Riassunti a cura di Gianmarco Scioscia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riassunti a cura di Gianmarco Scioscia"

Transcript

1 Il Diritto Commerciale: Secondo gli art 41 e 42 Cost. il nostro paese sceglie un modello di sviluppo economico basato sull economia di mercato; esso presuppone : Libertà dei privati di svolgere attività di impresa Sono libertà relative perché strumentali Libertà di competizione fra coloro che operano sul mercato alla realizzazione del benessere collettivo secondo scelte ispirate alla logica del tornaconto personale. Ruolo centrale delle imprese necessità di una legislazione economica sia di Diritto Privato che Pubblico volto a creare un ambiente giuridico propizio allo sviluppo delle imprese ed ad assicurare un ordinato e razionale funzionamento delle stesse. Nel Cod. Civ. è predisposta una disciplina degli atti di autonomia privata a contenuto patrimoniale fondata su scelte che rendono rapida e sicura la circolazione dei beni e garantiscono adeguata tutela al credito. Diritto Commerciale Moderno = parte del Diritto Privato che ha per oggetto e regola l attività e gli atti di impresa. L attuale Diritto commerciale non è più solo diritto del commercio e commercianti. Mantiene tale nome per ragioni storiche. Esso è sempre stato fin dalle origini : Diritto Speciale: costituito da norme da quelle valevoli per la generalità dei consociati. Diritto tendente ad uniformità internazionale: sostanziale identità delle esigenze giuridiche della vita giuridica in tutti i paesi a economia di mercato. Diritto in evoluzione: perché in continua evoluzione è la realtà economica nazionale ed internazionale Evoluzione storica del Diritto Commerciale: La formazione di un modello organico di diritto commerciale si ha solo verso la fine del Medioevo. Per la difesa dei propri interessi artigiani e mercanti danno vita alle corporazioni di arti e mestieri: Nasce il Diritto Commerciale dall esigenza del ceto mercantile di una giustizia rapida resa secondo usi mercantili. Tali regole vengono trasfuse negli statuti delle corporazioni. La loro applicazione viene man mano estesa anche alle controversie tra mercanti e non mercanti. Si diffonde in ogni zona dell Europa continentale. La successiva evoluzione del Diritto Commerciale si caratterizza per: a) Progressiva perdita del carattere originario b) Progressiva espansione del suo ambito di applicazione Tappe fondamentali di Evoluzione: Periodo Mercantilista: politica interventista dello stato nella vita economica segna la fine dell autonomia normativa delle corporazioni mercantili Il Diritto Commerciale diviene Diritto Nazionale (la giurisdizione mercantile passa ai tribunali statali nascono i tribunali del commercio) Codice Civile 1885 Codificazione Dei Codici: Vengono emanati 2 Codici Codice del Commercio Il codice del commercio realizza un ampliamento della sfera di applicazione dei principi del Diritto commerciale. Gli attori dello sviluppo economico sono gli industriali e i banchieri. Tutti gli atti negoziali sono disciplinati dal codice del commercio ( anche se nessuna delle parti è commerciante) Il Diritto Commerciale raggiunge la sua massima espansione Unificazione Dei Codici: Riforma legislativa del 1942 La disciplina delle attività commerciale è riorganizzata attorno la figura dell imprenditore commerciale; viene introdotta dall art la nozione generale di imprenditore. Viene emanato lo statuto generale dell imprenditore e quello speciale dell imprenditore commerciale. Viene unificata la disciplina generale dei contratti e delle obbligazioni con quella dei singoli contratti(libro IV Codice Civile). 1

2 Costituzione 1948: ha ribadito all art. 41 la libertà di iniziativa economica privata ed ha fissato nuovi valori da tutelare (es. diritto dei lavoratori a collaborare alla gestione delle imprese) Unificazione internazionale: con l entrata nell Unione Europea vi è l esigenza di una uniformità sovranazionale del diritto commerciale alle rinnovate esigenze del mondo economico. L obiettivo è perseguito con 2 diverse tecniche legislative: Trattati Comunitari: Introducono una disciplina antimonopolistica tesa a garantire che la concorrenza non sia falsata nel mercato comune Direttive di armonizzazione: emanate dal consiglio dell Unione Europea in vista del progressivo ravvicinamento delle singole legislazioni nazionali. I singoli stati sono tenuti ad adeguarsi ad essa con propria legge interna Obiettivo futuro di un Diritto Commerciale Europeo Uniforme PARTE PRIMA. L IMPRENDITORE Capitolo Primo : L imprenditore Criteri di distinzione della tipologia di impresa e di imprenditore: Oggetto dell impresa:determina la distinzione tra imprenditore agricolo e imprenditore commerciale. Dimensione dell impresa: determina la distinzione tra piccolo e medio-grande imprenditore. Natura del soggetto che esercita l impresa: permette di distinguere impresa individuale, impresa in forma di società e impresa pubblica. Tutti gli imprenditori sono assoggettati allo statuto generale dell imprenditore (comprendente parte della disciplina dell azienda e dei segni distintivi; la disciplina della concorrenza e dei consorzi): Chi è imprenditore commerciale non piccolo è assoggettato anche allo statuto tipico dell imprenditore commerciale (comprendente l iscrizione nel registro delle imprese con effetti di pubblicità legale, la rappresentanza commerciale, le scritture contabili, il fallimento ed altro). La nozione generale di imprenditore Art.2082 c.c. è imprenditore colui che esercita professionalmente un attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni e servizi. L art c.c. fissa i requisiti minimi (non quelli normali) che devono ricorrere per acquisire lo status di imprenditore. Esercizio attività economica Professionalità Organizzazione Produzione o scambio bene e servizio Dallo stesso articolo si ricava che l impresa è attività caratterizzata da uno specifico scopo e da specifiche modalità di svolgimento. E controverso se siano indispensabili : a) la liceità dell attività svolta [non necessaria] b) L intento dell imprenditore di ricavarne un profitto (c.d. scopo di lucro) [necessario è solo il metodo economico] c) La destinazione al mercato dei beni o servizi prodotti [non necessario, nessuna norma lo richiede ed esistono le c.d. imprese per conto proprio] 2

3 Attività produttiva (produzione o scambio di beni o servizi) L impresa è attività produttiva di nuova ricchezza Non sono impresa le attività di mero godimento (attività che non dà luogo alla produzione di nuovi beni e servizi; ad es. il proprietario di immobili che ne gode i frutti concedendoli in locazione). Un attività può costituire allo stesso tempo godimento di beni preesistenti e produzione di nuovi beni o servizi (es. albergatore). Gli atti di investimento, speculazione e finanziamento quando siano coordinati in modo da configurare un attività possono dar vita ad impresa se ricorrono i requisiti dell organizzazione e della professionalità (es. società finanziarie che erogano crediti con mezzi propri). È ormai opinione diffusa che la qualità di imprenditore deve essere riconosciuta anche quando l attività produttiva svolta è illecita (contraria a norme imperative, ordine pubblico e buon costume). Questo riconoscimento dell attività d impresa estesa anche alle imprese illecite risponde all esigenza di tutelare eventuali creditori di queste e di sottoporle alla disciplina fallimentare. Inoltre chi svolge attività di impresa violando la legge non potrà avvalersi delle norme che tutelano l imprenditore nei confronti dei terzi in quanto da un comportamento illecito non possono mai derivare effetti favorevoli per il suo autore. L organizzazione. Impresa e lavoro autonomo L imprenditore crea un complesso produttivo, formato da persone e da beni strumentali (è quindi un attività organizzata). È imprenditore anche chi opera senza utilizzare altrui prestazioni lavorative autonome o subordinate (es. lavanderia a gettoni); infatti la sempre più alta fungibilità tra capitale e lavoro ha determinato che l organizzazione imprenditoriale può essere anche organizzazione di soli capitali e del proprio lavoro intellettuale e/o manuale. La qualità di imprenditore non può essere negata (per difetto di organizzazione)sia quando l attività è esercitata senza ausilio di collaboratori, sia quando il coordinamento di capitale e lavoro proprio non si concretizza in un complesso aziendale materialmente percepibile. La semplice organizzazione ai fini produttivi del proprio lavoro non può essere considerata un organizzazione di tipo imprenditoriale e in mancanza di un minimo di eteroorganizzazione (presenza di un minimo di organizzazione di lavoro altrui o di capitale) deve negarsi l esistenza dell impresa. Ad esempio la borsa degli attrezzi di un idraulico non può essere considerata una forma di capitale poiché sono solo beni strumentali al lavoro. Esercizio attività economica È essenziale che l attività produttiva sia svolta con metodo economico (coprendo i costi con i ricavi, assicurando l autosufficienza economica). In caso contrario si avrebbe consumo e non produzione di ricchezza. Non è quindi essenziale il perseguimento di uno scopo di lucro (essendo sufficiente il solo metodo economico). Impresa sociale: imprese cui è fatto esplicito divieto di distribuire utili in qualsiasi forma ai soci, amministratori, partecipanti, lavoratori e collaboratori. Si richiede sempre che esse svolgano una attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi Non vi è alcuna ragione per negare la qualità di imprenditore agli enti di diritto privato (associazioni e fondazioni) con scopo ideale o altruistico che producono beni o servizi con metodo economico. Professionalità È l esercizio abituale e non occasionale di una data attività produttiva (es. non è imprenditore chi compie un isolata operazione di acquisto e di rivendita di merci). Non è richiesto che l attività sia svolta senza interruzioni, poiché sarebbero escluse attività stagionali come alberghi e stabilimenti balneari, ma è sufficiente il costante ripetersi di atti di impresa secondo le cadenze proprie di quel dato tipo di attività. Non è richiesto che l attività d impresa sia attività unica o principale essendo imprenditore anche il professore o l impiegato che gestisce un negozio o albergo. Può costituire impresa anche un unico affare se questo comporta il compimento di operazioni molteplici e l utilizzo di un apparato produttivo complesso (es. costruzione di un singolo edificio). Può essere qualificato imprenditore anche chi produce beni o servizi destinati ad uso o consumo personale (parliamo di imprese per conto proprio) dato che l attività produttiva può considerarsi svolta con il metodo economico anche quando i costi sono coperti da un risparmio di spesa o da incremento del patrimonio del produttore la destinazione al mercato del produzione non è richiesta da alcun dato legislativo. 3

4 Imprese e professioni intellettuali I liberi professionisti (avvocati, dottori commercialisti, notai) non sono mai in quanto tali imprenditori. Le disposizioni in tema d impresa si applicano alle professioni intellettuali solo se l esercizio della professione costituisce elemento di una attività organizzata in forma di impresa (es. il medico che gestisce la clinica privata nella quale opera o professore titolare di una scuola privata nella quale insegna). Il professionista intellettuale che si limita a svolgere la propria attività non diventa mai imprenditore. Non lo diventa non solo se esercita la professione avvalendosi di mezzi strettamente necessari, ma anche quando si avvalga di una vasta schiera di collaboratori e di un complesso apparato di mezzi materiali. Motivo di questa esclusione è l esistenza di specifici statuti per le diverse categorie professionali che sono già una forma di tutela per il professionista. L esonero dei professionisti intellettuali dello statuto dell imprenditore ha vantaggi (sottrazione al fallimento) e svantaggi (inapplicabilità della disciplina dell azienda, dei segni distintivi e della concorrenza sleale). Capitolo Secondo : Le categorie di Imprenditori A)Imprenditore agricolo e imprenditore commerciale Il ruolo della distinzione La distinzione è fatta in base all oggetto dell attività svolta. Questa distinzione è necessaria al fine di applicare la specifica normativa. Chi è imprenditore agricolo è sottoposto solo alla disciplina prevista per l imprenditore in generale. È esonerato dalla applicazione della disciplina propria dell imprenditore commerciale: tenute delle scritture contabili, assoggettamento al fallimento. L imprenditore agricolo gode di un trattamento di favore rispetto all imprenditore commerciale, anche grazie a incentivi e agevolazioni. L imprenditore agricolo. Le attività agricole essenziali E sottoposto ad una disciplina più leggera perché normalmente è più debole. Le attività agricole possono essere distinte in due grandi categorie: attività agricole essenziali attività agricole per connessione La nozione originaria art 2135 c.c. citava: è imprenditore agricolo chi esercita un attività diretta alla coltivazione del fondo, alla selvicoltura, all allevamento del bestiame e attività connesse.prevedeva uno stretto legame tra fondo e attività agricole essenziali. L attuale formulazione dell art 2135 c.c. cita: è imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse.. intendendo le attività agricole essenziali come dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine. Rispetto alle attività agricole tradizionali regolate nel Codice del 1942 si è introdotto il concetto di ciclo biologico (o di fase necessaria dello stesso) quale elemento caratterizzante la nozione eliminazione legame fondoattività agricole essenziali. Si deve ritenere, quindi, che la produzione di specie vegetali od animali è sempre qualificabile giuridicamente come attività agricola essenziale, anche se realizzata con metodi che prescindono del tutto dallo sfruttamento della terra e dei suoi prodotti (es. allevamenti in batteria, animali da pelliccia). Le attività agricole per connessione Secondo il previgente testo dell art c.c. erano solo : attività dirette alla trasformazione o all alienazione di prodotti agricoli che rientrano nell esercizio normale dell agricoltura tutte le altre attività esercitate in connessione con la coltivazione del fondo, la selvicoltura e l allevamento del bestiame(es. agriturismo, trebbiatura), per le quali si riteneva che dovessero rivestire carattere accessorio 4

5 Questa distinzione oggi scompare in base alla nuova formulazione dell art c.c. che individua le attività agricole per connessione in : attività dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione di prodotti ottenuti prevalentemente da un attività agricola essenziale (vini,conserve,insaccati). attività dirette alla fornitura di beni e servizi mediante l utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse normalmente impiegate nell attività agricola esercitata. (agriturismo). Condizioni necessarie per qualificare un attività intrinsecamente commerciale come attività agricola per connessione Connessione soggettiva: il soggetto che la esercita sia già qualificabile imprenditore agricolo in quanto svolge in forma di impresa una delle tre attività agricole tipiche e inoltre attività coerente con quella connessa.(es. viticoltore che produce vino). Deroga a tale criterio: la qualifica di imprenditori agricoli è estesa alle cooperative di imprenditori agricoli e ai loro consorzi (es. cantine sociali) quando utilizzino prevalentemente prodotti dei soci. Connessione oggettiva: rapporto oggettivo tra attività connessa ed essenziale. Criterio della Prevalenza: necessario e sufficiente è infatti solo che si tratti di attività aventi ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dall esercizio dell attività agricola essenziale. Per essere imprenditore agricolo le attività connesse non devono prevalere, per rilievo economico, su quelle dell attività agricola essenziale. L imprenditore commerciale È imprenditore commerciale colui che esercita una o più delle seguenti categorie di attività, elencate dall art. 2195, 1 comma: Attività industriale diretta alla produzione di beni o servizi (imprese industriali); Attività intermediarie nella circolazione dei beni (commercio); Attività di trasporto; Attività bancarie o assicurative. Altre attività ausiliarie delle precedenti N.B. L art 2195 non fornisce una definizione di imprenditore commerciale, ma elenca le attività che impongono l obbligo di iscrizione nel registro delle imprese Dovrà essere considerata commerciale ogni impresa che non sia qualificabile come agricola. N.B.(2) La differenza tra impresa agricola e impresa commerciale si riscontra nella mancanza del momento creativo dell attività imprenditoriale. Nell impresa agricola infatti il collegamento funzionale di beni dipende in massima parte da vicende naturali (quindi solo in parte dalla scelta di chi organizza). B) Piccolo imprenditore art. 2083: Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale in cui sia prevalente il lavoro proprio e/o dei componenti della propria famiglia rispetto al lavoro altrui e ai capitali utilizzati È sottoposto allo statuto generale dell imprenditore. E esonerato(anche se esercita attività commerciale) dalla tenuta delle scritture contabili e dall assoggettamento al fallimento e altre procedure concorsuali. L iscrizione nel registro delle imprese non ha funzione di pubblicità legale, ma di pubblicità notizia. 5

6 Dall art 2083 c.c. si ricava: Criterio della prevalenza: La prevalenza del lavoro proprio e familiare costituisce il carattere distintivo di tutti i piccoli imprenditori. Prevalenza sul lavoro altrui e sul capitale: per aversi piccola impresa è perciò necessario che: a) l imprenditore presti il proprio lavoro nell impresa (es. il fruttivendolo = piccolo imprenditore) b) il lavoro dell imprenditore e quello degli eventuali familiari che collaborano nell impresa prevalgano sia rispetto al lavoro altrui (es. dipendenti) sia rispetto al capitale (proprio o altrui) investito nell impresa. Es. il gioielliere non può essere considerato piccolo imprenditore per la rilevanza del capitale investito(non vi è prevalenza del lavoro sul capitale). Prevalenza funzionale: La prevalenza del lavoro familiare sugli altri fattori produttivi, a sua volta, deve correttamente intendersi in senso qualitativo-funzionale e non come prevalenza quantitativoaritmetica. Il piccolo imprenditore nella legge fallimentare Versione originale art. 1, 2 l. fall. Individuava i piccoli imprenditori in base ai criteri: Del reddito: titolari di un reddito inferiore al minimo imponibile ai fini dell imposta di ricchezza mobile Del capitale: aver investito nell azienda un capitale non superiore a lire (in nessun caso erano considerati piccoli imprenditori le società commerciali) Tale norma era in contrasto con i criteri fissati dall art 2083 c.c. riguardo l individuazione del piccolo imprenditore. Tuttavia tale contrasto è venuto meno in seguito all abrogazione del: Criterio del reddito: dovuta alla sostituzione dell imposta di ricchezza mobile da parte dell IRPEF Criterio del capitale: ritenuto incostituzionale per non idoneità a fungere da scriminante fra imprenditori commerciali soggetti a fallimento e quelli esonerati, in seguito alla svalutazione monetaria. Attuale formulazione art. 1,2 l. fall. Definisce dei requisiti di non fallibilità (o criteri dimensionali) Non è soggetto al fallimento l imprenditore commerciale che dimostri il possesso congiunto dei seguenti requisiti: a) Aver avuto nei 3 esercizi antecedenti la data di deposito dell istanza di fallimento(o all inizio dell attività se di durata inferiore), un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore a b) Aver realizzato nei 3 esercizi antecedenti la data di deposito di istanza di fallimento (o all inizio dell attività se di durata inferiore), ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo non superiore a c) Avere un ammontare di debiti (anche non scaduti) non superiore a Tali valori possono essere aggiornati con cadenza triennale per adeguarle alla svalutazione monetaria. Basta il superamento di un solo parametro per essere esposti al fallimento. In base a questa nuova formulazione anche le società commerciali possono essere esonerate dal fallimento se rispettano i limiti dimensionali sopra indicati. N.B. Secondo opinione prevalente chi può essere dichiarato fallito si determina esclusivamente in base ai criteri dimensionali stabiliti dall art. 1,2 L. fall. Mentre la definizione di piccolo imprenditore data dall art c.c. rileva ai fini dell applicazione della restante parte dello statuto dell imprenditore commerciale (iscrizione registro imprese,obbligo tenuta scritture contabili). N.B.(2) Attivo patrimoniale: patrimonio dell'impresa(macchinari,azioni, impianti) Ricavi lordi: l'utilità economica 6

7 L impresa artigiana Legge quadro per l artigianato del 1985: La definizione dell impresa artigiana è basata: Sull oggetto dell impresa, che può essere costituito da qualsiasi attività di produzione di beni (anche semilavorati) o di prestazioni di servizi; Sul ruolo dell artigiano nell impresa, si richiede in particolare che egli svolga in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo, ma non che il suo lavoro prevalga sui fattori produttivi. Continuano ad essere imposti limiti per quanto riguarda il numero massimo dei dipendenti utilizzabili(il numero massimo è variabile da settore a settore) La legge del 1985 riafferma la qualifica artigiana delle imprese costituite in forma di società di persone, di società a responsabilità limitata e di società cooperative. Tuttavia secondo la legge del 1985 la nozione di impresa artigiana non è più definita a tutti gli effetti di legge. Il riconoscimento della qualifica artigiana in base alla legge sull artigianato non basta per sottrarre l artigiano allo statuto dell imprenditore commerciale(quindi anche dal fallimento): occorrerà valutare se sia rispettato il requisito della prevalenza dettato dall art e, per quanto riguarda il fallimento, siano rispettati i requisiti di non fallibilità (art. 1,2 l. fall.) L impresa familiare È l impresa nella quale collaborano il coniuge, i parenti (fino ai nipoti) e gli affini (fino ai cognati) dell imprenditore (c.d. famiglia nucleare). Non necessariamente l impresa familiare è una piccola impresa(anche un impresa non piccola può essere impresa familiare). Il legislatore ha predisposto una tutela minima del lavoro familiare nell impresa (al fine di evitare abusi e ingiustizie largamente diffuse nel passato) destinata a trovare applicazione quando non sia configurabile un diverso rapporto giuridico(lavoro subordinato) e non sia perciò azionabile altro mezzo di tutela. Sono quindi riconosciuti ai membri della famiglia nucleare che lavorino in modo continuato nella famiglia o nell impresa: Diritti patrimoniali Diritto al mantenimento Diritto di partecipazione agli utili di impresa (proporzionato alla quantità del lavoro prestato) Diritto sui beni acquistati con gli utili e sugli incrementi di valore dell azienda Diritto di prelazione sull azienda in caso di divisione ereditaria o di trasferimento dell azienda stessa Diritti amministrativi (o Poteri gestori) Le decisioni in merito alla gestione straordinaria dell impresa e talune altre decisioni di particolare rilievo (impiego utili ed incrementi, cessazione impresa) sono adottate,a maggioranza, dai familiari che partecipano all impresa stessa. Il diritto di partecipazione è trasferibile solo a favore degli altri membri della famiglia nucleare e con il consenso unanime dei familiari già partecipanti. E inoltre liquidabile in danaro qualora cessi la prestazione di lavoro ed in caso di alienazione dell azienda. L impresa familiare è una impresa individuale l imprenditore ha la proprietà esclusiva dei beni aziendali e il compito di provvedere alla gestione ordinaria, agisce nei confronti di terzi in proprio e solo lui sarà responsabile verso questi delle relative obbligazioni di contratto. Se l impresa è commerciale(non piccola) sarà esposto al fallimento in caso di dissesto. N.B. Impresa familiare società in quanto l impresa familiare appartiene solo al suo titolare Il lavoro domestico è configurato come lavoro in favore dell impresa familiare solo se esso contribuisce al miglior andamento dell impresa (in caso contrario rientra nei generali obblighi gravanti sui coniugi). 7

8 C) Impresa collettiva e impresa pubblica L impresa societaria La società semplice è utilizzabile solo per l esercizio di attività non commerciale. Le società commerciali sono quelle diverse dalla società semplice e possono essere imprenditori agricoli o imprenditori commerciali a seconda dell attività esercitata. L applicazione alle società commerciali degli istituti tipici dell imprenditore commerciale segue le seguenti regole: a) Parte della disciplina propria dell imprenditore commerciale si applica alle società commerciali qualunque sia l attività svolta (obbligo di iscrizione nel registro delle imprese). Sono esonerate dal fallimento le società commerciali che rispettino i requisiti di non fallibilità(art. 1,2 l. fall.) b) Nelle società in nome collettivo ed in accomandita semplice parte della disciplina dell imprenditore commerciale trova poi applicazione solo o anche nei confronti dei soci a responsabilità illimitata. Trovano applicazione solo nei confronti dei soci le norme che regolano l esercizio di impresa commerciale da parte di un incapace. Trova applicazione anche nei confronti dei soci la sanzione del fallimento (Il fallimento della società comporta automaticamente il fallimento dei soci a responsabilità illimitata). Le imprese pubbliche Attività d impresa può essere svolta anche dallo Stato e dagli altri enti pubblici. Ciò è possibile in tre diverse forme: a) Società a partecipazione statale: è generalmente una s.p.a. che si serve di strutture di diritto privato. b) Enti pubblici economici: enti di diritto pubblico svolgenti attività d impresa sottoposti allo statuto generale dell imprenditore o, se svolgono attività commerciale, allo statuto tipico dell imprenditore commerciale con la sola eccezione (in caso di dissesto) dell esonero dal fallimento sostituiti dalla liquidazione coatta amministrativa o da altre procedure concorsuali. c) Impresa organo: l ente svolge direttamente l attività d impresa avvalendosi della propria struttura organizzativa (prive di distinta soggettività, ma dotate di una o più o meno ampia autonomia decisionale e contabile) l attività di impresa è secondaria ed accessoria rispetto ai fini istituzionali perseguita dell ente (Es. le aziende municipalizzate che erogano pubblici servizi come acqua, gas e trasporti). Art.2093 c.c. dispone che gli enti titolari di imprese organo seguono la disciplina generale dell impresa e quella propria dell imprenditore commerciale (salvo diversa disposizione di legge). Gli enti titolari di impresa-organo sono esonerati dall iscrizione nel registro delle imprese e dalle procedure concorsuali. Dal 1990 quasi tutti gli enti pubblici economici sono stati trasformati in società per azioni a partecipazione statale (privatizzazione formale); in tempi più recenti è stata avviata la dismissione delle partecipazione pubbliche di controllo (privatizzazione sostanziale). Attività commerciale delle associazioni e delle fondazioni Le associazioni e le fondazioni possono svolgere attività d impresa. Infatti per aversi impresa è sufficiente che l attività sia svolta con metodo economico e non necessariamente perseguendo un lucro. Questo presupposto è in linea anche se si tratta di un ente con finalità ideale. L ente resta sottoposto a tutte le conseguenze dell impresa commerciale, fallimento compreso. Può essere svolta in modo esclusivo (es. fondazione costituita per lo svolgimento di attività editoriale) o accessorio (es. sindacato che gestisce una casa editrice con la quale pubblica il materiale relativo all attività del sindacato). Gli eventuali guadagni devono essere necessariamente reinvestiti e l attività d impresa deve essere compatibile con la finalità ideale dell ente. L impresa sociale Possono acquisire la qualifica di impresa sociale tutte le organizzazioni private che esercitano in via stabile e principale un attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi di utilità sociale. È necessaria l assenza dello scopo di lucro (gli utili devono essere impiegati per lo svolgimento dell attività statutaria o all incremento del patrimonio dell ente assenza scopo di lucro). 8

9 Non è possibile disporre del patrimonio dell impresa e distribuire fondi o riserve a vantaggio di coloro che fanno parte dell organizzazione. In caso di cessazione dell impresa, il patrimonio residuo è devoluto ad altre organizzazioni secondo quanto previsto dallo statuto Vincolo di indisponibilità. Le imprese sociali possono organizzarsi in qualsiasi forma di organizzazione privata (qualsiasi tipo societario, anche tipi impiegati per scopo lucrativo). Più imprese sociali possono formare gruppo di imprese. Non possono essere imprese sociali: Le amministrazioni pubbliche Organizzazioni che erogano beni e servizi esclusivamente ai propri soci La responsabilità patrimoniale dei partecipanti è limitata. Se l impresa sociale è dotata di un patrimonio (netto) di almeno , dal momento dell iscrizione nel registro delle imprese risponde delle obbligazioni assunte soltanto l organizzazione con il suo patrimonio. Se il patrimonio diminuisce di oltre 1/3 al di sotto del limite dei , delle obbligazioni assunte rispondono personalmente e solidamente anche coloro che hanno agito in nome e per conto dell impresa (non però gli altri soci). E fatta salva l applicazione della disciplina più favorevole se l impresa sociale è organizzata in una forma societaria che prevede una più ampia limitazione di responsabilità per i soci e il soggetto agente (ad esempio nelle società di capitali, dove la responsabilità limitata si conserva anche in caso di perdita). Impresa sociale Deve iscriversi in un apposita sezione del registro delle imprese Deve redigere scritture contabili Si costituisce per atto pubblico (atto costitutivo) In caso di insolvenza sono assoggettate alla liquidazione coatta amministrativa invece che al fallimento Esso deve Disciplinare le modalità di ammissione ed esclusione dei soci Indicare la denominazione dell ente integrata con la locuzione impresa sociale Enunciare l assenza di scopo di lucro Determinare l oggetto sociale Prevedere un sistema di controlli (interno) fondati sulla distinzione fra controllo contabile, controllo di legalità della gestione e sul rispetto dei principi di corretta amministrazione. (sono esentate da questo tipo di controllo le organizzazioni che non superano i limiti dimensionali fissati dalla legge[ art.1,2 l. fall.]) Fissare i requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza per i componenti delle cariche sociali Prevedere forme di coinvolgimento dei lavoratori e destinatari dell attività di impresa nell assunzione delle decisioni che possono incidere direttamente sulle condizioni di lavoro e sulla qualità delle prestazioni erogate L impresa è soggetta a controlli esterni da parte del ministero del lavoro Non vi sono le condizioni per il riconoscimento Esso può disporre la perdita della qualifica sociale se Riscontra violazioni della relativa disciplina e l impresa non vi ottempera entro un congruo termine 9 L impresa viene cancellata dal registro; il patrimonio deve essere devoluto ad enti non lucrativi determinati dallo statuto

Corso di Diritto Commerciale

Corso di Diritto Commerciale Corso di Diritto Commerciale Anno accademico 2014-2015 Powered by PROF. MASSIMO RUBINO DE RITIS Control Editing dott. Mario Passaretta Il diritto d impresa Le norme utilizzate sono reperibili, gratuitamente,

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore)

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) PRINCIPIO DI EFFETTIVITA VS CRITERIO FORMALE Il principio di effettività può

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

L'impresa. N.B. è imprenditore chi produce beni o servizi destinati al mercato e non all'autoconsumo

L'impresa. N.B. è imprenditore chi produce beni o servizi destinati al mercato e non all'autoconsumo L'impresa * L'art. 2082 del codice civile definisce imprenditore "chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi" * Dalla

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015

Diritto commerciale l. Lezione 09/10/2015 Diritto commerciale l Lezione 09/10/2015 Dimensioni dell impresa: - piccolo imprenditore - imprenditore medio-grande Dimensione dell impresa come «misura» dell organizzazione della stessa. Etero-organizzazione

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c.

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c. UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c. TRATTAMENTO DI FAVORE DEL LEGISLATORE importanza concreta della

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

Imprenditore e impresa

Imprenditore e impresa 1 la nozione di imprenditore 1 Imprenditore e impresa Il codice civile non fornisce una definizione di impresa, ma delinea, all art. 2082, i tratti caratterizzanti la figura dell imprenditore e fa ruotare

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Indice. Diritto commerciale I. 2 di 16

Indice. Diritto commerciale I. 2 di 16 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE I L IMPRENDITORE PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 L imprenditore: Nozione ------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI GLI OBBLIGHI STRUMENTALI Si tratta di obblighi il cui assolvimento è considerato strumentale ai fini della applicazione del tributo ovvero ai fini del controllo amministrativo. Sono definiti anche obblighi

Dettagli

L imprenditore. Requisiti giuridici. Attività di godimento e impresa. Impresa illecita. L attività d impresa e scopo di lucro

L imprenditore. Requisiti giuridici. Attività di godimento e impresa. Impresa illecita. L attività d impresa e scopo di lucro L imprenditore Requisiti giuridici Attività di godimento e impresa Impresa illecita 1.1 La nozione di imprenditore Art.2082: è imprenditore colui che esercita professionalmente un attività economica organizzata

Dettagli

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP 2 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP DLgs. 446/97 3 Prassi C.M. 4.6.98 n. 141/E; C.M. 26.7.2000 n. 148/E; Circ. Agenzia delle Entrate 6.8.2007 n. 48; Circ. Agenzia delle Entrate 19.11.2007 n. 61; Circ. Agenzia

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento.

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. 2 Diritto di costituzione. La BLS fornisce alle imprese nazionali ed estere informazioni sulla costituzione di nuove imprese, filiali o succursali.

Dettagli

LE SOCIETA DI PERSONE

LE SOCIETA DI PERSONE DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA LE SOCIETA DI PERSONE PARTE SECONDA PAOLO VILLA martedi 28 ottobre 2014 SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 18.2015 Ottobre Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI AD EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE...

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI Comune di Soave Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI AL COMUNE DI SOAVE 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RURALITA AI FINI DELL IMPOSTA

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

LE FORME SOCIETARIE 1

LE FORME SOCIETARIE 1 LE FORME SOCIETARIE 1 DITTA INDIVIDUALE. LA DITTA INDIVIDUALE È UNA DELLE FORME PIÙ SEMPLICI PER AVVIARE UN'ATTIVITÀ IN PROPRIO. SI DISTINGUE DALLA LIBERA PROFESSIONE PERCHÉ L'OGGETTO DEL LAVORO NON DERIVA

Dettagli

PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA DONAZIONE DI ORGANI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA DONAZIONE DI ORGANI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA DONAZIONE DI ORGANI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (la presente dichiarazione, rilasciata anche ai sensi

Dettagli

La disciplina IVA degli enti non commerciali

La disciplina IVA degli enti non commerciali STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it La disciplina IVA degli enti non commerciali 1. Premessa

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori magistrati: dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI Presidente dott.

Dettagli

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Genova, 13 Gennaio 2015 Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Corso di preparazione alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile 1 Quali

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (O.N.L.U.S.) D.LGS. 4 dicembre 1997 n 460 (ART. 10 e SS.) C.M. 26

Dettagli

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it COME FARE PER.. ITER BUROCRATICO PER LA CREAZIONE D IMPRESA Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it . SCEGLIERE LA FORMA GIURIDICA DELL IMPRESA GUIDA PRATICA Una delle prime scelte che deve

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

Ausiliari del commercio: agenti di commercio, rappresentanti, commissionari, mediatori, procacciatori di affari, promotori

Ausiliari del commercio: agenti di commercio, rappresentanti, commissionari, mediatori, procacciatori di affari, promotori Ausiliari del commercio: agenti di commercio, rappresentanti, commissionari, mediatori, procacciatori di affari, promotori GUIDA AGLI ADEMPIMENTI CIVILI, FISCALI, PREVIDENZIALI E CONTABILI Premessa Il

Dettagli

In linea generale, l impresa collettiva è quella

In linea generale, l impresa collettiva è quella UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE -Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA COLLETTIVA E SCOPI ASSOCIATIVI In linea generale, l impresa collettiva è quella - esercitata in comune da più soggetti; - nella titolarità

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario) Temi trattati» Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)» Società di Persone S.s. S.n.c. S.a.s» Società di Capitali S.r.l. S.r.l.s. S.p.A.»

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

La scelta della forma giuridica

La scelta della forma giuridica La scelta della forma giuridica Classe quarta A IGEA Prof. Luigi Trojano 1 Introduzione Quando si intraprende una attività aziendale, il primo passo da compiere è quello relativo alla scelta se avviare

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE a cura del Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI

COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI PREMESSA I contributi previdenziali da lavoro autonomo derivano dallo svolgimento dell attività di impresa

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul STATUTO DELLA FONDAZIONE ARETINA DI STUDI SUL CLASSICISMO Art.1 - Denominazione e sede Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul classicismo costituiscono la Fondazione Aretina

Dettagli

Liberalizzazione delle attività economiche

Liberalizzazione delle attività economiche LE NOVITÀ DEL "DECRETO LIBERALIZZAZIONI" e del DECRETO SVILUPPO Il D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività" convertito

Dettagli

IMPRESA FAMILIARE COMPONENTI DELL IMPRESA FAMILIARE

IMPRESA FAMILIARE COMPONENTI DELL IMPRESA FAMILIARE IMPRESA FAMILIARE L'impresa familiare è un istituto giuridico di recente creazione nell'ordinamento italiano, disciplinato dall'art. 230 bis del codice civile. Esso regola i rapporti che nascono in una

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

LA VENDITA DEI MACCHINARI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI E LE RESPONSABILITA DEL CURATORE

LA VENDITA DEI MACCHINARI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI E LE RESPONSABILITA DEL CURATORE LA VENDITA DEI MACCHINARI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI E LE RESPONSABILITA DEL CURATORE La vendita delle macchine in sede concorsuale le normativa sulla salute e sicurezza sul lavoro Avv. Marco Tonellotto

Dettagli

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008)

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008) Circ.-CFB 96/4 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Pagina Circolare della Commissione federale delle banche: Accettazione a titolo professionale di depositi del pubblico da parte di istituti

Dettagli

IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI

IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI LA TASSAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA ALLA LUCE DELLA DELEGA FISCALE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Il Disegno di legge sulla concorrenza licenziato dal Consiglio

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO Parte Prima INTRODUZIONE Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Le parole del diritto... pag. 1 2. Prescrizioni, regole, norme...» 3 3. L idea di «fonti del diritto»...» 7 4. L ordinamento giuridico...»

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) Regolamento per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE AUTONOMIE LOCALI D.A. n.835 del 31.3.2004 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE AUTONOMIE LOCALI ISTITUZIONE DEL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ

Dettagli

L IMPRENDITORE L'imprenditore: concetto economico L'imprenditore: concetto giuridico Criteri di distinzione Statuto generale dell'imprenditore

L IMPRENDITORE L'imprenditore: concetto economico L'imprenditore: concetto giuridico Criteri di distinzione Statuto generale dell'imprenditore L IMPRENDITORE L'imprenditore: concetto economico In ambito economico, l'imprenditore è colui che detiene fattori produttivi (capitali, mezzi di produzione, forza lavoro e materie prime), attraverso i

Dettagli

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e cong. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

- Dmail Group S.p.A. -

- Dmail Group S.p.A. - - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI Internal Dealing - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO RISOLUZIONE N. 230/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 giugno 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 n. 954-173/2008 - Incentivi fiscali alle operazioni

Dettagli

Gli adempimenti per l iscrizione

Gli adempimenti per l iscrizione La Rendicontazione economica e sociale degli enti non - profit Gli adempimenti per l iscrizione al R.E.A. e al Registro delle Imprese Bologna, 15 giugno 2011 L Ente non profit consiste in un organizzazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit ENTI NON PROFIT Linee guida e schemi di redazione dei D I L U C A P A G L I O T T A 1. Introduzione Dopo aver esaminato in un recente intervento (vedi Notizie Sintesi n. 265 di Dicembre 2008, pag. 2) gli

Dettagli

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge.

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge. Circolare del 31 Ottobre 2012 Pag. 1 di 5 Circolare Numero 43/2012 Oggetto D.L. 179/2012 C.D. NUOVO DECRETO CRESCITA Sommario Nuove misure del governo per stimolare la crescita imprenditoriale e produttiva

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2007

Roma, 31 ottobre 2007 CIRCOLARE N. 59/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 ottobre 2007 OGGETTO: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS). Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n. 460. Indirizzi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli