CAPITOLO I LA DISCIPLINA GIURIDICA DELLA PUBBLICITA COMMERCIALE: UN EXCURSUS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO I LA DISCIPLINA GIURIDICA DELLA PUBBLICITA COMMERCIALE: UN EXCURSUS"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN COMUNICAZIONE DI IMPRESA E PUBBLICA TESI DI LAUREA IN DIRITTO COMPARATO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE Quando le imprese mentono: la repressione della pubblicità ingannevole tra autodisciplina e ordinamento statuale Relatore Ch. mo Prof. Virgilio D ANTONIO Candidata Manuela Branco Matr Correlatrice Dott.ssa Chiara DI MARTINO ANNO ACCADEMICO

2 Alla mia famiglia, custode del mio passato, sostegno del mio presente, guida del mio futuro. 2

3 INDICE Introduzione..7 CAPITOLO I LA DISCIPLINA GIURIDICA DELLA PUBBLICITA COMMERCIALE: UN EXCURSUS 1. Definizioni e profili di analisi della pubblicità Pubblicità, concorrenza e tutela dei consumatori: la storia di un difficile equilibrio Il percorso italiano 17 CAPITOLO II LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA INGANNEVOLE IN ITALIA 1. Il D. Lgs. n.74 del 25 gennaio Finalità Definizioni Elementi di valutazione Trasparenza della pubblicità Pubblicità di prodotti pericolosi per la salute e la sicurezza dei consumatori Bambini e adolescenti Il Codice del Consumo I decreti legislativi attuativi della direttiva 29/2005/CE I soggetti protetti Le fattispecie di pratiche commerciali scorrette: pratiche ingannevoli e pratiche aggressive Le black list L Autodisciplina pubblicitaria 54 3

4 4.1. Il Codice di Autodisciplina Pubblicitaria Gli organi dell Autodisciplina: composizione del Comitato di Controllo e del Giurì di Autodisciplina e loro funzioni I rapporti tra Autodisciplina e ordinamento statuale: l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato...70 CAPITOLO III GIURI E A.G.C.M. A CONFRONTO: STUDIO DI ALCUNE DECISIONI DEL PERIODO Il settore delle telecomunicazioni: l obbligo di chiarezza, correttezza e non ambiguità delle informazioni sull offerta Gli interventi del Giurì Comitato di Controllo vs Wind Telecomunicazioni per Infostrada Absolute Adsl (2007) Telecom vs Fastweb per "Telefono, Internet o Tv a 9.90 euro al mese sino al 2009" (2008, non violazione) Interventi dell A.G.C.M Numero verde Gruppo Banca CR Firenze (2006) Noi Wind Roaming (2007) Alice 20 mega con modem in noleggio (2007, non violazione) Il settore agroalimentare: l obbligo di correttezza delle informazioni su caratteristiche, composizione e provenienza degli alimenti Interventi del Giurì Unilever Italia vs Kraft Foods Italia per maionese senza colesterolo (2008) 94 4

5 Latte crescita Mellin (2006, non violazione) Ovito Gruppo Novelli (2008) Interventi dell A.G.C.M Patasnella 70% di grassi in meno (2006) Salmone affumicato KV Nordic (2006) Omogeneizzati Plasmon (2007) Prodotti potenzialmente pericolosi per la salute e la sicurezza dei consumatori: trattamenti dimagranti, bevande alcoliche Interventi del Giurì Beauty Center Cellu-Shock (2008) In Linea + Light (2008, ingiunzione del Comitato di Controllo) Cynar Martini (2007, non violazione) Interventi dell A.G.C.M (2007) Antismoking System (2006) Pub Los Panineros (2007) Due esempi di intervento dell A.G.C.M. in materia di bambini e adolescenti : le patatine Wacko s (2006) e le Suonerie scaricabili al (2007) 125 5

6 Conclusioni Bibliografia e webgrafia

7 INTRODUZIONE Il 25 gennaio del 1992 il Parlamento approvò il decreto legislativo n. 74, meglio noto come decreto sulla pubblicità ingannevole, in recepimento della direttiva comunitaria n. 450 del 1984, che individuava le fattispecie di ingannevolezza della pubblicità commerciale, nell intento di indurre i paesi membri ad adottare una normativa nazionale a tutela dei consumatori contro le piccole o grandi truffe perpetrate dagli operatori commerciali attraverso i messaggi pubblicitari. Lo stesso decreto legislativo ha attribuito il compito di vigilare sul rispetto della normativa e di applicare le relative sanzioni all AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), la stessa autorità a cui spetta il controllo sull osservanza della Legge Antitrust n.287 del 1990 a tutela di consumatori e imprese per garantire il corretto svolgimento del gioco concorrenziale. Nei 16 anni trascorsi dall introduzione nell ordinamento italiano della suddetta normativa, si sono verificati molti cambiamenti che stanno caratterizzando il panorama mass-mediatico e pubblicitario italiano. Lo sviluppo della tecnologia ha, infatti, favorito l espansione di mezzi di comunicazione vecchi e nuovi: in primis, la rete Internet e le sue diverse declinazioni ( , chat, newsletter, forum), poi la telefonia mobile (ed insieme ad essa sms, mms e videochiamate) e, da ultimo, l incremento di 7

8 canali televisivi per effetto della diffusione tra il pubblico della parabola satellitare e del cosiddetto «digitale terrestre». Per anni la pubblicità è stata legata esclusivamente ai media tradizionali. La comunicazione d'impresa, tuttavia, è sempre stata alla ricerca di nuovi mezzi attraverso i quali diffondere i propri messaggi fra il pubblico dei potenziali consumatori, ed ha trovato, in questi ultimi anni, il favore di nuovi media che a loro volta l hanno utilizzata come strumento legittimo di sostentamento. L'avvento di tali cambiamenti è stato, quindi, salutato con entusiasmo dagli operatori del settore. Per gli inserzionisti pubblicitari risulta, insomma, sempre più facile comunicare. Tale progresso, tuttavia, sebbene abbia favorito la crescita della comunicazione di massa, di contro ha anche accresciuto le probabilità di un uso illecito e dannoso della pubblicità. Le disposizioni entrate in vigore con il D. Lgs. n. 74/1992, integrate da norme in tema di pubblicità comparativa illecita, attuative della direttiva 97/55/CE, sono state in seguito trasposte negli articoli da 18 a 27 del D.lgs. n. 206/2005 (c. d. Codice del consumo). La disciplina così introdotta mirava espressamente a tutelare tutti gli interessi potenzialmente coinvolti dalla comunicazione commerciale ingannevole, ossia quelli dei consumatori, vittime dirette dell inganno, quelli dei concorrenti, svantaggiati a favore delle imprese che ricorrono all inganno o alla comparazione illecita e, più in generale, quelli del pubblico alla correttezza della comunicazione commerciale. Con i decreti legislativi nn. 145 e 146 del 2 agosto 2007, in vigore dal 21 8

9 settembre 2007, infine, il Governo ha recepito le Direttive comunitarie 2006/114/CE e 2005/29/CE. La prima modifica la vigente normativa sulla pubblicità ingannevole e comparativa illecita nei rapporti tra imprese; la seconda introduce la nuova disciplina delle pratiche commerciali sleali (ivi incluse le comunicazioni ingannevoli), per disciplinare i rapporti tra le imprese e i consumatori. Anche in questo caso, entrambe le discipline sono applicate dall AGCM, dotata allo scopo, oltre che del potere di attivarsi d ufficio, di penetranti poteri investigativi e sanzionatori. Il presente lavoro di tesi propone, dopo il primo capitolo dedicato ad un breve excursus sulla disciplina in tema di pubblicità commerciale, un ampia riflessione sull evoluzione della normativa della pubblicità ingannevole, con particolare riguardo alla modifica determinata dai D.lgs. nn. 145 e 146/2007, con i quali il legislatore, integrando ed innovando la disciplina complessiva, ha dimostrato maggiore attenzione per la tutela del consumatore, oltre che per la tutela del mercato e dei meccanismi concorrenziali. Per evidenziare l importanza della predetta evoluzione normativa nei suoi aspetti pratici ed applicativi, nel terzo capitolo si analizzano le funzioni di controllo ed i poteri sanzionatori dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, e li si mette a confronto con quelli del Giurì di Autodisciplina, esaminandone alcune recenti sentenze in settori di intervento analoghi, confrontandole al fine di far emergere affinità e divergenze tra i criteri decisionali dei due sistemi, ed evidenziandone il ruolo di strumenti operativi 9

10 da cui dipende la realizzazione di una efficace tutela del consumatore contro la pubblicità ingannevole. 10

11 CAPITOLO I LA DISCIPLINA GIURIDICA DELLA PUBBLICITA COMMERCIALE: UN EXCURSUS 1. Definizioni e profili di analisi della pubblicità In Italia la prima definizione normativa di pubblicità è contenuta nell art.2, comma 1 del D.Lgs. 25/01/1992 n. 74, che la definisce come qualsiasi forma di messaggio che sia diffuso, in qualsiasi modo, nell esercizio di un attività commerciale, industriale, artigianale o professionale, allo scopo di promuovere la vendita di beni mobili o immobili, la costituzione o il trasferimento di diritti ed obblighi su di essi, oppure la prestazione di opere o servizi. Questo decreto legislativo rappresenta l attuazione nel nostro ordinamento dell art.2 comma 1 della direttiva 84/450/CEE in materia di pubblicità ingannevole, che a sua volta definisce pubblicità qualsiasi forma di messaggio che sia diffuso nell esercizio di un attività commerciale, industriale, artigianale o professionale, allo scopo di promuovere la fornitura di beni o servizi, compresi i beni immobili, i diritti e gli obblighi. Prima ancora, era stata la legge ordinaria, ed in particolare la L.06/08/1990 N 223 sulla disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato (la cosiddetta legge Mammì) a fornire un articolata disciplina della pubblicità, anche se limitatamente al settore televisivo e radiofonico, definendo per la prima volta alcuni principi essenziali sul tema. Ancora più ampio risulta essere il significato dato al termine dal Codice dell Autodisciplina Pubblicitaria (CAP) adottato dall Istituto dell Autodisciplina Pubblicitaria (IAP), ente privato che raccoglie 11

12 numerose associazioni, organizzazioni ed enti del settore e che ha affidato ad un apposito Giurì il controllo della pubblicità diffusa dai propri associati. Nel CAP la pubblicità è definita come ogni forma di comunicazione, anche istituzionale, diretta a promuovere la vendita di beni o servizi, quali che siano le modalità utilizzate. 1 Quest ultima definizione fa rientrare nella pubblicità commerciale anche quella istituzionale, che, pur non avendo come obiettivo diretto quello della vendita di beni o servizi, persegue in realtà lo stesso scopo, ovvero l accreditamento dell immagine dell azienda agli occhi dei consumatori, promuovendo condizioni generali favorevoli all accettazione diffusa dei suoi beni o servizi. L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), autorità indipendente con competenze anche in materia di pubblicità ingannevole, fornisce una sua definizione di pubblicità considerando tale quella forma di comunicazione a pagamento, diffusa su iniziativa di operatori economici (attraverso mezzi come la televisione, la radio, i giornali, le affissioni, la posta, Internet), che tende in modo intenzionale e sistematico a influenzare gli atteggiamenti e le scelte degli individui in relazione al consumo di beni e all utilizzo di servizi.. 2 La comunicazione pubblicitaria attualmente costituisce lo strumento di realizzazione di una serie di molteplici rapporti, se si considera che essa rappresenta, per le imprese, lo strumento più importante di valorizzazione di 1 Definizione tratta dal sito web dell IAP, 2 Definizione tratta dal sito web dell AGCM, 12

13 prodotti e servizi, e che, per quanto concerne le imprese di comunicazione, (radio, TV e giornali), le risorse pubblicitarie costituiscono la principale fonte di finanziamento. 3 La pubblicità può essere osservata sotto tre specifici profili: quello contrattuale, nel quale essa assume rilievo in quanto qualifica un offerta diretta al pubblico, o il contenuto delle obbligazioni assunte dal venditore/fornitore nei confronti del consumatore; quello concorrenziale, dal momento che la promozione della propria immagine e dei propri prodotti/servizi svolge un ruolo fondamentale nelle relazioni tra imprese appartenenti allo stesso segmento di mercato; e infine un terzo profilo, aggiunto più di recente, che è quello della tutela dei consumatori e la conseguente disciplina a protezione di interessi collettivi e individuali. A questi fattori se ne aggiunge un quarto: la pubblicità ha un forte potere di persuasione che non può essere lasciato incontrollato, e che costituisce la principale motivazione di molti interventi di disciplina. 4 3 S. SICA V. D ANTONIO, Commento degli artt , in P. STANZIONE, G. SCIANCALEPORE (a cura di), Commentario al Codice del Consumo, IPSOA 2006, p.100 ss. 4 V. ZENO ZENCOVICH, Prospettive di disciplina delle risorse e dei messaggi pubblicitari, in Diritto dell Informazione e dell Informatica,1996, 7ss. 13

14 2. Pubblicità, concorrenza e tutela dei consumatori: la storia di un difficile equilibrio In Italia, tali iniziative legislative presero spunto da una vecchia querelle che per alcuni decenni divise dottrina e giurisprudenza sul tema degli effetti prodotti dalla diffusione di messaggi pubblicitari sugli equilibri concorrenziali del mercato. Per vari decenni, la maggior parte degli ordinamenti giuridici degli Stati economicamente più evoluti è stata del tutto sprovvista di una disciplina normativa organica, che comprendesse una adeguata regolamentazione delle molteplici fattispecie di rilievo giuridico connesse con il fenomeno pubblicitario. I primi interventi normativi posti in essere nei vari Paesi, peraltro, prendevano in considerazione, tra le diverse problematiche giuridiche connesse al fenomeno pubblicità, esclusivamente quelle attinenti alla leale concorrenza tra imprese, e agli episodi di sviamento di clientela derivanti dalla diffusione di messaggi pubblicitari dal contenuto ingannevole; nessuna attenzione veniva, invece, riservata alla possibilità che tali messaggi potessero causare danni concreti ai consumatori. 5 La Magistratura ordinaria riteneva censurabili esclusivamente i messaggi pubblicitari strutturati in maniera tale da arrecare pregiudizio alla reputazione personale o commerciale di un concorrente; al di là di questo, tutto (comprese 5 Cfr. D. MARRAMA, La pubblicità ingannevole Il giudice amministrativo e la natura giuridica delle decisioni delle authorities, Editoriale Scientifica, Napoli 2003, p

15 lodi eccessive e affermazioni false), veniva considerato lecito, sulla base del cosiddetto dolus bonus, ovvero il costume dei produttori e dei commercianti di esaltare esageratamente le merci e i servizi. Tale principio determinava l indulgenza dei giudici nei confronti dei comportamenti suddetti, demandando integralmente il rischio connesso all inganno pubblicitario sulle spalle dei consumatori. 6 Si dovette attendere la fine degli anni Sessanta per alcune sporadiche pronunce che portarono i primi colpi al monolite del dolus bonus, censurando quei messaggi pubblicitari che, in virtù di affermazioni false in essi contenute, risultavano anche solo potenzialmente idonei a determinare ingiustificati trasferimenti di preferenze. Infatti, a seguito dello sviluppo delle tecniche e dei media pubblicitari, con la loro smisurata capacità di penetrazione e di suggestione, si é reso opportuno restringere i confini della tollerabilità di affermazioni che in mercati meno evoluti si traducono in un inganno del pubblico. Fu proprio a partire da quegli anni che la comunicazione promozionale poté approfittare in maniera considerevole dei nuovi ritrovati dell industria tecnologica; l ingresso della televisione in un numero sempre maggiore di abitazioni conferì, infatti, alla réclame, quella familiarità che è stata uno tra i principali fattori che hanno innescato la miccia del boom economico. Con il passare degli anni, il rapporto tra pubblicità e mezzi di comunicazione di 6 D. MARRAMA, Op. Cit., p.21 ss. 15

16 massa è andato intensificandosi in maniera esponenziale; si è passati da una situazione di partenza nell ambito della quale i media si limitavano ad ospitare al loro interno annunci pubblicitari estemporanei ed isolati, all attuale situazione caratterizzata da un controllo diffuso ed un influenza pressante del sistema pubblicitario sulle scelte di programmazione e di palinsesto. Il consolidarsi di sistemi economici strutturati sulla mass production e sulla mass distribution, e l ormai imprescindibile considerazione delle rilevanti ripercussioni concrete che potevano indubbiamente prodursi sui singoli individui in seguito alla diffusione capillare di messaggi pubblicitari, imposero alla dottrina giuridica degli Stati economicamente più sviluppati un ampliamento di orizzonti. Fino ad allora, come si è detto, i giuristi che si erano cimentati con le problematiche connesse alla comunicazione promozionale si erano limitati ad analizzare esclusivamente gli aspetti concorrenziali del fenomeno pubblicitario; da quel momento in poi, invece, ai giuristi fu praticamente imposto lo studio di tematiche nuove, quali la tutela dei consumatori (i cosiddetti contraenti deboli) e gli aspetti giuridici della comunicazione promozionale. Successivamente, intorno alla metà degli anni Settanta, i ricercatori di diversi Paesi compresero che un adeguata tutela degli interessi dei consumatori poteva essere garantita esclusivamente da forme di controllo e di verifica delle modalità attraverso le quali le singole imprese promuovevano sul 16

17 mercato i loro prodotti. Da quel momento in poi, nei diversi Paesi europei, la dottrina di settore ha seguito un percorso evolutivo pressoché uniforme. 3. Il percorso italiano In Italia, in assenza di una normativa specifica sulla materia, gli operatori pubblicitari, hanno costituito lo IAP ( Istituto Autodisciplina Pubblicitaria ), ente privato a base associativa, che ha affidato a un Giurì appositamente costituito il controllo della pubblicità diffusa dai suoi associati. L'Istituto ha elaborato un Codice di Autodisciplina Pubblicitaria, pubblicato per la prima volta nel 1966 e da allora costantemente aggiornato. Tale codice prevede, tra l'altro, la repressione della pubblicità ingannevole ed il controllo della correttezza della pubblicità comparativa. Il Codice vincola solo gli associati, che a loro volta, si impegnano ad obbligare contrattualmente al suo rispetto i soggetti, eventualmente non associati, con i quali concludono contratti pubblicitari. Le norme di legge esistenti ed il Codice di Autodisciplina non erano però sufficienti a tutelare il diritto del consumatore a ricevere una informazione pubblicitaria veritiera e affidabile. È stata la Comunità Europea a dare un forte impulso allo sviluppo della materia, adottando nel 1984 la direttiva 84/450/CEE, che stabiliva i principi generali in materia di pubblicità ingannevole ai quali le legislazioni degli stati membri dovevano uniformarsi. Dopo un lunghissimo dibattito, la prima direttiva è stata modificata, con l'emanazione, nel 1997, della direttiva 97/55/CE, che 17

18 tratta, appunto, della pubblicità comparativa. L'Italia ha dato attuazione alla Direttiva Comunitaria 84/450/CEE adottando il decreto legislativo n. 74 del 25 gennaio 1992 in materia di pubblicità ingannevole; in seguito, ha recepito le prescrizioni comunitarie in materia di pubblicità comparativa attraverso una modifica dello stesso decreto legislativo. Tale modifica è stata apportata dal decreto legislativo n. 67 del 25 febbraio L'organo incaricato dell'applicazione di entrambe le discipline così in vigore è l'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, cioè la medesima autorità amministrativa che applica la legge antitrust ( legge 10 ottobre 1990, n. 287 ). In sede comunitaria, tuttavia, il cammino dell evoluzione delle discipline a tutela del consumatore non si era arrestato, e si era posto in agenda l apprestamento di strumenti di protezione massima dei consumatori nei confronti di tutte le pratiche sleali. È da qui che scaturisce la Direttiva 2005/29/CE, che, oltre ad introdurre, appunto, una nuova disciplina delle pratiche commerciali sleali (che includono le comunicazioni ingannevoli) tra imprese e consumatori, modifica la precedente disciplina della pubblicità ingannevole e comparativa illecita (la modifica è stata poi codificata con la Direttiva 2006/114/CE), in modo da riservarla all esclusiva tutela delle imprese. Nel recepire i cambiamenti, il legislatore italiano ha inserito le norme in materia di pratiche commerciali sleali (che ha preferito denominare scorrette ) nel Codice del consumo (D. Lgs. 206/2005), per poi riportarle al di fuori di esso con il D. Lgs. 146/2007, assieme alla disciplina della pubblicità 18

19 ingannevole e comparativa illecita, per la quale si deve fare autonomo riferimento al D.Lgs. n. 145/

20 CAPITOLO II LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA INGANNEVOLE IN ITALIA 1. Il D. Lgs. n.74 del 25 gennaio 1992 Con il d.lgs. n. 74/92, il legislatore italiano ha dato attuazione alla direttiva CEE del 10 settembre 1984, n. 450, dedicata alla repressione della pubblicità ingannevole. Comincia così a delinearsi un nuovo sistema di regolazione dei contenuti della pubblicità. Il decreto indica come pubblicità ingannevole ogni messaggio che, in qualunque modo, possa essere tale da «indurre in errore le persone fisiche e giuridiche alle quali è rivolta o che essa raggiunge e che, a causa del suo carattere ingannevole, possa pregiudicare il loro comportamento economico ovvero che, per questo motivo, leda o possa ledere un concorrente». L idoneità dannosa della condotta si esplica, dunque, sia nella direzione dei consumatori, che rischiano di subire lesioni dall affidamento riposto nel messaggio decettivo (lesioni tipicamente economiche, ma che potrebbero colpire altresì la stessa integrità fisica del consumatore: si pensi ad esempio al messaggio ingannevole relativo a specialità medicinali, cosmetiche o comunque destinate ad uso corporeo), sia in quella dei concorrenti, che rischiano di subire sviamenti di clientela illegittimi, perché conseguenza di giudizi formulati sulla base dei falsi dati ad essi forniti dal concorrente. 7 7 G. ROSSI, La pubblicità dannosa Concorrenza sleale, diritto a non essere ingannati, diritti della personalità, Quaderni di Giurisprudenza Commerciale, Giuffrè, Milano, 2000, p.6. 20

21 Questo decreto legislativo consente, così, alle imprese concorrenti, alle associazioni di consumatori e ai singoli consumatori, oltre che alle Pubbliche Amministrazioni, di denunciare comportamenti pubblicitari ritenuti illeciti e sottoporre così la denuncia all Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Finalità Il 1 comma dell articolo 1 riproduce sostanzialmente l art. 1 della direttiva CEE, il quale dichiara di voler tutelare il consumatore e le persone che esercitano un attività commerciale, industriale, artigianale o professionale, nonché gli interessi del pubblico in generale dalla pubblicità ingannevole e dalle sua conseguenze sleali. Una tale disciplina contro la pubblicità ingannevole può essere posta a tutela di una molteplicità di interessi e presenta, pertanto, una collocazione teorica articolata. Scopo della normativa è, dunque, quello di assicurare una generalizzata tutela della collettività contro la pubblicità ingannevole. 8 Mentre la norma comunitaria, tuttavia, menziona in primo luogo il consumatore, e solo al secondo posto le persone che esercitano un attività commerciale, industriale o artigianale, ( il che ha condotto alcuni a concludere per la centralità dell interesse del consumatore nell ottica adottata dal legislatore 8 P. MARCHETTI - C. UBERTAZZI (a cura di), Commentario breve al diritto della concorrenza antitrust, concorrenza sleale, pubblicità, marchi, brevetti, diritto d autore,cedam, Padova, 2004, p ss. 21

22 comunitario 9 ), l ordine adottato dalla norma nazionale è esattamente inverso. Tale inversione non ravvisa, peraltro, la volontà di ridurre la repressione della pubblicità ingannevole in un ottica di tipo concorrenziale, assegnando importanza solo secondaria alla tutela degli interessi del consumatore e del pubblico in generale. Appare, invece, più plausibile una equiparazione, da parte del legislatore nazionale, dell interesse del consumatore e di quello dei soggetti che svolgono un attività economica, 10 protetti il primo contro la pubblicità ingannevole, i secondi contro le sue conseguenze sleali. L ampiezza di tale formulazione sembra dunque, estendere la tutela contro la pubblicità ingannevole a tutti coloro che svolgono un attività di produzione o di scambio di beni o servizi. La stessa nozione di consumatore è da intendersi in senso estremamente ampio, comprendendo non solo chi abbia effettivamente acquistato il prodotto o servizio pubblicizzato, ma anche chi si proponga di farlo e, più in generale, tutti coloro cui il messaggio pubblicitario sia indirizzato o che possano essere raggiunti da esso. 11 Conseguentemente, godono della medesima legittimazione e tutela sia i consumatori che sono rimasti concretamente ingannati dalla pubblicità, sia tutte le persone fisiche o giuridiche che, pur non avendo subito alcun danno, rappresentano i destinatari cui la pubblicità è rivolta o che essa raggiunge. E 9 V. MELI, La repressione della pubblicità ingannevole: commento al D. Lgs. 25 gennaio 1992, n.74, Torino 1994, p.8 ss. 10 M. FUSI P.TESTA P. COTTAFAVI, La pubblicità ingannevole: commento al D.Lg. 25 gennaio 1992, n.74, Giuffrè, Milano 1993, p.77 ss. 11 M. FUSI P.TESTA P. COTTAFAVI, Op. cit., p

23 stato osservato che la genericità di tale formulazione rende difficile, se non impossibile, l individuazione di una vera e propria categoria di consumatori a cui dovrebbero far capo gli interessi tutelati dal decreto, finendo per far coincidere il consumatore con qualunque membro della collettività. 12 Tale profilo di tutela dei destinatari della comunicazione pubblicitaria contro le scelte economicamente pregiudizievoli cui essi possano essere indotti da false rappresentazioni della realtà, non rappresenta che una conquista di quel movimento di consumerism che, sviluppatosi da più di mezzo secolo negli Stati Uniti, ha attraversato l oceano, finendo con l interessare anche Paesi come il nostro, che per ragioni sociali ed economiche, si erano mostrati, fino a questo momento, restii a recepire nel proprio ordinamento strumenti di consumer protection 13. Il 2 comma dell art.1 indica i tre requisiti fondamentali del messaggio pubblicitario: trasparenza, veridicità e correttezza. Che la pubblicità debba essere palese, ovvero immediatamente riconoscibile, viene approfondito e meglio precisato nell art. 4. Con il principio della veridicità, il legislatore ha voluto richiamare l esigenza che la comunicazione pubblicitaria sia sincera, cioè che, non per questo rinunciando alle tecniche di persuasione, si rivolga ai suoi destinatari nel rispetto di un criterio di ragionevolezza e che fornisca dati sufficienti ed esatti su di un prodotto concreto, ben determinato e definito 12 A. M. DELFINO, La pubblicità ingannevole (D.Lg n.74), in G. VETTORI (a cura di), Materiali e commenti sul nuovo diritto dei consumatori, CEDAM, Padova, 1999, p.477 ss. 13 V. MELI, Op. Cit. p.7. 23

24 nelle sue caratteristiche. Infine, la pubblicità deve essere corretta, ossia non deve contenere elementi che possano in qualsiasi modo screditare o ledere l immagine dei concorrenti. Con questo decreto pertanto, l ordinamento italiano assume tra i suoi principi, l accettazione di quei pregiudizi, anche gravi, che possono derivare ad un imprenditore dal successo del suo concorrente conquistato per effetto di una pratica commerciale sleale Definizioni L art. 2 è suddiviso in 4 commi, dedicati rispettivamente alle definizioni di pubblicità, pubblicità ingannevole, pubblicità comparativa e operatore pubblicitario. La definizione della nozione di pubblicità commerciale è la prima contenuta in un testo legislativo italiano. 14 Essa è molto ampia, in quanto non pone alcun limite né alla forma del messaggio né al suo mezzo di diffusione, essendo essenzialmente concentrata sul profilo teleologico della pubblicità, ovvero sulla promozione di un attività economica, prescindendo dalla qualifica di imprenditore e dalla natura pubblica o privata del soggetto nel cui interesse la comunicazione è diffusa. Infatti viene riconosciuta natura pubblicitaria anche a quei messaggi che promuovono attività professionali esercitate in forma non imprenditoriale, o prestazioni di servizi erogate dalla 14 Per la definizione di pubblicità contenuta nell art. 2 a si rimanda al paragrafo

25 Pubblica Amministrazione o da altre organizzazioni collettive. 15 Non rientra, invece, nella nozione di pubblicità accolta del D. Lgs. n. 74/1992, la comunicazione non proveniente da un operatore economico che sia volta a promuovere un iniziativa senza fine di lucro 16, ovvero la cosiddetta pubblicità sociale, quella diretta a promuovere comportamenti di carattere sociale (ad esempio le campagne Pubblicità Progresso, Telefono Azzurro, quelle contro la droga, per la prevenzione dell AIDS, gli annunci diffusi da organizzazioni no profit volte a sensibilizzare il pubblico sull importanza della diagnosi precoce dei tumori), oppure ad informare sui diritti e doveri dei cittadini (campagne promosse dalle pubbliche amministrazioni per la compilazione della dichiarazione dei redditi, per l istruzione sulle modalità di esercizio del voto ecc.). Non rientrano in tale nozione di pubblicità neppure le comunicazioni a contenuto politico, ideologico o religioso. Non è invece necessario che il messaggio persegua direttamente uno scopo promozionale, essendo sufficiente che questo sia perseguito anche solo in maniera indiretta, come accade nel caso della pubblicità istituzionale, finalizzata all affermazione dell immagine dell impresa. Il messaggio pubblicitario comprende svariate forme: l advertising classico (cioè la pubblicità diffusa attraverso stampa, televisione, radio, affissioni), ma anche la pubblicità cosiddetta below the line (pubblicità sul punto 15 A. M. DELFINO, Op. Cit., p M. FUSI P.TESTA P. COTTAFAVI, Op. Cit., p. 91 ss, V. MELI, Op. Cit., p. 28 ss. 25

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

La second life di una pronuncia

La second life di una pronuncia spaz erti la Newsletter dell Istituto dell Autodisciplina Pubblicitaria Numero 10 Maggio 2011 Il rapporto tra l Autodisciplina e l Autorità giudiziaria La second life di una pronuncia L intrecciarsi tra

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla Delibera n. 696/09/CONS PROVVEDIMENTO RELATIVO A MISURE DI ARMONIZZAZIONE CON I PRINCIPI DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL ROAMING INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA ORDINARIA

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI Visto l art. 4, comma 2, Cost. che così recita: Ogni cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015

Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015 Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015 1. SOCIETÀ PROMOTRICE 2. PERIODO 3. PRODOTTO IN PROMOZIONE BARILLA G. e R. Fratelli Società per Azioni, con Socio Unico Via

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA Carte deontologiche - La Carta di Treviso La Carta di Treviso La Carta di Treviso è il documento che impegna i giornalisti italiani a norme di comportamenti deontologicamente corrette nei confronti dei

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli