all interno del reattore. Pertanto si può scrivere: V Θ V x C (8 ) mvw VW dove V W volume di fango spurgato ad ogni ciclo dalla miscela liquida Il tempo di residenza cellulare effettivo per la biomassa autotrofa, Θ xa, risulta una frazione del tempo di residenza cellulare totale, dal momento che essa può vivere solo in condizioni aerobiche. Pertanto si può scrivere: Θ xa Θ AE x (8 ) C La biomassa eterotrofa può sopravvivere sia in condizioni aerobiche che in quelle anossiche. Pertanto, il tempo di residenza cellulare effettivo per la biomassa eterotrofa, Θ x, è pari a: Θ + AN AE x Θx (8 ) C dove AN e AE rappresentano le durate delle fasi di reazione rispettivamente anossica e aerobica. BILANCI DI MAERIA Una volta definiti i principali parametri di progetto, è opportuno formulare i bilanci di materia rispetto al sistema di interesse. A tale scopo si considera l intero volume del reattore come volume di controllo, e si assume che il contenuto dello stesso risulta completamente miscelato; 6

7 inoltre, essendo il volume variabile all inizio del ciclo, è necessario formulare i bilanci di materia sia nella fase di alimentazione che in quella di reazione. Gli andamenti temporali delle concentrazioni di substrato e di biomassa all interno del reattore discendono direttamente dalle caratteristiche idrauliche e di miscelazione dello stesso. In questo contesto, l SBR può essere considerato un reattore batch, dal momento che l alimentazione e l estrazione dell effluente avvengono su base periodica. Le culture batteriche che si selezionano in un reattore discontinuo sono, inoltre, diverse da quelle che si instaurano in un sistema a flusso continuo a causa delle particolari pressioni selettive e condizioni di crescita che si realizzano unicamente in un reattore alimentato in modo discontinuo. E opportuno evidenziare come l SBR, se gestito correttamente e se le condizioni di funzionamento e di alimentazione rimangono invariate, dopo un certo periodo di tempo, raggiunga condizioni di pseudo-stazionarietà, dal momento che ogni ciclo si ripete in modo identico al successivo, e conseguentemente anche gli andamenti temporali delle concentrazioni dei principali parametri. Il bilancio di materia relativo ad un generico componente, A, presente nell influente in concentrazione C Ain, si formula per le sole fasi attive, come segue: fase di alimentazione [ C (t)] d V(t) dt A Q C Ain + r A V(t) dove C A (t) concentrazione di A nel reattore al generico istante di tempo t V(t) volume del reattore al generico istante di tempo t durante la fase di alimentazione r A velocità di reazione del componente A Da cui, essendo dv/dt Q e V(t) V 0 + Q t la (9) diventa: dc A dt (t) Q + Q t [ C C () t ] + r (9 ) V 0 Ain A A fase di reazione dc A (t) r A (10) dt La risoluzione delle equazioni differenziali (9 ) e (10) porta alla determinazione dei profili temporali di concentrazione della generica sostanza A all interno del reattore, durante le fasi di alimentazione e di reazione. Ai fini della integrazione, è necessario fissare le condizioni al contorno: la concentrazione di substrato nell effluente, ovvero alla fine della fase di reazione, coincide con la concentrazione di substrato nel volume residuo, V 0, presente all inizio del ciclo successivo. Inoltre, la quantità di biomassa,, nel volume complessivo V, si trasferisce integralmente, a meno della quantità spurgata, al ciclo operativo successivo. 7 (9)

8 Il bilancio di materia deve essere formulato per tutti i componenti di interesse: il substrato carbonioso ed azotato, eventualmente distinti nelle diverse frazioni, la biomassa, considerata globalmente o anche nelle componenti autotrofa ed eterotrofa. La concentrazione di substrato alla fine della fase di alimentazione varia in funzione della durata di questa: in particolare, fissato il volume di influente da aggiungere, V F, al diminuire della durata di tale fase, aumenta inevitabilmente la portata volumetrica da alimentare, e anche la concentrazione di substrato che viene raggiunta alla fine della stessa, e che quindi si ritrova all inizio della successiva fase di reazione. Questo ha diretta conseguenza sulla durata di quest ultima, vista la dipendenza delle cinetiche biologiche dalla concentrazione del componente interessato. ali considerazioni risultano particolarmente importanti nel caso del trattamento di un refluo civile, poiché la riduzione della durata del ciclo operativo consente di massimizzare i volumi di refluo che possono essere trattati giornalmente. Fasi di alimentazione piuttosto brevi portano alla formazione di elevati gradienti di concentrazione all interno del reattore, che si ripetono nel tempo ad ogni ciclo. Questo condiziona fortemente i processi di selezione ed arricchimento delle biomasse, che a regime sono caratterizzate da popolazioni batteriche più resistenti rispetto a quelle che prevalgono negli impianti a flusso continuo, ed in grado di assicurare elevate efficienze depurative anche a fronte di eventuali fluttuazioni del carico organico e idraulico in ingresso. Infine, le medesime pressioni selettive sono responsabili anche della prevalenza di batteri fiocco-formatori rispetto ai filamentosi, con conseguenti evidenti miglioramenti della fase di chiarificazione. Nel caso del trattamento di un refluo industriale, contenente sostanze potenzialmente tossiche o inibenti, o anche un elevato carico ammoniacale, le considerazioni suddette devono essere valutate attentamente e verificate caso per caso. Infatti, un elevata concentrazione di substrato all inizio della fase di reazione può determinare fenomeni di inibizione della biomassa, che portano ad un rallentamento se non alla cessazione delle reazioni biodegradative. ALERNAIVE DI PROCESSO Un impianto SBR consente, con un unico bacino, di realizzare i diversi processi biochimici, e quindi di conseguire molteplici obiettivi di trattamento. E necessario a tale scopo definire opportunamente le caratteristiche e la durata delle diverse fasi all interno di ogni tipico ciclo operativo. Rimangono validi, al contempo, i principi teorici alla base de processi biochimici, e 8

9 pertanto è necessario primariamente selezionare il valore più adeguato del tempo di residenza cellulare. In un sistema SBR destinato alla rimozione della sostanza organica carboniosa ed alla nitrificazione, le fasi attive del processo (ovvero, come già detto, alimentazione e reazione) devono essere di tipo aerobico e, pertanto, il sistema di controllo dell impianto deve essere programmato al fine di mantenere attivo il sistema di aerazione per una durata sufficiente a conseguire il grado di rimozione desiderato. I parametri di progetto da definire nel caso specifico, riguardano la durata della fase di alimentazione ed il numero delle unità di tipo SBR che compongono il sistema. Relativamente al primo aspetto, si ricorda come elevate concentrazioni di azoto ammoniacale possano risultare inibenti per l attività dei batteri nitrificanti, ed in particolare per quelli che ossidano i nitriti a nitrati. Conseguentemente, la durata della fase di alimentazione deve essere sufficientemente lunga al fine di evitare pericolosi accumuli di azoto ammoniacale all interno del reattore, ed invece consentire la progressiva ossidazione del carico in ingresso con l influente. In taluni casi, si può anche prevedere l adozione di una fase di alimentazione avente durata pari all intero ciclo; è necessario quindi inserire nel reattore un sistema che minimizza il contatto fra l influente e l effluente trattato e che favorisce la sedimentazione in condizioni di quiete. Per quanto riguarda il numero delle unità, si può prevedere l adozione di due o più bacini funzionanti in parallelo, eventualmente preceduti da un comparto di equalizzazione al fine di controllare con maggiore efficacia il flusso di alimentazione. Il numero delle unità generalmente non risulta superiore a quattro, anche nei grandi impianti, per evitare un eccessivo aumento dei costi delle apparecchiature elettromeccaniche. In un SBR dedicato alla rimozione dell azoto, nel medesimo bacino si devono alternare in una determinata sequenza temporale condizioni anossiche e condizioni aerobiche. Le strategie operative che possono essere adottate a tale scopo sono diverse. E importante sottolineare come in un SBR i nitrati vengano ricircolati all inizio di ogni ciclo operativo unicamente attraverso il volume residuo dal ciclo precedente, V 0. E pertanto è impossibile distinguere fra ricircolo dei nitrati dal sedimentatore secondario e ricircolo dal comparto di ossidazione, come invece avviene negli impianti a flusso continuo. Il ciclo può essere composto da unica fase di alimentazione, presente all inizio dello stesso, che risulta completamente miscelata, seguita da una fase di reazione anossica, anch essa miscelata, ed infine da una fase di reazione aerobica, in presenza di aerazione ed, eventualmente, di miscelazione. ale strategia risulta del tutto confrontabile con lo schema di pre-denitrificazione che si realizza negli impianti a flusso continuo (Ludzack-Ettinger modificato, MLE). Il ricircolo 9

10 dei nitrati attraverso il volume residuo, e quindi il rapporto V 0 /V F, risulta equivalente alla somma dei ricircoli dal sedimentatore e dal reattore di ossidazione; lo schema suddetto, come anche l MLE, non consente di controllare la concentrazione di nitrati nell effluente, se non attraverso la regolazione del ricircolo. Pertanto, negli impianti a flusso continuo, talvolta si inserisce una unità aggiuntiva di tipo anossico a valle della fase aerobica, al fine di assicurare la denitrificazione completa dei nitrati prodotti. Nel sistema SBR, un eventuale post-denitrificazione non risulta conveniente poiché porterebbe ad annullare la quantità di nitrati ricircolati con il volume residuo, rendendo conseguentemente inutile la fase di pre-denitrificazione. In un SBR, quindi, come configurazione alternativa, si può adottare una doppia sequenza di fasi anossiche-aerobiche, con l alimentazione all inizio di ogni fase anossica; o anche si può realizzare un alternanza di numerose fasi anossiche-aerobiche, ciascuna di durata ridotta, con una fase di alimentazione avente durata pari a quella complessiva delle fasi attive. Infine, la rimozione dell azoto può essere conseguita attraverso la nitrificazione-denitrificazione simultanea, mantenendo la concentrazione di ossigeno disciolto prossima a 1 mg/l. In questo caso le fasi anossiche e aerobiche si distinguono con difficoltà, dipendendo dalle fluttuazioni della concentrazione di ossigeno nel bacino. Il sistema SBR può essere impiegato efficacemente anche per la rimozione biologica del fosforo. In tal caso, è necessario prevedere un alternanza di condizioni anaerobiche-aerobiche durante ogni ciclo operativo, così da selezionare e consentire l attività dei batteri fosforo-accumulanti. E possibile conseguire anche la simultanea rimozione del fosforo e dell azoto. Dal momento che la rimozione del fosforo per via biologica è molto rara nel nostro paese, e quando necessario si preferisce effettuarla per precipitazione chimica, di seguito si riporteranno i criteri di dimensionamento dei reattori SBR solo nel caso di rimozione della sostanza carboniosa. DIMENSIONAMENO DI UN SBR PER LA RIMOZIONE DEL CARBONIO Come già detto, il dimensionamento di un SBR può essere condotto facendo riferimento alle condizioni di stato stazionario, dal momento che a lungo termine, se le condizioni operative e le caratteristiche dell influente rimangono sostanzialmente invariate, i profili di concentrazione dei principali parametri risultano identici nei diversi cicli operativi e così anche la qualità dell effluente. Come per gli impianti a flusso continuo, anche il dimensionamento di un SBR richiede, come base di partenza, la conoscenza il più possibile approfondita delle caratteristiche della corrente influente ed inoltre i dati cinetici e stechiometrici. Relativamente alle caratteristiche idrauliche 10

11 dell influente, è necessario che siano note le fluttuazioni di portata su base giornaliera e stagionale. Per quanto riguarda i parametri di inquinamento, generalmente è sufficiente prendere in considerazione parametri di tipo globale, quali il Biochemical Oxygen Demand (BOD 5 ) e il Chemical Oxygen Demand (COD); in alcuni casi, diversamente è necessario fare riferimento allo specifico inquinante presente nella corrente influente. La sostanza organica carboniosa deve poi essere ulteriormente caratterizzata in relazione al contenuto nelle diverse frazioni distinte sulla base del grado di biodegradabilità: si individuano, pertanto, le frazioni prontamente e lentamente biodegradabile, inerte solubile e particolata. E inoltre necessario verificare che i macro e micronutrienti siano presenti in quantità sufficiente a soddisfare i requisiti metabolici. Per quanto riguarda i coefficienti cinetici e stechiometrici, questi dovrebbero essere determinati per via sperimentale utilizzando il refluo di interesse, soprattutto nel caso di liquami di origine industriale; nel caso di reflui civili, è possibile comunque fare riferimento ai valori riportati nella letteratura specializzata. Come per gli impianti a flusso continuo, anche negli SBR il principale parametro operativo e dimensionale di interesse è rappresentato dal tempo medio di residenza cellulare o età del fango (indicato spesso nella letteratura anglosassone con Sludge Retention ime, SR); da esso, infatti, dipende il valore della concentrazione di substrato nell effluente, della concentrazione di microrganismi nel reattore biologico, della produzione di fanghi, della richiesta di ossigeno. Come noto, l inverso dell età del fango è pari al tasso netto di crescita batterica, µ. Facendo riferimento alla sola biomassa eterotrofa che opera in condizioni aerobiche, dal momento che in questo paragrafo ci occupiamo unicamente del processo di rimozione del carbonio, possiamo scrivere: 1 Θx 1 ' µ 1) µ b (11) dove µ tasso di crescita della biomassa eterotrofa b tasso di decadimento endogeno della biomassa eterotrofa Il tasso di crescita è legato alla concentrazione di substrato solubile biodegradabile, C s, presente nel reattore attraverso la seguente relazione: 2) µ C s µ max (12) K s + Cs dove µ max tasso massimo di crescita della biomassa eterotrofa K s costante di semisaturazione del substrato carbonioso 11

12 Per quanto riguarda la scelta del valore da assegnare in sede progettuale all età del fango, si può fare riferimento alle indicazioni che si seguono tipicamente nel caso di impianto a flusso continuo. Per quanto riguarda la qualità dell effluente, è verosimile attendersi una rimozione completa della frazione di substrato biodegradabile, almeno nel caso di refluo civile. Pertanto, il COD residuale nell effluente, S R, sarà dovuto alla sola componente inerte solubile, la quale viene in parte prodotta dal metabolismo, S P, ed in parte è recapitata con l influente, S Ii. Pertanto: S R S P + S Ii Il valore di S P può essere determinato a mezzo della seguente equazione: S P Y fse b CSi Θ (13) 1+ b Θ dove f SE frazione inerte solubile della biomassa, ovvero è un coefficiente stechiometrico che consente di valutare la quantità di biomassa in condizioni endogene che non viene ossidata, ma convertita in prodotti inerti solubili. C Si substrato biodegradabile totale presente nell influente Y rendimento di crescita batterico La (13) si ottiene da un bilancio di materia allo stato stazionario che porge: 0 QSP + rs V P 0 dove Per cui: r sp velocità di produzione di S P f SE b V SP fse b fse b Θ Q dove Poiché: concentrazione di biomassa eterotrofa nel reattore Θ Θ 1+ b Y Θ ( C C ) Si S Sostituendo questa nella precedente si ricava proprio la (13). La produzione totale di fango, P, comprende sia la biomassa in eccesso prodotta nel processo biochimico, P,sia la frazione particolata già presente nell influente di origine sia organica che 12

13 inorganica (rispettivamente P Ii e P SFi ), sia i prodotti particolati del metabolismo, P P. Pertanto, nell ipotesi in cui tutto il substrato biodegradabile venga rimosso, si può scrivere: P P + P P + P Ii + P SFi dove: P Y 1+ b Θ x Q C Si P P f E b Y 1+ b Θ Q C S i Θ dove f E frazione inerte particolata della biomassa, ovvero è un coefficiente stechiometrico che rende conto della quantità di prodotti microbici particolati generati a seguito del metabolismo endogeno. Esso assume generalmente il valore di 0.2 nei reflui civili. Pertanto: P + P P Y 1+ b Θ Q C Si ( 1+ f E b Θ ) YN Q CSi Da cui: 3) P iss,cod ( YNQCSi + QIi ) + QSFi (14) dove Ii frazione inerte particolata presente nell influente SFi frazione inerte particolata di origine inorganica presente nell influente; è pari alla differenza fra SS e Solidi Sospesi Volatili (SSV), anche indicata con il termine Solidi Sospesi Fissi (SSF) i SS,COD coefficiente che consente la conversione del COD in Solidi Sospesi otali (SS); esso si adotta nel caso in cui il rendimento di crescita batterico non venga espresso come [g SSV prodotti/g COD rimosso], ma piuttosto come [g cellule, come COD, prodotte/g COD rimosso]. Poiché 1 g cellule 1 g SSV 1,42 g O 2 1,42 g COD, assumendo che SSV/SS 0,8, ne consegue che a 1,25 g SS corrispondono 1,42 g COD e quindi 1 g COD 0,9g SS, o al contrario 1 g SS 1,14 g COD. Pertanto, si può porre i SS,COD 0,9. Nel caso in cui non sia disponibile la caratterizzazione completa del refluo influente, la (14) si semplifica nel modo seguente: P Y N QCS i Anche la quantità complessiva di biomassa presente nel reattore, M, può essere determinata in funzione del valore dell età del fango, così come evidenziato nella relazione seguente: 13

14 4) M C C V P Θ P ΘE P ΘE (15) A C S+ D+ I Il dimensionamento di un SBR richiede la scelta del valore di C, ovvero della durata complessiva del ciclo; conseguentemente viene determinato il valore del tempo di residenza idraulica, Θ. A tale scopo risulta però necessario selezionare il valore di V 0, ovvero del volume residuo alla fine di ogni ciclo. Questo deve essere sufficientemente elevato per consentire di contenere tutto il fango sedimentato; pertanto per calcolarlo, si applica un fattore di sicurezza SF al volume V s occupato dal fango sedimentato. Risulta quindi: 5) V0 M SF Vs SF R (16) dove R concentrazione di biomassa a fine sedimentazione Il valore di R dipende dalla durata della fase di sedimentazione ma anche dalle caratteristiche di sedimentabilità del fango. Queste ultime possono essere ben rappresentate dal parametro Sludge Volume Index (SVI), il quale esprime il volume occupato da 1 g di fango dopo sedimentazione per 30 minuti in condizioni di quiete. Pertanto, si può scrivere: 6) 6 10 R SVI (17) Sostituendo la (15) e la (17) nella (16) si ottiene: 7) V P SF Θ SVI (18) Dividendo ambo i membri della (18) per V F, si ricava: 8) V0 VF 6 10 P SF Θ SVI m Q 6 10 P SF Θ SVI Q C (19) La (19) mette in evidenza come il rapporto V 0 /V F sia inversamente proporzionale al C. Pertanto, il tempo di residenza idraulica, che dipende sia da C che da V 0 /V F, può aumentare al diminuire di C come conseguenza dell incremento del rapporto V 0 /V F e della riduzione della durata della fase attiva A (le durate delle fasi di sedimentazione e scarico generalmente rimangono invariate). Quindi per ogni set di condizioni operative e fissato un valore dell età del fango, è possibile individuare un valore di C in corrispondenza del quale il tempo di residenza idraulica, e quindi il volume totale del reattore risulta minimo. 14

15 La concentrazione di biomassa presente nel reattore può essere calcolata nel modo seguente: 9) V0 M RV0 VF R (20) V V SF V SF V F Un ulteriore aspetto da considerare nell ambito della progettazione di un SBR per la rimozione della sostanza carboniosa è rappresentato dalla richiesta di ossigeno da parte della biomassa eterotrofa. In generale, la quantità di ossigeno da fornire per unità di volume di reattore può essere espressa nel modo seguente: 10) ( 1 YN ) QCSi mvf ( 1- YN ) CSi OR (21) Il dosaggio effettivo di ossigeno deve essere poi riportato alle condizioni standard, attraverso opportuni coefficienti di conversione, per consentire la scelta delle apparecchiature di aerazione. In un SBR, l aerazione viene attivata solo per il tempo necessario allo svolgimento delle reazioni biochimiche, e quindi per una durata pari a quella della fase aerobica, AE. Pertanto, il tasso di rifornimento dell ossigeno ad un SBR, AOR, deve essere espresso nel modo seguente: 11) AOR OR 24 AE C OR C OR 1 24 AE 24 m AE (22) Per ragioni economiche, generalmente il sistema di aerazione è utilizzato anche per assicurare la miscelazione all interno del reattore. E pertanto necessario fare riferimento anche al volume del reattore. Si considera quindi il tasso volumetrico di trasferimento dell ossigeno, r O (g/m 3 h) rappresentato come segue: 12) ro OR ( 1 YN ) mvfcsi ( 1 YN ) CSi (23) V mae V mae Θ AE C Si osserva come al diminuire della durata della fase aerobica, aumenti il tasso volumetrico di ossigeno da conferire al reattore, a parità di tempo di residenza idraulica. Poiché AE si riduce al diminuire di C, se S+D+I rimane invariato, ne consegue che r O viene incrementato se C diminuisce. Quindi il valore di C deve essere scelto in modo da ottimizzare il volume del reattore ed il parametro r O. 15

16 Il tasso di aerazione deve essere sufficientemente elevato da assicurare le necessarie condizioni di miscelazione, senza però portare alla rottura dei fiocchi di fango biologico. Generalmente, sono adottati valori limiti superiori di r O pari a g/m 3 h. ale valore deve essere rispettato soprattutto all inizio del ciclo, quando il volume del reattore risulta inferiore. Per sistemi di aerazione di tipo diffuso, sono consigliati valori pari a m 3 di aria/minuto per 1000 m 3 di volume di reattore. Per aeratori meccanici con asse verticale, la potenza da applicare deve risultare nell intervallo W/m 3 di volume di reattore; questo corrisponde a valori del tasso volumetrico di trasferimento dell ossigeno pari a g O 2 /m 3 h, dal momento che si considera che tali aeratori trasferiscono 1 g O 2 /W h alla miscela liquida dei fanghi attivi. Durante la fase di reazione il consumo di ossigeno da parte della biomassa varia in relazione allo svolgimento delle reazioni biochimiche; l andamento temporale della concentrazione di ossigeno disciolto può essere determinato attraverso il relativo bilancio di materia: ds dt O 13) K a( S S ) OUR (24) L OS O dove K L a coefficiente di trasferimento dell ossigeno S OS concentrazione di saturazione dell ossigeno alle condizioni operative S O concentrazione effettiva di ossigeno nel reattore Il primo termine del secondo membro della (23) rappresenta il tasso di trasferimento dell ossigeno alla miscela liquida, mentre il termine OUR, acronimo di Oxygen Uptake Rate, indica la velocità di consumo dell ossigeno da parte dei microrganismi. Di seguito si riporta la procedura di dimensionamento a stadi per un SBR destinato alla sola rimozione del carbonio. PROCEDURA DI DIMENSIONAMENO [1]. Principali dati progettuali: Portata di refluo influente, media giornaliera ed oraria, valori di punta e minimi, variazioni giornaliere e stagionali Concentrazione media giornaliera di COD influente, ed eventualmente sue principali frazioni. Per un refluo civile, se non sono disponibili i valori specifici del liquame di interesse, si può assumere che rispetto al COD totale la frazione biodegradabile sia pari all 85%, la solubile inerte al 5% e la particolata inerte al 10%. 16

17 Come già detto, nel caso di refluo industriale, è necessario effettuare una caratterizzazione del liquame influente specifica caso per caso. Altri parametri inquinanti di interesse, quali otal Kjeldhal Nitrogen (KN), fosforo totale, N-N 3, SS, SSV, p, alcalinità, fattori inibenti. Coefficienti cinetici e stechiometrici. Anche in questo caso, come già detto, nel caso di trattamento di un refluo civile, è possibile, senza incorrere in errori di valutazione apprezzabili, utilizzare i valori riportati in letteratura; al contrario, per i reflui industriali, è necessario determinarli caso per caso attraverso specifiche prova di laboratorio. Caratteristiche qualitative dell effluente dal trattamento. Generalmente, si fa riferimento ai valori limite fissati nell autorizzazione allo scarico. [2]. Selezionare il valore più opportuno dell età del fango effettiva, sulla base dell esperienza acquisita o di indicazioni da letteratura. Il valore va comunque scelto tenendo conto della temperatura operativa più gravosa ai fini delle reazioni biochimiche, ovvero la minima possibile. [3]. Calcolare la concentrazione di COD solubile biodegradabile nell effluente attraverso la (11) e la (12). Il COD inerte solubile si ritrova invariato nell effluente, e contribuisce al valore del COD totale allo scarico così come la eventuale biomassa non sedimentata. [4]. Calcolare la produzione giornaliera totale di fango, P, attraverso la (14). [5]. Calcolare la quantità giornaliera di ossigeno da fornire al sistema, OR, attraverso la (21). [6]. Selezionare un valore di C, tale da ottimizzare il volume totale del reattore e la richiesta di ossigeno. E possibile procedere per iterazioni successive, partendo da un valore iniziale piuttosto basso. [7]. Selezionare i valori di S, D, I. La durata della fase di sedimentazione deve essere scelta in relazione alle caratteristiche di sedimentabilità del fango biologico; la durata dello scarico dipende invece dalle caratteristiche tecniche dei dispositivi meccanici disponibili in commercio. Infine, la fase di inattività viene inserita per assicurare al reattore una capacità di riserva nel caso di variazioni idrauliche della corrente influente; può essere omessa quando è presente una vasca di equalizzazione a monte. [8]. Calcolare il valore del rapporto V 0 /V F in funzione dello SVI, attraverso la relazione (19). [9]. Calcolare il valore del tempo di residenza idraulica, attraverso la (3), e quindi il volume totale del reattore. [10]. Calcolare il tasso volumetrico di trasferimento dell ossigeno, r O, attraverso la (23). [11]. Calcolare il rapporto F / C. 17

18 [12]. Calcolare il numero dei reattori SBR o il volume della vasca di equalizzazione. Di seguito viene mostrata l applicazione della procedura sopra riportata al dimensionamento di un SBR per la rimozione della sostanza carboniosa da un refluo industriale. [1]. Principali parametri progettuali: Caratteristiche dell influente Q portata influente 1000 m 3 /d C i sostanza carboniosa totale nell influente 1900 mg COD/L C Si sostanza solubile totale biodegradabile nell influente 1600 mg COD/L Ii sostanza particolata inerte nell influente 200 mg COD/L S Ii sostanza solubile inerte nell influente 100 mg COD/L SFi sostanza particolata inerte di natura inorganica nell influente trascurabile emperatura operativa 20 C Costanti cinetiche e coefficienti stechiometrici Y rendimento di crescita della biomassa eterotrofa 0,64 g cellule come COD/ g COD b tasso di decadimento endogeno della biomassa eterotrofa 0,15 1/d Caratteristiche dell effluente L effluente dal trattamento deve contenere una concentrazione di COD totale non superiore a 220 mg COD/L. [2]. Selezionare il valore più opportuno dell età del fango effettiva. Sulla base dei dati di letteratura e di esperienze in scala di laboratorio, si ritiene che un valore dell età del fango effettiva per gli eterotrofi, Θ, pari a 10 giorni, sia adeguato a conseguire i prefissati obiettivi di trattamento. [3]. Calcolare la concentrazione di COD solubile biodegradabile nell effluente E verosimile attendersi una completa rimozione della sostanza organica solubile biodegradabile, almeno per il valore scelto dell età del fango. Pertanto, nell effluente sarà presente unicamente il substrato inerte solubile derivante sia dall influente, S Ii, che dal metabolismo microbico, S P, insieme a quello particolato legato alla biomassa che eventualmente non ha sedimentato. Per quanto riguarda il valore di S Ii, dai dati progettuali si ricava che questo risulta pari a 100 mg COD/L, mentre il valore di S P può essere determinato a mezzo della equazione (13), adottando per f SE il valore di 0,07, calcolato sperimentalmente per il refluo industriale in esame. In particolare ipotizzando un valore dell età del fango complessiva pari a 13 d, da riconfermare 18

19 successivamente, ed utilizzando i valori delle costanti cinetiche riportati fra i dati di progetto, risulta che S P è uguale a circa 60 mg COD/L. Ne consegue che la concentrazione di COD totale solubile presente nell effluente (pari alla somma di S Ii e S P ) è uguale a circa 160 mg COD/L. Considerando un valore di i SS,COD 0,9 mg SS/mg COD, si ricava la massima concentrazione di SS che può essere ammessa nell effluente affinché venga rispettato il limite allo scarico di 220 mg COD/L, ovvero: SSeffluen te 67mgSS/L 0,9 [4]. Calcolare la produzione complessiva di fango, P, attraverso la relazione (14). In particolare risulta che: 0, 64 Y N, 1+ 0, gcellule come COD ( 1+ 0, 2 0, 15 10) 0 33 gcod P + P 0, P 533kg cellule come COD 3 ( ) 660kg SS d P 0, 9 d [5]. Calcolare la quantità giornaliera di ossigeno da fornire al sistema, OR, attraverso la relazione (21). Si ricava che: OR O2 ( 1 0,33) kg d [6]. Scegliere un valore della durata complessiva di un ciclo, C. Fissiamo C 6 h in prima approssimazione. Ne discende direttamente il valore del numero di cicli giornalieri, ovvero N C 1/ C (1/6) 24 4 cicli/d [7]. Scegliere il valore di S, D e I. Fissiamo un valore di S + D + I 2 h. Ne discende direttamente la durata della fase attiva, ovvero A C ( S + D + I ) 4 h [8]. Scegliere un valore dello SVI e calcolare il rapporto fra volume residuo e volume di influente, V 0 /V F. Se il valore dello SVI non è stato determinato sperimentalmente per il fango biologico in esame, si può fissare SVI 100 ml/g ed assumere un coefficiente di sicurezza SF 1,3. Applicando l equazione (19), e considerando che Θ / C Θ / E, si ricava quindi: 19

20 V 0 6 V F 1,3 0, [ ( 0, ) ] ,1 Il valore così ottenuto risulta piuttosto elevato; potrebbe risultare utile ripetere i calcoli dal punto [6] in poi, partendo da un valore di C 8 h. [9]. Calcolare il valore del tempo di residenza idraulica, Θ, e del volume complessivo del reattore, V. V V0 + VF V0 Θ C 1 6 Q mv + F V F 1000 V Q Θ 36,6 1530m 24 V m 3 V F 250 m 3 3 ( 1 + 5,1) 36,6h E possibile calcolare anche la concentrazione di biomassa all interno del reattore,. Infatti dalla (17) si ricava che la concentrazione di biomassa nel volume residuo, R 10 kg SS/m 3 ; dalla (15) risulta poi che la quantità complessiva di biomassa nel reattore, M 9900 kg SS, e quindi dalla (20) discende che 6,5 kg SS/m 3. Poiché tale risultato risulta piuttosto elevato rispetto ai valori consigliati, sarebbe opportuno ripetere le iterazioni precedenti. [10]. Calcolare il tasso volumetrico di trasferimento dell ossigeno, r O, e attraverso la (23). r OR V C O A 43,8g O 2 m 3 h ORC kgo AOR 66, h A E possibile quindi calcolare la potenza impegnata adottando un valore di 1,3 kg O 2 /kwh. Si ricava pertanto: 66,9 P 1,3 51,5 kw [11]. Calcolare il rapporto FR F / C A tale scopo è necessario fissare il numero di reattori della serie, N R. Come già detto, si può adottare un singolo reattore e quindi prevedere a monte di questo una vasca di equalizzazione, oppure prevedere più reattori in assenza di equalizzazione. Fissando ad esempio N R 2, ne consegue che: 20

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali Committente: Spett.le Azienda Vinicola VINI TONON S.R.L. Via Carpesica 1 Loc. Carpesica 31029 Vittorio Veneto (TV) IMPIANTO DI DEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA CANTINA DI VINIFICAZIONE

Dettagli

Gianni Andreottola, Paola Foladori, Giuliano Ziglio Dal monitoraggio convenzionale alla verifica avanzata del processo a fanghi attivi

Gianni Andreottola, Paola Foladori, Giuliano Ziglio Dal monitoraggio convenzionale alla verifica avanzata del processo a fanghi attivi Quaderni del Dipartimento SAN 4 Gianni Andreottola, Paola Foladori, Giuliano Ziglio Dal monitoraggio convenzionale alla verifica avanzata del processo a fanghi attivi Università degli Studi di Trento Dipartimento

Dettagli

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA 5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMESIOAMEO DELLA SEZIOE BIOLOGICA 5.3.1 CODIZIOI ESIE ( 20 C Dati di progetto Carichi idraulici Portata idraulica giornaliera m 3 /d 12 500 Portata idraulica oraria M24 m 3

Dettagli

Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS

Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS (Integrated Fixed-Film Activated Sludge) MODELLO DI DIMENSIONAMENTO/VERIFICA DI PROCESSO Ing.G.Mappa Tecnologia MBBR (Moving Bed

Dettagli

Università degli studi Federico II di Napoli

Università degli studi Federico II di Napoli Università degli studi Federico II di Napoli Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corso di Laurea in INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONE 1 (Prof. Ing. Giordano Urbini; Ing. Cristiana Morosini) EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE (BASI TEORICHE ESEMPIO DI CALCOLO) 1. OBIETTIVI E CAMPI

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per "CASALE il BARONETTO" dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm.

IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per CASALE il BARONETTO dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm. Tipologia depurativa IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per "CASALE il BARONETTO" dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm. La configurazione impiantistica prescelta è capace di ottenere il aggiungimento

Dettagli

Acque. n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma

Acque. n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma Acque Impianti di depurazione autostradali: problematiche gestionali e soluzioni n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma Gli impianti di depurazione acque reflue

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

Le nuove tecnologie a biomassa adesa: i filtri percolatori aerati sommersi o SAFF

Le nuove tecnologie a biomassa adesa: i filtri percolatori aerati sommersi o SAFF Le nuove tecnologie a biomassa adesa: i filtri percolatori aerati sommersi o SAFF Luigi Fanizzi, ECOACQUE - Email: info@ecoacque.it A partire dagli anni 80, si sono sviluppate nuove tecnologie, con processi

Dettagli

Processo Anammox per digestato da FORSU e fanghi : risultati e criteri di dimensionamento. Scaglione D., Lotti T., Ficara E., Malpei F.

Processo Anammox per digestato da FORSU e fanghi : risultati e criteri di dimensionamento. Scaglione D., Lotti T., Ficara E., Malpei F. Processo Anammox per digestato da FORSU e fanghi : risultati e criteri di dimensionamento Scaglione D., Lotti T., Ficara E., Malpei F. Politecnico di Milano DICA sez. ambientale Milano, 12 ottobre 2015

Dettagli

Ozonolisi dei fanghi biologici: valutazione dei risparmi economico-gestionali

Ozonolisi dei fanghi biologici: valutazione dei risparmi economico-gestionali ECOMONDO Rimini 04 Novembre 2015 Ozonolisi dei fanghi biologici: valutazione dei risparmi economico-gestionali ING. FEDERICO DALLERA Le problematiche legate alla gestione del fango Nei processi di trattamento

Dettagli

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Soluzioni di successo Soluzioni di successo per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Installazione del controller OSCAR per l'areazione intermittente per l adeguamento dell impianto di depurazione di Savigliano

Dettagli

Esperienze di start-up di impianti MBR

Esperienze di start-up di impianti MBR Esperienze di start-up di impianti MBR Michele Torregrossa Università di Palermo Esperienze di start-up di impianti MBR Obiettivo Studio delle condizioni di avviamento più adeguate per il raggiungimento

Dettagli

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi R IFIUTI PE R IC OLOS I Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi Firenze, 13 dicembre 2007 R elazione a cura di: Dott. Chim. R enato Bargna CS A srl e-mai: r.bargna@

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

Tecnologie di trattamento del percolato

Tecnologie di trattamento del percolato Tecnologie di trattamento del percolato Corso di Gestione dei Rifiuti Solidi Dipartimento IMAGE dott. ing. Luca Alibardi a.a.2004-2005 INTRODUZIONE Il percolato proveniente dalle discariche controllate

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO PROGETTO NITRANT 2014 Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA 11 12 DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Premesse

Dettagli

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 4 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 5 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 6 5 REALIZZAZIONE DI

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process

Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process Modellazione di processo di un depuratore a fanghi attivi e sviluppo di strategie di controllo tramite Business Process Relatore Roberto Ricci ENEA - Bologna Gruppo di ricerca Roberto Ricci Luca Luccarini

Dettagli

1 DIMENSIONAMENTO CICLO ACQUE

1 DIMENSIONAMENTO CICLO ACQUE 1 DIMENSIONAMENTO CICLO ACQUE 1.1 NUOVA SEZIONE DI IMPIANTO Si espongono i dati in ingresso alle nuove due linee di impianto commisurate alla potenzialità complessiva di 16.000 A.E. in periodo estivo e

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

*********************************

********************************* FILTRO PERCOLATORE AEROBICO (FPAL N 9000 NR) USCITA BASSA SCARICO SU SUOLO/SUBIRRIGAZIONE ********************************* RELAZIONE, SCHEDA TECNICA E MANUALE D USO E MANUTENZIONE Voce di Capitolato Fornitura

Dettagli

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI GENERALITÁ Il tipo di trattamento detto a fanghi attivi che utilizza una flora batterica prevalentemente aerobica è quello più utilizzato per il trattamento dei reflui civili in quanto consente uno scarico

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI NEI TRATTAMENTI DI FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO DI PICCOLE COMUNITÀ

SISTEMI INNOVATIVI NEI TRATTAMENTI DI FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO DI PICCOLE COMUNITÀ Seminario DEPURAZIONE DEI REFLUI URBANI: OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE, TRATTAMENTI TERZIARI E NATURALI SISTEMI INNOVATIVI NEI TRATTAMENTI DI FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO DI PICCOLE COMUNITÀ

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

2. IMPIANTI SOVRACCARICATI

2. IMPIANTI SOVRACCARICATI I NUOVI LIMITI DI ACCETTABILITÀ DEGLI SCARICHI DEI DEPURATORI PUBBLICI INTERVENTI DI UPGRADING SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE ESISTENTI Prof. Carlo Collivignarelli Ordinario di Ingegneria sanitaria-ambientale

Dettagli

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane BIOSONATOR La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane Principio di funzionamento Il BIOSONATOR è un sistema di trattamento ad ultrasuoni in grado di produrre

Dettagli

Depurazione ciclo acque: schemi e processi finalizzati alla riduzione delle dimensioni degli impianti

Depurazione ciclo acque: schemi e processi finalizzati alla riduzione delle dimensioni degli impianti La gestione dei sistemi fognari e depurativi: sostenibilità ambientale, aspetti giuridici ed economici 6 novembre 2009 - Centro Convegni IRIDE Depurazione ciclo acque: schemi e processi finalizzati alla

Dettagli

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue Sistemi compatti di flottazione La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue L IDEA L ideazione e la realizzazione di questa macchina nasce da un pool

Dettagli

AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO

AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO Cavo di sollevamento Motoriduttore Tubazione d aria Struttura di sostegno Flangia Corpo miscelatore a iperboloide Distributore dell aria ad anello Basamento HYPERDIVE La struttura

Dettagli

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI oggetto: II VARIANTE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO H-FARM modifica

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

Marianna Villano, Federico Aulenta *, Mauro Majone. Dipartimento di Chimica Sapienza Università di Roma * IRSA-CNR

Marianna Villano, Federico Aulenta *, Mauro Majone. Dipartimento di Chimica Sapienza Università di Roma * IRSA-CNR Celle di elettrolisi microbica Evidenze a scala di laboratorio e potenziali applicazioni per la depurazione di acque reflue con minima produzione di fanghi e con recupero di energia Marianna Villano, Federico

Dettagli

II-105 - ANALISI RESPIROMETRICA DEL PROCESSO A FANGHI ATTIVI NEL DEPURATORE DI PISA S. JACOPO

II-105 - ANALISI RESPIROMETRICA DEL PROCESSO A FANGHI ATTIVI NEL DEPURATORE DI PISA S. JACOPO II-105 - ANALISI RESPIROMETRICA DEL PROCESSO A FANGI ATTIVI NEL DEPURATORE DI PISA S. JACOPO Renato Iannelli (1) Professore associato di Ingegneria sanitaria ambientale, facoltà di ingegneria, dipartimento

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DATI DI PROGETTO... 3 3. EFFICIENZA DEPURATIVA... 5 4. DESCRIZIONE E DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 LINEA LIQUAMI... 5 4.1.1 Sollevamento ed accumulo acque di prima

Dettagli

POTENZIAMENTO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MONOPOLI (BARI) PROGETTO DEFINITIVO

POTENZIAMENTO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MONOPOLI (BARI) PROGETTO DEFINITIVO REGIONE PUGLIA Acquedotto Pugliese S.p.A. - 70123 Bari - Via Vittorio Emanuele Orlando, n.c. - Tel. 080.5723670 - Fax 080.5723628 Codice CUP: E66D11000110005 Progettisti: Ing. Marco D'Innella Ing. Maria

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

L AERAZIONE IN SITU PER IL RISANAMENTO DELLE VECCHIE DISCARICHE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI

L AERAZIONE IN SITU PER IL RISANAMENTO DELLE VECCHIE DISCARICHE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI L AERAZIONE IN SITU PER IL RISANAMENTO DELLE VECCHIE DISCARICHE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI Raffaello Cossu,, Roberto Raga 1 Andrea Dal Maso, Moreno Zanella 2 1 Dipartimento IMAGE Università di Padova 2 Spinoff

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA In questa sede presentiamo i nostri depuratori biologici a biomassa sospesa progettati specificatamente per il trattamento di acque reflue

Dettagli

PROCESSI A BIOMASSA ADESA A LETTO MOBILE

PROCESSI A BIOMASSA ADESA A LETTO MOBILE PROCESSI A BIOMASSA ADESA A LETTO MOBILE INTRODUZIONE I reattori a biomassa adesa a letto mobile sono particolari tipologie di reattori a letto sommerso in cui la biomassa si sviluppa su supporti che non

Dettagli

INTRODUZIONE 2 1 DATI DI PROGETTO 2 2 OBIETTIVI 5 3 SCHEMA FUNZIONALE E CRITERI DI PROGETTAZIONE 5 4 CARATTERISTICHE TECNICHE 9

INTRODUZIONE 2 1 DATI DI PROGETTO 2 2 OBIETTIVI 5 3 SCHEMA FUNZIONALE E CRITERI DI PROGETTAZIONE 5 4 CARATTERISTICHE TECNICHE 9 INTRODUZIONE 2 1 DATI DI PROGETTO 2 1.1 Origine e natura delle acque reflue 2 1.2 Liquame di progetto 3 1.3 Limiti di emissione 4 2 OBIETTIVI 5 3 SCHEMA FUNZIONALE E CRITERI DI PROGETTAZIONE 5 3.1 Criteri

Dettagli

PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia

PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia Presentazione PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia Il progetto Più Efficienza con Meno Energia si pone lo scopo di migliorare la performance dell impianto di depurazione aumentando l efficienza dello

Dettagli

Prodotti per la Filtrazione SOLUZIONI CHIAVI IN MANO PER IL TRATTAMENTO ACQUE POTABILI E REFLUE

Prodotti per la Filtrazione SOLUZIONI CHIAVI IN MANO PER IL TRATTAMENTO ACQUE POTABILI E REFLUE Prodotti per la Filtrazione SOLUZIONI CHIAVI IN MANO PER IL TRATTAMENTO ACQUE POTABILI E REFLUE PRODOTTI PER LA FILTRAZIONE 999C1510.0.EUIT SEP09 Soluzioni per la fi ltrazione di acque civili e industriali

Dettagli

TRATTAMENTI BIOLOGICI Generalità processi a fanghi attivi

TRATTAMENTI BIOLOGICI Generalità processi a fanghi attivi Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Introduzione Introduzione Gli impianti di depurazione della Business Unit Ambiente di CURRENTA sono specifici per il trattamento

Dettagli

Depurazione delle acque 1 Parametri generali

Depurazione delle acque 1 Parametri generali Depurazione delle acque 1 Parametri generali Le colonie di batteri che formano il fango contengono un elevato numero di microrganismi diversi ognuno con proprie caratteristiche (tempo di generazione, fabbisogno

Dettagli

FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE

FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE Tradizione o innovazione? Jenny Ruaben *, Paola Foladori * Le Constructed Wetlands sono note a tutti ma non sempre sfruttate a pieno. Le reali potenzialità sono alte,

Dettagli

INTERVENTI DI UPGRADING CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI TRATTAMENTI TERZIARI DI ABBATTIMENTO DEI NUTRIENTI AZOTO E FOSFORO

INTERVENTI DI UPGRADING CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI TRATTAMENTI TERZIARI DI ABBATTIMENTO DEI NUTRIENTI AZOTO E FOSFORO Seminario DEPURAZIONE DEI REFLUI URBANI: OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE, TRATTAMENTI TERZIARI E NATURALI INTERVENTI DI UPGRADING CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI TRATTAMENTI TERZIARI DI ABBATTIMENTO DEI NUTRIENTI

Dettagli

Cecilia Caretti WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE

Cecilia Caretti WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE 20 OTTOBRE 2015 PADIGLIONE EXPO VENEZIA, SALA CONFERENZE VIA GALILEO FERRARIS,

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE Poste Italiane Spa - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 conv. in L. 46/2004, art.1, c.1 - CB-NO/Torino Anno 7 n. 26 DEA edizioni s.a.s. Strada del Portone, 127-10095 Grugliasco (TO) marzo 2014 anno vii numero

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Tesi di Laurea INDAGINE SPERIMENTALE E MODELLAZIONE DEL PROCESSO IN ALTERNANZA PER LA

Dettagli

Sistemi di trattamento biologico in condizioni anaerobiche. Generalità

Sistemi di trattamento biologico in condizioni anaerobiche. Generalità Sistemi di trattamento biologico in condizioni anaerobiche. Generalità John Dalton (1766-1844), collecting marsh gas with youngsters nearby Manchester, England Nei sistemi anaerobici si sfrutta l azione

Dettagli

Introduzione Introduzione L attuale condizione che caratterizza il settore energetico richiede un necessario processo di riconversione che, oltre a favorire il risparmio energetico, riduca la dipendenza

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS

PRODUZIONE DI BIOGAS PRODUZIONE DI BIOGAS Leachate and gas evolution in a landfill (Kristensen & Kjeldsen (1989) Phase I: Aerobic phase Phase II: Acid phase Phase III: Intermediate methanogenic phase Phase IV: Stabilized methanogenic

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

MILANO - GIOVEDÌ, 20 APRILE 2006. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 5 aprile 2006 - n. 8/2318

MILANO - GIOVEDÌ, 20 APRILE 2006. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 5 aprile 2006 - n. 8/2318 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - GIOVEDÌ, 20 APRILE 2006 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVI - N. 83 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF 1 Azienda Certificata Azienda Certificata ISO 14001:2000 ISO 9001:2000 EA 18, 28b, 35 EA 18, 28b, 35 DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF La funzione dell impianto in oggetto è quella di purificare

Dettagli

FENOMENI DI INQUINAMENTO DELLE ACQUE NATURALI

FENOMENI DI INQUINAMENTO DELLE ACQUE NATURALI FENOMENI DI INQUINAMENTO DELLE ACQUE NATURALI INDICE FENOMENI DI INQUINAMENTO DELLE ACQUE NATURALI... i INDICE... ii. TIPOLOGIE DI INQUINAMENTO.... INQUINAMENTO ESTETICO-ORGANOLETTICO... 3. DEOSSIGENAZIONE

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50.

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. 1 IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. UTENTI: 330 RELAZIONE TECNICA 1. Principi fondamentali del trattamento a

Dettagli

CURRICULUM. Tale esperienza ha portato l azienda a realizzare tecnologie all avanguardia e prodotti sempre più efficienti, economici e compatti.

CURRICULUM. Tale esperienza ha portato l azienda a realizzare tecnologie all avanguardia e prodotti sempre più efficienti, economici e compatti. CURRICULUM GOST srl Gruppo Operatori Servizi Tecnologici s.r.l. si trova in Umbria, provincia di Perugia, Località Capodacqua di Assisi, Via Romana, 31. La nostra azienda è presente da oltre due decenni

Dettagli

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Facoltà di Ingegneria Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale a.a. 2010/2011 Corso di Gestione dei Servizi e delle Tecnologie Ambientali 6 CFU Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Ing.

Dettagli

INDICE DELLE TABELLE E DELLE FIGURE

INDICE DELLE TABELLE E DELLE FIGURE SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DATI A BASE PROGETTO... 2 3. CALCOLO DELLE FORNITURE D ARIA AL PROCESSO BIOLOGICO... 3 3.1. Metodologie per il calcolo dei sistemi di fornitura dell aria... 3 3.1.1. Metodologia

Dettagli

Risultati della convenzione di ricerca tra. sul tema

Risultati della convenzione di ricerca tra. sul tema Università degli Studi di Firenze Consorzio Cuoiodepur S.p.A Risultati della convenzione di ricerca tra Università di Firenze - Dipartimento di Ingegneria Civile e Cuoiodepur S.p.A sul tema Indagini sperimentali

Dettagli

Principali evoluzioni dei processi depurativi

Principali evoluzioni dei processi depurativi Principali evoluzioni dei processi depurativi L esigenza di operare una depurazione dei reflui prodotti dall attività umana diventa un tema sentito tra la fine del IX e gli inizi del XX secolo a seguito

Dettagli

PROCESSI DEPURATIVI. DEPURAZIONE BIOLOGICA DI ACQUE REFLUE(liquami domestici)

PROCESSI DEPURATIVI. DEPURAZIONE BIOLOGICA DI ACQUE REFLUE(liquami domestici) PROCESSI DEPURATIVI DEPURAZIONE BIOLOGICA DI ACQUE REFLUE(liquami domestici) Il contenuto di sostanza organica di un liquame viene caratterizzato mediante il BOD(Biochemical Oxygen Demand) ed il COD(Chemical

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

impianto di depurazione:

impianto di depurazione: La gestione dei fanghi in un impianto di depurazione: un processo chiave da tenere sotto controllo Ing. Maria Serena Gironi Product Manager Process Division HACH LANGE SRL mariaserena.gironi@hach-lange.it

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

17. Il processo di inquinamento

17. Il processo di inquinamento 17. Il processo di inquinamento Gli inquinanti emessi da una sorgente vengono immessi nell'ambiente dove si propagano con velocità e per distanze che dipendono dal tipo d'inquinante e dal tipo di flusso,

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE Paola Foladori, Gianni Andreottola Università degli Studi di Trento via Mesiano 77, Trento Giuseppe Bonacina ABB SpA,

Dettagli

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5 INDICE 1. Scheda Impianto... 3 2. Caratteristiche Costruttive... 4 3. Processo di depurazione... 5 4. Scelta degli Additivi Chimici e Dosaggio... 5 5. Processo di Chiariflocculazione e Specifiche Vasca

Dettagli

Fognatura e depurazione

Fognatura e depurazione Fognatura e depurazione LA TERZA UNIVERSITA DI ROMA ASSOCIAZIONE IDROTECNICA ing. Renato Drusiani ing. Marco Gatta SCHEMA DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche delle acque reflue La rete fognaria Gli impianti

Dettagli

MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF

MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF Questo programma di calcolo per impianti di depurazione a fanghi attivi ad ossidazione totale, è stato realizzato per aiutare il tecnico a progettare velocemente impianti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

NH + OH NH + H O. microrganismi. enzima ureasi + 2 2 2 4 3 2 H NCONH + 2H O 2NH + CO

NH + OH NH + H O. microrganismi. enzima ureasi + 2 2 2 4 3 2 H NCONH + 2H O 2NH + CO Cap. 6 Processi a biomassa sospesa 6-31 4. LA NITRIFICAZIONE BIOLOGICA Accanto alla rimozione del carbonio un altro problema da affrontare all interno di un depuratore biologico è quello del trattamento

Dettagli

1 Premesse... 2. 2 Stato dell esistente... 2. 2.1 Inquadramento dell impianto... 2. 2.2 Consistenza dell impianto... 3

1 Premesse... 2. 2 Stato dell esistente... 2. 2.1 Inquadramento dell impianto... 2. 2.2 Consistenza dell impianto... 3 1 Premesse... 2 2 Stato dell esistente... 2 2.1 Inquadramento dell impianto... 2 2.2 Consistenza dell impianto... 3 3 Descrizione e dimensionamento degli interventi previsti... 5 3.1 Descrizione generale

Dettagli

A.S.A. Azienda Servizi Ambientali. Comune di Pomarance -PROGETTO DEFINITIVO - RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO. Data. Aprile 2015.

A.S.A. Azienda Servizi Ambientali. Comune di Pomarance -PROGETTO DEFINITIVO - RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO. Data. Aprile 2015. A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance IMPIANTO DI DEPURAZIONE A SERVIZIO DEL CAPOLUOGO DI POMARANCE -PROGETTO DEFINITIVO - RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO A2 Data Aprile 2015 Codice Progetto

Dettagli

Impianti di trattamento delle acque reflue

Impianti di trattamento delle acque reflue Impianti di trattamento delle acque reflue Generalità sugli impianti di depurazione Un impianto di depurazione è costituito da una serie di trattamenti, volti alla rimozione degli inquinanti presenti nelle

Dettagli

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti ALLEGATO B PAES Rosignano M.mo NB. I valori riportati nel presente documento sono espressi in termini di CO 2eq Il Covenant of Mayors tiene conto delle emissioni di CO 2 legate ai consumi energetici dei

Dettagli

ADEGUAMENTO E POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MELETOLE. Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato

ADEGUAMENTO E POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MELETOLE. Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato LAVORI DI: ADEGUAMENTO E POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MELETOLE PROGETTO PRELIMINARE Comune di CASTELNUOVO SOTTO Provincia di Reggio Emilia Opera N 36000051 Commessa N 36000051 0 Dicembre

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

ITT Water & Wastewater

ITT Water & Wastewater ITT Water & Wastewater Incontro sul tema Tecnologie innovative per la movimentazione ed il trattamento dei fluidi Il risparmio energetico nel trattamento delle acque reflue Francesco Pirozzi dell Università

Dettagli

SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF

SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF Materiale: vasche in monoblocco di polietilene lineare ad alta densità (LLDPE) collegate in serie. Tronchetti di entrata

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli