POSTER APPROCCIO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POSTER APPROCCIO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO"

Transcript

1 POSTER APPROCCIO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO A. Agazio, C, Ciurli, C. Boni, C. Taddei, S. Turchi, V. Rosso, F. Bramanti, S. Severino, G. Nassi, M. Di Petrillo, S. Dalmiani, R. Poletti, C. Mammini, A. Gabutti, MG Mazzei, C. Passino, M. Emdin Medicina Cardiovascolare, Istituto di Fisiologia Clinica CNR, Pisa Alla caratterizzazione convenzionale del paziente (ECG, visita cardiologica, radiografia del torace, ecocardiogramma ed eventuale test da sforzo cardiopolmonare), nella U.O. Scompenso dell Istituto di Fisiologia Clinica si è aggiunto un protocollo di diagnosi bioumorale, comprendente la valutazione degli indici di funzione renale ed epatica, di equilibrio elettrolitico e dei neuroormoni più significativi (catecolamine attività reninica, aldosterone, ANP, BNP, ormoni tiroidei, TSH, interleuchina-6 e TNF-alfa) applicabile sia a pazienti ambulatoriali che degenti. Il protocollo prevede un singolo prelievo eseguito a digiuno dopo 20 minuti di clinostatismo alle 8 del mattino utilizzando materiale preventivamente refrigerato; dopo l esecuzione del prelievo i campioni ematici vengono immediatamente posti sotto ghiaccio e inviati al laboratorio per essere centrifugati nel giro di pochi minuti. Una volta che il paziente viene caratterizzato, può essere inserito all interno di un programma riabilitativo di training, che prevede un test su cicloergometro mensile. Al I, III, VI mese il paziente esegue: caratterizzazione neuroormonale, RX torace, ecocardiogramma, test cardiopolmonare, al IX mese eseguirà inoltre il monitoraggio cardiorespiratorio ambulatoriale (Lifeshirt) e l Holter cardiaco. La responsabilità dell applicazione di questo protocollo spetta all infermiere. Egli, oltre ad occuparsi dell esecuzione del prelievo, provvede alla caratterizzazione del paziente avvalendosi di un data-base dedicato (denominato CheF, acronimo di Chronic Heart Failure) nel quale sono archiviati dati anagrafici ed ematochimici, anamnestici e funzionali derivanti dai data-base dei singoli laboratori diagnostici connessi in rete. Vengono integrati i risultati del protocollo neuroendocrino nella valutazione globale del singolo paziente, ottenendo dati prognostici per la classificazione dei vari pazienti allo scopo di fornire dati utili a livello statistico ed epidemiologico. Dal giugno 1999 al giugno 2004 sono stati caratterizzati con queste modalità 370 pazienti con diagnosi di scompenso cardiaco, contribuendo da una parte ad un migliore trattamento e follow-up del singolo paziente, dall altra ad un avanzamento delle conoscenze nel campo della fisiopatologia dello scompenso cardiaco. LigandAssay 9 (2)

2 POLYUNSATURATED OMEGA-3 FATTY ACIDS REDUCE THE PLASMA LEVELS OF Nε- (CARBOXYMETHYL) LYSINE ADDUCTS OF PROTEINS IN PATIENTS WITH MYOCARDIAL INFARCTION G. Basta 1, S. Del Turco 1, G. Lazzerini 1, A. Papa 1, E. Berg Schmidt 2, J. Hagstrup Christensen 3, R. De Caterina 1,4 1 CNR Institute of Clinical Physiology, Pisa, Italy 2 Department of Preventive Cardiology 3 Department of Nephrology, Aalborg Hospital, Århus University, Denmark 4 G. d'annunzio University Chieti BACKGROUND AND OBJECTIVE Nε-(Carboxymethyl)lysine (CML), an advanced glycation end product formed on proteins by combined nonenzymatic reactions of glycation and oxidation (glycoxidation), may be considered a marker of oxidative stress as well as a risk factor for atherosclerosis and diabetes, and is produced in conditions of inflammation. Since several studies have indicated that n-3 polyunsaturated fatty acids (PUFA) have protective effects on cardiovascular disease, we investigated the effect of dietary n-3 PUFA on plasma levels of CML in survivors of myocardial infarction. METHODS Forty patients (none diabetic) were randomly allocated to receive either 5.2 g of n-3 PUFA daily (n=20 patients, 65.4±5.48 years) or olive oil (n=20 controls 61±8 years) for 12 weeks. CML plasma levels were analysed by a specifically developed ELISA before and after n-3 PUFA supplementation. RESULTS Baseline plasma CML concentrations were significantly higher in the patient group vs control group ( ) µg/ml (median percentiles) vs 6.08 ( ) µg/ml; P=0.027). The plasma levels of CML were significantly decreased in the patient group following to PUFA supplementation (from to 5.57 µg/ml; P=0.04) but not in the group that received olive oil (from 6.08 to 4.26 µg/ml P=0.11). Further, in the control group decreased total cholesterol (P<0.05) and LDL cholesterol (P<0.05), whereas in the patient group decreased the plasma levels of creatinine (p<0.05) and triglycerides (P<0.001). In the patient group, CML plasma levels was inversely correlated with triglycerides (P<0.01) but after PUFA supplementation it did not correlate more. CONCLUSIONS These data indicate that circulating CML levels may be affected by dietary fatty acid intake, suggesting the in vivo occurrence of an anti-inflammatory effect of n-3 PUFA supplementation. 98 LigandAssay 9 (2) 2004

3 LA BIOLOGIA MOLECOLARE NELLA CARDIOLOGIA BED-SIDE. IL CASO DELLA OMOCISTEINA L. Bianchi 1, C.Venturi 1, L. Della Corte 3, M. Botoni 2, W.Vergoni 2 1 Laboratorio di Analisi Chimico-Cliniche 2 U.O. Cardiologia, Ospedale SS Cosma e Damiano, ASL 3 Pistoia, Zona della Valdinievole, Pescia (PT) 3 Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia, Università degli Studi di Firenze La richiesta delle persone in salute di non ammalarsi e la progressiva riduzione delle risorse economiche hanno imposto alla moderna medicina di cercare strumenti per intervenire in epoca preclinica, riservando le risorse a chi evidenzia il rischio di ammalarsi. La biologia molecolare, indagando gli aspetti molecolari e fenotipici delle alterazioni genetiche, è sembrata possedere i requisiti per facilitare il raggiungimento di tale obiettivo. In tal senso, la iperomocisteinemia (iperhcy) ha stimolato un intenso dibattito scientifico, essendo stata documentata una potenziale correlabilità alla malattia ischemica coronarica (CAD) (1). Obiettivo. Essendo l N-5,10- metilentetraidrofolato-reduttasi (MTHFR) un enzima chiave del metabolismo dell omocisteina abbiamo voluto verificare nell uomo, la correlazione tra le più frequenti mutazioni di tale enzima, la mutazione puntiforme in posizione 677, sostituzione della citosina (C) con la timida (T) (C677T) e la mutazione puntiforme in posizione 1298, sostituzione di un adenina (A) con una citosina (C) (A1298C), la iperhcy e la presenza di CAD. Materiali e metodi. Lo studio è stato effettuato in 95 pazienti (età media 52,2±6,2 anni) con CAD acuta, sottoposti a coronarografia prima della dimissione, ed in 80 pazienti sani di controllo, indistinguibili per età, distribuzione fra i sessi ed incidenza dei fattori di rischio modificabili. Sono stati determinati i livelli di Hcy con metodo immunologico a fluorescenza con luce polarizzata ( FPIA, ditta Abbott) e le due mutazioni dell enzima MTHFR: la C677T con reazione a catena della polimerasi (PCR) ed impiego dell enzima di restrizione HinfI (ditta Diatech); la A1298C con Real Time PCR ed analisi delle curve di melting (Rotor Gene, Diatech). La determinazione quantitativa dell acido folico è stata effettuata mediante metodica radioimmunologica (RIA). Nessun paziente presentava valori di acido folico inferiore al range di normalità (v.n.= ng/ml). La gravità della malattia coronarica è stata definita utilizzando il Gensini Cardio Score (GCS), una scala parametrica quantitativa in base alla quale ad ogni paziente viene attribuito uno score che deriva dalla somma dei punteggi di ogni stenosi rilevata all indagine coronarografica. Risultati. 1) I due gruppi sono risultati indistinguibili rispetto alle frequenze alleliche delle due mutazioni considerate (test del χ2: p>0.05); 2) la mutazione C677T risulta significativamente correlata ai livelli di Hcy (p<0.01, Anova-Bonferroni), con effetto dose genico, ma non alla presenza o gravità di CAD; correla in omozigosi mutata con la complessità di malattia in presenza di ridotte concentrazioni di acido folico (p<0.05 Anova-Bonferroni); 3) la mutazione A1298C non ha mostrato alcuna influenza sui livelli di Hcy e presenza di CAD, ma correla con la sua gravità (p<0.01, Anova-Bonferroni); 4) i livelli di Hcy mostrano correlazione diretta (p<0.01; Anova-Bonferroni), verso la gravità, ma non con la presenza di CAD. Conclusioni. In relazione ai dati osservati: 1) la incapacità della distribuzione allelica a distinguere la popolazione ammalata, 2) il coinvolgimento della mutazione C677T, ma non della A1298C, nella determinazione di iperhcy, 3) la correlazione con la complessità della CAD diretta per la A1298C e mediata da bassi livelli di acido folico per la C677T in omozigosi mutata, 4) la correlazione della iperhcy con la gravità ma non con la presenza di CAD, riteniamo che la manifestazione clinica della iperhcy sia inquadrabile come espressione di polimorfismo dell enzima MTHFR. Pertanto nel caso della omocisteina la biologia molecolare non trova ruolo nella prevenzione primaria, ma nella definizione prognostica in prevenzione secondaria, assumendo un profilo di rischio simile a quello del diabete. Bibliografia. 1 Mortita H., Taguchi J-L., Kurihara H. Genetic olymorphism of 5,10-methylenetetrahydrofolate reductase (MTHFR) as a risk factor factor for coronary artery disease. Circulation 1997;95: LigandAssay 9 (2)

4 CHOLESTEROL AND SURVIVAL IN CHRONIC HEART FAILURE C. Boni, C. Taddei, S. Turchi, M. Scarlattini, P. Di Cecco, S. Lenzi, L. Zyw, C.Passino, M. Emdin, C. Mammini Cardiovascular Medicine Dpt. and Laboratory Medicine, CNR Institute of Clinical Physiology, Pisa AIMS Although hypercholesterolemia is a strong cardiovascular risk factor, some studies have demonstrated that low levels of blood cholesterol are a negative prognostic factor in patients with chronic heart failure (CHF), due to a possible relation with the syndrome of cardiac cachexia. The mechanism of this inverse relationship in CHF is not clear. The purpose of this study is to determine the prognostic value of low levels of cholesterol in a cohort of patients with CHF METHODS Total cholesterol was measured in 270 patients with CHF (174 males, 73%; 96 females, 27%, mean age 65±1 years, left ventricular ejection fraction of 31±1%, 140 dilated cardiomyopathy, 52%, 103 post-ischemic, 38%, and 27 secondary to other causes, 10%, NYHA class I-II: 154 patients, 57%, and III-IV: 116, 43%, all in optimal medical treatment, were evaluated and followed-up for 40 months, using all-cause-mortality as end-point. We used receiveroperating characteristic (ROC) curve analysis for all-cause mortality. RESULTS At follow-up, 23 patients (8.5%) reached the end-point of all-cause mortality. Receiver-operating characteristic curves (ROC) did not demonstrate a cut off value of plasma cholesterol. So in our cohort of patients serum cholesterol does not show a prognostic value. CONCLUSIONS This finding seems in contrast with the results of recent studies, possibly due to the optimal current approach to disease management, comprehensive of medical treatment and dietetic approach, with particular effort in patients with precachectic state. 100 LigandAssay 9 (2) 2004

5 URIC ACID AND SURVIVAL IN CHRONIC HEART FAILURE M. Scarlattini, C. Taddei, S. Turchi, P. Di Cecco, C. Boni, S. Lenzi, L. Zyw, C. Passino, C. Mammini, M. Emdin Cardiovascular Medicine Dpt. and Laboratory Medicine, CNR Institute of Clinical Physiology, Pisa AIMS There is some evidence that supports a role of uric acid production in the progression of chronic heart failure. Probably there is the involvement of more mechanism in particular oxidative stress (upregulation of the enzyme xantine-oxidase and probably the effect of uric acid on NO vascular vasodilating system), the possible direct negative effects of uric acid itself (endothelial damage and negative effects on systemic blood pressure and coagulation and perhaps other effects). Some studies demonstrated a prognostic value of uric acid value in patients with chronic heart failure. The purpose of this study is to determine the prognostic value of uric acid in a cohort of patients with chronic heart failure (CHF), and the relationships with indexes of clinical impairment and other well established prognostic factors (i.e. ANP, BNP, NT-proBNP). METHODS In a prospective study, 270 patients with CHF (174 males, 73%; 96 females, 27%, mean age 65±1 years, left ventricular ejection fraction of 31±1%, 140 dilated cardiomyopathy, 52%, 103 post-ischemic, 38%, and 27 secondary to other causes, 10%, NYHA class I-II: 154 patients, 57%, and III-IV: 116, 43%, all in optimal medical treatment, were evaluated and followed-up for 40 months, using all-cause-mortality as end-point. In all subjects we studied: a) the plasma levels of uric acid b) heart function by echocardiography and functional capacity by cardiopulmonary test, c) neuroendocrine profile at the recruitment and after a mean period of 40 months. The influence of Uric Acid on survival was studied with Kaplan Meyer methods and receiver-operating characteristic (ROC) curve analysis for all-cause mortality. Spearman correlation analysis was used to determine the relationship of this variable with clinical and neuroendocrine factors. RESULTS Results at follow-up, 23 patients (8.5%) reached the end-point of all-cause mortality. Receiver-operating characteristic curve (ROC) did not demonstrate a cut off value of uric acid. So in our cohort of patients this variable doesn t show a prognostic value. In spite of this we found a significant inverse relation of uric acid value with peak VO2 (p=0.03) and with VE/VCO2 slope (p=0.005), but not with EF% (p=0.83). Increased values of acid uric showed also a strong positive correlation with PRA (p=0.002), ANP (p=0.02), BNP (p=0.04), noradrenaline (p=0.000). We found no significant relation with NT-proBNP and epinephrine (p=0.12 and 0.67, respectively). CONCLUSIONS Conclusions this finding seems in contrast with the results of recent studies, possibly due to the optimal current approach to disease management, comprehensive of medical treatment and dietetic approach, with particular effort in patients with precachectic state. LigandAssay 9 (2)

6 QUANTITATIVE DETERMINATION OF THIOLS BY REVERSED PHASE COUPLED WITH ON LINE CHEMICAL VAPOUR GENERATION AND ATOMIC FLUORESCENCE SPECTROMETRIC DETECTION (RP-CVGAFS): METHOD VALIDATION AND CLINICAL APPLICATIONS E. Bramanti, C. Vecoli 1, M.P Pellegrini. 1, A. D Ulivo, G. Raspi, D. Neglia 1, R. Barsacchi 2 Italian National Research Council-Istituto per i Processi Chimico-Fisici, Laboratory of Instrumental Analytical Chemistry, Pisa 1 Italian National Research Council- Istituto di Fisiologia Clinica, Pisa 2 Dipartimento di Fisiologia e Biochimica, Universita degli studi, Pisa The redox status in red blood cells in terms of thiol concentration undergoes fast changes as a function of a systemic oxidative stress. Thus, the timed measurements of thiol redox state is a less invasive, reliable tool in order to monitor the oxidative stress in humans. A new analytical hyphenated technique is proposed for quantitative determination thiols cysteine, glutathione (GSH) and homocysteine, based on Reverse Phase Chromatography (RPC) coupled on-line with cold vapour generation atomic fluorescence spectrometry (CVGAFS). Thiols are pre-column derivatized by p-hydroxymercurybenzoate (PHMB) and separated from each other and reagent excess by a C4 Vydac Reverse Phase column. Oxidized glutathione (GSSG) and other oxidized forms are converted to their thiol counterparts by reductive cleavage with dithiothreitol prior to derivatization step. Post-column on-line reaction of derivatized thiols with bromine, generated in situ by KBr/KBrO 3 in HCl medium, allowed the fast conversion of both the uncomplexed PHMB and of the thiolcomplexed PHMB bound to inorganic mercury with a 100 ± 2 % recovery. Hg II is selectively detected by AFS in a Ar/H 2 miniaturized flame after sodium borohydride reduction to Hg. The RPC-CVGAFS analysis of standard solutions of thiols gave a linear relationship between the concentration of thiol-phmb complexes and peak area (CVGAFS signal) over the concentration range of 0.05 to 100 µm. The detection limit thiols ranged between nm. The precision of the method was evaluated, the coefficient of variation for thiol determination ranging between 2.2 and 2.7% for standard solutions and between 3.5 and 6.2% for real sample solutions. The RPC-CVGAFS method has been applied to assess the presence and the time course of myocardial oxidative stress by the determination of the contents of reduced and oxidized glutathione in human whole blood samples obtained from the femoral artery and the coronary sinus of patients with dilated cardiomyopathy (DCM) or chest pain with or without single vessel coronary artery disease. The protocol includes artero-venous sampling at rest/zero, during chronotropic cardiac stress (pacing) and recovery. Preliminary results show that the concentration of GSH in venous samples is higher than in arterial samples, in all the cases examined Concentration, M Figure 1. Coronary Sinus GSH Changes P2 P1 P5 P3 P4 Concentration, mm Figure 2. Coronary Sinus GSSG Changes 600,00 P3 500,00 400,00 300,00 P5 P4 200,00 100,00 P2 P1 0 baseline pacing interm post pac 1' post pac 15' adenosine 0,00 baseline pacing max post pac 15' 102 LigandAssay 9 (2) 2004

7 Coronary flow 700,00 600,00 500,00 400,00 300,00 200,00 100,00 P1 0,00 baseline Figure 3. Coronary Flow Changes P2 P3 P5 pacing max P4 post pac 15' During chronotropic stress, in the 15 minutes of recovery after stress, the GSSG/GSH ratio tends to increase in most patients in the coronary sinus (Figures 1 and 2) indicating the activation of the thiol buffer system to counteracta putative oxidative stress induced by pacing in myocardium. In the same conditions the coronary blood flow (Figure 3) shows in 4 out of 5 patients minor changes or a decrease during pacing in the presence of a preserved coronary flow reserve during adenosine. In addition to thiol determination, the evaluation of other metabolic parameters, including, endotelin 1 (ET1), NO metabolites and lipoperoxides, in a larger population is in progress, in order to assess the mechanism of disregulation of vascular tone, and if the oxidative stress corresponds to microvascular ischemia. The proposed method resulted a reliable, fast tool in order to reveal the time course of an oxidative stress in terms of reduced and oxidized thiol concentration. In principle, this method can be optimized and applied to the analysis of redox state of other macromolecular thiolic compounds, such as proteins, in blood and cellular matrices, representing a complementary approach to other biological and biochemical methodologies. LigandAssay 9 (2)

8 VALORE PROGNOSTICO DEL PEPTIDE NATRIURETICO DI TIPO B IN UNA POPOLAZIONE CONSECUTIVA NON SELEZIONATA DI PAZIENTI CON SINDROME CORONARICA ACUTA P. Cappelletti 1, D. Rubin 1, P. Bulian 1, M. Cassin 2, F. Macor 2, C. Burelli 2, F. Antonini Canterin 2, G. Nicolosi 2 1 UO Patologia Clinica 2 UO Cardiologia, ARC. AOSMA, Pordenone SCOPO DEL LAVORO Secondo la letteratura il peptide natriuretico di tipo B (BNP), dosato in corso di sindrome coronaria acuta (SCA) è predittivo di eventi come mortalità, scompenso cardiaco e (re)infarto miocardio, in studi che si riferiscono a popolazioni selezionate di trias clinici sulla SCA. Scopo del nostro lavoro è quello di chiarire il significato prognostico del BNP in una popolazione non selezionata e consecutiva di pazienti ricoverati in UTIC con diagnosi di SCA. MATERIALI E METODI Il BNP è stato dosato all ingresso dei pazienti in UTIC con ADVIA Centaur (Bayer) tramite immunodosaggio in chemiluminescenza diretta a due siti (sandwich). In tutti i pazienti inoltre veniva dosata la TnI all ingresso e poi in modo seriato ogni 4 ore sino al picco. Sono stati studiati 226 pazienti consecutivi, con età media 70+/-12 anni (37-93), dei quali 152 (67%) erano maschi, 151 con SCA senza sopraslivellamento di ST e 75 con sopraslivellamento di ST. Profilo dei pazienti: storia di ipertensione arteriosa (64%), dislipidemia (59%), fumo attivo (27%), diabete mellito (22%), copatologie (31%), pregressa SCA (23%), pregresso scompenso cardiaco (3%). E stato considerato l end-point composito (morte, nuovo ricovero per infarto miocardico e angina instabile, ricovero per scompenso cardiaco) intraospedaliero e a 30 giorni. Per entrambi gli end-point è stata eseguita l analisi univariata (prendendo in considerazione età, sesso, fattori di rischio coronario, copatologie, pregressa SCA o scompenso cardiaco, FEVS, valori di TnI>=0.13, valori di log BNP) e quindi l analisi multivariata. Con l analisi ROC è stato ricercato il livello decisionale con la migliore predittività positiva o negativa. RISULTATI Per gli eventi intra-ospedalieri l analisi univariata ha evidenziato significatività in relazione a: età (p<0.005), copatologie (p<0.001), FEVS (p<0.001), valori di BNP (p<0.001). L analisi multivariata ha confermato la significatività per la FEVS (p<0.001) e per i valori di BNP (p=0.01). Per gli eventi a 30 giorni l analisi univariata ha confermato la significatività dell età (p<0.001), delle copatologie (p<0.005), della FEVS (p<0.001) e del valore di BNP (p<0.001). Nell analisi multivariata vi era significatività per il solo BNP (p<0.001). L analisi ROC mostra il miglior cut-off a 194 ng/ml con sensibilità di 60.0%, specificità di 72.0%, valore predittivo negativo (VPN) di 90.8%, valore predittivo positivo (VPP) di 28.2%. Un VPN di 95.5% si ha in corrispondenza di un cut-off di 43 ng/ml. CONCLUSIONI. I nostri dati confermano il valore prognostico nel breve periodo del dosaggio del BNP anche in pazienti con SCA non selezionati. Tuttavia non è chiaramente individuabile un livello decisionale, anche solo in termini di VPN, che consenta la scelta della miglior strategia terapeutica nei pazienti con SCA. 104 LigandAssay 9 (2) 2004

9 INDICATORS OF MECHANICAL CORONARY PLAQUE RUPTURE IN HUMANS F. Cocci, A. Papa, D. Battaglia, L. Di Luca, V. Lubrano, A. Mazzarisi., M. Bamoshmoosh, R. Testa, Marraccini. P Istituto di Fisiologia Clinica, CNR, Pisa Plaque rupture may represent one of the major determinants of progression of coronary atherosclerosis and development of acute coronary syndromes. Intraplaque hemorrage may be responsible for accumulation of cholesterol from erythrocytes and other acellular necrotic particles which may activate inflammatory response and an enlargement of plaque core. The correlation between plaque rupture and clinical symptoms is related to the possible activation of platelet aggregation and to the formation of an occlusive intracoronary thrombus. In absence of this event plaque rupture may be clinically asymptomatic and not associated with any biological marker of myocardial ischemia or necrosis. AIM of this study was the analysis of changes of biochemical markers of inflammation in systemic venous blood following mechanical rupture of coronary atherosclerotic plaque caused by PCI. METHODS/PATIENTS 51 consecutive patients who performed PCI in our catheterization laboratory (PCI group), 11 patients who performed a diagnostic angiographic study (control group). All the PCI procedures were successful and no patient had ischemic episodes and increase of serum enzymes after the invasive procedure. STUDY PROTOCOL AND BIOCHEMICAL DETERMINATIONS: peripheral venous blood samples were drawn at baseline, before unfractional heparin administration, one hour, four hours, twenty-four hours and forty-eight hours after the end of PCI procedure. Each sample consisted of 10 ml of blood. The following determinations were done: hemogram with immunofluorimetric determination of platelet number comprehensive of small (SPLT) and large platelet (LPLT) count,, interleukin-6 (IL-6), C-reactive protein (CRP) and fibrinogen. RESULTS At preprocedural time no differences were observed between control and PCI groups in LPLT number ( and x10^3/µl respectively) in IL6 ( and pg/ml respectively) in CRP ( and mg/dl respectively) and in fibrinogen levels ( and mg/dl, respectively). PCI induced significant increase of LPLT, IL-6, CRP and fibrinogen with respect to baseline levels (peak values: x10^3/µl, pg/ml, mg/dl, mg/dl respectively; p< for all parameters). CONCLUSIONS: In patients undergoing PCI mechanical rupture of coronary plaque induced significant changes of biological markers of inflammation not associated with clinically relevant symptoms. Assuming a similarity between spontaneous and PCI induced coronary plaque rupture, the monitoring of such parameters could enlight atherosclerosis progression in asymptomatic patients. Further clinical studies in selected high risk population may avvalorate this hypothesis. LigandAssay 9 (2)

10 ENDOTHELIAL NITRIC OXIDE SYNTHASE GLU298ASP AND T-786C POLYMORPHISMS AND RISK OF EARLY ATHEROSCLEROSIS E. Ciofini, U. Paradossi, A. Clerico, A. Biagini, M.G. Colombo Institute of Clinical Physiology, CNR, and G. Pasquinucci Hospital, Massa AIM To assess the role of the endothelial Nitric Oxide Synthase (enos) gene as risk factors for early atherosclerosis, we sought to investigate whether two polymorphisms located in the exon 7 (Glu298Asp) and in the promoter region (T- 786C) of the enos gene were associated with functional changes in the endothelium, and carotid intima-media thickness (IMT). METHODS Endothelium-dependent flow-mediated brachial artery dilation (FMD), endothelium-independent dilation response to glyceryl trinitrate (GTN), and carotid IMT were assessed by high resolution ultrasound in 118 healthy young non smoker subjects (30.1±0.5 years) genotyped for the enos Glu298Asp and T-786C polymorphisms. RESULTS Carotid IMT was inversely related to FMD by univariate analysis (r=-0.28, p=0.002) and after adjustment for possible confounders in all the subjects (p<0.01). Asp homozygotes had a significantly lower FMD than Glu carriers (Glu/Glu: 15.0%±1.0%, Glu/Asp: 13.3%±0.7%, Asp/Asp: 9.6%±1.6%, p=0.005), while FMD was unaffected by the T- 786C variant. Neither the Glu298Asp nor the T-786C polymorphisms influenced the GTN-mediated dilation. With respect to Glu carriers, Asp/Asp genotype displayed a significantly greater carotid IMT (Glu/Glu: 0.37±0.01mm, Glu/Asp: 0.35±0.01mm, Asp/Asp: 0.45±0.03mm, p=0.0002) and significant correlations between carotid IMT and FMD (r=-0.48, p=0.04) and between carotid IMT and resting brachial artery diameter (r=0.70, p=0.001). No difference in IMT was found across the T-786C genotypes. By multivariate regression analysis, Asp/Asp genotype was the only significant and independent predictor of FMD (p=0.04) and carotid IMT (p=0.006). CONCLUSIONS The enos Glu298Asp polymorphism may be related to early atherogenesis. 106 LigandAssay 9 (2) 2004

11 UTILIZZAZIONE DIAGNOSTICA DEI LIVELLI DI TROPONINA T IN SOGGETTI CON ANGINA INSTABILE S. De Cesaris 1, A. Buggiani 1, F. Bonechi 2,F. Becherini 2, M. Sansoni 2, A. Zipoli 2 1 UO Laboratorio Analisi 2 UO Cardiologia ; PO Fucecchio, ASL 11 Toscana PREMESSA L angina instabile costituisce una patologia gravata da un alto tasso di ospedalizzazione e da elevata morbilità a breve termine, soprattutto nei Pazienti a rischio elevato. Una stratificazione prognostica per valutare la necessità di ricovero in terapia intensiva può essere già effettuata al P.S.. La Troponina (I o T) è emersa recentemente come elemento prognostico determinante nella stratificazione del rischio e nella condotta terapeutica per quanto riguarda l ospedalizzazione, la necessità di ricovero in terapia intensiva e l atteggiamento terapeutico più aggressivo con coronarografia ed eventuale rivascolarizzazione miocardica. E possibile prevedere una limitazione dei ricoveri con una utilizzazione attenta anche di tale marker biochimico. OBIETTIVO Abbiamo determinato i livelli di Troponina T (ctnt) in tutti i Pazienti ricoverati per angina instabile presso l UTIC della Cardiologia del P.O. di Fucecchio per valutare l incidenza e l entità di tale marcatore biochimico in Pazienti giudicati da sottoporre a monitoraggio continuo in terapia intensiva. MATERIALI E METODI La U.O. di Cardiologia del P.O. di Fucecchio ha 13 p.l.+ 1 di DH. Ha un bacino di utenza di persone. Nel 2003 sono stati ricoverati 642 Pazienti di cui 130 con IMA e 90 (64 M, 26 F, di età fra 44 e 88 anni) con diagnosi di angina instabile. In 88 dei Pazienti con angina (62 M, 26 F), fu determinata la Troponina T secondo il protocollo in uso. I dosaggi furono effettuati su apparecchio Elecsys 2010 con reattivi Roche Diagnostics. Gli 88 Pazienti furono divisi in tre gruppi a seconda dei picchi di livello di TnT: Negativi (A): < 0.01 microg/l, Intermedi (B): microg/l e Positivi (C) >/ 0.1 microg/l.. Tali gruppi costituiscono 3 classi di rischio ormai condivise in letteratura. RISULTATI Degli 88 Pazienti ricoverati per angina instabile, 20 (22 %) erano del gruppo A, 29 (33%) erano del gruppo B e 39 (45%) erano del gruppo C. Nei Pazienti del gruppo C è stata condotto un trattamento invasivo (coronarografia o rivascolarizzazione) nell 80%; di contro nei Pazienti del gruppo B tale percentuale calava al 60% e nel gruppo A al 20%. CONCLUSIONI I valori di ctnt in un UTIC periferica sono risultati determinanti nella stratificazione prognostica dei Pazienti con angina come emerge dal più alto grado di trattamento invasivo (coronarografia o rivascolarizzazione). Tuttavia era presente una discreta percentuale di Pazienti con Troponina negativa che sono stati ricoverati in UTIC e che probabilmente non necessitavano di un ricovero in terapia intensiva.in tali casi il ricovero in letto monitorizzato può essere stato giustificato dalla presenza di altri fattori prognostici. Pur considerando importanti numerosi fattori prognostici che possono determinare il ricovero in un letto monitorizzato, si auspica una maggiore valorizzazione della Troponina (I o T) nel processo decisionale e quindi nell ottica di una riduzione dei ricoveri, necessaria per il contenimento della spesa. Questo obiettivo potrebbe essere raggiunto con l inserimento della Troponina in un protocollo interno, condiviso da P.S. ed UTIC. LigandAssay 9 (2)

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino Accuratezza Accuratezza Analitica: Quanto il risultato del metodo di dosaggio

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes DISS. T N. 21754 Synthesis and eactivity of lica-grafted idium incer Complexes A dissertation submitted to T ZUIC for the degree of DCT F SCINCS resented by MATIN IMLDI Dottore magistrale in Scienze Chimiche,

Dettagli

INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA. L unica associazione di Benazepril & Spironolattone

INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA. L unica associazione di Benazepril & Spironolattone INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA L unica associazione di Benazepril & Spironolattone Angiotensina II e Aldosterone: 2 fattori chiave Durante la progressione dell insufficienza cardiaca, una riduzione

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

2012-09, V 5 Italiano 1 / 5 Analizzatori cobas e 601 e cobas e 602

2012-09, V 5 Italiano 1 / 5 Analizzatori cobas e 601 e cobas e 602 REF 05390109 190 Indica l analizzatore su cui la confezione può essere usata Italiano cobas e 601 cobas e 602 100 test Finalità d uso Test immunologico per la determinazione quantitativa in vitro del precursore

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara PATOLOGIE ENDOCRINE E CHIRURGIA: INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E TRATTAMENTI MINI-INVASIVI TIROIDE, PARATIROIDI, PANCREAS E SURRENI Ferrara, 7 dicembre 2012 Hotel Duchessa Isabella DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

BATTERIE ENERGA AL LITIO

BATTERIE ENERGA AL LITIO BATTERIE ENERGA AL LITIO Batterie avviamento ultraleggere - Extra-light starter batteries Le batterie con tecnologia al Litio di ENERGA sono circa 5 volte più leggere delle tradizionali al piombo. Ciò

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli