Riflessioni intorno a : Identità, genere, differenza, femminile, materno.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riflessioni intorno a : Identità, genere, differenza, femminile, materno."

Transcript

1 Riflessioni intorno a : Identità, genere, differenza, femminile, materno.

2 Solo oggi iniziamo ad accorgerci di quanto sia normale per noi vedere la vita con sguardi maschili, scopriamo come teorie, in passato considerate sessualmente neutrali, per la loro stessa presunta oggettività scientifica, riflettano invece un pregiudizio.

3 La tendenza della psicologia evolutiva a proporre come realtà un immagine maschile risale a S.Freud. Freud costruì la sua teoria dello sviluppo psicosessuale attorno alle esperienze del maschio culminanti, attraverso le fasi orale, anale, fallica, nella fase genitale attraverso il superamento del complesso edipico.

4 Il complesso di Edipo Nella sua forma positiva, come nella storia di Edipo re: desiderio della morte del rivale (che si risolve nell identificazione con lui)e desiderio sessuale per il personaggio (la madre-giocasta) di sesso opposto. Tra i 3 e 5 anni. Latenza. Reviviscenza nella pubertà, superato con minore o maggiore successo in un tipo particolare di scelta oggettuale.

5 Jung parla di complesso di Elettra come sinonimo del complesso di Edipo femminile, per mostrare l esistenza di una simmetria, mutatis mutandis, dell atteggiamento nei confronti dei genitori,(la bambina ama e desidera il padre ed è gelosa della madre).

6 Freud, uomo nato a metà dell Ottocento, figlio della sua epoca, riceve un educazione tipica della società patriarcale in cui i ruoli sessuali risultavano rigidamente distinti e la supremazia del maschio costituiva quasi un assioma indiscutibile.

7 Egli enuncia i suoi concetti chiave, la sessualità e il complesso di Edipo, a partire dal maschio, mentre teorizza l isteria a partire dalla donna. Inizialmente ipotizza che alla base di alcuni disturbi vi siano dei traumi sessuali precoci, posizione che abbandona quando, a seguito della morte del padre inizia un autoanalisi che disvelerà il carattere ubiquitario delle fantasie sessuali infantili, sganciate da reali accadimenti.

8 Con la nascita della psicoanalisi, la sessualità, non più fatto puramente biologico, viene elevata a processo psichico dalla indiscussa natura inconscia. Nella concezione freudiana sullo sviluppo sessuale infantile che si condensa nei Tre saggi sulla teoria sessuale (1905), tutto ruota intorno alla centralità del pene maschile.

9 Come se averlo rappresentasse la completezza e il non possederlo rappresentasse la mancanza. Per F. la bambina, che verso i 4 anni scopre di non avere il pene, comincia a nutrire intensi sentimenti di invidia nei confronti del maschio, a sentirsi inferiore a lui.

10 Persino la maternità e il desiderio di avere un figlio verrà letta come un surrogato del pene mai ottenuto!

11 In realtà F. rimase fino all ultimo incerto sulla questione della femminilità, vero e proprio enigma, ( continente nero ), affermando di non riuscire a comprendere del tutto la psicologia delle donne.??????

12 L enfasi posta sul femminile e la femminilità non intende promuovere una sorta di glorificazione narcisistica della donna ma può e vuole aprire ad un pensiero fertile che può scaturire solo dal dialogo tra la diversità, prima fra tutte quella tra il maschile e il femminile.

13 Dobbiamo provare a sentire, a pensare al femminile per rivolgerci al maschile, per parlare non come gli uomini ma con gli uomini, per avere una dialettica reale con loro. (Luce Irigaray, 1975)

14 La psicoanalisi tradizionalmente intesa pertanto dice e cela, riconosce e nega, offre e toglie al tempo stesso possibilità al femminile di pensarsi come differente. Non si può comunque negare il lavoro di approfondimento via via avvenuto al di là della soglia rocciosa dell Edipo, né il progressivo approfondimento, ancora molto da esplorare, della relazione madre-figlia.

15 La teoria di Freud, come abbiamo visto centrata sul complesso edipico, dà rilievo alla funzione simbolica del padre escludendo l importanza dell identificazione primaria con la madre. L esclusivo riconoscimento dell autorità paterna struttura la cultura patriarcale che esclude i valori della reciprocità, della interdipendenza, della connessione, che sono legati al rapporto con la madre.*

16 Un modello epistemologico che tiene conto della differenza mette a fuoco lo sviluppo di un identità specifica per l uomo e per la donna, elaborando un modello di sviluppo peculiare per i due sessi e sviluppando un approfondimento dell identità di genere.

17 Alcune studiose (E.Gianini Belotti, S.De Beauvoir) hanno approfondito, a partire dalla differenza tra femmina e maschio, alcuni aspetti dello sviluppo femminile, evidenziando esclusivamente gli effetti negativi di determinati condizionamenti e pratiche educative.

18 Più di recente l ottica è stata ampliata in termini di valorizzazione di qualità significative derivanti dal rapporto della donna con la propria madre. In sostanza le differenze non vengono negate o considerate solo frutto di un educazione limitante.. C.Gilligan

19 A differenza di ciò che accade nel maschio, che, pur avendo avuto come primo oggetto d amore una donna, si deve staccare da lei per identificarsi con il sesso di appartenenza, la bambina ha, oltre ad un rapporto d amore, un rapporto di identificazione con la madre. La mancanza nello sviluppo femminile della censura che oppone dialetticamente sé all altro/a, è considerata da alcune studiose come determinante nell improntare l identità della bambina alla connessione con il mondo piuttosto che alla separazione e all antagonismo. *

20 Il complicato intreccio degli aspetti psicosociali del ruolo femminile è tessuto nel formarsi delle prime relazioni affettive che avranno a loro volta una profonda influenza sullo sviluppo psicosociale della donna e dell uomo. La costruzione dell identità femminile si diparte dalla relazione con la madre in quanto madre e figlia condividono identità di genere, ruolo e aspettative sociali.

21 Lo sviluppo psicologico delle donne risulta radicato nella relazione madre-figlia. Fra tutti i fattori che concorrono allo strutturarsi dell identità di genere, prevalgono, sugli altri pur presenti (biologici..) i fattori relazionali e di identificazione ed i conseguenti messaggi consci ed inconsci che indirizzano il bambino e la bambina verso lo stereotipo della mascolinità e della femminilità così come inteso dalla coppia parentale in una determinata cultura.

22 Un evoluzione positiva, intesa come sviluppo di una femminilità in cui sono presenti amore di Sè, possibilità di autonomia, valorizzazione, avviene laddove la femminilità della bambina viene validata consensualmente da entrambi i genitori e da un contesto ambientale (educativo in senso lato) in cui la femminilità non viene disprezzata, svalorizzata, svilita.

23 Inoltre laddove sia presente l identificazione con una madre che ha investito positivamente il suo stesso corpo, la sessualità e la femminilità.

24 In presenza di condizioni favorevoli, la svolta descritta da Freud verso la passività ed il masochismo, dovuta all accettata catastrofe delle tendenze fallico-attive, non ha ragione di realizzarsi.

25 Le tendenze attive non specificatamente sessuali (attività verso l esterno, desiderio di autonomia ed autoaffermazione) sono integrabili nella sintesi dell Io. In una femminilità adulta e matura, alla prima e fondamentale identificazione col materno e la sua funzione, si assommano identificazioni con modelli extrafamiliari tra cui quelli femminili assumono notevole importanza, specie in adolescenza.

26 Ciò non vuol dire che non esistono aspetti di difficoltà e fragilità interne ed esterne nel corso dello sviluppo. Ad es. per quanto riguarda la donna attuale (ci riferiamo alla donna adulta nella società italiana) le ricerche sociologiche indicano che nelle aspirazioni e nella realtà la donna si indirizza verso una doppia presenza nel campo del pubblico e del privato. *

27 Approccio intersoggettivo Importanza e natura di quei legami, di quelle interazioni che facilitano il processo di crescita, di riconoscimento, l autenticità e l arricchimento di tutti coloro che vi partecipano. Se facciamo nostro l assunto che lo sviluppo relazionale del bambino e della bambina è inevitabilmente influenzato dallo sviluppo relazionale dei genitori, dalla loro volontà a cambiare, a crescere, apprendere con il/la bambino/a, ne segue che lo sviluppo della figlia può essere inibito dall impoverimento del contesto relazionale della madre.

28 La sfida dello sviluppo è crescere creando dei legami più profondi ed elaborati, caratterizzati dalla reciprocità. Importanza dell intersoggettività e dei processi relazionali interattivi che racchiudono la crescita per tutti i partecipanti. Janet Surrey ha studiato la crescita della reciprocità nei legami madre-figlia.

29 Il legame madre-figlia è secondo la studiosa, un modello del rapporto che, idealmente, tende a svilupparsi verso l autenticità e la reciprocità, sin dalle primissime fasi dello sviluppo. La loro assenza è fonte di problemi. Può essere un modello della relazione educativa in un ottica di genere??

30 I processi sono quelli dell impegno reciproco, in una relazione asimmetrica come lo è quella madre-figlia, dell empatia reciproca e dell arricchimento reciproco. La preghiera della figlia alla madre a cui chiede autenticità, è poeticamente formulata da Luce Irigaray: Quello che volevo da te, Madre, era che nel darmi la vita anche tu rimanessi viva.

31 Attraverso un legame è possibile fare accadere qualcosa di nuovo..

32 Esiste una specificità dei rapporti madre-figlia che non sono riducibili ai rapporti madre-prole in generale.. Nelle teorie psicoanalitiche la dimensione dell identità tende a coincidere con la problematica della sessualità.

33 Tale spostamento, se pur innovatore all epoca dell invenzione della psicoanalisi, è indissociabile dalla distorsione androcentrica.**

34 IDENTIFICAZIONE VS DIFFERENZIAZIONE La differenziazione, ovvero dis-identificazione permette alla figlia di costruirsi non più COME L ALTRA MA IN QUANTO SE M.Mahler parla di superamento della simbiosi per raggiungere una fase di separazioneindividuazione.

35 La statunitense Jessica Benjamin parla di bisogno di riconoscimento reciproco, la necessità di essere riconosciuta dall altra. Processo che precede la fase edipica nello sviluppo individuale. E la dimensione della costruzione identitaria e del riconoscimento, dimensioni costitutive del processo di differenziazione a partire dall identificazione.

36 Il sentimento di sé è indissociabile dal lavoro di differenziazione. Winnicott parla dei rischi di una relazione madre bambino/a, fusionale, insufficientemente differenziata con la madre, a maggior ragione per una bambina.

37 MADRE-FIGLIA : Una relazione a tre Importanza del Terzo Da non far risalire alla figura arcaica del padre autoritario e superiore Non confondere una funzione con le sue incarnazioni circostanziali Qualsiasi forma possa assumere questa funzione terza, (per attivare la logica dell alterità, negoziare i rischi del simile e del diverso da sé) permane la sua necessità.

38 Identità, differenziazione, posto del terzo, evitamento delle situazioni problematiche generate da madri estreme ( troppo madri o troppo donne, se è vero che non esistono buone madri se non nell immaginario di una società fondata su una famiglia idealizzata) Esistono delle relazioni madre-figlia che permettono di superare le difficoltà specifiche di entrambe.

39 Quali dovrebbero essere i requisiti per una relazione soddisfacente madre-figlia? Requisito importante potrebbe essere la capacità di evitare le posizioni o le relazioni estreme, la giusta misura nella mobilità, flessibilità, che permette alla madre di adattarsi all ineluttabile evoluzione della figlia durante le età della vita, spostandosi sull asse che va dal polo della maternità a quello della femminilità.

40 La mobilità della madre non presuppone che la madre sia al servizio della figlia, ma che la loro relazione non sia stabilita una volta per tutte: è a questa condizione che la madre può evitare di mettere la figlia al centro o alla periferia della sua vita e considerarla invece come uno degli elementi di questa vita, accettando i conflitti, che sono positivi se permettono di far evolvere la relazione, di pensarla, di dirla, anziché di subirla o idealizzarla.

41 Più madri che donne Film Bellissima Luchino Visconti 1951 Film La pianista Michael Haneke, 2001 Più donne che madri Film Sinfonia d autunno, Ingmar Bergman,1978.

42 A proposito delle figlie La donna che immagino è liberata da padre e madre, senzatetto per così dire, orfana e straniera, libera di vivere sul proprio desiderio e sulla propria responsabilità. La crescita è di per sé una perdita costante, prima della madre biologica, poi di quella che educa. La libertà deve venire dal suo ritrarsi spontaneo e dalla dolce rinuncia della figlia alla dipendenza da lei. Lo dico a mia madre perché pensi alla sua e a mia figlia, perché si dimentichi di me. Non c è risentimento, né odio, né riparazione, né gratitudine. Basta lasciar andare, mollare la presa, respirare con i propri polmoni. C è spazio per entrambe. C è spazio per tutte le donne, ognuna con il suo sapere, la sua esperienza, i suoi doni. Così si ridistribuiscono le responsabilità e nasce l autorevolezza, uscendo da un mondo di grandi e di piccoli, semplicemente vivendo ognuno la propria Vita. Elena Liotta- A modo mio

43 SOGNO LIBERO

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

Confronto su alcune domande:

Confronto su alcune domande: Confronto su alcune domande: Possono esistere più madri? Possono esistere più padri? Nella nostra società è veramente cambiato il compito dei genitori? Fabrizia Alliora 8 Novembre 2013 Cosa significa essere

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale Le caratteristiche dell adolescenza Problematiche tipiche del contesto attuale Le mete da raggiungere L obiettivo è la maturità: Fisica (corpo e capacità di generare) Mentale (generalizzazione e astrazione)

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE:

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: Convegno SIMPe SS La sfida del terzo millennio La Medicina delle Persone Sane LA SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: un progetto di intervento Prof. Roberta Giommi Direttore Istituto Internazionale di sessuologia

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro

Dettagli

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA Psicologa Acone Silvana L ADOLESCENTE: CHI SONO? Il compito dell adolescente è quello di "individuarsi" rispetto alla propria famiglia. Emanciparsi

Dettagli

SIMBOLISMO DEL DISEGNO INFANTILE

SIMBOLISMO DEL DISEGNO INFANTILE SIMBOLISMO DEL DISEGNO INFANTILE a cura di 1 SIGNIFICATO Il bambino è riflesso nel suo disegno. Il disegno infantile è la manifestazione del bisogno naturale di esteriorizzare, per mezzo delle immagini

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale. carlo.lepri@unige.it

Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale. carlo.lepri@unige.it Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale carlo.lepri@unige.it Un dato di partenza: Le persone con disabilità intellettiva sono state, e spesso continuano ad essere mantenute

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Prof. Michela De Luca Corso di Cyberpsicologia- Lumsa Dott.Massimiliano Marzocca Psicologo Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it www.massimilianomarzocca.it

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Dalla DIPENDENZA All AUTONOMIA. Dall AUTOSUFFICIENZA All INTERDIPENDENZA USCIRE DALL INFANZIA

Dalla DIPENDENZA All AUTONOMIA. Dall AUTOSUFFICIENZA All INTERDIPENDENZA USCIRE DALL INFANZIA Il coraggio di educare: avere un progetto per i propri figli Paolo Ragusa Fano, 29 aprile 2015 Il nostro progetto come adulti (genitori e operatori) è aiutare bambini e ragazzi ad USCIRE DALL INFANZIA

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

Il corpo nei Dca. Tratto dal contributo Corpo, sé, identità di Anna Maria Gibin e Pietro Domiano

Il corpo nei Dca. Tratto dal contributo Corpo, sé, identità di Anna Maria Gibin e Pietro Domiano Tratto dal contributo Corpo, sé, identità di Anna Maria Gibin e Pietro Domiano dal libro I gruppi nei disturbi alimentari (a cura di Anna Maria Gibin) Mentalizzare il corpo vuol dire costruire un'immagine

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

Essere Adolescenti e figli di genitori separati

Essere Adolescenti e figli di genitori separati Adolescenti e processi d aiuto Firenze 13-14 Gennaio 2011 Essere Adolescenti e figli di genitori separati Giancarlo Francini psicoterapeuta - Istituto di Terapia Familiare di Firenze Associazione Co.Me.Te

Dettagli

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità Scuola secondaria di primo grado: "A. BROFFERIO" C.M. ATMM003004 C.so XXV Aprile, 2 ASTI Tel. e Fax 0141 21 26 66 Con sez. associata Martiri della Libertà Via G. Invrea, 4 - ASTI - Tel. e Fax 0141 21 12

Dettagli

PADRE. UNA POSSIBILE TRACCIA Marzio Ravasio

PADRE. UNA POSSIBILE TRACCIA Marzio Ravasio PADRE. UNA POSSIBILE TRACCIA Marzio Ravasio Psicologo e docente di discipline psico-pedagogiche al Liceo Betty Ambiveri, di Presezzo (Bergamo) 1. Rilevanza del termine padre Il termine acquista rilevanza

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Generi e Mutamenti. 17 gennaio 2015 Villa Pallavicini, Bologna. Isabella Crespi (Università di Macerata)

Generi e Mutamenti. 17 gennaio 2015 Villa Pallavicini, Bologna. Isabella Crespi (Università di Macerata) 17 gennaio 2015 Villa Pallavicini, Bologna Generi e Mutamenti Isabella Crespi (Università di Macerata) Elisabetta Ruspini (Università di Milano-Bicocca) I parte 1. Genere e trasformazioni sociali (Isabella

Dettagli

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CENTRO FEDERATO INER VERONA CENTRO FEDERATO INER VERONA Via Seminario, 8 37129 Verona Referente: Giancarla Stevanella Segreteria :da Lunedì a Venerdì dalle 9,30 alle 14,00 Tel. 045 9276227 - fax 045 9276226 e mail: iner.verona@fecunditas.it

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENZO GASPARINI" NOVI DI MODENA

ISTITUTO COMPRENSIVO RENZO GASPARINI NOVI DI MODENA ISTITUTO COMPRENSIVO RENZO GASPARINI" NOVI DI MODENA E UNIONE DELLE TERRE D ARGINE I FATTORI DI PROTEZIONE SAPER VALORIZZARE E CREDERE NEI PROPRI FIGLI AUMENTARE LA FIDUCIA NEI FIGLI FAVORIRE LO DI RESILIENZA

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA)

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) 30 OTTOBRE 2011 Gruppo Famiglie Adottive Roseto degli Abruzzi (TE) Affiliato LE RADICI E LE ALI COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) CICLO VITALE DELLA COPPIA

Dettagli

DAL «CELEBRARE» ALL «ESSERE» SACRAMENTO DELLE NOZZE

DAL «CELEBRARE» ALL «ESSERE» SACRAMENTO DELLE NOZZE DAL «CELEBRARE» ALL «ESSERE» SACRAMENTO DELLE NOZZE DISCERNIMENTO: QUALI CRITERI PER VALUTARE UNA RECIPROCA IDONEITA VERSO IL TUTTO E IL PER SEMPRE fr. Marco Vianelli ofm Giudice presso il Tribunale ecclesiastico

Dettagli

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY Gillian Rhodes School of Psychology, University of Western Austriala, Crawley, Perth, WA 6009, Austriala, email: gill@psy.uwa.edu.au CHE COSA RENDE UNA FACCIA

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy www.gestaltherapy.it Istituto di Gestalt Therapy Hcc Kairòs Scuola Post Universitaria di Specializzazione in Psicoterapia della Gestalt Riconosciuta dal MIUR DDMM 9.5.1994, 7.12.2001, 24.10.2008 RAGUSA

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

LE RADICI DELLA VIOLENZA

LE RADICI DELLA VIOLENZA LE RADICI DELLA VIOLENZA prof. Giuseppe Maiolo Libera Università di Bolzano CENTRO IL GERMOGLIO Via Dante, 12 - Bolzano www.germogliobz.com www.giuseppemaiolo.it La natura umana - e non soltanto l uomo,

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Esplora l indice del libro di Antonello Vanni

Esplora l indice del libro di Antonello Vanni Esplora l indice del libro di Antonello Vanni Padri presenti figli felici: Come essere padri migliori per crescere figli sereni (San Paolo Edizioni, 2011) Capitolo 1 Alla ricerca dei padri I figli ci chiamano

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Rubbettino Università, Soveria Mannelli 2009 Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Diversi sono tuttavia

Dettagli

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA!

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! FABRIZIO FANTONI psicologo psicoterapeuta LICEO CASIRAGHI - 8 NOVEMBRE 2014 MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! Le invarianti Gli adolescenti hanno sempre gli stessi compiti di sviluppo: pensare un

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Differenze di genere e Assertività

Differenze di genere e Assertività Differenze di genere e Assertività 24 gennaio 2015, Portogruaro Maura Di Mauro Differenze di Genere e Assertività 2 Differenze di Genere e Assertività 3 Genere, o sesso? Differenze sessuali = differenze

Dettagli

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI Educare per l autonomia 20 maggio 2013 Elena Giudice l assistente sociale deve parlare con i bambini? Non si tratta di fare un buon lavoro, ma di fare un lavoro

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Edvard Munch - Adolescenza (1894)

Edvard Munch - Adolescenza (1894) SESSUALITÀ IN ADOLESCENZA L adolescenza è una fase di transizione che ha inizio con una metamorfosi unica e irripetibile: quella del corpo (è la fase così detta della pubertà). Da sempre la pubertà segna

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

EDUCAZIONE AFFETTIVA

EDUCAZIONE AFFETTIVA PER LE SCUOLE MATERNE PROPOSTA PEL 'ANNO SCOLASTICO 2015-2016 EDUCAZIONE AFFETTIVA a cura della dott.ssa Giulia Disegna psicologa clinica EMOZIONI, CICOGNE, CAVOLI ED ALTRI ORTAGGI Come educare all affettività

Dettagli

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne Lo sviluppo del sé MODULO 14 1. Individualità e identità di genere 2. Lo sviluppo del sé 3. Continuità e discontinuità Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA La proposta educativa La proposta Psicomotoria educativa rivolta a bambini dai 2 ai 6 anni, tende ad una armonica formazione della personalità vista come

Dettagli

Le funzioni educative del consultorio familiare

Le funzioni educative del consultorio familiare Le funzioni educative del consultorio familiare Consultori familiari Legge quadro n. 405/1975: ai consultori è affidata la funzione di aiutare la famiglia ad affrontare nel modo migliore i propri stadi

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

MASCHI CONTRO FEMMINE

MASCHI CONTRO FEMMINE MASCHI CONTRO FEMMINE OBIETTIVO Analizzare le immagini stereotipate legate all appartenenza di genere, riflettere sulle motivazioni dei diversi comportamenti di uomini e donne e sulla propria identità

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

L adozione di un bambino già grande e l arrivo dell adolescenza Marco Chistolini Adolescenza adottiva L adozione è una condizione esistenziale che ha tratti comuni e profonde differenze. Questo assunto

Dettagli

EVENTO CRITICO Formazione della coppia. Matrimonio COMPITI DI SVILUPPO

EVENTO CRITICO Formazione della coppia. Matrimonio COMPITI DI SVILUPPO Formazione della coppia Matrimonio Compiti di sviluppo coniugale Costruire una nuova identità di coppia Negoziare sui vari aspetti della vita quotidiana Attuare un rapporto di reciprocità nel rispetto

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

IL PIANETA DELLE DONNE

IL PIANETA DELLE DONNE IL PIANETA DELLE DONNE 1. SECONDO TE PERCHE TUTTE LE DONNE DEL PIANETA DECIDONO DI ADDORMENTARSI? 2. SECONDO TE PERCHE GLI UOMINI SI COMPORTAVANO IRRISPETTOSAMENTE NEI CONFRONTI DELLE DONNE? 3. SECONDO

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo Messina, 18 marzo 2010 Linguaggio criminale e sentire mafioso PROBLEMI SOCIALI E PROBLEMI PSICOLOGICI Gioacchino Lavanco Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo SOMMARIO: INTRODUZIONE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

una freddezza emotiva che non giova sicuramente al rapporto.

una freddezza emotiva che non giova sicuramente al rapporto. Ipotesi del lavoro Il presente scritto non vuole trattare l'argomento dell'amore in maniera esaustiva, ma porre l accento su un solo punto essenziale: ovvero il riconoscimento dei propri meccanismi di

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli