IL PROBLEMA DEI LOOK-ALIKE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROBLEMA DEI LOOK-ALIKE:"

Transcript

1 IL PROBLEMA DEI LOOK-ALIKE: I GIUSTI LIMITI ALLA "LIBERTÀ DI IMITARE" 11 giugno 2003 Federica Santonocito Lorenza Mosna Avv. Ass. Franzosi Dal Negro Pensato Setti Milano IL LOOK-ALIKE: SAILING TOO CLOSE TO THE WIND 1. La definizione di look-alike. Nei paesi anglosassoni (in particolare negli Stati Uniti), il tema relativo all imitazione di prodotti, e/o di confezioni di prodotto, viene indicato col termine look-alike (o me too). Look-alike indica la somiglianza di prodotti e/o di confezioni di prodotto per la loro immagine esteriore. Per immagine si intende il rivestimento esteriore del prodotto (che può essere una scatola o una bottiglia o altro contenitore o il prodotto stesso) comprensivo di tutto ciò che appare visivamente all esterno (colori, forme, scritte, disegni e/o figure). Look-alike significa sembra come, simile a. Si ha look-alike tutte le volte in cui l impressione generale di un certo prodotto B fa sì che questo venga considerato lo stesso di un prodotto più noto A (con un marchio più noto) attraverso la adozione sul prodotto B di certe caratteristiche del confezionamento, che i consumatori normalmente associano con quel determinato prodotto A. In buona sostanza, si ha look-alike tutte le volte in cui due prodotti si assomigliano per le loro caratteristiche esteriori del modo di presentazione (colori, scritte, figure, forme). Il prodotto meno noto che nel suo insieme richiama il prodotto più noto risponde ad una precisa logica, e cioè: the subtle goal of look-alike packaging is to hijack the reputation and the symbolism of the famous brand. To give two products a virtually visual appearance is to imply a similarity of quality, taste or efficiency 1. Per quello che qui interessa, si pensi ai prodotti di grandi catene distributive (Coop, Esselunga, Despar, ecc.), c.d. own brand product. Tali prodotti presentano, talvolta, (spesso) confezioni molto simili a quelle di marchi notori e solitamente vengono vendute ad un prezzo inferiore. 2. La tutela contro il look-alike in Europa: gli orientamenti della giurisprudenza e della dottrina. Il fenomeno del look-alike trova un adeguata considerazione giuridica più all estero che in Italia. In particolare, i giudici inglesi si sono occupati del fenomeno del look-alike. Qui di seguito menzioniamo alcune decisioni tra le più interessanti. Nel caso Spalding & Bros c. AW Gamage Ltd. 2, il Giudice precisò che in un azione di passing off di prodotti che si assomigliano per il marchio e l immagine globale della confezione, è necessario dimostrare, non solo la sussistenza di una confusione (oggettiva) tra i due prodotti, ma anche che il consumatore è indotto a credere che i prodotti del convenuto (imitati) provengono dall attore. Occorre, dunque, la volontà di copiare per ingannare. 1 Dall articolo Brand of logic, apparso sul quotidiano inglese The Times il 20 aprile , 32 RPC 279,

2 Nel caso JPF 3, l attore ebbe a promuovere un azione di passing off a seguito dell immissione sul mercato delle sigarette Raffles vendute in una confezione nera con le scritte oro del tutto simile al famoso pacchetto delle sigarette John Player Special. Qui di seguito sono riportate entrambe le confezioni. In quell occasione, il giudice non concesse il provvedimento di inibitoria richiesto dal titolare del marchio John Player Special; infatti, il giudice ritenne che gli elementi figurativi e denominativi riprodotti sulla confezione delle sigarette John Player Special, non avessero sufficiente capacità individualizzante. Infatti sul mercato venivano vendute sigarette in pacchetti di colore nero anche se, tuttavia, al momento della causa, nessun altro marchio era così conosciuto come il marchio John Player Special. Esito positivo ha avuto, invece, l azione promossa da Reckitt & Colman Products nel caso Jif Lemon 4. Il caso riguardava la confezione dell attore per succo di limone, avente la forma e il colore del limone. Il Giudice affermò che la particolare confezione adottata dall attore fosse dotata di carattere distintivo distintività acquisita anche grazie all uso decennale da parte del produttore. Anche il caso Marmite 5 ha avuto esito positivo: il prodotto a marchio Sainsbury s (nota catena di distribuzione inglese) riproduceva la confezione dell estratto di lievito Marmite, e pertanto ne fu inibito l uso. Altro esempio di imitazione del packaging da parte di un own brand product si rinviene nel caso Puffin 6, in cui il giudice ha riconosciuto la contraffazione del marchio e della confezione di biscotti 3 Imperial Group plc & Another c. Philip Morris Ltd & Another, 1984 RPC Reckitt & Colman Products Ltd c. Borden Inc, 1990 RPC Beecham Group plc & Another c. J Sainsbury plc, 1987, inedita. Il giudice non ha concesso l inibitoria poiché mancava il pericolo in mora, non era stato dimostrato il rischio di associazione. La causa è poi stata abbandonata. 6 United Biscuits (UK) Ltd c. Asda Stores Ltd,

3 al cioccolato contrassegnati dal marchio Penguin da parte del marchio e della confezione Puffin della ASDA (nota catena distributiva). Significativi i seguenti casi di riproduzione di confezioni di note marche da parte dei supermercati inglesi Sainsbury s. Interessante è, infine, il caso Red Bull 7, in Australia, in cui il giudice ha ritenuto che la confezione del concorrente (Limewire) fosse così simile all originale slimline di Red Bull da ingenerare un rischio di confusione tale che anche l apposizione di un marchio completamente diverso non fosse idonea ad escludere la responsabilità per concorrenza sleale. Per usare le parole del giudice australiano LIMEWIRE drinks were sailing too close to the wind. 2.1 La dilution e la misappropriation Così la dottrina e giurisprudenza straniera sopra ricordate, accanto all azione di passing off, che richiede presupposti molto rigorosi, ha elaborato altre possibili forme di tutela del packaging dei prodotti, tra cui la cosiddetta azione di dilution. Il concetto di dilution viene identificato con la perdita di distintività. Un autore americano ha definito la dilution (in relazione al marchio) come: 7 Sydneywide Distributors Pty Limited v. RED BULL Australia Pty Limited, PricewaterhouseCoopers Legal, 2002, Winter Edition. 3

4 Il continuo uso di un marchio simile a quello del titolare, che determina inevitabili conseguenze negative sulla capacità distintiva del marchio del titolare e, se egli non si adopera per prevenire tale uso, il suo marchio perderà interamente la sua capacità distintiva. Questo attacco differisce notevolmente dal concetto di confusione. Questa confusione determina immediatamente un danno, mentre la dilution porta inevitabilmente alla distruzione del valore pubblicitario del marchio 8. Il concetto di dilution non è stato considerato allo stesso modo in tutti i Paesi. In particolare, la teoria della dilution si è sviluppata negli Stati Uniti e, nella Comunità Europea, in Germania e Gran Bretagna. Negli Stati Uniti, i giudici hanno stabilito che per avere successo in un azione di dilution occorre che il titolare del marchio dimostri il cosiddetto likelihood of injury (rischio di danno) alla reputazione commerciale e la perdita di distintività del cosiddetto distinctive quality del marchio. È stato detto, da più parti, che il concetto di distinctive quality riguarda i marchi con una significativa reputazione, o marchi con un ben fondato secondary meaning. In Europa, il concetto di dilution ha ricevuto una diversa interpretazione. Per esempio, in Germania, la dilution è stata sviluppata per proteggere i marchi notori. Gli elementi importanti che vengono tenuti in considerazione dalle Corti tedesche riguardano l ambito in cui il marchio è conosciuto; se esso viene usato seriamente ed effettivamente, ed il pubblico di riferimento (sono state, per esempio, avviate con successo azioni di dilution dai titolari dei famosi marchi 4711, Roll Royce e Whisky Dimple). In Inghilterra, la teoria della dilution si è sviluppata molto più recentemente che negli Stati Uniti. Il nuovo Trademark Act del 1994 è il primo statuto inglese che ha riconosciuto la dilution in pratica, anche se non espressamente (la sezione 10 che riguarda la contraffazione del marchio e la sezione 10.3, disciplina l ipotesi dell uso di un marchio simile o identico su prodotti differenti che costituisce contraffazione, se il marchio gode di reputazione nel Regno Unito, e l uso del segno è idoneo a determinare perdita di capacità distintiva o di reputazione al marchio). Infine, tutti i Paesi che prevedono una legge di concorrenza sleale hanno previsto, come strumento alternativo alla tutela delle azioni concernenti il look-alike dei prodotti, un azione di concorrenza sleale, in particolare per la cosiddetta misappropriation. Il concetto di misappropriation sta ad indicare l ipotesi in cui il produttore del prodotto che, per il suo aspetto esteriore, assomiglia ad un prodotto più conosciuto, si sia appropriato dello sforzo creativo del primo produttore. E ciò indipendentemente da un rischio di confusione tra i due prodotti. Questa è l impostazione tenuta anche dalle Corti francesi, per esempio in relazione alle azioni di concorrenza sleale e di cosiddetto parassitismo (o imitazione servile) dove i Tribunali guardano alle caratteristiche del packaging del prodotto, così come esso appare sul secondo prodotto, al fine di stabilire se questo packaging trae origine dal primo, oppure no. A questo proposito, ricordiamo il caso della Classic Cola che ottenne, con successo, una condanna in Francia di un produttore di Cola in bottiglie simili alla più famosa Coca Cola. 3. La tutela contro il look-alike in Italia 3.1 La confezione del prodotto: marchio o cos altro? La tutela della confezione di un prodotto induce ad alcune riflessioni. Occorre, prima di tutto, stabilire se la confezione sia un segno oppure no. Riterremmo che i giudici tendono troppo spesso a sottovalutare il ruolo della confezione del prodotto. I magistrati danno maggiore importanza ai marchi apposti sulle confezioni, più che alla confezione in sé, cioè intesa come un insieme di colori, di forme, di scritte, di immagini che trasmettono messaggi importanti al consumatore. Nelle motivazioni dei giudici che si sono occupati di imitazione di confezioni, il principio diffuso e generalizzato è quello di considerare la confezione del prodotto come priva di capacità distintiva. Il giudice spesso ritiene che la confezione è un insieme di simboli diffusi, banali, non individualizzanti, dunque non meritevoli di protezione. Questa impostazione non è corretta. Stabilire se una confezione sia dotata di capacità distintiva, non dipende assolutamente da ciò che è riprodotto sulla confezione, bensì da come questa immagine è 8 Callmann, The Law of Unfair Competition and Trademarks, 2 nd edition 1950,

5 percepita dal pubblico dei consumatori. Non sono le singole parole o le singole immagini a conferire un ruolo distintivo alla confezione del prodotto; è l insieme di tali elementi che rende una confezione un vero e proprio segno. La capacità distintiva non va ricercata in una parola piuttosto che in un colore o in un immagine; la capacità distintiva è data da tutta la confezione, dalla sua immagine globale. Non possiamo scomporre le immagini e le parole della confezione di un prodotto; non possiamo porci di fronte ad una confezione con visione atomistica 9. E allora, occorre cambiare l impostazione. La confezione, di per sé, ha un ruolo attrattivo e significativo per il consumatore, e per tale motivo essa assume sempre più importanza, non solo per la comunicazione di un azienda, bensì proprio nel determinare la decisione all acquisto del consumatore: una bella confezione (con disegni particolari o con una forma originale) faciliterà la decisione 10. In un articolo pubblicato in Internet e riferito alla Fiera Pack-Mat di Bologna, tenutasi nel febbraio 2002, si legge 11 : Forza del brand e personalità del prodotto trovano nel design la loro massima espressione: Pensiamo alla bottiglia della Coca Cola. Si potrebbe eliminare l etichetta adesiva, verniciare il vetro di bianco e quanto otterremo sarebbe comunque riconoscibile come bottiglia di Coca Cola. Il prodotto si presenta con un insieme di caratteristiche, una delle quali (ma solo una delle tante) è il marchio. La reazione del consumatore, in relazione al prodotto, dipende da quell insieme di caratteristiche non, invece, soltanto dal marchio. Tra queste caratteristiche, una delle più importanti è proprio la confezione in cui è racchiuso il prodotto. Il marchio identifica nella mente del pubblico un prodotto, separandolo dai prodotti concorrenti, utilizzabili per la soddisfazione dello stesso bisogno. Ciò non può che avvenire, nella mente del pubblico, ricollegando i prodotti, così separati, ad una fonte comune, ad un comune trattamento, ad una comune origine e, cioè, ad una comune impresa da cui i prodotti provengono. Il marchio identifica i prodotti di un fabbricante o un venditore, distinguendoli da quelli venduti o usati da altri. Occorre, ora, chiarire che cosa sia il prodotto. I prodotti sono acquistati e consumati non solo per quello che sono, ma anche per quello che essi significano per il consumatore. L aspetto che viene subito considerato è la sua struttura fisica. Nel processo che porta alla soddisfazione del bisogno umano, si devono però tener presente molti altri aspetti, quali il confezionamento, la garanzia, il colore, il modo di distribuzione, il marchio, l immagine dell azienda, il prezzo, la pubblicità, ecc. Tutti questi aspetti hanno rilievo per far sì che un prodotto sia un prodotto e non un altro. Quanto alla confezione del prodotto, essa possiede un attitudine a distinguere, attitudine dimostrata dall uso. E così, indipendentemente dal marchio denominativo apposto sulla confezione, il consumatore percepirà la provenienza di quel prodotto da una certa fonte produttiva, anche per effetto del confezionamento. Si faccia un esempio semplicissimo. Si pensi ad una confezione di biscotti caratterizzata da una particolare forma, colore e figure, che riporta anche un marchio denominativo. Si pensi ad una confezione di biscotti Mulino Bianco: il marchio denominativo è Mulino Bianco, mentre la confezione riporta anche un insieme di simboli denominativi e/o figurativi. Per capire se la confezione possa essere idonea a distinguere quei biscotti come provenienti da Barilla e non da altra fonte produttiva, immaginiamo la confezione 9 A questo proposito, correttamente, un magistrato napoletano, in una recente ordinanza dell 11 luglio 2000, ha detto: Quel che rileva (ed è sanzionabile se imitato pedissequamente) è l assemblaggio, la composizione di tutti tali elementi in una confezione: appunto il packaging. Interessante anche il passaggio successivo nell ordinanza: In definitiva, e nonostante la presenza di questo o di quell elemento comune (ma mai di tutti contestualmente),la confezione Gran Turchese non è mai confondibile con le altre; ad una grammatica comune, vale a dire gli elementi di partenza (tazza, biscotti, ecc ) corrisponde una sintassi (composizione) differenziata e non confondibile. 10 La rilevanza della confezione non è fenomeno ignoto al giudice nel campo del diritto industriale. Si pensi ai brevetti per modello ornamentale: parte della giurisprudenza e della dottrina hanno affermato che l originalità (in un brevetto per modello ornamentale) deve essere intesa con quel quantum di diversità della forma, oggetto di brevetto, dalle forme preesistenti, che deve essere idonea ad essere percepita e presa in considerazione dal consumatore medio al momento di decidere la convenienza dell acquisto (così VANZETTI, in questa rivista, 1994, parte I, 319). Questa opinione è condivisa anche della Corte di Cassazione (Cass. 1995/484). 11 Tenutasi a Bologna dal 7 al 9 febbraio Il contributo è di Andrea Giollo, partner dello studio di design Giò Rossi e Associati, 5

6 senza il marchio Mulino Bianco. Ebbene, il consumatore, in mezzo a molte altre confezioni di biscotti, (in ipotesi, prive anch esse di marchio) sarà in grado di riconoscere quella confezione come proveniente da una specifica fonte produttiva. In altre parole, il consumatore riconoscerà la confezione Mulino Bianco di Barilla anche se priva del marchio nominativo. In questo caso, diciamo, allora, che la confezione di un prodotto diventa segno quando sia idonea a suscitare nella mente del consumatore il collegamento tra il segno ed il prodotto. Per tale segno usiamo il termine marchio. 3.2 I casi giurisprudenziali italiani di look-alike In Italia non esiste una trattazione del look-alike. Il fenomeno è disciplinato dalla giurisprudenza attraverso la fattispecie della concorrenza sleale per imitazione servile (art c.c. n. 1). Le decisioni sono piuttosto rare. Tra queste merita attenzione la decisione del Tribunale di Verona 12 (forse una delle prime), che ha riconosciuto confondibili due confezioni di dentifricio (di seguito riprodotte). Un altra decisione è l ordinanza del Tribunale di Napoli, 11 luglio 2000 (successivamente revocata in sede di reclamo) 13. Il caso riguardava l imitazione della nota confezione dei biscotti Gran Turchese di Colussi da parte della società Elledì (qui di seguito sono riprodotte le due confezioni): La decisione napoletana ha, per la prima volta, parlato di look-alike. Secondo il giudice che ha esaminato la fattispecie, il look-alike non può essere disciplinato ricorrendo al punto 3 dell art c.c. in tema di concorrenza sleale (attività non conforme ai principi della correttezza professionale) ma piuttosto in quella disciplinata al n. 1 della stessa norma (imitazione servile confusoria). In particolare, è stato ritenuto che l apposizione sulla confezione di un marchio denominativo differente, non esclude il rischio di confusione per il consumatore, che vedendo una confezione assolutamente simile in tutti i suoi elementi denominativi, figurativi e di colore, alla più nota confezione di biscotti che egli, abitualmente, è solito comprare, sarà indotto a ritenere o che quella confezione proviene da Colussi o che, quanto meno, tra quella confezione, che non proviene da 12 Tribunale di Verona, (ord.), 21 settembre 1992, caso Farmaceutici Dr. Ciccarelli S.p.A. contro Lidl Italia S.r.l., inedita. Per un breve commento si veda EIPR 1992, D Tribunale di Napoli, 13 settembre

7 Colussi, vi sia un collegamento all azienda Colussi. Il magistrato napoletano ha, per la prima volta, allora, introdotto un concetto di rischio di associazione in ambito di concorrenza sleale. E stata riconosciuta, alla confezione, la qualifica di segno distintivo dell azienda. È ancora il Tribunale di Napoli 14 ad affermare la sussistenza della fattispecie di concorrenza sleale in un caso di imitazione servile (della forma e) della confezione delle patatine Cipster della Saiwa da parte di un produttore meno noto. Di segno opposto il Tribunale di Bergamo 15, che ha negato il rischio di confusione tra le confezioni di grissini Fagolosi della Grissin Bon e Amor di Pane della società Oscar S.p.A. Il Tribunale di Bergamo, peraltro seguendo un orientamento giurisprudenziale assai diffuso, ha ritenuto che l apposizione di marchi diversi sulle confezioni (da un lato Fagolosi e all altro Amor di Pane ) fosse sufficiente ad escludere ogni rischio di confusione per il consumatore, indipendentemente dal fatto che le due confezioni presentassero elementi tra loro molto simili. Inoltre, nel caso specifico, il Tribunale ha ritenuto che la confezione Fagolosi non potesse essere dotata di capacità distintiva, perché riproducente elementi, di per sé presi, privi di capacità distintiva. L errore in cui, a nostro avviso, è caduto il Tribunale, è stato quello di valutare la confezione separando i singoli elementi, non tenendo conto dell insieme degli stessi e della loro combinazione. Anche la combinazione di elementi, di per sé noti, può essere idonea a distinguere un certo prodotto in mezzo a tanti altri simili, quando il consumatore percepisca tale combinazione come avente un significato. 3.3 La tutela della confezione del prodotto: legge marchi o concorrenza sleale?: un falso problema. La confezione di un prodotto è un marchio quando e se dotata di capacità distintiva. La confezione del prodotto può essere un marchio registrato o marchio di fatto (quest ultima è l ipotesi più frequente). Nel primo caso, non c è dubbio che la confezione del prodotto dovrà essere trattata alla stregua di tutti gli altri marchi tradizionali. In tal caso, troveranno applicazione i principi contenuti nella legge marchi. Nel caso, invece, che la confezione non sia registrata come marchio, il problema posto da dottrina e giurisprudenza è se il marchio di fatto debba essere protetto mediante il ricorso ai principi della tutela della concorrenza sleale o, invece, mediante il ricorso alla tutela derivata, con opportuni adattamenti, dalla disciplina del marchio registrato. Ci sembra oramai acquisito che nella sostanza la questione non sia rilevante. In definitiva, la violazione della norma sulla concorrenza sleale è sanzionata allo stesso modo della violazione delle norme sul marchio registrato. Piuttosto, occorre osservare che la fattispecie della concorrenza sleale non può essere fotografata in forma tipica, statica, ed è, per così dire, a geometria variabile. Ciò che è considerato concorrenza sleale oggi poteva non esserlo in passato e non lo sarà domani. La moralità del mercato cambia con l evolversi del tempo. Non solo cambiano i criteri di valutazione, ma anche i fatti che possono 14 Tribunale di Napoli, 28 settembre 2001, in Giur. Napoletana, 12, 2001, Tribunale di Bergamo, 27 novembre 1999, inedita. 7

8 essere considerati illeciti: la distanza che il secondo concorrente deve mantenere dal marchio di fatto può variare nel tempo, e così anche la modalità degli atti lesivi e la loro natura. Diversamente, in tema di marchi registrati, può variare la valutazione del Tribunale circa la maggiore o minore vicinanza dell imitazione al segno, ma l imitazione, ci pare, rimane sempre quella. Pertanto, a differenza della concorrenza sleale la violazione di marchio sarebbe a geometria fissa. Per esempio, è proprio a proposito del marchio registrato che si possono nutrire dei dubbi sul punto se il rischio di confusione comprende il rischio di associazione (rischio di associazione che presuppone la confusione 16 oppure che non la presuppone 17 ). Questo perché la fattispecie è tipizzata e, pertanto, ciò che deve essere valutato è solo la distanza tra il marchio registrato e il marchio contraffattore. Per l atto di concorrenza sleale, invece, possono anche essere diversi gli atti di aggressione, ovvero le modalità con cui l illecito è posto in essere. 4. Il rischio di confusione in tema di concorrenza sleale. Dal passing off alla tutela del goodwill alla repressione della slealtà Dottrina e giurisprudenza individuano l atto di concorrenza sleale in presenza di due requisiti: i) un livello, anche minimo, di novità nella realizzazione del soggetto passivo dell atto; ii) la confusione creata dal soggetto attivo. Qui interessa il punto sub ii). Il concetto di confusione ha subito una profonda evoluzione nel tempo. La prima costruzione si riferiva al concetto di confusione intesa nel senso di scambiabilità (il consumatore acquista il prodotto A credendo che sia il prodotto B); il principio, secondo la terminologia inglese, si chiama passing off o palming off. Da questa impostazione iniziale si passa in seguito ad un concetto di confusione legato alla tutela dell avviamento ( goodwill ). E allora non si guarda tanto alla confusione, ma quanto alla necessità di tutelare l avviamento creato e quindi di evitare che i concorrenti si approprino della messe di colui che ha seminato 18. Questo indirizzo ha dato poi il via alla costruzione moderna dell istituto come appunto basata soprattutto sulla necessità di tutelare l avviamento. La riforma della Convenzione di Parigi, con la riformulazione dell art. 10 bis, (testo adottato a Stoccolma il 14 luglio 1967; il testo di Stoccolma è stato ratificato e reso esecutivo per l Italia con Legge 28 aprile 1976) introduce un elemento di tutela del consumatore: occorrerà allora guardare non più o non solo alla scambiabilità tra prodotti e alla tutela dell avviamento del produttore, ma alla confusione (di qualunque tipo) che si crea nella mente del consumatore, alterando il processo decisionale di quest ultimo, al momento dell acquisto del prodotto. Recentemente, si è tornati, tuttavia, ad una valutazione della confusione più vicina alla concezione originaria. E necessario valutare la slealtà del comportamento che deve essere vietato, tutelando il lavoro dell imprenditore e garantendo di conseguenza un regime concorrenziale basato sulla correttezza e la lealtà 19. Ci sembra, allora, che si possa adottare una nozione unitaria del concetto di rischio di confusione. Tale conclusione, da un lato rappresenta il naturale sviluppo dell interpretazione attribuita al concetto di rischio di confusione in materia di marchi, dall altro è l unica comunque utilizzabile in 16 Tale è l orientamento della Corte di Giustizia, Caso C-251/95, Sabel BV v. Puma AG, in Dir. Ind. 1998, 2, 132; C-39-97, 29 settembre 1998, Canon Kabushiki v. Metro Goldwyn Mayer Inc., in GADI 1999, 4038; C-342/97 Lloyd Schuhfabrik Meyer & Co. GmbH v. Klijsen Handel BV, in GADI 1999, Si tratta dell orientamento di una parte di dottrina minoritaria, orientamento a cui aderiamo, secondo il quale il rischio di associazione (concetto tipico del diritto del Benelux) deve essere inteso quale rischio indipendente dal rischio di confusione sull origine e più ampio di quest ultimo. Cfr. M. FRANZOSI, Sulla funzione del marchio e sul rischio di associazione, in Dir. ind. 1999, 138; GALLI, Il diritto transitorio dei marchi, Milano 1994; Funzione del marchio e ampiezza della tutela, Milano, 1996; G CASABURI, Rischio di associazione: tutela avanzata del marchio, in Segni e forme distintive, Giuffrè 2001; M. BOSSHARD, Rischio di associazione tra segni, ampiezza della tutela e funzione del marchio nella recente giurisprudenza della Corte di Giustizia, in Contratto e Impresa, 1999, pag International New Service v. Associated Press, Corte Suprema Americana, Cfr. Cass., 9 marzo 1998 n. 2578, in questa rivista 1998, II, 255; Cass., 28 maggio 1999 n. 5243, ivi 2000, I, 3. 8

9 tema di concorrenza sleale 20. Tra l altro, l adozione di un concetto di rischio di confusione allargato per i marchi e ristretto per le altre ipotesi confusorie, condurrebbe all inaccettabile conseguenza di attribuire una tutela maggiore per alcune delle fattispecie contemplate dalle citate norme e minore per le altre. Non vi è nessuna preclusione di ordine normativo pratico per ritenere che il concetto di rischio di associazione non sia applicabile anche in materia di concorrenza sleale. Al contrario, la nozione di confondibilità concorrenziale è l unica adeguata all attuale economia di mercato e alla connotazione che in essa assumono i prodotti: il prodotto non è soltanto quello contrassegnato da un certo marchio; il prodotto è anche pubblicità, valore economico, confezionamento, design, slogan, veicolo dell immagine dell imprenditore 21. In tale contesto, l imitazione del concorrente sarà illecita, non solo qualora induca il consumatore in errore circa la provenienza del prodotto, ma anche quando la stessa provochi nella sua mente un associazione, al limite anche indiretta o subliminale tra prodotto o servizio della prima impresa e servizio o prodotto dell imitatore, inducendolo a trasferire almeno una parte dell immagine positiva che ha del primo (frutto di investimento, lavoro, scelte di marketing, strategie pubblicitarie) al secondo. 4.1 Il rischio di associazione nell ambito di imitazione delle confezioni di prodotti. Il ruolo del consumatore Il concetto del rischio di associazione in ambito concorrenziale acquista un valore particolare proprio con riguardo all imitazione di confezioni di prodotti. In presenza di due confezioni che si assomigliano nei loro elementi esteriori, il consumatore sarà indotto a realizzare un collegamento, eventualmente anche solo indiretto, tra i prodotti e le attività pubblicitarie poste in essere dal prodotto cosiddetto originale e quelle del prodotto imitante 22. Il giudizio sul rischio di confusione, in tema di look-alike, richiede alcune considerazioni generali sul consumatore. Ogni marchio trasmette un significato, un messaggio. Il messaggio avrà un percettore. In tema di marchi il percettore è il consumatore. La recente sentenza EUROCOOL del Tribunale di Primo Grado della Corte Europea 23 ha stabilito che il carattere distintivo di un marchio deve essere valutato non soltanto in relazione ai prodotti contrassegnati, ma altresì rispetto alla percezione di un pubblico cui ci si rivolge, che è costituito dal consumatore di tali prodotti o servizi. Già la Corte di Giustizia, nella recente sentenza Baby-Dry 24, nel valutare la distintività del marchio, ha invitato a mettersi in the feet of the consumers (in italiano diremmo nei panni dei consumatori ). Tale affermazione è altresì confermata nel passaggio successivo della sentenza della Corte europea in cui si legge che la funzione distintiva del marchio verrà assicurata solo se consentirà al consumatore che acquista il prodotto o servizio indicato dal marchio, al momento di effettuare una successiva acquisizione, la stessa scelta di acquisto, se l esperienza risulti positiva, o un altra, se essa risulti negativa. È nell atto d acquisto, dunque, che il marchio esplica la sua funzione. È nel momento dell acquisto che il marchio viene memorizzato dal consumatore. Del resto, sul momento d acquisto, insiste anche la sentenza TABS 25 dello stesso Tribunale di Primo Grado che, al paragrafo 46, ribadisce che la funzione del marchio è soddisfatta se il marchio richiesto consente 20 Il Tribunale di Napoli, con l ordinanza dell 11 luglio 2000, nel caso Colussi, ha affermato che la nozione del rischio di confusione secondo il significato mutuato dalla legge marchi è: generalizzabile, anche oltre la tutela dei marchi d impresa e viene ad integrare il significato normativo della nozione di confusione (lo si ribadisce, non meglio definita) di cui all'art c.c.. 21 Cfr. G. CASABURI, Rischio di associazione: tutela avanzata del marchio, cit., pag. 103 ss. 22 Il Tribunale di Napoli, con l ordinanza dell 11 luglio 2000, ha detto a questo proposito: In altri termini, l imitazione comporta uno sviamento delle informazioni positive espresse dalla prima confezione e che sono acquisite da quella dell imitatore. 23 Tribunale di Primo Grado, 27 febbraio 2002, T-34/00, Eurocool Logistic k GmbH vs. OHIM, caso EUROCOOL, par. 38. Nello stesso senso Decisione T-219/00, 27 febbraio 2002, Ellos AB vs. OHIM, caso ELLOS; decisione T-79/00, 27 febbraio 2002, Rewe Zentral AG. vs. OHIM, caso LITE e decisione T-106/00, 27 febbraio 2002, Streamserve Inc. vs. OHIM, caso STREAMSERVE. 24 Corte di Giustizia CE, sentenza 20 settembre 2001, C-383/99, Plocter & Gumble vs. OHIM, Baby-Dry. 25 Tribunal di Primo Grado, T-30/00, 19 settembre 2001, Henkel KGaA vs. OHIM, caso TABS. 9

10 al pubblico cui ci si rivolge di distinguere i prodotti di cui trattasi da quelli aventi un altra origine commerciale al momento della decisione di effettuare un acquisto 26. In tema di imitazione di confezione di prodotto, il rischio di confusione e/o il rischio di associazione assumono una connotazione particolare. Si ha rischio di confusione, nel senso classico del termine, quando il consumatore che vuole acquistare il prodotto A, acquista invece il prodotto B, perché tratto in inganno dalla similitudine delle confezioni. Tuttavia, questa ipotesi è forse la meno frequente. Normalmente, se anche le confezioni si assomigliano molto (nelle immagini, colori e forme) esse, tuttavia, riportano marchi differenti. Per lo più, le imitazioni riguardano confezioni di prodotti di largo consumo che abitualmente vengono vendute nei supermercati. E nei supermercati le confezioni (che si tratti di confezioni di pasta o di confezioni di detersivi o altro) sono allineate sugli scaffali le une accanto alle altre. Il consumatore che va al supermercato, normalmente si trova di fronte ad un prodotto ad una distanza piuttosto ravvicinata. Spesso l acquisto avviene sì velocemente, ma in una posizione tale in cui il consumatore è in grado di distinguere che una confezione non è uguale all altra o che una confezione riporta un marchio differente dall altro. Difficilmente, chi vuole A prenderà B nella convinzione che sia A. Invece, succede una cosa diversa. Il consumatore vuole acquistare A, vede il prodotto B che è assolutamente simile, nella confezione, al prodotto A. Il consumatore sa che il prodotto B non è il prodotto A, tuttavia acquista B perché pensa che tra l azienda che produce B e l azienda che produce A vi sia un qualche collegamento; il consumatore penserà che forse B è una sottomarca di A e dunque B ha la stessa qualità di A. Qui si verifica, allora, un rischio di associazione. Cioè, si verifica: i) alterazione del processo decisionale del consumatore; ii) possibile sviamento di clientela; iii) danno per l impresa che ha diritti sulla confezione. L errore, secondo noi, sta nel ritenere che un rischio di associazione tout court non crei confusione e non meriti protezione. Non è così. La decisione di comprare B e non A determina, nella mente del consumatore, alterazione decisionale al momento dell acquisto. 4.2 L imitazione della confezione è un atto sleale. L applicazione dell art n. 3 c.c. Il problema che vogliamo in conclusione affrontare e che speriamo possa rappresentare uno spunto di riflessione, è il superamento della visione ristretta della imitazione della confezione dal solo punto di vista della disciplina concorrenziale confusoria (art n. 1 c.c.), ossia dal solo punto di vista del rischio di inganno per il consumatore 27. L imitazione della confezione non è un atto sleale solo perché l imitazione crea confusione. Una tale concezione, troppo spesso adottata dalla prassi giudiziale, finisce col negare tutela alla confezione per il semplice fatto che in concreto la confusione pare non sussistere 28. E non sussiste per svariati motivi: perché i singoli elementi della confezione sono giudicati non distintivi oppure non sono completamente identici, o ancora perché i canali distributivi sono diversi, oppure il marchio apposto sulla confezione è diverso. Il consumatore, che, come dice la Corte di Giustizia, oggi sempre più spesso è consumatore attento e informato, può sapere che i prodotti, pur presentando una confezione simile e confondibile, provengono da due fonti produttive diverse. Non c è confusione, allora, non c è concorrenza sleale? La conclusione è inaccettabile. Si è perso di vista il fondamento logico, la ratio dell istituto della concorrenza sleale, che è quello di colpire il comportamento concorrenzialmente illecito, e non solo quello di proteggere determinate ideazioni la confezione del prodotto o eliminare l effetto confusorio in relazione al consumatore. 26 Corte di Giustizia, decisione 16 luglio 1998, C-210/96; 6-Korn-Eier Gut Springenheide; decisione 22 giugno 1999, C-342/97, Lloyd. 27 In questo senso si era già espresso ROTONDI, Diritto Industriale, Padova, 1965, pag. 498 ss., il quale ha sostenuto che è ammissibile l imitazione servile senza la confusione dei prodotti. Tale atto sarebbe scorretto non tanto ai sensi dell art n. 1 c.c., ma dell art n. 3 c.c. 28 Non sussiste in termini di scambiabilità, mentre esiste pur sempre il collegamento associativo con la fonte produttiva. 10

11 Si dovrà, invece, guardare alla slealtà del comportamento in sé considerato. Il rischio di confusione per il consumatore potrà anche essere escluso, ma ciò non deve escludere a priori l ulteriore valutazione se il comportamento di imitare la confezione altrui è sleale e deve essere proibito. L esigenza di tutelare il lavoro di un imprenditore (studio e realizzazione di una determinata confezione) che permetta al suo prodotto di distinguersi dagli altri nasce dalla necessità di assicurare che il regime concorrenziale del mercato si realizzi su basi di correttezza e lealtà: la legge, se deve evitare il perpetuarsi di un monopolio di sfruttamento oltre la fisiologica durata di una privativa, non può tuttavia, in via di principio, consentire un vero e proprio storno del frutto dell'altrui investimento. Siffatta soluzione finirebbe con l'essere essa anticoncorrenziale, perché toglierebbe un presupposto della competizione nel mercato, che è la possibilità di conquistare, secondo regole di correttezza commerciale, la clientela 29. La dottrina straniera, in particolare quella tedesca 30, ha affermato che la disciplina della concorrenza sleale trova applicazione allorché si verifichino circostanze che permettono di ritenere sleale la condotta dell imitatore. Tali circostanze devono essere oggettive (il prodotto e/o la confezione imitata devono essere innovative) e soggettive (il concorrente ha sfruttato direttamente la prestazione altrui: unmittelbare Leistungsübernahme ). Un imprenditore che mette in commercio un nuovo prodotto o un prodotto con una nuova e accattivante confezione non lo fa certo con l intento di offrire ai propri concorrenti un esempio da copiare. Gli altri imprenditori potranno sì prendere spunto dalla idee altrui ed elaborarle per creare ancora qualcosa di nuovo e diverso. Ma nel momento in cui il concorrente utilizza quel prodotto per riprodurlo esattamente, utilizza la prestazione altrui senza costi, senza fatica, senza lavoro. L illiceità, ancora una volta, non risiede nel risparmio di costi e fatica da parte del concorrente. Questo risparmio è la conseguenza dell atto sleale, ma non è la slealtà. L illiceità risiede nella volontà di utilizzare conoscenze produttive altrui al fine di fare concorrenza a colui che possiede tali conoscenze 31. Negli esempi che abbiamo riportato all inizio di questo articolo, le confezioni imitatrici riproducevano con variazioni minime ed insignificanti forma, colore, figure e parole, talvolta addirittura lo stesso numero degli elementi figurativi. Non si deve punire il concorrente per aver utilizzato una medesima forma della confezione, o il medesimo colore, o un identico elemento figurativo: si deve però punire il concorrente che utilizzi tutti gli elementi della confezione altrui in modo identico al titolare della confezione imitata, al solo fine di acquisire direttamente il risultato dello sforzo creativo di un concorrente: Se gli affari vengono fatti per competere nel gioco del commercio, allora anche le regole del gioco devono garantire che i concorrenti competano lealmente 32. Ovviamente, non qualsiasi imitazione di una confezione altrui potrà essere considerata concorrenzialmente illecita, dovendosi pur sempre considerare l imitare l idea altrui, un incentivo al continuo miglioramento 33, tuttavia diviene illecita e rimproverabile qualora sia evidente l intento del terzo di creare confusione con i prodotti altrui (anche qualora la stessa confusione in concreto 29 Cass., 9 marzo 1998 n. 2578, caso Lego System A/S c. Tyco Idustries Inc. e Arco Falc Srl, cit. Cass., 28 maggio 1999 n. 5243, cit. 30 Disciplina della concorrenza sleale secpndo il 1 UWG. Cfr. TROLLER, Immaterialgüterrecht, II, Basel-Stuttgart 1971; BAUMBACH HEFERMEHL, Kommentar VWG, 1972, 1, par. 1, p. 338, Cfr. PERRET, La protetion des prestations en droit suisse, Basel, 1977, II, 250: L insieme dei concorrenti forma una comunità dominata da rapporti di fiducia. Ora costituisce un inganno della fiducia il surmoulage di un oggetto, la reincisione di un disco, la fotocopia di un edizione (a diritto d autore scaduto) al fine di fare concorrenza a colui i cui prodotti sono serviti da prototipo all impresa parassita. Cfr. FRANZOSI, La protezione del disegno industriale (unmittelbare Leistungübernahme) quale base della protezione, in Contratto e Impresa, 1991, I, pag. 97 ss. 32 Cfr. H. BRETT, Unfair cpmpetition not merely an accademic issue?, in EIPR, Clark Boardman Callaghan, Trademarks and unfair competition, 3d ed., , 5v., afferma Il primo principio della legge sulla concorrenza sleale è che qualsiasi cosa che non è protetta da una privativa industriale può essere copiata. Infatti, copiare è uno degli elementi essenziale dell intero sistema economico basato sulla libera concorrenza. Così che l atto di copiare, ben lontano dall essere intrinsecamente sconveniente, è essenziale e deve essere lodato ed incoraggiato, non condannato. Non c è assolutamente nulla di legalmente o moralmente reprensibile in copiare esattamente cose di pubblico dominio. 11

12 confondibilità soggettiva - sia talvolta esclusa, nella prassi, dall apposizione di un marchio diverso 34 ). L imitazione della confezione altrui è anche, o solo, un atto illecito ai sensi dell art n. 3 c.c., perché contrario ai principi di correttezza professionale. 5. Conclusioni. I precedenti in materia di imitazione delle confezioni, intese come veri e propri marchi, dotati di capacità distintiva ed idonei ad attirare l attenzione del consumatore e a trasmettere una serie di informazioni relative alla fonte di provenienza sono ancora poco numerosi in Italia, nonostante che il problema si presenti sempre più spesso a danno di famose aziende che vedono spuntare ogni giorno una nuova confezione troppo simile alla loro 35. Il fenomeno non può non essere preso in attenta considerazione dai nostri giudici. Il packaging di un prodotto, può e deve essere tutelato alla stregua di qualsiasi altro elemento distintivo dell azienda, contro l imitazione altrui. Il nostro sistema normativo fornisce gli strumenti adeguati. Occorre utilizzarli. 34 Se si ritiene che due confezioni seppur identiche o molto simili non determinino una confondibilità a causa del marchio differente, tuttavia non è escluso che una parte rilevante di pubblico, pur ritenendo che i prodotti siano diversi, possano pensare che vengano dalla stessa casa o di case collegate per legami economici, tecnici, commerciali. 35 La rarità delle decisioni in materia è spesso legata alla circostanza che i produttori di noti marchi, raramente intraprendono azioni a tutela delle confezioni dei loro prodotti, per il fatto che si troverebbero a dover agire contro i loro principali clienti (catene distributive) che adottano per i c.d. own brand products confezioni del tutto simili a quelle dei principali branded products. Ciò ha consentito al fenomeno del look-alike di dilagare senza possibilità di contrasto dello stesso. 12

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI a) diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

NEWSLETTER. N 1 - Gennaio 2009. STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia. www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati.

NEWSLETTER. N 1 - Gennaio 2009. STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia. www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati. NEWSLETTER N 1 - Gennaio 2009 STUDIO LEGALE VANZETTI & ASSOCIATI Milano - Venezia www.vanzettieassociati.it studio@vanzettieassociati.it GIURISPRUDENZA 1. La Cassazione nega la tutela ai sensi dell art.

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE SETTIMA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO ------------------------------- 3 2 LA TUTELA DEL MARCHIO DI FATTO E DELLA

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE SINGOLE FATTISPECIE DI CONCORRENZA SLEALE Sommario: 1. Atti di confusione. - 2. Denigrazione e appropriazione di pregi. - 3. Atti contrari alla correttezza professionale. 1. ATTI DI CONFUSIONE

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE QUARTA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI ------------------ 3 2 LE VIOLAZIONI DI NORME PUBBLICISTICHE --------------------------------------------------------------------

Dettagli

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 SEGNI DISTINTIVI E CONCORRENZA -------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE FONTI LEGISLATIVE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Herman Miller Limited, Filiale Italiana

Herman Miller Limited, Filiale Italiana Herman Miller Limited, Filiale Italiana Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo [ex D. Lgs. 231 del 2001] Parte Speciale 4 Edizione settembre 2011 PARTE SPECIALE 4 Reati contro l industria e il

Dettagli

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Milano, 2 luglio 2008 Prof. Paola A.E. Frassi Bird & Bird, Milano Recenti evoluzioni normative dello statuto di non decettività

Dettagli

REGISTRAZIONE DEL MARCHIO COMUNITARIO TRIDIMENSIONALE

REGISTRAZIONE DEL MARCHIO COMUNITARIO TRIDIMENSIONALE REGISTRAZIONE DEL MARCHIO COMUNITARIO TRIDIMENSIONALE SOMMARIO: 1. Il fatto. 2. Questioni giuridiche: Capacità distintiva dei marchi di forma. 3. Questioni giuridiche: Prova d uso in ambito territoriale.

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE C OPPOSIZIONE SEZIONE 2 DOPPIA IDENTITÀ E RISCHIO

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO

IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO NELL INTERPRETAZIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA Sommario: 1. Brevi cenni sul marchio Europeo 2. L art. 3 comma 3 della direttiva e i precedenti

Dettagli

IMITAZIONE SERVILE, SOTTRAZIONE DI SEGRETI E VIOLAZIONE DEL MARCHIO DI

IMITAZIONE SERVILE, SOTTRAZIONE DI SEGRETI E VIOLAZIONE DEL MARCHIO DI IMITAZIONE SERVILE, SOTTRAZIONE DI SEGRETI E VIOLAZIONE DEL MARCHIO DI FATTO: RILEVANZA E SANZIONABILITÀ DELLE CONDOTTE. ************** Nota di commento ad ordinanza della Sezione Specializzata in Materia

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

STUDIO LEGALE MAGGI A cura di Michela Maggi

STUDIO LEGALE MAGGI A cura di Michela Maggi A cura di Michela Maggi Avvocato e Dottore di ricerca in Proprietà Intellettuale Copyright 2013 Michela Maggi Vietato riprodurre totalmente o parzialmente o comunque utilizzare, senza il consenso dell

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 3 maggio 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Cos è un nome a dominio - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa 1 Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010 Paolo AUTERI Tutela dei segreti d impresa 1. La questione Aippi Q215 è rivolta ad accertare come le informazioni aziendali segrete o riservate sono protette o si ritiene

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI FIRENZE

REPUBBLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI FIRENZE SENTENZA EMESSA DAL TRIBUNALE DI FIRENZE IN DATA 11 DICEMBRE 2006 REPUBBLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI FIRENZE Sezione specializzata in materia di proprietà industriale ed intellettuale composta dai magistrati,

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI BRUNO C. SO UMBERTO I, 61 Avellino Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studioavvocatibruno@virgilio.it

STUDIO LEGALE AVVOCATI BRUNO C. SO UMBERTO I, 61 Avellino Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studioavvocatibruno@virgilio.it TRIBUNALE DI NAPOLI - SEZIONE SPECIALIZZATA PROPRIETÀ INDUSTRIALE ED INTELLETTUALE - RICORSO EX ART. 131 D. LGS. 30/2005 Per e difesa dall Avv. Francesco Ettore Bruno e dall Avv. Francesca Silvestri ed

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di Cassazione, terza sezione civile, n. 16374 del 14 luglio 2009, in materia di responsabilità civile. Nella fattispecie

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

MARCHI E DISEGNI COMUNITARI Terza Edizione 11 luglio 2013 ANALISI DI CASI GIURISPRUDENZIALI Maurizio Borghese, Avvocato,, Studio Legale Borghese 1 2 PROFILO ESTETICO PROFILO TECNICO 3 RAPPORTO TRA DESIGN

Dettagli

GUIDA ALL IMPIEGO DEL LOGO EMAS

GUIDA ALL IMPIEGO DEL LOGO EMAS GUIDA ALL IMPIEGO DEL LOGO EMAS 1. PRINCIPI Regolamento di riferimento La presente guida lascia impregiudicato il diritto comunitario, le legislazioni nazionali e le norme tecniche non disciplinate dal

Dettagli

Sil Stile e tendenze

Sil Stile e tendenze Sil Stile e tendenze La difesa del DNA dell impresa Massimo Introvigne - Jacobacci & Partners S.p.A. Il DNA dell impresa COS E IL DNA DELL IMPRESA L insieme Linsieme degli ELEMENTI COMPETITIVI di un azienda

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

La nozione di Brand, le procedure per la sua tutela e la casistica rilevante

La nozione di Brand, le procedure per la sua tutela e la casistica rilevante La nozione di Brand, le procedure per la sua tutela e la casistica rilevante Savona, 20 dicembre 2011 Dr. Giorgio Karaghiosoff BRAND MARCA MARCHIO ALTRO? DESIGN Il marchio è un segno distintivo Il marchio

Dettagli

LA TUTELA DEI MARCHI E DEI PRODOTTI NELLE FIERE DI SETTORE IN ITALIA E IN EUROPA

LA TUTELA DEI MARCHI E DEI PRODOTTI NELLE FIERE DI SETTORE IN ITALIA E IN EUROPA LA TUTELA DEI MARCHI E DEI PRODOTTI NELLE FIERE DI SETTORE IN ITALIA E IN EUROPA di Roberto Lupetti, avvocato - INNOVA & PARTNERS s.r.l. * * * LE IPOTESI PRINCIPALI DI CONTRAFFAZIONE IN FIERA - Copia/imitazione

Dettagli

Scheda n. 10 L'azione di classe in antitrust a cura della redazione dell Osservatorio ARC di Giorgio Afferni (Università degli Studi di Genova)

Scheda n. 10 L'azione di classe in antitrust a cura della redazione dell Osservatorio ARC di Giorgio Afferni (Università degli Studi di Genova) Scheda n. 10 L'azione di classe in antitrust a cura della redazione dell Osservatorio ARC di Giorgio Afferni (Università degli Studi di Genova) 1. A cosa servono le azioni di classe? 2. Quali soggetti

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 18 luglio 2013 * «Marchi Regolamento (CE) n. 207/2009 Articoli 9, paragrafo 1, lettere b) e c), 15, paragrafo 1, e 51, paragrafo 1, lettera

Dettagli

INDICAM. Milano, 11 giugno 2003. I Look-likes: situazione e prospettive in Italia. Geremia Casaburi Giudice del Tribunale di Napoli

INDICAM. Milano, 11 giugno 2003. I Look-likes: situazione e prospettive in Italia. Geremia Casaburi Giudice del Tribunale di Napoli INDICAM IL PROBLEMA DEI LOOK-ALIKE: LIMITI ALLA "LIBERTÀ DI IMITARE" Milano, 11 giugno 2003 I Look-likes: situazione e prospettive in Italia Geremia Casaburi Giudice del Tribunale di Napoli Premessa I

Dettagli

LA DISCIPLINA DELLA CONTRAFFAZIONE DEL MARCHIO D IMPRESA NEL CODICE PENALE (ARTT. 473 e 474): TUTELA DEL CONSUMATORE E/O DEL PRODUTTORE?

LA DISCIPLINA DELLA CONTRAFFAZIONE DEL MARCHIO D IMPRESA NEL CODICE PENALE (ARTT. 473 e 474): TUTELA DEL CONSUMATORE E/O DEL PRODUTTORE? LA DISCIPLINA DELLA CONTRAFFAZIONE DEL MARCHIO D IMPRESA NEL CODICE PENALE (ARTT. 473 e 474): TUTELA DEL CONSUMATORE E/O DEL PRODUTTORE? di Gian Luigi Gatta SOMMARIO: Premessa. 1. Il problema. 2. I risvolti

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

I SEGNI DISTINTIVI NELLE ATTIVITA TURISTICHE

I SEGNI DISTINTIVI NELLE ATTIVITA TURISTICHE I SEGNI DISTINTIVI NELLE ATTIVITA TURISTICHE 1.1. Introduzione I segni distintivi sono beni immateriali, la cui funzione è assolta nel rapporto che l imprenditore ha con la sua clientela. Infatti, permettono

Dettagli

WEB REPUTATION Profili legali

WEB REPUTATION Profili legali WEB REPUTATION Profili legali Milano, martedì 11 febbraio 2014 Workshop CONFCOMMERCIO MILANO Corso Venezia n. 47 Diffusione dell oniine in Italia Stando ai dati AUDIWEB di dicembre 2013 http://www.audiweb.it/cms/view.php?id=6&cms_pk=271

Dettagli

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale

I nomi a dominio. Cos è un nome a dominio. I ND nel Codice della proprietà industriale Cos è un nome a dominio I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che lo svolgimento del processo viene riferito

Dettagli

INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI

INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI INFORMAZIONI DI BASE SUI BREVETTI PER LA TUTELA DELLE INVENZIONI Preparate da : ing. Mario Gallo e-mail : mario.gallo_mg@libero.it 1 Che cos è un brevetto 2 Tipologie di brevetti 3 Come si ottiene un brevetto

Dettagli

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust Master in Consulente Legale d Impresa Prospettive Nazionali e Internazionali La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust a cura di: Dott.ssa Stefania Palumbo Pagina 1 La responsabilità oggettiva

Dettagli

Il software, o programma per elaboratore,

Il software, o programma per elaboratore, La tutela giuridica dei programmi per elaboratore Una breve illustrazione dedicata alla disciplina che tutela il software: excursus normativo, diritti dell autore e dell utilizzatore di Massimo Farina

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO. di Luca Giacopuzzi*

IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO. di Luca Giacopuzzi* IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO di Luca Giacopuzzi* I sistemi di rilevazione biometrica 1 hanno ad oggetto dati ricavati dalle caratteristiche fisiche o comportamentali di

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

Decisione N. 896 del 14 febbraio 2014

Decisione N. 896 del 14 febbraio 2014 IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente del Collegio ABF di Milano Presidente Membro effettivo

Dettagli

Circolazione e tutela del software nella federazione russa

Circolazione e tutela del software nella federazione russa Circolazione e tutela del software nella federazione russa Nell esercizio di attività di impresa e commerciali nella Federazione Russa rivestono crescente importanza i software e le banche dati. Presentiamo

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

7 aprile 2011 (*) contro. controinteressato nel procedimento dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI e interveniente dinanzi al Tribunale:

7 aprile 2011 (*) contro. controinteressato nel procedimento dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI e interveniente dinanzi al Tribunale: SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 7 aprile 2011 (*) «Marchio comunitario Procedura di opposizione Domanda di marchio comunitario denominativo COMIT Marchio nazionale figurativo anteriore Comet Impedimento

Dettagli

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari Settembre 2010 Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari (risposta fornita a un associazione di categoria)

Dettagli

Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile

Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile Fashion Law: valore della proprietà intellettuale nel settore della moda e del tessile Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile Avv. Maria Grazia

Dettagli

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Avv. Maurizio Bianco Tribunale di Torino, Sez. IX, 16 marzo 2012 Sommario: 1. Il caso; 2. Lo storno illecito

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent L utilizzo della clausola simul stabunt simul cadent in un contesto che tende a realizzare la revoca anticipata di un dato amministratore

Dettagli

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico)

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) La recente giurisprudenza riconosce in capo agli eredi di un soggetto deceduto

Dettagli

IL MARCHIO (PARTE QUARTA)

IL MARCHIO (PARTE QUARTA) IL MARCHIO (PARTE QUARTA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 SEGNI IL CUI USO VIOLEREBBE ALTRUI DIRITTI DI ESCLUSIVA ---------------------------------------- 3 2 LA REGISTRAZIONE IN MALAFEDE ----------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Accoglimento totale del 29/07/2015 RG n. 28653/2015

Accoglimento totale del 29/07/2015 RG n. 28653/2015 R.G. 28653/2015 Tribunale di Milano Sezione VI civile Il Giudice, a scioglimento della riserva assunta in udienza, così provvede sul ricorso urgente proposto ex art. 140 VIII comma del Codice del Consumo

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA I testi delle Circolari dello Studio si trovano nel sito www.casellascudier.it 1 2 Il Certificatore Energetico: una nuova professione? Padova, 25 giugno 2010 Sono moltissime, ed assai varie, le questioni

Dettagli

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI PROF. GIUSEPPE CATALDI Indice 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME

Dettagli

Protezione dei marchi su internet

Protezione dei marchi su internet Protezione dei marchi su internet Recenti tendenze e sviluppi (Europa - Germania) Dr. Tobias Malte Müller Divisione della presentazione Search Engine Marketing (SEM): Google AdWords Cos è e come funziona?

Dettagli

Modulo per l annuncio di una limitazione della concorrenza potenzialmente illecita

Modulo per l annuncio di una limitazione della concorrenza potenzialmente illecita Modulo per l annuncio di una limitazione della concorrenza potenzialmente illecita del 20 dicembre 2004 I. Considerazioni generali 1 Base e scopo All impresa che partecipa a un accordo illecito secondo

Dettagli

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO PREMESSA a) la genuinità e la bontà del vino che quotidianamente consumiamo determinano lo stato fisico e la condizione del cittadino-consumatore; b) il consumatore

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

CASO PRATICO SUL RISARCIMENTO DEL DANNO DA VIOLAZIONE DI DIRITTI IP - Avv. Marina Lanfranconi Avv. Mauro Santo 23/04/13 1

CASO PRATICO SUL RISARCIMENTO DEL DANNO DA VIOLAZIONE DI DIRITTI IP - Avv. Marina Lanfranconi Avv. Mauro Santo 23/04/13 1 CASO PRATICO SUL RISARCIMENTO DEL DANNO DA VIOLAZIONE DI DIRITTI IP - Avv. Marina Lanfranconi Avv. Mauro Santo 1 industriale: art. 125 CPI Art. 125 CPI Risarcimento del danno e restituzione dei profitti

Dettagli

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A 1 2 3 4 Salerno, 17 ottobre 2014 Tavola rotonda Dalla potestà alla responsabilità genitoriale : diritti e doveri di figli e genitori L influenza del sistema familiare

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Non può essere accolta la domanda di nullità del provvedimento che dispone il mutamento del rito sommario in rito ordinario

Non può essere accolta la domanda di nullità del provvedimento che dispone il mutamento del rito sommario in rito ordinario Non può essere accolta la domanda di nullità del provvedimento che dispone il mutamento del rito sommario in rito ordinario Tribunale di Milano - Sezione specializzata in materia d'impresa, 19 febbraio

Dettagli

Il marchio come strumento di competitività di un impresa

Il marchio come strumento di competitività di un impresa Il marchio come strumento di competitività di un impresa RINGRAZIAMENTI buonasera, sono Aldo Fittante e prima di tutto vorrei ringraziare l organizzazione di questo Forum Internazionale ed i Colleghi relatori.

Dettagli

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE.

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. Modena, 15 settembre 2014 PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. La Corte di Giustizia UE, con Sentenza relativa alla causa C- 255/13 del

Dettagli

Fotografia e web: il diritto che c è, quello che non c è e quello che si vorrebbe.

Fotografia e web: il diritto che c è, quello che non c è e quello che si vorrebbe. Fotografia e web: il diritto che c è, quello che non c è e quello che si vorrebbe. Prima parte: Il diritto che c è: l art. 70 comma 1 bis L. 633/1941 Come spesso succede, il diritto arriva in ritardo sui

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio. Codice documento: MOG 231 - PSM

Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio. Codice documento: MOG 231 - PSM Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio Codice documento: REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 30.07.2012 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti sono sottoposti all approvazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Ci avete chiesto di individuare le possibili argomentazioni giuridiche da spendere al

Ci avete chiesto di individuare le possibili argomentazioni giuridiche da spendere al Ci avete chiesto di individuare le possibili argomentazioni giuridiche da spendere al fine di ottenere l estensione al prodotto videoludico del beneficio della c.d. dichiarazione sostitutiva, in luogo

Dettagli

Licenziamento collettivo dei manager

Licenziamento collettivo dei manager Legge europea 2013 bis Licenziamento collettivo dei manager Daniele Colombo - Avvocato Dal 25 novembre 2014 la procedura di licenziamento collettivo di cui alla legge n. 223/1991 interessa anche i dirigenti.

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione)

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Prof.ssa Patrizia Grosso Facoltà di Economia Università di Torino 1. Premessa. 2. La disciplina dei marchi. 3.La

Dettagli

ottobre 1978, n. 4481, in Giur. dir. ind. 1978, 75; Cass. 10 giugno 1977, n. 2396, in Giur. dir. ind., 1977, 31.

ottobre 1978, n. 4481, in Giur. dir. ind. 1978, 75; Cass. 10 giugno 1977, n. 2396, in Giur. dir. ind., 1977, 31. Il divieto di adozione come ditta, insegna, denominazione o ragione sociale, di un segno uguale o simile al marchio altrui alla luce della Sentenza n. 6720 del 2008 della Corte di Cassazione CASSAZIONE

Dettagli

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646)

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) LAVORATORE SUBORDINATO GIUDIZIALMENTE DICHIARATO E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) La problematica che si analizza riguarda le ricadute,

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

Il condominio inteso come consumatore: dagli scenari di tutela alle difficolta applicative del diritto dei consumi.

Il condominio inteso come consumatore: dagli scenari di tutela alle difficolta applicative del diritto dei consumi. Il condominio inteso come consumatore: dagli scenari di tutela alle difficolta applicative del diritto dei consumi. (Avv. Vincenzo Savasta www.consumerlaw.it) E argomento già ampiamente dibattuto quello

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE ECONOMIA POLITICA (corso avanzato) CdL in Giurisprudenza Università della Calabria Docente : Marianna Succurro LA PROPRIETA INTELLETTUALE [tratto da Franzoni L.A., Marchesi D.(2006), Economia e politica

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione lavoro ORDINANZA. contro. Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO. Premesso che

TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione lavoro ORDINANZA. contro. Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO. Premesso che TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione lavoro ORDINANZA R.G. n. 2013 / 1239 AGEMEDIA SRL Avv. COLA DANIELE MATTEO BAVASTRO e ALESSANDRO BURRONI contro Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO Il giudice,

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 16 settembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 16 settembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 16 settembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Marchi Direttiva 2008/95/CE Articolo 3, paragrafo 3 Nozione di carattere distintivo acquisito a seguito dell uso Marchio

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli