Avv. Andrea Gattamorta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avv. Andrea Gattamorta"

Transcript

1 Studio Legale Lucchini Gattamorta e Associati CCIAA AREZZO Arezzo, 5 dicembre 2013 LA CONCORRENZA SLEALE Avv. Andrea Gattamorta Studio Legale LGA

2 Argomenti che verranno trattati Inquadramento. Tutela della funzione distintiva dell impresa. Tutela della funzione promozionale dell impresa. Tutela di altre funzioni dell impresa. La disciplina contrattuale. Le azioni esperibili. Cenni sulla disciplina della concorrenza in ambito penale ed amministrativo. Fonti comunitarie.

3 INQUADRAMENTO

4 INQUADRAMENTO Nel nostro ordinamento, l'attività concorrenziale, espressione dell'iniziativa economica privata, è libera (art. 41 Cost.). Poiché fonte di benessere per lo Stato e i consociati, tale attività è tutelata e incoraggiata a un tempo.

5 INQUADRAMENTO Il suo svolgimento, in ogni caso, non deve porsi in contrasto con l'utilità sociale e con i valori fondamentali della persona (ancora art. 41 Cost.), né ledere gli «interessi dell'economia nazionale» (art c.c.).

6 INQUADRAMENTO Nel nostro ordinamento, quindi, la concorrenza tra imprese è ammessa, purché essa si compia in modo corretto e leale per evitare che vengano falsati gli elementi di valutazione e di giudizio dei consumatori.

7 INQUADRAMENTO Presupposto per la concorrenza sleale è anche il rapporto di concorrenza (soggetti operanti sullo stesso mercato, cioè rivolti alla stessa cerchia di utilizzatori di beni o servizi).

8 FONTI NAZIONALI La normativa nazionale di riferimento in materia di concorrenza sleale è costituita dall'art c.c., il quale prevede che Ferme le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi e dei diritti di brevetto, compie atti di concorrenza sleale :

9 Normativa codicistica punto 1) Chiunque: 1) usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l'attività di un concorrente;

10 Normativa codicistica punto 2) Chiunque: 2) diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività di un concorrente, idonei a determinarne il discredito, o si appropria di pregi dei prodotti o dell'impresa di un concorrente;

11 Normativa codicistica punto 3) Chiunque: 3) si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l'altrui azienda.

12 Tutela della funzione distintiva dell impresa

13 CASO n. 1) L'art n.1 vieta ogni comportamento, suscettibile di incidere sulle scelte dei consumatori, tale da indurli ad imputare determinati prodotti o servizi ad un imprenditore diverso da quello cui effettivamente appartengono.

14 CASO n. 1) SEGNI DISTINTIVI In particolare, secondo un orientamento consolidato, rientrano tra i segni distintivi tutelati dall'art n. 1 la ditta e l'insegna; sono altresì tutelati i marchi non registrati ed adottati in via di fatto.

15 CASO n. 1) - IMITAZIONE SERVILE Anche l'imitazione è vietata dall'art n. 1 c.c. quando determina una possibilità di confusione fra i prodotti secondo un giudizio fondato sull'impressione generale. Il giudizio di confondibilità deve essere condotto secondo la capacità media di percezione e di memoria del consumatore dei prodotti in questione.

16 CASO n. 1) IMITAZIONE SERVILE Perché un imitazione possa produrre confusione, è necessario che l elemento imitato sia percepibile dal consumatore come un segno di riconoscimento di una determinata impresa. Perché un imitazione possa essere sanzionata, occorre infatti che essa sia idonea a confondere i consumatori e, quindi, a turbare il mercato.

17 CASO n. 1) IMITAZIONE SERVILE Per l accertamento di tale requisito, la giurisprudenza ha elaborato alcuni criteri. In primo luogo, per giudicare della confondibilità, si deve aver riguardo all apparenza complessiva del prodotto, così come esso si presenta a prima vista agli occhi del consumatore. Il giudizio di confondibilità, inoltre, va riferito a un segno presente e al ricordo visivo di un altro segno, di solito tenuto a memoria sommariamente (Cass., , n. 1906)

18 CASO n. 1) IMITAZIONE SERVILE L imitazione servile dei prodotti (imitazione della forma del prodotto) costituisce la fattispecie confusoria più ricorrente. Il divieto si ritiene che limiti solo le imitazioni dell aspetto esterno del prodotto, se e in quanto individualizzanti. Non è tutelata dall imitazione peraltro la forma che, seppure non brevettabile, risulta già standardizzata, oppure dotata di valore funzionale o ornamentale

19 CASO n. 1) orientamenti giurisprudenziali L'orientamento ormai consolidato ritiene che l'illecito confusorio ex art n.1 è di pericolo e sussiste quando il comportamento appaia idoneo a determinare una possibilità di confusione dei consumatori sulla base di un giudizio di probabilità ancorato alle circostanze del caso.

20 CASO n. 1) orientamenti giurisprudenziali Tribunale Roma, Ordinanza 27 marzo 2006 Il fenomeno noto come look- alike, ossia l'imitazione del c.d. trade-dress del prodotto, cioè della sua confezione, del suo design, del logo nelle modalità di marketing è in ogni caso sussumibile nella fattispecie di concorrenza sleale ai sensi dell'art. 2598, n.1 c.c., per confusione tra i segni (notori) ed i prodotti del concorrente.

21 Tutela della funzione promozionale dell impresa

22 CASO n. 2) Gli atti di denigrazione e l'appropriazione di pregi di cui al punto n. 2 hanno la finalità di falsare gli elementi di valutazione del pubblico (consumatori e altri imprenditori), attraverso comunicazioni indirizzate a terzi e in primo luogo avvalendosi della leva della pubblicità.

23 CASO n. 2) ATTI DI DENIGRAZIONE Gli atti di denigrazione consistono nel diffondere notizie ed apprezzamenti sui prodotti e sull'attività di un concorrente, idonei a determinarne il discredito.

24 CASO n. 2) ATTI DI DENIGRAZIONE Esempio classico di concorrenza sleale per denigrazione è la pubblicità iperbolica (o superlativa), con cui si tende ad accreditare l'idea che il proprio prodotto sia il solo a possedere specifiche qualità o determinati pregi, che invece vengono implicitamente negati ai prodotti dei concorrenti.

25 CASO n. 2) ATTI DI DENIGRAZIONE Non sempre costituisce invece atto di concorrenza sleale la pubblicità comparativa, oggi disciplinata dall'art. 22 codice del consumo; sostanzialmente si afferma la liceità della comparazione pubblicitaria a condizione che essa sia veritiera, non tendenziosa, né subdola o scorretta.

26 CASO n. 2) APPROPRIAZIONE DI PREGI Secondo l'orientamento prevalente questa forma di concorrenza sleale ricorre quando nella comunicazione al pubblico l'imprenditore attribuisce ai suoi prodotti o alla sua impresa pregi propri dei prodotti o dell'impresa di un concorrente.

27 CASO n. 2) APPROPRIAZIONE DI PREGI La fattispecie appropriativa realizza un illecito sviamento di clientela non già a seguito della confusione tra prodotti o attività di imprese distinte, come avviene nell'atto confusorio, bensì ingenerando nel pubblico la convinzione che il prodotto o l'impresa abbiano le stesse qualità e gli stessi pregi del concorrente.

28 CASO n. 2) FALSE DENOMINAZIONE D'ORIGINE Anche l'uso indebito di denominazioni od indicazioni può risolvere nella prospettazione ingannevole della propria appartenenza ad una determinata cerchia di produttori che operano in una determinata località e conseguentemente nell'appropriazione di un pregio altrui. Esemplare il caso della denominazione <<scotch whisky>>: assumendo che tale espressione attesta il compimento in Scozia di tutte le operazioni inerenti alla produzione ed all'invecchiamento di whisky, la giurisprudenza ha ritenuto appropriazione di pregi l'uso di tale denominazione per un whisky non interamente distillato ed invecchiato in Scozia (Trib. Milano n.1405 del )

29 CASO n. 2) AGGANCIAMENTO L'ipotesi ricorre quando viene adottato il marchio altrui preceduto da espressioni quali <<tipo>>, <<modello>>, <<sistema>> od altre simili per evidenziare le caratteristiche dei propri prodotti o attività. Tale accostamento si risolve in uno sfruttamento della rinomanza del prodotto e quindi nello sfruttamento del lavoro altrui finalizzato all'acquisizione della clientela che diversamente si indirizzerebbe verso il prodotto originale.

30 CASO n. 2) RIPRODUZIONE DEL PRODOTTO ALTRUI Rientra tra l'illecito appropriativo anche il comportamento che fa apparire proprio il prodotto altrui, riproducendolo in fotografie, cataloghi e depliants o esponendolo a fini pubblicitari in fiere e mostre. Il giudizio di illiceità muove dalla considerazione che ogni prodotto costituisce un elemento peculiare dell'impresa e quindi un pregio in senso tecnico, e l'uso pubblicitario delle immagini del prodotto altrui equivale al vanto di produrre e/o vendere un articolo che in realtà è altrui. L'inquadramento della fattispecie non è univoco, essendone stata prospettata la riconducibilità all'art n. 1.

31 CASO 2) ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI La concorrenza sleale di cui all'art n. 2 c.c., consistente nel diffondere notizie ed apprezzamenti sull'attività altrui in modo idoneo a determinare il discredito, richiede un'effettiva divulgazione della notizia ad una pluralità di persone, e non è pertanto configurabile nell'ipotesi di esternazioni occasionalmente rivolte a singoli interlocutori nell'ambito di separati e limitati colloqui (Cass. Civ. Sez., 30 maggio 2007 n ).

32 Va inibita con provvedimento d'urgenza la pubblicazione della guida gastronomica "Il Gambero Rozzo", in quanto viola il marchio di rinomanza anteriore altrui, nazionale e comunitario, "Gambero Rosso", utilizzato per pubblicazioni in ambito gastronomico, atteso che la prima testata, palesemente richiamante il marchio in parola, ne sfrutta parassitariamente la fama a fini commerciali.. CASO 2) ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI Tribunale Roma, Ordinanza 23 giugno 2008

33 Tutela di altre funzioni dell impresa

34 CASO n. 3) CORRETTEZZA PROFESSIONALE La correttezza professionale costituisce il primo requisito cui l'art n. 3. Secondo la giurisprudenza prevalente i princìpi di correttezza professionale si identificano nei principi etici, universalmente seguiti dalle categorie dei commercianti sì da divenire costume.

35 CASO n. 3) IDONEITA' DELL'ATTO AL DANNO Il carattere pregiudizievole dell'atto costituisce il secondo requisito cui l'art n. 3. Si ritiene prevalentemente che l'idoneità dannosa si identifichi in un potenziale pregiudizio per l'impresa altrui ed in particolare nello sviamento della clientela dell'imprenditore soggetto passivo dell'atto.

36 CASO n. 3)- STORNO DI DIPENDENTI Per storno di dipendenti si intende la sottrazione di collaboratori all'azienda del concorrente per assumerli nella propria. In linea di principio la sottrazione di collaboratori altrui non è contraria alla correttezza professionale, perchè la mobilità dei dipendenti corrisponde al diritto del lavoratore a migliorare la propria posizione professionale ed a quello dell'imprenditore ad organizzare la propria azienda per l'esercizio dell'impresa. In ogni modo si ritiene prioritariamente che lo storno sia illecito solo quando riguardi una pluralità di dipendenti qualificati, indispensabili o quantomeno utili per la gestione dell'impresa concorrente.

37 CASO n. 3) STORNO DEI DIPENDENTI È consolidata l'opinione secondo la quale lo storno di dipendenti costituisce atto di concorrenza sleale quando è realizzato con modalità scorrette, quindi, di per sé contrarie ai princìpi della correttezza professionale. Per esempio si è ritenuto illecito lo storno finalizzato all'acquisizione di segreti del concorrente (Trib. Milano ). Ancora lo si ritiene atto di concorrenza sleale quando sia realizzato con modalità tali da supporre nell'autore un animus nocendi, ossia l'intenzione di disgregare e disorganizzare l'azienda del concorrente.

38 CASO n. 3) STORNO DEI DIPENDENTI Corte di Cassazione, Sezione 1 civile, Sentenza 4 settembre 2013, n Lo storno dei dipendenti di impresa concorrente costituisce atto di concorrenza sleale allorché sia perseguito il risultato di crearsi un vantaggio competitivo a danno di quest'ultima tramite una strategia diretta ad acquisire uno staff costituito da soggetti pratici del medesimo sistema di lavoro entro una zona determinata, svuotando l'organizzazione concorrente di sue specifiche possibilità operative mediante sottrazione del "modus operandi" dei propri dipendenti, delle conoscenze burocratiche e di mercato da essi acquisite, nonché dell'immagine in sé di operatori di un certo settore.

39 CASO n. 3) LE ATTIVITA' IN CONCORRENZA Secondo l'orientamento prevalente, cessato il rapporto di lavoro in mancanza di un patto di non concorrenza ex art c.c., l'ex dipendente può svolgere concorrenza all'ex datore di lavoro e resta sottoposto alle medesime regole valevoli per qualunque altro soggetto, non derivando dalla qualità di ex dipendente alcun ulteriore divieto od onere. Si è tuttavia precisato che la liceità dell' utilizzo delle cognizioni acquisite in costanza di rapporto di lavoro (in alcuni casi anche autonomo) è subordinata alla liceità delle loro modalità di acquisizione; è stato pertanto ritenuto illecito l'utilizzo da parte dell'ex dipendente di conoscenze alle quali lo stesso non aveva libero accesso.

40 CASO n. 3) LA CONCORRENZA SLEALE DI PREZZO Merita particolare attenzione il fenomeno del ribasso del prezzo. In linea di principio, essendo ogni imprenditore libero di fissare i prezzi dei propri prodotti, l'offerta a prezzi ribassati non dà luogo a concorrenza sleale perchè oltre ad essere connaturata al concetto di libera concorrenza è conforme all'interesse dei consumatori e all'economia di mercato. Ciò nonostante il ribasso può dar luogo in determinate circostanze a concorrenza sleale o perchè conseguenza di un comportamento contra mores oppure perchè inquadrabile in una politica di annientamento dei concorrenti (c.d. ribassi con intento predatorio o monopolistico).

41 CASO n. 3) LA CONCORRENZA SLEALE DI PREZZO I principali interrogativi a proposito delle offerte di prezzo si sono peraltro registrati in tema di vendita sottocosto, per tale intendendosi quella effettuata ad un prezzo inferiore da un lato al costo del prodotto per l'impresa venditrice e dall'altro a quello medio per gli altri imprenditori. L'orientamento più recente ritiene illecita la vendita sottocosto per gli effetti che obiettivamente produce, cioè di turbare il mercato e alterare il fisiologico meccanismo concorrenziale.

42 CASO n. 3) LA CONCORRENZA SLEALE DI PREZZO A tal proposito la stessa Corte di Cassazione civile si è così espressa: la vendita sottocosto intanto è contraria ai doveri di correttezza di cui all'art n. 3 c.c., in quanto a porla in essere sia un'impresa che muove da una posizione di dominio e che, in tal modo, frapponga barriere all'ingresso di altri concorrenti sul mercato o comunque indebitamente abusi di quella sua posizione non avendo alcun interesse a praticare simili prezzi se non quello di eliminare i propri concorrenti per poi rialzare i prezzi approfittando della situazione di monopolio così venutasi a determinare (Cass. Civ. Sez. I 26 gennaio 2006 n. 1636)

43 CASO n. 3) LA CONCORRENZA SLEALE DI PREZZO Benchè la politica sui prezzi rientri nel quadro delle libertà tipiche di un mercato concorrenziale alla luce dell'art. 86 Tr CE, si ritiene che il rialzo dei prezzi, al pari di altre pratiche discriminatorie, costituisca concorrenza sleale se rappresenti strumento di abuso di posizione dominante.

44 CASO n. 3) BOICOTTAGGIO Concordemente si ritiene contraria ai principi della correttezza professionale e dunque illecita ex art n. 3 a) l'induzione alla violazione di relazioni commerciali già esistenti; ovvero b) con l'impedimento di future relazioni, attuato con un rifiuto di contrarre (c.d. boicottaggio primario) o esercitando pressioni su altri imprenditori perchè si astengano da rapporti commerciali con un imprenditore (c.d. boicottaggio secondario). Con l'entrata in vigore della normativa antitrust, il boicottaggio primario può costituire concorrenza sleale solo nei limiti in cui realizza un illecito antitrust.

45 CASO n. 3) LA VIOLAZIONE DELL'ESCLUSIVA La fattispecie consiste nella vendita di prodotti di marca operata da un soggetto nella zona riservata per contratto dal produttore ad un altro rivenditore. Si afferma che l'invasione della zona di esclusiva non è illecità ove non avvenga con modalità intrinsecamente scorrette. La valutazione di liceità della violazione dell'esclusiva viene motivata con l'asserita inoperatività della clausola di esclusiva rispetto ai terzi e quindi con la libertà di concorrenza di cui godono i soggetti estranei all'accordo negoziale.

46 CASO n. 3) LA CONCORRENZA PARASSITARIA Secondo un orientamento giurisprudenziale consolidato, la concorrenza parassitaria ricorre in presenza di una imitazione sistematica (ancorchè non integrale) e protratta nel tempo delle iniziative di un concorrente. In particolare, la concatenazione degli atti imitativi, leciti se singolarmente considerati, rivela una manovra volta allo sfruttamento sistematico del lavoro e degli sforzi altrui che si traduce in una modalità sleale di concorrenza.

47 CASO n. 3) SPIONAGGIO La sottrazione dei segreti di un imprenditore concorrente costituisce concorrenza sleale, sia che essa venga realizzata con un vero e proprio spionaggio industriale sia attraverso un dipendente infedele. Quanto alla nozione di segreto, deve trattarsi di notizie che rivestano oggettivo rilievo, vertano su dati tecnici o commerciali e siano oggettivamente idonee a restare sconosciute a terzi. Si è affermato che anche il tentativo di spionaggio industriale possa considerarsi atto di concorrenza sleale potenzialmente idoneo a provocare danno nella sfera dell'impresa concorrente.

48 La disciplina contrattuale

49 La disciplina contrattuale Il Legislatore, dunque, ha stabilito dei limiti legali inderogabili della concorrenza, a tutela degli interessi pubblici di cui è portatore lo Stato, e in vista del soddisfacimento degli stessi; ha lasciato però all'autonomia dei privati la possibilità di concordare ulteriori limiti, per il perseguimento dei loro interessi particolari.

50 La disciplina contrattuale Danno origine a questa seconda categoria di limiti, contrattuali lato sensu: 1. il patto che limita la concorrenza previsto dall'art c.c.; 2. il patto di non concorrenza concluso dal lavoratore, disciplinato dall'art c.c.; 3. il patto di non concorrenza concluso dall'agente, disciplinato dall'art bis c.c.; 4. le clausole di esclusiva nel contratto di somministrazione, di cui agli artt e 1568 c.c.; 5. il patto integrativo del divieto di concorrenza sancito dall'art c.c.

51 Il patto che limita la concorrenza (art c.c.) Il patto che limita la concorrenza tra imprenditori è disciplinato dall'art c.c., il quale, in primo luogo, stabilisce (comma 1) che tale patto «deve essere provato per iscritto. Esso è valido se circoscritto a una determinata zona o ad una determinata attività, e non può eccedere la durata di cinque anni». La norma dispone poi (comma 2) che «se la durata del patto non è determinata o è stabilita per un periodo superiore a cinque anni, il patto è valido per la durata di un quinquennio».

52 Il patto che limita la concorrenza (art c.c.) Soggetti contraenti del negozio che limita la concorrenza sono due imprenditori in competizione sul medesimo mercato, individuato in ragione della zona geografica e dell'oggetto dell'attività svolta. Sussiste identità di mercato anche nell'ipotesi in cui i servizi resi dai concorrenti non siano del tutto identici, ma siano, tuttavia, idonei a soddisfare la domanda di una stessa clientela (Cass. n. 988/2004).

53 Il patto che limita la concorrenza (art c.c.) Ai fini della validità del patto sono richieste la forma scritta ad probationem e l'indicazione precisa della zona o dell'attività cui è circoscritto tale patto. A differenza che per gli altri istituti giuridici analizzati di seguito, non è previsto alcun corrispettivo o indennizzo.

54 Il patto di non concorrenza concluso dal lavoratore, disciplinato dall'art c.c Soggetti del patto di non concorrenza previsto dall'art c.c. sono: il prestatore di lavoro (di tipo subordinato: Cass. n /2000) e il datore di lavoro. Il primo si impegna, dietro corrispettivo, a non svolgere attività concorrenziale con quella del secondo, per il tempo successivo alla cessazione del contratto di lavoro. Con la sottoscrizione di un tale accordo, le parti conferiscono efficacia ultrattiva all'obbligo di fedeltà del lavoratore (art c.c.), che di regola viene automaticamente meno con lo scioglimento del rapporto lavorativo.

55 Il patto di non concorrenza concluso dal lavoratore, disciplinato dall'art c.c Il patto in oggetto (che è contratto a titolo oneroso e a prestazioni corrispettive: Cass. n. 2221/1988), mira a impedire che il lavoratore possa prestare la propria attività presso un concorrente dell'ex datore di lavoro (Cass. n. 2465/1962), ovvero che il lavoratore stesso possa entrare nel mercato in qualità di imprenditore in competizione (Cass. n /2001).

56 Il patto di non concorrenza concluso dal lavoratore, disciplinato dall'art c.c È prescritto il rispetto di alcune condizioni, a pena di nullità: la forma scritta ad substantiam, la previsione di un corrispettivo a favore del prestatore di lavoro, il contenimento del patto entro precisi limiti di oggetto, tempo e luogo. In difetto anche di uno solo di questi requisiti, tra loro strettamente interrelati, il contratto deve ritenersi tamquam non esset.

57 Il patto di non concorrenza concluso dal lavoratore, disciplinato dall'art c.c In materia di patto concluso dal prestatore di lavoro, le parti determinano autonomamente e in tutta libertà il compenso spettante, nonché le modalità di sua corresponsione. Anche qui, in ogni caso, debbono rispettarsi dei limiti: detto compenso deve essere di importo determinato o determinabile, non simbolico, congruo e proporzionato al sacrificio richiesto al lavoratore (Cass. n. 4891/1998)

58 Il patto di non concorrenza concluso dal lavoratore, disciplinato dall'art c.c Con riguardo ai limiti temporali dell'accordo, occorre distinguere tra quelli attinenti all'attività limitata, di cui sopra, e quelli attinenti alla durata massima del patto; questa è stabilita in 5 anni se si tratta di dirigenti e in 3 anni negli altri casi. La differenza tra i due diversi tipi di limiti temporali è di tutta evidenza: nel primo caso, si tratta di limiti il cui difetto di fissazione incide sulla validità sostanziale dell'accordo; nel secondo, qualora si pattuisse una durata maggiore, o non la si stabilisse affatto, l'accordo non sarebbe nullo, bensì si ridurrebbe ex lege nella misura prevista.

59 Il patto di non concorrenza concluso dall'agente (art bis c.c.) Venendo all'indagine sul patto di non concorrenza successivo allo scioglimento del rapporto di agenzia (art bis c.c.), qui i soggetti stipulanti sono il preponente e l'agente. Al momento della cessazione del contratto possiedono entrambi lo status di imprenditore: agente e preponente sono infatti legati da un rapporto di collaborazione professionale autonoma; non vi è subordinazione di tipo gerarchico del primo nei confronti del secondo. In costanza di rapporto, infatti, sull'agente grava un generico obbligo di lealtà e buona fede nell'assolvimento dell'incarico (art c.c.), e non un obbligo di fedeltà, come nel corso del rapporto di lavoro subordinato.

60 Il patto di non concorrenza concluso dall'agente (art bis c.c.) È richiesta la forma scritta ad substantiam, come per l'accordo concluso dal prestatore di lavoro. Il divieto di concorrenza da parte dell'agente riguarda «la medesima zona, clientela e genere di beni o servizi per i quali era stato concluso il contratto di agenzia». È salva, naturalmente, la possibilità di negoziare limitazioni meno ampie, in ordine al settore merceologico e geografico in cui operava l'agente.

61 Il patto di non concorrenza concluso dall'agente (art bis c.c.) All'agente spetta non un corrispettivo, bensì «una indennità di natura non provvigionale». Così il comma 2 dell'art bis, il quale inoltre stabilisce i criteri da seguire per la determinazione dell'ammontare di tale indennità. Le parti devono commisurare questa alla durata che intendono dare al patto (il quale in ogni caso non può superare i due anni), alla natura del rapporto di agenzia e all'ammontare dell'indennità di fine rapporto maturata dall'agente; esse devono, nel fare ciò, tenere conto degli accordi economici nazionali di categoria. In difetto di accordo, l'indennità di non concorrenza è liquidata dal giudice in via equitativa.

62 Le clausole di esclusiva nel contratto di somministrazione (artt e 1568 c.c.) La clausola di esclusiva nell'ambito del contratto di somministrazione può essere prevista sia a favore del somministrante, che del somministrato): nel primo caso, il somministrato si impegna a non «ricevere da terzi prestazioni della stessa natura» di quella oggetto del contratto di somministrazione, né può «provvedere con mezzi propri alla produzione delle cose» oggetto del contratto medesimo (salvo però, in questo caso, il patto contrario); nel secondo, il somministrante si impegna a non «compiere nella zona per cui l'esclusiva è concessa e per la durata del contratto, né direttamente né indirettamente, prestazioni della stessa natura».

63 Il patto integrativo del divieto di concorrenza da parte dell'alienante l'azienda (art c.c.) L'art comma 1, c.c., in tema di trasferimento d'azienda, stabilisce in capo all'alienante l'obbligo di astenersi, nei cinque anni successivi al trasferimento, dall'avviare una nuova impresa idonea, per oggetto, ubicazione o quant'altro, a sviare la clientela dell'azienda ceduta. Trattasi di obbligo di non concorrenza scaturente dalla legge, connaturato alla funzione del negozio di trasferimento (Cass. 1643/1998). L'art comma 2, c.c. rimette alle parti la facoltà di integrare il divieto normativo di cui sopra attraverso la sottoscrizione di un patto dai limiti (relativi sia alle attività sia al territorio) più estesi.

64 Le azioni esperibili

65 TUTELA E AZIONI ESPERIBILI L imprenditore che si ritiene danneggiato da atti di concorrenza sleale può esercitare: - L'AZIONE INIBITORIA (art c.c.); - L'AZIONE DI RIMOZIONE (art c.c.); - RISARCIMENTO DEL DANNO (se gli atti di concorrenza sleale sono compiuti con dolo o colpa) art c.c.;

66 AZIONE INIBITORIA L'azione INIBITORIA rappresenta il rimedio principale e la misura caratteristica di tutta la disciplina della concorrenza. Lo scopo di detto strumento è quello di prevenire la reiterazione o la continuazione di un'attività contra ius. È pacifico che l'inibitoria possa essere pronunciata anche in assenza di colpevolezza o di un danno patrimoniale. Occorre invece che l'illecito sia in corso o, se cessato, che esista la possibilità che sia ripreso o ripetuto in futuro.

67 AZIONE DI RIMOZIONE L' azione di RIMOZIONE degli effetti è diretta a ricostruire la situazione di fatto anteriore all'illecito nell'interesse del soggetto leso. Un esempio classico di rimozione è costituito dall'ordine di ritiro dal commercio e/o distruzione di prodotti costituenti imitazione servile.

68 PROVVEDIMENTI SPECIALI D'URGENZA Non essendo previste misure cautelari tipiche per la concorrenza sleale, è esperibile il ricorso per provvedimenti d'urgenza ex art. 700 c.p.c. per ottenere un'inibitoria provvisoria, ante causam o in corso di causa, della prosecuzione e/o ripetizione degli atti costituenti concorrenza sleale.

69 PROVVEDIMENTI SPECIALI D'URGENZA Secondo i principi ordinari è ammesso in materia di concorrenza sleale anche il ricorso a misure cautelari di sequestro conservativo ex art. 671 c.p.c., di sequestro giudiziario ex art. 670 n. 2 c.p.c. al fine di assicurare la prova e di istruzione preventiva ex art. 692 e ss. c.p.c.

70 RISARCIMENTO DEL DANNO Per il risarcimento del danno occorre fare riferimento alla disciplina generale dell'illecito civile: devono dunque ricorrere l'elemento soggettivo della colpevolezza, il danno effettivo e il rapporto di causalità tra atto illecito ed evento dannoso.

71 Cenni sulla disciplina della concorrenza in ambito penale ed amministrativo

72 AUTORITA' GARANTE IN ITALIA L'applicazione della disciplina della concorrenza in Italia è affidata all'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato istituita dalla legge 10 ottobre 1990, n L'Autorità è l'organo amministrativo cui la legge ha affidato il controllo del rispetto da parte delle imprese delle regole di concorrenza.

73 AUTORITA' GARANTE IN ITALIA In particolare l Autorità accerta e sanziona le intese restrittive della concorrenza e gli abusi di posizione dominante. Quando le imprese, invece di competere tra loro, si accordano al fine di coordinare i propri comportamenti sul mercato, violano la normativa sulla concorrenza.

74 AUTORITA' GARANTE IN ITALIA La cooperazione tra imprese può avere per oggetto o per effetto di impedire, restringere o falsare in maniera consistente il gioco della concorrenza. Ciò accade, ad esempio, quando più imprese fissano congiuntamente i prezzi oppure quando più imprese, che rappresentano una consistente parte del mercato, sottoscrivono una pluralità di accordi distributivi in esclusiva, tali da pregiudicare la capacità di accesso al mercato dei propri concorrenti attuali o potenziali.

75 AUTORITA' GARANTE IN ITALIA Nei casi in cui un istruttoria, avviata per la valutazione di un intesa restrittiva della concorrenza si concluda con l accertamento di un comportamento anticoncorrenziale, l Autorità diffida le imprese dal tenere in futuro un simile comportamento e può infliggere una sanzione pecuniaria fino al 10% del fatturato delle imprese coinvolte, in funzione della gravità e della durata della violazione. In caso di inottemperanza alla diffida, l'autorità applica la sanzione pecuniaria fino al 10% del fatturato.

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI a) diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE SINGOLE FATTISPECIE DI CONCORRENZA SLEALE Sommario: 1. Atti di confusione. - 2. Denigrazione e appropriazione di pregi. - 3. Atti contrari alla correttezza professionale. 1. ATTI DI CONFUSIONE

Dettagli

AGENTI E RAPPRESENTANTI

AGENTI E RAPPRESENTANTI AGENTI E RAPPRESENTANTI Il patto di non concorrenza. Decorrenza di Antonio Belsito Sommario: 1. Introduzione. 2. Il patto di non concorrenza: 2/a per il lavoratore subordinato; 2/b per l agente; 2/c postcontrattuale.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale Cos è un nome a dominio I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE QUARTA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI ------------------ 3 2 LE VIOLAZIONI DI NORME PUBBLICISTICHE --------------------------------------------------------------------

Dettagli

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 3 maggio 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Cos è un nome a dominio - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE SOMMARIO Prefazione di Umberto Scotti... I collaboratori... V XVII PARTE PRIMA IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE CAPITOLO 1 KNOW-HOW E SEGRETO NELL EVOLUZIONE DELLE FONTI di ALBERTO CAMUSSO 1. Introduzione...

Dettagli

DISCIPLINA DELLE COLLABORAZIONI COODINATE E CONTINUATIVE NELLA MODALITA' C.D. A PROGETTO - CIRCOLARE ILLUSTRATIVA

DISCIPLINA DELLE COLLABORAZIONI COODINATE E CONTINUATIVE NELLA MODALITA' C.D. A PROGETTO - CIRCOLARE ILLUSTRATIVA DISCIPLINA DELLE COLLABORAZIONI COODINATE E CONTINUATIVE NELLA MODALITA' C.D. A PROGETTO - CIRCOLARE ILLUSTRATIVA Il Ministero del Lavoro ha pubblicato ieri la circolare n. 1/2004 (http://www.welfare.gov.it/eachannel/menuistituzionale/normative/2004/20040108-

Dettagli

Le alternative nei contratti di vendita

Le alternative nei contratti di vendita Le alternative nei contratti di vendita Un esame comparato fra le possibili alternative per organizzare le vendite: distribuzione, agenzia e procacciamento d affari Milano, 13 Marzo 2014 Raffronto fra

Dettagli

CONTRATTO PER LA INSTALLAZIONE DI POSTAZIONI TELEMATICHE PER LA NAVIGAZIONE IN INTERNET E FINALIZZATE A CONSENTIRE L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' DI

CONTRATTO PER LA INSTALLAZIONE DI POSTAZIONI TELEMATICHE PER LA NAVIGAZIONE IN INTERNET E FINALIZZATE A CONSENTIRE L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' DI CONTRATTO PER LA INSTALLAZIONE DI POSTAZIONI TELEMATICHE PER LA NAVIGAZIONE IN INTERNET E FINALIZZATE A CONSENTIRE L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' DI COMMERCIO ELETTRONICO TRA Ditta individuale Michael Cardullo,

Dettagli

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust Master in Consulente Legale d Impresa Prospettive Nazionali e Internazionali La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust a cura di: Dott.ssa Stefania Palumbo Pagina 1 La responsabilità oggettiva

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli

Il lavoro a progetto 1. La nuova normativa del lavoro a progetto

Il lavoro a progetto 1. La nuova normativa del lavoro a progetto Il lavoro a progetto 1. La nuova normativa del lavoro a progetto Come anticipato in premessa, nell'ambito delle nuove tipologie di lavoro create dalla recente riforma del mercato del lavoro ed individuate

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione lavoro ORDINANZA. contro. Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO. Premesso che

TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione lavoro ORDINANZA. contro. Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO. Premesso che TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione lavoro ORDINANZA R.G. n. 2013 / 1239 AGEMEDIA SRL Avv. COLA DANIELE MATTEO BAVASTRO e ALESSANDRO BURRONI contro Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO Il giudice,

Dettagli

Herman Miller Limited, Filiale Italiana

Herman Miller Limited, Filiale Italiana Herman Miller Limited, Filiale Italiana Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo [ex D. Lgs. 231 del 2001] Parte Speciale 4 Edizione settembre 2011 PARTE SPECIALE 4 Reati contro l industria e il

Dettagli

Gli obblighi informativi del franchisor

Gli obblighi informativi del franchisor Gli obblighi informativi del franchisor La fase precedente la conclusione del contratto di franchising è particolarmente delicata, e per tale motivo ha costituito oggetto di attenta regolamentazione, sia

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE PUBBLICATO IN DATA 19 MAGGIO 2010 IN VIGORE DAL 3 GIUGNO 2010 CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE Art. 8 CCNL Integrativo del CCNL 17 ottobre 2008, sottoscritto in data 6 maggio 2010 1.

Dettagli

Clausole. Clausole nulle o controverse nei contratti di agenzia. parere legale clausole nulle di Maurizio Iorio. parere legale

Clausole. Clausole nulle o controverse nei contratti di agenzia. parere legale clausole nulle di Maurizio Iorio. parere legale parere legale clausole nulle di Maurizio Iorio Clausole nulle o controverse nei contratti di agenzia questo mese esaminiamo alcune tipologie di clausole, rinvenibili correntemente nei contratti di agenzia,

Dettagli

LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI

LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE TERZO) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI ---------------------------------------------------------------- 3 2 IL BOICOTTAGGIO ---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023 Pagina 1 di 6 Avis juridique important 31997L0055 Direttiva 97/55/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 ottobre 1997 che modifica la direttiva 84/450/CEE relativa alla pubblicità ingannevole

Dettagli

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE SETTIMA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO ------------------------------- 3 2 LA TUTELA DEL MARCHIO DI FATTO E DELLA

Dettagli

Il diritto allo sfruttamento dell'immagine altrui. Avv. Matteo Santini (Foro di Roma)

Il diritto allo sfruttamento dell'immagine altrui. Avv. Matteo Santini (Foro di Roma) Il diritto allo sfruttamento dell'immagine altrui Avv. Matteo Santini (Foro di Roma) Il diritto all'immagine è regolamentato prevalentemente all'articolo 10 del codice civile nonché dagli articoli 96 e

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario Introduzione... 2 Le violazioni e le misure disciplinari... 2 SISTEMA SANZIONATORIO PER I LAVORATORI DIPENDENTI... 3 LAVORATORI DIPENDENTI NON DIRIGENTI (QUADRI, IMPIEGATI, OPERAI)... 3 DIRIGENTI...

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio INDICE PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione 1. I delitti contro l industria e il commercio (art.25bis1 D.Lgs. 231/2001) 2.

Dettagli

Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio. Codice documento: MOG 231 - PSM

Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio. Codice documento: MOG 231 - PSM Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio Codice documento: REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 30.07.2012 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti sono sottoposti all approvazione

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it Indice 3 In cosa consiste. 3 Come si effettua una ricerca di anteriorità. 3 Le banche dati dei marchi con effetto in Italia. 3 Come valutare i marchi anteriori identici e simili.

Dettagli

Indice 2. LA LEGISLAZIONE ANTITRUST... 9 3. I CONSORZI... 15

Indice 2. LA LEGISLAZIONE ANTITRUST... 9 3. I CONSORZI... 15 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE LEZIONE III LA CONCORRENZA TRA IMPRESE PROF.SSA VALENTINA SCOGNAMIGLIO Indice 1. LA CONCORRENZA TRA IMPRESE... 3 1.1. LA CONCORRENZA SLEALE... 3 1.2. ILLECITO E DANNO

Dettagli

Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX

Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX CAUSA n. 31817/2005 1 Giurisprudenza Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX CREDITONLINE SPA/ALPI Consulenza

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate.

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate. Linee guida della direzione tutela dei consumatori esplicative per l attività di vigilanza da effettuare ai sensi dell art. 1, comma 4, della legge n. 40/2007, con particolare riferimento alle previsioni

Dettagli

http://www.studiodicarlo.org

http://www.studiodicarlo.org Contratto di affiliazione commerciale Tra le Parti: A s.p.a. , con sede in (provincia di ) in via al civico numero (), capitale sociale deliberato euro (/00),

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

LE FUNZIONI DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO (ANTITRUST) E LA TUTELA DEI CONSUMATORI

LE FUNZIONI DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO (ANTITRUST) E LA TUTELA DEI CONSUMATORI INSERTO A CURA DI CONFCONSUMATORI DELL EMILIA ROMAGNA CHI PROTEGGE I NOSTRI DIRITTI NELLA GIUNGLA DEL MERCATO? LE FUNZIONI DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO (ANTITRUST) E LA TUTELA

Dettagli

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Avv. Maurizio Bianco Tribunale di Torino, Sez. IX, 16 marzo 2012 Sommario: 1. Il caso; 2. Lo storno illecito

Dettagli

Accoglimento totale del 29/07/2015 RG n. 28653/2015

Accoglimento totale del 29/07/2015 RG n. 28653/2015 R.G. 28653/2015 Tribunale di Milano Sezione VI civile Il Giudice, a scioglimento della riserva assunta in udienza, così provvede sul ricorso urgente proposto ex art. 140 VIII comma del Codice del Consumo

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

ABBANDONI OCCASIONALI DI RIFIUTI. La difficile perseguibilità dei responsabili

ABBANDONI OCCASIONALI DI RIFIUTI. La difficile perseguibilità dei responsabili Provincia di Torino Area Sviluppo Sostenibile Ufficio Contenzioso ABBANDONI OCCASIONALI DI RIFIUTI. La difficile perseguibilità dei responsabili Gli abbandoni occasionali di rifiuti: qualche numero dal

Dettagli

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Milano, 2 luglio 2008 Prof. Paola A.E. Frassi Bird & Bird, Milano Recenti evoluzioni normative dello statuto di non decettività

Dettagli

PI6247 - UNIVERSITÀ POPOLARE SAN TOMMASO - CAMPUS SICILIA Provvedimento n. 17989

PI6247 - UNIVERSITÀ POPOLARE SAN TOMMASO - CAMPUS SICILIA Provvedimento n. 17989 PI6247 - UNIVERSITÀ POPOLARE SAN TOMMASO - CAMPUS SICILIA Provvedimento n. 17989 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 7 febbraio 2008; SENTITO il Relatore Giorgio Guazzaloca;

Dettagli

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa 1 Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010 Paolo AUTERI Tutela dei segreti d impresa 1. La questione Aippi Q215 è rivolta ad accertare come le informazioni aziendali segrete o riservate sono protette o si ritiene

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste...

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste... INDICE SOMMARIO Abbreviazione delle principali riviste... XI Capitolo 1 AGENZIA E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE. NORMATIVA ED ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI. LA DIRETTIVA CEE 86/653 1. La distribuzione commerciale...

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

IP Misuse. L'abuso dei diritti di proprietà industriale. Collegio dei Consulenti in Proprietà Industriale Milano, 27 febbraio 2015

IP Misuse. L'abuso dei diritti di proprietà industriale. Collegio dei Consulenti in Proprietà Industriale Milano, 27 febbraio 2015 IP Misuse L'abuso dei diritti di proprietà industriale Collegio dei Consulenti in Proprietà Industriale Milano, 27 febbraio 2015 IP misuse L'invalidità del titolo brevetti marchi modelli L'art. 121 c.p.i.:

Dettagli

MANDATO DI AGENZIA. 2). ZONA, SUE EVENTUALI VARIAZIONI E OBBLIGO DI NON CONCORRENZA. Il presente mandato viene conferito per la seguente zona:

MANDATO DI AGENZIA. 2). ZONA, SUE EVENTUALI VARIAZIONI E OBBLIGO DI NON CONCORRENZA. Il presente mandato viene conferito per la seguente zona: Tra la Ditta... in persona dell'amministratore Sig... con Sede in Via Città P. IVA (PREPONENTE) Ed Il Sig.... residente in Via..... Città... P. IVA... iscritto nel Ruolo Agenti e/o Rappresentanti di Commercio

Dettagli

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa)

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI BRUNO C. SO UMBERTO I, 61 Avellino Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studioavvocatibruno@virgilio.it

STUDIO LEGALE AVVOCATI BRUNO C. SO UMBERTO I, 61 Avellino Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studioavvocatibruno@virgilio.it TRIBUNALE DI NAPOLI - SEZIONE SPECIALIZZATA PROPRIETÀ INDUSTRIALE ED INTELLETTUALE - RICORSO EX ART. 131 D. LGS. 30/2005 Per e difesa dall Avv. Francesco Ettore Bruno e dall Avv. Francesca Silvestri ed

Dettagli

Cos è il franchising. La proposta di franchising On Delivery

Cos è il franchising. La proposta di franchising On Delivery Cos è il franchising Il franchising è un sistema di collaborazione commerciale tra due imprese indipendenti: da una parte c è il produttore o un offerente di servizi, detto affiliante o Franchisor, e dall

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

I contratti di Distribuzione

I contratti di Distribuzione I contratti di Distribuzione Il contratto di distribuzione è una fattispecie atipica ovvero priva di una specifica disciplina legislativa. Molti contratti di distribuzione hanno strutture complesse tali

Dettagli

LiveNetwork registrata presso il Tribunale di Trani al n. 6/07. Aggiungeva che aveva constatato la presenza sulla rete, prima dei portali

LiveNetwork registrata presso il Tribunale di Trani al n. 6/07. Aggiungeva che aveva constatato la presenza sulla rete, prima dei portali TRIBUNALE DI BARI Il Tribunale di Bari, Quinta Sez. Civile, in composizione monocratica, in persona del Giudice dott. Rosanna Angarano, ha emesso la seguente ORDINANZA nella causa civile iscritta al N.6903/2010

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2012 Aggiornato in data 14 marzo 2013 Ultimo aggiornamento approvato

Dettagli

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646)

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) LAVORATORE SUBORDINATO GIUDIZIALMENTE DICHIARATO E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) La problematica che si analizza riguarda le ricadute,

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI Pag. 1 di 5 Con la presente si informa il lavoratore su alcuni aspetti tratti dal contratto collettivo nazionale di categoria: Art. 47 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI L inosservanza, da parte del lavoratore,

Dettagli

Il sistema disciplinare

Il sistema disciplinare ALLEGATO 2a Il sistema disciplinare Si fa riferimento alle vigenti norme di legge e di contratto, tra cui: D.Lgs 81/08 - Art. 20 - Obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

Enrico Adriano Raffaelli

Enrico Adriano Raffaelli 28 Convegno ed Assemblea Annuale degli Associati Forum shopping e concorrenza sleale Catania 17 20 settembre 2015 Le nuove frontiere della concorrenza sleale Enrico Adriano Raffaelli 1 Atti di concorrenza

Dettagli

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari L art. 62 del D.L 24 gennaio 2012 n.1, convertito nella L. n. 27 del 24 marzo 2012, ha introdotto una disciplina specifica in materia

Dettagli

Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali

Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali Ing. Marco Camolese Sardegna Ricerche Cagliari, 8 maggio 2014 Ing. Marco Camolese Laureato in Ingegneria Elettronica (Politecnico di Torino)

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli

Codice Etico Aziendale

Codice Etico Aziendale Codice Etico Aziendale INDICE!" INTRODUZIONE 3 1.1 L Azienda 3 1.2 Il Codice Etico Aziendale 3 1.3 Riferimenti 3 1.4 Destinatari e Campo d Applicazione 3 1.5 Principi Generali 4 2. ETICA DEI RAPPORTI DI

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS)

SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS) SISTEMA DISCIPLINARE SANZIONATORIO Rev 0 SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS) MODELLO ORGANIZZATIVO Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Disciplina e Compiti dell Organismo

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

LA SOLUZIONE I PRECEDENTI

LA SOLUZIONE I PRECEDENTI 26/03/2015 PREVIDENZA INTEGRATIVA Le Sezioni Unite tornano a pronunciarsi sulla natura dei contributi ai fondi di previdenza integrativa Paola Salazar - Avvocato Con la sentenza 12 marzo 2015, n. 4949

Dettagli

Questioni giuridiche relative ai contratti internazionali di agenzia, distribuzione, franchising, procacciamento d affari

Questioni giuridiche relative ai contratti internazionali di agenzia, distribuzione, franchising, procacciamento d affari STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari

Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari CODICE DEONTOLOGICO ORDINE NAZIONALE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI TITOLO I Principi Generali ARTICOLO 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE 1) I principi e le regole espressi dal presente Codice Deontologico sono vincolanti

Dettagli

L'impresa. N.B. è imprenditore chi produce beni o servizi destinati al mercato e non all'autoconsumo

L'impresa. N.B. è imprenditore chi produce beni o servizi destinati al mercato e non all'autoconsumo L'impresa * L'art. 2082 del codice civile definisce imprenditore "chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi" * Dalla

Dettagli

Società partecipate dalle Regioni: le società in house

Società partecipate dalle Regioni: le società in house Al servizio di gente unica Società partecipate dalle Regioni: le società in house Osservatorio legislativo interregionale Roma, giovedì 15 aprile 2010 Gemma Pastore Servizio qualità della legislazione

Dettagli

TITOLO II- Svolgimento dell'attività

TITOLO II- Svolgimento dell'attività Carta dei Servizi per le imprese aderenti a EDILIZIALIGURIA TITOLO I - Principi generali ART. 1 - Finalità 1. La presente Carta dei Servizi contiene norme comportamentali finalizzate a qualificare l'attività

Dettagli

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede;

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede; Tribunale di Brescia, Sezione Feriale, collegio Giudicante Dott. Augusto Bitonte, dott.ssa Lucia Cannella, dott.ssa Elda Geraci. Ordinanza ex artt. 669 terdecies c.p.c. del 29.12.2007 n. 14558 Argomento

Dettagli

Le condizioni generali di contratto

Le condizioni generali di contratto Inserire testo Inserire testo Le condizioni generali di contratto Condizioni generali di contratto e clausole vessatorie: in particolare, la riserva di proprietà A cura dell Avv. Simona Cardillo CONDIZIONI

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Pena interdittiva accessoria sentenza penale di condanna La cancellazione dall Albo degli Avvocati, disposta come conseguenza

Dettagli

NEWSLETTER. N 1 - Gennaio 2009. STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia. www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati.

NEWSLETTER. N 1 - Gennaio 2009. STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia. www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati. NEWSLETTER N 1 - Gennaio 2009 STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati.it GIURISPRUDENZA 1. La Cassazione nega la tutela ai sensi dell art.

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Novità per le cessioni di prodotti agricoli e agroalimentari (art. 62 DL n. 1/2012, Decreto att. Min. politiche Agricole)

Novità per le cessioni di prodotti agricoli e agroalimentari (art. 62 DL n. 1/2012, Decreto att. Min. politiche Agricole) Novità per le cessioni di prodotti agricoli e agroalimentari (art. 62 DL n. 1/2012, Decreto att. Min. politiche Agricole) Premessa Con l articolo 62 del DL n. 1/2012 (C.D. Decreto Liberalizzazioni) il

Dettagli

CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO

CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO L acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. Identificazione dei

Dettagli

LE OPINIONI. 1 Per ulteriori approfondimenti sul tema delle responsabilità per fatto illecito in Internet si

LE OPINIONI. 1 Per ulteriori approfondimenti sul tema delle responsabilità per fatto illecito in Internet si LE OPINIONI PRESTATORI DI SERVIZI DELLA SOCIETÀ DELL'INFORMAZIONE IL NUOVO REGIME DI RESPONSABILITÀ CIVILE ALLA LUCE DEL D.LGS. 70/2003 SUL COMMERCIO ELETTRONICO Come noto il 15 maggio 2003 è entrata in

Dettagli

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Per poter competere con successo nei mercati stranieri è fondamentale la consapevolezza delle regole del gioco, dei rischi da evitare e delle

Dettagli

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità Autore: Luca PRATI e Francesco Maria SALERNO Data: 09.09.2014 Pubblicato su: www.lexambiente.it I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14)

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.9 del 18.04.2012 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) ART. 13 Modifiche alla legge 15 luglio 1966, n. 604 Forma e procedure del licenziamento

Dettagli

AFFINITÀ E DIFFERENZE

AFFINITÀ E DIFFERENZE NON CONCORRENZA E RISERVATEZZA NEL LAVORO SUBORDINATO E A PROGETTO AFFINITÀ E DIFFERENZE di Cristina Somma Risorse Umane >> Gestione ed organizzazione del personale L articolo 64 del D.Lgs. 10 settembre

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Direttiva n. 104 CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO IL MINISTRO Roma, 30 novembre 2007 che il diritto alla protezione dei dati personali gode di specifiche forme di tutela stante

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento Regolamento d uso del Marchio Collettivo Prosciutto Fiocco di Valtellina Art.1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento definisce le condizioni e le modalità per il rilascio del marchio Prosciutto

Dettagli

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76 parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio distribuzione selettiva e negozi on-line Sarà capitato di sentire parlare di rivenditori selezionati, distributori esclusivi e dettaglianti ufficiali

Dettagli

G.U. n. 274, del 23 novembre scorso Regolamento di attuazione dell'art. 62 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1

G.U. n. 274, del 23 novembre scorso Regolamento di attuazione dell'art. 62 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 Sulla G.U. n. 274, del 23 novembre scorso, è stato pubblicato il decreto del Ministero delle politiche agricole e forestali del 19 ottobre 2012, Regolamento di attuazione dell'art. 62 del decreto-legge

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

CESSIONE RAMO DI AZIENDA

CESSIONE RAMO DI AZIENDA CONTRATTI TIPO di CESSIONE RAMO DI AZIENDA CONTRATTO DI CESSIONE RAMO DI AZIENDA Con la presente scrittura privata, che verrà conservata agli atti del Notaio autenticante, espressamente autorizzato a rilasciarne

Dettagli

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTI TIPO di CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTO DI CESSIONE DI AZIENDA Con la presente scrittura privata, che verrà conservata agli atti del Notaio autenticante, espressamente autorizzato a rilasciarne

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli