LA RESPONSABILITA EXTRACONTRATTUALE DEGLI INTERNET PROVIDER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RESPONSABILITA EXTRACONTRATTUALE DEGLI INTERNET PROVIDER"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAMERINO Scuola di Specializzazione in Diritto Civile anno accademico Tesi di specializzazione LA RESPONSABILITA EXTRACONTRATTUALE DEGLI INTERNET PROVIDER Relatore: Tesi del dott. Chiar.ma Prof.ssa Lucia Ruggieri Tommaso Palermo 1

2 SOMMARIO Introduzione... p.3 cap.1 - I servizi degli internet service provider... p Internet Internet Service Provider Il Cyber-spazio cap.2 - I principi giuridici della comunicazione... p.18 cap.3 - I principi giuridici della responsabilità civile... p il nesso di causalità tipicità e atipicità dell illecito la colpa il dolo cap.4 - Fatti dannosi e responsabilità internet... p Il fatto causativo del danno Il danno ingiusto Le tipologie di danno in internet l accesso a internet la posta elettronica le informazioni rese disponibili o pubblicate nella rete i servizi di intermediazione la locazione di spazio-virtuale (servizi di hosting) il trattamento dei dati personali l obbligo informativo del provider responsabilità per diffusione di virus informatici attività di concorrenza sleale violazione dei diritti d autore informazioni diffuse da utenti anonimi cap.5 - la giurisdizione e la legge applicabile nella società dell informazione p.00 bibliografia... p.00 2

3 INTRODUZIONE Il fenomeno delle comunicazioni telematiche sulla rete internet ha introdotto nuove possibilità di comunicazione che hanno prodotto innovazioni in molti settori della vita economico-sociale: nuove forme di corrispondenza ( e web-mail), nuove forme di editoria (bbs, siti web, newsletter, blog), nuove forme di pubblicità (banner, pop-up), nuove forme di relazioni sociali (forum, chat-line), nuovi prodotti e nuovi servizi commerciali. Tra i prodotti che consentono o facilitano l accesso alla rete possiamo ricordare, oltre all elaboratore elettronico (computer), il modulatore-demodulatore (modem) e i molteplici sistemi di programmazione informatica (software) necessari per visualizzare le pagine dell ipertesto 1 (programmi browser), per scambiare pacchetti di dati informatici (programmi ftp o file transfer protocol), per acquisire corrispondenza (mail client), ecc. Tra i servizi che vengono diffusi attraverso la rete alcuni attengono allo stesso funzionamento della rete (provider), altri sono servizi che vengono semplicemente diffusi attraverso il sistema di comunicazione telematica (informazione, consulenza, mediazione, servizi bancari, assicurativi, ecc.). In questa sede ci occuperemo soltanto dei servizi di provider, cioè di quei servizi che consentono alla rete stessa di esistere e di realizzare i suoi scopi. Il problema che si pone è quello della responsabilità che può essere attribuita ai providers, cioè ai gestori degli accessi e dei servizi di rete, e si tratta, come spesso accade, di individuare un giusto equilibrio tra due opposte possibilità: 1 I dati e le informazioni immesse nelle rete sono collegati tra loro secondo la modalità dell ipertesto. Ciò consente al fruitore di passare da un informazione all altra senza seguire l ordine del testo e neppure un indice prestabilito. L attraversamento dei testi e delle pagine guidato dalla sola volontà del lettore viene detta navigazione. Il programma browser è quello che consente all elaboratore di ricevere e visualizzare sullo schermo i pacchetti (file) di dati elaborati secondo il codice HTML (Hyper Text Markup Language). Altri programmi aggiuntivi (plug-in) consentono al browser di elaborare e visualizzare dati corrispondenti a codici diversi dall HTML, come ad esempio Acrobat di Adobe consente di visualizzare le pagine in formato pdf; Shockvawe di Macromedia consente di visualizzare gli esecutivi in formato flash; ecc. 3

4 - la prima è quella di vedere nel provider l imprenditore che rende possibile lo scambio di dati in rete e pertanto in questa sua qualità dovrebbe assumere la responsabilità d impresa su tutte le conseguenze dannose dell attività - tutela forte o over-deterrence; - la seconda è quella di considerare la rete come uno spazio libero, una dimensione extra-territoriale, dove ciascuno s avventura a proprio rischio e dove non esiste e non può esistere una autorità sovrana capace di imporre limiti, divieti e regole di responsabilità - tutela debole o under-deterrence. Il giurista porta con sé un abitudine consolidata a respingere qualunque tentativo di creare spazi extra-giuridici perché sa che lo spazio sottratto all imperio della legge è spazio aperto all abuso, alla sopraffazione, al crimine. Pertanto l idea di un mondo virtuale, che per natura sarebbe e dovrebbe restare assolutamente libero, non trova facile accoglienza tra gli operatori del diritto. Tuttavia il fenomeno internet pone anche al giurista problemi nuovi che cercheremo di affrontare: 1) la dimensione economica (new-economy): la facilità e l immediatezza delle comunicazioni in rete apre nuove possibilità di scambi commerciali a livello planetario che sarebbero intralciate se la rete telematica mondiale dovesse subire frammentazioni territoriali dovute alle diverse giurisdizioni nazionali. Lo sviluppo della new-economy richiede quindi una parziale o totale rinuncia delle autorità nazionali a far valere la propria sovranità sulle comunicazioni telematiche. Solo la scelta di norme under-deterrence è compatibile con lo sviluppo della new-economy. 2) la dimensione virtuale (il cyber-spazio): opere e servizi informatici esistono come puro ordine delle informazioni, un ordine che non è necessariamente legato ad un supporto materiale, così quella distinzione già nota tra l opera letteraria e il manoscritto che la contiene non è più una distinzione concettuale ma, attraverso la riproducibilità e la trasferibilità immediata dell opera, si separa realmente dal supporto. Il supporto resta fisicamente individuabile, l opera assume un esistenza propria, virtuale. Se è vero che la rete è il supporto fisico di un universo virtuale, non abitabile, essa potrebbe essere sottratta ad ogni giurisdizione semplicemente perché nella 4

5 dimensione virtuale non esistono persone e quindi neanche diritti da tutelare. L argomento è assai debole e a chi è abituato a navigare nella dimensione giuridica, tra negozi, persone, enti e istituti che non hanno mai avuto corpo fisico, può sembrare affatto irrilevante, ma vogliamo tenerne conto almeno come prospettiva meritevole di qualche indagine. Se la legislazione penale potesse essere confinata alle sole ipotesi di violenza fisica (c.d. reati di sangue) il cyber-spazio diventerebbe un universo senza possibilità di crimine. Da un canto bisogna dire che questa prospettiva è lontanissima dalla realtà nella quale si registra invece un vistoso ampliamento della sfera penale (illeciti relativi alla violazione del copyright, alla pornografia, ecc.), ma d altro canto è teoricamente possibile che la dimensione virtuale possa assumere rilevanza nei criteri di regolamentazione del fenomeno. Quindi non va aprioristicamente esclusa la possibilità di conferire alla rete internet uno status di sostanziale impermeabilità rispetto a forme di controllo e di responsabilità esistenti nell ambito dei rapporti giuridici non-virtuali. 3) la dimensione internazionale della rete. La rete di cavi, ponti radio e connessioni copre l intero pianeta allo stesso modo della rete stradale o della rete di rotte aeree e navali, ma a differenza di queste non è percorsa da veicoli o da mezzi la cui azione possa essere modificata nel momento in cui si varca un confine. Nella rete internet il veicolo è il messaggio stesso, pura informazione, giunge a destinazione nella stessa forma e con le stesse modalità di partenza. Quindi la possibilità di funzionamento della rete è strettamente legata all esistenza di un codice di circolazione che non può variare da luogo a luogo. Questa caratteristica tecnica della rete internet ha determinato un rovesciamento nel processo di integrazione tra le legislazioni: nella disciplina dei servizi in rete non si parte più da sistemi nazionali diversi che si uniformano attraverso reciproche influenze, scambi e accordi internazionali, ma si parte da istanze sovranazionali che hanno natura tecnica o che comunque sono sorte all interno delle comunità di tecnici, e richiedono di essere riconosciute e adottate dalle legislazioni nazionali. L individuazione di un equilibrio tra la responsabilità oggettiva e omnicomprensiva dell imprenditore e l irresponsabilità di chi opera in zona 5

6 extra-giuridica è quindi problema assai complesso perché va correlato con le diverse dimensioni del fenomeno internet. La comunità internazionale dei tecnici e degli sviluppatori informatici che vedono nella rete internet un enorme potenziale di sviluppo culturale ed economico disponibile per tutta l umanità, vorrebbe agire in un universo, se non virtuale o extra-giuridico, almeno regolato in modo uniforme 2. Questo significa che ciò che è lecito e ciò che è illecito per il popolo dei cybernauti dovrebbe essere stabilito da un unico codice mondiale 3. Idea utopistica se pensiamo che alcune espressioni critiche sono considerate crimini politici in certi stati ed esercizio di diritti di democrazia in altri, alcune immagini sono considerate pornografiche in alcuni stati ed espressioni artistiche in altri, alcune opinioni possono essere espresse liberamente in alcuni luoghi e altrove possono costituire offesa per il sentimento religioso o turbativa per l ordine pubblico. Non esiste un codice penale internazionale e non esiste una tutela internazionale dei diritti civili. Dunque ogni ordinamento giuridico dovrà imporre regole i propri operatori, siano essi provider internet o semplici fruitori. La produzione legislativa in questo settore procederà normalmente su un doppio binario 4, da una parte adattando per analogia le norme già esistenti nell ordinamento ai nuovi fenomeni nati attraverso le comunicazioni telematiche, dall altra elaborando autonomamente o attraverso convenzioni internazionali regole specifiche 5. L esigenza della comunità internazionale (produttori di software, provider e cybernauti) di avere una normativa uniforme e la corrispondente esigenza dei singoli 2 Il fenomeno internet e la cosiddetta new-economy, che ne costituisce un effetto, può per molti aspetti essere considerato analogo allo sviluppo delle attività mercantili nell epoca in cui le regole del diritto erano limitate sostanzialmente alla tutela del patrimonio e risultavano pertanto inadeguate rispetto al dinamismo commerciale. Per questo le corporazioni hanno loro statuti ed i mercanti seguono regole di comportamento che si consolidano in usi di origine non romanistica, ma cogenti per chi è iscritto alla corporazione dei mercanti (matricula mercatorum). Dalle corporazioni e dal ceto dei mercanti provengono i giudici che risolvono le controversie commerciali in appositi tribunali M.G. Losano - I grandi sistemi giuridici - Einaudi p.38. Nello stesso senso anche F. Galgano - Storia del diritto commerciale - Il Mulino Interessanti manifestazioni di questa istanza autoregolamentatrice della comunità dei cybernauti si possono cogliere nell ambito della cultura hacker e in particolare 4 E la tesi di Guido Alpa - nell introduzione a I PROBLEMI GIURIDICI DI INTERNET - tomo I p.3 - Milano, A questo doppio binario legislativo si dovrebbe poi aggiungere la produzione giurisprudenziale e quella arbitrale che non possono non avere un ruolo rilevante in un ambito nel quale esigenze di ordine commerciale sono spesso prevalenti rispetto a quelle di ordine civilistico. 6

7 ordinamenti ad una effettiva riconoscibilità e applicabilità delle proprie norme dovrebbe comportare una interazione reciproca capace di uniformare, per una sorta di principio di entropia, la regolamentazione della materia 6. Questa prospettiva ci consente di interpretare la situazione attuale come normalmente caratterizzata da evoluzione continua e anche caotica, incapace di trovare una collocazione sistematica nel singolo ordinamento giuridico. Si tratta però di una di quelle situazioni in cui la mancanza di ordine e di sistematicità non può essere interpretata come sintomo di crisi o effetto di un declino culturale, quanto piuttosto di vivacità creativa 7. E un campo questo in cui il diritto può svolgere la sua funzione 8 di dar forma, in rapporto dialettico con l evoluzione tecnologica, al nuovo che emerge dal genio umano. 6 Situazione caratteristica nello sviluppo delle norme internazionali è quella del decentramento che nel classico di Kelsen è descritto come mancanza di un organo per la produzione e l esecuzione delle norme giuridiche il quale funzioni secondo la divisione del lavoro. La formazione della norme generali si effettua per via della consuetudine o per mezzo del trattato, e cioè attraverso i membri della comunità giuridica stessa e non attraverso un particolare organo legislativo (...) Lo stato che si considera leso nei suoi interessi è quello stesso che deve decidere se si trova dinnanzi a un illecito di cui sia responsabile un altro stato. (Hans Kelsen - Lineamenti di dottrina pura del diritto - trad. italiana Einaudi pag. 151) E questa situazione di decentramento si ripropone anche se i rapporti, come quelli che si instaurano nelle comunicazioni internet, sono rapporti individuali e non rapporti diplomatici internazionali. Soltanto il trattato o la convenzione internazionale può innalzare il livello di validità della regolamentazione. 7 Riguardo alla dinamica creativa del diritto lo stesso Kelsen afferma che: se si considera l ordinamento giuridico dal punto di vista dinamico questo non appare, come avviene quando lo si considera dal punto di vista statico, come un sistema di norme di ugual grado situate l una accanto all altra, ma piuttosto come una gerarchia nella quale le norme della costituzione formano il grado più alto. In questo senso funzionale, costituzione significa il complesso di quelle norme che determinano la creazione e occasionalmente in certa misura il contenuto delle norme giuridiche generali, che a loro volta regolano le norme individuali come le sentenze giudiziarie. Alla luce di queste considerazioni possiamo immaginare che nel settore delle comunicazioni sulle rete internet un valore costituzionale possa essere attribuito alle stesse convenzioni tecniche e consuetudinarie della rete e Kelsen sembra quasi poterlo confermare quando afferma che per essere inclusa in questo complesso, non è necessario che una norma si trovi in una costituzione scritta; può essere una parte della costituzione non scritta stabilita dalla consuetudine. - H.Kelsen op.cit - Appendice p.196. La condivisione generale degli effetti benefici della rete rispetto allo sviluppo culturale ed economico dei diversi paesi si impone quindi come norma costituzionale non scritta capace di governare la produzione legislativa internazionale e nazionale. 8 Il diritto è pur sempre scienza pratica, perché ha scopi pratici. Essa si caratterizza per il confronto dialettico tra norma e fatto, che si configura storicamente in forme diverse, secondo il significato ed il ruolo che si attribuisce alla norma giuridica (...). Questa dialettica 7

8 tra norma e fatto si configura storicamente secondo le tecniche legislative adoperate (norme regolamentari, norme di principio), il valore della decisione giurisprudenziale (mai da accogliere acriticamente) ed infine secondo l ampienza del potere discrezionale del giudice. (...) Atto e attività economica, atto e attività esistenziale, individualmente e socialmente rilevanti, assumono significati concreti in una prospettiva globale e storica. Per la conoscenza effettiva e procedimentale del fatto occorre attribuire ad esso anche quel ruolo sociologico e complessivo, che nella sua individualità apparentemente non sembra possedere. P.Perlingieri - Il diritto civile nella legalità costituzionale - ESI 1991 p.5. Se poi del Perlingieri consideriamo la valutazione del diritto come struttura (e non semplice sovrastruttura) della società per cui dei fenomeni sociali non può aversi una concezione puramente economicistica ma si deve accedere all idea di un diritto che può rendere possibile, con il suo strumentario, la modificazione e il miglioramento della società - P.Perlingieri - op.cit. p.66 - si vede come la prospettiva di diritto internazionale delle comunicazioni nella rete telematica non ostacolerebbe, ma piuttosto potrebbe contribuire alla formazione di quella cultura umana unitaria profetizzata dai cultori della filosofia hacker. A conferma dell importanza che può assumere lo sviluppo di una cultura giuridica nel settore delle comunicazioni informatiche si può ricordare anche Parsons - The Law and Social Control - in Law and Sociology a cura di W.Evan - New York 1962 assertore di una fondamentale funzione del diritto proprio nelle società pluralistiche e liberali. Il diritto ha la sua posizione più forte proprio in una società in cui esistono molte e diverse specie di interessi che devono essere bilanciati l uno contro l altro e che devono in qualche modo tener conto l uno dell altro. Mentre nelle società totalitarie i conflitti tendono ad essere superati attraverso azioni politiche, pressioni sociali o economiche e il diritto tende ad essre messo da parte. Parsons - op.cit. p.72. 8

9 CAPITOLO PRIMO I SERVIZI DEGLI INTERNET PROVIDER 1 - Internet La rete internet è nata come sistema di collegamento a distanza tra elaboratori elettronici e quindi inizialmente, pur essendo una tecnologia nuova, poteva essere considerata del tutto analoga a quella della rete telefonica o telegrafica: tanti apparecchi elettrici collegati tra loro mediante cavi di connessione. Ogni apparecchio collegato costituisce un accesso al sistema di comunicazione. 9 Nel caso della rete telefonica il sistema è evoluto attraverso la creazione di centraline di smistamento delle chiamate. La centralina telefonica costituisce un nodo intermedio tra la linea di accesso dell utente e il sistema di rete telefonica. L impresa dei telefoni attraverso l istallazione delle centraline offre un nuovo servizio attraverso il quale riesce ad economizzare sulla distribuzione delle linee e nel contempo a facilitare il rintracciamento degli utenti con cui mettersi in comunicazione. Il gestore telefonico assume obblighi contrattuali riferiti alla fornitura del servizio e l eventuale mancato funzionamento degli impianti o dei sistemi di smistamento lo espone a responsabilità per inadempimento. Ma non sembra che egli possa assumere anche responsabilità extracontrattuale, salvo il caso di danni eventualmente procurati da vizi degli impianti o dei processi di manutenzione. Ogni responsabilità derivante dal contenuto delle comunicazioni sarà imputabile solo all autore della comunicazione stessa. Il fatto che la comunicazione sia avvenuta utilizzando 9 La rete internet è nata dall ampliamento di una rete di collegamento tra elaboratori elettronici utilizzati dalla difesa degli Stati Uniti d America (ARPAnet da Advanced Research Project Agency) basata su una tecnologia di trasmissione dei dati a commutazione di pacchetto, ossia mediante frammentazione del messaggio in spedizione e ricostruzione del messaggio in ricezione e sull architettura a nodi della rete - V.Franceschelli - I PROBLEMI GIURIDICI DI INTERNET - tomo I p.3 - Milano, La rete non si è sviluppata come unico sistema di interconnessione tra elaboratori, ma piuttosto come rete di collegamento tra diverse reti preesistenti, tanto che internet viene sovente definita rete delle reti. 9

10 l apparecchio e la linea telefonica non consente di estendere la responsabilità al gestore. Ad esso infatti non può essere attribuita alcuna colpa neanche a titolo presuntivo. Lo sviluppo della rete internet non è stato diverso: da una fase iniziale in cui gli elaboratori erano collegati direttamente alla rete, si è passati alla realizzazione di computer (server) mediante i quali era possibile consentire l accesso in rete ad altri computer (client) collegati al primo attraverso la linea telefonica. In questo modo il proprietario del computer-server poteva fungere da fornitore (provider) di accessi internet. A questo si sono poi aggiunti via via altri servizi e il progressivo ampliamento dell offerta ha contribuito alla diffusione della rete ma nel contempo ha creato problemi per la cui soluzione non è più sufficiente l analogia con la rete telefonica. Il passaggio dalle connessioni dirette e dai servizi di BBS ai provider o ISP (Internet Service Provider) è avvenuto nella seconda metà degli anno novanta. 10 Al contrario di ciò che si è verificato per le infrastrutture di telecomunicazioni telefoniche e telegrafiche, la rete telematica si è sviluppata senza piani regolatori di sviluppo né tantomeno si è assistito, se non a posteriori, all emanazione di norme specifiche per la regolamentazione dei rapporti giuridici telematici, ovvero di quei rapporti giuridici il cui connotato fondamentale è di avere come veicolo per la realizzazione degli interessi delle parti la trasmissione di dati in formato digitale. 10 Già prima dell avvento di Internet erano sorti operatori definiti commercial on line services che, dietro pagamento di un corrispettivo, consentivano agli abbonati di usufruire di una rete telematica e di una serie di servizi in rete, quali la posta elettronica, i forum di discussione, lo scambio di documenti e l accesso a banche dati specializzate. La particolarità di queste società (tra cui Compuserve, Prodigy e American on line) era di coprire con una rete telematica quasi tutto il mondo degli affari, ma accanto ad esse esistevano operatori locali (Bulletin Board System, o BBS) che consentivano l accesso via modem a piccoli gruppi di persone. L avvento di Internet e la tendenza delle piccole BBS a sorpassare il proprio limite dimensionale, consorziandosi anch esse in reti amatoriali ha consentito anche alle BBS di offrire ai propri utenti la connessione e l accesso in diversi paesi e la possibilità quindi di fornire accessi anche ad Internet e a tutte le risorse disponibili sulla rete telematica globale oggi esistente. 10

11 2 - Internet Service Provider Attualmente i principali servizi offerti dagli Internet Service Provider, o prestatori di servizi nella società dell informazione 11, sono quelli che forniscono l accesso alla rete, la posta elettronica e altri servizi per scambio comunicazioni, locazione di spazi di memoria su server 12 che rendono permanentemente accessibili le pagine web agli utenti della rete, servizi di catalogazione e ricerca e offerta di contenuti. a) connessione alla rete (contratto di access-provider) - con questo servizio un soggetto (provider) dotato di un proprio collegamento alla rete offre l accesso ad una serie di clienti-utenti, cioè offre la possibilità di ricevere e di trasmettere dati da e verso la rete internet facendo passare le informazioni attraverso un computer-server che funzionerà esattamente come una centralina di smistamento. Il contratto di access-provider è analogo a quello di connessione telefonica e l accesso è premessa indispensabile per fruire di ogni altro servizio di rete. 13 b) posta elettronica ( ) - quello della posta elettronica è uno dei possibili servizi aggiuntivi (contratto di service provider) con cui il provider offre uno spazio di memoria sul proprio server (c.d. server pop) nel quale saranno memorizzati tutti i messaggi indirizzati ad una determinata denominazione (per esempio L utente del servizio potrà accedere alla memoria utilizzando parametri e parole d ordine (password) per prendere copia o cancellare i messaggi contenuti. 11 questa è la denominazione scelta dal legislatore per indicare l ampio fenomeno delle comunicazioni internet. Non sembra una scelta particolarmente felice perché il termine società, sia nell accezione sociologica, sia nell accezione commerciale, indica situazioni e fenomeni molto diversi. Anche il termine informazione può essere riferito a dati molto diversi da quelli che transitano nelle apparecchiature elettroniche. La denominazione legale italiana quindi, benché corretta, difficilmente riuscirà a soppiantare l ormai diffuso neologismo inglese internet, l acronimo ISP e la denominazione inglese di provider. 12 i server sono elaboratori elettronici collegati alla rete internet in modo permanente. Il server è di regola nella disponibilità di un provider, a differenza dei client che sono i computer degli utenti per i quali la connessione alla rete avviene attraverso il server dell access-provider ed è regolata dagli accordi di connessione e dalla volontà dell utente. 13 In genere il provider (ISP) è proprietario di un semplice sistema d accesso alla rete, mentre nei pochi casi (circa 500 a livello mondiale) in cui il provider è dotato anche di infrastrutture di comunicazione comprensive di linee, ponti radio, ecc. lo si indica come Network Service Provider (NSP) 11

12 Talvolta al servizio di posta elettronica si aggiunge la possibilità di accedere alla memoria del server-pop per visionare, copiare o rimuovere i messaggi usando direttamente il programma browser. Questo servizio detto web-mail si basa sulla possibilità di far apparire il contenuto dei messaggi di postadirettamente su una pagina web che il provider rende accessibile solo al destinatario individuato mediante un nome (log-in) associato ad un codice segreto (password). L altro servizio di posta è quello che consente all utente di inviare messaggi al pop-server del destinatario. La spedizione passa attraverso un server predisposto secondo il protocollo SMTP gestito automaticamente. I servizi di posta elettronica sono analoghi ad un servizio telegrafico automatizzato: c è un mittente e un destinatario del messaggio, ma non c è un operatore cosciente che acquisisce il messaggio e nemmeno un portalettere che lo recapita a mano presso il destinatario. Quindi il provider non prende conoscenza del contenuto dei messaggi, conosce solo la provenienza della richiesta e il server di destinazione. Questo perché i processi di trasferimento e memorizzazione dei dati sono automatizzati. A differenza di un sistema telegrafico però la posta elettronica richiede la memorizzazione del messaggio, che resta depositato nella memoria del server-pop per un tempo indeterminato. Sarà il destinatario a decidere quando accedere telematicamente al server per fare copia o rimuovere i messaggi. Dunque il provider è di fatto detentore del messaggio per un tempo più o meno lungo durante il quale potrebbe facilmente leggerne il contenuto e farne copia. Solo nel caso di messaggi cifrati o criptati il provider potrebbe non essere in grado di prendere conoscenza del contenuto. c) oltre ai servizi di posta elettronica, nei quali vi è un mittente e uno o più destinatari, vi sono altri servizi finalizzati allo scambio di comunicazioni: la mailing-list consente ad un gruppo di utenti internet di scambiarsi messaggi in modo che ogni lettera venga recapitata a tutti gli iscritti alla lista; i messaggi di una mailing-list restano memorizzati nel server-pop dei destinatari come i comuni messaggi di posta elettronica; le newsletter che vengono recapitate contemporaneamente ad una lista di destinatari, ma provengono da un unico mittente e somigliano quindi al recapito di una rivista agli abbonati; 12

13 il forum consente ad ogni utente di inviare messaggi che non vengono inviati a singoli destinatari, ma vengono pubblicati su pagine web visibili a tutti oppure ad un gruppo di iscritti; i messaggi indirizzati ad un forum restano memorizzati nel sito (rectius nella memoria del server-host) che ospita il forum. La pubblicazione del messaggio nella pagina web può essere gestita in automatico dal server oppure può essere sottoposta al controllo personale di un moderatore; la chat-line è molto simile al forum, ma lo scambio di messaggi avviene in sincrono tra utenti connessi simultaneamente al server; si tratta di un servizio piuttosto complesso perché offre contemporaneamente la possibilità di inviare messaggi che vengono inseriti automaticamente in una finestra pubblica, visibile da tutti gli utenti connessi, ma anche di inviare messaggi riservati ad un singolo destinatario scelto tra gli utenti connessi; i blog sono pagine personali realizzate dagli utenti della rete usufruendo dello spazio e anche dell assistenza tecnica di un provider; Sono tutti servizi predisposti da un ISP che per periodi più o meno lunghi acquisisce, smista e talvolta rende pubblici i dati e i messaggi degli utenti. Per ciascuno di questi servizi il provider potrà predisporre un sistema completamente automatizzato oppure potrà affidarsi ad un moderatore che ha la possibilità di controllare e selezionare i messaggi decidendo quali inoltrare o pubblicare e quali censurare. d) motori di ricerca - questo è un servizio intermediario di catalogazione e ricerca e può rientrare come i precedenti nella categoria dei service-provider. L enorme quantità e complessità di informazioni presenti nella rete ha determinato presto la necessità di offrire agli utenti un sistema di orientamento e ciò è stato proposto realizzando indici suddivisi per argomenti (directory) in modo analogo a quello che già facevano le note guide telefoniche (pagine gialle, pagine utili, ecc.) oppure mediante sistemi automatici di ricerca (crawler o spyder), programmi che effettuano la raccolta e la selezione delle informazioni presenti sui numerosi server della rete. Il motore di ricerca si pone quindi come intermediario tra gli operatori che vogliono dare la massima visibilità alle proprie pubblicazioni e gli utenti che hanno bisogno di indicazioni per reperire in rete le informazioni. Il motore 13

14 non immette dati nel sistema, ma si limita ad acquisire e redistribuire informazioni esistenti. Per compiere agevolmente queste operazioni il motore utilizza propri server sui quali copia, indicizza o raggruppa i dati raccolti nella rete, inoltre può anche conservare traccia delle richieste fatte dagli utenti. Il motore dunque svolge quel compito che nell editoria tradizionale viene svolto dal libraio o dall edicolante che suddivide le pubblicazioni esponendole in diverse sale o diversi scaffali del suo punto vendita. Ma si potrebbe individuare qualche analogia anche con l editore che produce e diffonde una rivista il cui scopo è solo quello di catalogare, recensire e promuovere altre pubblicazioni. L edicolante e il libraio non sempre conoscono il contenuto delle pubblicazioni che offrono al pubblico, però possono prenderne conoscenza per offrire al cliente una migliore guida o consulenza. e) spazio web (host-provider) - questo servizio corrisponde alla allocazione fisica del sito web e avviene mediante memorizzazione (hosting) di dati elaborati dal destinatario del servizio in modo che possano essere acquisiti e visualizzati dagli utenti della rete. Il provider in questo caso riceve i dati, li registra nella memoria del suo elaboratore-server che automaticamente ne trasmetterà copia a tutti i richiedenti ovvero ad una serie autorizzata di richiedenti. Al destinatario del servizio è riservata la possibilità di rimuovere o modificare i dati memorizzati nel sito grazie ad una chiave (password) d accesso alla memoria. Il servizio di web-hosting, anche se nella terminologia tende a configurarsi quasi come una locazione, in realtà ha un carattere editoriale. Il sito equivale ad una pubblicazione perché le informazioni depositate nell host-server sono accessibili ad una generalità di utenti. Quindi le diciture sito, costruzione di un sito o affitto di uno spazio-web sono suggestive ma ingannevoli. Sarebbe più corretto parlare di scrittura di pagine web, pubblicazione sul web, ecc. Sappiamo che nel tradizionale processo editoriale la responsabilità si distribuisce in modo diverso tra autore, editore, stampatore o tipografo, distributore e rivenditore (edicolante, libraio, ecc.). Alcuni lievi differenze si riscontrano nell ambito dell editoria radio-televisiva, ma l elemento fondamentale per l attribuzione di responsabilità è il ruolo svolto da ciascun soggetto nella sequenza di operazioni che 14

15 integrano il processo editoriale. Quindi occorre capire se, e fino a che punto, esiste una corrispondenza tra le figure dell editoria tradizionale e i soggetti che operano sul web. La verifica di questa analogia con il fenomeno dell editoria è un punto importante della nostra indagine. e) il fornitore dei contenuti (content-provider) - questo soggetto svolge un compito completamente diverso dai precedenti perché non offre un servizio di carattere tecnico che può essere automatizzato, cioè svolto interamente da un processore elettronico. Il content- provider offre al gestore di un sito internet (web-master) i contenuti da poter immettere e far comparire nelle pagine del sito. Accade quindi che il web-master, cioè il soggetto che detiene le chiavi d accesso (password) alla pubblicazione (sito-web) può immettere nelle pagine informazioni e messaggi di cui talvolta è egli stesso autore, talaltra si tratta di opere realizzate da altri autori fuori dalle rete internet oppure di opere fornite da altri operatori (content-provider) della rete. Questa fornitura di contenuti all interno della rete si può realizzare anche mediante un collegamento che crea un flusso automatico di informazioni. Accade quindi che anche tra i content-provider si creino livelli. Rispetto all host-provider che ospita le informazioni programmate per visualizzare le pagine del sito ci sarà un realizzatore di contenuti (content-provider) di primo livello coincidente con lo stesso web-master e un content-provider di secondo livello che immette i propri dati attraverso il collegamento (link o frame) realizzato dal web-master. Il content-provider, in quanto fornitore di contenuti può essere considerato, per restare all analogia con i prodotti editoriali, come l autore dell informazione pubblicata in rete. Ma l analogia non è perfetta perché in realtà il content-provider potrebbe a sua volta essere intermediario rispetto ad un altra fonte, cioè potrebbe aver acquisito altrove le informazioni che fornisce. L analogia con l autore ci porterebbe quindi a dover distinguere tra autore diretto e autore indiretto di ciò che viene pubblicato. Con questa breve rassegna abbiamo delineato la tipologia dei providers I cui servizi sono stati classificati dalla direttiva 2000/31/CE 14 in base ad un criterio 14 la direttiva è stata recepita con d.lg n.70 di cui si tratterà più approfonditamente nei capitoli successivi. 15

16 fondato sull utilizzo e la finalità dei sistemi di memorizzazione dei dati. La direttiva distingue tra: 1) servizi di semplice trasporto dei dati (mere conduit) 2) servizi con memorizzazione temporanea e strumentale (caching) 3) servizi con richiesta di memorizzazione dei dati (hosting) La responsabilità e le esclusioni di responsabilità del prestatore dei servizi non risultano pertanto legate al tipo di offerta o di rapporto che l ISP instaura con gli utenti, ma dipende dal sistema tecnico che adottato per fornire i servizi. Di regola l access-provider che offre agli utenti la possibilità di accedere ai servizi della società dell informazione 15 lo farà limitandosi al semplice trasporto dei dati, svolgendo cioè un attività di mere conduit, perché non dovrebbe avere necessità né convenienza a registrare ciò che l utente vorrà ricevere o inviare. Ma qualora, per qualunque ragione, l access-provider volesse utilizzare sistemi diversi che implicano una memorizzazione dei dati allora non potrà più godere dell esclusione di responsabilità accordata ai prestatori di servizi di mera conduzione di dati. Dove una memorizzazione, sia pure temporanea e finalizzata unicamente a rendere più funzionale il servizio (caching) - modalità utilizzata solitamente nei servizi di intermediazione come ad esempio i motori di ricerca - l esclusione di responsabilità è soggetta ad alcune condizioni 16. La terza categoria è quella dei servizi di host-provider nei quali la memorizzazione dei dati è richiesta dal destinatario del servizio e può avere anche carattere duraturo. La richiesta di memorizzazione viene solitamente rivolta al provider affinché questi possa garantire un accessibilità permanente degli utenti della rete ai dati corrispondenti ad un certo indirizzo (sito), ma anche il servizio di posta elettronica si basa su una richiesta di memorizzazione dei dati, anche se in quest ultimo caso si tratta prevalentemente di messaggi che il destinatario del servizio riceve da altri (posta in arrivo memorizzata sul box-mail) vedi nota precedente. 16 maggiori dettagli al quarto capitolo. 17 La posta che il provider spedisce attraverso il sistema SMTP per conto del fruitore del servizio non avrebbe ragione di essere memorizzata, tuttavia molti contratti relativi al servizio di posta elettronica offrono anche questa possibilità. Alcuni recenti servizi offerti dalla Google prevedono la memorizzazione presso il provider di tutta la posta inviata e ricevuta dall utilizzatore, nonché la memorizzazione, sempre presso il provider, di rubriche e di pro-memoria di navigazione. 16

17 Nei capitoli successivi esamineremo la responsabilità degli internet providers cominciando dal caso dei service-providers (fornitori di accesso o di servizi intermediari) che è quello disciplinato dalla normativa citata e passando poi al caso del content-provider. Va segnalato fin da ora che l indagine sarà limitata al problema della responsabilità aquiliana e quindi, tralasciando la responsabilità contrattuale, la parte relativa ai diversi contratti di fornitura di servizi non sarà approfondita. Vi è però da notare come in una dimensione virtuale 18, nella quale manca il rapporto diretto tra i soggetti e manca ogni scambio o rapporto mediato da oggetti poiché tutto avviene unicamente attraverso lo scambio di informazioni telematiche, qualunque rapporto extracontrattuale viene comunque posto in essere attraverso le stesse comunicazioni telematiche rese possibili dai rapporti contrattuali tra utenti, operatori e autori o, per usare termini internettiani, navigatori, ISP e content-provider. Questa situazione determina sovente forti difficoltà a distinguere la sfera contrattuale da quella extracontrattuale. 3 - il Cyber-spazio Per completare la descrizione del fenomeno è necessario fornire qualche ragguaglio sull ambito nel quale gli ISP svolgono la loro attività. Abbiamo già detto che si tratta di comunicazioni telematiche realizzabili attraverso un complesso sistema (rete di reti) di elaboratori elettronici collegati tra loro. Ma questa è soltanto la descrizione fisica. Sotto il profilo sociale la realizzazione della rete delle reti ha aperto una possibilità di scambio di comunicazioni con caratteristiche di ampiezza e di velocità tali da rendere obsoleti tutti i sistemi di controllo territoriale da parte delle diverse autorità statali. A ciò si deve aggiungere l immediata consapevolezza delle potenzialità del nuovo strumento che potrebbe avere una portata rivoluzionaria analoga a quella avuta in passato dall elaborazione dell alfabeto, dall invenzione della carta, dalla stampa a caratteri mobili e dall invenzione degli strumenti di comunicazione radio. 18 G.Alpa - I PROBLEMI GIURIDICI DI INTERNET - tomo I p.3 - Milano, ciò che connota lo spazio cibernetico è il fatto che si presenta come virtuale, che non comporta alcun movimento fisico di veicoli o di cose, ma soltanto di impulsi elettronici 17

18 La riflessione sul fenomeno ha visto in esso la nascita di un nuovo spazio privo di confini territoriali e sottratto ad ogni possibilità di controllo: il cyber-spazio 19. Tuttavia se lo sviluppo della rete è stato rapidissimo, altrettanto rapido è stato anche lo sviluppo delle tecnologie capaci di filtrare le comunicazioni. Così dall immagine di internet come luogo di libertà assoluta e anarchia totale, si è passati presto all immagine di internet come luogo di controllo totale e di negazione della privacy. Non manca poi chi ha visto nel cyber-spazio un nuovo modello di organizzazione sociale: non più l organizzazione piramidale, ma l organizzazione a rete. Non più un organizzazione con una comunicazione a suo modo autoritaria, dall alto verso il basso, ma davvero come una possibilità di una rete di rapporti che consenta a ciascuno di entrare in rapporto con gli altri mettendo in discussione l assetto gerarchico dell organizzazione sociale. 20 L idea che il nuovo modello di comunicazione possa trasformare l intera organizzazione sociale si basa sulla constatazione di come nella rete tutti possono assumere nello stesso tempo il ruolo di produttori e di consumatori delle informazioni. In tal modo verrebbero a cadere quei privilegi che in passato non potevano essere eliminati nemmeno dalle più grandi organizzazioni della comunicazione. Ma a questa riflessione si contrappone quella di chi ha prefigurato una società in cui la distribuzione del reddito, del sapere e del potere non sono più dipendenti dalla disponibilità di risorse economiche (proprietà di beni materiali) ma piuttosto dalla capacità di controllare i diritti di accesso alla rete il termine è stato coniato da GIBSON WILLIAM nel romanzo Neuromante, Da lì in poi le metafore si sono moltiplicate: il cyber-spazio è stato descritto come una gigantesca struttura nervosa. Timothy Leary ha sostenuto l utilità di queste metafore per capire come il cervello acquisisce le informazioni e anche per capire come nell avvicinarsi alla morte i processi diventano più intensi e più rapidi (intervista a Silvia Bizio su La Repubblica 30 agosto 1995). Furio Colombo in Confucio nel computer Milano descrive i programmi elettronici come angeli facilitatori che ci guidano nei meandri del cyber-spazio. Nella Magna Charta dell Informazione redatta per conto del presidente della Camera USA Newt Gingrich da Heidi e Alvin Toffler si legge che il cyberspazio è la terra della conoscenza e l esplorazione di quella terra è il più alto compito a cui la nostra civiltà è chiamata. Sulla rivista Wired, che è stata negli anni novanta il centro di riferimento delle riflessioni sul Cyberspazio, Nicholas Negroponte scrive: Tutta la vita non è altro che un processo di trasferimento digitale della conoscenza. Convinzioni che oltrepassano quella dello scrittore che ha inventato il termine il quale si meraviglia di dover constatare come molti credono con fede cieca che ci sia qualche tipo di vero spazio dall altra parte dello schermo. E uno spazio che non puoi vedere ma del quale sei sicurissimo - citato da F. Colombo, op.cit. p S. Rodotà in InterLex J. Rifkin - L Era dell accesso - Milano,

19 Al diritto e ai giuristi spetta probabilmente il compito di individuare regole e sistemi per evitare di cadere nell uno o nell altro eccesso. Ma si tratta di un diritto che non può più derivare dall opera di un solo legislatore perché è vero che il fenomeno travalica i confini territoriali degli stati. 19

20 CAPITOLO SECONDO I PRINCIPI GIURIDICI DELLA COMUNICAZIONE La Costituzione Italiana presta particolare attenzione alla volontà del soggetto di limitare o meno la conoscibilità dei propri messaggi, distinguendo tra manifestazione del pensiero di tipo diffuso, per la quale è garantita la massima libertà, e manifestazione del pensiero a destinatari predeterminati, per la quale è garantita la segretezza. Nei riguardi, dunque, della posta elettronica, ma anche per altre applicazioni che, nell aspettativa dell utente, comportano un regime d intimità della comunicazione (come i messaggi che si possono inviare in privato nell ambito di una chat-line), non dovrebbero esserci dubbi circa l operatività delle garanzie indicate dall art. 15 della Costituzione per tutti gli aspetti del messaggio. Questo regime di segretezza si estende anche ai files di programmi, di immagini, di suoni e di filmati allegati alla comunicazione. Analogamente, non pare esserci motivo di dubitare che la medesima garanzia valga non solo nei confronti delle autorità costituite, ma anche nei riguardi dei terzi, ai quali deve ritenersi preclusa l intromissione nelle altrui comunicazioni telematiche. E la protezione costituzionale dell art. 15 Cost. riguarda tanto le persone fisiche quanto le persone giuridiche giacché il valore della libertà e della segretezza non può soffrire limitazioni di carattere soggettivo. La garanzia di libertà prevista dall art.21 Cost. per le manifestazioni del pensiero a mezzo stampa o con altro mezzo di diffusione va certamente riferita anche all ambito delle manifestazioni diffuse sulla rete e vale come garanzia di libertà di accesso e navigazione nella Rete. Infatti il divieto di censurare messaggi pubblicati sulle pagine web sarebbe facilmente eluso se l autorità potesse condizionare gli accessi e con questo la libertà di recepire i messaggi. Da ciò si tende a far discendere un diritto generalizzato di assumere nella rete le due qualità di fruitore e di editore dei messaggi poichè sul piano tecnico questa possibilità è già realizzata. 20

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli PREMESSE cenni sulla privacy Il crescente e diffuso impiego di internet e dei nuovi mezzi di

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO 1. Premessa alle condizioni generali di utilizzo del sito www.joinbooking.com Nel presente documento sono riportate le Condizioni Generali di utilizzo del sito

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo NOTE LEGALI L uso dei materiali e dei servizi della Piattaforma Sicuramentelab è regolamentato dal seguente accordo. L uso del sito costituisce accettazione delle condizioni riportate di seguito. 1. Definizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

PRIVACY POLICY SITO INTERNET

PRIVACY POLICY SITO INTERNET Pag. 1 di 6 PRIVACY POLICY SITO INTERNET NordCom S.p.A. Sede Legale: P.le Cadorna, 14 20123 Milano Tel. 02 721511 fax 02 72151909 Email: info@nord-com.it www.nord-com.it Registro delle imprese di Milano

Dettagli

Dichiarazione dei diritti in Internet

Dichiarazione dei diritti in Internet Dichiarazione dei diritti in Internet Questo documento costituisce il nuovo testo della Dichiarazione elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet a seguito della consultazione

Dettagli

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196.

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Ai sensi dell articolo 13 del decreto legislativo 30 maggio 203 n.196:

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

Introduzione a Internet e al World Wide Web

Introduzione a Internet e al World Wide Web Introduzione a Internet e al World Wide Web Una rete è costituita da due o più computer, o altri dispositivi, collegati tra loro per comunicare l uno con l altro. La più grande rete esistente al mondo,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito di proprietà di Consorzio dei Commercianti del Centro Commerciale di Padova, in

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA GENERALE UNIMEC S.R.L. Via Palazzo, 36 Albano S. Alessandro Bg Informazioni rese ai sensi dell art. 13 del D. Lgs.vo 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA marzo 08 Rev. 1.0 1 marzo 08 Rev. 1.0 2 SOMMARIO 1.OBIETTIVO...4 2.REGOLE GENERALI 4 2.1. REGOLE GENERALI. 4 2.2. REGOLE GENERALI DI SICUREZZA PER L USO

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Martino Longhi di VIGGIÙ Via Indipendenza 18, Loc. Baraggia 21059 VIGGIU (VA) Tel. 0332.486460 Fax 0332.488860 C.F.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

CONDIZIONI DI FORNITURA INFOCERT FORMAZIONE

CONDIZIONI DI FORNITURA INFOCERT FORMAZIONE 1.0 CONDIZIONI DI FORNITURA INFOCERT FORMAZIONE InfoCert S.p.A. - Società soggetta alla direzione e coordinamento di Tecnoinvestimenti S.p.A. - con sede legale in Roma, P.zza Sallustio n. 9, P. IVA 07945211006,

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA BIBLIOTECA CIVICA. Condizioni generali di utilizzo del servizio Internet. Assessorato Politiche Sociali, Cultura e Sport

COMUNE DI SALUGGIA BIBLIOTECA CIVICA. Condizioni generali di utilizzo del servizio Internet. Assessorato Politiche Sociali, Cultura e Sport COMUNE DI SALUGGIA Assessorato Politiche Sociali, Cultura e Sport BIBLIOTECA CIVICA Condizioni generali di utilizzo del servizio Internet 1 Premessa L Amministrazione Comunale di Saluggia ha provveduto

Dettagli

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica. RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Roma, 30 settembre 2003 Normativa e Contenzioso Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA PRIVACY In vigore dal 11/09/2013 ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196

INFORMATIVA SULLA PRIVACY In vigore dal 11/09/2013 ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 INFORMATIVA SULLA PRIVACY In vigore dal 11/09/2013 ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 LR Services D.o.o. (di seguito Titolare del Trattamento dei Dati o solo Titolare)

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

Tutela e informativa sulla Privacy

Tutela e informativa sulla Privacy Tutela e informativa sulla Privacy Informazioni in materia di protezione dei dati personali. Art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Ai

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione POLITICHE DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA PER GLI UTENTI STANDARD DEL DOMINIO istruzione.it 1 INTRODUZIONE La presente politica disciplina l utilizzo del

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI RELATIVA AL SITO WEB

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI RELATIVA AL SITO WEB INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI RELATIVA AL SITO WEB In questa pagina l Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico G. Pini descrive le modalità di gestione del sito www.gpini.it in riferimento

Dettagli

Privacy Policy. Tipi di dati trattati. Profili

Privacy Policy. Tipi di dati trattati. Profili Privacy Policy Il presente documento ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione dei punti di accesso web relativamente al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che vi accedono previa

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI La privacy policy di questo sito INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Perché questo avviso? In questa pagina si descrivono le modalità

Dettagli

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione.

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione. PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY GENERALE RIVOLTA AI NAVIGATORI DEL SITO WWW.ITALIANCONVERTER.IT RESA AI SENSI DELl ART. 13 DEL D.LGS. 196/2003 Il D. Lgs 196/2003, denominato Codice in materia di protezione

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI

PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI PRIVACY E GUIDA SISTEMI INFORMATICI LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI Premessa E possibile per l azienda controllare il corretto uso da parte dei propri dipendenti del personal

Dettagli

Privacy policy della newsletter

Privacy policy della newsletter Privacy policy della newsletter Le presenti linee programmatiche di condotta relative alla privacy (la "Privacy Policy") si applica alla newsletter del sito web di ATTIMIWEB srl (il "Sito") e si riferisce

Dettagli

BANCHE DATI. Informatica e tutela giuridica

BANCHE DATI. Informatica e tutela giuridica BANCHE DATI Informatica e tutela giuridica Definizione La banca dati può essere definita come un archivio di informazioni omogenee e relative ad un campo concettuale ben identificato, le quali sono organizzate,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA RETE CIVICA COMUNALE Approvato con delibera di C.C. n. 93 del 4.11.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 90 del 18.12.2014 ART.1 OGGETTO

Dettagli

POLITICA PRIVACY DEL SITO

POLITICA PRIVACY DEL SITO POLITICA PRIVACY DEL SITO Nella presente informativa, resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

Privacy e Cookie Policy

Privacy e Cookie Policy Privacy e Cookie Policy Questo sito web raccoglie dati dei navigatori e degli utenti interessati ai servizi accessibili tramite il sito. Inoltre può raccogliere alcuni Dati Personali dei soggetti che espressamente

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Biblioteca Giuseppe Dossetti

Biblioteca Giuseppe Dossetti Biblioteca Giuseppe Dossetti NORME PER L'ACCESSO IN INTERNET PER GLI STUDIOSI ESTERNI Il servizio di accesso ad Internet è parte integrante delle risorse messe a disposizione della Biblioteca. L uso di

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

CRAL ALENIA SPAZIO TORINO

CRAL ALENIA SPAZIO TORINO CRAL ALENIA SPAZIO TORINO Privacy INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. N.196 del 30 Giugno 2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Gentile Signora,

Dettagli

Privacy policy. Obiettivo dell avviso

Privacy policy. Obiettivo dell avviso Privacy policy Obiettivo dell avviso La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del Sito web: http://www.reteivo.eu (di seguito anche il Sito ), in riferimento al trattamento

Dettagli

PARTE 1 PRINCIPI FONDAMENTALI

PARTE 1 PRINCIPI FONDAMENTALI Ai sensi delle recenti normative in materia di navigazione web e privacy, a decorrere dal 1 gennaio 2014, Pazzo per il Mare.it si è dotato di un regolamento che prevede i Termini e le Condizioni per l

Dettagli

Ai sensi dell art. 13 D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali

Ai sensi dell art. 13 D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali Privacy Policy Ai sensi dell art. 13 D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali Con la presente nota Studioforward intende informare gli utenti visitatori del dominio

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA ALLA PROTEZIONE E ALL UTILIZZO DEI DATI PERSONALI SU www.zalando.it

DICHIARAZIONE RELATIVA ALLA PROTEZIONE E ALL UTILIZZO DEI DATI PERSONALI SU www.zalando.it DICHIARAZIONE RELATIVA ALLA PROTEZIONE E ALL UTILIZZO DEI DATI PERSONALI SU www.zalando.it anche ai sensi e per gli effetti dell art. 13, D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 La protezione dei dati personali

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Il portale Internet FindYourCodriver.com (di seguito Portale ) è di proprietà di Matteo Romano e Danilo Fappani.

Il portale Internet FindYourCodriver.com (di seguito Portale ) è di proprietà di Matteo Romano e Danilo Fappani. Condizioni Generali Il portale Internet FindYourCodriver.com (di seguito Portale ) è di proprietà di Matteo Romano e Danilo Fappani. L'accesso al Portale e le informazioni relative a tutti i servizi che

Dettagli

PRIVACY POLICY. Tipi di dati trattati

PRIVACY POLICY. Tipi di dati trattati PRIVACY POLICY In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa che è resa anche

Dettagli

PRIVACY POLICY DI LattinaDesign S.r.l.s

PRIVACY POLICY DI LattinaDesign S.r.l.s PRIVACY POLICY DI LattinaDesign S.r.l.s INFORMATIVA SULLA PRIVACY In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

www.costruireholding.it/ corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale della Costruire Holding S.r.l.

www.costruireholding.it/ corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale della Costruire Holding S.r.l. PRIVACY POLICY In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa che è resa anche

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE Il presente documento sulla privacy policy (di seguito, Privacy Policy ) del sito www.fromac.it (di seguito, Sito ), si conforma alla privacy policy del sito del Garante per

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro. Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Il Codice dell Amministrazione Digitale Capo IV - Trasmissione

Dettagli

ll sito Internet www.nesocell.com è di proprietà di: Nesocell Srl via Livorno n.60 I-10144 Torino - Italia P. IVA 10201820015

ll sito Internet www.nesocell.com è di proprietà di: Nesocell Srl via Livorno n.60 I-10144 Torino - Italia P. IVA 10201820015 ll sito Internet www.nesocell.com è di proprietà di: Nesocell Srl via Livorno n.60 I-10144 Torino - Italia P. IVA 10201820015 Nesocell Srl rispetta la privacy dei visitatori del sito sopracitato e si impegna

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

3. erogare cookie di profilazione propri e di terze parti, previo consenso dell utente;

3. erogare cookie di profilazione propri e di terze parti, previo consenso dell utente; PREMESSA Adfilia, ha voluto impegnarsi seriamente nel rispettare regole di comportamento in linea con il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali)

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Politica sulla privacy

Politica sulla privacy Politica sulla privacy Kohler ha creato questa informativa sulla privacy con lo scopo di dimostrare il suo grande impegno nei confronti della privacy. Il documento seguente illustra le nostre pratiche

Dettagli

Domande frequenti sulla Posta Elettronica Certificata

Domande frequenti sulla Posta Elettronica Certificata Domande frequenti sulla Posta Elettronica Certificata 1. Cosa è la Posta Elettronica Certificata? La Posta Elettronica Certificata (denominata anche Posta Certificata o PEC) è una tipologia di posta elettronica,

Dettagli

Oggetto: Informativa per il sito web

Oggetto: Informativa per il sito web Oggetto: Informativa per il sito web In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta dell informativa

Dettagli

Fruitpleasure.it Guida Utente FP001 Pag. 1

Fruitpleasure.it Guida Utente FP001 Pag. 1 Fruitpleasure.it Guida Utente FP001 Pag. 1 ALLEGATO GUIDA UTENTE FRUITPLEASURE.IT 1. Introduzione... 2. Iscrizione... 2.1 Iscrizione alla piattaforma web... 2.2 Modifica dati iscrizione... 2.3 Modifica

Dettagli

PRIVACY POLICY. Grazie per la vostra visita.

PRIVACY POLICY. Grazie per la vostra visita. PRIVACY POLICY Grazie per la vostra visita. La privacy e la protezione dei dati personali dei visitatori, degli utenti registrati sui nostri siti web nonché di tutti i soggetti con cui intratteniamo rapporti

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ART. 13, D.LGS. 30/06/2003 N. 196 CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI.

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ART. 13, D.LGS. 30/06/2003 N. 196 CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ART. 13, D.LGS. 30/06/2003 N. 196 CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI. In osservanza al D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (Codice Privacy) e successive

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

Applicazioni delle reti. Dalla posta elettronica al telelavoro

Applicazioni delle reti. Dalla posta elettronica al telelavoro Applicazioni delle reti Dalla posta elettronica al telelavoro Servizi su Internet La presenza di una infrastruttura tecnologica che permette la comunicazione tra computer a distanze geografiche, ha fatto

Dettagli

INFORMATIVA EX. ART. 13 D.LGS 196/03

INFORMATIVA EX. ART. 13 D.LGS 196/03 Privacy Policy INFORMATIVA EX. ART. 13 D.LGS 196/03 WHYNOT IMMOBILIARE in qualità di Titolare del Trattamento, rende agli utenti che consultano e/o interagiscono con il sito internet www.whynotimmobiliare.it

Dettagli

WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT

WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza

Dettagli

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale

Circolare N.167 del 14 dicembre 2011. Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Circolare N.167 del 14 dicembre 2011 Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Obbligo di conservazione delle e-mail a contenuto giuridico-commerciale Gentile cliente con

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E LA FIRMA DIGITALE

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E LA FIRMA DIGITALE COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E LA FIRMA DIGITALE CAPO I - Firma Digitale... 3 ARTICOLO 1... 3 Soggetti abilitati... 3 ARTICOLO

Dettagli

CODE OF CONDUCT HOSTING (CCH) Notice and Takedown

CODE OF CONDUCT HOSTING (CCH) Notice and Takedown CODE OF CONDUCT HOSTING (CCH) Notice and Takedown PREAMBOLO La simsa swiss internet industry association ha stabilito il presente Code of Conduct Hosting (di seguito «CCH») al fine di illustrare i principi

Dettagli

Copyright e informativa ai sensi dell art. 13 del D.lgs. 196/2003

Copyright e informativa ai sensi dell art. 13 del D.lgs. 196/2003 (Provincia di Trento) N. 1799 di prot. Sover, 28/04/2011 Copyright e informativa ai sensi dell art. 13 del D.lgs. 196/2003 Copyright Marchi, domini e segni distintivi Tutti i marchi registrati e non, di

Dettagli

Informativa ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. 196/2003

Informativa ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. 196/2003 Informativa ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. 196/2003 Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 Gruppo Nuove Tecnologie S.r.l. desidera fornirle/vi le informazioni che seguono in ordine al

Dettagli

PERCHÈ QUESTO AVVISO

PERCHÈ QUESTO AVVISO Privacy PERCHÈ QUESTO AVVISO Attraverso la consultazione del sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C.

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C. Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CDROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

Informativa privacy web

Informativa privacy web MINISTERO dell ISTRUZIONE dell UNIVERSITA e della RICERCA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo Da Vinci Piazza XXI Aprile tel. 092329498 - fax 092323982 Cod. mecc. TPIS01800P - Cod fisc.:

Dettagli

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Community_IRDATfvg_ManualeUtente_Vers._1.1 1 INDICE 2. La Comunità virtuale IRDAT fvg...3 3. I servizi della Comunità...3 4. La struttura della Comunità...4 5.

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WIFI

DISCIPLINARE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WIFI DISCIPLINARE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WIFI Art. 1. FINALITA L accesso alla conoscenza, all informazione e alle varie opportunità offerte da Internet non è garantita nel mercato privato

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Prot. n. 1034/CGV Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Rimozione dei casi di offerta in assenza di autorizzazione, attraverso rete telematica, di giochi,

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

Ente Ospedaliero Specializzato in Gastroenterologia "Saverio de Bellis" Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Ente Ospedaliero Specializzato in Gastroenterologia Saverio de Bellis Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Ente Ospedaliero Specializzato in Gastroenterologia "Saverio de Bellis" Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Turi, 27 70013 Castellana Grotte (BA) PRIVACY POLICY DEL SITO ISTITUZIONALE

Dettagli

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 1 POSTA ELETTRONICA TRADIZIONALE e POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA 2 POSTA ELETTRONICA

Dettagli

La privacy policy di questo sito

La privacy policy di questo sito La privacy policy di questo sito In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa

Dettagli

GLI AVVOCATI E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

GLI AVVOCATI E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA GLI AVVOCATI E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA L'e-mail è ormai lo strumento di comunicazione elettronica più utilizzato per lo scambio di informazioni. La posta elettronica o e-mail (acronimo di Electronic

Dettagli

Informativa per il trattamento dei dati personali

Informativa per il trattamento dei dati personali Informativa per il trattamento dei dati personali Informativa per il trattamento dei dati personali agli utenti del sito web www.dentalit.it (Codice in materia di protezione dei dati personali art. 13

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA La Posta Elettronica Certificata conferisce piena validità legale alle e-mail trasmesse, in ottemperanza a quanto stabilito dalla normativa vigente Che cos è la PEC? E uno strumento che permette di dare

Dettagli

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico dott.ssa Paola D Alessandro 1 La Direzione generale sta procedendo alla modifica delle linee guida del 2010 riguardo all utilizzo

Dettagli