Bilancio esercizio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio esercizio 2010"

Transcript

1 Bilancio esercizio 2010

2 Bilancio esercizio 2010 Gelsia Srl Soggetta a Direzione e Coordinamento di AEB SpA Sede Sociale: Via Palestro, Seregno (MB) Capitale Sociale: Euro ,38 i.v. Registro imprese: MB N R.E.A.: N Codice Fiscale e Partita IVA:

3

4 Gelsia Srl Sommario Bilancio d esercizio al Relazione sulla gestione 7 Stato patrimoniale 37 Conto economico 41 Nota integrativa 45 Relazione Collegio sindacale 81 Relazione Revisore legale 85 3

5

6 Gelsia Srl Consiglio di amministrazione Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Dario Ghezzi Francesca Gavazzi Vittorio Trabattoni Patrizio Natale Villa Luca Zardoni Collegio sindacale Presidente Sindaco effettivo Sindaco effettivo Ugo Zanello Fiorenzo Ballabio Agostino Cereda Revisore legale AGN Serca s.n.c. - Brescia Direzione Direttore Generale Paolo Cipriano 5

7 6 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010

8 Relazione sulla gestione 7

9 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2010 Signori Soci, l anno 2010 coincide con il terzo anno di operatività della società, costituita grazie al conferimento delle partecipazioni delle società controllate da Ambiente Energia Brianza Società per azioni e partecipate da altre azienda pubbliche della Brianza. Operazioni straordinarie Il Gruppo, a completamento del processo di aggregazione e di quanto indicato nel piano industriale, ha portato a termine, con operatività dal 1 novembre 2010, la riorganizzazione attraverso la fusione delle società Gelsia Calore Srl e Gelsia Energia Srl in Gelsia Srl. Il nuovo Gruppo è composto da una Holding (AEB SpA), una Subholding (Gelsia Srl) che si occupa della vendita del gas metano, dell energia elettrica, della cogenerazione, del teleriscaldamento e della gestione calore, di una società (Gelsia Reti Srl) dedicata all erogazione dei servizi in concessione, distribuzione del gas metano e dell energia elettrica, servizi destinati ad andare a gara rispettivamente non prima del 2012 e nel 2025 (con scadenza 2030) e, infine, una società dedicata all igiene urbana (Gelsia Ambiente Srl) che, stante l attuale normativa, dovrebbe procedere alla scelta del socio privato (con una partecipazione del 40% da mettere a gara) o, in alternativa, partecipare alle gare che gli enti locali dovranno celebrare riguardo ai servizi gestiti. Di seguito riportiamo apposito prospetto esplicativo della composizione societaria del Gruppo. GRUPPO AEB/GELSIA AL COMUNI DI RIFERIMENTO Seregno Giussano Meda Cabiate Limbiate Varedo Verano B.za Carate B.za Muggiò Sovico Cesate Trezzo S/A Biassono AEB SpA Lissone Macherio Nova M. Biassono Desio Bovisio M. Ceriano L. Cesano M. Seveso Varedo Cesano M.no Seveso Bovisio M. 7,182% 71,64% 10,27% 4,08% 6,57% 3,44% 2,76% 1,24% 0,964% 0,514% 77,67% 100% 17,14% 22,33% reti 8

10 Gelsia Srl Relazione sulla gestione Anticipando il completamento del processo di fusione, la società ha ceduto, dal 1 ottobre 2010, alcuni rami d azienda alle altre società del Gruppo sia per motivi organizzativi dello stesso sia per il rispetto delle regole di unbundling funzionale. In particolare ha ceduto ad AEB SpA l intero ramo d azienda consistente nelle attività svolte dal personale tecnico, alcuni sistemi informativi ed i contratti correlati. L attività principale di questo ramo d azienda consisteva nella gestione delle attività di sviluppo, realizzazione e manutenzione straordinaria di reti e degli impianti connessi alle stesse (pozzi, impianti di sollevamento, cabine elettriche e gas metano, sistemi cartografici, etc.). L attività veniva svolta in particolare per la capogruppo ma anche per altre società del territorio. Inoltre, specificamente per il rispetto delle regole di unbundling funzionale, la società ha ceduto a Gelsia Reti Srl il ramo d azienda costituito dalla gestione dei processi contabili, gestionali ed informatici svolti per la stessa società, per il Gruppo e per società terze. Tali operazioni non hanno comportato effetti economici o patrimoniali significativi. Mission della società L architettura data al Gruppo fa della Vostra società una subholding che, recependo le scelte strategiche della holding (AEB SpA), ha come mission massimizzare il valore del Gruppo stesso. Contemporaneamente, la società sviluppa una propria operatività con la gestione di una parte importante dei business gestiti dal Gruppo. In tale veste ha come mission incrementare il fatturato e la redditività della società, avendo una particolare attenzione alla qualità dei servizi offerti al territorio, da cui deriva, perché controllata integralmente, seppur in modo indiretto, dagli enti locali soci. Settori in cui opera la società L operatività della società può tracciarsi secondo quattro gruppi di attività: Vendita di gas metano ed energia elettrica. La società gestisce direttamente le attività di trading e vendite, il contatto con i clienti tramite sportelli diffusi sul territorio e per via telefonica e la gestione degli stessi (fatturazione, riscossione e recupero crediti). Gestione impianti di cogenerazione, teleriscaldamento e gestione calore. La società realizza e gestisce impianti di produzione di energia elettrica e termica, offre il servizio calore a soggetti terzi ed è attiva sul fronte delle energie rinnovabili. Gestione delle partecipazioni. La società detiene partecipazioni, soprattutto di controllo, in società che gestiscono servizi pubblici nel territorio della provincia di Monza e Brianza e delle Province limitrofe. Gestione amministrativa e possesso infrastrutture informatiche del Gruppo. La società è titolare di quasi tutto l hardware ed il software posseduto, a vario titolo, dal Gruppo, delle attrezzature amministrative e dei mobili ed arredi utilizzati dalle società del Gruppo. La società dispone inoltre di una struttura amministrativa, che nel rispetto delle disposizioni dell AEEG in materia di unbundling funzionale e contabile, gestisce, a prezzi di mercato, i processi amministrativi e gestionali delle società del Gruppo e di altre società. 9

11 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 Tali attività sono regolate da contratti di tipo amministrativo e di utilizzo che comprendono prestazioni amministrativo contabili e utilizzo di sistemi informativi e arredi. Il fatturato realizzato nei confronti di Gelsia Reti Srl, a seguito della cessione di alcuni rami d azienda, si è consistentemente ridotto, in quanto le regole imposte dall AEEG e le valutazioni fatte dal Gestore Indipendente, hanno determinato una quasi completa indipendenza nella gestione amministrativa della società. Le attività condivise restano la gestione amministrativa del personale, il servizio approvvigionamenti e le attività fiscali. Analisi organizzativa Compagine societaria La società al era partecipata da diversi soggetti, pur avendo una società che con oltre il 71% la controlla. Di seguito è rappresentata la situazione della compagine societaria e la sua evoluzione nel corso del valore % Valore % Struttura operativa La società è organizzata con una propria struttura operativa in grado di gestire, in modo efficiente, tutti i settori di propria competenza e le attività svolte per terzi e fa ricorso a strutture esterne esclusivamente per attività di tipo residuale. La struttura operativa di seguito riportata consta di 99 dipendenti al , dei quali tre Dirigenti con specifica professionalità nella gestione commerciale, nella gestione tecnica ed in quella strategica, gestionale ed amministrativa; 11 Quadri che garantiscono la continuità delle attività svolte dalla società coordinando i diversi uffici/servizi della stessa. Dal 1 novembre, data di operatività della fusione, il Consiglio di Amministrazione, con l ausilio della Dirigenza, ha provveduto ad una prima importante razionalizzazione dei processi commerciali, amministrativi e gestionali che prima erano gestiti da tre diverse società. Nel corso del 2011, con l assistenza di società esterna, si provvederà ad una verifica dell organizzazione data per ottimizzare ulteriormente tutti i processi gestionali. La società si avvale per la gestione dei processi informatici e per i servizi di centralino delle strutture di altre società del gruppo, con rapporti regolati contrattualmente a prezzi di mercato. 10

12 Gelsia Srl Relazione sulla gestione ORGANIZZAZIONE GELSIA SRL Consiglio di Amministrazione Presidente Direttore Generale Organismo di vigilanza Relazioni Esterne Ufficio Legale Gest. Privacy e 231 Approvvigionamenti Segreteria Generale Risorse Umane Service: IT Hardware Magazzino Centralino Information Tech Sw Facility Management Direttore Gestione Impianti Direttore Amministrazione Finanza Controllo Direttore Commerciale Gestioni contratti e Statistiche Contabilità e Fiscale Budget Contr. Gestione Marketing e Vendite Supply e Energy Management Qualità & Sicurezza Ufficio Tecnico e Progettazione Fiscalità Unbundling Bilanci Fatturazione e Fiscalità Servizio Clienti Gestione Impianti di Generazione Gestione Reti e Centrali Termiche Contabilità Generale Contabilità Fornitori - Patrimonio Sportelli Progettazione e Gare Gestione Flussi Finanziari Differimenti dei termini Il Consiglio di Amministrazione, previo consenso della controllante, con delibera n.16 del ha definito di utilizzare la proroga del termine di approvazione del Bilancio d esercizio 2010 oltre i centoventi giorni dalla chiusura dello stesso, ed entro il termine lungo dei centottanta giorni previsto all art comma Codice Civile per la necessità di consolidare il bilancio delle società controllate Gelsia Ambiente Srl e Gelsia Reti Srl. Aspetti che hanno influito sui risultati di bilancio La fusione delle società Gelsia Energia Srl e Gelsia Calore Srl, pur essendo operativa dal 1 Novembre 2010, decorre, per gli effetti contabili e di bilancio, dal 1 gennaio Il bilancio 2010 comprende anche i valori patrimoniali delle società incorporate ed i relativi risultati, derivanti dalle gestioni separate delle tre società fino a tutto il 30 ottobre 2010 e, come unico soggetto, per l ultimo bimestre dell anno. Ne consegue l impossibilità di un confronto omogeneo tra il bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2010 e quello relativo all esercizio precedente. reti Il risultato di bilancio della società deriva: dalle attività di trading e vendita di gas metano ed energia elettrica, che hanno consistentemente migliorato i margini e che lasciano ben sperare anche per il futuro; dalla gestione degli impianti di cogenerazione, teleriscaldamento e dalla gestione calore a terzi, attività che, pur conseguendo una crescita di fatturato, non hanno permesso 11

13 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 la crescita dei margini ipotizzati a causa (i) della dinamica dei prezzi di acquisto del gas metano, che si sono incrementati più velocemente dei prezzi di riferimento dell energia termica venduta, (ii) della consistente depressione dei prezzi di energia elettrica conseguente alla riduzione della domanda e (iii) ad alcuni problemi tecnici incorsi durante l anno, che hanno ridotto la capacità produttiva annua dell impianto. L acquisizione di ulteriore clientela e una gestione della produzione correlata ai fabbisogni dei clienti serviti dalla società, oltre alle modifiche delle condizioni di mercato, lasciano ben sperare per un incremento dei margini di settore; i corrispettivi per prestazioni amministrativo gestionali hanno visto una consistente riduzione a seguito della riorganizzazione del Gruppo e della fusione delle due società, con riduzione dei costi sostenuti dalla società per queste attività; i consistenti investimenti realizzati, soprattutto da parte della società fusa (Gelsia Calore Srl) sono stati finanziati durante l anno facendo ricorso al fido bancario concesso da primario istituto di credito a condizioni favorevoli; l utilizzo delle perdite pregresse di Gelsia Calore Srl, sulle quali, per motivi prudenziali, non erano state contabilizzate imposte anticipate; la decisione di lasciare gli utili conseguiti nel 2010 alle società controllate per rafforzarne la struttura finanziaria in vista delle ormai prossime gare, ha ridotto consistentemente il risultato della gestione finanziaria. La gestione finanziaria derivante dalla propria operatività, ha visto un netto miglioramento nel bimestre post fusione, grazie alla riorganizzazione delle procedure di gestione e alla disponibilità delle risorse derivanti dalla fusione stessa. La fusione ha inoltre permesso di utilizzare le perdite pregresse delle società fuse, sulle quali, per motivi prudenziali, non si erano contabilizzate imposte anticipate. Contesto di riferimento e sviluppo della concorrenza nei settori di interesse della societa La società, oltre a seguire costantemente l evoluzione normativa delle attività che gestisce, segue anche agli sviluppi normativi e di mercato inerenti le attività delle società controllate. Le modifiche normative intervenute nel corso del biennio trascorso e l annunciata approvazione dei decreti attuativi di norme già in vigore, potrebbero avere un forte impatto sulle attività gestite dalle società controllate. La diversa fonte normativa ha determinato la ripartizione dei servizi pubblici in servizi soggetti alle disposizione dell art. 23 bis del D.L. 112/08, convertito nella Legge 133/08 e smi, e servizi esclusi dall ambito di applicazione di questa norma di legge. A questi occorre aggiungere le attività liberalizzate che sono le attività tipiche gestite dalla società. Si tratta di attività liberalizzate ma sottoposte comunque al controllo e verifica del settore statale ed in particolare delle Autorità competenti (AEEG) che regolamentano, tramite apposite delibere, l intero settore. Il 2010 è stato caratterizzato da un mercato nazionale a due velocità: lo sviluppo del mercato elettrico più avanzato e quello del gas ancora in ritardo rispetto al livello di liberalizzazione raggiunto nel resto dell Europa. Per quanto concerne la concorrenza con cui Gelsia si è dovuta confrontare, va evidenziato come nel 2010 ci siano stati segnalati frequenti casi di venditori di altre società, anche di 12

14 Gelsia Srl Relazione sulla gestione primari operatori nazionali, che promettevano offerte apparentemente molto vantaggiose, senza però fornire informazioni veritiere circa la reale economicità dei prezzi, gli sconti proposti ed il loro rapporto con Gelsia. A tutela propria e dei propri Clienti, vittime di similari scorrettezze commerciali, Gelsia ha promosso un procedimento legale nei confronti di una di queste Società e delle di lei Agenzie, ottenendo un provvedimento dal Giudice del Tribunale di Desio che, avendo accertata la sussistenza di un attività di concorrenza sleale per sviamento di clientela con mezzi indebiti, ha ordinato a tali Società di attenersi ad una condotta commerciale più corretta verso gli utenti finali/clienti, imponendo alle stesse una precisa e dettagliata informazione, ed invitando le medesime ad astenersi da comportamenti che possano, in qualunque modo, creare confusione tra Gelsia e altre società alla stessa concorrenti. Peraltro, tale provvedimento, a riprova dell illegittimità dei sopra citati comportamenti, è stato integralmente confermato, in sede di appello, dal Tribunale di Monza. Nel prossimo futuro la concorrenza sul mercato domestico si farà sempre più pressante. Infatti tutti i grandi operatori si stanno attrezzando anche con negozi o comunque reti di vendita capillari e, nel contempo, stanno investendo molto sul proprio brand. La nostra società, seppur in un territorio piccolo, dispone già di un organizzazione capillare di sportelli disponibili per la clientela; si sta lavorando per renderli meglio riconoscibili in modo da veicolare il brand Gelsia e per implementare i prodotti offerti. Per vincere le sfide della concorrenza e continuare a crescere è necessario che i soci utilizzino SINIT Srl anche per lanciare nuovi prodotti e far conoscere il proprio brand. La vendita di gas metano Si tratta di un settore completamente liberalizzato da diversi anni, ma che è comunque soggetto al controllo dell Autorità competente (AEEG) che definisce, per i consumi domestici, anche una tariffa di riferimento che le società di vendita sono obbligate ad offrire. Il settore è molto influenzato dalla capacità di offerta proveniente dall estero e risente degli eventi politico economico internazionali, in quanto i produttori di gas metano non sono molti e la capacità di trasporto degli impianti necessita di molto tempo per poter essere incrementata. 13

15 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 Il mercato nazionale del gas è ancora saldamente in mano di Eni che controlla l 84,5 % della produzione nazionale e direttamente e indirettamente oltre il 60% delle importazioni. A quasi dieci anni dalla liberalizzazione solo l 8% delle famiglie e il 2% delle aziende piccole ha cambiato fornitore. Anche in questo caso lo scenario nazionale trova conferma in quello gestito da Gelsia Srl. Per potersi garantire l approvvigionamento, il Gruppo, tramite AEB SpA, ha deciso di partecipare ad un importante progetto aggregativo che si è realizzato con la costituzione di Sinergie Italiane Srl, società che in tre anni è riuscita a guadagnarsi una posizione di rispetto nel mercato italiano ed Europeo, proponendosi come partner affidabile per i più importanti produttori di gas metano. Il mercato nazionale ha visto negli ultimi anni l ingresso di nuovi attori e di imprese estere che, avendo del metano a disposizione, sono prima entrati come fornitori grossisti ed, in un secondo momento, hanno iniziato a fornire direttamente le imprese e famiglie. La crisi economica perdurante ed una buona disponibilità di gas metano sul mercato italiano, ha permesso di migliorare, per l intero settore, i margini delle società di vendita, determinando, nel contempo, un maggior interesse da parte dei più importanti operatori internazionali. Nell ultimo anno molte società importanti hanno offerto, con consistenti investimenti pubblicitari, nuovi prodotti sia per il mercato delle piccole imprese sia per la clientela domestica. I prodotti offerti hanno tutti le stesse caratteristiche: offerta dual fuel o offerta tariffe costanti. Anche la nostra società ha lanciato prodotti similari con buoni risultati di tenuta sui clienti tradizionali e sulla nuova clientela. La vendita di energia elettrica Come è noto anche il mercato elettrico al dettaglio è libero dal luglio 2007, anche se permangono differenze tra le categorie di clienti, in termini di forza contrattuale ed entità dei consumi, che si traducono poi in differenti possibilità di trarre vantaggio dai meccanismi 14

16 Gelsia Srl Relazione sulla gestione di mercato. I clienti domestici passati al mercato libero dal 1 luglio 2007 al 30 settembre 2010 sono il 12,9% del totale, mentre per quanto riguarda le piccole imprese, ad oggi circa il 34,7% sono servite a condizioni di mercato libero. Tale scenario rispecchia il portafoglio clienti gestito da Gelsia, la quale alla fine del 2010 ha messo a punto un prodotto competitivo anche per il settore domestico, prima di allora gestito solo nel mercato di maggior tutela. Contrariamente al gas metano, il mercato finale è diviso in tre settori: il libero mercato, il mercato di maggior tutela ed il mercato della salvaguardia. Il mercato della salvaguardia permette di garantire l approvvigionamento anche a clienti che non trovano fornitori sul mercato libero e non rientrano nel mercato della maggior tutela. Questo mercato viene assegnato con procedure concorsuali e vi operano generalmente imprese già presenti sul mercato libero. Il mercato a maggior tutela garantisce i clienti che non vogliono far ricorso al mercato libero ed è gestito da imprese di distribuzione elettriche e/o loro aziende di vendita facenti parti del Gruppo. L approvvigionamento è garantito dall Acquirente Unico, società controllata dallo Stato, che ha come obiettivo approvvigionare questo mercato a prezzi competitivi. La Vostra società gestisce il servizio di maggior tutela per la sola città di Seregno; si tratta quindi di un mercato che vede i volumi ridursi progressivamente in quanto la clientela viene sempre più allettata dalle offerte presenti sul mercato libero. Il mercato libero esiste ormai da oltre un decennio ed ha visto una progressiva crescita passando dal mercato delle industrie al mercato domestico. Il mercato elettrico al dettaglio è totalmente libero dal luglio 2007, anche se permangono differenze tra le categorie di clienti, in termini di forza contrattuale ed entità dei consumi, che si traducono poi in differenti possibilità di trarre vantaggio dai meccanismi di mercato. I clienti domestici passati al mercato libero dal 1 luglio 2007 al 30 settembre 2010 sono il 12,9% del totale, mentre per quanto riguarda le piccole imprese, ad oggi circa il 34,7% sono servite a condizioni di mercato libero. Tale scenario rispecchia il portafoglio clienti gestito da Gelsia Srl, la quale, alla fine del 2010, ha messo a punto un prodotto competitivo anche per il settore domestico, prima di allora gestito solo nel mercato di maggior tutela. Nell ultimo anno molte società importanti hanno offerto, con consistenti investimenti pubblicitari, nuovi prodotti sia per il mercato delle piccole imprese sia per la clientela domestica. I prodotti offerti hanno tutti le stesse caratteristiche: offerta dual fuel, offerta tariffe costanti ed eliminazione delle fasce orarie per la clientela domestica. Nel 2010 la nostra società ha lanciato dei nuovi prodotti anche dedicati alle famiglie per poter offrire energia elettrica a tutti i clienti gas metano già forniti ed a nuovi clienti. La cogenerazione, il teleriscaldamento e la gestione calore La cogenerazione ed il teleriscaldamento, soprattutto se realizzata con combustibili tradizionali, dopo aver goduto di provvidenze pubbliche, che hanno permesso la realizzazione di importanti impianti a servizio delle città, sta vivendo un periodo difficile proprio per la mancanza di provvidenze pubbliche. Tutti gli operatori stanno sperimentando le nuove opportunità date dalle fonti rinnovabili che, grazie alle provvidenze pubbliche, permettono ritorni interessanti. I temi delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica sono destinati a giocare un ruolo 15

17 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 sempre meno marginale per la strategia del settore Utilities. La politica derivante dal pacchetto legislativo (-20% gas serra, +20% efficienza energetica, +20% rinnovabili) chiede ai mercati energetici di incrementare la propria sostenibilità e di partecipare attivamente alla riduzione dei consumi, anche a scapito dei propri profitti. Sul supplemento ordinario n. 81 alla G.U.R.I. n. 71, è stato pubblicato il Decreto Legislativo n. 28 di Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili. Questo provvedimento introduce nel settore Energy numerosi elementi di novità, in particolare per quanto riguarda: autorizzazione ed incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili reti elettriche rete del gas naturale reti di teleriscaldamento e teleraffrescamento incentivi per l efficienza energetica Il nuovo decreto apre importanti opportunità sia per la cogenerazione con fonti rinnovabili (soprattutto microcogenerazione) sia nella gestione calore abbinata ad offerte di rinnovo impianti che permettano efficienza energetica. Il decreto dovrebbe permettere anche una semplificazione delle procedure amministrative che molti ritardi hanno determinato nella realizzazione di nuovi impianti, grazie all autorizzazione unica ed alle altre procedure semplificate introdotte. La società si trova nelle condizioni ottimali per sviluppare queste attività anche grazie all integrazione realizzata con la fusione. Linee di sviluppo aziendale Le linee di sviluppo della società non possono che essere quelle del Gruppo e, per facilitarne i processi decisionali, si è reso necessario definire un regolamento di direzione e coordinamento, che individua le aree da gestire in modo coordinato nell interesse di ogni società e del gruppo nel suo complesso. In particolare, le aree oggetto di coordinamento di AEB SpA su Gelsia Srl sono: a) indirizzi di posizionamento del gruppo nel settore di appartenenza, alleanze strategiche ed operative, Joint venture, protocolli d intesa, accordi societari pluriennali; b) indirizzi per l acquisizione e la cessione di partecipazioni, di aziende o di rami d azienda, la costituzione e il trasferimento di diritti reali di godimento o il rilascio di garanzie su aziende e loro rami, l emissione di obbligazioni e titoli similari, l acquisto e la vendita di obbligazioni e titoli similari, le operazioni straordinarie in genere (fusione, scissione, scorporo, etc.), la costituzione e partecipazione a società di qualsiasi tipo; c) indirizzi generali per il Budget annuale (e i relativi avanzamenti infrannuali) e pluriennale ed i relativi piani di investimenti e disinvestimenti, le loro variazioni e le modalità di finanziamento; d) indirizzi generali per la redazione dei progetti di bilancio d esercizio annuali ed i progetti stessi. Quelle di Gelsia Srl sulle Società di business sono: a) indirizzi generali di gestione, piani operativi e le relative variazioni; 16

18 Gelsia Srl Relazione sulla gestione b) indirizzi generali per il Budget annuale (e i relativi avanzamenti infrannuali) e pluriennale ed i relativi piani di investimenti e disinvestimenti, le loro variazioni e le modalità di finanziamento; c) indirizzi generali per la redazione dei progetti di bilancio d esercizio annuali ed i progetti stessi; d) indirizzi generali per l assunzione di attività/servizi e la definizione delle relative condizioni, per la partecipazione a gare, per l assunzione di attività/servizi e la definizione delle relative condizioni per la partecipazione; e) indirizzi generali per l assunzione e/o modificazione dei contratti relativi alla gestione di attività/servizi; f) indirizzi generali in ipotesi di istituzione di filiali, agenzie, succursali e uffici di rappresentanza; g) indirizzi generali in tema di personale, acquisti, appalti ed assicurazioni. A seguito della fusione la società è passata da un coinvolgimento indiretto nei settori di business del Gruppo demandati alle società di business alla gestione diretta di una parte consistente delle attività del Gruppo. Per la vendita di gas metano, il Gruppo aveva già perfezionato accordi strategici in collaborazione con AEB SpA (socio di controllo del Gruppo), confermando la partecipazione in SINIT Srl come società dedicata all acquisto del gas metano necessario per il Gruppo. La società dispone di una quota di gas metano (circa il 20%) da ricercare sul mercato. Nei tre anni di gestione, SINIT Srl si è molto rafforzata sia nel mercato nazionale sia nei mercati internazionali. La società è considerata un interlocutore serio dai maggiori operatori di settore ed ha raddoppiato in tre anni i volumi venduti. L approvvigionamento da SINIT è certamente un punto di riferimento, unitamente ad un efficiente organizzazione di vendita e gestione dei clienti, per poter garantire il mantenimento e lo sviluppo dei fatturati raggiunti. Per le vendite di energia elettrica, non si è ancora concretizzato un accordo strategico con altri operatori, anche se in questo campo la stessa SINIT Srl potrebbe essere utile in quanto alcuni soci della stessa sono importanti produttori di energia elettrica. In attesa di futuri accordi, si sta componendo un efficiente settore supply per sviluppare le vendite, migliorando i margini e acquistando a condizioni economiche convenienti. I risultati di quest azione sono visibili già nei dati del Dalla fusione il settore ha incrementato i propri compiti perché deve vendere al meglio la produzione degli impianti della società e ottimizzare la gestione della clientela, per ridurne i costi e fidelizzare la stessa. Il settore tecnico acquisito con la fusione di Gelsia Calore Srl, liberato dalle incombenze amministrative, si sta dedicando con sempre maggiore efficienza alla produzione dell energia termica ed elettrica. Contemporaneamente, sta sviluppando l offerta di gestione calore a terzi e la realizzazione di nuovi impianti, soprattutto sul fronte delle rinnovabili. Nel corso del 2011 si darà corso ad un analisi dei singoli processi utilizzando a supporto società specializzate, al fine di soddisfare gli impegni, sempre più stringenti, posti dall AEEG, ed incrementarne efficienza e produttività per liberare risorse da dedicare allo sviluppo delle attività gestite. 17

