Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Formazione Esperti Disciplinari per la valutazione dei Corsi di Studio Valutazione della Qualità dei CdS-AQ 5 (nelle visite per l accreditamento periodico) Vincenzo Tucci Roma, 2-3 luglio 2015

2 Qualità dei CdS

3 Qualità dei CdS adattamento dalla Norma UNI EN ISO 9000:2005 Qualità (di un CdS) Livello di raggiungimento degli obiettivi formativi prestabiliti coerentemente con le esigenze e le aspettative delle parti interessate (PI) al servizio di formazione offerto dal CdS. Assicurazione Qualità Attività coordinate per guidare e tenere sotto controllo un organizzazione (i processi ) e a fornire evidenza oggettiva ( dati che sopportano l evidenza o la veridicità di qualcosa ) che i requisiti per la qualità saranno soddisfatti.

4 Qualità dei CdS I CdS sono responsabili della Qualità della Formazione Compiti Definizione degli obiettivi (in accordo con le linee strategiche di ateneo) Individuazione e adozione delle azioni necessarie per conseguire gli obiettivi Verifica del grado di raggiungimento degli obiettivi e messa in atto di eventuali azioni correttive Requisiti Scheda Unica Annuale del CdS (SUA-CdS) Rapporto Annuale di Riesame (RAR) Rapporto Ciclico di Riesame (RCR)

5 Qualità dei CdS Per assicurare la Qualità della Formazione i CdS: definiscono i risultati di apprendimento attesi (learningoutcomeso programmeoutcomes) del servizio di formazione offerto coerentemente con i fabbisogni e le aspettative della società e del mercato del lavoro approccio focalizzato sullo studente come centro del processo di insegnamento progettano e realizzano un percorso formativo (piano di studio e singole attività formative) che permetta di raggiungere i risultati di apprendimento attesi stabiliti definiscono modalità di valutazione (esami) che valutino in modo credibile il grado di raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi da parte degli studenti e le comunicano chiaramente

6 Qualità dei CdS Per assicurare la Qualità della Formazione i CdS: tengono sotto controllo i risultati del processo formativo, fine di verificare il grado di raggiungimento degli obiettivi stabiliti e ovvero la qualità del servizio di formazione offerto promuovono il miglioramento attraverso una attività di autovalutazione (riesame) per l individuazione dei punti di forza e di debolezza che prevede: confronto con risultati ottenuti in precedenza e quelli di altri CdS della stessa tipologia ricerca delle cause che hanno dato luogo a risultati considerati non soddisfacenti (ad esempio motivazioni degli abbandoni, dei ritardi nelle carriere, ) adozione di appropriate ed efficaci azioni di sviluppo e miglioramento.

7 Attività della CEV La CEV deve verificare se i CdSsiano in grado di applicare in concreto il sistema di AQoffrendo una risposta corretta alla domanda di formazione esterna e guidando efficacemente gli studenti verso i risultati di apprendimento attesi. (LG Finalità e procedure per l Accreditamento Periodico (LG Finalità e procedure per l Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio)

8 Attività dell Esperto Disciplinare L attività dell Esperto Disciplinare ai fini della valutazione dei CdS prevede tre distinte fasi temporali: Prima della visita Esame a distanza dei documenti di ateneo Visita in loco colloqui con gli interlocutori dell ateneo Dopo la visita sintesi degli esiti e redazione del Rapporto

9 Attività dell Esperto Disciplinare Analisi on desk Redazione del Quaderno pre-visita si riportano per ciascun CdS esaminato le osservazioni sul sistema di AQ del CdS e le questioni da approfondire nel corso della visita Visita in loco Redazione del Diario di visita si acquisiscono le informazioni necessarie per completare la valutazione del sistema di AQ del CdS e verificare la coerenza tra documentazione e attività effettivamente messe in atto Post visita Redazione della Relazione finale si definiscono le valutazioni dei Requisiti di qualità derivanti dall esame documentale e dai colloqui.

10 Attività dell Esperto Disciplinare Nella analisi on desk l Esperto Disciplinare esamina tutti i documenti resi disponibili nel sistema informatico: SUA-CdS Rapporti di Riesame annuale e ciclico Relazioni dei NdV Relazioni della Commissione Paritetica docentistudenti E opportuno l approfondimento attraverso la consultazione di altre fonti (ad es. sito web di ateneo) Ulteriori documenti possono essere richiesti dalla CEV in questa fase.

11 AQ5 cosa si valuta? L analisi condotta dagli Esperti Disciplinari è tesa ad accertare: le caratteristiche del sistema di AQ adottato dal CdS la capacità da parte del CdS di applicare in modo efficace il sistema di AQ, tenendo sotto controllo e migliorando i risultati nella formazione. Requisito di AQ per l Accreditamento Periodico dei CdS AQ5.A AQ5.B AQ5.C AQ5.D AQ5.E 3 punti di attenzione 4 punti di attenzione 4 punti di attenzione 3 punti di attenzione 2 punti di attenzione

12 AQ5 cosa si valuta? Requisito AQ.5 Il sistema di AQ è effettivamente applicato ed è efficacemente in funzione nei CdS visitati a campione presso l Ateneo. Indicatore AQ5.A Obiettivo: accertare che siano presenti indagini e consultazioni riguardanti il mondo della produzione, dei servizi e delle professioni svolte al fine di definire la domanda di formazione e che ci sia evidenza degli effetti di tali indagini e consultazioni ai fini di individuare le funzioni in un contesto di lavoro e le competenze verso le quali l allievo viene preparato in modo più significativo dal CdS. Punti di attenzione AQ5.A.1 Parti consultate AQ5.A.2 Modalità delle consultazioni AQ5.A.3 Funzioni e competenze Aspetti da considerare La gamma degli enti e delle organizzazioni consultate, direttamente o tramite studi di settore, è adeguatamente rappresentativa a livello regionale, nazionale e/o internazionale? I modi e i tempi delle consultazioni sono sufficienti per raccogliere informazioni utili e aggiornate sulle funzioni e sulle competenze dei profili professionali che il CdS prende come riferimento? Le funzioni e le competenze che caratterizzano ciascun profilo professionale sono descritte in modo completo, e costituiscono quindi una base utile per definire i risultati di apprendimento attesi?

13 AQ5.A.1 Parti consultate La gamma degli enti e delle organizzazioni consultate, direttamente o tramite studi di settore, è adeguatamente rappresentativa a livello regionale, nazionale e/o internazionale? Quaderno pre-visita Fonti documentali: Quadro A1 della SUA-CdS e documentazione allegata. Le organizzazioni consultate includono/non includono i maggiori players del mondo del lavoro per il settore? Sono/non sono stati utilizzati dati e informazioni derivanti da studi di settore, banche dati, ecc.? Sono/non sono stati effettuati confronti con riferimenti nazionali/internazionali? Es.: domanda al Presidente del CdS: -In che modo selezionate gli interlocutori delle PI? Ipotesi valutazione

14 AQ5.A.1 Parti consultate AQ5 come si valuta? Redazione di Quaderno pre-visita: Esempio La consultazione con le PI appare effettuata a livello di ateneo e tesa presentare l offerta complessiva. Considerato, come si legge nel Piano strategico, il contesto non solo locale verso il quale si proietta l azione del CdS, il livello di rappresentatività delle organizzazioni consultate appare limitato. In particolare, sembrano mancare interlocutori capaci di interpretare o indicare le istanze di settori di attività a cui è teso uno dei curricoli presenti nel percorso formativo del CdS. Non risultano, inoltre, essere stati consultati documenti derivanti da studi di settore. Domande al Presidente del CdS: Come nasce il progetto del CdS In che modo selezionate gli interlocutori delle PI? Come valutate il livello di rappresentatività delle PI consultate?

15 AQ5.A.2 Modalità delle consultazioni I modi e i tempi delle consultazioni sono sufficienti per raccogliere informazioni utili e aggiornate sulle funzioni e sulle competenze dei profili professionali che il CdS prende come riferimento? Quaderno pre-visita Fonti documentali: Quadro A1 della SUA-CdS e documentazione allegata. La consultazione con le PI a che livello è effettuata (ateneo/dipartimento/cds)? Le consultazioni sono saltuarie o sistematiche? Esistono format per la raccolta delle informazioni su funzioni e competenze?? Domande ai rappresentanti delle PI: - Può descrivere se e in che modo ha partecipato alle consultazioni del CdS? Ipotesi valutazione

16 AQ5.A.3 Funzioni e competenze AQ5 come si valuta? Le funzioni e le competenze che caratterizzano ciascun profilo professionale sono descritte in modo completo, e costituiscono quindi una base utile per definire i risultati di apprendimento attesi? Quaderno pre-visita Fonti documentali: Quadro A1 della SUA-CdS e documentazione allegata. Funzioni e competenze sono descritte in modo dettagliato anche utilizzando modelli nazionali (ad es. Sistema Informativo sulle professioni ISFOL- del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali) o internazionali (Subject Benchmark Statement QAA -UK)? La descrizione consente di comprendere quali sono le effettive conoscenze (Dublino 1) e capacità operative (Dublino 2) del laureato? Domande al Presidente del CdS: - Come procedete per la definizione della catena funzionicompetenze-risultati di apprendimento attesi? Ipotesi valutazione

17

18 AQ5.B.1 Punti di attenzione Aspetti da considerare Conoscenze Come è verificato il possesso della conoscenze iniziali richieste o richieste o raccomandate, come sono individuate le eventuali carenze da raccomandate recuperare, come è controllato l avvenuto recupero, nel caso di in ingresso CdS di primo ciclo o a ciclo unico? Come è verificata l adeguatezza della preparazione dei candidati nel caso di CdS di secondo ciclo? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR Le informazioni fornite nella guida dello studente e nella SUA-CdS sono complete e coerenti? Sono precisati quali sono i livelli per i quali si assegnano OFA? Sono definiti i criteri coni quali si verificase sono state superate le lacune iniziali? Es.: domanda al Presidente del CdS: - A quanti studenti sono state assegnati OFA? Quali gli esiti? Ipotesi valutazione

19 Punti di attenzione AQ5.B.2 Coerenza tra domanda di formazione e risultati di apprendimento Aspetti da considerare I risultati di apprendimento che il CdS intende far raggiungere agli studenti (descrittori di Dublino 1-2), incluse le competenze trasversali (descrittori di Dublino 3-4-5), sono coerenti con i profili professionali che il CdS ha individuato come risposta alla domanda di formazione? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR Sono presenti modalità strutturate (es. matrici di correlazione) per la verifica di coerenza tra competenze e risultati di apprendimento? Conoscenze e competenze specifiche (Dublino 1 e 2) e trasversali (Dublino 3-5) sono correlate chiaramente con i profili professionali indicati? Es.: domanda al Presidente del CdS: - In che modo procedete per verificare la coerenza tra competenze richieste e risultati di apprendimento attesi? Ipotesi valuta zione

20 AQ5.B.3 Coerenza tra insegnamenti e risultati di apprendimento previsti dal CdS Vi è coerenza tra i contenuti / i metodi / gli strumenti didattici descritti nelle schede dei singoli insegnamenti e i risultati di apprendimento riportati nel quadro A4.b della SUA-CdS? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR Vi è coerenza tra quanto riportato nelle diverse fonti documentali (quadro A4.b della SUA-CdS e Guide/Sito web? La descrizione dei risultati di apprendimento è effettuata in modo strutturato per aree di apprendimento omogenee? Per ogni area di apprendimento sono elencati gli insegnamenti corrispondenti? Nelle schede dei singoli insegnamenti sono illustrati i risultati di apprendimento attesi (Dublino 1 e 2)? Es.: domanda al Presidente del CdS: - In che modo procedete per verificare la coerenza tra risultati di apprendimento attesi e contenuti forniti da gruppi dii discipline? Ipotesi valuta zione

21 AQ5.B.4 Valutazione dell apprendimento Le modalità degli esami e di altri accertamenti dell apprendimento sono indicate nelle schede dei singoli insegnamenti e sono adeguate e coerenti con i risultati di apprendimento da accertare? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR Vi è uniformità nelle modalità di descrizione delle modalità di esame? La descrizione delle modalità di verifica consente allo studente di conoscere in anticipo su quali risultati di apprendimento sarà valutato e quali sono i criteri adottati nella sua valutazione? Domande al Presidente del CdS: Es.: domanda al Presidente del CdS: - Viene effettuata una verifica su accuratezza delle informazioni sulle schede degli insegnamenti? Ipotesi valuta zione

22 Requisito AQ.5 Il sistema di AQ è effettivamente applicato ed è efficacemente in funzione nei CdS visitati a campione presso l Ateneo. Punti di Aspetti da considerare attenzione AQ5.C.1 Analisi dei Nel Rapporto di Riesame sono individuati i maggiori problemi evidenziati dai dati e dati e da eventuali segnalazioni/osservazioni? individuazion e dei problemi AQ5.C.2 Individuazion e delle cause dei problemi AQ5.C.3 Soluzioni individuate ai problemi riscontrati AQ5.C.4 Attuazione e valutazione delle soluzioni individuate Nel Rapporto di Riesame sono analizzate in modo convincente le cause dei problemi individuati? Nel Rapporto di Riesame sono individuate soluzioni plausibili ai problemi riscontrati (adeguate alla loro portata e compatibili con le risorse disponibili e con le responsabilità assegnate alla Direzione del CdS)? Le soluzioni riportate nel Rapporto di Riesame per risolvere i problemi individuati sono in seguito concretamente realizzate? Il Rapporto di Riesame successivo ne valuta l efficacia? Se i risultati sono diversi da quelli previsti, gli interventi sono rimodulati?

23 AQ5.C.1 Analisi dei dati e individuazione dei problemi Nel Rapporto di Riesame sono individuati i maggiori problemi evidenziati dai dati e da eventuali segnalazioni/osservazioni? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR I dati sono confrontati con valori di riferimento prefissati (benchmark)? Le analisi prendono in esame tutti i dati (in particolare quelli negativi) Es.: domanda al Coordinatore del GdR: - In che modo valutate la vostra soddisfazione rispetto alle performances descritte dai dati? Ipotesi valuta zione

24 AQ5.C.2 Individuazione delle cause dei problemi Nel Rapporto di Riesame sono analizzate in modo convincente le cause dei problemi individuati? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR I RAR e RCR presentano analisi coerenti o si limitano a una semplice ed asettica Ipotesi descrizione dei dati? valuta Sono riportate conclusioni sintetiche che consentano il collegamento con gli zione eventuali interventi correttivi? Es.: domanda al Coordinatore del GdR - Può descrivere in che modo effettuate le analisi dei dati presenti nei Rapporti di Riesame?

25 AQ5.C.3 Soluzioni individuate ai problemi riscontrati Nel Rapporto di Riesame sono individuate soluzioni plausibili ai problemi riscontrati (adeguate alla loro portata e compatibili con le risorse disponibili e con le responsabilità assegnate alla Direzione del CdS)? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR Esiste una chiara corrispondenza tra gli interventi correttivi e le cause delle criticità? Le azioni correttive proposte sono nella effettiva disponibilità del CdS? Ipotesi valuta zione Es.: domanda al Presidente del CdS - Può descrivere in che modo avete definito le azioni correttive proposte nei Rapporti di Riesame?

26 AQ5.C.4 Attuazione e valutazione delle soluzioni individuate Le soluzioni riportate nel Rapporto di Riesame per risolvere i problemi individuati sono in seguito concretamente realizzate? Il Rapporto di Riesame successivo ne valuta l efficacia? Se i risultati sono diversi da quelli previsti, gli interventi sono rimodulati? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR Risulta chiaro lo sviluppo avuto dagli obiettivi e dagli interventi correttivi nell ambito dei diversi riesami? L efficacia delle azioni correttive adottate viene valutata? Le valutazioni sono convincenti? Es.: domanda al Presidente del CdS: - Può descrivere in che modo valutate l efficacia delle azioni correttive proposte nei Rapporti di Riesame? Ipotesi valuta zione

27

28 AQ5.D.1 Pubblicità delle opinioni studenti sul CdS Le modalità adottate per rendere noti i risultati della rilevazione delle opinioni degli studenti sono adeguate? Le modalità di pubblicità e di condivisione delle analisi condotte a partire da tali risultati sono adeguate? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR In che modo vengono condivise le analisi sugli esiti dei questionari all'interno del CdS? e del Dipartimento? In che modo vengono presentati gli esiti dei questionari agli studenti? e all esterno? Es.: domanda al Presidente del CdS/Direttore Dipartimento: - Può descrivere in che modo effettuate la discussione sugli esiti dei questionari? Ipotesi valuta zione

29 AQ5.D.2 Segnalazioni/ osservazioni degli studenti La Commissione paritetica docenti-studenti e il CdS sono attivi nel raccogliere le segnalazioni /osservazioni provenienti dagli studenti? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR La relazione della CPDS prende in esame tutte le dimensioni del percorso formativo? La relazione della CPDS chiarisce se e in che modo vengono acquisite le segnalazioni degli studenti? Es.: domanda ai rappresentanti degli studenti: - Potete descrivere quale è stato il vostro contributo nei lavori della CPDS? Ipotesi valuta zione

30 AQ5.D.3 Recepimento delle opinioni degli studenti Il CdS recepisce i principali problemi evidenziati dalle opinioni degli studenti/laureandi/laureati, adottando soluzioni coerenti con le risorse disponibili e in grado di conseguire obiettivi misurabili dal punto di vista quantitativo e dei tempi, individuando inoltre le responsabilità? Esistono evidenze che i problemi individuati siano effettivamente risolti? Il Rapporto di Riesame segnala tali attività? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR Esistono evidenze del fatto che le indicazioni della CPDS siano state effettivamente considerate I Rapporti di Riesame tengono conto delle indicazioni della CPDS? Es.: Presidente CdS: - Potete descrivere in che modo acquisite le indicazioni della CPDS? Ipotesi valuta zione

31

32 AQ5.E.1 Efficacia del percorso di formazione Il monitoraggio dell efficacia del percorso di formazione del CdS coinvolge interlocutori esterni e in particolare quelli già consultati in fase di progettazione? Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR; Relazione Nuclei 2013 e 2014; Sito web di ateneo Risultano acquisite le opinioni dei datori di lavoro ed in particolare di quelli consultati nella fase di progettazione del CdS? Es.: Rappresentanti del MdL: - Siete consultati al fine di valutare il livello di preparazione dei laureati del CdS? In che modo? Ipotesi valutazione

33 AQ5.E.2 Attività per favorire l occupazione dei laureati Il CdS predispone iniziative o servizi idonei a favorire l occupabilità dei propri laureati? (ad es.: tirocini, contratti di alto apprendistato, stage, o altri interventi di orientamento al lavoro) Quaderno pre-visita Fonti documentali: SUA-CdS, sito web di ateneo, Guide dello Studente; Relazioni CPDS; RAR; RCR; Relazione Nuclei 2013 e 2014; Sito web di ateneo Ci sono evidenze di iniziative per favorire l inserimento dei laureati nel mondo del lavoro? E possibile confrontare tali esperienze con buone pratiche disponibili in altre sedi? Es.: Rappresentanti del MdL: - Quali sono i dati relativi all efficacia delle iniziative intraprese? Ipotesi valutazione

34 Il risultato delle valutazioni Punti di attenzione AQ5.A.1 Parti consultate Relazione finale Fonti, evidenze, giudizio motivato La gamma degli enti e delle organizzazioni consultate, direttamente o tramite studi di settore, è adeguatamente rappresentativa a livello regionale, nazionale e/o internazionale? Fonti documentali (esame a distanza) Quadro A1 della SUA-CdS 2014 e 2013 e documentazione allegata. Evidenze emerse durante la visita in loco Incontro con il Gruppo di Riesame e Coordinatore CdS, Incontro con le Parti Interessate e laureati Giudizio motivato Sulla base delle informazioni disponibili si rileva che il CdS intrattiene rapporti con il mondo del lavoro che consente un ampio spettro di interlocutori rappresentativi di significative realtà a livello regionale e nazionale. Il CdS fa anche riferimento a studi di settore. Dai colloqui con il Gruppo di Riesame e Coordinatore CdS e con le Parti interessate viene confermata l esistenza di rapporti potenzialmente utili allo sviluppo dell analisi delle esigenze del mondo del lavoro. Conclusione: Indicazione: B accettato

35 Il risultato delle valutazioni Relazione finale AQ5.B.1 Punti di attenzione Conoscenze richieste o raccomandat e in ingresso Fonti, evidenze, giudizio motivato Come è verificato il possesso della conoscenze iniziali richieste o raccomandate, come sono individuate le eventuali carenze da recuperare,? Fonti documentali (esame a distanza) Quadro A3 della SUA-CdS 2014 e Regolamento didattico. Evidenze emerse durante la visita in loco Incontro con il Gruppo di Riesame e Coordinatore CdS, Incontro con docenti del CdS. Giudizio motivato Nelle fonti documentali non sono indicate specifiche conoscenze iniziali richieste o raccomandate per affrontare proficuamente il percorso di studio, né è descritto il processo attraverso il quale viene effettuato l accertamento di tali conoscenze ed è controllato il recupero di eventuali obblighi formativi. Gli incontri mettono in evidenza che il CdS non effettua alcuna verifica strutturata delle conoscenze iniziali all ingresso del percorso formativo; non c è quindi traccia formale di un monitoraggio a livello di CdS, e si segnala che a nessuno studente è mai stato assegnato alcun OFA. Conclusione: Indicazione: C -accettato con una raccomandazione Raccomandazione Il CdS deve indicare puntualmente nella SUA CdS e nel regolamento e comunicare chiaramente le conoscenze iniziali richieste per affrontare con successo il percorso di studio, verificarne il possesso negli iscritti al primo anno e monitorare il recupero delle eventuali lacune.

36 In sintesi Chiarezza dell obiettivo della valutazione Lavoro approfondito in fase di analisi on desk individuazione punti da approfondire e domande da porre Atteggiamento teso al desiderio (positivo) di comprendere la realtà del CdS con la quale ci si interfaccia Valutazioni basate su dati di fatto e corredate da evidenze riferimenti a documenti, esiti delle consultazioni, Disponibilità a confrontarsi e a rivedere le proprie valutazioni

Riesami annuali e ciclici dei Corsi di Studio

Riesami annuali e ciclici dei Corsi di Studio Riesami annuali e ciclici dei Corsi di Studio Incontro del 6 ottobre 2015 alle ore 14.30 Sala Rodolfi Rettorato Presidio della Qualità di Ateneo Ramo Didattica in composizione integrata 1 Riesami annuali

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento. Claudia Moscheni

PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento. Claudia Moscheni PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento Claudia Moscheni AGENZIA NAZIONALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA UNIVERSITARIO E DELLA RICERCA (ANVUR) Legge 24 Novembre 2006, n. 286 Art.

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Questo documento è diviso in due parti: nella prima parte si descrivono le linee generali per l Assicurazione

Dettagli

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Si mette a disposizione degli atenei lo schema del primo Rapporto di Riesame contenente le indicazioni operative e le informazioni che dovrebbero

Dettagli

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti;

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti; Allegato n. 2 Linee Guida per la redazione della Relazione Annuale della Commissione Paritetica Docenti- Studenti Le Commissioni Didattiche Paritetiche, così come specificato nel Documento di Autovalutazione,

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014

Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014 Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014 L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLA SEDE E DEI CORSI DI STUDIO E LA GESTIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL ATENEO DI PALERMO/L ATTIVITA DI

Dettagli

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA Assegna funzioni e responsabilità differenziate Utilizza anche strumenti informatizzati Richiede la redazione di numerosi documenti coinvolge

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV

L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV Assicurazione della qualità L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV Presidio della Qualità Venezia, 14 aprile 2015 Il primo anno

Dettagli

Il sistema di Assicurazione della Qualità nell'università degli Studi del Molise e la sua organizzazione a livello nazionale

Il sistema di Assicurazione della Qualità nell'università degli Studi del Molise e la sua organizzazione a livello nazionale Presidio della Qualità di Ateneo 18 giugno 2014 Il sistema di Assicurazione della Qualità nell'università degli Studi del Molise e la sua organizzazione a livello nazionale Bruno Moncharmont + Il concetto

Dettagli

Rapporto ANVUR. Università degli Studi di Perugia

Rapporto ANVUR. Università degli Studi di Perugia Rapporto ANVUR Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio Università degli Studi di Perugia Approvato dal Consiglio direttivo il 23 settembre 2015 Doc. 15/2015 Breve descrizione dell Ateneo

Dettagli

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014 LINEE GUIDA 1 per le valutazioni pre- attivazione dei Corsi di Studio da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale 30 gennaio 2013

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE-AUDIT DEI CORSI DI STUDIO SCHEDA DI RILEVAMENTO CORSO DI STUDI:

AUTOVALUTAZIONE-AUDIT DEI CORSI DI STUDIO SCHEDA DI RILEVAMENTO CORSO DI STUDI: AUTOVALUTAZIONE-AUDIT DEI CORSI DI STUDIO SCHEDA DI RILEVAMENTO (versione sintetica, a carattere sperimentale) CORSO DI STUDI: Eseguito nel periodo: Aprile-Maggio 2014 GAV (Gruppo di Autovalutazione) del

Dettagli

Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione

Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Dipartimento di Comunicazione ed Economia Il presente documento descrive il sistema di gestione del Corso

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

Preparazione Relazione Annuale

Preparazione Relazione Annuale UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO SEMINARIO RIUNIONE CONGIUNTA COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE UMANE COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE

Dettagli

Aggiornamento sulle disposizioni MIUR / ANVUR relative ad Accreditamento delle Sedi e dei CdS

Aggiornamento sulle disposizioni MIUR / ANVUR relative ad Accreditamento delle Sedi e dei CdS Aggiornamento sulle disposizioni MIUR / ANVUR relative ad Accreditamento delle Sedi e dei CdS Università degli Studi di Roma Foro Italico Presidio di Qualità 13 febbraio 2013 Le novità delle ultime settimane

Dettagli

LINEE GUIDA per l ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

LINEE GUIDA per l ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO LINEE GUIDA per l ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO NB: si tratta di indicazioni per le Commissioni di Esperti della Valutazione (Esperti di sistema ed esperti disciplinari) e non

Dettagli

Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA

Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA DOC3/14 Palermo, 7 Luglio 2014 1 1. PREMESSE Prima della definizione

Dettagli

Rapporto ANVUR. Università degli Studi dell'aquila

Rapporto ANVUR. Università degli Studi dell'aquila Rapporto ANVUR Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio Università degli Studi dell'aquila Approvato dal Consiglio direttivo il 23 settembre 2015 Doc. 14/2015 Breve descrizione dell Ateneo

Dettagli

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Bruno Moncharmont Bologna, 12 settembre 2014 Assicurazione della qualità nell istruzione superiore Dichiarazione di Bologna, 19 giugno 1999 Dichiarazione

Dettagli

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Giunio Luzzatto CARED-Università di Genova Università di Bari 9.11.2012 Assicurazione della Qualità di Ateneo Premessa Il sistema di Assicurazione

Dettagli

Accreditamento Periodico: esame a distanza, visita in loco e redazione del rapporto finale. Fausto Fantini Università di Modena e Reggio Emilia

Accreditamento Periodico: esame a distanza, visita in loco e redazione del rapporto finale. Fausto Fantini Università di Modena e Reggio Emilia Accreditamento Periodico: esame a distanza, visita in loco e redazione del rapporto finale Fausto Fantini Università di Modena e Reggio Emilia Visite per l Accreditamento Periodico Istruzioni per le Commissioni

Dettagli

Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica

Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica Presidio della Qualità di Ateneo Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica 1. Presentazione del documento... 1 2. Azioni necessarie... 1 2.1. Adottare un documento sulle

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 relativa ai seguenti corsi di studio n. classe denominazione Struttura didattica di riferimento 1 L-25

Dettagli

COSTRUIRE UN SISTEMA DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA. Autovalutazione, accreditamento e visite in loco delle CEV

COSTRUIRE UN SISTEMA DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA. Autovalutazione, accreditamento e visite in loco delle CEV COSTRUIRE UN SISTEMA DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA Autovalutazione, accreditamento e visite in loco delle CEV Presentazione Costituzione del Presidio della Qualità 5/8/2014 Composizione: Maria Francesca

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area A Obiettivi della formazione

Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area A Obiettivi della formazione Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area A Obiettivi della formazione Federica Greco, Mauro Serra (versione 6.5) Sommario Sommario 1 Descrizione 2 Definizione dell Area

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico)

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) 2014 Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) Presidio di Qualità di Ateneo Università degli Studi della Tuscia Rev. 2 approvata (15 Dicembre 2014) 0 INDICE 1.

Dettagli

INCONTRO CON LE COMMISSIONI PARITETICHE DOCENTI STUDENTI. Le CPDS nel Sistema di Assicurazione Qualità di Ateneo

INCONTRO CON LE COMMISSIONI PARITETICHE DOCENTI STUDENTI. Le CPDS nel Sistema di Assicurazione Qualità di Ateneo INCONTRO CON LE COMMISSIONI PARITETICHE DOCENTI STUDENTI Le CPDS nel Sistema di Assicurazione Qualità di Ateneo Lunedì, 26 ottobre 2015 Barbara Campisi Presidio della Qualità Il Presidio della Qualità

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

Documento del Nucleo di Valutazione agli Organi di Governo in riferimento al processo AVA. Ottobre 2013

Documento del Nucleo di Valutazione agli Organi di Governo in riferimento al processo AVA. Ottobre 2013 Documento del Nucleo di Valutazione agli Organi di Governo in riferimento al processo AVA Ottobre 2013 Con il presente documento, condiviso e approvato da tutti i componenti, il Nucleo di Valutazione (NVA)

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Classe: L-22 Scienze delle attività motorie e sportive Università degli Studi di Cagliari Rapporto di Riesame

Dettagli

P03 - GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI DEGLI AUDIT INTERNI DATA DI APPROVAZIONE REVISIONE. 00 Emissione del documento

P03 - GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI DEGLI AUDIT INTERNI DATA DI APPROVAZIONE REVISIONE. 00 Emissione del documento Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI (APPROVATA DAL PQA) REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE INDICE DI CAPITOLO/PARAGRAFO DATA DI APPROVAZIONE MOTIVO DELLA REVISIONE REVISIONE MODIFICATO

Dettagli

Attività & Processi per l'assicurazione Qualità

Attività & Processi per l'assicurazione Qualità Attività & Processi per l'assicurazione Qualità Massimo Tronci Emanuela Stefani Sapienza Università di Roma CRUI Argomenti trattati Assicurazione interna della Qualità La Scheda SUA CDS Attività e Processi

Dettagli

Relazione Annuale Commissione Paritetica Docenti-Studenti (CPDS)

Relazione Annuale Commissione Paritetica Docenti-Studenti (CPDS) Dipartimento di Giurisprudenza, Scienze Politiche, Economiche e Sociali - DIGSPES Relazione Annuale Commissione Paritetica Docenti-Studenti (CPDS) Sezione 1 COMPOSIZIONE DOCENTI STUDENTI Nome CdS Nome

Dettagli

AiQ e ViQ, Riesame e Responsabilità

AiQ e ViQ, Riesame e Responsabilità Corso della Fondazione CRUI Assicurazione e Valutazione interna della Qualità della Formazione universitaria AiQ e ViQ, Riesame e Responsabilità Alfredo Squarzoni Università di Genova Emanuela Stefani

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Per tutte le analisi che seguono le fonti sono state: 1) Scheda SUA 2014 2) RAR 2014 3) Valutazioni

Dettagli

Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area C Risultati della formazione

Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area C Risultati della formazione Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area C Risultati della formazione Nicola Cavallo (versione 6.5) Sommario Sommario 1 Descrizione 3 Definizione dell Area del Modello

Dettagli

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS)

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Allegato I Allegato II Allegato III Allegato IV Allegato V Allegato VI ALLEGATI Scheda Unica Annuale del Corso di Studio Requisiti per i Presidî della Qualità Scheda Unica Annuale della Ricerca dei Dipartimenti

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

Le visite di accreditamento periodico nella nuova AVA

Le visite di accreditamento periodico nella nuova AVA Le visite di accreditamento periodico nella nuova AVA Alessio Ancaiani «Verso una nuova AVA: la proposta ANVUR» Perugia 8 aprile 2016 Revisione del 12/04/2016 La visita di accreditamento periodico La visita

Dettagli

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida 13 novembre 2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Standard e linee guida per l assicurazione della qualità nello spazio europeo dell istruzione superiore

Standard e linee guida per l assicurazione della qualità nello spazio europeo dell istruzione superiore Incontro del Presidio della qualità con il Dipartimento Progettazione e Pianificazione in Ambienti Complessi Standard e linee guida per l assicurazione della qualità nello spazio europeo dell istruzione

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

Relazione Nucleo 2014

Relazione Nucleo 2014 Relazione Nucleo 2014 Presentazione al Senato Accademico della Relazione Annuale AVA 2012-13 Maurizio Carpita Presidente del Nucleo di Valutazione Università degli Studi di Brescia 27 Agosto 2014 Organizzazione

Dettagli

INDICE 1 SCOPO 1 2 RIFERIMENTI DOCUMENTALI 1 3 DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 4 IL MODELLO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO 2

INDICE 1 SCOPO 1 2 RIFERIMENTI DOCUMENTALI 1 3 DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 4 IL MODELLO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO 2 MODELLO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA' DEI CORSI DI STUDIO PRESIDIO DELLA QUALITÀ INDICE 1 SCOPO 1 2 RIFERIMENTI DOCUMENTALI 1 3 DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 4 IL MODELLO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DEI

Dettagli

Rapporto ANVUR. Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio. Università degli studi di Siena Stranieri

Rapporto ANVUR. Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio. Università degli studi di Siena Stranieri Rapporto ANVUR Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio Università degli studi di Siena Stranieri Approvato dal Consiglio Direttivo l 08 febbraio 2016 Doc. 3/2016 Acronimi utilizzati in

Dettagli

Il Sistema di Assicurazione della Qualità. Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica

Il Sistema di Assicurazione della Qualità. Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Il Sistema di Assicurazione della Qualità del corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Premessa Il Corso di Laurea in Ingegneria Elettrica persegue una politica di programmazione e gestione delle

Dettagli

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG)

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) SEMINARIO NAZIONALE Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) Roma, Università di Roma Tre, 5-6 maggio 2015 L assicurazione interna

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Procedure interne la gestione del processo di Accreditamento Iniziale

Procedure interne la gestione del processo di Accreditamento Iniziale Procedure interne la gestione del processo di Accreditamento Iniziale Stefania Capogna Roma, 16 gennaio 2015 Procedure interne 1. Normativa di riferimento DM 30 gennaio 2013 n. 47 (Adozione del sistema

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO. SUA-CdS 2015/16

INCONTRO INFORMATIVO. SUA-CdS 2015/16 INCONTRO INFORMATIVO SUA-CdS 2015/16 Lunedì, 9 marzo 2015 Sala Conferenze de Finetti Edificio D - I piano Barbara Campisi Presidio della Qualità FINALITÀ DELL INCONTRO Analizzare i diversi quadri della

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill analisi e verifica servizio: rapporto autovalutazione e piano miglioramento valutazione

Dettagli

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della dispersione e dell insuccesso scolastico. - Rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Facoltà di Medicina e Chirurgia Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecniche dello Sport Classe: LM-68 Sede: Università degli

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

* Nel caso in cui il Docente rappresenti CdS affini raggruppati in una stessa Area (es. Laurea Triennale e Laurea Magistrale)

* Nel caso in cui il Docente rappresenti CdS affini raggruppati in una stessa Area (es. Laurea Triennale e Laurea Magistrale) Relazione Annuale Commissione Paritetica Docenti-Studenti (CP-DS) Sezione 1 COMPOSIZIONE DOCENTI STUDENTI Nome CdS/Area (*) Nome CdS di afferenza Maurizio Margaglione Odontoiatria Valente Gianluigi Odontoiatria

Dettagli

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV NORMATIVA E DOCUMENTI Il format di autovalutazione Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV SINTESI PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E RAV DPR 28 Marzo 2013, n. 80 Direttiva n.11 del 18 settembre 2014

Dettagli

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione:

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione: Magenta, 10.11.2015 Circ. n. 58 Al personale docente in anno di formazione in servizio presso l ICS Via S. Caterina Ai docenti con funzione di tutori neo - assunti Oggetto: indicazioni su attività di formazione

Dettagli

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.)

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Il progetto nasce da una collaborazione fra la Facoltà di Economia e l ITCS G.Oberdan di Treviglio nell ambito delle attività di orientamento di entrambe

Dettagli

Indice. 1. Premessa e procedure generali 1.1. Il contesto 1.2. Documenti richiesti 1.3. Definizioni

Indice. 1. Premessa e procedure generali 1.1. Il contesto 1.2. Documenti richiesti 1.3. Definizioni FINALITA E PROCEDURE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DEI CORSI DI STUDIO TELEMATICI, DELLE SEDI DELLE UNIVERSITA TELEMATICHE E DELLE UNIVERSITA CHE EROGANO CORSI DI STUDIO IN MODALITA TELEMATICA Indice

Dettagli

L accreditamento periodico e il progress test

L accreditamento periodico e il progress test L accreditamento periodico e il progress test Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Bologna, 27.03.2014 La seconda fase del sistema AVA A.I. V. P.

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

Relazione sulla. SUA-CdS 2015-16

Relazione sulla. SUA-CdS 2015-16 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Relazione sulla SUA-CdS 2015-16 17 giugno 2015 Sommario INTRODUZIONE... 3 1. Indicatori di accreditamento iniziale... 4 1.1

Dettagli

RELAZIONE SULLA QUALITÀ DELLA DIDATTICA 2014

RELAZIONE SULLA QUALITÀ DELLA DIDATTICA 2014 Università della Calabria - Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale Allegato n.1 al Prot. n.4566 del 22/12/2014 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA, ENERGETICA E GESTIONALE RELAZIONE

Dettagli

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione Roma, gennaio 2011 Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione associato al Modello CRUI per l'aq dei CdS universitari di Alfredo Squarzoni GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Conferenza d Ateneo sull Accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012. Supporti operativi ed organizzativi per la valutazione

Conferenza d Ateneo sull Accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012. Supporti operativi ed organizzativi per la valutazione Conferenza d Ateneo sull Accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012 Supporti operativi ed organizzativi per la valutazione Il tema Quale è l impatto sul piano organizzativo ed operativo che l

Dettagli

LA STRUTTURA DEL CORSO

LA STRUTTURA DEL CORSO CORSO PER VALUTATORI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ RIVOLTO AL PERSONALE DEGLI UFFICI METRICI E L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI MAGGIO - SETTEMBRE 2011 1 PREMESSA Il sistema Qualità Italia è l

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI DELLE UNIVERSITA TELEMATICHE E DEI CORSI DI STUDIO EROGATI IN MODALITA TELEMATICA

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI DELLE UNIVERSITA TELEMATICHE E DEI CORSI DI STUDIO EROGATI IN MODALITA TELEMATICA LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI DELLE UNIVERSITA TELEMATICHE E DEI CORSI DI STUDIO EROGATI IN MODALITA TELEMATICA NB: si tratta di indicazioni per le Commissioni di Esperti della

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ PRESSO L UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA (QA USI)

DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ PRESSO L UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA (QA USI) DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ PRESSO L UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA (QA USI) Entrata in vigore: 1 maggio 2007 Servizio Qualità USI - Servizio Ricerca USI-SUPSI Page 1 Accertamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida AUDIT 5. Rapporto della Campo dell audit (Istituto / Centro di formazione) Estensione temporale Responsabile del Progetto ValeRIA Responsabile del progetto di Istituto Prof.ssa Lia Maida Responsabile dell

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli