Numero Demo - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Numero Demo - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l."

Transcript

1

2 CAMPAGNA RINNOVI RIVISTE Numero Demo - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. RIVISTE IPSOA: L INFORMAZIONE DI QUALITÀ SU TUTTI I MEDIA CARTA SMARTPHONE TABLET PC NEW OMAGGIO IPSOA è l unica a garantirle la possibilità di sfogliare ogni numero del suo abbonamento anche in mobilità e online su smartphone*, tablet e PC. In più, rinnovando il suo abbonamento entro il 15/12/2013 potrà usufruire del prezzo bloccato al 2013 e di un omaggio a scelta fra: - nuova edizione de il Codice Civile - Codice di procedura civile IPSOA - Guida Osterie d Italia 2014 a cura di Slow Food. Rinnovi subito il suo abbonamento sul sito chiamando il Numero Verde contattando il suo Agente di riferimento L elenco completo è disponibile su e su PREZZO BLOCCATO Y18EE LE * La versione smartphone è disponibile solo per i sistemi Android.

3 Il Diritto industriale Anno XXII SOMMARIO BREVETTI Invenzione di SUL REQUISITO DELLA NOVITÀ INTRINSECA DELL INVENZIONE DI COMBINAZIONE combinazione Cass. civ., sez. I, 30 maggio 2014, n commento di Dario Mastrelia 513 Rimborsabilità BREVETTO, AIC E RIMBORSABILITÀ, POTENZA E ATTO DELL INNOVAZIONE FARMACEUTICA dei medicinali Consiglio di Stato 27 agosto 2014, n commento di Fausto Massimino 519 Tutela del modello PROTEZIONE TITOLATA E CONCORRENZA SLEALE NELLA TUTELA DELLA FORMA DEL PRODOTTO Tribunale di Brescia, ord., 18 settembre 2014 di Iuri Maria Prado 534 DIRITTO D AUTORE Opinioni Digital contents Valutazione testate editoriali RIVENDITA DI CONTENUTI DIGITALI USATI NELL ESPERIENZA STATUNITENSE E COMUNITARIA di Gianluca Campus 538 LA VALUTAZIONE DELLE TESTATE EDITORIALI CARTACEE E ONLINE di Roberto Moro Visconti 549 Giurisprudenza Segni distintivi LA DISTINTIVITÀ DEGLIELEMENTISTRUTTURALIEDIREQUISITIDITUTELA e segreto DELLE INFORMAZIONI SEGRETE aziendale Cass. civ., sez. I, 13 ottobre 2014, n commento di Sara Alvanini 560 MARCHI Marchio STRISCE NEL MONDO DELLA MODA: FUNZIONE DISTINTIVA O ELEMENTO DECORATIVO? figurativo Trbunale di Torino 22 marzo 2013 commento di Niccolò Ferretti e Serena Tavolaro 569 Registrazione LA PRIMA PRONUNCIA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL VALORE SOSTANZIALE marchi di forma Corte di Giustizia, Sez. II, 18 settembre 2014 commento di Stefano Sandri 577 RUBRICHE RASSEGNA DELLA CORTE DI CASSAZIONE acuradiiuri Maria Prado e Barbara Zamboni 589 IL PARERE DEL PROFESSIONISTA acuradimassimo Tavella 595 Il Diritto industriale 6/

4 Il Diritto industriale Anno XXII Numero Demo - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. INDICI INDICE DEGLI AUTORI INDICE CRONOLOGICO INDICE ANALITICO INDICE GENERALE COMITATO PER LA VALUTAZIONE Massimo Cartella, Vincenzo Di Cataldo, Gustavo Ghidini, Giovanni Guglielmetti, Marco Lamandini, Giulio Sironi Errata corrige. Si segnala che il commento di Carmine Di Benedetto, Effetti giuridici della rinnovazione di marchio e rinnovo del marchio decaduto per non uso è stato pubblicato sul fascicolo n. 5/2014, privo di note bibliografiche. La versione integrale del commento è disponibile in all interno dello stesso fascicolo. Per informazioni in merito a contributi, articoli ed argomenti trattati, scrivere o telefonare a: Casella Postale Milano telefono (02) (02) Per informazioni su gestione abbonamenti, numeri arretrati, cambi d indirizzo, ecc., scrivere o telefonare a: IPSOA Servizio Clienti Casella postale Milano telefono (02) Servizio risposta automatica: telefono (02) EDITRICE Wolters Kluwer Italia S.r.l. Strada 1, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) INDIRIZZO INTERNET DIRETTORE RESPONSABILE Giulietta Lemmi REDAZIONE Francesco Cantisani, Ines Attorresi, Tania Falcone REALIZZAZIONE GRAFICA Wolters Kluwer Italia S.r.l. FOTOCOMPOSIZIONE Sinergie Grafiche Srl Viale Italia, Corsico (MI) - Tel. 02/ STAMPA GECA S.r.l. Via Monferrato, San Giuliano Milanese (MI) Tel. 02/99952 L elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali errori o inesattezze PUBBLICITÀ: db Consulting srl Event & Advertising via Leopoldo Gasparotto Varese tel. 0332/ fax 0332/ Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 473 del 23 ottobre 1993 Tariffa R.O.C.: Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27 febbraio 2004, n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano Iscritta nel Registro Nazionale della Stampa con il n vol. 34 foglio 417 in data 31 luglio 1991 Iscrizione al R.O.C. n ABBONAMENTI Gli abbonamenti hanno durata annuale, solare: gennaio-dicembre; rolling 12 mesi dalla data di sottoscrizione, e si intendono rinnovati, in assenza di disdetta da comunicarsi entro 60 gg. prima della data di scadenza a mezzo raccomandata A.R. da inviare a Wolters Kluwer Italia S.r.l. Strada 1 Pal. F6 Milanofiori Assago (MI). Servizio Clienti: tel Compresa nel prezzo dell abbonamento l estensione on line della Rivista consultabile all indirizzo ITALIA Abbonamento annuale: E 175,00 ESTERO Abbonamento annuale: E 350,00 MAGISTRATI e UDITORI GIUDIZIARI - sconto del 30% sull acquisto dell abbonamento annuale alla rivista, applicabile rivolgendosi alle Agenzie Ipsoa di zona (www.ipsoa.it/agenzie) o inviando l ordine via posta a Wolters Kluwer Italia S.r.l., Strada 1 Pal. F6, Assago (MI) o via fax al n o rivolgendosi al Servizio Informazioni Commerciali al n Nell ordine di acquisto i magistrati dovranno allegare fotocopia del proprio tesserino identificativo attestante l appartenenza alla magistratura e dichiarare di essere iscritti all Associazione Nazionale Magistrati. MODALITÀ DI PAGAMENTO Versare l importo sul C/C/P n intestato a WKI S.r.l. Gestione incassi - Strada 1, Palazzo F6, Milanofiori oppure Inviare assegno bancario/circolare non trasferibile intestato a Wolters Kluwer Italia S.r.l. Indicare nella causale del versamento il titolo della rivista e l anno di abbonamento. Prezzo copia: E 38,00 Arretrati: prezzo dell anno in corso all atto della richiesta DISTRIBUZIONE Vendita esclusiva per abbonamento Il corrispettivo per l abbonamento a questo periodico è comprensivo dell IVA assolta dall editore ai sensi e per gli effetti del combinato disposto dell art. 74 del D.P.R. 26/10/1972, n. 633 e del D.M.29/12/1989 e successive modificazioni e integrazioni. Egregio abbonato, ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, Lainformiamo che i Suoi dati personali sono registrati su database elettronici di proprietà di Wolters Kluwer Italia S.r.l., con sede legale in Assago Milanofiori Strada 1-Palazzo F6, Assago (MI), titolare del trattamento e sono trattati da quest ultima tramite propri incaricati. Wolters Kluwer Italia S.r.l. utilizzerà i dati che La riguardano per finalità amministrative e contabili. I Suoi recapiti postali e il Suo indirizzo di posta elettronica saranno utilizzabili, ai sensi dell art. 130, comma 4, del D.Lgs. n. 196/2003, anche a fini di vendita diretta di prodotti o servizi analoghi a quelli oggetto della presente vendita. Lei potrà in ogni momento esercitare i diritti di cui all art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003, fra cui il diritto di accedere ai Suoi dati e ottenerne l aggiornamento o la cancellazione per violazione di legge, di opporsi al trattamento dei Suoi dati ai fini di invio di materiale pubblicitario, vendita diretta e comunicazioni commerciali e di richiedere l elenco aggiornato dei responsabili del trattamento, mediante comunicazione scritta da inviarsi a: Wolters Kluwer Italia S.r.l. - PRIVACY - Centro Direzionale Milanofiori Strada 1- Palazzo F6, Assago (MI), o inviando un Fax al numero: Il Diritto industriale 6/2014

5 Giurisprudenza Brevetti Invenzione di combinazione Sul requisito della novità intrinseca dell invenzione di combinazione Cassazione Civile, Sez. I, 30 maggio 2014, n Pres. Ceccherini - Rel. Lamorgese - Pelomagia S.r.I. e C. c. Chemi-Vit S.r.I. incorporante Nector Italia S.r.I. c. Nector Italia S.r.I. A norma degli artt. 12 r.d. 29 giugno 1939 e 2 r.d. 25 agosto 1940, il requisito della novità intrinseca non richiede un grado di creatività ed originalità assolute rispetto a qualsiasi precedente cognizione essendo sufficiente che si concretizzi in un risultato nuovo volto a soddisfare interessi industriali nuovi prima non risolti e non soddisfatti, anche mediante un coordinamento originale ed ingegnoso di elementi e mezzi già conosciuti quando ne derivi un risultato nuovo tecnicamente ed economicamente utile (invenzione di combinazione) che costituisce espressione di un progresso di idee e di un miglioramento preesistente. ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI Conforme Cass. n /2013; Cass. n /2010; Cass. n. 8879/2001; Cass. n /1999; Cass. n. 8777/1998; Cass. n. 839/1995; Cass. n. 2168/1982 Difforme Cass. n. 3706/1971; App. Torino 20 novembre 1958 La Corte (omissis). 1. Nel primo motivo di ricorso si imputa alla corte del merito falsa applicazione dell art. 1 del r.d. 29 giugno 1939, n e violazione dell art. 8 della Convenzione di Strasburgo 27 novembre 1963, per avere ravvisato una contraffazione di brevetto pur non avendo i due prodotti contestati ( Easy drying e Super phon ) riprodotto tutti, e tutti insieme, gli elementi caratterizzanti il trovato brevettato che era composto da un tavolo (comprendente tre vani a tenuta stagna e un coperchio), un sistema di aspirazione e uno soffiante aria calda, con un unico congegno utilizzato per alimentare entrambi, dal momento che il prodotto Easy drying incorporava soltanto un sistema di aspirazione e il Super phon soltanto un dispositivo di asciugatura ed entrambi non erano inseriti all interno di un tavolo Il motivo è inammissìbile. Non è riconducibile nell ambito di una censura per violazione di legge ex art. 360 n. 3 c.p.c. la deduzione, qual è quella in esame, con la quale si contesti al giudice del merito non di non avere correttamente individuato o interpretato la disciplina normativa della questione controversa, bensì d avere erroneamente ravvisato, nella situazione di fatto in concreta accertata, la ricorrenza degli elementi costitutivi di una determinata fattispecie normativamente regolata, in quanto una tale valutazione non comporta un giudizio di diritto ma un giudizio di fatto che è precluso in sede di legittimità. La valutazione della esistenza del quid pluris che caratterizza le cosiddette invenzioni di combinazione, che è rappresentato dalla novità e originalità del prodotto risultante dalla combinazione e utilizzazione di elementi già noti, spetta al giudice del merito ed è censurabile in sede di legittimità solo in presenza di motivazione omessa o inadeguata (v. Cass. n. 8777/1998). 2. Il secondo motivo, di complessa decifrazione, deduce ancora violazione dell art. 8 della Convenzione di Strasburgo per erronea delimitazione dell estensione della tutela brevettuale: la sentenza impugnata avrebbe riformulato la rivendicazione principale o indipendente suddividendola in più rivendicazioni, facendo poi oggetto di ciascuna delle rivendicazioni così suddivise uno solo o soltanto alcuni degli elementi caratterizzanti prima tutti accorpati nel testo della rivendicazione principale o indipendente formulato nella domanda di brevetto Il motivo è inammissibile. Esso non contiene una chiara indicazione né della ratio decisoria che è oggetto di crìtica né delle ragioni giuridiche poste a base della censura, risultando oscuro sia l oggettocheladirezione della stessa. Inoltre l imputazione al consulente tecnico d ufficio di avere riscritto il brevetto introduce in questa sede una questione non esaminata nei precedenti gradi di giudizio. 3. Il terzo motivo, a proposito del giudizio di novità e brevettabilità del dispositivo di asciugatura, censura (per vizio di motivazione) il giudizio di somiglianza tra Il Diritto industriale 6/

6 Giurisprudenza Brevetti Numero Demo - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. il suddetto dispositivo ed un altro asciugatore in commercio, contestandosi l affermazione secondo cui sarebbe diverso il meccanismo di riscaldamento dell aria ( per compressione in quello denominato Scirocco e per passaggio della stessa in prossimità di fonte di calore fornita da una turbina in azione nell altro ) e, di conseguenza, l assunto della novità del trovato Il motivo, nel quale si imputa alla sentenza impugnata una erronea valutazione di elementi deducibili dai documenti prodotti, è inammissibile, risolvendosi in una inammissibile istanza di revisione delle valutazioni e dei convincimenti del giudice del merito e, quindi, nella richiesta di una nuova pronuncia sul fatto, estranea alla natura e alla finalità del giudizio di legittimità. 4. Nel quarto motivo è dedotta la violazione degli artt. 12, 14 e 16 r.d. n. 1127/1939 con riguardo al giudizio, espresso dalla corte di merito e che sarebbe erroneo, di novità e brevettabilità come invenzione di combinazione del dispositivo di aspirazione ( Easy drying ), poiché il trovato risultava dall unione di elementi noti e ricompresi nello stato della tecnica, senza un vantaggio ulteriore rispetto a quelli forniti dai singoli elementi incorporati Il motivo è infondato. La sentenza impugnata ha applicato (e non violato) il principio secondo cui, a norma degli artt. 12 r.d. 29 giugno 1939 n e 2 r.d. 25 agosto 1940 n. 1411(applicabili ratione temporis), il requisito della novità intrinseca non richiede un grado di creatività ed originalità assolute rispetto a qualsiasi precedente cognizione, essendo sufficiente che si concretizzi in un risultato nuovo, volto a soddisfare interessi industriali prima non risolti e non soddisfatti, anche mediante coordinamento originale e ingegnoso di elementi e mezzi già conosciuti, quando ne derivi un risultato nuovo tecnicamente ed economicamente utile (invenzione dì combinazione) che costituisce espressione di un progresso di idee e di un miglioramento della tecnica preesistente (v. Cass. n /2010, n. 8777/1998 cit., n. 839 e 2575/1995, n. 3932/1984). La corte del merito ha accertato in fatto, con motivazione adeguata e immune da vizi logici, che ciascuno degli elementi del trovato, benché in parte già noto, presentava i caratteri della creatività e originalità sia singolarmente (1 aspiratore di acqua dal mantello degli animali, convogliata efficacemente attraverso un tubo verso un contenitore grazie all uso di accorgimenti tecnici particolari, e un asciugatore che perfezionava il comune phon per la particolare modalità tecnica di emissione dell aria calda), sia soprattutto per la loro combinazione, che realizzava un risultato economico-industriale nuovo, applicato in forma ottimale alla pulizia {mediante lavaggio e asciugatura) degli animali. 5. Nel quinto motivo è dedotta contraddittorietà della motivazione, censurandosi il giudìzio con cui la corte, pur dichiarando di non poter esaminare in modo approfondito le anteriorità, aveva affermato che gli apparecchi {due bidoni aspiratori) mostrati dall appellante Pelomagia non avevano le caratteristiche di anteriorità idonee ad escludere la novità del trovato concesso alla Nector. Al suddetto motivo è connesso il sesto nel quale i ricorrenti imputano alla corte del merito di avere motivato in modo insufficiente la mancata rinnovazione della c.t.u., la quale avrebbe dimostrato che i dispositivi brevettati (aspiratore e asciugatore) presentavano elementi e soluzioni già presentì nei macchinari in commercio Entrambi i motivi sono infondati. La motivazione della sentenza impugnata si sottrae alle censure proposte, avendo dato conto esaurientemente che gli apparecchi in commercio erano destinati [...] a funzionare da aspiratori o da ventilatori per qualunque applicazione e non presentavano le caratteristiche complessive di funzionalità che sono proprie del trovato concesso all appellata, in quanto sono apparecchi rumorosi e scarsamente adattabili all operazione di asciugare il corpo animale (nessuna, ad esempio, prevede una manichetta che, aspirando, proceda anche a pettinare il pelo). 6. Nel settimo motivo è dedotta falsa applicazione dell art c.c. quanto al rigetto della domanda riconvenzionale dì risoluzione del contratto, ravvisandosi un vizio di motivazione per avere ritenuto non grave l inadempimento della Nector (agli obblighi di pagamento delle royalties e di invio degli estratti conto del venduto), senza considerare che l art. 14 del contratto di licenza conteneva una clausola risolutiva espressa che rendeva irrilevante 1 indagine sulla importanza dell inadempimento Il motivo è inammissibile, in quanto introduce in questa sede di legittimità un tema di indagine nuovo, facendo i ricorrenti valere per la prima volta nel giudizio una clausola risolutiva espressa, al fine di paralizzare la domanda di risoluzione del contratto per inadempimento proposta dalla controparte. 7. L ottavo motivo deduce violazione dell art c.c. e illogicità della motivazione per avere ritenuto di scarsa importanza l inadempimento della società Nector ad un obbligazione primaria ed essenziale come il pagamento delle royalties. Al suddetto motivo è connesso il nono motivo che deduce falsa applicazione dell art c.c., per omessa valutazione dell inadempimento della Nector anche sotto l ulteriore profilo della violazione dell obbligo del licenziatario di sfruttare efficacemente il brevetto oggetto del contratto I motivi sono inammissibili nella parte in cui deducono violazione di legge quanto alla valutata rilevanza degli inadempimenti come causa di risoluzione del contratto. Infatti la valutazione della gravità dell inadempimento, all esito dell esame dei fatti e delle prove, ai fini della risoluzione dì un contratto a prestazioni corrispettive ai sensi dell art ce, è rimessa al giudice del merito ed è censurabile in sede di legittimità solo per vizi di motivazione nei limiti in cui questa sia incongrua e affetta da vizi logici e giuridici (tra le tante, Cass. n /2006, n. 7086/2005) Essi sono infondati nella parte in cui deducono vizi di motivazione, avendo la sentenza impugnata, con motivazione adeguata, giudicato di scarsa importanza e privo di rilevanza causale nell economia del rapporto l inadempimento della so- 514 Il Diritto industriale 6/2014

