CURRICULUM VITAE della dr.ssa ANNAMARIA CATTELAN, nata a Treviso il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURRICULUM VITAE della dr.ssa ANNAMARIA CATTELAN, nata a Treviso il 23-09-1963"

Transcript

1 CURRICULUM VITAE della dr.ssa ANNAMARIA CATTELAN, nata a Treviso il Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università di Padova con il massimo dei voti e la lode il Specializzazione in Malattie dell apparato respiratorio e tisiologia presso l Università di Padova il con il massimo dei voti e la lode con tesi su Risposta paradossa alla intradermoreazione tubercolinica in soggetti con infezione da HIV Specializzazione in Malattie Infettive e Tropicali presso l Università di Verona il con il massimo dei voti con tesi su Lesioni cervico-vaginali da HPV e correlazioni clinico epidemiologiche: studio prospettico su 773 donne Assistente volontario presso la Clinica medica II dell Università di Padova dal luglio 1988 al giugno 1990 dove si è prevalentemente occupata degli aspetti diagnosticoterapeutici del tromboembolismo venoso e successivamente presso la Divisione Malattie Infettive dell Ospedale Civile di Padova dal luglio 1990 all ottobre Vincitrice per l anno 1991/92 del bando di concorso, per titoli e colloquio, indetto dall Istituto di Sanità con D.M. 20/11/1991 per il conferimento di 120 borse di studio finalizzate allo studio dell AIDS con la ricerca Metodiche diagnostiche nelle pneumopatie in corso di infezione da HIV. Dall al , Assistente Medico presso La Divisione Malattie Infettive e Tropicali dell Azienda Ospedaliera di Padova. Dal al Dirigente Medico di I livello della Unità Operativa di Malattie Infettive e Tropicali di Padova. Dal al , Incarico Dirigenziale di Alta Specialità su Problematiche diagnostico-terapeutiche dell immunodepresso. Dal al Incarico Dirigenziale di Struttura Semplice su Diagnosi, terapia e prevenzione delle infezioni dell immunodepresso. Durante tale periodo è stata responsabile del day-hospital della Unità Operativa di Malattie Infettive e Tropicali di Padova dove si è occupata di problemi clinici correlati all infezione da HIV/AIDS e del paziente oncoematologico. E inoltre stata coinvolta in numerosi trials clinici sia italiani che internazionali. E stata Consulente Infettivologa della Divisione di Oncologia Medica dell Azienda Ospedaliera di Padova con cui ha collaborato alla stesura delle Procedure per l utilizzo di cellule staminali midollari e periferiche dopo alte dosi di chemioterapia nell adulto. Si è inoltre occupata di infezioni nei soggetti trapiantati di organo solido, ed in particolare di polmone. E stata estensore delle Linee Guida di antibioticoterapia per la ULSS 14 -Veneto in collaborazione con il Prof. E. Concia e il Dr M.Trevenzoli.

2 Ha svolto attività di tutor nell ambito della Scuola di Specializzazione di Malattie Infettive dell Università di Padova. Ha partecipato a gruppi collaborativi Italiani per il controllo delle Infezioni Ospedaliere. A partire da 1993 ha frequentato e superato positivamente i Corsi (corsi annuali di 36 ore totali) indetti dalla Regione Veneto con D. M. 30/10/1990 recante la Disciplina dei corsi di Formazione e di aggiornamento professionale per il personale dei reparti di ricovero di Malattie Infettive. Dal a tutt oggi Incarico di Direttore di Struttura Complessa di Malattie Infettive presso l Azienda ULSS 18 di Rovigo. Ha superato positivamente le visite di Autorizzazione all esercizio e di Accreditamento istituzionale disposte dai programmi della Regione Veneto e dell Accreditation Canada International. Ha prodotto un Percorso assistenziale (PA) per i pazienti affetti da HIV/AIDS ( deliberato dal Consiglio Direttivo nel Maggio 2012) e visibile nel sito internet aziendale) E membro del Comitato del Controllo delle Infezioni Ospedaliere dell Azienda ULSS 18. In quest ambito ha partecipato alla Revisione delle LINEE GUIDA DI ANTIBIOTICO PROFILASSI IN CHIRURGIA e alla stesura di un manuale dal titolo MANUALE DI ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA RACCOLTA, CONSERVAZIONE E TRASPORTO DI CAMPIONI PER INDAGINI MICROBIOLOGICHE, entrambi disponibili in intranet aziendale. In collaborazione con la SOS Medicina Preventiva, la SOC medicina Trasfusionale e la Direzione Medica ha contribuito alla stesura del protocollo per la gestione degli infortuni biologici a rischio di HIV e virus epatitici, anch esso presente in intranet aziendale.dall anno accademico a tutt oggi, svolge ruolo di tutor presso la Scuola di Specializzazione di Malattie Infettive e Tropicali dell Università di Ferrara. Dal è membro della Commissione Regionale di Area Vasta Venezia- Rovigo con il ruolo di vicepresidente con Delibera n 995 del 26/11/2009 e successivi aggiornamenti. Dal Luglio 2010 a tutt oggi è membro del Comitato per la Sperimentazione Clinica della Provincia di Rovigo con Decreto del DG n 374 dell E membro dell HIV/AIDS Italian Expert Panel che ha redatto le Linee guida Italiane sull utilizzo dei farmaci antiretrovirali e sulla gestione diagnostico-clinica delle persone con infezione da HIV-1 per l anno 2010, 2011, 2012 consultabili al sito E stata relatrice all interno di Corsi di Formazione intra-aziendali, di Convegni Nazionali ed Internazionali; inoltre è stata relatrice in numerosi Corsi per la Formazione Continua in Medicina rivolti a Medici Infettivologi, a Medici Oncologi, a medici di Medicina Generale, a personale infermieristico. Ha organizzato ed è stata responsabile scientifica di alcuni convegni accreditati in tema di infezione da HIV/AIDS: E iscritta alla Società Italiana di Malattie Infettive (SIMIT) e alla Società Italiana Medici Manager (SIMM).

3 Riporta di seguito alcune principali attività specifiche: 1) Ha svolto attività didattica nell ambito di: a) Docenza ai Corsi di Formazione intra-aziendale dell ULSS 18 con titolo: 1) Corso di formazione per la prevenzione del rischio biologico nelle strutture sanitarie (7,25 ore) 2) Le procedure di accettazione, raccolta, conservazione e trasporto dei campioni per indagini microbiologiche (4,5 ore/anno) 3) Gestione e controllo del rischio infettivo in ospedale (5 ore/anno) b) Docenza negli anni all interno dei Corsi indetti dalla Regione Veneto con D. M. 30/10/1990 recante la Disciplina dei corsi di Formazione e di aggiornamento professionale per il personale medico dei reparti di ricovero di Malattie Infettive. ( 4 ore/anno) c) Scuola per infermieri professionali di Padova: a.s.1993/94 Discipline: Principi di Igiene-epidemiologia e profilassi- 1 anno n 30 ore; Igiene Ospedaliera -2 anno n 20 ore. Malattie Infettive -3 anno n 10 ore a.s. 1994/95 Discipline: Igiene Ospedaliera-2 anno n 20 ore; Malattie Infettive- 3 anno- n 10 ore a.s. 1995/96 Discipline: Malattie Infettive- 3 anno- n 10 ore d) Corso di perfezionamento Dipendenze patologiche presso la Facoltà di Psicologia dell Università di Padova negli anni ( n 4 ore anno) c) Attività didattica presso scuole Medie Inferiori e Superiori di Padova nell ambito delle tematiche della prevenzione/conoscenza dell infezione da HIV 2) E stata correlatrice di tesi di laurea in Medicina e Chirurgia e/o specializzazione nella Scuola di Malattie Infettive e Tropicali tra cui segnala: 1) Valutazione della tossicità ematologica in corso di terapia con Interferone peghilato e Ribavirina in pazintei con epatite cronica C. Anno Accademico ) Atazanavir/ritonavir in combinazione con nevirapina come strategie terapeutica di risparmio della classe degli inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa di HIV: studio pilota in pazienti HIV-positivi Haart-experienced. Anno Accademico ) La terapia antiretrovirale ad elevata efficacia (HAART) nel trattamento del sarcoma di Kaposi AIDS correlato: studio prospettico. Anno Accademico ) La febbre nel paziente neoplastico: revisione della letteratura e studio prospettico in un reparto di oncologia medica. Anno Accademico ) Il lavaggio broncoalveolare (BAL) nella diagnosi della patologia infettiva nel trapianto di polmone: esperienza di Padova. Anno Accademico

4 6) Mediastinite da Cryptococcus neoformans: una nuova realtà clinica nell epoca della terapia antiretrovirale ad elevata efficacia. Anno Accademico ) Le infezioni batteriche, virali, fungine nel paziente sottoposto a trapianto di polmone: esperienza di Padova. Anno Accademico ) Terapia antiretrovirale con inibitori della proteasi di HIV nel trattamento del sarcoma di kaposi AIDS correlato. Anno Accademico ) Storia naturale e trattamento del Sarcoma di Kaposi epidemico: studio prospettico di 24 casi osservati a Padova. Anno Accademico ) La scintigrafia polmonare con GA 67 nella diagnosi di pneumocistosi nei pazienti HIV-positivi. Anno Accademico ) E stata Organizzatrice e Responsabile Scientifico dei seguenti Convegni/Corsi accreditati: Confezione HIV HCV: nuovi farmaci e nuove strategie Rovigo, 18 Febbraio 2011 Side by Side; esperienze nel trattamento dell HIV. Rovigo 28 Ottobre 2010 Problematiche correlate alla terapia antiretrovirale del paziente HIV+ Rovigo, 28 Settembre 2010 L infezione da virus epatitici ed HIV nell ambulatorio del Medico di famiglia: necessità dell implementazione del percorso diagnostico terapeutico Rovigo, 30 Giugno 2010 Corso di aggiornamento: Nuove strategie terapeutiche nel trattamento del paziente HIV+ in soppressione virologica, evidenze scientifiche, prospettive future. Rovigo, 14 maggio 2010 Salute riproduttiva nelle persone con infezione da HIV. Rovigo 22 Ottobre 2009 Triple-C Coinfection Clinical Cases: Rovigo, 24 Settembre 2009 Focus on HIV: Riflessioni sul paziente naive. Rovigo, 11 Dicembre 2008 I tre pilastri del successo a lungo termine. Padova, Maggio 2008 Paziente HIV+ plurifallito: attualità e nuove prospettive. Rovigo, 1 Ottobre 2007 Nuove Evidenze e problematiche nella terapia HAART. Padova, 16 settembre Corso su Terapia antiretrovirale: Dogmi, Dati, Dilemmi. Padova, 6 dicembre ) Relatrice ai seguenti Corsi/Convegni/Workshop Prevenzione e controllo della Legionellosi nelle Strutture sanitarie. Auditorium Ospedale di Rovigo, 11 e 25 ottobre e 6 Novembre Congresso Nazionale della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali. Chieti-Pescara Ottobre 2012

5 STAR Sostenibilità della spesa: strumenti di governo e appropriatezza regionali a confronto. Bergamo, Giugno SRTategee Single Tablet Regimen: simulation E-learing ExperiEnce. Rovigo, 6 Giugno 2012 Less Drug Regimen per un moderno approccio alla donna HIV-positiva. Trento, 30 Maggio 2012 Le terapie antiretrovirali nella Regione del Veneto. Presente e futuro. Vicenza, 28 maggio 2012 Less Drug Regimen per un moderno approccio alla donna HIV-positiva. Catania, 15 Maggio 2012 V Congerno nazionale InfecTO: L infettivologia del Terzo millennio: AIDS ed altro. (moderatore). Paestum Maggio 2012 Face up to challenge. Istituto Superiore di Sanità, Roma, 4 Maggio 2012 Congresso Regionale sulla popolazione migrante in Veneto. Valutazione di impatto sul SSSR della diffusione di HBV, HCV, HIV; Sifilide e Tubercolosi nella popolazione straniera del Veneto. Venezia, 21 Aprile 2012 Update CROI Modena, 18 Aprile 2012 Infezioni in Oncologia. Auditorium San Gaetano, Via Altinate, 71 Padova, 20 Marzo 2012 Gli inibitori CCR5 nella terapia HIV. Padiglione G. Rama Ospedale dell Angelo Venezia-Zelarino, 17 Dicembre 2011 Gestione delle complicanze mediche e chirurgiche in Stroke Unit. Aula Magna Cittadella Socio-Sanitaria, Rovigo, Infezioni fungine in terapia intensiva: fattori di rischio e strategie terapeutiche. Rovigo, 29 Novembre 2011 Co-infezione HIV/HCV. Ottimizzazione della terapia anti HIV. Sirmione, Ottobre 2011 Nuovi paradigmi terapeutici in tema di HAART. Azienda Ospedaliera- Universitaria Ospedale Maggiore di Trieste, 14 Settembre 2011

6 10th ESCMID Summer School. Treviso, 2-9 July 2011 Workshop on Hepatology Perspective. Padova, 1 Luglio 2011 Key opinion leader Help desk. Malattie Infettive di Padova; Padova, 8 Giugno 2011 Gestione della terapia antiretrovirale: realtà venete a confronto. Centro Studi Achille e Linda Lorenzon, Treviso 26 maggio 2011 Malattie Trasmesse da Vettori e sorveglianza delle febbri estive. Ospedale Negrar, Verona, 13 Maggio 2011 Update in tema di nuove strategie terapeutiche e approccio al problema neurocognitivo in HIV. Ospedale S. Chiara di Trento, Trento, 8 Aprile 2011 Update CROI. Sala Riunioni Malattie Infettive, Policlinico di Modena; Modena, 13 Aprile 2011 Women and HIV:identification and management of peculiarities of HIV infected women. Pre-Conference Advanced Courses, Sunday 27 march 2011, ICAR 2011, Florence, March 2011 Less Drugs for more safety. Convenience and sustainability: the Italian experiences. Istituto Superiore di Sanità; Roma, Marzo 2011 Confezione HIV HCV: nuovi farmaci e nuove strategie. Rovigo, 18 Febbraio Convegno Triveneto di Malattie Infettive e Microbiologia Clinica. (moderatore) Venezia, 5 Febbraio 2011 Export Meeting ARV: alla ricerca di un nuovo equilibrio tra efficacia e tollerabilità. Treviso Novembre 2010 Le malattie infettive del migrante e del viaggiatore. Ferrara, 5 Novembre 2010 Side by Side; esperienze nel trattamento dell HIV. Rovigo 28 Ottobre 2010 Implicazioni cardiometaboliche dell infezinoe HIV. Ferrara, 21 Ottobre 2010 Problematiche correlate alla terapia antiretrovirale del paziente HIV+. Rovigo, 28 Settembre 2010

7 L infezione da virus epatitici ed HIV nell ambulatorio del medico di Famiglia: necessità dell implementazione del percorso diagnostico terapeutico. Aula Magna Cittadella Opedaliera, Rovigo 30 Giugno 2010 Determinant of sexual transmission of HIV. Italian Conference on AIDS and Retrovirus (ICAR), June 20-22, 2010, Brescia, Italy La gestione del paziente HIV ed I nuovi farmaci antiretrovirali: tra presente e futuro. Verona 26 maggio 2010 Protect from irreversibile body image changes and mental illness. Roma - Palazzo delle Esposizioni,18-19 Maggio 2010 Nuove strategie terapeutiche nel trattamento del paziente HIV+ in soppressione virologica, evidenze scientifiche, prospettive future. Rovigo, 14 Maggio 2010 Update CROI Modena, 31 marzo 2010 La sperimentazione dei farmaci nelle ULSS 18-19: Risultati e problematiche. (Tavola Rotonda) Rovigo, 24 Marzo 2010 Body and Mind. Roma, 10 Febbraio 2010 Academy in confezione HIV/HCV. Bologna 2-3 Febbraio 2010 Clinical Governance. Patologie ad alto impatto sociale ed economico. Padova, 29 Ottobre 2009 La Polmonite Comunitaria. Rovigo, 12 ottobre 2009 Aspetti cardiologici nel paziente con infezione da HIV. Rovigo, Forum su HBV e confezione con HIV. Treviso, 18 Dicembre 2009 Salute riproduttiva nelle persone con infezione da HIV. Rovigo, 22 Ottobre 2009 Nuovi antiretrovirali e scelta del terzo farmaco: problematiche di resistenza, tollerabilità ed aderenza. Verona, 16 ottobre 2009 Women for positive actions ( Fenomeni depressivi e alterazioni dell immagine corporea quali fattori condizionanti l aderenza della donna HIV+). Brescia, 19 Maggio 2009 West Nile disease e patologie emergenti. Rovigo, 3 Aprile 2009

8 Meningiti batteriche e malattie invasive da meningococco, emofilo e pneumococco. Cittadella Socio-Sanitaria Rovigo, 19 Marzo 2008 Update CROI. Moderna, 18 marzo 2009 Investigators meeting Nazionale Studio OPERA. Bologna Marzo 2008 Consensus Workshpop su Ottimizzazione della HAART nella coinfezione HIV/HCV. Fermo Settembre 2008 Papillomavirus umano e carcinoma della cervice uterina: nuovi scenari nella prevenzione. IRCCS Veneto, 15 Ottobre 2008 XXII Congresso Nazionale AIDS e sindromi correlate. Palermo, 6-7 Novembre 2008 Panel on Lipid Disorders and CV Risk. Treviso 26 Novembre 2008 Infezioni delle basse vie respiratorie. Rovigo 20 Febbraio 2008 Nuove povertà, Vecchie Malattie. Rovigo, Accademia dei Concordi, 10 Novembre 2007 Update sulla gestione del paziente HIV e confetto HIV-HBV. Padova, 9 Novembre 2007 Nevirapine in combination with atazanavir/ritonavir as a nucleoside-sparing regimen in HIV-infected patients with sustained virological suppression (NEVATA study). Presentazione orale all Eleventh European AIDS Conference, Madrid, October, Workshop SIFO: il caso HIV e la complessità dei percorsi clinico-assistenziali in infettivologia: tra appropriatezza ed integrazione organizzativa. Padova 5 Dicembre 2007 Punto sulle resistenze. Udine, 10 Luglio Master in Malattie Infettive del Triveneto. Terapia dell infezione da HIV e della confezione HIV/HBV. Venezia Settembre 2006 Infezione da HIV: prevenzione e trattamento delle alterazioni metaboliche in corso di HAART. Padova, 14 Dicembre 2006

9 Patologie emergenti nell infezione da HIV in trattamento: sindrome metabolica e malattie oncoematologiche. Vicenza 30 maggio 2006 Nuove evidenze e nuove opportunità nella terapia HAART. Padova, 16 Settembre 2005 Terapia antiretrovirale. Mira, Riviera del Brenta, 29 Aprile 2005 percorsi in AIDS. Padova, 7 Giugno 2004 Corso interattivo sulle infezioni nosocomiali: approccio multidisciplinare. Padova, 25 Ottobre 2004 Le infezioni da Cytomegalovirus nel trapiantato. Aula Magna palazzina dei Servizi, Padova, 13 febbraio 2002 Attualità in tema di terapia antifungina: criteri di scelta tra le amfotericine B lipidiche. Padova, 12 ottobre 1999 Infezione da Citomegalovirus nei trapianti d organo. Aula Vesalio, Padova 12 Dicembre 1997 Le neutropenie di interesse oncologico ed oncoematologico. Aula Vesalio, Padova 27 Settembre ) Ha partecipato a numerosi corsi di perfezionamento fra cui segnala: Corso itinerante per le Aree Vaste e Nuclei per l appropriatezza d impiego farmaci e Dispositivi Medici:la valutazione delle tecnologie HTA-nelle organizzazioni sanitarie 17 Marzo-23 Giugno 2010, Zelarono, Venezia Tutela della privacy, accesso, consenso, trattamento e protezione dati sanitari, corso per responsabili del trattamento dei dati nell Azienda Sanitaria di Rovigo. Rovigo 11 Dicembre 2009 Formazione dei Preposti: compiti e responsabilità ai sensi del D. LGS 81/2008. Rovigo 19 Novembre 2009 Project Management. Cittadella Socio-Sanitaria di Rovigo. 9 Gennaio 2009 Skills Factory-Fit to Lead. Abano Terme, maggio 2007 XX Corso post-universitario di Antibioticoterapia Verona Giugno 2007

10 4 Forum ACTA- Attualità e Controversie in Terapia Antinfettiva Verona Marzo 2006 Consensus Workshop on Key question in antiretroviral therapy Roma, giugno 2005 Consensus Workshop su Trattamento dell epatite C nel paziente con confezione da HIV Sirmione maggio 2005 Corso su Terapia antiretrovirale: linee guida 2003 a confronto Milano Corso su Infezione da HIV:verso la terapia personalizzata Gardone Riviera ottobre Master Triveneto in Malattie Infettive Mira Aprile 2003 Corso Post-Universitario di antibioticoterapia Verona maggio Workshop Nazionale on key Question in antiretroviral therapy today Sirmione 6-7 Maggio 2002 VI Corso postuniversitario di antibioticoterapia Verona novembre 2001 Corso Avanzato su PI Combo: dalla farmacologia alla pratica clinica 9-10 maggio 2001, IRCCS, San Raffaele Milano PREX International HIV Training program San Francisco General Hospital May- June, 2000 Corso Postuniversitario di antibioticoterapia Verona, maggio th European Postgraduate Education Course on Infections in Solid Organ Transplant Recipients Segovia, 29 Oct, 2 Nov, Corso di perfezionamento in scienze dei trapianti d organo Anno Accademico 1996/97 ( 5-9 Maggio; maggio 1997) Corso di formazione sul Counselling medico-psicologico nell infezione da HIV Ministero della Sanità, Roma giugno 1992 Corso settimanale L ecografia nelle Malattie Infettive Genova, febbraio 1991

11 6) Ha partecipato ai seguenti protocolli clinici nazionali ed internazionali con ruolo di Principal-Investigator : a) presso l Azienda ULSS 18 di Rovigo SPRING Study: a phase III, randomized double blind study of the safety and efficacy of GSK mg once daily to raltegravir 400 mg twice daily both administered with fixed-dose dual nucleoside reverse transcriptase inhibitor therapy over 96 weeks in HIV-1 infected antiretroviral therapy naïve adult subjects ICONA Study: Italian cohort Naïve Antiretrovirals: studio osservazionale sui pazienti HIV positivi naïve alla terapia antiretrovirale DHIVA Study: Indagine epidemiological sulla percezione della depressione in pazienti adulti con infezione da HIV GUARD Study: Studio osservazionale globale di coorte sul valore predittivo di effetti indesiderati in soggetti con infezione da epatite C trattati con interferone a lunga durata di azione e ribavirina DIDI Study: indagine sulla salute sessuale, riproduttiva ed emozionale della donna con infezione da HIV MONO Study: randomised trial comparing the introduction of an immediate or deferred new HAART regimen in failing HIV infected patients: the role of lamivudina monotherapy COAT Study: Switch from a current boosted rtv PI to ATV/rtv based HAART regimen. Effefct on metabolic and hepatic toxicity in HIV/HCV coinfected patients Study TMC 114HIV4042: Post anthorisation non-interventional study in HIVinfected patients starting treatment with darunavir plus patients already in treatment, switched to commercial Prezista from the Italian Early Access program previously known as TMC114-C226 study. SNODO Study: studio multicentrico, randomizzato, controllato, prospettico, in aperto per la valutazione dell efficacia e della tollerabilità dello switch ad una HAART basata su nevirapina somministrata secondo due schedule giornaliere in pazienti HIV-1 positivi con viremia plasmatica soppressa. SIMIT-TDM study: Studio osservazionale prospettico sulla correlazione tra concentrazione pre-dose di differenti Inibitori della proteasi determinata con tecnica ELISA e viremia plasmatici di HIV

12 b) presso l Azienda Sanitaria di Padova Studio ML valutazione della velocità di caduta virale in pazienti naive trattati con una terapia a base di enfuvirtide in confronto a terapia standard. Studio APV Studio di fase III, randomizzato, controllato, aperto, multicentrico a tre bracci di trattamento per la valutazione dell efficacia e sicurezza di un regime antiretrovirale con Fosamprenavir/Lopinavir/ritonavir bid vs un regime a dosaggio incrementato di Fosamprenavir, vs un dosaggio standard di Fosamprenavir, per 24 settimane in pazienti pluri-experienced e in fallimento virologico Studio (RESIST-2). Studio di fase III, randomizzato in aperto volto a valutare la sicurezza ed efficacia di Tipranavir in associazione a Ritonavir ( RTV booster) vs altri IP/RTV genotipicamente sensibili in pazienti HIV+ multitrattati. Studio APV Studio clinico di fase III in aperto volto a valutare la sicurezza nel lungo termine di regimi antiretrovirale contenenti GW ( Fosamenprenavir) in pazienti HIV-positivi. 7) Ha partecipato ai seguenti protocolli clinici nazionali ed internazionali con ruolo di Study-Coordinator e/o Co-investigator presso l Azienda Sanitaria di Padova: Studio BMS AI (studio SWAN). Studio di fase IIIB, in aperto, randomizzato, multicentrico di sostituzione con Atazanavir nei soggetti infetti da HIV-1 che mostrino soppressione virologica ma abbiano necessità di un regime semplificato. Studio DAP IE Studio di fase III, multicentrico, randomizzato in aperto, volto a valutare l efficacia e la sicurezza della Daptomicina vs terapie convenzionali nel trattamento delle endocarditi e batteremie da S. Aureus. Studio Lopinavir/Ritonavir in pazienti HIV+ (Studio SCIPIO). Studio osservazionale di fase IV di pazienti HIV+ che presentano una incompleta soppressione virale e che modificano l associazione farmacologia con un regime terapeutico contenente Lopinavir/Ritonavir. Studio MV (T-20). Programma di accesso precoce multicentrico, in aperto con enfurvirtide (inibitore della fusione dell HIV-1 T-20 Ro ) in associazione con regime antiretrovirale a scelta libera in pazienti con infezione da HIV avanzata.

13 Studio TCL Studio di fase I/II, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco,in parallelo, controllato con placebo su tucaresol a due livelli di dosaggio ( 25 mg, 50 mg) in pazienti adulti con infezione da HIV-1, con livelli plasmatici di HIV- RNA <50 copie/ml, in regime terapeutico HAART stabile da 3 mesi. Studio ISS-PART. Studio clinico sulla terapia intermittente con interruzione strutturata della terapia vs terapia continua in persone HIV+ in trattamento antiretrovirale con persistente soppressione della replicazione virale. Studio PRO30017 di fase III multicentrico, randomizzato, in aperto sulla valutazione dell efficacia di Amprenavir in associazione con Ritonavir vs altri inibitori della proteasi nel trattamento di pazienti HIV-1 positivi in fallimento terapeutico Studio AG di fase III multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato verso adiuvante di confronto fra gli effetti virologici e immunitari della terapia antiretrovirale altamente attiva ( HAART) più Remune con gli effetti di HAART più adiuvante Incompleto di Freud ( IFA) in pazienti non trattati precedentemente con terapia antiretrovirale e con infezione da HIV-1 Studio ACTG A5116. Studio multicentrico, randomizzato, in aperto, controllato volto a valutare l efficacia di due potenti regimi antiretrovirale di semplificazione in pazienti HIV + che sono stati precedentemente arruolati nello studio ACTG 388 o che hanno risposto al primo regime di combinazione ( viremia HIV <200 copie/ml). Studio AG in fase III di confronto tra Viracept al dosaggio BID versus TID in combinazione con stavudina e lamivudina in pazienti HIV positivi naive per precedenti terapie antivirali ACTG 388 Studio internazionale di fase III randomizzato, controllato di efavirenz o nelfinavir in combinazione con lamivudina/ zidovudina e indinavir in pazienti HIV positivi e numero di linfociti CD4+< 200 cell/µl o plasmaviremia di HIV > copie/ml. Studio IP1 dell Istituto Superiore di Sanità multicentrico, randomizzato sull impiego di inibitori della proteasi in pazienti affetti da infezione da HIV in fase avanzata ( CD4+ <50 cell/µl) e precedenti terapie antivirali. Studio SV14604 Studio randomizzato, multicentrico, in doppio cieco, di fase III, comparativo di zidovudina + zalcitabina vs zidovudina+ Ro ( inibitore della proteasi, saquinavir) in pazienti HIV+ non trattati con Cd4 >50 e < 350 cell/mmc Studio LTI Anfotericina B in dispersione colloidale per il trattamento delle micosi sistemiche in casi in cui sia controindicato l uso della anfotericina B convenzionale: studio clinico di fase II/III

14 Progetto di Ricerca sull AIDS del Ministero della Sanità/Istituto Superiore di Sanità, contratto n Analisi delle procedure assistenziali come fattori di rischio occupazionale di infezione da HIV e sperimentazione di possibili strategie di controllo. 8) E autrice o co-autrice dei seguenti articoli pubblicati su peer-review journals 1) Ammassari A, Cicconi P, Ladisa N, Di Sora F, Bini T, Trotta M, D'Ettorre G, Cattelan A, Vichi F, d'arminio Monforte A; the DiDi Study Group. Induced first abortion rates before and after HIV diagnosis: results of an Italian self-administered questionnaire survey carried out in 585 women living with HIV. HIV Med Jan;14(1): ) Del Mistro A, Baboci L, Frayle-Salamanca H, Trevisan R, Bergamo E, Lignitto L, Sasset L, Cecchetto MG, Cattelan AM, Calabró ML. Oral human papillomavirus and human herpesvirus-8 infections among human immunodeficiency virus type 1-infected men and women in Italy. Sex Transm Dis Nov;39(11):894-3) Cicconi P, Ammassari A, Ladisa N, Di Sora F, Bini T, Pierro P, D'Ettorre G, Cattelan AM, Vichi F, Monforte AD; DIDI Study Group. Prevalence of prolonged amenorrhea in HIV-infected women: results from the Italian DIDI study. J Acquir Immune Defic Syndr Oct 1;61(2): 4) Gobbi F, Barzon L, Capelli G, Angheben A, Pacenti M, Napoletano G, Piovesan C, Montarsi F, Martini S, Rigoli R, Cattelan AM, Rinaldi R, Conforto M, Russo F, Palù G, Bisoffi Z; Veneto Summer Fever Study Group. Surveillance for West Nile, dengue, and chikungunya virus infections, Veneto Region, Italy, Emerg Infect Dis Apr;18(4): )MF Petrara, AM Cattelan, M Zanchetta, L Sasset, R Freguja, K Gianesin, MG Cecchetto, F Carmona, A De Rossi. Epstein-Barr virus load and immune activation in Human Immunodeficiency Virus type 1- infected patients. J Med Virol 2011, 30 Dec. 6)Maserati R, Brandolini M, Cattelan A, Orani A, Sighinolfi L, Andreoni M, Uglietti A, Guaraldi G, Sotgiu G; SNODO Study Group. Once-a-day (QD) vs. twice-daily (BID) nevirapine as simplification in PI-treated patients after 2 mos. of BID induction. Curr HIV Res Apr;9(3): )Barzon L, Pacenti M, Cusinato R, Cattai M, Franchin E, Pagni S, Martello T, Bressan S, Squarzon L, Cattelan A, Pellizzer G, Scotton P, Beltrame A, Gobbi F,

15 Bisoffi Z, Russo F, Palu G. Human cases of West Nile Virus Infection in northeastern Italy, 15 June to 15 November Euro Surveill Aug 18;16(33) 8)Gobbi F, Napoletano G, Piovesan C, Russo F, Angheben A, Rossanese A, Cattelan AM, Gallo L, Valsecchi M, Piazza A, Venturi G, Bisoffi Z. Where is West Nile fever? Lessons learnt from recent human cases in northern Italy. Euro Surveill. 2009;14(10). pii: )Rubello D, Rampin L, Banti E, Grassetto G, Massaro A, Cittadin S, Pavan L, Cattelan AM, Fanti S, Al-Nahhas A, Gross MD, Alavi A. Antigranulocyte scintigraphy in infected hip prosthesis: the diagnostic importance of delayed h imaging and semiquantitative analysis. Nucl Med Commun. 2008;29(11): )Hubben GA, Bishai D, Pechlivanoglou P, Cattelan AM, Grisetti R, Facchin C, Compostella FA, Bos JM, Postma MJ, Tramarin A. The societal burden of HIV/AIDS in Northern Italy: an analysis of costs and quality of life. AIDS Care. 2008;20(4): )Rubello D, Rampin L, Banti E, Massaro A, Cittadin S, Cattelan AM, Al-Nahhas A. Diagnosis of infected total knee arthroplasty with anti-granulocyte scintigraphy: the importance of a dual-time acquisition protocol. Nucl Med Commun. 2008;29(4): )Parisi SG, Boldrin C, Cruciani M, Nicolini G, Cerbaro I, Manfrin V, Dal Bello F, Franchin E, Franzetti M, Rossi MC, Cattelan AM, Romano L, Zazzi M, Andreoni M, Palù G. Both human immunodeficiency virus cellular DNA sequencing and plasma RNA sequencing are useful for detection of drug resistance mutations in blood samples from antiretroviral-drug-naive patients. J Clin Microbiol Jun;45(6): )Cattelan AM, Bauer U, Trevenzoli M, Sasset L, Campostrini S, Facchin C, Pagiaro E, Gerzeli S, Cadrobbi P, Chiarelli A. Use of polylactic acid implants to correct facial lypoatrophy in Human Immunodeficiency Virus 1-Positive individuals receiving combination antiretroviral therapy. Arch Dermatol 2006; 142: )Salin F, Vianello F, Manara R, Morelli E, AM Cattelan, M Scarin, D Sgarabotto. Linezolid in the treatment of brain abscess due to peptostreptococcus. Scand J Infect Dis. 2006;38(3): )Cattelan AM, Calabro ML, De Rossi A, Aversa SM, Barbierato M, Trevenzoli M, Gasperini P, Zanchetta M, Cadrobbi P, Monfardini S, Chieco-Bianchi L. Longterm clinical outcome of AIDS-related Kaposi's sarcoma during highly active antiretroviral therapy.int J Oncol Sep;27(3):

16 16)Aversa SM, Cattelan AM, Salvagno L, Crivellari G, Banna G, Trevenzoli M, Chiarion-Sileni V, Monfardini S. Treatments of AIDS-related Kaposi's sarcoma. Crit Rev Oncol Hematol Mar;53(3): Review. 17)Pulido F, Katlama C, Marquez M, Thomas R, Clumeck N, Pedro Rde J, Cattelan AM, Zhu C, Tymkewycz P. A randomized study investigating the efficacy and safety of amprenavir in combination with low-dose ritonavir in protease inhibitorexperienced HIV-infected adults. HIV Med Jul;5(4): )Cattelan AM, Trevenzoli M, Aversa SM. Novel pharmacological therapies for the treatment of AIDS-related Kaposi's sarcoma. Expert Opin Investig Drugs May;13(5): Review. 19)Cattelan AM, Trevenzoli M, Sasset L, Lanzafame M, Marchioro U, Meneghetti F. Multiple cerebral cryptococcomas associated with immune reconstitution in HIV-1 infection. AIDS 2004 Jan 23;18(2): )Trevenzoli M, Cattelan AM, Marino F, Sasset L, Dona S, Meneghetti F. Sepsis and granulomatous hepatitis after bacillus Calmette-Guerin intravescical installation. J Infect May;48(4): )Banna GL, Aversa SM, Cattelan AM, Crivellari G, Monfardini S. Respiratory syncytial virus-related pneumonia after stem cell transplantation successfully treated with palivizumab and steroid therapy. Scand J Infect Dis. 2004;36(2): )Tramarin A, Parise N, Campostrini S, Yin DD, Postma MJ, Lyu R, Grisetti R, Capetti A, Cattelan AM, Di Toro MT, Mastroianni A, Pignattari E, Mondardini V, Calleri G, Raise E, Starace F; Palladio Study Group. Association between diarrhea and quality of life in HIV-infected patients receiving highly active antiretroviral therapy. Qual Life Res Feb;13(1): )Trevenzoli M, Cattelan AM, Lanzafame M, Sasset L, Concia E, Vento S. Inflammatory pseudotumor of lymph nodes. Ann Med Interne (Paris) Dec;154(8): )Del Mistro A, Bertorelle R, Franzetti M, Cattelan A, Torrisi A, Giordani MT, Sposetti R, Bonoldi E, Sasset L, Bonaldi L, Minucci D, Chieco-Bianchi L. Antiretroviral therapy and the clinical evolution of human papillomavirus-associated genital lesions in HIV-positive women. Clin Infect Dis Mar 1;38(5): )Trevenzoli M, Cattelan AM, Marino F, Marchioro U, Cadrobbi P. Sarcoidosis and HIV infection: a case report and a review of the literature Postgrad Med J Sep;79(935):535-8.

17 26)Guaraldi G, Murri R, Orlando G, Orlandi E, Sterrantino G, Borderi M, Grosso C, Cattelan AM, Nardini G, Beghetto B, Antinori A, Esposito R, Wu AW. Morphologic alterations in HIV-infected people with lipodystrophy are associated with good adherence to HAART. HIV Clin Trials Mar-Apr;4(2): )Trevenzoli M, Cattelan AM, Mencarelli R, Meneghetti F. Severe hepatitis associated with oxacillin therapy. South Med J Mar;96(3): )Dorz S, Lazzarini L, Cattelan AM, Meneghetti F, Novara C, Concia E, Sica C,Sanavio E. Evaluation of adherence to antiretroviral therapy in Italian HIV patients. AIDS Patient Care STDS Jan;17(1): )Faggian F, Lattuada E, Lanzafame M, Trevenzoli M, Cattelan AM, Concia E. Acute mediastinitis: a severe complication of transdermal therapy in a patient with ischaemic heart disease. A case report. Infez Med Jun;11(2): )Cattelan AM, Trevenzoli M, Aversa SM. Recent Advances in the Treatment of AIDS-Related Kaposi's Sarcoma. Am J Clin Dermatol. 2002;3(7): )Trevenzoli M, Cattelan AM, Rea F, Sasset L, Semisa M, Lanzafame M, Meneghetti F, Cadrobbi P. Mediastinitis due to cryptococcal infection: a new clinical entity in the HAART era. J Infect Oct;45(3): )Sgarabotto D, Cusinato R, Narne E, Scano F, Zignol M, Gambino A, Cattelan AM, Meneghetti F, Cadrobbi P. Synercid plus vancomycin for the treatment of severe methicillin-resistant Staphylococcus aureus and coagulase-negative staphylococci infections:evaluation of 5 cases. Scand J Infect Dis. 2002;34(2): )Cattelan AM, Trevenzoli M, Sasset L, Sgarabotto D, Lanzafame M, Meneghetti F. Toxic epidermal necrolysis induced by nevirapine therapy: description of two cases and review of the literature. J Infect Nov;43(4): )Righetti E, Ballon G, Ometto L, Cattelan AM, Menin C, Zanchetta M, Chieco- Bianchi L, De Rossi A. Dynamics of Epstein-Barr virus in HIV-1-infected subjects on highly active antiretroviral therapy. AIDS Jan 4;16(1): )Trevenzoli M, Sattin A, Sgarabotto D, Francavilla E, Cattelan AM. Splenic infarct during infectious mononucleosis. Scand J Infect Dis. 2001;33(7): )Cattelan AM, Trevenzoli M, Sasset L, Rinaldi L, Balasso V, Cadrobbi P. Indinavir and systemic hypertension. AIDS Apr 13;15(6): )Lanzafame M, De Checchi G, Parinello A, Trevenzoli M, Cattelan AM. Rhodotorula glutinis-related meningitis. J Clin Microbiol Jan;39(1):410.

18 38)Agostini C, Siviero M, Facco M, Carollo D, Binotto G, Tosoni A, Cattelan AM, Zambello R, Trentin L, Semenzato G. Antiapoptotic effects of IL-15 on pulmonary Tc1 cells of patients with human immunodeficiency virus infection. Am J Respir Crit Care Med Feb;163(2): )Cattelan AM, Calabro M, Gasperini P, Aversa S, Zanchetta M, Meneghetti F, De Rossi A, Chieco-Bianchi L. Acquired immunodeficiency syndrome-related kaposi's sarcoma regression after highly active antiretroviral therapy: biologic correlates of clinical outcome. J Natl Cancer Inst Monogr. 2001;(28): )A del Mistro, L Bonaldi, R Bertorelle, D Minacci, M Franzetti, AM Cattelan, E Bonoldi, R Sposetti, A Torrisi, L Chieco-Bianche. Genital human papillomavirus types in immunocompetent andimmunodepressed women in northeast Italy: prevalence and cytomorphological correlations. J of Lower Genital tract disease, 2001; 5: )Ballon G, Ometto L, Righetti E, Cattelan AM, Masiero S, Zanchetta M, Chieco- Bianchi L, De Rossi A. Human immunodeficiency virus type 1 modulates telomerase activity in peripheral blood lymphocytes. J Infect Dis Feb 1;183(3): )Lanzafame M, Trevenzoli M, Cattelan AM, Rovere P, Parrinello A. Directly observed therapy in HIV therapy: A realistic perspective? J Acquir Immune Defic Syndr Oct 1;25(2): )Fabris P, Tositti G, Manfrin V, Giordani MT, Vaglia A, Cattelan AM, Carlotto A. Does alcohol intake affect highly active antiretroviral therapy (HAART) response in HIV-positive patients? J Acquir Immune Defic Syndr Sep 1;25(1): )Agostini C, Facco M, Siviero M, Carollo D, Galvan S, Cattelan AM, Zimbello R, Trentin L, Semenzato G. CXC chemokines IP-10 and mig expression and direct migration of pulmonary CD8+/CXCR3+ T cells in the lungs of patients with HIV infection and T-cell alveolitis. Am J Respir Crit Care Med Oct;162(4 Pt 1): )Cattelan AM, Loy M, Tognon S, Rea F, Sasset L, Cadrobbi P. An unusual presentation of invasive aspergillosis after lung transplantation. Transpl Int. 2000;13(3): )Cattelan AM, Trevenzoli M, Naso A, Meneghetti F, Cadrobbi P. Severe hypertension and renal atrophy associated with indinavir. Clin Infect Dis Mar;30(3):

19 47)Casado C, Urtasun I, Saragosti S, Chaix ML, de Rossi A, Cattelan AM, Dietrich U, Lopez-Galindez C. Different distribution of HIV type 1 genetic variants in European patients with distinct risk practices. AIDS Res Hum Retroviruses Feb 10;16(3): )Cattelan AM, Calabro ML, Aversa SM, Zanchetta M, Meneghetti F, De Rossi A, Chieco-Bianchi L. Regression of AIDS-related Kaposi's sarcoma following antiretroviral therapy with protease inhibitors: biological correlates of clinical outcome. Eur J Cancer Dec;35(13): )Scano F, Rossi L, Cattelan AM, Carretta G, Meneghetti F, Cadrobbi P, Sgarabotto D. Leuconostoc species: a case-cluster hospital infection. Scand J Infect Dis. 1999;31(4): )Cattelan AM, Erne E, Salatino A, Trevenzoli M, Carretta G, Meneghetti F, Cadrobbi P. Severe hepatic failure related to nevirapine treatment. Clin Infect Dis Aug;29(2): )Aversa SM, Cattelan AM, Salvagno L, Meneghetti F, Francavilla E, Sattin L, Sasset L, Cadrobbi P. Chemo-immunotherapy of advanced AIDS-related Kaposi's sarcoma. Tumori Jan-Feb;85(1): )Cattelan AM, Sasset L, Corti L, Stiffan S, Meneghetti F, Cadrobbi P. A complete remission of recalcitrant molluscum contagiosum in an AIDS patient following highly active antiretroviral therapy (HAART). J Infect Jan;38(1): )Ometto L, Menin C, Masiero S, Bonaldi L, Del Mistro A, Cattelan AM, D'Andrea E, De Rossi A, Chieco-Bianchi L. Molecular profile of Epstein-Barr virus in human immunodeficiency virus type 1-related lymphadenopathies and lymphomas. Blood Jul 1;90(1): )Prandoni P, Lensing AW, Cogo A, Cuppini S, Villalta S, Carta M, Cattelan AM, Polistena P, Bernardi E, Prins MH. The long-term clinical course of acute deep venous thrombosis.ann Intern Med Jul 1;125(1): )Zenati M, Milano A, Livi U, Cattelan A, Casarotto D. Successful treatment of disseminated infection with Listeria monocytogenes in a heart transplant recipient. J Heart Lung Transplant Mar-Apr;13(2): )Prandoni P, Lensing AW, Buller HR, Cogo A, Prins MH, Cattelan AM, Cuppini S, Noventa F, ten Cate JW. Deep-vein thrombosis and the incidence of subsequent symptomatic cancer. N Engl J Med Oct 15;327(16):

20 57)Francavilla E, Rinaldi R, Cattelan AM, Vicariotto M, Bortolotti F, Cadrobbi P. Low prevalence of antibodies to hepatitis C virus in hospital employees. Infection Sep-Oct;20(5): )Cuppini S, Cattelan AM, Casara D, Prandoni P. [Occult pulmonary embolism in patients with proximal deep venous thrombosis] Ann Ital Med Int Jan-Mar;6(1 Pt 1):1-5. Italian. 59)Prandoni P, Vigo M, Cattelan AM, Ruol A. Treatment of deep venous thrombosis by fixed doses of a low-molecular-weight heparin (CY216). Haemostasis. 1990;20 Suppl 1: )Prandoni P, Cattelan AM, Carta M.[Long-term sequelae of deep venous thrombosis of the legs. Experience with mesoglycan]ann Ital Med Int Oct- Dec;4(4): Italian. 9) E autrice o coautrice delle seguenti pubblicazioni su libri e riviste non peer-review : 1) AM Cattelan et al. La gestione degli eventi avversi. Anemia, neutropenia, alterazioni tiroidee, alopecia, reazioni cutanee. CoInfection ( HIV and Hepatitis Disease managment) Anno V, N 1, 2010; pg ) AM Cattelan, G Zorzi. Barriere alla terapia del paziente con coinfezione HIV/HCV. Current Opinion in Hepatology (local edition) 2008; 3: ) AM Cattelan, C Rossi. Criteri di eleggibilità al trattamento con PEG-IFN e ribavirina: le comorbidità. CoInfection; Anno 3 n 2, 2008; pg ) AM Cattelan. La tollerabilità renale di Tenofovir nella pratica clinica. DAMA 2007; 1: )AM Cattelan, G Zorzi. Truvada nel trattamento precoce nel paziente naive. DAMA 2008; 3: )AM Cattelan. Un caso di coinfezione HIV/HCV. Casi clinici nella coinfezione HIV/HCV 2; ed. Momento Medico ) AM Cattelan. 2 casi clinici in virologia: Tollerabilità metabolica. pag-13-16; ed Momento Medico 2005

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Guida per chi inizia la terapia contro l HIV

Guida per chi inizia la terapia contro l HIV Guida per chi inizia la terapia contro l HIV INDICE Introduzione Informazioni generali sulla terapia L aderenza Le resistenze Terapia di prima linea Il rapporto con il medico Raccomandazioni finali Questa

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

di prossima pubblicazione

di prossima pubblicazione di prossima pubblicazione Volume 7 - Numero 9 Supplemento - SUPPLEMENTO DEL ISSN 9-9 (cartaceo) ISSN 7-9 (online) dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S.p.A.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003 Come evitare e gestire gli effetti collaterali Quando, cosa, e perché Cambio di terapia Terapie convenzionali e alternative Tu ed il tuo medico Riferimenti internet Sommario Sezione 1: Informazioni generali

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A cura della Commissione Terapia Antivirale dell Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (A.I.S.F.) Finito

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Master in Hospital Risk Management

Master in Hospital Risk Management Master in Hospital Risk Management XII Edizione (2014-2015) in memoria di Leonardo la Pietra con il patrocinio di* SIC SIOT * i patrocini sono in fase di aggiornamento. Master Destinatari Il master è rivolto

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Prevenzione di ferite da punta e da taglio nel settore ospedaliero e sanitario

Prevenzione di ferite da punta e da taglio nel settore ospedaliero e sanitario Prevenzione di ferite da punta e da taglio nel settore ospedaliero e sanitario Guida per il recepimento dell accordo quadro europeo, la direttiva del Consiglio e la legislazione nazionale associata Introduzione

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli