GLI INVESTIMENTI ITALIANI NELL EST EUROPEO: PROFILI LEGALI E TRIBUTARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI INVESTIMENTI ITALIANI NELL EST EUROPEO: PROFILI LEGALI E TRIBUTARI"

Transcript

1 GLI INVESTIMENTI ITALIANI NELL EST EUROPEO: PROFILI LEGALI E TRIBUTARI a cura di Gian Franco Borio Una prima versione dei contributi raccolti in questo volume è stata presentata nell omonimo Convegno organizzato dalla Scuola di Specializzazione in Discipline Bancarie dell Università di Siena, Certosa di Pontignano (Siena), 30 giugno 1995.

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA (rivista quadrimestrale) Quaderni 2 Supplemento n. 1 al n. 1/1998 Direttore Responsabile: Duccio Guasparri Redazione: c/o Banca Toscana, Via Pancaldo 4, Firenze Telefono Telefax Autorizzazione del Tribunale di Firenze n del Spedizione in Abbonamento postale Comma 34 Art. 2 Legge n. 549 Firenze 1998, Banca Monte dei Paschi di Siena SpA - Siena 1997, Banca Toscana - Firenze

3 SOMMARIO Introduzione pag. 7 PARTE PRIMA Sintesi dei sistemi legali e tributari dei singoli paesi » 7 Capitolo primo Repubbliche Ceca e Slovacca » Introduzione generale » Disposizioni valutarie » Il diritto societario locale » Contratto di agenzia-brevetti » Il sistema fiscale ceco » 22 Capitolo secondo Polonia » Introduzione generale » Panorama normativo » Le norme sulla privatizzazione delle imprese » Il diritto societario locale » Il sistema tributario polacco » La normativa in materia di investimenti esteri » 33 Capitolo terzo Romania » Introduzione generale » Il diritto societario locale » Tutela della proprietà industriale » Il sistema tributario rumeno » La normativa in materia di investimenti esteri » 43 Capitolo quarto Ungheria » Introduzione generale » Disposizioni valutarie » Il diritto societario locale » Il sistema tributario ungherese » La normativa in materia di investimenti esteri » 55 3

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/2 PARTE SECONDA La variabile fiscale: profili di diritto tributario internazionale» 57 Capitolo primo La pianificazione fiscale internazionale pag La nozione di «International tax planning» » Strumenti operativi: le convenzioni contro le doppie imposizioni » «Treaty» e «Rule shopping» » I fattori extra fiscali » Le norme italiane » 64 Capitolo secondo La tassazione in Italia dei redditi prodotti all estero da soggetti residenti » Principio generale » Le eccezioni alla tassazione globale » Le norme sul reddito di impresa » Le norme anti-paradisi fiscali » La conversione dei redditi esteri in valuta italiana » L ILOR ed i redditi prodotti all estero - l IRAP » Il credito d imposta per i redditi prodotti all estero » 74 Capitolo terzo La convenzione contro le doppie imposizioni fra Italia e Cecoslovacchia » Ambito di applicazione » La stabile organizzazione » I redditi immobiliari » Utili delle imprese e di capitali » Dividendi » Interessi e «royalties» » Redditi di lavoro autonomo e dipendente » Metodi per evitare le doppie imposizioni » Disposizioni finali » 84 Capitolo quarto La convenzione contro le doppie imposizioni fra Italia e Polonia » Ambito di applicazione » La stabile organizzazione » I redditi immobiliari » Utili delle imprese e di capitali » Dividendi » Interessi e «royalties» » Redditi di lavoro autonomo e dipendente » Metodi per evitare le doppie imposizioni » Norme finali » 91 Capitolo quinto La convenzione contro le doppie imposizioni fra Italia e Romania » Ambito di applicazione » 93 4

5 GIAN FRANCO BORIO, GLI INVESTIMENTI ITALIANI NELL EST EUROPEO: PROFILI LEGALI La stabile organizzazione pag I redditi immobiliari » Utili delle imprese e di capitali » Dividendi » Interessi e «royalties» » Redditi di lavoro autonomo e dipendente » Metodo per evitare le doppie imposizioni » Disposizioni finali » 98 Capitolo sesto La convenzione contro le doppie imposizioni fra Italia e Ungheria » Ambito di applicazione » La stabile organizzazione » I redditi immobiliari » Utili delle imprese e di capitali » Dividendi, interessi e canoni » Redditi di lavoro autonomo e dipendente » Metodi per evitare le doppie imposizioni » Norme finali » 105 Indicazioni bibliografiche » 107 5

6 6

7 INTRODUZIONE Il crescente interesse degli operatori economici e commerciali italiani verso i mercati dell Europa orientale si giustifica con i recenti mutamenti storico-politici avvenuti in quei paesi, e con le enormi potenzialità di sviluppo per investimenti di un certo spessore qualitativo e quantitativo. In realtà, già in passato i rapporti con l Est erano frequenti, ma si trattava di solito di contatti episodici, esperienze singole e frammentarie, finalizzate ad obiettivi limitati e contingenti (vendite di merce in eccedenza, rifornimenti di materie prime e così via). I pesanti vincoli valutari, le diverse impostazioni commerciali, oggettivi ostacoli tecnici, anzitutto di comunicazione e di «comunicativa», rendevano effettivamente molto difficili relazioni durature e di ampio respiro, salve eccezioni tanto macroscopiche quanto irripetibili (come il caso FIAT, per rimanere in Italia). Tutto questo è cambiato nel giro di pochi anni, a partire dai profondi sconvolgimenti politici del 1989, e sta tuttora cambiando. Gli orizzonti economici dei paesi dell Est si sono improvvisamente dischiusi agli imprenditori del mondo «capitalista», primi fra tutti gli europei, e ormai le iniziative nei più diversi settori economici si moltiplicano. Rimangono certo non poche barriere, specie sotto i profili valutari e doganali, ma è un dato di fatto che le legislazioni degli Stati ex comunisti si sono profondamente rinnovate e sono ora tranquillamente intellegibili agli occhi degli operatori occidentali e dei loro consulenti. Nonostante che rischi e incertezze permangano per alcuni paesi, per altri il grado di «affidabilità commerciale» è senza dubbio soddisfacente, a prescindere, è ovvio, dalla convenienza e dal buon esito del singolo investimento. Il profilo della «sicurezza» è in effetti il più delicato e meritevole di attenta riflessione (preventiva!) per l imprenditore italiano; occorre una attenta pianificazione dell investimento, l assistenza sul campo di esperti, il continuo controllo di ogni fase di realizzazione: solo così si potrà minimizzare il rischio di impresa, componente peraltro essenziale ed ineliminabile di qualsiasi iniziativa economico-commerciale. 7

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/2 Questa Guida ha l ambizioso obiettivo di divenire un utile supporto per le imprese (non necessariamente di grandi dimensioni) che si affacciano sullo sconfinato orizzonte orientale e che necessitano di una prima (rapida, ma per quanto possibile completa) informazione sulla situazione delle legislazioni, innanzitutto societarie e tributarie, del paese o dei paesi in cui intendono localizzare i propri investimenti. Naturalmente, è stata operata una scelta, privilegiando quei paesi che, ad oggi, paiono più «gettonati» dai nostri investitori, vale a dire le repubbliche Ceca e Slovacca, la Polonia, la Romania e l Ungheria. Di qui una prima parte che cerca di analizzare, passandoli in rassegna, i principali sistemi normativi nati sulle ceneri dei previgenti regimi comunisti, con specifico riferimento appunto alle materie che più interessano l investitore straniero. Poi una seconda parte che mira a fornire una qualche indicazione di fiscalità internazionale, nonché ad illustrare le singole convenzioni contro le doppie imposizioni stipulate dall Italia con i paesi esaminati, onde evitare o almeno contenere quelle ingiuste penalizzazioni economiche che troppo spesso «la variabile fiscale» scarica sulle nostre aziende. Si impone comunque una fondamentale precisazione, valida per tutto quanto in questa Guida; trattandosi di Stati (o forse meglio, regimi) politicamente molto giovani, la rispettiva legislazione interna risulta a dir poco rapidamente mutevole nei suoi contenuti sostanziali, così come nella successiva effettiva applicazione da parte delle autorità locali. Analoga considerazione vale per i dati statistici via via forniti. È pertanto obbligatorio segnalare l esigenza di controllare, sul momento, eventuali (e anzi probabili) modifiche od aggiornamenti rispetto a quanto esposto nelle pagine che seguono. Per tale motivo l autore non può assumersi alcuna responsabilità circa la validità nel tempo delle informazioni contenute in questa Guida. Infine, circa i criteri espositivi, si è tentata una presentazione per quanto possibile omogenea fra i vari paesi, il che, data la (a volte) estrema frammentarietà dei dati disponibili non è riuscito che in minima parte. L autore desidera poi ringraziare i colleghi della Commissione Rapporti Internazionali del Consiglio Nazionale Ragionieri Commercialisti, nonché dell International Association of Practising Lawyers (IAPL) e dell International Association of Practising Accountants (IAPA), cui appartiene, per i preziosi materiali di lavoro messi a disposizione, nonché per l utile e serrato confronto sul campo, che hanno consentito la stesura del presente lavoro. 8

9 PARTE PRIMA SINTESI DEI SISTEMI LEGALI E TRIBUTARI DEI SINGOLI PAESI

10 10

11 CAPITOLO PRIMO REPUBBLICHE CECA E SLOVACCA 1. Introduzione generale Come noto, dal 1º gennaio 1993 la Cecoslovacchia si è scissa in due distinti Stati sovrani, le repubbliche Ceca e Slovacca, istituzionalmente organizzati con le rispettive capitali Praga e Bratislava. Ai fini di questa Guida si è ritenuto opportuno un esame congiunto delle due realtà geografiche, stante anche la loro evidente, ed ovvia, uniformità normativa. Per quanto attiene più specificatamente alla situazione istituzionale e politica, occorre ricordare come a partire dal novembre 1989, vale a dire dalla cessazione del regime comunista ivi instaurato fin dal 1948, la allora Cecoslovacchia avesse assunto le connotazioni tipiche di una democrazia occidentale pluripartitica, caratterizzata da un forte decentramento amministrativo, anche a livello municipale, e dall assegnazione della funzione legislativa ai Consigli Nazionali delle due repubbliche. La popolazione complessivamente residente è di circa 16 milioni di persone, di cui il 67 per cento vive entro i confini della repubblica Ceca, mentre il rimanente 33 per cento nella repubblica Slovacca. Tra le cosiddette ex repubbliche socialiste dell Europa orientale le repubbliche Ceca e Slovacca sono assieme all Ungheria, i paesi che con più rapidità hanno avviato un processo di riforme istituzionali, politiche ed economiche capaci di metterla nella condizione di beneficiare dei vantaggi dell integrazione in atto tra i vicini Stati membri della Comunità Economica Europea. Ne è prova l originaria appartenenza della ex Cecoslovacchia a tutte le maggiori organizzazioni internazionali quali l ONU, il Fondo Monetario Internazionale ed il GATT nonché lo status di membro associato della CEE riconosciuto alla ex Cecoslovacchia nel marzo del Il 16 dicembre 1991 la ex Cecoslovacchia (con la Polonia e l Ungheria) firmò con le Comunità Europee un accordo di associazione che prevedeva e disciplinava: 1) la cooperazione tra le parti, non solo economica, ma anche politica; 11

12 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/2 2) un periodo di transizione di dieci anni, suddiviso in due periodi di cinque anni ciascuno, durante il quale gli Stati associati dovranno completare il passaggio ad un sistema di economia di mercato (premessa indispensabile, per un eventuale adesione alla CEE); 3) l instaurazione, entro dieci anni, di un area di libero scambio tra la CEE e gli Stati associati per i prodotti industriali, agricoli e della pesca. A tal proposito va evidenziato che mentre la liberalizzazione relativa alle esportazioni nella CEE da uno Stato associato è stabilita con decorrenza immediata (abolizione delle restrizioni quantitative) o entro cinque anni (eliminazione dei dazi doganali), quella relativa alle importazioni di provenienza CEE deve avvenire in modo più graduale da parte dello Stato associato; 4) il principio di non discriminazione in materia di circolazione dei lavoratori; 5) la cooperazione economica tra la CEE e gli Stati associati relativamente alla protezione degli investimenti, alla collaborazione scientifica e tecnologica, all istruzione, al settore dell energia (in particolare quella nucleare), ai servizi bancari, assicurativi e finanziari (programma PHARE e BERS). Fondamentale, per l investitore estero, conoscere fin da subito i vari tipi di privatizzazione esistenti, in quanto sono i veri veicoli per una stabile penetrazione sul mercato locale. A parte infatti la Legge 21 febbraio 1991, relativa alla restituzione dei beni confiscati dal regime comunista fra il 1948 ed il 1950, vi sono fondamentalmente due tipi di procedure. La prima è prevista dalla Legge n. 427/90 (in vigore il 1º dicembre 1990), cosiddetta «legge sulla piccola privatizzazione». Obiettivo di tale legge è la cessione a persone fisiche o giuridiche delle piccole aziende che operano nei settori del commercio, della produzione e dei servizi (quali ristoranti, negozi, piccole aziende manifatturiere), fatta eccezione per il settore dell agricoltura, di proprietà dello Stato o gestite da imprese statali. Tali aziende vengono messe all asta unitamente alle merci che si trovino eventualmente in magazzino: le persone fisiche o le società straniere hanno diritto di acquisire un azienda oggetto della legge sulla piccola privatizzazione dopo che, al primo turno, l asta sia risultata infruttuosa. La seconda, più complessa, è regolata dalla Legge 26 febbraio 1991 (in vigore dal 1º aprile 1991), per le cosiddette «grandi privatizzazioni»; tale legge disciplina le condizioni e le procedure per la trasformazione delle imprese statali ed a partecipazione statale in imprese private. La cessione può avvenire a favore di persone fisiche e giuridiche tanto cecoslovacche quanto straniere. L ambito di applicazione della legge ha peraltro carattere residuale, trovando applicazione solo nell ipotesi in cui il trasferimento non sia regolato dalla legge sulla piccola privatizzazione. Il trasferimento di proprietà avviene in base al progetto di privatiz- 12

13 GIAN FRANCO BORIO, GLI INVESTIMENTI ITALIANI NELL EST EUROPEO: PROFILI LEGALI... zazione redatto a seguito dell esame di un insieme di informazioni economiche, tecnologiche e patrimoniali dell azienda. In tale progetto viene stabilita la parte di patrimonio che non può essere utilizzata a fini imprenditoriali (debiti non liquidi, immobilizzazioni non utilizzabili, giacenze inutili), viene effettuata una valutazione dell azienda, stabilite le modalità di trasferimento della stessa nonché le forme e condizioni di pagamento nel caso di vendita. I progetti sono proposti solitamente dall impresa oggetto della privatizzazione, ma anche i terzi interessati all acquisto dell azienda possono preparare un progetto di privatizzazione. I progetti così redatti devono essere sottoposti all esame ed approvazione del Ministro Federale delle Finanze o dei Ministri per la privatizzazione delle repubbliche Ceca e Slovacca, a seconda del caso. La legge prevede due distinte procedure di privatizzazione: la prima è costituita dalla vendita diretta dell azienda (intesa come complesso di beni finalizzati all esercizio dell impresa) agli investitori nazionali od esteri. La vendita avviene solitamente a mezzo asta pubblica, al fine di permettere alle Autorità competenti di controllare che l azienda non venga venduta al di sotto del prezzo di mercato. Diversamente, sarà necessaria l autorizzazione da parte del rispettivo Governo delle repubbliche Ceca o Slovacca. Un secondo metodo di privatizzazione si ha con la trasformazione dell impresa in una società per azioni od in una società a responsabilità limitata, le cui azioni saranno successivamente vendute ai privati. 2. Disposizioni valutarie Il lento processo verso la piena convertibilità della valuta nazionale è passato attraverso due distinte fasi. La prima con la Legge valutaria n. 528 del 1990, in vigore fino a tutto il settembre 1995, di cui è opportuno accennare taluni profili ancora vigenti, specie nella repubblica Slovacca. Soggetti a questa legge erano le persone fisiche residenti nella ex Cecoslovacchia nonché le società che qui avevano la loro sede. Le banche e le casse di risparmio cecoslovacche potevano acquisire, vendere e compiere operazioni finanziarie in valuta estera nei limiti stabiliti dall autorizzazione della Banca Statale Centrale (articolo 7). I pagamenti in valuta che i soggetti cecoslovacchi effettuavano verso altri Stati erano gestiti principalmente attraverso conti tenuti in corone al fine di evitare che la valuta straniera circolasse in quantità eccessiva nel mercato interno. Tuttavia, a tale regola era stata posta un eccezione per i conti in valuta estera il cui utilizzo da parte di persone giuridiche e fisiche fosse disciplinato in maniera parzialmente difforme. Stabiliva infatti l articolo 14 della legge valutaria vigente che una persona giuridica di diritto cecoslovacco poteva adempiere le prestazioni monetarie nei confronti di soggetti non residenti, sia in valuta locale che in valuta 13

14 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/2 estera e senza alcun permesso valutario. Tali operazioni erano comunque subordinate alla disponibilità dei relativi mezzi, in valuta locale od estera, presso un istituto finanziario valutario. Per quanto attiene più specificatamente ai mezzi in valuta cecoslovacca, l articolo 14.2 faceva espresso divieto alle persone giuridiche di utilizzare gli stessi per i) l acquisto di immobili all estero; ii) l acquisto di valori esteri e iii) l accettazione di un credito di mezzi valutari da un soggetto non residente. Analogamente l articolo 23 della medesima legge prevedeva la facoltà per la persona fisica residente di compiere transazioni finanziarie all estero in valuta senza alcun permesso valutario, a condizione che a tal fine utilizzasse i seguenti mezzi: a) mezzi valutari ottenuti su di un conto presso l istituto monetario valutario; b) mezzi valutari che l istituto monetario valutario era obbligato a vendere alla persona fisica in cambio di valuta locale ai sensi degli articoli 20 e 21 della medesima legge; c) i mezzi valutari che l istituto valutario aveva rifiutato di acquistare, rilasciando alla persona fisica un corrispondente certificato; d) i mezzi valutari ottenuti durante un soggiorno all estero. Qualsiasi transazione realizzata con mezzi diversi da quelli sopra indicati doveva essere autorizzata dall autorità valutaria competente. Il 1º ottobre 1995 è entrata in vigore, nella repubblica Ceca, una nuova normativa, senz altro meglio rispondente alle esigenze di una medesima economia di mercato. L aspetto di maggiore rilevanza per gli investitori esteri concerne le condizioni per l acquisizione degli immobili siti nella repubblica Ceca da parte degli stranieri. La nuova legge, infatti, modifica quella precedente in maniera sostanziale e piuttosto rilevante. Fino al 30 settembre 1995, vigeva infatti per tutti gli stranieri (intesi come aventi la residenza o la sede al di fuori dal territorio nazionale) il divieto di acquisire gli immobili nel territorio dello Stato, salvo alcune eccezioni. La nuova legge valutaria richiede per l acquisizione degli immobili almeno una delle seguenti condizioni: la residenza nella repubblica Ceca (senza considerare la cittadinanza della persona); oppure il possesso della cittadinanza ceca (prescindendo dalla residenza della persona). La legge valutaria, a differenza da quella precedente, permette, quindi, la libera acquisizione immobiliare anche agli stranieri che non siano in possesso della cittadinanza ceca. La proprietà degli immobili può essere inoltre trasferita agli stranieri per successione mortis causa, od ancora, in seguito a celebrazione di matrimonio con un cittadino ceco, quando trovi applicazione il regime patrimoniale della comunione dei beni fra i coniugi. 14

15 GIAN FRANCO BORIO, GLI INVESTIMENTI ITALIANI NELL EST EUROPEO: PROFILI LEGALI... La nuova legge valutaria introduce, per la prima volta, il termine «investimento diretto», anche se questi investimenti non vengono assoggettati ad interventi e controlli da parte dello Stato. Una definizione precisa di questa forma di investimento si rende necessaria e per un applicazione corretta della legge, e per poterla distinguere dagli altri investimenti. Dal punto di vista degli investimenti stranieri nella repubblica Ceca, viene definito «investimento diretto» ogni investimento di capitale (monetario o meno) che determini l acquisizione o l allargamento dei rapporti commerciali degli stranieri nella repubblica Ceca, nel rispetto dei modi e dei limiti stabiliti dalla legge. L investimento diretto effettuato dal soggetto straniero può consistere, quindi, nell acquisizione della partecipazione maggioritaria di un impresa locale (per alcuni tipi di attività si può trattare anche solo del 10 per cento della partecipazione straniera), oppure, ancora, nell apertura di credito avente scadenza superiore ai cinque anni, concessa nell ambito di un gruppo di soggetti residenti e stranieri fra di loro collegati (come per esempio il credito concesso dalla società madre estera alla filiale locale). Mentre fino al 30 settembre 1995 venivano sottoposti a controllo da parte dello Stato tutti gli investimenti stranieri tranne quelli provenienti dai paesi dell Unione Europea, secondo la nuova legge valutaria non viene più richiesta nessuna approvazione. 3. Il diritto societario locale Il moderno diritto commerciale, ed in particolare societario, ceco si fonda sul Codice di commercio di cui alla Legge n. 513 del 5 novembre 1991, di chiaro stampo occidentale tanto nella forma che nella sostanza normativa. Oggi il sistema locale conosce cinque tipi di società per le quali è previsto l obbligo di registrazione nell apposito Registro delle Società: si tratta delle società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita semplice, società in nome collettivo, società cooperativa. Le forme più diffuse e certamente più consigliabili all investitore italiano sono la SRL e la SpA, che si passano quindi ad esaminare in dettaglio La società per azioni La società per azioni (Akciovà spolecnost, abbreviata AS) è regolata dagli articoli 154 e segg. del codice di commercio ed è caratterizzata da un capitale sociale costituito dal valore complessivo delle azioni con il quale la società risponde delle proprie obbligazioni verso i terzi. L azione è espressamente definita (articolo 155) un titolo di credito che incorpora i diritti del titolare a partecipare alla gestione della 15

16 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/2 società ed alla ripartizione degli utili, nonché del residuo attivo in caso di liquidazione. La legge prevede tanto azioni al portatore che nominative e tipologie specifiche quali azioni ai dipendenti, privilegiate e di massa; la società per azioni può altresì emettere obbligazioni, se previste dallo statuto, anche convertibili in azioni nei termini stabiliti e comunque per un ammontare non superiore alla metà del capitale sociale. Quanto alla costituzione della società, l articolo 162 del codice impone almeno due soci se persone fisiche, mentre una persona giuridica può da sola costituire validamente una nuova società per azioni. Il capitale minimo è di di corone ceche e va interamente sottoscritto all atto della costituzione, nonché versato per almeno il 30 per cento del suo ammontare per poter iscrivere la società nel Registro commerciale del competente tribunale. Di solito la costituzione avviene senza invito a pubbliche sottoscrizioni, quindi per atto notarile fra i soci fondatori, al quale viene allegato lo statuto che contiene tutte le regole di svolgimento della vita sociale. Organo principale della società è naturalmente l assemblea, da convocarsi da parte degli amministratori almeno una volta all anno, entro otto mesi dalla chiusura di ogni esercizio. Il relativo avviso va spedito agli azionisti trenta giorni prima della data dell assemblea e, se vi sono azioni al portatore, va altresì pubblicato nel medesimo termine su almeno due giornali quotidiani a diffusione nazionale, salve diverse modalità previste dallo statuto. Di regola si delibera a maggioranza dei voti presenti, ma la legge o lo statuto possono imporre un più elevato quorum; ad esempio delibere a carattere straordinario come la modifica dello statuto necessitano della maggioranza dei due terzi degli azionisti presenti. L organo esecutivo della società è il consiglio di amministrazione eletto dall assemblea, cui spettano tutte le prerogative che la legge, lo statuto od eventuali specifiche delibere non riservano all assemblea medesima. Agli amministratori si applicano le norme in materia di divieto di concorrenza e di incompatibilità con la carica di controllore della società. Esiste infatti l organo obbligatorio di controllo, denominato «consiglio di sorveglianza», con funzioni analoghe al nostro collegio sindacale. In particolare esso deve vigilare sulle attività degli amministratori e sulla gestione in genere, potendo esaminare tutti i documenti ed i libri sociali. Si compone di almeno tre membri, nominati dall assemblea, ma se la società ha più di cinquanta dipendenti a tempo pieno, almeno un terzo dei controllori deve essere designato dai dipendenti stessi. L incarico dura per il periodo sancito dallo statuto, comunque per non più di cinque anni. 16

17 GIAN FRANCO BORIO, GLI INVESTIMENTI ITALIANI NELL EST EUROPEO: PROFILI LEGALI La società a responsabilità limitata Il Codice di commercio disciplina la società a responsabilità limitata agli articoli da 105 a 153, definendola una persona giuridica il cui capitale sociale è costituito dai conferimenti stabiliti in anticipo dai soci. La Spolecnost s rucenìm omezenym (tradizionalmente abbreviata in SRO) può essere costituita anche da un solo socio, sia esso persona fisica o giuridica, ma non può averne più di cinquanta. Molto chiaramente l articolo 106 ne delinea i tratti caratteristici: la società risponde delle proprie obbligazioni con il suo intero patrimonio, mentre la responsabilità di ciascun socio è limitata a quanto conferito in società e come tale iscritto nel Registro commerciale; eventuali pagamenti effettuati dal socio per conto della società vengono accreditati come incrementi del suo conferimento se non rimborsati dalla società o dagli altri soci, nei limiti del loro rispettivo conferimento. Il capitale sociale minimo è di corone ceche, mentre un socio deve sottoscrivere almeno corone, e comunque ciascuna partecipazione deve essere divisibile per È ovviamente possibile effettuare conferimenti in natura (ovvero «non monetari», nella terminologia dell articolo 109) e allora occorre una apposita dichiarazione scritta che ne indichi il valore, nonché la relazione di un esperto che lo certifichi, da allegare all atto costitutivo. Almeno il 30 per cento dei conferimenti in denaro va versato prima della richiesta di iscrizione nel Registro di commercio, mentre il valore totale dei conferimenti in natura, se previsti, non deve essere inferiore alle corone ceche; nel caso di socio unico, l intero capitale va subito versato. La denominazione sociale è di per sé libera, purché non vi siano casi di evidente omonimia e contenga l indicazione di società a responsabilità limitata, per esteso o nella forma abbreviata. La società si costituisce mediante un apposito atto redatto e sottoscritto da tutti i fondatori nella forma di scrittura privata autenticata, quindi con l assistenza necessaria di un notaio locale. L articolo 110 indica espressamente il contenuto minimo ed inderogabile dell atto costitutivo, vale a dire: 1) denominazione sociale e sede legale della società; 2) indicazione completa dei soci, persone fisiche e persone giuridiche che siano; 3) oggetto dell attività sociale; 4) ammontare del capitale sottoscritto e dei rispettivi conferimenti dei soci, nonché le modalità di versamento ed i relativi termini temporali di adempimento; 5) completa indicazione degli amministratori della società e dei loro relativi poteri di gestione ed amministrazione; 17

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y RUSSIA RUSSIA: PROCEDURA DI COSTITUZIONE DELLE SOCIETÀ, LE SRL di Avv. Francesco Misuraca Definizione delle forme societarie L'attività imprenditoriale in Russia può essere condotta sotto diverse forme

Dettagli

Come costituire una società in Croazia

Come costituire una società in Croazia Come costituire una società in Croazia di Clizia Cacciamani (*) In un mondo economico ed imprenditoriale sempre più teso verso la globalizzazione e verso mercati esteri lontani, sarebbe illogico non affrontare

Dettagli

Costituzione di una società a responsabilità limitata in Polonia

Costituzione di una società a responsabilità limitata in Polonia Costituzione di una società a responsabilità limitata in Polonia I quesiti che si pongono gli investitori stranieri interessati ad operare in Polonia generalmente sono i seguenti: - quali società si possono

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Lavorare in Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 6 LAVORARE IN RUSSIA 6.1 Persone giuridiche nella Federazione Russa La normativa Russa offre alle aziende estere

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA Indice I. Ragione sociale, forma giuridica, scopo e sede... 3 II. Capitale

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI COOPERATIVA EDIFICATRICE LAVORATORI TONOLLI SOCIETA' COOPERATIVA Sede in Via G. Rotondi, 41/A - 20037 PADERNO DUGNANO (MI) Cod. Fisc. 83002100150 - Partita IVA 00985970961 Lega 1104 REA 877488 Reg. Impr.

Dettagli

Abolizione della tassa sui contratti di borsa

Abolizione della tassa sui contratti di borsa IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 1 DEL 16 GENNAIO 2008 Abolizione della tassa sui contratti di borsa PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (art. 37) Circolare 28 dicembre 2007,

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede E costituito un Consorzio di garanzia collettiva fra le imprese

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

http://www.studiodicarlo.org

http://www.studiodicarlo.org Contratto di affiliazione commerciale Tra le Parti: A s.p.a. , con sede in (provincia di ) in via al civico numero (), capitale sociale deliberato euro (/00),

Dettagli

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE D. R. Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE VISTO lo Statuto di Autonomia dell Università Ca Foscari Venezia; VISTO il Regolamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Legislazione societaria: tipi di società

Legislazione societaria: tipi di società Legislazione societaria: tipi di società La creazione di un'impresa in Bosnia-Erzegovina è disciplinata da: Legge sulle imprese della FBiH Legge sulle imprese della RS Legge sull acquisizione di società

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Liberalizzazione delle attività economiche

Liberalizzazione delle attività economiche LE NOVITÀ DEL "DECRETO LIBERALIZZAZIONI" e del DECRETO SVILUPPO Il D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività" convertito

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/154278 Disposizioni concernenti l accesso alla procedura di accordo preventivo connessa all utilizzo di beni immateriali ai sensi dell articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. OGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247

Dettagli

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO (Testo approvato dall Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 28 giugno 2004) STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto l articolo 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto

Dettagli

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo. Aderente all Ombudsman bancario. Rating. Not rated

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo. Aderente all Ombudsman bancario. Rating. Not rated GLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 210 CODICE ISIN IT0003820336

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità)

STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità) STATUTO C.O.C.I.S. ARTICOLO 1 (denominazione e finalità) E costituita la federazione di organismi di solidarietà e cooperazione internazionale denominata C.O.C.I.S.- Coordinamento delle Organizzazioni

Dettagli

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228.

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. STATUTO Articolo 1 Denominazione E costituita una Associazione denominata: COMUNITA OKLAHOMA ONLUS Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. Articolo 3 Scopo L Associazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione Modificata con L.R. 1 agosto 1977, n. 79 Modifiche alla legge

Dettagli

Statuto TEXCLUBTEC. Art. 1. E costituita in Milano l Associazione denominata TEXCLUBTEC. Art. 2

Statuto TEXCLUBTEC. Art. 1. E costituita in Milano l Associazione denominata TEXCLUBTEC. Art. 2 Statuto TEXCLUBTEC Art. 1 E costituita in Milano l Associazione denominata TEXCLUBTEC Art. 2 L Associazione ha sede in Milano, in Viale Sarca n. 223. è dotata di adeguata struttura tecnica e amministrativa

Dettagli

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche)

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) 1. Denominazione 1.1 L associazione è denominata: World Vision Italia ONLUS 1.2 Il nome e il logo di World Vision Italia ONLUS

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA DEL CONSULENTE DEL LAVORO PER L ESERCIZIO IN QUALITA DELLA PROFESONE (approvato il 10 marzo 2004)

Dettagli

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ;

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ; CONVENZIONE FRA I COMUNI DI BIBBIANO, CAMPEGINE, CANOSSA, CAVRIAGO, GATTATICO,, MONTECCHIO EMILIA, SAN POLO D ENZA, SANT ILARIO D ENZA, UNIONE VAL D ENZA PER IL TRASFERIMENTO E LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD

STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD Art. 1 Costituzione Conformemente a quanto previsto dal CCNL per i dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata, è costituito

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA TRADUZIONE DEI 84. ss. DEL CODICE DI COMMERCIO TEDESCO (HGB) COME MODIFICATI DALLA L. 23 ottobre 1989 84. (Definizione dell agente di commercio) 1. È agente di commercio

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Denominazione Oggetto Sede Art. 1 1. E costituita, ai sensi dell art. 36 c.c., l Associazione culturale denominata Cinaforum. La denominazione

Dettagli

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE Circolare 29 del 12 dicembre 2014 Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE 1 Premessa... 3 2 Operazioni straordinarie delle società di persone

Dettagli

STATUTO. Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata. 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI

STATUTO. Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata. 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI STATUTO Art. 1 - Denominazione - Sede - Durata 1. È costituita l «UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI di CASERTA», enunciabile in sigla UNAGRACO CASERTA, con sede sociale in Aversa (CE) alla via

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTA la legge 23 dicembre 2014 n. 190, e successive modificazioni, recante Disposizioni per la formazione

Dettagli

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Start-up ed incubatori certificati. Gli strumenti per incentivare il personale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA STATUTO Coordinamento Nazionale per la tutela dai campi elettromagnetici CO.NA.CEM. ONLUS TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE Art. 1 - Costituzione e denominazione. 1 E costituita l Associazione denominata «Coordinamento

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 2 7 M a r z o 2013 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 2 7 M a r z o 2013 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 2 7 M a r z o 2013 P a g. 1 di 6 Circolare Numero 16/2013 Oggetto TOBIN TAX: IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE INTRODOTTA DALLA LEGGE N. 228/2012 Sommario La legge n.228/2012

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Incentivi fiscali olandesi

Incentivi fiscali olandesi attorneys at law Incentivi fiscali olandesi tax advisors + Il sistema fiscale olandese offre particolari agevolazioni e incentivi che lo rendono attraente per gli imprenditori italiani. Qualora siate intenzionati

Dettagli

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Circolare n. 35 del 4 dicembre 2014 L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013- bis) - Principali novità INDICE 1 Premessa 2 2 Tassazione dei soggetti non residenti - Estensione delle disposizioni previste

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SLOVACCHIA CONTRATTI COMMERCIALI IN SLOVACCHIA di Avv. Francesco Misuraca Contratto di agenzia in Slovacchia La disciplina degli art. 577 e seguenti del Codice commerciale slovacco regola un contratto

Dettagli

STATUTO TITOLO 1. Costituzione e denominazione Sede Scopi ed attività - Durata ART. 1. Costituzione e denominazione

STATUTO TITOLO 1. Costituzione e denominazione Sede Scopi ed attività - Durata ART. 1. Costituzione e denominazione STATUTO TITOLO 1 Costituzione e denominazione Sede Scopi ed attività - Durata ART. 1 Costituzione e denominazione E costituita ai sensi dell art.14 e seguenti del Codice Civile tra aziende produttrici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI Redatto ai sensi della legge 23 dicembre 1998 n 461, del decreto legislativo n 153 del 17 maggio 1999 e dell'atto di indirizzo del Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica del

Dettagli

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio 2009, n. 99, intende formulare alcune osservazioni in

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo; VISTO il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI COMUNE DI FAETO (Prov. di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI 1 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità del regolamento) 1. Il presente Regolamento ha per

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Premessa * * * Signori Azionisti,

Premessa * * * Signori Azionisti, Eurofly S.p.A. Sede legale in Milano, via Ettore Bugatti n. 15 Capitale Sociale Euro 11.084.271,92 Codice Fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano 05763070017 Soggetta ad attività

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF 1. Principi generali 2. Definizione di impresa Spin Off 3. Commissione Spin Off 4. Procedura di costituzione degli Spin Off 5. Soggetti proponenti e

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABATE, CARLI, CAMOIRANO, RIZZA, DI ROSA, PENNA, MIGLIA- VACCA, ALVETI, RAFFAELLI, FAGGIANO, RABBITO, BUGLIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABATE, CARLI, CAMOIRANO, RIZZA, DI ROSA, PENNA, MIGLIA- VACCA, ALVETI, RAFFAELLI, FAGGIANO, RABBITO, BUGLIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5464 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LABATE, CARLI, CAMOIRANO, RIZZA, DI ROSA, PENNA, MIGLIA- VACCA, ALVETI, RAFFAELLI, FAGGIANO,

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

- CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SVEDESE ASSOSVEZIA -

- CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SVEDESE ASSOSVEZIA - Denominazione - Sede - Scopo 1. E costituita una Associazione denominata - CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SVEDESE ASSOSVEZIA - 2. L Associazione ha sede in Milano, Via Agnello 6/1. Il cambiamento di indirizzo

Dettagli

... STATUTO CONSORZIO G.A.L.A.

... STATUTO CONSORZIO G.A.L.A. .......................... STATUTO CONSORZIO G.A.L.A. AGGIORNATO CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI CONSORZIATI TRIESTE, 11 DICEMBRE 2012 AGGIORNATO CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI CONSORZIATI ROMA, 21 FEBBRAIO

Dettagli