Marchi italiani e Made in Italy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marchi italiani e Made in Italy"

Transcript

1 Denominazione di origine dei prodotti Marchi italiani e Made in Italy di Cesare Galli Le nuove norme sui prodotti di apparente origine italiana adottate nel corso dell estate 2009 riprendono ed aggravano i vizi che già affliggevano le disposizioni preesistenti in materia, spesso emanate sotto la pressione di esigenze contingenti e privi di un disegno unitario, il che non giova alla chiarezza della disciplina e alla certezza del diritto. Queste disposizioni sembrano anche sindacabili sia sotto il profilo della violazione del principio costituzionale di eguaglianza (art. 3 Cost.), sia sotto quello della contrarietà all art. 28 (30) Trattato CE. Le nuove norme introdotte dalla L. n. 99/2009 e dal D.L. n. 135/2009 e i loro precedenti immediati Il legislatore italiano è intervenuto due volte nel giro di pochi mesi prima con l art. 17, comma 4, L. 23 luglio 2009, n. 99, poi con l art. 16 D.L. 26 settembre 2009 n. 135 sulla materia dell origine dei prodotti, peraltro già disciplinata da una fonte sovraordinata al nostro diritto nazionale e segnatamente dal Codice Doganale Comunitario, che prevede che i prodotti che hanno subito lavorazioni in Paesi diversi debbano ritenersi originari dell ultimo Paese in cui hanno subito una trasformazione sostanziale. La valenza di questi interventi è evidentemente molto più politica che non giuridica: proprio mentre a livello comunitario si torna a discutere della proposta di un Regolamento sull etichettatura d origine obbligatoria per certe categorie di prodotti provenienti da Paesi e- sterni all Unione Europea 1 e in Parlamento sono addi- Note: 1 Proposta di Regolamento del Consiglio relativo all indicazione del paese di origine di taluni prodotti importati da paesi terzi del 16 dicembre 2005: Documento COM (2005) 661. Nell ottobre 2009 la Commissione ha presentato un nuovo documento (Possible options to facilitate the adoption of the proposal for a Council Regulation on the indication of the country of origin of certain products imported from third countries), nell intento di rispondere alle obiezioni mosse alla proposta del rittura in discussione diversi disegni di legge che vorrebbero addirittura dettare una disciplina dell apposizione della dicitura Made in Italy incompatibile con quella comunitaria 2 (e come tale per definizione da disapplicare, stante il noto principio della prevalenza delle norme comunitarie su quelle interne difformi, anche successive) 3, è parso opportuno al nostro legislatore intervenire per ostacolare il fenomeno del decentramento e dell integrazione produttiva a livello internazionale, considerato penalizzante per le piccole e medie imprese nazionali, specialmente del comparto tessile. Al di là del merito di tale scelta, entrambi gli interventi normativi posti in essere presentano molteplici aspetti problematici, che rischiano di a- vere pesanti ripercussioni negative per le nostre imprese e rappresentano esempi emblematici di come non si dovrebbe legiferare, tanto più in materie delicate come Di questi progetti di legge il più noto è quello n. 2624, a firma Reguzzoni e altri, relativo al settore tessile. Si veda anche l analogo progetto di legge presentato in Senato a firma Butti. 3 Cfr. in tal senso già Corte cost., 8 giugno 1984, n. 170: «Nelle materie riservate alla normazione delle Comunità europee il giudice ordinario deve applicare direttamente la norma comunitaria (nella specie, regolamento), la quale prevale sulla legge nazionale incompatibile, anteriore o successiva; né può il giudice stesso denunciare alla Corte costituzionale, in riferimento all art. 11 Cost., la detta incompatibilità». In senso analogo si veda anche Corte cost., 10 novembre 1994, n. 384.

2 queste. L art. 17, comma 4, L. n. 99/2009 aveva modificato l art. 4, comma 49, L. 24 dicembre 2003, n. 350, aggiungendo all elenco delle ipotesi di «false o fallaci indicazioni di provenienza» da essa contemplate e sanzionate penalmente (attraverso il rinvio all art. 517 c.p.) anche quella consistente nell «uso di marchi di aziende italiane su prodotti o merci non originari dell Italia ai sensi della normativa europea sull origine senza l indicazione precisa, in caratteri evidenti, del loro Paese o del loro luogo di fabbricazione o di produzione, o altra indicazione sufficiente ad evitare qualsiasi errore sulla loro effettiva origine estera» e prevedendo altresì che «Le false e le fallaci indicazioni di provenienza o di origine non possono comunque essere regolarizzate quando i prodotti o le merci siano stati già immessi in libera pratica». In realtà questa norma è rimasta in vigore solo per poco più di un mese, essendo stata abrogata appunto dal D.L. 25 settembre 2009, n. 135, ma non completamente. L art. 16 di tale decreto ha infatti dettato una disposizione di tenore quasi identico, ancorché soggetta non più alla sanzione penale, ma ad una sanzione amministrativa molto elevata (da a euro) e sempre accompagnata dalla confisca della merce, inserendo nell art. 4 L. n. 350/2003 un comma 49-bis in base al quale «Costituisce fallace indicazione l uso del marchio, da parte del titolare o del licenziatario, con modalità tali da indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana ai sensi della normativa europea sull origine, senza che gli stessi siano accompagnati da indicazioni precise ed evidenti sull origine o provenienza estera o comunque sufficienti ad evitare qualsiasi fraintendimento del consumatore sull effettiva origine del prodotto, ovvero senza essere accompagnati da attestazione, resa da parte del titolare o del licenziatario del marchio, circa le informazioni che, a sua cura, verranno rese in fase di commercializzazione sulla effettiva origine estera del prodotto. Il contravventore è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro ad euro » e un comma 49-ter secondo cui «È sempre disposta la confisca amministrativa del prodotto o della merce di cui al comma 49-bis, salvo che le indicazioni ivi previste siano apposte, a cura e spese del titolare o del licenziatario responsabile dell illecito, sul prodotto o sulla confezione o sui documenti di corredo per il consumatore» 4. Una sanzione penale (di nuovo quella 4 Queste due norme non sono entrate in vigore immediatamente, come tipicamente avviene per le disposizioni contenute nei decreti legge, la cui giustificazione è data appunto dall urgenza, ma solo «decorsi quarantacinque giorni dall entrata in vigore del presente decreto». Dal giorno successivo alla pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale, secondo la regola ordinaria, è invece entrata in vigore la norma sui prodotti interamente realizzati in Italia di cui si dirà subito dopo nel testo; peraltro anche questa disposizione fa rinvio a una serie di decreti attuativi con i quali «possono essere definite le modalità e i criteri di verifica e accertamento della sussistenza dei presupposti» necessari affinché il prevista dall art. 517 c.p., ma aumentata di un terzo) è stata invece prevista per l utilizzo di «un indicazione di vendita che presenti il prodotto come interamente realizzato in Italia, quale 100% made in Italy, 100% Italia, tutto italiano, in qualunque lingua e- spressa, o altra che sia analogamente idonea ad ingenerare nel consumatore la convinzione della realizzazione interamente in Italia del prodotto, ovvero segni o figure che inducano la medesima fallace convinzione» in relazione a prodotti che non siano stati effettivamente realizzati interamente in Italia, dovendosi intendere per tali quelli per i quali «il disegno, la progettazione, la lavorazione e il confezionamento sono compiuti e- sclusivamente sul territorio italiano». Per comprendere la portata di queste disposizioni è dunque anzitutto necessario prendere le mosse dal testo di legge sul quale le prime due di esse sono venute ad innestarsi, e cioè appunto dall art. 4, comma 49, L. n. 350/2003 (c.d. legge Finanziaria 2004, norma successivamente riveduta, corretta e modificata tramite l art. 1, comma 9, L. n. 80/2005 di conversione del D.L. n. 35/2005 e poi l art. 1, comma 941, L. n. 296/06, c.d. legge Finanziaria 2007), che stabilisce che «L importazione e l esportazione a fini di commercializzazione ovvero la commercializzazione di prodotti recanti false o fallaci indicazioni di provenienza costituisce reato ed è punita ai sensi dell art. 517 c.p. Costituisce falsa indicazione la stampigliatura Made in I- taly su prodotti e merci non originari dall Italia ai sensi della normativa europea sull origine; costituisce fallace indicazione, anche qualora sia indicata l origine e la provenienza estera dei prodotti o delle merci, l uso di segni, figure, o quant altro possa indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana, incluso l uso fallace o fuorviante di marchi aziendali ai sensi della disciplina sulle pratiche commerciali ingannevoli. Le fattispecie sono commesse sin dalla presentazione dei prodotti o delle merci in dogana per la immissione in consumo o in libera pratica e sino alla vendita al dettaglio. La fallace indicazione delle merci può essere sanata sul piano amministrativo con l asportazione a cura ed a spese del contravventore dei segni o delle figure o di quant altro induca a ritenere che si tratti di un prodotto di origine italiana. La falsa indicazione sull origine o sulla provenienza di prodotti o merci può essere sanata sul piano amministrativo attraverso l esatta indicazione dell origine o l asportazione della stampigliatura Made in Italy». Come già si è accennato, la genesi di questa disposizione era stata complessa: in particolare, l aggiunta al suo testo originario dell ipotesi in cui le merci rechino «false o fallaci indicazioni di origine» (art. 1, comma 6, D.L. n. 35/2005) era stata operata allo scopo di suprodotto sia considerato interamente italiano, con una formulazione ambigua, che rende quanto meno dubbio che possa considerarsi applicabile la sanzione penale sino all emanazione di tali decreti.

3 perare l indirizzo restrittivo adottato dalla Corte di Cassazione, che aveva interpretato la norma base come relativa alla sola ipotesi in cui i segni fossero idonei ad indurre in errore il pubblico sulla provenienza imprenditoriale dei prodotti 5. Analogamente, la precisazione inserita dalla legge Finanziaria 2007 in base alla quale nella fattispecie penalmente sanzionata rientra anche «l uso fallace o fuorviante di marchi aziendali ai sensi della disciplina sulle pratiche commerciali ingannevoli» era stata dettata appunto per consentire di dare un interpretazione più ampia, e idonea a comprendere tutte le ipotesi di uso ingannevole del marchio, del divieto di usi di marchi e altri segni distintivi «atti a indurre in inganno il compratore sull origine, provenienza o qualità dell opera o del prodotto» contenuto nell art. 517 c.p. Si deve anzi sottolineare che in tale occasione la Commissione Bilancio della Camera aveva originariamente approvato un emendamento molto più esteso, che vietava in generale «l uso di marchi di aziende italiane su prodotti o merci non originari dall Italia ai sensi della normativa europea», e cioè una norma ancora più severa di quella ora introdotta, che avrebbe assurdamente reso illecite tout court le pratiche di decentramento produttivo adottate dalle nostre imprese, così come da quelle di tutti gli altri Paesi ad economia avanzata. Un ulteriore tentativo in tal senso era stato del resto già realizzato, ancorché sul piano amministrativo e non su quello penale, con il varo del Codice del Consumo (D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206), il cui art. 6 include tra le indicazioni obbligatorie da riportare sul prodotto quelle relative «al Paese di origine se situato fuori dell Unione europea». Una norma transitoria, tuttavia, (l art. 31-bis D.L. 30 dicembre 2005, n. 273, convertito in L. 23 febbraio 2006, n. 51, intitolato «Definizione e proroga di termini, nonché conseguenti disposizioni urgenti») ha rinviato sine die l applicazione di questa disposizione, stabilendo che «l efficacia della disposizione di cui all articolo 6, comma 1, lett. c), del Codice del consumo decorre dal 1 gennaio 2007 e, comunque, a partire dalla data di entrata in vigore del decreto di cui all articolo 10 del predetto Codice», decreto che non è mai stato emanato. I marchi contenenti riferimenti all Italia e l uso dell espressione Made in Italy nella giurisprudenza anteriore agli ultimi interventi normativi. Nell interpretazione giurisprudenziale, pur tra pronunce altalenanti, specialmente dei Giudici di merito, è peraltro prevalso un orientamento che attribuiva rilevanza all origine imprenditoriale più che a quella territoriale del prodotto, anche in relazione a marchi contenenti espressioni o elementi grafici, come il tricolore, che 5 Così in particolare Cass. pen., 2 febbraio 2005, n. 3352, in Foro it., 2005, II, 203 ss. rimandavano ad un origine italiana. Un orientamento più rigoroso è stato adottato solo in merito all utilizzo della specifica espressione Made in Italy, per la quale effettivamente il testo normativo non sembra lasciare adito a dubbi. In merito si è infatti ritenuto che «Commette il reato di cui all art. 517 c.p. (Vendita di prodotti industriali con segni mendaci) colui il quale commercializzi beni realizzati all estero, ai quali sia apposta una etichetta con la dicitura Made in Italy, a nulla rilevando che i suddetti prodotti siano realizzati secondo le prescrizioni e le tecniche imposte da un impresa italiana e sotto la supervisione di questa» 6. Quest orientamento sembra quindi coerente con quello espresso dall Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato (AGCM), relativamente al possibile carattere ingannevole dell espressione Made in Italy, approfondendo la questione in particolare in due pronunce del 25 gennaio 2001: la prima (n. 9168) ha giudicato irrilevante la circostanza che la dicitura Made in I- taly costituisca parte del marchio di impresa, in quanto ciò che conta è che tale dicitura sia «suscettibile di essere interpretata dal potenziale acquirente come evidenziazione di una precisa caratteristica del prodotto, vale a dire la sua origine geografica e assume quindi una precisa rilevanza pubblicitaria»; la seconda (n. 9166) ha ritenuto ingannevole l uso dell espressione Made in Italy ad opera di un impresa italiana che li acquistava da un altra impresa italiana, che però li importava dalla Cina, affermando che il messaggio era idoneo a «indurre in errore i destinatari in relazione all origine geografica del prodotto e, per tale motivo, suscettibile di orientare indebitamente le scelte dei potenziali acquirenti, pregiudicandone il comportamento economico. Il potenziale pregiudizio per i concorrenti è, poi, in re ipsa: essi non potrebbero non risentire dello sviamento di clientela provocato dall errore in cui dovessero incorrere i destinatari al momento di orientare le proprie scelte». Le decisioni penali richiamate sopra erano state naturalmente rese sulla base del testo allora (e anche ora) vigente dell art. 517 c.p., richiamato anche dalle nuove norme di cui ci stiamo occupando, che prevede che «Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in circolazione opere dell ingegno o prodotti industriali, con nomi, marchi o segni distintivi nazionali o esteri, atti a indurre in inganno il compratore sull origine, provenienza o qualità dell opera o del prodotto, è punito, se il fatto non è preveduto come reato da altra disposizione di legge, con la reclusione fino a un anno o con la 6 Così Cass. pen., 19 aprile 2005, n , in questa Rivista, 2006, 619 ss. con nota di Sangiorgio; si veda anche Cass. pen., 21 ottobre 2004, n. 3352, ivi, 2005, 271 ss., con nota di Casucci; in argomento cfr. anche Lazzeretti, La repressione penale delle false e fallaci indicazioni di provenienza dei prodotti industriali e la tutela del Made in Italy, in Riv. dir. ind., 2008, II, 53 ss.; Svariati, la tutela del Made in Italy nelle pronunce della Cassazione penale, in Cass. pen., 2007, 3717 ss.

4 multa fino a ventimila euro». Anche questa norma è stata modificata dalla L. n. 99/2009, ma solo sotto il profilo dell aumento della pena edittale, in quanto il suo art. 15, comma 1, lett. d) si è limitato ad aumentare la sanzione detentiva e a porla in aggiunta e non in alternativa a quella pecuniaria, sostituendo le parole «fino a un anno o» con quelle «fino a due anni e». Anche una più intensa riformulazione della norma non avrebbe del resto potuto influire effettivamente sotto i profili che qui interessano, posto che essa viene richiamata dall art. 4, comma 49, L. n. 350/2003 (e sue successive modificazioni) essenzialmente per rendere applicabili le sanzioni in essa previste anche a fattispecie che sono poi direttamente e specificamente disciplinate dalla disposizione in questione. Le nuove norme e il loro rapporto con il Codice Doganale Comunitario A questo articolato e complesso testo normativo, alla cui chiarezza e comprensibilità indispensabili specialmente per le norme penali incriminatici 7 (ma anche per quelle che prevedono sanzioni amministrative) 8 non ha certo giovato la «stratificazione» cui è andato soggetto nel corso degli anni, la L. n. 99/2009 aveva dunque aggiunto un ulteriore tassello, affiancando alle ipotesi già previste e punite dalla norma vigente l ulteriore fattispecie consistente nella apposizione di marchi «di aziende italiane» su prodotti realizzati all estero, a meno che non fosse indicata l effettiva provenienza geografica di essi con «caratteri evidenti» o con «altra indicazione sufficiente ad evitare qualsiasi errore sulla loro effettiva origine estera»; come pure abbiamo visto, il D.L. n. 135/2009 ha riscritto quest ultima fattispecie (ora qualificata come illecito amministrativo), includendovi ogni ipotesi di «uso del marchio, da parte del titolare o del licenziatario, con modalità tali da indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana», e prevedendo che in tal caso per evitare la sanzione occorre che il prodotto o la merce «siano accompagnati da indicazioni precise ed evidenti sull origine o provenienza estera o comunque sufficienti ad evitare qualsiasi fraintendimento del consumatore sull effettiva origine del prodotto, ovvero ( ) da attestazione, resa da parte del titolare o del licenziatario del marchio, circa le infor- 7 Basterà qui richiamare un testo istituzionale come Antolisei, Manuale di diritto penale-parte generale, Milano, 1987, 55-56, dove sottolinea che «il fatto che dà luogo all applicazione di una pena deve essere previsto dalla legge in modo espresso, e, quindi, mentre esso non può desumersi implicitamente da norme che concernono fatti diversi, la fattispecie che lo descrive deve essere formulata con sufficiente determinatezza (principio di tassatività)» e richiama la nota pronuncia di Corte cost. 8 giugno 1981, n. 96, che ha ritenuto illegittimo l art. 603 c.p. appunto per la «insufficiente descrizione intelligibile della fattispecie a- stratta». 8 Cfr. gli artt. 1 e 12 L. 24 novembre 1981, n. 689, che enunciano anche in relazione alle sanzioni amministrative non disciplinari il principio di tassatività. mazioni che, a sua cura, verranno rese in fase di commercializzazione sull effettiva origine estera del prodotto». Come tali, queste disposizioni si pongono nella scia di quella «mancata» che si era tentato di introdurre con la Legge Finanziaria del 2007, rispetto alla quale condividono manifestamente l obiettivo di scoraggiare un fenomeno quello del decentramento e dell integrazione produttiva a livello internazionale che riveste un evidente valenza pro-concorrenziale, riducendo i costi e favorendo in ultima analisi proprio i consumatori, ma che viene percepito dal mondo politico come un incentivo alla deindustrializzazione del nostro Paese, e quindi alla riduzione dell occupazione. Rispetto alla norma che si era pensato di introdurre nel 2007 queste sono meno radicali, giacché non vietano tout court l apposizione di marchi italiani su beni prodotti all estero, ma prescrivono che l origine straniera sia resa evidente agli occhi del consumatore. Entrambe le norme fanno inoltre espresso rinvio alla normativa europea sull origine, che rappresenta del resto una fonte sovraordinata rispetto a quella nazionale, cosicché quest ultima deve essere interpretata, per quanto possibile, in conformità di essa. E la normativa europea sull origine richiamata nell art. 4, comma 49, L. n. 350/2003, così come nell integrazione di essa ora introdotta, è costituita dal già richiamato Codice Doganale Comunitario aggiornato (Regolamento n. 2008/450/CE), il quale all art. 36 sancisce che «Le merci interamente ottenute in un unico paese o territorio sono considerate originarie di tale paese o territorio. Le merci alla cui produzione hanno contribuito due o più paesi o territori sono considerate originarie del paese o territorio in cui hanno subito l ultima trasformazione sostanziale». Ancora più esplicita era la disposizione corrispondente della versione precedente del Codice, ossia l art. 24 del Regolamento n. 92/2913/CE, in base al quale «Una merce alla cui produzione hanno contribuito due o più paesi è originaria del paese in cui è avvenuta l ultima trasformazione o lavorazione sostanziale, economicamente giustificata ed effettuata in un impresa attrezzata a tale scopo, che si sia conclusa con la fabbricazione di un prodotto nuovo od abbia rappresentato una fase importante del processo di fabbricazione» 9. Conseguentemente, sia la norma dell art. 17, comma 4, L. n. 99/2009, sia quella che ne ha preso il posto, introdotta dall art. 16 D.L. n. 135/2009, riguardano tutti i casi di prodotti importati già finiti nel nostro Paese, non potendo essere considerate come prodotte in Italia le merci che nel nostro paese non abbiano subito ulteriori «trasformazioni sostanziali», ma 9 Ancorché formalmente abrogato, attualmente è ancora a questo Regolamento che si deve fare riferimento, poiché l art. 188 del Regolamento n. 2008/450/CE ne rinvia l operatività al momento in cui saranno emanate le relative disposizioni di applicazione, ancora non adottate.

5 solo l apposizione di etichette o hang-tags ed (eventualmente) il riconfezionamento degli stessi, operazioni che non possono evidentemente considerarsi quale «fase importante del processo di fabbricazione». I profili di possibile incostituzionalità della nuova disciplina La norma dell art. 17, comma 4, L. n. 99/2009, tuttavia, prevedeva la sua applicazione unicamente ai marchi «di aziende italiane» ed anche quella corrispondente del D.L. n. 135/2009 riguarda unicamente «l uso del marchio, da parte del titolare o del licenziatario, con modalità tali da indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana», ponendo quindi il problema del suo ambito di applicazione, e, prima ancora, quello della sua conformità da un lato alla Costituzione e dall altro al diritto comunitario. L incompatibilità con la Costituzione era particolarmente evidente per la norma contenuta nella legge n. 99/2009, che discriminava tra i prodotti fatti realizzare all estero da imprese italiane e da imprese straniere, anche comunitarie: questa disparità di trattamento è infatti evidentemente sindacabile sotto il profilo della legittimità costituzionale, per lesione del principio della parità di trattamento consacrato nell art. 3 Cost., a mente del quale la legge non può disciplinare in modo difforme fattispecie del tutto corrispondenti, pena l introduzione di un ingiustificata discriminazione. L enunciazione di tale principio è chiarissima nella giurisprudenza costituzionale, che ha affermato che «C è violazione del principio di uguaglianza quando, di fronte a situazioni obiettivamente omogenee, si ha una disciplina giuridica differenziata determinando discriminazioni arbitrarie ed ingiustificate» 10, in forza dell insegnamento secondo cui «Il principio di uguaglianza di trattamento, sancito dall art. 3, comma 1, Cost., impone al legislatore di assicurare ad ognuno eguaglianza di trattamento, quando eguali siano le condizioni soggettive ed oggettive alle quali le norme giuridiche si riferiscano per la loro applicazione» 11. Allo stesso modo, la più autorevole dottrina in materia ha chiarito che «Il principio costituzionale della uguaglianza nella giustizia sociale, espresso dalla norma in esame (l art. 3 Cost.: n.d.r.) è violato sia quando senza giustificazione costituzionalmente rilevante situazioni uguali vengono a subire un trattamento diverso, sia quando cittadini in situazione differente e sperequata subiscano un trattamento identico» 12 e che «il principio (di cui all art. 3 Cost.: n.d.r.) può dirsi integralmente applicato quando la legge tratti in modo eguali situa- 10 Così, fra le altre, Corte cost., 25 giugno 1981, n. 111, in Giur. cost., 1981, I, 974 ss. 11 Si veda Corte cost., 26 gennaio 1957 n. 3 e n. 38, in Giur. cost., 1957, 5 e Così Perlingieri, Commento alla Costituzione Italiana, Napoli, 2002, 17. zioni eguali ed in modo diverso situazioni diverse» 13. Sembra dunque difficilmente revocabile in dubbio che una norma che riconosce o nega la sussistenza di un illecito unicamente sulla base della «nazionalità» dell impresa titolare del marchio il cui uso dà luogo all illecito si pone in aperto contrasto con i principî sopra esposti. In base alla disposizione che era stata introdotta dalla L. n. 99/2009, infatti, venivano trattate in modo diverso e opposto punita l una, lasciata senza sanzione alcuna l altra situazioni del tutto omogenee in relazione al loro ipotetico disvalore e alla ratio della disposizione stessa (la tutela del consumatore finale contro l inganno), non essendo in ipotesi meno «fallace» l apposizione di un marchio italiano su merci non originarie dell Italia non indicate come tali, che l apposizione, ad esempio, di un marchio francese su merci non provenienti dalla Francia e di cui fosse occultata la vera origine, quando «L importazione e l esportazione a fini di commercializzazione ovvero la commercializzazione» avvenissero comunque nel nostro Paese, essendo il consumatore finale egualmente meritevole di tutela in entrambe le ipotesi. La norma in questione veniva quindi a configurare un evidente violazione del richiamato principio di eguaglianza, che dovrà comportare la sua rimessione alla Corte costituzionale per essere espunta dall ordinamento con efficacia sin dal momento della sua (apparente) entrata in vigore. Questa disparità di trattamento non è però meno evidente col testo introdotto dal D.L. n. 135/2009, dal momento che anche con la nuova norma ad essere sanzionata non è la difformità tra qualsiasi provenienza geografica apparente e reale dei prodotti, ma unicamente l ipotesi in cui l origine apparente sia italiana, con la conseguenza che, per seguitare nell esempio fatto sopra, un marchio che sia usato in modo da indurre il consumatore a ritenere che provengano dalla Francia prodotti in realtà realizzati altrove non darà luogo ad alcun profilo di illiceità, pur essendo, come è ovvio, la situazione del tutto equivalente. Il profilo di discriminazione che permane anche con la nuova norma concerne cioè il fatto che l inganno rilevante è solo quello che riguarda l origine italiana, e non invece, ad esempio, quello relativo all origine francese, tedesca, ecc., cosicché un prodotto a marchio Dior o Chanel prodotto fuori dalla Francia può circolare in Italia anche senza specificazioni circa la sua origine non francese, che sono invece imposte per i marchi di «apparenza italiana» apposti su prodotti non realizzati in Italia. Non è del resto possibile che la denunciata violazione del principio di eguaglianza venga risolta dai Giudici costituzionali mediante il ricorso ad una pronuncia additiva, che la renda applicabile anche ai prodotti recanti marchi usati in modo da determinare un inganno su provenienze geografiche diverse da quella italiana, po- 13 In tal senso Martines, Diritto costituzionale, Milano, 2005, 525.

6 sto che, in materia penale, «in base al principio di stretta legalità posto dall art. 25, secondo comma, Cost., alla Corte è preclusa la pronuncia di sentenze additive che rendano la portata di una norma meno favorevole per l imputato (addizioni in malam partem)» 14. Il contrasto delle nuove norme con l ordinamento comunitario Le nuove norme si pongono del resto, per ragioni analoghe e sin troppo intuitive, in rotta di collisione anche con i principî basilari della libera circolazione delle merci all interno del territorio comunitario. Al riguardo viene in considerazione quanto stabilito dall art. 28 (30) Trattato CE, che sancisce il divieto dell imposizione di misure di effetto equivalente a restrizioni quantitative, misure che la Corte di Giustizia CE ha già da molti anni definito come «ogni normativa commerciale degli Stati membri che possa ostacolare direttamente o indirettamente, in atto o in potenza, gli scambi intracomunitari» 15, comprese quelle che penalizzano i prodotti importati obbligandoli ad un adeguamento oneroso 16. Appunto in base a questa disposizione i Giudici comunitari hanno in particolare statuito che «le disposizioni del Trattato, e in particolare quelle dell art. 222, secondo le quali il Trattato lascia del tutto impregiudicato il regime di proprietà esistente negli Stati membri, non possono essere interpretate nel senso che riservino al legislatore nazionale, in materia di proprietà industriale e commerciale, il potere di adottare provvedimenti lesivi del principio della libera circolazione delle merci all interno del mercato comune così come è previsto e disciplinato dal Trattato»; e hanno quindi ritenuto in un caso che riguardava proprio il nostro Paese che non vi sia «nessuna ragione inerente all oggetto specifico del brevetto che giustifichi la discriminazione operata ( ) fra l attuazione del brevetto sotto forma di produzione nel territorio nazionale e quella per mezzo di importazioni provenienti dal territorio di altri Stati membri» Così espressamente Bile, Controllo di costituzionalità e potere legislativo Relazione del Presidente della Corte Costituzionale del 3 settembre 2008, in 08.pdf, e peraltro conferma principî assolutamente indiscussi della materia: cfr. in giurisprudenza Corte cost., 5 giugno 2006, n È appena il caso di aggiungere che i rilievi svolti nel testo valgono almeno in parte anche per il testo dell art. 4, comma 49 della L, n. 350/2003, là dove essa sembra dettare una disciplina delle indicazioni false e fallaci applicabile soltanto in relazione all origine italiana delle merci; cfr. al riguardo Cass. pen., 1 marzo 2007, n. 8684, su cui vedi infra nel testo. 15 Corte di Giustizia CE, 11 luglio 1974, causa C-8/ Così Corte di Giustizia CE, 20 febbraio 1979, causa C-120/78, Cassis de Dijon. 17 Corte di Giustizia CE, 18 febbraio 1992, causa C-235/89, che ha considerato contrari al Trattato gli artt. 52 e 53 R.D. n. 1127/1939, ossia della legge invenzioni, in quanto non equiparavano, ai fini dell attuazione del brevetto e del correlativo regime della licenza obbligatoria per mancata attuazione, la produzione effettuata negli altri Paesi della Comunità a quella effettuata in Italia. Facendo applicazione di questi principî al caso qui in esame, appare evidente che la norma introdotta dalla L. n. 99/2009 imponeva una duplice discriminazione ingiustificata, in grado di ostacolare il commercio tra Stati membri costituendo all evidenza una misura di effetto equivalente ad una restrizione quantitativa: quella tra i prodotti recanti marchi di imprese italiane e i prodotti recanti marchi di imprese straniere; e quella tra i prodotti di imprese italiane realizzati in Italia e i prodotti di imprese italiane realizzati in altri Paesi dell Unione Europea. Un evidente discriminazione, egualmente ingiustificata, si pone peraltro anche con la norma corrispondente introdotta dal D.L. n. 135/2009: la giurisprudenza comunitaria ha ad esempio riconosciuto la violazione dell art. 28 (30) Trattato C.E. nel caso in cui, in dipendenza di una norma nazionale, «l impresa interessata sia costretta a procedere in questo solo Stato membro alla commercializzazione dei propri prodotti sotto un altra denominazione ed a sostenere spese supplementari di condizionamento e di pubblicità» 18, ipotesi che pare del tutto corrispondente a quella qui considerata. La contrarietà al diritto comunitario verrebbe portata addirittura al parossismo, se le nostre autorità pretendessero di assoggettare alla sanzione (e alla confisca) anche le merci che il titolare o il licenziatario del marchio hanno immesso in commercio per la prima volta nel territorio dell Unione Europea o dello Spazio Economico Europeo in un Paese diverso dall Italia, dove vengano poi importate da altri soggetti, diversi dal «titolare o ( ) licenziatario» del marchio, questi soli essendo soggetti alla sanzione: interpretazione che la lettera della norma pare autorizzare, ma che, come vedremo più avanti, una lettura sistematica può consentire di evitare. Nessuna di queste discriminazioni può del resto dirsi giustificata, ai sensi dell art. 30 (36) Trattato CE sulla base di ragioni inerenti a quello che la Corte di Giustizia CE chiama «l oggetto specifico della tutela» dei marchi d impresa, posto che la stessa Corte ha chiarito che a questo oggetto è totalmente estranea ogni considerazione relativa all origine territoriale delle merci, poiché in tale prospettiva ad assumere rilievo è soltanto l origine imprenditoriale. Anche se la posizione dei Giudici comunitari ha subito una significativa evoluzione, per effetto della quale «nella giurisprudenza comunitaria più recente l oggetto specifico del diritto di marchio sembra andare oltre questa funzione, ed allargarsi alle ulteriori componenti del messaggio comunicato dal marchio, comprese quelle suggestive» 19, tale allargamento ha riguardato essenzialmente la possibilità di estendere la protezione del marchio a quella della reputazione del titolare, che nel marchio venga incor- 18 Corte di Giustizia CE, 2 febbraio 1994, causa C-315/92, Clinique. 19 Così Galli, I marchi nella prospettiva del diritto comunitario: dal diritto dei segni distintivi al diritto della comunicazione d impresa, in AIDA, 2007, 229 ss. e 238.

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP PREVENZIONE Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP Cosimo Nicola Pagliarone* Lelio Palazzo** In ambito di mercato i marchi di tutela hanno la funzione di preservare

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli