in persona del Giudice Unico dott.ssa Manuela Elburgo ha pronunciato la seguente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in persona del Giudice Unico dott.ssa Manuela Elburgo ha pronunciato la seguente"

Transcript

1 Tribunale Treviso Sezione 1 Civile Sentenza del 10 marzo 2011, n. 462 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI TREVISO PRIMA SEZIONE CIVILE in persona del Giudice Unico dott.ssa Manuela Elburgo ha pronunciato la seguente SENTENZA redatta ai sensi dell'art. 132 c.p.c. come modificato dalla legge 18 giugno 2009 n. 69 nella causa civile n. 7403/2006 R.G. promossa con atto di citazione notificato il 23 ottobre e 2 novembre 2006 da Vo. e Be.As. s.n.c., in persona del legale rappresentante, rappresentata e difesa dall'avv. Fr.Bo. ed elettivamente domiciliata presso lo studio di questi in Dosson di Casier (Treviso), giusta mandato a margine dell'atto di citazione ATTRICE contro Pu.Co. s.n.c. di Pe.An. e Be.Ma., in persona del legale rappresentante, già Pu.As. s.n.c., An.Pe. e Ma.Be. rappresentati e difesi dagli avv.ti Gi.Lo., del Foro di Milano, ed Em.D.Po. ed elettivamente domiciliati presso lo studio di quest'ultimo in Treviso, giusta mandato in calce alla comparsa di costituzione e risposta CONVENUTI Oggetto: Concorrenza sleale Conclusioni per l'attrice: "Preliminarmente nel merito: rigettare l'eccezione preliminare di merito sollevata dai convenuti n quanto tardiva e/o inammissibile, per i motivi tutti meglio evidenziati nella parte espositiva del presente atto. Nel merito: accertare e dichiarare che i sigg. Pe.An. e Be.Ma. personalmente e/o in qualità di soci della società Pu.As. s.n.c. di Pe.An. e Be.Ma. (poi della pure cessata Pu.Co. s.n.c.), anche per il tramite di terzi interposti, hanno posto in essere, ai sensi e per gli effetti dell'art c.c., atti di concorrenza sleale a danno della società attrice favorendo l'attuale loro attività imprenditoriale; per l'effetto, condannare tutti i convenuti, in solido tra loro, al pagamento dell'importo di Euro ,00 a titolo di risarcimento dei danni a qualsivoglia titolo subiti, o quella maggiore o minore somma di giustizia, con interessi e rivalutazione monetaria nel contempo maturati; inibire ai convenuti tutti, altresì, ai sensi dell'art c.c., di porre in essere ulteriori atti di concorrenza sleale a danno della società attrice;

2 accertare la natura dolosa e/o colposa della condotta tenuta dai convenuti ed ordinare la pubblicazione a loro spese della sentenza di condanna e ciò ai sensi e per gli effetti dell'art c.c.; spese, diritti ed onorari rifusi; in ogni caso: rigettare le conclusioni di controparte. In via istruttoria: si insiste per l'ammissione di tutte le istanze dedotte e non ammesse dal Giudice di cui alle memorie ex art. 183, VI co, n. 2 c.p.c. depositata il ed ex art. 183, VI co, n. 3 c.p.c. depositata il "; per i convenuti: "Nel merito in via preliminare: dichiarare l'inammissibilità della domanda proposta dalla Vo. & Be.As. s.n.c. nei confronti della Pu.As. s.n.c. di Pe.An. e Be.Ma. (ora Pu.Co. s.n.c. di Pe.An. e Be.Ma.), nonché nei confronti dei signori An.Pe. e Ma.Be. in proprio, per carenza di legittimazione della stessa società attrice ad esercitare l'azione proposta. Nel merito: rigettare tutte le domande proposte dalla Vo. & Be.As. s.n.c. nei confronti della Pu.As. s.n.c. di Pe.An. e Be.Ma. (ora Pu.Co. s.n.c. di Pe.An. e Be.Ma.), nonché nei confronti dei signori An.Pe. e Ma.Be. in proprio, in quanto infondate in fatto e in diritto. Spese, diritti, onorari rifusi" MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che dal 9 luglio 2007 al 7 maggio 2008 questo Giudice è stato applicato presso la sezione distaccata di Montebelluna. È documentalmente provato (docc. 2 e 3 attorei) che in data 1 gennaio 2001 furono stipulati da parte di Vo. & Be.As. s.n.c. due contratti di sub agenzia in materia assicurativa, uno con Ma.Be. ed uno con An.Pe., in base ai quali questi ultimi avrebbero dovuto operare nell'ambito territoriale, sito nella provincia di Treviso, specificato in ciascun contratto; non è contestato che nell'estate del 2004 entrambi i menzionati contratti di sub agenzia cessarono per recesso dei sub agenti; è, altresì, documentalmente provato (doc. 4 attoreo) che in data 1 settembre 2004 i ridetti Ma.Be. ed An.Pe. costituirono Pu.As. s.n.c. (poi Pu.Co. s.n.c.) e non è contestato (cfr. dichiarazioni rese dall'avv. Em.D.Po. all'udienza dell'1 aprile 2009 sulle circostanze di cui ai capp. 7 e 8 della memoria attorea depositata il 6 aprile 2007) che la società Pu.As. è sorta per svolgere un'attività analoga a quella svolta dalla società Vo. & Be. offerta di polizze assicurative nella medesima zona geografica nella quale i sub agenti Be. e Pe. erano stati incaricati di operare. Sul presupposto che, in concomitanza del recesso dei ridetti sub agenti, e precipuamente dai mesi di settembre/ottobre 2004, la società attrice aveva iniziato a registrare una costante perdita di clientela, nonché sul presupposto che, contravvenendo agli obblighi contrattuali, il Be. e il Pe. avessero trattenuto una copia della banca dati relativa al "portafoglio clienti" della società mandante e sull'ulteriore presupposto che gli ex sub agenti avessero utilizzato le informazioni in loro possesso allo scopo di sviare a proprio favore la clientela già facente capo all'attrice stessa, Vo. & Be.As. s.n.c. promuoveva il presente giudizio al fine di sentir condannare i convenuti al risarcimento del danno patito. Nel costituirsi in giudizio, i convenuti contestavano nel merito la fondatezza della domanda attorea, deducendo di non aver mai posto in essere alcuna attività di concorrenza sleale, bensì di essersi, al più, avvantaggiati della fiducia riposta dai vari clienti, i quali, anziché rimanere legati alla compagnia di assicurazione per la quale operavano il Be. e il Pe. quali sub agenti, avevano preferito "seguire" questi ultimi anche presso la nuova compagnia di assicurazione.

3 Ciò premesso, ritiene questo Giudice di non poter accogliere la domanda attorea per le motivazioni di seguito esposte. Il fatto che nella presente causa si controverta del supposto sviamento della clientela collocata in una ben determinata area geografica nella quale si trovano ad operare sia l'odierna attrice, sia la società costituita dai convenuti Pe. e Be. induce questo Giudice a ritenere che, sebbene il "pacchetto clienti" sia formalmente riconducibile alla compagnia di assicurazione mandante, è indubbio che nella sostanza esso viene gestito dall'agente di zona con l'apparato organizzativo di cui si dota e che, pertanto, questi è il sostanziale soggetto passivo dell'eventuale attività di concorrenza sleale posta in essere da chi agisca nel medesimo ambito territoriale e nello stesso settore merceologico. Quanto al merito, giova prendere le mosse dalla constatazione che, secondo l'assunto attoreo, l'attività di concorrenza sleale posta in essere dagli odierni convenuti sarebbe consistita nella cosiddetta concorrenza parassitarla e si sarebbe concretizzata nell'aver utilizzato, anche dopo la cessazione del rapporto di sub agenzia, il "portafoglio clienti'' facente capo alla società Vo. & Be.As. al fine di contattarla e sviarla, ossia di indurla a stipulare polizze assicurative con la diversa compagnia con la quale il Be. e il Pe. iniziarono a collaborare dopo essere receduti dal contratto di sub agenzia e ciò mediante l'invio di materiale pubblicitario e la proposta di condizioni economicamente più vantaggiose. Ebbene, non è contestato ed è documentalmente provato (docc. 102 e 104 attorei) che quando fu stipulato il contratto di sub agenzia, la società Vo. & Be.As. diede a ciascuno dei due sub agenti un portafoglio di clienti, ovviamente in relazione all'ambito territoriale nel quale essi erano stati incaricati di operare, e all'esito dell'istruttoria svolta nel corso del presente giudizio deve ritenersi provato che in costanza di rapporto sia il Be., sia il Pe. riuscirono ad ampliare il "portafoglio clienti": così ha espressamente dichiarato Fr.Be. rispondendo alla circostanza capitolata sub 2 nella memoria di parte convenuta depositata il 4 aprile 2007 (cfr. verbale udienza dell'1 aprile 2009) ed è quanto emerge da un raffronto tra i citati documenti attorei nn. 102 e 104 e i documenti attorei dimessi sub 103 e 105 contenenti un elenco dei contratti facenti capo alla società attorea e disdettati nel periodo tra l'1 settembre 2004 e il 31 dicembre Si può notare come parecchie polizze assicurative identificate ciascuna con un numero oggetto di disdetta non compaiono nel portafoglio di cui ai menzionati documenti nn. 102 e 104, a dimostrazione del fatto che nei poco più di tre anni di collaborazione i due sub agenti provvidero, peraltro in ottemperanza agli obblighi negoziali, ad ampliare la clientela, clientela che, comunque, non poteva che far capo alla mandante. Poiché nessuna contestazione è stata sollevata sul punto, si può ritenere provato che, nell'arco temporale tra l'1 settembre 2004 e il 31 dicembre 2006, Vo. & Be.As. s.n.c. ebbe a ricevere la disdetta di tutti i contratti elencati nei ridetti documenti attorei nn. 103 e 105 i quali, per buona parte, coincidono con le dichiarazioni di disdetta di cui ai documenti attorei da 15 a 85 e da 106 a 119 ; bisogna, allora, stabilire se tale dato fattuale sia riconducile ad una attività di concorrenza sleale svolta dagli odierni convenuti. A sostegno del proprio assunto la società attorea ha, anzitutto, dimesso (citati docc. da 15 a 85) plurime deleghe al ritiro dell'attestato di rischio con incarico agli odierni convenuti o a persone ad essi riconducibili. Va subito detto che, sebbene tali deleghe rappresentino un indizio del fatto che i clienti possano aver successivamente incaricato il Be. e il Pe. anche a stipulare nuove polizze con la "nuova" compagnia di assicurazione, esse, in mancanza di altri elementi probatori eventualmente anche mediante l'escussione testimoniale dei "deleganti" non consentono di ritenere raggiunta la prova del "passaggio" di clientela dedotto dall'attrice. Sempre a supporto delle proprie allegazioni la società attorea ha, in secondo luogo, versato in atti un "invito personale" all'inaugurazione dell'agenzia T. di Roncade da parte di Ma.Be.

4 (docc. da 5 a 13 attorei, di cui, però, i documenti nn. 12 e 13 sono mera ripetizione dei documenti nn. 5 e 6) e all'inaugurazione dell'agenzia T. di Mogliano Veneto da parte di An.Pe. (docc. da 95 a 101 attorci, ove, però, l'invito di cui al documento n. 101 deve essere considerato anonimo, essendo stato cancellato il nominativo del destinatario) a talune persone, all'evidente scopo di pubblicizzare l'apertura di una nuova agenzia e, dunque, di acquisire clientela. Ora, dalla disamina dei documenti testé citati e all'esito di un raffronto con i sopra menzionati documenti da 102 a 105, si deve notare, in relazione ai destinatari dell'invito personale", che Mi.Cr., Za.Da., Ge.Al. e Sc.Fo., Sc.Fo., Ge.Gu., Ba.Ma.Cr., Ca.Br., Fa.Gi., Bo.Lu., Gu.An., Cr.Gi., Ta.L.Fe. compaiono nel "portafoglio clienti", ma non compaiono nell'elenco dei nominativi relativi ai contratti disdettati; solo Bo.Da. compare sia nell'elenco del "portafoglio clienti", sia nell'elenco dei nominativi relativi ai contratti disdettati. Parte attrice si era, inoltre, offerta di provare per via testimoniale che i clienti di Vo. & Be. s.n.c. furono contattati dal Be. e dal Pe., anche tramite soggetti da loro incaricati, per indurii a recedere dai contratti in essere con la società attorea mediante l'offerta di condizioni assicurative più vantaggiose. Va detto che le testimoni escusse sul punto (cfr. verbale udienza dell'1 aprile 2009) hanno reso dichiarazioni per nulla significative: Sa.Ba. ha solo riferito che più di qualche cliente aveva chiesto un preventivo con offerte più vantaggiose, giacché aveva ricevuto una lettera da parte di "T.As." ove erano state indicate condizioni più vantaggiose, senza, tuttavia, essere in grado di indicare i nominativi, tranne che per Ge.Al. e Sc.Fo., i quali, tuttavia, come sopra evidenziato, non compaiono tra i "contratti disdettati"; inoltre, poiché la testimone ha detto di essersi limitata a fare un'offerta, non è dato sapere se poi le pretese condizioni più vantaggiose siano state applicate. La teste Ro.Ca. si è limitata a riferire che in ufficio aveva sentito dire che ai clienti della società Vo. & Be. erano arrivati dei volantini di invito per l'inaugurazione di un nuovo ufficio, precisando, tuttavia, di non aver neppure visto i volantini in questione. La società attorea aveva anche richiesto a questo Giudice di ordinare alla controparte di esibire il proprio "portafoglio clienti" ed, in particolare, le polizze stipulate con i soggetti espressamente indicati. Al riguardo non si può che ribadire la decisione di non dar corso a tale istanza istruttoria, giacché è indubbio che essa si appalesa assolutamente generica in relazione all'esibizione dell'intero "portafoglio clienti" ed esplorativa con riguardo all'esibizione delle polizze asseritamente contratte con i soggetti precipuamente indicati nella memoria depositata il 6 aprile 2007: infatti, prima di dare eventualmente corso all'istanza di esibizione, sarebbe stato onere dell'attrice dimostrare che le polizze in questione sono state effettivamente stipulate, laddove richiamando anche quanto sopra enunciato in relazione alle deleghe di cui ai documenti attorei da 15 a 85 tale fatto non emerge dagli elementi probatori offerti alla valutazione di questo Giudice. Si deve, invero, osservare che la prova della stipulazione di polizze assicurative con gli odierni convenuti è emersa con riguardo a Fr.Fe., De.Pi. e Fl.Ro., i quali, escussi come testimoni all'udienza dell'1 aprile 2009, hanno tutti dichiarato di aver ricevuto la comunicazione di cui al documento dimesso sub 3 dalla difesa dei convenuti (con cui Vo. & Be.As. s.n.c. comunicava alla clientela la cessazione del rapporto di collaborazione tra Vi.As. ed An.Pe.) e di aver autonomamente deciso, al momento di rinnovare le polizze, di contattare An.Pe. o Ma.Be. avendo fiducia in questi. In relazione agli elementi probatori offerti alla valutazione di questo Giudice, rimane da evidenziare che parte attrice, nella propria memoria ex art. 183, comma VI n. 3, c.p.c. ha dichiarato non essere contestate le circostanze di cui ai capitoli 4, 5 e 6 della memoria a prova diretta di controparte, ossia che la clientela della zona di competenza del Pe. e della zona di competenza del Be. furono informati, mediante l'invio di lettera analoga a quella di cui al

5 menzionato documento n. 3, della cessazione del rapporto di collaborazione tra i predetti e la compagnia Vi.As.. Orbene, alla luce della valutazione complessiva degli elementi probatori emersi nel corso del giudizio, si può affermare che, in concomitanza e successivamente alla cessazione del rapporto di lavoro tra l'odierna attrice e i sub agenti Be. e Pe., i clienti di cui agli elenchi sopra indicati diedero disdetta delle polizze assicurative in essere con la compagnia di assicurazione Vi.; tuttavia, non è dato sapere, se non per i sopra citati Fe., Pi. e Ro., se e quanti tra i detti clienti riconducigli alla società Vo. & Be.As. siano "passati" con la compagnia di assicurazione per la quale dal settembre 2004 il Pe. e il Be. hanno iniziato a collaborare. Già per tale aspetto difetta di prova l'assunto attoreo secondo cui vi sarebbe stato uno sviamento di clientela. È ben vero che gli "inviti personali" di cui ai ridetti documenti attorci da 5 a 13 e da 95 a 101 costituiscono un elemento indiziario del fatto che il Pe. e il Be. pubblicizzarono le nuove agenzie, che avrebbero aperto di lì a poco, anche presso la clientela riconducibile alla compagnia di assicurazione per la quale avevano, nella sostanza, in precedenza lavorato, tuttavia, non ritiene questo Giudice che tale condotta integri in sé un'ipotesi di concorrenza sleale. Sebbene sia verosimile ritenere che il Pe. e il Be. abbiano indirizzato la promozione dell'intraprendenda attività a nominativi conosciuti in virtù del precedente rapporto di sub agenzia, non risulta che trattasi di nominativi sui quali la società attorea aveva un diritto di esclusiva, neppure al momento della cessazione del rapporto di lavoro, sicché l'invio di materiale promozionale, seppur a destinatari mirati e potenzialmente interessati, va ricondotto all'aspetto fisiologico della concorrenza consistente, tra l'altro, nel far conoscere la propria presenza sul mercato anche presso la clientela altrui al fine di accaparrarsela ed eventualmente fidelizzarla presso di sé. In ogni caso, si deve ricordare che tra tutti i destinatari degli "inviti personali", solo Da.Bo. risulta aver disdetto le polizze presso Vi.As. e peraltro non è dato sapere se egli sia "passato" con gli odierni convenuti, sicché, almeno stando all'esito probatorio del presente giudizio, l'attività promozionale di cui si controverte non ha avuto un riscontro significativo. Si deve aggiungere che fin dalla cessazione del rapporto di lavoro con i subagenti Pe. e Be., la società attorea si è premurata di rendere edotta la propria clientela di tale circostanza e ciò mediante l'invio di missive di contenuto equiparabile a quello di cui alla comunicazione dimessa sub 3 dal patrocinio dei convenuti; pertanto, non può sussistere il dubbio che taluni degli originari clienti di Vi.As. siano eventualmente "passati" ammesso che ciò sia effettivamente avvenuto con la "nuova" compagnia di assicurazione sull'erroneo presupposto di continuare a dar corso alle polizze sostanzialmente già in essere con l'odierna attrice. Anzi e per converso, tutti e tre i testimoni che sono "passati" alla "nuova" compagnia di assicurazione hanno dichiarato di averlo fatto consapevolmente, giustificando tale scelta con il rapporto particolarmente fiduciario, in alcuni casi anche di amicizia e in senso lato di parentela, con il Pe. o con il Be.. Le considerazioni da ultimo svolte inducono ad evidenziare che, anche ammesso che parte della clientela originariamente riconducibile all'attrice sia "passata" con i convenuti ed anche ammesso che tale "passaggio" sia avvenuto a fronte dell'attività di promozione svolta dal Pe. e dal Be. si richiama quanto sopra enunciato in ordine alla insufficienza probatoria emersa sul punto, nessuna prova è stata raggiunta in ordine al fatto che i clienti siano stati attratti da offerte economiche particolarmente vantaggiose: come già esposto, alcunché di significativo è emerso dalle dichiarazioni delle testi Ba. e Ca., mentre dalla deposizione dei testi Fe., Pi. e Ro. è emerso che l'aspetto economico non ha influito minimamente nella loro scelta.

6 Rimane da aggiungere che va rigettata, in quanto assolutamente tardiva, la richiesta formulata dal patrocinio attoreo in sede di precisazione delle conclusioni (cfr. verbale udienza del 25 novembre 2011) di poter produrre il "certificato di assicurazione" di tal Pa.Bo., con il quale si pretenderebbe di dimostrare che i convenuti hanno applicato sconti del 47,87% per accaparrarsi la clientela. Pertanto, tale documento non può essere valorizzato al fine di dimostrare l'effettiva sussistenza in capo agli odierni convenuti di una condotta sussumibile nell'ipotesi della concorrenza sleale. Ne consegue che, non essendo stati provati gli assunti attorei secondo cui gli odierni convenuti avrebbero posto in essere un'attività di concorrenza sleale, la domanda attorea non può essere accolta. Rimangono assorbite le altre questioni. Per quanto concerne la regolamentazione delle spese di lite ritiene questo Giudice di poterle compensare sul presupposto che, sebbene la domanda attorea sia stata rigettata, tale rigetto si fonda sostanzialmente sull'insufficienza degli elementi indiziari offerti, i quali, appunto, valevoli come indizi non sono connotati di adeguata gravita, precisione e concordanza al fine di costituire una prova. P.Q.M. Il Tribunale, decidendo definitivamente nella causa n. 7403/2006 R.G., ogni diversa istanza, eccezione e deduzione disattesa, così pronuncia: 1) rigetta la domanda attorea; 2) compensa tra le parti le spese di lite. Così deciso in Treviso, il 7 marzo Depositata in Cancelleria il 10 marzo 2011.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Tribunale Trieste, civile. Sentenza 11 ottobre 2011, n. 1082

Tribunale Trieste, civile. Sentenza 11 ottobre 2011, n. 1082 www.lex24.ilsole24ore.com Tribunale Trieste, civile Sentenza 11 ottobre 2011, n. 1082 Integrale - RESPONSABILITA' MEDICA - PAZIENTE - DOMANDA GIUDIZIALE - RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE DELLA STRUTTURA SANITARIA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE.

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. CASS. CIV., SEZ. III, 13 LUGLIO 2011, N. 15394. Gli enti sportivi sono tenuti a tutelare la salute degli atleti anche attraverso la prevenzione

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni ISTRUZIONI PRATICHE relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni La presente edizione coordina le istruzioni pratiche relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni adottate il 15 ottobre 2004 (GU

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Tribunale Bari, Sezione L civile. Sentenza 15 gennaio 2014, n. 215

Tribunale Bari, Sezione L civile. Sentenza 15 gennaio 2014, n. 215 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Tribunale Bari, Sezione L civile Sentenza 15 gennaio 2014, n. 215 Integrale INQUADRAMENTO E MANSIONI - RISARCIMENTO DEL DANNO NON PATRIMONIALE - DANNO DERIVANTE DA DEMANSIONAMENTO

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

-vi; Ma Lu Ta, col proc. dom. aw. AII Pil e Ne Fa1 n.,mi SENTENZA. Mc~ Ne, -ri&rrente- Con ric0rs0 al Tribunale di Milano, sezione lavoro, Ma LU Tal

-vi; Ma Lu Ta, col proc. dom. aw. AII Pil e Ne Fa1 n.,mi SENTENZA. Mc~ Ne, -ri&rrente- Con ric0rs0 al Tribunale di Milano, sezione lavoro, Ma LU Tal SENTENZA Nella causa n. 4626 R.G. 2005 promossa da Ma Lu Ta, col proc. dom. aw. AII Pil e Ne Fa1 n.,mi -vi; Mc~ Ne, -ri&rrente- Svolgimento del processo 3 Con ric0rs0 al Tribunale di Milano, sezione lavoro,

Dettagli

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte «Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte» (Cassazione civile, Sez. III - Sentenza 17 Marzo 2015, n.5197) Invalidità permanente responsabilità

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SECONDA SEZIONE CIVILE composta da: dott. Silvio Sorace- Presidente-

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SECONDA SEZIONE CIVILE composta da: dott. Silvio Sorace- Presidente- REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SECONDA SEZIONE CIVILE composta da: dott. Silvio Sorace- Presidente- dott.paolocosta-cons.rel.- dott.rosamariadell'erba-cons.- riunita

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli