Legittimazione passiva del socio e divieto di concorrenza nelle società di persone ( Articolo di Gerardo Pizzirusso )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Legittimazione passiva del socio e divieto di concorrenza nelle società di persone ( Articolo di Gerardo Pizzirusso 20.04.2004 )"

Transcript

1 Legittimazione passiva del socio e divieto di concorrenza nelle società di persone ( Articolo di Gerardo Pizzirusso ) Legittimazione passiva del socio e divieto di concorrenza nelle società di persone (Nota a margine di Cassazione Civile 6169/03) Gerardo Pizzirusso (Avvocato in Macerata) 1. La decisione in commento si sofferma su alcune interessanti questioni in tema di società di persone, tra cui rientra quella concernente la legittimazione del socio a stare in giudizio nelle controversie che riguardano la società. Nella fattispecie decisa dalla Corte di Cassazione è venuto anzitutto in rilievo il problema della individuazione del soggetto obbligato a pagare la quota di liquidazione spettante al socio receduto, dato che nel caso in esame ha agito in giudizio, oltre alla società, anche e direttamente uno dei soci. Le due parti attrici hanno contestato al socio receduto la violazione del divieto di concorrenza sancito dall art c.c., per aver questi iniziato, dopo l avvenuto recesso, un attività asseritamente in concorrenza con quella della società. Da ciò sarebbe derivato uno sviamento di clientela a danno della società, sicché parte attrice ha chiesto l annullamento per dolo dell accordo con cui era stato regolamentato lo scioglimento del singolo rapporto sociale. Sia il giudice di primo che di secondo grado hanno respinto le domande di parte attrice. Da qui il ricorso per cassazione attraverso il quale è stata contestata l avvenuta violazione degli artt e 2557 c.c. da parte del giudice di merito. La S.C. si è dapprima brevemente soffermata, addirittura d ufficio, sul tema della legittimazione passiva nelle società di persone, per poi affrontare l interessante profilo del divieto di concorrenza imputato al socio receduto e, dunque, l eventuale applicazione a tale ipotesi, in via analogica, dell art c.c. 2. La decisione in esame consolida ulteriormente l orientamento giurisprudenziale che trova il suo più autorevole riferimento nella pronuncia a Sezioni Unite della S.C. del 26 aprile 2000 n. 291 ( 1 ). Tale orientamento si è peraltro arricchito di un ulteriore decisione ( 2 ) che si è collocata nel solco della tesi che riconosce alle società di persone un autonoma

2 soggettività di diritto e, di conseguenza, la legittimazione a stare in giudizio nelle controversie che riguardano la società medesima. La legittimazione passiva delle società di persone costituisce un argomento che è stato ampiamente dibattuto sia in dottrina che in giurisprudenza. In tale tipo societario si pone assai frequentemente il problema di individuare il soggetto che, in caso di scioglimento del singolo rapporto sociale, deve essere convenuto in giudizio dal socio receduto, escluso o dagli eredi del socio defunto ai fini della liquidazione della quota. Il principio secondo cui, in caso di scioglimento del rapporto sociale limitatamente ad un socio, la liquidazione della quota rappresenta un credito nei confronti della società e non direttamente dei soci, la cui responsabilità è solamente sussidiaria come per ogni altro debito sociale ( 3 ), è stato più volte affermato dalla prevalente (ma non univoca) giurisprudenza. Mettendo fine ad un annoso contrasto interpretativo la S.C., a Sezioni Unite, ha dapprima enunciato il principio di diritto in base al quale, in tale ipotesi, la legittimazione passiva spetta soltanto alla società, mentre successivamente ha ribadito che la domanda di liquidazione della quota spettante al socio nei cui confronti è venuto meno il vincolo sociale costituisce un obbligazione della società e non dei soci. La sentenza in epigrafe si conforma a tale orientamento, sia pure senza ripercorrere i principali profili di siffatta problematica che pare opportuno brevemente richiamare. 3. Il tema della legittimazione passiva viene comunemente affrontato attraverso la dimostrazione della soggettività giuridica delle società di persone. Attribuire la legittimazione passiva a tale tipo societario significa riconoscere esso come soggetto di diritto autonomo rispetto ai soci. In passato si è affermato che le società di persone non potessero essere considerate soggetti di diritto distinti dai soci ( 4 ), non essendo ad esse stata riconosciuta la personalità giuridica. Da qui deriverebbe il rilievo per cui non vi può essere nelle società di persone una perfetta autonomia tra il patrimonio dei soci e quello della società, sicché le obbligazioni sociali sono obbligazioni proprie dei soci e la responsabilità solidale ed illimitata di costoro é una responsabilità per debito proprio ( 5 ).

3 Secondo questo orientamento i soci sarebbero da considerare veri e propri coimprenditori, dato che l'attività di impresa esercitata dalla società sarebbe direttamente imputabile ad essi. Al contrario, la dottrina e la giurisprudenza più recenti affermano, facendo riferimento a quanto previsto dagli artt. 2266, 2569 e 2839 c.c. ( 6 ), che anche queste società rappresentano un fenomeno di unificazione soggettiva ( 7 ). Oltre a tali elementi si aggiunge, poi, il fatto che le società di persone possono avere un nome (artt e 2314 c.c.) ed una propria sede (art. 2295, 4 comma, c.c.), per cui non può essere contestato che anche questo tipo societario costituisca un centro di imputazione di attività giuridica distinto dalle persone dei soci ( 8 ). Da tale tesi derivano alcuni corollari, tra i quali vanno annoverati quello secondo cui é la società a svolgere attività di impresa, mentre i soci non possono essere considerati imprenditori e che le obbligazioni sociali sono obbligazioni della società a cui si aggiunge, a titolo di garanzia, la responsabilità sussidiaria, solidale ed illimitata dei soci. Ed ancora: la responsabilità personale e sussidiaria dei soci non è qualificabile come responsabilità per debito proprio, essendo essi considerati come garanti delle obbligazioni sociali ( 9 ). Non possono pertanto esservi dubbi, sulla base dei rilievi suesposti, sul fatto che le società di persone, a tutti gli effetti di legge, sono da considerare autonomi soggetti di diritto. 4. Alla luce di queste considerazioni è di intuitiva evidenza che spetta alla società, proprio in virtù del fatto che trattasi di un distinto centro di imputazione di attività giuridica, l obbligo di pagare la quota di liquidazione in caso di scioglimento del rapporto sociale limitatamente ad un socio. Infatti, se la società ha una sua pur limitata autonomia giuridica, sarà la società medesima e non gli altri soci ad essere obbligata a pagare al socio uscente, ex art c.c., il valore della sua partecipazione sociale. E minoritario l orientamento che afferma la legittimazione passiva di tutti i soci in veste di litisconsorti necessari, trattandosi di obbligazione che graverebbe anche in capo a costoro ( 10 ). La legittimazione passiva della società non può essere negata nemmeno dando rilievo al fatto che lo scioglimento del rapporto sociale (e la conseguente liquidazione della quota) comporta l'accrescimento delle quote degli altri soci, da

4 cui emergerebbe che questi ultimi sarebbero gli effettivi debitori nei confronti del socio uscente ( 11 ). Il patrimonio sociale, infatti, non appartiene pro-quota ai soci, come avverrebbe in regime di comunione ( 12 ), ma per intero alla società, quale ente autonomo dotato di soggettività giuridica ( 13 ). Né tale tesi potrebbe trovare conforto negli artt e 2285, comma 3 c.c., dai quali non si ricava alcun elemento contrario alla legittimazione passiva della società. La prima norma afferma solamente che, in caso di morte, gli altri soci devono liquidare la quota agli eredi: tale previsione trova spiegazione nel fatto che in questa vicenda societaria sono previste soluzioni alternative alla liquidazione della quota che modificano il contratto sociale e coinvolgono, dunque, i singoli soci. La seconda norma stabilisce, invece, che la comunicazione del recesso ai soci debba avvenire con un termine di preavviso di almeno tre mesi: la previsione di questo onere (e del relativo termine di efficacia) costituisce solo espressione dell'intuitus personae che caratterizza le società di persone, integrando l'esercizio di un diritto potestativo discendente dal patto sociale. Anche da questa disposizione non si rinviene alcun elemento a favore della tesi per cui l'obbligo di liquidazione della quota dovrebbe far carico ai soci. Pertanto, è oramai pacifico il principio, a cui la decisione in commento aderisce inequivocabilmente, secondo il quale la domanda di liquidazione della quota di una società di persone deve essere proposta nei confronti della società, senza che sia necessario citare in giudizio gli altri soci. La posizione del socio Nulla toglie, però, che i soci possano egualmente essere convenuti nel giudizio intrapreso dal socio escluso, receduto o dagli eredi di quello defunto ai fini del pagamento della quota di liquidazione. Infatti, attribuire la legittimazione passiva in capo alla società non significa doverla necessariamente negare in capo ai soci. Quest ultimi, giova ricordare, sono illimitatamente e solidalmente responsabili per l'adempimento delle obbligazioni sociali. I soci ben possono essere convenuti in un ordinario giudizio di cognizione congiuntamente alla società, affinché chi agisce possa precostituirsi un titolo esecutivo allo scopo di iscrivere ipoteca giudiziale nei loro confronti e poter

5 prontamente agire in via esecutiva, in caso di acclarata incapienza del patrimonio sociale ( 14 ). Non vi è, per questo, violazione del principio di sussidiarietà. E pacifico, infatti, che il beneficium excussionis consente ai soci illimitatamente responsabili di società di persone il diritto di pretendere che il pagamento dei debiti sociali venga loro richiesto solo dopo l'infruttuosa escussione del patrimonio sociale ( 15 ). Tale beneficio opera, quindi, solo in fase esecutiva ( 16 ). Il socio receduto, escluso o gli eredi del socio defunto possono pertanto citare in giudizio anche i soci, congiuntamente alla società, per ottenere la liquidazione della quota e per avere in tal modo una pronuncia che esplichi i suoi effetti immediatamente e direttamente anche nei confronti dei soci medesimi. 5. Occorre invece compiere alcune osservazioni di contenuto diverso, quanto al profilo della legittimazione attiva, circa il potere del socio di partecipare al giudizio in cui è parte anche la società ovvero, a prescindere dalla presenza in giudizio della società stessa. Si potrebbe infatti essere indotti a ritenere che, data la responsabilità illimitata e solidale dei soci per le obbligazioni sociali, essi abbiano in realtà un interesse concreto e diretto ad agire in giudizio indipendentemente dalla società ovvero, ad assumere quantomeno la stessa posizione processuale in virtù della comune titolarità del diritto fatto valere in giudizio. La questione si presta a due differenti piani di lettura. Quanto al primo va detto, proprio rammentando che le società di persone costituiscono autonomi soggetti di diritto, che le obbligazioni sociali sono obbligazioni della società e, dunque, i soci non hanno un interesse diretto ad agire autonomamente per tutelare interessi e diritti riconducibili alla società medesima ( 17 ). Quanto al secondo, invece, devesi ammettere la possibilità per il socio di intervenire in giudizio aderendo alle azioni eventualmente proposte dalla società che resta la principale obbligata ( 18 ). L intervento del socio, come afferma la decisione in commento, può essere solo adesivo ( 19 ). Le domande formulate dal socio possono di conseguenza essere accolte solo nei limiti in cui esse si collocano nell ambito delle domande proposte dalla parte adiuvata.

6 6. La S.C. ha poi affrontato il problema dell asserita violazione del divieto di concorrenza a carico del socio receduto, sottolineando la necessità di tenere distinta l ipotesi del divieto di concorrenza ex art c.c. da quella di concorrenza sleale ex art c.c. Il fondamento della prima fattispecie risiede nell obbligo di chi è socio di non svolgere un attività concorrenziale con quella esercitata dalla società e da questa non consentita. La valutazione lesiva della condotta prescinde dal verificarsi di un danno, nonché dall intenzionalità o meno del comportamento posto in essere dal socio. La violazione del divieto genera una responsabilità di tipo negoziale, giacché il divieto di concorrenza si applica solo a chi è socio e, dunque, a chi è legato da un vincolo contrattuale con gli altri soci. Il fondamento dell illecito concorrenziale, invece, risiede nell obbligo gravante in capo a ciascun imprenditore di agire in modo corretto e leale nell esercizio dell attività di impresa e, in particolare, nei confronti degli imprenditori concorrenti ( 20 ). La violazione della normativa concorrenziale genera una responsabilità di tipo extra-contrattuale. Tenuto conto di tale distinzione la S.C. osserva che, nel caso di specie, può venir in rilievo solo l ipotesi di concorrenza sleale, come peraltro adombrato dagli stessi ricorrenti. L art c.c., infatti, si applica solo a chi è socio e non a chi non lo è più ( 21 ). Per tale motivo, di intuitiva e logica percezione, un eventuale condotta illecita dell ex socio potrebbe rilevare solo alla luce della disciplina concorrenziale, laddove essa si sia esplicata con modalità sleali in quanto contrarie ad un ordinario criterio di correttezza professionale. 7. Rebus sic stantibus, afferma la S.C., non vi è spazio, né vi sono ragioni, per invocare l applicabilità dell art c.c. E, ciò, né in via diretta, né in via analogica. In caso di recesso del socio, infatti, si verifica lo scioglimento del singolo rapporto sociale a seguito del quale l ex socio acquista la libertà di poter iniziare un autonoma attività di impresa, anche in regime di concorrenza con quella della società.

7 L unico limite (recte: obbligo) è costituito dall osservanza delle norme che disciplinano lo svolgimento del rapporto concorrenziale (arg. ex art c.c.), data l assenza di uno specifico divieto di concorrenza posto a carico dell ex socio. Tale fattispecie diverge completamente, sul piano sostanziale, da quella regolamentata dall art c.c. che, come noto, pone un divieto di concorrenza a carico di chi ha alienato l azienda, per un periodo di cinque anni, imponendogli di astenersi dallo svolgimento di un attività di impresa che per l oggetto, l ubicazione o altre circostanze potrebbe essere idonea a sviare la clientela dell azienda ceduta. Nell ipotesi di recesso del socio non vi è alcun fenomeno traslativo, bensì la mera uscita di un socio dalla compagine sociale in forza di una dichiarazione unilaterale di carattere recettizio: l azienda appartiene e continua ad appartenere alla società, quale soggetto giuridico autonomo e distinto dai soci. In caso di cessione di azienda (o di un suo ramo) vi è, invece, un trasferimento di un complesso di beni (o di una sua parte) organizzato per l esercizio dell attività di impresa (arg. ex art c.c.). Le due fattispecie sono assolutamente differenti sì da giustificare l inapplicabilità, anche in via analogica, dell art c.c. al recesso del socio. Ciò sebbene, come ricorda la S.C., la più recente giurisprudenza di legittimità abbia negato carattere eccezionale all art c.c. (22), contrariamente a quanto affermato da un orientamento più risalente (23) che sottolineava l evidente limitazione alla libertà di iniziativa economica che tale norma comportava in un regime di libera concorrenza (24). Peraltro, anche la prevalente dottrina non attribuisce natura eccezionale all art c.c., ritenendolo applicabile, in via analogica, ad altre fattispecie simili (25). Proprio la dottrina ha infatti osservato che vi sono nell ordinamento una serie di norme che impongono delle limitazioni della concorrenza ad una parte di un rapporto contrattuale (a titolo esemplificativo v. gli artt. 2105, 2301, 2318 c.c. e, nella disciplina previgente, gli artt. 2390, 2487 e 2516 c.c.) e che possono essere pacificamente ricondotte al principio generale della buona fede nell esecuzione del contratto (26). Seppur l art c.c. non abbia carattere eccezionale, ne va esclusa l applicazione, in via analogica, laddove vengano in rilievo fattispecie di contenuto diverso rispetto a quelle che involgono direttamente o indirettamente il trasferimento di azienda. 8. Al di là del profilo concernente la legittimazione passiva delle società di persone, oramai pacifico in giurisprudenza, la decisione in commento si segnala (e merita di essere condivisa) per aver correttamente escluso l applicazione analogica dell art c.c. all ipotesi di recesso del socio nelle società di persone. In siffatta vicenda, infatti, non si assiste ad alcun mutamento sostanziale nella titolarità dell azienda che rimane di proprietà della società. In assenza di un fenomeno traslativo, di qualsiasi tipo o natura, non vengono in rilievo le esigenze di tutela tese a garantire chi acquista l azienda da comportamenti concorrenziali dell alienante ( 27 ).

8 Non essendovi alcun mutamento nella titolarità dell azienda o fenomeni negoziali simulati o dissimulati concernenti sempre i beni aziendali ( 28 ), non vi sono ragioni per far gravare in capo al socio receduto un divieto generale di concorrenza analogo a quello sancito dall art c.c. E dunque corretta la tesi della S.C. in forza della quale è stata esclusa, pur essendone ribadita la natura non eccezionale, un interpretazione analogica dell art c.c. all ipotesi del recesso del socio che costituisce una vicenda societaria dai contorni definiti e meritevole di essere disciplinata sulla base delle norme esistenti o, come la legge facoltizza, dall autonomia statutaria. 1() Pubblicata in Dir. e prat. società, 2001, n. 2, 70, con nota di Pizzirusso; in Società, 2000, 1200, con nota di Ronco; in Giur. comm., 2000, II, p. 397, con nota di Buonocore e in Giust. civ., 2000, II, 3187, con nota di Vidiri. 2() Cfr. Cass., 28 agosto 2001, n , in Arch. civ., 2002, 571, con nota di Pizzirusso, Scioglimento del rapporto sociale e legittimazione passiva alla liquidazione della quota nelle società di persone. 3() Cass., 10 giugno 1998, n. 5757, in Società, 1998, 1417; nello stesso senso già Cass., 20 aprile 1994, n. 3773, ivi, 1994, 1053, con nota di Carbone; Cass., 28 gennaio 1993, n. 1027, in Giur. it., 1993, I, 1, 1201; Trib. Verona, 25 ottobre 1995, in Società, 1996, 205, con nota di Di Chio, App. Bologna, 20 novembre 1993, ivi, 1994, 343; Trib. Torino, 31 marzo 1989, in Giur. it., I, 2, 734, con nota di Maugeri. 4() Ferrara-Corsi, Gli imprenditori e le società, Milano, 1994, pp. 208 ss.; M. Ghidini, Società personali, Padova, 1972, pp. 224 ss.; Ferri, Le società, in Trattato di dir. civ. it., X, t. 3, diretto da F. Vassalli, Torino, 1987, pp. 73 ss.; per ulteriori riferimenti v. AA.VV., Casi e materiali di diritto commerciale, 2, Società di persone, Milano, 1978, pp. 178 ss. Nella medesima direzione si segnalano anche diverse decisioni che, sia pure con diverse argomentazioni, hanno ad esempio affermato che i soci sono titolari dei rapporti giuridici facenti capo alla società ovvero, che la fideiussione o l'ipoteca concessa dal socio è garanzia per debito proprio: v., senza pretesa di completezza, Cass., 6 dicembre 1994, n , in Fallim., 1995, 412; Cass., 1 agosto 1990, n. 7663, in Società, 1991, 185; Cass., 29 gennaio 1971, in Giur. it., 1971, I, 1, 989; Trib. Ferrara, 8 marzo 1984, in Giur. comm., 1985, II, 69; Trib. Venezia, 15 settembre 1981, in Giur. it., 1982, I, 2, () Su questi ultimi aspetti v., in particolare, Buonocore, Fallimento e impresa, Napoli, 1969, pp. 198 ss.; Denozza, Responsabilità dei soci e rischio di impresa nelle società personali, Milano, 1973, pp. 81 ss; un'ulteriore sfumatura di tale tesi afferma che anche i beni sociali, in realtà, sono da ritenere in comproprietà tra i

9 soci, sia pure in una forma di comproprietà speciale o modificata: così Ferri, Le società, cit., pp () Tali norme stabiliscono, rispettivamente, la possibilità per le società personali di acquistare diritti ed obblighi e di avere, a favore o contro, trascrizioni immobiliari o iscrizioni ipotecarie; per ulteriori riferimenti bibliografici v. Campobasso, Manuale di diritto commerciale, I, Torino, 1997, pp. 42; Di Sabato, Manuale delle società, Torino, 1995, pp. 158 ss.; Cottino, Diritto commerciale, I, 2, Padova, 1994, pp. 235 ss.; Bussoletti, Società semplice (voce), in Enc. dir., XLII, Milano, 1990, pp. 908 ss.; Belviso, Profili soggettivi della liquidazione della quota al socio uscente e interesse dei creditori nelle società di persone, in Giur. comm., 1979, I, pp. 811 ss. 7() In giurisprudenza v. Cass., 2 marzo 1993, n , in Riv. dir. comm., 1994, II, 195; Cass., 28 gennaio 1993, n. 1027, in Giur. it., 1993, I, 1, 1201; Cass., 24 aprile 1989, n. 3498, in Foro it., 1990, I, 1617; Cass., 28 gennaio 1987, n. 797, in Società, 1987, 496; Cass., 8 gennaio 1984, n. 5642, in Giur. comm., 1985, II, 298; App. Genova, 22 marzo 1986, in Società, 1986, () Campobasso, Manuale, cit., p. 42. In giurisprudenza v. Cass., 7 agosto 1996, n. 7228, in Giur. it., 1997, I, 1, () Maggiolo, Obbligazioni sociali, responsabilità del socio e solidarietà, in Riv. dir. comm., 1990, I, pp. 337 ss.; Oppo, L'impresa come fattispecie, in Riv. dir. civ., 1982, I, pp. 123; Di Sabato, Capitale e responsabilità interna nelle società di persone, Napoli, 1967, pp. 309 ss.; Simonetto, Responsabilità e garanzia nel diritto delle società, Padova, 150, pp. 55 ss.; per una ricostruzione di segno opposto v. Denozza, Responsabilità dei soci, cit., pp. 209 ss.; F. Vassalli, Responsabilità di impresa e potere di amministrazione nelle società personali, Milano, 1973, pp. 15 ss. 10() Ha negato la legittimazione passiva della società Cass., 24 aprile 1993, n. 4821, in Giust. civ. Mass., 1993, 734; Cass., 7 marzo 1990, n. 1799, in Giur. comm., 1991, II, 218, con nota di Tassinari, Soggettività giuridica e legittimazione processuale passiva; App. Milano, 14 gennaio 1992, in Giur. it., 1993, I, 2, 262; Trib. Milano, 3 ottobre 1991, in Società, 1992, 521 con nota di Ambrosini; Trib. Napoli, 19 dicembre 1991, in Dir. giur., 1992, 564; App. Roma, 9 ottobre 1989, in Foro it., 1990, I, 1688; in proposito v. pure Patelli, Citazione in giudizio della società personale, in Società, 1990, p () Trib. Milano, 22 febbraio 1988, in Società, 1988, () Per l'opinione secondo cui i beni sociali sarebbero in regine di comproprietà (speciale o modificata) tra i soci e le obbligazioni sociali sarebbero obbligazioni proprie (obbligazioni collettive) dei soci v. Ferri, Le società, cit., p. 76.

10 13() In argomento cfr. Pescatore, Attività e comunione nelle strutture societarie, Milano, 1974, pp. 140 ss. e Spada, La tipicità delle società, Padova, 1974, pp. 223 ss., per i quali ai soci non spetta sul patrimonio sociale alcuna prerogativa tipica dei comproprietari, dato che ogni potere di godimento o di disposizione sui beni sociali spetta all'organizzazione di gruppo. Secondo Cass., 24 luglio 1989, n. 3498, cit., "titolare dei beni sociali è la società e non i soci collettivamente". 14() E' costante l'orientamento giurisprudenziale che ritiene operante il beneficium excussionis solo in sede esecutiva, non essendo precluso ai creditori sociali di agire, in sede cognitiva, nei confronti dei soci a fini di accertamento e di condanna: v. Cass. 12 aprile 1994, n. 3399, in Società, 1995, 39; Cass. 26 giugno 1993, n. 7100, in Società, 1993, 1349; Cass. 26 giugno 1992, n. 8011, in Foro it., 1993, I, 867; Cass. 23 dicembre 1983, n. 7582, in Giur. comm., 1984, II, 548. In dottrina v. Buonocore, Società in nome collettivo, in Comm. al cod. civ. diretto da P. Schlesinger, Milano, 1995, pp. 363 ss.; Costi-Di Chio, Le società di persone, in Giur. sist. dir. civ. comm., Torino, 1991; Pittalis, Ambito di operatività del beneficio di escussione, in Società, 1989, p. 1281; Bavetta, La società in nome collettivo, in Trattato di dir. priv. diretto da P. Rescigno, Torino, XVI, 1985, p () Per una recente affermazione di tale principio v. Cass., 10 febbraio 1996, n. 1050, in Giur. it., 1996, I, 1, 1488; Cass., 15 dicembre 1990, n , in Giust. civ. mass., 1990, fasc () Cass., 5 novembre 1999, n , in Società, 2000, 303, con nota di Fusi; Cass., 26 novembre 1999, n , in Dir. e prat. soc., 2000, f , 82, con nota di Nisivoccia; Cass., 3 giugno 1998, n. 5434, in Mass., 1998; Cass., 20 dicembre 1997, n , in Giust. civ. mass., 1997, () In tal senso concorda anche Iudica, Impugnative contrattuali e pluralità di interessi, Padova, 1973, 124, pp () Così Cass., 7 gennaio 2000, n. 82, in Società, 2000, () Liebman, Manuale di diritto processuale civile, Milano, 1980, I, p. 98; Proto Pisani, Dell esercizio dell azione, in Commentario al codice di procedura civile, diretto da Allorio, I, Torino, 1973, pp () Cfr. Sanzo, La concorrenza sleale, Padova, 1998, pp. 8 ss; GHIDINI, Della concorrenza sleale, Artt , in Comm. al cod. civ. diretto da P. Schlesingher, Milano, 1991, pp. 53 ss.; in giurisprudenza v. Cass., 14 febbraio 2000, n. 1617, in Giust. civ. Mass., 2000, 325; Cass., 30 luglio 1996, n. 6887, in Giust. civ. Mass., 1996, 1081

11 21() Peraltro, l'azione ex art c.c. non può essere intentata dal socio nei confronti dell'altro, ma solo dalla società: Trib. Orvieto, 2 febbraio 2001, in Rass. giur. umbra, 2002, 30 con nota di Mirti. 22() Cfr. Cass., 24 luglio 2000, n. 9682, in Arch. civ., 2001, 764 con nota di Pizzirusso; Cass., 16 febbraio 1998, n. 1643, in Giur. it., 1998, I, 1, 1181; Cass., 20 gennaio 1997, n. 549, in Foro it., 1997, I, 1498, con nota di Palmieri; in Riv. dir. ind., 1998, II, 13, con nota di Guidetti; in Contratti, 1997, 267, con nota di Carnevali e in Giust. civ., 1997, I, 1289; per la giurisprudenza di merito v. App. Milano, 11 maggio 1979, in GADI, 1979, n che ha, ad esempio, ritenuto applicabile l art c.c. in caso di cessione di tutte le quote di società di persone; Trib. Milano, 7 luglio 1975, ivi, 1975, n () Cfr. Cass., 23 aprile 1980, n. 2669, in Giur. comm., 1981, II, 11; Cass., 10 maggio 1966, n. 1196, in Foro it., 1967, I, 68; Cass., 29 aprile 1965, n. 756, ivi, 1965, I, 1965; Cass., 23 giugno 1956, n. 2245, ivi, 1957, I, () Così, expressis verbis, Cass., 10 maggio 1966, n. 1196, cit. 25() V., in particolare, Campobasso, op. cit, p. 154; Vanzetti-Di Cataldo, Manuale del diritto industriale, Milano, 1996, p. 526; Tedeschi, Le disposizioni generali sull azienda, in Tratt. dir. priv. a cura di P. Rescigno, Torino, 1988, p. 38; G.E. Colombo, L azienda, in Trattato di diritto commerciale e diritto pubblico dell economia a cura di F. Galgano, Padova, 1988, p. 191 ss.; Ferrari, Trasferimento di partecipazioni sociali e divieto di concorrenza, in Riv. dir. ind., 1967, I, p. 59; Mangini, Cessione di quota sociale e divieto di concorrenza, in Riv. dir. civ., 1966, II, p. 195; contra Bracciodieta, Alienazione di quota sociale e divieto di concorrenza, in Riv. soc., 1964, I, p. 677 ss. 26() Auletta, Azienda (voce), in Enc. Giur. Treccani, Roma, 1988, p. 25; Schiano Di Pepe, nota a App. Genova 17 dicembre 1993, in Dir. ind., 1994, 457; nello stesso senso Sordelli, Divieto di concorrenza nell alienazione di azienda, in Riv. dir. ind., 1988, I, p. 210 e, di recente, Guidetti, Divieto di concorrenza in caso di cessione di quote sociali, in Riv. dir. ind., 1998, II, p () Cfr. Colombo, op. cit., p. 179, secondo cui si sarebbe di fronte ad una particolare pericolosità della concorrenza dell alienante che, a conoscenza della struttura organizzativa e dell articolazione produttiva dell azienda alienata, può porre in essere una condotta particolarmente pregiudizievole all avviamento di questa; in senso conforme già Ferrari, Azienda (voce), in Enc. dir., Milano, 1959, p. 709 e Auletta, Alienazione di azienda e divieto di concorrenza, in Riv. trim. dir. e proc. civ., 1956, p () Il divieto di concorrenza ex art c.c. non trova applicazione nemmeno in caso di cessione di quote sociali da parte del singolo socio, laddove la società

12 continui regolarmente la propria attività: cfr. App. Bologna, 1 giugno 1996, in Gius, 1996, 2037; sulla necessità di distinguere caso per caso se una cessione di quota dissimuli in realtà un trasferimento di azienda v. Cass., 24 luglio 2000, n. 9682, cit. ( da )

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVE COMMENTO A MARGINE DELLA SENTENZA SULLA ESTERNALIZZAZIONE EUTELIA-AGILE-OMEGA. IL RUOLO DEI COLLEGAMENTI SOCIETARI NELLA VALUTAZIONE DELLA ANTISINDACALITA DELLA CONDOTTA NELL AMBITO DEL TRASFERIMENTO

Dettagli

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero Il fallimento italiano delle società trasferite all estero La globalizzazione, con l apertura delle frontiere, e l allargamento dei mercati, comporta contatti sempre più intensi con imprenditori esteri.

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali avv. prof. Rolandino Guidotti : aspetti sostanziali e processuali Modena 10 ottobre 2013 10 ottobre 2013 1 Società in nome collettivo (non modificata riforma 2003) Art. 2311 c.c. (Bilancio finale di liquidazione

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA 16 maggio 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il trasferimento d azienda e di ramo d azienda A) La nozione di trasferimento d azienda (art. 2112,

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti Quando più eredi acquisiscono la

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE Flavio Ficara (Estratto da Diritto e Processo formazione n. 4/2011 ) QUAESTIO IURIS Nella sentenza del 29 dicembre 2010, n.

Dettagli

Studi di Impresa. Studio n. 152-2008/I. Pegno su quota di società di persone ( )

Studi di Impresa. Studio n. 152-2008/I. Pegno su quota di società di persone ( ) Studi di Impresa Studio n. 152-2008/I Pegno su quota di società di persone ( ) Approvato dalla Commissione studi d Impresa il 19 marzo 2009 Sommario: 1. Il pegno su quota di società di persone; 2. La costituzione

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IL DECRETO

Dettagli

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione.

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. di Enrico Larocca Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Matera Una delle questioni più

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE A cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità I soci possono recedere dalla società di persone in qualsiasi momento: se la società è a tempo indeterminato; quando

Dettagli

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013.

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 ----------------------------------------------- COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

6. I soggetti del procedimento di convalida.

6. I soggetti del procedimento di convalida. AMBITO OGGETTIVO E SOGGETTIVO DEL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA 229 6. I soggetti del procedimento di convalida. I soggetti del procedimento di convalida sono, ovviamente, le parti del rapporto sostanziale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

SOCIETÀ DI PERSONE. Società semplice (s.s.) Società in nome collettivo (s.n.c.) Società in accomandita semplice (s.a.s.) 2251-2290 c.c. 2291-2312 c.c.

SOCIETÀ DI PERSONE. Società semplice (s.s.) Società in nome collettivo (s.n.c.) Società in accomandita semplice (s.a.s.) 2251-2290 c.c. 2291-2312 c.c. SOCIETÀ DI PERSONE Società semplice (s.s.) 2251-2290 c.c. Società in nome collettivo (s.n.c.) 2291-2312 c.c. Società in accomandita semplice (s.a.s.) 2313-2324 c.c. SOCIETÀ SEMPLICE La società semplice

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 Oggetto: Interpello n../2001 - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Deducibilità degli ammortamenti relativi a

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA INDICE: Recesso dal contratto anzitempo per gravi motivi. Locazione di immobili commerciali. Prelazione e riscatto Durata del contratto Locazione di immobile realizzato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 1. NULLITÀ DELLA CLAUSOLA DEL BANDO CHE IMPONE LA CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 2. VERIFICA DI ANOMALIA E UTILE

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Il Dirigente Generale

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto Diritto e processo.com In tema di responsabilità del mediatore,

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Contratto estimatorio

Contratto estimatorio Contratto estimatorio di Walter Giacardi Il contratto estimatorio prevede che una parte (tradens) consegni una o più cose mobili all'altra (accipiens), mentre quest ultima si obbliga a pagarne il prezzo

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato.

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. Il codice civile distingue tra associazioni riconosciute come persone giuridiche

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail: collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot.

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Direzione Centrale Normativa

Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 75/E Roma, 26 luglio 2010 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Esenzione dall imposta sulle successioni e donazioni dei trasferimenti di quote sociali

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c.

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. - In materia di diritto tavolare, lo Studio ha ottenuto l affermazione

Dettagli

Di particolare importanza è l esame della successione delle norme

Di particolare importanza è l esame della successione delle norme 552 I RAPPORTI PATRIMONIALI L IMPRESA FAMILIARE nazione e di collaborazione doveva legare i soggetti per il conseguimento nell ambito organizzativo dell impresa di un fine produttivo di beni e di servizi.

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO. Presidente

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO. Presidente IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente Presidente del Collegio ABF di Milano Prof. Avv. Enrico

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello. Atto di rinunzia abdicativa. art. 13 della legge n. 383 del 2001 come modificato dall

Dettagli

RISOLUZIONE N. 92/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 92/E QUESITO RISOLUZIONE N. 92/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 aprile 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Assegnazione gratuita di azioni - Lavoratore

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla

Dettagli

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia Il tema dell'anatocismo ha acceso in questi anni un vivace dibattito alimentato tanto dal legislatore quanto dalla giurisprudenza, sull'inciso contenuto nell'art. 1283 c.c. - usi contrari- nel quadro della

Dettagli