POSTER APPROCCIO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POSTER APPROCCIO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO"

Transcript

1 POSTER APPROCCIO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO A. Agazio, C, Ciurli, C. Boni, C. Taddei, S. Turchi, V. Rosso, F. Bramanti, S. Severino, G. Nassi, M. Di Petrillo, S. Dalmiani, R. Poletti, C. Mammini, A. Gabutti, MG Mazzei, C. Passino, M. Emdin Medicina Cardiovascolare, Istituto di Fisiologia Clinica CNR, Pisa Alla caratterizzazione convenzionale del paziente (ECG, visita cardiologica, radiografia del torace, ecocardiogramma ed eventuale test da sforzo cardiopolmonare), nella U.O. Scompenso dell Istituto di Fisiologia Clinica si è aggiunto un protocollo di diagnosi bioumorale, comprendente la valutazione degli indici di funzione renale ed epatica, di equilibrio elettrolitico e dei neuroormoni più significativi (catecolamine attività reninica, aldosterone, ANP, BNP, ormoni tiroidei, TSH, interleuchina-6 e TNF-alfa) applicabile sia a pazienti ambulatoriali che degenti. Il protocollo prevede un singolo prelievo eseguito a digiuno dopo 20 minuti di clinostatismo alle 8 del mattino utilizzando materiale preventivamente refrigerato; dopo l esecuzione del prelievo i campioni ematici vengono immediatamente posti sotto ghiaccio e inviati al laboratorio per essere centrifugati nel giro di pochi minuti. Una volta che il paziente viene caratterizzato, può essere inserito all interno di un programma riabilitativo di training, che prevede un test su cicloergometro mensile. Al I, III, VI mese il paziente esegue: caratterizzazione neuroormonale, RX torace, ecocardiogramma, test cardiopolmonare, al IX mese eseguirà inoltre il monitoraggio cardiorespiratorio ambulatoriale (Lifeshirt) e l Holter cardiaco. La responsabilità dell applicazione di questo protocollo spetta all infermiere. Egli, oltre ad occuparsi dell esecuzione del prelievo, provvede alla caratterizzazione del paziente avvalendosi di un data-base dedicato (denominato CheF, acronimo di Chronic Heart Failure) nel quale sono archiviati dati anagrafici ed ematochimici, anamnestici e funzionali derivanti dai data-base dei singoli laboratori diagnostici connessi in rete. Vengono integrati i risultati del protocollo neuroendocrino nella valutazione globale del singolo paziente, ottenendo dati prognostici per la classificazione dei vari pazienti allo scopo di fornire dati utili a livello statistico ed epidemiologico. Dal giugno 1999 al giugno 2004 sono stati caratterizzati con queste modalità 370 pazienti con diagnosi di scompenso cardiaco, contribuendo da una parte ad un migliore trattamento e follow-up del singolo paziente, dall altra ad un avanzamento delle conoscenze nel campo della fisiopatologia dello scompenso cardiaco. LigandAssay 9 (2)

2 POLYUNSATURATED OMEGA-3 FATTY ACIDS REDUCE THE PLASMA LEVELS OF Nε- (CARBOXYMETHYL) LYSINE ADDUCTS OF PROTEINS IN PATIENTS WITH MYOCARDIAL INFARCTION G. Basta 1, S. Del Turco 1, G. Lazzerini 1, A. Papa 1, E. Berg Schmidt 2, J. Hagstrup Christensen 3, R. De Caterina 1,4 1 CNR Institute of Clinical Physiology, Pisa, Italy 2 Department of Preventive Cardiology 3 Department of Nephrology, Aalborg Hospital, Århus University, Denmark 4 G. d'annunzio University Chieti BACKGROUND AND OBJECTIVE Nε-(Carboxymethyl)lysine (CML), an advanced glycation end product formed on proteins by combined nonenzymatic reactions of glycation and oxidation (glycoxidation), may be considered a marker of oxidative stress as well as a risk factor for atherosclerosis and diabetes, and is produced in conditions of inflammation. Since several studies have indicated that n-3 polyunsaturated fatty acids (PUFA) have protective effects on cardiovascular disease, we investigated the effect of dietary n-3 PUFA on plasma levels of CML in survivors of myocardial infarction. METHODS Forty patients (none diabetic) were randomly allocated to receive either 5.2 g of n-3 PUFA daily (n=20 patients, 65.4±5.48 years) or olive oil (n=20 controls 61±8 years) for 12 weeks. CML plasma levels were analysed by a specifically developed ELISA before and after n-3 PUFA supplementation. RESULTS Baseline plasma CML concentrations were significantly higher in the patient group vs control group ( ) µg/ml (median percentiles) vs 6.08 ( ) µg/ml; P=0.027). The plasma levels of CML were significantly decreased in the patient group following to PUFA supplementation (from to 5.57 µg/ml; P=0.04) but not in the group that received olive oil (from 6.08 to 4.26 µg/ml P=0.11). Further, in the control group decreased total cholesterol (P<0.05) and LDL cholesterol (P<0.05), whereas in the patient group decreased the plasma levels of creatinine (p<0.05) and triglycerides (P<0.001). In the patient group, CML plasma levels was inversely correlated with triglycerides (P<0.01) but after PUFA supplementation it did not correlate more. CONCLUSIONS These data indicate that circulating CML levels may be affected by dietary fatty acid intake, suggesting the in vivo occurrence of an anti-inflammatory effect of n-3 PUFA supplementation. 98 LigandAssay 9 (2) 2004

3 LA BIOLOGIA MOLECOLARE NELLA CARDIOLOGIA BED-SIDE. IL CASO DELLA OMOCISTEINA L. Bianchi 1, C.Venturi 1, L. Della Corte 3, M. Botoni 2, W.Vergoni 2 1 Laboratorio di Analisi Chimico-Cliniche 2 U.O. Cardiologia, Ospedale SS Cosma e Damiano, ASL 3 Pistoia, Zona della Valdinievole, Pescia (PT) 3 Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia, Università degli Studi di Firenze La richiesta delle persone in salute di non ammalarsi e la progressiva riduzione delle risorse economiche hanno imposto alla moderna medicina di cercare strumenti per intervenire in epoca preclinica, riservando le risorse a chi evidenzia il rischio di ammalarsi. La biologia molecolare, indagando gli aspetti molecolari e fenotipici delle alterazioni genetiche, è sembrata possedere i requisiti per facilitare il raggiungimento di tale obiettivo. In tal senso, la iperomocisteinemia (iperhcy) ha stimolato un intenso dibattito scientifico, essendo stata documentata una potenziale correlabilità alla malattia ischemica coronarica (CAD) (1). Obiettivo. Essendo l N-5,10- metilentetraidrofolato-reduttasi (MTHFR) un enzima chiave del metabolismo dell omocisteina abbiamo voluto verificare nell uomo, la correlazione tra le più frequenti mutazioni di tale enzima, la mutazione puntiforme in posizione 677, sostituzione della citosina (C) con la timida (T) (C677T) e la mutazione puntiforme in posizione 1298, sostituzione di un adenina (A) con una citosina (C) (A1298C), la iperhcy e la presenza di CAD. Materiali e metodi. Lo studio è stato effettuato in 95 pazienti (età media 52,2±6,2 anni) con CAD acuta, sottoposti a coronarografia prima della dimissione, ed in 80 pazienti sani di controllo, indistinguibili per età, distribuzione fra i sessi ed incidenza dei fattori di rischio modificabili. Sono stati determinati i livelli di Hcy con metodo immunologico a fluorescenza con luce polarizzata ( FPIA, ditta Abbott) e le due mutazioni dell enzima MTHFR: la C677T con reazione a catena della polimerasi (PCR) ed impiego dell enzima di restrizione HinfI (ditta Diatech); la A1298C con Real Time PCR ed analisi delle curve di melting (Rotor Gene, Diatech). La determinazione quantitativa dell acido folico è stata effettuata mediante metodica radioimmunologica (RIA). Nessun paziente presentava valori di acido folico inferiore al range di normalità (v.n.= ng/ml). La gravità della malattia coronarica è stata definita utilizzando il Gensini Cardio Score (GCS), una scala parametrica quantitativa in base alla quale ad ogni paziente viene attribuito uno score che deriva dalla somma dei punteggi di ogni stenosi rilevata all indagine coronarografica. Risultati. 1) I due gruppi sono risultati indistinguibili rispetto alle frequenze alleliche delle due mutazioni considerate (test del χ2: p>0.05); 2) la mutazione C677T risulta significativamente correlata ai livelli di Hcy (p<0.01, Anova-Bonferroni), con effetto dose genico, ma non alla presenza o gravità di CAD; correla in omozigosi mutata con la complessità di malattia in presenza di ridotte concentrazioni di acido folico (p<0.05 Anova-Bonferroni); 3) la mutazione A1298C non ha mostrato alcuna influenza sui livelli di Hcy e presenza di CAD, ma correla con la sua gravità (p<0.01, Anova-Bonferroni); 4) i livelli di Hcy mostrano correlazione diretta (p<0.01; Anova-Bonferroni), verso la gravità, ma non con la presenza di CAD. Conclusioni. In relazione ai dati osservati: 1) la incapacità della distribuzione allelica a distinguere la popolazione ammalata, 2) il coinvolgimento della mutazione C677T, ma non della A1298C, nella determinazione di iperhcy, 3) la correlazione con la complessità della CAD diretta per la A1298C e mediata da bassi livelli di acido folico per la C677T in omozigosi mutata, 4) la correlazione della iperhcy con la gravità ma non con la presenza di CAD, riteniamo che la manifestazione clinica della iperhcy sia inquadrabile come espressione di polimorfismo dell enzima MTHFR. Pertanto nel caso della omocisteina la biologia molecolare non trova ruolo nella prevenzione primaria, ma nella definizione prognostica in prevenzione secondaria, assumendo un profilo di rischio simile a quello del diabete. Bibliografia. 1 Mortita H., Taguchi J-L., Kurihara H. Genetic olymorphism of 5,10-methylenetetrahydrofolate reductase (MTHFR) as a risk factor factor for coronary artery disease. Circulation 1997;95: LigandAssay 9 (2)

4 CHOLESTEROL AND SURVIVAL IN CHRONIC HEART FAILURE C. Boni, C. Taddei, S. Turchi, M. Scarlattini, P. Di Cecco, S. Lenzi, L. Zyw, C.Passino, M. Emdin, C. Mammini Cardiovascular Medicine Dpt. and Laboratory Medicine, CNR Institute of Clinical Physiology, Pisa AIMS Although hypercholesterolemia is a strong cardiovascular risk factor, some studies have demonstrated that low levels of blood cholesterol are a negative prognostic factor in patients with chronic heart failure (CHF), due to a possible relation with the syndrome of cardiac cachexia. The mechanism of this inverse relationship in CHF is not clear. The purpose of this study is to determine the prognostic value of low levels of cholesterol in a cohort of patients with CHF METHODS Total cholesterol was measured in 270 patients with CHF (174 males, 73%; 96 females, 27%, mean age 65±1 years, left ventricular ejection fraction of 31±1%, 140 dilated cardiomyopathy, 52%, 103 post-ischemic, 38%, and 27 secondary to other causes, 10%, NYHA class I-II: 154 patients, 57%, and III-IV: 116, 43%, all in optimal medical treatment, were evaluated and followed-up for 40 months, using all-cause-mortality as end-point. We used receiveroperating characteristic (ROC) curve analysis for all-cause mortality. RESULTS At follow-up, 23 patients (8.5%) reached the end-point of all-cause mortality. Receiver-operating characteristic curves (ROC) did not demonstrate a cut off value of plasma cholesterol. So in our cohort of patients serum cholesterol does not show a prognostic value. CONCLUSIONS This finding seems in contrast with the results of recent studies, possibly due to the optimal current approach to disease management, comprehensive of medical treatment and dietetic approach, with particular effort in patients with precachectic state. 100 LigandAssay 9 (2) 2004

5 URIC ACID AND SURVIVAL IN CHRONIC HEART FAILURE M. Scarlattini, C. Taddei, S. Turchi, P. Di Cecco, C. Boni, S. Lenzi, L. Zyw, C. Passino, C. Mammini, M. Emdin Cardiovascular Medicine Dpt. and Laboratory Medicine, CNR Institute of Clinical Physiology, Pisa AIMS There is some evidence that supports a role of uric acid production in the progression of chronic heart failure. Probably there is the involvement of more mechanism in particular oxidative stress (upregulation of the enzyme xantine-oxidase and probably the effect of uric acid on NO vascular vasodilating system), the possible direct negative effects of uric acid itself (endothelial damage and negative effects on systemic blood pressure and coagulation and perhaps other effects). Some studies demonstrated a prognostic value of uric acid value in patients with chronic heart failure. The purpose of this study is to determine the prognostic value of uric acid in a cohort of patients with chronic heart failure (CHF), and the relationships with indexes of clinical impairment and other well established prognostic factors (i.e. ANP, BNP, NT-proBNP). METHODS In a prospective study, 270 patients with CHF (174 males, 73%; 96 females, 27%, mean age 65±1 years, left ventricular ejection fraction of 31±1%, 140 dilated cardiomyopathy, 52%, 103 post-ischemic, 38%, and 27 secondary to other causes, 10%, NYHA class I-II: 154 patients, 57%, and III-IV: 116, 43%, all in optimal medical treatment, were evaluated and followed-up for 40 months, using all-cause-mortality as end-point. In all subjects we studied: a) the plasma levels of uric acid b) heart function by echocardiography and functional capacity by cardiopulmonary test, c) neuroendocrine profile at the recruitment and after a mean period of 40 months. The influence of Uric Acid on survival was studied with Kaplan Meyer methods and receiver-operating characteristic (ROC) curve analysis for all-cause mortality. Spearman correlation analysis was used to determine the relationship of this variable with clinical and neuroendocrine factors. RESULTS Results at follow-up, 23 patients (8.5%) reached the end-point of all-cause mortality. Receiver-operating characteristic curve (ROC) did not demonstrate a cut off value of uric acid. So in our cohort of patients this variable doesn t show a prognostic value. In spite of this we found a significant inverse relation of uric acid value with peak VO2 (p=0.03) and with VE/VCO2 slope (p=0.005), but not with EF% (p=0.83). Increased values of acid uric showed also a strong positive correlation with PRA (p=0.002), ANP (p=0.02), BNP (p=0.04), noradrenaline (p=0.000). We found no significant relation with NT-proBNP and epinephrine (p=0.12 and 0.67, respectively). CONCLUSIONS Conclusions this finding seems in contrast with the results of recent studies, possibly due to the optimal current approach to disease management, comprehensive of medical treatment and dietetic approach, with particular effort in patients with precachectic state. LigandAssay 9 (2)

6 QUANTITATIVE DETERMINATION OF THIOLS BY REVERSED PHASE COUPLED WITH ON LINE CHEMICAL VAPOUR GENERATION AND ATOMIC FLUORESCENCE SPECTROMETRIC DETECTION (RP-CVGAFS): METHOD VALIDATION AND CLINICAL APPLICATIONS E. Bramanti, C. Vecoli 1, M.P Pellegrini. 1, A. D Ulivo, G. Raspi, D. Neglia 1, R. Barsacchi 2 Italian National Research Council-Istituto per i Processi Chimico-Fisici, Laboratory of Instrumental Analytical Chemistry, Pisa 1 Italian National Research Council- Istituto di Fisiologia Clinica, Pisa 2 Dipartimento di Fisiologia e Biochimica, Universita degli studi, Pisa The redox status in red blood cells in terms of thiol concentration undergoes fast changes as a function of a systemic oxidative stress. Thus, the timed measurements of thiol redox state is a less invasive, reliable tool in order to monitor the oxidative stress in humans. A new analytical hyphenated technique is proposed for quantitative determination thiols cysteine, glutathione (GSH) and homocysteine, based on Reverse Phase Chromatography (RPC) coupled on-line with cold vapour generation atomic fluorescence spectrometry (CVGAFS). Thiols are pre-column derivatized by p-hydroxymercurybenzoate (PHMB) and separated from each other and reagent excess by a C4 Vydac Reverse Phase column. Oxidized glutathione (GSSG) and other oxidized forms are converted to their thiol counterparts by reductive cleavage with dithiothreitol prior to derivatization step. Post-column on-line reaction of derivatized thiols with bromine, generated in situ by KBr/KBrO 3 in HCl medium, allowed the fast conversion of both the uncomplexed PHMB and of the thiolcomplexed PHMB bound to inorganic mercury with a 100 ± 2 % recovery. Hg II is selectively detected by AFS in a Ar/H 2 miniaturized flame after sodium borohydride reduction to Hg. The RPC-CVGAFS analysis of standard solutions of thiols gave a linear relationship between the concentration of thiol-phmb complexes and peak area (CVGAFS signal) over the concentration range of 0.05 to 100 µm. The detection limit thiols ranged between nm. The precision of the method was evaluated, the coefficient of variation for thiol determination ranging between 2.2 and 2.7% for standard solutions and between 3.5 and 6.2% for real sample solutions. The RPC-CVGAFS method has been applied to assess the presence and the time course of myocardial oxidative stress by the determination of the contents of reduced and oxidized glutathione in human whole blood samples obtained from the femoral artery and the coronary sinus of patients with dilated cardiomyopathy (DCM) or chest pain with or without single vessel coronary artery disease. The protocol includes artero-venous sampling at rest/zero, during chronotropic cardiac stress (pacing) and recovery. Preliminary results show that the concentration of GSH in venous samples is higher than in arterial samples, in all the cases examined Concentration, M Figure 1. Coronary Sinus GSH Changes P2 P1 P5 P3 P4 Concentration, mm Figure 2. Coronary Sinus GSSG Changes 600,00 P3 500,00 400,00 300,00 P5 P4 200,00 100,00 P2 P1 0 baseline pacing interm post pac 1' post pac 15' adenosine 0,00 baseline pacing max post pac 15' 102 LigandAssay 9 (2) 2004

7 Coronary flow 700,00 600,00 500,00 400,00 300,00 200,00 100,00 P1 0,00 baseline Figure 3. Coronary Flow Changes P2 P3 P5 pacing max P4 post pac 15' During chronotropic stress, in the 15 minutes of recovery after stress, the GSSG/GSH ratio tends to increase in most patients in the coronary sinus (Figures 1 and 2) indicating the activation of the thiol buffer system to counteracta putative oxidative stress induced by pacing in myocardium. In the same conditions the coronary blood flow (Figure 3) shows in 4 out of 5 patients minor changes or a decrease during pacing in the presence of a preserved coronary flow reserve during adenosine. In addition to thiol determination, the evaluation of other metabolic parameters, including, endotelin 1 (ET1), NO metabolites and lipoperoxides, in a larger population is in progress, in order to assess the mechanism of disregulation of vascular tone, and if the oxidative stress corresponds to microvascular ischemia. The proposed method resulted a reliable, fast tool in order to reveal the time course of an oxidative stress in terms of reduced and oxidized thiol concentration. In principle, this method can be optimized and applied to the analysis of redox state of other macromolecular thiolic compounds, such as proteins, in blood and cellular matrices, representing a complementary approach to other biological and biochemical methodologies. LigandAssay 9 (2)

8 VALORE PROGNOSTICO DEL PEPTIDE NATRIURETICO DI TIPO B IN UNA POPOLAZIONE CONSECUTIVA NON SELEZIONATA DI PAZIENTI CON SINDROME CORONARICA ACUTA P. Cappelletti 1, D. Rubin 1, P. Bulian 1, M. Cassin 2, F. Macor 2, C. Burelli 2, F. Antonini Canterin 2, G. Nicolosi 2 1 UO Patologia Clinica 2 UO Cardiologia, ARC. AOSMA, Pordenone SCOPO DEL LAVORO Secondo la letteratura il peptide natriuretico di tipo B (BNP), dosato in corso di sindrome coronaria acuta (SCA) è predittivo di eventi come mortalità, scompenso cardiaco e (re)infarto miocardio, in studi che si riferiscono a popolazioni selezionate di trias clinici sulla SCA. Scopo del nostro lavoro è quello di chiarire il significato prognostico del BNP in una popolazione non selezionata e consecutiva di pazienti ricoverati in UTIC con diagnosi di SCA. MATERIALI E METODI Il BNP è stato dosato all ingresso dei pazienti in UTIC con ADVIA Centaur (Bayer) tramite immunodosaggio in chemiluminescenza diretta a due siti (sandwich). In tutti i pazienti inoltre veniva dosata la TnI all ingresso e poi in modo seriato ogni 4 ore sino al picco. Sono stati studiati 226 pazienti consecutivi, con età media 70+/-12 anni (37-93), dei quali 152 (67%) erano maschi, 151 con SCA senza sopraslivellamento di ST e 75 con sopraslivellamento di ST. Profilo dei pazienti: storia di ipertensione arteriosa (64%), dislipidemia (59%), fumo attivo (27%), diabete mellito (22%), copatologie (31%), pregressa SCA (23%), pregresso scompenso cardiaco (3%). E stato considerato l end-point composito (morte, nuovo ricovero per infarto miocardico e angina instabile, ricovero per scompenso cardiaco) intraospedaliero e a 30 giorni. Per entrambi gli end-point è stata eseguita l analisi univariata (prendendo in considerazione età, sesso, fattori di rischio coronario, copatologie, pregressa SCA o scompenso cardiaco, FEVS, valori di TnI>=0.13, valori di log BNP) e quindi l analisi multivariata. Con l analisi ROC è stato ricercato il livello decisionale con la migliore predittività positiva o negativa. RISULTATI Per gli eventi intra-ospedalieri l analisi univariata ha evidenziato significatività in relazione a: età (p<0.005), copatologie (p<0.001), FEVS (p<0.001), valori di BNP (p<0.001). L analisi multivariata ha confermato la significatività per la FEVS (p<0.001) e per i valori di BNP (p=0.01). Per gli eventi a 30 giorni l analisi univariata ha confermato la significatività dell età (p<0.001), delle copatologie (p<0.005), della FEVS (p<0.001) e del valore di BNP (p<0.001). Nell analisi multivariata vi era significatività per il solo BNP (p<0.001). L analisi ROC mostra il miglior cut-off a 194 ng/ml con sensibilità di 60.0%, specificità di 72.0%, valore predittivo negativo (VPN) di 90.8%, valore predittivo positivo (VPP) di 28.2%. Un VPN di 95.5% si ha in corrispondenza di un cut-off di 43 ng/ml. CONCLUSIONI. I nostri dati confermano il valore prognostico nel breve periodo del dosaggio del BNP anche in pazienti con SCA non selezionati. Tuttavia non è chiaramente individuabile un livello decisionale, anche solo in termini di VPN, che consenta la scelta della miglior strategia terapeutica nei pazienti con SCA. 104 LigandAssay 9 (2) 2004

9 INDICATORS OF MECHANICAL CORONARY PLAQUE RUPTURE IN HUMANS F. Cocci, A. Papa, D. Battaglia, L. Di Luca, V. Lubrano, A. Mazzarisi., M. Bamoshmoosh, R. Testa, Marraccini. P Istituto di Fisiologia Clinica, CNR, Pisa Plaque rupture may represent one of the major determinants of progression of coronary atherosclerosis and development of acute coronary syndromes. Intraplaque hemorrage may be responsible for accumulation of cholesterol from erythrocytes and other acellular necrotic particles which may activate inflammatory response and an enlargement of plaque core. The correlation between plaque rupture and clinical symptoms is related to the possible activation of platelet aggregation and to the formation of an occlusive intracoronary thrombus. In absence of this event plaque rupture may be clinically asymptomatic and not associated with any biological marker of myocardial ischemia or necrosis. AIM of this study was the analysis of changes of biochemical markers of inflammation in systemic venous blood following mechanical rupture of coronary atherosclerotic plaque caused by PCI. METHODS/PATIENTS 51 consecutive patients who performed PCI in our catheterization laboratory (PCI group), 11 patients who performed a diagnostic angiographic study (control group). All the PCI procedures were successful and no patient had ischemic episodes and increase of serum enzymes after the invasive procedure. STUDY PROTOCOL AND BIOCHEMICAL DETERMINATIONS: peripheral venous blood samples were drawn at baseline, before unfractional heparin administration, one hour, four hours, twenty-four hours and forty-eight hours after the end of PCI procedure. Each sample consisted of 10 ml of blood. The following determinations were done: hemogram with immunofluorimetric determination of platelet number comprehensive of small (SPLT) and large platelet (LPLT) count,, interleukin-6 (IL-6), C-reactive protein (CRP) and fibrinogen. RESULTS At preprocedural time no differences were observed between control and PCI groups in LPLT number ( and x10^3/µl respectively) in IL6 ( and pg/ml respectively) in CRP ( and mg/dl respectively) and in fibrinogen levels ( and mg/dl, respectively). PCI induced significant increase of LPLT, IL-6, CRP and fibrinogen with respect to baseline levels (peak values: x10^3/µl, pg/ml, mg/dl, mg/dl respectively; p< for all parameters). CONCLUSIONS: In patients undergoing PCI mechanical rupture of coronary plaque induced significant changes of biological markers of inflammation not associated with clinically relevant symptoms. Assuming a similarity between spontaneous and PCI induced coronary plaque rupture, the monitoring of such parameters could enlight atherosclerosis progression in asymptomatic patients. Further clinical studies in selected high risk population may avvalorate this hypothesis. LigandAssay 9 (2)

10 ENDOTHELIAL NITRIC OXIDE SYNTHASE GLU298ASP AND T-786C POLYMORPHISMS AND RISK OF EARLY ATHEROSCLEROSIS E. Ciofini, U. Paradossi, A. Clerico, A. Biagini, M.G. Colombo Institute of Clinical Physiology, CNR, and G. Pasquinucci Hospital, Massa AIM To assess the role of the endothelial Nitric Oxide Synthase (enos) gene as risk factors for early atherosclerosis, we sought to investigate whether two polymorphisms located in the exon 7 (Glu298Asp) and in the promoter region (T- 786C) of the enos gene were associated with functional changes in the endothelium, and carotid intima-media thickness (IMT). METHODS Endothelium-dependent flow-mediated brachial artery dilation (FMD), endothelium-independent dilation response to glyceryl trinitrate (GTN), and carotid IMT were assessed by high resolution ultrasound in 118 healthy young non smoker subjects (30.1±0.5 years) genotyped for the enos Glu298Asp and T-786C polymorphisms. RESULTS Carotid IMT was inversely related to FMD by univariate analysis (r=-0.28, p=0.002) and after adjustment for possible confounders in all the subjects (p<0.01). Asp homozygotes had a significantly lower FMD than Glu carriers (Glu/Glu: 15.0%±1.0%, Glu/Asp: 13.3%±0.7%, Asp/Asp: 9.6%±1.6%, p=0.005), while FMD was unaffected by the T- 786C variant. Neither the Glu298Asp nor the T-786C polymorphisms influenced the GTN-mediated dilation. With respect to Glu carriers, Asp/Asp genotype displayed a significantly greater carotid IMT (Glu/Glu: 0.37±0.01mm, Glu/Asp: 0.35±0.01mm, Asp/Asp: 0.45±0.03mm, p=0.0002) and significant correlations between carotid IMT and FMD (r=-0.48, p=0.04) and between carotid IMT and resting brachial artery diameter (r=0.70, p=0.001). No difference in IMT was found across the T-786C genotypes. By multivariate regression analysis, Asp/Asp genotype was the only significant and independent predictor of FMD (p=0.04) and carotid IMT (p=0.006). CONCLUSIONS The enos Glu298Asp polymorphism may be related to early atherogenesis. 106 LigandAssay 9 (2) 2004

11 UTILIZZAZIONE DIAGNOSTICA DEI LIVELLI DI TROPONINA T IN SOGGETTI CON ANGINA INSTABILE S. De Cesaris 1, A. Buggiani 1, F. Bonechi 2,F. Becherini 2, M. Sansoni 2, A. Zipoli 2 1 UO Laboratorio Analisi 2 UO Cardiologia ; PO Fucecchio, ASL 11 Toscana PREMESSA L angina instabile costituisce una patologia gravata da un alto tasso di ospedalizzazione e da elevata morbilità a breve termine, soprattutto nei Pazienti a rischio elevato. Una stratificazione prognostica per valutare la necessità di ricovero in terapia intensiva può essere già effettuata al P.S.. La Troponina (I o T) è emersa recentemente come elemento prognostico determinante nella stratificazione del rischio e nella condotta terapeutica per quanto riguarda l ospedalizzazione, la necessità di ricovero in terapia intensiva e l atteggiamento terapeutico più aggressivo con coronarografia ed eventuale rivascolarizzazione miocardica. E possibile prevedere una limitazione dei ricoveri con una utilizzazione attenta anche di tale marker biochimico. OBIETTIVO Abbiamo determinato i livelli di Troponina T (ctnt) in tutti i Pazienti ricoverati per angina instabile presso l UTIC della Cardiologia del P.O. di Fucecchio per valutare l incidenza e l entità di tale marcatore biochimico in Pazienti giudicati da sottoporre a monitoraggio continuo in terapia intensiva. MATERIALI E METODI La U.O. di Cardiologia del P.O. di Fucecchio ha 13 p.l.+ 1 di DH. Ha un bacino di utenza di persone. Nel 2003 sono stati ricoverati 642 Pazienti di cui 130 con IMA e 90 (64 M, 26 F, di età fra 44 e 88 anni) con diagnosi di angina instabile. In 88 dei Pazienti con angina (62 M, 26 F), fu determinata la Troponina T secondo il protocollo in uso. I dosaggi furono effettuati su apparecchio Elecsys 2010 con reattivi Roche Diagnostics. Gli 88 Pazienti furono divisi in tre gruppi a seconda dei picchi di livello di TnT: Negativi (A): < 0.01 microg/l, Intermedi (B): microg/l e Positivi (C) >/ 0.1 microg/l.. Tali gruppi costituiscono 3 classi di rischio ormai condivise in letteratura. RISULTATI Degli 88 Pazienti ricoverati per angina instabile, 20 (22 %) erano del gruppo A, 29 (33%) erano del gruppo B e 39 (45%) erano del gruppo C. Nei Pazienti del gruppo C è stata condotto un trattamento invasivo (coronarografia o rivascolarizzazione) nell 80%; di contro nei Pazienti del gruppo B tale percentuale calava al 60% e nel gruppo A al 20%. CONCLUSIONI I valori di ctnt in un UTIC periferica sono risultati determinanti nella stratificazione prognostica dei Pazienti con angina come emerge dal più alto grado di trattamento invasivo (coronarografia o rivascolarizzazione). Tuttavia era presente una discreta percentuale di Pazienti con Troponina negativa che sono stati ricoverati in UTIC e che probabilmente non necessitavano di un ricovero in terapia intensiva.in tali casi il ricovero in letto monitorizzato può essere stato giustificato dalla presenza di altri fattori prognostici. Pur considerando importanti numerosi fattori prognostici che possono determinare il ricovero in un letto monitorizzato, si auspica una maggiore valorizzazione della Troponina (I o T) nel processo decisionale e quindi nell ottica di una riduzione dei ricoveri, necessaria per il contenimento della spesa. Questo obiettivo potrebbe essere raggiunto con l inserimento della Troponina in un protocollo interno, condiviso da P.S. ed UTIC. LigandAssay 9 (2)

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico

5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico 5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Innovazione e Formazione nella Medicina di Laboratorio Sala Magna Complesso Monumentale dello Steri Palermo 2-4 Dicembre 2014

Dettagli

M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA

M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA 15-20 milioni/anno di accessi in PS per dolore toracico 2-4% Dimissione impropria o mancato riconoscimento

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nel diabete

Complicanze macroangiopatiche nel diabete Complicanze macroangiopatiche nel diabete Diabete mellito e mortalità cardiovascolare Framingham Study: 20 anni di follow-up 18 Mortalità cardiaca ogni 1000 persone 16 14 12 10 8 6 4 2 17 8 17 4 DM No-DM

Dettagli

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL Visioli et al. Low density lipoprotein oxidation is inhibited by olive oil constituents. Atherosclerosis 1995; 117: 25-32 Visioli et al. Free radical-scavenging properties

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE SCODITTI CRISTINA Fondazione S.Maugeri, Sede di Cassano delle Murge (BA) Reparto di Pneumologia I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE QUALI TEST FUNZIONALI? PFT DLCO 6 MWT CPET VALORE DIAGNOSTICO

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

07/06/2009. Factors Markedly Increase Individual Cardiovascular Risk. Esami non invasivi per la patologia coronarica

07/06/2009. Factors Markedly Increase Individual Cardiovascular Risk. Esami non invasivi per la patologia coronarica LO STUDIO FUNZIONALE INCRUENTO DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA: LA SCINTIGRAFIA La ricerca dell ischemia inducibile: cosa può darci di più per giustificare l incremento del rischio biologico? Factors Markedly

Dettagli

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Ciro Indolfi, MD, FACC, FESC Division of Cardiology Magna Graecia University Catanzaro Centro di Riferimento

Dettagli

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Lorenzo Ghiadoni, Agostino Virdis, Stefano Taddei Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa The Cardiovascular

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Definizione Una sindrome coronarica acuta èun quadro clinico

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia HOT TOPICS MALATTIA METASTATICA Malattia Ormonosensibile Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia MALATTIA METASTATICA ORMONOSENSIBILE Nel paziente in

Dettagli

GLI STUDI LONGITUDINALI CARDIOVASCOLARI COSA DICONO SUI TUMORI

GLI STUDI LONGITUDINALI CARDIOVASCOLARI COSA DICONO SUI TUMORI GLI STUDI LONGITUDINALI CARDIOVASCOLARI COSA DICONO SUI TUMORI Simona Giampaoli Istituto Superiore di Sanità, Roma XIV Convegno AIRTUM Sabaudia, 22 Aprile 2010 RAZIONALE e OBIETTIVI Patologie cardiovascolari

Dettagli

Test of palatability

Test of palatability Test of palatability Materials and methods The palatability of several dry-food (growth, struvite, renal, gastro-intestinal, oxalate and obesity) were compared in palatability trials versus at list 1 equivalent

Dettagli

LA RIDUZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA IPOLIPEMIZZANTE INTENSIVA

LA RIDUZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA IPOLIPEMIZZANTE INTENSIVA LA RIDUZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA IPOLIPEMIZZANTE INTENSIVA Enzo Manzato Servizio scientifico offerto alla classe medica da MSD Italia S.r.l 05-13-VYT-2011-IT-5484-SS Linee

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

Corneal Cross-Linking Indications

Corneal Cross-Linking Indications Corneal Cross-Linking Indications Aldo Caporossi MD, FRCS Cosimo Mazzotta MD, PhD Stefano Baiocchi MD, PhD Department of Ophthalmology and Neurosurgery Siena University Head: Prof. Aldo Caporossi First

Dettagli

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma Diagnosi e Terapia delle Aritmie Cardiache: Ablazione transcatetere endoepicardica di Tachicardia Ventricolare in paziente con Malattia di Anderson-Fabry Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014 Laboratorio

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno 1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della Fondazione NEURECA Onlus Milano Rendiconto sull attività di ricerca finora svolta (scadenza 19 febbraio 2009) Il sottoscritto, Alfonso Fasano,

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE:

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Milan, 4 Dicembre 2014 From Nutrition to Health: an EXPO challenge Session: Nutritional diseases:prevention and solutions LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Dati dallo studio Moli-sani

Dettagli

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS)

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) In Italia, ogni anno, si stimano 14.700 casi di CIN 2/3 e 47.000 CIN1 È INDICATO:

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 IMPEGNO NOVARTIS 2 CONSIDERAZIONI INIZIALI In Italia l impegno nella «terapia farmacologica

Dettagli

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile Malattia coronarica e donna: differenze di genere Garbagnate M.se 13 marzo 2010 Maddalena Lettino Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo, Pavia

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

IL CARDIOLOGO SI RAPPORTA CON LA CARDIOPATIA ISCHEMICA. Massimo Milli Cardiologia s.maria Nuova

IL CARDIOLOGO SI RAPPORTA CON LA CARDIOPATIA ISCHEMICA. Massimo Milli Cardiologia s.maria Nuova IL CARDIOLOGO SI RAPPORTA CON LA CARDIOPATIA ISCHEMICA Massimo Milli Cardiologia s.maria Nuova Mortalità intraospedaliera per infarto miocardico MORTALITA INTRAOSPEDALIERA BLITZ-1 mortalità ospedaliera

Dettagli

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana 3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 ILARIA CIABATTI Verification of analytical methods

Dettagli

L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management

L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management AZIENDA SANITARIA LOCALE LECCE L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management ASL LECCE Antonio Metrucci Disease and Care Management Obiettivi: Una partnership pubblico privato tra RegionePuglia,

Dettagli

B.Castiglioni SS Cardiologia Interventistica U.O. Cardiologia 2 Dipartimento Cardiovascolare Ospedale di Circolo Fondazione Macchi - Varese

B.Castiglioni SS Cardiologia Interventistica U.O. Cardiologia 2 Dipartimento Cardiovascolare Ospedale di Circolo Fondazione Macchi - Varese B.Castiglioni SS Cardiologia Interventistica U.O. Cardiologia 2 Dipartimento Cardiovascolare Ospedale di Circolo Fondazione Macchi - Varese Epidemiologia e Dimensioni del problema Indicatori di rischio

Dettagli

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI 1 DISLIPIDEMIA NEL SOGGETTO AFFETTO DA SINDROME COL.ME ALTAMORE GIUSEPPE POLICLINICO MILITARE CELIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA CAPO U.O.C. DI

Dettagli

From pathophysiology to therapy

From pathophysiology to therapy From pathophysiology to therapy One of the most important problems in andrology is to translate the enormous body of knowledge of the pathophysiology of spermatogenesis, mature spermatozoa, and sperm function

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

Ruolo dell emoglobina glicata nel monitoraggio del paziente diabetico

Ruolo dell emoglobina glicata nel monitoraggio del paziente diabetico Ruolo dell emoglobina glicata nel monitoraggio del paziente diabetico Mariarosa Carta Laboratorio di chimica clinica ed ematologia Ospedale S. Bortolo, Vicenza Emoglobina glicata:cos è α LYS β LYS LYS

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

Omocisteina. Elena Maria Faioni, Marco Cattaneo. Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano

Omocisteina. Elena Maria Faioni, Marco Cattaneo. Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano Omocisteina Elena Maria Faioni, Marco Cattaneo Università degli Studi di Milano Azienda Ospedaliera San Paolo, Milano Vincent du Vigneaud, un biochimico americano, vincitoredel premionobel per la chimicanel1955,

Dettagli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli VALUTAZIONE DEL PESO E CONTROLLO DELLA GLICEMIA NEI DIVERSI SOTTOTIPI MOLECOLARI DEL CANCRO DELLA MAMMELLA. Background Negli

Dettagli

"MALDITESTA" UNA VITA DIFFICILE Alleanza Cefalalgici, Al.Ce. Group Italia

MALDITESTA UNA VITA DIFFICILE Alleanza Cefalalgici, Al.Ce. Group Italia dott Cherubino DI LORENZO "MALDITESTA" UNA VITA DIFFICILE Alleanza Cefalalgici, Al.Ce. Group Italia Nutraceutica / dieta chetogenica nel paziente con mal di testa H-M Nutraceutical Nutraceuticals and Herbal

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste Osservatorio Incidenza, CV Provincia esiti, e processo di Trieste di (2009-2015) cura dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Data base Eco/ECG/(CGF) Ricoveri ospedalieri (SDO) Cartella clinica elettronica

Dettagli

Prospettive diagnostiche in Cardiologia Nucleare

Prospettive diagnostiche in Cardiologia Nucleare Prospettive diagnostiche in Cardiologia Nucleare B. Paghera Servizio di Medicina Nucleare Spedali Civili ed Università di Brescia XII Congresso Nazionale AIMN Rimini 16-19 aprile 2015 Disclosure Slide

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

1 Congresso nazionale Triage Roma 11 12 giugno 2010 UN MODELLO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEL TRIAGE INTRA

1 Congresso nazionale Triage Roma 11 12 giugno 2010 UN MODELLO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEL TRIAGE INTRA 1 Congresso nazionale Triage Roma 11 12 giugno 2010 UN MODELLO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEL TRIAGE INTRA M. Petrella, M.A.Stingone, L. Caccaviello G. Romigi, D. Bove CLINICAL RISK MANAGEMENT La gestione

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

MT Bevilacqua SSD Endocrinologia e Diabetologia Ospedale L. Sacco-Polo Universitario MILANO DIABETE MELLITO: UNA MALATTIA MULTIORGANO

MT Bevilacqua SSD Endocrinologia e Diabetologia Ospedale L. Sacco-Polo Universitario MILANO DIABETE MELLITO: UNA MALATTIA MULTIORGANO MT Bevilacqua SSD Endocrinologia e Diabetologia Ospedale L. Sacco-Polo Universitario MILANO DIABETE MELLITO: UNA MALATTIA MULTIORGANO L alimentazione umana nell evoluzione evoluzione dell homo sapiens:

Dettagli

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Triple Whammy - Fisiopatologia Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Francesco Lapi, PharmD, PhD Health Search, Società Italiana di Medicina Generale Confondimento

Dettagli

Sindrome metabolica/dia bete

Sindrome metabolica/dia bete Sindrome metabolica/dia bete Giulio Marchesini Alma Mater Studiorum Università di Bologna Grundy, Circulation 2005 Criteria for Metabolic Syndrome Central role of obesity Factor analysis on changes in

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Antonello Vado Laboratorio di elettrofisiologia Ospedale S.Croce e Carle. Cuneo Dal device management al disease management L effetto cumulativo

Dettagli

LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE. dott. Zoran Olivari

LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE. dott. Zoran Olivari 18 NOVEMBRE 2014 LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE dott. Zoran Olivari 89 anni 89 anni 80 anni 87 anni 86 anni 88 anni 84 anni 103 anni 91 anni ULTRACENTENARI Si vive di più!! (nel ns mondo occidentale)

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 Appropriatezza ed innovazione: le sfide della ricerca Teresa Calamia ELENCO FARMACI

Dettagli

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Luca Busetto Dipartimento di Medicina - DIMED Università degli Studi di Padova Centro per lo Studio e il Trattamento Integrato

Dettagli

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Dr.ssa C. Baggiore 20 dicembre 2006 DPP: prevenzione del diabete in soggetti ad alto rischio per la malattia N = 3234 IFG e IGT, senza diabete 40 Placebo

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia Programma di Valutazione Esterna di Qualità Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia In epidemiologia, che cosa vediamo? Eventi Cardiovascolari Diabete tipo 2 Sindrome Metabolica Iperlipidemia familiare

Dettagli

ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI

ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI Pag. 10S-11S Atlante 01 OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO CARDIOVASCOLARE ITALIANO INDAGINE 008-01 ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI Le abitudini alimentari sono disponibili solo per l indagine

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete

Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete Prof. Angelo Cagnacci Ginecologia e Ostetricia Aziend Policlinico di Modena Reggio Emilia 10 e 11 aprile 2015 Centro Internazionale Loris Malaguzzi

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

Le Indicazioni del Cardiologo

Le Indicazioni del Cardiologo . LA SALUTE VIEN DAL MARE Bergeggi, Savona ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE Le Indicazioni del Cardiologo Dott. Paolo Bellotti, Cardiologia, OSP. S. Paolo Savona Genova, 23 gennaio 2009 Il 90% dei pazienti

Dettagli

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Measuring waist circumference: a practical guide from the NIDDK/NIH Place a tape measure around the bare abdomen, just above the hip bone Be sure

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it C U R R I C U L U M V I T A E DOTT. CROSIO MANLIO PIZZORNI INFORMAZIONI PERSONALI Nome PIZZORNI CROSIO MANLIO Indirizzo Telefono 010 315191 Cell. 328 0473249 E-mail VIA TRENTO 5 /15, 16145 Genova crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

Dettagli

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia Giuseppe Longo Dipartimento di Oncologia ed Ematologia Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Milano 13 settembre

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 31/01/1977 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Lassandro Pepe Leonardo I Fascia ASL DI TARANTO - TA Dirigente ASL I fascia

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Curriculum Vitae Prof. Valerio Sanguigni

Curriculum Vitae Prof. Valerio Sanguigni Curriculum Vitae Prof. Valerio Sanguigni Indirizzo: Via Di Priscilla 106. 00199. Roma Tel 06/86211558 Cell. 3358392207 E.mail: sanguigni.valerio@gmail.com WWW.cardioprevenzione.com -Nato a Roma Il 20 Marzo

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Cellule Progenitrici Endoteliali come fattore di rischio cardiovascolare nel paziente diabetico: controversie

Cellule Progenitrici Endoteliali come fattore di rischio cardiovascolare nel paziente diabetico: controversie Cellule Progenitrici Endoteliali come fattore di rischio cardiovascolare nel paziente diabetico: controversie Alessandra Dei Cas, MD, Ph.D Dipartimento di Medicina Interna e Scienze Biomediche Sezione

Dettagli

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione La Clinical Governance in Diabetologia Cernobbio 8 10 ottobre 2008 Target glicemico e outcomes cardiovascolari: lo studio QUASAR e le evidenze

Dettagli

Medicina basata sull Evidenza

Medicina basata sull Evidenza Medicina basata sull Evidenza Numerosi trattamenti tatta t possono o ridurre il rischio dei maggiori eventi cardiovascolari in grandi gruppi di pazienti Prescrizione di tutti i farmaci benefici a tutti

Dettagli