VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi"

Transcript

1 Atti del Convegno / Abstract Book VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases Bologna, Giugno / June, 2013 A cura di / Edited by Assunta Bertaccini

2

3 Struttura Ospitante / Host University Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Scuola di Agraria e Medicina veterinaria Vicepresidenza di Agraria Partners IPWG International Phytoplasmologist Working Group SIPaV Società Italiana di Patologia Vegetale SIROE Società Italiana per la Ricerca sugli Oli Essenziali L'ORTOFRUTTICOLA Albenga ADAMO CANEL S.A.S. Col San Martino - TV

4 Comitato Scientifico / Scientific Committee Alberto Alma Marina Barba Assunta Bertaccini Piero Attilio Bianco Maurizio Conti Caio Bruno Faraglia Ruggero Osler Gianfranco Romanazzi Comitato Organizzatore / Organizing Committee Maria Grazia Bellardi Assunta Bertaccini Enrico Biondi Lisa Cavicchi Nicoletta Contaldo Carla Lucchese Paola Minardi Samanta Paltrinieri Juan Fernando Mejia Stefano Ardizzi Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Scuola di Agraria e Medicina veterinaria Vicepresidenza di Agraria Viale G. Fanin 46, Bologna, Italy

5 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi Presentazione Facendo seguito agli ormai tradizionali appuntamenti iniziati ad Udine quasi vent anni fa, il gruppo di studio sulle fitoplasmosi delle piante ha organizzato presso l Università di Bologna il "VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi" con lo scopo di aggiornare la comunità scientifica e gli operatori del settore sui vari aspetti delle problematiche legate a queste importanti malattie. Viene presentata come introduzione al convegno la coltivazione dei fitoplasmi in substrato axenico che potrà aprire la strada a ricerche nuove e più focalizzate in questo importante settore fitopatologico. Sono pervenute 36 comunicazioni che coprono i diversi aspetti del settore: nuove malattie e malattie da quarantena, trasmissione ed insetti vettori, interazione con gli ospiti, epidemiologia, controllo e diagnostica. Le tre giornate di lavori si concluderanno con una tavola rotonda che verterà sul tema Fitoplasmi e territorio: diffusione, diagnosi e sistemi innovativi di controllo. Presentation Following the traditional meetings started in Udine almost twenty years ago the phytoplasmology group is organizing at Bologna University, the VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases in order to update the scientific community and the stakeholders on the different aspect of phytoplasma and phytoplasma associated diseases. The introduction will present the axenic cultivation of phytoplasmas that could open new research avenues leading to eventually increase the knowledge in this relevant plant pathology field. The different aspects of the phytoplasma research such as new diseases and quarantine diseases, transmission and insect vectors, phytoplasmahost interactions, epidemiology, control and diagnostic are covered by 36 communications. The three days meeting will end with a round table about Phytoplasma and environment: diffusion, diagnostic and innovative management systems. 5

6

7 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi Indice / Index RELAZIONE INTRODUTTIVA INVITED PRESENTATION Contaldo N., A. Bertaccini, S. Paltrinieri, D. Windsor, H. Windsor Cultivation of several phytoplasmas from a micropropagated plant collection / Coltivazione di fitoplasmi in substrato axenico utilizzando ceppi mantenuti in collezione mediante micropropagazione...pag. 13 NUOVE MALATTIE E MALATTIE DA QUARANTENA NEW AND QUARANTINE PHYTOPLASMA DISEASES Casati P., Y. Abou-Jawdah, A. Cominetti, F. Quaglino, E. Choueiri, M. Molino Lova, R. Tedeschi, S. Prati, L. Picciau, A. Alma, P.A. Bianco Identificazione molecolare di Candidatus Phytoplasma phoenicium in piante spontanee presenti in frutteti del Libano / Molecular identification of Candidatus Phytoplasma phoenicium in spontaneous plants in fruit orchards in Lebanon...pag. 21 Paltrinieri S., M. Piergiacomi, N. Contaldo, F.R. De Salvador, A. Bertaccini Indagine sulla presenza di fitoplasmi in Actinidia spp. in Italia centrosettentrionale / Survey to verify phytoplasmas presence in Actinidia spp. in North-Central Italy...pag. 25 Ermacora P., F. Ferrini, M. Martini, F. Pavan, A. Loschi, N. Loi, S. Moruzzi, R. Osler Caratterizzazione biologica e molecolare di un fitoplasma associato alla fillodia della cicoria nel nord-est dell Italia / Biological and molecular characterization of a phytoplasma associated with chicory phyllody in North-East Italy...pag. 29 Gentili A., L. Ferretti, E. Costantini, A. Zoina, L. Cozzolino, P. Spigno, G. Pasquini Rilevamento di flavescenza dorata ceppo FD-D in areali viticoli dell isola di Ischia / Identification of flavescence dorée strain FD-D in viticultural areas of Ischia island (Campania, Italy)...pag. 33 Contaldo N., A. Bertaccini, G. Bozzano, G. Parrella, L. Cavicchi, M.G. Bellardi Infezione da stolbur e virus dell avvizzimento maculato del pomodoro (TSWV) in Lupinus polyphyllus / Mixed infection by stolbur phytoplasmas and tomato spotted wilt virus (TSWV) in Lupinus polyphyllus...pag. 37 Spallino R.E., S. Rizza, C. Marzachì, M. Tessitori Scopazzi della ginestra in Sicilia / Spartium witches broom in Sicily...pag. 41 7

8 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases Bertaccini A., J.F. Mejia, S. Paltrinieri, N. Contaldo, G. Granata Grave deperimento in kentia associato alla presenza di fitoplasmi / A severe kentia decline associated with phytoplasma presence...pag. 45 Marcone C., E. Seemüller Diffusa presenza di scopazzi del melo in impianti familiari in Val d Agri, Basilicata / Widespread occurrence of apple proliferation in low-intensity orchards in Agri valley, Basilicata (Italy)...pag. 49 Quaglino F., P. Casati, Y. Abou-Jawdah, E. Choueiri, M. Molino-Lova, R. Tedeschi, A. Alma, P.A. Bianco Elevata omogeneità genetica in popolazioni di fitoplasmi associati agli scopazzi del mandorlo in Libano / High genetic homogeneity among almond witches broom phytoplasma populations in Lebanon...pag. 53 Salem N.M., F. Quaglino, A. Abdeen, P. Casati, D. Bulgari, A. Alma, P.A. Bianco Prima segnalazione di Candidatus Phytoplasma solani associato a legno nero della vite in Giordania / First report of Candidatus Phytoplasma solani associated with grapevine bois noir disease in Jordan...pag. 57 Costantini E., L. Ferretti, A. Gentili, F. Punelli, G. Pasquini Identificazione di fitoplasmi appartenenti al gruppo 16SrIX-C in piante di Argyranthemum frutescens / Identification of 16SrIX-C phytoplasmas in Argyranthemum frutescens L....pag. 61 TRASMISSIONE DI FITOPLASMI ED INSETTI VETTORI PHYTOPLASMA TRANSMISSION AND INSECT VECTORS Conti M. Fitoplasmi e trasmissione per seme / Phytoplasmas and seed transmission...pag. 67 Mori N., F. Pavan, N. Contaldo, S. Paltrinieri, A. Bertaccini Indagini epidemiologiche su Candidatus Phytoplasma asteris in colza / Candidatus Phytoplasma asteris epidemiology in oil seed rape...pag. 71 Monti M., M. Martini, R. Tedeschi Diagnosi e quantificazione specifiche di Candidatus Phytoplasma mali in insetto mediante EvaGreen real-time PCR / Specific detection and quantification of Candidatus Phytoplasma mali in insect by EvaGreen real-time PCR...pag. 75 8

9 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi Tedeschi R., L. Picciau, F. Quaglino, P. Casati, M. Molino-Lova, Y. Abou-Jawdah, P.A. Bianco, A. Alma Indagini preliminari su insetti vettori di Candidatus Phytoplasma phoenicium in Libano / Preliminary survey on potential insect vectors of Candidatus Phytoplasma phoenicium in Lebanon...pag. 79 Forte V., E. Bortolamai, L. Filippin, E. Angelini, N. Mori Emitteri Auchenorrincha presenti in Ailanthus altissima infetto dal fitoplasma della flavescenza dorata della vite / Auchenorrhyncha fauna living on Ailanthus altissima infected by grapevine flavescence dorée phytoplasma...pag. 83 Mori N., V. Forte, P. Collodel, E. Angelini Sopravvivenza dei diversi stadi di sviluppo di Scaphoideus titanus su Ailanthus altissima / Scaphoideus titanus survival on Ailanthus altissima...pag. 87 Rizza S., V. D Urso, C. Marzachì, M. Tessitori Osbornellus horvathi potenziale vettore di fitoplasmi del gruppo 16SrIX / Osbornellus horvathi potential vector of 16SrIX phytoplasmas...pag. 91 INTERAZIONE FITOPLASMA ED OSPITI INTERACTION AMONG PHYTOPLASMAS AND HOSTS Pacifico D., L. Galetto, S. Abbà, S. Bertin, S. Palmano, M. Rashidi, D. Bosco, G. Firrao, C. Marzachì Risultati preliminari dell espressione genica del fitoplasma del giallume della margherita nella pianta e nell insetto vettore / Preliminary results on gene expression of chrysanthemum yellows phytoplasma in plant and insect vector...pag. 97 Miotti L., R. Musetti, E. Angelini Studi di espressione genica in Catharanthus roseus infetto dal fitoplasma della flavescenza dorata della vite / Gene expression studies on Catharanthus roseus infected by grapevine flavescence dorée phytoplasma...pag. 101 Rashidi M., L. Galetto, F. Veratti, C. Marzachì, D. Bosco Studio in vivo del ruolo delle proteine di membrana di chrysanthemum yellows phytoplasma nella trasmissione con insetti vettori / In vivo assays to test the role of phytoplasma membrane proteins of chrysanthemum yellows phytoplasma on vector acquisition and transmission capabilities...pag. 105 Serwaa R.A., M. Kube, R. Reinhardt, S. Paltrinieri, A. Bertaccini Organizzazione del gene imp in Candidatus Phytoplasma cynodontis / Organisation of the imp-locus in Candidatus Phytoplasma cynodontis...pag

10 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases Nissen L., P. Mattarelli, N. Contaldo, L. Cavicchi, A. Bertaccini, M.G. Bellardi Studio analitico-comparativo sull attività antibatterica di oli essenziali di Monarda fistulosa sana e infetta da fitoplasmi / Comparative analysis of the antibacterial activity of essential oils from healthy and phytoplasma infected Monarda fistulosa...pag. 113 Margaria P., P. Caciagli, A. Ferrandino, A. Schubert, S. Palmano Analisi biochimiche e di espressione genica della via metabolica dei flavonoidi in viti affette da flavescenza dorata e risanate / Transcriptional and metabolic analyses of the flavonoid pathway in flavescence dorée affected and recovered grapevines...pag. 117 EPIDEMIOLOGIA DELLE FITOPLASMOSI EPIDEMIOLOGY OF PHYTOPLASMA DISEASES Punelli F., A. Gentili, E. Costantini, L. Ferretti, G. Pasquini Variabilità molecolare multigenica del fitoplasma stolbur in relazione alla distribuzione geografica sul territorio italiano / MLST variability of stolbur phytoplasmas in relationship with their geographic distribution in Italy...pag. 123 Bertaccini A., S. Paltrinieri, N. Contaldo, E. Gargani, P. Braccini, B. Bagnoli Variabilità genetica di fitoplasmi associati a flavescenza dorata in un vigneto della provincia di Massa Carrara / Genetic variability in phytoplasmas associated with flavescence dorée in a vineyard of the Massa Carrara province (Tuscany, Italy)...pag. 127 Vizzaccaro L., G. Pasquini, E. Costantini, A. Gentili, F. Punelli, L. Ferretti Studio della variabilità molecolare mediante analisi multigenica di Candidatus Phytoplasma mali, Candidatus Phytoplasma prunorum e Candidatus Phytoplasma pyri / Investigation on molecular variability of Candidatus Phytoplasma mali, Candidatus Phytoplasma prunorum and Candidatus Phytoplasma pyri by multilocus sequence analysis...pag. 131 Mejia J.F., L. Zamora, B. Duduk, M.L. Quiñones, A. Bertaccini, N. Contaldo Caratterizzazione molecolare di ceppi di Candidatus Phytoplasma asteris da mais /Molecular characterization of Candidatus Phytoplasma asteris strains from maize...pag. 135 Duduk B., Y. Arocha, J. Mitrović, R. Michelutti, R. Benabid, J. Scott, A. Bertaccini Caratterizzazione molecolare di Candidatus Phytoplasma asteris in ortensia in Canada / Molecular characterization of Candidatus Phytoplasma asteris infecting hydrangea in Canada...pag

11 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi CONTROLLO DELLE MALATTIE ASSOCIATE A FITOPLASMI CONTROL OF PHYTOPLASMA-ASSOCIATED DISEASES Osler R., P. Ermacora, N. Loi, M. Martini, R. Musetti Malattie da fitoplasmi: il recovery e le resistenze acquisite, l epigenetica e la resilienza / Recovery and acquired resistances, epigenetic and resilience...pag. 145 Romanazzi G., S. Murolo, E. Feliziani, L. Landi, V. Mancini Effetti dell applicazione in campo di induttori di resistenza sulle caratteristiche quantitative e qualitative della produzione e sulle infezioni di legno nero della vite / Application of resistance inducers in grapevines affected by bois noir : effects on qualitative and quantitative production parameters...pag. 149 Gonella E., E. Crotti, M. Mandrioli, D. Daffonchio, A. Alma Colonizzazione e trasmissione del batterio acetico Asaia in Scaphoideus titanus Ball, vettore del fitoplasma della flavescenza dorata della vite / Colonization and transmission pathways of the acetic acid bacterium Asaia in Scaphoideus titanus Ball, vector of flavescence dorée phytoplasma to grapevine...pag. 153 Lessio F., A. Alma Influenza dello sviluppo del ritidoma e della termoterapia sulle uova di Scaphoideus titanus Ball / Influence of bark s development and hot water treatment on the eggs of Scaphoideus titanus Ball...pag. 157 Tessari F., N. Mori, F. Quaglino, G. Posenato, P.A. Bianco Possibilità di diffusione del legno nero della vite attraverso il materiale vivaistico / Possibility of grapevine bois noir diffusion through propagation material...pag. 161 Poggi Pollini C., A.R. Babini, M. Dallara, C. Lanzoni, C. Ratti Valutazione di nuove varietà di albicocco nei confronti del giallume europeo delle drupacee (ESFY) mediante l utilizzo di tecniche molecolari / Evaluation of tolerance to European Stone Fruit Yellows (ESFY) of new apricot cultivars with molecular methods...pag. 165 DIAGNOSI DI MALATTIE DA FITOPLASMI PHYTOPLASMA DISEASE DETECTION Pasquini G., A. Bertaccini, P.A. Bianco, P. Casati, E. Costantini, L. Ferretti, A. Gentili, M. Martini, C. Marzachì, S. Palmano, S. Paltrinieri, M. Barba Progetto ARNADIA: definizione di protocolli nazionali di diagnosi per Candidatus Phytoplasma mali e Candidatus Phytoplasma prunorum / ARNADIA project: definition of National diagnostic protocols for Candidatus Phytoplasma mali and Candidatus Phytoplasma prunorum...pag

12

13 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi CULTIVATION OF SEVERAL PHYTOPLASMAS FROM A MICROPROPAGATED PLANT COLLECTION N. Contaldo 1, A. Bertaccini 1, S. Paltrinieri 1, D. Windsor 2, H. Windsor 2 1 DipSA, Patologia vegetale, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, viale G. Fanin 42, Bologna 2 Mycoplasma Experience - Reigate, UK and Introduction The recognition that certain plant diseases were associated with mycoplasmalike structures in the sieve-tubes was first reported by Doi and coworkers in 1967 who extended this observation by confirming possible disease causation, and their similarity to mycoplasmas, by showing that disease symptoms could be ameliorated by treatment with tetracycline (Ishiie et al., 1967). Hitherto, these diseases - referred to as the aster yellows group - had been thought to be caused by viruses. In animals and humans, mycoplasma infections had similarly often been regarded as viral in nature due partly to their filterability through membranes of small pore size but also due to the inability to culture the infectious organism in common bacteriological media. Many workers, mainly plant pathologists rather than mycoplasmologists, took up the challenge to culture these organisms. An early outcome of this effort was the culture of spiroplasmas microorganisms derived from insects capable of causing plant diseases following infection of the sieve tubes. This distinct group of organisms grew readily in mycoplasma media formulations whereas the mycoplasma-like objects (phytoplasmas) did not and a possible reason was that a closer alignment of media to sieve-tube sap composition was required. Morphologically the two groups were quite distinct, spiroplasmas having a spiral structure as the name suggests whereas phytoplasmas were generally pleomorphic. Some reports of successful phytoplasma culture were published (Lombardo and Pignattelli, 1970; Lin et al., 1970; Giannotti and Vago, 1971; Ghosh et al., 1975) but none proved repeatable and as the years of failure increased, hope of cultivation decreased to such an extent that some plant workers came to consider that phytoplasmas were indeed uncultivable (reviewed in Maramorosch, 2011). Over forty years had elapsed since Doi s publication but there were workers who believed culture to be possible and a collaboration was initiated in 2008 between Bologna University and Mycoplasma Experience. Early success was definitely not anticipated and a lengthy process of medium modification/alignment to sieve-tube sap composition was envisaged. 13

14 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases Materials and methods The collaboration started with routine mycoplasma liquid and solid media (lacking thallium acetate) being sent to Bologna for isolation attempts from the micropropagated plant collection infected with phytoplasmas. Several lots of media were sent to Bologna and before any modifications were made to the formulation, evidence of phytoplasma cultivation was obtained (Bertaccini et al., 2010). Sliced midribs, leaf stalks and stems from infected and healthy micropropagated shoots were inoculated into 2 ml volumes of liquid medium and incubated at 26 C. The broth culture inoculated with some stolbur phytoplasma strain (Contaldo et al., 2012) was seen to have a strong acid colour change (yellow as phenol red is the ph indicator) after about 1 to 9 months incubation. The colour change was passaged in fresh liquid medium and the colonies produced on Mycoplasma Experience solid medium were in-keeping with the size and overall shape of mycoplasma colonies. Several other apparent successful isolations did show that, however surprising, culture of phytoplasmas was a reasonable interpretation of the evidence, so it was important to repeat this work in UK laboratories. Phytoplasma infected micropropagated plants were accordingly transferred and culture was repeated. So, despite many failures over the years, why has this effort succeeded with a medium that supported animal mycoplasmas? Here is a list of necessary requirements for phytoplasma cultivation. 1. Plant tissue selected for isolation must contain viable phytoplasmas. 2. Release from the plant tissue of viable phytoplasmas. Disruption of whole plants could release factors inhibitory to growth. Release of phytoplasmas must be achieved from the sieve-tubes in the presence of sieve-tube sap coagulation mechanisms to prevent loss on trauma. 3. Culture media and temperature must be suitable to support growth of the phytoplasma species infecting the chosen plant. Where solid media are chosen for isolation attempts, the atmosphere must also be considered. 4. The incubation period must be of sufficient time to allow evidence of phytoplasma growth to manifest itself. 5. The observer must be able to recognize elements of microbial growth if it occurs. This is not always straight forward and time-consuming inspections of solid media may be required. Inadequacy on any of these points would result in failure so there are many reasons, apart from a suitable medium, that could be responsible for previous failures. It is quite possible that isolations have been made but not recognized as such, or not suitably subcultured for isolation to be confirmed. PCR amplification using phytoplasma specific primers (Gibb et al., 1995; Gundersen and Lee, 1996; Lee et al., 1994; 1995) under previously described conditions (Schaff et al., 1992; Lee et al., 1998) confirmed that the colonies were indeed identical to 14

15 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi the phytoplasmas that were initially transferred to the agar plates. Identification using RFLP analysis and direct sequencing of selected amplicons confirmed phytoplasma identity. Results and discussion Phytoplasmas reveal their presence by turning the medium acid (yellow) and this can often become strongly acid overnight. Endosymbionts, if present, can also cause strong acid colour changes, but on plating these organisms produce large, spreading colonies that cover the entire plate on continued incubation. Filtration of acid broth cultures through 0.8 µm filters can sometimes exclude the endosymbionts whilst allowing through the phytoplasmas. The incubation time required before a phytoplasma induced colour change occurs, as demonstrated by plating and colony development, is extremely variable. Colonies are conveniently detected by observing plates at an overall magnification of X25 with colonial growth commonly occurring in three to seven days. Storage of cultures at -70 C has resulted in stable counts so far mycoplasma suspensions are stable for tens of years at -70 C (death occurs within months at -20 C). Inactivation of phytoplasmas, like mycoplasmas, occurs at temperatures around 50 C to 60 C. Besides the initial seven phytoplasmas (Contaldo et al., 2012), five additional strains were grown: potato witches broom (PWB, ribosomal group 16SrVI-A), witches broom disease of lime (WBDL, ribosomal group 16SrII-B), peach X disease (CX, ribosomal group 16SrIII-A), clover phyllody England (KVE, ribosomal group 16SrI-C), Pichris echioides yellows (PEY, ribosomal group 16SrIX-C). Because PCR confirmation of these latter phytoplasmas is still in progress, they should be regarded as preliminary results. Additional types of phytoplasmas are in the initial isolation stage, but it appears that all the available phytoplasma strains can be cultured. Contrary to the prevailing dogma in plant pathology, therefore, phytoplasmas, like mycoplasmas, can indeed be grown independently from the host(s). The commercial medium used for phytoplasma isolation and cultivation utilizes media available for purchase at Phytoplasmas in vitro Ltd. (Reigate, UK), although their composition is proprietary. From the preliminary cultivation work a patent was submitted (Bertaccini et al., 2012) to cover the commercial exploitation of the methodology. However, research carried out for scientific purposes is not restricted by the patent. Another key point for in vitro cultivation is that micropropagated periwinkle shoots infected with phytoplasmas must be used for initial isolation. These can be obtained from the official collection of phytoplasma strains in micropropagation (http://www.ipwgnet.org/collection.html) and have been available since 1990 (Bertaccini et al., 1992). A major advantage of the procedure is that it makes it possible to obtain a source of phytoplasma cultures from different strains, which may then be compared in order to improve understanding of these microorganisms and their mechanisms of pathogenesis. Possible applications of phytoplasma cultivation include improvement of diagnostic 15

16 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases techniques by allowing the preparation of specific antisera and assessment of compounds/ biochemical agents for inhibition of phytoplasma growth. Selection and screening of plants resistant to phytoplasma infection, as well as the study of the modes of colonization by phytoplasmas of plant and insect vectors, are other possible applications. As a consequence, strategies aiming to treat and/or prevent phytoplasma related plant diseases could be better defined and more effective. In addition, faster production of diagnostic reagents can be achieved, as well as a more detailed knowledge about basic mechanisms that regulate the survival of phytoplasmas, which are among the smallest known living organisms. Key words: phytoplasmas, axenic growth, PCR/RFLP analyses, sequencing Coltivazione di fitoplasmi in substrato axenico utilizzando ceppi mantenuti in collezione mediante micropropagazione Viene descritta la coltivazione in substrato axenico di diversi ceppi di fitoplasmi ottenuta per la prima volta ed utilizzando materiale infetto mantenuto in micropropagazione. Il successo di questa ricerca, dopo oltre 40 anni di tentativi, è dovuto principalmente alla collaborazione fra l Università di Bologna e l azienda inglese che produce substrati per la coltura dei micoplasmi patogeni per uomo ed animali. Dopo tentativi preliminari che avevano fatto capire che i fitoplasmi erano in grado di svilupparsi in maniera autonoma in substrato liquido, è stata messa a punto una metodologia specifica per il prelievo e la coltivazione in substrati liquido e solido che è stata poi brevettata. Fino ad ora è stato possibile ottenere colonie di 12 ceppi di fitoplasmi e precisamente stolbur, ceppo STOL (gruppo ribosomico 16SrXII-A); legno nero, ceppo CH-1 (gruppo ribosomico 16SrXII-A); Chrysanthemym yellows, ceppo CY-TO (gruppo ribosomico 16SrI-B); tomato big bud, ceppo TBB (gruppo ribosomico 16SII-D); pear decline, ceppo PD (gruppo ribosomico 16SrX-C); apple proliferation, ceppo AP-15 (gruppo ribosomico 16SrX-A); poinsettia branching factor, ceppo JR (gruppo ribosomico 16SrIII-J); potato witches broom, ceppo PWB (gruppo ribosomico 16SrVI-A); witches broom disease of lime, ceppo WBDL (gruppo ribosomico 16SrII-B), peach X disease, ceppo CX (gruppo ribosomico 16SrIII-A), clover phyllody, ceppo KVE (gruppo ribosomico 16SrI-C) e Pichris echioides yellows, ceppo PEY (gruppo ribosomico 16SrIX-C). Da quanto fatto si ipotizza che tutti i fitoplasmi possano essere coltivati su questo substrato o su sue varianti. La conferma dell avvenuto isolamento viene ottenuta mediante l osservazione delle colonie al microscopio ottico a 25 ingrandimenti e l analisi dell acido nucleico estratto dalle colonie seguita da saggio PCR. L impiego di primers ribosomici e non, specifici per i diversi fitoplasmi, seguita dall analisi RFLP e dal sequenziamento degli ampliconi ottenuti hanno confermato che non vi sono rilevanti variazioni nelle sequenze studiate degli acidi nucleici rispetto ai ceppi originali identificati nelle piante ospiti. 16

17 Petria 23 (1), (2013) - VI Incontro Nazionale sui Fitoplasmi e le Malattie da Fitoplasmi Le ricadute a livello scientifico e pratico di questo lavoro vanno dalla possibilità di soddisfare i postulati di Koch, chiarendo i ruolo di questi patogeni nelle malattie ad essi associate, alle prospettive di produzione di specifici reagenti per kit diagnostici di rapida e facile applicazione, fino allo studio di possibili resistenze ai diversi patogeni. Parole chiave: fitoplasmi, cultura axenica, analisi PCR/RFLP, sequenziamento Lavori citati / References Bertaccini a., r.e. Davis, i-m. Lee, In vitro micropropagation for maintenance of mycoplasmalike organisms in infected plant tissues. Horticultural Science, 27(9), Bertaccini a., n. contaldo, a. calari, s. PaLtrinieri, H.M. WinDsor, D. WinDsor, Preliminary results of axenic growth of phytoplasmas from micropropagated infected periwinkle shoots. 18th Congress IOM, Chianciano Terme, Italy abstr. P-147, page 153. Bertaccini a., n. contaldo, D.G. WinDsor, Method for culturing phytoplasma. Pct/Ib2012/052965, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna - Phytoplasmas In Vitro Ltd. contaldo n., a. Bertaccini, s. PaLtrinieri, H.M. WinDsor, D.G. WinDsor, Axenic culture of plant pathogenic phytoplasmas. Phytopathologia Mediterranea, 51(3), Doi Y., M. teranaka, k. Yora, H. asuyama, Mycoplasma or PLT grouplike microrganisms found in the phloem elements of plants infected with mulberry dwarf, potato witches broom, aster yellows or pauwlonia witches broom. Annals Phytopathological Society Japan, 33, GHosH s.k., s.p. raychaudhuri, v.v. chenulu, a. varma, Isolation, cultiavation and characterization of mycoplasma-like organisms from plants. Proceedings of the Indian National Science Academy, 41B(4), Giannotti J., c. vago, Role des mycoplasmes dans l étiologie de la phyllodie du trèfle: culture et transmission expérimentale de la maladie. Physiologie vegetale, 9, GiBB k.s., a.c. PaDovan, B.D. MoGen, Studies on sweet potato little-leaf phytoplasma detected in sweet potato and other plant species growing in Northern Australia. Phytopathology, 85, GunDersen D.e., i-m. Lee, Ultrasensitive detection of phytoplasmas by nested- PCR assays using two universal primer pairs. Phytopathologia Mediterranea, 35, contaldo n., a. Bertaccini, s. PaLtrinieri, H.M. WinDsor, G.D. WinDsor, Axenic culture of plant pathogenic phytoplasmas. Phytopathologia Mediterranea, 51(3),

18 Petria - VI Italian Meeting on Phytoplasmas and Phytoplasma Diseases ishiie t., Y. Doi, k. Yora, H. asuyama, Suppressive effects of antibiotics of tetracycline group on symptom development of mulberry dwarf disease. Annals Phytopathological Society Japan, 33, Lee i-m., D.e. GunDersen, r.w. HaMMonD, r.e. Davis, Use of mycoplasmalike organism (MLO) group-specific oligonucleotide primers for nested-pcr assays to detect mixed-mlo infections in a single host plant. Phytopathology, 84, Lee i-m., a. Bertaccini, M. vibio, D.e. GunDersen, Detection of multiple phytoplasmas in perennial fruit trees with decline symptoms in Italy. Phytopathology, 85, Lee i-m., D.e. GunDersen-rinDaL, a. Bertaccini, Phytoplasma: ecology and genomic diversity. Phytopathology, 88, Lin s.c., c.s. Lee, r.j. chin, Isolation and cultivation of, and inoculation with a mycoplasma causing white leaf disease of sugarcane. Phytopathology, 60, LoMBarDo G., P. PiGnatteLLi, Cultivation in a cell-free medium of a mycoplasmalike organism from Vinca rosea with phyllody symptoms on the flowers. Annals of Microbiology, 20, MaraMoroscH k., Historical reminiscences of phytoplasma discovery. Bulletin of Insectology, 64(Supplement), S5-S8. schaff D.a., i-m. Lee, r.e. Davis, Sensitive detection and identification of mycoplasmalike organisms by polymerase chain reactions. Biochemical Biophysical Research Communications, 186,

19 NUOVE MALATTIE E MALATTIE DA QUARANTENA new and Quarantine PHYtoPLasMa Diseases

20

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Legno nero: interazioni vite fitoplasma e fenomeno del recovery

Legno nero: interazioni vite fitoplasma e fenomeno del recovery Legno nero: interazioni vite fitoplasma e fenomeno del recovery Rita Musetti Department of Agricultural and Environmental Sciences, University of Udine via delle Scienze, 208 I-33100 Udine, Italy Rita.Musetti@uniud.it

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

MAP-BASED CLONING OF RESISTANCE GENE HOMOLOGUES IN THE Vf -REGION OF THE APPLE (Malus sp.)

MAP-BASED CLONING OF RESISTANCE GENE HOMOLOGUES IN THE Vf -REGION OF THE APPLE (Malus sp.) Diss. ETH Nr. 13793 MAP-BASED CLONING OF RESISTANCE GENE HOMOLOGUES IN THE Vf -REGION OF THE APPLE (Malus sp.) A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZÜRICH For the degree

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes DISS. T N. 21754 Synthesis and eactivity of lica-grafted idium incer Complexes A dissertation submitted to T ZUIC for the degree of DCT F SCINCS resented by MATIN IMLDI Dottore magistrale in Scienze Chimiche,

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

What drives memory T cell inflation during MCMV infection?

What drives memory T cell inflation during MCMV infection? DISS. ETH Nr. 19895 What drives memory T cell inflation during MCMV infection? DISSERTATION for the degree of DOCTOR OF SCIENCES of the ETH ZURICH presented by NICOLE TORTI Dipl. Natw. ETH Born 15.06.1983

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Prodotto Isi Web Knowledge

Prodotto Isi Web Knowledge Guida pratica all uso di: Web of Science Prodotto Isi Web Knowledge acura di Liana Taverniti Biblioteca ISG INMP INMP I prodotti ISI Web of Knowledge sono basi di dati di alta qualità di ricerca alle quali

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie

Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie Maurizio Sattin CNR -Istituto di Biologia Agro-ambientale e Forestale (IBAF), Legnaro Gruppo Italiano sulla Resistenza agli Erbicidi Gli erbicidi

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

I RISCHI DA AGENTI CHIMICI NELLE COLTIVAZIONI IN SERRA

I RISCHI DA AGENTI CHIMICI NELLE COLTIVAZIONI IN SERRA I RISCHI DA AGENTI CHIMICI NELLE COLTIVAZIONI IN SERRA Dr.Calliera Maura Università Cattolica del sacro Cuore di Piacenza Verona 14 gennaio 2014 1 Le colture protette Per coltura protetta s'intende la

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli