VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi"

Transcript

1 Atti del Convegno / Abstract Book VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases Bologna, Giugno / June, 2013 A cura di / Edited by Assunta Bertaccini

2

3 Struttura Ospitante / Host University Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Scuola di Agraria e Medicina veterinaria Vicepresidenza di Agraria Partners IPWG International Phytoplasmologist Working Group SIPaV Società Italiana di Patologia Vegetale SIROE Società Italiana per la Ricerca sugli Oli Essenziali L'ORTOFRUTTICOLA Albenga ADAMO CANEL S.A.S. Col San Martino - TV

4 Comitato Scientifico / Scientific Committee Alberto Alma Marina Barba Assunta Bertaccini Piero Attilio Bianco Maurizio Conti Caio Bruno Faraglia Ruggero Osler Gianfranco Romanazzi Comitato Organizzatore / Organizing Committee Maria Grazia Bellardi Assunta Bertaccini Enrico Biondi Lisa Cavicchi Nicoletta Contaldo Carla Lucchese Paola Minardi Samanta Paltrinieri Juan Fernando Mejia Stefano Ardizzi Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Scuola di Agraria e Medicina veterinaria Vicepresidenza di Agraria Viale G. Fanin 46, Bologna, Italy

5 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi Presentazione Facendo seguito agli ormai tradizionali appuntamenti iniziati ad Udine quasi vent anni fa, il gruppo di studio sulle fitoplasmosi delle piante ha organizzato presso l Università di Bologna il "VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi" con lo scopo di aggiornare la comunità scientifica e gli operatori del settore sui vari aspetti delle problematiche legate a queste importanti malattie. Viene presentata come introduzione al convegno la coltivazione dei fitoplasmi in substrato axenico che potrà aprire la strada a ricerche nuove e più focalizzate in questo importante settore fitopatologico. Sono pervenute 36 comunicazioni che coprono i diversi aspetti del settore: nuove malattie e malattie da quarantena, trasmissione ed insetti vettori, interazione con gli ospiti, epidemiologia, controllo e diagnostica. Le tre giornate di lavori si concluderanno con una tavola rotonda che verterà sul tema Fitoplasmi e territorio: diffusione, diagnosi e sistemi innovativi di controllo. Presentation Following the traditional meetings started in Udine almost twenty years ago the phytoplasmology group is organizing at Bologna University, the VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases in order to update the scientific community and the stakeholders on the different aspect of phytoplasma and phytoplasma associated diseases. The introduction will present the axenic cultivation of phytoplasmas that could open new research avenues leading to eventually increase the knowledge in this relevant plant pathology field. The different aspects of the phytoplasma research such as new diseases and quarantine diseases, transmission and insect vectors, phytoplasmahost interactions, epidemiology, control and diagnostic are covered by 36 communications. The three days meeting will end with a round table about Phytoplasma and environment: diffusion, diagnostic and innovative management systems. 5

6

7 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi Indice / Index RELAZIONE INTRODUTTIVA INVITED PRESENTATION Contaldo N., A. Bertaccini, S. Paltrinieri, D. Windsor, H. Windsor Cultivation of several phytoplasmas from a micropropagated plant collection / Coltivazione di fitoplasmi in substrato axenico utilizzando ceppi mantenuti in collezione mediante micropropagazione...pag. 13 NUOVE MALATTIE E MALATTIE DA QUARANTENA NEW AND QUARANTINE PHYTOPLASMA DISEASES Casati P., Y. Abou-Jawdah, A. Cominetti, F. Quaglino, E. Choueiri, M. Molino Lova, R. Tedeschi, S. Prati, L. Picciau, A. Alma, P.A. Bianco Identificazione molecolare di Candidatus Phytoplasma phoenicium in piante spontanee presenti in frutteti del Libano / Molecular identification of Candidatus Phytoplasma phoenicium in spontaneous plants in fruit orchards in Lebanon...pag. 21 Paltrinieri S., M. Piergiacomi, N. Contaldo, F.R. De Salvador, A. Bertaccini Indagine sulla presenza di fitoplasmi in Actinidia spp. in Italia centrosettentrionale / Survey to verify phytoplasmas presence in Actinidia spp. in North-Central Italy...pag. 25 Ermacora P., F. Ferrini, M. Martini, F. Pavan, A. Loschi, N. Loi, S. Moruzzi, R. Osler Caratterizzazione biologica e molecolare di un fitoplasma associato alla fillodia della cicoria nel nord-est dell Italia / Biological and molecular characterization of a phytoplasma associated with chicory phyllody in North-East Italy...pag. 29 Gentili A., L. Ferretti, E. Costantini, A. Zoina, L. Cozzolino, P. Spigno, G. Pasquini Rilevamento di flavescenza dorata ceppo FD-D in areali viticoli dell isola di Ischia / Identification of flavescence dorée strain FD-D in viticultural areas of Ischia island (Campania, Italy)...pag. 33 Contaldo N., A. Bertaccini, G. Bozzano, G. Parrella, L. Cavicchi, M.G. Bellardi Infezione da stolbur e virus dell avvizzimento maculato del pomodoro (TSWV) in Lupinus polyphyllus / Mixed infection by stolbur phytoplasmas and tomato spotted wilt virus (TSWV) in Lupinus polyphyllus...pag. 37 Spallino R.E., S. Rizza, C. Marzachì, M. Tessitori Scopazzi della ginestra in Sicilia / Spartium witches broom in Sicily...pag. 41 7

8 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases Bertaccini A., J.F. Mejia, S. Paltrinieri, N. Contaldo, G. Granata Grave deperimento in kentia associato alla presenza di fitoplasmi / A severe kentia decline associated with phytoplasma presence...pag. 45 Marcone C., E. Seemüller Diffusa presenza di scopazzi del melo in impianti familiari in Val d Agri, Basilicata / Widespread occurrence of apple proliferation in low-intensity orchards in Agri valley, Basilicata (Italy)...pag. 49 Quaglino F., P. Casati, Y. Abou-Jawdah, E. Choueiri, M. Molino-Lova, R. Tedeschi, A. Alma, P.A. Bianco Elevata omogeneità genetica in popolazioni di fitoplasmi associati agli scopazzi del mandorlo in Libano / High genetic homogeneity among almond witches broom phytoplasma populations in Lebanon...pag. 53 Salem N.M., F. Quaglino, A. Abdeen, P. Casati, D. Bulgari, A. Alma, P.A. Bianco Prima segnalazione di Candidatus Phytoplasma solani associato a legno nero della vite in Giordania / First report of Candidatus Phytoplasma solani associated with grapevine bois noir disease in Jordan...pag. 57 Costantini E., L. Ferretti, A. Gentili, F. Punelli, G. Pasquini Identificazione di fitoplasmi appartenenti al gruppo 16SrIX-C in piante di Argyranthemum frutescens / Identification of 16SrIX-C phytoplasmas in Argyranthemum frutescens L....pag. 61 TRASMISSIONE DI FITOPLASMI ED INSETTI VETTORI PHYTOPLASMA TRANSMISSION AND INSECT VECTORS Conti M. Fitoplasmi e trasmissione per seme / Phytoplasmas and seed transmission...pag. 67 Mori N., F. Pavan, N. Contaldo, S. Paltrinieri, A. Bertaccini Indagini epidemiologiche su Candidatus Phytoplasma asteris in colza / Candidatus Phytoplasma asteris epidemiology in oil seed rape...pag. 71 Monti M., M. Martini, R. Tedeschi Diagnosi e quantificazione specifiche di Candidatus Phytoplasma mali in insetto mediante EvaGreen real-time PCR / Specific detection and quantification of Candidatus Phytoplasma mali in insect by EvaGreen real-time PCR...pag. 75 8

9 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi Tedeschi R., L. Picciau, F. Quaglino, P. Casati, M. Molino-Lova, Y. Abou-Jawdah, P.A. Bianco, A. Alma Indagini preliminari su insetti vettori di Candidatus Phytoplasma phoenicium in Libano / Preliminary survey on potential insect vectors of Candidatus Phytoplasma phoenicium in Lebanon...pag. 79 Forte V., E. Bortolamai, L. Filippin, E. Angelini, N. Mori Emitteri Auchenorrincha presenti in Ailanthus altissima infetto dal fitoplasma della flavescenza dorata della vite / Auchenorrhyncha fauna living on Ailanthus altissima infected by grapevine flavescence dorée phytoplasma...pag. 83 Mori N., V. Forte, P. Collodel, E. Angelini Sopravvivenza dei diversi stadi di sviluppo di Scaphoideus titanus su Ailanthus altissima / Scaphoideus titanus survival on Ailanthus altissima...pag. 87 Rizza S., V. D Urso, C. Marzachì, M. Tessitori Osbornellus horvathi potenziale vettore di fitoplasmi del gruppo 16SrIX / Osbornellus horvathi potential vector of 16SrIX phytoplasmas...pag. 91 INTERAZIONE FITOPLASMA ED OSPITI INTERACTION AMONG PHYTOPLASMAS AND HOSTS Pacifico D., L. Galetto, S. Abbà, S. Bertin, S. Palmano, M. Rashidi, D. Bosco, G. Firrao, C. Marzachì Risultati preliminari dell espressione genica del fitoplasma del giallume della margherita nella pianta e nell insetto vettore / Preliminary results on gene expression of chrysanthemum yellows phytoplasma in plant and insect vector...pag. 97 Miotti L., R. Musetti, E. Angelini Studi di espressione genica in Catharanthus roseus infetto dal fitoplasma della flavescenza dorata della vite / Gene expression studies on Catharanthus roseus infected by grapevine flavescence dorée phytoplasma...pag. 101 Rashidi M., L. Galetto, F. Veratti, C. Marzachì, D. Bosco Studio in vivo del ruolo delle proteine di membrana di chrysanthemum yellows phytoplasma nella trasmissione con insetti vettori / In vivo assays to test the role of phytoplasma membrane proteins of chrysanthemum yellows phytoplasma on vector acquisition and transmission capabilities...pag. 105 Serwaa R.A., M. Kube, R. Reinhardt, S. Paltrinieri, A. Bertaccini Organizzazione del gene imp in Candidatus Phytoplasma cynodontis / Organisation of the imp-locus in Candidatus Phytoplasma cynodontis...pag

10 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases Nissen L., P. Mattarelli, N. Contaldo, L. Cavicchi, A. Bertaccini, M.G. Bellardi Studio analitico-comparativo sull attività antibatterica di oli essenziali di Monarda fistulosa sana e infetta da fitoplasmi / Comparative analysis of the antibacterial activity of essential oils from healthy and phytoplasma infected Monarda fistulosa...pag. 113 Margaria P., P. Caciagli, A. Ferrandino, A. Schubert, S. Palmano Analisi biochimiche e di espressione genica della via metabolica dei flavonoidi in viti affette da flavescenza dorata e risanate / Transcriptional and metabolic analyses of the flavonoid pathway in flavescence dorée affected and recovered grapevines...pag. 117 EPIDEMIOLOGIA DELLE FITOPLASMOSI EPIDEMIOLOGY OF PHYTOPLASMA DISEASES Punelli F., A. Gentili, E. Costantini, L. Ferretti, G. Pasquini Variabilità molecolare multigenica del fitoplasma stolbur in relazione alla distribuzione geografica sul territorio italiano / MLST variability of stolbur phytoplasmas in relationship with their geographic distribution in Italy...pag. 123 Bertaccini A., S. Paltrinieri, N. Contaldo, E. Gargani, P. Braccini, B. Bagnoli Variabilità genetica di fitoplasmi associati a flavescenza dorata in un vigneto della provincia di Massa Carrara / Genetic variability in phytoplasmas associated with flavescence dorée in a vineyard of the Massa Carrara province (Tuscany, Italy)...pag. 127 Vizzaccaro L., G. Pasquini, E. Costantini, A. Gentili, F. Punelli, L. Ferretti Studio della variabilità molecolare mediante analisi multigenica di Candidatus Phytoplasma mali, Candidatus Phytoplasma prunorum e Candidatus Phytoplasma pyri / Investigation on molecular variability of Candidatus Phytoplasma mali, Candidatus Phytoplasma prunorum and Candidatus Phytoplasma pyri by multilocus sequence analysis...pag. 131 Mejia J.F., L. Zamora, B. Duduk, M.L. Quiñones, A. Bertaccini, N. Contaldo Caratterizzazione molecolare di ceppi di Candidatus Phytoplasma asteris da mais /Molecular characterization of Candidatus Phytoplasma asteris strains from maize...pag. 135 Duduk B., Y. Arocha, J. Mitrović, R. Michelutti, R. Benabid, J. Scott, A. Bertaccini Caratterizzazione molecolare di Candidatus Phytoplasma asteris in ortensia in Canada / Molecular characterization of Candidatus Phytoplasma asteris infecting hydrangea in Canada...pag

11 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi CONTROLLO DELLE MALATTIE ASSOCIATE A FITOPLASMI CONTROL OF PHYTOPLASMA-ASSOCIATED DISEASES Osler R., P. Ermacora, N. Loi, M. Martini, R. Musetti Malattie da fitoplasmi: il recovery e le resistenze acquisite, l epigenetica e la resilienza / Recovery and acquired resistances, epigenetic and resilience...pag. 145 Romanazzi G., S. Murolo, E. Feliziani, L. Landi, V. Mancini Effetti dell applicazione in campo di induttori di resistenza sulle caratteristiche quantitative e qualitative della produzione e sulle infezioni di legno nero della vite / Application of resistance inducers in grapevines affected by bois noir : effects on qualitative and quantitative production parameters...pag. 149 Gonella E., E. Crotti, M. Mandrioli, D. Daffonchio, A. Alma Colonizzazione e trasmissione del batterio acetico Asaia in Scaphoideus titanus Ball, vettore del fitoplasma della flavescenza dorata della vite / Colonization and transmission pathways of the acetic acid bacterium Asaia in Scaphoideus titanus Ball, vector of flavescence dorée phytoplasma to grapevine...pag. 153 Lessio F., A. Alma Influenza dello sviluppo del ritidoma e della termoterapia sulle uova di Scaphoideus titanus Ball / Influence of bark s development and hot water treatment on the eggs of Scaphoideus titanus Ball...pag. 157 Tessari F., N. Mori, F. Quaglino, G. Posenato, P.A. Bianco Possibilità di diffusione del legno nero della vite attraverso il materiale vivaistico / Possibility of grapevine bois noir diffusion through propagation material...pag. 161 Poggi Pollini C., A.R. Babini, M. Dallara, C. Lanzoni, C. Ratti Valutazione di nuove varietà di albicocco nei confronti del giallume europeo delle drupacee (ESFY) mediante l utilizzo di tecniche molecolari / Evaluation of tolerance to European Stone Fruit Yellows (ESFY) of new apricot cultivars with molecular methods...pag. 165 DIAGNOSI DI MALATTIE DA FITOPLASMI PHYTOPLASMA DISEASE DETECTION Pasquini G., A. Bertaccini, P.A. Bianco, P. Casati, E. Costantini, L. Ferretti, A. Gentili, M. Martini, C. Marzachì, S. Palmano, S. Paltrinieri, M. Barba Progetto ARNADIA: definizione di protocolli nazionali di diagnosi per Candidatus Phytoplasma mali e Candidatus Phytoplasma prunorum / ARNADIA project: definition of National diagnostic protocols for Candidatus Phytoplasma mali and Candidatus Phytoplasma prunorum...pag

12

13 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi CULTIVATION OF SEVERAL PHYTOPLASMAS FROM A MICROPROPAGATED PLANT COLLECTION N. Contaldo 1, A. Bertaccini 1, S. Paltrinieri 1, D. Windsor 2, H. Windsor 2 1 DipSA, Patologia vegetale, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, viale G. Fanin 42, Bologna 2 Mycoplasma Experience - Reigate, UK and Introduction The recognition that certain plant diseases were associated with mycoplasmalike structures in the sieve-tubes was first reported by Doi and coworkers in 1967 who extended this observation by confirming possible disease causation, and their similarity to mycoplasmas, by showing that disease symptoms could be ameliorated by treatment with tetracycline (Ishiie et al., 1967). Hitherto, these diseases - referred to as the aster yellows group - had been thought to be caused by viruses. In animals and humans, mycoplasma infections had similarly often been regarded as viral in nature due partly to their filterability through membranes of small pore size but also due to the inability to culture the infectious organism in common bacteriological media. Many workers, mainly plant pathologists rather than mycoplasmologists, took up the challenge to culture these organisms. An early outcome of this effort was the culture of spiroplasmas microorganisms derived from insects capable of causing plant diseases following infection of the sieve tubes. This distinct group of organisms grew readily in mycoplasma media formulations whereas the mycoplasma-like objects (phytoplasmas) did not and a possible reason was that a closer alignment of media to sieve-tube sap composition was required. Morphologically the two groups were quite distinct, spiroplasmas having a spiral structure as the name suggests whereas phytoplasmas were generally pleomorphic. Some reports of successful phytoplasma culture were published (Lombardo and Pignattelli, 1970; Lin et al., 1970; Giannotti and Vago, 1971; Ghosh et al., 1975) but none proved repeatable and as the years of failure increased, hope of cultivation decreased to such an extent that some plant workers came to consider that phytoplasmas were indeed uncultivable (reviewed in Maramorosch, 2011). Over forty years had elapsed since Doi s publication but there were workers who believed culture to be possible and a collaboration was initiated in 2008 between Bologna University and Mycoplasma Experience. Early success was definitely not anticipated and a lengthy process of medium modification/alignment to sieve-tube sap composition was envisaged. 13

14 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases Materials and methods The collaboration started with routine mycoplasma liquid and solid media (lacking thallium acetate) being sent to Bologna for isolation attempts from the micropropagated plant collection infected with phytoplasmas. Several lots of media were sent to Bologna and before any modifications were made to the formulation, evidence of phytoplasma cultivation was obtained (Bertaccini et al., 2010). Sliced midribs, leaf stalks and stems from infected and healthy micropropagated shoots were inoculated into 2 ml volumes of liquid medium and incubated at 26 C. The broth culture inoculated with some stolbur phytoplasma strain (Contaldo et al., 2012) was seen to have a strong acid colour change (yellow as phenol red is the ph indicator) after about 1 to 9 months incubation. The colour change was passaged in fresh liquid medium and the colonies produced on Mycoplasma Experience solid medium were in-keeping with the size and overall shape of mycoplasma colonies. Several other apparent successful isolations did show that, however surprising, culture of phytoplasmas was a reasonable interpretation of the evidence, so it was important to repeat this work in UK laboratories. Phytoplasma infected micropropagated plants were accordingly transferred and culture was repeated. So, despite many failures over the years, why has this effort succeeded with a medium that supported animal mycoplasmas? Here is a list of necessary requirements for phytoplasma cultivation. 1. Plant tissue selected for isolation must contain viable phytoplasmas. 2. Release from the plant tissue of viable phytoplasmas. Disruption of whole plants could release factors inhibitory to growth. Release of phytoplasmas must be achieved from the sieve-tubes in the presence of sieve-tube sap coagulation mechanisms to prevent loss on trauma. 3. Culture media and temperature must be suitable to support growth of the phytoplasma species infecting the chosen plant. Where solid media are chosen for isolation attempts, the atmosphere must also be considered. 4. The incubation period must be of sufficient time to allow evidence of phytoplasma growth to manifest itself. 5. The observer must be able to recognize elements of microbial growth if it occurs. This is not always straight forward and time-consuming inspections of solid media may be required. Inadequacy on any of these points would result in failure so there are many reasons, apart from a suitable medium, that could be responsible for previous failures. It is quite possible that isolations have been made but not recognized as such, or not suitably subcultured for isolation to be confirmed. PCR amplification using phytoplasma specific primers (Gibb et al., 1995; Gundersen and Lee, 1996; Lee et al., 1994; 1995) under previously described conditions (Schaff et al., 1992; Lee et al., 1998) confirmed that the colonies were indeed identical to 14

15 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi the phytoplasmas that were initially transferred to the agar plates. Identification using RFLP analysis and direct sequencing of selected amplicons confirmed phytoplasma identity. Results and discussion Phytoplasmas reveal their presence by turning the medium acid (yellow) and this can often become strongly acid overnight. Endosymbionts, if present, can also cause strong acid colour changes, but on plating these organisms produce large, spreading colonies that cover the entire plate on continued incubation. Filtration of acid broth cultures through 0.8 µm filters can sometimes exclude the endosymbionts whilst allowing through the phytoplasmas. The incubation time required before a phytoplasma induced colour change occurs, as demonstrated by plating and colony development, is extremely variable. Colonies are conveniently detected by observing plates at an overall magnification of X25 with colonial growth commonly occurring in three to seven days. Storage of cultures at -70 C has resulted in stable counts so far mycoplasma suspensions are stable for tens of years at -70 C (death occurs within months at -20 C). Inactivation of phytoplasmas, like mycoplasmas, occurs at temperatures around 50 C to 60 C. Besides the initial seven phytoplasmas (Contaldo et al., 2012), five additional strains were grown: potato witches broom (PWB, ribosomal group 16SrVI-A), witches broom disease of lime (WBDL, ribosomal group 16SrII-B), peach X disease (CX, ribosomal group 16SrIII-A), clover phyllody England (KVE, ribosomal group 16SrI-C), Pichris echioides yellows (PEY, ribosomal group 16SrIX-C). Because PCR confirmation of these latter phytoplasmas is still in progress, they should be regarded as preliminary results. Additional types of phytoplasmas are in the initial isolation stage, but it appears that all the available phytoplasma strains can be cultured. Contrary to the prevailing dogma in plant pathology, therefore, phytoplasmas, like mycoplasmas, can indeed be grown independently from the host(s). The commercial medium used for phytoplasma isolation and cultivation utilizes media available for purchase at Phytoplasmas in vitro Ltd. (Reigate, UK), although their composition is proprietary. From the preliminary cultivation work a patent was submitted (Bertaccini et al., 2012) to cover the commercial exploitation of the methodology. However, research carried out for scientific purposes is not restricted by the patent. Another key point for in vitro cultivation is that micropropagated periwinkle shoots infected with phytoplasmas must be used for initial isolation. These can be obtained from the official collection of phytoplasma strains in micropropagation (http://www.ipwgnet.org/collection.html) and have been available since 1990 (Bertaccini et al., 1992). A major advantage of the procedure is that it makes it possible to obtain a source of phytoplasma cultures from different strains, which may then be compared in order to improve understanding of these microorganisms and their mechanisms of pathogenesis. Possible applications of phytoplasma cultivation include improvement of diagnostic 15

16 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases techniques by allowing the preparation of specific antisera and assessment of compounds/ biochemical agents for inhibition of phytoplasma growth. Selection and screening of plants resistant to phytoplasma infection, as well as the study of the modes of colonization by phytoplasmas of plant and insect vectors, are other possible applications. As a consequence, strategies aiming to treat and/or prevent phytoplasma related plant diseases could be better defined and more effective. In addition, faster production of diagnostic reagents can be achieved, as well as a more detailed knowledge about basic mechanisms that regulate the survival of phytoplasmas, which are among the smallest known living organisms. Key words: phytoplasmas, axenic growth, PCR/RFLP analyses, sequencing Coltivazione di fitoplasmi in substrato axenico utilizzando ceppi mantenuti in collezione mediante micropropagazione Viene descritta la coltivazione in substrato axenico di diversi ceppi di fitoplasmi ottenuta per la prima volta ed utilizzando materiale infetto mantenuto in micropropagazione. Il successo di questa ricerca, dopo oltre 40 anni di tentativi, è dovuto principalmente alla collaborazione fra l Università di Bologna e l azienda inglese che produce substrati per la coltura dei micoplasmi patogeni per uomo ed animali. Dopo tentativi preliminari che avevano fatto capire che i fitoplasmi erano in grado di svilupparsi in maniera autonoma in substrato liquido, è stata messa a punto una metodologia specifica per il prelievo e la coltivazione in substrati liquido e solido che è stata poi brevettata. Fino ad ora è stato possibile ottenere colonie di 12 ceppi di fitoplasmi e precisamente stolbur, ceppo STOL (gruppo ribosomico 16SrXII-A); legno nero, ceppo CH-1 (gruppo ribosomico 16SrXII-A); Chrysanthemym yellows, ceppo CY-TO (gruppo ribosomico 16SrI-B); tomato big bud, ceppo TBB (gruppo ribosomico 16SII-D); pear decline, ceppo PD (gruppo ribosomico 16SrX-C); apple proliferation, ceppo AP-15 (gruppo ribosomico 16SrX-A); poinsettia branching factor, ceppo JR (gruppo ribosomico 16SrIII-J); potato witches broom, ceppo PWB (gruppo ribosomico 16SrVI-A); witches broom disease of lime, ceppo WBDL (gruppo ribosomico 16SrII-B), peach X disease, ceppo CX (gruppo ribosomico 16SrIII-A), clover phyllody, ceppo KVE (gruppo ribosomico 16SrI-C) e Pichris echioides yellows, ceppo PEY (gruppo ribosomico 16SrIX-C). Da quanto fatto si ipotizza che tutti i fitoplasmi possano essere coltivati su questo substrato o su sue varianti. La conferma dell avvenuto isolamento viene ottenuta mediante l osservazione delle colonie al microscopio ottico a 25 ingrandimenti e l analisi dell acido nucleico estratto dalle colonie seguita da saggio PCR. L impiego di primers ribosomici e non, specifici per i diversi fitoplasmi, seguita dall analisi RFLP e dal sequenziamento degli ampliconi ottenuti hanno confermato che non vi sono rilevanti variazioni nelle sequenze studiate degli acidi nucleici rispetto ai ceppi originali identificati nelle piante ospiti. 16

17 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi Le ricadute a livello scientifico e pratico di questo lavoro vanno dalla possibilità di soddisfare i postulati di Koch, chiarendo i ruolo di questi patogeni nelle malattie ad essi associate, alle prospettive di produzione di specifici reagenti per kit diagnostici di rapida e facile applicazione, fino allo studio di possibili resistenze ai diversi patogeni. Parole chiave: fitoplasmi, cultura axenica, analisi PCR/RFLP, sequenziamento Lavori citati / References Bertaccini a., r.e. Davis, i-m. Lee, In vitro micropropagation for maintenance of mycoplasmalike organisms in infected plant tissues. Horticultural Science, 27(9), Bertaccini a., n. contaldo, a. calari, s. PaLtrinieri, H.M. WinDsor, D. WinDsor, Preliminary results of axenic growth of phytoplasmas from micropropagated infected periwinkle shoots. 18th Congress IOM, Chianciano Terme, Italy abstr. P-147, page 153. Bertaccini a., n. contaldo, D.G. WinDsor, Method for culturing phytoplasma. Pct/Ib2012/052965, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna - Phytoplasmas In Vitro Ltd. contaldo n., a. Bertaccini, s. PaLtrinieri, H.M. WinDsor, D.G. WinDsor, Axenic culture of plant pathogenic phytoplasmas. Phytopathologia Mediterranea, 51(3), Doi Y., M. teranaka, k. Yora, H. asuyama, Mycoplasma or PLT grouplike microrganisms found in the phloem elements of plants infected with mulberry dwarf, potato witches broom, aster yellows or pauwlonia witches broom. Annals Phytopathological Society Japan, 33, GHosH s.k., s.p. raychaudhuri, v.v. chenulu, a. varma, Isolation, cultiavation and characterization of mycoplasma-like organisms from plants. Proceedings of the Indian National Science Academy, 41B(4), Giannotti J., c. vago, Role des mycoplasmes dans l étiologie de la phyllodie du trèfle: culture et transmission expérimentale de la maladie. Physiologie vegetale, 9, GiBB k.s., a.c. PaDovan, B.D. MoGen, Studies on sweet potato little-leaf phytoplasma detected in sweet potato and other plant species growing in Northern Australia. Phytopathology, 85, GunDersen D.e., i-m. Lee, Ultrasensitive detection of phytoplasmas by nested- PCR assays using two universal primer pairs. Phytopathologia Mediterranea, 35, contaldo n., a. Bertaccini, s. PaLtrinieri, H.M. WinDsor, G.D. WinDsor, Axenic culture of plant pathogenic phytoplasmas. Phytopathologia Mediterranea, 51(3),

18 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases ishiie t., Y. Doi, k. Yora, H. asuyama, Suppressive effects of antibiotics of tetracycline group on symptom development of mulberry dwarf disease. Annals Phytopathological Society Japan, 33, Lee i-m., D.e. GunDersen, r.w. HaMMonD, r.e. Davis, Use of mycoplasmalike organism (MLO) group-specific oligonucleotide primers for nested-pcr assays to detect mixed-mlo infections in a single host plant. Phytopathology, 84, Lee i-m., a. Bertaccini, M. vibio, D.e. GunDersen, Detection of multiple phytoplasmas in perennial fruit trees with decline symptoms in Italy. Phytopathology, 85, Lee i-m., D.e. GunDersen-rinDaL, a. Bertaccini, Phytoplasma: ecology and genomic diversity. Phytopathology, 88, Lin s.c., c.s. Lee, r.j. chin, Isolation and cultivation of, and inoculation with a mycoplasma causing white leaf disease of sugarcane. Phytopathology, 60, LoMBarDo G., P. PiGnatteLLi, Cultivation in a cell-free medium of a mycoplasmalike organism from Vinca rosea with phyllody symptoms on the flowers. Annals of Microbiology, 20, MaraMoroscH k., Historical reminiscences of phytoplasma discovery. Bulletin of Insectology, 64(Supplement), S5-S8. schaff D.a., i-m. Lee, r.e. Davis, Sensitive detection and identification of mycoplasmalike organisms by polymerase chain reactions. Biochemical Biophysical Research Communications, 186,

19 NUOVE MALATTIE E MALATTIE DA QUARANTENA new and Quarantine PHYtoPLasMa Diseases

20

Riselv.Italia-Sottoprogetto 1.1 Biodiversità e produzione di materiale forestale di propagazione

Riselv.Italia-Sottoprogetto 1.1 Biodiversità e produzione di materiale forestale di propagazione Riselv.Italia-Sottoprogetto 1.1 Biodiversità e produzione di materiale forestale di propagazione Scheda n : 1.1.15 Titolo della Ricerca: Ricerca di fonti di resistenza a Pseudomonas syringae pv. syringae

Dettagli

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

COMPOSTING FACILITIES AND BIOAEROSOLS AS SOURCES OF LEGIONELLA AND AMOEBAE

COMPOSTING FACILITIES AND BIOAEROSOLS AS SOURCES OF LEGIONELLA AND AMOEBAE DISS. ETH NO. 21679 COMPOSTING FACILITIES AND BIOAEROSOLS AS SOURCES OF LEGIONELLA AND AMOEBAE A thesis submitted to attain the degree of DOCTOR OF SCIENCES of ETH ZURICH (Dr. sc. ETH Zurich) presented

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

La diagnostica e l accreditamento dei laboratori

La diagnostica e l accreditamento dei laboratori Convegno: IL SETTORE FITOSANITARIO E L EPPO: L CONTRIBUTI E CRITICITA Roma 23 febbraio 2011 La diagnostica e l accreditamento dei laboratori Graziella Pasquini e Marina Barba CRA-PAV Centro di Ricerca

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Progetto INTERACT. Responsabile: Massimo Pilotti Collaboratori: Nicoletta Pucci, Angela Gallelli, Angela Brunetti, Stefania Loreti

Progetto INTERACT. Responsabile: Massimo Pilotti Collaboratori: Nicoletta Pucci, Angela Gallelli, Angela Brunetti, Stefania Loreti Interventi di coordinamento ed implementazione alle azioni di ricerca, lotta e difesa al cancro batterico dell Actinidia (INTERACT) Titolo della ricerca (WP) Biologia del patosistema kiwi-psa: diagnosi

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 2 Numero 1 Gennaio 2007 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) Applicazioni

Dettagli

Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione. Studio dell interazione kiwi-psa

Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione. Studio dell interazione kiwi-psa Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione Studio dell interazione kiwi-psa Dr Gianni Tacconi (CRA-GPG) Centro di Ricerche per la Genomica e la Postgenomica

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma L analisi del genoma n La tipizzazione del DNA n La genomica e la bioinformatica n La genomica funzionale La tipizzazione del DNA DNA Fingerprinting

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

L innovazione tecnologica contro le malattie del campo

L innovazione tecnologica contro le malattie del campo Milano, 16 ottobre 2014 L innovazione tecnologica contro le malattie del campo Camilo GIANINAZZI, IpadLab, PTP L impatto delle fitopatie sulla sostenibilità economica Le fitopatie causano ingenti perdite

Dettagli

Legno nero: interazioni vite fitoplasma e fenomeno del recovery

Legno nero: interazioni vite fitoplasma e fenomeno del recovery Legno nero: interazioni vite fitoplasma e fenomeno del recovery Rita Musetti Department of Agricultural and Environmental Sciences, University of Udine via delle Scienze, 208 I-33100 Udine, Italy Rita.Musetti@uniud.it

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

Servizio fitosanitario regionale

Servizio fitosanitario regionale Regione Toscana Servizio fitosanitario regionale Il laboratorio di diagnostica fitopatologica e biologia molecolare Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo

Dettagli

Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti. Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità

Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti. Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità XIII Convegno dell NFP: «Salute e migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali» Istituto Superiore

Dettagli

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world MercedesRoadster.IT New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world Newspaper supplement Emmegi Magazine Independent unaffiliated / funded by Daimler

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI

STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Edile - Architettura Corso di laurea magistrale in Ingegneria dei Sistemi Edilizi STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI PROPOSTA DI UN METODO

Dettagli

M.P. - FIBRAE_Urtica dioica - azione di raccolta e trasformazione di piante selvatiche da fibra - dal 2005

M.P. - FIBRAE_Urtica dioica - azione di raccolta e trasformazione di piante selvatiche da fibra - dal 2005 M.P. - FIBRAE_Urtica dioica - azione di raccolta e trasformazione di piante selvatiche da fibra - dal 2005 M.P. (Materie Prime - Raw materials) - Fibrae_Urtica dioica action of harvesting and transforming

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana 3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 ILARIA CIABATTI Verification of analytical methods

Dettagli

Metodiche tradizionali

Metodiche tradizionali Diagnostica microbiologica innovativa INTRODUZIONE Attualmente, per la rilevazione dei microrganismi patogeni accanto alle metodiche tradizionali rappresentate: dall esame colturale, l esame diretto al

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO SHOWROOM NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO NEW OPENING FOR GIORGETTI STUDIO a cura di Valentina Dalla Costa Quando si dice un azienda che guarda al futuro. Giorgetti è un eccellenza storica del Made

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

E o v l o u l z u i z o i n o e n d l e l l e l e p a p t a o t l o o l g o i g e i d l e l k i k w i i w : i

E o v l o u l z u i z o i n o e n d l e l l e l e p a p t a o t l o o l g o i g e i d l e l k i k w i i w : i Evoluzione delle patologie del kiwi: situazione al 2015 Tosi Lorenzo Di cosa parleremo oggi 1. PSA, situazione 2015 e ultimi aggiornamenti 2. Carie del legno 3. Moria del kiwi 1. Cancro batterico PSA (Pseudomonas

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

Polymerase Chain Reaction - PCR

Polymerase Chain Reaction - PCR Polymerase Chain Reaction - PCR Real-Time PCR Saggio Saggio di PCR monitorato di continuo Tubi Tubi chiusi Nessuna analisi post PCR Nessuna elettroforesi Caratterizzazione del prodotto Possibilità di quantificare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Didactic offer Incoming students 2014/2015 can take exams of courses scheduled in the a.y. 2014/2015 and offered by the Department

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia

Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia Lorenzo Morelli Istituto di Microbiologia Facoltà di Agraria UCSC Piacenza In questa presentazione Peculiarità del genoma dei

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Il campionamento non-invasivo come routine nella gestione della fauna selvatica: il caso di Lepus corsicanus

Il campionamento non-invasivo come routine nella gestione della fauna selvatica: il caso di Lepus corsicanus Conservazione di Lepus corsicanus De Winton, 1898 e stato delle conoscenze, de Filippo et al. (a cura di), 2007, IGF publ. Il campionamento non-invasivo come routine nella gestione della fauna selvatica:

Dettagli

Atti del Workshop : 3 Incontro Nazionale sulle Malattie da Fitoplasmi

Atti del Workshop : 3 Incontro Nazionale sulle Malattie da Fitoplasmi PETRIA 15 (1/2), 1-232 (2005) Atti del Workshop : 3 Incontro Nazionale sulle Malattie da Fitoplasmi Proceedings of the Workshop: 3th National meeting on phytoplasma diseases Milano 22-23 giugno 2005 June

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Ino-x. design Romano Adolini

Ino-x. design Romano Adolini Ino-x design Romano Adolini Nuovo programma placche Ino-x design Romano Adolini OLI, importante azienda nel panorama nella produzione di cassette di risciacquamento, apre al mondo del Design. Dalla collaborazione

Dettagli

Paola Diamante - SOC Microbiologia e Virologia

Paola Diamante - SOC Microbiologia e Virologia Paola Diamante - SOC Microbiologia e Virologia Azienda Ospedaliera S.Maria degli Angeli Pordenone LRTI etiological diagnosis: the real problem At present there is stilla great deficit in the etiologic

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione

La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione La diagnostica biomolecolare a supporto dei controlli ufficiali per le api regine d importazione Raniero Lorenzetti Biotecnologie Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana PREMESSA

Dettagli

Made in Italy. Motori elettrici standard monofase Single-phase standard electric motors

Made in Italy. Motori elettrici standard monofase Single-phase standard electric motors ade in taly otori elettrici standard monofase Single-phase standard electric motors otori monofase > Single phase motors motori asincroni monofase della serie 1 sono del tipo chiuso, raffreddati con ventilazione

Dettagli

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia Orazio Battaglia Il protocollo Kerberos è stato sviluppato dal MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) Iniziato a sviluppare negli anni 80 è stato rilasciato come Open Source nel 1987 ed è diventato

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino Un trattato per il territorio 1.Ambito di applicazione geografico* 2.Partecipazione attiva degli enti territoriali

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

Decode NGS data: search for genetic features

Decode NGS data: search for genetic features Decode NGS data: search for genetic features Valeria Michelacci NGS course, June 2015 Blast searches What we are used to: online querying NCBI database for the presence of a sequence of interest ONE SEQUENCE

Dettagli

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Giornata Erasmus 2011 Monitoraggio del rapporto Università e Impresa Roma, 17 febbraio 2011 This project has been funded with support

Dettagli

NOTIZIE DALLA SCOZIA

NOTIZIE DALLA SCOZIA pag 10 English Edition PERIODICO DI INFORMAZIONE N. 22 - Giugno 2013 La IMPER ITALIA Spa ha ospitato il 6 marzo 2013 il nostro Distributore Scozzese MOY MATERIALS (NORTHERN). Rappresentato da Mr. DAVID

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993 Corso di Laurea: Scienze e tecnologie alimentari Corso Integrato: Biotecnologie per la qualità degli alimenti Modulo: Metodologie geneticomolecolari (6 CFU) (4 CFU Lezioni + 2 CFU Esercitazioni) Docente

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

TRASMISSIONI FLESSIBILI CAVI GUAINE E MINUTERIE, PER RICAMBI CICLO, MOTOCICLO ED APPLICAZIONI INDUSTRIALI

TRASMISSIONI FLESSIBILI CAVI GUAINE E MINUTERIE, PER RICAMBI CICLO, MOTOCICLO ED APPLICAZIONI INDUSTRIALI TRASMISSIONI FLESSIBILI CAVI GUAINE E MINUTERIE, PER RICAMBI CICLO, MOTOCICLO ED APPLICAZIONI INDUSTRIALI FLEXIBLE TRANSMISSIONS WIRE ROPE, OUTER CABLES AND SMALL, FOR CYCLE AND MOTORCYCLE SPARE PARTS

Dettagli

INDICE nuovi prodotti abbigliamento pelletteria new products clothing leather

INDICE nuovi prodotti abbigliamento pelletteria new products clothing leather Catalogo generale Le chiusure, sono presenti sul mercato della pelletteria dalla nascita del prodotto e sono contraddistinte dalla famosa scatola marrone. Il marchio e la qualità, non necessitano di particolare

Dettagli

Elettroforesi in campo pulsato su ceppi di S. aureus: presentazione del protocollo

Elettroforesi in campo pulsato su ceppi di S. aureus: presentazione del protocollo Elettroforesi in campo pulsato su ceppi di S. aureus: presentazione del protocollo Pulsed Field Gel Electrophoresis on strains of S. aureus: presentation of the protocol Walter Vencia IZS Piemonte, Liguria

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Roma, 23 aprile 2009 Alcol e marketing sociale Tiziana Codenotti Contesto della discussione sul marketing sociale Forum Alcol e Salute Organismo individuato all interno della Strategia Europea sull alcol,

Dettagli

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening o L Adeguamento delle linee-guida dello screening del cervicocarcinoma o I Vaccini anti-hpv e gli Screening o Modelli di interazione tra screening

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com COMPANY PROFILE tecnomulipast.com PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE IMPIANTI INDUSTRIALI DAL 1999 Design and manufacture of industrial systems since 1999 Keep the faith on progress that is always right even

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

Principi di Chimica Organica

Principi di Chimica Organica Gianluca Giorgi Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biotecnologie, Chimica e Farmacia via Aldo Moro 53100 Siena Tel. 0577-234241 e-mail:gianluca.giorgi@unisi.it Corsi di laurea in Scienze Ambientali

Dettagli

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years HIGH PRECISION BALLS 80 Years 80 ANNI DI ATTIVITÀ 80 YEARS EXPERIENCE ARTICOLI SPECIALI SPECIAL ITEMS The choice to look ahead. TECNOLOGIE SOFISTICATE SOPHISTICATED TECHNOLOGIES HIGH PRECISION ALTISSIMA

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

-1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE

-1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE -1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE Nome e cognome / Nome del gruppo NOVOTONO Città GARLASCO Provincia PV Biografia Idee Emozioni : un oggetto di design deve contenere una nuova idea ed un momento di emozione.

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

Petria 6(1), 11-36, (1996) Rassegna/Review Meccanismi di difesa e diffusione microbica nei processi di carie del legno degli alberi viventi.

Petria 6(1), 11-36, (1996) Rassegna/Review Meccanismi di difesa e diffusione microbica nei processi di carie del legno degli alberi viventi. Petria 6(1), 1-10, (1996) Rassegna/Review Respiration in systemically virus-infected plants SERGIO PENNAZIO Istituto di Fitovirologia Applicata del CNR, Strada delle Cacce, 73, I-10135 Torino Changes in

Dettagli

LA FLAVESCENZA DORATA DELLA VITE IN LOMBARDIA

LA FLAVESCENZA DORATA DELLA VITE IN LOMBARDIA Coperta_flavescenza 5-04-2002 18:26 Pagina 2 Regione Lombardia Agricoltura UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Agraria Istituto di Patologia Vegetale Giuseppe Belli, Piero Attilio Bianco, Paola

Dettagli

Tecniche biofisiche basate su nanopori

Tecniche biofisiche basate su nanopori Tecniche biofisiche basate su nanopori -Pori di dimensione nanometrica -Attraverso membrane lipidiche o inorganiche -Di natura proteica o scavati con tecnologie top-down Possono essere impiegati per -Studiare

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

L introduzione della biologia molecolare nei laboratori di microbiologia alimentare: l esperienza del Laboratorio di riferimento Europeo per E.

L introduzione della biologia molecolare nei laboratori di microbiologia alimentare: l esperienza del Laboratorio di riferimento Europeo per E. L introduzione della biologia molecolare nei laboratori di microbiologia alimentare: l esperienza del Laboratorio di riferimento Europeo per E. coli Stefano Morabito EU Reference Laboratory for E. coli

Dettagli

immagine Metodologie e applicazioni della biologia molecolare e cellulare Dott.ssa Giorgia Borriello Materiale Didattico

immagine Metodologie e applicazioni della biologia molecolare e cellulare Dott.ssa Giorgia Borriello Materiale Didattico Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Metodologie e applicazioni della biologia molecolare e cellulare Dott.ssa Giorgia Borriello

Dettagli

EVENTI (PRIVATE DINNER) F A B R I Z I O

EVENTI (PRIVATE DINNER) F A B R I Z I O F A B R I Z I O F A B R I Z I O La famiglia Pratesi produce vino nella zona di Carmignano da cinque generazioni. Fu Pietro Pratesi a comprare nel 1875 la proprietà Lolocco nel cuore di Carmignano dove

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news news n. 04 10/2011 VICO MAGISTRETTI KITCHEN ISPIRATION VIVO MAGIsTReTTI KITCHen IsPIRATIOn news Il nostro rapporto con il "Vico" è durato per più di quarant anni. era iniziato verso la metà degli anni

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Il DNA come Elemento Tracciante in Spumantizzazione Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Dr. Ileana Vigentini IL VINO SPUMANTE METODO CLASSICO (CHAMPENOISE

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli