VLAN VLAN. Università di Palermo VLAN 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VLAN VLAN. Università di Palermo VLAN 1"

Transcript

1 VN VN VN 1

2 Switches Funzionamento degli switch di layer 2 Ricordiamo che le reti Ethernet con media condiviso che usano gli hub, molti host sono connessi ad un singolo dominio broadcast e di collisione Le reti Ethernet con media condiviso operano nel livello 1 di OSI Le reti switched operano ad un livello 2, 3 o 4 A livello base uno switch opera a livello 2 e opera l instradamento basandosi sui MAC address Lo switch inizialmente non conosce dove instradare un pacchetto con un dato Destination MAC address VN 2

3 Switches (2) Lo switch man mano che riceve dei pacchetti costruisce una tabella a due colonne in ogni riga della quale vi è il Source MAC address e la porta attraverso cui è stato ricevuto Quando deve trasmettere un pacchetto verso un dato MAC address lo switch ricerca il MAC address nella tabella e, se lo trova, pone in uscita il pacchetto sulla porta corrispondente a quel MAC address Se nella MAC Address Table non è presente quell address lo switch pone il pacchetto in uscita su tutte le porte (flooding) VN 3

4 VN Virtual Local Access Network Un gruppo di host accomunati da un qualche requirement che comunicano come se fossero connessi sullo stesso segmento di network anche se non lo sono LE VN si comportano come reti fisiche anche se non lo sono La gestione di queste network virtuali viene fatta via software Si tratta di N di tipo switched Le VN operano a livello 2, mentre le subnet IP operano a livello 3 In una N che utilizza le VN esiste spesso una corrispondenza biunivoca tra VN e subnet IP

5 VN sketch Piano 3 Piano 2 Piano 1 Reparto Ammin. Reparto Tecnico Reparto Commerc. VN 5

6 4 tipi di VN Tipi di VN Port-Based VN: Ogni porta di switch è configurata con una access list che specifica l appartenenza ad un insieme di VN MAC-based VN: Uno switch è configurato con una access list che accoppia i MAC address con a la VN Protocol-based VN: Uno switch è configurato con una lista che unisce i protocolli di layer 3 all appartenenza ad una VN ATM VN fanno uso del protocollo N Emulation (NE) per mappare i pacchetti Ethernet in celle ATM e consegnarli alla loro destinazione convertendo MAC address Ethernet in un ATM address VN 6

7 Standard VN In pratica con una VN si possono mettere in contatto tra loro come se fossero sulla stessa N degli host che si trovano su N differenti Le VN non furono previste nel protocollo IEEE 802 originario Esse sono state introdotte successivamente con lo standard 801.Q Per quel che riguarda la VN Ethernet si fa riferimento a IEEE 802.3ac che definisce l estensione del formato del frame necessaria per supportare le etichette (tag) VN sulle N Ethernet Non tutte le N fanno uso delle tag VN e quindi, oltre al valore delle tag si è dovuto definire come specificare l esistenza delle VN VN 7

8 IEEE 802.1Q Meccanismo standard per consentire l esistenza di più reti bridged che condividono in modo trasparente gli stessi link fisici senza che vi sia tra esse scambio di informazione Lo standard 802.1Q definisce con precisione il concetto di Virtual Lan o VN come N switched e quindi basate su un bridging al layer MAC, suddivise logicamente in rapporto alla funzione, team o applicazione senza riguardo alla locazione fisica Sempre lo standard 802.1Q definisce il rapporto tra VN e lo spanning-tree protocol IEEE 802.1D VN 8

9 Field Ether/Type Il formato del frame Ethernet come definito nella IEEE è: 8 byte 1 byte 6 byte 6 byte 2 byte byte 4 byte Preamble SFD Dest MAC addr Source MAC addr Type Length Payload FCS Per il field Type/Length vale la convenzione che i valori tra 0 e 1500 indicano l uso del formato Ethernet originale con un campo Length mentre i valori 1536 (H0600) indicano l uso del formato DIX con un campo Type che è un identificatore dell Upper Layer Protocol H0800 IPv4 H86DD IPv6 H ARP VN 9

10 Field Ether/type Lo standard IEEE 802.3ac ha introdotto per consentire la presenza del Q tag un nuovo field di byte che precede il field Type/Length VN field PRE SFD DA SA Type/Length Data PAD FCS 802.1Q TPID Tag Control Information 802.1Q Tag Protocol ID (TPID) è H8100. Quando un frame che contiene questo valore dichiara di contenere un tag IEEE 802.1Q/802.1P. Questo valore non può essere confuso con quello di un field Length/Type Tag Control Information User Priority CFI VN ID 3 bit 1 bit 12 bit VN 10

11 IEEE 802.3ac Tag Control Information contiene 3 sub-field: User Priority di 3 bit presenta il livello di priorità per il frame (uso definito in IEEE 802.1P) CFI (Canonical Format Indicator) di 1 bit per indicare la presenza di un Routing Information Field CFI è sempre posto a 0 dagli gli switch Ethernet, esiste per compatibilità tra Ethernet e Token Ring VN ID di 12 bit che permette l identificazione di 2^12 = 4096 VN Il VN ID 0 è usato per indicare i priority frames e il valore 4095 (FFF) è riservato, rimangono quindi 4,094 possibili identificatori VN tagging porta la lunghezza massima del frame Ethernet da 1518 a 1522 byte VN 11

12 IEEE 802.3ac L elemento MAC che riceve il frame legge il valore del reserved type, che si trova nella posizione in cui normalmente è il field Length/Type, e tratta il frame ricevuto come un frame VN Successivamente Se l elemento MAC è installato nella porta di uno switch, il frame è inoltrato secondo la sua priorità a tutte le porte che sono associate con il VN ID Se l elemento MAC è installato in una end station, il VN header viene rimosso e il frame è trattato nel modo normale Il VN tagging richiede che tutti i nodi coinvolti in un gruppo VN supportino l option VN Una end station normalmente ignora di far parte di una VN e quindi il VN header viene inserito dallo porta dello switch cui essa è connessa VN 12

13 Utilità Un esempio dell utilità delle VN è quello di una istituzione che desidera fornire una rete logica separata a ciascun dipartimento usando un unica rete di società A ciascun dipartimento, anche con sedi geograficamente distanti, viene assegnata una VN unica Si configurano gli edge switch della rete per inserire un opportuno tag di VN in tutti i frame dati in arrivo da dispositivi in un dato dipartimento Dopo che i frame sono routed attraverso la rete, la tag di VN è è eliminata prima che il frame sia inviato ad un dispositivo di dipartimento che si trova possibilmente in un altra località I router possono essere configurati per instradare nel modo voluto i frame delle varie VN (che sono assegnate a subnet differenti) In questo modo un dipartimento non può essere infiltrato e/o spiato da un altro VN 13

14 Rete di campus Dep. 1 INTERNET Dep. 1 Dep. 2 Dep. 4 Dep. 3 Dep. 2 VN 14

15 Double tagging Frequentemente il traffico tra differenti VN viene instradato su reti di Internet Service Provider che a loro volta usano delle proprie VN In questi casi è necessario aggiungere alla tag originaria (inner tag) un altra tag esterna (outer) fornita dall Internet Service Provider La tag outer viene per prima seguita dalla inner tag La outer tag, dovendo essere distinta dalla inner tag, deve essere differente e la norma specifica per questo caso il valore 88a8 Spesso gli ISP usano valori diversi dallo standard VN 15

16 Trunking Una possibile suddivisione delle linee di telecomunicazioni è quella in access lines e trunk lines Le prime sono delle risorse indivise usate per il traffico di un utente (linee di utente) mentre le seconde sono delle risorse condivise usate per il traffico fra gli autocommutatori Nelle reti switched i link che connettono un device a uno switch trasportano il traffico di una VN, ma gli switch devono essere connessi tra loro con dei link che trasportano il traffico appartenente a più VN differenti Questi sono link di trunking o trunk lines o trunk Le trunk lines, trasportando su un singolo link il traffico di più VN permettono di estendere le VN sull intera rete VN 16

17 Trunking (2) Con le VN il traffico broadcast o multicast si sviluppa soltanto nella VN pertinente, diminuendo quindi il traffico complessivo Un fattore molto importante è costituito dalla estensione della rete che viene suddivisa in VN Se questa rete è tale che tutti i device sono connessi ad un unico switch la gestione delle VN è problema interno allo switch Differente la situazione se la rete fa capo a più di uno switch in cui (è la situazione più frequente) su ogni switch operano le diverse VN In questo caso vi saranno dei link tra gli switch e tra questi e i router su cui vi sarà il traffico di più VN ossia saranno delle trunk lines VN 17

18 Trunking (3) Perché il meccanismo di trunking possa funzionare serve un protocollo Per consentire la presenza di pacchetti di più VN su un link è necessario poter distinguere i pacchetti delle diverse VN La procedura più comune è quella che permette di distinguere i frame in base al tag IEEE 802.1Q che è un etichetta per le varie VN Esistono anche altri meccanismi come Inter Switch Link (ISL) che è un protocollo proprietario della Cisco e NE usato nei sistemi ATM In ambienti multivendor si usa sempre lo standard 802.1Q VN 18

19 Trunking (4) In pratica quindi il trunking viene effettuato tramite una sorta di incapsulamento (tipicamente IEEE 802.1Q) Ricordiamo che i frame appartenenti ad una VN si propagano nell ambito di quella VN Quindi host appartenenti a VN differenti possono comunicare tra loro soltanto attraverso un router In altre parole una trunk line che connette uno switch ad un router consente il routing inter-vn Le interfacce consentono diversi modi di trunking dipendenti dal tipo di interfaccia (Ethernet, Token ring, etc) e dall O.S. dello switch VN 19

20 Trunking (5) Tratteremo soltanto delle VN Ethernet Le interfacce Ethernet sopportano diversi trunking mode In ogni modo un interfaccia è ad un estremità di un link punto-punto e deve operare in modo compatibile con quello dell altra estremità, risultato raggiungibile configurando manualmente nello stesso modo le due estremità o con una negoziazione tre le due estremità Il Dynamic Trunking Protocol (DTP) è un protocollo proprietario sviluppato da Cisco per la negoziazione del trunking su un link tra due switch facenti parte di una VN e per la negoziazione del tipo di trunking encapsulation da usare Attenzione: Non tutti i dispositivi supportano il DTP VN 20

21 Trunk mode La porta di uno switch può essere impostata in 6 modi Access - La porta è in modo non-trunking permanente Trunk La porta è in modo trunking permanente Dynamic auto La porta può accettare di entrare in modo trunk e lo fa se l altra estremità è in modo trunk o dynamic desirable (default) Dynamic desirable La porta tenta attivamente di entrare in modo trunk e lo fa se l altra estremità è in modo trunk, dynamic auto o dynamic desirable Nonegotiate - La porta non tenta in alcun modo di negoziare Dot1q-tunnel La porta è configurata in modo tunnel verso un altra porta 802.1Q VN 21

22 Encapsulation Dopo che una porta è stata posta in modo trunk bisogna specificare quale tipo di incapsulamento si vuole Encapsulation dot1q Incapsulamento 802.1Q Encapsulation isl Incapsulamento ISL Encapsulation negotiate Incapsulamento da negoziare con l altra estremità VN 22

23 Native VN Lo standard IEEE 802.1Q introduce il concetto di native VN I frame che appartengono alla native VN non vengono modificati allorché trasmessi su un trunk In sostanza ai frame della native VN, con l incapsulamento 802.1Q, non vengono aggiunti i 4 byte che definiscono la VN Ovviamente può esistere una sola native VN La native VN è automaticamente presente Qualsiasi porta 802.1Q può avere solo una native VN, ma ogni porta su di un dispositivo può avere una diversa native VN VN 23

24 VTP La configurazione e amministrazione delle VN su una rete può essere effettuata agendo manualmente su ogni singolo dispositivo o in modo centralizzato tramite un server e un protocollo opportuno La procedura manuale può essere effettuata solo su piccole reti, diversamente risulta faticosa e provoca facilmente inconsistenze Il VTP (VN Trunking Protocol) è un protocollo di Layer 2 per lo scambio di messaggi che mantiene la consistenza della configurazione delle VN gestendo l aggiunta, eliminazione e ridenominazione delle VN su tutta la rete VTP è un protocollo proprietario Cisco VN 24

25 VTP (2) Tre modi di funzionamento dei vari dispositivi: Server Client Transparent In server mode (default) sono ammesse tutte le variazioni locali e queste variazioni sono propagate sulla rete In client mode non è possibile effettuare manualmente sul singolo dispositivo alcuna variazione mentre le si può tramite un server In transparent mode la configurazione delle VN può essere variata localmente ma l informazione non è propagata sulla rete, inoltre il dispositivo si lascia attraversare dai messaggi di update VN 25

26 VTP (3) I server VTP pubblicizzano a tutti gli switch abilitati a VTP esistenti nel domain VTP le informazioni circa le VN Le informazioni circa la configurazione delle VN è conservata dai server VTP in una memoria non volatile I client VTP conservano le informazioni circa la configurazione delle VN nella loro RAM VN 26

27 VTP (4) In una rete con molti dispositivi se ne configurerà uno (o anche due) come server e tutti gli altri come client Tutte le variazioni verranno effettuate sul server che le comunicherà a tutti i client Prima che il sistema possa funzionare è necessario definire un domain VTP Il server VTP trasmette ogni 5 minuti o ogni volta che si effettua un cambiamento nel database delle VN un advertisement VN 27

28 VTP (5) Un Domain VTP è formato da un insieme di switch interconnessi Tutti gli switches in un domain VTP condividono i parametri delle VN che vengono comunicati usando advertisement VTP Il confine di un domain VTP è costituito da un router o da uno switch di livello 3 Domain A Domain B R-1 VN 28

29 VTP (6) Il messaggio di advertisement contiene: Il domain name VTP Informazioni globali Il configuration revision number Update identity and update timestamp Digest MD5 Formato del frame VN ID Informazioni specifiche per ogni VN VN name VN type VN state Informazioni specifiche per la VN VN 29

30 VTP pruning Esistono diverse VN ma soltanto la porta x di S1 e la porta y di S7 sono assegnate alla VN auditing S7 p. y L host connesso a S1 invia un broadcast S6 S8 Si verifica una quantità di traffico inutile che intasa la rete S2 p. x S3 S4 S5 S1 VN 30

31 VTP pruning Il pruning blocca il traffico flooded non necessario verso le VN sulle porte di trunk che sono incluse nella pruning-eligible list S7 p. y Il pruning aumenta la banda disponibile nella rete limitando il traffico flooded a quei trunk link che si devono usare per raggiungere i dispositivi di destinazione S2 p. x S1 VN 31 S6 S3 S4 S8 S5

32 VTP pruning Il pruning viene attivato tramite VTP quindi si parla di VTP pruning Il VTP pruning non funziona in VTP transparent mode Le VN vengono dichiarate pruning-eligible oppure no e solo quelle dichiarate pruning-eligible sono trattate Il VTP pruning si applica alle porte di trunk VN 32

33 Port mirroring L avvento delle reti switched ha comportato un notevole aumento delle difficoltà di monitorare il traffico Nelle reti basate su hub o su bus basta porre uno sniffer in ascolto sulla rete ed questo intercetta tutto il traffico In una rete switched su un link scorre solo il traffico diretto a quella porta mentre è disabilitato ogni traffico bidirezionale La soluzione normale è quella di duplicare il traffico in/out di una porta su un altra porta (mirroring) La porta su cui viene mirrored il traffico deve essere libera e non ha traffico suo proprio VN 33

34 IP & MAC filtering Negli switch è possibile attivare diversi sistema di sicurezza Possibile basarsi sugli IP address definendo una apposita ACL La ACL può essere statica o definita dinamicamente tramite DHCP Possibile pure effettuare il filtraggio basandosi sui MAC address Queste procedure di sicurezza sono in pratica molto deboli perché un host può facilmente cambiare il suo IP address come pure il suo MAC address VN 34

35 Spanning tree Negli switch, al fine di evitare la formazione di loop, è necessario definire uno spanning-tree e quindi serve un protocollo apposito Normalmente si fa uso di STP (Spanning-Tree Protocol) che è un protocollo definito nello standard IEEE 802.1D STP, oltre a prevenire la formazione di loop, fornisce la path redundancy Lo Spanning Tree Protocol è un protocollo di livello 2 OSI STP crea uno spanning tree all interno di una rete magliata formata da switch di livello 2, disabilitando i link che non fanno parte dell albero e lasciando un unico path attivo tra qualsiasi due nodi della rete VN 35

36 Logica di STP VN 36

37 Funzioni di STP Elezione di un root bridge Definizione dei path Determinazione dei ruoli delle porte Ciascun bridge ha un suo MAC address Ciascun bridge ha un suo priority number (configurabile da admin) Il cosiddetto bridge ID (BID) è formato priority number e MAC address Bridge priority MAC address 2B 6B BID Perché STP possa svolgere le sue funzioni serve lo scambio di informazioni VN 37

38 Funzioni di STP (2) Ciò viene fatto tramite lo scambio di opportune PDU: le Bridge Protocol Data Unit (BPDU) Con le BPDU i bridge si scambiano informazioni circa i BID e i costi dei diversi path Le BPDU sono scambiate di default ogni 2 secondi I bridge trasmettono i frame BPDU usando come source address il MAC address della porta e come destination address un multicast address specifico di STP e cioè 01:80:C2:00:00:00 VN 38

39 BPDU Le parti di una BPDU sono: Root BID Path cost to root bridge Sender BID Port ID VN 39

40 Elezione root Come root bridge viene scelto quello con il più basso BID Ogni porta di uno switch ha un suo ID lungo 16 bit con due parti: 6 bit priority e 10 bit port number Il confronto viene effettuato prima sui priority number e dopo sui MAC address Volendo forzare la scelta di un bridge gli si darà un alta priority Inizialmente ciascuno switch considera se stesso come il root bridge Quando uno switch viene connesso alla rete trasmette una BPDU con il suo BID come root BID Quando l altro switch riceve la BPDU, confronta la BID che riceve con la sua (che aveva conservata considerandola come root BID) Se la nuova root BID ha un valore più basso, sostituisce quella conservata VN 40

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.3 Interconnessione Prof. Filippini 2! Limitazioni LAN su grandi aree:! Propagazione! Disturbi! Protocolli di Accesso Multiplo! Occorrono

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Interconnessione di LAN Problema di Interconnesisone di LAN o Limitazioni: n Propagazione n Disturbi n Protocollo di Accesso Multiplo o Occorrono

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

INFOCOM Dept. Antonio Cianfrani. Virtual LAN (VLAN)

INFOCOM Dept. Antonio Cianfrani. Virtual LAN (VLAN) Antonio Cianfrani Virtual LAN (VLAN) Richiami sullo standard Ethernet Lo standard Ethernet (IEEE 802.3) è utilizzato per le Local Area Network (LAN): livello 2 della pila protocollare. Consente l utilizzo

Dettagli

STP Spanning Tree Protocol

STP Spanning Tree Protocol STP Spanning Tree Protocol Introduzione Sviluppato da Perlman nel 1985 per la Digital Equipment Corporation (DEC); in seguito standardizzato dal IEEE come 802.1d Una LAN di grandi dimensioni deve essere

Dettagli

Laboratorio di reti Relazione N 5 Gruppo 9. Vettorato Mattia Mesin Alberto

Laboratorio di reti Relazione N 5 Gruppo 9. Vettorato Mattia Mesin Alberto Laboratorio di reti Relazione N 5 Gruppo 9 Vettorato Mattia Mesin Alberto Virtual LAN Che cosa è una VLAN? Il termine Virtual LAN indica una serie di tecniche atte a separare un dominio di broadcast, di

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

Cos'è una vlan. Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente

Cos'è una vlan. Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente Cos'è una vlan Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente detta VLAN, è un gruppo di host che comunicano tra di loro come se fossero collegati allo stesso cablaggio, a prescindere dalla loro posizione

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

bridge / switch il cuore delle lan g. di battista, m. patrignani copyright 2011 g. di battista, m. patrignani nota di copyright

bridge / switch il cuore delle lan g. di battista, m. patrignani copyright 2011 g. di battista, m. patrignani nota di copyright bridge / switch il cuore delle lan g. di battista, m. patrignani nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi,

Dettagli

Funzione di Bridging su Windows XP

Funzione di Bridging su Windows XP Funzione di Bridging su Windows XP (le problematiche di convivenza con lo Spanning Tree) La funzione di Bridging dei sistema operativi Windows XP e 2003 permette di implementare due tipi di funzioni: 1.

Dettagli

Ripetitori, bridge, switch, router

Ripetitori, bridge, switch, router Ripetitori, bridge, switch, router Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 04 Segmentazioni - 1/31 Limiti delle LAN Distanze massime tra stazioni Limitano la portata

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Reiss Romoli 2014 CISCO CERTIFIED NETWORK ASSOCIATE (CCNA) CCNA

Reiss Romoli 2014 CISCO CERTIFIED NETWORK ASSOCIATE (CCNA) CCNA CCNA CISCO CERTIFIED NETWORK ASSOCIATE (CCNA) La certificazione Cisco CCNA prevede il superamento di un singolo esame: 200-120 CCNA o di due esami: 100-101 ICND1 200-101 ICND2 Reiss Romoli propone, in

Dettagli

APPARATI DI INTERNETWORKING

APPARATI DI INTERNETWORKING APPARATI DI INTERNETWORKING Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia REPEATERS Apparato attivo che collega 2 o più mezzi di trasmissione

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Architetture e Protocolli per Internet

Architetture e Protocolli per Internet Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Architetture e Protocolli per Internet Jocelyne Elias 1 Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

Link Aggregation - IEEE 802.3ad

Link Aggregation - IEEE 802.3ad Link Aggregation - IEEE 802.3ad Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Pietro Nicoletti Studio Reti http://www.studioreti.it Basato sul capitolo 8 di: M. Baldi, P. Nicoletti,

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti d accesso. -Accesso a Internet -Interconnessione di reti locali

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti d accesso. -Accesso a Internet -Interconnessione di reti locali Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti d accesso -Accesso a Internet -Interconnessione di reti locali Accesso a Internet Dialup via modem Fino a 56Kbps Accesso diretto al router

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Il protocollo VTP della Cisco

Il protocollo VTP della Cisco Il protocollo VTP della Cisco Pietro Nicoletti Piero[]studioreti.it VTP-Cisco - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto

Dettagli

IP Mobility. Host mobili

IP Mobility. Host mobili IP Mobility Reti II IP Mobility -1 Host mobili! Dispositivi wireless o wired mobili! Connessione alla rete attraverso: " Wireless LAN " Reti cellulari " Reti Satellitari " LAN " Etc.! Una rete di riferimento

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento DHCP Dynamic Host Configuration Protocol 09CDUdc Reti di Calcolatori DHCP! RFC 2131, 2132! Protocollo client/server per configurare dinamicamente gli host di una rete! Permette l allocazione automatica

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

La sicurezza negli switch

La sicurezza negli switch La sicurezza negli switch PREMESSA La sicurezza di un infrastruttura di rete aziendale ha molti aspetti, ognuno dei quali legato ad un particolare livello dei modelli di riferimento ISO/OSI o TCP/IP. I

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ARP e instradamento IP

ARP e instradamento IP ARP e instradamento IP A.A. 2003/2004 Walter Cerroni Relazione Indirizzi Fisici Indirizzi IP Software di basso livello nasconde gli indirizzi fisici e consente ai livelli superiori di lavorare solo con

Dettagli

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5.1. Introduzione Due macchine si parlano solo se conoscono l'indirizzo fisico di sottorete Due applicazioni si parlano solo se conoscono

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati Interconnessione di LAN a livello 2 Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols Il routing in Internet Interior Gateway Protocols A.A. 2004/2005 Prof. Carla Raffaelli diapositive preparate da: Walter Cerroni Routing Information Protocol (RIP) Protocollo distance vector, di implementazione

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Laboratorio di configurazione e gestione di reti locali

Laboratorio di configurazione e gestione di reti locali Laboratorio di configurazione e gestione di reti locali 20th March 2012 Stefano Pilla Cisco Academy Instructor (CCAI) stefano.pilla@clorofillaroma.it 2011 Cisco and/or its affiliates. All rights reserved.

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Apparecchiature di Rete

Apparecchiature di Rete All interno delle reti troviamo delle apparecchiature, utilizzate per gestire le trasmissioni tra gli elementi della rete e per creare interconnessioni tra reti differenti Livello 7 Livello 6 Livello 5

Dettagli

Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet - Mod 2

Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet - Mod 2 Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica e Informazione Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet - Mod 2 Francesco Musumeci Lezione n : 1 Corso Prof. Maier Contatti Docente del Corso Prof.

Dettagli

COMPLESSO SCOLASTICO INTERNAZIONALE GIOVANNI PAOLO II. Pianificazione di reti IP (subnetting)

COMPLESSO SCOLASTICO INTERNAZIONALE GIOVANNI PAOLO II. Pianificazione di reti IP (subnetting) Pianificazione di reti IP (subnetting) Avendo una rete complessa possiamo dividerla in sottoreti logiche, collegandole con dei router. Questa operazione di segmentazione prende il nome di subnetting, ed

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

VLAN - Virtual Local Area Network. Ivan De Marino 566/2145

VLAN - Virtual Local Area Network. Ivan De Marino 566/2145 VLAN - Virtual Local Area Network Ivan De Marino 566/2145 4 febbraio 2006 Indice 1 Introduzione alle VLAN 2 1.1 Una prima definizione di VLAN........................................... 2 1.2 Background......................................................

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Indirizzo IP. Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134. Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134

Indirizzo IP. Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134. Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134 Subnet mask Indirizzo IP Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134 Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134 Subnet Mask La Subnet Mask viene implementata per limitare il traffico

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Collegamenti RS-232 TX TX RX RX Cavo incrociato o Null Modem Massa TX TX RX RX Cavo dritto Massa 55 Invio di un pacchetto IP su rete Ethernet (2) Formato di un frame MAC per l'invio di

Dettagli

Linux User Group Cremona CORSO RETI

Linux User Group Cremona CORSO RETI Linux User Group Cremona CORSO RETI Cos'è una rete informatica Una rete di calcolatori, in informatica e telecomunicazioni, è un sistema o un particolare tipo di rete di telecomunicazioni che permette

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP

PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11)

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il protocollo IP Frammentazione

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Pietro Nicoletti piero[at]studioreti.it HSRP-VRRP - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Architettura Hardware di un Router

Architettura Hardware di un Router - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Architettura Hardware di un Router Slide tratte da Cisco Press CCNA Instructor s Manual ed elaborate dall Ing. Francesco Immè Wide Area Network (WAN) Le principali

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

Internetworking. www.vincenzocalabro.it

Internetworking. www.vincenzocalabro.it Internetworking 1 Internetworking Bridge, Router, Brouter e Gateway servono ad interconnettere reti diverse. L interconnessione può avvenire su base locale o remota. Si collocano a livelli diversi del

Dettagli

Cap. 8 Switching su Ethernet

Cap. 8 Switching su Ethernet CCNA_1 (Versione 3.1) Networking basics Marco Ciampi m.ciampi@ithum.it 2/45 Ithum Learning License Licenza d uso del materiale didattico Questo documento e tutto il materiale prodotto da Ithum S.r.l. e

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Le Reti LAN: componenti attivi

Le Reti LAN: componenti attivi Le Reti LAN: componenti attivi Descrizione dei principali componenti attivi di rete: Livello1: Repeater, Hub Livello 2: Bridge, Switch Livello 3: Router Componenti di una rete Nelle reti informatiche alcuni

Dettagli

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer Internet Introduzione alle comunicazioni tra computer Attenzione! Quella che segue è un introduzione estremamente generica che ha il solo scopo di dare un idea sommaria di alcuni concetti alla base di

Dettagli

BOOT CAMP CISCO CERTIFIED NETWORK PROFESSIONAL (CCNP) MODULO SWITCH

BOOT CAMP CISCO CERTIFIED NETWORK PROFESSIONAL (CCNP) MODULO SWITCH CCNP_B.SWITCH BOOT CAMP CISCO CERTIFIED NETWORK PROFESSIONAL (CCNP) MODULO SWITCH Il Boot Camp CCNP Modulo SWITCH (CCNP_B.SWITCH) accompagna al superamento dell esame: 642-813 SWITCH Prerequsiti Certificazione

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Protocolli e reti di computer (prof. Ettore Panella)

Protocolli e reti di computer (prof. Ettore Panella) Protocolli e reti di computer (prof. Ettore Panella) Topologia delle reti locali Le strutture delle reti sono numerose ma tutte riconducibili a tre tipiche configurazioni fondamentali che sono. a) Rete

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Gestione degli indirizzi - Address Resolution Protocol (ARP) - Reverse Address Resolution Protocol (RARP) - Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione. Le Virtual LAN 802.1Q

Politecnico di Milano Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione. Le Virtual LAN 802.1Q Politecnico di Milano Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione Le Virtual LAN 802.1Q VLAN o Le VLAN sono un meccanismo per fare coesistere su una unica Bridged LAN fisica diverse LAN logiche

Dettagli

Argomenti della lezione

Argomenti della lezione Multicast IP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e dei protocolli applicativi

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Introduzione a Internet Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris e dal Prof. Vittorio Trecordi 1 INTERNET Traffico Internet

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Gestione degli indirizzi -Address Resolution Protocol (ARP) -Reverse Address Resolution Protocol (RARP) -Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli