COTRAL PATRIMONIO S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 PARTE SPECIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COTRAL PATRIMONIO S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 PARTE SPECIALE"

Transcript

1 COTRAL PATRIMONIO S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 PARTE SPECIALE

2 1. Introduzione 1.1 Struttura della Parte Speciale La Parte Speciale di questo Modello è articolata in Sezioni, corrispondenti ai singoli gruppi di reati richiamati dal Decreto. Ciascuna Sezione è a sua volta costituita da più paragrafi: - il primo, dedicato alla sintetica descrizione delle fattispecie criminose rilevanti e all esemplificazione di possibili modalità di commissione dei reati nel concreto ambito aziendale; - il secondo, volto alla identificazione dei processi sensibili, ovvero degli ambiti di attività nei quali è più alto il rischio di commissione di ciascun gruppo di reati, e delle strutture aziendali prevalentemente coinvolte in tali processi; - il terzo, che contiene indicazioni relative ai principi di comportamento e di attuazione dei processi decisionali. Più in particolare, i principi di comportamento richiamano all osservanza del Codice Etico, specificando, se del caso, le ulteriori regole di condotta che devono ispirare il comportamento dei destinatari del Modello, al fine di prevenire la commissione dei singoli gruppi di reati. I principi di attuazione dei processi decisionali indicano invece le modalità con cui devono essere svolte le diverse attività, in conformità a quanto disposto dal Legislatore all art.6, comma 2 lettera b) del Decreto. In questa sede sono inoltre richiamati alcuni dei protocolli e delle procedure già esistenti nell Azienda, ovvero elaborati in occasione dell adeguamento alle 2

3 prescrizioni legislative che ci occupano, in quanto idonei a scongiurare la commissione dei reati di cui al Decreto. 1.2 Principi di attuazione dei processi decisionali applicabili a tutti i processi sensibili Ferme restando le indicazioni specifiche che verranno fornite nelle Sezioni che seguono, costituiscono principi da applicarsi con riferimento a tutti i processi aziendali sensibili: 1. la chiara identificazione della responsabilità di ciascuna operazione/processo: la responsabilità di ogni operazione/processo aziendale deve infatti essere chiaramente definita e conosciuta all interno dell organizzazione; 2. la segregazione di funzioni/attività all interno di ciascuna operazione/processo: lo svolgimento delle diverse attività in cui si articola ciascuna operazione/processo sensibile deve essere affidato, per quanto possibile, a soggetti diversi. Il coinvolgimento di esponenti aziendali diversi disincentiva infatti la commissione di reati o irregolarità e comunque consente una puntuale individuazione del soggetto cui ascrivere eventuali responsabilità; 3. la tracciabilità delle operazioni/atti: ogni operazione o fatto gestionale posto in essere con riguardo ai processi sensibili deve venire documentato, in forma scritta (anche utilizzando lo strumento della ), in modo che sia sempre possibile verificare l iter in cui si è articolata ciascuna attività e individuare, ove necessario, i soggetti responsabili; 3

4 4. l evidenza formale dei controlli: i controlli effettuati devono lasciare traccia documentale, così che si possa, anche in un momento successivo, verificare lo svolgimento del controllo, identificare colui che lo ha posto in essere e valutarne l operato; 5. il sistema di deleghe e procure: in ambito aziendale viene adottato un sistema di deleghe interne, per mezzo del quale a ciascun esponente aziendale sono attribuiti compiti e responsabilità nell ambito della gestione delle diverse attività. Se del caso, la Società si dota di un sistema di procure, finalizzate al conferimento di poteri di firma e di spesa in capo ai diversi esponenti aziendali. Compatibilmente con la piena operatività aziendale, il sistema di procure prevede, quantomeno per operazioni di valore significativo o rilevanti per la Società, un meccanismo di firme abbinate; 6. l adozione e implementazione di specifiche procedure/protocolli: le attività sensibili sono disciplinate da procedure/protocolli, che danno completa attuazione ai principi di controllo di cui al presente e ai successivi paragrafi; 7. la comunicazione continuativa all Organismo di Vigilanza delle informazioni concernenti le operazioni a rischio: la Società individua taluni soggetti qualificati come Responsabili Interni, i quali sono tenuti, tra l altro, a inviare con cadenza periodica all Organismo di Vigilanza le informazioni relative alle operazioni sensibili e all attuazione del Modello Organizzativo; 8. la tempestiva segnalazione all Organismo di Vigilanza di anomalie o violazioni del Modello Organizzativo: tutti i dipendenti e coloro che operano a nome o nell interesse di Cotral Patrimonio sono tenuti a comunicare per iscritto e in modo tempestivo all Organismo di Vigilanza la notizia di comportamenti 4

5 anomali, anche se non di rilevanza penale, tenuti in ambito aziendale, ovvero le violazioni del Modello Organizzativo di cui siano venuti a conoscenza; 9. l utilizzo di sistemi informatici con riferimento alle operazioni sensibili: per quanto possibile, la Società ricorre all utilizzo di sistemi informatici con riferimento alle operazioni sensibili, in modo che siano garantite tracciabilità e gestione uniforme delle diverse attività. 5

6 SEZIONE A : REATI RICHIAMATI DALL ART. 24 DEL DECRETO (INDEBITA PERCEZIONE DI EROGAZIONI, TRUFFA IN DANNO DELLO STATO O DI UN ENTE PUBBLICO O PER IL PERSEGUIMENTO DI EROGAZIONI PUBBLICHE E FRODE INFORMATICA IN DANNO DELLO STATO O DI ALTRO ENTE PUBBLICO) 1. Fattispecie criminose rilevanti Malversazione a danno dello Stato (art. 316 bis c.p.); Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato (art. 316 ter c.p.); Truffa aggravata a danno dello Stato o di un altro ente pubblico (art. 640 comma 2 n. 1 c.p.); Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (art. 640 bis c.p.); Frode informatica (art. 640 ter c.p.). I reati richiamati dall art.24 del Decreto sono volti a punire condotte delittuose poste in essere in danno di soggetti pubblici, sussumibili in due categorie: - captazioni abusive e truffe; - distrazioni di denaro pubblico dal fine cui è destinato. Alla prima categoria sono riconducibili le condotte illecite, più o meno artificiose, realizzate da qualsiasi soggetto per conseguire un ingiusto profitto in danno dello Stato o di altro ente pubblico. Le distrazioni di cui al reato di malversazione ex art.316-bis c.p. si configurano invece ogniqualvolta un soggetto, ottenuta una erogazione pubblica sotto qualsiasi forma finalizzata al soddisfacimento di un interesse collettivo, la impiega per finalità diverse. 2. Identificazione dei processi sensibili e delle strutture aziendali coinvolte Alla luce dell analisi delle attività poste in essere dalle diverse strutture aziendali 6

7 e del documento denominato Mappatura dei rischi di reato ai sensi del D.Lgs.231/01, sono emersi come a rischio i seguenti processi: - richiesta, ottenimento e impiego di contributi regionali per l acquisto di autobus; - richiesta, ottenimento e impiego di contributi regionali per la costruzione di nuovi impianti, anche se d intesa con Cotral S.p.A.; - richiesta, ottenimento e impiego di contributi pubblici per progetti di formazione e, in generale, collegati alla gestione del personale, quali, ad esempio, quelli regionali relativi all accodo di saggio salariale; - richiesta e ottenimento di finanziamenti statali in occasione del rinnovo dei contratti collettivi; - gestione dell attività stragiudiziale in cui sia parte una Pubblica Amministrazione; - elaborazione, gestione e invio di dati a soggetti pubblici anche a mezzo di sistemi informatici. ***** 7

8 Strutture aziendali coinvolte: Internal Auditing Risorse Umane Affari Generali e Decreto Legislativo 231/01 Affari Societari e Approvvigionamenti Amministrazione e Finanza Prevenzione e Protezione Patrimonio Progettazione e Pianificazione Relazioni Esterne 3. Principi di comportamento e di attuazione dei processi decisionali 3.1 Principi di comportamento Preliminare appare il rinvio all osservanza di quanto stabilito nel Codice Etico, da considerare a ogni effetto parte integrante del Modello (cfr in particolare, Sezione B, Principi Etici, L integrità, Sezione C, Norme e standard di comportamento, paragrafo 3). E fatto, inoltre, obbligo di: - osservare le leggi, i regolamenti, i protocolli e le procedure che disciplinano l agire aziendale, con riferimento alle attività che comportano contatti e rapporti con la Pubblica Amministrazione; - instaurare e gestire qualsiasi rapporto con la Pubblica Amministrazione sulla base di criteri di massima correttezza e trasparenza. 8

9 La presente Sezione prevede, altresì, l espresso divieto di: - porre in essere, collaborare o dare causa alla realizzazione di comportamenti tali da integrare le fattispecie di reato richiamate dall art. 24 del Decreto; - porre in essere, collaborare o dare causa alla realizzazione di comportamenti i quali, sebbene risultino tali da non costituire di per sé reato, possano potenzialmente diventarlo. 3.2 Principi di attuazione dei processi decisionali Al fine di scongiurare la commissione dei reati in oggetto, devono essere realizzati i seguenti elementi di controllo: - formale identificazione nell ambito di ciascuna unità organizzativa dei soggetti deputati a intrattenere rapporti con la Pubblica Amministrazione in relazione a ciascuna operazione sensibile; - effettuazione di verifiche informatiche periodiche, allo scopo di evidenziare i soggetti che hanno la libera disponibilità di mezzi informatici con la finalità di comunicare dati a Pubbliche Amministrazioni (trasmissione telematica delle informazioni, in modo particolare se corredata di autenticazione o firma digitale; invio di file prodotti da elaborazioni on line, etc); - corretta politica delle password, degli accessi e degli altri strumenti informatici, in conformità a quanto previsto nella Sezione K. 9

10 Allo stato sono autorizzati a intrattenere rapporti con soggetti pubblici, finalizzati all ottenimento di finanziamenti, i Responsabili delle strutture organizzative interessate alla erogazione del contributo, previa autorizzazione scritta dell Amministratore Unico. Con riferimento a tutti i casi di richiesta di finanziamenti pubblici è assicurata la partecipazione di operatori diversi nelle seguenti fasi/attività del processo: - redazione e presentazione alla Pubblica Amministrazione competente della domanda finalizzata all ottenimento del finanziamento; - controllo della correttezza e veridicità della documentazione presentata e dei relativi allegati; - realizzazione dell attività oggetto del finanziamento e verifiche sull effettivo utilizzo dei contributi; - predisposizione dei rendiconti dei costi. I controlli e le verifiche devono avere evidenza scritta. Nel caso di attività stragiudiziale che veda come controparte una Pubblica Amministrazione, le strutture aziendali competente, anche col supporto di legali esterni, gestiscono l attività prendendo le mosse da una ricognizione completa della fattispecie. Sulla base delle informazioni reperite, le strutture aziendali in parola elaborano per iscritto una proposta transattiva, che viene sottoposta al vaglio dell Amministratore Unico per le determinazioni di competenza. 10

11 SEZIONE B : REATI RICHIAMATI DALL ART. 25 (CONCUSSIONE, INDEBITA INDUZIONE A DARE O PROMETTERE UTILITA E CORRUZIONE) E ART. 25 DECIES DEL DECRETO (INDUZIONE A NON RENDERE DICHIARAZIONI O A RENDERE DICHIARAZIONI MENDACI ALL AUTORITÀ GIUDIZIARIA), 25 DUODECIES (IMPIEGO DI CITTADINI DI PAESI TERZI IL CUI SOGGIORNO E IRREGOLARE) 1. Fattispecie criminose rilevanti Concussione (art. 317 c.p.); Corruzione per l esercizio della funzione (art. 318 c.p.); Corruzione per un atto contrario ai doveri d ufficio (art. 319 c.p.); Corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio (art. 320 c.p.); Istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.); Corruzione in atti giudiziari (art. 319 ter c.p.); Induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319 quater); Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all autorità giudiziaria (art. 377 bis c.p.); impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare (art. 2 d.lgs. 109/2012) Le diverse forme di corruzione contemplate nel Decreto si configurano quando un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio riceva, per sé o per altri, denaro o altra utilità - o la loro semplice offerta - per compiere, omettere o ritardare un atto del suo ufficio o per averlo compiuto (cd. corruzione impropria) o per compiere, omettere o aver compiuto o omesso atti contrari ai doveri d ufficio (cd. corruzione propria). Con riferimento a Cotral Patrimonio vengono pertanto in rilievo i rapporti con soggetti pubblici in occasione dei quali gli esponenti aziendali potrebbero corrompere i loro interlocutori (cd. corruzione attiva). In via esemplificativa, si pensi al caso in cui un dipendente della Società versi a un soggetto, che rivesta la qualifica di pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio, una somma di denaro al fine di ottenere un autorizzazione, una licenza o qualsiasi altro beneficio, dovuto o non. Una corruzione potrebbe altresì consumarsi qualora, ad esempio nel corso di ispezioni volte a verificare il rispetto della normativa in materia di sicurezza dei lavoratori, la dazione di denaro fosse finalizzata a evitare l irrogazione delle 11

12 sanzioni conseguenti alle violazioni riscontrate. Il reato di corruzione può essere integrato anche dalla accettazione da parte del pubblico agente della promessa o della dazione non solo di denaro, ma anche di una qualsiasi altra utilità: si pensi, a titolo esemplificativo, all assunzione, quale dipendente della Società, di un congiunto del pubblico ufficiale, il quale faccia parte della Amministrazione che procederà al rilascio del permesso o della autorizzazione richieste. Discorso analogo si pone anche in relazione all affidamento di incarichi o di consulenze, in ipotesi strumentale ad acquistare indirettamente i favori del pubblico ufficiale o dell incaricato di un pubblico servizio,per il tramite di soggetti allo stesso graditi. Con riferimento all ipotesi di corruzione in atti giudiziari, vengono invece in rilievo possibili condotte volte a incidere illecitamente sulle controversie giudiziali di cui sia parte l Azienda. Analogamente, devono essere menzionate le ipotesi in cui la Società abbia quale controparte in sede stragiudiziale un soggetto pubblico, posto che anche in tali casi potrebbero essere poste in essere condotte corruttive al fine di ottenere indebitamente una transazione favorevole alla Società. Rileva oltre alla corruzione anche l induzione indebita a dare o a promettere indebitamente denaro o altra utilità. Ciò premesso, non può escludersi che, nell ambito dello svolgimento di attività aziendali finalizzate al perseguimento di un interesse pubblico, gli stessi rappresentanti di Cotral Patrimonio possano a loro volta trovarsi ad agire momentaneamente e funzionalmente quali incaricati di un pubblico servizio e ad essere pertanto destinatari di promesse o dazioni di denaro o altre utilità (cd. corruzione passiva). Si ipotizzi il caso in cui, nell espletamento delle attività di pubblico servizio, un esponente aziendale preferisca un privato a un altro, sia esso un consulente o un fornitore, dietro promessa di una somma di denaro. 12

13 Con riferimento infine, all ipotesi di induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all autorità giudiziaria, vengono in rilievo i casi in cui l Azienda abbia interesse ad evitare che uno dei propri dipendenti o altro soggetto esterno - chiamato a rendere dichiarazioni davanti all autorità giudiziaria utilizzabili in sede penale, con la facoltà di non rispondere - possa rendere dichiarazioni sfavorevoli ad essa. 2. Identificazione dei processi sensibili e delle strutture aziendali coinvolte Alla luce dell analisi delle attività poste in essere dalle diverse strutture aziendali e del documento denominato Mappatura dei rischi di reato ai sensi del D.Lgs.231/01, sono emersi come sensibili i seguenti processi: 2.1 Attività che implicano rapporti con soggetti pubblici La Società intrattiene rapporti con: - la Regione Lazio e, in particolare, l Assessorato Bilancio e l Assessorato ai Trasporti; 13

14 - le Province che detengono una partecipazione nella Società e i relativi Assessorati; - Roma Capitale e le amministrazioni comunali del Lazio; - notai; - Atral S.p.A.; - Inps e Inail; - il Ministero delle Finanze e l Erario; - le Asl e Ispettorato del Lavoro; - Arpa Lazio; - gli organi giudiziari, nel caso di contenzioso con soggetti terzi; - Cotral S.p.A., con riferimento ai contratti in essere; - il Garante Privacy; - Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici; - il Pubblico Registro Automobilistico, l ACI e la Motorizzazione Civile; - l Ufficio del Registro; - l Autorità di bacino; - i Vigili del fuoco. Alla luce di quanto evidenziato, tutte le attività che implicano il sorgere di rapporti con soggetti pubblici, spesso chiamati a verificare il rispetto delle normative di settore, possono costituire l occasione per la consumazione di condotte corruttive volte ad evitare l applicazione di sanzioni. Peraltro, in tali ipotesi, sarebbe sempre ravvisabile un vantaggio in capo all Ente. 14

15 Ciò premesso, emergono quindi come sensibili le seguenti attività: - la stipula e la gestione di contratti/convenzioni o di rapporti con soggetti pubblici (quali, ad esempio, gli enti pubblici territoriali); - la gestione del contenzioso civile, penale, amministrativo, anche se delegata a legali esterni; - la gestione dell attività stragiudiziale in cui sia parte una Pubblica Amministrazione, anche nelle ipotesi in cui tale attività sia delegata a legali esterni; - la gestione dei rapporti con le Authority, in particolare con il Garante per la tutela dei dati personali; - la gestione degli adempimenti societari (ad esempio con riferimento alle iscrizioni nel Registro delle Imprese o alle Camere di Commercio); - la gestione dei rapporti con Enti previdenziali e con altri soggetti pubblici inerenti il personale; - la gestione dei rapporti con l Amministrazione Finanziaria; - la gestione di rapporti con la Pubblica Amministrazione per l ottenimento di autorizzazioni, licenze, concessioni, certificati o provvedimenti simili; - la gestione di eventuali accertamenti o ispezioni posti in essere da Pubbliche Amministrazioni, anche con riferimento alla applicazione della normativa sulla sicurezza e igiene sul lavoro e di quella in materia di rifiuti e inquinamento; - la partecipazione a Conferenze di servizi. 15

16 2.2 Processi strumentali alla commissione di reati corruttivi L art. 6 del D. Lgs. 231/2001, nella parte relativa agli elementi costitutivi del Modello Organizzativo, conferisce autonomo rilievo all attività di gestione delle risorse finanziarie, nel presupposto implicito che la stessa costituisca il mezzo attraverso il quale possano realizzarsi fattispecie corruttive. Nella predisposizione del presente Modello la nozione di strumentalità è stata interpretata con un accezione estesa, in modo da ricomprendervi anche altre attività che potrebbero prestarsi a usi illeciti, in particolare, di tipo corruttivo. In quest ottica pertanto possono essere considerati processi sensibili: a) la gestione delle risorse finanziarie; b) la gestione delle risorse umane, nell ambito della quale assumono particolare rilievo le assunzioni del personale, la definizione di percorsi di carriera e di sviluppo, l attuazione dei sistemi di valutazione del personale; c) l approvvigionamento di altre risorse e in particolare l affidamento di incarichi o consulenze. 2.3 Attività inerenti il perseguimento di interessi pubblici Secondo quanto già anticipato, con riferimento a Cotral assume specifica rilevanza il fatto che i suoi esponenti aziendali possano rivestire la qualifica di pubblici agenti, nella misura in cui pongano in essere attività inerenti il perseguimento di interessi pubblici. 16

17 Deve peraltro sottolinearsi come, in conformità a quanto stabilito dal codice penale (artt ) e alla concezione oggettivo-funzionalistica sottesa alle disposizioni in esame, la qualifica di pubblico ufficiale o di incaricato di un pubblico servizio non può essere ravvisata in capo a un soggetto in via generale, dovendo invero farsi riferimento alla funzione/mansione dallo stesso di volta in volta esercitata. Per tale ragione, ciascun esponente aziendale potrebbe trovarsi ad agire momentaneamente e funzionalmente talvolta quale pubblico agente, talaltra quale privato. In via cautelativa e ferma restando la necessità di valutare il singolo caso, si ritiene debbano essere svolte con il massimo rigore le seguenti attività, in quanto potenzialmente riconducibili al perseguimento di un interesse pubblico: - gli approvvigionamenti di beni, lavori e servizi, qualsiasi sia la procedura adottata e, in particolare, l indizione e lo svolgimento di gare, ad esempio, per la selezione delle società incaricate di porre in essere la manutenzione dei mezzi e per l individuazione della compagnia assicurativa della flotta; per la realizzazione di lavori; per la cessione di beni non funzionali al trasporto pubblico; per l acquisto di terreni per la costruzione di nuovi impianti, fabbricati o per l acquisto di autobus; - l affidamento di consulenze; - l alienazione del patrimonio, anche previa valorizzazione, o la sua locazione a privati; - la gestione degli adempimenti di cui alla Legge n.241/1990, con riguardo all accesso agli atti amministrativi da parte di terzi; - l assunzione del personale; ***** 17

18 Strutture aziendali coinvolte: Risorse umane, Affari Generali e Decreto L.vo 231/01 Affari Societari e Approvvigionamenti Amministrazione e Finanza Prevenzione e Protezione Patrimonio Progettazione e Pianificazione 3. Principi di comportamento e di attuazione dei processi decisionali. 3.1 Principi di comportamento Preliminare appare il rinvio all osservanza di quanto stabilito nel Codice Etico, da considerare a ogni effetto parte integrante del Modello (cfr in particolare, Sezione B, Principi Etici, L integrità, Sezione C, Norme e standard di comportamento, paragrafi 1) e 3). E fatto, inoltre, obbligo di: - osservare le leggi, i regolamenti, i protocolli e le procedure che disciplinano l agire aziendale, con riferimento alle attività che comportano contatti e rapporti con la Pubblica Amministrazione; - instaurare e gestire qualsiasi rapporto con la Pubblica Amministrazione sulla base di criteri di massima correttezza e trasparenza; 18

19 - mantenere, nello svolgimento di tutte le attività anche indirettamente collegabili all esercizio di un pubblico servizio, rapporti con i terzi informati ai criteri di correttezza e trasparenza, che garantiscano il buon andamento e l imparzialità della funzione svolta. La presente Sezione prevede, altresì, l espresso divieto di: - porre in essere, collaborare o dare causa alla realizzazione di comportamenti tali da integrare le fattispecie di reato richiamate dall art. 25 e 25 decies del Decreto; - porre in essere, collaborare o dare causa alla realizzazione di comportamenti i quali, sebbene risultino tali da non costituire di per sé reato, possano potenzialmente diventarlo. 3.2 Principi di attuazione dei processi decisionali Al fine di scongiurare la commissione dei reati in oggetto, devono essere realizzati i seguenti elementi di controllo: 1. Attività che implicano rapporti con soggetti pubblici Ai dipendenti, ai collaboratori esterni, ai consulenti e ai partner che intrattengono rapporti con la P.A. per conto di Cotral Patrimonio deve essere formalmente conferito potere in tal senso (con procura scritta, per i dipendenti; ovvero con apposita clausola nel contratto di collaborazione o di consulenza o di partnership, per gli altri soggetti indicati). 19

20 Per conto di Cotral Patrimonio, salvo che non sussistano specifiche esigenze di volta in volta evidenziate, la partecipazione alle riunioni con Pubbliche Amministrazioni è sempre garantita dalla presenza di più soggetti. All esito delle riunioni più significative viene redatto sintetico report, trasmesso al Responsabile della struttura e conservato unitamente alla documentazione relativa alla attività posta in essere. 2. Ispezioni giudiziarie, tributarie, amministrative e del lavoro, volte verificare la conformità a normative Sono individuati in ambito aziendale i dipendenti autorizzati al primo contatto con i soggetti che effettuano verifiche del tipo in esame. I dipendenti come sopra individuati informano con massima tempestività il proprio Responsabile il quale, a sua volta, dà comunicazione dell avvio della verifica all Amministratore Unico. È fatto obbligo a tutti gli esponenti aziendali di fornire agli organi procedenti ogni informazione o documento richiesto, garantendo massima trasparenza e collaborazione. Di tutto il procedimento relativo all ispezione devono essere redatti e conservati i verbali. Nel caso il verbale conclusivo evidenzi criticità, l Organismo di Vigilanza deve essere informato con nota scritta da parte del responsabile della funzione coinvolta. 20

21 3. Assunzione e gestione del personale. Il processo di assunzione del personale viene svolto nel rispetto del Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale adottato dalla Società. La competenza per le assunzioni del personale non dirigente è in capo all Amministratore Unico, su proposta delle Risorse Umane. La selezione viene effettuata in coerenza con il piano delle assunzioni, approvato annualmente dall Amministratore Unico, previa sua predisposizione da parte delle Risorse Umane, con procedura pubblica ristretta gestita sia all interno della Società, che con l ausilio di agenzie del lavoro esterne (a loro volta selezionate a seguito di gara). Il processo di selezione viene svolto in conformità a quanto stabilito dalla Procedura di selezione. Il processo assicura in particolare: - la possibilità di accesso alla selezione di un vasto numero di candidati grazie alla diffusione con numerosi ed efficaci strumenti divulgativi della notizia di avvio delle selezioni; - la previa individuazione e comunicazione dei requisiti richiesti e delle professionalità da acquisire; - la partecipazione di più soggetti interni/esterni alla Società nella individuazione della rosa dei candidati, anche grazie alla creazione di commissioni; - la redazione di un parere a sostegno della decisione assunta; 21

22 - la conservazione dei curricula di tutti i partecipanti; - l acquisizione di una dichiarazione del soggetto selezionato volta a rendere edotta Cotral Patrimonio circa l eventuale sussistenza di particolari vincoli di parentela o affinità o di altra situazione potenzialmente idonea a incidere sul regolare svolgimento del rapporto di lavoro; - acquisizione di tutta la documentazione di legge e della documentazione circa la regolare presenza nello stato nel caso di assunzione di personale di stati terzi. La selezione del personale dirigente è di competenza dell Amministratore Unico ed avviene con procedura selettiva ad evidenza pubblica, previa individuazione della carenza organica e della verifica circa la coerenza del profilo professionale con quello richiesto. Per quanto applicabili, trovano applicazione le previsioni di cui al Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale adottato dalla Società. Per quanto riguarda la gestione del personale, il Codice appena menzionato regolamenta le modalità: - dei sistemi premianti per obiettivi - in parte collettivi e in parte individuali - relativamente ai profili manageriali o ai quadri di prima linea; - degli strumenti di incentivazione collettivi per i quadri intermedi, le figure di elevata specializzazione e il personale con profilo esecutivo. In ogni caso, il sistema prevede che i premi vengano erogati in coerenza con quanto stabilito dalla contrattazione collettiva di categoria o dai contratti di lavoro, o comunque concertati con i rappresentanti dei lavoratori. 22

23 Infine, conformemente a quanto stabilito dalla procedura Gestione dei contratti relativi all utilizzo delle autovetture aziendali, da intendersi in questa sede integralmente richiamata, l utilizzo di autovetture aziendali non costituisce fringe benefit di alcun tipo, essendo consentito esclusivamente per esigenze di servizio. 4. Affidamento di consulenze Il ricorso a consulenti esterni è consentito qualora l attività richiesta non possa essere utilmente svolta da soggetti interni all Ente, come nel caso in cui siano richiesti apporti professionali e tecnici, non reperibili. I contratti con i consulenti devono essere stipulati per iscritto. È vietato riconoscere ai consulenti compensi che non trovino adeguata giustificazione in relazione al tipo di incarico da svolgere e alle prassi vigenti in ambito locale. 5. Approvvigionamenti Gli approvvigionamenti di beni, servizi lavori vengono effettuati in conformità a quanto stabilito dal Regolamento per gare e contratti Gestione in economia Servizio di cassa interno, secondo quanto previsto dal D.Lgs.163/2006. Tale documento aziendale, da intendersi in questa sede integralmente richiamato: - individua, in attuazione di quanto stabilito dalla legge, i casi in cui l approvvigionamento rientra nel settore ordinario o nel settore del trasporto pubblico; 23

24 - stabilisce modalità di verifica sul rispetto del divieto di artificioso frazionamento delle forniture; - disciplina i presupposti ricorrendo i quali trovano attuazione i diversi tipi di procedura e, in particolare, la gestione in economia; - individua tra le cause di esclusione dalla gara l intervenuta emissione a carico della Società di una sentenza di condanna passata in giudicato, o di un decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure di una sentenza irrevocabile di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell articolo 444 del codice di procedura penale, in conseguenza della commissione di un illecito da reato ai sensi del D.Lgs. 231/2001; - con riferimento alle spese in economia con rendiconto trimestrale, richiama il Regolamento Albo Fornitori di Cotral Patrimonio S.p.A., che richiede per la qualificazione e la permanenza al suo interno, il rispetto di stringenti requisiti di ordine generale, identici a quelli richiesta per la partecipazione alle gare, richiamati nel punto che precede. Per quanto riguarda le procedure negoziate senza pubblicazione di bando, il già menzionato Regolamento Albo Fornitori di Cotral Patrimonio S.p.A. da intendersi in questa sede integralmente richiamato prevede la necessità di invitare almeno tre fornitori a presentare l offerta 24

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3 ALLEGATO 3 REATI SOCIETARI 1. False comunicazioni sociali Art. 2621 c.c. Salvo quanto previsto dall articolo 2622, gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto G T O N I O L O I m p i a n t i e L a v o r i E d i l i S o c. C o o p C o d i c e E t i c o P a g i n a 1 G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto 00 02/04/2010 Prima

Dettagli

Protocollo di Gestione del Personale

Protocollo di Gestione del Personale Protocollo di Gestione del Personale La funzione Risorse Umane di BancApulia è in parte esternalizzata presso la Capogruppo. BancApulia assicura il controllo e la responsabilità delle attività esternalizzate

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un b CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI BARI SISTEMA DISCIPLINARE ex D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Principi generali Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un adeguato

Dettagli

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ELENCO DELLE

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

20.03.2015. REV. 2015/00 Pag. 1 di 5

20.03.2015. REV. 2015/00 Pag. 1 di 5 REV. 2015/00 Pag. 1 di 5 PROCEDURA 13 GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE: 1. OBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. PROCESSI AZIENDALI COINVOLTI 4. PROTOCOLLI DI PREVENZIONE 4.1. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA 4.2.

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati di abuso di mercato...3 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Impiego di cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/10 Sommario

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.)

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) Triennio: 2015-2017 Responsabile: Dott. Pasquali Francesco Nomina del responsabile

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG C.F. Denominazione Amministrazione Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) 80045210582

Dettagli

REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE

REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE Energeko Gas Italia S.r.l. Versione 01 - Aggiornamento 01/2013 1 Sommario REATI SOCIETARI... 1 PARTE SPECIALE... 1 1. I REATI SOCIETARI RICHIAMATI DALL ARTICOLO 25-TER DEL

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE B: REATI SOCIETARI Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. nella riunione dell 11 settembre 2012.

Dettagli

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PROTOCOLLO REATI CONTRO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 GOODYEAR DUNLOP TIRES ITALIA S.P.A. 4 febbraio 2013 2 Documento Protocollo Reati contro la Pubblica

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE F REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA INDICE F.1 DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENARALI DI COMPORTAMENTO... 3 F.2

Dettagli

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA Piano Anticorruzione Pianoro Centro SpA 2015-2017 Indice Premessa..... 2 Attività ed Organizzazione Aziendale 4 Referenti.. 5 Compiti operativi del Responsabile 5 Aree di rischio. 5 I Controlli 6 La Trasparenza...

Dettagli

Piano Anticorruzione It.City S.p.A.

Piano Anticorruzione It.City S.p.A. Piano Anticorruzione It.City S.p.A. 2014 2016 Indice Premessa... 2 Organizzazione... 4 Referenti... 5 Compiti operativi dei Referenti... 7 Aree di rischio... 8 I Controlli... 9 La Trasparenza... 10 Codice

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SETA SPA PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Aggiornamento n. 1 del 5 febbraio 2016. 1 PREMESSA Il presente documento costituisce l aggiornamento n. 1 del Piano di Prevenzione della Corruzione (d ora

Dettagli

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Contenuti 1. Introduzione... 3 1.1 Lavoratori dipendenti non Dirigenti... 3 1.2 Lavoratori dipendenti Dirigenti... 4 1.3 Misure nei confronti degli Amministratori e

Dettagli

RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01

RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01 RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO Allegato II MANUALE DEI RISCHI E DEI CONTROLLI INDICE PREMESSA... 3 1. UNITÀ ORGANIZZATIVE AZIENDALI...

Dettagli

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE C: REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio

PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione Delitti contro l industria e il commercio INDICE PARTE SPECIALE - Tredicesima Sezione 1. I delitti contro l industria e il commercio (art.25bis1 D.Lgs. 231/2001) 2.

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004

Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004 Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004 Verifica dei requisiti di onorabilità e professionalità in capo ai componenti dell organo di amministrazione, dell organo di controllo e al responsabile

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA Sommario PREMESSA... 2 1. COMPITI DELL ORGANISMO DI VIGILANZA... 2 1.1 PIANO DI ATTIVITA... 3 1.2 RELAZIONE FINALE... 4 2. PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELL ORGANISMO

Dettagli

Allegato A 2. Alla S.A.S.I. SpA c.a. Coordinamento Operativo Via Zona Industriale n 5 66034 LANCIANO (CH)

Allegato A 2. Alla S.A.S.I. SpA c.a. Coordinamento Operativo Via Zona Industriale n 5 66034 LANCIANO (CH) Allegato A 2 DOMANDA DICHIARAZIONE PER L ISCRIZIONE NELL ALBO IMPRESE DI FIDUCIA PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA OVVERO IN ECONOMIA - CLASSE DI IMPORTO: inferiore a 150.000,00

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 LAURO CANTIERI VALSESIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 Premessa Ai fini dell efficace predisposizione di un Modello Organizzativo,

Dettagli

30.03.2016. REV. 2016/00 Pag. 1 di 5

30.03.2016. REV. 2016/00 Pag. 1 di 5 REV. 2016/00 Pag. 1 di 5 PROCEDURA 10 GESTIONE DEI RAPPORTI CONSULENZIALI INDICE: 1. OBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. PROCESSI AZIENDALI COINVOLTI 4. PROTOCOLLI DI PREVENZIONE 4.1. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Modello di Organizzazione, di gestione e di controllo ai sensi del D.lgs. 231/2001 PARTE SPECIALE A REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Modello di Organizzazione, di gestione e di controllo ai sensi del D.lgs. 231/2001 PARTE SPECIALE A REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Modello di Organizzazione, di gestione e di controllo ai sensi del D.lgs. 231/2001 PARTE SPECIALE A REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Sommario 1. Destinatari e finalità della Parte Speciale Reati

Dettagli

DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE Domanda di accreditamento Esente da imposta di bollo ai sensi dell art. 27 bis D.P.R. 642/72 e ss.mm.ii. Spett.le Comune di Priolo Gargallo Settore II

Dettagli

Modelli ex d.lgs. 231/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012. Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015

Modelli ex d.lgs. 231/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012. Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015 Modelli ex d.lgs. 21/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012 Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015 L impatto immediato e diretto della L. 190/2012 sul d.lgs. 21/01 La Legge 190

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.9 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009

SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.9 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.9 RPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 Attività sensibile: GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE Reati associabili: Malversazione, indebita percezione (artt. 316-bis,

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CIRCOLARE 8 settembre 2005 Doveri degli enti di servizio civile e infrazioni punibili con le sanzioni amministrative previste dall art.3 bis della legge 6 marzo 2001,

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. DI TRENITALIA S.p.A. Sintesi

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. DI TRENITALIA S.p.A. Sintesi MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI TRENITALIA S.p.A. Sintesi Luglio 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Trenitalia S.p.A. ha approvato con delibera del 23 febbraio 2005 il Modello di

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

PORTO TURISTICO DI CAPRI. Principi di Comportamento Anticorruzione

PORTO TURISTICO DI CAPRI. Principi di Comportamento Anticorruzione PORTO TURISTICO DI CAPRI Principi di Comportamento Anticorruzione AI SENSI DELLA LEGGE 190/2012 Responsabile della trasparenza Dott. Fabrizio De Maddi 10/12/15 Approvati nella seduta del CDA del 15 dicembre

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

Codice Etico SORMA S.p.A. CODICE ETICO. SORMA S.p.A.

Codice Etico SORMA S.p.A. CODICE ETICO. SORMA S.p.A. CODICE ETICO SORMA S.p.A. APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 01/09/2013 1 INTRODUZIONE... 3 2 I PRINCIPI DEL CODICE ETICO... 3 2.1 PRINCIPI GENERALI... 3 2.2 PRINCIPIO DI LEGALITÀ...

Dettagli

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2016 APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 9 DEL 31/01/2014

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI A DENARO E A MATERIA

Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI A DENARO E A MATERIA Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI A DENARO E A MATERIA 1 INDICE CAPO I - OGGETTO E FINALITA' Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Qualifica e

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli