GLI ABUSI DI MERCATO: L ABUSO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E LA MANIPOLAZIONE DEL MERCATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ABUSI DI MERCATO: L ABUSO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E LA MANIPOLAZIONE DEL MERCATO"

Transcript

1 GLI ABUSI DI MERCATO: L ABUSO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E LA MANIPOLAZIONE DEL MERCATO Lorenzo Faccincani * * Dottorando in ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE, presso la facoltà di economia dell Università degli studi di Verona. 1

2 Il presente lavoro ha goduto di un finanziamento attraverso un assegno di ricerca bandito dall Università degli studi di Verona per l attuazione del programma di ricerca dal titolo Gli abusi di mercato e i reati concernenti l intermediazione mobiliare: aspetti economici e tecnici finanziari. 2

3 Indice 1. Introduzione 4 2. Gli abusi di mercato 7 3. L insider trading L aggiotaggio La normativa a livello europeo La direttiva 89/522/CEE La direttiva 2003/6/CE La direttiva 2003/124/CE La direttiva 2003/125/CE Il regolamento (CE) 2273/ Analisi comparata: la normativa statunitense La normativa italiana L attività di enforcement della Consob Conclusioni 57 Bibliografia 59 Fonti normative italiane e comunitarie 61 Fonti normative statunitensi e inglesi 62 Proposte di direttiva e di legge 62 Pareri 63 Giurisprudenza 64 3

4 1. Introduzione Il presente lavoro ha come scopo fondamentale di descrivere le principali connotazioni dei comportamenti di aggiotaggio e di insider trading, concentrandosi particolarmente sulla normativa che li riguarda, sia a livello europeo sia a livello italiano. Nel primo paragrafo verranno tratteggiate le linee fondamentali degli abusi di mercato e verranno descritte due iniziative che si sono sviluppate a livello italiano riguardanti il tema dell abuso di informazioni privilegiate: a) la guida per l informazione al mercato redatta da Aiaf, Assogestioni, Assonime e Borsa Italiana; b) la disciplina di Borsa Italiana S.p.A. sull insider dealing. Il secondo paragrafo tratta il tema dell aggiotaggio individuando le due principali modalità in cui può estrinsecarsi: - la manipolazione operativa o market based manipulation; - la manipolazione informativa o information based manipulation. In tale paragrafo verranno anche descritti i conflitti d interesse che hanno contraddistinto gli analisti finanziari nell anno 2001 e che hanno portato le principali banche d affari statunitensi a risarcire gli investitori che sono stati ingannati con ricerche di dubbia attendibilità. Il terzo paragrafo, dedicato alla descrizione dell abuso di informazioni privilegiate, evidenzia le differenze più marcate con la fattispecie dell aggiotaggio e mette in risalto come l insider trading non sia sempre visto come un comportamento da censurare. Inoltre si definisce la procedura sviluppata dalla Consob per l individuazione in tempo reale dei fenomeni di abusi di mercato nei sistemi finanziari. Il quarto paragrafo mette in risalto l evoluzione della normativa a livello europeo, analizzando le diverse disposizioni che si sono susseguite nel corso del tempo: - la direttiva 89/592/CEE del 13 novembre 1989 del Consiglio; - la direttiva 2003/6/CE del 28 gennaio 2003 del Parlamento Europeo e del Consiglio e le relative misure di implementazione. 4

5 La direttiva 2003/6/CE è stata la prima direttiva in assoluto ad essere adottata con una regolamentazione articolata su quattro livelli 1 : 1) principi quadro; 2) misure di esecuzione; 3) cooperazione tra le autorità nazionale di regolamentazione; 4) vigilanza sul rispetto delle norme. Il livello 1 (la direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio) deve limitarsi a stabilire principi quadro di carattere generale, mentre il livello 2, ossia le direttive della Commissione europea, comprende misure tecniche di esecuzione che devono essere adottate con l assistenza del CESR 2 (Committee of European Securities Regulators). Nel quinto paragrafo si delinea la normativa statunitense regolante i fenomeni degli abusi di mercato, in quanto è di notevole interesse, per lo spessore e l importanza del paese, osservare come sono trattate le problematiche riconducibili all insider trading e all aggiotaggio. Il sesto paragrafo descrive l evoluzione legislativa che ha contraddistinto l Italia focalizzandosi sulla legge n. 157 del 17 maggio 1991 e sugli articoli 180 e seguenti del Testo Unico dell Intermediazione Finanziaria (decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998). Bisogna comunque tenere in considerazione che la direttiva 2003/6/CE, che dovrà essere recepita entro il 12 ottobre 2004, porterà delle modifiche e delle innovazioni sostanziali nella normativa attuale. Il settimo paragrafo espone l attività svolta dalla Consob e alcuni casi di insider trading e di aggiotaggio messi in luce dall Authority nelle relazioni annuali dal 1998 al Il comitato dei saggi sulla regolamentazione dei mercati europei dei valori mobiliari, istituito dal Consiglio europeo il 17 luglio 2000, ha proposto l introduzione di una nuova tecnica legislativa per accrescere l efficienza e la trasparenza del processo legislativo di adozione della normativa comunitaria in materia di valori mobiliari. 2 Per una descrizione del ruolo del CESR vedi il sito In summary, the role of CESR is to: - Improve co-ordination among securities regulators: developing effective operational network mechanisms to enhance day to day consistent supervision and enforcement of the Single Market for financial services; Having agreed a Multilateral Memorandum of Understanding (Mou), CESR has made a significant contribution to greater surveillance and enforcement of securities activities; - Act as an advisory group to assist the EU Commission: in particular in its preparation of draft implementing measures of EU framework directives in the field of securities; 5

6 E evidente come il problema degli abusi di mercato nell ambito dei mercati finanziari sia estremamente complesso perché presenta un insieme di sfaccettature differenti che non sempre è facile cogliere; tale paper ha l obiettivo di delineare una panoramica generale dell argomento che sia in grado di metterne in luce i tratti essenziali basandosi sulla letteratura e sulla legislazione esistente. - Work to ensure more consistent and timely day-to-day implementation of community legislation in the Member States: this work is carried out by the Review Panel under the Chairmanship of CESR s Vice Chairman, and by the 6

7 2. Gli abusi di mercato Con l espressione abusi di mercato si identificano tutte quelle situazioni in cui i risparmiatori che vogliono investire nei mercati finanziari si trovano a dover affrontare, in maniera diretta o indiretta, le conseguenze negative del comportamento di altri soggetti che: - hanno fatto uso a loro vantaggio o di altri di informazioni non accessibili al pubblico; - hanno falsato il meccanismo di fissazione del prezzo di strumenti finanziari; - hanno divulgato informazioni false ovvero ingannevoli 3. Il primo comportamento sopraccitato configura il tipico reato di insider trading, mentre gli altri due costituiscono la fattispecie dell aggiotaggio (o manipolazione del mercato). Combattere e reprimere gli abusi di mercato è una tappa fondamentale per assicurare l integrità dei mercati finanziari a livello internazionale e per incrementare la fiducia degli investitori nella trasparenza e nell efficienza dei mercati stessi 4. Considerando il contesto dell unione europea, un unico mercato finanziario rappresenta il presupposto indispensabile per garantire un livello di competitività adeguato a sostenere il confronto con le altre economie, in primis quella statunitense. Un mercato integrato è in grado di apportare una serie di benefici alle imprese in quanto permette loro di ridurre il costo del capitale e ai consumatori grazie a pensioni più elevate, mutui più accessibili e alla disponibilità di una più ampia varietà di strumenti finanziari disponibili 5. Condizione necessaria per assicurare l integrità del mercato è, ripetiamo, l eliminazione degli abusi di mercato; tale divieto non può essere ristretto solo ai mercati regolamentati, bensì deve essere esteso fino a ricomprendere tutti i luoghi in cui si effettuano scambi di risorse finanziarie (esempio, gli Alternative Trading Systems 6 ). Altro passo fondamentale per garantire l unicità del mercato è la convergenza tra i diversi Stati in materia di attuazione della normativa sugli abusi di mercato e di vigilanza sui comportamenti scorretti. In tale direzione si muove la direttiva 2003/6/CE del two operational groups: CESR-Pol and CESR-Fin.. 3 La definizione riportata è ripresa dalla relazione alla proposta di direttiva del parlamento europeo e del consiglio relativa all abuso di informazioni privilegiate e alla manipolazione del mercato del 30 maggio 2001; tale proposta è disponibile sul sito 4 In tal senso si esprime la direttiva 2003/6/CE del parlamento europeo e del consiglio relativa al tema degli abusi di mercato: L abuso di informazioni privilegiate e la manipolazione del mercato sono di ostacolo alla reale e piena trasparenza del mercato, che è requisito fondamentale perché tutti gli operatori economici siano in grado di operare su mercati finanziari integrati. La direttiva è disponibile sul sito 5 Così si esprime la proposta di direttiva sopraccitata. 6 Sugli Alternative trading systems vedi M.Damilano, P.De Vincentiis, E.Isaia, P.Pia Il mercato azionario, Giappichelli, Torino, 2002, pag. 230: Gli electronic communications networks (ECNs) anche indicati come alternative trading systems (ATS) rappresentano in pratica l evoluzione telematica dell attività di brokeraggio che 7

8 parlamento europeo e del consiglio del 28 gennaio 2003 relativa all abuso di informazioni privilegiate e alla manipolazione del mercato; essa, infatti, ha come obiettivo prioritario di fornire una serie di principi quadro che mirino a garantire un determinato livello di uniformità tra le diverse discipline degli Stati membri. I mercati mobiliari hanno raggiunto un ruolo di vitale importanza per il finanziamento dell economia; le imprese contraddistinte da notevoli ritmi di crescita hanno la continua necessità, per finanziare i loro progetti di investimento, di capitali e quindi di mercati efficienti e trasparenti. Gli abusi di mercato incrementano i costi di finanziamento delle imprese 7, mettono a rischio la crescita e il benessere economico e riducono la fiducia del pubblico nei valori mobiliari. L abuso di informazioni privilegiate e le manipolazioni del mercato contrastano con il principio generale che tutti gli investitori debbano operare in condizioni di uguaglianza sotto il profilo dell accesso all informazione 8, della conoscenza del meccanismo di fissazione del prezzo e della conoscenza delle origini delle informazioni pubbliche. Un soggetto compie reato di insider trading nel momento in cui sfrutta le informazioni privilegiate di cui dispone per compiere un qualsiasi tipo di transazione su strumenti finanziari. L informazione privilegiata è definibile come qualsiasi informazione che ha un carattere preciso, che non è stata resa pubblica e che concerne, direttamente o indirettamente, uno o più emittenti di strumenti finanziari o uno o più strumenti finanziari 9. E importante, sia per gli operatori di mercato che per le autorità competenti alla vigilanza, cercare di comprendere cosa si intenda con carattere preciso dell informazione 10 ; con tale espressione ci si riferisce a un complesso di circostanze esistente o che si possa ragionevolmente ritenere che verrà ad esistere o ad un evento verificatosi o che si possa sfocia nel dar vita a delle quasi borse. Si tratta infatti di sistemi telematici privati creati da brokers oppure da information providers che offrono servizi di negoziazione, senza offrire servizi di quotazione.. 7 Sul fatto che gli abusi di mercato, e in particolar modo l insider trading, aumentino il costo del capitale per le imprese si sono concentrati U.Bhattacharya e H. Daouk, due studiosi della Indiana University. Nel paper The World Price of Insider Trading a pag. 6 si afferma: To summarize, in the most general formulation of our empirical model, which is the model that controls for risk factors, a liquidity factor, and a variable that aggregates other shareholders rights, we find that cost of equity is reduced by roughly 5% on an annual basis if insider trading regulations are enforced. More importantly, we find that the mere existence of insider trading regulations without their enforcement does not affect the cost of equity.. Il documento è disponibile sul sito The_World.pdf 8 Si richiama in questo caso il concetto di efficienza informativa. Sull argomento vedi G.Forestieri, P.Mottura in Il sistema finanziario, Egea, Milano, 2002, pag. 205: un mercato, in termini statici, può essere definito efficiente sotto il profilo informativo se: - i prezzi riflettono costantemente tutta l informativa disponibile e, dato un certo set di informazioni, non è possibile ottenere un beneficio economico facendo leva su di esso; - gli operatori agiscono razionalmente in modo da massimizzare la propria funzione di utilità. L ipotesi di mercato efficiente può essere quindi disattesa perché si crea un gap informativo fra i potenziali scambisti.. 9 Questa è la definizione di informazione privilegiata data dalla direttiva 2003/6/CE. 10 Così si esprime la relazione alla proposta di direttiva della commissione recante modalità di esecuzione della direttiva 2003/6/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda la definizione e la comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate e la definizione di manipolazione del mercato; la proposta è disponibile sul sito 8

9 ragionevolmente ritenere che si verificherà e tale informazione sia sufficientemente specifica da consentire di trarre conclusioni sul possibile effetto delle circostanze o dell evento sui prezzi degli strumenti finanziari (e sui derivati connessi) 11. Per eliminare, o quantomeno cercare di limitare l insider trading, è fondamentale che vi sia una divulgazione tempestiva e corretta delle informazioni al pubblico da parte degli emittenti titoli quotati; una disclosure selettiva, viceversa, può far venir meno la fiducia degli investitori nell integrità dei mercati finanziari. Per fornire un adeguata informativa al pubblico degli investitori, gli operatori economici dovrebbero adottare delle misure preventive quali l applicazione di codici interni di comportamento e la creazione di muraglie cinesi. A questo riguardo può essere utile analizzare due iniziative che si sono sviluppate a livello italiano: a) la guida per l informazione al mercato redatta da Aiaf, Assogestioni, Assonime e Borsa Italiana 12 ; b) la disciplina di Borsa Italiana sull insider dealing finalizzata a dare trasparenza all attività di acquisto e vendita effettuata dagli amministratori e da altre persone rilevanti sui titoli delle società quotata a cui appartengono o delle sue principali controllate. La guida per l informazione al mercato è stata sviluppata in seguito all esigenza dei diversi attori dei mercati dei valori mobiliari (emittenti, società di gestione del mercato, gestori del risparmio, analisti, intermediari) di una informazione trasparente che assicuri uno standard di correttezza, dal 11 La definizione di carattere preciso dell informazione è data dalla direttiva 2003/124/CE della Commissione del 22 dicembre 2003 recante modalità di esecuzione della direttiva 2003/6/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda la definizione e la comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate e la definizione di manipolazione del mercato (disponibile sul sito La direttiva sugli abusi di mercato è stata elaborata basandosi sulla nuova tecnica legislativa proposta dal comitato dei saggi per la regolamentazione dei mercati europei dei valori mobiliari; tale tecnica prevede un approccio articolato su quattro livelli, vale a dire principi quadro, misure di attuazione, cooperazione e vigilanza sul rispetto delle norme. Il livello 1, ovvero la direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio, deve limitarsi a stabilire principi quadro di carattere generale mentre il livello 2 dovrebbe comprendere misure tecniche di attuazione, che devono essere adottate dalla Commissione con l assistenza di un comitato. Sull argomento vedi J.Fernadez-Armesto, A European regime against market abuse; written text of a lecture delivered at the seminar Gli abusi di mercato: economia, diritto, politiche istituzionali organized by CONSOB on January 23, 2001 at Bocconi university, pag. 6: This Committee (of the wise men), chaired by Lamfalussy, was appointed by the Lisbon council to report on the regulation of securities markets in Europe. It starts with a devastating description of the present situation; a mosaic of more than 40 regulators with different powers and competencies, laws of legendary ambiguity which are not properly enforced, and Kafkaesque procedures in which laws take dozens of years to be approved. To solve the present situation, the report proposes a four level approach: - level 1 would be framework laws, in the form of Directives or preferably regulations, setting forth the general principles and objective of the securities regulations. level 2 would be implementing legislation, to be approved by a European Securities Committee, in which member states are rapresented, and which draws its powers from the authorisation contained in the framework laws; the European Securities Committee would be advised by a European Regulators Committee, similar in nature to an institutionalised FESCO. level 3 would be guidance and interpretations to be issued on a harmonised basis by the European Regulators Committee; - level 4 finally would entail strengthened enforcement of EU law by the Commission itself. 12 La guida è stata redatta nel giugno 2002 ed è disponibile sui siti internet delle istituzioni partecipanti al forum sull informativa societaria: e 9

10 quale tutti possono essere avvantaggiati. Le tematiche affrontate riguardano tutte le tipologie di informazioni che concernono le società quotate e le loro occasioni e modalità di diffusione. La guida è costituita da dieci principi che hanno lo scopo di assicurare la correttezza informativa da parte, in primo luogo, delle società, che rappresentano la fonte primaria dell informazione; le indicazioni contenute all interno del documento costituiscono comunque un benchmark anche per gli altri partecipanti al mercato. Analizziamo ora in dettaglio ognuno dei dieci principi, cercando di porre in evidenza i tratti principali di ognuno. Il principio 1 (criteri generali) afferma che gli emittenti e i soggetti che li controllano devono comunicare con il mercato nel rispetto dei criteri di correttezza, chiarezza e parità di accesso all informazione e che devono astenersi dal diffondere notizie a scopo esclusivamente promozionale. La correttezza richiede di fornire l informazione societaria in maniera esaustiva e non fuorviante, dando il massimo risalto alle richieste di dati e notizie che giungono dal mercato nel rispetto dell interesse generale al corretto funzionamento del mercato. La chiarezza è riferita alle forme con cui l informazione è comunicata al mercato e richiede la completezza e l intelligibilità in funzione dei diversi destinatari. La parità di accesso all informazione ha come obiettivo di evitare ogni forma di comunicazione selettiva di informazioni che possano avere rilevanza per la valutazione degli strumenti finanziari. Il divieto di diffondere informazioni con un fine esclusivamente promozionale mira a non creare confusione nelle scelte di investimento o disinvestimento dei singoli risparmiatori 13. Nel principio 2 (informazioni idonee ad influenzare sensibilmente il prezzo degli strumenti finanziari quotati) viene affermato che gli emittenti titoli quotati devono comunicare tempestivamente al mercato le informazioni rilevanti 14. Con l espressione comunicazione al mercato si indicano le modalità d informazione previste dall articolo 114 del Testo Unico dell Intermediazione Finanziaria 15 e le relative disposizioni d attuazione, secondo le quali i fatti 13 La guida indica come esempi di informazioni a scopo meramente promozionale: 1) la comunicazione al mercato di annunci concernenti lo studio di nuovi prodotti senza che vi siano ancora attendibili prospettive commerciali; 2) l annuncio di generici accordi di partnership o commerciali; 3) la comunicazione al mercato di informazioni riguardanti meri propositi. 14 Nel principio è data una definizione di informazioni rilevanti: Sono informazioni rilevanti quelle specifiche e a contenuto determinato, relative ad eventi accaduti nella sfera di attività degli emittenti, dei soggetti che li controllano o delle relative società controllate, non di pubblico dominio e idonee, se rese pubbliche, ad influenzare sensibilmente il prezzo degli strumenti finanziari quotati. Esse riguardano sia l attività di tali soggetti sia gli strumenti finanziari quotati. 15 L articolo 114 del TUF afferma che gli emittenti quotati e i soggetti che li controllano informano il pubblico dei fatti che accadono nella loro sfera di attività e in quelle delle società controllate, non di pubblico dominio e idonei, se resi pubblici, a influenzare in maniera sensibile il prezzo degli strumenti finanziari. La Consob stabilisce con regolamento (n del 14 maggio 1999; disponibile sul sito le modalità dell informazione del pubblico su tali fatti, detta disposizioni per coordinare le funzioni attribuite alla società di gestione con le proprie e può individuare compiti da affidarle per il corretto svolgimento delle funzioni necessarie per il buon funzionamento del mercato. Le 10

11 rilevanti devono essere diffusi senza ingiustificato ritardo, trasmettendo un comunicato alla Consob, a Borsa Italiana e a due agenzie di stampa. Gli eventi che potrebbero essere considerati rilevanti sono numerosi e il principio ne fornisce, a titolo esemplificativo, un elenco non esaustivo comprendente, tra le altre, fattispecie quali l ingresso o il ritiro da un business, le operazioni sul capitale, l acquisto di partecipazioni o di rami d azienda, le operazioni di fusione o scissione e i cambiamenti nel personale strategico della società. Nel principio 3 (progetti, trattative, manifestazione di intenti) si dichiara che le manifestazioni di intenti, l approvazione di progetti, le trattative e ogni comportamento finalizzato alla conclusione di un operazione che costituisce evento rilevante, sono comunicati al mercato se si è in presenza contemporaneamente di due condizioni: - vi siano inequivocabili segnali del fatto che non risultano rispettati gli obblighi di riservatezza da parte di coloro che siano venuti a conoscenza di tali informazioni; - vi siano fondati motivi per presumere un positivo esito delle operazioni di cui tali eventi costituiscono fasi iniziali o intermedie. Gli emittenti e i soggetti che li controllano devono adottare delle procedure idonee a mantenere la confidenzialità delle informazioni fino al momento in cui saranno comunicate al mercato. Tale principio, che risponde a un criterio generale di correttezza informativa, prevede che non si debba aspettare che accada un effettiva fuga di notizie per procedere alla comunicazione al mercato. Le due condizioni sopraccitate rispondono all esigenza di individuare dei criteri oggettivi per indirizzare il comportamento degli emittenti e contemporaneamente evitare situazioni volte ad alterare la regolarità del mercato. società impartiscono le disposizioni occorrenti affinché le società controllate forniscano tutte le notizie necessarie per adempiere gli obblighi di comunicazione previsti dalla legge. La Consob può richiedere ai soggetti che siano resi pubblici, con le modalità da essa stabilite, notizie e documenti necessari per l informazione del pubblico. In caso di inottemperanza la Consob provvede direttamente a spese degli interessati. Se i soggetti oppongono, con reclamo motivato, che dalla comunicazione al pubblico delle informazioni possa derivare loro grave danno, gli obblighi di comunicazione sono sospesi. La Consob, entro sette giorni, può escludere anche parzialmente o temporaneamente la comunicazione delle informazioni, sempre che ciò non possa indurre in errore il pubblico su fatti e circostanze essenziali. Trascorso tale termine il reclamo si intende accolto. La Consob stabilisce con regolamento in quali casi e con quali modalità devono essere fornite informazioni al pubblico sugli studi e sulle statistiche riguardanti gli emittenti quotati, elaborati da questi ultimi, da intermediari autorizzati a prestare servizi di investimento, nonché da soggetti in rapporto di controllo con essi. Sulla relazione tra l art.114 del TUF e l insider trading vedi F.Mucciarelli L insider trading nella nuova disciplina del D.Lgs 58/1998 in Rivista trimestrale di diritto penale dell economia, 2000, pag. 937: è difficile negare che la norma si ponga in qualche misura come contrappunto speculare delle disposizioni che reprimono i fatti di insider trading, posto che le notizie, per tal modo obbligatoriamente rese di pubblico dominio, sono sostanzialmente quelle riconducibili alla nozione tipica di informazione privilegiata ex art.180 co. 3 d.lgs. 11

12 Il principio 4 (informazione in assemblea) dispone che la comunicazione in assemblea di informazioni rilevanti è permessa se e solo se esse vengono preventivamente comunicate al mercato. L assemblea dei soci non è ritenuto un canale idoneo alla diffusione presso il pubblico di informazioni. Se un fatto rilevante è comunicato all assemblea in modo involontario (per esempio quando ci si accorge solo in seguito alla comunicazione che l informazione può influenzare sensibilmente il prezzo degli strumenti finanziari), questo deve essere tempestivamente trasmesso al mercato. Il principio 5 (incontri con operatori del mercato) afferma che, nel caso in cui le società quotate organizzino o partecipino a incontri con analisti finanziari, investitori istituzionali e altri operatori del mercato, informino anticipatamente la Consob e la società di gestione del mercato su data, luogo, ora e principali argomenti dell incontro. Gli emittenti e la società di gestione del mercato mettono la documentazione a disposizione del pubblico. Qualora l emittente comunicasse, volontariamente o involontariamente, informazioni previsionali o altre informazioni rilevanti nell ambito degli incontri, è necessario trasmetterle immediatamente al mercato. Il principio è un applicazione del divieto di informazione selettiva agli incontri con gli operatori del mercato finanziario. Vi sono tre tipi di contatto a fini informativi tra emittente e soggetti appartenenti alla comunità finanziaria: 1) l incontro ristretto, di solito organizzato da un intermediario finanziario per conto di una o più società, tra alcuni operatori del mercato e l emittente; 2) l incontro individuale tra la società e l operatore senza alcuna estensione ad altri soggetti; 3) l incontro aperto a tutti gli operatori del mercato. Il principio n 5 non si applica agli incontri individuali. Il rispetto della parità di accesso all informazione deve essere garantito permettendo che l informazione destinata alle persone partecipanti a un incontro venga resa disponibile contestualmente al pubblico. Il principio 6 (informazione previsionale) definisce l informazione previsionale come quella contenente delle previsioni sulla situazione patrimoniale, economica e finanziaria delle società o sugli obiettivi quantitativi della loro gestione, indicando specificatamente le principali ipotesi sottostanti. I mercati finanziari richiedono la diffusione di informazioni aventi carattere prospettico, in quanto queste possono ricoprire un ruolo rilevante sulle aspettative da parte degli investitori, sulle loro decisioni d acquisto e di vendita di titoli e sull andamento dei prezzi e dei volumi trattati. 12

13 Vi è una relazione direttamente proporzionale tra l efficienza del mercato finanziario e la quantità e la qualità dell informazione prospettica diffusa dagli emittenti. L informazione previsionale può riferirsi a dati destinati ad essere compresi nei documenti contabili di sintesi della gestione (ad esempio fatturato, margini reddituali, oneri finanziari ) oppure ritenuti influenti nella formazione delle aspettative degli investitori (investimenti, politica dei dividendi ). Nei contenuti e nelle modalità di comunicazione dell informazione previsionale è necessario rispettare i criteri generali di chiarezza e correttezza. La correttezza richiede la continuità delle modalità e dei tempi di comunicazione; spetta ai singoli emittenti decidere il come garantire tale principio, basandosi sulle specifiche caratteristiche della propria attività e delle proprie strategie di comunicazione. Nel caso in cui l emittente decidesse di comunicare al mercato alcuni indicatori reddituali, è necessario che il mercato possa comparare nel tempo tali indicatori. Come abbiamo già detto, le previsioni devono essere accompagnate dalla chiara evidenza delle ipotesi di base e, tra queste, devono essere segnalate quelle che sono estranee al controllo dell'emittente. Le società devono tempestivamente riferire al mercato gli scostamenti rilevanti da esse riscontrati rispetto alle previsioni già comunicate, indicando specificatamente le cause. L aggiornamento dei dati prospettici deve essere effettuato non appena agli emittenti risulti chiaro che le previsioni originarie non sono più veritiere. In base al principio di correttezza informativa, gli emittenti devono controllare la sintonia tra i risultati sperati dal mercato e quelli propri e commentare gli scostamenti fra le aspettative del mercato 16 e le proprie previsioni. Le aspettative del mercato trovano espressione in documenti quali studi e analisi degli analisti finanziari, i quali possono essere sia dipendenti di investitori istituzionali o di intermediari finanziari sia indipendenti. Difficilmente vi è un consenso da parte dell insieme dei soggetti che svolgono attività di analisi sulle aspettative riguardanti un dato soggetto o strumento finanziario. Nel caso gli strumenti dell emittente siano oggetto di un ampia copertura degli analisti, il consenso di mercato è espresso dai risultati attesi, diffusi da organismi indipendenti la cui attività è concentrata nell elaborazione di tali dati informativi (es. Thomson First Call 17 ). Se, viceversa, lo strumento finanziario è oggetto di studio di pochi analysts, il consenso coinciderà con la media delle valutazioni diramate da questi. Il principio 7 (siti internet) dispone che gli emittenti debbano predisporre un sito internet al fine di rendere disponibile al pubblico informazioni utili per le loro scelte di investimento. Il progresso tecnologico causa continue modifiche ai canali di reperimento delle informazioni da parte degli 16 Per aspettativa del mercato la Consob intende il giudizio complessivo che risulta dall insieme delle opinioni espresse dagli analisti, indicato anche come consensus estimate, è normalmente sintetizzato e messo a disposizione del pubblico in vario modo da parte degli organi di informazione. 17 Thomson First Call è una società leader nella fornitura di dati e informazioni finanziarie. Per maggiori informazioni vedi il sito 13

14 investitori istituzionali e privati. Internet è un canale aggiuntivo di informazioni ma non è ritenuto ancora in grado di far ritenere adempiuti gli obblighi di comunicazione previsti da disposizioni di legge, da regolamenti o dalle listing rules dei mercati borsistici. La Consob ha elencato una serie di principi guida sull utilizzo di internet a fini informativi: - improntare l utilizzo di questo canale di comunicazione al principio di correttezza, evitando il perseguimento di finalità esclusivamente promozionali; - curare la precisione, la completezza e l aggiornamento del sito; - organizzare il sito in modo coerente e semplice, privilegiando la fruibilità e la facilità di accesso da parte dell utente; - seguire il principio di continuità, salvo giustificato motivo. Gli emittenti rendono disponibile all interno del proprio sito, preferibilmente anche in lingua inglese, lo statuto, il bilancio di esercizio e l eventuale consolidato, la relazione semestrale, la relazione trimestrale, le informazioni comunicate al mercato e la documentazione distribuita in occasione degli incontri con gli operatori del mercato. Il principio 8 (rumors) afferma che se, nel momento in cui i mercati sono chiusi oppure sono nella fase di pre apertura, si sia in presenza di notizie di pubblico dominio non comunicate al mercato e in grado di influenzare in maniera sensibile il prezzo degli strumenti finanziari, gli emittenti o i soggetti controllanti devono valutare l opportunità di informare tempestivamente il pubblico a riguardo della veridicità delle notizie. La Consob prevede un obbligo informativo della società quotata al verificarsi di due condizioni: 1) la diffusione presso il pubblico di notizie riguardanti la situazione patrimoniale, economica e finanziaria o l andamento degli affari; 2) la variazione rilevante del prezzo di mercato degli strumenti finanziari rispetto al prezzo ufficiale del giorno precedente. Per notizie di dominio pubblico si devono intendere quelle pubblicate da organi di informazione di rilievo nazionale (stampa, agenzie, altri mass media) o da siti internet specializzati e dotati di credibilità per gli operatori del mercato. 14

15 Nel principio 9 (quotazione su più mercati) viene affermato che la comunicazione in mercati esteri di informazioni aggiuntive rispetto a quelle diffuse nel mercato italiano comporta la divulgazione anche in questo mercato secondo modalità idonee a garantire agli investitori l accesso alle medesime informazioni. Il concetto espresso tramite tale principio è quello di assicurare il contemporaneo accesso alle informazioni da parte dell investitore italiano rispetto a quello di altro paese. Per mercati esteri ci si riferisce ai mercati regolamentati, comunitari o extracomunitari, e a quelli istituiti, organizzati e disciplinati da disposizioni adottate o approvate dalle autorità competenti in base alle leggi in vigore nello Stato in cui hanno sede i mercati stessi (es.nasdaq). Il principio 10 (comportamento degli analisti finanziari) tratta specificatamente della figura dell analista finanziario, il cui operato è stato al centro di numerosi scandali negli ultimi tempi 18. L analista finanziario deve svolgere la propria attività con indipendenza e obiettività di giudizio, adeguandosi ai migliori principi della prassi internazionale. I report devono riportare la data in cui il giudizio è stato formulato e il prezzo dello strumento finanziario al momento della valutazione. Nell esprimere una valutazione, una raccomandazione o un target price su uno strumento finanziario, l analista finanziario deve esplicitare i criteri adottati, le condizioni della loro validità e l orizzonte temporale di riferimento. L analista finanziario non può utilizzare, in maniera diretta o indiretta, né comunicare a terzi, compresi i propri clienti, informazioni rilevanti delle quali sia venuto in possesso nello svolgimento della sua attività se non dopo che queste informazioni siano state rese pubbliche a norma di legge. L analista finanziario deve indicare, all interno dei documenti che elabora, se è portatore di un interesse in relazione agli strumenti finanziari che sono oggetto di analisi; specificatamente, egli deve indicare il possesso di posizioni sugli strumenti finanziari oggetto di analisi. Su questi ultimi l analyst non effettua operazioni di segno contrario a quanto affermato nelle proprie raccomandazioni. Nei rapporti con le società emittenti non sono permessi comportamenti, da parte sia degli emittenti sia degli analisti, che possono portare alla diffusione selettiva di informazioni rilevanti; in tal modo si arriva a una parità informativa tra gli analisti che redigono report su una data società e si attenua il timore di destabilizzare il rapporto con la società quotata a causa di un giudizio negativo. La seconda iniziativa degna di menzione è la disciplina sull insider dealing di Borsa Italiana S.p.A., entrata in vigore il 15 luglio Con tali regole si vuole dare trasparenza alla compravendita effettuata dalle persone rilevanti sui titoli della società quotata a cui appartengono e sui titoli delle principali controllate. 15

16 Per persone rilevanti si intendono gli amministratori, i sindaci e i direttori generali della società. Borsa Italiana lascia all autodisciplina l individuazione di ulteriori persone rilevanti, cioè di ogni altra persona che abbia accesso, in virtù dell incarico nella società o nelle controllate, a informazioni price sensitive. A partire dal 1 gennaio 2003, le società quotate sono state obbligate 19 a dotarsi di un codice di comportamento e a rendere note al mercato le operazioni effettuate dalle persone rilevanti. Nel codice si devono individuare quali sono le persone rilevanti e disciplinare i loro flussi informativi alla società. Le società possono vietare il compimento di date operazioni in determinati periodi dell anno. La società deve effettuare la comunicazione delle operazioni al mercato almeno trimestralmente per importi che superano i euro per dichiarante, oppure tempestivamente per operazioni di ammontare significativo ( euro per dichiarante). Vi è obbligo di comunicazione a seguito di operazioni compiute da persone rilevanti su: 1) strumenti finanziari quotati emessi dall emittente o da sue controllate, escluse le obbligazioni non convertibili; 2) strumenti finanziari, anche non quotati, che attribuiscono il diritto di sottoscrivere, acquistare o vendere gli strumenti sopra citati; 3) strumenti finanziari derivati, nonché covered warrant, aventi come attività sottostante strumenti finanziari quotati emessi dall emittente o da sue controllate, escluse le obbligazioni non convertibili 20. Si considera ora specificamente il codice di comportamento redatto da un importante società quotata, il cui titolo fa parte dell indice MIB Ai fini di tale codice si intendono per persone rilevanti gli amministratori (esecutivi e non esecutivi), i sindaci effettivi, il direttore generale, il segretario del consiglio di amministrazione, il preposto al controllo interno e i responsabili delle funzioni/attività operative, gli assistenti del presidente, dell amministratore delegato e del direttore generale e gli amministratori esecutivi e i responsabili operanti in settori di rilevanza strategica delle principali società controllate. Ogni persona rilevante potrà indicare, anche per periodi di tempo limitati, ulteriori persone rilevanti con riferimento all attività svolta o all incarico assegnato. Entro 18 Ci si riferisce alle maggiori banche d affari statunitensi che hanno redatto rapporti e rating eccessivamente favorevoli su determinate società per strappare dei vantaggiosi contratti di investiment banking. 19 L obbligo è contenuto all interno degli artt , , bis del Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A., deliberato dalle Assemblee di Borsa Italiana S.p.A. del 6 settembre 2001, del 29 aprile 2003 e del 17 luglio 2003 e approvato dalla Consob con delibere n del 9 ottobre 2003, n del 13 novembre 2003, relativi alla disciplina dell'insider dealing. 20 Vedi il comunicato stampa di Borsa Italiana Spa del 13 luglio 2002 disponibile sul sito 16

17 il settimo giorno di calendario successivo alla scadenza di ogni trimestre solare tali persone rilevanti inviano a un referente l elenco delle operazioni effettuate nel trimestre su strumenti finanziari, il cui ammontare complessivo sia pari o superiore a euro. Nel caso in cui sia stata effettuata un operazione significativa (ovvero un operazione il cui ammontare, anche cumulato con operazioni compiute nei tre mesi precedenti e non ancora fatte oggetto di comunicazione alla società, sia maggiore di euro), la persona rilevante dovrà darne comunicazione senza indugio al referente. Sono soggette all obbligo di dichiarazione anche le operazioni effettuate dal coniuge non legalmente separato o dai figli minori della persona rilevante o fatte compiere da persone interposte, fiduciari o società controllate. Sono escluse dall obbligo di dichiarazione al referente: a) le operazioni compiute, anche per interposta persona o mediante fiduciari, fra la persona rilevante e il coniuge non legalmente separato o i figli minori; b) le operazioni di prestito titoli nell ipotesi in cui la persona rilevante, il coniuge non legalmente separato o i figli minori assumano la posizione del prestatore; c) la costituzione di diritti di pegno o di usufrutto. Il referente rende note al mercato le informazioni comunicate dalle persone rilevanti entro il decimo giorno di borsa aperta successivo a ciascun trimestre solare mediante l invio di apposita comunicazione a Borsa Italiana. Le due iniziative che abbiamo ampiamente descritto vanno, assieme alle disposizioni di legge che andremo successivamente ad analizzare, incontro all esigenza di tutti i partecipanti al mercato di godere di un assoluta parità informativa che permetta loro di ottimizzare le loro scelte e decisioni. L altro abuso di mercato, oltre all insider trading, è la cosiddetta manipolazione del mercato o aggiotaggio. Basandoci sull articolo 1 della direttiva 2003/6/CE, con l espressione manipolazione si intendono: 1) le operazioni o gli ordini di compravendita che forniscano, o siano suscettibili di fornire, indicazioni false o fuorvianti riguardo l offerta, la domanda o il prezzo degli strumenti finanziari o che permettano, mediante l azione di una o di più persone che agiscono in collaborazione, di stabilire il prezzo di mercato di uno o più strumenti finanziari a un livello anormale (tutto ciò salvo che la persona che ha compiuto le operazioni o che ha conferito gli ordini di 21 Ci si riferisce al codice di comportamento in materia di insider dealing di Telecom Italia Mobile del novembre

18 compravendita dimostri che le sue motivazioni sono legittime e che il suo operato è conforme alle prassi di mercato ammesse sul mercato regolamentato); 2) le operazioni o gli ordini di compravendita che utilizzano artifici o ogni altro tipo di inganno o espediente; 3) la diffusione di informazioni che forniscano indicazioni false ovvero fuorvianti in merito agli strumenti finanziari, se la persona che le ha diffuse sapeva o avrebbe dovuto sapere che le informazioni erano false o fuorvianti. L articolo 1 riporta una serie di esempi di manipolazione del mercato: a) una o più persone che collaborano tra loro per raggiungere una posizione dominante sull offerta o sulla domanda di uno strumento finanziario e ciò abbia l effetto di fissare i prezzi di acquisto o di vendita o altre condizioni commerciali a un livello non corretto; b) l acquisto o la vendita di strumenti finanziari alla chiusura del mercato con il conseguente inganno degli investitori che agiscono sulla base dei prezzi di chiusura; c) l avvantaggiarsi dell accesso ai mezzi di informazione tradizionali o elettronici diffondendo una valutazione su uno strumento finanziario dopo aver preso in precedenza posizione su quello strumento finanziario, beneficiando conseguentemente dell impatto della valutazione diffusa sul prezzo di tale strumento, senza aver contemporaneamente comunicato al pubblico l esistenza di tale conflitto di interesse. La già citata direttiva 2003/124/CE della Commissione, all articolo 4 (Manipolazioni consistenti nel fornire indicazioni false o fuorvianti), afferma che gli Stati membri assicurano che i partecipanti al mercato e le autorità competenti, al momento di esaminare le operazioni o gli ordini di compravendita, tengano conto delle seguenti indicazioni (le quali non devono essere considerate di per sé manipolazione di mercato): - la misura in cui gli ordini di compravendita o le operazioni eseguite rappresentano una significativa quota del volume giornaliero di scambi dello strumento finanziario pertinente nel mercato regolamentato interessato, in particolar modo quando tali attività determinano una significativa variazione del prezzo dello strumento finanziario; - la misura in cui gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni eseguite da soggetti con una significativa posizione di acquisto o di vendita su uno strumento finanziario determinano Il codice di T.I.M., così come quelli delle altre società quotate in borsa, è disponibile sul sito 18

19 variazioni significative del prezzo dello strumento finanziario o dello strumento derivato collegato o dell attività sottostante ammesso in un mercato regolamentato; - se le operazioni non determinano alcuna variazione nella proprietà beneficiaria di uno strumento finanziario negoziato in un mercato regolamentato; - la misura in cui gli ordini o le operazioni prevedono inversioni di posizioni nel breve periodo e rappresentano una significativa quota del volume giornaliero di scambi dello strumento finanziario pertinente nel mercato regolamentato in questione e possono associarsi a significative variazioni del prezzo di uno strumento finanziario negoziato in un mercato regolamentato; - la misura in cui gli ordini di compravendita o le operazioni sono concentrate in un breve arco di tempo nel corso della sessione di negoziazione e determinano una variazione del prezzo che in seguito si inverte; - la misura in cui gli ordini di compravendita modificano la rappresentazione delle migliori proposte in denaro e lettera di uno strumento ammesso alla negoziazione in un mercato regolamentato o, in generale, la misura in cui essi modificano la rappresentazione del prospetto degli ordini a disposizione dei partecipanti al mercato, e sono revocati prima della loro esecuzione; - la misura in cui gli ordini vengono conferiti o le operazioni eseguite al momento in cui vengono calcolati i prezzi di riferimento, i prezzi di regolamento e i prezzi di valutazione, causando variazione dei prezzi che hanno effetto sui prezzi di riferimento, di regolamento o valutazione. L articolo 5 (manipolazioni consistenti nell utilizzazione di artifici o di ogni altro tipo di inganno o espediente) afferma che gli Stati membri garantiscono che coloro che partecipano al mercato e le autorità competenti, nel momento in cui esaminano le operazioni o gli ordini di compravendita, tengano conto delle seguenti indicazioni, le quali di per sé non devono essere considerate costituenti una manipolazione di mercato: - se gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni compiute da persone sono preceduti o seguiti dalla diffusione di informazioni false o fuorvianti da parte delle stesse persone o da persone ad esse collegate; - se vengono impartiti ordini o eseguite operazioni da parte di persone, prima o dopo che le stesse o persone ad esse collegate abbiano elaborato o diffuso ricerche o raccomandazioni di investimento errate o tendenziose o manifestamente influenzate da interessi rilevanti. 19

20 Nei prossimi due paragrafi si cercherà di sviluppare più approfonditamente i temi dell aggiotaggio e dell insider trading mettendo in luce le connotazioni principali delle due fattispecie. 3. L insider trading L insider trading si concreta nell operatività di soggetti sui mercati finanziari finalizzata allo sfruttamento di informazioni non ancora di pubblico dominio e che, qualora fossero diffuse sul mercato, determinerebbero una variazione di prezzo dei titoli 22. Vi è un orientamento comune a livello mondiale sul fatto che l insider trading sia nocivo per i mercati finanziari e debba quindi essere vietato 23 ; la lotta all insider trading è un punto fondamentale per giungere a un mercato integrato e trasparente. Una recente ricerca 24 ha analizzato il grado di diffusione della legislazione contro l abuso di informazioni privilegiate e l impatto di tale normativa sul costo del capitale per le imprese. Nel 1998, su 103 paesi con un mercato azionario, 87 regolamentavano l'insider trading ma l enforcement di tali leggi, come evidenziato dai procedimenti giudiziari, era effettuato in soli 38 paesi. L esistenza di leggi contro l insider trading è un fenomeno tipico degli anni novanta. Dallo studio si desume che solo l effettiva applicazione della legge porta a una riduzione del costo del capitale nella percentuale del 5%. La sola introduzione di una normativa repressiva è insufficiente a generare effetti positivi; ciò risulta da una indagine 25 su un campione di oltre 5000 takeovers effettuati tra il 1990 e il 1999 in 56 paesi diversi che si è proposta di verificare se i profitti degli insiders siano cambiati per effetto del divieto dell uso di informazioni privilegiate. Gli esiti della ricerca hanno evidenziato che i guadagni degli operatori che hanno acquistato o venduto strumenti finanziari sulla base di informazioni privilegiate non sono diminuiti ma sono addirittura aumentati di circa il 6,5%. Alcuni sono invece dell idea che consentire l abuso di informazioni privilegiate da parte di determinati soggetti favorisca l afflusso al mercato di nuova informazione e sia in grado di spingere i prezzi verso i valori fondamentali. Secondo la tesi minoritaria di coloro che sostengono la liberalizzazione dell insider trading, gli effetti dell abuso di informazioni privilegiate sulla price discovery sono positivi in quanto generano riflessi positivi sull efficienza allocativa e operativa dei 22 Vedi M.Minenna in L individuazione di fenomeni di abuso di mercato nei mercati finanziari: un approccio quantitativo, Quaderno di finanza Consob n 54 del maggio 2003, pag Vedi N.Linciano, A.Macchiati Insider trading, una regolazione difficile, Il Mulino Bologna, 2002, pag Vedi la nota 5. In tale studio viene affermato a pag. 1: The economic arguments have stated that a ban would reduce adverse selection costs and increase liquidity, improve confidence in the market, reduce interference in corporate plans, improve investments and welfare, and motivate large shareholders to monitor management instead of seeking to profit from inside information.. 25 Vedi A.Bris, Do insider trading laws work? disponibile sul sito 20

GUIDA PER L INFORMAZIONE AL MERCATO

GUIDA PER L INFORMAZIONE AL MERCATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 PERIODO: II TRIMESTRE

Dettagli

PARTE I GESTIONE INTERNA DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PARTE I GESTIONE INTERNA DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE INTERNA DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE, LA PROCEDURA DI COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E L ISTITUZIONE, LA GESTIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni;

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni; Delibera n. 16839 Ammissione delle prassi di mercato previste dall art. 180, comma 1, lettera c), del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998 inerenti: a) all attività di sostegno della liquidità del mercato,

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni;

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni; Delibera n. 16839 Ammissione delle prassi di mercato previste dall art. 180, comma 1, lettera c), del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998 inerenti: a) all attività di sostegno della liquidità del mercato,

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate 1. FINALITA' DELLA PROCEDURA 1.1 La presente procedura contiene le disposizioni relative sia alla gestione

Dettagli

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING Edizione aprile 2013 1 Premessa L art. 114, comma 7, del D. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUIF ) introdotto nell

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni;

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni; Delibera n. 18406 Ammissione, ai sensi dell art. 180, comma 1, lettera c), del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998, della prassi di mercato inerente al riacquisto di prestiti obbligazionari a condizioni

Dettagli

Procedura per la gestione delle Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione delle Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione delle Informazioni Privilegiate INDICE 1. Premessa 1.1 Scopo della Procedura 2. Informazioni Privilegiate 2.1 Definizione di Informazione Privilegiata 2.2 Soggetti tenuti all'obbligo

Dettagli

Gruppo Mediolanum. Manuale per la circolazione ed il monitoraggio delle informazioni riservate e privilegiate

Gruppo Mediolanum. Manuale per la circolazione ed il monitoraggio delle informazioni riservate e privilegiate Gruppo Mediolanum Manuale per la circolazione ed il monitoraggio delle informazioni riservate e privilegiate di Mediolanum S.p.A. in data 30 luglio 2013 1 MANUALE PER LA CIRCOLAZIONE ED IL MONITORAGGIO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing 1. Premessa In coerenza con quanto stabilito dal Regolamento dei Mercati organizzati gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

1. Modelli di comunicazione 2. Informativa continua 3. Guida per l informazione al mercato 4. Analisti finanziari. 2004 Marco FUMAGALLI

1. Modelli di comunicazione 2. Informativa continua 3. Guida per l informazione al mercato 4. Analisti finanziari. 2004 Marco FUMAGALLI 1. Modelli di comunicazione 2. Informativa continua 3. Guida per l informazione al mercato 4. Analisti finanziari 1. MODELLI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE FINANZIARIA L impresa misura la propria performance

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ANSALDO STS S.P.A. IN DATA 11 FEBBRAIO 2015 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO...

Dettagli

POLICY PER STUDI E RICERCHE

POLICY PER STUDI E RICERCHE POLICY PER STUDI E RICERCHE INDICE Premessa 3 Principi generali 4 1. Gli analisti finanziari devono attenersi ad elevati standard di integrità e di competenza professionale. 4 2. Criteri per la corretta

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE INTERNA E LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI ED INFORMAZIONI RISERVATE E/O PRIVILEGIATE

PROCEDURA PER LA GESTIONE INTERNA E LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI ED INFORMAZIONI RISERVATE E/O PRIVILEGIATE PROCEDURA PER LA GESTIONE INTERNA E LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI ED INFORMAZIONI RISERVATE E/O PRIVILEGIATE (II edizione approvata dal CdA il 7 novembre 2013) INDICE 1 OBIETTIVO DELLA PROCEDURA...

Dettagli

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 1. STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI 2. UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO 3. I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 4. LA PROCEDURA DI AMMISSIONE E IL MONITORAGGIO 5. I SERVIZI

Dettagli

Indica tutti gli amministratori della Società.

Indica tutti gli amministratori della Società. SPACE S.P.A. POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSE 1 Introduzione La presente politica di gestione dei conflitti d interesse (la Politica ) è stata adottata dal Consiglio di Amministrazione di

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 2. CONTESTO NORMATIVO... 5 2.1 DEFINIZIONE DI OPERAZIONE PERSONALE... 5 2.2 DEFINIZIONE DI SOGGETTO

Dettagli

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v.

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001 Soggetta

Dettagli

La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB

La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB 1 Schema della lezione 2 La continuità nell evoluzione del quadro normativo Gli scenari di mercato e dell innovazione finanziaria La rilevanza

Dettagli

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

Codice Etico SORMA S.p.A. CODICE ETICO. SORMA S.p.A.

Codice Etico SORMA S.p.A. CODICE ETICO. SORMA S.p.A. CODICE ETICO SORMA S.p.A. APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 01/09/2013 1 INTRODUZIONE... 3 2 I PRINCIPI DEL CODICE ETICO... 3 2.1 PRINCIPI GENERALI... 3 2.2 PRINCIPIO DI LEGALITÀ...

Dettagli

Codice di comportamento. FIDIA S.p.A.

Codice di comportamento. FIDIA S.p.A. FIDIA S.p.A. Codice di Comportamento diretto a disciplinare le c.d. "operazioni rilevanti" ai sensi degli Articoli 2.6.3 e 2.6.4 del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO. Promosso da AIFI ed adottato da SICI SGR S.p.A. (Consiglio di Amministrazione del 20 dicembre 2010)

CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO. Promosso da AIFI ed adottato da SICI SGR S.p.A. (Consiglio di Amministrazione del 20 dicembre 2010) CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO Promosso da AIFI ed adottato da SICI SGR S.p.A. (Consiglio di Amministrazione del 20 dicembre 2010) 1 Indice Sezione I PREMESSA 3 Sezione II - PRINCIPI GENERALI E DEFINIZIONI

Dettagli

Codice Etico. BOLOGNA Via Dei Mille, 24 40121 Bologna Tel 051 4211655 Fax 051 4219900. polibo@politecnica.it

Codice Etico. BOLOGNA Via Dei Mille, 24 40121 Bologna Tel 051 4211655 Fax 051 4219900. polibo@politecnica.it Luglio 2010 Codice Etico In attuazione del D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE B: REATI SOCIETARI Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing Consiglio di Amministrazione del 19 dicembre 2002 ARTICOLO 1 Finalità del Codice

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

REMIT - Chiarimenti e linee guida in merito all assolvimento dell obbligo di pubblicazione delle informazioni privilegiate

REMIT - Chiarimenti e linee guida in merito all assolvimento dell obbligo di pubblicazione delle informazioni privilegiate Allegato 1 REMIT - Chiarimenti e linee guida in merito all assolvimento dell obbligo di pubblicazione delle informazioni privilegiate 1. Premessa 1.1 Il Regolamento (UE) n. 1227/2011 del Parlamento europeo

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.A R.L.

BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.A R.L. BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.A R.L. REGOLAMENTO DEL CONCERNENTE LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI SOCIETARIE E GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 114 TUF (MODIFICATO DA ULTIMO CON DELIBERA

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZIONI SOCIETARIE E/O PRIVILEGIATE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZIONI SOCIETARIE E/O PRIVILEGIATE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZIONI SOCIETARIE E/O PRIVILEGIATE INFORMATIVA SOCIETARIE E PRIVILEGIATE - Pagina 1 di 23 1 Premessa... 3 1.1 Riferimenti normativi...

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO CIRES BOLOGNA FERRARA Soc. Coop. Via Scipione Dal Ferro 19/a 40138 BOLOGNA Tel. 051/30.88.79 Fax 051/34.22.42 E-mail: ufficiotecnico@cires-bo.it Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E PER LA DIFFUSIONE DEI COMUNICATI E DELLE INFORMAZIONI AL PUBBLICO

PROCEDURA PER LA GESTIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E PER LA DIFFUSIONE DEI COMUNICATI E DELLE INFORMAZIONI AL PUBBLICO PROCEDURA PER LA GESTIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E PER LA DIFFUSIONE DEI COMUNICATI E DELLE INFORMAZIONI AL PUBBLICO Data Approvata da Pubblicata il 16.10.2013 Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 23 Ottobre 2012 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 60.711.763,84 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA'

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

OPERAZIONI PERSONALI Guida agli adempimenti per i dipendenti ed i collaboratori

OPERAZIONI PERSONALI Guida agli adempimenti per i dipendenti ed i collaboratori OPERAZIONI PERSONALI Guida agli adempimenti per i dipendenti ed i collaboratori Premessa Le Regole per le Operazioni Personali individuano gli adempimenti ed i limiti cui sono soggetti, tra gli altri,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI ( STOCK OPTION)

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI ( STOCK OPTION) DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI (STOCK OPTION) PER LA SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI GREENERGYCAPITAL S.P.A. APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 11 SETTEMBRE

Dettagli

La regolamentazione del mercato mobiliare 1

La regolamentazione del mercato mobiliare 1 La regolamentazione del mercato mobiliare 1 TUIF d. lgs n 58 del 1998 Nasce accorpando tutte le leggi in materia di intermediazione finanziaria Ha recepito la direttiva 1993/22/CE sui servizi d investimento

Dettagli

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate POLIGRAFICI PRINTING S.P.A. REGOLAMENTO IN TEMA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI * * * Il presente regolamento in materia di informazioni privilegiate e operazioni

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Roma, 21 dicembre 2007

Roma, 21 dicembre 2007 C E M E N T E R I E D E L T I R R E N O SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 159.120.000 INTERAMENTE VERSATO COMUNICATO STAMPA ai sensi dell art. 66 del Regolamento n. 11971 approvato dalla Consob con delibera

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO

INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO Aggiornato con le integrazioni suggerite da Borsa Italiana. Approvato dal CdA del 7 marzo 2003 Art. 2.6.3. (Obblighi in capo agli Emittenti) 1. In ottemperanza

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2012 Aggiornato in data 14 marzo 2013 Ultimo aggiornamento approvato

Dettagli

A. Persone soggette alla politica ( Gli individui coperti )

A. Persone soggette alla politica ( Gli individui coperti ) Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 I. SCOPO La presente Politica sull Insider Trading ( Politica ) fornisce le linee guida per quanto riguarda le operazioni in titoli di Modine Manufacturing Company (la Società

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA CODICE ETICO DI ACI Informatica SPA Versione 2 approvata dal Consiglio di Amministrazione di ACI Informatica S.p.A. il 16/11/2009. I riferimenti del Codice Etico a ACI Informatica o Società o Azienda si

Dettagli

A. Ritenete condivisibili le modifiche regolamentari proposte in relazione a: S / N

A. Ritenete condivisibili le modifiche regolamentari proposte in relazione a: S / N Denominazione: Assonime Indirizzo di posta elettronica: mercatomobiliare.quotate@assonime.it i autorizza la divulgazione: A. Ritenete condivisibili le modifiche regolamentari proposte in relazione a: /

Dettagli

A. PRINCIPI GENERALI B. ADESIONE ALLA CARTA DEI VALORI DELLA LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE CODICE ETICO

A. PRINCIPI GENERALI B. ADESIONE ALLA CARTA DEI VALORI DELLA LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE CODICE ETICO Pagina 1 di 6 CODICE ETICO 1. INTRODUZIONE La Cooperativa CFP Soc. Coop. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli affari compromettono la reputazione della stessa Società ed ostacolano

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Il Mercato Alternativo del Capitale per le piccole e medie imprese

Il Mercato Alternativo del Capitale per le piccole e medie imprese Il Mercato Alternativo del Capitale per le piccole e medie imprese Per crescere con il sostegno di nuovi soci, in modo semplice, senza perdere flessibilità e indipendenza U N A N U O V A S O L U Z I O

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

Market Abuse* Management System Guideline. 09 maggio 2013 MSG-COR-GEMA-002-I

Market Abuse* Management System Guideline. 09 maggio 2013 MSG-COR-GEMA-002-I Management System Guideline Market Abuse* * GESTIONE DELLE INFORMAZIONI SOCIETARIE. PRINCIPI PER LA GESTIONE INTERNA E COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI E INFORMAZIONI RIGUARDANTI SAIPEM E, IN PARTICOLARE,

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Policy relativa alla produzione e diffusione di ricerche in materia di investimenti prodotte da Equity Research

Policy relativa alla produzione e diffusione di ricerche in materia di investimenti prodotte da Equity Research Policy relativa alla produzione e diffusione di ricerche in materia di investimenti prodotte da Equity Research Marzo 2014 Indice 1 Introduzione... 2 2 Presidi... 2 3 Attività degli analisti... 3 4 Revisione

Dettagli

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio Piano di assegnazione di diritti di opzione su azioni proprie riservato al top management del Gruppo Piaggio e autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie previa revoca delle deliberazioni

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PERSONE RILEVANTI * * * * 1.1 Ai sensi dell art.

Dettagli

Direttiva relativa alla produzione e diffusione di ricerche in materia di investimenti prodotte da Equity Research

Direttiva relativa alla produzione e diffusione di ricerche in materia di investimenti prodotte da Equity Research Direttiva relativa alla produzione e diffusione di ricerche in materia di investimenti prodotte da Equity Research Aprile 2014 1 1 Introduzione Questo documento definisce le linee di condotta ed i princìpi

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

REGOLAMENTO MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE REGOLAMENTO MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE PROPOSTA RELATIVA ALL AMMISSIONE DI PRASSI DI MERCATO PREVISTE DALL ART. 180, COMMA 1, LETT. C), DEL D.LGS. N. 58/98 INERENTI: A) L ATTIVITA DI SOSTEGNO DELLA

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5

SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5 settembre 2012 listed product SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5 SG FTSE MIB +5x DAILY LEVERAGE CERTIFICATE Codice ISIN: IT0006723263 - Codice di Negoziazione: S13435 SG FTSE MIB -5x DAILY SHORT

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

Codice di comportamento di Gruppo

Codice di comportamento di Gruppo Codice di comportamento di Gruppo Luglio 2006 1 CODICE DI COMPORTAMENTO DI GRUPPO PARTE I Valori guida Premessa Le attività del Gruppo Intesa si svolgono in stretta coerenza con i valori e i principi contenuti

Dettagli

CODICE ETICO (ANCPL)

CODICE ETICO (ANCPL) Aggiornamento al 02.07.2012 CODICE ETICO (ANCPL) APPROVATE LE MODIFICHE CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 04/09/2012 Firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE RELATIVO ALL AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE DI WARRANT BANCA INTESA S.p.A. VALIDI PER VENDERE A BANCA INTESA AZIONI ORDINARIE O AZIONI DI RISPARMIO BANCA COMMERCIALE ITALIANA

Dettagli

LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 172.140.797,00 i.v.

LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 172.140.797,00 i.v. LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 172.140.797,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A.

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Meccanismi organizzativi e amministrativi posti in essere per prevenire ed evitare conflitti di interesse in rapporto alle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

Milano, 30 settembre 2008

Milano, 30 settembre 2008 Spett.le CONSOB Divisione Studi Giuridici Via G.B. Martini, n. 3 00198 Roma Milano, 30 settembre 2008 Prot. N. 6196/08 Oggetto: Recepimento della direttiva 2004/109/CE (Transparency) sull armonizzazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

PROCEDURA PER LA DIVULGAZIONE DELL INFORMATIVA SOCIETARIA

PROCEDURA PER LA DIVULGAZIONE DELL INFORMATIVA SOCIETARIA PROCEDURA PER LA DIVULGAZIONE DELL INFORMATIVA SOCIETARIA INDICE SEZIONE 1 DISPOSIZIONI GENERALI, RUOLI E RESPONSABILITA 4 1.1 Oggetto 4 1.2 Normativa di riferimento 4 1.3 Ambito 5 1.3.1 In particolare

Dettagli

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 APPENDICE Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE MERIDIANA FLY S.P.A. 2012-2013 (il Regolamento ) Articolo 1 Warrant per la sottoscrizione

Dettagli

Operazioni sulle azioni

Operazioni sulle azioni Protocollo 231/ 1 di 11 Protocollo per la prevenzione del reato di cui all art. 2628 c.c. Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante Situazione Revisione Vers. emissione

Dettagli

INFORMAZIONI PRIVILEGIATE NELL ENI

INFORMAZIONI PRIVILEGIATE NELL ENI TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE NELL ENI 1. Premessa In ottemperanza alle disposizioni contenute nell art. 115-bis del D. Lgs. 24 febbraio

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

Regolamentazione e vigilanza dei mercati mobiliari italiani

Regolamentazione e vigilanza dei mercati mobiliari italiani Regolamentazione e vigilanza dei mercati mobiliari italiani Economia del Mercato Mobiliare 19 maggio 2009 Agenda 1) ORDINAMENTO DEI MERCATI MOBILIARI ITALIANI Fonti normative Sistema attuale e tendenze

Dettagli

4. I nuovi mercati ufficiali

4. I nuovi mercati ufficiali 4. I nuovi mercati ufficiali (Ilaria Rega) 4.1 I nuovi mercati ufficiali Il filosofo e giurista Gian Battista Vico quando affermò: Paion traversie e sono opportunità non poteva immaginare quanto, qualche

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE AIG Foundation Investments (di seguito Contratto ) è una polizza assicurativa di tipo Unit Linked

Dettagli

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015 Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** 2015 CDA 11/03/2015 INDICE 1. PREMESSA...3 2. CONTENUTI E RELAZIONE CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...4 3. PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO BONDVISION

REGOLAMENTO BONDVISION REGOLAMENTO BONDVISION DISCIPLINA DEL MERCATO REGOLAMENTATO ALL INGROSSO DI TITOLI DI STATO Art. 1 - Definizioni Nel presente regolamento l espressione: TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI - Categorie di strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DELL INVESTITORE-CONTRAENTE

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DELL INVESTITORE-CONTRAENTE REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DELL INVESTITORE-CONTRAENTE AIG Foundation Formula (di seguito Contratto ) è una polizza assicurativa di tipo

Dettagli

La comunicazione economico-finanziaria

La comunicazione economico-finanziaria La comunicazione economico-finanziaria Università di Urbino La comunicazione economico-finanziaria E il complesso delle comunicazioni effettuate attraverso qualsiasi canale di diffusione dalla direzione

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro 12 Giugno 2009, ore 08:00 Società quotate La disciplina dell acquisto di azioni proprie secondo Assonime Assonime, nella Circolare del 5 giugno 2009, n. 22 esamina la disciplina dettata dal TUF sull acquisto

Dettagli

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Edizione giugno 2015 PREMESSA Mediolanum Gestione Fondi (di seguito anche MGF o la Società ), appartenente al Gruppo Bancario Mediolanum 1

Dettagli

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc La nascita della MIFID. Il 21 aprile 2004 è stata approvata dal Parlamento europeo la direttiva 2004/39/CE Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Dettagli