VALUTAZIONE DI UNO SCHEMA CONSORTILE DI TRATTAMENTO E GESTIONE DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI NELL AMBITO DEL PROGETTO LIFE+ MANEV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DI UNO SCHEMA CONSORTILE DI TRATTAMENTO E GESTIONE DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI NELL AMBITO DEL PROGETTO LIFE+ MANEV"

Transcript

1 Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, settembre 2011 memoria n. VALUTAZIONE DI UNO SCHEMA CONSORTILE DI TRATTAMENTO E GESTIONE DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI NELL AMBITO DEL PROGETTO LIFE+ MANEV G. Cocolo 1,F. Perazzolo 1, A. Finzi 1 (1) Dipartimento di Ingegneria Agraria, Università degli Studi di Milano SOMMARIO La crescente intensificazione dei sistemi colturali e zootecnici porta ad un aumento dell impatto ambientale legato alle attività agricole. Al fine di minimizzare i diversi problemi ambientali legati alla gestione degli effluenti sono state sviluppate diverse tecnologie di trattamento e differenti strategie di gestione degli effluenti. Tuttavia l individuazione delle soluzioni maggiormente idonee al contesto aziendale deve tenere in considerazione sia le caratteristiche dell azienda sia le proprietà dell area in cui essa è localizzata e dei sistemi colturali presenti. Per tale motivo, sono necessari degli strumenti di supporto alle decisioni che consentano di identificare le soluzioni di gestione e trattamento migliori, tenendo presenti tutti i fattori. La presente ricerca che si svolge nell ambito del progetto LIFE MANEV, si pone dunque l obiettivo di: monitorare impianti di trattamento di diversa tipologia e di utilizzare i dati raccolti per la realizzazione di un modello matematico da utilizzare come strumento di supporto alle decisioni in modo da uniformare in tutti i paesi i criteri di scelta. Parole chiave: DSS, Impianto consortile, Digestione anaerobica, SBR. 1 INTRODUZIONE L impatto ambientale delle zone ad elevata densità di allevamenti zootecnici porta a un deterioramento qualitativo dell aria, dell acqua e del suolo (fosfati e metalli pesanti). Inoltre, la cattiva gestione degli effluenti di allevamento accresce l emissione di odori molesti e il rischio di trasmissione delle malattie (Burton e Turner, 2003). Di particolare importanza sono le emissioni di protossido d azoto (N 2 O), metano (CH 4 ) e ammoniaca (NH 3 ) in atmosfera e di nitrati (NO 3 ) e fosforo verso i corsi d acqua superficiali e in acque sotterranee, contribuendo all effetto serra, all acidificazione, all eutrofizzazione e all aumento dei nitrati nelle acque. L agricoltura è la principale fonte di emissione dei tre gas, per i quali sono stati fissati degli obiettivi di riduzione a livello nazionale, in conformità alle normative vigenti a livello europeo (91/676/CEE, 2010/75/UE). Gli sforzi per la valorizzazione dei nutrienti contenuti negli effluenti zootecnici per le produzioni colturali potrebbero (i) ridurre efficacemente alcuni problemi di inquinamento, (ii) contribuire alla fertilizzazione delle colture e (iii) ridurre il bisogno di fertilizzanti minerali. Tale sostituzione permetterebbe anche un risparmio di energia

2 G. Cocolo, F. Perazzolo, A. Finzi dato dalla riduzione nell utilizzo di combustibili fossili usati durante la produzione industriale dei fertilizzanti (Ceotto, 2005; McLaughling et al., 2000). Tuttavia, vaste unità produttive possono anche significare un maggior utilizzo dell energia per il trasporto degli effluenti per la loro distribuzione in campo, e un aumento del rischio di diffusione di malattie negli allevamenti. Nelle zone con surplus di azoto, dove l uso diretto dei liquami come fertilizzanti organici non è possibile, la sfida consiste nel rendere gli effluenti trasportabili. Al fine di minimizzare i diversi problemi ambientali legati alla gestione degli effluenti, sono state sviluppate diverse tecnologie di trattamento. Esse consentono di rispondere ad alcune delle problematiche ambientali legate alla gestione dei reflui zootecnici e, pertanto, possono essere inserite in uno schema di gestione molto più ampio. Tuttavia, l individuazione delle soluzioni maggiormente idonee al contesto aziendale deve tenere in considerazione sia le caratteristiche dell azienda, sia le proprietà dell area in cui essa è localizzata e dei sistemi colturali presenti (Petersen et al., 2007). Per tale motivo, sono necessari degli strumenti di supporto alle decisioni che consentano di identificare le soluzioni di gestione e trattamento migliori, tenendo presenti tutti i fattori sopra considerati. In questo contesto, modelli matematici possono essere utilizzati come uno strumento efficiente per la scelta delle strategie di trattamento. Sono già stati proposto differenti modelli che consentono di prevedere le performance di diverse tecniche di trattamento, quali il modello ADM per la digestione anaerobica (Wichern et al., 2008) o il modello ASM per il processo di nitrificazionedenitrificazione e gli SBR (Henze et al., 2000; Magrì et al., 2008). Tuttavia, ad oggi pochi sono ancora i modelli che riescono a considerare l intera linea di trattamento (ex. digestione anaerobica separazione SBR). Per un completo processo decisionale, i DSS dovrebbero fornire indicazioni relative all impatto ambientale dell intero processo di gestione degli effluenti. Diverse metodologie sono state sviluppate per la valutazione degli impatti ambientali dei prodotti o dei sistemi di produzione. Tra questi, LCA (Life Cycle Assessment) si è dimostrato un valido strumento per la valutazione ambientale dei sistemi agricoli. Con questo approccio, i potenziali impatti ambientali di un prodotto sono valutati attraverso la quantificazione e la stima delle risorse consumate e delle emissioni verso l ambiente durante il suo ciclo vitale (dall estrazione delle risorse, attraverso la produzione dei materiali e del prodotto stesso, l uso del prodotto, il suo riutilizzo o il suo smaltimento) (Guinée et al., 2002). Con lo scopo di verificare questi aspetti in soluzioni gestionali reali e realizzare sulla base di dati di monitoraggio, è stato avviato il progetto Evaluation of manure management and treatment technology for environmental protection and sustainable livestock farming in Europe (MANEV), finanziato nell ambito del programma LIFE della Comunità Europea. 2 PROGETTO LIFE+ MANEV Il progetto si pone come intento quello di valutare le tecnologie di gestione e trattamento del liquame per la protezione ambientale e per lo sviluppo di una zootecnia sostenibile in Europa (MANEV). Principali obiettivi del progetto LIFE+ sono: Dimostrare che sia l utilizzo di una tecnologia di trattamento dei reflui sia uno schema di gestione corretto dal punto di vista ambientale possono contribuire a una

3 Valutazione di uno schema consortile di trattamento e gestione degli effluenti zootecnici riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (GHG) e, simultaneamente, migliorare la sostenibilità degli allevamenti. Migliorare la sostenibilità degli allevamenti suinicoli mediante l impiego di tecnologie di trattamento dei reflui in differenti zone d Europa sature o con surplus nella produzione di reflui. Unificare i criteri per la valutazione dei diversi sistemi di trattamento dei reflui e degli schemi di gestione (principalmente per il settore suinicolo). Sviluppare un protocollo comune per tutte le diverse zone europee, che definisce la valutazione delle tecnologie di trattamento e degli schemi di gestione dei reflui considerando fattori ambientali, tecnologici, energetici, economici, legali e sanitari. Sviluppare un sistema di supporto alle decisioni e alla pianificazione per valutare le diverse strategie di trattamento e gestione dei reflui che possa essere utilizzato da istituzioni, associazioni, amministrazioni e che offra inoltre informazioni sulle singole aziende. Determinare la potenziale ottimizzazione dei sistemi di trattamento e degli schemi di gestione analizzati. Definire le proprietà fertilizzanti dei reflui direttamente applicati e di ogni effluente trattato, allo scopo di ottenere un reale valore di mercato. Valutare le abilità tecniche (know-how) delle tecnologie di trattamento e dei metodi di gestione, così come i loro punti di forza e di debolezza, all interno dei diversi Stati e aree in Europa. Diffondere la conoscenza riguardo ai diversi metodi e tecnologie di trattamento dei reflui tra allevatori e portatori di interesse. Al fine di dimostrare il contributo nella riduzione dei GHG e per migliorare la sostenibilità delle aziende, saranno valutate 13 differenti tecnologie di trattamento e di gestione degli effluenti, localizzati in otto differenti zone con eccedenze azotate appartenenti a quattro stati europei (Spagna, Italia, Danimarca e Polonia). La valutazione sarà sviluppata mediante un protocollo comune che sarà elaborato da tutti i beneficiari (Tabella 1). Questo protocollo unificherà i criteri e gli indicatori riguardanti gli aspetti ambientali, tecnici, economici, energetici, legali e relativi alla salute umana e animale. Ogni partner è ora coinvolto in un attività di monitoraggio e valutazione di impianti di trattamento e di linee di gestione dei reflui in accordo al protocollo comune. Un risultato di questa analisi sarà la valutazione ambientale per ogni processo, che include i tre potenziali di inquinamento (riscaldamento globale, eutrofizzazione e acidificazione), nonché gli aspetti energetici ed economici. I risultati della valutazione saranno utilizzati per la realizzazione di un software, che sarà sviluppato durante il progetto, da utilizzare come strumento di supporto alle decisioni e per la pianificazione. Durante il periodo di dimostrazione verrà prestata particolare attenzione agli aspetti sociali, come la ricettività degli allevatori alle opzioni di trattamento dei reflui in funzione di (i) costi, (ii) regolamentazioni e (iii) sostenibilità.

4 G. Cocolo, F. Perazzolo, A. Finzi PARTNER Sodemasa Università di Aahrus (Danimarca) SCHEMA DI GESTIONE TRATTAMENTO/ GESTIONE SUBSTRATI Scala reale consortile AD + BT (N/DN) Scala reale consortile AD + BT (N/DN) Impianto a scala reale Impianto pilota (scala aziendale) Separazione (flocculazione) + Strippaggio + AD Reattore AF Università di Milano Scala reale consortile AD + BT (SBR) CRPA (Italia) GIRO ITACyL CSIC Warmia-Masuria (Polonia) Impianto pilota (scala aziendale) Impianto centralizzato Scala aziendale Impianto pilota (scala aziendale) Scala aziendale Scala aziendale AD + Processo Sharon AD + BT (N/DN) (effluente liquido nelle fogne pubbliche) AD + Separazione (centrifuga verticale) AD + Strippaggio dell ammoniaca AD + Compostaggio Separazione (flocculazione + coagulazione) + BT (N/DN) Effluenti (suino, bovino, avicolo), scarti agroindustriali (categoria 3) e bovino o bovino Liquame bovino Co-substrato frazione vegetale Scala aziendale Compostaggio Scala reale Uso diretto del refluo come fertilizzante organico AD: Digestione Anaerobica; BT: Trattamento Biologico; N/DN: nitrificazione/denitrificazione; AF: Filtro Anaerobico; SBR: Sequencing Batch Reactor. Tabella 1. Partner del progetto e tecnologie di trattamento e gestione degli effluenti che verranno valutate nell ambito del progetto MANEV. 3 SISTEMA DI TRATTAMENTO CONSORTILE Nell ambito del progetto MANEV il Dipartimento di Ingegneria Agraria si occuperà di un impianto di trattamento cooperative localizzato in provincia di Bergamo, in un area caratterizzata dalla presenza di allevamenti intensivi e classificata come zona vulnerabile ai nitrati (ZVN) secondo la Direttiva Nitrati. L impianto (Figura 1) raccoglie i reflui prodotti da dieci aziende (suini, bovini e avicoli) e dodici centri aziendali, che vengono convogliati all impianto mediante pompaggio, per l azienda più vicina all impianto, o trasportati mediante un carrobotte. Il liquame viene dapprima trattato in una sezione di digestione anaerobica per il recupero di biogas da effluenti zootecnici (liquami suini e bovini, letame, pollina) e biomasse (silomais, silosorgo e triticale). Successivamente, l effluente digestato viene convogliato in un impianto di rimozione dell azoto per nitrificazione-denitrificazione sequenziale (SBR) per la rimozione biologica dell azoto. Tra i due trattamenti è inserita una fase di separazione solido-liquido mediante compressione elicoidale, al fine di

5 Valutazione di uno schema consortile di trattamento e gestione degli effluenti zootecnici ridurre le particelle più grossolane, rendendo le caratteristiche chimico-fisiche dell effluente adeguate al successivo trattamento con SBR. manure biogas separator Co-generator Reception pit Liquid fraction Solid fraction To storage and land spreading Figura 1. Schema dell impianto di trattamento cooperativo oggetto di monitoraggio da parte del Dipartimento di Ingegneria Agraria. L impianto di trattamento verrà monitorato per due anni al fine di ottenere dati relativi alle variazioni stagionali e agli eventi di malfunzionamento del processo. Le attività di monitoraggio riguarderanno le seguenti attività: Raccolta delle informazioni relative alle aziende collegate all impianto, compresa la disponibilità di terreno e i sistemi colturali presenti; Analisi del progetto dell impianto e definizione dei parametri del processo; Implementazione dei sistemi di monitoraggio (portate, produzione di biogas, produzione di energia, efficienza di rimozione dell azoto, distribuzione al suolo); Monitoraggio delle operazioni a lungo termine e dei sistemi di gestione dei reflui (dall escrezione allo spandimento). Registrazione dei problemi incontrati e degli aspetti pratici della gestione; Il monitoraggio dei dati operativi fornirà un set di dati giornaliero; I volumi di reflui trasportati saranno misurati, dove possibile, mediante strumentazioni on-line, oppure mediante registrazioni e tracciati GPS; L impianto di trattamento sarà monitorato mediante dei sensori on-line per registrare i flussi, e i principali parametri del processo, come la produzione di biogas, il contenuto di CH 4 e CO 2 del biogas, ph e potenziale redox; Valutazione delle prestazioni ambientali del processo, basato sul bilancio di equivalenti di CO 2. Le perdite in aria di azoto (ammoniaca e perossido di azoto) e di GHG verranno quantificate mediante calcoli; Valutazione tecnica e economica delle prestazioni del sistema di gestione. 4 PRIMI RISULTATI DEL MONITORAGGIO Nel mese di aprile 2010 è stato avviata una prima fase di monitoraggio dell impianto, focalizzato principalmente sulle fasi di digestione anaerobica e

6 G. Cocolo, F. Perazzolo, A. Finzi separazione solido-liquido. I dati raccolti riguardano soprattutto i rilevamenti in entrata e in uscita dalle diverse fasi dell impianto, nonché le temperature dei digestori (in media di 39 C), la corrente prodotta, la qualità del biogas prodotto, composto in media dal 54% di metano, 45% di anidride carbonica 0.29% di ossigeno e 0.009% di acido solfidrico). I valori medi dei dati finora raccolti sono riportati nello schema di figura 2. Figura 2. Bilancio di massa e kwh/giorno prodotti dalla digestione anaerobica. 5 CONCLUSIONI I dati raccolti durante il monitoraggio dell impianto consortile consentiranno di ottimizzare il processo combinato di digestione anaerobica e rimozione biologica dell azoto. I dati verranno inoltre utilizzati per la definizione e la validazione di un modello di simulazione dell intero sistema, comprendendo non solo il trattamento, ma anche il trasporto e la distribuzione in campo dell effluente trattato. Il modello definito consentirà inoltre di valutare le prestazioni ambientali e gli aspetti tecnico-economici del sistema consortile. Il monitoraggio e la valutazione verranno eseguite secondo un protocollo comune, definito nell ambito del progetto MANEV in accordo con tutti i partner, che permetta di formulare degli indicatori unici per tutti gli stati partecipanti relativi all impatto ambientale, tecnico, energetico, economico e legale delle diverse tecnologie considerate. I risultati della valutazione in scala reale delle differenti tecniche e della gestione sopra menzionata riguarderanno i seguenti aspetti: (1) Emissione di Gas Effetto Serra, (2) Eutrofizzazione, (3) Acidificazione, (4) Bilancio energetico, (5) Fattibilità economica, (6) Salute, (7) Struttura legale, (8) Compatibilità sociale. Il modello definito sarà infine inserito in uno strumento di supporto e di pianificazione, che sarà in grado di selezionare e progettare un sistema ottimale per la gestione del liquame, scegliendolo tra tutte le tecnologie convenzionali e non, in accordo con le condizioni locali della zona considerata. Lo strumento verrà validato attraverso la simulazione in due zone del progetto, la provincia di Warmia-Masuria (Polonia) e Murcia.

7 Valutazione di uno schema consortile di trattamento e gestione degli effluenti zootecnici I risultati così ottenuti in questo progetto si potrà contribuire allo sviluppo di un programma per la riduzione delle emissioni dei gas effetto serra, in accordo al Protocollo di Kyoto. Inoltre sarà possibile definire standard comuni di qualità per determinare il potere fertilizzante del liquame e degli effluenti in uscita dai trattamenti. BIBLIOGRAFIA Burton, C.H. The potential contribution of separation technologies to the management of livestock manure, Livestock Science, 2007, 112, Ceotto, E. The issues of energy and carbon cycle: new perspectives for assessing the environmental impact of animal waste utilization. Bioresource Technology, 2005, 96, Guinée, J.B., Gorrée, M., Heijungs, R., Huppes, G., Kleijin, R., de Koning, A., van Oers, L., Wegener Sleeswijk, A., Suh, S., Udo de Heas, H.A., de Brujin, H., van Duin, R., Huijbregts, M.A.J.,. Life Cycle Assessment. An Operational Guide to ISO Standards. Centre of Environmental Science, Leiden, The Netherlands, Henze, M., Gujer W., Mino T., van Loosdrecht, M Activated sludge models ASM1, ASM2, ASM2d and ASM3. Scientific and Technical Report, 9, IWA Publishing, London, UK. Magrì, A., Flotats, X Modelling of biological nitrogen removal from the liquid fraction of pig slurry in a sequencing batch reactor. Biosystems engineering, 101, McLaughlin, J. W., Gale, M. R., Jurgensen, M. F., Trettin, C. C. Soil organic matter and nitrogen cycling in response to harvesting, mechanical site preparation, and fertilization in a wetland with a mineral substrate, Forest Ecology and Management, 2000, 129, Møller, H.B., Sommer, S.G., Ahring, B.K.. Separation efficiency and particle size distribution in relation to manure type and storage conditions, Bioresource Technology, 2002, 85, Obaja, D., Macé, S., Mata-Alvarez, J Biological nutrient removal by a sequencing batch reactor (SBR) using an internal organic carbon source in digested piggery wastewater. Bioresource Technology, 2005, 96, Petersen, S.O., Sommer, S.G., Béline, F., Burton, C., Dach, J., Dourmad, J.Y., Leip, A., Misselbrook, T., Nicholson, F., Poulsen, H.D., Provolo, G., Sørensen, P., Vinnerås, B., Weiske, A., Bernal, M.-P., Böhm, R., Juhász, C., Mihelic, R. Recycling of livestock manure in a whole-farm perspective, Livestock Science, 2007, 112, Petit, J., van der Werf, H.M.G. Perception of the environmental impacts of current and alternative mode of pig production by stakeholder groups, J. Environ. Manage., 2003, 68, Wichern, M., Lubken, M., Horn, H., Schlattmann, M., Gronauer, A Investigations and mathematical simulation on decentralized anaerobic treatment of agricultural substrate from livestock farming. Water Science and Technology, 58 (1),

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

Le attività condotte da CRPA e i risultati più significativi

Le attività condotte da CRPA e i risultati più significativi Valutazione delle tecniche di gestione e di trattamento degli effluenti zootecnici per la protezione ambientale e per lo sviluppo di una zootecnia sostenibile in Europa CONVEGNO NAZIONALE Il progetto Life

Dettagli

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici P. BALSARI, E. Dinuccio Università degli Studi di Torino D.I.S.A.F.A - Meccanica Agraria e-mail: paolo.balsari@unito.it Il patrimonio zootecnico italiano

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali

Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali 4 dicembre 2014 - Carpaneta Silvia R. Motta - ERSAF IMPIANTI DI BIOGAS IN LOMBARDIA 2014 380 impianti 290 Mwe 250 Separatori solido

Dettagli

Bilanci di CO2 eq in agricoltura e possibilità di miglioramento offerte dalle nuove tecnologie. Arpa Piemonte - Dipartimento Provinciale di Cuneo

Bilanci di CO2 eq in agricoltura e possibilità di miglioramento offerte dalle nuove tecnologie. Arpa Piemonte - Dipartimento Provinciale di Cuneo Bilanci di CO2 eq in agricoltura e possibilità di miglioramento offerte dalle nuove tecnologie Arpa Piemonte - Dipartimento Provinciale di Cuneo Silvio Cagliero Enrico Brizio Torino, 17 novembre 2011 Aspetti

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it Dessì Alessandro Cagliari 12 Marzo 2009 Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it IL LABORATORIO BIOMASSE E BIOCOMBUSTIBILI Il laboratorio è stato realizzato nell ambito del Cluster Tecnologico

Dettagli

Il digestato: aspetti tecnici e normativa

Il digestato: aspetti tecnici e normativa tecnici e normativa USO DEL DIGESTATO PER IL MANTENIMENTO DELLA FERTILITÀ DEI TERRENI Paolo Mantovi Centro Ricerche Produzioni Animali Giovedì 14 Marzo 2013 - Ore 14,00 Sala Convegni Azienda Sperimentale

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO PROGETTO NITRANT 2014 Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

11ª GIORNATA PAVER Lunedì 20 Giugno 2011

11ª GIORNATA PAVER Lunedì 20 Giugno 2011 11ª GIORNATA PAVER Lunedì 20 Giugno 2011 I trattamenti per la riduzione-delocalizzazione dell azoto. Un analisi tecnico-economica delle principali soluzioni oggi disponibili. Pierluigi Navarotto Università

Dettagli

Biometano. Che cos è il biometano? Produrre il Biometano

Biometano. Che cos è il biometano? Produrre il Biometano Biometano Che cos è il biometano? Il termine Biometano si riferisce a un biogas che ha subito un processo di raffinazione per arrivare ad una concentrazione di metano del 95% ed è utilizzato come biocombustibile

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 INDICE La Digestione Anaerobica (DA) Il Sistema incentivante L opportunità per

Dettagli

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione La fertilizzazione con effluenti organici da fermentazione anaerobica: proposta metodologica a scala comprensoriale Luca Bechini, Pietro Marino, Fabrizio Mazzetto * e Tommaso Maggiore luca.bechini@unimi.it

Dettagli

Servizio BIOGAS Analisi, fattibilità, installazione e pratiche CHIAVI IN MANO

Servizio BIOGAS Analisi, fattibilità, installazione e pratiche CHIAVI IN MANO Servizio BIOGAS Analisi, fattibilità, installazione e pratiche CHIAVI IN MANO Informativa L impianto di produzione BIOGAS Via Dante Alighieri 60-25037 PONTOGLIO (BS) via Caduti di Nassirya n 56 ROMANO

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

Biogas: La valorizzazione degli scarti di lavorazione nei caseifici Perugia, 04 marzo 2010

Biogas: La valorizzazione degli scarti di lavorazione nei caseifici Perugia, 04 marzo 2010 WÉààÉÜx TzÜÉÇÉÅÉ fàxytçé eéá Ç Biogas: La valorizzazione degli scarti di lavorazione nei caseifici Perugia, 04 marzo 2010 2 Obiettivo dell incontro Descrivere le potenzialità del BIOGAS applicato ai caseifici

Dettagli

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici Costante M. Invernizzi Università degli Studi di Brescia costante.invernizzi@unibs.it 28 ottobre 2008 Outline 1 La gestione dei reflui zootecnici 2 Il

Dettagli

Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici

Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici Gestione dei reflui zootecnici Problematiche ambientali Paolo BALSARI DEIAFA Sez.. di meccanica Università degli

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

IL BIOGAS. Corso di informazione sulle fonti di energia rinnovabile

IL BIOGAS. Corso di informazione sulle fonti di energia rinnovabile IL BIOGAS Corso di informazione sulle fonti di energia rinnovabile La digestione anaerobica La digestione anaerobica è un processo biologico grazie al quale, in condizioni di anaerobiosi la sostanza organica

Dettagli

economia e politica agraria

economia e politica agraria Il progetto europeo LIFE Seq-Cure: Sistemi integrati per accrescere il sequestro di carbonio attraverso la produzione di colture energetiche fertilizzate con residui organici A cura di CRPA 1 ed Agronomica

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

AUSTEP tra esperienza e innovazione

AUSTEP tra esperienza e innovazione biogas impianti AUSTEP tra esperienza e innovazione Dal 1995 AUSTEP progetta e realizza impianti di trattamento anaerobici per il settore industriale. In seguito ai recenti cambiamenti ambientali e alle

Dettagli

Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure

Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure Convegno Dall agricoltura e dalla silvicoltura nuove energie da fonti rinnovabili, Bomporto (MO) 24 Novembre 2006 Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure G. Bonazzi S.Piccinini - C. Fabbri - P. Mantovi CRPA

Dettagli

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI Ravenna 26 settembre 2012 Austep SpA Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com AUSTEP opera dal 1995 con

Dettagli

BonusBiogas: azoto e CAR

BonusBiogas: azoto e CAR BonusBiogas: azoto e CAR C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Tecnologie per la concentrazione e la riduzione dell'azoto (Parte I) Verona, 21 marzo 2013 Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

www.regione.lombardia.it Modelli gestionali per l'uso sostenibile degli effluenti di allevamento GEA

www.regione.lombardia.it Modelli gestionali per l'uso sostenibile degli effluenti di allevamento GEA Dipartimento di Ingegneria Agraria www.regione.lombardia.it Modelli gestionali per l'uso sostenibile degli effluenti di allevamento GEA Quaderni della ricerca n. 104 settembre 2009 Studio condotto nell

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Università degli studi Federico II di Napoli

Università degli studi Federico II di Napoli Università degli studi Federico II di Napoli Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corso di Laurea in INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli Sala Bach 13/10/2011 Sessione C6H6 Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Prof. Aurelio Pietro Stefanelli

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi

Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi Attività finanziata dalla Regione Veneto nell ambito del progetto Riducareflui Riassunto

Dettagli

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp NOI LO RENDIAMO FACILE Impianti NOVA da 50 a 300 kwp Nozioni processo biologico Formazione biogas Materiale organico batteri Calore, assenza di ossigeno Composizione: CH 4 : 46 68 Vol-% CO 2 : 30 50 Vol-%

Dettagli

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539/5536 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore:

Dettagli

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA La gestione della frazione organica dei rifiuti con digestione anaerobica: energia e fertilizzanti rinnovabili GRUPPO RICICLA Università degli Studi di Milano via Celoria 2, 20133 Milano

Dettagli

Nuove strade per smaltire gli effluenti zootecnici

Nuove strade per smaltire gli effluenti zootecnici SISTEMI INTEGRATI AEROBICI E ANAEROBICI Nuove strade per smaltire gli effluenti zootecnici Nel Modenese e nel Padovano due esempi di impianti che integrano diverse tecnologie per gestire in modo efficiente

Dettagli

Biogas, l importanza di una buona codigestione

Biogas, l importanza di una buona codigestione Workshop Rassegna suinicola di Cremona - Italpig 19 edizione Claudio Fabbri, Mirco Garuti Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 30 Ottobre 2015 Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A.

Dettagli

PTI Distretto delle Valli Olimpiche, del Pinerolese e della Val Sangone

PTI Distretto delle Valli Olimpiche, del Pinerolese e della Val Sangone [B1.3.2] Indagine pilota per la realizzazione di piccoli impianti modulari a basso costo per la gestione anaerobica dei reflui e produzione di biogas per centrali termiche aziendali REGIONE PIEMONTE BANDO

Dettagli

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu AirClare AirClare AirClare è un nuovo metodo per la purificazione dell aria in ambienti industriali e agricoli. Il sistema è stato ideato e brevettato per poter recuperare e riciclare le sostanze chimiche

Dettagli

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Seminario tecnico Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Allevamento suinicolo sostenibile Monticelli Terme (PR), 9 settembre 2015 Lorella Rossi, Centro

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai Seminario biomassa da rifiuti Tecnologie per la produzione di biogas ed energia prof. ing. Antonio Lallai Dipartimento di Ingegneria Chimica e Materiali Università degli S tudi di Cagliari 1 Che cos è

Dettagli

Agroenergie Bergamasche s.c.a.

Agroenergie Bergamasche s.c.a. Agroenergie Bergamasche s.c.a. Come adeguarsi alla Normativa Nitrati producendo reddito. Dott. Agronomo Emanuele Cattaneo Decreto Interministeriale del 07 aprile 2006. Delibera della Giunta Regionale del

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica Luca Battaglini Dipartimento Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Università degli Studi di Torino Accademia di Agricoltura

Dettagli

Tecnologie innovative per il trattamento dei liq

Tecnologie innovative per il trattamento dei liq Tecnologie innovative per il trattamento dei liq SPECIALE REFLUI di Giuseppe Bonazzi Sergio Piccinini Claudio Fabbri Tra le varie proposte delle ditte specializzate, quella della digestione anaerobica

Dettagli

Digestato: criteri di valutazione per il riutilizzo in agricoltura, una proposta del Gruppo RICICLA del Di.Pro.Ve.

Digestato: criteri di valutazione per il riutilizzo in agricoltura, una proposta del Gruppo RICICLA del Di.Pro.Ve. GRUPPO RICICLA DI.PRO.VE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Via Celoria, 2-20133 - MILANO (MI) Tel. +39 02 503 16545 Fax + 39 02 503 16521 - e-mail: fabrizio.adani@unimi.it Prof. Fabrizio Adani Milano 01/10/2009

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas

Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas Achieving good water quality status in intensive animal production areas Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas CRPA spa - Reggio Emilia Progetto LIFE+ AQUA KICK-OFF MEETING

Dettagli

Criteri tecnici per la realizzazione degli impianti a biogas

Criteri tecnici per la realizzazione degli impianti a biogas Criteri tecnici per la realizzazione degli impianti a biogas ENERGIA DA BIOMASSE Nuove regole di sostenibilità ambientale Bologna, 21 giugno 2012 Ing. Leonardo PALUMBO Servizio Tutela e Risanamento Risorsa

Dettagli

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino Valutazioni sugli impianti a Biogas Gianni Tamino Processi produttivi naturali e umani A differenza dei processi produttivi naturali, che utilizzano energia solare, seguono un andamento ciclico, senza

Dettagli

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola Impianto di digestione anaerobica e cogenerazione da biogas Agroenergia della Piana Azienda: Coop. Fattoria della Piana Soc.Agricola Località: C.da Sovereto, 89020 Candidoni (RC) Potenza installata: 998

Dettagli

Biogas e Biometano: tecnologie, situazione e prospettive. Giornata di studio AGROENERGIE E BIOCOMBUSTIBILI. Sergio Piccinini

Biogas e Biometano: tecnologie, situazione e prospettive. Giornata di studio AGROENERGIE E BIOCOMBUSTIBILI. Sergio Piccinini ACCADEMIA DEI GEORGOFILI Giornata di studio AGROENERGIE E BIOCOMBUSTIBILI Biogas e Biometano: tecnologie, situazione e prospettive Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia FIRENZE

Dettagli

Digestione ed impiego di fanghi di depurazione in agricoltura

Digestione ed impiego di fanghi di depurazione in agricoltura Digestione anaerobica da biomasse, scarti agroindustriali e riduzione dell azoto dai digestati Udine, 22 settembre 2011 Digestione ed impiego di fanghi di depurazione in agricoltura Prof. Ing. Daniele

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Agrienergia L Agricoltore artefice del nostro futuro

Agrienergia L Agricoltore artefice del nostro futuro Agrienergia L Agricoltore artefice del nostro futuro BIOGAS FUNZIONAMENTO, VANTAGGI, RENDIMENTO Matteo Mazzolini San Giorgio della Richinvelda 19 maggio 2012 FUNZIONAMENTO E BIOLOGIA 2 1 COS E IL BIOGAS?

Dettagli

Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche. Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia

Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche. Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia Filiera Biogas: casi di studio delle migliori pratiche Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia Produzione di biogas in Europa nel 2007: 5901,2 ktep (69 TWh) nel 2008: 7542 ktep

Dettagli

Le misure del nuovo PSR

Le misure del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani ARIA- SUOLO: NOVITA' PER IL PSR 2014-2020 Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE HORIZON 2020_ED.2014

SCHEDA PROGETTUALE HORIZON 2020_ED.2014 SCHEDA PROGETTUALE DENOMINAZIONE BANDO HORIZON 2020_ED.2014 DENOMINAZIONE PROGETTO FIRST FULL SCALE APPLICATION OF INNOVATIVE BIOLOGICAL PROCESSES FOR RESOURCES RECOVERY AND NUTRIENT MANAGEMENT IN THE

Dettagli

TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI

TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Convegno MatER 15-16 Maggio 2013 TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Recupero di energia da fonti rinnovabili: la valorizzazione della frazione biodegradabile del rifiuto di matrice organica

Dettagli

Le potenzialità per le energie rinnovabili delle biomasse di scarto

Le potenzialità per le energie rinnovabili delle biomasse di scarto le energie rinnovabili delle biomasse CONVEGNO LE BIO-ENERGIE Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Venerdì, 18 marzo 2016 Sala Poggioli Viale della Fiera, 8 Bologna Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

RISULTATI DI PRODUZIONE DI BIOGAS DA DIVERSE BIOMASSE

RISULTATI DI PRODUZIONE DI BIOGAS DA DIVERSE BIOMASSE Massimo Brambilla (Università degli studi di Milano, Dip. VSA) Fabio Araldi, Barbara Bertazzoni e Matteo Zagni (ERSAF Lombardia) RISULTATI DI PRODUZIONE DI BIOGAS DA DIVERSE BIOMASSE PRODUZIONE DI BIOGAS

Dettagli

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Martedì, 1 ottobre 2013 Sala Conferenze Terza

Dettagli

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica S. Menardo, P. Balsari Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Agrarie,

Dettagli

STUDIO RELATIVO AD UN CONCENTRATORE INNOVATIVO A RIDOTTO CONSUMO ENERGETICO E LIMITATI COSTI DI GESTIONE PER IL DIGESTATO DI FERMENTAZIONE ANAEROBICA

STUDIO RELATIVO AD UN CONCENTRATORE INNOVATIVO A RIDOTTO CONSUMO ENERGETICO E LIMITATI COSTI DI GESTIONE PER IL DIGESTATO DI FERMENTAZIONE ANAEROBICA Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Iscritto c/o la Prefettura di Milano nel Registro delle Persone Giuridiche al n. 604 Via Scarlatti 29-20124 Milano - P.IVA 11494010157 Tel. +39.02.266.265.1

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

Gestione e riduzione dell azoto di origine zootecnica

Gestione e riduzione dell azoto di origine zootecnica Agricoltura Gestione e riduzione dell azoto di origine zootecnica Soluzioni tecnologiche e impiantistiche Quaderni della ricerca n. 93 - Settembre 2008 RICERCA Studio condotto nell ambito del progetto

Dettagli

INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ

INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ Dipartimento di Agraria Università degli Studi di Sassari Sez. Scienze Zootecniche - Coordinatore: prof. Antonello Cannas

Dettagli

Attualità e prospettive degli impianti aziendali di biogas

Attualità e prospettive degli impianti aziendali di biogas Attualità e prospettive degli impianti aziendali di biogas P. Balsari Università degli Studi di Torino Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Forestale e Ambientale paolo.balsari@unito.it COS E

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE GRATUITA PER I DIRIGENTI 2009-2010. Fondazione Politecnico di Milano

CATALOGO FORMAZIONE GRATUITA PER I DIRIGENTI 2009-2010. Fondazione Politecnico di Milano CATALOGO FORMAZIONE GRATUITA PER I DIRIGENTI 2009-2010 Fondazione Politecnico di Milano 1 Testo unico ambientale, conformità legislativa e analisi ambientale dei processi produttivi Contenuti: - Conformità

Dettagli

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Piacenza, 11 febbraio 2014 Sostenibilità, opportunità e criticità nella filiera latte post 2015 Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte G.

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Tecnologia Biogas da FORSU La Nuova Frontiera del Biogas

Tecnologia Biogas da FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Tecnologia Biogas da FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Il caso Agrienergia Relatore: Roberto Loschi Responsabile Cogenerazione e Fonti Rinnovabili Una Nuova Filosofia nel Ciclo dei Rifiuti I Criteri

Dettagli

Il ruolo delle Biotecnologie nella tutela ambientale

Il ruolo delle Biotecnologie nella tutela ambientale XVIII Settimana della cultura scientifica e tecnologica LE BIOTECNOLOGIE PER L AMBIENTE E LA SALUTE, ATTORI DI UNO SVILUPPO SOSTENIBILE Oristano, 15 Maggio 2008 Il ruolo delle Biotecnologie nella tutela

Dettagli

La digestione anaerobica

La digestione anaerobica La digestione anaerobica Matrici trattate, sviluppo impiantistico e bilancio economico Forum delle imprese per lo Sviluppo Sostenibile Ing. Alessandro CANOVAI Workshop Gruppo Compost Il compostaggio: le

Dettagli

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI Ing. Alessandro Massone Austep S.r.l. Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com www.austep.com 1 LA COGENERAZIONE

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE ZOOTECNIA E DEIEZIONI ANIMALI PROBLEMA O OPPORTUNITÀ????? SEMINARIO 10.03.2009 FACOLTÀ DI AGRARIA MOSCIANO S.A. TERAMO DOTT. AGR. ANGELO

Dettagli

Spaghetti e Biocarburanti: le opportunità di sviluppo e impatti dei biocombustibili sul settore agroalimentare Rimini, 9 Novembre 2007 Biometano: prospettive in Italia Sergio Piccinini Centro Ricerche

Dettagli

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R.

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Biogas 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Motta - ERSAF Numero di impianti di digestione anaerobica in RL Gli impianti in

Dettagli

Costruire un impianto di Biogas: dal Nord Italia all Abruzzo

Costruire un impianto di Biogas: dal Nord Italia all Abruzzo Costruire un impianto di Biogas: dal Nord Italia all Abruzzo Pescara 23 Febbraio 2010 Fasi per la realizzazione Iter autorizzativo Progettazione Esecuzione Gestione impianto Iter autorizzativo Autorizzazione

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Giacomo Scarascia Mugnozza Dipartimento di Progettazione e Gestione dei Sistemi Agro-zootecnici e Forestali Università di Bari I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Bologna 12 Novembre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale Corso di Laurea Triennale in: INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED

Dettagli

AGROBIOGAS VALUTAZIONE DELLA PRODUZIONE DI BIOGAS TRAMITE UNO STRUMENTO DI SIMULAZIONE DEL PROCESSO DI DIGESTIONE ANAEROBICA

AGROBIOGAS VALUTAZIONE DELLA PRODUZIONE DI BIOGAS TRAMITE UNO STRUMENTO DI SIMULAZIONE DEL PROCESSO DI DIGESTIONE ANAEROBICA AGROBIOGAS VALUTAZIONE DELLA PRODUZIONE DI BIOGAS TRAMITE UNO STRUMENTO DI SIMULAZIONE DEL PROCESSO DI DIGESTIONE ANAEROBICA i risultati del progetto europeo AGROBIOGAS Villaprati di Bagnacavallo, Italia

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON

CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON L UTILIZZO DI BIOMASSE Tema di ricerca 5.2.5.11 - Sviluppo di tecnologie innovative per le applicazioni stazionarie cogenerative delle celle a combustibile anche

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 TRATTAMENTO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO: PERDITE DI AZOTO VOLATILE E CONTENUTO RESIDUO NELLE FRAZIONI PALABILE E NON PALABILE DEI MATERIALI TRATTATI

Dettagli

Impianti a biocombustibili gassosi per la produzione di energia elettrica (con il contributo del CRPA di Reggio Emilia)

Impianti a biocombustibili gassosi per la produzione di energia elettrica (con il contributo del CRPA di Reggio Emilia) Impianti a biocombustibili gassosi per la produzione di energia elettrica (con il contributo del CRPA di Reggio Emilia) INTRODUZIONE Negli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti

Dettagli

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 ENERGY (R) EVOLUTION VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 Antonio Bertolotto, fondatore e Amministratore Delegato del Gruppo

Dettagli

Digestore, così cresce il margine economico

Digestore, così cresce il margine economico DOSSIER Digestore, così cresce il margine economico Nel produrre energia con un impianto di biogas è bene considerare molteplici aspetti, come la disponibilità di certificati verdi e i costi delle singole

Dettagli

Cecilia Caretti WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE

Cecilia Caretti WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE WORKSHOP: BEST PRACTICE PER LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO: IL CONTRIBUTO DEI PROGETTI LIFE 20 OTTOBRE 2015 PADIGLIONE EXPO VENEZIA, SALA CONFERENZE VIA GALILEO FERRARIS,

Dettagli