Copyright Esselibri S.p.A.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright Esselibri S.p.A."

Transcript

1 CAPITOLO TERZO LE SINGOLE FATTISPECIE DI CONCORRENZA SLEALE Sommario: 1. Atti di confusione Denigrazione e appropriazione di pregi Atti contrari alla correttezza professionale. 1. ATTI DI CONFUSIONE L art c.c., al n. 1, dispone che compie atti di concorrenza sleale chiunque «usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti o con l attività di un concorrente». Carattere comune alle fattispecie contemplate da questa norma è l idoneità a produrre confusione con i prodotti e con l attività di un concorrente, ossia l idoneità a convincere i consumatori che un prodotto e/o un attività provengono da un certo imprenditore mentre in realtà sono da ricondurre ad un imprenditore diverso (VANZETTI-DI CATALDO). A) Atti di confusione e segni distintivi La prima delle tre fattispecie previste dall art. 2598, n. 1, c.c. è quella di chi «usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri». È evidente che la norma è da intendersi riferita ai segni distintivi nella loro accezione più ampia (segni denominativi, emblematici, figurativi) comprendente sia i segni tipici, (aspetto questo che pone problemi di compatibilità con la tutela già approntata per essi) sia qualsiasi altro segno atipico (sigla, emblema etc.) che possa essere adottato in un attività di impresa. Non esistendo, per i segni distintivi atipici, un sistema di registrazione e, quindi, una presunzione di «validità» del segno, l onere di provare la presenza in esso dei requisiti di tutelabilità graverà, secondo i principi generali, su colui che ne invoca la tutela.

2 16 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza Peraltro, per essere protetto dalla norma in esame, il segno distintivo imitato deve essere: dotato di capacità distintiva, ossia idoneo a distinguersi dalle indicazioni generiche del prodotto o dell attività; dotato di novità, in quanto capace di differenziarsi dai segni anteriormente utilizzati da altri per prodotti o attività dello stesso genere; concretamente utilizzato nel mercato. Come va misurata la confondibilità di un segno distintivo o di un prodotto? La confondibilità di un prodotto o di un segno distintivo va accertata in relazione alle conseguenze che l atto concorrenziale possa avere sul c.d. consumatore medio dotato di ordinaria diligenza, tenendo conto che questi di regola, non effettua le proprie scelte in base a mirate e documentate valutazioni comparative fra prodotti, bensì confrontando la realtà con il ricordo di precedenti esperienze attraverso una stima complessiva che prescinde da elementi marginali di differenziazione rilevabili solo ad un esame attento. Quando l atto concorrenziale sia in grado di ingenerare confusione nel consumatore medio esso sarà dunque perseguibile. Va tuttavia precisato che il consumatore medio a cui si fa riferimento, va individuato tenendo conto anche della destinazione abituale di un prodotto con la conseguenza che se la cerchia dei destinatari è particolarmente qualificata sul piano professionale ciò può portare ad escludere la potenzialità confusoria dell atto. Si discute, però, se tra i segni menzionati dall art c.c. debbano realmente rientrare anche quelli tipici, come la ditta, l insegna ed il marchio registrato posto che, come abbiamo accennato, questi sono già tutelati dalla legge: in altri termini, ci si chiede se una contraffazione di ditta o di marchio registrato, già sanzionata specificamente dal Codice della proprietà industriale, costituisca anche atto di concorrenza sleale ai sensi dell art. 2598, n. 1, c.c. La stessa norma, facendo salve le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi, sembra ammettere la possibilità di un concorso delle due tutele. Tuttavia va precisato che: per il marchio la sua contraffazione non costituisce sempre e comunque anche un atto di concorrenza sleale confusoria. Mentre, infatti, il Codice protegge il marchio su tutto il territorio nazionale, a prescindere dall uso di esso e dall estensione di tale uso, l art c.c., invece, fa dell uso anteriore del segno e della sua sovrapposizione territoriale con quello dell imitatore, due fatti costitutivi dell illecito. Ne consegue che non si potrà agire in concorrenza sleale quando il marchio contraffatto non sia stato usato o quando il suo uso sia territorial-

3 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale mente limitato in modo da non creare una sovrapposizione (VANZETTI - DI CATALDO); per la ditta, la fattispecie contemplata dall art c.c. in tema di ditta regolare, ossia la confondibilità «per l oggetto dell impresa e per il luogo in cui questa è esercitata», corrisponde con quella dell imitazione confusoria prevista dall art. 2598, n. 1, c.c. Le due norme, sono però diverse dal punto di vista delle sanzioni. L art c.c., infatti, si limita ad imporre integrazioni o modifiche idonee a differenziare la ditta del contraffattore; l art c.c., invece, in tema di concorrenza sleale, prevede l inibitoria, l emanazione di opportuni provvedimenti per rimuovere gli effetti dell atto confusorio, il risarcimento del danno e la pubblicazione della sentenza. Esiste una tutela specifica per il domain name? L uso di un domain name su Internet che riproduca un marchio registrato da altra società e da essa stessa utilizzato quale domain name per la fornitura di servizi sulla rete telematica, oltre ad integrare la fattispecie di contraffazione del marchio, costituisce atto di concorrenza sleale ed è pertanto illegittimo, in quanto attività idonea a creare confusione tra gli utenti limitatamente ai servizi resi da entrambi i soggetti nel medesimo settore di attività (in tal senso si è espressa la giurisprudenza prevalente; v. da ultimo Cass , n. 2794). Accanto all ipotesi di uso abusivo di un marchio come nome di dominio, si deve considerare l ipotesi di utilizzo di segni distintivi appartenenti ad altra azienda, mediante la diffusione di messaggi allocati in siti Internet. Questo è un modo per ingenerare nella clientela confusione sulla effettiva provenienza dei prodotti e sulla identità personale dell imprenditore, determinando sicuramente perdita e sviamento di clientela data la capillare diffusione del sistema telematico. B) L imitazione servile L art. 2598, n. 1, c.c. contempla, come seconda delle tre fattispecie, la c.d. imitazione servile, sancendo che compie atti di concorrenza sleale chiunque «imita servilmente i prodotti di un concorrente». Tale formula che, ad una prima lettura, sembrerebbe vietare qualsiasi imitazione degli altrui prodotti, purché fedele e pedissequa, è stata nel tempo oggetto di interpretazioni sempre più restrittive. Un primo limite concerne le parti del prodotto la cui imitazione può definirsi illecita. Considerando, infatti, che l imitazione servile è inserita in un contesto che tratta della concorrenza confusoria, deve ritenersi vietata dalla norma soltanto l imitazione delle parti appariscenti, esterne del prodotto in quanto solo l imitazione di esse può, appunto, ingenerare confusione in chi guarda il prodotto. 17

4 18 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza In questa sede interessa soprattutto considerare la registrazione di disegni e modelli ed il brevetto per modello di utilità, in quanto riguardano essenzialmente la forma del prodotto e cioè proprio l oggetto della tutela contro l imitazione servile. Orbene: la durata della registrazione per modello e disegno industriale è di cinque anni (prorogabile fino ad un massimo di venticinque), mentre quella del brevetto per modello di utilità è di dieci anni. Superati questi limiti di tempo, le forme dei prodotti in cui consistono le innovazioni, possono essere liberamente imitate da chiunque, in quanto di pubblico dominio. L art. 2598, n. 1, c.c., invece, concede contro l imitazione servile una tutela potenzialmente perpetua; pertanto, chi adotta una forma distintiva per il proprio prodotto potrà vietare a chiunque di imitarla senza limiti di tempo. Per evitare, allora, una totale disapplicazione delle norme sui brevetti, si è affermata la necessità di interpretare restrittivamente il divieto di imitazione servile, nel senso di escludere dal suo ambito applicativo tutte le forme, funzionali (quelle che conferiscono una particolare funzionalità a macchine, utensili etc.) ed ornamentali (quelle destinate a migliorare l estetica dei prodotti), idonee a costituire oggetto di protezione brevettuale e, come tali, già tutelate nei limiti temporali stabiliti dalla legge. In particolare si è giunti a sostenere che l accoglimento della domanda di concorrenza sleale sia subordinato all accertamento che la forma imitata non sia suscettibile di tutela brevettuale e che le forme suscettibili di costituire oggetto di registrazione come modello o disegno industriale o di brevettazione come modello di utilità sono liberamente imitabili ove non siano state registrate o non lo siano più per la scadenza del relativo brevetto. C) Gli «altri mezzi» idonei a creare confusione La terza fattispecie dell art. 2598, n. 1, c.c., reprimendo gli «altri mezzi» con cui si compiano atti confusori, rappresenta una norma di chiusura con la quale il legislatore intende escludere la liceità di qualsiasi atto confusorio. Poiché, però, gli atti confusori richiedono, per compiersi, l uso di segni distintivi confondibili e sono perciò riconducibili alla prima parte della norma, l applicazione giurisprudenziale della fattispecie in esame è estremamente rara e concerne di solito ipotesi di appropriazione di segni distintivi inusuali, quali ad esempio: l uso, sui furgoni per la distribuzione dei prodotti, di colori identici a quelli utilizzati dal concorrente;

5 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale l imitazione delle caratteristiche esteriori degli altrui stabilimenti; l uso di fotografie di prodotti altrui nel proprio materiale pubblicitario; la copiatura di cataloghi o dépliant. 2. DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI Il n. 2 dell art c.c. disciplina due diverse ipotesi di concorrenza sleale: la denigrazione; l appropriazione di pregi. Secondo la norma in esame, infatti, compie atti di concorrenza sleale chiunque «diffonde notizie ed apprezzamenti sui prodotti e sull attività di un concorrente, idonei a determinarne il discredito, o si appropria dei pregi dei prodotti o dell impresa di un concorrente». A) La denigrazione La denigrazione, consiste nella diffusione di notizie ed apprezzamenti sui prodotti e sull attività di un concorrente, idonei a determinarne il «discredito» (vale a dire la perdita o la diminuzione della fiducia di cui un impresa ed i suoi prodotti godono sul mercato) e a procurare, così, «un danno concorrenziale» (dovuto ad es. alla perdita di clientela o addirittura dei dipendenti, a difficoltà di rapporti con i fornitori etc.). Per diffusione di notizie e di apprezzamenti negativi non deve intendersi solo la divulgazione di questi ad una pluralità di soggetti, ma anche la comunicazione ad un solo soggetto o ad «una cerchia ristretta di persone», sempreché ne derivi un danno concorrenziale (rileva, a tal proposito, anche la perdita di un singolo affare se è la conseguenza di una notizia screditante) (VANZETTI-DI CATALDO). Rientrano in tale nozione anche notizie sullo stato di dissesto o di difficoltà economiche dell impresa concorrente (perché possono determinare per quest ultima un danno concorrenziale) oppure notizie attinenti alla personale reputazione del concorrente nel caso possano avere riflessi concorrenziali. È ammissibile la diffusione di notizie vere, per quanto screditanti? Secondo la dottrina dominante (VANZETTI-DI CATALDO, GHIDINI) e gran parte della giurisprudenza, la diffusione di notizie vere, anche se comporti il discredito del concorrente, può ritenersi lecita, sempre che si tratti di notizie ed apprezzamenti non soltanto rigorosamente veri ma anche esposti in modo obiettivo poiché suffragano il diritto del consumatore alla formazione di un giudizio completo. 19

6 20 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza I casi più frequenti di denigrazione si legano al fenomeno della pubblicità comparativa. La comparazione consiste nel raffronto del proprio prodotto con quello di un concorrente, con una valutazione positiva del primo e una conseguente valutazione negativa (anche implicita) del secondo. Il Codice del consumo (D.Lgs. 6 settembre 2005 n. 206), recependo quanto già disposto dal D.Lgs. n. 67/2000 disciplina la pubblicità comparativa, ritenendo ammissibile tale forma pubblicitaria a determinate condizioni di liceità. La pubblicità comparativa è ritenuta lecita qualora siano soddisfatte, le seguenti condizioni: non sia ingannevole; confronti beni o servizi che soddisfano gli stessi bisogni o si propongono gli stessi obiettivi; confronti obiettivamente una o più caratteristiche essenziali, pertinenti, verificabili e rappresentative, compreso eventualmente il prezzo, di tali beni e servizi; non ingeneri confusione sul mercato fra l operatore pubblicitario ed un concorrente o tra i marchi, le denominazioni commerciali, altri segni distintivi, i beni o i servizi dell operatore pubblicitario e quelli di un concorrente; non causi discredito o denigrazione di marchi, denominazioni commerciali, altri segni distintivi, beni, servizi, attività o circostanze di un concorrente; per i prodotti recanti denominazione di origine, si riferisca in ogni caso a prodotti aventi la stessa denominazione; non tragga indebitamente vantaggio dalla notorietà connessa al marchio, alla denominazione commerciale o ad altro segno distintivo di un concorrente o alle denominazioni di origine di prodotti concorrenti; non rappresenti un bene o servizio come imitazione o contraffazione di beni o servizi protetti da un marchio o da una denominazione commerciale depositati. Anche nelle magnificazioni dei propri prodotti, prive di riferimenti espliciti a quelli altrui, può essere implicito un messaggio denigratorio (ad es. quando si presenti il proprio prodotto o la propria impresa con il superlativo relativo, lasciando così intendere la sua unicità); tuttavia, la giurisprudenza tende ad essere indulgente verso tale specie di magnificazione e a

7 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale considerarla lecita se si presenta come generica o palesemente iperbolica (il mio prodotto è «migliore», «il più moderno», «il panettone M non è un panettone, ma Il panettone»). B) L appropriazione dei pregi L art c.c., al n. 2, afferma che compie atti di concorrenza sleale anche chi «si appropria di pregi dei prodotti o dell impresa di un concorrente». Per pregi si intendono non delle entità materiali appartenenti all impresa aggredita ma delle qualità dell impresa stessa o dei suoi prodotti; più precisamente, costituiscono pregi «tutti i fatti riguardanti i caratteri dell impresa, i risultati da essa conseguiti o le qualità dei prodotti o dei servizi che per il pubblico rappresentino o possano rappresentare motivi di apprezzamento positivo e quindi di preferenza dell impresa e delle sue prestazioni rispetto alle altre imprese». Con l espressione appropriarsi di pregi deve, inoltre, intendersi l autoattribuzione di qualità e caratteristiche positive che in realtà non si posseggono e che sono invece presenti nei prodotti o nell impresa di un concorrente (VANZETTI - DI CATALDO). Rientra nella fattispecie in esame, ad esempio, il caso di chi si dichiari concessionario o distributore ufficiale di una celebre marca, pur non essendolo a differenza di altri; o il caso di chi dichiari di sottoporre i suoi prodotti al controllo di un istituto specializzato, pur non facendolo; o il caso di chi affermi la presenza nei propri prodotti di una determinata materia prima pregiata che in realtà non impiega, a differenza di altri. Sempre nell ambito dell «appropriazione di pregi», si parla di agganciamento alla notorietà altrui, quando chi si propone al pubblico lo fa equiparandosi in modo esplicito ad un concorrente noto o ai suoi prodotti, approfittando, così, del frutto dell altrui lavoro o investimento (ossia della conoscenza e del credito di cui quel prodotto o quell impresa sono giunti a godere sul mercato stesso): si comprende bene come caratteristica principale di tale fattispecie sia proprio la sua natura parassitaria. Esempi classici di agganciamento sono: l impiego sul proprio prodotto, oltre che del proprio marchio, del marchio altrui preceduto dalla parola «tipo» o «modello» o simili (scarpe «tipo Tod s», automobile «tipo Fiat»); 21

8 22 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza l immissione sul mercato di un nuovo prodotto con una forma analoga a quella di un prodotto già noto, anche se con un marchio denominativo del tutto diverso. Altri casi di appropriazione dei pregi sono: la presentazione, come realizzazione propria, di un manufatto realizzato, invece, da un concorrente (ciò si verifica, ad esempio, con la pubblicazione o distribuzione di dépliant e cataloghi con fotografie di prodotti altrui presentati come propri); l impiego di una falsa denominazione di origine alla quale vengono ricondotte determinate caratteristiche e pregi del prodotto. 3. ATTI CONTRARI ALLA CORRETTEZZA PROFESSIONALE Il n. 3 dell art c.c. costituisce, come abbiamo anticipato, una clausola generale che definisce come concorrenza sleale «tutti gli atti non conformi ai principi della correttezza professionale e idonei a danneggiare l altrui azienda». La funzione di tale clausola dovrebbe essere quella di consentire la classificazione di fattispecie diverse da quelle previste nei nn. 1 e 2 dell art c.c.; tuttavia, data la rarità di fattispecie «inedite» da classificare, il n. 3 dell art c.c., come sostiene parte della dottrina (VANZETTI-DI CA- TALDO), funge da «contenitore» di fattispecie tipizzate, già individuate (almeno in gran parte) prima dell entrata in vigore del codice, che vengono ricondotte alla norma in esame per trovare una loro collocazione. Altresì, l elasticità del disposto normativo consente di adeguare la disciplina della concorrenza all evoluzione della vita economica e allo svilupparsi di tecniche concorrenziali sempre più affinate. A) I messaggi ingannevoli Tra le fattispecie di concorrenza sleale ricondotte al n. 3 dell art c.c., il mendacio concorrenziale è senza dubbio una delle più importanti. Nonostante se ne parli spesso con riferimento ad una sua particolare ipotesi, ovvero alla pubblicità menzognera, l illiceità si estende a qualsiasi comunicazione, qualsiasi messaggio rivolto ai potenziali consumatori o fruitori di determinati prodotti o servizi, che non corrisponda a verità, e che sia idoneo ad ingannare i suoi destinatari e a provocare, così, un danno concorrenziale. Il mendacio concorrenziale si distingue dall appropriazione di pregi in quanto non colpisce un concorrente determinato, mentre in quest ultima

9 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale fattispecie alla falsa attribuzione di un pregio corrisponde la sottrazione dello stesso ad un soggetto determinato, che subisce, in conseguenza, un pregiudizio. La condizione di illiceità del messaggio ingannevole è rappresentata dalla sua idoneità a ingannare, ossia dall idoneità ad indurre i destinatari della comunicazione in errore. In base a quanto detto è possibile distinguere: le menzogne innocue, che vengono sottratte alla qualifica di illiceità perché inadatte ad indurre in errore il destinatario; le affermazioni iperboliche, le palesi esagerazioni, le vanterie da un lato, e le affermazioni generiche, prive di significato preciso, dall altro, che sono da ritenersi anch esse inadatte ad ingannare; le mezze verità, le comunicazioni ambigue, i messaggi in cui siano omesse notizie essenziali o in cui ci sia inganno sulla composizione materiale del prodotto o sull origine di esso, che sono, invece, da ritenersi fattispecie vietate (sempre che possano indurre il consumatore in errore). È da rilevare, inoltre, che per giudicare l attitudine di un determinato messaggio ad ingannare è bene considerare: le modalità della sua diffusione presso il pubblico. Per il messaggio diffuso con una campagna pubblicitaria l attitudine ad ingannare sarà maggiore rispetto a quella di un messaggio diffuso attraverso la stampa qualificata, diretta cioè ad un pubblico particolarmente esperto; il tipo di prodotto interessato dal messaggio. Il giudizio di valutazione dell idoneità ad ingannare sarà più severo per affermazioni mendaci riguardanti i prodotti di maggior consumo. B) Le manovre sui prezzi: i ribassi e le vendite sottocosto In generale non si potrebbe negare la liceità dei ribassi di prezzo senza negare il concetto stesso di libera concorrenza; tuttavia, in certi casi, tale manovra può produrre effetti negativi sul mercato. Si devono considerare lecite le violazioni di prezzi imposti dal produttore al rivenditore (anche se tale tipo di ribasso può sembrare scorretto e perciò concorrenzialmente illecito) in seguito all entrata in vigore della legge italiana antitrust (L. n. 287/1990) che all art. 2, 2 comma, lett. a) vieta quelle intese che fissano «direttamente o indirettamente i prezzi di acquisto o di vendita». Viene, così, negata la validità dello stesso patto che impone il 23

10 24 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza prezzo, e ciò elimina in radice la possibilità di configurare un illecito concorrenziale. Sono ritenuti leciti anche quei casi di vendita sottocosto (vendita fatta ad un prezzo inferiore sia al costo del prodotto per l impresa venditrice, sia al costo medio del prodotto per gli altri imprenditori), giustificata da esigenze dell impresa e limitata nel tempo (ad es.: campagne promozionali, liquidazioni di fine stagione, vendite volte a limitare le perdite in un periodo di crisi di mercato). Si devono, invece, considerare illeciti i casi di vendita sottocosto, caratterizzati da un fine monopolistico (volti, quindi, ad eliminare dal mercato l impresa concorrente) e posti in essere con continuità temporale. Si ricordi che tali orientamenti giurisprudenziali e dottrinali vanno ora coordinati, per quanto riguarda gli esercenti il commercio, con le disposizioni in materia di vendite sottocosto poste dal D.Lgs , n. 114 (Riforma della disciplina del commercio). Ai sensi dell art. 15, 7 comma, in particolare, le vendite sottocosto sono quelle effettuate ad un prezzo inferiore a quello risultante dalle fatture di acquisto maggiorato dell imposta sul valore aggiunto e di ogni altra imposta o tassa connessa alla natura del prodotto e diminuito degli eventuali sconti o contribuzioni riconducibili al prodotto stesso e documentati. In particolare il D.P.R. 6 aprile 2001, n. 218 stabilisce che la vendita sottocosto va sempre comunicata al comune dove è ubicato l esercizio almeno dieci giorni prima dell inizio e che può essere effettuata solo tre volte nel corso dell anno; ogni vendita sottocosto non può avere una durata superiore a dieci giorni ed il numero delle referenze oggetto di ciascuna vendita sottocosto non può essere superiore a cinquanta. Non può essere effettuata una vendita sottocosto se non è decorso almeno un periodo pari a venti giorni, salvo che per la prima vendita sottocosto dell anno. C) Lo storno dei dipendenti Lo storno dei dipendenti consiste nel sottrarre i dipendenti ad un concorrente, di solito istigandoli a dimettersi per poi assumerli. Si tratta di una pratica che, considerata prima assolutamente scorretta, oggi viene accettata anche dalla giurisprudenza, in quanto un suo divieto assoluto interferirebbe in modo consistente sul funzionamento del mercato e sulla libertà dei dipendenti. Tuttavia, la giurisprudenza ha sostenuto, ed ancora sostiene, che lo storno dei dipendenti sia illecito se attuato con l intento di disgregare o disorganizzare l azienda del concorrente anche senza portare un concreto vantaggio a chi lo attua, se attuato, cioè, con «animus nocendi». Nella prassi giurisprudenziale si è giunti di volta in volta a desumere l animus da una serie di circostanze che qualificano lo storno come illecito. Tra le più importanti vi sono: la qualificazione tecnica dei dipendenti stor-

11 Capitolo Terzo - Le singole fattispecie di concorrenza sleale nati, il loro numero, il fatto di valersi, per realizzare lo storno, di una «talpa interna», la preordinazione dello storno al fine di sottrarre segreti aziendali al concorrente. È, inoltre, evidente che per parlare di storno, l iniziativa deve provenire dal concorrente e non dal dipendente. D) La sottrazione di segreti aziendali La fattispecie della sottrazione di segreti aziendali viene spesso collegata a quella dello storno, perché la complicità di chi fa o ha fatto parte di un azienda è praticamente indispensabile per conoscere i suoi segreti. Infatti, se non si tratta di storno, e neanche di spionaggio industriale, la sottrazione di segreti aziendali si realizza con l impiego di «talpe», ossia dipendenti infedeli del concorrente. Difficile è stabilire quando un informazione rappresenti un «segreto industriale», così da ritenerne l appropriazione un atto concorrenzialmente illecito. La giurisprudenza ha esteso la nozione di «segreto industriale» oltre che alle informazioni «tutelate» anche alle «notizie che, pur senza essere dei veri e propri segreti, l impresa concorrente non abbia messo, né ritenga di mettere a disposizione del pubblico». Un problema particolare sorge quando l informazione sia rivelata da un ex dipendente. In questo caso, infatti, l esigenza di tutela del segreto si scontra con il principio secondo cui l ex dipendente ed il suo nuovo datore di lavoro possono utilizzare le cognizioni tecniche acquisite dal primo nella sua precedente attività. Per riscontrare l illecito, quindi, le informazioni utilizzate dovranno presentare una forte caratterizzazione in termini di segretezza. E) La concorrenza parassitaria La concorrenza parassitaria consiste nell imitazione sistematica delle iniziative imprenditoriali altrui. Se da una parte, la giurisprudenza è costante nel giudizio di slealtà di tale comportamento, dall altra c è una oscillazione continua sui requisiti richiesti perché si possa passare dall imitazione occasionale (lecita) a quella sistematica, «parassitaria». I confini di tale fattispecie, infatti, sono stati di volta in volta ristretti, precisando che si ha concorrenza parassitaria solo quando l imitazione riguarda «tutto o quasi tutto quello che fa il concorrente»; solo quando l imitazione concerne, oltre i prodotti del concorrente, anche i suoi comportamenti imprenditoriali (ad esempio iniziative organizzative, pubblicitarie etc.); solo quando l imitazione sistematica avviene a breve distanza di tempo, 25

12 26 Parte Prima - Principi generali e norme sulla concorrenza oppure, secondo altri, solo quando questa avviene in un arco di tempo consistente. Tali rigorose delimitazioni hanno confinato la fattispecie della concorrenza parassitaria in uno spazio piuttosto limitato e fatto sì che il suo divieto venisse violato in pochi casi. Quali sono gli orientamenti della giurisprudenza per la concorrenza operata via Internet? I recenti sviluppi delle tecnologie informatiche hanno posto la giurisprudenza di fronte al problema dell ammissibilità di forme di concorrenza sleale realizzate attraverso questi mezzi e in particolare attraverso Internet. In particolare è stato sostenuto che la diffusione di un messaggio promozionale via Internet che si sostanzi: nell uso di segni distintivi appartenenti ad altra azienda, in forma tale da ingenerare confusione sulla effettiva provenienza dei prodotti; nella attribuzione ai propri prodotti di qualità appartenenti in via esclusiva ai prodotti di un concorrente; nella presentazione, come proprio, di un catalogo di fotografie appartenenti ai prodotti di un concorrente; infine, nella diffusione di notizie riservate, concernenti l organizzazione e i metodi di produzione dell impresa concorrente è attività di concorrenza sleale, sia sotto il profilo confusorio, sia sotto il profilo dell appropriazione di pregi altrui, sia sotto il profilo della violazione dei principi della correttezza professionale. In sostanza la rete Internet, quale sistema internazionale di interrelazione tra piccole e grandi reti telematiche, è equiparabile ad un organo di stampa e ciò anche sotto il profilo dell applicabilità dell art c.c., ed anzi la giurisprudenza ha affermato che se costituisce atto di concorrenza sleale l uso di segni distintivi di altra azienda all interno di messaggi promozionali in quanto idoneo a ingenerare nella clientela confusione sulla effettiva provenienza dei prodotti e sull identità personale dell imprenditore, a maggior ragione se la diffusione del messaggio è realizzata attraverso un sistema telematico complesso e capillarmente diffuso nel mondo quale Internet l idoneità allo sviamento della clientela risulta ancora più evidente. Glossario Inibitoria: è l azione mediante la quale si chiede la cessazione di un comportamento lesivo di un interesse giuridicamente rilevante. Si tratta, quindi, di uno strumento di tutela preventivo, volto ad impedire o quanto meno a far cessare il comportamento lesivo. Onere della prova: è il principio in base al quale i diritti ricevono protezione giurisdizionale solo se ed in quanto chi li fa valere in giudizio fornisce la prova dei fatti sui quali si fondano. Secondo un antica massima, non provare il proprio diritto equivale a non averlo (Actore non probante, reus absolvitur). Chi fa valere in giudizio un diritto, ossia l attore, deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento. Chi, all opposto, contrasta la pretesa dell attore, ossia il convenuto, deve a sua volta provare i fatti su cui si fonda l eccezione.

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI a) diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

LE FATTISPECIE DI CUI ALL ART. 2598 N. 2 COD. CIV.

LE FATTISPECIE DI CUI ALL ART. 2598 N. 2 COD. CIV. LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE NONA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LE FATTISPECIE DI CUI ALL ART. 2598 N. 2 COD. CIV. -------------------------------------------------------- 3 2 LA DENIGRAZIONE ---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE SETTIMA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO ------------------------------- 3 2 LA TUTELA DEL MARCHIO DI FATTO E DELLA

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE VI LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ COMMERCIALE ATTRAVERSO I MEZZI DI COMUNICAZIONE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Premessa ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

IL VINO, L ETICHETTA E LA SUA TUTELA. Non c è dubbio che, negli ultimi tempi, il packaging (ovvero

IL VINO, L ETICHETTA E LA SUA TUTELA. Non c è dubbio che, negli ultimi tempi, il packaging (ovvero IL VINO, L ETICHETTA E LA SUA TUTELA Non c è dubbio che, negli ultimi tempi, il packaging (ovvero etichette e contenitori) ha rivestito sempre più un ruolo fondamentale nel fenomeno vino. Come evidenziato

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio INDICE PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione 1. I delitti contro l industria e il commercio (art.25bis1 D.Lgs. 231/2001) 2.

Dettagli

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE QUARTA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI ------------------ 3 2 LE VIOLAZIONI DI NORME PUBBLICISTICHE --------------------------------------------------------------------

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo I SEGNI DISTINTIVI: IL MARCHIO I SEGNI DISTINTIVI DELL IMPRENDITORE Presupposto della possibilità che la concorrenza

Dettagli

Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE

Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE TITOLO I. P R I N C I P I G E N E R A L I 4. ART. 1 - Finalità Il presente codice deontologico contiene norme comportamentali finalizzate a qualificare

Dettagli

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La legislazione italiana ha sempre dato attuazione alle Direttive Comunitarie nel campo della tutela dei consumatori anche se ha riscontrato in passato

Dettagli

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Milano, 2 luglio 2008 Prof. Paola A.E. Frassi Bird & Bird, Milano Recenti evoluzioni normative dello statuto di non decettività

Dettagli

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Codice Civile Libro Quinto Del lavoro Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Art. 2569. Diritto di esclusività. Chi ha registrato nelle forme stabilite dalla legge un nuovo marchio idoneo

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DEL DESIGN

CODICE DI AUTODISCIPLINA DEL DESIGN CODICE DI AUTODISCIPLINA DEL DESIGN approvato il 19 dicembre 2000 con le modifiche apportate il 19 dicembre 2002, il 20 novembre 2006 e il 23 aprile 2008 PREMESSA Scopo del Codice di Autodisciplina Il

Dettagli

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Definizione Art. 2555 c.c. È il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa AZIENDA E IMPRESA Sono concetti differenti AZIENDA è il complesso

Dettagli

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro INTRODUZIONE Il presente documento detta le linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita

Dettagli

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ASSOCIAZIONE DOTTORI E RAGIONIERI COMMERCIALISTI Tivoli, 18.11.2009 Relatore dott. Enrico Crisci Il nome "deontologia" deriva dal greco

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

LA PUBBLICITÀ NEL FRANCHISING

LA PUBBLICITÀ NEL FRANCHISING LA PUBBLICITÀ NEL FRANCHISING PROF. AVV. ALDO FRIGNANI Professore di diritto privato dell Unione Europea, Università degli studi di Torino Frignani Virano & Associati studio legale, Torino www.studiofrignani.com

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023 Pagina 1 di 6 Avis juridique important 31997L0055 Direttiva 97/55/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 ottobre 1997 che modifica la direttiva 84/450/CEE relativa alla pubblicità ingannevole

Dettagli

LE FORME <>

LE FORME <<INDEROGABILI>> LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE OTTAVA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LE FORME FUNZIONALI -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE FORME

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

DISTRIBUZIONE INTEGRATA DEI SERVIZI TURISTICI

DISTRIBUZIONE INTEGRATA DEI SERVIZI TURISTICI DISTRIBUZIONE INTEGRATA DEI SERVIZI TURISTICI La distribuzione integrata dei servizi turistici è funzionale a tre obiettivi: Evitare costi e rischi della distribuzione dei propri servizi presso la clientela*;

Dettagli

INDICE. Parte I LA TUTELA GIURIDICA DEL MARCHIO

INDICE. Parte I LA TUTELA GIURIDICA DEL MARCHIO Prefazione di Luca Lotti.............................. Gustavo Ghidini................................... Massimo Ruffilli................................... V IX XI Parte I LA TUTELA GIURIDICA DEL MARCHIO

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI Avv. Debora Brambilla Dottore di ricerca brambilla@iplawgalli.com Contributoryinfringement o contraffazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com DAL MARCHIO AL BRAND CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014 Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com PROGRAMMA - Il brand come segno distintivo - Il marchio come cardine del sistema dei segni

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE CODICE ETICO AZIENDALE 1. Introduzione La Bruzzi Autotrasporti è un azienda di trasporti c/terzi inserita nel settore del mercato siderurgico, opera con le principali aziende di produzione e commercializzazione

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 44 del 24 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione)

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) Il marchio comunitario è un marchio unico valevole sull intero territorio dell Unione Europea. Il marchio comunitario

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 23 del 30 settembre 2009 Enti associativi e società sportive dilettantistiche - Comunicazione all Agenzia delle Entrate dei dati fiscalmente rilevanti - Approvazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

Professioni regolamentate e pubblicità informativa

Professioni regolamentate e pubblicità informativa CIRCOLARE A.F. N.128 del 18 settembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Professioni regolamentate e pubblicità informativa Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Dpr n. 137 del

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

La vendita dei Prodotti Assicurativi

La vendita dei Prodotti Assicurativi La vendita dei Prodotti Assicurativi I prodotti assicurativi formano sempre di più oggetto di campagne di vendita. Vogliamo fornire ai colleghi una breve nota che riepiloghi i punti essenziali della normativa

Dettagli

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a Agenzia delle Entrate Ufficio controlli fiscali - Direzione Regionale

Dettagli

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Avv. Barbara Sartori 24/09/2012 Il know-how aziendale Normativa comunitaria (Reg. CE 772/2004 art. 1, par. 1, lett. i) Il know

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Sentenza Corte di Giustizia Europea del 14 settembre 2010 (C 48/09 P) Lezione del 4 novembre 2010 Presentazione del

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA Sommario: 1. Premessa. 2. Il modo di scelta per l affidamento del servizio. 3. I requisiti generali. 4. Le regole particolari per la partecipazione alle gare de quibus.

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015 Diritto commerciale l Lezione del 9/12/2015 Privative e concorrenza Con il termine Proprietà industriale si intende una serie di istituti che, pur nella loro diversità, sono accomunati dalla circostanza

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it Indice 3 In cosa consiste. 3 Come si effettua una ricerca di anteriorità. 3 Le banche dati dei marchi con effetto in Italia. 3 Come valutare i marchi anteriori identici e simili.

Dettagli

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE SOMMARIO Prefazione di Umberto Scotti... I collaboratori... V XVII PARTE PRIMA IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE CAPITOLO 1 KNOW-HOW E SEGRETO NELL EVOLUZIONE DELLE FONTI di ALBERTO CAMUSSO 1. Introduzione...

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

La contraffazione su Internet dei segni distintivi dell impresa: quali tutele ad opera della legislazione in materia

La contraffazione su Internet dei segni distintivi dell impresa: quali tutele ad opera della legislazione in materia La contraffazione su Internet dei segni distintivi dell impresa: quali tutele ad opera della legislazione in materia - 10 dicembre 2013 - Camera di Commercio di Torino 1 PECULIARITA DI INTERNET visibilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI

LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE TERZO) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI ---------------------------------------------------------------- 3 2 IL BOICOTTAGGIO ---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01 Codice etico e di comportamento Sommario 1. Principi generali 3 1.1 1.2 1.3 Preambolo Destinatario Gli obblighi e doveri dei destinatari 3 3 3 2. Politiche

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633 RISOLUZIONE N. 305/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Seconda Lezione Le problematiche legali relative al sito web Premessa Quali sono le implicazioni legali

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1.1 Attività di consulenza e gestione

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli