La salute in Toscana Anno 2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La salute in Toscana Anno 2012"

Transcript

1 La salute in Toscana Anno 2012 Elaborazioni a cura di: Osservatorio di epidemiologia Agenzia regionale di sanità della Toscana aprile 2013

2 Demografia toscana in sintesi I residenti sono Nel 2012 ci sono nati e decessi L aspettativa di vita alla nascita è alta, in aumento e tra le più elevate in Italia e nel mondo L aspettativa di vita è più alta per le donne che per gli uomini L aspettativa di vita a 65 anni è alta e in aumento Gli stranieri sono il 9,7% (N = ) e in aumento La natalità e e la fecondità sono basse La mortalità è bassa L invecchiamento è forte

3 Aspettativa di vita alla nascita Toscana vs Italia Età Fonte: ARS su dati ISTAT Negli ultimi 30 anni l aspettativa di vita dei toscani è aumentata: (+11,8% per i M e +8% per le F). La speranza di vita alla nascita è maggiore per le donne: 85 anni contro 80,1 degli uomini. Rispetto all'italia la Toscana ha una speranza di vita maggiore (IT-M: 79,4 anni; IT-F: 84,5).

4 Speranza di vita alla nascita per regione Anno 2009 Maschi Femmine Regione Età Regione Età Fonte: ARS su dati ISTAT

5 Speranza di vita alla nascita in alcuni paesi sviluppati Paese Età maschi Età femmine Giappone Toscana Italia Svezia Francia Germania Regno Unito USA Lituania Fonte: WHO 2008

6 Scenario demografico toscano Bassa natalità, bassa fecondità + Bassa mortalità Invecchiamento 23% ultra65enni

7 Popolazione straniera residente Anno 2010 % Fonte: ARS su dati ISTAT Gli stranieri in Toscana sono al

8 Conseguenze del cambiamento demografico Aumentano gli anziani con demenza ( nel 2020) e non autosufficienza ( nel 2020) Aumentano la prevalenza di malattie croniche e disabilità Le donne vivono più a lungo ma con maggiori problemi di salute Il ruolo familiare della donna care-giver si indebolisce Gli stranieri mitigano l impatto demografico negativo

9 Anziani con demenza e non autosufficienza Anno 2011 e proiezioni al 2020 Numeri assoluti Fonte: ARS su studi InChianti, ILSA e ICare (demenza) e studio BiSS (non autosufficienza) Aumentano gli anziani con demenza ( nel 2020) e non autosufficienza ( nel 2020)

10 Indice di invecchiamento 1 Anno 2011 % 1 N. degli ultra65enni / popolazione totale *100. Fonte: ARS su dati ISTAT

11 La mortalità in Toscana La mortalità generale è in costante e progressiva diminuzione ed è sempre inferiore a quella italiana La mortalità infantile è in diminuzione ed è sempre inferiore a quella italiana La mortalità materna è inferiore a quella italiana La mortalità prematura è in diminuzione e inferiore a quella italiana

12 Mortalità generale - Toscana vs Italia Tasso standardizzato * abitanti Fonte: ARS su dati ISTAT. I dati ISTAT non sono disponibili. La mortalità generale è in costante e progressiva diminuzione ed è sempre inferiore a quella italiana.

13 Mortalità generale in Italia Anno 2008 Le regioni sotto la linea hanno una mortalità inferiore alla media nazionale Tasso standardizzato * abitanti Fonte: ARS su dati ISTAT

14 Mortalità infantile - Toscana vs. Italia Tasso standardizzato per età *1.000 nati vivi Italia Toscana Fonte: ARS su dati ISTAT La mortalità infantile è in diminuzione ed è sempre inferiore a quella italiana.

15 Mortalità prematura (<65) - Toscana vs Italia Tassi standardizzati per età * abitanti Fonte: ARS su dati ISTAT. I dati ISTAT non sono disponibili La mortalità prematura è in diminuzione ed è inferiore a quella italiana.

16 Stili di vita in Toscana

17 Stili di vita Toscana vs. Italia L abitudine al fumo è in linea con la media nazionale nei maschi, di poco superiore nelle femmine Gli adulti consumano più alcol, ma soprattutto vino e durante i pasti I ragazzi eccedono nel bere come nel resto d Italia Ci sono meno bambini e adolescenti in sovrappeso/obesi rispetto alla media nazionale Bambini, ragazzi e adulti fanno un po più di attività fisica Gli adulti consumano un po più verdura, ma meno pesce I bambini consumano una colazione più adeguata e meno bibite zuccherate

18 Abitudine al fumo (%) >14 anni Anno 2011 In Toscana: il profilo del fumatore è simile a quello italiano il 23% dei fumatori è adulto (ca ) diminuiscono i fumatori, soprattutto tra i maschi non diminuiscono quelli che in iniziano a fumare le ragazze (14-19) fumano più dei maschi e sono in aumento diminuisce la mortalità fumocorrelata, soprattutto nei maschi Fonte: ARS su dati ISTAT

19 Alcol in Toscana Il consumo è più regolare (soprattutto vino) Gli adulti bevono più che nel resto d Italia, ma soprattutto ai pasti È meno diffuso negli adulti il bere eccessivo smodato (binge drinking) e le ubriacature Il consumo totale di alcol è in diminuzione e la mortalità alcol-correlata è in diminuzione (come in Italia) I ragazzi sono più omologati ai modelli nazionali e internazionali (bere nel weekend, più binge, fuori dai pasti, in occasioni socializzanti) È alto il rischio di incidenti stradali nei ragazzi che bevono alla guida Gli adolescenti sono precoci nel bere eccessivo (soprattutto le ragazze), come in Italia

20 Consumo eccedentario (binge drinking) Anno 2011 % popolazione >11 anni che consuma almeno 6 unità alcoliche (bicchiere di vino e\o boccale di birra e\o aperitivo e\o superalcolico) in un unica occasione (binge drinking) Fonte: ARS su dati ISTAT

21 Attività fisica dei bambini 8-9 anni - Anno 2010 Abitudini alimentari Toscana Italia Bambini fisicamente attivi Bambini che hanno giocato all aperto il pomeriggio prima dell indagine Bambini che hanno svolto attivitàsportiva strutturata il pomeriggio prima dell indagine Bambini che svolgono attività fisica almeno un ora al giorno per 5-7 giorni a settimana 85,3 73,0 45,9 16, Bambino fisicamente attivo: ha svolto almeno 1 ora di attivitàfisica il giorno precedente all indagine (cioèattivitàmotoria a scuola e/o attività sportiva strutturata e/o ha giocato all aperto nel pomeriggio). Valori % - Fonte: OKkio alla Salute

22 Attività fisica a anni - Anno 2010 Attivo: Lavoro pesante oppure adesione alle linee guida (30 minuti di attività moderata per almeno 5 giorni alla settimana oppure attività intensa per più di 20 minuti per almeno 3 giorni). Parzialmente attivo: Non fa lavoro pesante, ma fa qualche attività fisica nel tempo libero, senza però raggiungere i livelli raccomandati. Sedentario: Non fa un lavoro pesante e non fa nessuna attività fisica nel tempo libero. Valori % - Fonte: studio PASSI

23 % bambini 8-9 anni per PESO Anno 2010 Indice di massa corporea (IMC) Classi di IMC Maschi Toscana Italia Femmine Toscana Italia Totale Toscana Italia Sottonormopeso 70,2 65,4 73,1 66,3 71,5 65,8 Sovrappeso 21,9 22,8 20,6 23,2 21,2 23,0 Obeso 7,9 11,8 6,3 10,5 7,2 11,2 Totale Fonte: OKkio alla Salute Sovrappeso e obesità interessano il 28,4% dei bambini toscani di 8-9 anni, una quota inferiore rispetto al dato nazionale (34,2%).

24 % ragazzi 18 anni per PESO Anno 2011 Indice di massa corporea (IMC) Classi di IMC Maschi Toscana Italia Femmine Toscana Italia Totale Toscana Italia Sottopeso 0,6 0,9 4,0 5,0 2,4 3,0 Normopeso 45,9 41,9 60,1 58,6 53,3 50,6 Sovrappeso 44,2 46,7 28,2 27,1 35,8 36,5 Obeso 9,4 10,5 7,7 9,3 8,5 9,9 Totale Fonte: ARS su dati ISTAT Sovrappeso e obesità interessano il 44,3% dei ragazzi di età 18 anni (il 46,4% in Italia). Il sovrappeso è maggiore nella popolazione maschile. L obesità presenta scarse differenze nei due generi.

25 % bambini 8-9 anni per abitudini alimentari Anno 2010 Abitudini alimentari Toscana Italia Prima colazione adeguata Merenda di metàmattina adeguata Consumo di almeno 5 porzioni/diedi frutta e verdura Consumo di bibite gassate e/o zuccherate almeno una volta al giorno Fonte: OKkio alla Salute 66,1 27,4 8,2 41, Poco diffuso è il consumo quotidiano di almeno 5 porzioni di frutta e verdura, con scarse differenze tra Toscana e Italia. Molto diffusa è l abitudine al consumo quotidiano di bibite zuccherate e/o gassate, ma con percentuali inferiori rispetto all Italia.

26 Le cause di morte dei residenti in Toscana Ogni anno muoiono ca persone per tutte le cause 2/3 muoiono per malattie cardiovascolari (CDV) e tumori La mortalità CDV è in diminuzione e inferiore alla media nazionale (migliora l assistenza) La mortalità per tumori è in diminuzione e inferiore alla media nazionale (migliorano assistenza e prevenzione)

27 La salute riproduttiva

28 La salute riproduttiva in Toscana INDICATORI Bassa natalità e fecondità Aumento età al 1 figlio Basso tasso di cesarei rispetto all Italia Più allattamento al seno che in Italia Più interruzioni volontarie di gravidanza (IVG) che in Italia Aborti spontanei (AS) come in Italia RU486 più utilizzata e in aumento POSSIBILE SIGNIFICATO - Trend Nord-Centro-Sud - Poca fiducia nel futuro - Impegno professionale della madre - Difficoltà con i servizi di supporto Migliore funzionalità del SST Buona funzionalità di servizi e prevenzione Laicità e forte presenza di fasce svantaggiate di popolazione Stessi fattori genetici e ambientali? Adeguamento rapido a novità

29 Modalità del parto in Toscana vs. Italia Fonte: ARS su dati Certificato di assistenza al parto (CAP) Tra i paesi europei, l Italia ha la più alta percentuale di cesarei, seguita dal Portogallo con il 33%, mentre negli altri paesi si registrano valori inferiori al 30% che scendono al 15% in Olanda e al 14% in Slovenia. A livello nazionale la Toscana si colloca tra le regioni con la proporzione di cesarei più bassa.

30 Indicatori salute riproduttiva in Toscana vs Italia Condizione Anno Toscana Italia Età media al parto (anni) ,6 31,4 Luogo del parto: punto nascita pubblico (%) ,1 87,7 Modalità spontanea del parto (%) ,3 58,9 Allattamento al seno alla dimissione (%) ,8 60,8 Allattamento al seno a 3 mesi (%) ,0 49,3 IVG (x donne di 15-49a) ,1 7,8 IVG farmacologica RU486 (% di IVG) ,7 3,8 Aborti spontanei (x donne a) ,2 5,5

31 Prevenzione

32 Vaccinazioni bambini Toscana vs. Italia Fonte: ARS su dati Settore Servizi di prevenzione in sanità pubblica e veterinaria, Regione Toscana e Ministero della salute, ISS La copertura vaccinale in Toscana è alta e in linea con il dato nazionale.

33 Vaccinazioni antinfluenzali anziani Toscana vs. Italia Fonte: ARS su dati Settore Servizi di prevenzione in sanità pubblica e veterinaria Regione Toscana e Ministero della salute, ISS Nonostante il marcato aumento della copertura antinfluenzale in Toscana negli ultimi anni (era il 36% nel ), non è stato ancora raggiunto l obiettivo di vaccinare il 75% degli anziani.

34 Decessi per causa in Toscana Anno 2009 N = Fonte: ARS su dati Registro di mortalità regionale

35 Mortalità cardiovascolare Toscana vs. Italia Tassi standardizzati per età Fonte: ARS su dati ISTAT. I dati ISTAT non sono disponibili. Uomini: le malattie del sistema circolatorio, per la prima volta nel 2008, divengono la prima causa di morte, superando i tumori. Donne: le malattie cardiovascolari si confermano principale causa di morte ed i tumori sono la seconda grande causa. Anziani: le malattie del sistema circolatorio sono la causa principale di morte per le donne a partire dai 65 anni e dopo gli 85 anni di età sia per gli uomini sia per le donne.

36 Mortalità cardiovascolare in Italia Anno 2008 Le regioni sotto la linea rossa hanno una mortalità Inferiore alla media nazionale Tasso standardizzato per abitanti PIEMONTE VALLE D AOSTA LOMBARDIA TRENTINO ALTO ADIGE VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA Fonte: ARS su dati ISTAT

37 Mortalità per tumori Toscana vs. Italia Tassi standardizzati per età per abitanti Fonte: ARS su dati ISTAT. I dati ISTAT non sono disponibili. Uomini: i tumori sono la prima causa di decesso dopo i 45 anni di età e fino a 84, poi sorpassati dalle malattie del sistema circolatorio. Donne: i tumori sono la prima causa di decesso dopo i 45 anni di età e fino a 64, prima del sorpasso a opera delle malattie del sistema circolatorio.

38 Mortalità per tumori in Italia Anno 2008 Le regioni sotto la linea rossa hanno una mortalità inferiore alla media nazionale Tassi standardizzati per abitanti Fonte: ARS su dati ISTAT

39 Tumori in Toscana vs. Italia L incidenza (numero di nuovi casi) è stabile o in aumento, come in Italia Diminuisce la mortalità perché migliorano cure e prevenzione, più che in Italia: migliora la sopravvivenza ma aumenta la prevalenza (numero di portatori di tumore) Sono alte incidenza e mortalità per tumore dello stomaco (dieta e genetica) È alta l incidenza del tumore della mammella femminile e del colon-retto, ma la mortalità è bassa (effetto protettivo screening?) Lo screening (mammella, utero, colon-retto) ha i migliori indicatori di copertura in Italia

40 Tumori in Toscana Tassi standardizzati x abitanti PREVALENZA INCIDENZA Toscana Italia Toscana Italia Tutti i tumori 3341,1 3165,2 Tutti i tumori 425,2 416,6 Stomaco 125,5 98,7 Stomaco 23,6 19,8 Colonretto 457,1 511,6 Colonretto 63,7 79,3 Polmone 127,9 130,4 Polmone 44,1 51,2 Mammella 1646,0 1541,7 Mammella 128,9 124,5 Fonte: (INT ISS)

41 Mortalità per tumori in Toscana Anno 2010 Tassi standardizzati x abitanti Toscana Italia Tutti i tumori 186,5 197,0 Stomaco Colonretto Polmone Mammella 13,0 22,8 35,5 20,5 11,3 24,8 41,3 23,6 Fonte: (INT ISS)

42 Screening oncologici in Toscana vs. Italia Anno 2010 % di adesioni sulla popolazione target Screening Mammografico grezzo Mammografico aggiustato Cervicale grezzo Colorettale aggiustato Target Donne anni Donne anni Popolazione anni Toscana ,0 72,7 48,9 50,8 Denominatore: numero invitati meno gli inviti inesitati Denominatore: numero invitati meno gli inviti inesitati e i soggetti esclusi dopo l invito Italia ,6 60,5 39,8 48,0 Fonte: ARS su dati Decimo rapporto osservatorio nazionale screening Epidemiologia e Prevenzione, Anno 36(6) 2012 Suppl. 1

43 Altri problemi

44 Altre malattie in Toscana Anno 2011 Dichiarate da soggetti >16 anni Ci si dichiara più soddisfatti del proprio stato di salute che nel resto d Italia È alta la prevalenza delle malattie croniche (29% di adulti) Si soffre di più di asma, bronchite, enfisema e malattie di lungo corso Si soffre meno di artrosi, cirrosi epatica, diabete, infarto, ipertensione e osteoporosi Fonte: ARS su dati indagine Multiscopo ISTAT

45 Prevalenza dichiarata di malattie Anno 2011 Tassi standardizzati per età per abitanti MALATTIA Toscana Italia Disabilità Malattia cronica lungo corso Artrosi Asma Bronchite o enfisema Cirrosi epatica Diabete Infarto miocardico Ipertensione Osteoporosi Fonte: ARS su dati ISTAT 49,0 261,1 187,2 41,4 45,0 1,6 54,0 18,9 170,0 77,5 51,0 253,7 197,4 38,6 39,1 3,3 55,9 17,5 182,1 83,6 In Toscana si soffre di più di asma, bronchite, enfisema e malattie di lungo corso

46 Percentuale di cittadini molto soddisfatti del proprio stato di salute nel 2011 (ARS su dati ISTAT) Trentino AA Friuli VG Umbria Toscana Piemonte-Valle A Veneto Emilia R Marche Liguria Lombardia Italia Puglia Sicilia Molise Abruzzo Basilicata Lazio Sardegna Campania Calabria 23,7 21,9 21,1 20,7 20,3 19,1 19,0 18,5 18,3 18,0 17,4 17,2 16,7 16,1 15,2 15,1 14,1 13,8 11,6 29,8 In Toscana ci si dichiara più soddisfatti del proprio stato di salute che nel resto d Italia

47 Salute mentale in Toscana vs. Italia I ricoveri per disturbi di salute mentale sono molto più bassi che nel resto d Italia L utenza dei servizi territoriali è maggiore I tassi di mortalità per suicidio sono più elevati L uso di farmaci antidepressivi è il più elevato a livello nazionale

48 Droghe e dipendenze I ragazzi toscani consumano sostanze illegali in quantità e modalità simili a quelli italiani Sono più a rischio di sviluppare problemi per il gioco d azzardo I tossicodipendenti toscani nel SSR sono simili a quelli italiani La mortalità per droga in Toscana è simile a quella nazionale

49 Tasso di mortalità per overdose Anno 2011

50 Ospedalizzazione L 11,5% dei toscani ( ) si è ricoverato almeno una volta nel 2012 Di questi, il 93% in presìdi della RT e il 7% fuori regione (31.192) In Toscana c è il più basso tasso di ospedalizzazione in Italia insieme al Friuli Venezia Giulia La degenza media è tra le più basse d Italia L ospedalizzazione inappropriata è bassa Ci sono più ricoveri in day hospital della media italiana

51 Ospedalizzazione Anno 2009 Tasso standardizzato per abitanti di dimissioni ospedaliere per regione Fonte: Osservasalute 2011

52 Emergenza e traumi Toscana vs. Italia L accesso ai Pronto soccorso e il ricorso alla guardia medica sono più elevati della media italiana Ci sono più incidenti stradali, ma meno gravi

53 Emergenza e traumi Toscana vs. Italia 2010 La Toscana è ai primi posti in Italia per numero di incidenti e feriti, mentre per numero di deceduti è al di sotto della media nazionale. Fonte: ARS su dati ISTAT/SIRSS

54 Farmaci in Toscana vs. Italia Meno prescrizioni e meno spesa pro capite per: - tutti i farmaci - cardiovascolari - antimicrobici - antineoplastici e immunomodulatori Più antidepressivi, ma con meno costi Meno respiratori, ma con costi più alti

55 La salute in Toscana nel 2012: conclusioni Si vive sempre più a lungo: aumenta il numero degli anziani e la prevalenza di malattie croniche Gli stranieri compensano solo in parte la bassa natalità dei toscani I bambini sono meno obesi e più attivi dei loro coetanei italiani La percentuale di bevitori è più alta, ma i modelli di consumo sono più protettivi per la salute Come in Italia il consumo di tabacco diminuisce, ma attenzione ai più giovani e alle donne Diminuisce la mortalità per tumori e malattie cardiovascolari grazie alla prevenzione e alle buone cure Parto e allattamento sono affrontati in modo più appropriato che in Italia Ci sono più incidenti stradali che in Italia, ma meno gravi Si consumano più antidepressivi che in Italia, ma ci sono meno problemi di salute mentale Si prescrivono meno farmaci che in Italia, quindi sono minori anche i costi pro capite

56 Grazie per l attenzione! Visita il nostro sito e iscriviti alla Newsletter ARS Seguici anche su: FaceBook Twitter YouTube Flickr

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

PPresentazione report Salute di genere

PPresentazione report Salute di genere PPresentazione report Salute di genere Francesco Cipriani Agenzia regionale di sanità della Toscana ARS francesco.cipriani@ars.toscana.it www.ars.toscana.it Corso di aggiornamento Medicina di Genere: attualità

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai attualità Indagine Istat: condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari di Maurizio Neri, Consigliere L indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari fa parte di un sistema integrato

Dettagli

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici Walter Ricciardi Direttore Istituto di Igiene UCSC e Osservatorio Nazionale sulla salute nelle Regioni Italiane Il diagramma di Ishikawa

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 20 aprile 2006 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2005 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, in particolare vengono studiati

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9 Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 10 ASL LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI Il problema dell obesità e del sovrappeso nei bambini ha acquisito negli ultimi anni un importanza crescente, sia per

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014

Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014 Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014 La situazione nutrizionale di una popolazione è un determinante importante

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

La salute di genere in Toscana Sintesi del Documento

La salute di genere in Toscana Sintesi del Documento La salute di genere in Toscana Sintesi del Documento Fabio Voller Osservatorio di Epidemiologia fabio.voller@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità della Toscana Convegno La Salute di Genere in Toscana

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 12 aprile 2007 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2006 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, con particolare riguardo

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

Salute. Un bene da salvaguardare per tutti

Salute. Un bene da salvaguardare per tutti CAPITOLO 1 Salute Un bene da salvaguardare per tutti La salute rappresenta un elemento centrale nella vita e una condizione indispensabile del benessere individuale e della prosperità delle popolazioni,

Dettagli

IL PROFILO DI SALUTE DEGLI ANZIANI IN TOSCANA

IL PROFILO DI SALUTE DEGLI ANZIANI IN TOSCANA SETTORE EPIDEMIOLOGIA dei SERVIZI SANITARI e dei PERCORSI ASSISTENZIALI IL PROFILO DI SALUTE DEGLI ANZIANI IN TOSCANA Documenti dell'agenzia Regionale di Sanità della Toscana Demografia Stili di vita Vaccinazioni

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Regione Toscana 2011-2014 Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Coordinamento regionale PASSI Giorgio Garofalo, Franca Mazzoli, Rossella Cecconi Firenze, 24 Novembre 2015 PASSI in breve -

Dettagli

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni Comportamenti e rischi per la salute Aldo De Togni Le malattie croniche costituiscono la principale causa di disabilità e di morte comprendono le cardiopatie, l ictus, il cancro, il diabete e le malattie

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

Parte II. Introduzione. A cura di Sara Barsanti

Parte II. Introduzione. A cura di Sara Barsanti Parte II LA VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE A cura di Sara Barsanti Introduzione I problemi di salute sono rappresentati dai rischi e dai danni, individuali e collettivi, che la popolazione

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI IV.6.1. I consumatori di bevande alcoliche IV.6.2. Le modalità di consumo IV.6.3. I consumatori a rischio (criterio ISS) IV.6.4. Modelli di

Dettagli

RELAZIONE SANITARIA 2008. www.provincia.bz.it/oep PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL

RELAZIONE SANITARIA 2008. www.provincia.bz.it/oep PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL RELAZIONE SANITARIA 2008 www.provincia.bz.it/oep AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 23 - Gesundheitswesen PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 23 - Sanità www.provin LA RELAZIONE

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

L alimentazione: Okkio alla salute e HBSC. dott.ssa Marta Mattioli Parma, 10 marzo 2011

L alimentazione: Okkio alla salute e HBSC. dott.ssa Marta Mattioli Parma, 10 marzo 2011 L alimentazione: Okkio alla salute e HBSC dott.ssa Marta Mattioli Parma, 1 marzo 11 Andamento del sovrappeso nei bambini in età scolare nei paesi Europei dal 1958 al 3 IOTF - WHO European Region Previsioni:

Dettagli

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%)

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%) SUD/ISOLE CENTRO NORD ITA LIA SARDEGNA SICILIA CALABRIA BASILICATA PUGLIA CAMPANIA MOLISE A BRUZZO LAZIO MARCHE UMBRIA TOSCANA EMILIA ROM LIGURIA FRIULI VG VENETO TRENTINO AA LOMBARDIA V AOSTA PIEMONTE

Dettagli

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Renato Pizzuti Gaetano Sicuranza Assessorato alla Sanità Agenzia Regionale Sanitaria

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Gianluigi Ferrante Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute, Istituto Superiore di Sanità Razionale I

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora?

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Salute e Sud Regioni italiane: offerta sanitaria e condizioni di salute Report n. 7/2010 REGIONI ITALIANE: OFFERTA SANITARIA E CONDIZIONI DI D SALUTE Per il

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

Nel triennio 2009-2011 risulta pressoché

Nel triennio 2009-2011 risulta pressoché 4SANITÀ E SALUTE Nel triennio 2009-2011 risulta pressoché stabile il numero di medici di base e di pediatri. I primi assistono in media 1.143 pazienti, i secondi 870. Ancora in calo i posti letto ospedalieri

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in PUGLIA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Allattamento materno. I dati disponibili e e le azioni auspicabili. Silvano Piffer Laura Battisti. Osservatorio Epidemiologico-Apss-Trento

Allattamento materno. I dati disponibili e e le azioni auspicabili. Silvano Piffer Laura Battisti. Osservatorio Epidemiologico-Apss-Trento Allattamento materno I dati disponibili e e le azioni auspicabili Silvano Piffer Laura Battisti Osservatorio Epidemiologico-Apss-Trento Una priorità di sanità pubblica Miglior nutrimento per i neonati

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA SCHEDA SOVRAPPESO ED OBESITA IN ETA INFANTILE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE OKKIO ALLA SALUTE Conferenza Stampa 7

Dettagli

Ministero della Salute. Regione Toscana

Ministero della Salute. Regione Toscana Ministero della Salute Progetto SiVeAS Sistema di Valutazione della Performance della Sanita' Italiana Proposta primi indicatori Regione Toscana Fonte dati: Ministero e database SDO 2007-2008 A cura del

Dettagli

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia A cura di: Nascetti Simona, Zenesini Corrado, Collina Natalina, Pandolfi Paolo Dopo alcuni anni dall attivazione del sistema di sorveglianza PASSI

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010 M. Fridel Bologna, 18 novembre 2010 OKkio alla SALUTE: Obiettivi Implementare, nelle diverse

Dettagli

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015 INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 197-15 Giulia Zigon, Roberta Ciampichini, Gemma Gatta, Enrico Grande, Silvia Francisci, Roberta De Angelis,

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Guadagnare salute nella Bassa Friulana

Guadagnare salute nella Bassa Friulana Sistema di sorveglianza Guadagnare salute nella Bassa Friulana REPORT ASS5 BASSA FRIULANA QUADRIENNIO 2010-2013 Parte generale e dati PASSI Italia tratti da: www.epicentro.iss.it www.epicentro.iss.it/passi

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Lo stato di salute della popolazione dell ASL TO4

COMUNICATO STAMPA. Lo stato di salute della popolazione dell ASL TO4 UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Lo stato di salute della popolazione

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1.

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1. SALUTE E ASSISTENZA Stato di salute della popolazione italiana. Dall'Indagine Multiscopo dell'istat risulta che nel 2013 il 70.4% della popolazione italiana gode di buona salute con un calo rispetto agli

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Quali dati ci sono e quali servirebbero: il versante socio- sanitario

Quali dati ci sono e quali servirebbero: il versante socio- sanitario Quali dati ci sono e quali servirebbero: il versante socio- sanitario Fabio Voller Osservatorio di Epidemiologia fabio.voller@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità della Toscana Convegno La Salute

Dettagli

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Sistema nazionale linee guida Roma, 31.01.2012 Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Serena Donati Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale di Epidemiologia Sorveglianza

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs)

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari, Istituto

Dettagli

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema di sorveglianza italiano sui fattori di rischio comportamentali per la salute della

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2013

Rapporto Osservasalute 2013 COMUNICATO STAMPA ROMA, 16 APRILE 2014 Rapporto Osservasalute 2013 ECCO L ITALIA FOTOGRAFATA DAL RAPPORTO Gli italiani sono sempre più anziani, fragili e non autonomi, mentre si dirada sempre di più il

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Nel triennio 2010-2012 risulta pressoché

Nel triennio 2010-2012 risulta pressoché 4SANITÀ E SALUTE Nel triennio 2010-2012 risulta pressoché stabile il numero di medici di base e di pediatri. I primi assistono in media 1.156 pazienti e i secondi 879 bambini. Ancora in calo i posti letto

Dettagli

INTESA DI CONFERENZA STATO-REGIONI 156/CSR/2014 PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 INDICE

INTESA DI CONFERENZA STATO-REGIONI 156/CSR/2014 PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 INDICE INTESA DI CONFERENZA STATO-REGIONI 156/CSR/2014 PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 ALLEGATO 2 IDENTIFICAZIONE DEI PROGRAMMI PRELIMINARI DEL PIANO REGIONALE PER LA PREVENZIONE 2014-2018, AI SENSI

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici La salute degli anziani: aspetti epidemiologici Giorgi Daniela Dipartimento di Prevenzione - S.C. Epidemiologia e Screening ASL 2 Lucca Residenti in Toscana al 1/1/2012 3.749.813 (Istat) (m 48%, f 52%)

Dettagli

Menu: i nuovi standard regionali

Menu: i nuovi standard regionali Menu: i nuovi standard regionali Assessorato politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna M.Fridel Reggio Emilia 29 settembre 2012 Abitudini alimentari da migliorare A livello regionale sono attive

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI nell AZ. Ulss 19 di Adria (18-69 anni) (Sistema di sorveglianza PASSI- ANNO 2011 Az. Ulss 19) 1.

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI nell AZ. Ulss 19 di Adria (18-69 anni) (Sistema di sorveglianza PASSI- ANNO 2011 Az. Ulss 19) 1. STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI nell AZ. Ulss 19 di Adria (18-69 anni) (Sistema di sorveglianza PASSI- ANNO 2011 Az. Ulss 19) 1. Premessa Nel territorio dell Azienda Ulss 19 di Adria le neoplasie

Dettagli

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Alcol e salute In Europa (OMS) terza causa di mortalità prematura, dopo

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

Immigrazione, gravidanza e parto

Immigrazione, gravidanza e parto 9 febbraio 2013 Immigrazione, gravidanza e parto Monica Da Frè, Monia Puglia, Eleonora Fanti, Fabio Voller Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di epidemiologia Agenzia Regionale

Dettagli

Capitolo 3. Sanità e salute

Capitolo 3. Sanità e salute Capitolo 3 Sanità e salute 3. Sanità e salute Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Sistema informativo territoriale

Dettagli

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE Roma, gennaio 2012 INDICE Prima parte 1 Donazione del sangue e quadro demografico 1 1. Un Paese che invecchia 2 2. Il quadro demografico

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli IL PROFILO DEL FUMATORE REATINO Dati Progetto PASSI - Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Nella

Dettagli