TECNICA INDUSTRIALE E COMMERCIALE (TRADE MARKETING) Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICA INDUSTRIALE E COMMERCIALE (TRADE MARKETING) Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01"

Transcript

1 TECNICA INDUSTRIALE E COMMERCIALE (TRADE MARKETING) Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

2 Indice Le funzioni di marketing nei canali di distribuzione Il ciclo del potere nei rapporti Industria - Distribuzione Le dimensioni dei modelli di consumo e di acquisto La struttura e la dinamica dei canali di vendita Il posizionamento dei gruppi strategici nella distribuzione La formazione degli assortimenti commerciali Le strutture organizzative di Trade Marketing La pianificazione degli investimenti di trade Marketing Le leve di Trade Marketing Testi: Daniele Fornari, Rivoluzione commerciale e Trade Marketing, EGEA, Milano, 2000 Beatrice Luceri, La logistica integrata, Giuffrè, Milano, 1996 Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 2

3 LE FUNZIONI DI MARKETING NEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

4 La struttura dei canali di distribuzione Canale: insieme di passaggi materiali ed immateriali che collegano la produzione al consumo Produttori, intermediari commerciali, consumatori Caratteristiche: lunghezza e forma organizzativa Lunghezza: numero di intermediari Canale Diretto Canale Corto Canale Lungo Produttore Grossista Dettagliante Dettagliante Consumatore Consumatore Consumatore Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 4

5 La struttura dei canali di distribuzione Forma organizzativa: indipendenti, amministrati, contrattuali, integrati Indipendenti: insieme di organizzazioni che sviluppano una politica commerciale autonoma Le relazioni non sono formalizzate ed organizzate Processi decisionali decentrati senza coordinamento Amministrati: operatori che influenzano e controllano le decisioni degli altri membri del canale Incentivi positivi e negativi per condizionare le politiche di marketing degli operatori Contrattuali: norme formali che regolano i rapporti e gli scambi tra i membri (franchising) Integrati: una sola entità organizzativa gestisce la produzione e la commercializzazione dei prodotti Efficienza operativa ed efficacia di marketing L integrazione verticale richiede notevoli investimenti e riduce la flessibilità dell impresa Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 5

6 La struttura dei canali di distribuzione Relazione diretta tra grado di autonomia dei distributori e livello dei costi che i produttori devono sostenere per commercializzare i prodotti Alti Costi Bassi Basso Grado di controllo Alto Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 6

7 La struttura dei canali di distribuzione Flussi: fisico, di titolo, di pagamenti, di informazioni, promozionale Fisico: movimentazione dei prodotti dalla produzione al consumo Di titolo: passaggio di proprietà Di pagamento: transazione economica Di informazioni: scambio di dati Promozionale: attività finalizzate a sostenere la vendita dei prodotti e ad influenzare il comportamento degli operatori Promozioni al consumatore Promozioni agli intermediari commerciali Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 7

8 Le funzioni degli intermediari commerciali Le imprese commerciali rendono disponibili le merci nei luoghi, nei tempi e con le modalità preferite dai consumatori Attività produttiva specializzata e concentrata nello spazio Attività di consumo diffusa e distribuita Trasporto: trasferimento dei beni nello spazio Stoccaggio: trasferimento dei beni nel tempo AUMENTO DELLA DISTANZA ECONOMICA TRA PRODUZIONE E CONSUMO PRODUZIONE Crescente divisione del lavoro Specializzazione produttiva Concentrazione della produzione per ottenere economie di scala INTERMEDIAZIONE COMMERCIALE CONSUMO Non uniforme nel tempo Disperso nello spazio AMPLIAMENTO DEL RUOLO LOGISTICO DELLA DISTRIBUZIONE Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 8

9 Le funzioni degli intermediari commerciali Intermediari che svolgono l attività in nome e per conto proprio acquistando la proprietà dei prodotti ed assumendo il rischio di mercato Grossisti, dettaglianti Intermediari che svolgono una funzione di rappresentanza e di promozione delle vendite per conto di altri membri del canale senza rapporto di dipendenza Agenti, rappresentanti Il ruolo degli intermediari commerciali è particolarmente importante nel caso dei beni grocery (generi alimentari ed altri prodotti di uso domestico) in quanto per i produttori è difficile sviluppare dei rapporti di commercializzazione diretti con gli acquirenti finali a causa: Polverizzazione della domanda Regole di formazione degli assortimenti imposte dai consumatori Attività produttiva specializzata e quindi vendibile solo nella misura in cui è collegata ad altri prodotti mediante l'inserimento in assortimenti commerciali Impegno finanziario richiesto dalla integrazione della funzione dettagliante Necessità di svolgere la funzione al dettaglio anche per gli altri prodotti utilizzati per formare gli assortimenti Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 9

10 Le funzioni degli intermediari commerciali I distributori non svolgono solo una funzione logistica Formazione degli assortimenti Adattamento quantitativo e qualitativo del prodotto alle esigenze del consumatore (lotti di acquisto, ampiezza e profondità dell assortimento) Assunzione del rischio commerciale e di garanzia Insuccesso e prodotti a bassa rotazione; attestazione formale della qualità dei prodotti Attività economico-finanziaria Formazione del prezzo; concessione di dilazioni di pagamento Comunicazione Informazione e promozione delle vendite Assistenza Iniziative per aumentare il livello di soddisfazione dell attività di acquisto Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 10

11 Le funzioni degli intermediari commerciali Le funzioni svolte dagli intermediari hanno un peso ed un intensità diversi in funzione del grado di modernizzazione del sistema distributivo Differenziazione dell offerta commerciale ed autonomia di marketing delle imprese Rivoluzione commerciale Il rapporto merce/servizio non è fisso ma articolato per quantità e qualità I consumatori non vogliono tutti acquistare le merci con la stessa dose di servizio e, di conseguenza, le aziende commerciali differenziano l'offerta commerciale con riferimento a specifici segmenti di clientela Al servizio logistico di base si aggiungono numerosi servizi accessori che determinano le modalità secondo cui il consumatore si può approvvigionare di beni Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 11

12 La natura dei rapporti Industria - Distribuzione Relazioni logistiche: modalità di gestione dei servizi necessari per il trasferimento dei prodotti dalla produzione al consumo Attività hard: trasporto, stoccaggio, imballaggi, logistica di ritorno Attività soft: gestione dell ordine, gestione delle scorte, tempi e modalità di consegna dei prodotti Prima della rivoluzione commerciale: area tecnica con scarsa valenza strategica e ridotto impatto sulla ripartizione del profitto tra Industria e Distribuzione Rivoluzione commerciale: i produttori avvertono il rischio di perdere il controllo sul trasferimento dei prodotti nei punti vendita; i distributori rilevano la presenza di situazioni di inefficienza e la crescita dei costi di interfaccia. Ricerca di integrazione e di efficienza nell ambito dei cicli di fornitura Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 12

13 La natura dei rapporti Industria - Distribuzione Relazioni di marketing: modalità di gestione delle leve di marketing nei punti vendita Struttura degli assortimenti, formazione del prezzo dei prodotti, utilizzo dello spazio espositivo, promozione in punto vendita Obiettivo: massimizzazione dell efficacia dell attività di vendita con risultati positivi sui livelli di redditività Produttore: massimizzazione dei volumi di vendita e della redditività del singolo prodotto Distributore: massimizzazione dei volumi di vendita e della redditività del punto vendita Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 13

14 La natura dei rapporti Industria - Distribuzione Relazioni negoziali: formalizzazione degli obblighi e degli impegni e definizione del prezzo dei servizi dati Obiettivo: ottenere condizioni vantaggiose per realizzare un vantaggio competitivo Potere contrattuale Dimensione aziendale e sua dinamica Quota di mercato dell impresa industriale e commerciale Quota di vendita dell insegna sul totale delle vendite del produttore Quota degli acquisti della marca sul totale degli acquisti del distributore Posizione di mercato a livello territoriale della marca industriale e dell insegna commerciale Grado e modalità di presenza della marca commerciale negli assortimenti Partecipazione del distributore a organizzazione di centralizzazione degli acquisti Grado di internazionalizzazione del distributore Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 14

15 La natura dei rapporti Industria - Distribuzione Il potere contrattuale genera situazioni di discriminazione delle condizioni di vendita Condizioni diverse a fronte di uno stesso livello di servizi dati e ricevuti Condizioni omogenee a fronte di un diverso livello di servizi dati e ricevuti Il segno della discriminazione riflette la configurazione del potere nei rapporti verticali Quando le situazioni di discriminazione sono diffuse, le relazioni tra Industria e Distribuzione sono conflittuali con effetti destabilizzanti per il mercato distributivo e per le politiche di marketing industriale La conflittualità verticale si riduce passando da condizioni contrattuali discriminate a condizioni contrattuali differenziate» Condizioni commerciali definite in base al valore dei servizi dati e ricevuti» Obiettivo: massimizzare la performance complessiva delle relazioni logistiche e di marketing» Scambio di informazioni e trasparenza delle relazioni negoziali Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 15

16 Lo sviluppo del Trade Marketing L evoluzione delle condizioni ambientali ha destabilizzato gli orientamenti tradizionali di Marketing e generato una discontinuità nei rapporti Industria - Distribuzione Sviluppo di nuovi modelli di consumo e di acquisto Rapporto tra fedeltà alla marca e fedeltà al punto vendita Differenziazione dell offerta commerciale Selezione e segmentazione degli investimenti industriali di marketing Aumento del potere contrattuale dei distributori Crescita del livello di concentrazione agli acquisti e alle vendite Intensificazione della concorrenza tra i produttori per entrare negli assortimenti commerciali Internazionalizzazione dei mercati della produzione e della distribuzione Politiche di posizionamento della marca commerciale Propensione dei distributori a passare da un orientamento al fornitore ad un orientamento al consumatore Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 16

17 Lo sviluppo del Trade Marketing Le strategie tradizionali di Consumer Marketing sono integrate con le strategie di Trade Marketing Ripartizione degli investimenti di Marketing tra Consumer e Trade Investimenti Consumer: aumento della domanda di beni e della brand loyalty nel mercato finale Ricerca & Sviluppo, controllo della qualità dei prodotti, comunicazione e promozione Investimenti Trade: attività di supporto e di miglioramento delle marche sul mercato intermedio Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 17

18 Lo sviluppo del Trade Marketing Forte Orientamento al Trade Marketing Ridotto Aziende leader che operano 4 in mercati maturi e/o poco differenziabili o imprese che non possono contare su una forte brand loyalty. Queste imprese possono decidere di aumentare gli investimenti di Trade mkg per ridurre il livello di sostituibilità nei rapporti di fornitura. Aziende con poche risorse 2 ed uno scarso orientamento all attività di marketing. Aziende che occupano una posizione marginale sia sul mercato finale sia nel mercato intermedio, Aziende leader che operano sui mercati internazionali, 1 con prodotti globali, dotate di grandi risorse di mkg, in grado di ottenere un livello di eccellenza nel mercato finale e intermedio. Investono notevoli risorse in pubblicità e offrono un ottimo servizio ai clienti commerciali. Operano in mercati in sviluppo e caratterizzati da un forte potenziale di innovazione e differenziazione. 3 Produttori di marca leader che, dati i vincoli delle risorse disponibili, hanno privilegiato gli investimenti consumer. Elevata brand loyalty e basso grado di sostituibilità della marca rispetto ai competitors. La presenza negli assortimenti commerciali è determinata dalla differenziazione del portafoglio prodotti. Ridotto Orientamento al Consumer Marketing Forte Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 18

19 Lo sviluppo del Trade Marketing L impresa di marca deve ricercare un equilibrio tra risorse di Consumer Marketing e Trade Marketing Conoscenza dei processi di sviluppo della distribuzione Analisi dei bisogni delle imprese commerciali Trade Marketing: attività che, basate sul concetto di prodotto/cliente/canale, puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività degli investimenti di marketing e ottenere un vantaggio competitivo nella competizione orizzontale. Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 19

20 Lo sviluppo del Trade Marketing Le condizioni per implementare un orientamento al trede marketing Monitorare lo stadio di sviluppo del potere nei rapporti Industria - Distribuzione Conoscere il comportamento dei consumatori Realizzare un sistema informativo per gestire i canali di vendita e i gruppi strategici Modificare la struttura organizzativa in funzione del cambiamento distributivo Utilizzare strumenti operativi di programmazione e controllo dei rapporti con la clientela commerciale Offrire servizi al trade per massimizzare la performance complessiva Realizzare iniziative di marketing integrato Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 20

21 Il ciclo di potere nei rapporti Industria-Distribuzione Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

22 I cambiamenti ambientali nei rapporti di canale I rapporti di canale sono condizionati dalle relazioni di potere tra Industria e Distribuzione Potere: capacità di un membro del canale di imporre la ripartizione delle funzioni di marketing e di appropriarsi di una quota crescente del valore aggiunto generato nella filiera Condizioni ambientali Condizioni Economiche Condizioni Commerciali Condizioni Industriali (capacità di spesa del consumatore) (struttura e condotta Industria e Distribuzione) Reddito disponibile Andamento consumi Livello di inflazione Modelli di consumo Brand loyalty Store loyalty Legislazione commerciale Concentrazione distributiva Differenziazione dei PdV Modelli organizzativi dei distributori Peso dei gruppi strategici Quota della marca commerciale Internazionalizzazione mercato distributivo Concentrazione produttiva Quota di mercato marche Ciclo di vita dei prodotti Investimenti pubblicitari Innovazione di prodotto Differenziazione dei prodotti Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 22

23 Il ciclo di vita delle relazioni di canale Alto 4 3 MARKETING CONFLITTUALE MARKETING RELAZIONALE Potere distribuzione 1 MARKETING FUNZIONALE 2 MARKETING CONTRATTUALE Basso Basso Potere industria Alto Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 23

24 La fase del marketing funzionale (anni 60) Sviluppo dei consumi di massa Alimentari: +6,1%; non alimentari: +9,1% Sviluppo dei prodotti di marca L industria ricerca economie maggiori dimensioni aziendali e controllo delle funzioni di commercializzazione Obiettivo: riduzione del prezzo al consumo attraverso le economie di scala per massificare la domanda Strumenti: investimenti pubblicitari e organizzazione vendite atta a garantire una vasta copertura del mercato Integrazione della logistica» Vantaggio: barriera all entrata per i concorrenti L industria svolge il ruolo di channel leader Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 24

25 La fase del marketing funzionale (anni 60) Le politiche di mercato Investimenti di marketing pull e concentrati sulla comunicazione pubblicitaria Product management industriale è il fulcro della organizzazione del canale Condizioni negoziali definite sulle quantità acquistate Servizio logistico omogeneo e standardizzato Competitività industriale e commerciale ridotta Domanda superiore all offerta Obiettivo: potenziare i livelli produttivi garantendo ai commercianti un elevata quota di vendite di prodotti prevenduti Dettaglio tradizionale Funzione: sostenere la penetrazione di mercato dei prodotti di marca mediante una diffusa numerica dei punti vendita e la sostituzione negli assortimenti commerciali dei prodotti locali con i prodotti nazionali Livello di potere equilibrato nel canale Quota di mercato dei prodotti di marca ridotta Sostituibilità dei punti vendita elevata Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 25

26 La fase del marketing contrattuale (anni 70) Calo dei consumi Alimentari: +1,8%; non alimentari: +4,8% Aumento della concorrenza orizzontale tra i produttori Aumento dell inflazione Crisi petrolifera, aumento del costo delle materie prime, svalutazione della lira rispetto al dollaro Elasticità della domanda al prezzo e al servizio commerciale» Acquisti presso le forme distributive moderne Crescita dell offerta di lavoro femminile (tempo disponibile) Miglioramento del livello di istruzione (accettazione libero servizio) Consolidamento della quota di mercato dei prodotti di marca (funzione di garanzia) Sviluppo della motorizzazione (sensibilità al servizio di prossimità) Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 26

27 La fase del marketing contrattuale (anni 70) La domanda di servizi commerciali è differenziata e segmentata Aumento del numero dei supermercati e della quota di mercato del commercio moderno Distribuzione moderna: 17% Distribuzione tradizionale: 83% Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 27

28 La fase del marketing contrattuale (anni 70) Legislazione commerciale restrittiva (426/71) Riduzione degli effetti destabilizzanti sui rapporti I-D Condizioni di sviluppo più favorevoli per la crescita della DO e COOP Contenimento del lavoro dipendente a vantaggio del lavoro autonomo Mancata affermazione di un forte potere di mercato della distribuzione in grado di condizionare le scelte del consumatore e penalizzare l industria di marca Il peso dei fattori di conflitto nei rapporti I-D si riduce I produttori modificano la ripartizione delle funzioni di marketing nel canale con la collaborazione dei distributori» Inflazione Industria sconti canvass: trasferimento del costi di stoccaggio alla distribuzione e realizzazione di un vantaggio competitivo creando una barriera all entrata sugli scaffali» Inflazione Distribuzione: logica speculativa dell attività di acquisto (rivalutazione automatica delle scorte per il differenziale positivo tra inflazione e costo del denaro) Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 28

29 La fase del marketing contrattuale (anni 70) Le politiche di sell in sono sostenute dalla forza contrattuale dell industria ottenuta attraverso gli investimenti pubblicitari Rafforzamento della quota di mercato e della brand loyalty dei prodotti di marca I punti vendita moderni trattano i prodotti di marca come un vincolo assortimentale La vendita a libero servizio impone la presenza di prodotti confezionati e garantiti Il valore segnaletico dei beni di marca favorisce il confronto competitivo con i punti vendita tradizionali La standardizzazione degli assortimenti migliora l immagine di insegna a livello territoriale e consente economie di scala negli acquisti e nel merchandising Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 29

30 La fase del marketing relazionale (anni 80) Crescita del PIL, del reddito disponibile e dei consumi Forte orientamento ai volumi di acquisto al di là dei bisogni e delle necessità individuali Esistenza di una relazione tra prodotti consumati e status sociale Qualità percepita privilegiata rispetto alla qualità intrinseca Ricerca nei prodotti di valori edonistici Forte sensibilità alla marca Selezione dei punti vendita in funzione del servizio offerto e definito da assortimenti ampi e profondi Consolidamento del peso della distribuzione moderna Distribuzione moderna: dal 17% al 26% Distribuzione tradizionale: dall 83% al 74% Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 30

31 La fase del marketing relazionale (anni 80) Dinamica più favorevole delle forme associative rispetto alle catene nazionali Effetti legislazione commerciale 426/71 Maggiore capacità e flessibilità imprenditoriale Intensificazione della concorrenza tra forme distributive moderne e tradizionali Ricerca di una maggiore autonomia di marketing da parte dei distributori Manovra delle leve del retail mix per rafforzare la store loyalty I distributori rifiutano le politiche di sell in industriale Riduzione dei tassi di inflazione Nuove tecniche di approvvigionamento orientate al miglioramento del servizio logistico Aumento della rotazione e della redditività dei prodotti Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 31

32 La fase del marketing relazionale (anni 80) Il potere negoziale della distribuzione aumenta La concentrazione distributiva riduce il grado di sostituibilità della clientela I primi 20 clienti assorbono il 35% delle vendite industriali I distributori richiedono condizioni di acquisto basate non solo sulla quantità di merce acquistata ma anche sulla qualità dei servizi forniti per la promozione delle vendite industriali Aumento del peso dei contributi di marketing nelle condizioni di vendita industriali Valorizzazione dei servizi ricevuti e miglioramento del posizionamento delle marche nei punti vendita» Crescita esponenziale dei costi di distribuzione industriale» Trade off tra risorse di marketing da investire sul mercato finale e sul quello intermedio» Rischio: penalizzare la posizione di mercato del produttore nel medio periodo Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 32

33 La fase del marketing relazionale (anni 80) I produttori riequilibriano il potere negoziale attraverso la concentrazione del settore e l implementazione del Trade Marketing Concentrazione mediante acquisizione Realizzazione di una politica multiprodotto Miglioramento della forza contrattuale Rafforzamento della posizione competitiva dell industria di marca a fronte del processo di internazionalizzazione (1992)» Acquisto di marchi nazionali importanti per consolidare la quota di mercato sul mercato italiano Aumento della profondità degli assortimenti commerciali a seguito dell evoluzione dei modelli di consumo (bisogni di quantità e varietà dei prodotti) Riduzione dei costi produttivi a seguito delle economie di scale e liberazione di risorse da investire nel marketing Ricerca della globalizzazione dei rapporti negoziali con la distribuzione» Difficoltà per il distributore a estromettere in blocco un gruppo di prodotti dello stesso produttore Aumento del peso del produttore negli assortimenti commerciali per compensare il peso dei principali clienti nelle vendite industriali Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 33

34 La fase del marketing relazionale (anni 80) La politica di acquisizioni industriali modifica la struttura del mercato dei beni di largo consumo in Italia I produttori ricercano nuove forme di integrazione e collaborazione con la clientela commerciali Inserimento della struttura organizzativa di nuovi profili funzionali e professionali Trade Marketing Manager, National Key Account, Merchandiser Sviluppo di sistemi informativi sui canali/clienti a supporto della pianificazione degli investimenti di Trade Marketing Realizzazione di iniziative di marketing integrato (co-marketing) Disponibilità a produrre la marca commerciale Azioni di controllo dei prezzi al consumo per ridurre l intensità della concorrenza commerciale e tutelare i livelli di redditività dei distributori Riprogettazione del sistema logistico per massimizzare l efficienza operativa e minimizzare i costi di gestione dei flussi fisici della merce Rapporti verticali improntati alla collaborazione e all integrazione Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 34

35 La fase del marketing conflittuale (anni 90) Rallentamento della crescita del PIL, del reddito disponibile e dei consumi Riduzione della capacità di spesa delle famiglie a seguito dell aumento della pressione fiscale Annullamento della relazione automatica tra inflazione e redditi Aspettative negative della popolazione per precarietà politicoistituzionale e incertezza sul futuro Riduzione dei consumi di status dimostrativi basati sulla qualità percepita a vantaggio dell acquisto di prodotti caratterizzati da una maggiore qualità intrinseca Attenzione al prezzo nella selezione dei prodotti/marche e dei punti vendita Il consumatore assume una configurazione multidimensionale, più trasversale, meno prevedibile e condizionabile Crisi delle politiche di marketing praticate dalle imprese negli anni 80 Ipersegmentazione dei mercati (estensione della linea) Comunicazione per valorizzare i contenuti immateriali Ruolo marginale della leva del prezzo Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 35

36 La fase del marketing conflittuale (anni 90) Effetti della modificazione dei modelli di consumo e di acquisto sulle politiche di marca dei produttori Riduzione del ciclo di vita dei prodotti e rafforzamento della fase di maturità per molti mercati Difficoltà per i produttori a differenziare le strategie di marketing e praticare le politiche premium price Facilità ad essere coinvolti in guerre di prezzo orizzontali e verticali Riduzione del grado di fedeltà ai prodotti di marca Maggiore mobilità dei consumatori tra le marche Rafforzamento della store loyalty Riduzione della sensibilità ai prodotti di marca Valore assegnato dai consumatori agli attributi e alle funzioni della marca Sviluppo dei punti di vendita discount» Assortimento limitato di prodotti di largo consumo di marca generica e locale con livelli di prezzo inferiori del 40-50% rispetto al supermercato tradizionale Rottura degli equilibri commerciali Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 36

37 La fase del marketing conflittuale (anni 90) Intensificazione della concorrenza di prezzo nel commercio moderno Sviluppo degli ipermercati Risposta dei distributori alla domanda di discount di prezzo e riduzione del tempo dedicato all acquisto dei beni banali Riduzione dei livelli di redditività dei punti vendita con la caduta dei margini commerciali delle forme distributive moderne Super: da 20,5% nel 1992 al 19% nel 1999 Ipermercati: dal 16,7% nel 1992 al 14,4% nel 1999 Discount: dal 14,0% nel 1992 al 11,9% del 1999 Penalizzazione delle politiche di sviluppo dei distributori Processo di selezione delle imprese commerciali Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 37

38 La fase del marketing conflittuale (anni 90) La GD recupera lo svantaggio competitivo sulla DO Impiego della tecnologia e adozione di nuove strutture organizzative Equilibrio tra controllo centrale della gestione operativa e necessità di adattare il marketing alle specificità del mercato locale Riduzione dei vincoli amministrativi allo sviluppo Aumento della quota di mercato dei distributori stranieri mediante acquisizioni e joint venture Supermercati: 18,2% Ipermercati: 51,8% Discount: 24,7% Il fenomeno si intensificherà a seguito della progressiva saturazione dei maggiori mercati europei e delle favorevoli condizioni di attrattività dell Italia Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 38

39 La fase del marketing conflittuale (anni 90) Forte espansione del grado di concentrazione del mercato distributivo alle vendite e agli acquisti Rafforzamento sul mercato finale di alcuni gruppi aziendali rispetto al altri Costituzione di centrali distributive tra insegne per migliorare le condizioni di acquisto Potenziamento dei gruppi strategici con maggiore autonomia di marketing rispetto all industria Modificazione dei tradizionali modelli organizzativi basati sulla centralità della funzione acquisti Riduzione del numero di marche e di referenze trattate Organizzazione degli acquisti per categoria di prodotto e non per fornitore Modificazione del mix assortimentale per attribuire un peso maggiore alle categorie più dinamiche e redditizie Rafforzamento del posizionamento della marca commerciale Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 39

40 Il riposizionamento degli investimenti industriali di marketing Modello francese Rapporti negoziali conflittuali e condizionati da un accesa concorrenza di prezzo al dettaglio Aggressività negli acquisti Modello inglese Potere dominante della GD fortemente concentrata ed orientata alla marca commerciale Rapporti verticali collaborativi L integrazione è subita dai produttori ed è lo strumento per gestire la dipendenza nei rapporti di canale Modello tedesco Rapporti di canale apparentemente equilibrati La quota di mercato dei punti vendita discount è elevata Lo spazio di mercato dei produttori di marca è limitato e vincola il potere dell industria Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 40

41 Il riposizionamento degli investimenti industriali di marketing La natura dei rapporti verticali è condizionata dalla struttura del potere tra Industria e Distribuzione Il grado di collaborazione tra Industria e Distribuzione è maggiore quando il potere è equilibrato L interesse dei produttori a collaborare è maggiore di quello dei distributori Quando il produttore è dipendente dal distributore, la collaborazione è imposta dal distributore e non massimizza gli obiettivi del fornitore Le potenzialità di integrazione sono minori per le attività strategiche di marketing Le relazioni verticali non sono statiche ma sono condizionate dalle condizioni ambientali, commerciali e industriali Beatrice Luceri - Tecnica Industriale e Commerciale (Trade Marketing) 41

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 PREMESSA GENERALE... 4 PRIMA PARTE I SOGGETTI E LE FORME DELLA COMPETIZIONE ORIZZONTALE NELLA GDO... 8 CAPITOLO I LA GDO: CARATTERISTICHE, FORMATI DISTRIBUTIVI

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

guida al business planning

guida al business planning guida al business planning indice INTRODUZIONE CAPITOLO 1 - L APPROCCIO AL BUSINESS PLAN 1.1 Il contesto imprenditoriale 1.2 Fare impresa 1.3 Il business plan 1.4 Scrivere il business plan CAPITOLO 2 -

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli