PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA"

Transcript

1 committente Comune di Pesaro PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA ai sensi del D.Lgs. 152/06 sito Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 via Morosini, 12 Pesaro (PU) PROGETTO N : B DATA : 06 giugno 2013 RAPPORTO N : B3-3597/10.03

2

3 SOMMARIO 1 PREMESSA SCOPO DEI LAVORI NORMATIVA DI RIFERIMENTO INQUADRAMENTO DEL SITO SINTESI DELLE ATTIVITÀ DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA E DI CARATTERIZZAZIONE REALIZZATE RISULTATI DELLE INDAGINI PRELIMINARI E DI CARATTERIZZAZIONE REALIZZATE STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI MESSA IN SICUREZZA Monitoraggio dei livelli piezometrici Campionamenti effettuati in ingresso, intermedio ed in uscita dall unità di P&T MODELLO CONCETTUALE DEL SITO CARATTERISTICHE DOMINANTI DELL AMBIENTE CON CUI IL SITO INTERAGISCE FONTI DI CONTAMINAZIONE E CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELLE SOSTANZE INDIVIDUAZIONE DEI MECCANISMI DI RILASCIO DEGLI INQUINANTI E DEI POTENZIALI PERCORSI DI DIFFUSIONE GRADO ED ESTENSIONE DELLA CONTAMINAZIONE NELLE DIVERSE MATRICI AMBIENTALI PROGETTO OPERATIVO DI BONIFICA OBIETTIVI DI BONIFICA ANALISI E DESCRIZIONE DELLE TECNOLOGIE DI BONIFICA APPLICABILI AL SITO DIG&DUMP (D&D) Soil Gas Survey Mitigazione e controllo dei contaminanti aerodispersi Rimozione delle geomembrana in HDPE Demolizione e rimozione delle strutture interrate e livellamento della superficie Installazione di un sistema di depressione della falda idrica Escavazione del terreno Gestione dei materiali rimossi Accertamento della qualità ambientale in corrispondenza degli scavi eseguiti Applicazione della tecnologia di Enhanced Bioremediation (EB) direttamente in scavo Ripristino delle aree di scavo Ripristino dei pozzi di monitoraggio rimossi in fase di scavo Ripristino della geomembrana in HDPE MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE ENHANCED BIOREMEDIATION (EB) Applicazione dell EB mediante l utilizzo di composti a lento rilascio di ossigeno Applicazione dell EB mediante l utilizzo di composti a lento rilascio di idrogeno Test pilota proposti per l applicazione dell EB mediante composti a lento rilascio di idrogeno Monitoraggi dell EB mediante iniezione di composti a lento rilascio di idrogeno IN SITU CHEMICAL OXIDATION (ISCO) Test di laboratorio (batch test) Dimensionamento di massima e descrizione dell intervento PUMP&TREAT (P&T) COMPATIBILITÀ AMBIENTALE DEGLI INTERVENTI IMPATTO ACUSTICO POLVERI GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DURANTE L ATTIVITÀ DI BONIFICA CRITERI DI PROTEZIONE DEI LAVORATORI Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/10.03 ii

4 8 RILASCIO AUTORIZZAZIONI E REDAZIONE DEL GIORNALE LAVORI RILASCIO AUTORIZZAZIONI REDAZIONE DEL GIORNALE LAVORI PIANO TEMPORALE DELLE ATTIVITÀ DURATA DEL PROCESSO DI BONIFICA CONTROLLI POST-OPERAM, VERIFICA DELLA CONTAMINAZIONE RESIDUA E CERTIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA STIMA DEI COSTI DI BONIFICA CONCLUSIONI Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/10.03 iii

5 TABELLE Tabella 1 - Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) nel suolo e sottosuolo (D.Lgs. 152/06) Tabella 2 - Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) nelle acque sotterranee (D.Lgs. 152/06) Tabella 3 - Limiti previsti dall autorizzazione allo scarico rilasciata da Marche Multiservizi Spa Tabella 4 - Superamenti rilevati nel suolo e sottosuolo delle CSC previste dal D.Lgs. 152/06 per Siti ad uso Verde pubblico, privato e residenziale Tabella 5 - Superamenti rilevati nelle acque di falda delle CSC previste dal D.Lgs. 152/06 per le acque sotterranee Tabella 6 - Rilievi piezometrici effettuati nel periodo gennaio 2012 aprile 2013 Tabella 7 - Risultati analitici relativi ai campioni di acqua prelevati in ingresso al sistema di trattamento (gennaio 2012 aprile 2013) Tabella 8 - Risultati analitici relativi ai campioni di acqua prelevati all intermedio del sistema di trattamento (gennaio 2012 aprile 2013) Tabella 9 - Risultati analitici relativi ai campioni di acqua prelevati in uscita dal sistema di trattamento (gennaio 2012 aprile 2013) Tabella 10 - Screening delle principali tecnologie di bonifica applicabili Tabella 11 - Sintesi delle attività e tempistica dei cicli di iniezione previsti Tabella 12 - Tempi di esecuzione previsti per i singoli interventi Tabella 13 - Cronoprogramma di dettaglio relativo all intervento di D&D Tabella 14 - Tabella riassuntiva dei costi previsti FIGURE Figura 1 - Planimetria del sito con ubicazione dei resti di vasche interrate ancora presenti in sito scala 1:500 Figura 2 - Planimetria del sito con ubicazione dei punti di indagine realizzati e del sistema di P&T installato scala 1:500 Figura 3 - Carta delle isofreatiche di falda al 29 gennaio 2013 scala 1:500 Figura 4 - Carta della distribuzione dei contaminanti adsorbiti nei terreni scala 1:500 Figura 5 - Carta della distribuzione dei contaminanti disciolti nelle acque di falda scala 1:500 Figura 6 - Planimetria del sito con stima della contaminazione adsorbita nei terreni ed ubicazione delle aree da sottoporre a bonifica mediante Dig&Dump scala 1:500 Figura 7 - Sezioni stratigrafiche A-A'e B-B'con stima della contaminazione adsorbita nei terreni ed ubicazione Figura 8 - delle aree di intervento mediante Dig&Dump Sezioni stratigrafiche C-C'e D-D'con stima della contaminazione adsorbita nei terreni ed ubicazione delle aree di intervento mediante Dig&Dump Figura 9 - Planimetria del sito con ubicazione dei punti di Soil Gas Survey proposti scala 1:500 Figura 10 - Planimetria del sito con ubicazione di massima dei punti di campionamento proposti in corrispondenza dei settori di scavo sottoposti a Dig&Dump scala 1:500 Figura 11 - Planimetria del sito con ubicazione dei campi prova dei test pilota di EB proposti scala 1:500 Figura 12 - Planimetria del sito con ubicazione di massima dei punti di iniezione di EB proposti scala 1:500 Figura 13 - Planimetria del sito con stima della contaminazione residuale nei terreni a valle del Dig&Dump ed ubicazione di massima dei punti di ISCO proposti scala 1:500 Figura 14 - Planimetria del sito con ubicazione del sistema di Pump&Treat proposto scala 1:500 Figura 15 - Planimetria del sito con ubicazione dei sondaggi post operam proposti scala 1:500 Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/10.03 iv

6 ALLEGATI Allegato A - Comunicazione del Comune di Pesaro Servizio Qualità Ambiente di adozione provvedimenti (Prot. n /2012 del 7/12/2012) Allegato B - Verbale della Conferenza dei Servizi del 24/02/2012 Allegato C - Lettera di richiesta integrazioni rilasciata dal Comune di Pesaro Servizio Qualità Ambiente (Prot. n /2012 del 27/02/2012) Allegato D - Verbale del tavolo tecnico del 12/03/2012 Allegato E - Lettera della Provincia di Pesaro e Urbino di trasmissione del parere dell Istituto Superiore di Sanità relativo alla validazione dell Analisi di Rischio (Prot. n del 26/04/2012) Allegato F - Verbale del tavolo tecnico tra Enti del 30/08/2012 Allegato G - Determinazione n del 17/10/2012 emessa dal Comune di Pesaro Servizio Qualità Ambiente di approvazione del Verbale della Conferenza dei Servizi del 2 ottobre 2012 Allegato H - Determinazione n del 24/10/2012 emessa dal Comune di Pesaro Servizio Qualità Ambiente di rettifica della determinazione n del 17 ottobre 2012 Allegato I - Lettera della Provincia di Pesaro e Urbino (Prot. n del 15/01/2013) relativa al programma degli interventi di messa in sicurezza di siti contaminati da solventi clorurati Allegato J - Certificati di laboratorio relativi ai campioni di acqua prelevati dal sistema di messa in sicurezza Pump&Treat Allegato K - Scheda tecnica dei composti a lento rilascio di ossigeno (ORC-Advanced Pellets) Allegato L - Scheda tecnica dei composti a lento rilascio di idrogeno (3D-Microemulsion ) Allegato M - Relazione tecnico-illustrativa del progetto edificatorio del sottocomparto 1 predisposta dal tecnico progettista Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/10.03 v

7 1 PREMESSA La scrivente Petroltecnica Spa (nel seguito Petroltecnica), su incarico del Comune di Pesaro (nel seguito Committente) sostituitosi ai sensi dell art. 250 del D.Lgs. 152/06 (bonifica da parte dell amministrazione) alle Società Arco Vallato Srl, Adriatica Costruzioni Srl, Immobiliare Ciemme snc di Campanelli & C., Edilgruppo Srl e Carnia Srl (Allegato A), proprietarie del sottocomparto 1 di cui al comparto edificatorio "PN 5.6 Centro Direzionale Benelli (Area ex Amga)", presenta il seguente Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica relativo alla succitata area, ubicata in via Morosini n 12 nel territorio comunale di Pesaro (PU). Il presente documento è stato redatto a seguito di quanto emerso nel corso dei tavoli tecnici e delle Conferenze dei Servizi svolti con le PP.AA. nel periodo compreso tra i mesi di febbraio 2012 ed aprile 2013 (i cui verbali, pareri e determinazioni, ove disponibili, sono riportati negli Allegati B H), relativi alla valutazione dei documenti, presentati dalla scrivente per conto delle Società proprietarie dell area, Indagini di caratterizzazione e Analisi di Rischio sanitario ambientale sitospecifica (Rapporto N B3-3597/10.02 del 13 gennaio 2012), Documentazione integrativa richiesta dalla Conferenza dei Servizi del 24/02/12 (Lettera Prot. n 260/12/A FG/bl del 9 marzo 2012) e Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica (in versione "draft"). La Determinazione n del 17/10/2012 e la successiva rettifica n del 24/10/2012, emesse dal Comune di Pesaro Servizio Qualità Ambiente, hanno ritenuto non applicabile l Analisi di Rischio al sito in oggetto (Sottocomparto 1, Centro Direzionale Benelli), richiedendo la presentazione di un Progetto Operativo di Bonifica ed eventuale Analisi di Rischio residua. Di seguito è riportato l elenco della documentazione prodotta a partire dal mese di aprile 2010, già in possesso delle PP.AA.: Comunicazione ai sensi dell art. 245 del D.Lgs. 152/2006, trasmessa dalle Società proprietarie dell area in data 16 aprile 2010; Rapporto tecnico descrittivo degli interventi di Messa in Sicurezza di emergenza da adottare proposti (Petroltecnica, aprile 2010); Rapporto tecnico descrittivo degli interventi di Messa in Sicurezza eseguiti alla data de il 05 maggio 2010 (Petroltecnica, maggio 2010); Piano della Caratterizzazione (Petroltecnica, maggio 2010); Rapporto tecnico descrittivo degli interventi di completamento della Messa in Sicurezza di Emergenza (Petroltecnica, luglio 2010); Piano della Caratterizzazione (Petroltecnica, agosto 2010); Indagini di caratterizzazione e Analisi di Rischio sanitario ambientale sito-specifica (Petroltecnica, gennaio 2012); Documentazione integrativa richiesta dalla Conferenza dei Servizi del 24/02/12 (Petroltecnica, marzo 2012). Il presente rapporto tecnico è stato redatto secondo le indicazioni riportate nell Allegato 3 al Titolo V, Parte Quarta del D.Lgs 152/06, coerentemente con le prescrizioni contenute nelle sopraccitate Determinazioni n del 17/10/2012 e n del 24/10/2012 ed in conformità a quanto indicato dalla Committente nella comunicazione prot. n /2012 del 07/12/2012 (Allegato A). Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

8 Inoltre nella progettazione degli interventi di bonifica, si è tenuto conto delle indicazioni fornite alla scrivente dalle PP.AA. nei tavoli tecnici del 4 aprile 2013 e del 24 aprile SCOPO DEI LAVORI Obiettivo del presente lavoro è la progettazione delle opere necessarie per pervenire alla bonifica delle matrici ambientali suolo, sottosuolo ed acque sotterranee, riportando le concentrazioni delle sostanze di interesse (cfr. successivo Capitolo 2) entro i valori limite rappresentati dalle Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) stabilite dal D.Lgs. 152/06 per la specifica destinazione d uso del sito. Presso l area di intervento è stato presentato dalle Società proprietarie un progetto edificatorio che prevede la costruzione di un edificio a torre, denominato A1, a destinazione negozi, uffici e residenze e di un fabbricato a schiera, denominato B1, destinato a residenze, oltre ad autorimesse e depositi interrati ed opere di urbanizzazione, come sinteticamente indicato nella relazione tecnicoillustrativa trasmessa dal tecnico progettista alla Provincia di Pesaro-Urbino Servizio 4.4 OO.PP. e Difesa del Suolo, riportata in Allegato M. Successivamente ai primi interventi di bonifica che saranno svolti in sito, rappresentati dalle attività di scavo e rimozione del terreno contaminato (cfr. successivo Paragrafo 6.3), una volta acquisiti anche gli esiti analitici dei controcampioni prelevati dalle PP.AA., potrà essere richiesto al Comune di Pesaro, attraverso la Conferenza dei Servizi, il frazionamento catastale dell area, al fine di svincolare alcuni settori del sito e consentire così l avvio in corrispondenza degli stessi delle suddette attività edilizie, che non dovranno comunque ostacolare il proseguo degli ulteriori interventi di bonifica. 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Il riferimento normativo per la valutazione dello stato di qualità di suolo, sottosuolo ed acque sotterranee e per la bonifica dei siti contaminati è costituito dalla Parte Quarta, Titolo V, del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006, recante "Norme in materia ambientale", pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 96/L alla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006 ed attuativo della delega conferita al Governo per "il riordino, il coordinamento e l integrazione della legislazione in materia ambientale" con Legge 15 dicembre 2004, n In data 29 gennaio 2008 è stato pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 24/L alla Gazzetta Ufficiale n. 24 il Decreto Legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 recante "Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale". I criteri seguiti nello svolgimento delle attività oggetto del presente studio sono stati adottati in conformità a tale regolamento, applicandoli allo specifico caso. Sulla base del ciclo produttivo e dei dati storici del sito, nonché delle indicazioni di ARPAM Dipartimento Provinciale di Pesaro riportate nella nota allegata al verbale della Conferenza dei Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

9 Servizi istruttoria del 19 luglio 2010 (cfr. Allegato D del Piano della Caratterizzazione), è stato definito un set di analiti rappresentativi dello stato di qualità dell area d indagine. Alla luce del Certificato di Destinazione urbanistica dell area, consegnato dal Comune di Pesaro Servizio Pianificazione Urbanistica nel corso della Conferenza dei Servizi istruttoria del 24 giugno 2010 (cfr. Allegato E del Piano della Caratterizzazione), il sito comprende sia un uso verde pubblico, privato e residenziale, sia un utilizzo residenziale e terziario. Ai fini della bonifica del sito in oggetto, si è proceduto in via cautelativa, a prendere in considerazione per la matrice terreno le Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) indicate nell Allegato 5 al Titolo V del D.Lgs. 152/06 per Siti ad uso Verde Pubblico, Privato e Residenziale (colonna A). Nella seguente Tabella 1 vengono riportate le CSC relative ai parametri analitici selezionati per la matrice terreno, in funzione della specifica destinazione d uso del sito. N. ORD. D.LGS. 152/06 Tabella 1 Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) nel suolo e sottosuolo (D.Lgs. 152/06) SOSTANZA CSC PER SITI AD USO VERDE PUBBLICO, PRIVATO E RESIDENZIALE mg/kg come s.s. 4 Cadmio 2 10 Piombo Zinco Cianuri (liberi) 1 19 Benzene 0,1 20 Etilbenzene 0,5 21 Stirene 0,5 22 Toluene 0,5 23 Xilene 0,5 25 Benzo(a)antracene 0,5 26 Benzo(a)pirene 0,1 27 Benzo(b)fluorantene 0,5 28 Benzo(k)fluorantene 0,5 29 Benzo(g, h, i)perilene 0,1 30 Crisene 5 31 Dibenzo(a, e)pirene 0,1 32 Dibenzo(a, l)pirene 0,1 33 Dibenzo(a, i)pirene 0,1 34 Dibenzo(a, h)pirene 0,1 35 Dibenzo(a, h)antracene 0,1 36 Indenopirene 0,1 37 Pirene 5 39 Clorometano 0,1 40 Diclorometano 0,1 41 Triclorometano 0,1 42 Cloruro di Vinile 0, ,2-Dicloroetano 0,2 44 1,1-Dicloroetilene 0,1 segue nella pagina successiva Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

10 continua dalla pagina precedente N. ORD. D.LGS. 152/06 SOSTANZA CSC PER SITI AD USO VERDE PUBBLICO, PRIVATO E RESIDENZIALE mg/kg come s.s. 45 Tricloroetilene 1 46 Tetracloroetilene 0,5 47 1,1-Dicloroetilene 0,5 48 1,2-Dicloroetilene 0,3 49 1,1,1-Tricloroetano 0,5 50 1,2-Dicloropropano 0,3 51 1,1,2-Tricloroetano 0,5 52 1,2,3-Tricloropropano ,2,2,2-Tetracloroetano 0,5 70 Metilfenolo (o-,m-,p-) 0,1 71 Fenolo clorofenolo 0,5 73 2,4-diclorofenolo 0,5 74 2,4,6-triclorofenolo 0,01 75 Pentaclorofenolo 0,01 94 Idrocarburi leggeri (C12) Idrocarburi pesanti (C>12) 50 In riferimento alle acque sotterranee, il D.Lgs. 152/06 stabilisce un unica categoria; le CSC sono riportate nella Tabella 2 dell Allegato 5 al Titolo V del medesimo decreto e riassunte nella seguente Tabella 2. Tabella 2 - Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) nelle acque sotterranee (D.Lgs. 152/06) N. ORD. CSC PER LE ACQUE SOTTERRANEE SOSTANZA D.LGS. 152/06 µg/l 4 Arsenico 10 8 Cromo totale Nichel Cianuri liberi Benzene 1 25 Etilbenzene Stirene Toluene para-xilene Benzo(a)antracene 0,1 30 Benzo(a)pirene 0,01 31 Benzo(b)fluorantene 0,1 32 Benzo(k)fluorantene 0,05 33 Benzo(g, h, i)perilene 0,01 34 Crisene 5 35 Dibenzo(a, h)antracene 0,01 36 Indeno(1, 2, 3 c, d)pirene 0,1 37 Pirene 50 segue nella pagina successiva Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

11 continua dalla pagina precedente N. ORD. SOSTANZA D.LGS. 152/06 µg/l 38 Sommatoria (31, 32, 33, 36) 0,1 39 Clorometano 1,5 40 Triclorometano 0,15 41 Cloruro di Vinile 0,5 42 1, 2-Dicloroetano , 1-Dicloroetilene 0,05 44 Tricloroetilene 1,5 45 Tetracloroetilene 1,1 46 Esaclorobutadiene 0,15 47 Sommatoria organoalogenati , 1-Dicloroetano , 2-Dicloroetilene , 2-Dicloropropano 0, , 1, 2-Tricloroetano 0,2 52 1, 2, 3-Tricloropropano 0, , 1, 2, 2-Tetracloroetano 0, clorofenolo ,4 Diclorofenolo ,4,6 Triclorofenolo 5 72 Pentaclorofenolo 0,5 90 Idrocarburi totali (espressi come n-esano) 350 CSC PER LE ACQUE SOTTERRANEE Lo scarico in pubblica fognatura delle acque sotterranee emunte dal sottosuolo e trattate dal sistema di messa in sicurezza installato ed attivo presso il sito in oggetto (cfr. successivo Paragrafo 4.2) avviene in ottemperanza a quanto indicato nell autorizzazione rilasciata da Marche Multiservizi Spa il 16/07/10; i valori limite di scarico nella pubblica fognatura sono riportati nella seguente Tabella 3. N. ORD. D.LGS. 152/06 Tabella 3 - Limiti previsti dall autorizzazione allo scarico rilasciata da Marche Multiservizi Spa SOSTANZA VALORI LIMITE 24 Benzene Etilbenzene 26 Stirene Toluene 28 p-xilene 29 Benzo (a) antracene (*) - 30 Benzo (a) pirene 0,1 31 Benzo (b) fluorantene 0,03 32 Benzo (k) fluorantene 0,03 33 Benzo (g, h, i) perilene 0, Crisene (*) - 35 Dibenzo (a, h) antracene (*) - 36 Indeno (1,2,3, - c,d) pirene 0,002 segue nella pagina successiva µg/l Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

12 continua dalla pagina precedente N. ORD. VALORI LIMITE SOSTANZA D.LGS. 152/06 µg/l 37 Pirene (*) - 39 Clorometano (*) - 40 Triclorometano (*) - 41 Cloruro di Vinile (*) , 2-Dicloroetano (*) , 1-Dicloroetilene (*) - 44 Tricloroetilene (*) - 45 Tetracloroetilene (*) - 46 Esaclorobutadiene (*) - 47 Sommatoria organoalogenati , 1-Dicloroetano (*) , 2-Dicloroetilene (*) , 2-Dicloropropano (*) , 1, 2-Tricloroetano (*) , 2, 3-Tricloropropano (*) , 1, 2, 2-Tetracloroetano (*) clorofenolo (*) , 4-Diclorofenolo (*) , 4, 6-Triclorofenolo (*) - 72 Pentaclorofenolo (*) - 90 Idrocarburi totali (come n-esano) 350 Nota: (*) = parametro non normato né dall autorizzazione allo scarico né dal D.Lgs. 152/06 (Tabella 3, Allegato 5 alla Parte Terza per scarico in acque superficiali). E opportuno sottolineare che la presenza dei composti clorurati adsorbiti nei terreni e disciolti nelle acque di falda del sito in esame non è verosimilmente ascrivibile alle attività svolte in pregresso nell area e risulta probabilmente riconducibile a problematiche più generali che investono alcune aree del territorio comunale, così come già evidenziato nel verbale del tavolo tecnico del 3 maggio Come infatti riportato nell articolo "Le Officine del Gas di città: caratteristiche, bonifica e opportunità di riutilizzo", pubblicato sulla Rivista ARPA n. 6 novembre dicembre 2008 e consultabile al seguente link tali sostanze non rientrano tra quelle potenzialmente presenti nelle matrici ambientali delle aree in cui un tempo sorgevano le officine del gas. Nel corso della Conferenza dei Servizi del 2/10/2012, il cui verbale è stato approvato con la Determinazione n del 17/10/2012 e la successiva rettifica n del 24/10/2012 (Allegati G e H), è stato prescritto un progetto di bonifica che interessi tutte le matrici coinvolte (suolo insaturo, saturo e falda) e l Analisi di Rischio impostata solamente sulla verifica dell accettabilità del rischio per la matrice acqua; tra gli inquinanti sono stati presi in considerazione anche i solventi clorurati. A tale proposito si ricorda che è stata avviata dalla Provincia di Pesaro e Urbino un indagine ai sensi dell art. 244 del D.Lgs. 152/06 al fine di individuare il soggetto responsabile, verificando possibili contaminazioni da sorgenti esterne al sito, ad oggi ancora non completata (Allegato I). Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

13 3 INQUADRAMENTO DEL SITO Il sito in esame, di proprietà delle imprese edili menzionate nel precedente Capitolo 1, deriva dalla suddivisione in due unità (denominate sottocomparto 1, oggetto del presente progetto, e sottocomparto 2) del comparto edificatorio "PN 5.6 Centro Direzionale Benelli", compreso fra via Morosini, via Del Lazzaretto e via Del Monaco. Dal 1882 al 1974 l area fu destinata alla produzione e distribuzione del gas, attraverso la distillazione del carbon fossile; per il dettaglio dei dati storici del sito si rimanda al Paragrafo 4.1 del Piano della Caratterizzazione. Al momento dei primi interventi di Messa in Sicurezza di Emergenza (MISE) condotti in sito nel periodo aprile 2010 luglio 2010 (cfr. Capitolo 3 del Piano della Caratterizzazione), sono stati rinvenuti nel sottosuolo resti di vasche in muratura della ex fabbrica del gas, così come riportato in Figura 1 e di seguito riassunto: una vasca contenente catrame, ancora intatta, vuotata del contenuto in fase di MISE; resti di vasca, rotta in tempi pregressi, ritombata con materiale di risulta, unitamente al catrame fuoriuscito a seguito della rottura, ricoperta con una lastra in cls armato, vuotata del contenuto in fase di MISE; resti di vasca, rotta in tempi pregressi, ritombata con materiale di risulta, unitamente al catrame fuoriuscito a seguito della rottura, ricoperta con lastra in cls armato, vuotata del contenuto in fase di MISE; resti di vasca, rotta in tempi pregressi, ritombata con materiale di risulta, ricoperta con lastra in cls armato, ma ancora da vuotare del contenuto; due piccole vasche piene di catrame, vuotate del contenuto in fase di MISE. Le suddette strutture interrate, ad oggi ancora presenti nel sottosuolo, saranno rimosse nel corso degli interventi di bonifica proposti nel successivo Capitolo 6. Si evidenzia come l attuale piano di calpestio dell area risulti fortemente irregolare, con un dislivello massimo di circa 2,0 m tra la zona di accesso al sito (via Morosini), non interessata da alcun intervento, e la porzione centro-meridionale del sottocomparto (verso via Del Lazzaretto), mentre l area nella quale sono stati rinvenuti i resti delle vasche, attualmente sottoposta a sequestro giudiziario, risulta depressa di circa 1,0 m rispetto alla stessa via Morosini. A causa della morfologia irregolare dell area, la falda idrica superficiale, influenzata dalle precipitazioni meteoriche e diretta a scala locale da Nord/Nord-Ovest verso Sud/Sud-Est, presenta una soggiacenza compresa tra un massimo di circa 2,7/3,2 m ed un minimo di 0,4-1,0 m dall attuale piano campagna (p.c.). Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

14 4 SINTESI DELLE ATTIVITÀ DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA E DI CARATTERIZZAZIONE REALIZZATE Le attività condotte in sito a partire dal mese di aprile 2010, descritte nei documenti menzionati nel precedente Capitolo 1 e già in possesso delle PP.AA., possono essere così sintetizzate: aprile luglio 2010: svuotamento delle vasche interrate rinvenute nel corso delle attività edili di sbancamento, asportazione di parte del terreno contaminato rinvenuto e copertura dell area di intervento mediante la posa di una geomembrana in HDPE, collegata tramite camini ad un impianto temporizzato di aspirazione e filtrazione su letto a carbone attivo degli inquinanti volatili dal sottosuolo; maggio 2010: indagine idrogeologica preliminare finalizzata alla definizione della direzione di deflusso a scala locale della falda idrica superficiale ed alla valutazione dello stato di qualità delle acque sotterranee, consistita nella realizzazione di tre (3) sondaggi geognostici spinti fino alla profondità massima di 7,0 m dal p.c., successivamente attrezzati a piezometri di monitoraggio da 4" della falda idrica (PM-1 PM-3); luglio settembre 2010: installazione ed avviamento di un sistema di emungimento e trattamento delle acque di falda (Pump&Treat) in corrispondenza dei piezometri PM-1 e PM-3, quale misura di messa in sicurezza della falda idrica; aprile 2011: indagine di caratterizzazione (Fase 1) consistita nella realizzazione di otto (8) sondaggi geognostici, spinti fino alla profondità massima di 9,0 m dal p.c., successivamente attrezzati a piezometri di monitoraggio da 4" della falda idrica (PM-4 PM-11); giugno 2011: indagine di caratterizzazione (Fase 2) consistita nella realizzazione di tredici (13) sondaggi geognostici spinti fino alla profondità massima di 8,0 m dal p.c., di cui dodici (12) (S-1 S-12) successivamente richiusi mediante l iniezione di una miscela di cemento e bentonite ed uno (1) (PM-12) attrezzato a piezometro di monitoraggio da 4" delle acque di falda; si è proceduto inoltre alla caratterizzazione di alcuni fronti scavo mediante il prelievo e l analisi di campioni di terreno in corrispondenza degli stessi. In Figura 2 è riportata la planimetria del sito con l ubicazione di tutti i punti di indagine realizzati e del sistema di Pump&Treat installato. 4.1 RISULTATI DELLE INDAGINI PRELIMINARI E DI CARATTERIZZAZIONE REALIZZATE Il dettaglio dei risultati delle attività di indagine preliminare e di caratterizzazione svolte in sito nei mesi di maggio 2010, aprile 2011 e giugno 2011 è riportato nei documenti Piano della Caratterizzazione ed Indagini di caratterizzazione e Analisi di Rischio sanitario ambientale sitospecifica, già in possesso delle PP.AA. ed ai quali si rimanda. Le analisi chimiche di laboratorio condotte sui campioni di terreno e di acqua prelevati dalla scrivente e dall Ente di controllo (ARPAM Dipartimento Provinciale di Pesaro) nel corso delle indagini, hanno evidenziato il seguente stato di contaminazione delle matrici ambientali indagate. Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

15 Suolo e sottosuolo Le indagini ambientali eseguite hanno investigato sia la porzione insatura che quella satura del sottosuolo, rilevando i seguenti superamenti delle CSC previste dal D.Lgs. 152/06 per Siti ad uso Verde pubblico, privato e residenziale (cfr. Tabelle 2, 3, 7 e 8 del documento Indagini di caratterizzazione e Analisi di Rischio sanitario ambientale sito-specifica). Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

16 Tabella 4 - Superamenti rilevati nel suolo e sottosuolo delle CSC previste dal D.Lgs. 152/06 per Siti ad uso Verde pubblico, privato e residenziale CAMPIONE PROFONDITÀ Benzo(a)antracene Benzo(a)pirene Benzo(b)fluorantene Benzo(k)fluorantene IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI (IPA) Benzo(g,h,i)perilene Crisene Dibenzo(a,e)pirene Dibenzo(a,l)pirene Dibenzo(a,i)pirene Dibenzo(a,h)pirene Dibenzo(a,h)antracene Indenopirene Pirene IDROCARBURI LEGGERI (C 12) IDROCARBURI PESANTI (C>12) COMPOSTI INORGANICI Cadmio Piombo Zinco Cianuri ALIFATICI CLORURATI CANCEROGENI Clorometano Triclorometano Tetracloroetilene FENOLI NON CLORURATI Metilfenolo(o-,m-,p-) Fenolo Benzene COMPOSTI AROMATICI (BTEXS) Etilbenzene Toluene Xilene m da p.c. mg/kg su s.s. 0,5-0,7 2,67 2,14 1,80 1,06 1,01 0,22 0,20 0,33 0,36 0,98 63 PM-10 2,83 2,09 1,27 0,83 0,78 0,19 0,25 0,33 0,44 0, ,2-1,5 1,011 0,553 0,154 0, ,4-2,7 39,96 37,89 28,51 15,86 18,47 30,32 3,79 3,18 9,24 1,69 7,57 17,02 87, ,3 10,9 4,4 17,334 11,661 7,25 7,25 2,76 11,649 0,554 4,418 37, PM ,14 0,55 0,8 4,6 4,4-4,6 0,1 5,0-5,3 2,025 1,754 1,238 1,238 0,679 0,15 1, ,1 PM-12 5,1-5,5 0,15 0,501 0,183 0,127 0,154 1,95 1,80 1,26 0,66 1,10 0,16 0,14 0,36 0,40 0,95 5, ,3-3,5 S-1 1,487 1,343 1,019 1,019 0,883 1, ,8-6,0 0,92 0,62 0,29 0,13 0, S-2 3,3-3,5 0,13 0,91 6,7-7,0 0,13 0,12 S-4 4,2-4,4 0,19 6,8-7,0 0,11 0,10 S-5 4,4-4,6 4,26 2,83 2,11 1,41 1,35 0,19 0,18 0,27 0,65 1,22 10, ,04 6,4-6,6 0,15 S-6 0,5-0,8 61,87 37,60 26,61 17,87 15,94 48,69 2,34 2,74 3,19 0,75 9,76 15,30 114, ,7 1,4 0,2 S-7 6,8-7,0 0,2 2,5-2,8 0,19 0,20 0,20 0,51 S-10 4,0-4,2 0,28 7,8-8,0 0,19 2,8-3,0 2,0 S-11 10,70 6,80 4,69 3,58 3,14 8,53 0,29 1,16 0,41 0,11 1,64 3,15 27, ,4 0,2 0,65 0,71 4,45 3,8-4,0 10,85 5,729 4,311 4,305 1,542 8,654 0,316 1,729 23, ,4 S-12 2,0-2,2 0,23 0,12 0,12 90,55 62,20 31,39 36,58 26,02 78,35 3,03 0,95 3,90 17,32 26,19 184, ,1 0,75 1,3 0,14 0,56 0,93 6,85 Fronte scavo 0 40,410 32,050 21,568 21,644 7,381 37,599 2,843 15,848 67, vicino PM-10 0,6 173,7 192,3 D.Lgs. 152/06 CSC Siti ad uso Verde pubblico, privato 0,5 0,1 0,5 0,5 0,1 5 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0, ,1 0,1 0,5 0,1 1 0,1 0,5 0,5 0,5 e residenziale Note: le caselle vuote corrispondono a valori conformi alle CSC di riferimento o a parametri non analizzati dai laboratori privato (L.A.V. Srl Rimini) e/o pubblico (ARPAM Dipartimento Provinciale di Pesaro); in corsivo i valori restituiti da ARPAM Dipartimento Provinciale di Pesaro. Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

17 Acque sotterranee Le campagne di monitoraggio delle acque di falda condotte nei mesi di aprile, maggio e giugno 2011 (cfr. Tabelle 5, 6, 9 e 10 del documento Indagini di caratterizzazione e Analisi di Rischio sanitario ambientale sito-specifica) ed i risultati dei campionamenti condotti unicamente da ARPAM Dipartimento Provinciale di Pesaro nei mesi di marzo 2012, giugno 2012 e gennaio 2013, hanno evidenziato i seguenti superamenti delle CSC previste dal D.Lgs. 152/06 per le acque sotterranee. Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

18 Tabella 5 - Superamenti rilevati nelle acque di falda delle CSC previste dal D.Lgs. 152/06 per le acque sotterranee CAMPIONE DATA Benzo(a)antracene Benzo(a)pirene IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI (IPA) Benzo(b)fluorantene Benzo(k)fluorantene Benzo(g,h,i)perilene Crisene Dibenzo(a,h)antracene Indeno(1,2,3-c,d)pirene Sommatoria (31, 32, 33, 36) IDROCARBURI TOTALI (come n-esano) INQUINANTI INORGANICI Cianuri METALLI Arsenico Cromo totale Nichel Triclorometano ALIFATICI CLORURATI CANCEROGENI Cloruro di Vinile 1,2-Dicloroetano 1,1-Dicloroetilene Tricloroetilene Tetracloroetilene Esaclorobutadiene Sommatoria organoalogenati ALIFATICI CLORURATI NON CANCEROGENI 1,2-Dicloroetilene 1,2-Dicloropropano 1,1,2-Tricloroetano 1,2,3-Tricloropropano 1,1,2,2-Tetracloroetano FENOLI E CLOROFENOLI 2,4,6-Triclorofenolo Pentaclorofenolo Benzene COMPOSTI AROMATICI (BTEp-XS) Etilbenzene Toluene p-xilene µg/l 0,56 3,96 0, /04/11 0,039 0,03 2,5 3 PM-1 19/05/11 3,92 0,3 0,01 29/06/11 0,08 3,81 10,19 14,16 PM-2 18/04/11 19/05/11 0,07 18/04/11 7,2 17,23 24,56 0,04 0,14 5,9 17,44 23,63 0,07 19/05/11 PM-3 6,5 9,8 29/06/11 2,01 0,31 20/03/12 0,3 5,7 8,0 PM-4 18/04/11 19/05/11 0,01 19/04/11 9,53 0,08 19/05/11 29,8 9,84 0,09 10,35 0,01 1,1 PM-5 29/06/11 3,04 0,10 2,03 0,07 2,1 20/03/12 2,5 2,9 3,1 25/06/12 2,0 PM-6 19/04/ /06/11 0,72 19/04/11 2,37 0,07 1,84 20,42 24,7 PM-7 19/05/11 76,6 15,4 15,58 4,76 29/06/11 0,05 3,73 42,18 7,52 0, ,75 0,13 2,49 21, ,27 2,19 0,11 54,23 37, /04/11 2,1 7, PM-8 19/05/ ,92 0,14 3,53 22,44 30,63 0,2 4,57 0,04 58,7 42, ,7 29/06/11 2,78 0,23 4,28 32,52 40,20 0,08 15,98 13,37 58,8 D.Lgs. 152/06 CSC acque 0,1 0,01 0,1 0,05 0,01 5 0,01 0,1 0, ,15 0,5 3 0,05 1,5 1,1 0, ,15 0,2 0,001 0,05 5 0, sotterranee continua nella pagina successiva Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

19 segue dalla pagina precedente CAMPIONE DATA Benzo(a)antracene Benzo(a)pirene IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI (IPA) Benzo(b)fluorantene Benzo(k)fluorantene Benzo(g,h,i)perilene Crisene Dibenzo(a,h)antracene Indeno(1,2,3-c,d)pirene Sommatoria (31, 32, 33, 36) IDROCARBURI TOTALI (come n-esano) INQUINANTI INORGANICI Cianuri METALLI Arsenico Cromo totale Nichel Triclorometano ALIFATICI CLORURATI CANCEROGENI Cloruro di Vinile 1,2-Dicloroetano 1,1-Dicloroetilene Tricloroetilene Tetracloroetilene Esaclorobutadiene Sommatoria organoalogenati 1,2-Dicloroetilene ALIFATICI CLORURATI NON CANCEROGENI 1,2-Dicloropropano 1,1,2-Tricloroetano 1,2,3-Tricloropropano 1,1,2,2-Tetracloroetano FENOLI E CLOROFENOLI 2,4,6-Triclorofenolo Pentaclorofenolo COMPOSTI AROMATICI (BTEp-XS) Benzene Etilbenzene Toluene p-xilene µg/l 18/04/ ,68 0,27 1,86 28,02 91,05 0,17 12,6 0,116 0,049 0,014 2, /05/11 0,01 0,011 41,8 19,8 0,22 4,41 34,54 58,98 0,16 0,47 0,04 6,6 PM-9 29/06/11 24,7 74,46 0,50 4,31 102,76 182,10 4,60 0,71 1,5 0,121 0,043 0,069 55,2 3, /03/12 0,037 0,030 0,128 14,8 5,7 60,10 113,6 25/06/12 0,063 0,024 0, ,5 2,30 32,20 29/01/13 0,24 0,34 0,59 0,31 0,29 0,59 1,78 6,0 3,00 47,60 1,6 18/04/11 0, ,31 0,24 98, ,8 0,268 0,246 0,201 0,2 0,064 0,012 0, PM-10 19/05/11 0,72 0,47 0,49 0,22 0,24 0, ,4 0,2 1,9 0,1 114,35 169,5 60,7 23 0,102 0, /06/ ,3 3,11 0,62 0,46 4,03 10,78 191,07 301, , /06/12 0,026 28,1 29/01/13 0,12 0,10 0,10 0,05 0,02 0,17 2,1 18/04/11 0, ,72 0,23 3,8 14,45 0,89 0,16 161, , ,912 0,392 0,431 0,357 0,118 0,018 0, , , ,8 5 0,1 8,7 18,9 6,4 1 72,38 329, ,1 19/05/11 PM-11 10,398 10,219 10,208 10,172 10,082 10,33 10,008 10, , /06/11 0,12 0, ,9 0,23 8,39 0,19 4,22 13,51 14,97 5,63 76,04 344, ,4 20/03/12 0,214 0,169 0,113 0,103 0,133 0,349 2,6 5,4 2,30 1,60 107, /01/13 0,5 1, ,40 0,18 1,46 17,12 3,13 0,39 0,98 10,52 22,09 9,2 29,8 29/06/11 PM-12 0,156 0, /03/12 1,6 2,8 4,8 D.Lgs. 152/06 CSC acque 0,1 0,01 0,1 0,05 0,01 5 0,01 0,1 0, ,15 0,5 3 0,05 1,5 1,1 0, ,15 0,2 0,001 0,05 5 0, sotterranee Note: le caselle vuote corrispondono a valori conformi alle CSC di riferimento o a parametri non analizzati dai laboratori privato (L.A.V. Srl Rimini) e/o pubblico (ARPAM Dipartimento Provinciale di Pesaro); in corsivo i valori restituiti da ARPAM Dipartimento Provinciale di Pesaro. Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

20 4.2 STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI MESSA IN SICUREZZA Presso il sito in esame è attivo dal mese di settembre 2010 un sistema di messa in sicurezza di emungimento e trattamento (Pump&Treat) delle acque di falda (descritto nel dettaglio al Paragrafo 3.2 del Piano della Caratterizzazione), installato in corrispondenza dei piezometri PM-1 e PM-3 (Figura 2). Dalla data di avvio del sistema sono state eseguite delle visite di monitoraggio periodiche in sito, con cadenza quindicinale per i primi tre (3) mesi e successivamente mensile (1), nel corso delle quali sono state svolte le seguenti attività: rilievi freatimetrici in corrispondenza di tutti i pozzi di monitoraggio installati; verifica del corretto funzionamento dell impianto; campionamento delle acque di falda in ingresso (verifica del trend della contaminazione), intermedio ed uscita (verifica della qualità dello scarico) dall impianto di trattamento a carboni attivi; conduzione di analisi chimiche di laboratorio sui campioni di acqua prelevati. A cadenza all incirca quindicinale vengono inoltre condotte visite di monitoraggio in sito finalizzate alla verifica del buon stato di conservazione della geomembrana in HDPE posta a protezione dell area in cui sono state rinvenute le vasche interrate Monitoraggio dei livelli piezometrici Allo scopo di monitorare nel tempo la soggiacenza dell acquifero intercettato in sito, nonché per verificarne l eventuale presenza di prodotto surnatante, nel corso dei monitoraggi mensili sono stati rilevati i livelli piezometrici di tutti i pozzi di monitoraggio installati mediante l utilizzo di una sonda d interfaccia, strumento in grado di rilevare, con la precisione di 1 mm, la presenza di eventuali spessori di prodotto in galleggiamento. Dalle misurazioni eseguite si è evidenziata l assenza di prodotto surnatante sulla superficie libera di falda. Il dettaglio delle misurazioni effettuate nel periodo gennaio 2012 aprile 2013 (2) è riportato nella seguente Tabella 6. (1) = le visite non sono state condotte dalla scrivente nei mesi di settembre 2011, ottobre 2011 e luglio 2012, mentre nel mese di agosto 2012 è stata effettuata solamente la verifica del corretto funzionamento degli impianti di MISE e nei mesi di ottobre 2012 e novembre 2012 non si è proceduto al prelievo di campioni dal sistema di P&T, a seguito di disdette contrattuali ricevute da Petroltecnica da parte delle Società proprietarie dell area; (2) = i rilievi effettuati in precedenza sono riportati nella documentazione già prodotta ed in possesso delle PP.AA.. Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

21 Tabella 6 - Rilievi piezometrici effettuati nel periodo gennaio 2012 aprile 2013 DATA RILIEVO FLUIDI 16/01/12 21/02/12 20/03/12 24/04/12 DENOMINAZIONE LIVELLO DI FALDA m da bocca-pozzo PM-1 1,659 PM-2 1,415 PM-3 1,743 PM-4 1,012 PM-5 1,340 PM-6 1,016 PM-7 1,289 PM-8 1,127 PM-9 3,177 PM-10 1,203 PM-11 2,070 PM-12 2,121 PM-1 0,985 PM-2 1,532 PM-3 1,328 PM-4 piezometro non accessibile PM-5 0,914 PM-6 0,339 PM-7 0,834 PM-8 0,687 PM-9 2,759 PM-10 0,626 PM-11 1,614 PM-12 1,403 PM-1 1,510 PM-2 1,380 PM-3 1,710 PM-4 0,980 PM-5 1,310 PM-6 0,970 PM-7 1,260 PM-8 1,060 PM-9 3,150 PM-10 1,160 PM-11 2,050 PM-12 1,920 PM-1 1,364 PM-2 1,261 PM-3 1,546 PM-4 0,847 PM-5 1,167 PM-6 0,833 PM-7 1,112 PM-8 0,946 PM-9 3,012 PM-10 1,001 PM-11 1,893 PM-12 1,725 segue nella pagina successiva Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

22 continua dalla pagina precedente DATA RILIEVO FLUIDI 28/05/12 25/06/12 25/09/12 26/10/12 DENOMINAZIONE LIVELLO DI FALDA m da bocca-pozzo PM-1 1,647 PM-2 1,350 PM-3 1,664 PM-4 0,994 PM-5 1,301 PM-6 0,961 PM-7 1,233 PM-8 0,681 PM-9 3,115 PM-10 1,128 PM-11 2,024 PM-12 1,883 PM-1 1,547 PM-2 1,432 PM-3 1,725 PM-4 1,039 PM-5 1,379 PM-6 1,035 PM-7 1,316 PM-8 1,149 PM-9 3,198 PM-10 1,210 PM-11 2,083 PM-12 1,922 PM-1 1,486 PM-2 1,392 PM-3 1,676 PM-4 0,974 PM-5 1,315 PM-6 0,972 PM-7 1,265 PM-8 1,096 PM-9 3,146 PM-10 1,146 PM-11 2,257 PM-12 1,867 PM-1 1,435 PM-2 1,350 PM-3 1,635 PM-4 0,945 PM-5 1,265 PM-6 0,925 PM-7 1,123 PM-8 1,042 PM-9 3,100 PM-10 1,095 PM-11 1,985 PM-12 1,820 segue nella pagina successiva Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

23 continua dalla pagina precedente DATA RILIEVO FLUIDI 29/11/12 18/12/12 29/01/13 28/02/13 DENOMINAZIONE LIVELLO DI FALDA m da bocca-pozzo PM-1 1,200 PM-2 1,171 PM-3 1,452 PM-4 0,721 PM-5 0,987 PM-6 0,521 PM-7 1,010 PM-8 0,841 PM-9 2,900 PM-10 0,872 PM-11 1,771 PM-12 1,612 PM-1 1,226 PM-2 1,197 PM-3 1,691 PM-4 piezometro non accessibile PM-5 1,052 PM-6 0,610 PM-7 1,022 PM-8 0,860 PM-9 2,945 PM-10 0,903 PM-11 1,802 PM-12 1,640 PM-1 1,290 PM-2 1,172 PM-3 1,455 PM-4 piezometro non accessibile PM-5 1,008 PM-6 0,545 PM-7 1,032 PM-8 0,862 PM-9 2,920 PM-10 0,912 PM-11 1,792 PM-12 1,631 PM-1 1,364 PM-2 1,225 PM-3 1,479 PM-4 0,809 PM-5 1,094 PM-6 0,622 PM-7 1,073 PM-8 0,910 PM-9 2,972 PM-10 0,974 PM-11 1,860 PM-12 1,703 segue nella pagina successiva Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

24 continua dalla pagina precedente DATA RILIEVO FLUIDI 27/03/13 24/04/13 DENOMINAZIONE LIVELLO DI FALDA m da bocca-pozzo PM-1 1,358 PM-2 1,085 PM-3 1,470 PM-4 piezometro non accessibile PM-5 0,880 PM-6 0,546 PM-7 0,935 PM-8 0,850 PM-9 2,885 PM-10 0,728 PM-11 1,625 PM-12 1,568 PM-1 1,509 PM-2 1,294 PM-3 1,630 PM-4 0,930 PM-5 1,204 PM-6 0,870 PM-7 1,169 PM-8 0,997 PM-9 3,508 PM-10 1,061 PM-11 1,949 PM-12 1,803 I rilievi condotti confermano la direzione di deflusso a scala locale della falda idrica intercettata, da Nord/Nord-Ovest verso Sud/Sud-Est, come si può evincere dalla carta delle isofreatiche riportata a titolo esemplificativo nell allegata Figura 3, con gradiente idraulico pari a 0, Campionamenti effettuati in ingresso, intermedio ed in uscita dall unità di P&T In ottemperanza a quanto disposto dall autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura rilasciata da Marche Multiservizi Spa, in occasione delle visite di monitoraggio e manutenzione del sistema di P&T si è proceduto al prelievo di campioni di acqua in corrispondenza dell ingresso, dell intermedio e dell uscita dall impianto di trattamento a carboni attivi. I campioni di acqua prelevati sono stati conservati a bassa temperatura e successivamente sottoposti ad analisi chimiche presso il laboratorio LAV Srl di Rimini (certificato UNI EN ISO 9001:2008 e dotato di accreditamento n 0447 rev.0 rilasciato da ACCREDIA), per la determinazione dei parametri indicati nella precedente Tabella 3. Nelle seguenti Tabelle 7, 8 e 9 vengono riassunti i risultati delle analisi chimiche effettuate sui campioni di acqua prelevati rispettivamente in ingresso, all intermedio ed in uscita dal sistema di trattamento nel periodo gennaio 2012 aprile 2013 (3), mentre in Allegato J sono riportati i relativi certificati di laboratorio. (3) = i risultati dei campionamenti effettuati in precedenza sono riportati nella documentazione già prodotta ed in possesso delle PP.AA. Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

25 Note: SOSTANZA Tabella 7 - Risultati analitici relativi ai campioni di acqua prelevati in ingresso al sistema di trattamento (gennaio 2012 aprile 2013) U.M. INGRESSO SISTEMA DI TRATTAMENTO 16/01/12 21/02/12 20/03/12 (A) 24/04/12 28/05/12 25/06/12 25/09/12 18/12/12 29/01/13 28/02/13 27/03/13 24/04/13 Idrocarburi totali (come n-esano) < <10 <10 <10 <10 <10 <10 <10 <10 <10 <10 Benzene 2,2 0,3 1,2 <0,1 <0,1 1,8 <0,1 <0,1 <0,1 <0,1 <0,1 <0,1 Toluene <0,5 <0,5 <0,5 0,8 <0,5 0,6 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 Etilbenzene <0,5 0,6 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 p-xilene <0,5 0,6 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 Stirene <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 <0,5 Benzo (a) antracene <0,01 <0,01 <0,01 <0,01 <0,01 <0,01 <0,01 <0,01 <0,01 <0,01 <0,01 <0,01 Benzo (a) pirene <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 Benzo (b) fluorantene <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 Benzo (k) fluorantene <0,001 <0,001 <0,001 <0,001 <0,001 <0,001 <0,001 <0,001 <0,001 <0,001 <0,001 <0,001 Benzo (g, h, i) perilene <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 Crisene <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 Dibenzo (a, h) antracene <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 Indeno (1,2,3 - c,d) pirene <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 <0,002 Pirene <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 0,011 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 2-clorofenolo <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 5,86 <0,50 <0,50 <0,50 2, 4-Diclorofenolo <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 µg/l 2, 4, 6-Triclorofenolo 2,35 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 Pentaclorofenolo <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 <0,50 Clorometano <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 Triclorometano <0,04 <0,04 <0,04 <0,04 <0,04 <0,04 <0,04 <0,04 <0,05 ( ** ) <0,05 <0,05 <0,05 Cloruro di Vinile 1,40 0,090 0,145 0,200 0,080 <0,005 0,020 0,080 0,030 0,050 <0,005 0,230 1, 2-Dicloroetano 0,06 <0,005 0,020 <0,005 <0,005 0,030 0,010 0,007 0,007 0,008 <0,005 0,010 1, 1-Dicloroetilene 0,06 0,011 0,030 0,034 0,020 <0,005 0,100 0,040 <0,005 0,070 <0,005 <0,005 Tricloroetilene 1,86 0,818 1,647 2,010 1,500 0,404 4,200 2,200 2,630 1,990 2,400 1,270 Tetracloroetilene 3,33 2,02 3,08 0,67 3,40 0,86 13,08 6,32 8,03 7,32 7,00 4,54 Esaclorobutadiene <0,05 0,010 ( * ) <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 0,020 <0,005 0,020 <0,005 0,007 Sommatoria organoalogenati 6,70 2,95 5,10 2,91 5,00 1,30 17,41 8,67 10,70 9,46 9,40 6,06 1, 1-Dicloroetano <0,05 <0,005 ( * ) <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 1, 2-Dicloroetilene 29,31 6,760 23,440 <0,005 21,410 5,150 36,480 21,200 19,070 17,150 12,000 14,220 1, 2-Dicloropropano 0,17 0,119 0,118 0,090 0,100 <0,005 0,260 0,100 0,090 <0,005 <0,005 0,080 1, 1, 2-Tricloroetano <0,08 0,020 ( * ) <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 1, 2, 3-Tricloropropano 0,025 0,030 <0,001 0,050 0,050 <0,001 0,110 0,070 0,080 0,080 <0,001 <0,001 1, 1, 2, 2-Tetracloroetano <0,03 <0,005 ( * ) <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 <0,005 0,010 <0,005 0,020 <0,005 <0,005 (A) = campione prelevato in contraddittorio con i tecnici di ARPAM Dipartimento Provinciale di Pesaro; ( * ) = a partire dal mese di febbraio 2012 il laboratorio LAV Srl ha adottato per tale parametro un nuovo limite di rilevabilità strumentale; ( ** ) = a partire dal mese di gennaio 2013 il laboratorio LAV Srl ha adottato per tale parametro un nuovo limite di rilevabilità strumentale. Sito: Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 Via Morosini, 12 Pesaro (PU) Comm.: Comune di Pesaro Oggetto: Progetto Operativo degli Interventi di Bonifica Rapporto N B3-3597/

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

ELENCO PREZZI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PRELIMINARE ALL'AVVIO DELLE ATTIVITA' DI BONIFICA 0,00

ELENCO PREZZI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PRELIMINARE ALL'AVVIO DELLE ATTIVITA' DI BONIFICA 0,00 1 MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PRELIMINARE ALL'AVVIO DELLE ATTIVITA' DI BONIFICA 1.1 Campagna di rilievo dei fluidi in corrispondenza dei piezometri PM-1 PM-12, compreso prelievo campioni (n.12),

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI IN COMUNE DI VICENZA.

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Maurizio Di Tonno Nucleo Operativo Bonifiche e Suolo Marco Fontana, Maria Radeschi Rischio industriale ed Igiene industriale Roma, 29 Gennaio 2015 Competenze

Dettagli

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. (Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al

Dettagli

esecuzione delle attività stesse e l avvio delle operazioni, come comunicato al Ministero dell Ambiente con nota prot. SAE/156 del 26.07.2004.

esecuzione delle attività stesse e l avvio delle operazioni, come comunicato al Ministero dell Ambiente con nota prot. SAE/156 del 26.07.2004. STABILIMENTO DI TARANTO Relazione sulle procedure di bonifica ambientale Febbraio 2007 1. PREMESSA Gran parte delle aree dello stabilimento ILVA S.P.A. di Taranto ricade fra quelle del sito di interesse

Dettagli

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE D1 Rapporto finale di sintesi dei risultati delle

Dettagli

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Corso di Laurea in GeoTecnologie STUDIO DEL PROGETTO OPERATIVO DI BONIFICA AMBIENTALE DI UN PUNTO

Dettagli

Silvia Bertoldo sbertoldo@sinergeo.it Luca Vettorello lvettorello@sinergeo.it

Silvia Bertoldo sbertoldo@sinergeo.it Luca Vettorello lvettorello@sinergeo.it 27 marzo 2015 - Verona Open loop systems criteri per la realizzazione delle opere di presa e indagini geologiche ed idrogeologiche finalizzate alla progettazione e al monitoraggio degli impianti Silvia

Dettagli

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A.

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A. UNITA OPERATIVA Istituto Superiore di Sanità Dott.ssa Loredana Musmeci (Direttore del Reparto Suolo e Rifiuti) Dott.ssa Eleonora Beccaloni Dott.ssa Maria Rita Cicero Dott. Fabrizio Falleni Dott.ssa Federica

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 luglio 2004, n. 14. bonifica Ripristino delle ambientale aree inquinate. dei siti inquinati e disciplina del Piano per la

LEGGE REGIONALE 21 luglio 2004, n. 14. bonifica Ripristino delle ambientale aree inquinate. dei siti inquinati e disciplina del Piano per la 2 Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 32 del 4 agosto 2004 SOMMARIO LEGGE REGIONALE 21 luglio 2004, n. 14. bonifica Ripristino delle ambientale aree inquinate. dei

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di MODULO_E Trasmissione dati relativi all intervento di messa in sicurezza operativa (MISO) o all intervento di bonifica o messa in sicurezza permanente (MISP) effettuato. MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI:

Dettagli

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Dr. Stefano C. A. Rossi Geologo Professionista OGL 667 Milano Milano, ottobre 2014 Sommario Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Definizioni... 3 3.

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 736 DEL 31/12/2013 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 740 DEL 31/12/2013

Dettagli

Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Numero 119 Data: 23 febbraio 2011

Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Numero 119 Data: 23 febbraio 2011 Città di Lecco Città di Lecco Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 119 Data: 23 febbraio 2011 SETTORE: PIANIFICAZIONE E

Dettagli

Cos è la Bonifica (1/2)

Cos è la Bonifica (1/2) Cos è la Bonifica (1/2) Con il DM 471/99, IL Ministero dell Ambiente ha fissato i limiti di concentrazione che alcune sostanze (soprattutto pericolose) possono avere nei terreni e nelle acque di falda.

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 5 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano, di piscina Conta di Legionella spp (compresa Legionella pneumophila) UNI EN ISO 11731-2: 2008 Acque destinate al

Dettagli

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n.

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. 98 A seguito dell entrata in vigore della Legge 09.08.2013 n. 98,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 1/9 DEL 9.1.2009

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 1/9 DEL 9.1.2009 Oggetto: Procedura di Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi dell art. 31 della L.R. n. 1 del 18.1.1999 e s.m.i. e della Delib. G.R. n. 5/ 11 del 15.2.2005 e s.m.i. relativa al progetto Ampliamento

Dettagli

Progetto IAAM. esistenti sul territorio:

Progetto IAAM. esistenti sul territorio: Progetto IAAM (Indagine Ambientale Alto Mantovano) Raccolta e sistematizzazione dei dati esistenti sul territorio: I SITI CONTAMINATI A cura dell Area Suolo e Bonifiche U.O. Sistemi Ambientali ARPA Lombardia

Dettagli

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I Servizi Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I CARATTERIZZAZIONE CHIMICO-FISICA DI SEDIMENTI FLUVIALI PER SOSPETTA PRESENZA DIIDROCARBURI PRESSO LA FOCE DEL

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO SPECIALE RECUPERO AMBIENTALE E URBANISTICO DELLE AREE INDUSTRIALI SITO DI INTERESSE NAZIONALE TRENTO NORD Programma nazionale di bonifica D.M. 468/01 aula magna LICEO

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

PROGRAMMA DI MONITORAGGIO AMBIENTALE FASE DISMANTLING. Expo 2015 S.p.A. Environmental Coordination Team Divisione Tecnica Dismantling

PROGRAMMA DI MONITORAGGIO AMBIENTALE FASE DISMANTLING. Expo 2015 S.p.A. Environmental Coordination Team Divisione Tecnica Dismantling PROGRAMMA DI MONITORAGGIO AMBIENTALE FASE DISMANTLING Expo 2015 S.p.A. Environmental Coordination Team Divisione Tecnica Dismantling Il Programma di Monitoraggio Ambientale della fase Dismantling (PMA

Dettagli

Data aggiornamento: 18/12/2014 CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. LABORATORIO DI MILANO SEDE LABORATORISTICA DI MONZA

Data aggiornamento: 18/12/2014 CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. LABORATORIO DI MILANO SEDE LABORATORISTICA DI MONZA Data aggiornamento: 18/12/2014 CATALOGO DELLE PRESTAZIONI 2014 U.O. LABORATORIO DI MILANO SEDE LABORATORISTICA DI MONZA TITOLAZIONE ACIDO-BASE Idrogenocarbonati - ALCALINITA' MT.MZ.064 rev.01 2008 Titolazione

Dettagli

DECRETO N. 889 Del 11/02/2016

DECRETO N. 889 Del 11/02/2016 DECRETO N. 889 Del 11/02/2016 Identificativo Atto n. 61 DIREZIONE GENERALE WELFARE Oggetto AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE

Dettagli

ANALISI DI RISCHIO E MESSA IN SICUREZZA OPERATIVA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI

ANALISI DI RISCHIO E MESSA IN SICUREZZA OPERATIVA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Dipartimento di Ingegneria Chimica, Mineraria e delle Tecnologie

Dettagli

Ancona, 25.02.2014 EDISON S.p.A. Gestione Idrocarburi Operations.Sambuceto@pec.edison.it

Ancona, 25.02.2014 EDISON S.p.A. Gestione Idrocarburi Operations.Sambuceto@pec.edison.it GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia Posizione di Funzione Valutazioni ed Autorizzazioni Ambientali Ancona, 25.02.2014 PEC EDISON S.p.A. Gestione Idrocarburi Operations.Sambuceto@pec.edison.it

Dettagli

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati 2.02.4 - Svolgimento di campagne di misura sul campo I dati raccolti all interno del Progetto Eur-eau-pa sono stati organizzati in due differenti

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali PROGETTO SISTEMA IRRIGUO VALLI GIRALDA-GAFFARO-FALCE PROGETTO ESECUTIVO Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Salvaguardia ambientale e riassetto irriguo del comprensorio

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

7 Ipotesi di formulazione del modello

7 Ipotesi di formulazione del modello 7 Ipotesi di formulazione del modello concettuale Il Modello Concettuale esplicita i legami tra le diverse componenti (sorgenti di contaminazione, percorsi di migrazione e vie di esposizione, bersagli),

Dettagli

Bonifiche ambientali Sito: Aree adiacenti la discarica di Ghemme (cod prov: 183, cod. reg: 1431)

Bonifiche ambientali Sito: Aree adiacenti la discarica di Ghemme (cod prov: 183, cod. reg: 1431) STRUTTURA COMPLESSA S.C. 11 DIPARTIMENTO DI NOVARA Struttura Semplice 11.02 Bonifiche ambientali Sito: Aree adiacenti la discarica di Ghemme (cod prov: 183, cod. reg: 1431) MONITORAGGIO ARIA-ACQUE SOTTERRANEE

Dettagli

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Geofluid,, 4 ottobre 2012 Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della Cisa,, 7 43123 Parma Tel. 0521 486372 338

Dettagli

CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA

CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA Andrea Buondonno Dipartimento di Architettura e Disegno industriale Luigi Vanvitelli Seconda Università

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 23 - Lunedì 04 giugno 2012 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 23 maggio 2012 - n. IX/3509 Linee guida per la disciplina del procedimento per il rilascio della certificazione di avvenuta bonifica, messa in sicurezza operativa e messa

Dettagli

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Sito di Interesse Nazionale di Porto Marghera Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Novembre 2006 Elaborato da: Ing.

Dettagli

Bonifica in situ. matrice suolo.

Bonifica in situ. matrice suolo. Bonifica in situ Decontaminazione da VOC clorurati: la case history del porto di Rotterdam n di GiuseppeProsperieJaapdeRijk, MWH S.p.A. Per la bonifica dell area del porto di Rotterdam, contaminata principalmente

Dettagli

VADEMECUM SULLE PROCEDURE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI

VADEMECUM SULLE PROCEDURE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI VADEMECUM SULLE PROCEDURE DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI Riferimenti legislativi: D.Lgs 152/2006 e sue integrazioni con il D.Lgs 4/2008 art.242-245-248-249-304-allegato 4, parte IV Realizzazione di un

Dettagli

RELAZIONE SULLA CONFORMITA AMBIENTALE DEI TERRENI

RELAZIONE SULLA CONFORMITA AMBIENTALE DEI TERRENI studio montanari & partners via lusardi, 10 20122 milano t +39.0258317320 f +39.0258313397 studio@smp.mi.it www.smp.mi.it CASSA EDILE DI MILANO Via San Luca, 6 20122 Milano IMMOBILIARE AZZURRA S.r.L. Via

Dettagli

LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE

LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE TUTELA DELL UOMO TUTELA DELL AMBIENTE LA NOSTRA RICERCA AL TUO SERVIZIO Copyright SCAR Labs s.r.l. Tutti i diritti riservati. Viale delle Industrie. Zona ASI, 81020 S. Marco Evangelista (CE) Tel. +39 0823

Dettagli

Spett.le 2 F s.n.c. di Federico Fastro & C. Via Conti d Onigo, 6 31040 Pederobba (TV)

Spett.le 2 F s.n.c. di Federico Fastro & C. Via Conti d Onigo, 6 31040 Pederobba (TV) Spett.le 2 F s.n.c. di Federico Fastro & C. Via Conti d Onigo, 6 31040 Pederobba (TV) DATI IDENTIFICATIVI DEL CAMPIONE N richiesta prove : 2014 1862 Del : 01/08/2014 Cliente: 2 F s.n.c. di Federico Fastro

Dettagli

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl Relatore: Dott. Stefano Danini

Dettagli

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Vai Tiziana, Campo Calogera - Servizio PSAL Colombo Laura, Careghini Alessandro, Trovato Monica - SSD Salute Ambiente Milano, 26

Dettagli

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 8895 07/08/2008 Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA REGOLARIZZAZIONE DI PICCOLA DERIVAZIONE DI ACQUE SOTTERRANEE DA 3 POZZI AD USO INDUSTRIALE IN COMUNE DI CREMONA (CR).

Dettagli

A cura di: Dott. Geol. R. Cortiana Dott. Geol. F. Valentini Dott.ssa Geol. S. Agosti

A cura di: Dott. Geol. R. Cortiana Dott. Geol. F. Valentini Dott.ssa Geol. S. Agosti Dott. Geol. Riccardo Cortiana r.cortiana@geotecnoindagini.it Via Liguria 1 20900 Monza Telefono e fax 039 837656 geotecnoindagini@pec.it Dott. Geol. Filippo Valentini f.valentini@geotecnoindagini.it RELAZIONE

Dettagli

L INCIDENZA DEI COSTI DI BONIFICA SULLO SVILUPPO DELL AREA DISMESSA

L INCIDENZA DEI COSTI DI BONIFICA SULLO SVILUPPO DELL AREA DISMESSA L INCIDENZA DEI COSTI DI BONIFICA SULLO SVILUPPO DELL AREA DISMESSA C. Sandrone, M. Carboni, P. Goria, A. Campi TRS Servizi Ambiente s.r.l. LA RIGENERAZIONE DELLE AREE DISMESSE Riqualificazione ambientale

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ DICHIARAZIONE IN MERITO AL RISPETTO DEI CRITERI PREVISTI IN TEMA DI RIUTILIZZO DI TERRE E ROCCE DA SCAVO DAL COMMA 1 DELL ART. 41bis DEL DECRETO LEGGE 21 GIUGNO 2013, N 69, RECANTE DISPOSIZIONI URGENTI

Dettagli

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso CONVEGNO Contaminazione delle acque sotterranee e tecnologie innovative di bonifica in Lombardia LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2015, ORE 8.45 17.00 REGIONE LOMBARDIA, PALAZZO PIRELLI AUDITORIUM "GIORGIO GABER«Introduzione

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE

PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE PIANO DI GESTIONE DELLE TERRE PROGETTO.. Richiedente: Tecnico: PREMESSA Il presente Piano di Gestione delle terre è stato redatto nel rispetto e in ottemperanza delle seguenti normative specifiche in materia:

Dettagli

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG)

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 1-24020 Scanzorosciate (BG) Unità locali: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Via B. D Este 16-20017 Rho (MI) Fatturato medio annuo ultimi tre anni: Euro 5.500.000

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PROGETTO PER LA RIMOZIONE, TRASPORTO E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN LOCALITÀ FERRARO I E II - COMUNE DI SANTA MARIA LA FOSSA (CE)

CAPITOLATO TECNICO PROGETTO PER LA RIMOZIONE, TRASPORTO E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN LOCALITÀ FERRARO I E II - COMUNE DI SANTA MARIA LA FOSSA (CE) ACCORDO DI PROGRAMMA STRATEGICO PER LE COMPENSAZIONI AMBIENTALI NELLA REGIONE CAMPANIA DEL 18 LUGLIO 2008 E SUCCESSIVO ATTO MODIFICATIVO DELL'8 APRILE 2009 Convenzione Quadro tra il Ministero dell'ambiente

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL INTERVENTO DI RIMOZIONE DEI RIFIUTI IN AMBIENTE CONFINATO A. Festuccia

PROGETTAZIONE DELL INTERVENTO DI RIMOZIONE DEI RIFIUTI IN AMBIENTE CONFINATO A. Festuccia PROGETTAZIONE DELL INTERVENTO DI RIMOZIONE DEI RIFIUTI IN AMBIENTE CONFINATO A. Festuccia INTRODUZIONE La società Italgas SpA ha iniziato nei primi mesi del 2000 le attività di riqualificazione ambientale

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

CIES s.a.s, Perini Ivo, So.Ge.Mo s.r.l.

CIES s.a.s, Perini Ivo, So.Ge.Mo s.r.l. Dipartimento di Sanità Pubblica U. O. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro RELAZIONE per Amm.ne Comunale di Forlì Verifica finale sulla presenza di fibre di amianto eseguita dopo le attività

Dettagli

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc.

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc. DICHIARAZIONE SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO (art. 186 D.Lgs 152/2006 come modificato da D.Lgs. n. 4/08) Oggetto : Riutilizzo delle terre e rocce da scavo ai sensi

Dettagli

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo ECOMONDO Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli Nicola Di Nuzzo Workshop Pronto intervento ambientale: le professionalità per gestire l inaspettato 7 novembre 2013 Emergenza fiume Lambro

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Verona

Regione Veneto Provincia di Verona Regione Veneto Provincia di Verona Comune di Villafranca di Verona CAMPAGNA MOBILE DI RECUPERO RIFIUTI NELL EX CAVA IN LOCALITÀ VALENE VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Acque superficiali Tab. 1/A Standard di qualità nella colonna d acqua per le sostanze dell elenco di priorità 1 2 (1) Le sostanze contraddistinte dalla lettera

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

METODI ANALISI TERRENO

METODI ANALISI TERRENO Data aggiornamento 0/0/202 Accreditato ACCREDIA Residui residuo a 600 C DM 3/09/999 SO n 85 GU n 248 2/0/999 Met II.2 residuo secco a 05 C DM 3/09/999 SO n 85 GU n 248 2/0/999 Met II.2 umidità DM 3/09/999

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO SANITÀ PUBBLICA CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

Al Comitato Cittadino Osservatorio per la Discarica Tremonti osservatorio per la discarica tremonti@pec.it

Al Comitato Cittadino Osservatorio per la Discarica Tremonti osservatorio per la discarica tremonti@pec.it Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 - Via Triachini, 17 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: urpbo@arpa.emr.it SERVIZIO TERRITORIALE SINADOC 923/2015

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree in Ingegneria Civile ed

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi

MANUALE GESTIONE QUALITÀ Laboratorio Analisi 1,1,1-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1,2-Tricloroetano Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,1-Dicloroetilene Acqua APHA SMEW ed 22nd 2012, 6200/B 1,2,4-Triclorobenzene Acqua APHA

Dettagli

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale S.G.M. geologia e ambiente ingegneria ambientale S.G.M. Geologia e Ambiente INGEGNERIA AMBIENTALE GESTIONE DEI RIFIUTI S.G.M. Geologia e Ambiente offre un ampia gamma di servizi specifici per le problematiche

Dettagli

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Gestore: Fratelli Lupoli srl P.IVA e C.F.: 01231150598 Sede Legale

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 (in S.O. n. 50/L alla Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 144 del 21 giugno 2013), coordinato con la legge di conversione

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

ANALISI DELLE AZIONI DI PIANO E VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI AMBIENTALI.

ANALISI DELLE AZIONI DI PIANO E VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI AMBIENTALI. PREMESSA Il presente documento è stato redatto allo scopo di evidenziare come la progettazione abbia tenuto conto delle prescrizioni esperesse dall Organo tecnico regionale per la VAS nella Fase di Verifica

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

VSQ03 VERBALE DI SOPRALLUOGO. Pag 1 di 5. VERBALE DI SOPRALLUOGO del giorno 3 febbraio 2004 presso il sito ex-pertusola

VSQ03 VERBALE DI SOPRALLUOGO. Pag 1 di 5. VERBALE DI SOPRALLUOGO del giorno 3 febbraio 2004 presso il sito ex-pertusola Pag 1 di 5 VERBALE DI SOPRALLUOGO del giorno 3 febbraio 2004 presso il sito ex-pertusola Presenti Argomento Ing. Serafini (Provincia di La Spezia); Ing. Bazzighi (Tecnova); Dott.ssa Colonna (Dipartimento

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 Spett.le AUTOSERVIZI DE ZEN MICHELE s.a.s. Via del Capitello, 5 31011 Asolo (TV) RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 DATI IDENTIFICATIVI DEL CAMPIONE N richiesta Prove : 2014 0586 Del : 17/03/2014

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Convegno su Il nuovo diritto dell ambiente: le recenti riforme su danno ambientale, bonifiche e IED. Aspetti legali, tecnici e assicurativi La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Donatella

Dettagli

Città Metropolitana di Genova

Città Metropolitana di Genova Città Metropolitana di Genova PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Protocollo Generale N. 0049851 / 2015 Atto N. 2307 OGGETTO: CERTIFICAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA Le domande di autorizzazione e di concessione per la costruzione di un pozzo devono essere corredate da un progetto preliminare

Dettagli

SUPPLEMENTO N. 1 AL RAPPORTO DI PROVA SU CAMPIONE DI MATERIALI. ECOFELSINEA S.r.l. via Dei Poeti, 1/ Bologna(BO) ECOFELSINEA S.r.l.

SUPPLEMENTO N. 1 AL RAPPORTO DI PROVA SU CAMPIONE DI MATERIALI. ECOFELSINEA S.r.l. via Dei Poeti, 1/ Bologna(BO) ECOFELSINEA S.r.l. SUPPLEMENTO N. 1 AL RAPPORTO DI PROVA SU CAMPIONE DI MATERIALI Etichettatura e sigilli: Numero del Rapporto di Prova: 4176 Committente: Produttore del campione: MPS - Frantumato da demolizione ECOFELSINEA

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata:

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata: 10 CRITERI TECNICI DELLE PRIORITÀ L elenco dei siti con gli indici di priorità contenuti nel presente piano, dovrà essere rivisto ed aggiornato alla luce delle risultanze emergenti dai piani di caratterizzazione.

Dettagli

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009)

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) ANALISI DI INQUINANTI AERODISPERSI PRESTAZIONE Matrice Tecnica analitica Euro

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Via S.Marco (cimitero comunale) Periodo di attuazione: 12 aprile 17 maggio 2013 (semestre estivo) 18 settembre 29 ottobre 2013 (semestre invernale) RELAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO)

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROVINCIA DI ROVIGO REGIONE DEL VENETO COMUNE DI ADRIA PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROGETTO DEFINITIVO R03

Dettagli