Copyright Esselibri S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright Esselibri S.p.A."

Transcript

1 CAPITOLO TERZO LE SINGOLE FATTISPECIE DI CONCORRENZA SLEALE Sommario: 1. Atti di confusione Denigrazione e appropriazione di pregi Atti contrari alla correttezza professionale. 1. ATTI DI CONFUSIONE L art c.c., al n. 1, dispone che compie atti di concorrenza sleale chiunque «usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti o con l attività di un concorrente». Carattere comune alle fattispecie contemplate da questa norma è l idoneità a produrre confusione con i prodotti e con l attività di un concorrente, ossia l idoneità a convincere i consumatori che un prodotto e/o un attività provengono da un certo imprenditore mentre in realtà sono da ricondurre ad un imprenditore diverso (VANZETTI-DI CATALDO). A) Atti di confusione e segni distintivi La prima delle tre fattispecie previste dall art. 2598, n. 1, c.c. è quella di chi «usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri». È evidente che la norma è da intendersi riferita ai segni distintivi nella loro accezione più ampia (segni denominativi, emblematici, figurativi) comprendente sia i segni tipici, (aspetto questo che pone problemi di compatibilità con la tutela già approntata per essi) sia qualsiasi altro segno atipico (sigla, emblema etc.) che possa essere adottato in un attività di impresa. Non esistendo, per i segni distintivi atipici, un sistema di registrazione e, quindi, una presunzione di «validità» del segno, l onere di provare la presenza in esso dei requisiti di tutelabilità graverà, secondo i principi generali, su colui che ne invoca la tutela.

2 16 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza Peraltro, per essere protetto dalla norma in esame, il segno distintivo imitato deve essere: dotato di capacità distintiva, ossia idoneo a distinguersi dalle indicazioni generiche del prodotto o dell attività; dotato di novità, in quanto capace di differenziarsi dai segni anteriormente utilizzati da altri per prodotti o attività dello stesso genere; concretamente utilizzato nel mercato. Come va misurata la confondibilità di un segno distintivo o di un prodotto? La confondibilità di un prodotto o di un segno distintivo va accertata in relazione alle conseguenze che l atto concorrenziale possa avere sul c.d. consumatore medio dotato di ordinaria diligenza, tenendo conto che questi di regola, non effettua le proprie scelte in base a mirate e documentate valutazioni comparative fra prodotti, bensì confrontando la realtà con il ricordo di precedenti esperienze attraverso una stima complessiva che prescinde da elementi marginali di differenziazione rilevabili solo ad un esame attento. Quando l atto concorrenziale sia in grado di ingenerare confusione nel consumatore medio esso sarà dunque perseguibile. Va tuttavia precisato che il consumatore medio a cui si fa riferimento, va individuato tenendo conto anche della destinazione abituale di un prodotto con la conseguenza che se la cerchia dei destinatari è particolarmente qualificata sul piano professionale ciò può portare ad escludere la potenzialità confusoria dell atto. Si discute, però, se tra i segni menzionati dall art c.c. debbano realmente rientrare anche quelli tipici, come la ditta, l insegna ed il marchio registrato posto che, come abbiamo accennato, questi sono già tutelati dalla legge: in altri termini, ci si chiede se una contraffazione di ditta o di marchio registrato, già sanzionata specificamente dal Codice della proprietà industriale, costituisca anche atto di concorrenza sleale ai sensi dell art. 2598, n. 1, c.c. La stessa norma, facendo salve le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi, sembra ammettere la possibilità di un concorso delle due tutele. Tuttavia va precisato che: per il marchio la sua contraffazione non costituisce sempre e comunque anche un atto di concorrenza sleale confusoria. Mentre, infatti, il Codice protegge il marchio su tutto il territorio nazionale, a prescindere dall uso di esso e dall estensione di tale uso, l art c.c., invece, fa dell uso anteriore del segno e della sua sovrapposizione territoriale con quello dell imitatore, due fatti costitutivi dell illecito. Ne consegue che non si potrà agire in concorrenza sleale quando il marchio contraffatto non sia stato usato o quando il suo uso sia territorial-

3 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale mente limitato in modo da non creare una sovrapposizione (VANZETTI - DI CATALDO); per la ditta, la fattispecie contemplata dall art c.c. in tema di ditta regolare, ossia la confondibilità «per l oggetto dell impresa e per il luogo in cui questa è esercitata», corrisponde con quella dell imitazione confusoria prevista dall art. 2598, n. 1, c.c. Le due norme, sono però diverse dal punto di vista delle sanzioni. L art c.c., infatti, si limita ad imporre integrazioni o modifiche idonee a differenziare la ditta del contraffattore; l art c.c., invece, in tema di concorrenza sleale, prevede l inibitoria, l emanazione di opportuni provvedimenti per rimuovere gli effetti dell atto confusorio, il risarcimento del danno e la pubblicazione della sentenza. Esiste una tutela specifica per il domain name? L uso di un domain name su Internet che riproduca un marchio registrato da altra società e da essa stessa utilizzato quale domain name per la fornitura di servizi sulla rete telematica, oltre ad integrare la fattispecie di contraffazione del marchio, costituisce atto di concorrenza sleale ed è pertanto illegittimo, in quanto attività idonea a creare confusione tra gli utenti limitatamente ai servizi resi da entrambi i soggetti nel medesimo settore di attività (in tal senso si è espressa la giurisprudenza prevalente; v. da ultimo Cass , n. 2794). Accanto all ipotesi di uso abusivo di un marchio come nome di dominio, si deve considerare l ipotesi di utilizzo di segni distintivi appartenenti ad altra azienda, mediante la diffusione di messaggi allocati in siti Internet. Questo è un modo per ingenerare nella clientela confusione sulla effettiva provenienza dei prodotti e sulla identità personale dell imprenditore, determinando sicuramente perdita e sviamento di clientela data la capillare diffusione del sistema telematico. B) L imitazione servile L art. 2598, n. 1, c.c. contempla, come seconda delle tre fattispecie, la c.d. imitazione servile, sancendo che compie atti di concorrenza sleale chiunque «imita servilmente i prodotti di un concorrente». Tale formula che, ad una prima lettura, sembrerebbe vietare qualsiasi imitazione degli altrui prodotti, purché fedele e pedissequa, è stata nel tempo oggetto di interpretazioni sempre più restrittive. Un primo limite concerne le parti del prodotto la cui imitazione può definirsi illecita. Considerando, infatti, che l imitazione servile è inserita in un contesto che tratta della concorrenza confusoria, deve ritenersi vietata dalla norma soltanto l imitazione delle parti appariscenti, esterne del prodotto in quanto solo l imitazione di esse può, appunto, ingenerare confusione in chi guarda il prodotto. 17

4 18 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza In questa sede interessa soprattutto considerare la registrazione di disegni e modelli ed il brevetto per modello di utilità, in quanto riguardano essenzialmente la forma del prodotto e cioè proprio l oggetto della tutela contro l imitazione servile. Orbene: la durata della registrazione per modello e disegno industriale è di cinque anni (prorogabile fino ad un massimo di venticinque), mentre quella del brevetto per modello di utilità è di dieci anni. Superati questi limiti di tempo, le forme dei prodotti in cui consistono le innovazioni, possono essere liberamente imitate da chiunque, in quanto di pubblico dominio. L art. 2598, n. 1, c.c., invece, concede contro l imitazione servile una tutela potenzialmente perpetua; pertanto, chi adotta una forma distintiva per il proprio prodotto potrà vietare a chiunque di imitarla senza limiti di tempo. Per evitare, allora, una totale disapplicazione delle norme sui brevetti, si è affermata la necessità di interpretare restrittivamente il divieto di imitazione servile, nel senso di escludere dal suo ambito applicativo tutte le forme, funzionali (quelle che conferiscono una particolare funzionalità a macchine, utensili etc.) ed ornamentali (quelle destinate a migliorare l estetica dei prodotti), idonee a costituire oggetto di protezione brevettuale e, come tali, già tutelate nei limiti temporali stabiliti dalla legge. In particolare si è giunti a sostenere che l accoglimento della domanda di concorrenza sleale sia subordinato all accertamento che la forma imitata non sia suscettibile di tutela brevettuale e che le forme suscettibili di costituire oggetto di registrazione come modello o disegno industriale o di brevettazione come modello di utilità sono liberamente imitabili ove non siano state registrate o non lo siano più per la scadenza del relativo brevetto. C) Gli «altri mezzi» idonei a creare confusione La terza fattispecie dell art. 2598, n. 1, c.c., reprimendo gli «altri mezzi» con cui si compiano atti confusori, rappresenta una norma di chiusura con la quale il legislatore intende escludere la liceità di qualsiasi atto confusorio. Poiché, però, gli atti confusori richiedono, per compiersi, l uso di segni distintivi confondibili e sono perciò riconducibili alla prima parte della norma, l applicazione giurisprudenziale della fattispecie in esame è estremamente rara e concerne di solito ipotesi di appropriazione di segni distintivi inusuali, quali ad esempio: l uso, sui furgoni per la distribuzione dei prodotti, di colori identici a quelli utilizzati dal concorrente;

5 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale l imitazione delle caratteristiche esteriori degli altrui stabilimenti; l uso di fotografie di prodotti altrui nel proprio materiale pubblicitario; la copiatura di cataloghi o dépliant. 2. DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI Il n. 2 dell art c.c. disciplina due diverse ipotesi di concorrenza sleale: la denigrazione; l appropriazione di pregi. Secondo la norma in esame, infatti, compie atti di concorrenza sleale chiunque «diffonde notizie ed apprezzamenti sui prodotti e sull attività di un concorrente, idonei a determinarne il discredito, o si appropria dei pregi dei prodotti o dell impresa di un concorrente». A) La denigrazione La denigrazione, consiste nella diffusione di notizie ed apprezzamenti sui prodotti e sull attività di un concorrente, idonei a determinarne il «discredito» (vale a dire la perdita o la diminuzione della fiducia di cui un impresa ed i suoi prodotti godono sul mercato) e a procurare, così, «un danno concorrenziale» (dovuto ad es. alla perdita di clientela o addirittura dei dipendenti, a difficoltà di rapporti con i fornitori etc.). Per diffusione di notizie e di apprezzamenti negativi non deve intendersi solo la divulgazione di questi ad una pluralità di soggetti, ma anche la comunicazione ad un solo soggetto o ad «una cerchia ristretta di persone», sempreché ne derivi un danno concorrenziale (rileva, a tal proposito, anche la perdita di un singolo affare se è la conseguenza di una notizia screditante) (VANZETTI-DI CATALDO). Rientrano in tale nozione anche notizie sullo stato di dissesto o di difficoltà economiche dell impresa concorrente (perché possono determinare per quest ultima un danno concorrenziale) oppure notizie attinenti alla personale reputazione del concorrente nel caso possano avere riflessi concorrenziali. È ammissibile la diffusione di notizie vere, per quanto screditanti? Secondo la dottrina dominante (VANZETTI-DI CATALDO, GHIDINI) e gran parte della giurisprudenza, la diffusione di notizie vere, anche se comporti il discredito del concorrente, può ritenersi lecita, sempre che si tratti di notizie ed apprezzamenti non soltanto rigorosamente veri ma anche esposti in modo obiettivo poiché suffragano il diritto del consumatore alla formazione di un giudizio completo. 19

6 20 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza I casi più frequenti di denigrazione si legano al fenomeno della pubblicità comparativa. La comparazione consiste nel raffronto del proprio prodotto con quello di un concorrente, con una valutazione positiva del primo e una conseguente valutazione negativa (anche implicita) del secondo. Il Codice del consumo (D.Lgs. 6 settembre 2005 n. 206), recependo quanto già disposto dal D.Lgs. n. 67/2000 disciplina la pubblicità comparativa, ritenendo ammissibile tale forma pubblicitaria a determinate condizioni di liceità. La pubblicità comparativa è ritenuta lecita qualora siano soddisfatte, le seguenti condizioni: non sia ingannevole; confronti beni o servizi che soddisfano gli stessi bisogni o si propongono gli stessi obiettivi; confronti obiettivamente una o più caratteristiche essenziali, pertinenti, verificabili e rappresentative, compreso eventualmente il prezzo, di tali beni e servizi; non ingeneri confusione sul mercato fra l operatore pubblicitario ed un concorrente o tra i marchi, le denominazioni commerciali, altri segni distintivi, i beni o i servizi dell operatore pubblicitario e quelli di un concorrente; non causi discredito o denigrazione di marchi, denominazioni commerciali, altri segni distintivi, beni, servizi, attività o circostanze di un concorrente; per i prodotti recanti denominazione di origine, si riferisca in ogni caso a prodotti aventi la stessa denominazione; non tragga indebitamente vantaggio dalla notorietà connessa al marchio, alla denominazione commerciale o ad altro segno distintivo di un concorrente o alle denominazioni di origine di prodotti concorrenti; non rappresenti un bene o servizio come imitazione o contraffazione di beni o servizi protetti da un marchio o da una denominazione commerciale depositati. Anche nelle magnificazioni dei propri prodotti, prive di riferimenti espliciti a quelli altrui, può essere implicito un messaggio denigratorio (ad es. quando si presenti il proprio prodotto o la propria impresa con il superlativo relativo, lasciando così intendere la sua unicità); tuttavia, la giurisprudenza tende ad essere indulgente verso tale specie di magnificazione e a

7 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale considerarla lecita se si presenta come generica o palesemente iperbolica (il mio prodotto è «migliore», «il più moderno», «il panettone M non è un panettone, ma Il panettone»). B) L appropriazione dei pregi L art c.c., al n. 2, afferma che compie atti di concorrenza sleale anche chi «si appropria di pregi dei prodotti o dell impresa di un concorrente». Per pregi si intendono non delle entità materiali appartenenti all impresa aggredita ma delle qualità dell impresa stessa o dei suoi prodotti; più precisamente, costituiscono pregi «tutti i fatti riguardanti i caratteri dell impresa, i risultati da essa conseguiti o le qualità dei prodotti o dei servizi che per il pubblico rappresentino o possano rappresentare motivi di apprezzamento positivo e quindi di preferenza dell impresa e delle sue prestazioni rispetto alle altre imprese». Con l espressione appropriarsi di pregi deve, inoltre, intendersi l autoattribuzione di qualità e caratteristiche positive che in realtà non si posseggono e che sono invece presenti nei prodotti o nell impresa di un concorrente (VANZETTI - DI CATALDO). Rientra nella fattispecie in esame, ad esempio, il caso di chi si dichiari concessionario o distributore ufficiale di una celebre marca, pur non essendolo a differenza di altri; o il caso di chi dichiari di sottoporre i suoi prodotti al controllo di un istituto specializzato, pur non facendolo; o il caso di chi affermi la presenza nei propri prodotti di una determinata materia prima pregiata che in realtà non impiega, a differenza di altri. Sempre nell ambito dell «appropriazione di pregi», si parla di agganciamento alla notorietà altrui, quando chi si propone al pubblico lo fa equiparandosi in modo esplicito ad un concorrente noto o ai suoi prodotti, approfittando, così, del frutto dell altrui lavoro o investimento (ossia della conoscenza e del credito di cui quel prodotto o quell impresa sono giunti a godere sul mercato stesso): si comprende bene come caratteristica principale di tale fattispecie sia proprio la sua natura parassitaria. Esempi classici di agganciamento sono: l impiego sul proprio prodotto, oltre che del proprio marchio, del marchio altrui preceduto dalla parola «tipo» o «modello» o simili (scarpe «tipo Tod s», automobile «tipo Fiat»); 21

8 22 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza l immissione sul mercato di un nuovo prodotto con una forma analoga a quella di un prodotto già noto, anche se con un marchio denominativo del tutto diverso. Altri casi di appropriazione dei pregi sono: la presentazione, come realizzazione propria, di un manufatto realizzato, invece, da un concorrente (ciò si verifica, ad esempio, con la pubblicazione o distribuzione di dépliant e cataloghi con fotografie di prodotti altrui presentati come propri); l impiego di una falsa denominazione di origine alla quale vengono ricondotte determinate caratteristiche e pregi del prodotto. 3. ATTI CONTRARI ALLA CORRETTEZZA PROFESSIONALE Il n. 3 dell art c.c. costituisce, come abbiamo anticipato, una clausola generale che definisce come concorrenza sleale «tutti gli atti non conformi ai principi della correttezza professionale e idonei a danneggiare l altrui azienda». La funzione di tale clausola dovrebbe essere quella di consentire la classificazione di fattispecie diverse da quelle previste nei nn. 1 e 2 dell art c.c.; tuttavia, data la rarità di fattispecie «inedite» da classificare, il n. 3 dell art c.c., come sostiene parte della dottrina (VANZETTI-DI CA- TALDO), funge da «contenitore» di fattispecie tipizzate, già individuate (almeno in gran parte) prima dell entrata in vigore del codice, che vengono ricondotte alla norma in esame per trovare una loro collocazione. Altresì, l elasticità del disposto normativo consente di adeguare la disciplina della concorrenza all evoluzione della vita economica e allo svilupparsi di tecniche concorrenziali sempre più affinate. A) I messaggi ingannevoli Tra le fattispecie di concorrenza sleale ricondotte al n. 3 dell art c.c., il mendacio concorrenziale è senza dubbio una delle più importanti. Nonostante se ne parli spesso con riferimento ad una sua particolare ipotesi, ovvero alla pubblicità menzognera, l illiceità si estende a qualsiasi comunicazione, qualsiasi messaggio rivolto ai potenziali consumatori o fruitori di determinati prodotti o servizi, che non corrisponda a verità, e che sia idoneo ad ingannare i suoi destinatari e a provocare, così, un danno concorrenziale. Il mendacio concorrenziale si distingue dall appropriazione di pregi in quanto non colpisce un concorrente determinato, mentre in quest ultima

9 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale fattispecie alla falsa attribuzione di un pregio corrisponde la sottrazione dello stesso ad un soggetto determinato, che subisce, in conseguenza, un pregiudizio. La condizione di illiceità del messaggio ingannevole è rappresentata dalla sua idoneità a ingannare, ossia dall idoneità ad indurre i destinatari della comunicazione in errore. In base a quanto detto è possibile distinguere: le menzogne innocue, che vengono sottratte alla qualifica di illiceità perché inadatte ad indurre in errore il destinatario; le affermazioni iperboliche, le palesi esagerazioni, le vanterie da un lato, e le affermazioni generiche, prive di significato preciso, dall altro, che sono da ritenersi anch esse inadatte ad ingannare; le mezze verità, le comunicazioni ambigue, i messaggi in cui siano omesse notizie essenziali o in cui ci sia inganno sulla composizione materiale del prodotto o sull origine di esso, che sono, invece, da ritenersi fattispecie vietate (sempre che possano indurre il consumatore in errore). È da rilevare, inoltre, che per giudicare l attitudine di un determinato messaggio ad ingannare è bene considerare: le modalità della sua diffusione presso il pubblico. Per il messaggio diffuso con una campagna pubblicitaria l attitudine ad ingannare sarà maggiore rispetto a quella di un messaggio diffuso attraverso la stampa qualificata, diretta cioè ad un pubblico particolarmente esperto; il tipo di prodotto interessato dal messaggio. Il giudizio di valutazione dell idoneità ad ingannare sarà più severo per affermazioni mendaci riguardanti i prodotti di maggior consumo. B) Le manovre sui prezzi: i ribassi e le vendite sottocosto In generale non si potrebbe negare la liceità dei ribassi di prezzo senza negare il concetto stesso di libera concorrenza; tuttavia, in certi casi, tale manovra può produrre effetti negativi sul mercato. Si devono considerare lecite le violazioni di prezzi imposti dal produttore al rivenditore (anche se tale tipo di ribasso può sembrare scorretto e perciò concorrenzialmente illecito) in seguito all entrata in vigore della legge italiana antitrust (L. n. 287/1990) che all art. 2, 2 comma, lett. a) vieta quelle intese che fissano «direttamente o indirettamente i prezzi di acquisto o di vendita». Viene, così, negata la validità dello stesso patto che impone il 23

10 24 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza prezzo, e ciò elimina in radice la possibilità di configurare un illecito concorrenziale. Sono ritenuti leciti anche quei casi di vendita sottocosto (vendita fatta ad un prezzo inferiore sia al costo del prodotto per l impresa venditrice, sia al costo medio del prodotto per gli altri imprenditori), giustificata da esigenze dell impresa e limitata nel tempo (ad es.: campagne promozionali, liquidazioni di fine stagione, vendite volte a limitare le perdite in un periodo di crisi di mercato). Si devono, invece, considerare illeciti i casi di vendita sottocosto, caratterizzati da un fine monopolistico (volti, quindi, ad eliminare dal mercato l impresa concorrente) e posti in essere con continuità temporale. Si ricordi che tali orientamenti giurisprudenziali e dottrinali vanno ora coordinati, per quanto riguarda gli esercenti il commercio, con le disposizioni in materia di vendite sottocosto poste dal D.Lgs , n. 114 (Riforma della disciplina del commercio). Ai sensi dell art. 15, 7 comma, in particolare, le vendite sottocosto sono quelle effettuate ad un prezzo inferiore a quello risultante dalle fatture di acquisto maggiorato dell imposta sul valore aggiunto e di ogni altra imposta o tassa connessa alla natura del prodotto e diminuito degli eventuali sconti o contribuzioni riconducibili al prodotto stesso e documentati. In particolare il D.P.R. 6 aprile 2001, n. 218 stabilisce che la vendita sottocosto va sempre comunicata al comune dove è ubicato l esercizio almeno dieci giorni prima dell inizio e che può essere effettuata solo tre volte nel corso dell anno; ogni vendita sottocosto non può avere una durata superiore a dieci giorni ed il numero delle referenze oggetto di ciascuna vendita sottocosto non può essere superiore a cinquanta. Non può essere effettuata una vendita sottocosto se non è decorso almeno un periodo pari a venti giorni, salvo che per la prima vendita sottocosto dell anno. C) Lo storno dei dipendenti Lo storno dei dipendenti consiste nel sottrarre i dipendenti ad un concorrente, di solito istigandoli a dimettersi per poi assumerli. Si tratta di una pratica che, considerata prima assolutamente scorretta, oggi viene accettata anche dalla giurisprudenza, in quanto un suo divieto assoluto interferirebbe in modo consistente sul funzionamento del mercato e sulla libertà dei dipendenti. Tuttavia, la giurisprudenza ha sostenuto, ed ancora sostiene, che lo storno dei dipendenti sia illecito se attuato con l intento di disgregare o disorganizzare l azienda del concorrente anche senza portare un concreto vantaggio a chi lo attua, se attuato, cioè, con «animus nocendi». Nella prassi giurisprudenziale si è giunti di volta in volta a desumere l animus da una serie di circostanze che qualificano lo storno come illecito. Tra le più importanti vi sono: la qualificazione tecnica dei dipendenti stor-

11 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale nati, il loro numero, il fatto di valersi, per realizzare lo storno, di una «talpa interna», la preordinazione dello storno al fine di sottrarre segreti aziendali al concorrente. È, inoltre, evidente che per parlare di storno, l iniziativa deve provenire dal concorrente e non dal dipendente. D) La sottrazione di segreti aziendali La fattispecie della sottrazione di segreti aziendali viene spesso collegata a quella dello storno, perché la complicità di chi fa o ha fatto parte di un azienda è praticamente indispensabile per conoscere i suoi segreti. Infatti, se non si tratta di storno, e neanche di spionaggio industriale, la sottrazione di segreti aziendali si realizza con l impiego di «talpe», ossia dipendenti infedeli del concorrente. Difficile è stabilire quando un informazione rappresenti un «segreto industriale», così da ritenerne l appropriazione un atto concorrenzialmente illecito. La giurisprudenza ha esteso la nozione di «segreto industriale» oltre che alle informazioni «tutelate» anche alle «notizie che, pur senza essere dei veri e propri segreti, l impresa concorrente non abbia messo, né ritenga di mettere a disposizione del pubblico». Un problema particolare sorge quando l informazione sia rivelata da un ex dipendente. In questo caso, infatti, l esigenza di tutela del segreto si scontra con il principio secondo cui l ex dipendente ed il suo nuovo datore di lavoro possono utilizzare le cognizioni tecniche acquisite dal primo nella sua precedente attività. Per riscontrare l illecito, quindi, le informazioni utilizzate dovranno presentare una forte caratterizzazione in termini di segretezza. E) La concorrenza parassitaria La concorrenza parassitaria consiste nell imitazione sistematica delle iniziative imprenditoriali altrui. Se da una parte, la giurisprudenza è costante nel giudizio di slealtà di tale comportamento, dall altra c è una oscillazione continua sui requisiti richiesti perché si possa passare dall imitazione occasionale (lecita) a quella sistematica, «parassitaria». I confini di tale fattispecie, infatti, sono stati di volta in volta ristretti, precisando che si ha concorrenza parassitaria solo quando l imitazione riguarda «tutto o quasi tutto quello che fa il concorrente»; solo quando l imitazione concerne, oltre i prodotti del concorrente, anche i suoi comportamenti imprenditoriali (ad esempio iniziative organizzative, pubblicitarie etc.); solo quando l imitazione sistematica avviene a breve distanza di tempo, 25

12 26 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza oppure, secondo altri, solo quando questa avviene in un arco di tempo consistente. Tali rigorose delimitazioni hanno confinato la fattispecie della concorrenza parassitaria in uno spazio piuttosto limitato e fatto sì che il suo divieto venisse violato in pochi casi. Quali sono gli orientamenti della giurisprudenza per la concorrenza operata via Internet? I recenti sviluppi delle tecnologie informatiche hanno posto la giurisprudenza di fronte al problema dell ammissibilità di forme di concorrenza sleale realizzate attraverso questi mezzi e in particolare attraverso Internet. In particolare è stato sostenuto che la diffusione di un messaggio promozionale via Internet che si sostanzi: nell uso di segni distintivi appartenenti ad altra azienda, in forma tale da ingenerare confusione sulla effettiva provenienza dei prodotti; nella attribuzione ai propri prodotti di qualità appartenenti in via esclusiva ai prodotti di un concorrente; nella presentazione, come proprio, di un catalogo di fotografie appartenenti ai prodotti di un concorrente; infine, nella diffusione di notizie riservate, concernenti l organizzazione e i metodi di produzione dell impresa concorrente è attività di concorrenza sleale, sia sotto il profilo confusorio, sia sotto il profilo dell appropriazione di pregi altrui, sia sotto il profilo della violazione dei principi della correttezza professionale. In sostanza la rete Internet, quale sistema internazionale di interrelazione tra piccole e grandi reti telematiche, è equiparabile ad un organo di stampa e ciò anche sotto il profilo dell applicabilità dell art c.c., ed anzi la giurisprudenza ha affermato che se costituisce atto di concorrenza sleale l uso di segni distintivi di altra azienda all interno di messaggi promozionali in quanto idoneo a ingenerare nella clientela confusione sulla effettiva provenienza dei prodotti e sull identità personale dell imprenditore, a maggior ragione se la diffusione del messaggio è realizzata attraverso un sistema telematico complesso e capillarmente diffuso nel mondo quale Internet l idoneità allo sviamento della clientela risulta ancora più evidente. Glossario Inibitoria: è l azione mediante la quale si chiede la cessazione di un comportamento lesivo di un interesse giuridicamente rilevante. Si tratta, quindi, di uno strumento di tutela preventivo, volto ad impedire o quanto meno a far cessare il comportamento lesivo. Onere della prova: è il principio in base al quale i diritti ricevono protezione giurisdizionale solo se ed in quanto chi li fa valere in giudizio fornisce la prova dei fatti sui quali si fondano. Secondo un antica massima, non provare il proprio diritto equivale a non averlo (Actore non probante, reus absolvitur). Chi fa valere in giudizio un diritto, ossia l attore, deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento. Chi, all opposto, contrasta la pretesa dell attore, ossia il convenuto, deve a sua volta provare i fatti su cui si fonda l eccezione.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Lezione III. Indice. 2 di 11

Lezione III. Indice. 2 di 11 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE II IMPUTAZIONE DELL ATTIVITÀ D IMPRESA PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 principio generale della spendita del nome ----------------------------------------------------------

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI Visto l art. 4, comma 2, Cost. che così recita: Ogni cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilità

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari.

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari. MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO Avv. Andrea De Gaspari 2 dicembre 2013 DI COSA SI PARLERÀ Marchi, domini e segni distintivi: breve inquadramento

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli