Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice"

Transcript

1

2 Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice 1 Introduzione Analisi di sicurezza della Galleria Poseidon Ligea Individuazione dei parametri di sicurezza Verifica dei sistemi di sicurezza nei confronti dei requisiti minimi dettati dalla Direttiva 2004/54/CE Analisi di sicurezza della Galleria Cernicchiara San Leo Individuazione dei parametri di sicurezza Verifica dei sistemi di sicurezza nei confronti dei requisiti minimi dettati dalla Direttiva 2004/54/CE Analisi di sicurezza della Galleria Uscita A Individuazione dei parametri di sicurezza Verifica dei sistemi di sicurezza nei confronti dei requisiti minimi dettati dalla Direttiva 2004/54/CE Sistema di telecontrollo (gestione automatizzata) (cfr. IR2_rev mag 2011) Piano di emergenza in caso di incidente

3 1 INTRODUZIONE In accordo con i dettami e le raccomandazioni della Direttiva 2004/54/CE, promulgata dal Parlamento Europeo e concernente i Requisiti Minimi di Sicurezza per le Gallerie Stradali della Rete Transeuropea e con le Linee Guida dell ANAS per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali, si effettua un analisi di sicurezza (una verifica rispetto a tali vincoli) delle gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest che prevede la riconnessione dello svincolo di Salerno con il porto e la SS18 verso la costiera amalfitana. In tale progetto si prevede la realizzazione di tre collegamenti in galleria: Galleria Poseidon Ligea ; Galleria Cernicchiara San Leo ; Rampa di uscita in galleria dalla Galleria Seminario dall Autostrada SA RC. Nello specifico la Direttiva richiede che sia effettuata un analisi di rischio analitica e ben definita quando una galleria non possa essere progettata ovvero adeguata ai requisiti minimi di sicurezza ad essa ascritti in funzione dei parametri di sicurezza, per manifesta impossibilità realizzativa ovvero a fronte di costi sproporzionati. Nonostante i collegamenti Poseidon Ligea e Cernicchiara San Leo non facciano parte della Rete Transeuropea e non sia quindi necessario il rispetto dei Requisiti Minimi di Sicurezza riportati nelle Linee per la progettazione della sicurezza nelle gallerie stradali, è stata effettuata ugualmente una verifica dei Parametri di Sicurezza per entrambi i collegamenti allo scopo di indicare le misure strutturali ed impiantistiche adottate per rispettare, per quanto possibile, tali requisiti. Per quanto riguarda, invece, la galleria di uscita dall Autostrada A3 SA-RC dalla galleria Seminario, la stessa appartiene alla Rete Transeuropea (Figura 1.1) e per questo si è provveduto all analisi così come previsto. Figura Rete Transeuropea dei trasporti. Nella Figura 1.2 sono individuate le tre gallerie oggetto di analisi. 2

4 1 2 3 Figura Planimetria di progetto. Individuazione delle gallerie oggetto di analisi. 3

5 2 ANALISI DI SICUREZZA DELLA GALLERIA POSEIDON LIGEA 2.1 Individuazione dei parametri di sicurezza Il collegamento Poseidon Ligea è una galleria a doppia canna, ciascuna a doppia corsia e senso unico di marcia. Le due canne Poseidon Ligea e Ligea Poseidon hanno assi di lunghezza rispettivamente di circa 1335 m e 1237 m. Il VT (Traffico giornaliero medio annuo) per la direzione Poseidon Ligea è di 3000 veic/g corsia; nella direzione opposta è invece, di 2000 veicoli/g corsia. Nella Figura 2.1 è riportata la viabilità in galleria dalla rotatoria Poseidon fino al viadotto Gatto. Con riferimento ai Parametri di Sicurezza è possibile inserire la Galleria Poseidon Ligea all interno del Gruppo Omogeneo IV di Requisiti di Sicurezza (Unidirezionale; VT > 2000 veic/g corsia; 1000m < L < 3000m; vedi Tabella 2.1). Tabella Gruppo Omogeneo IV di Requisiti di Sicurezza Gruppo IV Parametri di sicurezza Sistemi di sicurezza Requisiti minimi di sicurezza Unidirezionale VT>2000 [Veic/corsia] L ( [m] Strutturali Impiantistiche Illuminazione Ventilazione Comunicazione Rilevazione Gestione incendio Gestione traffico Alimentazione elettrica Dislivelli 5% Banchine pedonabili di emergenza Uscite di emergenza ogni 500 m Gallerie trasversali ogni 1500 m Attraversamento spartitraffico imbocchi Drenaggio liquidi infiammabili e tossici Resistenza al fuoco delle strutture Illuminazione ordinaria Illuminazione sicurezza Illuminazione emergenza Ventilazione meccanica Altoparlanti nei rifugi ed alle uscite Messaggi radio agli utenti Ritrasmissioni radio Stazioni di emergenza Rilevamento automatico incidenti Rilevamento automatico incendi Telecamere Estintori Erogazione idrica Idranti ogni 150 m Segnaletica stradale Semafori prima degli ingressi Alimentazione elettrica ordinaria Alimentazione elettrica di emergenza Resistenza e reazione al fuoco dei componenti dei sistemi di sicurezza 4

6 Poseidon SS18 Ligea Figura 2.1 Galleria Poseidon Ligea. 5

7 2.2 Verifica dei sistemi di sicurezza nei confronti dei requisiti minimi dettati dalla Direttiva 2004/54/CE Si effettua una verifica delle misure strutturali e impiantistiche nei confronti dei requisiti minimi di sicurezza dettati dalla Direttiva 2004/54/CE. Nella Tabella 2.2 si riportano le verifiche dei sistemi di sicurezza. Tabella Verifica dei Requisiti Minimi di Sicurezza. Parametri Sistemi di Requisiti Minimi di di sicurezza Sicurezza Sicurezza Dislivelli 5% Banchine pedonabili di emergenza Uscite di emergenza Unidirezionale VT > 2000 [veic/corsia] L ( ) [m] Strutturali Impiantisti che ogni 500m Galleria trasversali ogni 1500m Attraversamento spartitraffico imbocchi Note Rispettato Previste Previste ogni 300 m Previste ogni 600 m Non previste in quanto la geometria dell imbocco permette ai servizi di pronto intervento un accesso immediato a ciascuno dei fornici. Drenaggio liquidi infiammabili e tossici Previsto Resistenza al fuoco delle strutture Illuminazione Ordinaria Illuminazione Illuminazione Sicurezza Illuminazione Emergenza Ventilazione Ventilazione meccanica di tipo longitudinale Comunicazione Rilevazione Gestione Incendio Gestione Traffico Alimentazione elettrica Altoparlanti nei rifugi ed alle uscite Messaggi radio agli utenti Ritrasmissioni radio Stazioni di emergenza Rilevamento automatico incidenti Rilevamento automatico incendi Telecamere Estintori Erogazione idrica Idranti ogni 250m Segnaletica stradale Semafori prima degli ingressi Alimentazione elettrica ordinaria Alimentazione elettrica di emergenza Resistenza e reazione al fuoco dei componenti dei sistemi di sicurezza Non previsti in quanto, non essendo presenti " luoghi sicuri temporanei in cui gli utenti sono tenuti a sostare prima di raggiungere l'esterno", ma un sistema di filtro (by-pass pressurizzato) che individua nelle canna non interessata dall'incendio una via di fuga protetta, non è richiesto un sistema di altoparlanti per raggiungere l'esterno Previsti Previsti Previste e dotate ciascuna di un telefono di emergenza, due estintori, una postazione idrante ed un pulsante di allarme generale. PREVISTO Previsto attraverso cavo termosensibile e opacimetri Previste Previsti Previsti ogni 150 m Previsti una segnaletica luminosa verticale di emergenza per la rapida individuazione di piazzole di sosta, stazioni di emergenza, estintori, idranti, uscite di emergenza, ecc. e pannelli a messaggio variabile, costituiti da un indicazione alfanumerica e da un pittogramma di tipo full color Previsti pannelli a messaggio variabile 150 m prima degli imbocchi, agli imbocchi ed ogni 300 m all interno delle fornici, in modo da consentire la chiusura delle gallerie in condizioni di emergenza. I sistemi di sicurezza adottati rispettano tutti i requisiti minimi di sicurezza indicati nella Direttiva 2004/54/CE ad eccezione del drenaggio dei liquidi infiammabili e tossici e del rilevamento automatico degli incidenti. 6

8 3 ANALISI DI SICUREZZA DELLA GALLERIA CERNICCHIARA SAN LEO 3.1 Individuazione dei parametri di sicurezza Il collegamento Cernicchiara San Leo, analogamente al precedente, è una galleria a doppia canna, ognuna a doppia corsia e senso unico di marcia. Le due canne Cernicchiara San Leo e San Leo - Cernicchiara hanno assi di lunghezza rispettivamente di circa 912 m e 870 m. Figura 3.1. Il VT (Traffico giornaliero medio annuo) per la direzione Cernicchiara San Leo è di 3600 veic/g corsia; nella direzione opposta è invece, di 5600 veicoli/g corsia. Con riferimento ai Parametri di Sicurezza è possibile inserire la Galleria Cernicchiara San Leo all interno del Gruppo Omogeneo III di Requisiti di Sicurezza (Unidirezionale; VT > 2000 veic/g corsia; 500 m < L < 1000 m; vedi tabella 2.1). Tabella Gruppo Omogeneo III di Requisiti di Sicurezza Gruppo III Parametri di sicurezza Unidirezionale VT>2000 [Veic/corsia] L ( ) [m] Sistemi di sicurezza Requisiti minimi di sicurezza Strutturali Impiantistiche Illuminazione Comunicazione Rilevazione Gestione Incendio Gestione Traffico Alimentazione elettrica Dislivelli 5% Banchine pedonabili di emergenza Uscite di emergenza ogni 500 m Attraversamento spartitraffico imbocchi Drenaggio liquidi infiammabili e tossici Resistenza al fuoco delle strutture Illuminazione Ordinaria Illuminazione Sicurezza Illuminazione Emergenza Altoparlanti nei rifugi ed alle uscite Messaggi radio agli utenti Stazioni di emergenza Rilevamento automatico incidenti Rilevamento automatico incendi Telecamere Estintori Erogazione idrica Idranti ogni 150m Segnaletica stradale Alimentazione elettrica ordinaria Alimentazione elettrica di emergenza Resistenza e reazione al fuoco dei componenti dei sistemi di sicurezza 7

9 Cernicchiara Autostrada A3 NA-SA-RC Piazzale San Leo Figura 3.1 Galleria Cernicchiara San Leo. 8

10 3.2 Verifica dei sistemi di sicurezza nei confronti dei requisiti minimi dettati dalla Direttiva 2004/54/CE Si effettua una verifica delle misure strutturali e impiantistiche nei confronti dei requisiti minimi di sicurezza dettati dalla Direttiva 2004/54/CE. Nella si riportano le verifiche dei sistemi di sicurezza. Tabella Verifica dei Requisiti Minimi di Sicurezza Parametri Sistemi di Requisiti Minimi di di sicurezza Sicurezza Sicurezza Dislivelli 5% Banchine pedonabili di Unidirezionale VT > 2000 [veic/corsia] L ( )[m] Strutturali Impiantistiche Illuminazione Comunicazione Rilevazione Gestione Incendio Gestione Traffico Alimentazione elettrica emergenza Uscite di emergenza ogni 500m Attraversamento spartitraffico imbocchi Drenaggio liquidi infiammabili e tossici Resistenza al fuoco delle strutture Illuminazione Ordinaria Illuminazione Sicurezza Illuminazione Emergenza Altoparlanti nei rifugi ed alle uscite Messaggi radio agli utenti Ritrasmissioni radio Stazioni di emergenza Rilevamento automatico incidenti Rilevamento automatico incendi Telecamere Estintori Erogazione idrica Idranti ogni 250m Segnaletica stradale Semafori prima degli ingressi Alimentazione elettrica ordinaria Alimentazione elettrica di emergenza Resistenza e reazione al fuoco dei componenti dei sistemi di sicurezza Note Rispettato Previste Previste ogni 300m Non previste in quanto la geometria dell imbocco permette ai servizi di pronto intervento un accesso immediato a ciascuno dei fornici Previsto Non previsti in quanto, non essendo presenti " luoghi sicuri temporanei in cui gli utenti sono tenuti a sostare prima di raggiungere l'esterno", ma un sistema di filtro (by-pass pressurizzato) che individua nelle canna non interessata dall'incendio una via di fuga protetta, non è richiesto un sistema di altoparlanti per raggiungere l'esterno Previsti Previsti Previste ogni 150 m e dotate ciascuna di un telefono di emergenza, due estintori, una postazione idrante ed un pulsante di allarme generale. PREVISTO Previsto attraverso cavo termosensibile ed opacimetri Previste Previsti Previsti ogni 150 m Previsti una segnaletica luminosa verticale di emergenza per la rapida individuazione di piazzole di sosta, stazioni di emergenza, idranti, estintori, uscite di emergenza, ecc. e pannelli a messaggio variabile, costituiti da un indicazione alfanumerica e da un pittogramma di tipo full color Previsti pannelli a messaggio variabile 150 m prima degli imbocchi e semafori agli imbocchi, in modo da consentire la chiusura delle gallerie in condizioni di emergenza. I sistemi di sicurezza adottati rispettano tutti i requisiti minimi di sicurezza indicati nella Direttiva 2004/54/CE ad eccezione del drenaggio dei liquidi infiammabili e tossici. 9

11 Per tale collegamento sono stati previsti, inoltre, un sistema di ventilazione meccanica di tipo longitudinale ed una galleria trasversale ogni 300 m, nonostante i requisiti minimi di sicurezza non includano tali misure impiantistiche per gallerie ricadenti all interno del Gruppo Omogeneo III di Requisiti di Sicurezza. 4 ANALISI DI SICUREZZA DELLA GALLERIA USCITA A3 4.1 Individuazione dei parametri di sicurezza La galleria Uscita A3, riportata in Figura 4.1 è un collegamento a canna unica a doppia corsia e senso unico di marcia con una lunghezza dell asse di circa 850 m, costituito da un tratto scoperto a raso di circa 120 m, un tratto in galleria artificiale di circa 150 m, un tratto in galleria naturale di circa 490 m e un tratto finale ancora in galleria artificiale di circa 90 m. Il VT (Traffico giornaliero medio annuo) stimato è di 5677 veic/g corsia. Con riferimento ai Parametri di Sicurezza è possibile inserire la Galleria Uscita A3 all interno del Gruppo Omogeneo III di Requisiti di Sicurezza (Unidirezionale; VT > 2000 veic/g corsia; 500m < L < 1000m; vedi Tabella 4.1). Tabella Gruppo Omogeneo III di Requisiti di Sicurezza (fonte: Linee Guida per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali secondo la normativa vigente Gruppo III Parametri di sicurezza Unidirezionale VT>2000 [Veic/corsia] L ( ) [m] Sistemi di sicurezza Requisiti minimi di sicurezza Strutturali Impiantistiche Illuminazione Comunicazione Rilevazione Gestione Incendio Gestione Traffico Alimentazione elettrica Dislivelli 5% Banchine pedonabili di emergenza Uscite di emergenza ogni 500 m Attraversamento spartitraffico imbocchi Drenaggio liquidi infiammabili e tossici Resistenza al fuoco delle strutture Illuminazione Ordinaria Illuminazione Sicurezza Illuminazione Emergenza Altoparlanti nei rifugi ed alle uscite Messaggi radio agli utenti Stazioni di emergenza Rilevamento automatico incidenti Rilevamento automatico incendi Telecamere Estintori Erogazione idrica Idranti ogni 150m Segnaletica stradale Alimentazione elettrica ordinaria Alimentazione elettrica di emergenza Resistenza e reazione al fuoco dei componenti dei sistemi di sicurezza 10

12 Cunicolo di sicurezza Rampa uscita A3 Autostrada A3 NA-SA-RC Autostrada A3 NA-SA-RC Figura 4.1 Galleria rampa uscita autostrada A3. 11

13 4.2 Verifica dei sistemi di sicurezza nei confronti dei requisiti minimi dettati dalla Direttiva 2004/54/CE. Si effettua una verifica delle misure strutturali e impiantistiche nei confronti dei requisiti minimi di sicurezza dettati dalla Direttiva 2004/54/CE. Nella Tabella 4.2 si riportano le verifiche dei sistemi di sicurezza. Tabella Verifica dei Requisiti Minimi di Sicurezza Parametri di Sicurezza Unidirezionale VT > 2000 [veic/corsia] L ( )[m] Strutturali Impiantistiche Sistemi di sicurezza Illuminazione Comunicazione Rilevazione Gestione Incendio Gestione Traffico Alimentazione elettrica Requisiti Minimi di Sicurezza Dislivelli 5% Banchine pedonabili di emergenza Uscite di emergenza ogni 500m. Attraversamento spartitraffico imbocchi Drenaggio liquidi infiammabili e tossici Resistenza al fuoco delle strutture Illuminazione Ordinaria Illuminazione Sicurezza Illuminazione Emergenza Altoparlanti nei rifugi ed alle uscite Messaggi radio agli utenti Ritrasmissioni radio Stazioni di emergenza Rilevamento automatico incidenti Rilevamento automatico incendi Telecamere Estintori Erogazione idrica Idranti ogni 250m Segnaletica stradale Semafori prima dell ingresso Alimentazione elettrica ordinaria Alimentazione elettrica di emergenza Resistenza e reazione al fuoco dei componenti dei sistemi di sicurezza Note Rispettato corsia di emergenza Previste ogni 500m Previsto Previsto Non previsti in quanto, non essendo presenti ". luoghi sicuri temporanei in cui gli utenti sono tenuti a sostare prima di raggiungere l'esterno", ma un sistema di filtro (by-pass pressurizzato) non è richiesto un sistema di altoparlanti per raggiungere l'esterno Previsti Previsti Previste ogni 150 m e dotate ciascuna di un telefono di emergenza, due estintori, una postazione idrante ed un pulsante di allarme generale Previsto Previsto attraverso cavo termosensibile e opacimetri Previste Previsti Previsti ogni 150m Previsti una segnaletica luminosa verticale di emergenza per la rapida individuazione di piazzole di sosta, stazioni di emergenza, idranti, estintori, uscite di emergenza, ecc. e pannelli a messaggio variabile, costituiti da una indicazione alfanumerica e da un pittogramma di tipo full color; previsti pannelli a messaggio variabile a 150m dall imbocco della galleria e ogni 300m in galleria. Previsti pannello messaggio variabile prima imbocco e all imbocco, semaforo imbocco e ogni 300 m in galleria, in modo da consentire la chiusura delle gallerie in condizioni di emergenza. I sistemi di sicurezza adottati rispettano tutti i requisiti minimi di sicurezza indicati nella Direttiva 2004/54/CE. In particolare per il drenaggio dei liquidi infiammabili e tossici è prevista la realizzazione di canali di scolo appositamente progettati in modo da impedire la propagazione degli incendi nonché per intercettare rapidamente i liquidi infiammabili e tossici sversati sulla piattaforma stradale riducendone la propagazione all interno della canna. Per le uscite di emergenza, invece, è prevista la realizzazione di un uscita verso un cunicolo di emergenza situato a circa 500 metri dall entrata in galleria. 12

14 Il cunicolo ha una lunghezza di circa 180 m ed una larghezza di 2,40 m; esso collega la galleria con un piazzale di sicurezza a raso nell area della cava dismessa di Cernicchiara. Per tale collegamento è stato previsto, inoltre, un sistema di ventilazione meccanica di tipo longitudinale, nonostante i requisiti minimi di sicurezza non includano tale misura impiantistica per gallerie ricadenti all interno del Gruppo Omogeneo III di Requisiti di Sicurezza. In accordo con la Direttiva 2004/54/CE, essendo la galleria progettata e adeguata ai requisiti minimi di sicurezza non è necessario procedere ad un analisi di rischio. 5 SISTEMA DI TELECONTROLLO (GESTIONE AUTOMATIZZATA) (CFR. IR2_REV MAG 2011) La gestione del nuovo complesso sistema di gallerie stradali, in condizioni ordinarie e di emergenza, sarà garantita attraverso la realizzazione di un centro di controllo (presso il Porto di Salerno, la cui gestione sarà a cura dell Autorità Portuale), al quale giungeranno, in tempo reale, tutte le informazioni da parte degli impianti preposti all esercizio in sicurezza del traffico veicolare. A tale scopo, il progetto prevede la realizzazione di un impianto di supervisione per il monitoraggio e la gestione degli impianti tecnologici a servizio delle gallerie. Il controllo avverrà tramite dispositivi di rilevazione connessi tramite opportuni trasduttori ad un anello in fibra ottica. La topologia della rete ad anello, garantirà una eccellente affidabilità ed una completa funzionalità, anche in caso di guasto in un punto della rete principale. I dati saranno acquisiti all interno delle gallerie, attraverso una serie di Remote I/O distribuiti e coordinati da un PLC di galleria, che garantirà il buon funzionamento dell insieme grazie all implementazione di idonei software. I nodi telematici previsti per la gestione della sicurezza delle gallerie sono: Nodo 1 Ligea Porto Nodo 2 Cernicchiara Nodo 3 Seminario Nodo 4 Ligea Poseidon Nodo 5 Piazzale San Leo Presso l area del Porto è prevista la realizzazione di un centro di controllo presidiato per la gestione della sicurezza del sistema di gallerie. Infatti, a partire dal PLC Master della cabina elettrica Ligea Porto, sarà realizzato un collegamento dedicato in fibra ottica verso la postazione di gestione degli impianti tecnologici (centro di controllo), ove sarà possibile visualizzare in tempo reale tutte le variabili controllate. Inoltre, per la gestione da parte di Anas dello svincolo autostradale della galleria Seminario canna sud (verso Cernicchiara), si realizzerà una infrastruttura di rete (cavidotti, fibre ottiche, postazione di supervisione, ecc ) di collegamento verso il nodo telematico gestito da Anas. Gli impianti gestiti in galleria saranno: a. Sistema di analisi della qualità dell aria; b. Illuminazione; c. Pannelli a messaggio variabile; d. Stazioni di emergenza; e. Lanterne semaforiche; f. Impianto di rivelazione incendi; g. Impianto TVCC. h. Impianti elettrici di cabina. i. Sistema di ventilazione longitudinale. j. Rilevazione incidenti. 6 PIANO DI EMERGENZA IN CASO DI INCIDENTE Come già anticipato, le gallerie di progetto sono dotate di un sistema continuo di monitoraggio che consentirà, in caso di incidente o in qualsiasi altra situazione di emergenza, di attivare in tempo reale le procedure di emergenza previste. 13

15 Si opererà con una gestione dinamica del traffico in funzione dei livelli di traffico registrati istante per istante; in questo modo sarà possibile, per ogni evenienza, intraprendere una sequenza predefinita di operazioni funzionali a ridurre temporaneamente il traffico in transito nelle gallerie. Nella gestione dinamica del traffico si procederà, al crescere del livello di congestione, con procedure predefinite servendosi di misure progressive quali: il segnalamento di code e l indicazione di percorsi alternativi attraverso l utilizzo di pannelli a messaggio variabile posizionati in punti prestabiliti; l utilizzo dei semafori posizionati prima degli ingressi in galleria in modo da impedire temporaneamente l accesso alle vetture in situazioni e/o di traffico eccessivo. In caso di incidente in un tratto di galleria a due corsie, se le condizioni lo consentono, si potrà chiudere una corsia e spostare tutto il flusso veicolare sulla corsia libera. Rilevato l incidente, quindi, si attiveranno le procedure di avviso agli utenti attraverso i segnali a messaggio variabile posti prima dell imbocco della galleria; la corsia chiusa sarà delimitata temporaneamente con opportuna segnaletica mentre, la polizia municipale verrà impiegata, all occorrenza, per dirigere il traffico. Qualora l incidente o la situazione di emergenza fosse tale da dover impedire completamente il transito in una delle quattro canne delle gallerie, si provvederà automaticamente ad impedire l accesso ai veicoli attraverso il semaforo posto all ingresso della canna, mentre i pannelli a messaggio variabile segnaleranno la chiusura ed indicheranno eventuali percorsi alternativi. Con l ausilio del comando della polizia municipale si potrà, in tempi brevi, deviare il traffico nell altra canna istituendo il transito temporaneo a doppio senso di marcia. A tal proposito si precisa che gli imbocchi delle gallerie sono stati verificati per l ingombro dinamico dei mezzi pesanti nell ipotesi di utilizzo della singola canna a doppio senso di marcia. Il disegno degli imbocchi e delle uscite delle gallerie, infatti, è stato progettato in modo da consentire agevolmente il transito a doppio senso di marcia in tutti gli ingressi e le uscite delle gallerie (cfr. tav. ingombri dinamici) modificando esclusivamente la segnaletica orizzontale e verticale. A tale scopo i marciapiedi delle isole spartitraffico previsti agli imbocchi sono stati smussati e sono stati eliminati eventuali ostacoli fissi in che potessero intralciare le manovre dei mezzi pesanti anche nella configurazione di emergenza a doppio senso di marcia. In tale situazione, quindi, sarà sufficiente utilizzare una segnaletica provvisoria (delineatori di corsia temporanei, etc) che regoli il doppio senso in galleria e ridisegni i percorsi alle intersezione. Per motivi di sicurezza, invece, sarà vietato in tale periodo il transito in galleria ai mezzi che trasportano materiali pericolosi, deviandoli con idonea segnaletica, sui percorsi alternativi indicati. Nel caso in cui si verifichi una situazione di emergenza tale da comportare la contemporanea chiusura delle due canne di una stessa galleria, saranno attivate le stesse procedure di chiusura immediata attraverso i semafori e i pannelli a messaggio variabile mentre il traffico sarà deviato su percorsi alternativi indicati da opportuna segnaletica temporanea. Lungo il percorso alternativo sulla viabilità ordinaria si provvederà ad eliminare eventuali punti di criticità rimuovendo, dove possibile, la sosta e/o eventuali ostacoli mobili. Anche in questo caso, per motivi di sicurezza, poi, sarà vietato in tale periodo il transito in galleria ai mezzi che trasportano materiali pericolosi, deviandoli con idonea segnaletica, sui percorsi alternativi indicati. Caso 1 chiusura di entrambe le canne della galleria Cernicchiara San Leo In questo caso si provvederà a ripristinare temporaneamente via Frà Generoso a doppio senso di circolazione per consentire ai veicoli provenienti dalla zona di svincolo dell A3 di raggiungere il porto (cfr. Figura 2) e viceversa (cfr Figura 3 e Figura 4). In tale configurazione si utilizzeranno gli attuali ingressi all A3 sia in direzione Napoli e sia in direzione Reggio Calabria. Caso 2 chiusura di entrambe le canne della galleria Poseidon Ligea In questo caso si provvederà a ripristinare temporaneamente il tratto terminale del viadotto gatto a doppio senso di circolazione per consentire ai veicoli provenienti dalla zona porto di raggiungere la rotatoria Poseidon (cfr. Figura 5) e viceversa (cfr. Figura 6). In tale configurazione si aprirà il varco tra le due gallerie Ligea in corrispondenza della barriera removibile per consentire ai veicoli di percorrere in discesa l ultimo tratto di viadotto mentre si ripristinerà la configurazione attuale dell incrocio tra la SS18 e il viadotto Gatto. Di seguito si riporta lo schema dei percorsi alternativi previsti nei due casi precedentemente descritti. 14

16 Figura 2 percorso alternativo uscita A3 piazzale S. Leo utilizzato a seguito della chiusura delle due gallerie Cernicchiara 15

17 Figura 3 percorso alternativo piazzale S. Leo ingresso A3 utilizzato a seguito della chiusura delle due gallerie Cernicchiara 16

18 Figura 4 percorso alternativo piazzale S. Leo ingresso A3 direzione Reggio Calabria utilizzato a seguito della chiusura delle due gallerie Cernicchiara 17

19 Figura 5 percorso alternativo via Ligea rotatoria Poseidon utilizzato a seguito della chiusura delle due gallerie Ligea 18

20 Figura 6 percorso alternativo rotatoria Poseidon via Ligea utilizzato a seguito della chiusura delle due gallerie Ligea 19

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI Colle di Tenda Valutazione complessiva: Insoddisfacente Posizione: Confine Italia Francia, nei pressi di Limone Piemonte SS 20 Cuneo/ Italia Francia

Dettagli

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI Colle Giardino Valutazione complessiva: Sufficiente Posizione: Italia, nei pressi di Rieti SS 4 tra Roma e Ascoli Anno di apertura: 2003 Lunghezza:

Dettagli

GALLERIA VIRGOLO. CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE

GALLERIA VIRGOLO. CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE GALLERIA VIRGOLO CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE CARATTERISTICHE STRUTTURALI entrambe le canne sono costituite da un rivestimento in calcestruzzo conformato ad arco circolare con raggio interno

Dettagli

ELENCO REVISIONI. A Settembre 2014 Emissione IGM TARANTOLA TARANTOLA Rev. Data Descrizione Revisione Comp. Contr. Appr.

ELENCO REVISIONI. A Settembre 2014 Emissione IGM TARANTOLA TARANTOLA Rev. Data Descrizione Revisione Comp. Contr. Appr. ELENCO REVISIONI A Settembre 2014 Emissione IGM TARANTOLA TARANTOLA Rev. Data Descrizione Revisione Comp. Contr. Appr. INDICE 1 GENERALITÀ... 3 2 IMPIANTI DI SICUREZZA PASSIVA... 3 3 IMPIANTI DI SICUREZZA

Dettagli

Impianti elettrici nelle gallerie ANAS

Impianti elettrici nelle gallerie ANAS L Italia si fa strada Impianti elettrici nelle gallerie ANAS Ing. Luigi Carrarini Responsabile servizi impianti tecnologici DECT di ANAS Roma 30 settembre 2015 COSA È L ANAS STRADE STATALI E AUTOSTRADE

Dettagli

Imbocco lato Italia (1321 m s.l.m.) Imbocco lato Francia (1280 m s.l.m.)

Imbocco lato Italia (1321 m s.l.m.) Imbocco lato Francia (1280 m s.l.m.) CONVEGNO: INTERVENTI TECNICI E PIANIFICAZIONE BINAZIONALE DELL EMERGENZA PER TRAFORI STRADALI TRANSFRONTALIERI ROMA DEL COLLE DI TENDA Interventi tecnici per la gestione unica e nuovo tunnel Imbocco lato

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell Unione europea

Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 201/56 Rettifica della direttiva 2004/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativa ai requisiti minimi di sicurezza per le gallerie della rete stradale transeuropea ( L

Dettagli

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle,5 t 1 PREMESSA Il presente documento integra il testo del Protocollo

Dettagli

Direzione Generale. Il Ruolo degli impianti per la sicurezza nelle gallerie. Milano, 8 ottobre 2013

Direzione Generale. Il Ruolo degli impianti per la sicurezza nelle gallerie. Milano, 8 ottobre 2013 Direzione Generale Il Ruolo degli impianti per la sicurezza nelle gallerie Ing. Luigi Carrarini Responsabile Unità Gallerie e Impianti DCECT Milano, 8 ottobre 2013 Gallerie ANAS in Esercizio Totale Gallerie

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione Schema RINA di Certificazione del Livello Qualitativo Autostradale (LQA) Genova, 25 ottobre 2007 Maura Moretti A chi è rivolto: Enti Gestori, Società Concessionarie per la gestione di tratte autostradali

Dettagli

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione Linee Guida per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali secondo la normativa vigente Ottobre 2009 Pag. 71 di

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria

SCHEDA TECNICA. Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria SCHEDA TECNICA Autostrada A3 SalernoReggio Calabria Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di ammodernamento ed adeguamento al tipo1/a delle norme CNR/80Macrolotto 3 Parte 3 dal Km 173+900 al

Dettagli

ALLEGATO I. Misure. 1. Misure infrastrutturali. 1.1 Classificazione delle gallerie

ALLEGATO I. Misure. 1. Misure infrastrutturali. 1.1 Classificazione delle gallerie ALLEGATO I Misure 1. Misure infrastrutturali 1.1 Classificazione delle gallerie 1.1.1 Le gallerie a canna singola e doppia sono suddivise in categorie in funzione del volume di traffico e della loro lunghezza,

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Strada Statale 145 - Sorrentina Galleria S. Maria di Pozzano

Strada Statale 145 - Sorrentina Galleria S. Maria di Pozzano Strada Statale 145 - Sorrentina Galleria S. Maria di Pozzano Variante SS 145 Sorrentina: Riferimenti principali di Appalto Committente: A.N.A.S. S.p.A. Oggetto dei lavori: Lavori di costruzione di una

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 Aggiornamenti sulla normativa e casi pratici

Dettagli

Relazione esplicativa pag. 3. Cronoprogramma ambito A.1.2 - Snodo viario Cernicchiara pag. 6

Relazione esplicativa pag. 3. Cronoprogramma ambito A.1.2 - Snodo viario Cernicchiara pag. 6 2 Sommario Relazione esplicativa pag. 3 Cronoprogramma ambito A.1.2 - Snodo viario Cernicchiara pag. 6 Cronoprogramma ambito A.1.3 - Galleria Frà Generoso / San Leo pag. 7 Cronoprogramma ambito A.1.4 -

Dettagli

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO INDICE 1 NODO STRADALE ED AUTOSTRADALE DI GENOVA Adeguamento del Nodo di San Benigno... 3 1.1 Descrizione progetto... 3 1.2 Opere d arte... 9 1 NODO

Dettagli

Linee Guida per la progettazione e realizzazione della sicurezza nelle gallerie stradali secondo la normativa vigente

Linee Guida per la progettazione e realizzazione della sicurezza nelle gallerie stradali secondo la normativa vigente linee_g_italia 1-12- 12:16 Pagina 136 gallerie stradali Linee Guida per la progettazione e realizzazione della sicurezza nelle gallerie stradali Rev. Ottobre Pag. 136 di 216 I cicli di ventilazione sono

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO ZONE 30 ALTESSANO Progetto: ICIS S.r.l. Società di Ingegneria C.so Einaudi, 8 10128 Torino Direttore Tecnico - ing. Giovanni

Dettagli

ALLEGATI. Esempi di tecnologia applicata nelle gallerie e di comunicazione gli utenti stradali.

ALLEGATI. Esempi di tecnologia applicata nelle gallerie e di comunicazione gli utenti stradali. Camera dei Deputati 129 Senato della Repubblica ALLEGATI Esempi di tecnologia applicata nelle gallerie e di comunicazione gli utenti stradali. PAGINA BIANCA Camera dei Deputati 131 Senato della Repubblica

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI è l abbreviazione di Supervisione Integrata : un sistema di monitoraggio e controllo delle installazioni tecnologiche per la sicurezza

Dettagli

Progettazione: CONSORZIO RAETIA DEI BY PASSS

Progettazione: CONSORZIO RAETIA DEI BY PASSS Committente: Progettazione: CONSORZIO RAETIA PROGETTO PRELIMINARE CALCOLI PRELIMINARI DELL IMPIANTO DI SOVRAPPRESSIONE DEI BY PASSS I N D I C E 1. OGGETTO 1 2. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO 1 3. METODOLOGIA

Dettagli

SICUREZZA e MANUTENZIONE all interno di TUNNEL e GALLERIE

SICUREZZA e MANUTENZIONE all interno di TUNNEL e GALLERIE SICUREZZA e MANUTENZIONE all interno di TUNNEL e GALLERIE Relatori: Dott. Ing. Alain Mazzocchi (Provincia di Bergamo) Dott. Ing. Marco Cardelli (Gruppo SPEE) IL CENTRO DI CONTROLLO OPERATIVO: L ESPERIENZA

Dettagli

Forum PA - Roma, 17/20 Maggio 2010. Direzione Generale dei Trasporti. Servizio delle infrastrutture e della logistica di trasporto

Forum PA - Roma, 17/20 Maggio 2010. Direzione Generale dei Trasporti. Servizio delle infrastrutture e della logistica di trasporto Progetto di Integrazione e Sviluppo Tecnologico dei sistemi di controllo della mobilità nell Area Vasta di Cagliari POR Sardegna 2000-2003 Asse VI Reti e Nodi di Servizio Misura 6.2 Accessibilità e governo

Dettagli

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto SALERNO PORTA OVEST LA GALLERIA PER IL PORTO conferenza stampa del 27 Aprile 2011 Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Dettagli

Garantire la fluidità del traffico sulle strade nazionali

Garantire la fluidità del traffico sulle strade nazionali Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale delle strade USTRA Informazione e comunicazione Scheda informativa Garantire la fluidità del

Dettagli

Workshop on Road safety and sustainability risk. Saint-Vincent 15 th October 2013

Workshop on Road safety and sustainability risk. Saint-Vincent 15 th October 2013 Workshop on Road safety and sustainability risk Saint-Vincent 15 th October 2013 TUNNEL DEL TENDA Valutazione dei Rischi per la messa in sicurezza del fornice esistente in esercizio e del nuovo fornice

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

Interventi tecnici e pianificazione binazionale dell emergenza dei trafori stradali transfrontalieri Roma 19 dicembre 2014

Interventi tecnici e pianificazione binazionale dell emergenza dei trafori stradali transfrontalieri Roma 19 dicembre 2014 Interventi tecnici e pianificazione binazionale dell emergenza dei trafori stradali transfrontalieri Roma 19 dicembre 2014 Ubicazione geografica Il traforo del Frejus èunagalleriaapedaggiochecollegalafranciacon

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

La Nabla Quadro s.r.l.

La Nabla Quadro s.r.l. La Nabla Quadro s.r.l. Nasce dall iniziativa di ingegneri con esperienza decennale nell ambito dello studio e controllo delle ricadute ambientali dovute alla costruzione e all esercizio di infrastrutture

Dettagli

Breve guida relativa al Decreto Interministeriale 4 marzo 2013 INFO 27 Ultimo aggiornamento 21 luglio 2014

Breve guida relativa al Decreto Interministeriale 4 marzo 2013 INFO 27 Ultimo aggiornamento 21 luglio 2014 Breve guida relativa al Decreto Interministeriale 4 marzo 2013 INFO 27 Ultimo aggiornamento 21 luglio 2014 NORMATIVA SUI LAVORI STRADALI: le novità Decreto Interministeriale 4 marzo 2013 CONTENUTI CRITERI

Dettagli

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara.

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. 12/1/2010 Francesco Capuano 1 Articolazione strutturale dei Servizi

Dettagli

O SSERVATORIO PROVINCIALE SICUREZZA STRADALE

O SSERVATORIO PROVINCIALE SICUREZZA STRADALE O SSERVATORIO PROVINCIALE SICUREZZA STRADALE Asaps - Anvu - Emergenza Sanitaria - Sicurstrada ISTRUZIONI PER L USO DELLE ROTONDE STRADALI in collaborazione con: A.S.A.P.S. Associazione Sostenitori Amici

Dettagli

O R D I N A N Z A n 18/1785/11. che ai fini delle operazioni di prevenzione e contrasto alla formazione

O R D I N A N Z A n 18/1785/11. che ai fini delle operazioni di prevenzione e contrasto alla formazione AUTOSTRADA TORINO-SAVONA S.p.A. C.so Trieste 170 - MONCALIERI (TO) O R D I N A N Z A n 18/1785/11 Il sottoscritto GASTALDI Ing. Carlo Direttore di Esercizio PREMESSO che ai fini delle operazioni di prevenzione

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

SISTEMA DI TELECONTROLLO PER LA GESTIONE DELLA FLOTTA

SISTEMA DI TELECONTROLLO PER LA GESTIONE DELLA FLOTTA SISTEMA DI TELECONTROLLO PER LA GESTIONE DELLA FLOTTA INTRODUZIONE Al fine di migliorare il servizio di trasporto pubblico è necessario dotarsi di sistemi tecnologici avanzati di supporto alla gestione

Dettagli

Le strade e le tecnologie per il monitoraggio del traffico

Le strade e le tecnologie per il monitoraggio del traffico Programma Operativo Nazionale TRASPORTI 2000-2006 Le strade e le tecnologie per il monitoraggio del traffico 1/19 Le due Misure del Programma finanziano interventi per completare o potenziare: i principali

Dettagli

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P.

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it/fmraimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

NEW ACTIVE AND PASSIVE FIRE PROTECTION SYSTEM INSTALLED INSIDE OF MONT BLANC TUNNEL

NEW ACTIVE AND PASSIVE FIRE PROTECTION SYSTEM INSTALLED INSIDE OF MONT BLANC TUNNEL 43 CORSO I.A. NEW ACTIVE AND PASSIVE FIRE PROTECTION SYSTEM INSTALLED INSIDE OF MONT BLANC TUNNEL 43 CORSO ISPETTORI ANTINCENDI INTERNATIONAL FIRE-FIGTHERS WORKSHOP FIRE SERVICE COLLEGE Moreton in Marsh-UK

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

15 Stima dei lavori. 15.1 Premessa. 15.2 Determinazione dei costi parametrici

15 Stima dei lavori. 15.1 Premessa. 15.2 Determinazione dei costi parametrici 15 Stima dei lavori 15.1 Premessa Allo scopo di valutare con una maggiore approssimazione i costi di investimento relativi all ipotesi Passante Nord è stata condotta l analisi riportata nel presente capitolo,

Dettagli

IL SISTEMA LEADER di Gestione delle aree di sosta delle Aziende Ospedaliere

IL SISTEMA LEADER di Gestione delle aree di sosta delle Aziende Ospedaliere IL SISTEMA LEADER di Gestione delle aree di sosta delle Aziende Ospedaliere Il progetto multihospital mobility, nasce da una profonda esperienza pluriennale nell ambito del controllo accessi e da una spiccata

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015 PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015 Attività, assistenza, informazione e servizi per incrementare l efficienza dell arteria e affrontare l esodo estivo. Stop a cantieri e TIR. Trento,

Dettagli

Variante da Vestone Nord a Idro Sud della variante alla SP BS 237 del Caffaro Progetto preliminare Relazione tecnica 1. PREMESSE...

Variante da Vestone Nord a Idro Sud della variante alla SP BS 237 del Caffaro Progetto preliminare Relazione tecnica 1. PREMESSE... pag. 1 di 11 INDICE 1. PREMESSE... 2 2. SVINCOLI... 2 2.1 Illuminazione... 2 2.2 Informazioni all utente... 3 3. GALLERIE... 3 3.1 Illuminazione... 3 3.2 Ventilazione... 4 3.3 Stazioni di emergenza...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

GALLERIE Ventilazione

GALLERIE Ventilazione 7-8/2005 LE STRADE 1 La galleria dei ventilatori 1 Per gli impianti dell Alassio 1, la galleria della Nuova Aurelia, in corrispondenza dell abitato ligure, si è optato per un sistema di ventilazione altamente

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

S.A.T.A.P. S.p.A. TRONCHI A4 TORINO-MILANO E A21 TORINO-PIACENZA TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN AUTOSTRADA

S.A.T.A.P. S.p.A. TRONCHI A4 TORINO-MILANO E A21 TORINO-PIACENZA TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN AUTOSTRADA S.A.T.A.P. S.p.A. TRONCHI A4 TORINO-MILANO E A21 TORINO-PIACENZA TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN AUTOSTRADA E64/A4 Torino Milano E7/A21 Torino Piacenza LA CENTRALE OPERATIVA Presso le Direzioni di Esercizio

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE

DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE Dipartimento VII - Politiche della Mobilità U.O. TRAFFICO E VIABILITA DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2006 Redazione: Ing. A.

Dettagli

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 Agosto 2015: previsioni di traffico nella direttrice Milano - Trieste Autostrade A4 da Padova Est a Venezia Est e A57 Tangenziale di Mestre Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì

Dettagli

DECRETO INTERMINISTERIALE 4 MARZO

DECRETO INTERMINISTERIALE 4 MARZO DECRETO INTERMINISTERIALE 4 MARZO 2013 Segnaletica stradale per attività lavorative svolte in presenza di traffico veicolare SCOPO: detta i criteri generali di sicurezza inerenti le procedure di revisione,

Dettagli

SISTEMA AUTOMATICO di SPEGNIMENTO per GALLERIE con MONITORI TELECOMANDATI DISTRIBUITI

SISTEMA AUTOMATICO di SPEGNIMENTO per GALLERIE con MONITORI TELECOMANDATI DISTRIBUITI SISTEMA AUTOMATICO di SPEGNIMENTO per GALLERIE con MONITORI TELECOMANDATI DISTRIBUITI Generalità Innovativo sistema di spegnimento incendi in galleria in grado di operare sia in maniera totalmente automatica

Dettagli

L approccio Elsag Datamat

L approccio Elsag Datamat Le tecnologie innovative per la sicurezza partecipata L approccio Elsag Datamat Carlo Gualdaroni Amministratore Delegato Elsag Datamat Elsag Datamat Elsag Datamat è il centro di eccellenza Finmeccanica

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali COMUNE DI FERRARA Settore Opere Pubbliche e Mobilità - Ufficio Sicurezza sul Lavoro Settore Pianificazione Territoriale - Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

1. Il progetto e i suoi obiettivi

1. Il progetto e i suoi obiettivi Allegato tecnico 1. Il progetto e i suoi obiettivi L infrastruttura realizzata permette la ricarica delle batterie installate a bordo dei veicoli elettrici (auto e motocicli) in maniera diffusa sul territorio

Dettagli

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali. COMUNE DI VILLABATE Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.it Allegato A Elaborato Tecnico relativo alla gara di appalto per

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Andrea Natale Roma, 16 giugno 2010 0 Il contesto normativo internazionale CEI (Italia) UNI (Italia) CENELEC

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

4/5. Ferro Ingegneria S.r.l. Via Lamarmora n.53 10128 Torino Tel. +390115183920 Fax +390115183920 E-mail: segreteria@ferroingegneria.

4/5. Ferro Ingegneria S.r.l. Via Lamarmora n.53 10128 Torino Tel. +390115183920 Fax +390115183920 E-mail: segreteria@ferroingegneria. TITOLO LAVORO: LAVORO: Adeguamento impianti galleria Valsassina di attraversamento Lecco. PRESTAZIONE: Progettazione Definitiva, Coordinamento Sicurezza in fase progettuale, Direzione lavori operativa.

Dettagli

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA Le norme ed i comportamenti da seguire nelle aree date in concessione alla società Stazioni Marittime s.p.a. L accesso alle aree date in concessione

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DINAMICA TRACCIABILITA TARGHE

Ufficio Territoriale del Governo PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DINAMICA TRACCIABILITA TARGHE Prefettura di Lecco Ufficio Territoriale del Governo PREMESSA PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DINAMICA TRACCIABILITA TARGHE Il progetto attua l art. 2, punto 5 del paragrafo dedicato al Potenziamento del

Dettagli

L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità

L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità Piero Bergamini Responsabile Direzione Servizi Evoluti Autostrade// per l italia Telematic Trends Torino 10 Novembre 2004 1 La rete in gestione Gruppo

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com NORME EN81.20 e EN81.50 www.giovenzana.com La nuova EN 81-20 sostituisce EN 81-2 & EN 81-1. Contiene i requisiti per completare l installazione di ascensori per passeggeri e montacarichi indipendenti

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari FORUM di PREVENZIONE INCENDI - Milano, 19 ottobre 2010 - Andrea Natale 0 Il contesto normativo internazionale

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto)

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

SEGNALETICA DI EMERGENZA PER LA SICUREZZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE

SEGNALETICA DI EMERGENZA PER LA SICUREZZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE SPECIFICA TECNICA RFI DTC ICI ST GA 001 A PAG. 1 di 17 SEGNALETICA DI EMERGENZA PER LA SICUREZZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE 1. GENERALITA, SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE 2. DOCUMENTAZIONE CORRELATA 3. DEFINIZIONI

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA DELLE LIMITAZIONI DI CIRCOLAZIONE SUL LUNGOLAGO

STUDIO DI FATTIBILITA DELLE LIMITAZIONI DI CIRCOLAZIONE SUL LUNGOLAGO STUDIO DI FATTIBILITA DELLE LIMITAZIONI DI CIRCOLAZIONE SUL LUNGOLAGO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 3 novembre 2015 METODOLOGIA : sequenza delle valutazioni modellistiche Fase 1 Attività a) Scenari complessivi

Dettagli

GESTIONE AUTOMATICA PARCHEGGI

GESTIONE AUTOMATICA PARCHEGGI GESTIONE AUTOMATICA PARCHEGGI Il sistema di parcheggio automatico consente di automatizzare tutte quelle operazioni di gestione (bigliettazione, controllo dei posti liberi/occupati, esazione etc.) normalmente

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

La ventilazione del traforo Internazionale del Gran San Bernardo Risultati delle verifiche prestazionali del sistema di ventilazione

La ventilazione del traforo Internazionale del Gran San Bernardo Risultati delle verifiche prestazionali del sistema di ventilazione GALLERIE E GRANDI OPERE SOTTERRANEE La ventilazione del traforo Internazionale del Gran San Bernardo Risultati delle verifiche prestazionali del sistema di ventilazione Roberto ARDITI SINA Luc DARBELLAY

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli