LA PUBBLICITÁ COMMERCIALE DENIGRATORIA TRA INTERVENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PUBBLICITÁ COMMERCIALE DENIGRATORIA TRA INTERVENTO"

Transcript

1 LA PUBBLICITÁ COMMERCIALE DENIGRATORIA TRA INTERVENTO PENALE E TECNICHE CIVILISTICHE ED AMMINISTRATIVISTICHE DI TUTELA Sommario: 1. Premessa. 2 Esigenze e strumenti d intervento penale ed extrapenale in materia di pubblicità commerciale denigratoria. 3. In particolare: la verità dell addebito sfavorevole nella denigrazione commerciale e nel delitto di diffamazione. 4. L exceptio veritatis ex art. 596 c.p. e il diritto di cronaca quali strumenti di attribuzione di rilevanza in sede penale all interesse generale alla conoscenza delle informazioni veritiere sui prodotti ed i produttori. 5. Limiti di operatività della causa di giustificazione dell esercizio del diritto di critica in materia di pubblicità commerciale diffamatoria - 6. Considerazioni conclusive. 1. PREMESSA I temi connessi al celere sviluppo economico, tecnologico e scientifico, alla globalizzazione della società e alla necessità di tutela di vecchi e nuovi beni giuridici dalle nuove aggressioni connaturate alla società post-industriale del rischio 1, hanno impresso un radicale mutamento di prospettiva alle riflessioni della scienza penale, che, constatata l inefficacia degli strumenti repressivi offerti dal buon vecchio diritto penale liberale 2 costruito sul paradigma della tutela di beni individuali da aggressioni dannose di limpida riconducibilità eziologica 3 è stata chiamata all elaborazione di nuove tecniche di tutela 4 idonee alla protezione in via preventiva 5, anche attraverso apparati normativi alternativi a quello penale, quali il diritto civile ed il diritto amministrativo 6, di quei beni di dimensione superindividuale 1 Sono i temi della modernità magistralmente sviluppati da Stella, Giustizia e modernità, la protezsione dell innocente e la tutela delle vittime, II ed., Milano, 2002, pp. 3 ss.; Paliero, L autunno del patriarca, Rinnovamento o trasmutazione del diritto penale dei codici? Ridpp, 1994, pp ss.; G. Zagrebelsky, Il diritto mite, Torino, 1992, pp. 137 ss.; Silva Sànchez, La expansión del Derecho penal. Aspectos de la Política criminal en las sociedades postindustriales, Madrid, 1999, trad. it. L espansione del diritto penale. Aspetti di politica criminale nelle società postindustriali, a cura di V. Militello, Milano, 2004, pp. 3 ss.; Delmas-Marty, Le flou du droit. Du code pénal aux droits de l homme, Paris, 1986, trad. it. Dal codice penale ai diritti del uomo, a cura di F.C. Palazzo, Milano, 1992, pp. 26 ss.; Hassemer, Kennzeichen und Krisen des modernen Strafrechts, ZRP, 1992, pp. 378 ss.; Prittwitz, Strafrecht und Risiko. Untersuchungen zur Krise von Strafrecht und Kriminalpolitik in der Risikogesellschaft, Frankfurt, 1993, passim; Cocco, L uso della punibilità nella modernizzaziono del diritto penale, Cagliari, 2001, passim.; Stortoni, Angoscia tecnologica ed esorcismo penale, Ridpp, 2004, pp. 71 ss. Su temi specifici della società del rischio, Stella, Fallacie e anarchia metodologica in tema di causalità. La sentenza Orlando, la sentenza Loi, la sentenza Ubbiali (Cass. Sez. IV pen.), Ridpp, 2004, pp. 3 ss.; Stella, La costruzione giuridica della scienza: sicurezza e salute negli ambienti di lavoro, Ridpp, 2003, pp. 55 ss; Summerer, Le nuove frontiere della tutela penale della vita prenatale, Ridpp, 2003, pp.1245 ss.; Forti, Tutela ambientale e legalità: prospettive giuridiche e socio-culturali, Ridpp, 2003, pp ss.; Veneziani P., Regole cautelari proprie ed improprie nella prospettiva delle fattispecie colpose causalmente orientate, Padova, 2003, pp. 91 ss.; pp. 141 ss.; pp. 187 ss.; Merry, McCall Smith, Errors, medicine and law, Cambridge, 2001, trad. it. L errore, la medicina e la legge, a cura di P. Girolami, Milano, 2004, passim; Blaiotta, La causalità nella responsabilità professionale, Milano, 2004; Stella, Criminalità d impresa: nuovi modelli d intervento, Ridpp, 1999, pp ss:, Stella, Scienza e norma nella pratica dell igiene industriale, Ridpp, 1999, pp. 382 ss.; Cocco, L atto amministrativo invalido elemento delle fattispecie penali, Cagliari, 1996, pp. 357 ss.; Kuhlen, Umweltstrafrecht auf der Suche nach einer neuen Dogmatik, ZStW, 105 (1993), 697, ss.; Kuhlen, Der Handlungserfolg der strafbaren Gewässerverunreinigung (324 StGB), GA, 1986, pp. 389 ss.; Piergallini, Attività produttive e imputazione per colpa: prove tecniche di diritto penale del rischio, Ridpp, 1997, pp ss.; Curi, Nesso di causalità e infortuni sul lavoro; criteri e limiti d individuazione, CP, 1992, pp ss. Rilevanti aspetti dell impatto dello sviluppo tecnologico e scientifico sul diritto penale sono stati affrontati nel Convegno scientifico internazionale di diritto penale tenutosi a Cagliari dal 22 al 24 ottobre 2004 sul tema: L interpretazione della legge penale, il principio di legalità e il precedente giurisprudenziale (alla prova delle nuove tecnologie e di internet), e in particolare nelle relazioni di Marinucci, Innovazioni tecnologiche e scoperte scientifiche: costi e tempi di adeguamento alle regole di diligenza; Mazzacuva, L interpretazione della legge penale e i nuovi reati connessi ad internet; Cocco, Le garanzie dello stato di diritto e le attività di contrasto alla pedopornografia in rete; Pecorella, Dieci anni di giurisprudenza sui reati informatici, inedite. 2 In particolare Paliero, p. 1225; S. Sànchez, pp. 101 ss. 3 Paliero, p. 1227; Stella, Giustizia e modernità, pp. 185 ss.; Silva Sànchez, pp. 84 ss.; Cocco, L uso della punibilità, pp. 10 ss. 4 Paliero, p Paliero, p. 1228; v. anche Calisti, Il sospetto di reati, Profili costituzionali e prospettive attuali, Milano, 2003, pp. 2 ss. 6 Stella, Giustizia e modernità, pp. 385 ss.; pp. 487 ss.; Silva Sànchez, pp. 83 ss., in particolare, per la costruzione di un Diritto penale a due velocità, pp. 109 ss.; Delmas-Marty, pp. 198 ss. 1

2 quali l ambiente, la salute, la sicurezza dei luoghi di lavoro, la qualità e sicurezza dei cibi e dei prodotti, la verità e trasparenza delle informazioni sul mercato, la tutela dell investimento e del risparmio, la cui effettiva lesione può comportare esiti su vasta scala (si pensi agli effetti indelebili dell inquinamento radioattivo ma anche alla vanificazione dei risparmi di intere collettività da parte di spregiudicati operatori economici) da un lato irreparabili attraverso la sanzione, che interviene a cose fatte; dall altro non sempre ricollegabili, per la estrema complessità dei meccanismi causali e del loro accertamento giudiziale 7, ad una responsabilità penale sul modello classico 8. Pur non essendo maturata fino alla ricodificazione delle regole generali del sistema sanzionatorio 9, l elaborazione penalistica italiana ha trasformato la legislazione penale complementare 10, soprattutto in materia economica, ambientale ed urbanistica, nel campo di sperimentazione di numerosi, più o meno riusciti e stabili esperimenti di tecnica normativa, rendendola il privilegiato veicolo non solo di uno svecchiamento del sistema ma anche della recezione dei nuovi valori penali della postmodernità 11. Pur additato dalle più diverse correnti della scienza economica, sia che difendano il laissez-faire, sia che sostengano l intervento del governo a correzione delle disfunzioni del mercato 12 quale imprescindibile ideale 13 etico e razionale alla base di qualsiasi forma di mercato, il tema della libera e leale concorrenza tra imprenditori, e in particolare della lealtà e veridicità delle informazioni diffuse sul mercato, è rimasto sostanzialmente tagliato fuori dal dibattito sui temi della modernità cui in realtà si pensi agli esiti devastanti potenzialmente collettivi di una singola denigrazione commerciale portata contro una grande impresa 14 concettualmente appartiene, e non ha trovato una nicchia evolutiva nelle pur elastiche maglie del lupanare penalistico 15 della legislazione complementare. L intervento penale in materia di pubblicità denigratoria, in particolare, si presenta ancora al giurista di oggi pressochè esclusivamente incarnato nel vecchio arnese del delitto di diffamazione previsto dall art. 595 c.p., ossia, in definitiva, nelle stesse forme, e nello stesso abito disciplinare, cucito nel contesto di un Italia ad economia ancora prevalentemente agropastorale che fece da sfondo all elaborazione del codice penale del Un autentico cespuglio di rovi dal quale sembra impossibile districarsi, nell espressione di Stella, Fallacie e anarchia, p Stella, Giustizia e modernità, pp. 185 ss.; Cocco, L uso della punibilità, pp. 15 ss. Con particolare riferimento ai Kumulationsdelikte, Kuhlen, Umweltstrafrecht, pp. 715 s.. 9 Paliero, pp. 1221, 1223 ss. 10 Paliero, pp ss. 11 Palazzo, Paliero, Prefazione al Commentario breve alle leggi penali complementari, Padova, 2003, IX. 12 Hausman, McPherson, Taking Ethics Seriously: Economics and Contemporary Moral Philosophy, Journal of Economic Literature, 31, 1993, trad. It. Economia, razionalità ed etica, Milano, 1994, pp. 29 ss. 13 Hausman, McPherson, p Il ben maggiore livello di pericolosità per la vita economica collettiva della denigrazione commerciale di una grande impresa rispetto alla apparentemente più destabilizzante della pace e sicurezza sociale rapina a mano armata dei suoi uffici è ben rappresentata nell efficace esemplificazione introduttiva di Delmanto, Delitos de concurrencia desleal, Buenos Aires, 1976, pp. 3 ss: Se produce un asalto contra cierta gran empresa industrial, y el ladrón, armado de revólver, roba cinquenta mil cruzeiros. Suenan las sirenas, los coches policiales corren, y el hecho es noticia en los periódicos y radios. Preso el autor del robo, aunque no haya causado la menor herida a persona alguna tan sólo esa pérdida de dinero a la empresa sufrirá una pena de reclusión que oscilará entre un minimo de cuatro años y un máximo de diez. Sin embargo, es probable que, al día siguiente, esa misma empresa llegue a ser víctima de otro tipo de delito que le causará un perjuitio significativamente más importante. Nos referimos al hecho de que una competidora divulgue que los automóviles que ella fabrica tienen defectos graves de construcción o que serían retirados de las líneas de montaje con motivo del lanzamiento de un modelo más moderno. Si se trata de una fábrica de alimentos y no de vehículos, el competidor deshonesto hará correr el falso rumor de que un niño murió después de haber ingerido el chocolate que ella produce. La empresa sufrirá, en estos casos, un perjuicio centenares de veces superior al del robo; suas automóviles quedarán abandonadas en las playas o depósitos durante meses, sin compradores, aunque ella intente desmentir la noticia; los padres no adquirirán los chocolates y se los prohibirán a sus hijos por mucho tiempo. Mientras tanto, la competidora que propaló el falso rumor conseguirá el lucro correspondiente. muchas veces mayor que el del asalto dado que el público consumidor, dejando de solicitar automóviles o los dulces de aquella empresa, adquirirá, en buena parte, los productos del rival dehonesto..no puede argumentarse que en la hipótesis del primer delito, aunque sin víctimas, se origina un alarma o repercusión social. Ésta puede darse también en el segundo caso, y de forma real, ya que no hay seguro que cubra los daños, y la paralización de la producción por falta de ventas puede motivar el despido de centenares de operarios. 15 Palazzo, Paliero, IX. 16 Una ricostruzione storico -giuridica dell evoluzione industriale nel percorso dal Codice di commercio al Codice civile è offerta da Sidoti, Le società dall Unità d Italia al Codice civile del 1942, in Riv. Scuola Superiore Economia e Finanze, n. 10, ottobre Per un quadro di sintesi del complessivo apparato penale chiamato in gioco dalle diverse ipotesi di concorrenza sleale 2

3 Il presente lavoro si prefigge, focalizzate le attuali esigenze e strumenti d intervento penale ed extrapenale in materia di pubblicità commerciale denigratoria, di approfondire la preminente funzione di tutela ancor oggi ricoperta sia per l ampiezza della sua area di applicabilità, sia per la perdurante carenza di più specifici strumenti di tutela giudiziale dal delitto di diffamazione, con particolare riferimento alla centrale problematica degli effetti giuridici della verità dell addebito denigratorio attribuito all impresa e ai prodotti del concorrente, che costituisce il più rilevante campo di prova dei rapporti tra la disciplina penalistica ex artt. 595, 596 c.p. e la disciplina extrapenale, ancora incarnata dall illecito civile previsto dal n. 2 dell art. 2598, comma 1, c.c. 2. ESIGENZE E STRUMENTI D INTERVENTO PENALE ED EXTRAPENALE IN MATERIA DI PUBBLICITÀ COMMERCIALE DENIGRATORIA La delineata assenza di un evoluzione degli strumenti d intervento penale sulla pubblicità denigratoria non può in sè denunciarsi come un vuoto di tutela, senza verificare se questa possa ritenersi adeguatamente perseguita attraverso strumenti sanzionatori civilistici o modelli di controllo amministrativistico sul settore d attività in esame: alla stregua dei princìpi cardine del nostro sistema penale, e in special modo del principio di frammentarietà 17, un problema della repressione penale della concorrenza sleale non ha in sé ragion d essere: deve, all opposto, affermarsi la piena legittimità de iure condito, e la serena prospettabilità, di per sé, de iure condendo, di un sistema penale che non contempli affatto al suo interno né un apparato repressivo organico della concorrenza sleale ed in particolare, per quel che qui rileva, della concorrenza denigratoria né norme penali poste a tutela di singole ipotesi d illecito concorrenziale, affidando così la regolazione della materia esclusivamente a strumenti civilistici ed amministrativistici: come osservato, in merito allo specifico problema, da autorevole dottrina, è da escludere che esista un principio di illiceità penale di tutti gli atti di concorrenza sleale, ben potendo sussistere comportamenti civilmente illeciti e penalmente indifferenti 18. Né impone il ricorso allo strumento della tutela penale il rilievo costituzionale dei beni giuridici in gioco. È pur vero che la libertà dell iniziativa economica che si pone non solo nei confronti della potestà pubblica, ma anche delle attività dei concorrenti 19 e la sua compatibilità con l utilità sociale concetto comprensivo della libertà di scelta dei consumatori 20 vengono additati come principi cardine dei rapporti economici dall art , commi 1 e 2, Cost., così indicando al legislatore la necessità di apprestarvi tutela 22. Tale esigenza di tutela di valori, pur di così pregnante rilevanza costituzionale, non coincide affatto, tuttavia, col necessario utilizzo a tal fine dello strumento penale, potendo anche ammettersi la sufficienza o financo la maggior efficacia protettiva degli strumenti sanzionatori e ex art c.c. si rinvia a Manca, Spunti per la ricostruzione dei rapporti tra tutela penale e tutela civile in materia di concorrenza sleale: il delitto di diffamazione e la denigrazione dell imprenditore concorrente ex art. 2598, n. 2, c.c., in AA. VV. Studi economico-giuridici, vol. LX , in memoria di Franco Ledda, tomo II, Torino, 2004, pp. 635 ss. 17 In particolare si rinvia, sul punto, a Fiandaca, Musco, Diritto penale, Parte generale, Bologna, 1995, pp. 31 ss. 18 Di Amato Diritto penale dell impresa, Milano, 1999, p In particolare Alessandri, Parte generale, in Pedrazzi, Alessandri, Foffani, Seminara, Spagnolo, Manuale di diritto penale dell impresa, Bologna, 1998, p Ferrara, Garzia, Consumatore (protezione del), in Digesto ipertestuale, diretto da Monateri, Torino, Si rinvia in materia a Baldassarre, Iniziativa economica privata, ED, XXI, Milano, 1971; Galgano, Commentario della costituzione, Bologna-Roma, 1982; Luciani, Economia nel diritto costituzionale, DDPubbl., V, Torino, 1990, Martinez, Diritto costituzionale, Milano, 1992; Amato, Barbera, Manuale di diritto pubblico, Bologna, 1994; Bognetti, La costituzione economica italiana, Milano, 1995; Cassese, La nuova costituzione economica, Bari, 1995; Giannini, Diritto pubblico dell economia, Bologna, 1997; Saraceno, Pubblicità commerciale, in Digesto ipertestuale, diretto da Monateri, Torino, 2003; Di Amato, p La pubblicità commerciale si pone, invece, al di fuori dell'area di protezione della garanzia costituzionale della libertà di manifestazione del pensiero di cui all'art. 21 Cost., in quanto, pur estrinsecandosi attraverso elementi informativi, è ontologicamente comunque caratterizzata dallo scopo ultimo (non di trasmettere il pensiero) bensì di promuovere comportamenti e scelte di modelli imitativi sul piano dell'attività quotidiana, sottolinea Cass. civ., sez. I, , n.12993, soc. Reti Televisive It. c. soc. Emi Songs Edizioni Musicali, DInd, 2000, 191; già in tal senso Corte cost., 17 ottobre 1985, n.231, soc. Teleopus c. soc. Uni, FI, 1985, I, 2829, nota Pardolesi. Si rinvia ampiamente in dottrina, tra gli altri, a AA.VV., La comunicazione del futuro e i diritti delle persone, a cura di L. Carlassare, Padova, 2000, passim; Pace, Comunicazioni di massa (diritto), Enc. scienze soc., II, Roma, 1992, pp. 172 s.; Lipari, Libertà di informare o diritto di essere informati, Dir. radiodiff. telecom., 1978, pp. 5 ss.; Floridia, Comparazione ed informazione, RDI, 1985, I, pp. 32 ss. 3

4 inibitori offerti da altre branche dell ordinamento: è appena il caso rammentare, in proposito, la fondamentale affermazione dell inconfigurabilità riconosciuta dalla più autorevole dottrina 23 di obblighi costituzionali impliciti di incriminazione. L esigenza di una riscoperta dell intervento penale in materia nasce, tuttavia, proprio dalla constatazione dei limiti e carenze della settoriale evoluzione normativa dell intervento extrapenale, sviluppatosi attraverso l approntamento di strumenti da un lato estranei all applicazione giudiziaria e dall altro inidonei a soppiantarla del tutto; e dalla percezione dell assenza, nelle sedi di applicazione giudiziaria del diritto ancora relegate esclusivamente all utilizzo degli strumenti d intervento offerti dal codice Rocco e dall impianto originale del codice civile di una visione organica e consapevole dei rapporti tra sfera d intervento penale e discipline civilistiche ed amministrativistiche della materia. Quanto, in particolare, all intervento extrapenale, è nel codice civile che la materia della denigrazione commerciale ancora trova il principale nucleo di disciplina: il primo comma, n. 2, dell art c.c., appresta infatti tutela alla funzione promozionale 24 dell attività d impresa, ossia quella serie di atti di comunicazione mediante i quali le imprese fanno conoscere e propagandano se stesse e i loro prodotti e servizi, onde affermarsi e progredire sul mercato 25, tipizzando come atti di concorrenza sleale denigratoria le condotte di chi diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull attività di un concorrente, idonei a determinarne il discredito, e di chi, all opposto, si appropria di pregi dei prodotti o dell impresa di un concorrente. In un ottica di adeguamento in chiave costituzionale degli obbiettivi di tutela, agli strumenti civilistici sono stati più recentemente affiancati, limitatamente però alle sole materie della pubblicità ingannevole 26 e della pubblicità comparativa illecita 27, e fatta salva la giurisdizione del giudice ordinario in materia di atti di concorrenza sleale, a norma dell art c.c. 28, quelli d intervento amministrativistico, incentrati sui provvedimenti inibitori delle condotte illecite e di rimozione dei loro effetti attribuiti dall art. 7 D.lgs. 25 gennaio 1992 n. 74 (attuativo della direttiva CEE 84/450), successivamente integrato dal D.lgs. 25 febbraio 2000 n. 67 (che ha recepito la direttiva CE 97/55, a sua volta integrativa della precedente) alla competenza dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato 29. L introduzione di uno strumento pubblicistico 30 di tutela della lealtà dei messaggi pubblicitari e d inibizione delle condotte illecite 31, la cui attivazione non è come accade invece nella disciplina civilistica ex art c.c. demandata alla discrezionalità e al privato interesse degli imprenditori 23 Pulitanò, Bene giuridico e giustizia costituzionale, in AA.VV., Bene giuridico e riforma della parte speciale, a cura di Stile, Napoli, 1985, pp. 151 ss.; Pulitanò, Obblighi costituzionali di tutela penale?, Ridpp. 1983, pp. 484 ss.; Palazzo, Valori costituzionali e diritto penale, in AA.VV., L influenza dei valori costituzionali sui sistemi giuridici contemporanei, 1985, I, p. 592; Marinucci, Dolcini, Corso di diritto penale, I, Milano, 2001, pp. 506 ss.; Mazzacuva, Modello costituzionale di reato. Le definizioni del reato e la struttura dell illecito penale, in AA. VV., Introduzione al sistema penale, a cura di Insolera, Mazzacuva, Pavarini, Zanotti, Torino, 1997, pp. 87 ss. 24 Ghidini, Della concorrenza sleale, in Il Codice Civile Commentato, a cura di Schlesinger, Milano, 1991, pp. 108 ss., pp. 193 ss.; Vanzetti, Di Cataldo, Manuale di diritto industriale, Milano, 2003, pp. 63 ss.; Di Amato, p Ghidini, 193 ss. 26 Vanzetti, Di Cataldo, pp. 88, ss. 27 Vanzetti, Di Cataldo, pp. 69 ss. 28 Così specifica (Vanzetti, Di Cataldo, 71, 89) il comma 13 dell art. 7 del D.lgs. 25 gennaio 1992 n. 74 (attuativo della direttiva CEE 84/450, così come modificata dalla direttiva CE 97/55), che, nell attribuire all Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato originariamente istituita, con la L. 10 ottobre 1990 n. 287, in funzione d intervento sulle intese restrittive (art. 2), sull abuso di posizione dominante (art. 3), e sulle operazioni di concentrazione (artt. 5, 6) funzioni d intervento inibitorio e ripristinatorio in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, fa salva, oltre l ordinaria giurisdizione civile in materia di concorrenza sleale, anche quella in materia di atti compiuti in violazione della disciplina sul diritto d autore protetto dalla L. 22 aprile 1941 n. 633, e successive modificazioni, e del marchio d impresa protetto a norma del R.D. 21 giugno 1942 n. 929, e successive modificazioni, nonché delle denominazioni d origine riconosciute e protette in Italia e di altri segni distintivi di imprese, beni e servizi concorrenti. 29 Si veda Vanzetti, Di Cataldo, pp. 69 ss. L istituzione dell Autorità Garante, precisa Tomassi, L uso e l abuso della parola e dell immagine, Padova, 1998, pp. 190 ss., interviene per la constatata insufficienzadella tutela offerta non solo dall apparato giuridico preesistente, ma anche dal Codice di autodisciplina pubblicitaria, codice etico di matrice contrattuale varato nel 1966 e vincolante solo per gli associati all Istituto dell Autodisciplina pubblicitaria, ente privato, che affidò ad un Giurì, appositamente costituito, il controllo della pubblicità diffusa dai suoi associati. 30 Peraltro assistito da sanzione penale: v. infra. 31 Vanzetti, Di Cataldo, p

5 concorrenti 32, ma può essere richiesta, ex art. 7, comma 2, D.lgs. 25 gennaio 1992 n. 74, anche dai consumatori, le loro associazioni ed organizzazioni, il Ministro dell industria, del commercio e dell artigianato, nonché ogni altra pubblica amministrazione che ne abbia interesse in relazione ai propri compiti istituzionali, recepisce normativamente limitatamente, però, alla sola area d intervento dell Authority il definitivo superamento, ormai solidamente maturato dalla dottrina di settore 33, della tradizionale concezione che limitava la materia concorrenziale al solo ambito privatistico della tutela dell interesse individuale dei singoli imprenditori e alla regolazione giudiziale dei loro conflitti intersoggettivi 34, e costituisce un primo, per quanto circoscritto, riconoscimento attuativo del parametro costituzionale 35 di utilità sociale dell iniziativa economica privata (art. 41 Cost.), che elegge a protagonista del mercato, al fianco degli imprenditori, il pubblico dei consumatori 36, elevando così a principale oggetto di tutela l interesse generale alla lealtà degli operatori economici e alla veridicità e trasparenza delle informazioni diffuse nel mercato Sena, Premesse di diritto industriale, in Nuvolone, Sena, Conti, E. Gallo, Bricola, Crespi, Bovio, Pisani., La repressione penale della concorrenza sleale. Atti del secondo simposio di studi di diritto e procedura penali, di Varenna, Villa Monastero, 1-3 settembre 1965, Milano, 1966, p. 48, lucidamente osserva che la normativa privatistica affida la tutela dell interesse generale alla esistenza e sussistenza di un regime di concorrenza condotta lealmente fra imprenditori e quindi attribuisce a ciascun imprenditore il potere di reagire contro ogni violazione delle regole del gioco per la soddisfazione di un proprio interesse individuale, cosicchè, qualora nel caso specifico il singolo imprenditore ritenga proprio interesse non citare ex art c.c. il proprio sleale concorrente, preferendo ripagarlo della stessa moneta reagendo con analoga pubblicità al proprio prodotto, l interesse pubblico alla lealtà della concorrenza e in specie alla veridicità messaggi pubblicitari, non troverà tutela alcuna nell apparato civilistico ed anzi conclude acutamente l Autore, si produrrà un ulteriore danno al consumatore, che verrà così ingannato due volte!. E stato già da tempo segnalato osservava Santagata, Concorrenza sleale e interessi protetti, Napoli, 1975, pp. 38 ss. l equivoco di fondo del liberismo tradizionale secondo cui il concorrente, che agisce nel proprio interesse, fungerebbe da vicarius avenger del consumatore, realizzando indirettamente la tutela di quest ultimo. 33 E del 1965 la chiara denuncia di Sena, 47 ss. (v. anche nota prec.) della inadeguatezza dell apparato civilistico ex artt ss. c.c. come strumento d intervento nell allora emergente problematica della pubblicità commerciale: si pensi ad esempio ai problemi connessi con la pubblicità: alcune forme di pubblicità menzognera grandemente nocive per il consumatore, non saranno mai sufficientemente represse quando la loro repressione sia affidata agli imprenditori concorrenti. Solo raramente l imprenditore danneggiato si sentirà di iniziare una costosa ed aleatoria azione di concorrenza sleale, non solo lasciando senza tutela i consumatori sprovvisti in sede civilistica di una propria legittimazione attiva ma ingannandoli esso stesso per controbilanciare la sleale persuasività pubblicitaria del concorrente (cfr. nota prec.). In tutti questi casi, già sosteneva l illustre Autore, l interesse del consumatore non è più tutelato dal sistema della concorrenza e si rende necessaria una diretta repressione dell illecito nell interesse della collettività, con una disciplina cioè di tipo pubblicistico nella quale controllo e iniziativa per la repressione sono demandati ad organi pubblici o rimessi ai privati nella forma di una azione sostanzialmente popolare Anche Santagata, pp. 197 ss., sottolineava: si profila pertanto inevitabile la conclusione che gli strumenti di protezione del consumatore si debbano più correttamente ed opportunamente inquadrare nell ambito di una più estesa e penetrante regolamentazione dell attività imprenditoriale incidente sul mercato (ad esempio controllo sulla pubblicità, controlli sanitari e di qualità), e concludeva (Santagata, 39): la predisposizione di una tutela diretta del consumatore nell ambito della disciplina concorrenziale sembra profilarsi l unico rimedio per porlo al riparo da condotte collusive degli imprenditori. 34 Ghidini, 3 ss.; Santagata, pp. 38 ss. 35 Affronta in particolare la problematica dell ampliamento in chiave pubblicistica e solidaristica dell interesse protetto dalla disciplina cvilistica della concorrenza sleale, in armonia con lo statuto costituzionale dell economia, Santagata, che, constatato il superamento, da parte della logica corporativista ispiratrice del codice civile del 1942 (pp. 129 ss.) dell originaria visione liberista che riservava la materia alla gestione dei conflitti endoimprenditoriali, propone un ulteriore progresso dell esegesi del bene giuridico civilistico in chiave costituzionale, e alla stregua dei canoni di utilità sociale cui l art. 41 Cost. subordina la libertà d iniziativa economica (pp. 193 ss., 200 ss.), inserendo tra i soggetti del mercato anche il pubblico dei consumatori (p. 197). Analogamente Auletta, Mangini, Concorrenza, in Commentario del Codice Civile a cura di Scialoja, Branca, Bologna, Roma, 1987, pp. 203 ss. 36 Specialmente la considerazione dell interesse del consumatore, specificano Vanzetti, Di Cataldo, 70, ha peraltro portato alla emanazione di una direttiva comunitaria (n. 97/55 CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 ottobre 1997), nella quale si è affermata la liceità a certe particolari condizioni volte a tutelare il pubblico della pubblicità comparativa. Osserva, in particolare, Alessandri, Parte Generale, pp. 12 ss., che l interesse dell imprenditore a non essere turbato nella sua attività si congiunge e si intreccia con quello del pubblico, che dalla slealtà del concorrente può risultare insidiato, ad esempio, nelle sue scelte (Alessandri, 12), e constata che l esigenza di reprimere la pubblicità ingannevole tempo addietro ricercata, in mancanza di strumenti specifici più adeguati, nell art. 513 c.p. trova oggi più razionale rimedio nella disciplina ad hoc, imperniata sulla vigilanza dell Autorità Garante (D.lgs. 25 gennaio 1992, n. 74) (Alessandri, 13). 37 Bocchini, Il diritto industriale nella società dell informazione, in Bocchini, Lemme, Rossi Vannini, Cocco, Trattato di diritto penale dell impresa, IV, Il diritto penale industriale, Padova, 1993, 14, pp. 20 ss., 26, 30.; Tomassi, 190, cui si rinvia anche per un quadro teorico-praticodi sintesi sugli effettivi interventi dell Autorità Garante in materia. Alla funzione di tutela preventiva del consumatore dalla forza persuasiva dei messaggi 5

6 Non sfugge, tuttavia, anche ad una prima analisi, che siffatti strumenti di controllo amministrativo sulla pubblicità commerciale si limitano in realtà ad incidere, innanzitutto, sull area ritenuta più immediatamente bisognosa di tutela per le conseguenze dirette degl illeciti in capo ai consumatori della pubblicità ingannevole, mentre non intervengono sul differente, e solo occasionalmente sovrapponibile, fenomeno della pubblicità denigratoria, caratterizzata da un attacco diretto alla reputazione del concorrente, concetto del tutto indipendente dalla presenza di conseguenze pregiudizievoli o meno in capo ai consumatori 38 : il concetto di pubblicità ingannevole accolto dall art. 2, lett. a, del citato D.lgs. n. 74 del 1992, si incentra infatti sull idoneità all induzione in errore dell utente destinatario, attribuendo rilevanza alle lesioni all interesse del concorrente solamente se e in quanto siano state determinate in ragione dell ingannevolezza del messaggio pubblicitario 39. Rimane del tutto tagliata fuori dalla tutela ex D.lgs. n. 74 del 1992, dunque, l autonoma problematica della pubblicità denigratoria, a meno che questa come solo occasionalmente può accadere contestualmente integri anche un ipotesi di pubblicità ingannevole. Oltre che attraverso la propalazione di attribuzioni denigratorie false (quali l attribuzione al prodotto del concorrente di difetti o rischi inesistenti), in cui la denigratorietà per il concorrente si sovrappone all ingannevolezza per i consumatori, una denigrazione commerciale può realizzarsi, infatti, anche attraverso la propalazione di notizie vere (quali la pubblica attribuzione al prodotto del concorrente di reali difetti o rischi), da un lato ugualmente lesive dell impresa concorrente, ma dall altro, evidentemente, non solo non ingannevoli, ma financo estremamente giovevoli per il giudizio di scelta dei consumatori. Sul punto, la disciplina extrapenale rimane ancorata alla tutela giudiziaria classica rappresentata dal n. 2 dell art c.c. e dalla disiplina penale del delitto di diffamazione ex artt. 595 ss. c.p., senza che l imprenditore-vittima possa invocare, neanche in via di tutela mediata, i più recenti strumenti d intervento amministrativistico in materia di pubblicità ingannevole, che d altronde, come già osservato, fanno salva la competenza del giudice ordinario in materia di concorrenza sleale 40. Non dissimili considerazioni valgano per l ipotesi della pubblicità comparativa illecita 41 successivamente affidata alle competenze dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato dal D.lgs. 25 febbraio 2000 n. 67: e anche se si volesse ammettere, come dibattuto dalla dottrina di settore, una totale sovrapponibilità tra questa fattispecie e la denigrazione commerciale ex art. 2598, n. 2, c.c. 42, non verrebbe comunque meno la piena autonomia della giurisdizione del giudice ordinario, che la disciplina amministrativistica, anzi, espressamente fa salva, ammettendo così la non esaustività nemmeno negl intenti del legislatore 43 della tutela amministrativistica 44 e mantenendo comunque intatto il problema degli strumenti di tutela evocabili in sede giudiziaria. pubblicitari televisivi assolve, in particolare, l istituzione dell Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni (si rinvia in materia a Valastro, Radiotelevisione, in Commentario breve alle leggi penali complementari, 1655, ss.), introdotta con l art. 5 L. 31 luglio 1997, n. 249; in particolare gli artt. 3 ( Disposizioni in materia di pubblicità televisiva ) e 3 bis ( Televendita ), della successiva L. 30 aprile 1998, n. 122 ( Differimento dei termini previsti dalla L. 31 luglio 1997, n. 249, relativi all Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni, nonché norme in materia di programmazione e di interruzioni pubblicitarie televisive ), apprestano disposizioni e divieti limitanti l eccessiva frequenza di messaggi pubblicitari durante le trasmissioni televisive, e la accentuzione della forza persuasiva delle televendite attraverso l esortazione all acquisto rivolta direttamente ai minorenni e l inserimento delle stesse all interno di programmi che, per la serietà delle materie trattate, possano essere ingiustificatamente percepiti come garanti della serietà dell offerta commerciale. 38 Tant è che la prevalente esegesi civilistica colloca la pubblicità ingannevole non già all interno del n. 2, ma del n. 3 del comma 1 dell art c.c., ricollegandola fenomenologicamente allo storno di clientela assai più che all ipotesi, pur eventualmente sovrapponibile, di denigrazione commerciale. Si rinvia in proposito all ampia trattazione in Saraceno, p. 19, III, 24, L art. 2, lett. a, del cit. D.lgs. n. 74 del 1992 definisce la pubblicità ingannevole come qualsiasi pubblicità che, in qualunque modo, compresa la sua presentazione, induca in errore o possa indurre in errore le persone fisiche o giuridiche alle quali è rivolta, o che essa raggiunge, e che, a causa del suo carattere ingannevole, possa pregiudicare il loro comportamento economico, ovvero che, per questo motivo, leda o possa ledere un concorrente (sul punto Saraceno, p. 19, III) 40 Avendo riguardo al fenomeno della pubblicità nel suo complesso, non può dubitarsi dell autonomia degli atti di concorrenza sleale rispetto agli illeciti nei confronti dei consumatori, osserva Saraceno, p. 19, III, n Per pubblicità comparativa deve considerarsi, specificano Vanzetti, Di Cataldo, p. 70, qualsiasi pubblicità che identifichi in modo esplicito o implicito un concorrente o beni o servizi offerti da un concorrente. 42 Sullo specifico punto si rinvia a Vanzetti, Di Cataldo, pp. 70 ss. 43 Il decreto stesso afferma che è comunque fatta salva la giurisdizione del giudice ordinario, in materia di atti di concorrenza sleale a norma dell articolo 2598 del codice civile, mostrando in tal guisa di ritenere che la pubblicità 6

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI a) diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio. Codice documento: MOG 231 - PSM

Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio. Codice documento: MOG 231 - PSM Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio Codice documento: REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 30.07.2012 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti sono sottoposti all approvazione

Dettagli

IL DELITTO DI ILLECITA CONCORRENZA CON VIOLENZA O MINACCIA

IL DELITTO DI ILLECITA CONCORRENZA CON VIOLENZA O MINACCIA IL DELITTO DI ILLECITA CONCORRENZA CON VIOLENZA O MINACCIA Tale fattispecie è stata introdotta nel codice penale dalla legge 646/1982, contenente misure di prevenzione patrimoniale antimafia. Si tratta

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA QUESTA GUIDA, SEMPLICE E ALLA PORTATA DI TUTTI, VUOLE FORNIRE AL MEDIATORE

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI. Astolfo DI AMATO

NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI. Astolfo DI AMATO NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI Astolfo DI AMATO Sommario - 1. La mancata riforma dei reati fallimentari; 2. La riforma implicita

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

WEB REPUTATION Profili legali

WEB REPUTATION Profili legali WEB REPUTATION Profili legali Milano, martedì 11 febbraio 2014 Workshop CONFCOMMERCIO MILANO Corso Venezia n. 47 Diffusione dell oniine in Italia Stando ai dati AUDIWEB di dicembre 2013 http://www.audiweb.it/cms/view.php?id=6&cms_pk=271

Dettagli

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio INDICE PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione 1. I delitti contro l industria e il commercio (art.25bis1 D.Lgs. 231/2001) 2.

Dettagli

La diffamazione/ le aggravanti

La diffamazione/ le aggravanti La diffamazione Cosa distingue la diffamazione (595 cp) dall ingiuria (594 cp)? Cos è la calunnia (368 cp)? La differenza rispetto a codici Zanardelli e Rocco. 595 cp: chiunque, fuori dei casi indicati

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE H: REATI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca Il diritto di accesso e le specifiche ragioni di tutela del segreto industriale e commerciale Con la sentenza in esame,

Dettagli

2. Delega di funzioni: la residua responsabilità del datore di lavoro

2. Delega di funzioni: la residua responsabilità del datore di lavoro LA POSIZIONE DI GARANZIA DEL DATORE DI LAVORO di Tommaso Cimadomo Sommario: 1. La posizione di garanzia del datore di lavoro. 2. Delega di funzioni: la residua responsabilità del datore di lavoro. 3. L

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

IL D.LGS. 231/01 ED IL RUOLO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

IL D.LGS. 231/01 ED IL RUOLO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO IL REATO DI LESIONI COLPOSE IN AMBITO DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO E RESPONSABILITÀ DELL IMPRESA AI SENSI DELL ART. 25-SEPTIES D.LGS. 231/01 IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Adeguamenti normativi in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro.

Adeguamenti normativi in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro. Adeguamenti normativi in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro. Informativa generale Con la Legge. 3 agosto 2007 n. 123 recanti Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Circolare n. 3/2010 dell 1 aprile 2010 *

Circolare n. 3/2010 dell 1 aprile 2010 * Circolare n. 3/2010 dell 1 aprile 2010 * INFORTUNIO SUL LAVORO E MANCANZA DI UN MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ( MODELLO 231 ): LA PRIMA SENTENZA DI CONDANNA PER RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELL

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p.

Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p. ALDO AREDDU (Avvocato) Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p. Tanto per essere chiari, cominciamo dalla fine! La conclusione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

STUDIO LEGALE. www.casubrignola.it D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA

STUDIO LEGALE. www.casubrignola.it D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA Trib. Milano (GIP) - Sent. 27/02/07 e Ord. 12/03/08 Criterio di attribuzione della responsabilità

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE SINGOLE FATTISPECIE DI CONCORRENZA SLEALE Sommario: 1. Atti di confusione. - 2. Denigrazione e appropriazione di pregi. - 3. Atti contrari alla correttezza professionale. 1. ATTI DI CONFUSIONE

Dettagli

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO PREMESSA a) la genuinità e la bontà del vino che quotidianamente consumiamo determinano lo stato fisico e la condizione del cittadino-consumatore; b) il consumatore

Dettagli

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo.

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. - Gabriele Gentilini - La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. Premessa Ambito di applicazione della nuova normativa La conformità al contratto La tutela del consumatore ====================================================

Dettagli

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Reati contro la Personalità dello Stato La decisione A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Iolanda D Alessandro Associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE L DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE PUBBLICATO IN DATA 19 MAGGIO 2010 IN VIGORE DAL 3 GIUGNO 2010 CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE Art. 8 CCNL Integrativo del CCNL 17 ottobre 2008, sottoscritto in data 6 maggio 2010 1.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... pag. V VII PREMESSA 1. L assicurazione della responsabilità civile e il suo evolversi nel tempo... 1 2. Possibilità di una

Dettagli

IT-1 "Contratto" e "illecito": la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea

IT-1 Contratto e illecito: la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea IT-1 "Contratto" e "illecito": la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea Sono trascorsi alcuni anni dall adozione, da parte delle istituzioni europee,

Dettagli

CURRIUCULUM DEL POF. AGOSTINO DE CARO

CURRIUCULUM DEL POF. AGOSTINO DE CARO CURRIUCULUM DEL POF. AGOSTINO DE CARO - Nato a Mercato San Saverino il 9.11.1958 ; - laureato in giurisprudenza il 22.2.1983 presso l Università degli studi di Salerno con una tesi in Istituzioni di diritto

Dettagli

Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore

Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta 1. Il sistema di responsabilità correlato

Dettagli

PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa

PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa Dopo la sentenza del TAR Lazio, che si è apertamente discostata

Dettagli

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale.

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. ARPA EMILIA-ROMAGNA Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. Selezione pubblica per collaboratore amministrativo professionale (Cat. D) A cura

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Diritto della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Anno Accademico 2011-20122012 Lezione 2 Dott.ssa Ferrua Sara La sorveglianza

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

INDICE-SOMMARIO SEZIONE PRIMA L ORDINAMENTO ITALIANO

INDICE-SOMMARIO SEZIONE PRIMA L ORDINAMENTO ITALIANO VII Elenco delle abbreviazioni... XIX Introduzione... 1 SEZIONE PRIMA L ORDINAMENTO ITALIANO CAPITOLO I L IMPUTAZIONE DELL EVENTO NON VOLUTO CONSEGUENTE AD UN REATO-BASE DOLOSO: IL PROBLEMA DELLA RESPONSABILITÀ

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855 Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del contribuente in assenza del difensore Utilizzo nelle indagini preliminari

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO

INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO INDICE CAPITOLO I QUALIFICAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA PRODOTTI ALL ESTERO INTRODUZIONE La qualificazione dei redditi prodotti all estero nell ordinamento fiscale italiano 1. La tassazione dei redditi

Dettagli

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 SEGNI DISTINTIVI E CONCORRENZA -------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE FONTI LEGISLATIVE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Obbligo di comunicazione dell ammontare del reddito professionale alla Cassa di previdenza In tema di obblighi degli avvocati

Dettagli

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale SISTEMA GAROFOLI La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale DIRITTO PENALE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Premessa Indice 1. Normativa 2. Oggetto e finalità del piano 3. Definizione di corruzione

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it LA RISARCIBILITA DEL DANNO NON PATRIMONIALE IN AMBITO CONTRATTUALE A cura di CLAUDIA CARICASOLE

www.ildirittoamministrativo.it LA RISARCIBILITA DEL DANNO NON PATRIMONIALE IN AMBITO CONTRATTUALE A cura di CLAUDIA CARICASOLE LA RISARCIBILITA DEL DANNO NON PATRIMONIALE IN AMBITO CONTRATTUALE A cura di CLAUDIA CARICASOLE Preliminare e finalizzato alla trattazione del danno non patrimoniale in ambito contrattuale, si rivela l

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

LA DISCIPLINA DELLA CONTRAFFAZIONE DEL MARCHIO D IMPRESA NEL CODICE PENALE (ARTT. 473 e 474): TUTELA DEL CONSUMATORE E/O DEL PRODUTTORE?

LA DISCIPLINA DELLA CONTRAFFAZIONE DEL MARCHIO D IMPRESA NEL CODICE PENALE (ARTT. 473 e 474): TUTELA DEL CONSUMATORE E/O DEL PRODUTTORE? LA DISCIPLINA DELLA CONTRAFFAZIONE DEL MARCHIO D IMPRESA NEL CODICE PENALE (ARTT. 473 e 474): TUTELA DEL CONSUMATORE E/O DEL PRODUTTORE? di Gian Luigi Gatta SOMMARIO: Premessa. 1. Il problema. 2. I risvolti

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

Il licenziamento individuale: intimazione

Il licenziamento individuale: intimazione Il licenziamento individuale: intimazione Novembre 2013 Albini 1 Licenziamento individuale: nozione Atto con il quale il datore di lavoro manifesta unilateralmente la volontà di recedere dal contratto

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI

LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE QUARTA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LA SISTEMATICA IMITAZIONE (CD. PARASSITARIA) DI POLITICHE AZIENDALI ------------------ 3 2 LE VIOLAZIONI DI NORME PUBBLICISTICHE --------------------------------------------------------------------

Dettagli

REATI DI OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

REATI DI OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO FAMIGLIA DI REATI REATI DI OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Le

Dettagli

INDICE CAPITOLO I NOZIONE DI DIRITTO PENALE DELL IMPRESA

INDICE CAPITOLO I NOZIONE DI DIRITTO PENALE DELL IMPRESA INDICE Prefazione alla VI edizione................ VII Prefazione alla I edizione................ IX CAPITOLO I NOZIONE DI DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1.1. Il concetto di mercato............... 2 1.2.

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria 1 Ruolo e compiti della polizia giudiziaria SOMMARIO 1. Funzioni di polizia giudiziaria. 2. Attività di iniziativa. 3. Attività delegata. 3.1. Notificazioni. 1. Funzioni di polizia giudiziaria Il nuovo

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 73/2003/T L obbligo di registrazione dell atto di notorietà Approvato dalla Commissione Studi Tributari il 28 ottobre 2003 Approvato dal Consiglio Nazionale

Dettagli

Cassazione Sezione lavoro sentenza 2 dicembre-10 settembre 2003, n. 13294

Cassazione Sezione lavoro sentenza 2 dicembre-10 settembre 2003, n. 13294 Cassazione Sezione lavoro sentenza 2 dicembre-10 settembre 2003, n. 13294 Presidente Senese relatore Toffoli Pm Frazzini difforme ricorrente Rossetto controricorrente Banco di Sicilia Spa Svolgimento del

Dettagli

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Milano, 2 luglio 2008 Prof. Paola A.E. Frassi Bird & Bird, Milano Recenti evoluzioni normative dello statuto di non decettività

Dettagli

LE INCHIESTE DELL ISPETTORE GRANDE GIAN

LE INCHIESTE DELL ISPETTORE GRANDE GIAN LE INCHIESTE DELL ISPETTORE GRANDE GIAN I REATI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE Avv. Sergio Barozzi Prof. Paolo Aldrovandi Avv. Serena Muci Avv. Marco Giangrande Lexellent via Borghetto 3 - Milano 25 marzo

Dettagli

Gli obblighi informativi del franchisor

Gli obblighi informativi del franchisor Gli obblighi informativi del franchisor La fase precedente la conclusione del contratto di franchising è particolarmente delicata, e per tale motivo ha costituito oggetto di attenta regolamentazione, sia

Dettagli

DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino

DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino Premessa Il presente scritto (di compendio alla lezione del 7 aprile) mira a fornire alcune

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LE TIPOLOGIE DI RAPPORTI TRA REATO E CONTRATTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LE TIPOLOGIE DI RAPPORTI TRA REATO E CONTRATTO INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LE TIPOLOGIE DI RAPPORTI TRA REATO E CONTRATTO 1. Considerazione introduttive... 1 2. L evoluzione dottrinale... 9 3. I reati «implicanti» la conclusione di un contratto... 20

Dettagli

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria)

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria) Dalla Costituzione alla tutela civile e penale Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE (Insegnante scuola primaria) La Legge tutela le Vittime e condanna il Bullo Spesso un atto di bullismo viene ignorato

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA RESPONSABILITÀ PER I DANNI DA INFORTUNIO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA RESPONSABILITÀ PER I DANNI DA INFORTUNIO Premessa..................................... pag. IX CAPITOLO I LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA RESPONSABILITÀ PER I DANNI DA INFORTUNIO 1. Previdenza, prevenzione e responsabilità per il rischio del lavoro.

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI

LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE TERZO) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LE VIOLAZIONI DI ESCLUSIVE CONTRATTUALI ---------------------------------------------------------------- 3 2 IL BOICOTTAGGIO ---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n.

Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n. Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n. 610) di MONICA PILOT Avvocato del Foro di Pordenone 1. Premessa 2.

Dettagli

La nuova figura del dirigente: poteri, doveri, responsabilità.

La nuova figura del dirigente: poteri, doveri, responsabilità. La nuova figura del dirigente: poteri, doveri, responsabilità. (Dr. Sergio Spadaro - Procura della Repubblica di Milano) 1. Il D.Lgs. 81/08 ha recepito la ormai sperimentata tecnica legislativa di origine

Dettagli

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario Semplificazione dell azione amministrativa,

Dettagli

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria Bosin & Maas & Stocker Wirtschaftsberatung Steuerrecht Arbeitsrecht Revisoren dottori commercialisti consulenti del lavoro revisori dr. F. J. S c h ö n w e g e r dr. M a n f r e d B o s i n dr. G o t t

Dettagli

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Calabria Legge della Regione Calabria 7 marzo 2011, n. 4, recante Misure per garantire la legalità

Dettagli

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 Responsabilità degli amministratori per la Cenni sulla Responsabilità Civile e Penale dei componenti dell OdV

Dettagli

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro Trattenuta compensativa Limiti Nella quotidiana pratica di gestione del personale, agli operatori del settore

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli