1 SEMESTRE. TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Bioinformatica & Informatica II. TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Bioinformatics and Informatics II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 SEMESTRE. TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Bioinformatica & Informatica II. TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Bioinformatics and Informatics II"

Transcript

1 1 SEMESTRE TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Bioinformatica & Informatica II TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Bioinformatics and Informatics II CFU: 10 Anno di corso/semestre: 3 anno, 1 semestre Obiettivi formativi (in italiano): Modulo Bioinformatica Le moderne tecniche di sequenziamento genomico e di analisi delle sequenze amminoacidiche e proteiche producono una mole di dati che rende necessario l uso dell informatica e del web. Il modulo consiste nell elucidazione delle basi teoriche delle tecniche di analisi tipiche della bioinformatica, nell illustrazione e nell uso di applicativi software che effettuano tali analisi. Gli applicativi utilizzano in prevalenza software distribuito e web server remoti. Modulo Informatica II Comprendere l insieme degli argomenti anche piuttosto disparati che costituiscono attualmente la disciplina dell informatica. Essere in grado di utilizzare con cognizione di causa la maggior parte degli strumenti che l evoluzione della scienza informatica ci mette a disposizione. Module Bioinformatics The modern techniques of genome sequencing and analysis of protein sequences produce large amount of data that require the use of informatics technologies and of the web. The aim of this teaching Module is to illustrate the methods used for genome and protein analysis, the algorithms used in Bioinformatics, and the software applications of common usage. Teaching will be carried out through the extensive use of web servers. Module Informatics II To understand the complete set of subjects (even somewhat differentiated) that form the actual informatics matter. To be able to use, with a correct level of knowledge, most of the tools that the computer science have developed at present. Programma dettagliato (in italiano): Modulo Bioinformatica Genomi. Densità di geni nei genomi. Banche dati di interesse biologico: tipologia delle principali. Banche dati primarie e secondarie. Banche dati genomiche e di proteine. Uniprot, GenBank. Caratteristiche chimico-fisiche dei 20 amino acidi. Angoli diedri. Strutture secondarie alfa eliche, foglietti beta. Banca dati PDB. Uso di UniProt e proiezione in PDBe e PDBsum. Modi di evoluzione delle sequenze geniche. Omologia. Geni ortologhi e paraloghi Allineamento di coppie di sequenze. Scoring di un allineamento. Matrici PAM. Metodo di Dayhoff. Moltiplicazione di matrici PAM. Significato in termini di mutazioni. Matrici Blosum. Dynamic programming. Allineamento di Needleman-Wunsch e di Smith-Waterman. Domini strutturali. Natura modulare delle proteine. Risorse web e banche dati di seconda generazione. SMART e PFam.

2 Allineamenti di coppie di sequenze. Uso di Emboss e di Blast2sequences. BLAST. Algoritmo. Expectation value. Significato dei vari parametri di BLAST. PSI-BLAST, PHI-BLAST. Low Complexity Regions. Allineamenti multipli di sequenza. Clustal. Algoritmo. Alberi filogenetici e neighbour joining tree. Validazione di un allineamento multiplo: metodo del Bootstrap. Rappresentazione di alberi: Njplot e Treeview. Profilo di un allineamento. Significato e sua applicazione nella ricerca di omologia. Motivi di sequenza. PROSITE. Significato di low and high stringency. Expasy Proteomics tools Gene Ontology. KEGG. KEGG_Pathway, KEGG_enzyme -> BRITE_hierarchy Proteine transmembrana. Topologie. Programmi di predizione di segmenti transmembrana: DAS, TMHMM. Interazione proteina-farmaco. Ligand-expo, DrugBank, DrugPort/PDBSum, Stitch, SuperTarget. Modulo Informatica II Astrazione sui dati: o Concetti di base o Implementazione delle strutture dati o Classi ed oggetti Strutture delle basi di dati: o Approccio a livelli della costruzione di basi di dati o Modello relazionale o Gestione dell integrità delle basi di dati Ingegneria del software: o Ciclo di vita del software o Testing o Documentazione Intelligenza artificiale: o Percezione o Reti neurali o Robotica Teoria della computazione o Macchine di Turing o Linguaggi di programmazione universali o Crittografia a chiave privata Esercitazioni pratiche: o Uso del foglio di calcolo come raccolta di dati o Migrazione dal foglio di calcolo alla base di dati o Uso di internet per ricerche scientifiche e bibliografiche Programma dettagliato (in inglese) (opzionale): Module Bioinformatics / Module Informatics II Data abstraction: o Basis concepts o Data structure implementation o Classes and objects

3 Database structures: o Level based approach to the development of databases o Relational model o Database integrity management Software engineering: o Software life cycle o Testing o Documentation Artificial Intelligence: o Perception o Artificial neural networks o Robotics Computational Theory o Turing machine o Universal programming language o Private key cryptography Practical examples: o Use of spreadsheet as data collection tool o Migration from spreadsheet to database management system o Use of internet for scientific and bibliographic research Docenti: Prof. Domenico Bordo e Prof. Mauro Giacomini Link al CV dei docenti: Prof. Domenico Bordo (settore trasparenza) Prof. Mauro Giacomini Orario di ricevimento dei docenti: Sempre disponibili previo appuntamento da concordare via mail: Testi di riferimento: Modulo Bioinformatica : Dispense fornite dal Docente. Modulo Informatica II : J. Glenn Brookshear Informatica: Una panoramica generale 9 Ed, Pearson Milano Aula web (si/no): SI Descrizione dei metodi di accertamento: Prova scritta ed esame orale Modalità di erogazione (lezioni frontali, laboratorio, a distanza etc.): Lezioni frontali ed esercitazioni pratiche Propedeuticità: Matematica, Statistica, Biochimica e Laboratorio Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria - Lezione: 64 ore (32 ore per ciascun modulo) - Esercitazione: 32 ore (16 ore per ciascun modulo)

4 TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Microbiologia Industriale e Chimica delle Fermentazioni TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Industrial Microbiology and Fermentation Chemistry CFU: 8 Anno di corso/semestre: 3 anno, 1 semestre Obiettivi formativi (in italiano): Modulo Microbiologia Industriale Il Corso si propone di fornire i concetti necessari per una buona conoscenza dei microorganismi utilizzati nei processi fermentativi. Modulo Chimica delle Fermentazioni Il Corso si propone di fornire i concetti necessari per una buona conoscenza dei processi fermentativi. Particolare attenzione viene posta ai principi ed agli aspetti tecnologici delle fermentazioni industriali Module Industrial Microbiology The course aims to provide the concepts needed for a good knowledge of the microbial strains used in the fermentation processes. Module Fermentation Chemistry The course aims to provide the concepts needed for a good knowledge of fermentation processes. Particular attention is paid to the principles and technological aspects of industrial fermentations Programma dettagliato (in italiano): Modulo Microbiologia Industriale Microorganismi e processi di produzione 2) Isolamento di microrganismi industriali, ceppi di produzione. 3)Materiali per terreni di coltura, fonti di carbonio ed azoto. 4) Sviluppo della composizione di terreni di coltura industriale, tecniche di ottimizzazione. 5) Mutanti per uso industriale e tecniche di mutagenesi 6) Metodi di conservazione di cellule a lungo termine, banche di conservazione di ceppi industriali. 7) Sviluppo di processo su shake-flask, ruolo dell ossigenazione 8) Crescita di microrganismi:batteri, attinomiceti, lieviti e funghi, tecniche di misura della biomassa. 9) Analisi del processo di Scale Up : fase vegetativa, fase prefermentativa, fase produttiva. 10) Tecniche industriali della fase produttiva: Processo Batch, Processo Fed-batch, Sistemi di controllo flusso. 11) Impianti di fermentazione, misura di ph, po2, Off.gas e sistemi di supervisione (SCADA). 12) Downstream : proteine ricombinanti, antibiotici 13) Produzioni : Amminoacidi, Acidi Organici, Enzimi per uso industriale 14) Escherichia coli ricombinante Solubilità di proteine ricombinanti e corpi inclusi 15) Streptomyces. Produzione di antibiotici e antitumorali 16) Lieviti: Saccharomyces cerevisiae, Pichia pastoris e Hansenula anomala. 17) Funghi : immunomodulatori, antibiotici produzione di biomassa 18) cellule Vegetali. Produzione di alcaloidi, produzioni da alghe: carotenoidi, acidi grassi Omega3. 19) Biotrasformazione/Bioconversione : intermedi farmaceutici (API) e fine chemicals 20) Energia da biomasse microbiche.: bioetanolo, biodiesel, biogas 21) Bioremediation di aree contaminate: idrocarburi, chemicals. 22) Biodepurazione : microbiologia dei fanghi attivi. Modulo Chimica delle Fermentazioni Le fermentazioni: Classificazioni commerciale e metabolica, Tipi di conduzione, Aerazione, Agitazione, Sterilizzazione, Immobilizzazione; 2. Impianti di fermentazione: Fermentatore a tino agitato, Fermentatori a letto fisso, Fermentatori a torre, Fermentatore Waldhof, Fermentatore Volgelbusch, Fermentatori a dischi rotanti, a cellule immobilizzate, con membrana per dialisi ed estrattivo; 3. Recupero dei prodotti di fermentazione: Disintegrazione cellulare, Chiariflocculazione, Filtrazione, Sedimentazione, Centrifugazione, Processi a membrana, Evaporazione, Estrazione liquido-liquido, Distillazione, Adsorbimento, Precipitazione, Cromatografie; 4. Cinetica di crescita microbica: Colture discontinue e continue, Bilanci di materia e produttività di un CSTR; 5. Cinetica e termodinamica enzimatica; 6. Fermentazioni industriali:

5 Vie glicolitiche, Ciclo di Krebs, Respirazione, Via di Pentosi fosfati, Fermentazioni omolattica ed eterolattica, Fermentazioni alcoliche, Fermentazione acetica, Fermentazioni butirrico-butiliche, Fermentazione acida-mista, Fermentazioni propioniche, Fermentazione citrica; 7. Produzione di antibiotici; 8. Fermentazioni di interesse ambientale; 9. Realizzazione di una processo fermentativo in laboratorio. Programma dettagliato (in inglese): Module Industrial Microbiology 1) Microorganisms and production processes 2) Isolation of industrial microorganisms, production strains. 3) Materials for culture media, sources of carbon and nitrogen. 4) Development of the composition of industrial culture media, optimization techniques. 5) Mutants for industrial use and mutagenesis techniques 6) Long term storage of cells, cell banking of industrial strains. 7) Development of shake-flask process, the role of oxygenation 8) Growth of microorganisms: bacteria, actinomycetes, yeasts and fungi, biomass measurement techniques. 9) Analysis of Scale Up process: vegetative stage, prefermentation stage, the production stage. 10) Industrial techniques of the production phase: Batch, Fed-batch systems, flow control. 11) The equipment for fermentation, ph, po2, Off gas and supervision systems (SCADA). 12) Downstream: recombinant proteins, antibiotics 13) Productions: Amino acids, organic acids, enzymes for industry 14) Recombinant Escherichia coli: solubility of recombinant proteins and inclusion bodies 15) Streptomyces : Production of antitumor and antibiotics 16) Yeasts: Saccharomyces cerevisiae, Pichia pastoris and Hansenula anomala. 17) Fungi : immunomodulators, antibiotics and biomass production 18) Plant cells. production of alkaloids, production from algae: carotenoids, Omega3 fatty acids. 19) Biotransformation / Bioconversion: pharmaceutical intermediates (APIs) and fine chemicals 20) Energy from microbial biomass: bioethanol, biodiesel, biogas 21) Bioremediation of polluted areas: hydrocarbons, chemicals. 22) biodepuration: microbiology of activated sludge. Module Fermentation Chemistry Part of Fermentation Chemistry." 1. The fermentations: Commercial and metabolic classifications, Operation modes, Aeration, Agitation, Sterilization, Immobilization, 2. Fermentation plants: Mixed fermenter, Fixed bed bioreactor, Tower bioreactor, Waldhof fermenter, Volgelbusch fermenter, Rotating disk bioreactor, Immobilized-cell reactor, Bioreactor with dialysis membrane, Extractive bioreactor; 3. Recovery of fermentation products: Cell disintegration, Clariflocculation, Filtration, Sedimentation, Centrifugation, Membrane processes, Evaporation, Liquid-liquid extraction, Distillation, Adsorption, Precipitation, chromatography; 4. Kinetics of microbial growth: Batch and continuous cultures, Material balances and productivity of a CSTR; 5. Enzyme kinetics and thermodynamics; 6. Industrial fermentations: Glycolytic pathways, Krebs cycle, Respiration, Pentoses phosphates shunt, Homolactic and heterolactic Fermentations, Alcoholic fermentation, Acetic Fermentation, butyric and butylic alcohol fermentations, Mixed-acid fermentation, Propionic fermentations, Citric fermentation; 7. Production of antibiotics; 8. Fermentations of environmental interest; 9. Realization of a fermentation process in laboratory. Docenti: Modulo Microbiologia Industriale : Prof. Giancarlo Dondo Modulo Chimica delle Fermentazioni : Prof. Attilio Converti Link al CV dei docenti: Prof. Attilio Converti: Prof. Giancarlo Dondo: richiedere a Orario di ricevimento dei docenti: Prof. Converti: martedì ore Prof. Dondo: contattare Testi di riferimento: 1. M. Marzona, Chimica delle Fermentazioni & Microbiologia Industriale, 2 a edizione, Piccin Nuova Libraria S.p.A., Padova, Matilde Manzoni, Microbiologia Industriale, Casa Editrice Ambrosiana, Milano, 2006.

6 3. Donadio Stefano e Marino Gennaro, Biotecnologie Microbiche, Casa Editrice Ambrosiana, Milano, P. Barbieri, G. Bestetti, E. Galli e D. Zannoni, Microbiologia Ambientale ed Elementi di Ecologia Microbica, 1 a edizione, Casa Editrice Ambrosiana, Milano, 2008 Aula web (si/no): NO Descrizione dei metodi di accertamento: Modulo Microbiologia Industriale : L apprendimento dei contenuti da parte degli studenti è accertato durante il corso, attraverso domande ed approfondimenti. Al termine dello stesso sarà effettuato un colloquio finale, sia su argomenti discussi a lezione, che attraverso la presentazione di un elaborato in forma di tema. In esso l allievo analizzerà un articolo di microbiologia industriale scelto sulla base degli argomenti sviluppati durante le lezioni. Modulo Chimica delle Fermentazioni : L apprendimento dei contenuti da parte degli studenti è accertato sia durante il corso, attraverso domande ed approfondimenti, che al termine dello stesso, attraverso a) la presentazione di un elaborato in forma di tema in cui l allievo delucida 3 o 4 argomenti fondamentali del corso, b) l elaborazione di un lavoro di review su un argomento a scelta fra quelli discussi a lezione, c) un colloquio finale su argomenti discussi a lezione. Modalità di erogazione (lezioni frontali, laboratorio, a distanza etc.): Lezioni frontali e Laboratorio Propedeuticità: Microbiologia, Patologia Generale e Immunologia e Laboratorio; Biochimica e Laboratorio Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria Modulo Microbiologia Industriale - Lezione: 24 ore - Laboratorio: 16 ore Modulo Chimica delle Fermentazioni - Lezione: 24 ore - Laboratorio: 16 ore TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Chimica Farmaceutica e Biotecnologie Farmaceutiche e Laboratorio TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Medicinal Chemistry and Pharmaceutical Biotechnology and Laboratory CFU: 8 Anno di corso/semestre: 3 anno, 1 semestre Obiettivi formativi (in italiano): L obiettivo del corso è quello di fornire i principi essenziali della chimica farmaceutica con particolare attenzione alle fasi di progettazione, sviluppo e sintesi dei farmaci, in relazione ai bersagli biologici su cui agiscono. Vengono successivamente trattate le principali classi di principi terapeutici. Particolare attenzione viene rivolta ai farmaci per i quali le biotecnologie hanno svolto

7 una funzione fondamentale nei processi di sviluppo e sintesi. The aim of the course is to provide the basis of medicinal chemistry, focusing on drug design, development and synthesis, in connection with the biological target. The course also includes the main classes of therapeutic agents. Particular attention is devoted to the drugs synthesized using biotechnological methods. Programma dettagliato (in italiano): Programma: Introduzione alla Chimica Farmaceutica. Le biotecnologie per la scoperta e lo sviluppo di nuovi farmaci. Targets dei farmaci: recettori, enzimi, acidi nucleici. Strategie di drug design. Scopi generali delle biotecnologie farmaceutiche. Farmaci ottenuti mediante produzione biotecnologica e loro mercato mondiale. Esempi relativi ad alcune classi di farmaci: antibatterici, antivirali, antitumorali, farmaci attivi sul sistema colinergico ed adrenergico, farmaci antidepressivi, farmaci per la terapia del morbo di Parkinson e del morbo di Alzheimer, farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS), farmaci antiipertensivi. Applicazioni delle biotecnologie innovative nello sviluppo di nuovi farmaci e prodotti farmaceutici biotecnologici commerciali: ormoni polipeptidici (insulina, ormone della crescita, ormoni follicolostimolante e luteinizzante); citochine (interleuchine, interferoni, fattori di crescita emopoietici); proteine del sangue (fattori della coagulazione VII, VIII e IX; attivatore tissutale del plasminogeno); enzimi con proprietà terapeutiche (desossiribonucleasi, β-glucocerebrosidasi, α- galattosidasi). Vaccini biotecnologici. Anticorpi monoclonali; applicazioni in campo farmaceutico: anticorpi monoclonali approvati nella terapia del cancro, nella profilassi del rigetto, nella terapia delle malattie autoimmuni; sistemi di indirizzamento del farmaco basati su anticorpi monoclonali. Programma dettagliato (in inglese) (opzionale): / Docenti: Proff. Paola Fossa, Silvia Schenone Link al CV dei docenti: Orario di ricevimento dei docenti: Venerdì, ore Testi di riferimento: G.L. Patrick, Introduzione alla chimica Farmaceutica, Edises M.L. Calabrò - COMPENDIO DI BIOTECNOLOGIE FARMACEUTICHE, Ed. EdiSES, Aula web (si/no): SI Descrizione dei metodi di accertamento: Esame orale: L esame si svolge mediante una prova orale in presenza dei due docenti titolari del corso. L esame ha una durata che varia in funzione della preparazione dello studente, comunque compresa fra i 30 e i 60 minuti. Vengono poste quattro domande relative sia alla parte generale del corso, sia alle classi specifiche di farmaci. Modalità di erogazione: Lezioni frontali + 1 CFU di laboratorio Propedeuticità: Per sostenere l esame di Biochimica gli studenti dovranno aver superato gli esami di Chimica Generale e Inorganica e Laboratorio e Chimica Organica e Laboratorio.

8 Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria - Lezione: 56 ore - Laboratorio: 16 ore CORSI A SCELTA PROPOSTI DAL CORSO DI LAUREA TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Biologia Vegetale e Floricoltura TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Plant Biology and Floricolture CFU: 6 (Corso a Scelta) Anno di corso/semestre: 3 anno, 2 semestre Obiettivi formativi (in italiano): Il corso si propone di fornire i concetti fondamentali della biologia vegetale delle piante superiori attraverso lo studio della morfologia, dell anatomia, della fisiologia e della biologia molecolare. Il corso si propone inoltre di descrivere la grande variabilità genetica presente nei vegetali e di evidenziare come le informazioni fornite possano essere utilizzate nei processi di addomesticamento e selezione delle specie ornamentali e dei loro prodotti. The course provides the fundamental concepts of plant biology through the study of morphology, anatomy physiology and molecular biology. In addition the course describe the wide genetic variation of the plant kingdom. Finally the course highlight how provided knowledge may be employed in domestication and selection process of ornamental species and their products. Programma dettagliato (in italiano): La cellula vegetale - Caratteristiche distintive dalla cellula animale - La parete cellulare - Gli organelli della cellula vegetale - I plastidi - I vacuoli ed il turgore cellulare. Organizzazione della pianta: radice, fusto e foglia - I principali tessuti della pianta - Tessuto epidermico: stomi e peli assorbenti - Tessuto vascolare: trachee e tubi cribrosi - Xilema e Floema - Tessuto fondamentale: parenchima, collenchima, sclerenchima - Cloroplasti - Differenze con i mitocondri ed origine simbiontica Principali componenti: la clorofilla e i fotosistemi. Il trasporto dell'acqua e dei metaboliti. Descrizione sintetica delle reazioni alla luce: la fotosintesi e la formazione di ossigeno: le reazioni al buio e la fissazione dell'anidride carbonica. Il ciclo cellulare: Le fasi del ciclo cellulare e i cambiamenti morfologici delle strutture subcellulari - La fase S e la duplicazione del DNA - Mitosi - descrizione delle fasi della mitosi - Il movimento dei cromosomi, piastra cellulare e fragmoplasto - Tassonomia - Nomenclatura linneana -classificazione degli esseri viventi in sei regni. Concetto di evoluzione: macroevoluzione e microevoluzione. Cenni di Genetica - Le leggi di Mendel. Nozioni sull importanza economica e sulle caratteristiche delle specie ornamentali; obiettivi e prospettive della ricerca sulle specie ornamentali. Biologia dello sviluppo della pianta e del fiore: l organizzazione dei tessuti meristematici e conseguenze sulla morfologia della pianta, transizione da fase vegetativa a riproduttiva, l organizzazione del fiore, modello ABC e successive implementazioni; biologia fiorale (monoicia, dioicia, fiori monoclini e diclini); determinismo del sesso; micro e megasporogenesi, fecondazione; biologia riproduttiva nelle piante autogame, allogame

9 ed a riproduzione vegetativa facoltativa o obbligata: meccanismi fisiologici, morfologici e di incompatibilità che determinano l auto o l allo impollinazione; meccanismi molecolari dell auto incompatibilità gametofitica; maschio sterilità; apomissia; epifillia ed altre forme di riproduzione vegetativa; genetica del colore e della senescenza dei fiori. Sistemi di allevamento vegetale (miglioramento) di piante prevalentemente autogame, allogame, o a riproduzione vegetativa e relativi schemi di incrocio e selezione. Altri metodi di miglioramento (androgenesi e ginogenesi, mutagenesi classica e sito specifica, variabilità somaclonale, poliploidizzazione, ibridazione interspecifica fusione di protoplasti, ingegneria genetica, organismi geneticamente modificati.); mappe genetiche e di associazione; selezione assistita da marcatori (MAS e GUS). Programma dettagliato (in inglese) (opzionale): / Docenti: Prof.ssa Mariangela Miele e Prof. Andrea Allavena Link al CV dei docenti: In preparazione Orario di ricevimento dei docenti: Su appuntamento, contattare i Docenti via mail: Testi di riferimento: Modulo Biologia Vegetale : Introduzione alla biologia vegetale, Biologia molecolare delle piante Aula web (si/no): SI Descrizione dei metodi di accertamento: Prova scritta ed esame orale Modalità di erogazione (lezioni frontali, laboratorio, a distanza etc.): Lezioni frontali Propedeuticità: Nessuna Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria - Lezione: 48 ore TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Chimica degli Alimenti e dei Prodotti Dietetici TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Chemistry of Food and Dietetic Products CFU: 6 (corso a scelta) Anno di corso/semestre: 3 anno, 2 semestre Obiettivi formativi (in italiano): Conoscere e comprendere la chimica dei nutrienti. Conoscere la composizione di alcuni importanti alimenti di origine di origine animale e vegetale. Conoscere i prodotti destinati a persone sane, in particolari fasi della loro vita (es. lattanti) e a persone affette da alcune allergie e intolleranze alimentari, nonché dal morbo celiaco.

10 To know and to understand the rudiment of food chemistry. To know the chemical composition of some important food, both of animal and of vegetable origin. To know the particular food aimed at healthy people, in particular period of their life, and to people affected by food allergies, intolerance and celiac disease. Programma dettagliato (in italiano): Gli alimenti come vettore di nutrienti (1 ora). La piramide della dieta mediterranea e altre piramidi (1 ora). Le ripercussioni in campo alimentare della chimica dei carboidrati (3 ore), delle proteine (3 ore) e dei lipidi (3 ore). La componente inorganica degli alimenti (acqua e elementi inorganici (3 ore). Fabbisogno, fonti alimentari e stabilità delle vitamine (4 ore). Alcune importanti reazioni (ossidazione lipidica e Reazione di Maillard) che coinvolgono i nutrienti durante i trattamenti, industriali o casalinghi, e/o la conservazione degli alimenti e dei prodotti dietetici (4 ore). Composizione chimica e metodi di risanamento del latte vaccino, con cenni ai latti delattosati e concentrati (4 ore). Confronto latte umano/latte vaccino e latti per la prima infanzia (2 ore). Il burro, i formaggi e la ricotta, importanti derivati del latte (4 ore). Differenze tra allergie e intolleranze alimentari, intolleranza al lattosio e alla fenilalanina e i prodotti per soggetti intolleranti (2 ore). Le più comuni allergie alimentari e i (pochi) prodotti per soggetti allergici (2ore). I cereali e i loro derivati (soprattutto pane e pasta) nell alimentazione (4 ore). La celiachia, i prodotti per celiaci e la relativa legislazione. (4 ore). L uva e la composizione chimica del mosto e del vino (4 ore). Cenni sugli alimenti contenenti OGM. Programma dettagliato (in inglese) (opzionale): / Docente: Prof.ssa Paola Zunin Link al CV del docente: Orario di ricevimento del docente: lunedì presso DIFAR Via Brigata Salerno Genova. Sempre disponibile su appuntamento richiesto via mail o via telefono. Testi di riferimento: F. Evangelisti, P. Restani Prodotti Dietetici PICCIN Editore. P. Cappelli, V. Vannucchi - Chimica degli alimenti Zanichelli Editore Aula web (si/no): SI (sono pubblicate le presentazioni delle lezioni e materiale didattico aggiuntivo di consultazione) Descrizione dei metodi di accertamento: L esame è orale. Dopo una prima domanda introduttiva, il colloquio mira ad accertare la capacità dello studente di collegare le tra loro gli argomenti trattati, integrando le informazioni di tipo prettamente chimico con le loro implicazioni nutrizionali. Modalità di erogazione (lezioni frontali, laboratorio, a distanza etc.): Lezioni frontali Propedeuticità: Nessuna Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria - Lezione: 48

11 TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Chimica delle Sostanze Organiche Naturali TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Chemistry of Organic Natural Substances CFU: 4 (Corso a Scelta) Anno di corso/semestre: 3 anno, 2 semestre Obiettivi formativi (in italiano): Il corso si prefigge di fornire allo studente una panoramica di composti di origine naturale implicati nei principali processi biologici, insieme ad alcuni aspetti del loro comportamento chimico. Verranno quindi fornite nozioni sulla sintesi chimica dei principali polimeri naturali attraverso le tecniche su fase solida e sulla applicazione delle macromolecole naturali nella sintesi organica. Infine verranno date nozioni sull utilizzo delle banche dati per la ricerca delle proprietà chimiche e biologiche delle sostanze organiche. The course aims to provide students with an overview of natural compounds involved in key biological processes, along with some aspects of their chemical behavior. Will then be provided notions on chemical synthesis of the main natural polymers through the techniques of solid phase and on the application of natural macromolecules in organic synthesis. Finally notions will be given on the use of databases to search for chemical and biological properties of organic substances. Programma dettagliato (in italiano): Verranno esaminati alcuni aspetti della chimica di composti naturali di interesse biologico, implicati sia nel metabolismo primario che nelle principali vie biogenetiche del metabolismo secondario animale o vegetale (quali, ad es. lipidi, carboidrati, acidi nucleici, proteine, terpeni, steroidi, alcaloidi). A tal fine verranno riprese ed ampliate alcune delle conoscenze acquisite nel corso di Chimica Organica, finalizzate ad una migliore comprensione delle interrelazioni tra chimica e biochimica. Verranno quindi introdotti i concetti basilari della sintesi su fase solida e come questa possa essere applicata alla efficiente preparazione di oligomeri quali oligopeptidi ed oligonucleotidi. Verranno analizzati i diversi tipi di supporto solido, di linker e di gruppi protettori. Verranno quindi fornite alcune nozioni basilari sulla ligazione chimica (chemical ligation) per assemblare peptidi di dimensioni maggiori. L utilizzo degli enzimi nella sintesi organica verrà discusso con particolare enfasi sull uso di enzimi idrolitici, di ossido-riduttasi, di fermentazioni e reazioni microbiologiche. Infine, verranno illustrate le principali banche dati on-line per il reperimento di informazioni scientifiche sulle sostanze chimiche, con particolare attenzione all utilizzo del data base REAXYS, anche con dimostrazioni pratiche. Programma dettagliato (in inglese) (opzionale): / Docente: Prof. Andrea Basso Link al CV del docente: Orario di ricevimento del docente: Su appuntamento, contattare il Docente via mail: Testi di riferimento: Dispense fornite durante il corso Aula web (si/no): SI Descrizione dei metodi di accertamento:

12 Esame orale. Esso è sempre condotto da due docenti di ruolo (o in casi limitati da un docente di ruolo e da un assegnista con almeno 5 anni di esperienza di ricerca post-laurea) ed ha una durata di almeno 30 minuti. Con queste modalità, dato che almeno uno dei due docenti ha esperienza pluriennale di esami nella disciplina, la commissione è in grado di verificare con elevata accuratezza il raggiungimento degli obiettivi formativi dell'insegnamento. Quando questi non sono raggiunti, lo studente è invitato ad approfondire lo studio e ad avvalersi di ulteriori spiegazioni da parte del docente titolare. Modalità di erogazione (lezioni frontali, laboratorio, a distanza etc.): Lezioni frontali Propedeuticità: Chimica Organica Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria - Lezione: 32 ore TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Impianti e Processi Biotecnologici TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Biotechnological Plants and Process CFU: 4 (Corso a Scelta) Anno di corso/semestre: 3 anno, 2 semestre Obiettivi formativi (in italiano): Conoscenza di base dei processi di produzione in campo industriale, alimentare, farmaceutico e ambientale coinvolgenti fasi di fermentazione. Dopo una prima parte introduttiva riguardante i contenuti fondamentali di microbiologia e biochimica batterica, verranno esaminate le tecniche operative e i modelli di impianto abitualmente utilizzati nei principali processi fermentativi in uso. Basic knowledge of industrial, environmental, pharmaceutical and food processes involving fermentation steps. Acquisition of fundamental contents of microbiology and bacterial biochemistry related to industrial fermentation processes. Explanation of techniques and plants usually employed in the main industrial fermentation processes. Programma dettagliato (in italiano): Richiami sui principi base dei processi di fermentazione industriale. Gruppi microbici di interesse industriale: classificazione, metabolismo, sviluppo e conservazione delle colture. Esempi di fermentazione industriale: fermentazione metanica, di idrocarburi lineari e aromatici, di composti azotati; produzione di etanolo, lievito di birra, acidi organici; produzione di enzimi e proteine monocellulari; produzione di amminoacidi, antibiotici, poliesteri e polisaccaridi extracellulari. Bioconversioni: principi generali ed applicazioni (produzione di amminoacidi, conversione degli steroidi). Trattamento biologico delle acque nere. Esempi di impianti di fermentazione e bioconversione: produzione di etanolo, lievito di birra, acido citrico, penicillina, proteine monocellulari; reattori enzimatici e per il trattamento biologico delle acque nere.

13 Programma dettagliato (in inglese) (opzionale): Recalls on fundamentals on industrial fermentation processes. Microbial groups of industrial interest: classification, metabolism, growth and preservation of cultures. Examples of industrial fermentation: methane fermentation, fermentation of linear and aromatic hydrocarbons, fermentation of nitrogen compounds; production of ethanol, yeast, organic acids; production of enzymes and single-cell proteins; production of aminoacids, antibiotics, polyesters and bacterial polysaccharides. Bioconversions: general principles and applications (production of aminoacids, conversion of steroids). Biological treatment of wastewater. Examples of fermentation and bioconversion plants: production of ethanol, yeast, citric acid, penicillin, single-cell proteins; enzymatic reactors; reactors for biological treatment of wastewater). Docente: Prof.ssa Marina Alloisio Link al CV del docente: Orario di ricevimento del docente: Tutti i giorni su appuntamento, contattare il Docente via mail: Testi di riferimento: M. Marzona, Chimica delle fermentazioni e microbiologia industriale, Piccin Ed., Padova, C. Ratledge, B. Kristiansen, Biotecnologie di base, Zanichelli Ed., Bologna, S. Aiba, A.E. Humphrey, N.F. Mills, Biochemical engineering, New York: Academic Press, Inc., K. Schugerl, Bioreaction engineering, Chichester, Sussex, UK; John Wiley & Sons, O. Levenspiel, Ingegneria delle reazioni chimiche, edizione italiana a cura di E. Sebastiani, Milano: Casa Editrice Ambrosiana, H.S. Fogler, Elements of chemical reaction engineering, 4 a editizione, Upper saddle River, NJ: Prentice-Hall, Aula web (si/no): NO Descrizione dei metodi di accertamento: Esame orale tradizionale Modalità di erogazione (lezioni frontali, laboratorio, a distanza etc.): Lezioni frontali Propedeuticità: Nessuna Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria - Lezione: 32 ore TITOLO INSEGNAMENTO (in italiano): Strumentazione e controllo di qualità TITOLO INSEGNAMENTO (in inglese): Analytical techniques and quality control CFU: 4 (Corso a Scelta) Anno di corso/semestre: 3 anno, 2 semestre

14 Obiettivi formativi (in italiano): Il corso fornisce le basi delle procedure di preparazione del campione e delle principali tecniche analitiche strumentali impiegate nel settore biotecnologico. Particolare risalto è anche dato all aspetto del controllo analitico del dato. The course provides an overview of the sampling procedures and instrumental analytical techniques used in biotecnology. Several aspects of the quality control will be treated also. Programma dettagliato (in italiano): 1. Preparazione del campione: metodi fisici e chimici 2. Scelta del metodo analitico; cifre di merito strumentali 3. Tecniche cromatografiche: TCL, cromatografia liquida e gassosa. Parametri cromatografici. Ottimizzazione di un metodo cromatografico. Schema a blocchi di strumentazioni 4. Introduzione ai metodi spettroscopici; Spettrofotometria UV-VIS; Impiego per analisi qualitative e quantitative. 5. Spettrometria di massa: principi e applicazioni. Componenti di uno spettrometro di massa. Modalità di ionizzazione; analizzatori. Cenni di interpretazione degli spettri MS. 6. Controllo di qualità: Buone pratiche di laboratorio e controllo di qualità; validazione di un metodo analitico; errori; materiali di riferimento certificati; cifre significative; carte di controllo ; t test e F test. Programma dettagliato (in inglese) (opzionale): / Docente: Prof.ssa Silvia Lanteri Link al CV del docente: Orario di ricevimento del docente: Su appuntamento via Testi di riferimento: Skoog Leary,Chimica Analitica Strumentale, Edises. Materiale fornito a lezione e/o disponibile su Aulaweb Aula web (si/no): SI Descrizione dei metodi di accertamento: Il corso non prevede verifiche intermedie. I CFU saranno acquisito con il superamento di un esame orale. L'esame orale è sempre condotto da due docenti di ruolo ed ha una durata di almeno 30 minuti. Con queste modalità, la commissione è in grado di verificare con elevata accuratezza il raggiungimento degli obiettivi formativi dell'insegnamento ponendo domande diversificate inerenti al programma effettivamente svolto durante il corso. Quando gli obiettivi formativi non sono raggiunti, lo studente è invitato ad approfondire le sue conoscenze e ad avvalersi eventualmente di ulteriori spiegazioni da parte del docente titolare. Modalità di erogazione (lezioni frontali, laboratorio, a distanza etc.): Lezioni frontali Propedeuticità: Nessuna Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria - Lezione: 32 ore

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 6 Disciplina CHIMICA ORGANICA Quinto anno Chimica e materiali Competenze acquisire i dati ed esprimere qualitativamente e quantitativamente i risultati delle osservazioni

Dettagli

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 Personale dei docenti Loredana Decarlo Mascaro Salvatore per la classe V CH. Serale 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali e dei modelli

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Scienze Naturali CLASSE Quinta SEZIONE C INDIRIZZO Liceo delle Scienze Applicate DOCENTE Virtuoso Assunta ORE DI LEZIONE Cinque OBIETTIVI **************** Spiegare

Dettagli

BIOLOGIA VEGETALE per la Facoltà di Farmacia Università di Torino Domande di Ripasso in preparazione dell esame

BIOLOGIA VEGETALE per la Facoltà di Farmacia Università di Torino Domande di Ripasso in preparazione dell esame BIOLOGIA VEGETALE per la Facoltà di Farmacia Università di Torino Domande di Ripasso in preparazione dell esame Organismo planctonico o Plancton : quali sono gli organismi che vi appartengono Alcuni tessuti

Dettagli

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23-41124 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: info@fermi.mo.it Pagina web: www.fermi.mo.it PROGRAMMA DI BIOLOGIA

Dettagli

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it Le Biotecnologie La fine del XX secolo ha conosciuto un incredibile sviluppo della

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI

CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI TITOLARE del CORSO: Prof. Marzia Bianchi Tel: 0722 304960; 0722 305201 e-mail: marzia.bianchi@uniurb.it STRUTTURA del CORSO: Il corso si articola in lezioni

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

ALLEGATO A Corso di Laurea in TECNICHE ERBORISTICHE Classe di laurea L-29 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche

ALLEGATO A Corso di Laurea in TECNICHE ERBORISTICHE Classe di laurea L-29 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche - 1 - ALLEGAT A Corso di Laurea in TECNICHE ERBRISTICHE Classe di laurea L-29 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche Descrizione del percorso formativo Il Corso di Studi in Tecniche Erboristiche ha una durata

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

LICEO ARTISTICO PRETI - FRANGIPANE Reggio Calabria

LICEO ARTISTICO PRETI - FRANGIPANE Reggio Calabria LICEO ARTISTICO PRETI - FRANGIPANE Reggio Calabria Denominazione del Progetto: corso di Formazione Integrativa Per le Eccellenze (F.I.P.E.) Scopo: La finalità di questo progetto è quella di costruire una

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Fonti e testi di riferimento Dan Graur: http://nsmn1.uh.edu/dgraur/ >courses > bioinformatics

Dettagli

Indice. Introduzione alle metodologie biochimiche 1 (Martino Luigi Di Salvo, Roberto Contestabile)

Indice. Introduzione alle metodologie biochimiche 1 (Martino Luigi Di Salvo, Roberto Contestabile) VII Indice Prefazione XII Capitolo 1 Introduzione alle metodologie biochimiche 1 (Martino Luigi Di Salvo, Roberto Contestabile) 1.1 La Biochimica, una scienza sperimentale 1 1.2 Come si progetta, si esegue

Dettagli

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web Anno scolastico 2012-13 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INDIRIZZO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE (Articolazione: Biotecnologie sanitarie) PROGRAMMA PREVENTIVO MATERIA Biologia, Microbiologia e

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE FREDDI MARCELLA MONOENNIO CLASSE 5 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

Indirizzo Produzioni Biologiche e Biotecnologie Agroalimentari

Indirizzo Produzioni Biologiche e Biotecnologie Agroalimentari Indirizzo Produzioni Biologiche e Biotecnologie Agroalimentari Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Chimica 99 Elementi di organizzazione

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: Scienze e Tecnologie Agroalimentari Curriculum: Tecnologie Agroalimentari Anno di Corso: 2 Semestre: 2 Insegnamento: Microbiologia degli alimenti CFU:

Dettagli

INDICE. VOLUME 1 Cellula. VOLUME 2 Genetica. Capitolo 9 Comunicazione cellulare 181. Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1

INDICE. VOLUME 1 Cellula. VOLUME 2 Genetica. Capitolo 9 Comunicazione cellulare 181. Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1 00PrPag_Vol_02_BROOKER 30/07/10 11:22 Pagina V VOLUME 1 Cellula Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1 PARTE I Capitolo 2 Chimica Basi chimiche della vita I: atomi, molecole e acqua 19 Capitolo 3 Basi

Dettagli

INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA

INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA PROGRAMMA (di massima) DI BIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CONTENUTI PER LA CLASSE QUINTA TEORIA METABOLISMO ED ENERGIA Le fermentazioni BIOLOGIE MICROBICHE Biotecnologie

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s.

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2O13-2014 Materia : Chimica e Biologia Classe : II sez. B Rimini,05/06/2014

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE DARMAN ELENA 2 BIENNIO CLASSE 3 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie L indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie è finalizzato all acquisizione di un complesso di competenze riguardanti:

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Anno di Corso: 1 Semestre: 1 Insegnamento: BOTANICA Modulo: BOTANICA GENERALE CFU: 6 Ore complessive di attività con il docente:

Dettagli

Laurea magistrale in Scienze e tecnologie alimentari

Laurea magistrale in Scienze e tecnologie alimentari PIANO DEGLI STUDI Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari si articola in due anni, ciascuno dei quali strutturato in 2 semestri durante i quali è previsto che lo studente segua

Dettagli

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso: Biotecnologie genetiche vegetali (6 CFU) (5 CFU Lezioni + Laboratorio) Docente: Prof. Antonio Blanco email: antonio.blanco@uniba.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE DISCIPLINE CHIMICHE

PROGRAMMAZIONE DELLE DISCIPLINE CHIMICHE I. I. S. S. A. DE PACE - LECCE TECNICO CHIMICO BIOLOGICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013 CLASSE 5 TCB sez. B PROGRAMMAZIONE DELLE DISCIPLINE CHIMICHE Prof. Giovanni Sgueglia PROFILO PROFESSIONALE DEL TECNICO

Dettagli

Ingegneria Genetica e Microbiologia Applicata

Ingegneria Genetica e Microbiologia Applicata Corso di Laurea in Biotecnologie Anno Accademico 2009-2010 Ingegneria Genetica e Microbiologia Applicata Percorso n 3: Clonaggio di segmenti di DNA Settima esercitazione - 13 maggio 2010 F 1 1 1: taglio

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola:professionale DISCIPLINA: Scienze integrate( Scienze della Terra e Biologia) RESPONSABILE: Meri Teti CLASSI SECONDE SEZIONE B INDIRIZZO: Grafico CONOSCENZE/CONTENUTI:

Dettagli

Informazioni generali e comunicazioni di servizio

Informazioni generali e comunicazioni di servizio P. Landini (paolo.landini@unimi.it) 4 piano torre B. Tel. 02-50315028 Corso di Microbiologia e Biotecnologia delle fermentazioni Unità Didattica di Microbiologia Anno accademico 2014-2015 Informazioni

Dettagli

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^A CMB. Materia: Biologia, microbiologia e biotecnologie

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^A CMB. Materia: Biologia, microbiologia e biotecnologie Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^A CMB Materia: Biologia, microbiologia e biotecnologie Situazione della classe Accordi con la classe Accordi con le altre discipline Correlazione con

Dettagli

L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche del carbonio;

L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche del carbonio; Obiettivi minimi di apprendimento, area chimico biologica, da raggiungere al termine dell'a.s. da parte degli alunni per l'ammissione alla classe successiva L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche

Dettagli

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993 Corso di Laurea: Scienze e tecnologie alimentari Corso Integrato: Biotecnologie per la qualità degli alimenti Modulo: Metodologie geneticomolecolari (6 CFU) (4 CFU Lezioni + 2 CFU Esercitazioni) Docente

Dettagli

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467 Corso di Laurea: Scienze e Tecnologie Alimentari Corso Integrato: Tecnologie alimentari e packaging (9 CFU) Modulo: Packaging (3 CFU: 2.5 CFU Lezioni + 0.5 CFU Esercitazioni) Docente Dott. Vito Michele

Dettagli

SCIENZE DELLA VITA, DELL'AMBIENTE E DEL FARMACO

SCIENZE DELLA VITA, DELL'AMBIENTE E DEL FARMACO Corso di dottorato in SCIENZE DELLA VITA, DELL'AMBIENTE E DEL FARMACO articolato nei seguenti indirizzi: - BIOMEDICO - BIOLOGIA UMANA E ANIMALE ED ECOLOGIA - SCIENZE DEL FARMACO AREE SCIENTIFICO- DISCIPLINARI

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea triennale in Biotecnologie Università di Roma LA Sapienza Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Presidente: Prof. Giuseppe Macino Vice Presidente:

Dettagli

sara.graziano1985@libero.it Assegnista di ricerca Università degli Studi di Parma Dipartimento di Bioscienze

sara.graziano1985@libero.it Assegnista di ricerca Università degli Studi di Parma Dipartimento di Bioscienze Curriculum Vitae SARA GRAZIANO Informazioni personali Cognome Nome Indirizzo Telefono E-mail Cittadinanza Data di nascita Sesso Settore professionale Graziano Sara sara.graziano1985@libero.it Italiana

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE Dipartimento di Scienze Biomolecolari Struttura Didattica di Biotecnologie Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE E-mail biotecnologie@uniurb.it Sito web www.uniurb.it/biotecnologie/ Attività Didattica Informazioni

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

CLASSE I classico A e B

CLASSE I classico A e B LICEO SCIENTIFICO "A. APROSIO" VENTIMIGLIA CLASSE I classico A e B Anno scolastico 2011-2012 UNITA' DIDATTICA N 1 METODI ED ORGANIZZAZIONE DEI CONCETTI IN BIOLOGIA 1.1 LE CARATTERISTICHE COMUNI A TUTTI

Dettagli

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico Prof. Bozzato Andrea Prof.ssa Rosa Monica (Laboratorio) Il libro di testo è: Terra Ed. Verde, autori E.L.Palmieri, M.Parotto casa editrice

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

LT in Biotecnologie Agripolis, 24 marzo 2015

LT in Biotecnologie Agripolis, 24 marzo 2015 BIOTECNOLOGIE APPLICATE A CELLULE ANIMALI Colture cellulari e le loro applicazioni: isolamento di cellule in coltura. Tipi di colture. Parametri per la caratterizzazione e il monitoraggio di cellule in

Dettagli

Laboratorio di Metodologie e Tecnologie Genetiche ESERCITAZIONE DI BIOINFORMATICA

Laboratorio di Metodologie e Tecnologie Genetiche ESERCITAZIONE DI BIOINFORMATICA Laboratorio di Metodologie e Tecnologie Genetiche ESERCITAZIONE DI BIOINFORMATICA Bioinformatica - Scienza interdisciplinare coinvolgente la biologia, l informatica, la matematica e la statistica per l

Dettagli

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Le applicazioni attuali delle biotecnologie NON OGM nel settore alimentare diego.mora@unimi.it www.distam.unimi.it I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Quanti microrganismi ingeriamo con gli alimenti? Si ingeriscono

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI SECONDE AFM - TUR UdA n. 1 Titolo: biosfera/evoluzione dei viventi/tassonomia Acquisire e decodificare concetto di complessità e di interdipendenza all'interno di un sistema biologico Generalità sulla

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Scienze Nutraceutiche

Scienze Nutraceutiche Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Farmacia Corso di Laurea in Scienze Nutraceutiche le ragioni di una scelta www.farmacia.unina.it Scienze Nutraceutiche : le ragioni di una scelta

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA I.I.S Gritti a.s 2013/1 Piano di lavoro Scienze integrate - Biologia Classe II C Indirizzo Amministrazione,finanza, marketing Docente: prof. A. Collarin Supplente: prof. M. Bernardi PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA. presidenza Preside: Prof. Filippo Maria Pirisi

FACOLTÀ DI FARMACIA. presidenza Preside: Prof. Filippo Maria Pirisi FACOLTÀ DI FARMACIA sede via Ospedale, 72 09124 Cagliari Palazzo delle Scienze sito web: http://farmacia.unica.it e-mail: presfarm@unica.it Segreteria di Presidenza tel. 070 675 8601-8602 fax 070 675 8612

Dettagli

Laurea Magistrale in Biologia Vegetale. Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Laurea Magistrale in Biologia Vegetale. Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali a.a. 2008-09 MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA VEGETALE Il corso di laurea magistrale in Biologia

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Il DNA come Elemento Tracciante in Spumantizzazione Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Dr. Ileana Vigentini IL VINO SPUMANTE METODO CLASSICO (CHAMPENOISE

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Analisi ATR-FTIR per la valutazione della sofisticazione del latte materno

Analisi ATR-FTIR per la valutazione della sofisticazione del latte materno Analisi ATR-FTIR per la valutazione della sofisticazione del latte materno Università della Calabria Dipartimento di Farmacia e Scienze della Salute e della Nutrizione, Rende (CS) Gruppo di Ricerca in

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

PERCHE E UN OTTIMA SCELTA ISCRIVERSI AL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BIOTECNOLOGIE DELLA FACOLTA DI SCIENZE Il Corso di Laurea triennale in

PERCHE E UN OTTIMA SCELTA ISCRIVERSI AL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BIOTECNOLOGIE DELLA FACOLTA DI SCIENZE Il Corso di Laurea triennale in PERCHE E UN OTTIMA SCELTA ISCRIVERSI AL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BIOTECNOLOGIE DELLA FACOLTA DI SCIENZE Il Corso di Laurea triennale in Biotecnologie offre una solida preparazione teorica e pratico

Dettagli

SCIENZE NATURALI. Linee generali e competenze. Pagina di 7 1

SCIENZE NATURALI. Linee generali e competenze. Pagina di 7 1 SCIENZE NATURALI Linee generali e competenze Le scienze naturali indagano la natura nei suoi molteplici aspetti: dallo studio della materia nelle sue svariate strutture e funzioni fino alla complessità

Dettagli

Corso di INFORMATICA AZIENDALE (4 CFU)

Corso di INFORMATICA AZIENDALE (4 CFU) Corso di INFORMATICA AZIENDALE (4 CFU) Facoltà di Economia - Università di Foggia Laurea specialistica 84/S in Economia e Professioni/Consulenza Aziendale a.a. 2008/2009 Prof. Crescenzio Gallo c.gallo@unifg.it

Dettagli

Il Corso di laurea in Biotecnologia e il curriculum biologicoindustriale

Il Corso di laurea in Biotecnologia e il curriculum biologicoindustriale Perche studiare biotecnologia? Che cosa sono le biotecnologie? I colori delle biotecnologie Gli strumenti del biotecnologo Le biotecnologie industriali Il Corso di laurea in Biotecnologia e il curriculum

Dettagli

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO OFFERTA

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO OFFERTA FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO OFFERTA 2014/2015 FORMATIVA ANNO ACCADEMICO EROGAZIONE 2014/2015 CORSO DI LAUREA (o LAUREA MAGISTRALE) Medicina e Chirurgia Canale Chirone- Sede Formativa Palermo

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

Docente Dr.ssa Raffaella DI CAGNO email: rdicagno@agr.uniba.it Tel. 080 544 2945

Docente Dr.ssa Raffaella DI CAGNO email: rdicagno@agr.uniba.it Tel. 080 544 2945 Corso di Laurea magistrale: Scienze e Tecnologie Alimentari Corso Integrato: Tecniche microbiologiche per la qualità degli alimenti (12 CFU) Modulo: Selezione degli starter e microbiologia predittiva (6

Dettagli

Mercati di riferimento per le imprese science-based

Mercati di riferimento per le imprese science-based Mercati di riferimento per le imprese science-based 1 Tipologie di Imprese biotech Orientate alla ricerca Orientate allo sviluppo - Content companies - Platform companies - Service companies - Commodoty

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

La biodiversità microbica e le produzioni alimentari

La biodiversità microbica e le produzioni alimentari La biodiversità microbica e le produzioni alimentari Prof. Marilena Budroni Microbiologia generale ed applicata DISAABA LA BIODIVERSITÀ: UNA RISORSA ESSENZIALE DELLA NATURA CONOSCENZA E VALORIZZAZIONE

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

LT Scienze Biologiche - Corso di BOTANICA GENERALE BIO/01 A-L 8 CFU (7 + 1 da 15 ore di laboratorio) a.a. 2011-2012 dal 25 ottobre al 21 dicembre

LT Scienze Biologiche - Corso di BOTANICA GENERALE BIO/01 A-L 8 CFU (7 + 1 da 15 ore di laboratorio) a.a. 2011-2012 dal 25 ottobre al 21 dicembre LT Scienze Biologiche - Corso di BOTANICA GENERALE BIO/01 A-L 8 CFU (7 + 1 da 15 ore di laboratorio) a.a. 2011-2012 dal 25 ottobre al 21 dicembre Docente: Patrizia Albertano albertano@uniroma2.it Orario

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (Appartenente alla classe di laurea L-2 Biotecnologie) Titolo di ammissione Diploma di maturità. Durata 3 anni Modalità di accesso Il numero massimo di studenti iscrivibili

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO Programma preventivo Mod.7.02.01.01.01 Rev. 00 01.11.08 PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s.2013/2014 MATERIA MICROBIOLOGIA, IGIENE E LABORATORIO CLASSE QUINTA SEZIONE G INDIRIZZO BIO2 DOCENTE LORENZA BURATTIN- GIUSEPPE

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI (DM 270/04) CLASSE LM - 70 Scienze e Tecnologie Alimentari

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI (DM 270/04) CLASSE LM - 70 Scienze e Tecnologie Alimentari 70 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI DM 270/04 CLASSE LM - 70 Scienze e Tecnologie Alimentari Sede: Via dell Ateneo Lucano 10 - Potenza Segreteria studenti: via dell Ateno Lucano

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

Prof. Tullio Scrimali

Prof. Tullio Scrimali Prof. Tullio Scrimali Insegnamento di Psicologia Clinica delle Dipendenze Modulo Settore scientifico-disciplinare Anno di corso Periodo didattico Numero totale di crediti Prerequisiti (se previsti) Propedeuticità

Dettagli

Tesi di Laurea Specialistica. Elaborazione di dati bioinformatici attraverso l uso di Particle Swarm Optimization

Tesi di Laurea Specialistica. Elaborazione di dati bioinformatici attraverso l uso di Particle Swarm Optimization Università degli Studi di Genova Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica Anno Accademico 2009/2010 Tesi di Laurea Specialistica Elaborazione di dati

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA

Corso di Laurea in OSTETRICIA Disciplina: STATISTICA MEDICA Docente: Prof. Marco FERRARIO Processo induttivo e deduttivo della conoscenza: definizione di popolazioni, campione e unità statistiche, nozioni di teoria del campionamento;

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE NATURALI CHIMICA GEOGRAFIA GENERALE Anno scolastico 4/5 Docenti: Tiziana Duranti, Antonella Marmora, PatriziaPetrini, Roberta Pratesi,

Dettagli

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE L ASSEMBLEA GENERALE, su proposta della Commissione III «Economia», sulla base dei lavori

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea interclasse ed interfacoltà in Scienze e Tecnologie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

ESERCIZIARIO DI GENETICA con guida alla soluzione

ESERCIZIARIO DI GENETICA con guida alla soluzione ESERCIZIARIO DI GENETICA con guida alla soluzione Dello stesso Editore Adamo et al. Istologia per le lauree sanitarie Arienti Le basi molecolari della nutrizione Arienti Un compendio di biochimica Arienti/Fiorilli

Dettagli

Scienze Biologiche. Attività di Laboratorio. Dipartimento di Scienze della Terra, dell Ambiente e della Vita. Università degli Studi di Genova

Scienze Biologiche. Attività di Laboratorio. Dipartimento di Scienze della Terra, dell Ambiente e della Vita. Università degli Studi di Genova Corso di Laurea triennale in Scienze Biologiche Attività di Laboratorio A.A. 2015 2016 Corsi con attività pratiche: 1 anno: 2 anno: 3 anno: Misure fisiche, Citologia e Istologia, Zoologia, Chimica generale

Dettagli

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame Classe 12/A CHIMICA AGRARIA L'esame

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSI SECONDE Docente MELIS LUCIA Libro di testo in adozione SCIENZE INTEGRATE A E B Editore: ZANICHELLI AUTORI: PALMIERI/PAROTTO/ SARACENI/STRUMIA

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: Alberghiero INDIRIZZO: Enogastronomia e Servizi di sala e vendita DOCENTE: Prof. Fontanesi Elisa CLASSE: III Serale MATERIA DI INSEGNAMENTO: Scienza e Cultura

Dettagli

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione in campo medico e biotecnologico Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione delle sequenze di acido nucleico Elena Comoglio Jacobacci & Partners S.p.A. Brevetti

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE LAUREA MAGISTRALE CLASSE LM-6 BIOLOGIA ANNO ACCADEMICO 2015-2016 OBIETTIVI FORMATIVI Obiettivi formativi

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

Allegato 1. COD_TD2 ATTIVITA PRESTAZIONALI PER CIASCUN PROFILO

Allegato 1. COD_TD2 ATTIVITA PRESTAZIONALI PER CIASCUN PROFILO ATTIVITA PRESTAZIONALI PER CIASCUN PROFILO Profilo 1 Esperto in tecnologie di pastificazione e spettrometria RAMAN L esperto dovrà operare presso la Piattaforma di Tecnologie Alimentari, laboratorio di

Dettagli

Farmacia. Scuola di Scienze mediche e farmaceutiche. Laurea Magistrale a ciclo unico (5 anni) Laurea (3 anni) Laurea Magistrale (2 anni)

Farmacia. Scuola di Scienze mediche e farmaceutiche. Laurea Magistrale a ciclo unico (5 anni) Laurea (3 anni) Laurea Magistrale (2 anni) Scuola di Scienze mediche e farmaceutiche Farmacia Laurea Magistrale a ciclo unico (5 anni) } Chimica e tecnologia farmaceutiche (DIFAR) (n. programmato) - classe LM-13 pag 7 } Farmacia (DIFAR) (n. programmato)

Dettagli