7 Giurisprudenza Brevetti cietà Nector (agli obblighi di inviodegliestratticonto e di pagamento delle royalties), essendo prevalente il grave inadempimento della Pelomagia che aveva turbato oggettivamente l equilibrio contrattuale. In tal modo il giudice del merito ha adempiuto all obbligo della motivazione, avendo giustificato compiutamente la propria decisione in base alle risultanze probatorie che ha ritenuto risolutive ai fini della statuizione adottata, nonessendo tenuto ad analizzare ogni singolo dato acquisito al processo. Nella richiesta valutazione, peraltro non introdotta nel giudizio di merito, dell obbligo (asseritamente inadempiuto) del licenziatario di sfruttare efficacemente il brevetto, è implicita l istanza inammissibile in questa sede - di revisione del giudizio di fatto compiuto dalla corte territoriale, 8. In conclusione, il ricorso è rigettato. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano in dispositivo. omissis IL COMMENTO di Dario Mastrelia Il caso in rassegna attiene alla sussistenza del requisito della novità intrinseca di un invenzione di combinazione appartenente al settore dell elettromeccanica. Il principio di diritto enunciato dai Giudici del Supremo Collegio fa eco ad altre pronunce (recenti e non) dirette nello stesso senso. La massima evidenziata ha ribadito che per la sussistenza del requisito della novità intrinseca in un'invenzione di combinazione è sufficiente un contributo inventivo minimo ottenuto anche mediante un coordinamento originale ed ingegnoso di elementi e mezzi già conosciuti (combinazione di elementi già noti) quando ne derivi un risultato tecnicamente nuovo (in termini di creatività e originalità) ed economicamente utile. Introduzione: brevi cenni sul concetto di novità intrinseca secondo dottrina e giurisprudenza Nella decisione in rassegna i Giudici del Supremo Collegio sono stati interpellati per valutare nove motivi di ricorso, sei dei quali sono stati ritenuti (1) I primi due motivi di ricorso (Sulla falsa applicazione dell art. 1 r.d. 209 giugno 1939, n e dell art. 8 Convenzione di Strasburgo del 27 novembre 1963), come formulati dal ricorrente, sono stati ritenuti inammissibili. Il sindacato della Suprema Corte può riferirsi a una motivazione omessa o inadeguata del giudice del merito ma non può estendersi a valutazioni dei vizi attinenti al merito della questione. Con il terzo motivo il ricorrente chiede la censura della novità del trovato per un erronea valutazione di elementi deducibili dai documenti prodotti e la revisione del convincimento del giudice del merito. Anche in questo caso la Suprema Corte ha ritenuto inammissibile il motivo di ricorso poiché il giudizio sulla presenza o assenza degli elementi fattuali che caratterizzano la (lamentata) violazione della mancanza di novità dell invenzione in questione poteva essere rivolto alla Suprema Corte solo nel caso in cui la pronuncia del giudice del merito fosse stata affetta da vizi quali omissione dei motivi o inadeguatezza degli stessi. Con il quarto motivo il ricorrente lamenta la violazione degli art. 12, 14 e 16 del r.d. 29 giugno 1939, n poiché il trovato (nello specifico si trattava di un dispositivo per il lavaggio e l asciugatura degli animali) non sarebbe nuovo e, secondo il licenziante, sarebbe il (mero) risultato dall unione di elementi già noti nello stato della tecnica. Il motivo è stato ritenuto infondato in quanto nel giudizio di merito è stato accertato, con motivazione adeguata e immune da vizi logici, che ciascuno degli elementi del trovato benché in parte già noto presentava caratteri di originalità sia singolarmente sia in combinazione. Con il quinto motivo il ricorrente lamenta la contraddittorietà della motivazione della sentenza di merito nella parte in cui il giudice (del merito) pur dichiarando di non poter esaminare in inammissibili e i restanti tre infondati (1). La massima evidenziata, estratta dal quarto dei nove motivi, attiene, in particolare, alla sussistenza e alla qualificazione del requisito della novità intrinseca di un invenzione di combinazione (2). La novità intrinseca, definita anche originalità o attività inventiva, indica il raggiungimento di un modo approfondito le anteriorità ha affermato che gli apparecchi mostrati non avevano le caratteristiche idonee ad escludere la novità del trovato. Con il sesto motivo i ricorrenti lamentano che il giudice del merito ha fornito una motivazione insufficiente alla richiesta di una rinnovazione della c.t.u. La Suprema Corte ha ritenuto infondati sia il quinto sia il sesto motivo in quanto il giudice del merito ha rilevato che gli apparecchi messi a punto dal licenziatario esulano da un uso generico di aspirazione o ventilazione e sono funzionali a specifiche fasi della toelettatura degli animali domestici, fra cui la funzione di pettinatura del pelo animale nella fase di asciugatura. Il settimo motivo è stato ritenuto inammissibile dalla Suprema Corte poiché ha introdotto un tema di indagine nuovo su una clausola risolutiva del contratto di licenza non rilevato in fase di merito. L ottavo e il nono motivo sono stati ritenuti inammissibili nella parte in cui deducono violazione di legge poiché le valutazioni della gravità dell inadempimento sono rimesse al giudice del merito e sono censurabili solo per vizi di motivazione (incongrua o affetta da vizi logici e giuridici). (2) Com è noto l invenzione di combinazione, species del più ampio genus invenzione, non può prescindere dalla sussistenza dei requisiti di brevettabilità di cui all art. 45 c.p.i. Il requisito della novità, nel nostro ordinamento è bipartito nei concetti di novità estrinseca e novità intrinseca. Tuttavia secondo alcune opinioni, la bipartizione del concetto di novità (estrinseca e intrinseca) è del tutto effimera in quanto entrambi i concetti rappresentano aspetti coordinati e reciprocamente integrantesi di un complesso requisito sostanzialmente unico. Cfr.Eula,Rassegna della giurisprudenza della Corte Suprema in materia di privative industriali, inriv. dir. comm., 1946,I,1,2ss. Il Diritto industriale 6/

8 Giurisprudenza Brevetti Numero Demo - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. risultato tecnico innovativo, un apporto creativo e non ovvio, che per una persona esperta del ramo non risulta in modo evidente dallo stato dell arte (3). In particolare tale requisito identifica un risultato che va oltre l implicazione logica o l ordinario svolgimento delle cognizioni dell operatore medio del settore e rappresenta un progresso, seppur minimo, rispetto alla tecnica ed alle cognizioni precedenti (4). Sul concetto di novità intrinseca sono state formulate varie teorie sia in giurisprudenza sia in dottrina. L interpretazione delle corti nel corso del tempo è passata da un orientamento minoritario (e ormai superato) che richiedeva un quid novi sorprendente (o eccezionale) (5) ad un orientamento prevalente (ed attuale) secondo il quale l apporto creativo (o quid novi) non deve essere per forza eccezionale, assoluto, sorprendente, ben potendo essere di modesta entità e/o semplice (6). (3) Di Cataldo, L originalità dell invenzione, Milano, 1983, 69 ss. (4) Cass., sez. I, 28 giugno 2001, n. 8879, in Mass. Foro It., 2001, l originalità può essere identificato come: «un salto inventivo capace per ciò stesso di far evolvere lo stato della tecnica nella direzione di una causalità ulteriore a quella già raggiunta». In dottrina, ex plurimis, cfr.dicataldo,inil Codice Civile Commentario, I brevetti per invenzione e per modello di utilità. I disegni e i modelli. Artt , Milano, 2012, 140). Tale concetto riflette un principio fondamentale del sistema brevettuale ossia la giustificazione del monopolio: «e cioè l idea che l estensione del monopolio brevettuale trovi la propria giustificazione e quindi anche i propri limiti nel contributo al progresso tecnico apportato dall inventore e divulgato tramite la brevettazione» (Guglielmetti, Studi di diritto industriale in onore di Adriano Vanzetti, 768). (5) App. Torino 20 novembre 1958, in questa Rivista, 1959, II, 88. In posizione più estrema, una isolata pronuncia del Supremo Consesso in cui si legge: «è originale ciò che prima era ignoto a chiunque». Cass. n. 3706/1971. Una pronuncia in cui il concetto di originalità è rapportato direttamente al concetto di novità è rinvenibile nella pronuncia della Cass. 20 maggio 1950, n. 1299: «Non è sempre nuovo ciò che è originale, è sempre originale ciò che è nuovo» (cfr. Benedicenti, Rassegna di Giurisprudenza della Corte Suprema in materia di privativa industriale, in Riv. dir. comm., 1956, I 470). (6) In materia di brevetti per la sussistenza del requisito della novità intrinseca dell invenzione non è richiesto un grado di novità ed originalità assoluto rispetto a qualsiasi precedente cognizione essendo sufficiente che esso riguardi nuove implicazioni e nuovi usi di elementi già noti associandoli o coordinandoli in modo da ottenere un risultato industriale nuovo, economicamente utile; poiché la legge sulle invenzioni richiede che non siano comprese nello stato della tecnica (art.14) o che essa risulti in modo evidente dallo stato della tecnica (art.16) mentre non richiede l insussistenza di altre e diverse invenzioni precedenti concernenti lo stesso problema tecnico, ben possono esistere soluzioni tutte astrattamente brevettabili; pertanto per escludere il requisito della novità di un brevetto non è sufficiente che il risultato industriale sia già stato raggiunto ma è necessario dimostrare che l idea inventiva contenuta nel brevetto sia priva del carattere di non evidenza per il tecnicomediodelsettore(cass.,sez.i,11dicembre1999,n. Ulteriori sforzi ermeneutici sono stati profusi per l elaborazione di tesi dirette all identificazione di alcuni parametri rilevanti per il riconoscimento dell esistenza della novità intrinseca. Una prima tesi (invero dominante) suggeriva il parametro del tecnico medio del settore: secondo tale teoria l invenzione è originale se il tecnico medio del settore non è in grado di realizzarla in base alle cognizioni già possedute (7). Una seconda tesi si basava invece su un parametro oggettivo: secondo quest altra teoria l invenzione è originale se determina un progresso tecnico (8). Una terza opinione riuniva le due tesi precedenti e proponeva una sintesi fra il parametro soggettivo (tecnico medio del settore) e parametro oggettivo (progresso tecnico) (9). Infine altre interpretazioni sono state dirette a ricercare i c.d. indizi positivi di originalità fra cui: il progresso tecnico rilevante e sorprendente; il c.d. sinergismo (10); il superamento di particolari difficoltà o di effettivi ostacoli tecnici (11) ). Conforme Cass. n. 2168/1982; Cass. n. 839/1995, in Giust. civ. mass., 1995, 158; Cass. n. 4528/1979, in Giust. civ. mass., 1979). (7) Sena, I diritti sulle invenzioni e sui modelli di utilità, in Trattato diritto civile commerciale, diretto da Cicu e Messineo, Milano, 1990, 117 ss. Cfr. inoltre Trib. Milano 29 settembre1980, in GADI 1980, 601. (8) Cass.n. 5486/1979; Cass. n. 821/1968; App. Milano 29 settembre 1981, in GADI 1981, 550. Il progresso tecnico può consistere in: un miglioramento delle tecniche già note e nell arricchimento dello stato della tecnica indipendentemente da una sua utilità economica (Sena ibidem p. 126); miglioramenti di rendimento o semplificazioni della struttura di un prodotto o di un procedimento (Trib. Milano 30 maggio 1974, in GADI 1974,737); miglioramenti della sicurezza nell uso di un prodotto (App. Milano 29 settembre 1981, in GADI 81, 550); miglioramenti della sicurezza nell uso di un prodotto; riduzione del costo di produzione o incremento di economicità (Cass. n. 1454/1972; Trib. Milano 30 maggio 1974, in GADI 1974,737). (9) Sulla scia di quest ultima interpretazione, la giurisprudenza di legittimità ha affermato che «sussiste originalità intrinseca qualora l apportocreativoeccedeleconoscenzedel tecnico medio del settore nel disimpegno delle sue normali prestazioni e comporta un contributo apprezzabile ancorché di non rilevante entità al miglioramento della tecnica preesistente» (Cass. n. 2168/1982). Conforme Cass. n. 1454/1972. Dello stesso avviso la giurisprudenza di merito che ha indicato che l originalità «segna la linea di confine fra ciò che appartiene al divenire normale di ciascun settore che potrebbe essere utilizzato da ciascun operatore e che quindi non merita la protezione e ciò che invece è frutto di un idea che supera le normali prospettive di evoluzione del settore, che non è alla portata dei tanti che in esso operano e che quindi merita la tutela esclusiva» Trib. Roma 12 settembre 2001, in GADI (10) Ossia l effetto della combinazione di due caratteristiche che determina un risultato tecnicamente superiore a quello che il tecnico medio si poteva attendere dalla somma delle peculiarità note di tali caratteristiche considerate separatamente. (11) Per una più ampia panoramica sugli indizi positivi di originalità cfr. Ubertazzi (a cura di), Commentario breve alle leggi su proprietà intellettuale e concorrenza, Padova, 2012, 281 ss. 516 Il Diritto industriale 6/2014

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo Colaci.it Si richiama la sentenza della Corte di Cassazione sotto

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

Metodologia di calcolo del pay-back 5% - 2013

Metodologia di calcolo del pay-back 5% - 2013 Metodologia di calcolo del pay-back 5% - 2013 Vista la proroga al 31 dicembre 2013 emanata ai sensi del D.P.C.M. 26 giugno 2013, dei termini previsti all art.9, comma 1, del D.L. 31 dicembre 2007, n.248,

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cataldi.it Il giudice del lavoro adito con impugnativa

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati.

O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati. O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5 Affidamento diretto del servizio di trasporto malati. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati Cons. St.,

Dettagli

Principi generali in tema di esecuzione forzata

Principi generali in tema di esecuzione forzata Corso Principi generali in tema di esecuzione forzata Modena, dal 10 al 18 ottobre 2014 Programma I INCONTRO 10 ottobre Titolo esecutivo Caratteristiche del titolo esecutivo; Certezza, liquidità, esigibilità

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 REPUBBLICA ITALIANA Suprema Corte di Cassazione Sezione III sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 212/E

RISOLUZIONE N. 212/E RISOLUZIONE N. 212/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso ROMA 22 maggio 2008 Oggetto: Consulenza giuridica Interpello IVA Fornitura di energia elettrica ai consorzi per uso irriguo, di sollevamento

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) GRECO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) GRECO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

Presentazione: La brevettazione farmaceutica in Italia: aspetti normativi ed evoluzione della giurisprudenza: effetti sul SSN.

Presentazione: La brevettazione farmaceutica in Italia: aspetti normativi ed evoluzione della giurisprudenza: effetti sul SSN. Presentazione: La brevettazione farmaceutica in Italia: aspetti normativi ed evoluzione della giurisprudenza: effetti sul SSN. Relatore: Avv. Francesca Mastroianni 51 SIMPOSIO AFI - 8-10 GIUGNO 2011 PREMESSA

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il Revisori dei conti degli enti locali: Il TAR Lazio ritiene legittima la nuova procedura di estrazione a sorte degli iscritti negli elenchi regionali di cui al decreto del Ministero dell interno 23/2012.

Dettagli

SINTESI DURATA GIUDIZIO

SINTESI DURATA GIUDIZIO SINTESI Cause Apicella c/ Italia (ricorso n. 64890/01), Cocchiarella c/ Italia (ricorso n. 64886/01), Ernestina Zullo c/ Italia (ricorso n. 64897/01), Giuseppe Mostacciuolo c/ Italia (n. 1) (ricorso n.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE Flavio Ficara (Estratto da Diritto e Processo formazione n. 4/2011 ) QUAESTIO IURIS Nella sentenza del 29 dicembre 2010, n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) ROSSI (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

REGOLAMENTO SEGUI IL MOVIMENTO SSD a.r.l.

REGOLAMENTO SEGUI IL MOVIMENTO SSD a.r.l. REGOLAMENTO SEGUI IL MOVIMENTO SSD a.r.l. Art. 1 PREMESSE 1.1 Le presenti Condizioni Generali ed i relativi Allegati costituiscono parte integrante e sostanziale del Contratto di fornitura (Abbonamento)

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI SGD G 030 LE INVENZIONI DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA DIFESA ROMA EDIZIONE 2015 MINISTERO DELLA DIFESA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 147/E

RISOLUZIONE N. 147/E RISOLUZIONE N. 147/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,10 aprile 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Variazione dell imponibile Iva in conseguenza dell applicazione

Dettagli

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere.

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. MUTUI FONDIARI: Risoluzione del contratto. C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. Premessa. L anatocismo viene praticato oltre che sui conti correnti anche sui

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3648/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3648/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3648/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 13 del 23 aprile 2015 Sono presenti i componenti

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX.

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. Determinazione dirigenziale n. 15 del 24 dicembre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno (09/01/2012) Cass. Sez. II Civ. - Sent. del 23/12/2011, n. 28679 Svolgimento

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c.

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. - In materia di diritto tavolare, lo Studio ha ottenuto l affermazione

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

Contratto tipo di Agenzia

Contratto tipo di Agenzia Contratto tipo di Agenzia LETTERA D INCARICO D AGENZIA 1 In relazione alle intese intercorse, vi confermiamo, con la presente, l incarico di promuovere stabilmente, per nostro conto, la vendita dei prodotti

Dettagli

ORDINANZA N. 203 ANNO 2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Paolo MADDALENA Presidente

ORDINANZA N. 203 ANNO 2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Paolo MADDALENA Presidente ORDINANZA N. 203 ANNO 2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Paolo MADDALENA Presidente - Alfio FINOCCHIARO Giudice - Alfonso QUARANTA - Franco

Dettagli

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro:

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO SEZIONE STACCATA DI BRESCIA SESSANTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Fondrieschi Fausto

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Il/La sottoscritto/a chiede di essere ammesso alla selezione sopra citata e a tal fine dichiara quanto segue:

Il/La sottoscritto/a chiede di essere ammesso alla selezione sopra citata e a tal fine dichiara quanto segue: Si raccomanda di riportare in maniera completa e leggibile i dati. Spazio riservato all ufficio concorsi Spazio riservato al Protocollo Generale PROT. N. 3-11/10/11/2 ISTR_TECN_GEOM AL COMUNE DI TRIESTE

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX Determinazione dirigenziale n. 7 del 3 ottobre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli