Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica"

Transcript

1 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.- Università di Genova Spin-off dell Università di Genova

2 INDIRIZZI E CRITERI PER LA MICROZONAZIONE SISMICA DPC livelli di approfondimento: 1 livello di tipo qualitativo Carta delle microzone omogenee in prospettiva sismica permette di individuare e delimitare le aree soggette ad effetti sismici locali 2 livello di tipo semiquantitativo permette di determinare il valore del Fattore di amplificazione (Fa) tramite l uso di curve di correlazione 3 livello di tipo quantitativo condotta con approccio numerico e/o sperimentale, permette di definire gli spettri di risposta del sito e il Fattore di amplificazione

3 Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Livelli MS Metodi Indagini 1 livello di tipo qualitativo Raccolta dati Analisi critica dati Analisi topografiche Redazione carte Geologiche Geomorfologiche Litotecniche Geofisiche (Vp/Vs) Morfologiche 2 livello di tipo semiquantitativo Ricostruzione profili Vs H Ricostruzione profili topograici Metodi semplificati (Abachi) Geognostiche Geofisiche (Vp/Vs) Topografiche 3 livello di tipo quantitativo Analisi risposta sismica locale mediante (HVSR, SSR) Definizione input sismico Modelli numerici 1D/2D Calcolo dei Fa Geognostiche Geofisiche (Vp/Vs)

4 Indirizzi e Criteri per la Microzonazione Sismica 2008

5 Onde sismiche: riferimenti teorici L applicazione di una sollecitazione dinamica ad un mezzo continuo produce vibrazioni che si trasmettono nel mezzo sotto forma di onde sismiche. La sorgente può essere di tipo meccanico, elettro magnetico, etc. superficiale o interna al mezzo. Le sorgenti meccaniche possono essere naturali(terremoti, moto ondoso, vento) o artificiali (esplosioni, installazioni di pali, fondazioni di macchine vibranti, traffico, etc.) e operano in differenti campi di frequenza.

6 Onde sismiche: riferimenti teorici L energia trasferita dalla sorgente al mezzo si propaga nel terreno sotto forma di vari tipi di onde. La distinzione tra i vari tipi di onde viene effettuata in base alla: presenza o meno di una frontiera nel mezzo: mezzo infinitamente esteso (onde di volume) e mezzo semi-infinito (onde di superficie) direzione di propagazione al moto degli elementi del mezzo rispetto alla direzione di propagazione

7 Onde sismiche: riferimenti teorici ONDE DI VOLUME Quando le onde sismiche si propagano all interno di un mezzo infinitamente esteso (sorgente interna al mezzo) si definiscono ONDE DI VOLUME e si propagano secondo fronti d onda sferici. Le onde di volume sono di due tipi: ONDE P(onde longitudinali o di compressione o primae) ONDE S(onde trasversali o di taglio o secundae) Le onde P producono vibrazioni polarizzate nella direzione di propagazione e deformazioni di compressione o estensione. Le onde S producono vibrazioni polarizzate in direzione perpendicolare alla direzione di propagazione e deformazioni di taglio

8 Onde sismiche: riferimenti teorici ONDE DI SUPERFICIE Nel caso di un mezzo seminifinito (come il terreno), quando le onde di volume (prodotte da una sorgente interna al mezzo) raggiungono la frontiera generano le ONDE DI SUPERFICIE, che si propagano attraverso la superficie stessa. Le onde di superficie sono principalmente di due tipi: ONDE DI RAYLEIGH ONDE DI LOVE. Le onde di Love producono vibrazioni orizzontali polarizzate nella direzione perpendicolare alla direzione di propagazione e deformazioni di taglio. Le onde di Rayleigh producono vibrazioni che sono la risultante di una vibrazione polarizzata su un piano verticale, in direzione perpendicolare alla direzione di propagazione, e di una vibrazione orizzontale polarizzata lungo la direzione di propagazione. Il moto risultante è ellittico retrogrado. La deformazione indotta è sia di taglio che di compressione.

9 Onde sismiche: riferimenti teorici ONDE DI RAYLEIGH Nel campo delle misure sismiche, specie per i metodi superficiali (MASW, Nakamura) le onde di Rayleigh assumono un ruolo fondamentale. Tali onde si propagano secondo fronti d onda cilindrici con legge d attenuazione r- 0.5 (con r distanza dalla sorgente). Invece le onde di volume si attenuano con legge 1/r all interno del mezzo e 1/r 2 sulla superficie. Lungo la superficie le onde di Rayleigh si attenuano meno rapidamente delle onde di volume

10 Velocità delle Onde Sismiche In generale la velocità delle onde sismiche dipende dalle caratteristiche fisiche (densità) e meccaniche (modulo di Young, coefficiente di Poisson, etc.) del mezzo attraverso cui si propagano e dalla frequenza, f dell onda (v = λ f). In un mezzo omogeneo elastico la velocità di propagazione delle onde sismiche è indipendente dalla frequenza (onde non dispersive). In tal caso valgono le seguenti relazioni tra le velocità di propagazione delle onde P, Vp, onde S, Vs, e onde superficiali (Rayleigh), Vr in condizioni di far field:

11 Velocità delle Onde Sismiche La velocità delle onde P è sempre maggiore di quella delle onde S. Il rapporto tra la velocità delle onde P e la velocità delle onde S dipende solo dal coefficiente di Poisson e varia tra 2 e. La velocità delle onde di Rayleigh è prossima alla velocità delle onde S varia tra V S e V S in funzione del coefficiente di Poisson Per = 0 Per = 0.5 V P = V (0.5) S V R = V S V P = V R = V S

12 Velocità delle Onde Sismiche Quando le onde sismiche attraversano la roccia o un terreno omogeneo (poco smorzante) si possono con buona approssimazione considerare non dispersive nel campo delle piccole deformazioni (dominio elastico lineare) e delle basse frequenze, e si possono quindi applicare le relazioni precedenti. Nel caso delle misure sismiche le frequenze dell eccitazione (1-10 Hz) e l ampiezza massima delle deformazioni indotte (< %) sono tali da potere applicare tale Per terreni non saturi e rocce il rapporto tra le velocità delle onde P e S da misure sismiche risulta:v P V S

13 MISURE SISMICHE IN SITO MISURE SISMICHE IN FORO Prove down-hole DH Prove cross-hole CH Prove col cono sismico, Seismic Cone Penetration Test SCPT MISURE SISMICHE SUPERFICIALI ATTIVE Rifrazione onde P e Onde SH (Onde di volume) MASW SASW (Onde superficiali) PASSIVE Metodo Nakamura (Onde superficiali) Metodo REMI Array sismici

14 Determinazione del profilo di Velocità delle Onde sismiche attraverso l integrazione di metodi di indagine attiva e passiva Esempio 1 : MASW + Misure di microtremore (HVSR) Dati disponibili: Stratigrafia completa (sondaggi geognostici spinti fino al substrato roccioso) S.P.T. in foro Caratteristiche geologiche: depositi fluvio lacustri normalconsolidati

15 MASW 24 geofoni da 4.5 Hz Acquisizione segnale Elaborazione (Phase Shift) Picking manuale curva di dispersione

16 Misure di microtremore Sensori Lennartz 5s Acquisitori MarsLite Analisi spettrale delle tre componenti del segnale acquisito Stima dei rapporti spettrali H/V per ciascuna finestra di segnale e definizione della curva H/V media (curva di ellitticità) Determinazione della frequenza fondamentale del sito di indagine: f 0 = 1.8 Hz

17 Misure di microtremore / Metodo Nakamura Stima qualitativa del valore di Vs dei terreni soprastanti il substrato roccioso (nota la profondità dell interfaccia coltre / substrato roccioso) mediante applicazione della formula empirica f 0 V S 4 h f 0 = 1.8 Hz h = 26 m V s = 187 m/s Questo valore rappresenta una stima approssimativa ma affidabile alla velocità media di propagazione delle onde S all interno dei terreni soprastanti l interfaccia che costituisce il contrasto di impedenza principale del sito investigato (coltre alluvionale/substrato roccioso)

18 Profilo di Vs ottenuto da metodo tipo forward modelling (software Dinver V del pacchetto Geopsy) Dati di partenza per la stima del profilo di Vs Modello del terreno (spessore strato superficiale), Vp, Vs, Rapporto Poisson, densità dei materiali Curva di dispersione sperimentale ottenuta dal picking manuale del diagramma velocità di fase/frequenza Curva di ellitticità (curva media H/V) sperimentale ottenuta dallle misure di microtremore Valore della frequenza di risonanza del sito ottenuta dall analisi della curva H/V media Confronto tra curva sperimentale e teorica da modello (dispersione/ellitticità) (Forward modelling) Definizione del modello di velocità Vs Valori compatibili con applicazione metodo semplificato da HVSR

19 Esempio 2 : Rifrazione SH + MASW + Misure di microtremore (Nakamura) Dati disponibili: Stratigrafia parziale (sondaggi geognostici fino a profondità superficiali) S.P.T. in foro Caratteristiche geologiche: materiale alluvionale recente e sedimenti pliocenici su rocce metamorfiche

20 Sismica a rifrazione - Tomografia sismica in onde SH Acquisizione 24 geofoni orizzontali per le onde SH da 4.5 Hz Profondità limitata m da p.c.

21 Misure di microtremore / Metodo Nakamura Determinazione della frequenza fondamentale del sito di indagine: f 0 = Hz

22 Grafico Velocità di fase / Frequenza Profilo Vs Ottenuto da inversione congiunta MASW e Nakamura Curva di dispersione MASW Fianco destro del picco di risonanza ottenuto dalla curva H/V

23 Esempio 3 : Rifrazione P/SH + Misure di microtremore (Nakamura) Dati disponibili: Stratigrafia parziale (sondaggi geognostici spinti fino al substrato roccioso) S.P.T. in foro Caratteristiche geologiche: coltre detritica potente (frana attiva) in versante Substrato roccioso flysch cretaceo

24 Misure di microtremore / Metodo Nakamura Due misure in prossimità di sondaggi che raggiungono il substrato roccioso f 0 V S 4h

25 Sismica a rifrazione - Tomografia sismica in onde P/SH Acquisizione 24 geofoni verticali per le onde P da 4.5 Hz Distanza intergeofonica 4 m - 92 m complessivi Profondità di indagine Onde P e SH 30m da p.c. Fino al Substrato roccioso

26 Vantaggi e svantaggi metodi di indagine P- P- P-

27 Uso delle Misure di Microtremore (Metodo Nakamura) a scopi di Microzonazione sismica Vantaggi Misura sperimentale della risposta sismica locale Individuazione della presenza di evidenti effetti di amplificazione locale Misure relativamente speditive Svantaggi Problemi tecnici delle misure Limiti di applicabilità (Contrasto di impedenza) Individuazione di effetti in campo lineare (diversi da effetti durante terremoto forte)

28 Metodo Nakamura ORIGINE E NATURA DEL RUMORE (noise sismico) Fenomeni oceanici e meteorologici a larga scala Effetti del vento e condizioni meteorologiche locali Attività antropiche Sorgenti lontane Onde di superficie Onde di Rayleigh Modo fondamentale Sorgenti vicine Onde di superficie e onde di volume Onde di Rayleigh e di Love Modo fondamentale e modi superiori

29 Metodo Nakamura Alto contrasto di impedenza (I x / I y > 2) I x = x Vs 2 x

30 Uso delle misure di microtremore per scopi di microzonazione Esempio : località Ghivizzano, comune di Coreglia Antelminelli (LU) Comune di Coreglia Antemilminelli Località Ghivizzano Indagini Progetto DOCUP Regione Toscana RILEVAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO N 3 PROFILI SISMICA A RIFRAZIONE ONDE P SH N 3 SONDAGGI GEOGNOSTICI N 3 PROVE DOWN HOLE

31 Metodo Nakamura : risultati

32 SI UTILIZZO DELLA METODOLOGIA Nakamura NO Definizione preliminare di f 0 Verifica riproducibilità dei risultati Estensione su di un area di misure puntuali (sondaggi/downhole, stazioni sismiche temporanee) Accordo con misure indipendenti Correlazione f 0 edifici f 0 suolo Applicazione esclusiva per definizione f 0 e risposta sismica di un sito (effetti 2D/3D) Analisi esclusiva curva H/V Curva H/V noise = Funzione di trasferimento Definizione della stratigrafia di un sito UTILIZZO IN STUDI DI MICROZONAZIONE

33 Criticità e limiti di applicabilità metodologia Nakamura esperienze pratiche ed esempi: 1 Rumore antropico Monocromatico 2 Contrasto di impedenza debole (gradiente di velocità) e effetti 2D/3D 3 Terreno a grana fine ad alto contenuto d acqua 4 Effetto del vento 5 Differenti condizioni barometriche Per una corretta stima della reale accuratezza e precisione dei risultati ottenuti attraverso l applicazione della metodologia Nakamura è SEMPRE necessario riportare oltre ovviamente alla curva H/V: Il tipo di strumentazione impiegata Le condizioni ambientali e la tipologia di installazione Gli spettri di Fourier

34 Caso 1: Rumore antropico Monocromatico Castelnuovo Bojano (CB) pompe prossimità cartiera

35 Caso 2: Contrasto di impedenza debole (gradiente di velocità) e effetti 2D/3D Conoide di La Salle (AO) H/V noise H/H ref

36 Caso 3: Terreno a grana fine ad alto contenuto d acqua Coreglia Antelminelli 550 m/s 23m Misura in terra Asfalto

37 Caso 4: Effetto del vento Licciana Nardi (MS) Quiete Vento

38 Rapporti HV noise Caso 5: differenti condizioni barometriche Spettri di Fourier Piana di Gubbio

39 INDIRIZZI E CRITERI PER LA MIROZONAZIONE SISMICA II LIVELLO INDIRIZZI E CRITERI DPC 2008 MODELLO + GEOLOGICO CONOSCENZA DEI VALORI DI V S qualsiasi metodo di indagine presente in letteratura (invasivo o non invasivo scelto dal geologo sulla base del modello geologico), in grado di fornire un modello geofisico del sottosuolo attendibile in relazione alla situazione geologica del sito MODELLO GEOFISICO SCHEDE DI VALUTAZIONE LITOLOGICHE Abachi VALORE DI Fa (STRATIGRAFICO) con grado di approssimazione ± 0.1

40 ANALISI DI RISPOSTA SISMICA LOCALE III LIVELLO : POSSIBILI APPROCCI STIMA DEGLI EFFETTI DI AMPLIFICAZIONE SISMICA LOCALE METODI SPERIMENTALI RSM (Borcherdt 1970) HVSR (Bonilla et al., 1997) METODI NUMERICI 1D SHAKE91 2D Quad 4M - Flac PROCEDURA SEMI AUTOMATICA CALCOLO DEI FATTORI DI AMPLIFICAZIONE CALCOLO FATTORI DI AMPLIFICAZIONE STRATIGRAFICA Ss / Fa Fa E TOPOGRAFICA St / Fa Fa può essere calcolato a partire da diversi parametri, può essere calcolato in diversi modi e ne consegue che possa essere scelto il tipo di Fa più utile in funzione delle previsione di espansione urbanistica. Ss e St sono esclusivamente vincolati all affidabilità delle misure dei parametri da cui dipendono.

41 METODI SPERIMENTALI / NUMERICI III livello : ESEMPIO VILLACOLLEMANDINA (LU) ha un valore di Pga di riferimento di 0,20g 7 STAZIONI FISSE 26 PUNTI MISURA

42 METODI SPERIMENTALI / NUMERICI III livello : ESEMPIO Mappa della Frequenza fondamentale Fo (microtremori e terremoti) Mappa del bedrock Vs = 4h / F 0

43 METODI SPERIMENTALI / NUMERICI III livello : ESEMPIO RISULTATI APPROCCIO SPERIMENTALE CONFRONTO CON APPROCCIO NUMERICO 1D Fa = 5.7 EFFETTI NON 1D Legati alla morfologia sepolta EFFETTI BACINO Modello 1D Fa = 2.3

44 METODI SPERIMENTALI / NUMERICI III livello : ESEMPIO RISULTATI APPROCCIO SPERIMENTALE CONFRONTO CON APPROCCIO NUMERICO 2D Modello 2D Modello 1D

INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR

INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR Lo scopo di questa indagine è la caratterizzazione sismica del sottosuolo e, in particolare, l individuazione delle discontinuità sismiche

Dettagli

L uso dei microtremori per la valutazione della risposta di sito

L uso dei microtremori per la valutazione della risposta di sito L uso dei microtremori per la valutazione della risposta di sito Geol. Silvia Castellaro silvia.castellaro@unibo.it MONITORAGGIO DINAMICO PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA SISMICA DI PONTI Udine, 18 aprile

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI)

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI) Modellazione sismica di sito COMUNE DI ILLARICCA (PROINCIA DI NAPOLI) RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA DI SITO ARIANTE URBANISTICA PER LA REALIZZAZIONE DI UN AREA PARCHEGGIO PUBBLICO E COMPLETAMENTO

Dettagli

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini D. Albarello, E. Lunedei, D. Pileggi, UniSI - DST; C. Copioli, Comune di Rimini; M. Filippini,

Dettagli

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico - Numerical and experimental methods for estimating ground motion amplifications Alessandro Pagliaroli CNR-IGAG, Istituto

Dettagli

INDAGINI SISMICHE PER L APPLICAZIONE DELLE NORMATIVE VIGENTI

INDAGINI SISMICHE PER L APPLICAZIONE DELLE NORMATIVE VIGENTI INDAGINI SISMICHE PER L APPLICAZIONE DELLE NORMATIVE VIGENTI Presentazione a cura di: Dott. Maurizio Furani Dott. Gabriele Pulelli 30 MAGGIO 2008 PROGEO srl Via Talete 10/8 47100 Forlì tel. 0543-723580

Dettagli

DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software

DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software Il calcolo di questo parametro dinamico può essere effettuato attraverso le classiche prove sismiche in foro del tipo DOWN-HOLE oppure con metodi innovativi indiretti.

Dettagli

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW All.n.7 GAD PEC RI2 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW Easy MASW La geofisica osserva il comportamento delle onde che si propagano all interno dei materiali. Un segnale sismico, infatti, si modifica

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE Redattore della relazione: Dott. Geol. Emanuele Sascor PROGETTAZIONE DELL

Dettagli

Pressiometro da foro (Menard)

Pressiometro da foro (Menard) Pressiometro da foro (Menard) Attrezzatura 1. Sonda cilindrica espandibile da fondo foro per immissione di gas o liquido. Sistema di aste 3. Dispositivi di pompaggio e misura pressioni + volumi di fluido

Dettagli

COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE

COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE Committente: Ottobre 2008 I geologi Marco Catalano Francesco Cuccurullo

Dettagli

I principali riferimenti normativi

I principali riferimenti normativi I principali riferimenti normativi Delibera dell Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna n. 112 del 2 Maggio 2007 Indirizzi per gli studi di microzonazione sismica in Emilia Romagna per la pianificazione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 SASW (Spectral

Dettagli

TECNICA REMI Premessa

TECNICA REMI Premessa TECNICA REMI Premessa La tecnica di analisi del sottosuolo mediante l uso di microtremori (Refraction Microtremor ) prende origine dagli studi e dalle sperimentazioni condotte da J. Louie presso la Nevada

Dettagli

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Commissione tecnica per la microzonazione sismica (articolo 5, comma 7, OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Microzonazione sismica Linee guida per l

Dettagli

Committente: Studio di Architettura Laurent

Committente: Studio di Architettura Laurent Committente: Studio di Architettura Laurent Nuova autorimessa dei vigili del fuoco volontari, ampliamento centrale termica con nuovo deposito pellet e rifacimento manto Comune di Oyace (AO) Indagine sismica

Dettagli

COMUNE DI VALLESACCARDA

COMUNE DI VALLESACCARDA Dott. Geologo Marco Catalano - Dott. Geologo Francesco Cuccurullo Viale Mazzini 83, 80045 Pompei (Na) - tel. 081 / 856.70.66 - cell. 349.15.76.598 COMUNE DI VALLESACCARDA PROVINCIA DI AVELLINO RELAZIONE

Dettagli

Caratterizzazione Geotecnica attraverso le Onde Rayleigh (Metodo SASW Multicanale)

Caratterizzazione Geotecnica attraverso le Onde Rayleigh (Metodo SASW Multicanale) Caratterizzazione Geotecnica attraverso le Onde Rayleigh (Metodo SASW Multicanale) Ing. Vitantonio Roma, PhD Dipartimento Ingegneria Strutturale e Geotecnica Politecnico di Torino Brindisi, 19 Aprile 2002

Dettagli

Sismica applicata alla sismologia Pensieri nati da domande sentite e risentite negli ultimi mesi

Sismica applicata alla sismologia Pensieri nati da domande sentite e risentite negli ultimi mesi Sismica applicata alla sismologia Pensieri nati da domande sentite e risentite negli ultimi mesi Silvia Castellaro silvia.castellaro@unibo.it Nuove frontiere per la geofisica applicata, Rovereto 24-25

Dettagli

1 INTRODUZIONE...pag. 3 1.1 Analisi dei microtremori...pag. 4 1.2 Descrizione, in ordine cronologico, delle varie fasi operative...pag.

1 INTRODUZIONE...pag. 3 1.1 Analisi dei microtremori...pag. 4 1.2 Descrizione, in ordine cronologico, delle varie fasi operative...pag. Comune di SCANDIANO (RE) Quadro o conoscitivo o geolog eologico, idrogeolo eologico e sismico a supporto del Piano Struttur utturale Comunale ai sensi della L.R. n. 20/2000 e s.m. della Circolar colare

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione.

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione. Linea sismica 1-SHOT 3 La linea sismica 1 è stata eseguita in loc. Carlina, entro il contesto di pianura prossimo al margine pedecollinare. Tale area era già stata oggetto nel Novembre 2002 di un indagine

Dettagli

GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA

GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA Studi di Microzonazione sismica: Teoria e Applicazioni GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA Prof. Claudio Eva Corso di aggiornamento per geologi: Aosta 18-19 Ottobre 2011 Elementi legislativi

Dettagli

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura)

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Esempio 11 (ANGELUCCI) Nel sito in esame sono state eseguite solo misure HVSR, ma non si dispongono di altre indagini geognostiche o

Dettagli

INDAGINE GEOFISICA DI APPROFONDIMENTO ESEGUITA IN VIA EMILIA LEVANTE COMUNE DI FAENZA

INDAGINE GEOFISICA DI APPROFONDIMENTO ESEGUITA IN VIA EMILIA LEVANTE COMUNE DI FAENZA Dott. Andreatta Giancarlo GEOLOGO 1 INDAGINE GEOFISICA INDAGINE GEOFISICA DI APPROFONDIMENTO ESEGUITA IN VIA EMILIA LEVANTE COMUNE DI FAENZA COMMITTENTE: BEACH PARK s.r.l. Via Canal Grande, 228 FAENZA

Dettagli

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOFISICA DEI TERRENI STABILI SUSCETTIBILI DI AMPLIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA MICROZONAZIONE SISMICA DI PRIMO LIVELLO

CARATTERIZZAZIONE GEOFISICA DEI TERRENI STABILI SUSCETTIBILI DI AMPLIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA MICROZONAZIONE SISMICA DI PRIMO LIVELLO CARATTERIZZAZIONE GEOFISICA DEI TERRENI STABILI SUSCETTIBILI DI AMPLIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA MICROZONAZIONE SISMICA DI PRIMO LIVELLO Dario Albarello Dip. di Scienze Fisiche, della Terra e dell Ambiente

Dettagli

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30 Workshop Strategie di Mitigazione del Rischio sismico La Microzonazione sismica: esperienze, risultati, applicazioni dal 2008 al 2013 Roma, 22-23 maggio 2013 CNR, Piazzale A. Moro 1 Le categorie di sottosuolo

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

Enrico Priolo, Carla Barnaba, Marco Romanelli, Alessandro Vuan. Roberto de Franco, Adelmo Corsi, Antonio Morrone, Alberto Tento

Enrico Priolo, Carla Barnaba, Marco Romanelli, Alessandro Vuan. Roberto de Franco, Adelmo Corsi, Antonio Morrone, Alberto Tento Studi geofisici per la microzonazione della città di Perugia Enrico Priolo, arla Barnaba, Marco Romanelli, Alessandro Vuan Ist. Naz. di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale OGS Dip. entro di Ricerche

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa

COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa Studio di Geologia COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa Variante al Regolamento Urbanistico INDAGINI GEOLOGICO TECNICHE ai sensi del D.P.G.R. 53/R del 25/10/2011 di supporto alla fattibilità degli

Dettagli

2. PROSPEZIONI SISMICHE A RIFRAZIONE

2. PROSPEZIONI SISMICHE A RIFRAZIONE Studio Tecnico Geol. Domenico Laviola - Corso Metaponto 13, 75015 Pisticci (MT) Tel/Fax 0835582716 Cell 3385236805 e-mail: laviolam@alice.it REGIONE BASILICATA COMUNE DI MELFI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

di un intervento di stabilizzazione

di un intervento di stabilizzazione La caratterizzazione geofisica finalizzata alla progettazione di un intervento di stabilizzazione M. Bavusi, G. Potenza1 1, D. Lacava 2, E.F. Finizio, S. Laurita, G. Calvello 3 G. Colangelo 4 1 G. & G.I.S.

Dettagli

Ordinanza n. 70 del 13 novembre 2012. Approvazione Programma per gli studi di microzonazione sismica

Ordinanza n. 70 del 13 novembre 2012. Approvazione Programma per gli studi di microzonazione sismica IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 70 del 13 novembre 2012 Approvazione Programma

Dettagli

3 Risposta sismica del terreno libero

3 Risposta sismica del terreno libero 3 Risposta sismica del terreno libero 3.1 COMPORTAMENTO SISMICO DEI TERRENI 3.1.1 Onde sismiche L applicazione di una sollecitazione dinamica ad un mezzo continuo produce vibrazioni che si trasmettono

Dettagli

Validazione codice di calcolo

Validazione codice di calcolo Validazione codice di calcolo Informativa sull affidabilità dei codici di calcolo D.M. 14-01-2008 paragrafo 10.2. Le fasi di progettazione e sviluppo dei software GeoStru sono sottoposti al controllo gestione

Dettagli

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol.

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol. COMUNE DI AVEZZANO (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82 Località Paterno Committente:Bernardi Mauro Geol. Annamaria Paris MASW Multichannel Analysis Surface Waves Il relatore Dott. Geol. Michele

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche.

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche. 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

MASW attiva. Vitantonio Roma Copyright riservato WWW.MASW.IT

MASW attiva. Vitantonio Roma Copyright riservato WWW.MASW.IT MASW attiva Vitantonio Roma Copyright riservato WWW.MASW.IT ReMi Vitantonio Roma Copyright riservato WWW.MASW.IT Combinando insieme ReMi e MASW attiva Vitantonio Roma Copyright riservato WWW.MASW.IT Combinando

Dettagli

Relazione Tecnica comprendente:

Relazione Tecnica comprendente: Relazione geologica, geotecnica e sismica inerente lo studio del terreno di fondazione di un area da destinarsi ad ampliamento della zona residenziale, sita in Via Caduti di Nassiriya nel Comune di Soliera

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 MASW (Multichannel

Dettagli

Affidabilità delle prove geofisiche per la caratterizzazione geotecnica in zona sismica

Affidabilità delle prove geofisiche per la caratterizzazione geotecnica in zona sismica Affidabilità delle prove geofisiche per la caratterizzazione geotecnica in zona sismica Sebastiano Foti Dipartimento di Ing. Strutturale Edile e Geotecnica, Politecnico di Torino E-mail: sebastiano.foti@polito.it

Dettagli

Effectiveness of Soil Parameters for Ground Response Characterization and Site Classification

Effectiveness of Soil Parameters for Ground Response Characterization and Site Classification 28 Convegno GNGTS, 16-19 Novembre 2009, Trieste Simone Barani Università di Genova - Dip.Te.Ris. Roberto De Ferrari Gabriele Ferretti Claudio Eva Università di Genova - Dip.Te.Ris. Università di Genova

Dettagli

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES Ferrara, 2 6 settembre 2013 Via saragat, 1 (Ferrara) Metodologie di perforazione e misure

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA Dott. Geol. Jean Vincent C.A. Stefani C.da Saponaro 70, 74023 Grottaglie (TA) Tel. 099.5610224 cell. 3388641493 Fax 099.5610224 E-mail stefani.geologo@libero.it COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE

Dettagli

MISURE IN SITO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL TERRENO IN CAMPO DINAMICO

MISURE IN SITO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL TERRENO IN CAMPO DINAMICO MISURE IN SITO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL TERRENO IN CAMPO DINAMICO Corso di aggiornamento Microzonazione e valutazione degli effetti di sito 20 novembre 2004 (Albenga) Dott. Ing. Johann Facciorusso

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

NTC 2008 DM 14-01-2008 Nuova normativa tecnica per le costruzioni Le indagini geologiche nel rispetto della nuova normativa

NTC 2008 DM 14-01-2008 Nuova normativa tecnica per le costruzioni Le indagini geologiche nel rispetto della nuova normativa NTC 2008 DM 14-01-2008 Nuova normativa tecnica per le costruzioni Le indagini geologiche nel rispetto della nuova normativa Genio Civile di Massa Carrara Paolo Cortopassi NTC 2008 DM 14-01-2008 Nuova normativa

Dettagli

GEOLOGI MARCHE. Bilanci di fine anno Buoni propositi per il 2011. Risorse per il territorio e la sostenibilità ambientale

GEOLOGI MARCHE. Bilanci di fine anno Buoni propositi per il 2011. Risorse per il territorio e la sostenibilità ambientale RIVISTA UFFICIALE DELL ORDINE DEI GEOLOGI DELLE MARCHE SETTEMBRE-DICEMBRE 2010 47 Risorse per il territorio e la sostenibilità ambientale Bilanci di fine anno Buoni propositi per il 2011 Poste Italiane

Dettagli

Corso di aggiornamento professionale LINEE GUIDA REGIONALI IN MICROZONAZIONE SISMICA

Corso di aggiornamento professionale LINEE GUIDA REGIONALI IN MICROZONAZIONE SISMICA Corso di aggiornamento professionale LINEE GUIDA REGIONALI IN MICROZONAZIONE SISMICA Normativa regionale e nazionale in Microzonazione Sismica DGR Lazio n. 545/2010 e OPCM n. 3907/2010 Antonio Colombi

Dettagli

CORSO PROFESSIONALE DI MICROZONAZIONE SISMICA

CORSO PROFESSIONALE DI MICROZONAZIONE SISMICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI-PESCARA Con il patrocinio di ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO CORSO PROFESSIONALE DI MICROZONAZIONE SISMICA GIUGNO 2011 Parco Paglia

Dettagli

Comune di Brusson RELAZIONE TECNICA SULLE ATTIVITA D INDAGINE GEOFISICA (GEOELETTRICA E GEOSISMICA)

Comune di Brusson RELAZIONE TECNICA SULLE ATTIVITA D INDAGINE GEOFISICA (GEOELETTRICA E GEOSISMICA) Comune di Brusson Regione Autonoma Valle d Aosta PROGETTO: RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO DEL CAPOLUOGO E COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE DEL. CIG Z740611C RELAZIONE TECNICA SULLE ATTIVITA D INDAGINE

Dettagli

PROGRAMMA VEL VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI

PROGRAMMA VEL VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI SETTORE- SERVIZIO SISMICO REGIONALE Legge Regionale 30.7.97 n.56 PROGRAMMA VEL VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI ISTRUZIONI TECNICHE PER LE INDAGINI

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE

INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE INQUADRAMENTO GENERALE 5 INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE La possibilità di applicare e di approfondire, sotto il profilo della ricerca, alcuni dei concetti teorici

Dettagli

(ai sensi dell art. 13 commi 1 e 2 della L. 64/1974 e ss.mm.ii, Artt.7,9,12,13 PAI Reg e Circolari della Regione Marche n.

(ai sensi dell art. 13 commi 1 e 2 della L. 64/1974 e ss.mm.ii, Artt.7,9,12,13 PAI Reg e Circolari della Regione Marche n. Spett.le PROVINCIA DI FERMO Settore Patrimonio, Edilizia Scolastica, Genio Civile e Protezione Civile Viale Trento, n. 113 e 119 63900 Fermo OGGETTO: piano attuativo di iniziativa privata in variante al

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

Sommario ELENCO FIGURE: FIG 1 COROGRAFIA FIG 2 CARTA GEOLOGICA DEL PGT FIG 3 CARTA GEOMORFOLOGICA DEL PGT FIG 4 CARTA IDROGEOLOGICA DEL PGT

Sommario ELENCO FIGURE: FIG 1 COROGRAFIA FIG 2 CARTA GEOLOGICA DEL PGT FIG 3 CARTA GEOMORFOLOGICA DEL PGT FIG 4 CARTA IDROGEOLOGICA DEL PGT 1 Sommario 1. PREMESSA... 2 1.1. Normativa di riferimento... 2 1.2. Descrizione della struttura... 2 2. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 2 2.1. Inquadramento geologico e stratigrafia del sito... 2 2.2. Inquadramento

Dettagli

Guida all uso di RSL III

Guida all uso di RSL III Guida all uso di RSL III Dati generali Passo 1 - In «Home» si inseriscono i Dati generali; Passo 2- In «Dati generali» i dati d identificazione dello studio (descrizione, committente, ecc.); Passo 3 -

Dettagli

Giornata di Studio LA GEOFISICA NELLA PROFESSIONE DEL GEOLOGO

Giornata di Studio LA GEOFISICA NELLA PROFESSIONE DEL GEOLOGO Aggiornamento Professionale Continuativo Giornata di Studio LA GEOFISICA NELLA PROFESSIONE DEL GEOLOGO 1. Utilizzo del metodo semplificato per la definizione degli spettri elastici, ai sensi NTC08. 2.

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

ALLEGATO 2 - Dati e indagini non convenzionali per il modello del sottosuolo dell area asse centrale.

ALLEGATO 2 - Dati e indagini non convenzionali per il modello del sottosuolo dell area asse centrale. AMBITO A Città storica del capoluogo Area ASSE CENTRALE ALLEGATO 2 - Dati e indagini non convenzionali per il modello del sottosuolo dell area asse centrale. (Protocollo d intesa fra il Comune di L Aquila

Dettagli

STUDIO GEOLOGICO-TECNICO

STUDIO GEOLOGICO-TECNICO ATLANTIDE STUDIO DI DOTT. GIORGIO LA MARCA CONSULENZE GEOLOGICHE E AMBIENTALI Via Circonvallazione, 15 464 Gazoldo degli Ippoliti (MN) tel./fax: 376 65786 STUDIO GEOLOGICO-TECNICO (ai sensi della L.R.

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

26 settembre 2012. 02 ottobre 2012

26 settembre 2012. 02 ottobre 2012 N 12212 Bini Tesi 551 Lucca P.I. 211455466 Rapporto n 12212 Committente Sig. ri Bini Giuseppe e Tesi Donato Tipo di indagine Indagini sismiche: Down Hole Cantiere Via Lungomonte Rosignano Solvay Data misure

Dettagli

DOTT - COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE P ED /2008 VILLANOVA RELAZIONE TECNICA TITOLO COMMITTENT IUSEPPE TORCHIA OGGETTO

DOTT - COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE P ED /2008 VILLANOVA RELAZIONE TECNICA TITOLO COMMITTENT IUSEPPE TORCHIA OGGETTO COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE TITOLO ITOLO: INDAGINE GEOFISICA DI SUPERFICIE E MEDIANTE (ONDE P ED 30 - D.M. 14/01/200 /2008 CALCOLO VS 30 IN LOCALITÀ VILLANOVA - COMUNE DI EMPOLI (FI) ED SH) COMMITTENT

Dettagli

INDAGINE GEOLOGICA DI SUPPORTO AD UN PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA CON CONTESTUALE VARIANTE AL R.U.

INDAGINE GEOLOGICA DI SUPPORTO AD UN PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA CON CONTESTUALE VARIANTE AL R.U. STUDIO DI GEOLOGIA APPLICATA Dott. Graziano Graziani - Via Einaudi, 1 57018 VADA (LI) INDAGINE GEOLOGICA DI SUPPORTO AD UN PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA CON CONTESTUALE VARIANTE AL R.U. Ubicazione:

Dettagli

LA RISPOSTA DI SITO AI FINI INGEGNERISTICI IN CORRISPONDENZA DEL PONTE SUL TORRENTE TORRE IN LOCALITÀ SALT DI POVOLETTO (UD)

LA RISPOSTA DI SITO AI FINI INGEGNERISTICI IN CORRISPONDENZA DEL PONTE SUL TORRENTE TORRE IN LOCALITÀ SALT DI POVOLETTO (UD) Convegno sul tema: MONITORAGGIO DINAMICO PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA SISMICA DI PONTI LA RISPOSTA DI SITO AI FINI INGEGNERISTICI IN CORRISPONDENZA DEL PONTE SUL TORRENTE TORRE IN LOCALITÀ SALT DI

Dettagli

Sismica passiva con tecniche a stazione singola e antenna

Sismica passiva con tecniche a stazione singola e antenna Sismica passiva con tecniche a stazione singola e antenna Dario Albarello Dipartimento t di Scienze Fisiche, i della Terra e dell Ambiente Università degli Studi di Siena dario.albarello@unisi.italbarello@unisi

Dettagli

Oggetto: studio del terreno di fondazione di un civile fabbricato sito in via Matteotti n 36, nel Comune di Cento (FE).

Oggetto: studio del terreno di fondazione di un civile fabbricato sito in via Matteotti n 36, nel Comune di Cento (FE). Studio del terreno di fondazione di un civile fabbricato, sito in via Matteotti n. 36, nel Comune di Cento (FE) Rif. 47/2013 1 Relazione Tecnica comprendente: RELAZIONE GEOLOGICA inerente le indagini geognostiche

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO INDICE 1. PREMESSA Pag. 3 2. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLE MICROZONE OMOGENEE IN PROSPETTIVA SISMICA (LIVELLO1) Pag. 4 3. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLA FATTIBILITÀ DELLE SCHEDE DELLA VARIANTE Pag.

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE: MILANOSPORT SPA - MILANO 1377_11 PROGETTO DI REALIZZAZIONE DI UNA TRIBUNA E UNA PISTA COPERTA PRESSO IL CENTRO SPORTIVO XXV APRILE, IN VIA CIMABUE A MILANO - RELAZIONE

Dettagli

Civitella in Val di Chiana Piano Strutturale. Aprile 2013. Studio di microzonazione sismica PROGETTO DI PIANO

Civitella in Val di Chiana Piano Strutturale. Aprile 2013. Studio di microzonazione sismica PROGETTO DI PIANO Civitella in Val di Chiana Piano Strutturale Aprile 2013 Studio di microzonazione sismica PROGETTO DI PIANO Civitella in Val di Chiana Piano Strutturale Studio di microzonazione sismica Goffredo Serrini

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA PROCEDURE AUTOMATICHE 1D - 2D - 3D Dario Flaccovio Editore Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Procedure automatiche 1D - 2D - 3D ISBN 978-88-579-0051-3

Dettagli

TRENI E VIBRAZIONI Alcune considerazioni P. Suhadolc

TRENI E VIBRAZIONI Alcune considerazioni P. Suhadolc TRENI E VIBRAZIONI Alcune considerazioni P. Suhadolc DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA Universita degli Studi di Trieste www.dst.units.it Introduzione In Europa il numero di linee ferroviarie in galleria

Dettagli

La risposta sismica locale

La risposta sismica locale La risposta sismica locale Enrico Priolo Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale - OGS Dipartimento Centro di Ricerche Sismologiche -CRS, Udine CISM Analisi dinamiche dei ponti Udine,

Dettagli

Report-HoliSurface-Bertiolo#2.pdf Data di creazione 25 Luglio 2013 Giancarlo Dal Moro Autore

Report-HoliSurface-Bertiolo#2.pdf Data di creazione 25 Luglio 2013 Giancarlo Dal Moro Autore Luglio 2013 File name Report-HoliSurface-Bertiolo#2.pdf Data di creazione 25 Luglio 2013 Giancarlo Dal Moro Autore www.winmasw.com e-mail: gdm@winmasw.com All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati

Dettagli

RICERCHE SULLE RETI TECNOLOGICHE

RICERCHE SULLE RETI TECNOLOGICHE RICERCHE SULLE RETI TECNOLOGICHE RICERCHE PERDITE IDRICHE ANALISI CORRELATIVA Si tratta di un apparecchiatura computerizzata (correlatore) che analizza il rumore provocato dalla perdita e ne calcola i

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

Rapporto di indagine sismica

Rapporto di indagine sismica COMUNE DI ALPIGNANO PROVINCIA DI TORINO Rapporto di indagine sismica via Enrico Toti, 18 Il direttore lavori Michelangelo DiGioia Il tecnico interpretatore: Massimo Trossero Data: Marzo 2012 SPAZIO PER

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... 3 2.2 Caratteristiche geotecniche e coefficiente di permeabilità

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA TESI. TITOLO: Analisi bidimensionali di risposta sismica locale Il caso di Barberino di Mugello

PRESENTAZIONE DELLA TESI. TITOLO: Analisi bidimensionali di risposta sismica locale Il caso di Barberino di Mugello PRESENTAZIONE DELLA TESI AUTORE: Alberto Puliti TITOLO: Analisi bidimensionali di risposta sismica locale Il caso di Barberino di Mugello RELATORI: Prof. Ing. Claudia Madiai, Prof. Ing. Giovanni Vannucchi,

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Osservatorio Vesuviano Napoli SARis Sismica ad Alta Risoluzione Manuale tecnico

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA

PROVINCIA DI VENEZIA PROVINCIA DI VENEZIA ENERGIE RINNOVABILI PER LA CLIMATIZZAZIONE: GEOSCAMBIO IN PROVINCIA DI VENEZIA SOSTENIBILITA E REGOLAMENTAZIONE Sonde geotermiche verticali: esempi di installazione e sistemi di monitoraggio

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Geofisica Geologia Geotecnica al servizio della risposta sismica locale: il caso studio di Castel Caldes (Trentino)

Geofisica Geologia Geotecnica al servizio della risposta sismica locale: il caso studio di Castel Caldes (Trentino) Workshop in Geofisica 2013, Rovereto Geofisica Geologia Geotecnica al servizio della risposta sismica locale: il caso studio di Castel Caldes (Trentino) Boaga J. (1), Viganò A. (2), Fedrizzi F. (3), Carrer

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

Caratterizzazione sismica dei suoli con il metodo MASW (Multichannel Analysis of Surface Waves)

Caratterizzazione sismica dei suoli con il metodo MASW (Multichannel Analysis of Surface Waves) Caratterizzazione sismica dei suoli con il metodo MASW (Multichannel Analysis of Surface Waves) Copyright Roma Vitantonio 1 INDICE 1. CAPITOLO 1 : CLASSIFICAZIONE SISMICA LOCALE E CATEGORIA DEI SUOLI7

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 3.2 AZIONE SISMICA Le azioni sismiche di progetto si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione, che è descritta dalla probabilità

Dettagli

INDAGINI GEOTECNICHE SUI TERRENI DI

INDAGINI GEOTECNICHE SUI TERRENI DI Relazione 561b/Rm INDAGINI GEOTECNICHE SUI TERRENI DI FONDAZIONE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SITA IN AVEZZANO (AQ) VIA BENEDETTO CAIROLI Committente: Comune di Avezzano (AQ) ROMA Via Rapagnano 77-1 P Sc. A

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 2.1 Classificazione sismica... 6 3. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 8 3.1. DESCRIZIONE

Dettagli

MS nelle procedure regionali per l espressione dei pareri geologico-sismici

MS nelle procedure regionali per l espressione dei pareri geologico-sismici Sessione: SCENARI MS nelle procedure regionali per l espressione dei pareri geologico-sismici Geol. Antonio Colombi Membro per la Regione Lazio nella Commissione Nazionale MS Direzione Regionale Infrastrutture

Dettagli