Note Operative UNICO PERSONE FISICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Note Operative UNICO PERSONE FISICHE"

Transcript

1 Note Operative UNICO PERSONE FISICHE RELEASE Sintesi delle operazione da effettuare: Soddisfare eventuali prerequisiti (paragrafo 2) Installare l'aggiornamento mod. SOF\MD pag. 1 di 34

2 Sommario 1. OBIETTIVI DELL'AGGIORNAMENTO PREREQUISITI CONTENUTI DELL'AGGIORNAMENTO OPERAZIONI DI PASSAGGIO D ANNO Preparazione ambiente Operazioni effettuate dal passaggio d anno NOVITÀ INTRODOTTE Modalità di ricerca nominativi Frontespizio Terreni Fabbricati Importa dati da Catasto (Terreni e Fabbricati) Oneri Quadro RR Quadro RH Quadri d impresa e Studi di settore Quadro RS Quadro LM Imprenditoria giovanile Prospetto A.C.E. (Aiuto alla Crescita Economica) Prospetto versamenti Quadro RN Riepilogo Archiviazione Documentale COLLEGAMENTO CON ALTRE PROCEDURE Recupero dati contabili Trasferimento 1 rata fissi Ivs a versamenti unificati STAMPE LISTE E MODELLI Stampe Modelli provvisori TABELLE Addizionale regionale Addizionale Comunale Saldo - Acconto Comuni - Aliquote IMU ALTRE UTILITY Aggiornamento tabelle Addizionale Comunale GESTIONE AMBIENTE mod. SOF\MD pag. 2 di 34

3 1. OBIETTIVI DELL'AGGIORNAMENTO Il presente aggiornamento permette di effettuare le operazioni di passaggio d anno degli archivi Unico mantenendo le informazioni necessarie alla nuova dichiarazione e cancellando quelle inutili. Viene abilitata la gestione di tutti i quadri e le stampe provvisorie dei modelli ministeriali. NON vengono ancora abilitati i programmi di recupero dati dalla contabilità, dai cespiti e dalle paghe (Irap). Nota bene: vista la mancanza del motore di Calcolo Gerico il collegamento tra Redditi e Studi di Settore è momentaneamente disabilitato. Verrà abilitato con un successivo aggiornamento della procedura Studi di Settore. 2. PREREQUISITI Effettuare un salvataggio della directory dati (DRDATI). L installazione va eseguita con anno d installazione 13 in modalità completa. AMBIENTE 2012 : creare una copia degli archivi. Tale copia potrà, se del caso, essere utilizzata per la creazione di uno specifico ambiente contenente tutte le dichiarazioni dello scorso anno vedere in calce alle presenti note Gestione ambiente 2012 (paragrafo 4). 3. CONTENUTI DELL'AGGIORNAMENTO 3.1 Operazioni di passaggio d anno Questa operazione, necessaria per il corretto recupero ed allineamento degli archivi dell anno precedente, provvede a cancellare dai singoli quadri i dati che non sono utili per la dichiarazione Le operazioni di passaggio d anno vengono effettuate automaticamente al momento del primo accesso al punto Gestione quadri. Se il passaggio d anno termina correttamente viene presentato il menù quadri Preparazione ambiente Al momento del primo accesso alla gestione quadri viene eseguita la fase di Preparazione ambiente. In tale fase vengono effettuate le seguenti operazioni: aggiornamento tabelle addizionali Comunali (saldo e acconto). Durante l esecuzione è necessario disporre di un collegamento Internet per effettuare lo scarico automatico delle tabelle ministeriali. cancellazione archivi non necessari all anno nuovo (vecchi file guida, file temporanei, file PDF, ecc.); mod. SOF\MD pag. 3 di 24

4 3.1.2 Operazioni effettuate dal passaggio d anno Unico Persone Fisiche Release Prima di effettuare il passaggio d anno è necessario impostare i parametri di elaborazione: Cancellazione vecchie posizioni: barrando la casella vengono eliminate tutte le dichiarazioni con frontespizio e riepilogo con anno precedente al 2012 (in pratica le dichiarazioni non gestite lo scorso anno). Vengono comunque mantenute le posizioni inserite ai soli fini IMU. Non barrando non viene effettuata nessuna cancellazione. Cancellazione quota associativa quadro RR: barrando viene cancellato l importo della quota associativa presente nel quadro RR. Viceversa l importo viene mantenuto. Stampa ordinata per gruppo logico/codice operatore: barrando le stampe di controllo effettuate dal passaggio d anno vengono ordinate per gruppo logico e per codice operatore. Viceversa l ordinamento viene effettuato per codice fiscale. Mantenere flag Avviso telematico Intermediario: barrando, il flag Avviso telematico Intermediario presente in Frontespizio ed il corrispondente flag Ricezione avviso telematico presente in Situazione vengono mantenuti. Non barrando i due flag vengono cancellati. Cancellazione degli immobili ceduti prima del : barrando vengono cancellati tutti gli immobili (Terreni / Fabbricati) che riportano date di vendita inferiori a 2012 e che, quindi, non riguardano più la dichiarazione 2013 (redditi 2012). E' possibile indicare un anno precedente a 2012: in tal caso verranno cancellati i fabbricati con data di vendita inferiore all'anno digitato. Non barrando verranno preservati tutti gli immobili presenti in archivio indipendentemente dalle date di vendita. mod. SOF\MD pag. 4 di 24

5 Mettere a tutti gli immobili il flag Da confermare : barrando, tutti i quadri dei terreni e dei fabbricati vengono messi ad incompleto e tutti gli immobili marcati con l asterisco (da riconfermare - nella gestione semplificata gli immobili da confermare vengono evidenziati con il colore rosso sul numero di rigo). Si ricorda che non è possibile mettere a Completo il quadro dei Terreni/Fabbricati se esiste un singolo immobile con l asterisco. Non barrando, vengono effettuati una serie di controlli per determinare se mettere ad incompleto il quadro o lasciarlo completo. I singoli immobili vengono marcati con un asterisco (nella semplificata gli immobili da confermare vengono evidenziati con il colore rosso sul numero del rigo) ed il quadro messo ad Incompleto in presenza delle seguenti casistiche : immobili affittati (con reddito effettivo); immobili inagibili; Calcolo Irpef del singolo periodo non barrato; Calcolo IMU del singolo periodo non barrato (ad esclusione dei terreni con Titolo di proprietà 4); Calcolo automatico IRPEF o IMU non barrato; Ripristino flag Calcolo Automatico: barrando il flag, i campi Automatico relativi al calcolo Irpef ed Imu vengono preimpostati barrati. Viceversa vengono mantenuti quelli dello scorso anno. A1. Operazioni effettuate sui singoli quadri Sui singoli quadri vengono effettuate le seguenti operazioni: Situazione: Mantenuto il codice fiscale dell Intermediario e l impegno a trasmettere; Frontespizio: Terreni : eliminati i flag di stampa; mantenuta la data di variazione della residenza se relativa all'anno 2012; nella videata dei familiari a carico vengono riportati i dati relativi ai mesi a carico e alla percentuale di spettanza della detrazione; MESI MINORI DI 3 ANNI : per i nati nel 2008 viene azzerato, per i nati nel 2009 viene riportato il mese di nascita mentre per i nati nel 2011 viene valorizzato a 12; lo stato del quadro viene messo ad Incompleto. in presenza di percentuale di conduzione diretta viene barrato il nuovo flag Coltivatore diretto ; nei terreni dei Comuni totalmente delimitati viene barrato il nuovo flag Esente Imu (ad eccezione delle aree fabbricabili) in presenza di determinate casistiche gli immobili vengono marcati come da confermare ed il quadro messo ad Incompleto. Negli altri casi il quadro rimane invariato. mod. SOF\MD pag. 5 di 24

6 Fabbricati: Il campo Utilizzo viene modificato nei seguenti casi: Vecchio utilizzo Nuovo utilizzo Da verificare 11 Pertinenza Uid 9 Altri casi 12 Uid temporanea estero 9 Altri casi 13 Prop. condominiale 9 Altri casi 16 Storico Affittato 3 Affittato canone libero SI 1 + presenza affitto 11 Ab. Princ. Parzialmente locata SI Quadro C : Quadro D : in presenza di determinate casistiche gli immobili vengono marcati come da confermare ed il quadro messo ad Incompleto. Negli altri casi il quadro rimane invariato. Mantenuto il codice fiscale del datore di lavoro ed il flag Pensione ; mantenuti i dati della sezione I, l anno di inizio attività, le percentuali e giorni dei dati relativi all'impresa familiare ed i flag Impiego propri familiari e Modificazione soggetto agricolo ; Quadro LM (ex CM): mantenuto il codici attività ed i flag indicanti il tipo di attività; le eventuali perdite degli anni precedenti vengono riportate nei righi RS8 RS9 (sezioni riservate ai fuoriusciti dal regime dei minimi); Redditi da lavoro autonomo: mantenuta la descrizione relativa all attività esercitata ed i codici attività; mantenuti inoltre codice studio di settore, anno inizio attività; Prospetto impresa familiare: Azzerati gli importi, mantenuti i dati anagrafici; Quadro d impresa F: mantenuta la descrizione relativa all attività esercitata ed i codici attività; mantenuti inoltre codice studio di settore, anno inizio attività, flag artigiano, agriturismo e azienda coniugale; mod. SOF\MD pag. 6 di 24

7 percentuali e giorni dei dati relativi all'impresa familiare; nei prospetti delle plusvalenze, delle sopravvenienze, delle perdite e delle manutenzioni vengono scalati gli importi dei singoli anni; vengono inoltre recuperati il flag Congruità Studi S/N e Maggiorato S/N dagli archivi delle ultime tre dichiarazioni. Tali flag vengono visualizzati nell ultima videata del quadro RF; vengono mantenuti ed evidenziati negli appositi campi i principali importi relativi alla dichiarazione dell'anno scorso; Quadro EC: mantenuta la colonna Eccedenze pregresse ; Quadro d impresa semplificata G: mantenuta la descrizione relativa all attività esercitata ed i codici attività; mantenuti inoltre codice studio di settore, anno inizio attività, flag artigiano, agriturismo e azienda coniugale; percentuali e giorni dei dati relativi all'impresa familiare; nei prospetti delle plusvalenze, delle sopravvenienze, delle spese di rappresentanza e delle perdite vengono scalati gli importi dei singoli anni di uno; vengono mantenuti ed evidenziati negli appositi campi i principali importi relativi alla dichiarazione dell'anno scorso; Quadro H - Redditi da partecipazione mantenuti i dati delle partecipazioni esistenti nelle sezioni I e II ed azzerati gli importi; mantenuta l eventuale eccedenza Ace dello scorso anno; Quadro L - redditi diversi Prospetto crediti Il valore fiscale di fine esercizio (RF78 col. 2) delle svalutazioni viene portato come valore di inizio esercizio (RF74 col.2) Quadro M - redditi tassazione separata Nelle sezioni XVA e XVB vengono riportati gli eventuali importi versati l anno precedente mod. SOF\MD pag. 7 di 24

8 Quadro P- Oneri : mantenute le descrizioni presenti nelle finestre di dettaglio e gli eventuali oneri inseriti con anno 2012; nei righi P4, P5 e P6 viene mantenuta la scelta dell eventuale rateazione fatta lo scorso anno aumentandola di 1. nei righi P7-P10 viene mantenuto il prospetto inserito lo scorso anno, ad eccezione dell importo degli interessi che viene azzerato; sez % : vengono riportati i dati presenti lo scorso anno aumentando di 1 le caselle di rateazione (ad es. da 1 a 2, ecc.); sez. 55 % : vengono riportati i dati presenti lo scorso anno aumentando di 1 le caselle di rateazione (ad es. da 1 a 2, ecc.); nel rigo P82 (mobili) vengono riportati i dettagli e l'importo presente nel rigo P82 dellso scorso anno; nel dettaglio relativo al rigo Contributi previdenziali obbligatori vengono recuperati i versamenti dovuti ai fini IVS. Vengono create due righe di dettaglio. Nella prima, con la dicitura Contributi Ivs Minimale, l importo riportato è dato dal seguente calcolo: Commerciante: viene riportato l importo fisso di Euro 3.133,49 calcolato sommando la quarta rata del minimale 2011 (comprensivo di maternità) alle prime tre rate del minimale 2012; se il campo Tipo riduzione presente nel quadro RR vecchio è valorizzato a A l importo fisso viene ridotto alla metà. Tale importo andrà necessariamente verificato per i soggetti per i quali la riduzione non spetta per l intero anno. Artigiano: viene riportato l importo fisso di Euro 3.120,13 calcolato sommando la quarta rata del minimale 2011 (comprensivo di maternità) alle prime tre rate del minimale se il campo Tipo riduzione presente nel quadro RR vecchio è valorizzato a A l importo fisso viene ridotto alla metà. Tale importo andrà necessariamente verificato per i soggetti per i quali la riduzione non spetta per l intero anno. Nella seconda, con la dicitura Contributi Ivs Ecc. Minimale, l importo riportato è dato dalla somma del saldo a debito e dai due acconti. Con la dicitura Contributi previdenziali gestione separata vengono inoltre recuperati gli importi versati di saldo e acconto da quadro RR sez. II. mod. SOF\MD pag. 8 di 24

9 Quadro RR : mantenuti i dati anagrafici dei singoli collaboratori e riportati gli eventuali acconti eccedenti il minimale; codice Sede e matricola Inps; nella sezione II vengono riportati i dati relativi agli acconti; nella sezione III viene riportata la matricola; Quadro RS: Prospetto perdite: gli importi vengono scalati di un anno. Vengono inoltre riportate le perdite derivanti dalla fuoriuscita dal regime dei minimi (Rs8 e/o Rs9); mantenuti i dati presenti nel rigo 25 e 26 (Ammortamento terreni); valorizzata la sez. relativa alla Rideterminazione Acconto. I dati vengono recuperati dal quadro dei fabbricati e dal quadro RN dell'anno precedente. Canone Rai : riportati i dati dello scorso anno, ad eccezione della data di versamento Prospetto Ace : riportata l eventuale eccedenza dello scorso anno; Quadro RT - Plusvalenze minusvalenze non compensate : nei vari prospetti riportate le minusvalenze scalandole di 1 anno; Quadro RU - Crediti d imposta per ogni sezione di competenza vengono recuperati i relativi crediti residui risultanti dalla passata dichiarazione; Quadro RW - Trasferimento estero conservati integralmente i dati della sezione II; stato del quadro ad Incompleto. Quadro RQ - Imposta sostitutiva recuperati gli acconti versati per la tassa etica; Quadro Versamenti: vengono riportati gli acconti Irpef, Cedolare, Irap, Addizionale Comunale e Contribuenti Minimi presenti negli archivi redditi dello scorso anno. Se è stata creata una dichiarazione per proiezioni, gli importi di cui sopra vengono recuperati da tale dichiarazione; vengono inoltre riportate le scadenze annuali delle imposte sostitutive inserite nel quadro RQ sez. II e III della precedente dichiarazione; mod. SOF\MD pag. 9 di 24

10 IRAP Unico Persone Fisiche Release vengono mantenuti gli eventuali codice regione inseriti nel prospetto VAP reg. MQ o VAP reg. retrib ; Quadro AC mantenuti i dati dei condomini e dei relativi fornitori ad eccezione dell importo presente sui singoli fornitori; Riepilogo quadro N: azzerati tutti gli importi; nel quadro CR vengono riportate gli eventuali crediti d imposta residui per prima casa e nuove assunzioni; Fatturazione azzerati tutti gli importi (anche quelli personalizzati); mantenuto il Codice Fiscale per fatturazione (sia redditi che Ici); valorizzato il totale competenze (Redditi ed Ici) addebitate lo scorso anno; Impianto di stampa azzerata la data di impegno a trasmettere. Tabella Comuni Imu : i dati utilizzati nel calcolo dell anno 2012 vengono riportati nella tabella 2013; viene inoltre cancellato il campo Tipo aggiornamento. 3.2 Novità introdotte Di seguito si riportano le principali novità introdotte nella procedura Modalità di ricerca nominativi A1. Selezione tramite i pulsanti Cod. Fiscale e/o Denominazione mod. SOF\MD pag. 10 di 24

11 I pulsanti COD. FISCALE e DENOMINAZIONE permettono di ricercare un nominativo presente in archivio. Cliccando su uno dei due pulsanti viene proposto l'elenco dei nominativi presenti e le principali informazioni riguardanti lo stato delle singole dichiarazioni. Viene ad esempio riportato: il tipo di dichiarazione gestita (integrativa, correttiva, ecc.,), se la dichiarazione è completa, ecc. Nella parte alta viene data la possibilità di visualizzare Tutte le dichiarazioni o di limitare la visualizzazione alle sole dichiarazioni Incomplete o Complete. A fondo video è possibile posizionarsi direttamente su un nominativo digitando parte del Codice Fiscale o del Nominativo. I dati visualizzati a video possono essere ordinati in base alle proprie esigenze: è sufficiente premere un doppio click del mouse sul titolo della colonna da ordinare. Premendo il tasto destro del mouse sulla griglia, viene data la possibilità di esportare la selezione effettuata su un file XLS. IMPOSTA PERSONALIZZATA Tramite il pulsante Imposta Personalizzata è inoltre possibile impostare dei parametri di ricerca personali per limitare ulteriormente l elenco delle dichiarazioni visualizzate. I risultati di tale impostazione vengono visualizzati premendo il pulsante Personalizzata. L impostazione personalizzata viene registrata e mantenuta anche nei successivi accessi alla videata di ricerca Frontespizio Casi particolari add. Regionale : la regione Veneto ha stabilito che determinate categorie di soggetti (disabili e contribuenti con familiare disabile a carico con un reddito imponibile non superiore a ) possono usufruire di un aliquota ridotta di addizionale regionale. Per applicare l aliquota ridotta è necessario barrare la casella Terreni La gestione è rimasta sostanzialmente immutata rispetto allo scorso anno. Nel singolo terreno sono stati aggiunti i seguenti campi: - Coltivatore diretto: barrare la casella nel caso di terreno posseduto e condotto da coltivatore diretto o da imprenditore agricolo professionale (IAP). Ai fini del calcolo degli acconti 2013, in presenza di casella barrata, i redditi dominicale ed agrario vengono rivalutati del 5% anziché del 15%. - Esente IMU: barrare la casella per gli immobili esenti da Imu. In inserimento di un nuovo immobile, la casella viene barrata automaticamente per i Comuni totalmente delimitati. In mod. SOF\MD pag. 11 di 24

12 presenza di un terreno sito in un Comune totalmente delimitati e considerato area fabbricabile ai fini Imu, la casella NON va barrata. A1. Imponibile irpef Si ricorda che a partire dal 2012 l Imu ha sostituito l Irpef e le addizionali dovute con riferimento agli immobili NON locati. L imponibile dominicale viene quindi valorizzato solo per gli immobili locati (Titolo 2 o 3) e/o per gli immobili ESENTI da Imu (casella Esente Imu barrata). Negli altri casi l imponibile dominicale non viene valorizzato. L imponibile agrario non ha subito modifiche. A2. Imponibili per acconti I redditi dominicale ed agrario vanno ulteriormente rivalutati ai fini dell acconto Irpef 2013 (15% se terreno normale, 5% se posseduto da coltivatore diretto o Iap). Nella prima videata dei terreni vengono evidenziati gli imponibili ai fini del calcolo dell acconto. A3. Creazione CSV Permette di scaricare su file Csv (excel) tutti i dati degli immobili del nominativo selezionato. Il file viene creato nella cartella \SEAC\DATIUTENTE\LOGIN\GRUPPO\DR con il seguente nome: lista_terreni_codicefiscale_login_data_ora.csv. In ambiente Server Farm viene richiesto se salvare il file in locale o in Server Farm Fabbricati A1. IMU dati pro detrazione Come noto la detrazione per abitazione principale è costituita da un importo fisso di 200 Euro aumentato di 50 Euro per ogni figlio (fino ad un massimo di 400 Euro) con età inferiore a 26 anni residente nell'abitazione principale, indipendentemente dal fatto che siano fiscalmente a carico. Tale ulteriore detrazione deve inoltre essere rapportata a mese, con le stesse regole valide ai fini Ici (15 gg 1 mese). Ad es. per un figlio che compie i 26 anni il 16/03/2013 l'ulteriore detrazione spetta per 3 mesi, mentre per un figlio nato il 20/02/2013 spetta per 10 mesi. Per gestire tale calcolo possono essere utilizzate due modalità: inserimento del dato relativo a numero figli e mesi direttamente nella prima videata del quadro dei fabbricati. l dati vengono proposti in base ai dati presenti nel frontespizio: o o n. figli : proposto in base ai dati presenti nei familiari a carico. Il dato è modificabile ed è proposto solo se il campo risulta vuoto. Il dato è comunque ininfluente ai fini del calcolo della detrazione. n. mesi: calcolato dalla conferma del quadro Frontespizio in base ai dati presenti nella videata dei familiari a carico. Per i figli nati nel 2012 vengono considerati 12 mesi, per i figli che compiono i 26 anni nel 2013 vengono calcolati i mesi spettanti (fino alla data di compimento dei 26 anni) per tutti gli altri viene utilizzato il campo Mesi a carico. Il dato proposto è modificabile. mod. SOF\MD pag. 12 di 24

13 o nella colonna (da FR) vengono visualizzati i dati ricavati dal frontespizio (non modificabili). Se i due dati sono diversi viene data segnalazione. Per non utilizzare i dati proposti ai fini del calcolo della detrazione (nessun figlio residente nell'abitazione principale) è necessario indicare 99 nel numero figli e 999 nel numero mesi utilizzo del Prospetto figli : con questa modalità è invece possibile diversificare i mesi e la percentuale di ciascun figlio. E' ad esempio possibile gestire il caso di una dichiarazione con due figli in cui uno dei due è a carico interamente al dichiarante o coniuge e l'altro figlio di entrambi. Accedendo al prospetto vengono proposti i familiari presente nel frontespizio. E' possibile inserire ulteriori figli o modificare i dati recuperati. Uscendo dal prospetto i due dati vengono visualizzati nella prima videata dei fabbricati. L'utilizzo del prospetto inibisce la digitazione diretta del numero figli/mesi. A2. Aggiorna affittati Il pulsante Aggiorna affittati permette l'aggiornamento dei dati relativi all'affitto su tutti i fabbricati presenti in archivio con utilizzo 3, 4 e 8. Premendo il pulsante viene visualizzata una griglia riportante tutti i fabbricati locati in cui è presente un periodo valido ai fini Irpef. Nella parte sinistra della griglia sono riportati i principali dati identificativi del fabbricato (non modificabili). Dalla colonna Ced (cedolare) in poi sono riportati i dati relativi agli affitti: tali dati sono modificabili/inseribili. Da tale griglia è quindi possibile effettuare le seguenti operazioni: modificare l'importo dell'affitto lordo riportato dalle operazioni di passaggio d'anno. E' sufficiente modificare l'importo presente nella colonna affitto lordo (doppio click del mouse per accedere al campo); modificare/inserire l'eventuale affitto totale da ripartire sui fabbricati collegati. In questo caso è sufficiente modificare/inserire l'importo presente nella colonna aff. Totale. Oltre all'affitto totale è possibile modificare/inserire anche il codice di raggruppamento, modificando/inserendo il dato presente nella colonna Codice raggr.. Il campo n.coll. visualizza il numero di unità collegate; inserire/modificare il flag relativo all'opzione per la cedolare secca, barrando la casella Ced. Andrà poi inserito l'importo dell'affitto e gli estremi di registrazione del contratto; modificare gli eventuali estremi di registrazione del contratto già presenti. mod. SOF\MD pag. 13 di 24

14 La conferma della griglia provvede ad aggiornare tutti i fabbricati modificati ed a ricalcolare gli imponibile Irpef/Imu. Non sarà quindi necessario accedere ai singoli fabbricati. A3. Creazione CSV Permette di scaricare su file Csv (excel) tutti i dati degli immobili del nominativo selezionato. Il file viene creato nella cartella \SEAC\DATIUTENTE\LOGIN\GRUPPO\DR con il seguente nome: lista_fabbricati_codicefiscale_login_data_ora.csv. In ambiente Server Farm viene richiesto se salvare il file in locale o in Server Farm. A4. Gestione Irpef La gestione è rimasta sostanzialmente immutata rispetto allo scorso anno. Sono state apportate le seguenti modiche: - Esente IMU: aggiunto il nuovo campo, da barrare per gli immobili esenti da Imu. Valorizzando la casella l immobile viene assoggettato a Irpef (ad esclusione dell abitazione principale). - Utilizzo: i valori accettati dal campo sono stati adeguati alle nuove istruzioni ministeriali. Si ricorda che da quest anno l abitazione principale parzialmente locata non può più essere inserita con l utilizzo 1 ma con 11 o 12 (canone convenzionale). - Tipo aliquota: il campo è stato spostato a fianco del campo Utilizzo al fine di migliorarne la visibilità. Le proposte automatiche del campo sono rimaste inalterate rispetto allo scorso anno. IMPONIBILE IRPEF Si ricorda che a partire dal 2012 l Imu ha sostituito l Irpef e le addizionali dovute con riferimento agli immobili NON locati. L imponibile Irpef viene quindi valorizzato solo per gli immobili locati (Utilizzo 3,4,8,14 senza cedolare) e/o per gli immobili ESENTI da Imu (casella Esente Imu barrata). Negli altri casi l imponibile non viene valorizzato. I redditi degli immobili soggetti ad Imu, e quindi esenti da Irpef, vengono riportati nel nuovo rigo previsto nel riepilogo (rigo 50 col. 1 e 2). A5. Gestione Imu La gestione è rimasta invariata rispetto allo scorso anno. E stata eliminata la visualizzazione/gestione della seconda di rata di acconto (non più prevista). L imposta statale viene visualizzata/calcolata solo per gli Immobili di categoria D. ALIQUOTA Viene visualizzata l aliquota utilizzata per il calcolo dell imposta dovuta. Si ricorda che, a differenza dell ICI, l attuale normativa Imu, prevede che l imposta venga calcolata utilizzando la stessa aliquota sia per l acconto che per il saldo (aliquota presente nella tabella dell anno in corso). mod. SOF\MD pag. 14 di 24

15 Fanno eccezione quei Comuni che hanno pubblicato la delibera dopo il 30/04 per i quali va utilizzata l aliquota dell anno precedente sia per l acconto che per il saldo. Dal punto di vista meccanografico, nella tabella Comuni Imu, è presente il campo Data delibera dove indicare la data di pubblicazione della delibera. La mancanza della data viene considerata come data precedente al 30/04. Calcolo Imu per pertinenze: si ricorda che la normativa Imu prevede che le pertinenze trattate come abitazione principale possano essere al massimo una per ogni categoria catastale C/2, C/6 e C/7 (con nessuna facoltà al Comune di intervenire). In fase di proposta del Tipo aliquota viene indicato il valore 3 per tutti i fabbricati con utilizzo 5. La procedura assoggetta automaticamente ad aliquota ridotta (e detrazione) solo il primo immobile con Tipo aliquota 3 (indipendentemente dal valore dello stesso). Gli eventuali altri immobili con tipo aliquota 3 vengono calcolati con l'aliquota ordinaria. In presenza di più pertinenze IRPEF, nel caso si voglia trattare come pertinenza IMU un immobile specifico (diverso pertanto dal primo trattato dalla procedura) è necessario modificare il tipo aliquota da 3 ad 1 negli altri immobili-pertinenze. Esempio: in caso di 2 pertinenze dove la seconda risulta con valore imponibile IMU superiore, si suggerisce di impostare il tipo aliquota 1 nella prima pertinenza Importa dati da Catasto (Terreni e Fabbricati) Nella prima videata è stato inserito il pulsante Importa catasto che permette di importare i dati catastali direttamente dal sito dell Agenzia delle Entrate. Per l utilizzo di tale funzione è necessaria la presenza della procedura SeacTel e la sua corretta impostazione (si vedano le note operative della rel ); Premendo il pulsante viene effettuato il collegamento con il sito dell Agenzia delle Entrate. Nella successiva videata vengono visualizzati i dati degli immobili presenti in tale archivio: mod. SOF\MD pag. 15 di 24

16 Nella griglia vengono visualizzati i principali dati degli immobili. Viene inoltre effettuato un confronto tra i dati recuperati e quelli presenti negli archivi redditi; - gli immobili non presenti negli archivi redditi vengono evidenziati in verde ed il campo Sel (Selezione) risulta barrato; - quelli già presenti in archivio non riportano la barratura di tale campo. Barrando il campo Sel è possibile decidere quali immobili importare. Il pulsante IMPORTA recupera negli archivi redditi i dati dei singoli immobili. Viene creato un periodo di possesso con data inizio 01/01/2011: andrà inserito il titolo di possesso. Se si importano dei fabbricati già esistenti viene chiesta conferma della sovrascrittura dei dati esistenti. Nota bene : l eventuale importazione di immobili già presenti provvede alla sovrascrittura dei dati già presenti. L utilizzo del pulsante Importa Catasto può essere limitato solo ad alcuni Utenti tramite l utilizzo della funzione di procedura. In particolare per limitare l utilizzo è necessario inserire gli Utenti autorizzati nella funzione Accesso catasto Internet (Menù Amministratore, Gestione sistema, Abilitazioni funzione procedura). Si ricorda che senza nessun intervento tutti gli Utenti potranno utilizzare il pulsante Oneri A1. Sezione III B Dati catastali identificativi degli immobili (36% - 50%) La normativa prevede che per le spese effettuate nel 2012 vadano inseriti anche i dati identificativi dell'immobile stesso. mod. SOF\MD pag. 16 di 24

17 Inserendo una data 2012 viene richiesto obbligatoriamente la compilazione della sezione III B. Per accedere a tale sezione premere l'apposito pulsante presente a fine riga (abilitato solo se anno 2012). Viene proposta la seguente videata: Inserimento nuovi righi: premere il tasto Nuovo. Il numero di riferimento viene proposto automaticamente. Posizionandosi sul campo Cod. Comune e premendo il tasto destro del mouse, viene data la possibilità di recuperare i dati presenti nell'archivio dei fabbricati (Recupera dati immobile). Per selezionare un immobile è sufficiente posizionarsi sulla riga dell'immobile e premere doppio click. In assenza di dati da recuperare è possibile digitare direttamente i dati nei singoli campi della griglia. Attribuzione dello stesso numero di riferimento a più spese: in presenza di più spese effettuate nell'anno 2012 relative allo stesso immobile il numero di riferimento deve essere lo stesso. Per attribuire lo stesso numero alla seconda spesa è sufficiente accedere alla videata di gestione degli estremi, scegliere la riga (click del mouse) e confermare con OK. Compilazione rigo E53 Altri dati: se i lavori sono stati effettuati dal conduttore dell'immobile vanno compilati sia gli identificativi dell'immobile sia il rigo E53. In questo caso è necessario : inserire i dati del rigo E51; posizionarsi sul rigo inserito e premere il tasto destro del mouse; scegliere Duplica riferimento. Nella sezione Altri dati viene creata una nuova riga con lo stesso numero di riferimento. Completare i dati mancanti. mod. SOF\MD pag. 17 di 24

18 3.2.7 Quadro RR Quadro RH Unico Persone Fisiche Release Alla data attuale non sono abilitati i collegamenti tra quadro RR PF e la procedura 760 ed il collegamento tra quadro RH e Unico SP. Tali collegamenti saranno abilitati con l'installazione delle rel di Unico SC e Unico SP Quadri d impresa e Studi di settore Alla data attuale viene inibito il collegamento tra la procedura Redditi e Studi di settore. Tale collegamento verrà abilitato con la distribuzione della nuova release Studi di settore Quadro RS A1. Perdite per fuoriuscita dal regime dei minimi Le operazioni di passaggio d anno hanno riportato le perdite degli anni precedenti presenti nel quadro CM, nel rigo RS8 o RS9 del quadro RS, considerando quindi tutti i vecchi quadri CM come fuoriusciti dal regime dei minimi. Per utilizzare tali perdite nel nuovo quadro d impresa (RE o RG) vanno eseguite le seguenti operazioni: - accedere al nuovo quadro d impresa (RE o RG) e successivamente al Prospetto Perdite. Inserire nella sezione Eccedenze anni precedenti, in un anno a scelta, l importo esatto da utilizzare in compensazione (non devono nascere eccedenze) e confermare il quadro; - modificare i dati presenti nel rigo RS8 o RS9, riducendoli degli importi utilizzati in diminuzione del reddito; A2. Perdite da istanza di rimborso Irap All interno del prospetto perdite sono stati previsti i campi per l indicazione delle eventuali maggiori perdite degli anni precedenti nate dalla compilazione dell istanza di rimborso Irap. Le operazioni di passaggio d anno NON hanno potuto provvedere a valorizzare tali campi, dato che non è identificabile se la nuova perdita è stata utilizzata in tutto o in parte negli anni successivi. Tali importi vanno eventualmente inseriti manualmente Quadro LM Imprenditoria giovanile E stata inserita la gestione del nuovo quadro LM (in sostituzione del vecchio CM). Le operazioni di passaggio d anno hanno riportato le perdite degli anni precedenti presenti nel quadro CM dell anno scorso, nel rigo RS8 o RS9 del quadro RS, considerando quindi tutti i vecchi quadri CM come fuoriusciti dal regime dei minimi. Nel caso che il nominativo sia invece passato al quadro LM, per utilizzare le perdite nel rigo LM9 vanno eseguite le seguenti operazioni: - accedere al quadro LM ed indicare nel campo (da ex CM) l importo che si intende utilizzare in diminuzione del reddito; - modificare i dati presenti nel rigo RS8 o RS9, riducendoli degli importi utilizzati in diminuzione del reddito; mod. SOF\MD pag. 18 di 24

19 Prospetto A.C.E. (Aiuto alla Crescita Economica) La gestione del prospetto (immutata rispetto allo scorso anno) è prevista all'interno del quadro RF (V videata). Questo per permettere il riporto automatico dei dati in un eventuale prospetto di riparto. Patrimonio netto 2012: viene recuperato in automatico dagli archivi contabili. Rendimento: assume il valore calcolato al 3% del campo Differenza. Eccedenza riportata: deriva dalle operazioni di passaggio d anno (digitabile/modificabile) Rendimenti totali: somma dei campi Rendimento ed Eccedenza riportata. Nel campo Rendimento ceduto viene riportata l'eventuale quota ceduta ai collaboratori dell impresa familiare. La conferma del quadro RF riporterà nel prospetto di riparto la quota di ognuno dei collaboratori calcolata in base alla propria quota di partecipazione. Nel campo Reddito d'impresa viene riportato il reddito d'impresa del quadro. I campi "Rendimento utilizzato" ed Eccedenza riportabile vengono calcolati nel Riepilogo (vedi successivo paragrafo). A1. Prospetto ACE e quadro RH (da impresa familiare o società di persone) La gestione del prospetto ACE derivante da redditi di partecipazione è stata inserita direttamente nella videata delle singole partecipazioni del quadro RH. I dati vengono recuperati dal prospetto di riparto o da Unico SP. I campi rendimento attribuito (6), Tot.rendi. soc/impr (11) vengono riportati in automatico, mentre il campo eccedenza riportata(7) viene riportato dalle operazioni di passaggio d anno (digitabile/modificabile). Il campo rendimenti totali (8) è dato dalla somma di col. 6 e 7. Nel campo rendimento utilizzato (13) viene riportato l'importo utilizzabile in diminuzione del reddito (quadro RN). L utilizzo vero e proprio di tale importo viene effettuato nel quadro RN; in tale quadro viene verificato che l'importo indicato in colonna 13 non sia superiore al rigo N1. Nel caso che l importo sia superiore è necessario ritornare nel quadro RH e ridurre l'importo del campo 13 (barrando la casella calc. Manuale). In automatico viene calcolata l eccedenza riportabile (14). I dati relativi al rigo RS37 vengono poi stampati nel quadro RS Prospetto versamenti Nella parte inferiore della videata viene riportato un riepilogo dei dati IVA necessari al fine della determinazione dell eventuale credito/debito IVA utilizzabile/da versare in Unico. La visualizzazione dei dati NON viene effettuata per le dichiarazioni Iva presentate in forma autonoma. Specifiche funzioni all interno delle Procedure Contabilità/IVA eseguono il trasferimento automatico dei dati alle procedure redditi. (Per il passaggio dei dati IVA in Unico si rimanda ai manuali e alle circolari del Servizio Contabilità). mod. SOF\MD pag. 19 di 24

20 Saldo IVA a debito \ credito \ rimborso Dati recuperati dall archivio IVA. La modifica di tali dati è abilitata all interno del pulsante. Per un maggiore dettaglio si rimanda al manuale meccanografico Quadro RN Riepilogo A1. Il pulsante permette di visualizzare/modificare l'importo da utilizzare in diminuzione del reddito. Nel campo Rendimento utilizzato viene proposto l'importo massimo spettante, può essere modificabile manualmente barrando il campo riportabile è calcolato per differenza.. Il valore indicato nel campo Eccedenza Non è necessario entrare nel prospetto per ottenere il calcolo corretto. A2. Il pulsante permette di determinare l'imposta a debito/credito per la cedolare secca. L'imposta dovuta al 19% e/o al 21% viene riportata dalla conferma del quadro dei fabbricati. Gli acconti versati vengono riportati dal quadro Prospetto Versamenti. L'imposta a debito/credito (saldo e primo acconto) viene riportata nell'ultima videata del quadro RX e successivamente in delega F24. Nel prospetto vengono inoltre evidenziati gli acconti dovuti per l'anno in corso (modificabili dopo tolto la barratura al campo ). Non è necessario entrare nel prospetto per ottenere il calcolo corretto. Nella parte inferiore vengono inoltre riportati (da passaggio d anno) i dati relativi alla rideterminazione degli acconti in presenza di immobili storici. Tale prospetto viene compilato solo se non esistono altri motivi di ricalcolo acconto. In presenza anche di altre casistiche (beni ai soci, carburanti, ecc.) viene compilato l apposito prospetto del quadro RS. A3. Tale sezione permette di incrementare l'imponibile ai soli fini del calcolo degli acconti IRPEF. Vengono gestite automaticamente: - Spese autoveicoli (da cespiti): recuperato in automatico dalla procedura cespiti durante le operazioni di recupero dati contabili; - Terreni : viene riportato l imponibile dominicale/agrario rivalutato dell ulteriore 5%; - Detassazione per reti d'impresa (riportato nel campo "Importo da G F D"); mod. SOF\MD pag. 20 di 24

21 - Da quadro H : l'eventuale maggior imponibile per le società non operative e per i distributori di carburante (da Unico SP); - Distributori di carburante; - Importo manuale : è inoltre possibile inserire un eventuale importo manuale per gestire altre casistiche. L Importo totale viene aggiunto al reddito rigo RN1 e successivamente ricalcolati i vari campi in modo da arrivare a determinare il nuovo rigo Differenza, sul quale calcolare gli acconti Irpef. Non è necessario entrare nel prospetto per ottenere il calcolo corretto. A4. Chiusura riepilogo quadro RX Alla data attuale risultano mancanti alcuni codici tributo. In presenza di tali tributi non sarà possibile chiudere il riepilogo a Completo. In questi casi viene emessa la seguente segnalazione: Archiviazione Documentale Solo per gli Utenti che utilizzano la procedura Archiviazione Documentale: si ricorda che i database da utilizzare per l'archiviazione documentale sono presenti sul sito FTP della SEAC al seguente indirizzo: ftp://ftp.seac.it/archiviazionedocumentale/archiviazione%20documentale%20redditi/ (DR2013.mdb). La versione aggiornata di Archiviazione Documentale è sempre disponibile sul sito FTP di SEAC: ftp://ftp.seac.it/archiviazionedocumentale. A questo indirizzo è possibile scaricare l ultima versione del software con il manuale di installazione aggiornato. 3.3 Collegamento con altre procedure Recupero dati contabili Alla data attuale il collegamento con le procedure Contabilità e Cespiti per il recupero dei dati contabili è disabilitato. mod. SOF\MD pag. 21 di 24

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 2 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI Indice MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 1 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI L'elenco prevede 5 sezioni

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

ISTANZA DI RIMBORSO ANNI:

ISTANZA DI RIMBORSO ANNI: Data / / 2 0 Protocollo n. Comune di SAN VITO AL TAGLIAMENTO DATI DEL CONTRIBUENTE Persone fisiche Cod. Fiscale Il/la sottoscritto/a: Cognome 20 ISTANZA DI RIMBORSO ANNI: 20 20 20 20 Nome Nato/a In data

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Teorema New Gestione condominio

Teorema New Gestione condominio Teorema New Gestione condominio manuale per l'utente 1 Indice Introduzione e condizioni di utilizzo del software La licenza d'uso Supporto tecnico e aggiornamenti I moduli e le versione di Teorema per

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

PROGRAMMA ROMANO Versione Tricolore 12.8.14.100 Revisione 13.9.27.100

PROGRAMMA ROMANO Versione Tricolore 12.8.14.100 Revisione 13.9.27.100 Gestione degli Ordini Indice generale Gestione degli Ordini...1 Introduzione...1 Associare una Casa Editrice ad un Distributore...1 Creazione della scheda cliente nella Rubrica Clienti...2 Inserimento

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 NUOVE PRINCIPALI FUNZIONALITÀ 14.3.0 GENERAZIONE FILE EFFETTI IN FORMATO SEPA Dal programma 'Incassi e Pagamenti Automatici' è ora possibile generare file

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

NOVEMBRE 2013 -IN CORSO Regione Basilicata, Via Vincenzo Verrastro, 4 - Potenza. Presidente Regione Basilicata

NOVEMBRE 2013 -IN CORSO Regione Basilicata, Via Vincenzo Verrastro, 4 - Potenza. Presidente Regione Basilicata FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE,... I ~ INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo domicilio Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita MAURIZIO MARCELLO CLAUDIO PITTELLA Rocco SCOTELLARO, 85 85044

Dettagli