Bilancio esercizio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio esercizio 2010"

Transcript

1 Bilancio esercizio 2010

2 Bilancio esercizio 2010 Gelsia Srl Soggetta a Direzione e Coordinamento di AEB SpA Sede Sociale: Via Palestro, Seregno (MB) Capitale Sociale: Euro ,38 i.v. Registro imprese: MB N R.E.A.: N Codice Fiscale e Partita IVA:

3

4 Gelsia Srl Sommario Bilancio d esercizio al Relazione sulla gestione 7 Stato patrimoniale 37 Conto economico 41 Nota integrativa 45 Relazione Collegio sindacale 81 Relazione Revisore legale 85 3

5

6 Gelsia Srl Consiglio di amministrazione Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Dario Ghezzi Francesca Gavazzi Vittorio Trabattoni Patrizio Natale Villa Luca Zardoni Collegio sindacale Presidente Sindaco effettivo Sindaco effettivo Ugo Zanello Fiorenzo Ballabio Agostino Cereda Revisore legale AGN Serca s.n.c. - Brescia Direzione Direttore Generale Paolo Cipriano 5

7 6 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010

8 Relazione sulla gestione 7

9 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2010 Signori Soci, l anno 2010 coincide con il terzo anno di operatività della società, costituita grazie al conferimento delle partecipazioni delle società controllate da Ambiente Energia Brianza Società per azioni e partecipate da altre azienda pubbliche della Brianza. Operazioni straordinarie Il Gruppo, a completamento del processo di aggregazione e di quanto indicato nel piano industriale, ha portato a termine, con operatività dal 1 novembre 2010, la riorganizzazione attraverso la fusione delle società Gelsia Calore Srl e Gelsia Energia Srl in Gelsia Srl. Il nuovo Gruppo è composto da una Holding (AEB SpA), una Subholding (Gelsia Srl) che si occupa della vendita del gas metano, dell energia elettrica, della cogenerazione, del teleriscaldamento e della gestione calore, di una società (Gelsia Reti Srl) dedicata all erogazione dei servizi in concessione, distribuzione del gas metano e dell energia elettrica, servizi destinati ad andare a gara rispettivamente non prima del 2012 e nel 2025 (con scadenza 2030) e, infine, una società dedicata all igiene urbana (Gelsia Ambiente Srl) che, stante l attuale normativa, dovrebbe procedere alla scelta del socio privato (con una partecipazione del 40% da mettere a gara) o, in alternativa, partecipare alle gare che gli enti locali dovranno celebrare riguardo ai servizi gestiti. Di seguito riportiamo apposito prospetto esplicativo della composizione societaria del Gruppo. GRUPPO AEB/GELSIA AL COMUNI DI RIFERIMENTO Seregno Giussano Meda Cabiate Limbiate Varedo Verano B.za Carate B.za Muggiò Sovico Cesate Trezzo S/A Biassono AEB SpA Lissone Macherio Nova M. Biassono Desio Bovisio M. Ceriano L. Cesano M. Seveso Varedo Cesano M.no Seveso Bovisio M. 7,182% 71,64% 10,27% 4,08% 6,57% 3,44% 2,76% 1,24% 0,964% 0,514% 77,67% 100% 17,14% 22,33% reti 8

10 Gelsia Srl Relazione sulla gestione Anticipando il completamento del processo di fusione, la società ha ceduto, dal 1 ottobre 2010, alcuni rami d azienda alle altre società del Gruppo sia per motivi organizzativi dello stesso sia per il rispetto delle regole di unbundling funzionale. In particolare ha ceduto ad AEB SpA l intero ramo d azienda consistente nelle attività svolte dal personale tecnico, alcuni sistemi informativi ed i contratti correlati. L attività principale di questo ramo d azienda consisteva nella gestione delle attività di sviluppo, realizzazione e manutenzione straordinaria di reti e degli impianti connessi alle stesse (pozzi, impianti di sollevamento, cabine elettriche e gas metano, sistemi cartografici, etc.). L attività veniva svolta in particolare per la capogruppo ma anche per altre società del territorio. Inoltre, specificamente per il rispetto delle regole di unbundling funzionale, la società ha ceduto a Gelsia Reti Srl il ramo d azienda costituito dalla gestione dei processi contabili, gestionali ed informatici svolti per la stessa società, per il Gruppo e per società terze. Tali operazioni non hanno comportato effetti economici o patrimoniali significativi. Mission della società L architettura data al Gruppo fa della Vostra società una subholding che, recependo le scelte strategiche della holding (AEB SpA), ha come mission massimizzare il valore del Gruppo stesso. Contemporaneamente, la società sviluppa una propria operatività con la gestione di una parte importante dei business gestiti dal Gruppo. In tale veste ha come mission incrementare il fatturato e la redditività della società, avendo una particolare attenzione alla qualità dei servizi offerti al territorio, da cui deriva, perché controllata integralmente, seppur in modo indiretto, dagli enti locali soci. Settori in cui opera la società L operatività della società può tracciarsi secondo quattro gruppi di attività: Vendita di gas metano ed energia elettrica. La società gestisce direttamente le attività di trading e vendite, il contatto con i clienti tramite sportelli diffusi sul territorio e per via telefonica e la gestione degli stessi (fatturazione, riscossione e recupero crediti). Gestione impianti di cogenerazione, teleriscaldamento e gestione calore. La società realizza e gestisce impianti di produzione di energia elettrica e termica, offre il servizio calore a soggetti terzi ed è attiva sul fronte delle energie rinnovabili. Gestione delle partecipazioni. La società detiene partecipazioni, soprattutto di controllo, in società che gestiscono servizi pubblici nel territorio della provincia di Monza e Brianza e delle Province limitrofe. Gestione amministrativa e possesso infrastrutture informatiche del Gruppo. La società è titolare di quasi tutto l hardware ed il software posseduto, a vario titolo, dal Gruppo, delle attrezzature amministrative e dei mobili ed arredi utilizzati dalle società del Gruppo. La società dispone inoltre di una struttura amministrativa, che nel rispetto delle disposizioni dell AEEG in materia di unbundling funzionale e contabile, gestisce, a prezzi di mercato, i processi amministrativi e gestionali delle società del Gruppo e di altre società. 9

11 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 Tali attività sono regolate da contratti di tipo amministrativo e di utilizzo che comprendono prestazioni amministrativo contabili e utilizzo di sistemi informativi e arredi. Il fatturato realizzato nei confronti di Gelsia Reti Srl, a seguito della cessione di alcuni rami d azienda, si è consistentemente ridotto, in quanto le regole imposte dall AEEG e le valutazioni fatte dal Gestore Indipendente, hanno determinato una quasi completa indipendenza nella gestione amministrativa della società. Le attività condivise restano la gestione amministrativa del personale, il servizio approvvigionamenti e le attività fiscali. Analisi organizzativa Compagine societaria La società al era partecipata da diversi soggetti, pur avendo una società che con oltre il 71% la controlla. Di seguito è rappresentata la situazione della compagine societaria e la sua evoluzione nel corso del valore % Valore % Struttura operativa La società è organizzata con una propria struttura operativa in grado di gestire, in modo efficiente, tutti i settori di propria competenza e le attività svolte per terzi e fa ricorso a strutture esterne esclusivamente per attività di tipo residuale. La struttura operativa di seguito riportata consta di 99 dipendenti al , dei quali tre Dirigenti con specifica professionalità nella gestione commerciale, nella gestione tecnica ed in quella strategica, gestionale ed amministrativa; 11 Quadri che garantiscono la continuità delle attività svolte dalla società coordinando i diversi uffici/servizi della stessa. Dal 1 novembre, data di operatività della fusione, il Consiglio di Amministrazione, con l ausilio della Dirigenza, ha provveduto ad una prima importante razionalizzazione dei processi commerciali, amministrativi e gestionali che prima erano gestiti da tre diverse società. Nel corso del 2011, con l assistenza di società esterna, si provvederà ad una verifica dell organizzazione data per ottimizzare ulteriormente tutti i processi gestionali. La società si avvale per la gestione dei processi informatici e per i servizi di centralino delle strutture di altre società del gruppo, con rapporti regolati contrattualmente a prezzi di mercato. 10

12 Gelsia Srl Relazione sulla gestione ORGANIZZAZIONE GELSIA SRL Consiglio di Amministrazione Presidente Direttore Generale Organismo di vigilanza Relazioni Esterne Ufficio Legale Gest. Privacy e 231 Approvvigionamenti Segreteria Generale Risorse Umane Service: IT Hardware Magazzino Centralino Information Tech Sw Facility Management Direttore Gestione Impianti Direttore Amministrazione Finanza Controllo Direttore Commerciale Gestioni contratti e Statistiche Contabilità e Fiscale Budget Contr. Gestione Marketing e Vendite Supply e Energy Management Qualità & Sicurezza Ufficio Tecnico e Progettazione Fiscalità Unbundling Bilanci Fatturazione e Fiscalità Servizio Clienti Gestione Impianti di Generazione Gestione Reti e Centrali Termiche Contabilità Generale Contabilità Fornitori - Patrimonio Sportelli Progettazione e Gare Gestione Flussi Finanziari Differimenti dei termini Il Consiglio di Amministrazione, previo consenso della controllante, con delibera n.16 del ha definito di utilizzare la proroga del termine di approvazione del Bilancio d esercizio 2010 oltre i centoventi giorni dalla chiusura dello stesso, ed entro il termine lungo dei centottanta giorni previsto all art comma Codice Civile per la necessità di consolidare il bilancio delle società controllate Gelsia Ambiente Srl e Gelsia Reti Srl. Aspetti che hanno influito sui risultati di bilancio La fusione delle società Gelsia Energia Srl e Gelsia Calore Srl, pur essendo operativa dal 1 Novembre 2010, decorre, per gli effetti contabili e di bilancio, dal 1 gennaio Il bilancio 2010 comprende anche i valori patrimoniali delle società incorporate ed i relativi risultati, derivanti dalle gestioni separate delle tre società fino a tutto il 30 ottobre 2010 e, come unico soggetto, per l ultimo bimestre dell anno. Ne consegue l impossibilità di un confronto omogeneo tra il bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2010 e quello relativo all esercizio precedente. reti Il risultato di bilancio della società deriva: dalle attività di trading e vendita di gas metano ed energia elettrica, che hanno consistentemente migliorato i margini e che lasciano ben sperare anche per il futuro; dalla gestione degli impianti di cogenerazione, teleriscaldamento e dalla gestione calore a terzi, attività che, pur conseguendo una crescita di fatturato, non hanno permesso 11

13 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 la crescita dei margini ipotizzati a causa (i) della dinamica dei prezzi di acquisto del gas metano, che si sono incrementati più velocemente dei prezzi di riferimento dell energia termica venduta, (ii) della consistente depressione dei prezzi di energia elettrica conseguente alla riduzione della domanda e (iii) ad alcuni problemi tecnici incorsi durante l anno, che hanno ridotto la capacità produttiva annua dell impianto. L acquisizione di ulteriore clientela e una gestione della produzione correlata ai fabbisogni dei clienti serviti dalla società, oltre alle modifiche delle condizioni di mercato, lasciano ben sperare per un incremento dei margini di settore; i corrispettivi per prestazioni amministrativo gestionali hanno visto una consistente riduzione a seguito della riorganizzazione del Gruppo e della fusione delle due società, con riduzione dei costi sostenuti dalla società per queste attività; i consistenti investimenti realizzati, soprattutto da parte della società fusa (Gelsia Calore Srl) sono stati finanziati durante l anno facendo ricorso al fido bancario concesso da primario istituto di credito a condizioni favorevoli; l utilizzo delle perdite pregresse di Gelsia Calore Srl, sulle quali, per motivi prudenziali, non erano state contabilizzate imposte anticipate; la decisione di lasciare gli utili conseguiti nel 2010 alle società controllate per rafforzarne la struttura finanziaria in vista delle ormai prossime gare, ha ridotto consistentemente il risultato della gestione finanziaria. La gestione finanziaria derivante dalla propria operatività, ha visto un netto miglioramento nel bimestre post fusione, grazie alla riorganizzazione delle procedure di gestione e alla disponibilità delle risorse derivanti dalla fusione stessa. La fusione ha inoltre permesso di utilizzare le perdite pregresse delle società fuse, sulle quali, per motivi prudenziali, non si erano contabilizzate imposte anticipate. Contesto di riferimento e sviluppo della concorrenza nei settori di interesse della societa La società, oltre a seguire costantemente l evoluzione normativa delle attività che gestisce, segue anche agli sviluppi normativi e di mercato inerenti le attività delle società controllate. Le modifiche normative intervenute nel corso del biennio trascorso e l annunciata approvazione dei decreti attuativi di norme già in vigore, potrebbero avere un forte impatto sulle attività gestite dalle società controllate. La diversa fonte normativa ha determinato la ripartizione dei servizi pubblici in servizi soggetti alle disposizione dell art. 23 bis del D.L. 112/08, convertito nella Legge 133/08 e smi, e servizi esclusi dall ambito di applicazione di questa norma di legge. A questi occorre aggiungere le attività liberalizzate che sono le attività tipiche gestite dalla società. Si tratta di attività liberalizzate ma sottoposte comunque al controllo e verifica del settore statale ed in particolare delle Autorità competenti (AEEG) che regolamentano, tramite apposite delibere, l intero settore. Il 2010 è stato caratterizzato da un mercato nazionale a due velocità: lo sviluppo del mercato elettrico più avanzato e quello del gas ancora in ritardo rispetto al livello di liberalizzazione raggiunto nel resto dell Europa. Per quanto concerne la concorrenza con cui Gelsia si è dovuta confrontare, va evidenziato come nel 2010 ci siano stati segnalati frequenti casi di venditori di altre società, anche di 12

14 Gelsia Srl Relazione sulla gestione primari operatori nazionali, che promettevano offerte apparentemente molto vantaggiose, senza però fornire informazioni veritiere circa la reale economicità dei prezzi, gli sconti proposti ed il loro rapporto con Gelsia. A tutela propria e dei propri Clienti, vittime di similari scorrettezze commerciali, Gelsia ha promosso un procedimento legale nei confronti di una di queste Società e delle di lei Agenzie, ottenendo un provvedimento dal Giudice del Tribunale di Desio che, avendo accertata la sussistenza di un attività di concorrenza sleale per sviamento di clientela con mezzi indebiti, ha ordinato a tali Società di attenersi ad una condotta commerciale più corretta verso gli utenti finali/clienti, imponendo alle stesse una precisa e dettagliata informazione, ed invitando le medesime ad astenersi da comportamenti che possano, in qualunque modo, creare confusione tra Gelsia e altre società alla stessa concorrenti. Peraltro, tale provvedimento, a riprova dell illegittimità dei sopra citati comportamenti, è stato integralmente confermato, in sede di appello, dal Tribunale di Monza. Nel prossimo futuro la concorrenza sul mercato domestico si farà sempre più pressante. Infatti tutti i grandi operatori si stanno attrezzando anche con negozi o comunque reti di vendita capillari e, nel contempo, stanno investendo molto sul proprio brand. La nostra società, seppur in un territorio piccolo, dispone già di un organizzazione capillare di sportelli disponibili per la clientela; si sta lavorando per renderli meglio riconoscibili in modo da veicolare il brand Gelsia e per implementare i prodotti offerti. Per vincere le sfide della concorrenza e continuare a crescere è necessario che i soci utilizzino SINIT Srl anche per lanciare nuovi prodotti e far conoscere il proprio brand. La vendita di gas metano Si tratta di un settore completamente liberalizzato da diversi anni, ma che è comunque soggetto al controllo dell Autorità competente (AEEG) che definisce, per i consumi domestici, anche una tariffa di riferimento che le società di vendita sono obbligate ad offrire. Il settore è molto influenzato dalla capacità di offerta proveniente dall estero e risente degli eventi politico economico internazionali, in quanto i produttori di gas metano non sono molti e la capacità di trasporto degli impianti necessita di molto tempo per poter essere incrementata. 13

15 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 Il mercato nazionale del gas è ancora saldamente in mano di Eni che controlla l 84,5 % della produzione nazionale e direttamente e indirettamente oltre il 60% delle importazioni. A quasi dieci anni dalla liberalizzazione solo l 8% delle famiglie e il 2% delle aziende piccole ha cambiato fornitore. Anche in questo caso lo scenario nazionale trova conferma in quello gestito da Gelsia Srl. Per potersi garantire l approvvigionamento, il Gruppo, tramite AEB SpA, ha deciso di partecipare ad un importante progetto aggregativo che si è realizzato con la costituzione di Sinergie Italiane Srl, società che in tre anni è riuscita a guadagnarsi una posizione di rispetto nel mercato italiano ed Europeo, proponendosi come partner affidabile per i più importanti produttori di gas metano. Il mercato nazionale ha visto negli ultimi anni l ingresso di nuovi attori e di imprese estere che, avendo del metano a disposizione, sono prima entrati come fornitori grossisti ed, in un secondo momento, hanno iniziato a fornire direttamente le imprese e famiglie. La crisi economica perdurante ed una buona disponibilità di gas metano sul mercato italiano, ha permesso di migliorare, per l intero settore, i margini delle società di vendita, determinando, nel contempo, un maggior interesse da parte dei più importanti operatori internazionali. Nell ultimo anno molte società importanti hanno offerto, con consistenti investimenti pubblicitari, nuovi prodotti sia per il mercato delle piccole imprese sia per la clientela domestica. I prodotti offerti hanno tutti le stesse caratteristiche: offerta dual fuel o offerta tariffe costanti. Anche la nostra società ha lanciato prodotti similari con buoni risultati di tenuta sui clienti tradizionali e sulla nuova clientela. La vendita di energia elettrica Come è noto anche il mercato elettrico al dettaglio è libero dal luglio 2007, anche se permangono differenze tra le categorie di clienti, in termini di forza contrattuale ed entità dei consumi, che si traducono poi in differenti possibilità di trarre vantaggio dai meccanismi 14

16 Gelsia Srl Relazione sulla gestione di mercato. I clienti domestici passati al mercato libero dal 1 luglio 2007 al 30 settembre 2010 sono il 12,9% del totale, mentre per quanto riguarda le piccole imprese, ad oggi circa il 34,7% sono servite a condizioni di mercato libero. Tale scenario rispecchia il portafoglio clienti gestito da Gelsia, la quale alla fine del 2010 ha messo a punto un prodotto competitivo anche per il settore domestico, prima di allora gestito solo nel mercato di maggior tutela. Contrariamente al gas metano, il mercato finale è diviso in tre settori: il libero mercato, il mercato di maggior tutela ed il mercato della salvaguardia. Il mercato della salvaguardia permette di garantire l approvvigionamento anche a clienti che non trovano fornitori sul mercato libero e non rientrano nel mercato della maggior tutela. Questo mercato viene assegnato con procedure concorsuali e vi operano generalmente imprese già presenti sul mercato libero. Il mercato a maggior tutela garantisce i clienti che non vogliono far ricorso al mercato libero ed è gestito da imprese di distribuzione elettriche e/o loro aziende di vendita facenti parti del Gruppo. L approvvigionamento è garantito dall Acquirente Unico, società controllata dallo Stato, che ha come obiettivo approvvigionare questo mercato a prezzi competitivi. La Vostra società gestisce il servizio di maggior tutela per la sola città di Seregno; si tratta quindi di un mercato che vede i volumi ridursi progressivamente in quanto la clientela viene sempre più allettata dalle offerte presenti sul mercato libero. Il mercato libero esiste ormai da oltre un decennio ed ha visto una progressiva crescita passando dal mercato delle industrie al mercato domestico. Il mercato elettrico al dettaglio è totalmente libero dal luglio 2007, anche se permangono differenze tra le categorie di clienti, in termini di forza contrattuale ed entità dei consumi, che si traducono poi in differenti possibilità di trarre vantaggio dai meccanismi di mercato. I clienti domestici passati al mercato libero dal 1 luglio 2007 al 30 settembre 2010 sono il 12,9% del totale, mentre per quanto riguarda le piccole imprese, ad oggi circa il 34,7% sono servite a condizioni di mercato libero. Tale scenario rispecchia il portafoglio clienti gestito da Gelsia Srl, la quale, alla fine del 2010, ha messo a punto un prodotto competitivo anche per il settore domestico, prima di allora gestito solo nel mercato di maggior tutela. Nell ultimo anno molte società importanti hanno offerto, con consistenti investimenti pubblicitari, nuovi prodotti sia per il mercato delle piccole imprese sia per la clientela domestica. I prodotti offerti hanno tutti le stesse caratteristiche: offerta dual fuel, offerta tariffe costanti ed eliminazione delle fasce orarie per la clientela domestica. Nel 2010 la nostra società ha lanciato dei nuovi prodotti anche dedicati alle famiglie per poter offrire energia elettrica a tutti i clienti gas metano già forniti ed a nuovi clienti. La cogenerazione, il teleriscaldamento e la gestione calore La cogenerazione ed il teleriscaldamento, soprattutto se realizzata con combustibili tradizionali, dopo aver goduto di provvidenze pubbliche, che hanno permesso la realizzazione di importanti impianti a servizio delle città, sta vivendo un periodo difficile proprio per la mancanza di provvidenze pubbliche. Tutti gli operatori stanno sperimentando le nuove opportunità date dalle fonti rinnovabili che, grazie alle provvidenze pubbliche, permettono ritorni interessanti. I temi delle energie rinnovabili e dell efficienza energetica sono destinati a giocare un ruolo 15

17 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 sempre meno marginale per la strategia del settore Utilities. La politica derivante dal pacchetto legislativo (-20% gas serra, +20% efficienza energetica, +20% rinnovabili) chiede ai mercati energetici di incrementare la propria sostenibilità e di partecipare attivamente alla riduzione dei consumi, anche a scapito dei propri profitti. Sul supplemento ordinario n. 81 alla G.U.R.I. n. 71, è stato pubblicato il Decreto Legislativo n. 28 di Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili. Questo provvedimento introduce nel settore Energy numerosi elementi di novità, in particolare per quanto riguarda: autorizzazione ed incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili reti elettriche rete del gas naturale reti di teleriscaldamento e teleraffrescamento incentivi per l efficienza energetica Il nuovo decreto apre importanti opportunità sia per la cogenerazione con fonti rinnovabili (soprattutto microcogenerazione) sia nella gestione calore abbinata ad offerte di rinnovo impianti che permettano efficienza energetica. Il decreto dovrebbe permettere anche una semplificazione delle procedure amministrative che molti ritardi hanno determinato nella realizzazione di nuovi impianti, grazie all autorizzazione unica ed alle altre procedure semplificate introdotte. La società si trova nelle condizioni ottimali per sviluppare queste attività anche grazie all integrazione realizzata con la fusione. Linee di sviluppo aziendale Le linee di sviluppo della società non possono che essere quelle del Gruppo e, per facilitarne i processi decisionali, si è reso necessario definire un regolamento di direzione e coordinamento, che individua le aree da gestire in modo coordinato nell interesse di ogni società e del gruppo nel suo complesso. In particolare, le aree oggetto di coordinamento di AEB SpA su Gelsia Srl sono: a) indirizzi di posizionamento del gruppo nel settore di appartenenza, alleanze strategiche ed operative, Joint venture, protocolli d intesa, accordi societari pluriennali; b) indirizzi per l acquisizione e la cessione di partecipazioni, di aziende o di rami d azienda, la costituzione e il trasferimento di diritti reali di godimento o il rilascio di garanzie su aziende e loro rami, l emissione di obbligazioni e titoli similari, l acquisto e la vendita di obbligazioni e titoli similari, le operazioni straordinarie in genere (fusione, scissione, scorporo, etc.), la costituzione e partecipazione a società di qualsiasi tipo; c) indirizzi generali per il Budget annuale (e i relativi avanzamenti infrannuali) e pluriennale ed i relativi piani di investimenti e disinvestimenti, le loro variazioni e le modalità di finanziamento; d) indirizzi generali per la redazione dei progetti di bilancio d esercizio annuali ed i progetti stessi. Quelle di Gelsia Srl sulle Società di business sono: a) indirizzi generali di gestione, piani operativi e le relative variazioni; 16

18 Gelsia Srl Relazione sulla gestione b) indirizzi generali per il Budget annuale (e i relativi avanzamenti infrannuali) e pluriennale ed i relativi piani di investimenti e disinvestimenti, le loro variazioni e le modalità di finanziamento; c) indirizzi generali per la redazione dei progetti di bilancio d esercizio annuali ed i progetti stessi; d) indirizzi generali per l assunzione di attività/servizi e la definizione delle relative condizioni, per la partecipazione a gare, per l assunzione di attività/servizi e la definizione delle relative condizioni per la partecipazione; e) indirizzi generali per l assunzione e/o modificazione dei contratti relativi alla gestione di attività/servizi; f) indirizzi generali in ipotesi di istituzione di filiali, agenzie, succursali e uffici di rappresentanza; g) indirizzi generali in tema di personale, acquisti, appalti ed assicurazioni. A seguito della fusione la società è passata da un coinvolgimento indiretto nei settori di business del Gruppo demandati alle società di business alla gestione diretta di una parte consistente delle attività del Gruppo. Per la vendita di gas metano, il Gruppo aveva già perfezionato accordi strategici in collaborazione con AEB SpA (socio di controllo del Gruppo), confermando la partecipazione in SINIT Srl come società dedicata all acquisto del gas metano necessario per il Gruppo. La società dispone di una quota di gas metano (circa il 20%) da ricercare sul mercato. Nei tre anni di gestione, SINIT Srl si è molto rafforzata sia nel mercato nazionale sia nei mercati internazionali. La società è considerata un interlocutore serio dai maggiori operatori di settore ed ha raddoppiato in tre anni i volumi venduti. L approvvigionamento da SINIT è certamente un punto di riferimento, unitamente ad un efficiente organizzazione di vendita e gestione dei clienti, per poter garantire il mantenimento e lo sviluppo dei fatturati raggiunti. Per le vendite di energia elettrica, non si è ancora concretizzato un accordo strategico con altri operatori, anche se in questo campo la stessa SINIT Srl potrebbe essere utile in quanto alcuni soci della stessa sono importanti produttori di energia elettrica. In attesa di futuri accordi, si sta componendo un efficiente settore supply per sviluppare le vendite, migliorando i margini e acquistando a condizioni economiche convenienti. I risultati di quest azione sono visibili già nei dati del Dalla fusione il settore ha incrementato i propri compiti perché deve vendere al meglio la produzione degli impianti della società e ottimizzare la gestione della clientela, per ridurne i costi e fidelizzare la stessa. Il settore tecnico acquisito con la fusione di Gelsia Calore Srl, liberato dalle incombenze amministrative, si sta dedicando con sempre maggiore efficienza alla produzione dell energia termica ed elettrica. Contemporaneamente, sta sviluppando l offerta di gestione calore a terzi e la realizzazione di nuovi impianti, soprattutto sul fronte delle rinnovabili. Nel corso del 2011 si darà corso ad un analisi dei singoli processi utilizzando a supporto società specializzate, al fine di soddisfare gli impegni, sempre più stringenti, posti dall AEEG, ed incrementarne efficienza e produttività per liberare risorse da dedicare allo sviluppo delle attività gestite. 17

19 Gelsia Srl Bilancio esercizio 2010 Sviluppo della domanda La società opera essenzialmente nella vendita di gas metano ed energia elettrica, cogenerazione, teleriscaldamento e gestione calore; offre, inoltre, prestazioni amministrativogestionali soprattutto alle altre società del Gruppo. Vendite gas metano L esercizio si è caratterizzato per un ulteriore incremento dei volumi di gas venduto, riconducibile all attività di vendita al di fuori dei territori e all inverno rigido. L insistente azione commerciale condotta sui nostri territori da diversi competitor è stata comunque bilanciata dall acquisizione di nuovi clienti. Il margine di contribuzione lordo di settore ha subito un incremento consistente ( migliaia di Euro), dovuto alle migliori condizioni di acquisto del gas metano realizzate sia da SINIT Srl sia direttamente dalla Vostra società e all incremento dei quantitativi venduti (22 milioni di metri cubi). Si ricorda inoltre che Gelsia Energia Srl aveva pagato maggiori costi di acquisto (circa 1,5 milioni di euro) per supero della capacità giornaliera impegnata, a causa di un evento climatico straordinario. Di seguito, si riporta la tabella del Margine di contribuzione lordo relativo alle vendite gas metano confrontato con quello dell esercizio precedente della società fusa. DATI FISICI % Mc/000 % Mc/000 % Mc/000 DATI ECONOMICI % Euro % Euro % Euro La tabella comprende anche i ricavi e costi per acquisto del gas metano consumato dagli impianti della società che, ai fini espositivi di bilancio, vengono annullati tra la voce A1 e B06. Vendite energia elettrica Il dato 2010 evidenzia un sostanziale mantenimento del mercato a maggior tutela ed un consistente incremento delle vendite sul mercato libero ( Mwh). L incremento dei margini, consistente in +777 mila euro, si è determinato grazie all acquisto del fabbisogno dei clienti quale mix di contratti bilaterali e operazioni in borsa. Di seguito, si riporta la tabella del Margine di contribuzione lordo relativo alle vendite di energia elettrica confrontato con quello dell anno precedente della società fusa. 18

20 Gelsia Srl Relazione sulla gestione DATI FISICI % Mwh % Mwh % Mwh DATI ECONOMICI % Euro % Euro % Euro La tabella comprende anche i ricavi e costi per acquisto del gas metano consumato dagli impianti della società che, ai fini espositivi di bilancio, vengono annullati tra la voce A1 e B06. Settore cogenerazione La società è proprietaria di due impianti installati sul territorio di Seregno. Il primo è installato presso il Centro Sportivo Cav U. Trabattoni ed è un impianto cogenerativo di piccola taglia che, oltre a produrre energia elettrica, fornisce calore al Centro stesso. Il secondo, installato nei pressi del cimitero cittadino, ha dimensione più importanti e, oltre a produrre energia elettrica, fornisce calore ad oltre il 10% della popolazione cittadina e vapore ad un importante industria locale. Di seguito, si riporta la tabella del Margine di contribuzione lordo relativo alle vendite di energia elettrica confrontato con quello dell anno precedente della società fusa. DATI FISICI (in migliaia) % /000 % /000 % /000 DATI ECONOMICI (in migliaia) % Euro % Euro % Euro 19

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli