Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo"

Transcript

1 Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

2 CONCORRENZA SLEALE art e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

3 Ferme le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi e dei diritti di brevetto, compie atti di concorrenza sleale chiunque: 1) usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l'attività di un concorrente (concorrenza per confondibilità); 2) diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività di un concorrente, idonei a determinare il discredito o si appropria di pregi dei prodotti o dell'impresa di un concorrente (denigrazione e appropriazione di pregi); 3) si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l'altrui azienda (clausola generale)

4 art c.c. Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno. art c.c. compie atti di concorrenza sleale chiunque: 3) si vale direttamente o indirettamente di ogni mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l'altrui azienda.

5 Art c.c. L art delinea ipotesi di illeciti extracontrattuali ma si differenzia dall art perché: Funzione preventiva anziché repressiva della disciplina (risarcimento danno è sanzione eventuale) Specifica qualificazione dei soggetti attivo e passivo dell atto di concorrenza (lex specialis, ossia rapporto di specie a genere rispetto all art. 2043)

6 CONDIZIONI DI APPLICABILITÀ DELLA FATTISPECIE a) Qualità di imprenditore del soggetto agente e del soggetto che subisce la concorrenza sleale b) Sussistenza di un rapporto di concorrenza

7 Qualità di imprenditore Soggetto che di fatto esercita sul mercato un attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi (ancorché non professionalmente) N.B.: nonostante la questione sia dubbia inapplicabilità della disciplina di concorrenza sleale ai rapporti tra liberi professionisti (Cass. civ., 13 gennaio 2005, n. 560)

8 a) Sussistenza di un rapporto di concorrenza rapporto di concorrenza ricorre quando tra i soggetti dell atto vi sia comunanza di clientela, effettiva o potenziale A questo fine, si deve aver riguardo alla identità o affinità dei prodotti o servizi offerti, ovvero alla natura dei bisogni soddisfatti Per quanto riguarda il profilo territoriale, assume rilievo l estensione territoriale del mercato di riferimento (non solo nella sua dimensione statica, ma anche dinamica)

9 b) Sussistenza di un rapporto di concorrenza Sì La disciplina si applica anche quando la concorrenza è soltanto potenziale? purché, secondo taluni, in presenza di una probabilità concreta di espansione, desumibile da specifiche circostanze del caso concreto o da regole di esperienza Il rapporto di concorrenza potenziale viene valutato con riferimento a 3 diversi profili: 1 Possibilità di accesso di una impresa al mercato in cui opera l altra; 2 Soggetti che non abbiano ancora avviato o abbiano sospeso in modo non definitivo l attività; 3 Ragionevole previsione di una estensione dell ambito operativo di un impresa a quello di un altra

10 b) Sussistenza di un rapporto di concorrenza La disciplina si applica anche ai rapporti di concorrenza verticale? Sì incidenza della attività dei soggetti sulla medesima cerchia di consumatori finali, con conseguente idoneità dell atto compiuto da uno di essi ad operare uno sviamento di clientela a danno dell altro

11 N.B.: tendenza in dottrina ad ampliare l ambito soggettivo di applicazione dell art (ad es. affermando che qualunque soggetto possa essere autore della concorrenza sleale o che la norma tuteli in via diretta anche gli interessi dei consumatori)

12 CONCORRENZA SLEALE PER INTERPOSTA PERSONA La disciplina si applica anche agli atti posti in essere da dipendenti dell imprenditore, o da ausiliari e collaboratori autonomi, nonché da amministratori è sufficiente che l atto sia stato posto in essere nell interesse dell impresa da parte di chiunque si trovi con la medesima in relazione tale da qualificare quel comportamento come rivolto a procurarle vantaggio, a danno di un altro imprenditore

13 FATTISPECIE DI CONCORRENZA SLEALE Fattispecie tipiche a) Art. 2598, n. 1 Atti di confusione b) Art. 2598, n. 2 Atti di denigrazione Atti di appropriazione di pregi Fattispecie atipiche Art. 2598, n. 3 Clausola generale che qualifica come concorrenza sleale una pluralità di comportamenti, caratterizzati dall essere non conformi ai principi della correttezza professionale e idonei a danneggiare l altrui azienda

14 RAPPORTI TRA I NN. 1,2,3 dell art Il giudizio di illiceità delle fattispecie tipiche (nn. 1 e 2) va reso o meno sulla base della clausola generale e richiede, in particolare, la verifica della contrarietà dell atto ai principi della correttezza professionale? In linea di principio NO (cfr. art. 2598, n. 3 ogni altro mezzo)

15 CONCORRENZA PER CONFONDIBILITÀ a) usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri, o b) imita servilmente i prodotti di un concorrente, o c) compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l'attività di un concorrente

16 ciò che accomuna le 3 ipotesi è l idoneità a produrre confusione con i prodotti o l attività di un concorrente l art. 2598, n. 1 vieta ogni comportamento suscettibile di incidere sulle scelte dei consumatori e che sia tale da indurli ad imputare determinati prodotti o una data attività ad un imprenditore diverso da quello cui effettivamente appartengono

17 Presupposti comuni: riproduzione più o meno puntuale di uno o più elementi idonei ad individuare quei prodotti o quella attività (ossia uno o più segni distintivi di essi) ricorso di una concreta potenzialità confusoria contemporanea presenza sul mercato delle imprese in conflitto

18 Caratteristiche: Illecito confusorio è un illecito di pericolo (è sufficiente la possibilità di confusione sulla base di un giudizio di probabilità ancorato alle circostanze del caso) L accertamento della confondibilità va condotto avendo riguardo all impressione che, presumibilmente, la somiglianza dei segni o dell aspetto esteriore dei prodotti può suscitare nel consumatore medio, dotato di ordinaria diligenza e attenzione riferimento al consumatore cui sono normalmente destinati i prodotti

19 Segni distintivi Qualsiasi entità capace di caratterizzare un prodotto e di distinguerlo dagli altri analoghi di diversa provenienza, presenti sul mercato (es.: parole, figure, numeri, lettere dell alfabeto, colori, ecc.)

20 Perché si determini una possibilità di confusione è necessario che: il segno imitato sia dotato di CAPACITÀ DISTINTIVA Deve cioè essere, in concreto, idoneo a distinguere i prodotti o l attività di un determinato imprenditore da quelli di un altro (non c è capacità distintiva, ad es., se il segno consista in una denominazione generica o indicazione descrittiva del prodotto) il segno sia noto, ossia sia concretamente presente sul mercato il segno sia nuovo (deve differenziarsi dai segni distintivi che altri abbiano anteriormente adottato per prodotti o attività dello stesso genere)

21 In altre parole, deve ricorrere una situazione di notorietà qualificata del segno, nel senso di notorietà del segno accompagnata dalla percezione da parte del pubblico della natura distintiva del segno

22 TIPOLOGIE DI SEGNI DISTINTIVI L ampia dizione dell art. 2598, n. 1, rende riferibile la disposizione sia ai segni atipici (marchio di fatto, ditta irregolare, sigla, slogan pubblicitario, domain name), sia ai segni tipici (registrati), quali, la ditta, l insegna, il marchio registrato in quest ultimo caso possibilità di cumulo con l azione di contraffazione N.B.: La concorrenza sleale può ricorrere anche in caso di segni simili, ma non confondibili con quelli di un concorrente (ad es. uso di suffissi o prefissi)

23 IMITAZIONE SERVILE Poiché anche l imitazione servile è un mezzo confusorio, deve trattarsi di imitazione fedele, pedissequa delle parti esterne, vale a dire della forma esteriore del prodotto o della sua confezione segni distintivi tridimensionali

24 REQUISITI DI TUTELA DELLA FORMA La tutela ex art. 2598, n. 1, concerne le forme aventi efficacia individualizzante e diversificatrice del prodotto rispetto ad altri consimili (l imitazione deve riguardare forme esteriori che, per originalità e novità, costituiscono l individualità di un prodotto e ne denotano la provenienza di fronte alla specifica clientela cui esso è destinato) Requisito delle novità della forma Requisito della capacità distintiva e della notorietà della forma

25 ALTRI MEZZI IDONEI A CREARE CONFUSIONE Norma di chiusura, avente valore residuale, per escludere la liceità di qualsiasi atto confusorio la giurisprudenza ne ha fatto applicazione in caso di imitazione di materiale pubblicitario altrui, in caso di imitazione dei furgoni utilizzati dal concorrente per la distribuzione dei prodotti, in caso di uso di moduli la cui impostazione ricalchi quella di stampati analoghi di un concorrente

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE SETTIMA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO ------------------------------- 3 2 LA TUTELA DEL MARCHIO DI FATTO E DELLA

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI a) diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE SINGOLE FATTISPECIE DI CONCORRENZA SLEALE Sommario: 1. Atti di confusione. - 2. Denigrazione e appropriazione di pregi. - 3. Atti contrari alla correttezza professionale. 1. ATTI DI CONFUSIONE

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX

Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX CAUSA n. 31817/2005 1 Giurisprudenza Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX CREDITONLINE SPA/ALPI Consulenza

Dettagli

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE QUARTA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI ------------------ 3 2 LE VIOLAZIONI DI NORME PUBBLICISTICHE --------------------------------------------------------------------

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

LA CONCORRENZA SLEALE E LA TUTELA BREVETTUALE

LA CONCORRENZA SLEALE E LA TUTELA BREVETTUALE LA CONCORRENZA SLEALE E LA TUTELA BREVETTUALE di Clizia Cacciamani, avvocato - INNOVA & PARTNERS s.r.l. INDICE LA LIBERTA DI CONCORRENZA E DISCIPLINA DELLA CONCORRENZA SLEALE 1. CONSIDERAZIONI GENERALI

Dettagli

Dipartimento di Impresa e Management Cattedra di Diritto Commerciale CONCORRENZA SLEALE E PUBBLICITA COMPARATIVA DENIGRATORIA

Dipartimento di Impresa e Management Cattedra di Diritto Commerciale CONCORRENZA SLEALE E PUBBLICITA COMPARATIVA DENIGRATORIA Dipartimento di Impresa e Management Cattedra di Diritto Commerciale CONCORRENZA SLEALE E PUBBLICITA COMPARATIVA DENIGRATORIA RELATORE Prof. Raffaele Lener CANDIDATO Nicolina Innamorato Anno Accademico

Dettagli

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale Cos è un nome a dominio I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

Lezione n. 10. La tutela delle informazioni commerciali: domain name e concorrenza sleale in internet

Lezione n. 10. La tutela delle informazioni commerciali: domain name e concorrenza sleale in internet Lezione n. 10 La tutela delle informazioni commerciali: domain name e concorrenza sleale in internet Disciplina della concorrenza in internet Tutela dei domain name Atti di concorrenza sleale (metatag,

Dettagli

Legal marketing: impostare campagne di marketing nel rispetto delle vigenti normative

Legal marketing: impostare campagne di marketing nel rispetto delle vigenti normative Legal marketing: impostare campagne di marketing nel rispetto delle vigenti normative di Gabriele Faggioli * e Andrea Reghelin ** L American Marketing Association definisce il marketing come l insieme

Dettagli

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 3 maggio 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Cos è un nome a dominio - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui. di Alessio Canova

INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui. di Alessio Canova INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui di Alessio Canova Reggio Emilia, 11 aprile 2013 Le imprese e la loro presenza su internet Il sito internet ed i

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALI IL TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE 1^ CIVILE S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALI IL TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE 1^ CIVILE S E N T E N Z A Marchi Contraffazione ed usurpazione del marchio - Società di consulenza di proprietà industriale ed intellettuale Nome registrato come ditta e come marchio - Attività di produzione di sistemi multimediali

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio INDICE PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione 1. I delitti contro l industria e il commercio (art.25bis1 D.Lgs. 231/2001) 2.

Dettagli

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Milano, 2 luglio 2008 Prof. Paola A.E. Frassi Bird & Bird, Milano Recenti evoluzioni normative dello statuto di non decettività

Dettagli

Enrico Adriano Raffaelli

Enrico Adriano Raffaelli 28 Convegno ed Assemblea Annuale degli Associati Forum shopping e concorrenza sleale Catania 17 20 settembre 2015 Le nuove frontiere della concorrenza sleale Enrico Adriano Raffaelli 1 Atti di concorrenza

Dettagli

lezione 8 Rapporti commerciali in internet La tutela dei segni distintivi e della concorrenza in internet

lezione 8 Rapporti commerciali in internet La tutela dei segni distintivi e della concorrenza in internet lezione 8 Rapporti commerciali in internet La tutela dei segni distintivi e della concorrenza in internet Tutela dei domain name Atti di concorrenza sleale (metatag, keywords, deep link e framing) Cosa

Dettagli

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi 1 1. STRATEGIE DI CREAZIONE DI UN PORTAFOGLIO MARCHI Il marchio

Dettagli

I SEGNI DISTINTIVI NELLE ATTIVITA TURISTICHE

I SEGNI DISTINTIVI NELLE ATTIVITA TURISTICHE I SEGNI DISTINTIVI NELLE ATTIVITA TURISTICHE 1.1. Introduzione I segni distintivi sono beni immateriali, la cui funzione è assolta nel rapporto che l imprenditore ha con la sua clientela. Infatti, permettono

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione ICT E DIRITTO Rubrica a cura di Antonio Piva, David D Agostini Scopo di questa rubrica è di illustrare al lettore, in brevi articoli, le tematiche giuridiche più significative del settore ICT: dalla tutela

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Avv. Maurizio Bianco Tribunale di Torino, Sez. IX, 16 marzo 2012 Sommario: 1. Il caso; 2. Lo storno illecito

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali

Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali Ing. Marco Camolese Sardegna Ricerche Cagliari, 8 maggio 2014 Ing. Marco Camolese Laureato in Ingegneria Elettronica (Politecnico di Torino)

Dettagli

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni PROCEDURA DI SEGNALAZIONI DI ILLECITI O DI IRREGOLARITÀ DA PARTE DEI DIPENDENTI O COLLABORATORI DELL AZIENDA OSPEDALIERA S. MARIA E RELATIVE FORME DI TUTELA. 1. Fonte normativa e natura dell istituto.

Dettagli

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa 1 Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010 Paolo AUTERI Tutela dei segreti d impresa 1. La questione Aippi Q215 è rivolta ad accertare come le informazioni aziendali segrete o riservate sono protette o si ritiene

Dettagli

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro Trattenuta compensativa Limiti Nella quotidiana pratica di gestione del personale, agli operatori del settore

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

LiveNetwork registrata presso il Tribunale di Trani al n. 6/07. Aggiungeva che aveva constatato la presenza sulla rete, prima dei portali

LiveNetwork registrata presso il Tribunale di Trani al n. 6/07. Aggiungeva che aveva constatato la presenza sulla rete, prima dei portali TRIBUNALE DI BARI Il Tribunale di Bari, Quinta Sez. Civile, in composizione monocratica, in persona del Giudice dott. Rosanna Angarano, ha emesso la seguente ORDINANZA nella causa civile iscritta al N.6903/2010

Dettagli

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001 1. Premessa La realtà del settore finanziario ha registrato, in particolare negli ultimi anni, una chiara trasformazione della figura del promotore finanziario. Questi infatti, superando l originario ruolo

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA QUESTA GUIDA, SEMPLICE E ALLA PORTATA DI TUTTI, VUOLE FORNIRE AL MEDIATORE

Dettagli

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA Il marchio di impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o i servizi

Dettagli

Gli accordi di segretezza di know-how

Gli accordi di segretezza di know-how Gli accordi di segretezza di know-how Le forme di tutela giuridica del know-how aziendale non coperto da diritti di privativa industriale tra vecchia e nuova normativa. Gli accordi di segretezza: contenuto

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023 Pagina 1 di 6 Avis juridique important 31997L0055 Direttiva 97/55/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 ottobre 1997 che modifica la direttiva 84/450/CEE relativa alla pubblicità ingannevole

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

La Tutela della Proprietà Intellettuale

La Tutela della Proprietà Intellettuale IL COMMERCIALISTA VENETO n. 202 - LUGLIO / AGOSTO 2011 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLE TRE VENEZIE INSERTO La Tutela della Proprietà Intellettuale a) La tutela dei

Dettagli

Tutela giuridica delle banche di dati

Tutela giuridica delle banche di dati Norme di riferimento Tutela giuridica delle banche di dati Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Legge 22 aprile 1941 n. 633. Protezione del diritto

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 1 luglio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio SONNENKRAFT.IT

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 1 luglio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio SONNENKRAFT.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio SONNENKRAFT.IT Ricorrente: VKR Holding A/S (Prof. Avv. Stefania Bariatti, Avv. Ida Palombella) Resistente: Ditta Individuale Pasquale Cerra Collegio (unipersonale):

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

La tutela del marchio

La tutela del marchio La tutela del marchio INCREDIBOL! l Innovazione CREativa DI BOLogna Bologna, 9 giugno 2015 Avv. Raffaella Pellegrino 1 Requisiti validità (novità, capacità distintiva, liceità) Ricerche anteriorità Classi

Dettagli

NEWSLETTER. N 1 - Gennaio 2009. STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia. www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati.

NEWSLETTER. N 1 - Gennaio 2009. STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia. www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati. NEWSLETTER N 1 - Gennaio 2009 STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati.it GIURISPRUDENZA 1. La Cassazione nega la tutela ai sensi dell art.

Dettagli

I CONTRATTI DELL AZIENDA RISTORATIVA

I CONTRATTI DELL AZIENDA RISTORATIVA INTRODUZIONE Lo sviluppo dell attività ristorativa ha reso d attualità e di rilievo pratico l esigenza di operare un approfondimento della disciplina che regola i rapporti contrattuali afferenti al settore

Dettagli

La figura del responsabile della conservazione dei documenti informatici

La figura del responsabile della conservazione dei documenti informatici La conservazione sostitutiva La figura del responsabile della conservazione dei documenti informatici di Silvana Semeraro (collaboratrice esterna dello Studio Legale Lisi www.studiolegalelisi.it) 1. Le

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Parere n. 106 del 27/06/2012

Parere n. 106 del 27/06/2012 MASSIMA Albo Nazionale dei Gestori Ambientali e Avvalimento. Così come è consentito l avvalimento per il requisito dell attestazione della certificazione SOA, deve ritenersi, quindi, consentito effettuare

Dettagli

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti.

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti. IL BISOGNO ASSICURATIVO E LA LEGGE FINANZIARIA 2008 (DANNI PATRIMONIALI) L evoluzione dell ordinamento giuridico e dell amministrazione pubblica verso la trasformazione in aziende di diritto privato di

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta.. Membro designato dalla Banca

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DEL SETTORE EDITORIALE EDUCATIVO

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DEL SETTORE EDITORIALE EDUCATIVO CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DEL SETTORE EDITORIALE EDUCATIVO A) IL LIBRO 1. Il libro in qualsiasi forma e modo sia realizzato e diffuso, è veicolo di trasmissione e di acquisizione di informazioni,

Dettagli

Herman Miller Limited, Filiale Italiana

Herman Miller Limited, Filiale Italiana Herman Miller Limited, Filiale Italiana Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo [ex D. Lgs. 231 del 2001] Parte Speciale 4 Edizione settembre 2011 PARTE SPECIALE 4 Reati contro l industria e il

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria)

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria) Dalla Costituzione alla tutela civile e penale Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE (Insegnante scuola primaria) La Legge tutela le Vittime e condanna il Bullo Spesso un atto di bullismo viene ignorato

Dettagli

Inquadramento giuridico e responsabilità

Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Custode Detentore Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Proprietà Definizione La proprietà è il diritto di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

FOCUS GROUP Budget e marchi d impresa

FOCUS GROUP Budget e marchi d impresa Idee Imprenditoriali Innovative FOCUS GROUP Budget e marchi d impresa Ancona, 11 dicembre 2009 Il ruolo della Camera di Commercio di Ancona dalle funzioni tradizionali alla promozione della cultura brevettuale,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO D IMPRESA CHE COS E UN MARCHIO D IMPRESA Il marchio d impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere

Dettagli

PATTO DI NON CONCORRENZA

PATTO DI NON CONCORRENZA CESSIONE DI AZIENDA (art. 2577 c.c.) E PATTO DI NON CONCORRENZA (art. 2596) Durata limiti tecniche redazionali rimedi cautelari e merito CONCORRENZA SLEALE (art. 2598 c.c.) 2598 n. 1 Uso di nomi o segni

Dettagli

Negli ultimi anni, il contratto di associazione in partecipazione ex art. 2549, cod.civ., è

Negli ultimi anni, il contratto di associazione in partecipazione ex art. 2549, cod.civ., è l Correttivo. Dal 626 al 106, cambia la relazione datore/dipendente Nel nuovo D.Lgs. n. 81/2008 associato in partecipazione equiparato al lavoratore Negli ultimi anni, il contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

www.valcavi.it - info@valcavi.it

www.valcavi.it - info@valcavi.it Diapositiva 1 Studio Legale Valcavi Universitàdegli Studi di Bergamo Studio Legale Bellofiore IL COMMERCIO NELL ERA DIGITALE seminario sugli aspetti economici e legali dell'e-commerce LA CONCORRENZA ED

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

RC Terzi / Colpa Grave

RC Terzi / Colpa Grave RC Terzi / Colpa Grave IN TESSERA iscritti UIL FPL (esclusi medici e dirigenti) Garanzia: tiene indenne l iscritto di quanto sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile, per danni involontariamente

Dettagli

LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI

LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE TERZO) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI ---------------------------------------------------------------- 3 2 IL BOICOTTAGGIO ---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO

IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO NELL INTERPRETAZIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA Sommario: 1. Brevi cenni sul marchio Europeo 2. L art. 3 comma 3 della direttiva e i precedenti

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di Cassazione, terza sezione civile, n. 16374 del 14 luglio 2009, in materia di responsabilità civile. Nella fattispecie

Dettagli

L assicurazione contro la responsabilità civile auto

L assicurazione contro la responsabilità civile auto L assicurazione contro la responsabilità civile auto Prima parte: Il massimale Il contrassegno - In caso di sinistro Se a guidare è il coniuge di Germano Palmieri L assicurazione obbligatoria contro la

Dettagli

La contraffazione del marchio

La contraffazione del marchio Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Marketing e Comunicazione Tesi di Laurea La contraffazione del marchio Il caso Gucci contro Guess Relatore Ch. Prof. Alessandra Zanardo Correlatore

Dettagli

Diritto Industriale e della Concorrenza

Diritto Industriale e della Concorrenza Diritto Industriale e della Concorrenza Prof. Luca Arnaboldi a.a. 2013/2014 I diritti di proprietà industriale Segni distintivi Marchio Ditta Insegna Nomi di dominio Emblemi Indicazioni geografiche e denominazione

Dettagli

IL MARCHIO (PARTE QUARTA)

IL MARCHIO (PARTE QUARTA) IL MARCHIO (PARTE QUARTA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 SEGNI IL CUI USO VIOLEREBBE ALTRUI DIRITTI DI ESCLUSIVA ---------------------------------------- 3 2 LA REGISTRAZIONE IN MALAFEDE ----------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING POLICY) CONTESTO NORMATIVO La Legge 190/2012 1 ha introdotto nel nostro ordinamento una misura, conosciuta nel mondo anglosassone

Dettagli

La giurisprudenza del comparto assicurativo

La giurisprudenza del comparto assicurativo La giurisprudenza del comparto assicurativo Le fonti normative Codice civile D.Lgs. 209 del 7 nov 2005 Regolamento ISVAP n 5 del 16 0tt 2006 Decreto legislativo 223/06 (decreto Bersani) e Bersani Bis Regolamenti

Dettagli

LA PRESCRIZIONE NEI DANNI LUNGOLATENTI (Articolo dell'avv. Luigi Viola). - INTRODUZIONE

LA PRESCRIZIONE NEI DANNI LUNGOLATENTI (Articolo dell'avv. Luigi Viola). - INTRODUZIONE LA PRESCRIZIONE NEI DANNI LUNGOLATENTI (Articolo dell'avv. Luigi Viola). - INTRODUZIONE Il legislatore civile, ex art. 2934 c.c. e ssgg., disciplina l istituto giuridico della prescrizione, spiegando come

Dettagli

ottobre 1978, n. 4481, in Giur. dir. ind. 1978, 75; Cass. 10 giugno 1977, n. 2396, in Giur. dir. ind., 1977, 31.

ottobre 1978, n. 4481, in Giur. dir. ind. 1978, 75; Cass. 10 giugno 1977, n. 2396, in Giur. dir. ind., 1977, 31. Il divieto di adozione come ditta, insegna, denominazione o ragione sociale, di un segno uguale o simile al marchio altrui alla luce della Sentenza n. 6720 del 2008 della Corte di Cassazione CASSAZIONE

Dettagli

Pubblico Dipendente colui che

Pubblico Dipendente colui che È Pubblico Dipendente colui che svolge attività a servizio della Pubblica Amministrazione dalla Costituzione Art. 97 I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano

Dettagli

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario a cura di Riccardo Bucci Dottore in Diritto 1 I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario Il tema della responsabilità del

Dettagli

Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici

Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici avv. Mauro Crosato Presidente ASFO triveneto. Padova, 7 luglio 2015 Tipi di responsabilità Responsabilità penale; Responsabilità

Dettagli

Corso di Proprietà Industriale Marchi 2014/2015 Politecnico di Milano

Corso di Proprietà Industriale Marchi 2014/2015 Politecnico di Milano PROGRAMMA CORSO MANDATARI IN TEMA DI MARCHI E DISEGNI E DESIGN PARTE I prova scritta Data Ora Argomento Docente I SEGNI DISTINTIVI: INTRODUZIONE ALLA DISCIPLINA NORMATIVA IN MATERIA - la disciplina civilistica

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini, Tarvisio, 22 agosto 2012. Procedura di riassegnazione del nome a dominio ILEGO.IT. Svolgimento della procedura

Centro Risoluzione Dispute Domini, Tarvisio, 22 agosto 2012. Procedura di riassegnazione del nome a dominio ILEGO.IT. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio ILEGO.IT Ricorrente: LEGO Juris A/S (Avv. Alessandro del Ninno) Resistente: Carlotta Ganzetti (Avv. Nicoletta Riva) Collegio (unipersonale): Avv. Prof. Enzo

Dettagli

Registrare domini noti con il prefisso www costituisce attività di ''typosquatting'' ( CRDD, decisione 31.03.2004 )

Registrare domini noti con il prefisso www costituisce attività di ''typosquatting'' ( CRDD, decisione 31.03.2004 ) Registrare domini noti con il prefisso www costituisce attività di ''typosquatting'' ( CRDD, decisione 31.03.2004 ) L'attività definita ''typosquatting'' consiste nella pratica di chi effettua una registrazione

Dettagli

Indice 2. LA LEGISLAZIONE ANTITRUST... 9 3. I CONSORZI... 15

Indice 2. LA LEGISLAZIONE ANTITRUST... 9 3. I CONSORZI... 15 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE LEZIONE III LA CONCORRENZA TRA IMPRESE PROF.SSA VALENTINA SCOGNAMIGLIO Indice 1. LA CONCORRENZA TRA IMPRESE... 3 1.1. LA CONCORRENZA SLEALE... 3 1.2. ILLECITO E DANNO

Dettagli

Configurabilità dello storno dei dipendenti come atto di concorrenza sleale

Configurabilità dello storno dei dipendenti come atto di concorrenza sleale Configurabilità dello storno dei dipendenti come atto di concorrenza sleale di Piergiovanni Cervato avvocato* La recente e rilevante sentenza della Suprema Corte di Cassazione del 4 settembre 2013, n.20228,

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933 TITOLI DI CREDITO - Nominativi (es azioni di società) Trasferimento mediante doppia annotazione (o doppio transfert) Del nome del nuovo possessore sia sul titolo sia sul registro dell emittente (es libro

Dettagli

Diritto Industriale e della Concorrenza LIUC - Università Carlo Cattaneo Prof. Luca Arnaboldi. Lezione n. 1. Anno Accademico 2012/2013 09 aprile 2013

Diritto Industriale e della Concorrenza LIUC - Università Carlo Cattaneo Prof. Luca Arnaboldi. Lezione n. 1. Anno Accademico 2012/2013 09 aprile 2013 Diritto Industriale e della Concorrenza LIUC - Università Carlo Cattaneo Prof. Luca Arnaboldi Lezione n. 1 Anno Accademico 2012/2013 09 aprile 2013 I diritti di proprietà industriale Segni distintivi Marchio

Dettagli

STUDIO LEGALE MAGGI A cura di Michela Maggi

STUDIO LEGALE MAGGI A cura di Michela Maggi A cura di Michela Maggi Avvocato e Dottore di ricerca in Proprietà Intellettuale Copyright 2013 Michela Maggi Vietato riprodurre totalmente o parzialmente o comunque utilizzare, senza il consenso dell

Dettagli

IMITAZIONE SERVILE, SOTTRAZIONE DI SEGRETI E VIOLAZIONE DEL MARCHIO DI

IMITAZIONE SERVILE, SOTTRAZIONE DI SEGRETI E VIOLAZIONE DEL MARCHIO DI IMITAZIONE SERVILE, SOTTRAZIONE DI SEGRETI E VIOLAZIONE DEL MARCHIO DI FATTO: RILEVANZA E SANZIONABILITÀ DELLE CONDOTTE. ************** Nota di commento ad ordinanza della Sezione Specializzata in Materia

Dettagli

L OBBLIGO DI DENUNCIA DEL DANNO ERARIALE

L OBBLIGO DI DENUNCIA DEL DANNO ERARIALE L OBBLIGO DI DENUNCIA DEL DANNO ERARIALE Dott. Corrado Croci Sost. Proc. Gen. Corte dei Conti Procura Regionale per il Piemonte Il mio intervento riguarderà un tema credo - di un certo interesse per i

Dettagli

Capitolo 8 Le obbligazioni

Capitolo 8 Le obbligazioni Capitolo 8 Le obbligazioni 1. Le obbligazioni in generale; 2. Fonti delle obbligazioni; 3. I soggetti dell'obbligazione; 4. La prestazione; 4.a) La patrimonialità della prestazione; 5. I vari tipi di obbligazione

Dettagli