Tutte le. in metallo. dimensioni. e/o biologico. meccanico. i rifiuti.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutte le. in metallo. dimensioni. e/o biologico. meccanico. i rifiuti."

Transcript

1 Chapter page Putrescibili- Catene di approvvigionamento Introduzione alla gestione delle biomasse digestibili Tutte le tecnologie europee fanno largo uso di processi di trattamento pre-ee post-digestione, indipendentementee dalla fonte di rifiuti o del di tipo digestore. Una U pre-selezione è necessaria per impedire l'intasamento delle pompe e per r ridurre la quantità di volume v del reattore occupata dal materiale inerte. Anche i rifiuti differenziati contengono inevitabilmente contaminanti in metallo e plastica e devonoo essere separati. Una tipica linea di smistamento comprende i seguenti componenti; Ricevimento - Può comprenderee un tipo di smistaments to visivo (manuale o robotizzato) e la rimozione di oggetti ingombranti o potenzialmente dannosi - Costituisce un serbatoio per le l variazioni di afflusso delle quantità riduzione delle dimensioni delle particelle - Può essere di tipo meccanico e/o biologico - Si basaa sulla relativa facilità di ridurre laa granulometria della frazione f organica Separazione - Può essere basataa sull attrazione da parte di dispositivi magnetici, sulla densità e sulle dimensioni Proprietà e gestione di rifiuti solidi urbani La Figura mostra alcune delle unità di trattamento dei materiali, m utilizzate nel sistema di digestione a secco della Dranco e Valorga. L'area di ricezione permette lo scarico dei rifiuti r solidi urbani (RSU) grezzi e la separazione dei rifiuti solidi urbani provenienti da fontii diverse. Alcune zone beneficiano dell uso di robot per ridurre al minimoo il contatto umano con i rifiuti. Altri utilizzano una linea di smistamento con personale per rimuovere manualmente i materiali inorganici più evidenti. Una volta che i RSU sono stati caricati nel n sistema di separazione meccanica, il contatto umano è minimo poiché i processi biologici e meccanici preparano i RSU alla separazione in base alla densità e /o alle dimensioni.

2 Chapter page 2 Figura : Sistemi per la gestione del materialee per digestore a secco. In senso orario da sinistra in alto: area di sosta con artiglio robotizzato; bio-betoniera rotante ad alta velocità con integrato vaglio e separatore magnetico; pompa per liquamee con alto contenuto di solidi; rotante; r uscita dei rifiuti dalla selezione con vaglioo a tamburo rotante; tamburo mixer di alimentazione con iniezione a vapore, e dosatore con vapore v a iniezione e pompa per liquame con alto contenuto di solidi. Per la separazione in base alla densità è necessario bagnare i RSU; quindi è più comunemente applicata quando si usano digestori per rifiuti a basso contenuto di solidi. Il materiale organico viene ridotto in particelle più piccole più facilmente f rispetto al materiale inorganico, per questo viene spesso impiegato un maceratore o agitatore a meccanico prima dello screening. Inoltre, alcuni trattamenti aerobici possono aiutare a frantumare la materia organica. Questi trattamenti possono anche causaree una perdita di sostanza organica digeribile; pertanto vengonoo utilizzati per brevi tempi. Tra alcune ore e uno o due giorni è il tempo tipico per la rotazione nei tamburi rotanti, o "biomixers", che combinano agitazione conn trattamento aerobico. I biomixers sono attualmente utilizzati in circa 20 impianti di rifiuti solidi urbani neglii Stati Unitii per il compostaggioo aerobico, con tempi di ritenzione di 3-5 giorni. Recentemente i ricercatori dell Universitàà della California, Davis hanno studiato il potenziale di produzione di biogas a partire dai materiali organici separati daii rifiuti urbani ( Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani FORSU) mediante l utilizzo di tamburi rotanti in sei impianti di compostaggio di RSU neglii Stati Uniti. Hanno scoperto che i materiali organici hanno un alta resa di biogas e metano anche quando i RSU avevano trascorso solo 24 oree nel tamburo (dati nonn pubblicati). Ciò indica che i sistemi di AD potrebbero essere inseriti nelle operazioni di compostaggio di RSU esistenti negli Statii Uniti per il recupero energetico e da FORSU. In un sistema a tamburo rotante, un setaccio può essere allineatoo su un lato del tamburo permettendo alle particelle sottodimensionate di passare all unità di dosaggio mentre le l particelle

3 Chapter page 3 grandi, soprattutto quelle inorganiche vengono espulse. In alternativa, i rifiuti possonoo passare attraverso uno o più vagli a tamburo dopoo il tamburo per setacciatura. Le unità di dosaggio mantengono mescolati i rifiutii per compensare le fluttuazioni nel contenutoo e nel volume dei RSU destinati al digestore. Tali unità possono anche essere utilizzate per riscaldare e inoculare i le sostanze nel digestore. Il calore può essere aggiunto come vapore, che può essere prodotto utilizzando il calore residuo dei gruppi elettrogeni. Alcuni sistemi hanno unn mixer di alimentazione separata che unisce i RSU con pasta del digestore, al fine di inoculare la nuova alimentazione e portarla contenuto di umidità appropriato. In Bassano, in Italia, a Valorga il digestore accetta sia rifiuti differenziati che rifiuti grigi [1]. Come si può vedere dal diagramma sotto,, anche i rifiuti differenziati passano attraverso un setaccio primario e un unità magnetica per la rimozione dei metalli. I rifiuti grigi che sono s la frazione inorganicaa dei rifiuti differenziati, sono costituiti principalmente da materiali inorganici. (In effetti, gli organici costituiscono solo il percento di questo materiale e la carta costituisce un ulteriore percento.) I rifiuti grigi passano attraverso unn ulteriore vaglio a tamburo e un separatore densimetrico chee sospende i rifiuti in acqua, rimuovendo lo strato galleggiante nonché le particelle pesanti che cadono sul fondo. Figura : Bassano, Italia diagramma del pre-processo. Adattato A da [1] All'impianto di trattamento delle acque reflue di Treviso i gestori si sono accorti che i digestori anaerobici sono troppo grandi per trattaree soltanto i rifiuti dei fanghi attivi (waste activated sludge WAS), per questo hanno costruitoo un impianto di separazione per separare la frazione organicaa dei RSU da utilizzare per la co-digestione con il fango [2]. Come si può vedere in Figura , i rifiuti passano attraverso un trituratore e un separatore magnetico e, poi in un secondoo trituratoree e vaglio a tamburo, e infine in unn separatoree per densità. I rifiuti ottenuti sono per il 96 % composti da materiali organici e carta, rispetto al 76 % dei i rifiuti in ingresso e considerando anche il fatto che il 24 % dei materiali organici e della carta in entrata vengono persi durante il processo di smistamento. I metalli sono ridotti al 100 %, materie plastiche sono ridotte del 93 %, e il vetro viene ridotto del d 98 % Proprietà e raccolta del letame e degli escrementi Il letame e i liquami di bovini e suini sonoo la materiaa prima di base per la maggior parte delle impianti per la produzione di biogas in Europa. Il tipo di attrezzature e procedure utilizzate per raccogliere e gestire il letame dipende principalmente dalla consistenza o "spessore" del letame. Il termine "contenuto di solidi" o "percentuale di solidi" è spessoo usato per descrivere questa caratteristica nel letame. Diversee tipologie di allevamenti producono letame con differenti percentuali di solidi (http://www.extension.org/pages/31732/farm-energy-anaerobic-digestion-and-biogas).

4 Chapter page 4 Le percentuali di solidi del letame dei suini, e dei bovini da carne e da latte, rientra in un intervallo piuttostoo ristretto (da 10 a 13 % di solidi), mentre la pollina p ha unn contenutoo notevolmente superiore di solidi. Il contenuto di solidi del letame viene spesso modificato attraverso processi come l aggiunta delle lettiere, l essiccazionee del concime su un lotto di superficie, aggiungendo acquaa di lavaggioo o disidratando il concime mediante la separazione di solidi. Il letame solido viene tipicamente prodotto nei sistemi in cui viene aggiunta la lettieree al letame per assorbire l'umidità e migliorare le condizioni ambientali dell area di produzione. Ill letame solido può anche derivare dall essiccazione, per esempio sulla superficie s dii un recinto per l ingrasso del bestiame. Letame solido è normalmente raccolto utilizzando u ruspe, raschiatoi, lame, pale scavatrici o miniescavatori o dispositivi simili. Le dimensioni delle attrezzature variano dalle piccole lame perr trattori da 50 hp o meno alle benne di grandii dimensioni montate su macchinari dedicati alle operazioni perr la raccoltaa di grandi quantità q di letame. Letame semisolidoo viene tipicamente ottenuto nei sistemi in cuii si aggiunge poca lettiera o nulla al letame/urina. Il letame semisolido ha inn genere tra il 5 % e il 15 % di solidi. È più "spesso" del letame liquido, ma non può essere impilato o trattato allo stesso modo del letame solido. La più semplice soluzione di raccoltaa per il letame semisolido è il pavimento con scanalature o perforato con sottoo una vasca di raccolta del letame. In questo contesto il letame cade semplicemente attraverso le aperture del pavimento su cui stanno gli animali e viene raccoto in un serbatoio. Il letame semisolido può anche essere raccolto utilizzando ruspe. In questo caso il letame è di solito confinato in una corsia (stalle( liberee di mucche da latte) o nei canali di scolo (porcilaie coperta) ). Una ruspa si muove lungo la lunghezza del canale di scolo e alla fine deposita il letame in una fossa di recupero o serbatoio. Un altro tipo di dispositivo di raccolta dell letame semisolido utilizza il vuoto per "aspirare" il letame da una superficie di calcestruzzo e depositarloo in un serbatoio. Questo approccio elimina la necessità di pompare il letame in un serbatoio o carro. Il letame semisolido essendo in i parte fluido può essere spostato da pompe appositamente progettate per gestire liquidi densi contenenti corpi solidi e materiale fibroso. Le pompe per letame semisolido sono progettate con giranti di tipo aperto e di solito hanno dispositivi in ingresso alla girante per tagliare o sminuzzare così da minimizzare i problemi di otturamento. Pompe a bassa pressione/ grande volume per letame vengono utilizzate perr riempire i carri- Pompe cisterna e spostare il letame per altri impieghi dove non sono richieste pressioni elevate. ad alta pressione per letame vengono utilizzate per trasportare ill letame attraverso le lunghe condutture e forniscono la pressione necessaria per l impiego dii esso nei campi coltivati. Il liquame contenente 5 per cento o menoo di solidi generalment te risultata dall'aggiuntaa di acqua piovanaa o di lavaggio al letame. Esempi di fonti di acqua per liquami sono laghetti perr il lagunaggio, depositi d acqua e acqua di lavaggio dei caseifici. Un esempio tipico di un sistema di raccolta per il letame liquidoo è la rimozione mediante ricircoloo d acqua superficiale (flushing) di letame proveniente da d una stallaa di mucche da latte. In

5 Chapter page 5 questo ambiente le acque di lavaggio vengono pompate nelle vasche di ricircolo che a loro volta rilasciano l'acqua nelle corsie delle stalle per lavare via il letamee e conferirlo nei depositi. Un'altraa modo per ottenere il letame liquido o diluito consiste nel raccogliere il letamee che defluisce dai lotti di superficie. In questi casi, la maggior parte del d letame solido rimanere sul lotto, oppure viene rimosso dai dispositivi di separazione dei solidi prima che liquame defluisca nei laghetti, nelle lagune per ill lagunaggioo o nei depositi. Il materiale che defluisce quindi contienee in primo luogo particelle fini solide sospesee o discioltee che si traducono in un liquido diluito nel bacino ricevente Proprietà e gestione delle acque reflue e dei fanghi industriali I reattori anaerobici sono stati utilizzati principalmente per il trattamento delle acque reflue r industriali. Ricerche hanno dimostrato che i sistemi anaerobici come c Upflow Anaerobic Sludge Blanket (UASB), e Anaerobic Sequencingg Batch Reactor (AnSBR) e il filtro anaerobico (AN) possonoo trattare con successo acque reflue industriali ad alta resistenza, nonché acque reflue di sintesi a bassa resistenza. L'applicazione dei sistemi anaerobici per il trattamento delle acque reflue urbane è finora molto limitata. Il motivo predominante è dato dal fatto che le acque reflue urbanee sono deboli, a basso BOD (Biochemical Oxygen Demand) o COD (Chemical Oxygen Demand) ), per mantenere alta la quantità di biomassa (in forma di granuli - solidi sospesi o film stabili) contenuta nel reattore. r Ci sono, tuttavia, alcuni esempi di successo su scala pilota e su scala s finale. Orozco [3] ha esaminato un reattore r anaerobico su scala finalee deviato (AnBR) per ill trattamento di acque reflue urbane con BOD media di 314 mgo2 /L per un tempo di ri idraulica di 10.3 ore, (velocità di caricamento del materiale organico 0.85 kg/m 3 d) tenzione e ha raggiunto un'efficienza di rimozione del 70 %. Va sottolineato che c il processo è stato eseguito a bassissima temperatura tra i 13 e 15 C. Il trattamento delle acque reflue domestiche in una UASB e due reattori ibridi anaerobici (ANH) è stata condotto da Elmitwalli et al. [3] ad una temperatura di 13 C. Nel pretrattamento delle acque reflue, i reattori ANH hanno rimosso il 64 % del COD totale, valore superiore alla rimozione nei reattori UASB. La maggior parte degli impianti di digestione anaerobica sono operativi o in condizioni di mesofilia (circa 35 C), tuttavia, la maggior parte dei reflui sonoo prima del il trattamento a temperature inferiori a 18 C. Pertanto le acque reflue sono comunemen nte riscaldate prima dell trattamento, consumando così fino al 30 % dell'energia prodotta. L'obiettivo principale è quello di diminuire il costo di trattamento delle acque reflue e di minimizzare la quantità di fanghi prodotti in eccesso. Vi è, tuttavia, un altro aspetto importante che può rendere l utilizzo del d trattamento anaerobico attraentee come primo step per il trattamento dei fanghi urbani o industriale.. È stato dimostrato che molti composti organici difficilmentee (refrattari) biodegradabili possono essere decomposti (almeno a sostanze più semplici) in condizioni anaerobiche. Una diminuzione della temperatura è accompagnata da un cambiamento delle proprietà fisiche e chimiche del refluo, che può influenzare sensibilmente la progettazione ed il funzionamento del sistema di trattamento. Ad esempio, la solubilità dei composti gassosi aumenta quando la

6 Chapter page 6 temperatura scendee sotto i 20 C. Ciò implica che le concentrazioni disciolte di metano, acido solfidrico e idrogeno saranno maggiori nell'effluentee di reattori operanti a temperaturee basse rispetto ai reattori operanti a temperature più elevate. Il notevolee aumento di solubilità di CO 2 indica che un ph leggermente inferiore nel reattore può prevalere in condizioni psicrofile. Trattamento anaerobico delle acque refluee domestiche può anche essere molto interessante e conveniente in paesi dove viene data priorità nel controllo degli scarichi alla rimozione degli inquinanti organici Adattamento del substrato al processo Questa sezione è una recensione basata suu [4]. In linea di principio, tutti i materiali organici possonoo fermentare o essere digerito. Tuttavia, solo substrati omogenei e liquidi possono essere utilizzatii per impianti di base per il biogas. Rifiuti e acque reflue da industrie alimentari di trasformazione sono adatti solo per impianti di base se sono omogenei e in forma liquida. La massima produzione di gas da una data quantità di materiale grezzo dipende dal tipo t di substrato. Il materiale inserito nel processo di produzione di biogas è il substrato (alimento) per i microbi e le sue proprietà hanno una grande influenza sulla stabilità e sull'efficienza del processo. La composizione chimica del substrato è importante sia per la quantità di gas formato che per la qualità del gas. La composizione pregiudica la qualità del residuo ottenuto dalla digestione (digestato), sia in termini di contenuto di nutrienti per le piante sia s per l eventuale contaminazione (metalli, composti organici, organismi patogeni, ecc). La scelta del materiale appropriato dà la possibilità dii influenzare l'esito del processo, massimizzarm re la produzione di energia e produrre una biofertilizzante di buona qualità a Substrati adatti per la produzione di biogas Possonoo potenzialmente esseree utilizzate molte tipologie diversee di materiali organici per la produzione di biogas, probabilmente molti di più rispetto a quelli usati oggi. La principale fonte di materiale organico per la produzione di biogas in diversi paesi è costituito ad oggi dai fanghi provenienti da impianti urbanii di trattamento delle acque reflue.. Altri substrati comunii per la produzione di biogas in impianti di co-digestione comprendono i rifiuti dei i macelli, i rifiuti r delle industrie alimentari e dei mangimi, rifiutii alimentari differenziati e letame. Esempi di altri materiali trattati in questi impianti includono i rifiuti dai disoleatori, olii fritti, i rifiuti provenienti dalle industrie lattiero-casearie e farmaceutich he, i foraggii insilati e rifiuti r di distillazione (residui della produzione di etanolo). In futuro, le diverse d colture energetiche, e i rifiuti provenienti dal settore agricolo sono probabilmente destinati a diventare importanti substrati per la produzione di biogas. Materiali meno comuni, attualmente in corso di valutazione per la produzione di biogas, sono le alghe, l erba, le piume e la biomassa legnosa (es. il salice). La produzione p totale di biogas in Svezia oggi corrisponde ad una produzione di energia di circa 1.3 TWh/anno (in Europa ~ 98 TWh), ma la produzione teorica di energia potenziale da rifiuti domestici, d esclusi i rifiuti da selvicoltura, è considerata di circa 15 TWh/anno [5 ], [6].

7 Chapter page 7 Figure : La percentuale di produzione di biogas da diversi substratii negli impianti svedesi di co-digestione (fanghi di depurazione non inclusi) [5] Scelta di un substrato per un processo di produzione di biogas Diversi materiali organici possono esseree decomposti in biogas in una camera di digestione. Alcuni materiali sono più adatti di altri, ed alcune linee guida generali possono essere prese in considerazione. Tuttavia, parametri di processoo quali il caricamento, la temperatura e il tempo di ritenzione hanno una grande influenza sull efficienza della trasformazione del dato substrato. L andamento di un materiale particolare in un processo di biogas può dipendere anche dal tipo di pre-trattamento che viene applicato e dal suo utilizzo da solo o in i co-digestione con altri materiali. La presenza di sostanze tossiche o di lignina, sostanzee non degradabili per niente in un processoo di biogas, gioca un ruolo fondamentale.

8 Chapter page b L'importanza dei substrati per i microrganismi e per la produzione di gas La composizione di un substrato è molto importante per i microrganismi nel processo di biogas e quindi anche per la stabilità del processo e produzione di gas. Il substrato deve soddisfare le esigenzee nutrizionali dei microrganismi, in termini di apporto dii energia e componentii vari necessari per costruire nuove cellule. Il substrato deve inoltre includere vari componenti necessari per l'attività dei sistemi enzimatici dei microbi, come oligoelemeno nti e vitamine. Nel caso della decomposizione dell materiale organico in un processo di biogas,, anche il rapporto tra carbonioo e azoto (rapporto C/N) è considerato di grande importanza per il processo (Tabella ). Materiali Rapporto C/N Liquami di bovini 6 20 Deiezioni avicole 3 10 Liquami di suini 5 Paglia Erba Patate Barbabietola da zucchero / / 14 foglie della barbabietola Cereali Frutta e verdura 7 35 Rifiuti alimentari misti Rifiuti dei macelli, dei tessuti molli 4 Rifiuti dei macelli, budella Rifiuti alimentari 3 17 Avanzi di distilleria 8 Tabellaa :Rapporto C/N di alcuni materiali che possono essere usatii come substrato per la produzione di biogas. Il rapporto può variare leggermente a seconda della provenienza/allevamentoo di un dato materiale [4] È anche preferibilee usare un substrato nonn troppo diluito, cioè che non contenga troppa acqua in relazione alla quantità del substrato organico. Se il materiale è troppo diluito, e contiene troppo poca materia organica, il rischio è che i microrganism siano lavati via in unn processo continuo. Questo perché il loro tasso di crescita è basso. Il contenuto di acqua corretto dipende dal tipo di processoo usato. Un materiale altamente diluito può essere trattato mediantee varie tecniche per mantenere i microrganismi, per esempio, utilizzando un materiale di supporto o aggiungendo biomassa. Una buona procedura per un processo continuo, usato generalmente più perr i rifiuti solidi, è un valore di solidi (DS) del 7-10 %. Il contenuto di solidi dei fanghi che vengono digeriti in impianti di trattamento delle acque refluee è di solito leggermente inferiore, circa del 4-6 %. Un altro fattore importante è la biodisponibilità del substrato per gli organismi. Sminuzzare il materiale aumenta la sua disponibilità perr i microrganismi che possono p accelerare il processo di formazione di gas e fornire un rendimentoo più elevato.

9 Chapter page 9 La biodegradazionee è valutata a partire dalla produzione di biogas metano ottenuto durante le prove rispetto alla produzione massima teorica. Il protocollo si basa b sulla misura della produzione di metano da un sistema chiuso in cui sono messi in contatto una quantità nota del campione di prova e una quantità nota di microrganismi anaerobi, inseriti inn condizioni favorevoli per la degradazionee del campione. Nella tabella sotto ( ) sono mostrati i potenziali di produzione di metano per alcuni rifiuti agricoli in m 3 di metano per tonnellata di materia prima. Produzione potenziale di Materiale metano (m 3 /t) Liquami bovini 20 Contenuto delle interiora 30 Letame bovino 40 Polpa di patate 50 Rifiuti di birreria 75 Taglio del prato 125 Residui di mais 150 Grassi di macelleria 180 Melassaa 230 Oli usati 250 Rifiuti di cereali 300 Tabellaa : Potenziale di metano dii alcuni (principali) rifiuti agricoli c Influenza dei vari componenti del substrato sul processoo I vari componenti del substrato possono fornire quantità variabili di gas a causa delle differenze nel contenuto energetico. I componenti possono anche influenzare il processo in altri modi. Alcune informazioni generali sono riportate di seguito riguardo alla digestione anaerobica di materiali con un alto contenutoo di proteine, carboidrati o grassi. Sostanze ricche di proteine Molti rifiuti organici contengono proteine, che, come i grassi, sono ricchi inn energia e producono una quantità relativamente altaa di metanoo nel biogas. Esempi di materiali ricchi di proteine sono i rifiuti dei macelli, letame di suini e di pollame e scarti della distillazione dall industriaa dell'etanolo. Altre sostanze come i rifiuti alimentari, contengonoo anche proteine, ma in quantità minori. Le proteine sono costituiti da lunghe l catene di aminoacidi. Ci sono 20 differenti aminoacidi nelle proteine, e la composizione delle catene varia. Tutti gli aminoacidi hanno come in comune la presenza di gruppi amminici (-NH 2 ). In un processo di biogas, durante d l'idrolisi le proteine sono convertite prima di tutto in singoli amminoacidi o peptidi (catene corte di aminoacidi).

10 Chapter page 10 Nella successiva fase, la fermentazione, i legami chimici degli amminoacida di vengono spezzati con conseguente produzione di gruppi amminici sotto forma di ammoniacaa (NH 3 ) o ammonio (NH + 4 ). L'ammoniaca e l ammonio sono in equilibrio tra loro. Quale Q di questi domina dipende fortemente dal ph e dalla temperatura prevalente. Ad alte concentrazioni, l'ammoniacaa (non l ammonio) può uccidere molti organismi. Nel processo di biogas, microrganismi metano- ad aumentare. Questa inibizione provoca l instabilità del processo. produttori sono i primi a essere inibiti quando la concentrazionee di ammoniaca inizia Sostanze ricche di carboidrati I carboidrati sono un nome comune per i vari zuccheri, compresi zuccheri semplici (monosaccaridi) come il glucosio, i disaccaridi (due unità di monosaccaridii uniti come nello zucchero di canna), o catene di zuccheri (polisaccaridi). Il gruppo di polisaccaridi comprende cellulosa, emicellulosa, amido e glicogeno. I materiali di originee vegetale sono substrati tipicamente ricchi di carboidrati. Dal momento che i carboidratii sono, tra loro, molto diversi nellaa loro natura, sono digeriti a ritmi diversi nel processoo del biogas. Zuccheri semplici e disaccaridi vengono scomposti facilmente e molto rapidamente. Questo può sembraree positivo, ma in realtà può portaree a problemii d instabilità dovuti al contenuto crescentee di acidi grassi. L idrolisi e la fermentazione avvengono molto rapidamente per substrati add alto contenuto di zuccheri appena menzionati. Tuttavia, i microbi che producono metano sono a crescita lenta e questo rappresenta il collo di bottiglia dell processo perché essi sono s importanti per degradare gli acidi grassi. La situazione è che batteri metanogeni non possonoo forzare la degradazione degli acidi grassi alla velocità a cui si formano,, per cui questi acidi si accumulano. A causa dell'accumulo di acidi grassi, e poiché i materiali ricchi di carboidrati tendono ad averee scarsa capacità tampone, vi è il rischio di problemi di processo dovuti all aumentoo dell acidità. I materiali con elevato contenuto di zuccheri dovrebbero essere miscelati con altro materiale contenente composti meno digeribili e, preferibilmente, con più azoto al fine di ottenere un processoo equilibrato. Questo per garantiree che le fasi iniziali dell processo non siano troppo veloci. Un'alternativa consiste nell utilizzare un processo in duee fasi, in cuii le fasi di formazione dell acido e della formazione del metano sono separate. Esempii di sostanzee ricche di zuccheri rapidamente biodegradabili comprendonoo le soluzioni di zucchero puro, i frutti, le patate e le barbabietole da zucchero. I polisaccaridi sonoo composti da vari monosaccaridi, e sono anche degradati a tassi molto diversi in un processo di biogas. L'amido è il polisaccaride più comune nei principali alimentii come le patate, il riso e la pasta. È costituito da catene linearii o ramificate di glucosio e viene digerito con relativa facilità nel processo di biogas. Troppo materiale ricco di d amido puòò portare a problemi analoghi a quelli che si hanno con zuccheri semplici, vale a diree che il processo vira all acido". La cellulosa è il composto organico più diffuso sulla terra, e rappresenta quindi un grande potenziale per la produzione di biogas. Tuttavia, è molto più difficile da degradare. La cellulosa è un componente importante nelle pareti cellulari delle piante, ed è costituita da lunghe catene di glucosio. Nella parete cellulare, alcune catene parallele di cellulosa si legano l'una all'altra per

11 Chapter page 11 formare microfibrille. A causaa di questa struttura complessa, la cellulosa non è solubile e quindi risulta di difficile digeribilità. La lignina, che è un composto aromatico con una struttura moltoo complessa, nel processo del biogas non si decompone affatto. L emicellulosa è composta da vare unità di monosaccaridi, non soltantoo da glucosio, e la composizione esatta varia a seconda della sua origine (vale a dire piante diverse hanno emicellulose differenti tra di loro). L emicellulosa si compone anche di polisaccaridi ramificati, il che riduce la sua degradabilità. A causa delle strutture complesse di cellulosa ed emicellulosa, e al fatto che esse sono anche legate l'una all'altra, l idrolisi è la fase che rallenta la velocità di degradazione del materialee vegetale. Gli G enzimi secreti dai microrganismi idrolizzanti hanno difficoltà di "accesso" alla struttura, e la fase d idrolisi è quindi lenta. Nel caso di sostanze ricche di cellulosa quali paglia o insilato, ill pre-trattamento determina la velocità dell idrolisi, e quindi di conseguenza, la velocità di produzione dell gas. L accessibilità e la digestibilità può essere migliorata frantumando il materiale. Più P piccole sono le dimensioni delle particelle, migliore è l accessibilità. Il pre-trattamento chimico, che rompe la struttura cristallina della cellulosa, può aumentare la velocità di degradazione e fornire un rendimento più elevato. Tuttavia, i microrganismi nel processo del biogas sono essi stessi in grado di degradare la cellulosa, dopo un certo tempo. Sostanze grasse Materiali tipicamente grassi che sono attualmente utilizzati nei processi p di produzione di biogas sono i rifiuti dei macelli, i grassi dalle fognature, i rifiuti provenienti dall'industria del latte e gli oli vari, quali oli fritti. Come i materiali ricchi di proteine, i grassi sono molto ricchi di energia e possonoo produrre una grande quantità di gas con un alto contenuto di metano. Tuttavia, i grassi possono anche causare problemi alla stabilità del d processo. I grassi sono costituiti principalmente da acidi grassi e glicerina, e la composizione degli acidi grassi è variabile. Essi sono solitamente classificati come grassi saturi, monoinsaturi o polinsaturi. I grassi saturi si trovano nei prodotti a base di carne e latticini, i grassi polinsaturi, per esempio, si trovano nel pesce e nell olio di mais, mentre i grassi monoinsaturi si trovano negli oli vegetali e nella frutta secca. I grassi saturi hanno un punto di fusione più elevato rispetto ai grassi insaturi, il che li rende meno disponibili per la biodegradazione. Ill pre-trattamento mediante calore può aumentare la digeribilità di questi grassi. I trigliceridi (grassi neutri) sono la tipologia di grasso più comune. In un reattore per la produzione di biogas sono facilmente idrolizzati in acidi grassi a catena lunga (Long Chain Fatty Acids LCFA) e glicerina. La glicerina viene rapidamente trasformata in biogas, mentre la degradazione dei LCFA è più complicata. Un'ulteriore complicazione è data dal fatto che diversi LCFA ad alte concentrazioni, nel processo del biogas, hanno unn effetto inibitorio su molti gruppi di organismi, incluso quelli che producono il metano. Un altro aspetto è che gli acidii grassi a catena lunga hanno proprietà tensioattive e, se le concentrazioni sono troppo alte facilmente formano schiuma. Uno U studio recentementee condotto su 13 impianti di co-digestionee ha mostrato un chiaro legame traa la percentuale di grassi nel

12 Chapter page 12 materiale utilizzato e la presenza di schiuma [7]. E stato anche osservato che comunemente i rifiuti dei macelli o delle fognature formano schiuma sia nel camion cisterna durante ill trasporto del materiale all'impianto che nei serbatoii di miscelazione del substrato. Il problema è stato maggiore nei mesi estivi quando le temperature erano relativamente elevate. La ragione di ciò sta nel fatto che l'idrolisi dei grassi è iniziata prima p che il materiale venisse immesso nel digestore, e questo processo è stato accelerato dallaa temperatura elevata. Durante l'idrolisi, i LCFA sono stati rilasciati, conn conseguente formazione di schiuma. Quando questo materiale è stato aggiunto al reattore, si è verificato un sovraccarico di concentrazione di acidi grassi, causando problemi schiuma. Se gli acidi grassi vengono rilasciati lentamente durante la digestione dei grassi nel processo del biogas, e se non vengono raggiunte eccessive concentrazioni, il rischio di instabilità sii riduce rispetto ai processi caricati istantaneamente con alte quantità di LCFA. Le differenze di composizione tra substrati forniscono quindi variazioni significative nel loro potenziale di metano, come dimostrato dalla seguente tabella dove alcuni rifiuti industriali sono elencati: Tipi di rifiuti Compositione del materiale org. (OM:: Other organic Matter, altra Cont. Organico Resa di metano sostanza organico) (% in peso) (mm /t) Stomacoo & intestini Fanghi diflottazione Oli su bentonite Fanghi di olio di pesce Rifiuti organici domestici Siero Siero (conc) Size water Marmellata Olio di soia /margarina Alcoli metilati 3 Fanghi di depurazione Fanghi di depurazione (conc) Carboidrati, proteine, lipidi % proteine, il resto lipidi % lipidi, il resto OM % lipidi e OM. Carboidrati, proteine, lipidi % lattosio, il resto proteine % lattosio, il resto proteine 70 % proteine, ill resto lipidii 90 % zuccheri, acidi della frutta 90 % oli vegetale Alcoll Carboidrati, lipidi, proteine Carboidrati, lipidi, proteine Disidratati 2 Differenziati 3 40 % di alcol Tabellaa : Produzione potenziale di metano da alcuni rifiuti (soprattutto) industriali e della collettività

13 Chapter page Politiche dell'unione europea sul biogas [8] Il settore del biogas non ha mai suscitato tanta attenzione come oggi. Gli interessi dei funzionari e degli investitori sono stati allontanati con l'introduzione graduale delle restrizioni regolamentari in materia di trattamento dei rifiuti organici e dagli impegni sulle energie rinnovabili fatte f di recente dagli Stati membri dell'unione Europea. Il settore del biogas sta gradualmente abbandonando le sue attività principali di pulizzia e trattamento dei rifiuti per essere coinvoltoo pienamente nella produzione di energia, con così tanto entusiasmo che in alcuni paesii il suo campo d'azione si è esteso all uso di colture energetiche. Nell intera Unione europea, il progresso del settore è alla luce del d sole, dal momento che nel 2009, la crescita di energia primaria ha avuto un ulteriore balzo del 4,3%. La produzione di biogas ha il vantaggio di conciliare due politiche dell'unione europea. In primo luogo è in linea con l'obiettivoo principale della direttiva sulle energie rinnovabili (2009/28/CE) che mira a una quota del 20% di energie rinnovabili del consumo finale di energia entro il Risponde anche agli obiettivi europei di gestione dei rifiuti organici sanciti i nella normativa europea (direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti) che richiede agli Stati membri di ridurre la quantità di rifiuti biodegradabilii smaltiti in discarica e di emanaree leggi che incoraggino il riciclaggio dei rifiuti r e il recupero (direttiva 2008/98/CE, relativa ai rifiuti). La metanizzazione è considerata il i miglior metodo da un punto di vista v ambientale per il recupero r di energia dai rifiuti. Queste politiche hanno spinto un certo numero di Stati membri ad incoraggiare la produzione di biogas e hanno istituito sistemi di incentivazione per il pagamento dell energia elettrica (tariffe agevolate in ingresso, certificati verdi, appalti). In un certo numero di paesi, il mercato del biogas è stimolato da incentivi per l'uso delle colture energetiche. Esse mirano a stimolare l'incremento della produzione di energia rinnovabile, mentre tale politica inoltre consente anche alle aziende agricole di ridurre la loro dipendenza energetica e di diversificare il loro reddito in caso di crollo dei prezzi dei cereali, latte o carne. Altri paesi sono dubbiosi circa la compatibilità ambientale nell utilizzazione di colture energetiche come il mais per la metanizzazione, preferendo convertire materiali di rifiuto già esistenti. L'uso del mais come materia prima per la produzione di biogas è particolarmente controversa a causa della grande quantità di acqua e di lavorazioni per la sua coltivazione, le stesse considerazioni valgono per il suo uso come materia prima per bio-carburanti.

14 Chapter page 14 Riferimenti 1 Bolzonella D, Pavan P, Mace S, Cecchi F. Dry anaerobic digestion of differently sorted organic municipal solid waste: a full-scale experience. Waterr Science and Technology, (8) ): Bolzonella D, Battistoni P, Susini S, Cecchi F. Anaerobic codigestion off waste activated sludge and OFMSW: the experiences of Viareggio and Treviso plants (Italy). Water Science and Technology, ( 8): p Orozco A. Pilot and full scale anaerobic treatment of low strength wastewater at sub-optimal temperature (15oC) with a hybrid plugg flow reactor. Proceedings of 8th International Conference on Anaerobic Digestion, Sendai, Japan, : : Schnürer A, Jarvis Å. Microbiologicall Handbook for Biogas Plants. Swedish Waste Management U2009:03 Swedish Gas Centre Report as_plants.pdf 5 Nordberg Å, Edström M et al. Samrötning av vallgrödor ochh hushållavfall. JTI report no 13. quality.net/fileadmin/eac_quality/user documents/3_pdf/microbiological_handbook_for_biog Uppsala Linné M, Ekstrand A et al. Den svenska biogaspotentailen från inhemska restprodukter. Avfall Sverige, Swedish Biogas Association, Swedish Gas Association, A Swedish Water. Lund In Swedish. 7 Albertsson I. Skumning vid Svenska samrötningsanläggningar. Avfall Sverige report B2007: In Swedish. 8 Biogas Barometer. Eurobserv ER. November 2010.

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica

Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica Marta Bazzoffi Mariachiara D Aniello GISMAP, Firenze Beglar Ingegneria srl, Firenze Glossario... 2 PREMESSA... 4 1. Parte

Dettagli

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Scuola Protezione Civile Ernesto Calcara Corso di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi ottobre-novembre 2008 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Prof. Ing.. Maria Laura MASTELLONE Docente di Impianti

Dettagli

Dossier Energia dai rifiuti senza CO2: la gestione sostenibile degli scarti organici

Dossier Energia dai rifiuti senza CO2: la gestione sostenibile degli scarti organici Dossier Energia dai rifiuti senza CO2: la gestione sostenibile degli scarti organici Ridurre l'uso dei combustibili fossili e ridurre le emissioni di gas serra per far fronte al cambiamento climatico:

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 ottobre 2014. Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

VALORIZZAZIONE ENERGETICA

VALORIZZAZIONE ENERGETICA ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VALORIZZAZIONE ENERGETICA del BIOGAS La produzione di biogas in Italia La digestione anaerobica Le biomasse per la produzione di biogas Il digestato:

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Provincia di Pavia Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale U.O. Rifiuti. Tutto sul Compost. Dalla raccolta differenziata all utilizzo

Provincia di Pavia Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale U.O. Rifiuti. Tutto sul Compost. Dalla raccolta differenziata all utilizzo Provincia di Pavia Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale U.O. Rifiuti Tutto sul Compost Dalla raccolta differenziata all utilizzo Provincia di Pavia Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Rapporto commissionato da AEEG al Politecnico di Milano - Dipartimento di Energia DICEMBRE 2010 Hanno collaborato alla realizzazione del rapporto:

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili

LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili AQUASER LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili Dott.ssa Grazia Barberio 1, Ing. Laura Cutaia 1, Ing. Vincenzo Librici 2 1 ENEA, Roma; 2 AQUASER (ACEA

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli