Ecotossicologia: Test alternativi all uso di animali nel REACH Dr. Antonietta La Terza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ecotossicologia: Test alternativi all uso di animali nel REACH Dr. Antonietta La Terza"

Transcript

1 Ecotossicologia: Test alternativi all uso di animali nel REACH Dr. Antonietta La Terza UNICAM

2 Premessa L Ecotossicologica, sia che valuti i meccanismi d azione delle sostanze, sia che riguardi i saggi di eco-tossicità per il monitoraggio ambientale, si basa principalmente su studi in vivo. vivo in vitro - REACH Ecotossicologia studi in vivo L Ecotossicologia diversamente dalla Tossicologia, che è incentrata sull individuo e su singole specie, ha come obiettivo primario quello della valutazione degli effetti delle sostanze chimiche a livello di popolazioni, comunità ed ecosistemi. Ne consegue che un sistema in vitro, sviluppato in ambito ecotossicologico, dovrebbe essere in grado non solo di estrapolare gli effetti tossici in vivo, ma anche di fornire informazioni sulle risposte biologiche a livello di ecosistema.

3 Livelli di Organizzazione Biologica e tipologie di test/saggi ecotossicologici Da ISPRA, Manuali e Linee Guida 67/ ISBN:

4 There is no alternative to REACH, but there will be no REACH without alternatives." Il Regolamento REACH oltre a voler assicurare un elevato livello di protezione della salute umana e dell ambiente (art. 1), ha, come obiettivo, la promozione e lo sviluppo di metodi alternativi ai saggi in vivo, vivo per la valutazione dei pericoli che le sostanze chimiche comportano. Nel Regolamento REACH viene indicato che le informazioni da raccogliere in merito alla tossicità ed ecotossicità delle sostanze chimiche devono essere acquisite ricorrendo, ove possibile, a mezzi diversi dai test su animali vertebrati (art. 13). I test su animali vertebrati devono essere considerati come ultima risorsa (art. 25), adottando, inoltre, delle disposizioni volte a limitare le ripetizioni inutili dei test ad es. mediante la condivisione, all interno di ogni SIEF (Forum per lo scambio di Informazioni sulle Sostanze), dei dati ottenuti mediante le prove sperimentali sia in vivo che in vitro (art. 30). La Direttiva 86/609/EEC, precedente al Regolamento REACH, all articolo 23, già incoraggiava gli Stati Membri a sostenere/promuovere iniziative in grado di ridurre (Reduce), migliorare (Refine) e sostituire (Replace) i saggi con animali di laboratorio impiegati per scopi scientifici e di ricerca.

5 There is no alternative to REACH, but there will be no REACH without alternatives." La strategia delle 3R alternatives (3Rs strategy) (Russell & Burch,1959) fa ( riferimento a tutte quelle procedure che riducono drasticamente il numero di animali utilizzati in ciascun esperimento, alleviano o minimizzano le sofferenze loro inflitte, sostituiscono in modo parziale o completo gli animali vertebrati con diverse tipologie di colture cellulari in vitro. vitro E stato appurato che il 70% circa delle procedure che infliggono grandi sofferenze agli animali sono dovute all esecuzione di saggi di (eco)tossicità per scopi normativi. Il Regolamento REACH considera per metodi alternativi, sia idonei metodi in vitro, che modelli di relazioni qualitative o quantitative struttura-attività o dati relativi a sostanze strutturalmente affini (art. 13 e Allegato XI).

6 Statistiche relative al numero di animali annualmente impiegati a scopi scientifici in alcuni Paesi del mondo

7 Test alternativi (in vitro e in vivo) approvati o in fase di approvazione nella CE Idonei indica metodi in vitro convalidati (ad es. il saggio di mutagenicità con Salmonella typhimurium o test di Ames). Inoltre sono considerati idonei anche i saggi in fase di elaborazione sufficientemente avanzata secondo criteri riconosciuti a livello internazionale, come quelli adottati dal Centro Europeo per la Convalida dei Metodi Alternativi (ECVAM) per l immissione di una prova nel processo di pre-convalida (ECHA).

8 Implementazione della 3Rs strategy REDUCE, REFINE, REPLACEMENT (Russell and Burch, 1959) RELIABLE, RELEVANT, READY-TO-USE, ROBUST (VII Congresso Internazionale ALTEX - ALTernative to animal EXperimentation, Roma 2009) (Weighardt, 2009)

9 Qual è il costo del REACH in termini finanziari e di n di animali? Un opinione!

10 Qual è il costo del REACH in termini finanziari e di n di animali? Un n ampio di sostanze da gestire n di sostanze Costi n animali x REACH animali Secondo lo studio di Hartung & Rovida: 54 milioni di vertebrati con costi pari a 9.5 miliardi per i prossimi 10 anni cioè circa 20X animali in più e circa 6x di costi rispetto alle stime ufficiali EU.

11 Un passaggio essenziale in vivo in vitro..ed in generale verso metodologie high-throughput (HTS) ed altro! Regolamento REACH Art 40. La Commissione, gli Stati membri, l'industria e gli altri soggetti interessati dovrebbero continuare a contribuire alla promozione, a livello internazionale e nazionale, di metodi di prova alternativi alla sperimentazione animale, tra cui metodologie assistite da computer, appropriate metodologie in vitro*, vitro* metodologie basate sulla (eco)-tossicogenomica ed altre metodologie come ad es. Biomarker e Biosensori *Con il termine in vitro si fa riferimento al modo in cui le componenti di un organismo vivente (cellule, tessuti, organi) sono mantenute al di fuori dell organismo stesso, in un ambiente artificiale, controllato, isolate dai molteplici sistemi fisiologici che regolano le loro attività in vivo.

12 Metodi alternativi in vitro: colture cellulari di pesce Questo progetto ha l obiettivo di diffondere presso i laboratori delle Agenzie Regionali e Provinciali per la Protezione dell Ambiente (ARPA/APPA) dei saggi di citotossicità basale con linee cellulari stabilizzate di pesce da impiegare nello screening preliminare di valutazione dell ecotossicità delle sostanze chimiche, in alternativa al saggio di tossicità a breve termine con pesci.

13 Test Ecotossicologici previsti Da Versonnen et al (2006)

14 Considerando che il saggio più usato è quello di tossicità a breve termine che sulla base del metodo OCSE 203 (3 repliche, 5 concentrazioni e 7-10 pesci/conc. e per controllo) sono necessari dai pesci e questo per la valutazione di un singolo composto chimico!

15 Le colture di cellule animali possono essere utilizzate come strumento di screening rapido e a basso costo per la valutazione ecotossicologica di sostanze chimiche e campioni ambientali, permettendo, inoltre, la comparazione inter-specie in condizioni equivalenti di esposizione ai composti tossici. È considerate tale fino al momento in cui, con la prima sottocoltura, o passaggio, ha origine una linea cellulare che può essere propagata per un limitato numero di generazioni (linee cellulari finite), dopo le quali, va incontro a senescenza e morte. Le linee continue (o stabilizzate) possono avere origine dalle colture primarie e dalle linee cellulari a vita finita, sia spontaneamente, che per trasformazione indotta con agenti virali, chimici e fisici o mettendo in coltura, cellule provenienti da un tumore in vivo. Esse hanno la potenzialità teorica di sopravvivere per infiniti passaggi in vitro.

16 Alcuni vantaggi delle Linee cellulari continue di pesce rispetto a mammifero Possono essere incubate a temperatura ambiente (20±2 C) e in atmosfera normale Alcune di loro possono essere conservate per lunghi periodi (fino a 2 anni) a 4 C Possono essere esposte a matrici liquide di differente osmolarità Possono essere acquistate presso Enti certificati che ne garantiscono rigorosi controlli di qualità (caratteristiche morfologiche e genotipiche) e l assenza da contaminazioni.

17 Le colture cellulari, oltre il loro potenziale di sostituzione e/o riduzione del numero di animali nei saggi di tossicità, hanno altri vantaggi: 1. La valutazione rapida, di un elevato numero di sostanze potenzialmente tossiche, con l analisi spettrofluorimetrica in piastre multi-pozzetto. 1. La notevole diminuzione di quantità di sostanza potenzialmente tossica impiegata nell esecuzione dei saggi e, di conseguenza, di rifiuti prodotti dalla sperimentazione. 3. La possibilità di studiare i meccanismi d azione delle sostanze tossiche. 4. L opportunità di risparmiare anche il sacrificio dell animale donatore, se vengono utilizzate le linee cellulari continue.

18 La valutazione di tossicità nel XXI secolo: un nuovo pensiero ed una strategia Le metodologie high-throughput (HTS),

19 I Biomarkers Uno dei problemi più importanti da affrontare nelle indagini ecotossicologiche riguarda la valutazione dell'esposizione e dell'effetto di composti inquinanti sulle comunità naturali. L ecotossicologia, per affrontare queste problematiche, ha gradualmente affiancato alle indagini di biomonitoraggio, basate sulla stima dei livelli di residui negli organismi bioindicatori, un nuovo approccio metodologico basato sulla valutazione delle risposte che un organismo, una popolazione o una comunità naturale può generare, nei confronti di uno stress (fisico e/o chimico) ambientale. Ciascuna di queste risposte, comunemente definite come biomarkers, rappresenta un segnale integrato del livello di contaminazione di una determinata area e, di conseguenza, costituisce un indicatore del livello di rischio tossicologico a cui una determinata popolazione naturale può essere sottoposta.

20 I Biomarkers Una volta immesso nell ambiente, qual è il BERSAGLIO PRIMARIO di un composto inquinante? DIVERSE VIE DI ASSUNZIONE Quando un contaminante interagisce con la componente biotica di un ecosistema, terrestre, marino o di acqua dolce, può provocare una serie di alterazioni o danni a diversi livelli di complessità strutturale, i quali partendo dal danno molecolare, possono giungere a modificare la struttura dell intera popolazione e comunità.

21 Biomarker molecolari effetti sub-letali

22 I Biomarkers: alcune definizioni Viene generalmente definito come Biomarker "...quella variazione, indotta da un contaminante, a livello delle componenti biochimiche o cellulari di un processo, di una struttura o di una funzione, che può essere misurata in un sistema biologico" (NRC, 1989). Biomarker ecotossicologico che lo definisce come quella variazione biochimica, cellulare, fisiologica o comportamentale, che può essere misurata in un tessuto, in un fluido biologico o a livello dell intero organismo (individuo o popolazione), la quale fornisce l evidenza di un esposizione e/o un effetto ad uno o più composti inquinanti (e/o radiazioni). Depledge (1994) Si considera quindi una variazione a livello biochimico, fisiologico, istologico, morfologico e comportamentale Questo approccio metodologico pone alla base del suo essere il concetto di intercorrelabilità degli effetti di un inquinante ai vari livelli di complessità strutturale.

23 Dalle risposte a livello molecolare fino alle risposte a livello di popolazione si verifica un aumento del tempo di risposta, dell importanza ecologica ed infine un aumento della difficoltà nell individuazione della intercorrelabilità degli effetti.

24 Una distinzione importante: Bioindicatore e Biomarker Con il termine di bioindicatore si vuole definire un qualsiasi organismo (animale,vegetale, batterio,protista, fungo) che può essere utilizzato come indicatore del livello di contaminazione di un determinato ambiente (cioè valutare la biodisponibilità degli inquinanti); si considera come biomarker quella risposta o quelle risposte (molecolare/cellulare..) che un organismo bioindicatore manifesta verso agenti stressanti (chimici o fisici). Per lo svolgimento di una indagine ecotossicologica tramite l utilizzo di biomarkers è quindi di primaria importanza la scelta a monte di un valido organismo bioindicatore.

25 I Biomarker come strumenti diagnostici e prognostici di salute ambientale In sintesi, l utilizzo dei biomarker consente di stimare (strumento diagnostico ), attraverso lo studio di risposte immediate (induzione sistemi detossificanti, inibizioni, attività enzimatiche, formazione prodotti metabolici, alterazioni del DNA, ecc.) il tipo e/o i tipi di contaminanti ai quali l organismo bioindicatore è sottoposto, i livelli semiquantitativi dell esposizione e successivamente, in funzione dell intercorrelabilità degli effetti ai vari livelli di complessità strutturale, di prevedere (strumento prognostico ) il verificarsi di effetti negativi a lungo termine su scala ecologica e, di conseguenza, evitare eventi inaccettabili a livello ecologico, come l insuccesso riproduttivo o l incremento della mortalità nell ambito di popolazioni e comunità.

26 Non curabile r Curabile Malattia Stato di salute h: principio di stress c: incapacità di compensazione r: irreversibilità c Stressato h Sano Omeostasi Reversibile Irreversibile Compensazione Non-compensazione Morte Le diverse risposte omeostatiche e non che l'organismo genera nei confronti dello stress ambientale rappresentano quindi potenziali biomarkers utilizzabili in indagini ecotossicologiche (McCarthy e Shugart, 1990, Depledge e Fossi, 1994).

27 Biomarker specifici e generali I biomarkers, in generale possono essere suddivisi in due grandi categorie in funzione della loro specificità di risposta nei confronti degli agenti inquinanti in biomarkers specifici e biomarkers generali (Peakall & Shugart, 1993): con il termine di biomarkers specifici possono essere intesi quelle risposte molecolari e biochimiche che si manifestano in un organismo a seguito dell esposizione ad una specifica classe di contaminanti ; ad esempio, l induzione delle metallotionine rappresenta un segnale specifico della presenza di metalli pesanti come Cd, Hg, Zn; - con il termine di biomarkers generali possono essere intesi quelle risposte dell organismo a livello molecolare, cellulare e fisiologico, che non possono essere direttamente ricondotte ad una sola classe di contaminanti, ma che indicano lo stato generale di stress dell organismo ; ad esempio, danni del DNA, del sistema immunitario, variazione dei caratteri somatici,

28 Biomarker di esposizione ed effetto Biomarker di Esposizione tutte quelle risposte di un organismo, ai diversi livelli di complessità strutturale, che indicano l esposizione ad un composto chimico o ad una classe di composti chimici, ma che non forniscono nessuna indicazione sui reali effetti tossicologici sull organismo (solo esposizione) Biomarker di Effetto tutte quelle risposte di un organismo che indicano sia l esposizione ad un composto tossico che il suo effetto tossicologico... (Esposizione+effetto)

29 Biomarker I biomarkers, sono stati classificati da Hugget (1992), e Fossi (2000) in sette differenti categorie in funzione della loro diversa risposta in termini gerarchici e temporali. Tali categorie sono: 1. Alterazioni del DNA (formazione di addotti, rotture dell elica, aberrazioni cromosomiche e mutazioni) 2. Risposte di proteine (induzione, inibizione). (il sistema delle monossigenasi a funzione mista MFO,metallotioneine, le proteine da stress, esterasi cerebrali (AChE) ed ematiche) 3. Prodotti metabolici (alterazione metabolismo porfirine, pb (protoporfirine) e esaclorobenzene (uroporfirine)). 4. Variazioni leucociti) del sistema immunitario (attività citotossica dei 5. Alterazioni istopatologiche (fegato). 6. Biomarker non specifici e fisiologici (risposte endocrine, es. alterazione del rilascio delle catecolamine e ormoni corticosteroidi; risposte riproduttive, es. alterazione ormoni steroidei. 7. Biomarkers comportamentali

30 Biomarker Il segnale che si ricava, a seconda del livello strutturale interessato, è dato dalla diversa risposta temporale dell organismo che, in linea generale, è precoce (ore o giorni) nel caso di risposte molecolari e ritardata (settimane, mesi, anni) nel caso delle risposte cellulari e fisiologiche. Esiste, quindi, una serie di fattori che devono essere presi in considerazione nello studio e nella classificazione dei biomarker quali: la classe di contaminanti responsabili della risposta biologica, il tempo di risposta dell organismo, la sua applicazione come biomarkers di esposizione o di effetto ed infine il significato interpretativo del segnale.

31 I principali biomarkers utilizzati per il controllo ambientale

32 Genotossicità: danno al DNA prodotto da agenti chimici o fisici: radicali liberi; xenobiotici in grado di legare il DNA (IPA); metalli in grado di legarsi ai gruppi fosfati modificando il basepairing; UV-B

33 Single Cell Gel ASSAY (COMET ASSAY) A useful tool for (eco)toxicology: evaluation of DNA breakage induced by genotoxic agents at single cell level

34 Comet assay la metodologia

35 The classification of comets by shape Le 5 classi di danno da Kobayash i et al.

36 I principali biomarkers utilizzati per il controllo ambientale

37 Risposte di proteine Induzione attività enzimatica Enzimi della fase I (Monoossigenasi a funzione mista (MFO), enzimi della fase II, enzimi antiossidanti) Inibizione attività enzimatiche (Esterasi), multixenobiotic resistance mechanism (MXR) Induzione di sintesi proteica (Vtg,proteine da stress, metallotioneine(mt)

38 Risposte di proteine: Induzione attività enzimatica Enzimi della fase I INDUZIONE DEL SISTEMA DELLE MONOOSSIGENASI A FUNZIONE MISTA (MFO) COME BIOMARKER DI ESPOSIZIONE A CONTAMINANTI LIPOSOLUBILI

39 Il sistema delle monossigenasi a funzione mista (MFO) Il sistema MFO è ubiquitariamente presente nel regno animale ed è il principale sistema enzimatico devoluto alla DETOSSIFICAZIONE di contaminanti ambientali Il suo costituente principale è il CITOCROMO P450 (CYP) composto da + di 100 isoforme e suddiviso in diverse famiglie. Es. 1A 2B 3

40 Il sistema delle monoossigenasi a funzione mista (MFO) Risposta di Induzione xenobiotici idrofobici Sistema di detossificazioene Questo sitema multienzimatico gioca un ruolo fondamentale nei processi iniziali (Fase I) della detossificazione dei composti xenobiotici. Tali enzimi attraverso reazioni di ossidazione rendono reattivo lo xenobiotico idrofobo inserendo nella molecola gruppi polari OH, -SH, -COOH. Tale attivazione del substrato rende possibile l attività degli enzimi coniuganti (Fase II) e la succesiva eliminazione dall organismo.

41 INDUCIBILITA MFO La sintesi dell MFO è indotta da alcune classi di contaminanti ambientali IPA(idrocarburi policiclici aromatici) PCBs (policlorobifenili) PCDDs/PCDFs (Diossine/furani) PBBs(polibromobifenili) Insetticidi organoclorurati SPECIFICITA DEL SUBSTRATO Ogni isoforma è indotta da una classe di contaminanti IPA DDTs CYP1 A1 CYP 2B

42 Organismo esposto Sintesi di citocromo P450 induzione attività enzimatica Test di laboratorio specifico Etossiresorufina-o-dietilasi (EROD) (Determinazione fluorimetrica dell'attività del citocromo P4501A1)

43 Induzione-Metallotioneine proteine citoplasmatiche a basso peso molecolare (6-8 kda), monomeriche e dimeriche, termostabili 30% cisteine (-SH) Elevata affinità Hg>Cu+>Cd>Cu++>Zn β α Funzione pleiotropica: a) Ruolo fisiologico legato alla regolazione intracellulare di metalli essenziali (Zn, Cu) b) Indotte dall esposizione a metalli pesanti

44 Metallotioneine come Biomarker di esposizione Essendo inducibili, in generale la loro concentrazione è relativa alla quantità di metallo presente (e biodisponibile) nell ambiente di studio; Le diverse isoforme di metallotioneine sono specifici per i singoli metalli Biomarker di esposizione, permette di dedurre la presenza di metalli nell ecosistema e la loro biodisponibilità, non necessariamente sull effetto tossico di questa esposizione per l organismo. Relativamente al loro utilizzo come biomarker, occorre tener conto che: la presenza delle metallotioneine può presentare delle fluttuazioni stagionali in relazione al ciclo riproduttivo La presenza e l induzione può essere influenzata da glucocorticoidi (ormoni da stress, prodotti dal surrene), condizioni di stress, ipossia, basse temperature.

45 I principali biomarkers utilizzati per il controllo ambientale Risposte di proteine

46 Le proteine da stress: le Heat Shock proteins HSPs Si tratta di biomarkers generali di effetto, utili per valutare se l organismo è esposto o meno a situazioni di stress. HSP70 +ATPase

47

48 I principali biomarkers utilizzati per il controllo ambientale

49 Le porfirine Le porfirine sono pigmenti tetrapirrolici ampiamente distribuiti in natura. Sono presenti in alcuni tessuti animali, ad esempio in gusci e penne negli uccelli, come deposizione pigmentata dove svolgono una funzione per l'ornamento e il camuffamento. Il loro ruolo fisiologico fondamentale è comunque legato al processo di sintesi dell'eme, di cui sono metaboliti intermedi o loro prodotti di ossidazione.

50 Alterazioni del ciclo di sintesi dell eme Quando il processo di sintesi dell'eme subisce interferenze si possono creare alterazioni nel profilo delle porfirine che sono prodotte, accumulate ed escrete. Di fondamentale importanza per le analisi ecotossicologiche è la capacità che hanno molte classi di contaminanti ambientali di interferire con la sintesi dell'eme sia nei vertebrati che negli invertebrati. Alcuni contaminanti agiscono molto selettivamente su alcuni enzimi della catena biosintetica alterando il metabolismo porfirinico. Le porfirine possono quindi essere utilizzate come biomarkers di esposizione a composti tossici.

51 I principali biomarkers utilizzati per il controllo ambientale

52 Alterazioni morfologiche: il tributilstagno (TBT) TBT biodegradazione lenta (fino a 5 mesi in condizioni aerobiche e 1-2 mesi in anaerobiosi) si accumula in acqua e sedimenti (BaiePorti) Bioaccumula Vernici antifouling per navi TBT altera l quilibrio endocrino nei molluschi Diversi studi hanno evidenziato un collegamento diretto tra esposizione a TBT e incidenza di imposex In U.K. e Canada sono stati avviati programmi di biomonitoraggio. TBT induce mascolinizzazione dei pesci IMPOSEX nei molluschi (femmine che sviluppano caratteristiche maschili)

53 I principali biomarkers utilizzati per il controllo ambientale

54 Whole Cell Biosensors Tradition Tetry test Bacterial canary

55 What is a biosensor? A biosensor combines a biological component (the sensing element), which is responsible for the selectivity of the device, with a detection system (the transducer) for measuring the reaction of the biological component with the substance (analyte) being monitored. analyte Bio-component Transducer Measurable signal Biosensors: Bio-component + Transducer Biosensor are analytical device which use biological interactions to provide either qualitative or quantitative results

56

57 Principle of Biosensors Antibody Cell Enzyme Nucleic Acid Tissue Electroactive Electrode Substance ph change Semiconductor ph electrode Heat Thermistor Light Photon counter Mass change Piezoelectric device Solution or Atmosphere Recognizing Materials Signal Transducers signal

58

59 Biosensors can be classified on the basis of: Types of Biological Sensing Units. Molecular-based (macromolecoles and sub-cellular components: enzymes, antibodies, nucleic acids, ion channels, lipid bilayer) Cell- and tissue-based (whole cells and tissues). The biological reaction detected can be the activity of an enzyme, the binding of an analyte to an antibody or receptor, the alteration of gene expression within (genetically and no genetically modified-) cells. Detection system for measuring these biological events usually rely on elettrochemical, amperometric, optical principles.

60 Enzyme-based biosensors The specificity of enzymatic action is the basis for the specificity of enyzme-based biosensors First biosensor was glucose biosensor (L.C. Clark)

61 Antibody-based biosensor.

62 The DNA biosensor uses the interaction of a superficial layer of nucleic acid (single or double stranded) with low molecular weight molecules for accumulating and detecting them. The interaction, via intercalative or electrostatic binding, can modify the structural or conformational properties of the DNA adsorbed on the electrode surface and the modification can affect the guanine oxidative process. The method uses constant current chronopotentiometry for detecting the capability of aromatic amines to modify the electrochemical behaviour of the DNA.

63 General advantages of molecular based biosensors High specificity The advantage of specific molecular bio-components is their remarkable ability to distinguish between the analyte of interest and similar substances. Speed The analyte can be directly and istantaneously measured Simplicity The uniquess of a biosensor is that the bio-component and transducer are integrated into a single sensor. This combination enables the measurement of target analytes without using reagents. Continuous monitoring capability Biosensors can regenerate and reuse the immobilized bio-reconition component. This feature allows these devices to be used for continuous or multiple assays.

64 Disadavantages of molecular based biosensors in environmental monitoring The molecular based biosensors fail to provide functional data on: Toxicity of toxicants on living systems Bioavailability of toxicants The synergistic or antagonistic effects of complex mixtures of toxicant (real environmental samples). Global parameters such as toxicity and bioavailability can be only assayed using whole cells.

65 Why use whole cell biosensors? The first and most important reason is that only by using a living component is it possible to obtain functional information, i.e. information about the effect of a stimulus on a living system. The strength of whole cell biosensing is not in the specificity of the observed responses but rather in their generality. What toxicants does the sample contain? VS How toxic is the sample?

66 A first example of whole cell biosensor : Vibrio fischeri a naturally luminescent bacteria The 30 min luminescence assay Commonly used bacterial assay Commercial kit: Microtox assay Easy to culture Marine luminescent bacteria Emission at 500 nm The Test Cells (can be freeze dried) from a log phase culture Simple saline medium 1 ml test solution, 5 concentrations plus a negative control, in triplicate Lighting: Not needed Inhibition of luminescence after 30 min chemical exposure Measurement: In a cuvette using a temperature controlled photometer, Positive control: metals or antibiotics

67 Vibrio fischeri 30 min luminescence assay Advantages Quick Reduced volume Chip Suitable for preliminary analysis Disadvantages not very sensitive results are not extrapolable to eukaryotes From naturally luminescent to genetically engineered biosensors Da Sensors 2011, 11(8),

68 The genetically engineered whole-cell biosensor: a novel class of tools for environmental monitoring and a promising alternative test for REACH How can a genetically engineered whole-cell biosensor be produced? The promoter-reporter-gene concept The general approach for producing a biosensor (using whole-cells) consists in fusing a (stress-inducible or constitutive) promoter DNA sequence (from a well characterized gene regulation pathway) to a reporter gene. Then the final genetic construct is transformed into the selected host cell. When the analyte is present, the reporter genes are expressed to produce the enzyme/protein responsible for the production of the measured signal. Commonly used reporter genes include those that code for bioluminescent proteins, such as luciferase or the Green Fluorescent Protein (GFP). hsp70 promoter gfp

69 GFP Aequorea victoria. Espressione delle proteine reporter fluorescenti in E.coli All that is required is an UV source to activate the fluorescent properties of the photoprotein. This ability to autofluoresce makes GFP highly desirable in biosensing assays since it can be used on-line and in real-time to monitor intact, living cells. Additionally, the ability to alter GFP to produce light emissions besides green (i.e., blue cyan, red, and yellow) allows it to be used as a multianalyte detector.

70 Reporter genes and proteins

71 Diagram of different whole cell biosensor options The switch off assay The switch on assay The reporter genes are the transducers of the signal and the response can be a fluorescent signal (gfp). The reporter genes are controlled by inducible or constitutive promoters

72 Promotori e geni regolatori che mediano l espressione del gene reporter nei sistemi di biosensing basati su cellule

73 Meccanismi molecolari coinvolti nella risposta a stress utilizzati nei sistemi di biosensing basati su cellule

74 Relevant steps for the successful development of genetically engineered whole cell bioreporter strain Selection of the (micro-) organisms that can survive in the environment under study The organism must have the proper gene-regulation system. Development of genetically engineered cell lines (bioreporter strains). The reporter gene must be integrated into the (micro)organism s genetic system without adversely affecting essential cellular functions.

75 Whole Cell Bioreporter technology offers several advantages over traditional ecotoxicological assays: high sensitivity, which enables the use of this technology as early warning system before population and communities are damaged; the whole cell bioreporters can be monitored in real time avoiding the necessity to sacrifice them;

76 Schematic representation of the cellular events that result in the expression of a reporter protein. The specificity of promoter regions for the analyte confer selectivity to the system, while the reporter protein determines the system s sensitivity and detection limits.

77 Sensing system based on bacteria Constitutive promoter Non specific biosensors General stress promoter These biosensors cannot be used to determine the type of toxicant present specific biosensors Stress specific promoter These biosensors can be used to determine the type of toxicant present, i.e. metals

78 Specific Biosensors: bacterial resistence to metals Biomet heavy metal biosensors use a modified soil bacterium (Ralstonia metallidurans) which gives a light reaction when specific heavy metals go into the cell. Apart from grinding a coarse solid sample, no other sample preparation is needed. Specific sensors are available for zinc and cadmium; copper; lead; Cr6+; nickel; mercury.

79

80

81

82 Advantages of eukaryotic biosensor vs prokaryotic biosensors A distinct advantage in using eukaryotic microorganisms is that they can be used to give information more directly applicable to higher eukaryotes and humans. For example, the effect of particular toxins and mutagens may be quite different in prokaryote cells than in eukaryote cells. Furthermore, the sequencing of a large numbers of genome and the development of cloning vectors now provides the means to construct whole cell sensor elements able to respond to specific molecules as is required in any analytical sensing, for example in environmental analysis and clinical diagnosis.

83 Schema degli eventi cellulari che determinano l espressione della proteina reporter (negli eucarioti)

84 Examples of Eukaryotic Whole Cell Biosensors Yeast based biosensor Dictyostelium discodeum Dicty Test Tetry test Tetrahymena thermophila protozoan ciliate Prof. S. Bozzaro Università di Torino Drs A. La Terza, S. Barchetta, Ting Yu P. Ballarini C. Miceli Università di Camerino

85 Why Ciliates may represent a valid alternative to the use of animals? Potential for Biotech Innovation Eukaryotic, bi-nuleated, single-celled, free-living organisms, They are useful for both in vivo/in vitro tests Directly exposed to environmental change fast and sensitive responses Easy handling and fast growing (generation time: 1 hour half) Genomic data (Tetrahymena, Paramecium, Euplotes) and established molecular methods are available Excellent model for gene expression and regulation studies Cell factory: SAFE, PRODUCTIVE & CHEAP! Expression of human therapeutical enzymes, useful vaccines (e.g.: anti malaria), etc. (Eco)Toxicological studies and environmental monitoring

86 .and among them, Tetrahymena thermophila occupies a leading position! Tetrahymena provided fundamental knowledge in different fields of cellular biology as its study lead to the discovery: of the molecular structure of telomeres, telomerases enzyme; of catalytic RNA (ribozymes); of the function of histone acetylation; of the roles of RNA interference like pathway in the heterochromatin formation;

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

alla prova del reach Tema: REACH Autore: Costanza Rovida

alla prova del reach Tema: REACH Autore: Costanza Rovida I metodi sostitutivi alla prova del reach Il legislatore gira la testa dall altra parte, e così i test sostitutivi non vengono utilizzati neppure quando esistono: per pigrizia, ignoranza, disattenzione,

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Declaration of Performance

Declaration of Performance Roofing Edition 06.06.2013 Identification no. 02 09 15 15 100 0 000004 Version no. 02 ETAG 005 12 1219 DECLARATION OF PERFORMANCE Sikalastic -560 02 09 15 15 100 0 000004 1053 1. Product Type: Unique identification

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 CLASSE I - IP20 IT Avvertenze La sicurezza elettrica di questo apparecchio è garantita con l uso appropriato di queste istruzioni. Pertanto

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Stud-EVO Designer Pino Montalti

Stud-EVO Designer Pino Montalti Designer Pino Montalti È l evoluzione di un prodotto che era già presente a catalogo. Un diffusore per arredo urbano realizzato in materiali pregiati e caratterizzato dal grado di protezione elevato e

Dettagli

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro 2 DESC Versione 2010 Guida alla consultazione del sito web Realizzato da IRSA-CNR A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro Indice GUIDA ALLA CONSULTAZIONE

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes DISS. T N. 21754 Synthesis and eactivity of lica-grafted idium incer Complexes A dissertation submitted to T ZUIC for the degree of DCT F SCINCS resented by MATIN IMLDI Dottore magistrale in Scienze Chimiche,

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing.

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing. Delta PATENT PENDING Sistema di apertura per ante a ribalta senza alcun ingombro all interno del mobile. Lift system for doors with vertical opening: cabinet interior completely fittingless. Delta Centro

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli