Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web"

Transcript

1 Progettazione di Sistemi Interattivi Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Docente: Daniela Fogli Applicazioni web-based Il World Wide Web (W3C) [www.w3.org]: Fondato da Tim Berners-Lee nel 1994 Ha lo scopo di sovraintendere l evoluzione tecnica del web con 3 obiettivi principali: 1) Fornire accesso universale, per renderlo fruibile a tutti 2) Sviluppare protocolli e linee guida per assicurare la crescita del web 3) Guidare l evoluzione del web, prendendo in considerazione le questioni legali, sociali e commerciali Ogni nuova versione di una specifica tecnologia web viene esaminata dal W3C prima di diventare uno standard 2 Gli Standard Web Ogni standard ha un preciso processo di sviluppo: da bozza di lavoro (working draft), a candidatura (candidate recommendation), a stadio di proposta (proposed recommendation), fino a standard operativo (W3C recommendation) Ad ogni stadio del processo, i membri del consorzio W3C, votano quali emendamenti effettuare o se cancellare completamente lo standard e rimandarlo indietro perché venga riformulato Esempio: le specifiche HTML e HTTP sono soggette a questo procedimento e ogni nuova serie di aggiornamenti produce una nuova versione dello standard Gli standard web: XML Extensible Markup Language (XML), standard per creare linguaggi di markup (meta-linguaggio) Attualmente è Standard W3C nella versione 1.0 Un documento XML è un file di testo che contiene una serie di tag (componenti logici detti elementi), attributi e testo secondo regole sintattiche ben definite Il contenuto è caratterizzato da struttura gerarchica Usato per la rappresentazione e lo scambio di dati: solo testo, quindi compatibile con diverse piattaforme (interoperabilità) Ma si può usare per descrivere ambienti interattivi 3 4

2 Definire un linguaggio XML-based Se si crea un linguaggio di markup, si deve creare l insieme di regole con cui comporre gli elementi (come usare i tag definiti e gli attributi) Si deve dunque definire una grammatica attraverso un DTD (Document Type Definition) o XML Schema: definizione di vocaboli (elementi), struttura (gerarchia elementi), attributi XML Schema segue la sintassi dell XML, DTD no DTD o XML Schema consentono di verificare la validità dei documenti scritti con il linguaggio di markup definito XML ben formato e valido Per documento XML ben formato si intende un file di testo scritto in modo sintatticamente corretto rispetto alle regole della sintassi XML Un documento XML è detto valido se è ben formato ed inoltre rispetta i tag e le norme di nidificazione impostate nel DTD (o XML Schema) corrispondente 5 6 Documento ben formato: regole sintattiche Deve contenere un elemento di massimo livello (root) che contenga tutti gli altri elementi all esterno solo direttive (come la dichiarazione della versione XML) e commenti Ogni elemento deve avere un tag di chiusura (o prevedere, se vuoti, la forma abbreviata /> ) Gli elementi devono essere nidificati in modo appropriato (i tag di chiusura devono seguire l ordine inverso dei rispettivi tag di apertura) I tag sono case sensitive ci sarà quindi anche una verifica in questo senso sui tag di apertura e di chiusura I valori degli attributi devono essere sempre racchiusi tra o 7 Utilizzo di un documento XML Lo standard XML non definisce solo il modo in cui scrivere i documenti XML ma anche il modo in cui debbano essere utilizzati Per utilizzare un documento XML si deve avere a disposizione un XML processor e un applicazione Con XML processor (o parser XML) si intende un modulo software utilizzato per leggere un documento XML e che fornisce accesso a contenuto e struttura del documento Per applicazione si intende il modulo software per conto del quale l XML processor lavora Quindi, un documento XML per poter essere utilizzato da un applicazione necessita di un operazione preliminare, effettuata dall XML processor, che lo renda comprensibile ed accessibile dall applicazione stessa 8

3 documento XMLbased Schema di utilizzo di un documento XML DTD o XML Schema XML processor albero DOM del documento XML applicazione L XML processor legge il documento XML e ne controlla sintassi e struttura logica in base alle regole fornite dal DTD o XML Schema Se durante tale controllo l XML processor non rileva errori, viene creata una struttura di memoria, l albero DOM, rappresentante il documento XML Gli standard web: il DOM Il Document Object Model stabilisce un modello ad oggetti per rappresentare, accedere e trattare un documento XML Il DOM prevede che un documento XML sia rappresentato con una struttura logica ad albero basato sulla relazione part_of, nella quale gli elementi del documento vengono tradotti in nodi Il DOM stabilisce che ogni nodo sia un oggetto standard, nell accezione di oggetto utilizzata nella programmazione orientata agli oggetti, corredato da metodi (Application Programming Interface API ) Tale struttura viene passata all applicazione che la utilizza 9 10 Uso delle API Vantaggi del DOM Le API sono metodi standard che permettono l accesso e la modifica delle informazioni contenute nel nodo e la manipolazione dell albero stesso Attraverso le API si possono: aggiungere, cancellare o spostare i nodi dell albero leggere le proprietà di un nodo in modo che un applicazione le possa utilizzare modificare le proprietà di un nodo Prima dell avvento del DOM, tutti i processori XML interagivano con i documenti XML in diversi modi ed erano inoltre soggetti a continue modifiche Con l avvento del DOM è stata raggiunta una maggiore stabilità e uniformità Si possono usare processori XML fatti da altri che restituiscono un DOM accedibile e manipolabile dall applicazione 11 12

4 I nodi di un albero DOM (1) I nodi di un albero DOM (2) Ogni documento XML è caratterizzato dall avere un elemento che contiene tutti gli altri elementi del documento Nella rappresentazione ad albero, tale elemento viene detto nodo radice e rappresenta l origine dell albero stesso Chiamiamo poi padre il nodo posizionato immediatamente sopra ad un altro I figli sono i nodi posizionati immediatamente sotto ad un altro nodo I nodi allo stesso livello e con lo stesso padre sono detti fratelli I discendenti di un nodo sono dati dall insieme di tutti i nodi appartenenti al sottoalbero con origine nel nodo considerato, mentre gli antenati di un nodo sono i nodi che si incontrano risalendo l albero fino alla radice 13 Gli attributi degli elementi XML vengono trasformati in proprietà dell oggetto nodo corrispondente all elemento Il contenuto testuale dell elemento XML viene trasformato in un nodo di tipo testo ed inserito come primo figlio del nodo corrispondente all elemento considerato I nodi di tipo testo si differenziano dagli altri nodi perché non possono avere figli e sono quindi gli elementi terminali dell albero (foglie) Gli elementi contenuti in un altro elemento vengono trasformati in oggetti di tipo nodo ed inseriti come figli del nodo corrispondente all elemento considerato 14 Esempio bottoniera Struttura logica id = b1 <bottoniera id= b1 > DOM <bottone onclick= salva() > salva <immagine path= salva.gif /> </bottone> bottone <bottone> chiudi </bottone> </bottoniera> onclick = salva() Brano di documento XML salva immagine path = salva.gif bottone chiudi Accesso all albero DOM Le API permettono di accedere e modificare la struttura dell albero e gli attributi dei vari nodi Supponendo che l intero documento XML che contiene la struttura precedente sia identificato da una variabile di nome document, è per esempio possibile individuare l elemento <bottoniera> con il comando: Il nodo radice corrisponde all elemento <bottoniera>, I due elementi <bottone> sono i figli del nodo bottoniera e sono tra loro fratelli Il contenuto testuale degli elementi <bottone> è stato inserito come nodo di tipo testo Il nodo <immagine>, figlio del primo bottone, è stato inserito come nodo di tipo elemento Gli attributi sono stati aggiunti come proprietà al nodo corrispondente 15 bottoniera = document.getelementbyid( b1 ); Valore dell attributo id della bottoniera 16

5 Modificare l albero DOM E possibile modificare gli attributi del nodo individuato, ad esempio: bottoniera.setattribute( id, b2 ); L albero dopo le modifiche Il risultato dei comandi precedenti porterebbe ad avere la struttura seguente, in cui il nodo bottoniera ha un valore diverso per l attributo id e non è più presente il primo figlio del nodo bottoniera E possibile modificare la struttura dell albero eliminando un figlio dell elemento <bottoniera>: bottoniera.removechild(bottoniera.childnodes.item(0)); <bottoniera id= b2 > <bottone> chiudi </bottone> </bottoniera> bottoniera id = b2 bottone chiudi Il DOM standard Come si fa a manipolare il DOM? Il W3C fornisce una serie generica di oggetti, proprietà e metodi, che dovrebbero essere previsti da tutti i linguaggi di scripting (e.g. JavaScript, VBScript, ), sotto forma di DOM standard Ha una struttura a più livelli Come manipolare il DOM Oggetti base del DOM Node ogni elemento nel documento diventa un oggettonode NodeList elenco di oggetti Node NamedNodeMap fornisce l accesso per nome a tutti gli oggetti Node Esistono vari oggetti di tipo nodo (vedi diapositiva successiva): ognuno eredita le proprietà e i metodi dell oggetto Node, e aggiunge alcune proprietà e metodi propri 19 20

6 Tipi di nodo nel W3C DOM L oggetto Node:Alcune Proprietà nodename Document Il nodo corrispondente alla radice fornisce il nome del nodo nodevalue DocumentType DTD o schema del documento XML fornisce il valore del nodo DocumentFragment Spazio provvisorio di memoria per parti del documento nodetype EntityReference Rimando a un entità nel documento XML fornisce il tipo di nodo (elemento, testo, attributo, documento, ) Element Un elemento nel documento childnodes fornisce un elenco di nodi contenente i nodi figlio del nodo corrente Attr Un attributo di un elemento nel documento parentnode ProcessingInstruction Un comando di elaborazione fornisce il nodo genitore Comment Un commento in un documento XML firstchild Text Testo che deve formare un nodo figlio di un elemento fornisce il primo nodo del nodo corrente lastchild CDATASection Una CDATA section all interno del documento XML fornisce l ultimo nodo del nodo corrente Entity Un entità non analizzata nel DTD previoussibling Notation Una notazione dichiarata all interno di un DTD fornisce il precedente nodo di pari livello del nodo corrente nextsibling Vediamo più in dettaglio Node e Document 21 fornisce il successivo nodo di pari livello del nodo corrente 22 L oggetto Node Metodi insertbefore inserisce un nodo figlio prima del nodo specificato replacechild sostituisce il nodo figlio specificato con il nuovo nodo figlio specificato removechild elimina il nodo figlio specificato appendchild aggiunge un nuovo nodo figlio all ultimo nodo figlio del nodo corrente haschildnodes è vero se il nodo corrente ha nodi figlio clonenode restituisce un nuovo nodo, che è una copia di quello corrente 23 L oggetto Document: un metodo utile <bottoniera id= b1 > <bottone onclick= salva() > salva <immagine path= salva.gif /> </bottone> <bottone> chiudi </bottone> </bottoniera> getelementbytagname(tag) restituisce un puntatore (elenco di nodi) a una serie di elementi che hanno la stessa etichetta di quella fornita nell argomento document.getelementbytagname( bottone ) restituisce un puntatore all elenco degli elementi bottone ogni elemento dell elenco è accedibile attraverso il metodo item() bottone_salva = document.getelementbytagname( bottone ).item(0) bottone_chiudi = document.getelementbytagname( bottone ).item(1) 24

7 Manipolare il DOM con ECMAscript Il linguaggio JavaScript è stato inizialmente una innovazione di Netscape Navigator, successivamente incluso in Microsoft Internet Explorer (denominato Jscript) I due linguaggi hanno varie differenze Una specifica standard: ECMAScript Proposta dalla European Computer Manifacturers Association (ECMA) Il nome ECMAScript è stato scelto per evitare riferimenti al produttore e perché Java è un marchio Sun Tutte le attuali implementazioni di JavaScript dovrebbero essere conformi allo standard ECMAScript e OOP Non rispecchia rigorosamente il paradigma della programmazione ad oggetti Qualcuno dice che è un linguaggio basato su oggetti Qualcuno dice che è un linguaggio orientato agli oggetti basato su prototipi Non prevede esplicitamente il concetto di classe L ereditarietà è pertanto fra oggetti (non fra classi) Gli oggetti ereditano le proprietà dai loro prototipi Mancanza di classi e costruttori // costruttore dell oggetto function MyObject(attributeA, attributeb){ //creazione e istanziazione degli attributi this.attributea = attributea; this.attributeb = attributeb; //creazione dei metodi this.metodo = funzionemetodo //codice del metodo metodo dell oggetto function funzionemetodo(){ alert( dentro funzione metodo ); //istanziazione dell oggetto var obj = new MyObject('red', 1000); 27 Ereditarietà da prototipi Creo e instanzio due oggetti car function car (plate, model, color){ this.plate = plate; this.model = model; this.color = color; var car1 = new car ( AB 123, Ford, blue ); var car2 = new car ( CD 456, Fiat, black ); car.prototype.price = 0; Qualsiasi oggetto car già creato o in creazione eredita la nuova proprietà e il suo valore 28

8 Simulare ereditarietà fra classi //costruttore della classe (termine improprio) madre function Base(){ this.override = _Override; this.basefunction = _BaseFunction; function _Override(){ alert("base::override()"); function _BaseFunction(){ alert("base::basefunction()"); //costruttore della classe (termine improprio) figlia function Derive(){ Ereditarietà di Derive this.override = _Override; da Base function _Override(){ e sovrascrittura metodo alert("derive::override()"); Override tramite instanziazione oggetto //assegnamento del prototipo della classe (termine improprio) d madre Derive.prototype = new Base(); //creazione dell oggetto 29 var d = new Derive(); ECMAScript ed eventi E usato spesso per scrivere funzioni che agiscono in risposta ad eventi generati da elementi appartenenti a una pagina web (event handler) <text id= testo onclick=funzionedaattivare(); > 30 Gli standard web: CSS Cascading Style Sheets (CSS) permettono di definire il look-and-feel della pagina da visualizzare Permettono di definire stili visuali da applicare agli elementi di una pagina: colore, bordi, immagini di background, grandezza, trasparenza, layout (disposizione di un elemento rispetto agli altri) Regola di stile costituita da 2 parti: selector (a quali elementi applicare lo stile) e style declaration Esempio di regola CCS: h1 { color: red 31 La tecnica AJAX AJAX: Asynchronous Javascript and XML Tecnica (insieme di tecnologie) per sviluppare applicazioni web interattive e dinamiche usando una combinazione di: HTML (o XHTML) e CSS: per presentazione DOM: per accedere agli elementi della pagina e gestire l interazione sul client XML per lo scambio e la manipolazione dei dati Javascript (ECMAScript): per manipolare il DOM localmente Oggetto XMLHttpRequest: per leggere/spedire dati dal/al server in maniera asincrona 32

9 Esempio: Google Maps Esempio: Protopage (www.protopage.com) Perché AJAX? Interazione client-server: classico Per avere applicazioni dinamiche, flessibili e risparmiare risorse Si sfrutta la potenza dei client, piuttosto che quella del server e della rete Come DHTML, ma AJAX può selettivamente modificare una parte della pagina mostrata dal browser, e aggiornarla senza bisogno di ricaricare tutta la pagina AJAX come tecnica per implementare RIA, in alternativa a Flash e Applet Java: Nessuna necessità di plug-in Facilità di integrazione con altre tecnologie W3C (es. SVG) Nessuna dipendenza da un vendor 35 Le azioni dell utente attivano richieste HTTP al server web Le risposte arrivano come nuova pagina Mentre il server sta processando la richiesta l utente deve attendere Quando la risposta arriva avviene un refresh dell intera pagina 36

10 Interazione client-server AJAX-based Invece di caricare una pagina web, all inizio il browser carica un AJAX engine AJAX engine: insieme di funzioni javascript responsabile del rendering e della comunicazione con il server Le risposte arrivano solitamente come documenti XML, processati dall AJAX engine, il quale provvede a manipolare il DOM e quindi a modificare la pagina 37 Sincronismo vs. asincronismo nelle richieste/risposte 38 Oggetto XMLHttpRequest Permette di effettuare richieste (asincrone) di una risorsa con protocollo HTTP al server web in modo indipendente dal browser Il W3C lo definisce come una API che permette a uno script engine di effettuare La trasmissione di dati al server Il recupero dati dal server Gestisce il trasporto dati in formato XML ma anche in altri formati (e.g. testo semplice, formato JSON, ) 39 Fare una richiesta HTTP al server Per fare una richiesta HTTP al server usando Javascript si deve creare un istanza di XMLHttpRequest, oggetto che fornisce tale funzionalità var client = new XMLHttpRequest(); XMLHttpRequest è stato originariamente introdotto in MS IE come oggetto ActiveX (chiamato XMLHTTP) Mozilla, Safari, Opera, IE 7, IE 8 e altri browser implementano direttamente l oggetto XMLHttpRequest 40

11 Instanziazione dell oggetto XMLHttpRequest var XHR = null; // istanziazione dell oggetto XHR distinguendo fra i tipi di // browser if(window.xmlhttprequest) { XHR = new XMLHttpRequest(); else if(window.activexobject) { Per i browser in cui è implementato XHR = new ActiveXObject("Microsoft.XMLHTTP"); Internet Explorer 41 Attributi dell oggetto XMLHttpRequest readystate: restituisce lo stato corrente dell istanza (0: not initialized, 1: connection established, 2: request received, 3: answer in process, 4: finished) status: restituisce codice HTTP proveniente dal server (es. 200 (ok), 404 (page not found)) responsetext: restituisce i dati provenienti dal server come stringa di caratteri responsexml: restituisce i dati provenienti dal server come file XML (oggetto document) onreadystatechange: gestore dell evento lanciato ad ogni cambiamento di stato (contiene il nome della funzione di gestione della risposta dal server) 42 onreadystatechange Bisogna decidere cosa fare quando viene ricevuta la risposta del server alla richiesta Si dirà quale funzione si occuperà di gestire la risposta, questo viene fatto settando la proprietà onreadystatechange dell oggetto creato con il nome della funzione XHR.onreadystatechange = nameofthefunction; Oppure si può usare la tecnica Javascript di definire funzioni on the fly Gestire la risposta del server Quando viene variato il valore di readystate viene generato un evento di tipo readystatechange che deve essere gestito da un opportuno metodo, questo metodo è una funzione creata dal programmatore che viene assegnata all attributo onreadystatechange. Ad esempio: XHR.onreadystatechange = function(){ if(xhr.readystate == 4) if(xhr.status == 200) alert(xhr.responsetext); else alert( Not found ); XHR.onreadystatechange = function() { // corpo della funzione 43 44

12 Vediamo i principali: Metodi dell oggetto XMLHttpRequest open(method, url [,async][,user][,passwd]) dove method: tipo di richiesta (GET o POST) url: locazione file async: true (se asincrono), false (se sincrono) user, passwd: nome e password per richiedere risorsa nel caso sia protetta send( string ) Se la richiesta è un GET allora string viene messo a null altrimenti sarà una stringa del tipo nome=valore (o sequenza di stringhe) Fare la richiesta Dopo che è stato dichiarato cosa succede quando viene ricevuta la risposta dal server 1, occorre fare effettivamente la richiesta. Con GET, ad esempio: XHR.open( get, indirizzo.it/pagina.html?variabile=5 ); XHR.send(null); // send ha null come parametro perché la richiesta è una GET Oppure con POST, ad esempio: XHR.open( post, indirizzo.it/pagina.html ); XHR.setRequestHeader( content-type, application/x-wwwform-urlencoded ); //impostazione dell header XHR.send( variabile=5 ); 45 1 in realtà gli sviluppatori AJAX suggeriscono di anticipare il metodo open rispetto all assegnamento di onreadystatechange 46 Esempio completo (GET di un testo) <html> <head> <script> function submitform() { var req = null; if (window.xmlhttprequest) req = new XMLHttpRequest(); else if (window.activexobject) req = new ActiveXObject(Microsoft.XMLHTTP); req.open( GET", "data.xml", true); req.onreadystatechange = function() { if (req.readystate == 4) if (req.status == 200) document.ajax.dyn=""received:" + req.responsetext; else document.ajax.dyn="error code " + req.status; ; req.setrequestheader("content-type", "application/x-www-form-urlencoded"); req.send(null); </script> </head> AJAX nel monitoraggio distribuito I dispositivi considerati Sensori On/Off (segnalazione di allarmi) Rilevazione e impostazione temperature Possibilità di impostare dei valori di riferimento Suddivisione del problema di monitoraggio in due parti: Raccolta dati dai dispositivi (soluzioni note: bus di campo, LAN) Visualizzazione ed interazione con l utente (soluzione innovativa) I due sistemi comunicano attraverso un database condiviso <body> <FORM method="post" name="ajax" action=""> <INPUT type="button" value="submit" ONCLICK="submitForm()"> <INPUT type="text" name="dyn" value=""> </FORM> </body> </html> 47 (Cadei, 2007) 48

13 Architettura per il monitoraggio distribuito Il caso: Gestione di alberghi Rilevazione allarmi o richieste di soccorso Controllo consumi Controllo e impostazione temperature Esisteva una applicazione client/server classica Obiettivo: costruire una Rich Internet Application basata su AJAX funzionalmente equivalente all applicazione esistente (Cadei, 2007) (Cadei, 2007) 50 Casi di studio: Gestione Alberghi (2) Web Operating System in AJAX 52

14 Ha diverse applicazioni incluso un browser (ricorsivo!) Vantaggi di AJAX Esecuzione lato client, manipolazione diretta tramite manipolazione del DOM Adatto per operazioni di inserimento, aggiornamento e cancellazione di record, realizzazione di web form, visualizzazione di query a database Facendo solo piccole richieste al server a cui corrispondono risposte piccole e veloci Ciò permette sviluppo di applicazioni più interattive in generale applicazioni funzionalmente equivalenti a quelle desktop Esistono altri sistemi operativi di questo tipo (e.g Svantaggi di AJAX Problemi di usabilità Bottone back del browser Salvataggio della pagina come segnalibro Javascript deve essere abilitato In MS Explorer 6 devono essere abilitati anche gli ActiveX (ma dal 7 l oggetto XMLHttpRequest è nativo di javascript) Problemi di sicurezza Strumenti di supporto La nascita di AJAX e delle RIA hanno cambiato gli obiettivi del linguaggio Javascript Problema: creare interfacce in JavaScript è un compito complesso Necessità di un framework che metta a disposizione un insieme di oggetti già pronti per la gestione della grafica e dell I/O Numero di strumenti esistenti non quantificabile, molti immaturi e instabili (alcuni sono solo toolkit) 55 56

15 Toolkit e UIDE per AJAX Esempio: Rialto Studio Alcuni toolkit: Dojo Rialto (Rich Internet Application Toolkit) GWT (Google Web Toolkit) AJAX Control Toolkit (Microsoft) OpenRico Alcuni UIDE: Rialto Studio: un WYSIWYG editor, che usa descrizione XML dei componenti Visual Web Developer Express che integra AJAX Control Toolkit (incluso nel framework ASP.NET AJAX) JAMP (Javascript Ajax Mysql Php)

Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web

Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web Progettazione di Sistemi Interattivi Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Docente: Daniela Fogli Applicazioni web-based Il World Wide Web (W3C) [www.w3.org]: Fondato da Tim Berners-Lee

Dettagli

La tecnica AJAX. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (seconda parte) Esempio: Google Maps

La tecnica AJAX. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (seconda parte) Esempio: Google Maps Progettazione di Sistemi Interattivi Implementazione di sistemi interattivi web-based (seconda parte) Docente: Daniela Fogli La tecnica AJAX AJAX: Asynchronous Javascript and XML Tecnica (insieme di tecnologie)

Dettagli

La tecnica AJAX. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (seconda parte) Esempio: Google Maps

La tecnica AJAX. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (seconda parte) Esempio: Google Maps Progettazione di Sistemi Interattivi Implementazione di sistemi interattivi web-based (seconda parte) Docente: Daniela Fogli La tecnica AJAX AJAX: Asynchronous Javascript and XML Tecnica (insieme di tecnologie)

Dettagli

Introduzione ad AJAX

Introduzione ad AJAX Introduzione ad AJAX Asynchronous Javascript And XML (PWLS 6.9, 6.10) Complementi di Tecnologie Web A.A. 2011-2012 M.Franceschet, V.Della Mea e I.Scagnetto - 1 Limitazioni delle applicazioni web tradizionali

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Asynchronous JavaScript Technology and XML: Ajax Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2010-11 Prof. Simon Pietro Romano Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rich Internet

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

AJAX. Goy - a.a. 2006/2007 Servizi Web 1. Cos'è il Web 2.0

AJAX. Goy - a.a. 2006/2007 Servizi Web 1. Cos'è il Web 2.0 AJAX Goy - a.a. 2006/2007 Servizi Web 1 Cos'è il Web 2.0 Web 2.0 = termine introdotto per la prima volta nel 2004 come titolo di una conferenza promossa dalla casa editrice O Reilly L'idea è che ci si

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Ajax. Introdotta da Microsoft nel 1998 è stata standardizzata e adottata da tutti i browser moderni.

Ajax. Introdotta da Microsoft nel 1998 è stata standardizzata e adottata da tutti i browser moderni. Ajax AJAX (Asynchronous JavaScript And XML) è una tecnica fondamentale per la creazione di siti e applicazioni web ad alta interattività, che consente di evitare di ricaricare intere pagine ad ogni richiesta

Dettagli

Guida introduttiva al Document Object Model

Guida introduttiva al Document Object Model Guida introduttiva al Document Object Model ( I.D. Falconi ~ 27.02.13) Il DOM (Document Object Model) è un modello che descrive come i diversi oggetti di una pagina web sono collegati tra loro. Tecnicamente

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 27 Marzo 2012 Architetture Architetture Web Protocolli di Comunicazione Il Client Side

Dettagli

HTML 1. HyperText Markup Language

HTML 1. HyperText Markup Language HTML 1 HyperText Markup Language Introduzione ad HTML Documenti HTML Tag di markup Formattazione del testo Collegamenti ipertestuali Immagini Tabelle Form in linea (moduli) Tecnologie di Sviluppo per il

Dettagli

INTRODUZIONE AI PRINCIPI DELLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI WEB INTERATTIVE

INTRODUZIONE AI PRINCIPI DELLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI WEB INTERATTIVE INTRODUZIONE AI PRINCIPI DELLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI WEB INTERATTIVE ( I.D. Falconi ~ 21.12.2013) INTRODUZIONE AD AJAX Le caratteristiche di una applicazione Ajax sono sostanzialmente due: aggiornare

Dettagli

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione Evoluzione del Web Direzioni di sviluppo del web a) Multimedialità b) Dinamicità delle pagine e interattività c) Accessibilità d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione e) Web semantico

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Tecnologie Web T Introduzione a XML

Tecnologie Web T Introduzione a XML Tecnologie Web T Introduzione a Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/tw/ Versione elettronica: 2.01..pdf Versione elettronica: 2.01.-2p.pdf 1 Che cos è? : Extensible Markup Language:

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 1 Aprile 2014 Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Il Server

Dettagli

DOM (Document Object Model) manipolato attraverso un linguaggio ECMAScript come JavaScript o JScript per mostrare le informazioni ed interagirvi;

DOM (Document Object Model) manipolato attraverso un linguaggio ECMAScript come JavaScript o JScript per mostrare le informazioni ed interagirvi; Capitolo 5 AJAX AJAX è uno strumento di sviluppo per la realizzazione di applicazioni web interattive. La sua tecnologia si basa su uno scambio asincrono di dati in background fra web browser e server,

Dettagli

Sommario. Settimana - Gli elementi fondamentali... 1. Introduzione...xv. Giorno 1 - I linguaggi di markup...3

Sommario. Settimana - Gli elementi fondamentali... 1. Introduzione...xv. Giorno 1 - I linguaggi di markup...3 000B-XML-Somm.fm Page iii Wednesday, June 12, 2002 9:25 AM Sommario Introduzione...xv A chi si rivolge questo libro...xvi Convenzioni usate in questo libro...xvi Settimana - Gli elementi fondamentali...

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

Introduzione a XML. Language

Introduzione a XML. Language Introduzione a XML 1 Che cos è XML? XML: Extensible Markup Language anguage: è un linguaggio che consente la rappresentazione di documenti e dati strutturati su supporto digitale è uno strumento potente

Dettagli

Reverse Engineering di Rich Internet Applications basate su AJAX

Reverse Engineering di Rich Internet Applications basate su AJAX Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Reverse Engineering di Rich Internet Applications basate su AJAX Anno Accademico: 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Anna Rita

Dettagli

Sviluppare applicazioni Web 2.0 con Ajax

Sviluppare applicazioni Web 2.0 con Ajax Sviluppare applicazioni Web 2.0 con Ajax Maurizio Cozzetto 11 Agosto 2009 Ajax Definizione Il termine Ajax è apparso la prima volta su Internet il 18 febbraio 2005 nell articolo Ajax: A New Approach to

Dettagli

Esercizi di JavaScript

Esercizi di JavaScript Esercizi di JavaScript JavaScript JavaScript é un linguaggio di programmazione interpretato e leggero, creato dalla Netscape. E' presente a patire da Netscape 2 in tutti i browser ed é dunque il linguaggio

Dettagli

extensible Markup Language

extensible Markup Language XML a.s. 2010-2011 extensible Markup Language XML è un meta-linguaggio per definire la struttura di documenti e dati non è un linguaggio di programmazione un documento XML è un file di testo che contiene

Dettagli

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I Introduzione ad XML G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I XML XML (Extensible Markup Language) è un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Manuali.net. Nevio Martini

Manuali.net. Nevio Martini Manuali.net Corso base per la gestione di Siti Web Nevio Martini 2009 Il Linguaggio HTML 1 parte Introduzione Internet è un fenomeno in continua espansione e non accenna a rallentare, anzi è in permanente

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web 1 Prerequisiti Architettura client/server Elementi del linguaggio HTML web server SQL server Concetti generali sulle basi di dati 2 1 Introduzione Lo

Dettagli

HTML 1 AVVISO. Terminologia. Introduzione ad HTML. HyperText Markup Language

HTML 1 AVVISO. Terminologia. Introduzione ad HTML. HyperText Markup Language HTML 1 HyperText Markup Language AVVISO Martedì 4 ottobre in laboratorio ci saranno 2 turni: 11:00 12:15 matricole pari 12:30 13:45 matricole dispari Introduzione ad HTML Documenti HTML Tag di markup Formattazione

Dettagli

APPENDICE C extensible Markup Language

APPENDICE C extensible Markup Language APPENDICE C extensible Markup Language C.1 extensible Markup Language, concetti di base XML è un dialetto di SGML progettato per essere facilmente implementabile ed interoperabile con i suoi due predecessori

Dettagli

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti L Html è stato pensato (e creato) per presentare contenuti statici che, visualizzati da utenti diversi, diano sempre lo stesso risultato. Per sopperire a questa

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Laboratorio di Tecnologie Web Introduzione al corso Dott. Stefano Burigat www.dimi.uniud.it/burigat Cosa faremo L'obbiettivo del corso di Laboratorio di Tecnologie Web è quello di fornire le competenze

Dettagli

XML: La nascita del linguaggio

XML: La nascita del linguaggio XML: introduzione alla codifica dei testi Con la codifica dei testi si intende la rappresentazione dei testi stessi su un supporto digitale in un formato utilizzabile dall'elaboratore (Machine Readable

Dettagli

Metodologie Informatiche applicate al Turismo

Metodologie Informatiche applicate al Turismo Metodologie Informatiche applicate al Turismo 11. Realizzare Siti Dinamici e Applicazioni Web Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Dott.Ing.Ivan Ferrazzi. XML e AJAX. Introduzione ai concetti base. Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 15/01/2014 1/20

Dott.Ing.Ivan Ferrazzi. XML e AJAX. Introduzione ai concetti base. Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 15/01/2014 1/20 XML e AJAX Introduzione ai concetti base Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 15/01/2014 1/20 Copyright 2014 Dott.Ing. Ivan Ferrazzi Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under

Dettagli

sito web sito Internet

sito web sito Internet Siti Web Cos è un sito web Un sito web o sito Internet è un insieme di pagine web correlate, ovvero una struttura ipertestuale di documenti che risiede, tramite hosting, su un web server e accessibile

Dettagli

Indice generale. Parte I Anatomia del Web...21. Introduzione...xiii

Indice generale. Parte I Anatomia del Web...21. Introduzione...xiii Indice generale Introduzione...xiii Capitolo 1 La sicurezza nel mondo delle applicazioni web...1 La sicurezza delle informazioni in sintesi... 1 Primi approcci con le soluzioni formali... 2 Introduzione

Dettagli

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP EVOLUZIONE DEL WEB: PAGINE STATICHE vs PAGINE DINAMICHE Il Web è nato a supporto dei fisici, perché potessero scambiare tra loro le informazioni inerenti le loro sperimentazioni. L HTTP è nato inizialmente

Dettagli

a cura di Maria Finazzi

a cura di Maria Finazzi Esercitazioni di XML a cura di Maria Finazzi (11-19 gennaio 2007) e-mail: maria.finazzi@unipv.it pagine web: Il trattamento dell'informazione Testo a stampa: Come

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Impianti di Elaborazione. Applicazioni e Servizi

Impianti di Elaborazione. Applicazioni e Servizi Impianti di Elaborazione Applicazioni e Servizi M.G. Fugini COMO IMPIANTI 08-09 Indice dei contenuti Servizi e risorse Internet (Telnet, FTP, Posta elettronica, News, Chat, Videoconferenza, ) World Wide

Dettagli

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 XML: sintassi Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 Cosa è XML 1 XML (Extensible Markup Language ) è un linguaggio di markup È stato progettato per lo scambio e la interusabilità di documenti

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Il linguaggio HTML - Nozioni di base

Il linguaggio HTML - Nozioni di base Corso IFTS Informatica, Modulo 3 Progettazione pagine web statiche (50 ore) Il linguaggio HTML - Nozioni di base Dott. Chiara Braghin braghin@dti.unimi.it What is HTML? HTML (HyperText Markup Language)

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 1. Introduzione a Internet e al WWW Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica

Dettagli

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare.

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare. Capitolo 6 jquery Negli ultimi anni è stata rilasciata una mole incalcolabile di framework JavaScript, più o meno completi, realizzati per supportare nel miglior modo possibile lo sviluppatore web aiutandolo

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli

Tecnologie e Programmazione Web

Tecnologie e Programmazione Web Presentazione 1 Tecnologie e Programmazione Web Html, JavaScript e PHP RgLUG Ragusa Linux Users Group SOftware LIbero RAgusa http://www.solira.org - Nunzio Brugaletta (ennebi) - Reti 2 Scopi di una rete

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

Come funziona internet

Come funziona internet Come funziona internet Architettura client server URL/URI Richiesta (Request) Risposta (Response) Pagina url e uri Uno Uniform Resource Identifier (URI, acronimo più generico rispetto ad "URL") è una stringa

Dettagli

Stack protocolli TCP/IP

Stack protocolli TCP/IP Stack protocolli TCP/IP Application Layer Transport Layer Internet Layer Host-to-Nework Layer DNS SMTP Telnet HTTP TCP UDP IP Insieme di eterogenei sistemi di rete... 1 Concetti base Differenza tra i concetti

Dettagli

REQUISITO DI ACCESSIBILITA

REQUISITO DI ACCESSIBILITA ISTITUTO COMPRENSIVO Pascoli - Crispi Via Gran Priorato, 11-98121 Messina Via Monsignor D'Arrigo, 18-98122 Messina Tel/Fax. 09047030 090360037 e-mail: meic87300t@istruzione.it / meee00800r@istruzione.it

Dettagli

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1 Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA L INIZIO 1 Capitolo 1 Esplorare il World Wide Web 3 1.1 Come funziona il World Wide Web 3 1.2 Browser Web 10 1.3 Server Web 14 1.4 Uniform Resource Locators 15 1.5

Dettagli

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza I riferimenti riguardano quanto indicato nelle Recommendation del World Wide Web Consortium (W3C) ed in particolare in quelle

Dettagli

XML. Parte VI - Introduzione e nozioni fondamentali di sintassi. XML: Extensible Markup Language:

XML. Parte VI - Introduzione e nozioni fondamentali di sintassi. XML: Extensible Markup Language: XML Parte VI - Introduzione e nozioni fondamentali di sintassi XML: cosa è XML: Extensible Markup Language: è un linguaggio che consente la rappresentazione di documenti e dati strutturati su supporto

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict.

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict. Tasti di accesso rapido Al fine di migliorare l'accessibilità del sito sono stati definiti i seguenti tasti di accesso rapido, per attivare le principali funzionalità offerte: [H] = Homepage [R] = Ricerca

Dettagli

Introduzione. In questo capitolo

Introduzione. In questo capitolo Introduzione I CSS ( Cascading Style Sheets, fogli di stile a cascata) sono la tecnologia elaborata dal W3C (World Wide Web Consortium; http://www.w3.org/) per definire l aspetto (caratteri, colori e impaginazione)

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Document Object Model (DOM)

Document Object Model (DOM) Laboratorio di Programmazione Distribuita Document Object Model (DOM) Dott. Marco Bianchi Università degli Studi di L'Aquila bianchi@di.univaq.it http://di.univaq.it/~bianchi Definizione di DOM Il DOM

Dettagli

venerdì 31 gennaio 2014 Programmazione Web

venerdì 31 gennaio 2014 Programmazione Web Programmazione Web WWW: storia Il World Wide Web (WWW) nasce tra il 1989 e il 1991 come progetto del CERN di Ginevra affidato a un gruppo di ricercatori informatici tra i quali Tim Berners- Lee e Robert

Dettagli

Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0

Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0 Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Marco Coppola Matr. 534/002312 Obbiettivi

Dettagli

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti COMUNE DI GALLARATE Settore Risorse Economiche e Finanziarie Centro Elaborazione Dati Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti Dichiarazione di accessibilità Il sito del Comune

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_5 V1.11. JSP parte E

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_5 V1.11. JSP parte E Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B6_5 V1.11 JSP parte E Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e

Dettagli

Breve introduzione allo sviluppo WEB. a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz

Breve introduzione allo sviluppo WEB. a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz Breve introduzione allo sviluppo WEB a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz Partiamo (1 di 1) Come funziona il WEB e quali tecnologie lo compongono Cos è un Client (1 di 2) Un client, in informatica,

Dettagli

Nessuna parte del testo può essere in alcun modo riprodotta senza autorizzazione scritta di Sperling & Kupfer Editori.

Nessuna parte del testo può essere in alcun modo riprodotta senza autorizzazione scritta di Sperling & Kupfer Editori. TITOLO ORIGINALE JavaScript Step by Step, 2E Published with the authorization of Microsoft Corporation by: O Reilly Media, Inc. 1005 Gravenstein Highway North Sebastopol, California 95472 Copyright 2010

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

CAPITOLO 6 - LINGUAGGIO HTML INTRODUZIONE

CAPITOLO 6 - LINGUAGGIO HTML INTRODUZIONE INTRODUZIONE Le pagine web sono scritte in HTML, un semplice linguaggio di scrittura. In pratica, un documento HTML non è nient'altro che un file di testo. L'HTML permette di scrivere un documento come

Dettagli

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER 19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Introduciamo uno pseudocodice lato server che chiameremo Pserv che utilizzeremo come al solito per introdurre le problematiche da affrontare, indipendentemente dagli specifici

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Applicazioni e Architetture Internet 1 Introduzione Introduzione alle architetture a tre livelli Formati di dati per il Web HTML, XML, DTD 2 Componenti dei sistemi dataintensive Tre tipi separati di funzionalità:

Dettagli

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice Indice 4. XML Extensible Markup Language...2 4.1 Usi di XML...3 4.2 Caratteristiche di XML...3 4.3 Elementi...5 4.4 Attributi...5 4.4.1 Documento XML ben formato...6 4.5 Informazioni di controllo...6 4.5.1

Dettagli

XML: extensible Markup Language

XML: extensible Markup Language XML: extensible Markup Language Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino laura.farinetti@polito.it L. Farinetti - Politecnico di Torino 1 Introduzione XML: extensible Markup

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Il sito web del comune è stato progettato e realizzato con particolare attenzione a quanto prescritto dalla Legge 4/2004 (cosiddetta Legge Stanca ), contenente "Disposizioni

Dettagli

GUIDA HTML 4.01 andreavasini@libero.it HTML.IT

GUIDA HTML 4.01 andreavasini@libero.it HTML.IT Tutti i diritti sono riservati. Per pubblicazioni od utilizzo di questo materiale pregasi contattare l autore al seguente indirizzo: andreavasini@libero.it Andrea Vasini HTML.IT HTML.IT - Andrea Vasini

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Riassuntodel corsoe cenni ad argomenti avanzati

Riassuntodel corsoe cenni ad argomenti avanzati Riassuntodel corsoe cenni ad argomenti avanzati In breve.. Sono tutte sequenze di bit! 1 1 0 1 0 1 0 0 0 1 2 1 In breve > Ipertesti in HTML Informazioni di natura non omogenea, cui si accede mediante

Dettagli

Itis Cardano. Introduzione a HTML. Pavia. M. Rivera Itis Cardano Pavia. A.s. 2005-2006

Itis Cardano. Introduzione a HTML. Pavia. M. Rivera Itis Cardano Pavia. A.s. 2005-2006 Introduzione a HTML A.s. 2005-2006 M. Rivera Itis Cardano Pavia Itis Cardano Pavia Sommario Introduzione al linguaggio HTML Struttura di un documento HTML Link ipertestuali Immagini e oggetti multimediali

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Requisito n. 1 : Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Tecnologie WEB. Sintesi 2010-2011

Tecnologie WEB. Sintesi 2010-2011 Tecnologie WEB Sintesi 2010-2011 2011 1 Mappa Concettuale CSS HTML XML CGI PERL Servlet JSP Java Script Lato Client AJAX Lato Server ASP Applet PHP 2 HTML Linguaggio di mark-up (contrassegno) nato nel

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

Ajax. Pasqualetti Veronica

Ajax. Pasqualetti Veronica Ajax 1 Pasqualetti Veronica AJAX: Introduzione AJAX (Asynchronous JavaScriptS i tand XML) è una tecnica per la creazione di applicazioni Web interattive. Permette l aggiornamento asincrono di porzioni

Dettagli

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web 1 Il protocollo HTTP È il protocollo standard inizialmente ramite il quale i server Web rispondono alle richieste dei client (prevalentemente browser);

Dettagli

XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS

XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS CSS e XML Per formatare i documenti XML è possibile seguire due strade: Quando non c è bisogno della potenza elaborativa di XSL, l utilizzo

Dettagli

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Indice Standard ISO/OSI e TCP/IP Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Modello Client / Server I Socket Il World Wide Web Protocollo HTTP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A.

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Corso Descrizione La durata di questo corso è complessivamente di ore 150 di cui 85 ore di teoria, 35 ore di pratica e 30 ore di stage in azienda. Nel nostro territorio esiste una richiesta di tale figura,

Dettagli

Scaletta. Estensioni UML per il Web. Applicazioni web - 2. Applicazioni web. WAE: Web Application Extension for UML. «Client page»

Scaletta. Estensioni UML per il Web. Applicazioni web - 2. Applicazioni web. WAE: Web Application Extension for UML. «Client page» Scaletta Estensioni UML per il Web Michele Zennaro 14-05-2004 Le applicazioni web Scopo di un estensione UML per il web Due punti di vista Uno più astratto Uno più vicino ai file fisici conclusivo Commenti

Dettagli

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it La struttura: DTD Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino laura.farinetti@polito.it L. Farinetti - Politecnico di Torino 1 Modello di struttura I tag annidati danno origine

Dettagli

Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati

Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati In breve Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati.. Sono tutte sequenze di bit! 1 1 0 1 0 1 0 0 0 1 2 In breve In breve > Ipertesti in HTML Informazioni di natura non omogenea, cui si

Dettagli

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II Macchine per l elaborazione dell informazion e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica II Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta

Dettagli

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 Le pagine del sito istituzionale e dei siti tematici del Comune di Pesaro sono state progettate

Dettagli

Web Programming Specifiche dei progetti

Web Programming Specifiche dei progetti Web Programming Specifiche dei progetti Paolo Milazzo Anno Accademico 2010/2011 Argomenti trattati nel corso Nel corso di Web Programming sono state descritti i seguenti linguaggi (e tecnologie): HTML

Dettagli

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Marcello Cinque candidato Antonio Alonzi Matr.

Dettagli