19 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 Sviluppo della domanda La società opera essenzialmente nella vendita di gas metano ed energia elettrica, cogenerazione, teleriscaldamento e gestione calore; offre, inoltre, prestazioni amministrativogestionali soprattutto alle altre società del Gruppo. Vendite gas metano L esercizio si è caratterizzato per un ulteriore incremento dei volumi di gas venduto, riconducibile all attività di vendita al di fuori dei territori e all inverno rigido. L insistente azione commerciale condotta sui nostri territori da diversi competitor è stata comunque bilanciata dall acquisizione di nuovi clienti. Il margine di contribuzione lordo di settore ha subito un incremento consistente ( migliaia di Euro), dovuto alle migliori condizioni di acquisto del gas metano realizzate sia da SINIT Srl sia direttamente dalla Vostra società e all incremento dei quantitativi venduti (22 milioni di metri cubi). Si ricorda inoltre che Gelsia Energia Srl aveva pagato maggiori costi di acquisto (circa 1,5 milioni di euro) per supero della capacità giornaliera impegnata, a causa di un evento climatico straordinario. Di seguito, si riporta la tabella del Margine di contribuzione lordo relativo alle vendite gas metano confrontato con quello dell esercizio precedente della società fusa. DATI FISICI % Mc/000 % Mc/000 % Mc/000 DATI ECONOMICI % Euro % Euro % Euro La tabella comprende anche i ricavi e costi per acquisto del gas metano consumato dagli impianti della società che, ai fini espositivi di bilancio, vengono annullati tra la voce A1 e B06. Vendite energia elettrica Il dato 2010 evidenzia un sostanziale mantenimento del mercato a maggior tutela ed un consistente incremento delle vendite sul mercato libero ( Mwh). L incremento dei margini, consistente in +777 mila euro, si è determinato grazie all acquisto del fabbisogno dei clienti quale mix di contratti bilaterali e operazioni in borsa. Di seguito, si riporta la tabella del Margine di contribuzione lordo relativo alle vendite di energia elettrica confrontato con quello dell anno precedente della società fusa. 18

20 Gelsia Srl Relazione sulla gestione DATI FISICI % Mwh % Mwh % Mwh DATI ECONOMICI % Euro % Euro % Euro La tabella comprende anche i ricavi e costi per acquisto del gas metano consumato dagli impianti della società che, ai fini espositivi di bilancio, vengono annullati tra la voce A1 e B06. Settore cogenerazione La società è proprietaria di due impianti installati sul territorio di Seregno. Il primo è installato presso il Centro Sportivo Cav U. Trabattoni ed è un impianto cogenerativo di piccola taglia che, oltre a produrre energia elettrica, fornisce calore al Centro stesso. Il secondo, installato nei pressi del cimitero cittadino, ha dimensione più importanti e, oltre a produrre energia elettrica, fornisce calore ad oltre il 10% della popolazione cittadina e vapore ad un importante industria locale. Di seguito, si riporta la tabella del Margine di contribuzione lordo relativo alle vendite di energia elettrica confrontato con quello dell anno precedente della società fusa. DATI FISICI (in migliaia) % /000 % /000 % /000 DATI ECONOMICI (in migliaia) % Euro % Euro % Euro 19

Bilancio esercizio 2012

Bilancio esercizio 2012 Bilancio esercizio 2012 Bilancio esercizio 2012 Gelsia Srl Soggetta a Direzione e Coordinamento di AEB SpA Sede Sociale: Via Palestro, 33 20831 Seregno (MB) Capitale Sociale: Euro 20.345.267,38 i.v. Registro

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 Gestione Multiservice Società consortile a responsabilità limitata Sede in Via Gallarate 58-20151 Milano (MI) Capitale sociale Euro 412.900,00 i.v. Codice fiscale e Reg. Imp. 08362130158 Rea 1220124 Relazione

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Bologna, 11 febbraio 2015 UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014 Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Raccolta assicurativa diretta a 16.008

Dettagli

COMUNE ACQUI TERME (AL)

COMUNE ACQUI TERME (AL) COMUNE ACQUI TERME (AL) INTEGRAZIONE SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO CITTADINO CON ANNESSO POLO TECNOLOGICO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA ED ELETTRICA, A SERVIZIO DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA O PERTINENZA

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2014 Il Gruppo ha chiuso il 2014 superando gli obiettivi di margine operativo lordo e indebitamento finanziario netto Ricavi a 948,0

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO Articolo 1 La Società Italiana per il Gas per Azioni,

Dettagli

FINPESCA S.R.L. Relazione sulla Gestione al Bilancio chiuso il 31/12/2008

FINPESCA S.R.L. Relazione sulla Gestione al Bilancio chiuso il 31/12/2008 Sede in Via delle Industrie, 7-45014 Porto Viro (RO) Capitale sociale di euro 1.000.000 i.v. Registro delle imprese di Rovigo e codice fiscale: 01025200294 REA di Rovigo: 110161 Relazione sulla Gestione

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO P.zza Marconi, 4-36028 ROSSANO VENETO (Vicenza) tel. 0424-547124-5-6- e-mail: llpp@comune.rossano.vi.it C.F. 00261630248 * * * * * * * * * * SERVIZIO TECNICO LAVORI PUBBLICI E

Dettagli

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale.

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale. P R E S E N TA Z I O N E AUDITA è una Società di Revisione e Organizzazione Contabile nata nel 2011 su iniziativa di sei professionisti del settore. Opera su tutto il territorio nazionale con la priorità

Dettagli

I principali dati economici e finanziari del 2009 del gruppo Pininfarina confrontati con quelli al 31 dicembre 2008 sono i seguenti:

I principali dati economici e finanziari del 2009 del gruppo Pininfarina confrontati con quelli al 31 dicembre 2008 sono i seguenti: PROGETTO DI BILANCIO 2009 FATTI DI RILIEVO INTERVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL ESERCIZIO CONTINUITA AZIENDALE E PREVISIONI PER IL 2010 RELAZIONE ANNUALE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI CONVOCAZIONE

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale 1 trimestre 2007 Reno De Medici S.p.A. Sede Legale in Milano Via dei Bossi, 4 Direzione Generale e Amministrativa: Pontenuovo di Magenta (MI) Via G. De Medici, 17 Capitale sociale

Dettagli

Comunicato stampa di Camfin SpA

Comunicato stampa di Camfin SpA Pagina 1 di 5 CAMFIN s.p.a. Comunicato stampa di Camfin SpA Approvata dal CdA la Relazione Semestrale del Gruppo CAMFIN SpA VENDITE: 137 MILIONI DI EURO, CONTRO 144,8 MILIONI DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

energie straordinarie

energie straordinarie energie straordinarie ENERGIA ELETTRICA e GAS NATURALE 3_8 GREEN ENERGY 9_13 PERCHé SCEGLIERE Gelsia 14 ENERGIA ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGIA ENERGY ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGY GAS NATURALE

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2009

Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2009 Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2009 Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano 1 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE 31.03.2009 Indice 1. Le cariche sociali di Retelit S.p.A. pag. 3 2. Lettera

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Margine Operativo Lordo, a 562 milioni di euro,

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

Il Gruppo: valore per il territorio

Il Gruppo: valore per il territorio Il Gruppo AEB-Gelsia rappresenta una tra le prime multiutility in Lombardia per fatturato e clienti serviti e si colloca tra i primi 20 operatori a livello nazionale. Il Gruppo ha voluto ribadire il proprio

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE ai sensi del Regolamento ISVAP n. 39 del 9 giugno 2011 Definite nella seduta del Consiglio di Amministrazione del: 31 / 03 / 2015

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013 AGENZIA DI SVILUPPO AR.ME.NA. S.P.A. Sede legale: PIAZZA MATTEOTTI N.1 NAPOLI (NA) Iscritta al Registro Imprese di NAPOLI C.F. e numero iscrizione: 05784341215 Iscritta al R.E.A. di NAPOLI n. 775540 Capitale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 EBITDA IN LINEA CON LA GUIDANCE E MANTENIMENTO DI UNA ELEVATA MARGINALITA GRAZIE ALL EFFICACE AZIONE DI CONTENIMENTO

Dettagli

GRUPPO DIGITAL BROS:

GRUPPO DIGITAL BROS: COMUNICATO STAMPA GRUPPO DIGITAL BROS: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APPROVA IL BILANCIO D ESERCIZIO 2013-2014 IN AUMENTO I RICAVI LORDI A 141,6 MILIONI DI EURO (+11,4%) MARGINE OPERATIVO LORDO A 8,2 MILIONI

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

FAR.COM. SRL. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2011

FAR.COM. SRL. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2011 FAR.COM. SRL Reg. Imp.04146750965 Rea 1729051 Sede in VIA MARTIRI DELLA LIBERTA', 18-20066 MELZO (MI) Capitale sociale Euro 130.000,00 i.v. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2011 Signori Soci

Dettagli

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04 Conference Call, 21 Marzo 2005 e Q4 04 Presidente Renzo Capra Il flottante a seguito della fusione con BAS è circa il 18% Azionariato A seguito della programmata fusione con BAS Bergamo, il Comune di Brescia

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

L Approccio con il cliente si caratterizza per:

L Approccio con il cliente si caratterizza per: TMFA: PROFESSIONISTI ASSOCIATI Storia TMFA nasce come associazione professionale su iniziativa dei suoi fondatori attivi già nei settori della consulenza fiscale, legale, tributaria e del lavoro. L unione

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato 238 Premessa Il Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato, con riferimento alle società

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

ID: 88072321 15/04/2013

ID: 88072321 15/04/2013 SEDE IN SEDEGLIANO (UD), S.S. 463 Z.I. PANNELLIA CAPITALE SOCIALE EURO 2.000.000,00 INTERAMENTE VERSATO CODICE FISCALE N. 02001710306 ISCRITTA AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI UDINE AL N. 02001710306 ISCRITTA

Dettagli

azienda di prova srl

azienda di prova srl azienda di prova srl Sede in sede in Codice Fiscale - Numero Rea RM Capitale Sociale Euro 100.000 Società in liquidazione: no Società con socio unico: no Società sottoposta ad altrui attività di direzione

Dettagli

AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE

AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE Nasce un importante operatore energetico, primo tra le local utilities italiane e con dimensioni di rilevanza europea. L incorporazione di ASM in AEM s inquadra

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 Convocata l Assemblea ordinaria della società per il prossimo 24 aprile in unica convocazione Valutati i requisiti di indipendenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. I Consigli di Amministrazione di Banco di Desio e della Brianza e di Banca Popolare di Spoleto hanno approvato

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE RICAVI: 70,5 milioni di euro; -1,7 milioni di euro rispetto all esercizio (72,2 milioni di euro) EBITDA: 25,4 milioni

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 20,03 milioni di euro

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 20,03 milioni di euro Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 20,03 milioni di euro Milano 14 Maggio 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

Il GSE presenta il Rapporto 2007

Il GSE presenta il Rapporto 2007 Il GSE presenta il Rapporto 2007 Prosegue in Italia la crescita di nuovi impianti a fonti rinnovabili: al 31 dicembre 2007 in esercizio 1.335 impianti incentivati con i certificati verdi e 4.841 impianti

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici. Guida per il cittadino. http://energia.regione.emilia-romagna.it/

La certificazione energetica degli edifici. Guida per il cittadino. http://energia.regione.emilia-romagna.it/ La certificazione energetica degli edifici Guida per il cittadino http://energia.regione.emilia-romagna.it/ Testo redatto a cura di: Mariangela Giorgini, Kristian Fabbri Filippo Padoan Ottobre 2014 SOMMARIO

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie

Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie Comunicato stampa Brescia, 27 febbraio 2008 Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie Screen Service

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Ricavi nel trimestre a 202,7 milioni di Euro, in crescita del 17% su base annua EBITDA nel

Dettagli

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 18 CARICHE SOCIALI Consiglio di Amministrazione: (per l esercizio 2010) Presidente Consiglieri Giovanni TOSO Nicola NATALI Sergio VITELLI * *

Dettagli

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2001 PIRELLI Società per azioni Sede in Milano, Viale Sarca n. 222 Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Registro delle Imprese di Milano n. 00886890151 2 PIRELLI S.p.A.

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Conferenza dei Comuni ATO di Lecco 29 luglio 2015 o.d.g. 3: espressione del parere sulla deliberazione del Consiglio di

Conferenza dei Comuni ATO di Lecco 29 luglio 2015 o.d.g. 3: espressione del parere sulla deliberazione del Consiglio di Conferenza dei Comuni ATO di Lecco 29 luglio 2015 o.d.g. 3: espressione del parere sulla deliberazione del Consiglio di amministrazione dell Ufficio d ambito di Lecco n. 52/15 avente ad oggetto Affidamento

Dettagli

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 Il Gruppo Hera approva i risultati al 31/12/2014 L anno si chiude con tutti i principali valori in crescita, migliorando la performance positiva dei trimestri precedenti.

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Monrif S.p.A Sede in Bologna - Via Enrico Mattei n. 106 Capitale sociale 78.000.000 interamente versato Registro Imprese di Bologna e Codice Fiscale 03302810159

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2002 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 2002... pag. 3 Prima

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

Nota 14 Patrimonio netto

Nota 14 Patrimonio netto Nota 14 Patrimonio netto E così composto: (migliaia di euro) 31.12.2008 31.12.2007 Capitale emesso 10.673.804 10.673.793 meno Azioni proprie (14.450) (700) Capitale 10.659.354 10.673.093 Riserva da sovrapprezzo

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione per l acquisto e la disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione per l acquisto e la disposizione di azioni proprie Assemblea ordinaria 8 maggio 2012 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione Punto 8 all ordine del giorno Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie; delibere inerenti

Dettagli

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni A. SVILUPPO STORICO: NORMA COMUNITARIA LA IV a DIRETTIVA 25/7/1978 N. 78/660 Art. 1 Art. 11 Art. 51 comma 1: Art. 51 comma 2: i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni in cosa consiste

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Ricavi consolidati a 911 milioni di Euro, in crescita del 34% su base annua. EBITDA a 161,4 milioni di Euro, in crescita del 61% su base annua

Ricavi consolidati a 911 milioni di Euro, in crescita del 34% su base annua. EBITDA a 161,4 milioni di Euro, in crescita del 61% su base annua Tiscali: approvati dal CdA i risultati dell esercizio 2007 Centrati gli obiettivi del piano strategico Advisor finanziario per valutare opzioni strategiche Cagliari, 19 marzo 2008 Ricavi consolidati a

Dettagli

EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015

EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 Amaro (UD), 13 novembre 2015 Ricavi consolidati: da 45,95 milioni a 47,26 milioni Primo margine consolidato: da 22,15 milioni

Dettagli

Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012

Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012 Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012 TITOLO Consiglio di amministrazione del 26 marzo 2013: approvazione bilanci civilistico e consolidato esercizio 2012; proposta di dividendo; convocazione

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 AZIENDA SERVIZI PUBBLICI OLBIA S.p.A. Reg. Imp. 82004950901 Rea 111986 Sede in VIA CAPOTESTA, 28-07026 OLBIA (SS) Capitale sociale Euro 1.054.700,00 I.V. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e Brianza A LLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. N. 103 DEL 05.08.2008 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTRE E DEI

Dettagli

Comunicato Stampa 13 marzo 2015

Comunicato Stampa 13 marzo 2015 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento nel 2014 Fatturato pari a Euro 233,2 mln, +5% rispetto a Euro 222,8 mln nel 2013 EBITDA pari a Euro 18,3 mln, +66% rispetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%)

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) RACCOLTA DIRETTA DANNI IN ASSESTAMENTO A 2.163 MILIONI

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015

Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015 Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015 Data/Ora Ricezione 15 Maggio 2015 14:27:30 MTA Societa' : MONRIF Identificativo Informazione Regolamentata : 58492 Nome utilizzatore : MONRIFN01 - NATALI Tipologia

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE Redatta secondo principi contabili internazionali IAS/IFRS Gruppo MutuiOnline S.p.A. (in breve Gruppo MOL S.p.A. o MOL Holding S.p.A.) Sede Legale: Corso

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli