REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana DISCIPLINARE DEI COSTI AMMISSIBILI MISURA 4.12 del Complemento di Programmazione del POR Sicilia 2000/2006 ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Servizio XI Servizi allo Sviluppo 1

2 INDICE GENERALITÀ... 3 Eleggibilità della spesa del progetto... 3 CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITÀ... 4 Criterio della pertinenza... 4 Criterio della congruità... 5 Criterio del costo netto... 5 Criterio di inammissibilità legato alla tipologia del costo... 5 Criterio di ammissibilità dell IVA... 5 IRAP... 6 PARTICOLARITÀ... 6 I Contributi in natura... 6 I COSTI DEL PROGETTO... 7 Il Piano Finanziario Accertato... 7 ASPETTI DELLA RENDICONTAZIONE SPECIFICI PER CIASCUNA CATEGORIA DI SPESA... 7 A) Spese legali, amministrative e per la dotazione... 7 Documentazione minima per i controlli...7 Documenti giustificativi di spesa...8 Documenti giustificativi di pagamento...8 Riattamenti... 8 Documentazione minima per i controlli...8 Documenti giustificativi di spesa...8 Documenti giustificativi di pagamento...9 Materiale durevole... 9 Documentazione minima per i controlli...9 Documenti giustificativi di spesa...9 Documenti giustificativi di pagamento...10 B) Spese di gestione: Personale dipendente Personale non dipendente Documentazione minima per i controlli...11 Documenti giustificativi di spesa...11 Documentazione attestante il pagamento...12 Materiale non durevole Documentazione minima per i controlli...12 Documenti giustificativi di spesa...12 Documenti giustificativi di pagamento...12 Consulenze esterne Spese relative alle consulenze esterne...13 Documentazione minima per i controlli...14 Documenti giustificativi di spesa...14 Documenti giustificativi di pagamento...14 Altre spese Documentazione minima per i controlli...14 Documenti giustificativi di spesa...15 Documenti giustificativi di pagamento...15 Spese non Ammissibili Allegati: - Schema Piano Finanziario (Allegati A e B) - Schema Piano Finanziario Analitico 2

3 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE XI Servizio Servizi allo Sviluppo Misura 4.12 del Complemento di Programmazione del POR Sicilia 2000/2006 DISCIPLINARE DEI COSTI AMMISSIBILI GENERALITÀ Le spese ammissibili riguardano i costi che le società beneficiarie sostengono per la realizzazione del progetto: sono ammessi al finanziamento soltanto i costi attribuibili per competenza a date comprese nel periodo deliberato per lo svolgimento del progetto, a condizione che siano stati effettivamente sostenuti e liquidati in tale periodo; vale cioè il criterio di cassa, con le sole eccezioni degli oneri differiti per il personale dipendente (tale eccezione non vale per il saldo conclusivo). Tale criterio di cassa va rispettato anche nell ambito dei singoli rendiconti contabili relativi ai previsti stati d'avanzamento, che non possono presentare costi non ancora sostenuti e liquidati entro la data di conclusione del periodo cui si riferiscono 31 ottobre 2007, prima annualità, 30 settembre 2008, seconda annualità. Per le sole fatture e versamenti anche differiti relative all'ultimo periodo contabile è consentita l'effettuazione del pagamento entro i termini previsti contrattualmente per l'invio al soggetto convenzionato del rendiconto contabile corrispondente; in ogni caso entro e non oltre il 15 novembre 2007, per la prima annualità, ed entro e non oltre il 15 ottobre 2008 per la seconda annualità. Il 15 novembre 2007 ed il 15 ottobre 2008 sono i termini ultimi per la presentazione della rendicontazione annuale. Relativamente alla contabilizzazione delle spese sostenute per il progetto, le società beneficiarie del contributo dovranno tenere contabilità separata in un unico fascicolo. All interno di detto fascicolo i titoli di spesa (comprensivi dei documenti attestanti il pagamento) dovranno essere raggruppati per voce di spesa. A ciascun titolo di spesa originale dovrà essere allegato il mandato di pagamento quietanzato. I titoli di spesa dovranno riportare opportune diciture che permettano di individuare la finalizzazione della spesa al progetto oggetto della misura 4.12 del C.d.P.. Si precisa, altresì che in sede di rendicontazione per ciascuna delle successive voci di spesa, ammissibili per il progetto, dovrà essere redatta una relazione tecnico-finanziaria illustrativa sia della motivazione delle spese effettuate, sia della stretta attinenza alle attività previste nell ambito del progetto. Eleggibilità della spesa del progetto A livello di progetto la data iniziale di ammissibilità della spesa è, per le Società già costituite, quella successiva alla presentazione della domanda (data di arrivo), per quelle di nuova costituzione la data di costituzione medesima. Le Ditte dovranno comunque comunicare la data di inizio attività. In particolare le spese relative alla voce A) Spese legali, amministrative e per la dotazione sono ammissibili a partire dalla data di arrivo della domanda per le Ditte già costituite, dalla data costituzione per le altre; le spese relative alla voce B) Spese di gestione sono ammissibili a partire dalla data di inizio attività per entrambe le tipologie. Pertanto la data di eleggibilità va dalla data di cui sopra fino a quella di chiusura del progetto che non potrà essere in nessun caso successiva al 30 settembre 2008, data entro la quale dovrà essere presentata la rendicontazione conclusiva del progetto. 3

4 CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITÀ Le presenti disposizioni integrano e non sostituiscono le vigenti norme nazionali e comunitarie dalle quali discendono le regole cui deve conformarsi l attuazione delle operazioni di cui trattasi. In generale l ammissibilità di una spesa è giudicata tenendo conto di tre criteri base: a) il contesto generale b) la natura della spesa c) l ammontare. Per essere ammissibile una spesa deve: a) non essere finanziata da altri programmi comunitari o nazionali o comunque con risorse pubbliche; b) essere strettamente connessa a quanto previsto dal progetto approvato dall Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste, dalla misura 4.12 e dal Complemento di Programmazione al P.O.R. Sicilia 2000/2006; c) essere necessaria all operazione oggetto del contratto (funzionalità dimostrabile rispetto agli obiettivi del progetto); d) essere ragionevole (importo non superiore a quello medio di mercato) e soddisfare il principio di buona gestione finanziaria, di economicità ed il rapporto costi benefici; e) essere effettuata nel periodo di eleggibilità del progetto; f) rientrare in una delle categorie di spesa che compongono il piano finanziario del progetto; g) corrispondere a dei pagamenti effettivamente (uscita finanziaria) e definitivamente (iscritta in bilancio, senza possibilità di recupero) sostenuti dalla società beneficiaria; h) essere registrata nella contabilità della società beneficiaria ed essere chiaramente identificabile (tenuta di contabilità separata del progetto o utilizzo di un codice che permetta di identificare in maniera chiara la contabilità del progetto); i) essere giustificata da documenti di spesa originali riportanti il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; j) essere sostenuta nel rispetto dei criteri civilistici e fiscali in tema di contabilità e dei regolamenti di contabilità del beneficiario; k) essere supportata da una Relazione Tecnico Amministrativa da produrre al momento della rendicontazione - (a firma del rappresentante legale o del responsabile amministrativo della società beneficiaria), che specifichi dettagliatamente la connessione tra la spesa sostenuta e le attività del progetto cui quella spesa si riferisce (pertinenza e conformità della spesa al progetto); l) essere presentata utilizzando gli appositi supporti cartacei ed informatici predisposti dall Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste; m) essere sostenuta e presentata nel rispetto di una chiara suddivisione delle responsabilità all interno della società beneficiaria supportata da un organigramma che definisca chiaramente per ogni attività svolta all interno del progetto (di gestione, di controllo interno, di pagamento ecc.) chi fa cosa e da documenti che giustifichino in maniera certa eventuali deleghe di responsabilità. Per la verifica dell ammissibilità di un costo sono adottati i seguenti criteri: Criterio della pertinenza I costi ammissibili devono essere strettamente connessi all operazione approvata. L inerenza del costo al progetto va riscontrata rispetto alla natura, e alla destinazione fisica del bene o servizio. Le spese effettivamente sostenute devono derivare da impegni giuridicamente vincolanti (contratti, lettere di incarico, ordinativi, ecc.) da cui risulti chiaramente l oggetto della prestazione o fornitura, il suo importo, la sua pertinenza al progetto, i termini di consegna. 4

5 Criterio della congruità Non vengono riconosciuti costi eccessivamente elevati, superflui o imputabili ad inadempimenti del soggetto che rendiconta (ad esempio penali od ammende). Un costo si considera eccessivamente elevato quando a insindacabile giudizio dell Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana si discosta in maniera sensibile dal costo medio di mercato del bene o servizio acquisito per gli stessi scopi nello stesso periodo di tempo. A supporto delle verifiche di congruità l Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana fornisce le seguenti specifiche indicazioni in merito al costo medio unitario di riferimento per le opere, quale il rispetto del prezziario dell Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste e impone i massimali della circolare n. 41 del 5 dicembre 2003 del Ministero del Lavoro per la sola parte relativa ai costi dei consulenti. Criterio della coerenza L ammissibilità dei costi viene valutata anche secondo il criterio di coerenza interna e contabile relativamente alle attività svolte ed alla rendicontazione di spesa esposta. Criterio del costo netto In ogni caso il costo riconoscibile si ottiene sottraendo dalla somma delle spese accertate eventuali detrazioni di spesa. Criterio di inammissibilità legato alla tipologia del costo Per loro stessa natura, ed indipendentemente dalla loro legittimità o pertinenza, non sono, comunque, ammissibili i seguenti costi: Le spese effettuate prima della presentazione della domanda di finanziamento e quelle effettuate dopo la chiusura del progetto; Gli interessi debitori; Gli aggi (oneri esattoriali o di riscossione); Le perdite su cambio; Ammende, penali e spese per controversie legali; L acquisto di immobili; Cellulari; Le automobili o altri veicoli a motore; Spese di marketing o relative alla vendita di servizi se non strumentali al progetto e previste nel progetto stesso altre imposte, tasse o oneri: in particolare le imposte dirette e i contributi per la sicurezza sociale su stipendi e salari non costituiscono spesa ammissibile tranne quando sono effettivamente e definitivamente sostenuti dal beneficiario finale o dal singolo destinatario; spese di rappresentanza: tese a promuovere l immagine del contraente, soprattutto presso fornitori o partner negli affari. Sono considerate spese di rappresentanza anche cessioni a titolo gratuito di beni o servizi a detti soggetti. Criterio di ammissibilità dell IVA Riguardo all ammissibilità dell IVA e delle altre imposte e tasse: L IVA può costituire una spesa ammissibile solo se è realmente e definitivamente sostenuta dal beneficiario finale, oppure dal singolo destinatario nell ambito dei regimi di aiuto ai sensi dell articolo 87 del trattato, e nel caso di aiuti concessi dagli organismi designati dagli Stati. L IVA che può essere in qualche modo recuperata, non può essere considerata ammissibile anche se non è effettivamente recuperata dal beneficiario finale o dal singolo destinatario. 5

6 Quando il beneficiario finale o il singolo destinatario è soggetto ad un regime forfetario ai sensi del titolo XIV della sesta direttiva 77/388/CEE sull IVA, l IVA pagata è considerata recuperabile ai fini del punto 1. Ai fini della valutazione di ammissibilità dell IVA è quindi necessario presentare una dichiarazione, sotto forma di autocertificazione a firma del rappresentante legale, che certifichi il regime IVA a cui è sottoposto la Società beneficiaria. IRAP Con il D.Lgs n. 446 del 1/12/97 è stata istituita l IRAP. Tale imposta è calcolata su di una base imponibile costituita tra l altro dalle retribuzioni corrisposte al personale a qualunque titolo utilizzato o sul valore della produzione netta. Tale imposta può essere considerata ammissibile per la parte percentuale riconducibile esclusivamente agli oneri derivanti da retribuzioni. PARTICOLARITÀ I Contributi in natura Il cofinanziamento, a termini di regolamento, non deve essere necessariamente a fronte di spese che effettivamente si sostengono, ma deve essere comunque giustificato dal fatto che sono state utilizzate, ad esempio, determinate prestazioni di lavoro e che per queste non si richiede il finanziamento. Infatti il Regolamento (CE) n. 1685/2000 della Commissione del 28 luglio 2000, modificato dal Reg. 448/2004 della Commissione del 10 marzo 2004, concernente l ammissibilità delle spese concernenti le operazioni cofinanziate dai Fondi strutturali, prevede, nella Norma n. 1 Spese effettivamente sostenute, anche l ammissibilità di contributi in natura per la realizzazione del progetto, a condizione che siano verificabili e che: a) consistano nella fornitura di attività di professionali o prestazioni volontarie non retribuite (N.B.: i versamenti INAIL, ove previsti per legge, dovranno essere in ogni caso effettuati per l intero importo della prestazione); b) non siano collegati a misure di ingegneria finanziaria; c) il loro valore possa essere oggetto di revisione contabile e di valutazione indipendente; d) in caso di prestazioni volontarie non retribuite, il relativo valore venga determinato tenendo conto del tempo effettivamente prestato e delle normali tariffe orarie e giornaliere in vigore per l'attività eseguita. Pertanto, la prestazione deve essere conforme alle disposizioni generali di ammissibilità; il contributo comunitario non può superare l importo delle spese effettivamente sostenute, ossia il costo netto sovvenzionabile al netto degli apporti in natura (esempio: nell ipotesi di un tasso di cofinanziamento comunitario del 50% per un costo totale sovvenzionabile di 100, in cui le spese effettivamente sostenute rappresentano solo 40 e le prestazioni in natura 60, il contributo comunitario, teoricamente pari a 50 (50% di 100) in questo caso è limitato a 40; il calcolo del costo del lavoro deve essere effettuato conformemente alle norme nazionali in materia di calcolo del costo orario, giornaliero o settimanale del lavoro (per esempio, le tariffe legali riconosciute CCNL per il lavoro subordinato, i parametri previsti da ordini professionali o strutture di categoria per il lavoratore autonomo, qualora esistano norme del genere si applicheranno i minimi previsti dai tariffari degli ordini professionali). 6

7 I COSTI DEL PROGETTO Nell ambito dei criteri generali sopraelencati sono ammessi al finanziamento i costi di seguito indicati, riconoscendosi comunque all Assessorato Agricoltura e Foreste il diritto di valutarne la congruità, la pertinenza e la coerenza in base alla documentazione e alle realizzazioni disponibili. Il Piano Finanziario Accertato Il piano finanziario accertato è quello che risulta nel progetto esecutivo approvato dall Assessorato Agricoltura e Foreste col decreto di finanziamento, suddiviso per periodo di riferimento (annualità) e per tipologia di voci di spesa (allegato 1 schema di piano finanziario). Le macro voci di spesa nelle quali il piano finanziario è suddiviso sono: A) Spese legali, amministrative e per la dotazione: B) Spese di gestione: ASPETTI DELLA RENDICONTAZIONE SPECIFICI PER CIASCUNA CATEGORIA DI SPESA A) Spese legali, amministrative e per la dotazione In tale categoria rientrano tutte le spese strettamente collegate alla attività di avvio del progetto. Tali spese comprendono i costi amministrativi e le spese riguardanti la fase di start up del progetto non rendicontate nella macro voce B) Spese di gestione. L elenco di tali spese sono: Spese legali, amministrative (inclusa l apertura di conto corrente dedicato ed infruttifero), di costituzione e studi: spese notarili, legali ed amministrative documentate, anche ai fini della costituzione, compresi i costi per garanzie fidejussorie nonché per l acquisto di libri sociali e contabili; gli studi di fattibilità e valutazione finalizzati alla determinazione economico-finanziaria dell impresa; Spese per riattamenti: riattamenti, adeguamenti e ristrutturazione di immobili destinati al servizio (per tali spese si dovrà fare riferimento al prezziario dell Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste, pertanto i progetti che utilizzeranno un diverso prezziario per i riattamenti non verranno ritenuti ammissibili limitatamente a detta voce di spesa). Ai fini dell ammissibilità le spese per i riattamenti dovranno corrispondere a quelle del computo metrico estimativo presentato a firma di un professionista abilitato. Tale costo è ammissibile nel limite del 15% del costo del progetto; Spese per acquisti e allacciamenti (materiale durevole): acquisto arredi, acquisto materiali ed attrezzature, ivi comprese quelle informatiche (inclusa assistenza tecnica), brevetti e software, realizzazione siti WEB; allacciamenti utenze elettriche, idriche e telefoniche. Le modalità di rendicontazione, per quanto riguarda i documenti giustificativi di spesa e di pagamento saranno le stesse indicate per le altre tipologie di spesa. Documentazione minima per i controlli La documentazione per la verifica dell ammissibilità della spesa, da presentare in copia conforme all'originale, può essere suddivisa in documenti giustificativi e documenti attestanti l'effettivo e definitivo pagamento della spesa. 7

8 Documenti giustificativi di spesa A titolo esemplificativo possono essere: v Fattura, bollettino di conto corrente postale/ricevuta, nota di debito attestante l acquisto del bene o servizio riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione. Documenti giustificativi di pagamento A titolo esemplificativo possono essere: v Ricevuta attestante l acquisto effettuato; v Assegno bancario non trasferibile intestato al fornitore del bene; v Assegno circolare intestato al fornitore del bene ; v Bonifico bancario controfirmato dal cassiere e riportante il timbro della banca; v Estratto conto bancario riportante bonifico di pagamento con intestatario chiaramente definito; v Libro giornale attestante i pagamenti in contanti non superiori a 500,00, in ogni caso, nel rispetto dei limiti previsti dal c.d. decreto Bersani, unitamente con le relative ricevute fiscali; v Mandato di pagamento quietanzato; v Ordinativo di pagamento. Riattamenti Sono considerati riattamenti tutti quegli interventi finalizzati all adeguamento esclusivamente dell immobile adibito a sede operativa della società beneficiaria per le finalità del progetto (opere edili, impianti idrici ed elettrici, ecc.). Questi interventi sono ammissibili se sono accompagnati da progetto esecutivo e computo metrico estimativo redatto da tecnico abilitato ed i relativi prezzi sono quelli del prezziario ufficiale dell Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste. La manodopera contoterzi è ammissibile per i piccoli lavori in economia qualora il loro costo risulti inferiore a quello del prezziario ufficiale dell Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste (valore massimo ammissibile ,00). La rendicontazione delle spese dovrà contenere imprescindibilmente il certificato di collaudo tecnico effettuata da un professionista abilitato. Le spese relative alle attività tecniche (progettazione, direzione lavori e collaudo) non possono superare il 6% del valore delle opere di riattamento. Tale costo è ammissibile nel limite del 15% del costo del progetto. Documentazione minima per i controlli La documentazione per la verifica dell ammissibilità della spesa, da presentare in conforme all'originale, può essere suddivisa in documenti giustificativi di spesa e documenti attestanti l'effettivo e definitivo pagamento. Documenti giustificativi di spesa In linea di principio si reputano necessarie: v Contratto con l impresa esecutrice contenente l indicazione del riferimento alle opere da eseguire ed al progetto; v Fattura attestante i lavori eseguiti e riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; v Ricevuta attestante i lavori eseguiti e riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; 8

9 v certificato di collaudo tecnico effettuato da un professionista abilitato, attestante l avvenuta esecuzione dei lavori a regola d arte. Documenti giustificativi di pagamento A titolo di esempio possono essere: v Mandato di pagamento quietanzato dalla banca; v Ordinativo di pagamento; v Assegno bancario non trasferibile intestato al fornitore del bene; v Assegno circolare intestato al fornitore del bene; v Estratto conto bancario riportante bonifico di pagamento con intestatario chiaramente definito. Materiale durevole Sono considerati beni durevoli tutti quelli acquisiti o utilizzati per finalità strettamente connesse al progetto ed iscritti o ascrivibili nel libro degli inventari (arredi, attrezzature, ivi comprese quelle informatiche; brevetti; software; ecc..). Questi beni devono essere obbligatoriamente previsti in fase di approvazione del progetto. Le spese di attrezzature potranno essere considerate ammissibili se saranno presentati almeno tre preventivi, di cui quello prescelto vidimato dalla CCIAA, ed inoltre dovrà essere dimostrato che il bene acquistato è quello economicamente più conveniente (criterio prezzo/qualità). I criteri che saranno applicati, per la scelta dei beni e relativi costi da imputare al progetto, sono i seguenti: - il costo dei beni per i quali vi è un nesso diretto con gli obiettivi dell'operazione è spesa ammissibile a condizione che finanziamenti nazionali o comunitari non abbiano contribuito al loro acquisto; - per i beni di nuovo acquisto, il cui uso sia necessario ma non esclusivo per il progetto, il costo relativo sarà ammesso al finanziamento in parte proporzionale all uso effettivo per il progetto stesso e sempre secondo il metodo pro rata temporis. Pertanto la relativa spesa può essere riconosciuta limitatamente alla quota d uso effettivamente utilizzata dal progetto. Non sono ammesse le spese relative all acquisizione, leasing e noleggio di mezzi di trasporto (natanti, autoveicoli, ecc.). Documentazione minima per i controlli La documentazione per la verifica dell ammissibilità della spesa, da presentare in copia conforme all'originale, può essere suddivisa in documenti giustificativi di spesa e documenti attestanti l'effettivo e definitivo pagamento. Documenti giustificativi di spesa In linea di principio si reputano necessarie: v contratto o ordine al fornitore contenente l indicazione del riferimento al progetto; v Bolla di accompagnamento del bene acquistato riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; v Libro degli inventari; v Fattura attestante l acquisto riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; v Ricevuta attestante l acquisto riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione. 9

10 Documenti giustificativi di pagamento A titolo di esempio possono essere: v Mandato di pagamento quietanzato dalla banca; v Ordinativo di pagamento; v Assegno bancario non trasferibile intestato al fornitore del bene; v Assegno circolare intestato al fornitore del bene; v Estratto conto bancario riportante bonifico di pagamento con intestatario chiaramente definito. B) Spese di gestione: In tale categoria rientrano tutte le spese strettamente collegate alla attività di gestione successiva all avvio della società. Tali spese comprendono le spese di gestione del progetto non rendicontate nella macro voce A) Spese legali, amministrative e per la dotazione. L elenco di tali spese sono: affitto locali: è ammessa la spesa di affitto locali per il periodo deliberato per lo svolgimento del progetto. Il sub-affitto è consentito solo se previsto nel contratto di locazione originario dell'immobile. In caso di subaffitto si applica il metodo del pro-rata: qualora nello stesso immobile operino più società verrà riconosciuto il costo dei locali esclusivamente in relazione alla superficie destinata alle attività della società beneficiaria ed al valore del contratto di affitto/locazione (pertanto se l immobile di mq 100 è perso in locazione/affitto per l importo di 10 e con successivo contratto è sub locato in parte alla società beneficiaria per mq 30 il costo ammissibile è di 3). Qualora la società beneficiaria eserciti altre attività tale costo è ammissibile, inoltre, in proporzione al fatturato relativo alle attività di cui alla misura 4.12 rispetto al fatturato complessivo; utenze, solo se intestate alla società beneficiaria (le spese relative alle utenze telefoniche fisse sono ammissibili nel limite forfetario di. 750,00 per ciascun anno); personale tecnico e amministrativo dipendente o con contratto a progetto; materiale non durevole: si intendono i beni che esauriscono la loro funzione nell'ambito del loro utilizzo: spese per cancelleria, fotoriproduzioni, libri, abbonamenti, stampa di opuscoli e di altro materiale divulgativo, ecc.. Per tale voce è ammessa la spesa nel limite del 5% del progetto; la spesa relativa alla stampa del materiale divulgativo (inviti, manifesti, opuscoli, ecc..) viene esclusa nel calcolo del limite del 5%; altre spese: pulizia, riscaldamento, manutenzione (esclusivamente delle attrezzature in dotazione alla società beneficiaria in relazione al maggiore uso che implica la realizzazione del progetto), pubblicità, ecc.. Tale spesa è ammissibile nel limite del 10% del costo del progetto; consulenze esterne tecniche e/o amministrative: tale spesa è ammissibile nel limite del 20% del costo del progetto. Per consulenze esterne tecniche devono intendersi rapporti lavorativi occasionali e non continuativi, per prestazioni non fornite attraverso i rapporti di lavoro di tipo dipendente. Personale dipendente Questa voce comprenderà il personale dipendente della società beneficiaria, anche con contratto temporaneo, impegnato nelle attività previste dal progetto, per il tempo impegnato all'attività del progetto ed i cui costi non siano già imputati ad altri finanziamenti pubblici. Il costo del personale assunto a tempo determinato o indeterminato è dato dalla retribuzione di cui il dipendente utilizzato è in godimento, rapportata al tempo d impegno nel progetto. Per individuare il costo del personale occorre fare riferimento alla retribuzione su base annua (diretta, indiretta e differita) di cui il dipendente utilizzato è in godimento entro i limiti contrattuali di riferimento (contratto di collaborazione coordinata e continuativa, CCNL Contratto Collettivo 10

11 Nazionale di Lavoro, eventuali accordi aziendali più favorevoli). La retribuzione deve essere rapportata alle giornate o alle ore di impegno nel progetto. Più precisamente l importo totale degli elementi costitutivi della retribuzione in godimento con esclusione degli elementi mobili (indennità diverse stabilite dal CCNL) e di quella differita (T.F.R. e 14ma), maggiorato degli oneri sociali, fiscali, diviso per le giornate lavorative annuali, moltiplicato per il numero di giorni/ore di impegno nel progetto finanziato, rappresenta il costo imputabile al progetto. es. Stipendio lordo annuo + quota TFR maturata + quota 14ma maturata + Oneri sociali a carico Ente/ n. giornate lavorative = costo per giornata lavorata Costo per giornata lavorata X n. giornate attribuite al progetto = quota costo del progetto Non sono considerate ammissibili spese di diaria e missioni; le spese di straordinario non sono ammissibili se non sono preventivamente autorizzate, quantificate e collegate direttamente al progetto. Indispensabili ai fini del controllo sono le comunicazioni di eventuali modifiche riguardanti i nominativi del personale utilizzato ai fini del progetto o le modifiche di mansioni esplicitate. Il legale rappresentante della società può sostituire una persona allocata alla realizzazione di una determinata operazione all interno del progetto con un altra avente la stessa qualifica professionale ed abilitata ad espletare le stesse funzioni rispettando il budget finanziario previsto. Personale non dipendente Questa voce comprenderà il personale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa e/o del contratto a progetto nelle nuove forme previste dalla legge sulla riforma del diritto del lavoro (Legge Biagi). Il contratto dovrà contenere l indicazione della durata dell incarico, della remunerazione prevista e di eventuali maggiorazioni per spese, delle attività da svolgere e delle modalità di esecuzione, nonché l impegno per il collaboratore a prestare la propria opera presso le strutture della società finanziata. Il costo riconosciuto sarà determinato in base alle ore dedicate al progetto presso la struttura della società finanziata valorizzate al costo orario previsto nel contratto maggiorato degli oneri di legge. Documentazione minima per i controlli La documentazione per la verifica dell ammissibilità della spesa, da presentare in copia conforme all'originale 1, può essere suddivisa in documenti giustificativi di spesa e documenti attestanti l'effettivo e definitivo pagamento. Documenti giustificativi di spesa A titolo di esempio possono essere: v Lista del personale attribuito al progetto. La tabella relativa al personale deve riportare la qualifica, la funzione, la percentuale d imputazione al progetto e il nominativo del soggetto e menzionare separatamente la remunerazione totale (comprensiva degli oneri sociali) e i costi eleggibili a livello di progetto; v Ordine di servizio interno o lettera d incarico da cui risulti il ruolo da svolgere nell ambito del progetto e il numero di giornate/ore previste; tale documento deve essere anteriore all inizio della prestazione; v Cedolino paga riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; v Documenti attestanti il versamento degli oneri sociali e fiscali; 1 DPR 445/2000 Sezione IV art. 18 G.U. n. 42 del 20/02/

12 v Nota di debito riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; v Time Sheet mensile, attestato dal rappresentante legale, riportante: nome del dipendente, qualifica, giorni e/o ore lavorate sul progetto, titolo del progetto, mese di riferimento, firma del dipendente o contrattista. Documentazione attestante il pagamento A titolo di esempio possono essere: v Mandato di pagamento quietanzato dalla banca; v Ordinativo di pagamento; v Assegni bancari non trasferibili o circolari dai quali si evinca chiaramente l importo ed il nominativo del percepente; v Libro giornale attestante i pagamenti in contanti non superiori a 500,00, in ogni caso, nel rispetto dei limiti previsti dal c.d. decreto Bersani, unitamente con le relative ricevute fiscali; v Estratto conto bancario contenente eventuali bonifici (anche cumulativi) attestanti il versamento degli stipendi o salari; v Modello F 24 attestante il versamento delle ritenute e dei contributi. Materiale non durevole Si intendono i beni che esauriscono la loro funzione nell ambito del loro utilizzo. Sono ammesse le principali categorie di spese necessarie per le attività previste dal progetto, quali le spese per cancelleria, fotoriproduzioni, abbonamenti, materiali minuti, libri, stampa opuscoli, ecc.. Per tale voce è ammessa la spesa nel limite del 5% del progetto; la spesa relativa alla stampa del materiale divulgativo (inviti, manifesti, opuscoli, ecc..) viene esclusa nel calcolo del limite del 5%. Documentazione minima per i controlli La documentazione per la verifica dell ammissibilità della spesa, da presentare in copia conforme all'originale, può essere suddivisa in documenti giustificativi di spesa e documenti attestanti l'effettivo e definitivo pagamento. Documenti giustificativi di spesa In linea di principio si reputano necessarie: v Bolla di accompagnamento del bene acquistato riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; v Libro degli inventari; v Fattura attestante l acquisto riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; v Ricevuta attestante l acquisto riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione. Documenti giustificativi di pagamento A titolo di esempio possono essere: v Mandato di pagamento quietanzato dalla banca; v Ordinativo di pagamento; v Assegno bancario non trasferibile intestato al fornitore del bene; v Assegno circolare intestato al fornitore del bene; 12

13 v Libro giornale attestante i pagamenti in contanti non superiori a 500,00, in ogni caso, nel rispetto dei limiti previsti dal c.d. decreto Bersani, unitamente con le relative ricevute fiscali; v Estratto conto bancario riportante bonifico di pagamento con intestatario chiaramente definito. Consulenze esterne Tale categoria di spesa riguarda i costi necessari per acquisire servizi da soggetti terzi, per prestazioni lavorative occasionali e non continuative, non fornite attraverso i rapporti di lavoro di tipo dipendente, quali ad esempio: servizi e/o consulenze tecniche o amministrative. Con riguardo alle consulenze specialistiche, che non rientrano nelle altre voci di spesa, le stesse saranno ritenute ammissibili nella misura massima del 20% costo del progetto. Spese relative alle consulenze esterne Si tratta di spese relative a personale impegnato attraverso rapporti consulenziali aventi ad oggetto prestazioni professionali specialistiche direttamente riferibili alle attività progettuali espletate sotto la propria diretta responsabilità e controllo e con l utilizzo di risorse proprie. Tali rapporti consulenziali potranno anche essere oggetto di contratti a progetto e continuativa laddove l attività consulenziale risponda, per caratteristiche e sua propria natura, agli elementi e termini strutturali del contratto stesso, così come sopra sintetizzati. Anche nell'ambito dei consulenti sono previste tre fasce di livello così ripartite: fascia A: docenti di ogni grado del sistema universitario e scolastico impegnati in attività consulenziali inerenti al settore/materia progettuale e proprie del settore/materia di appartenenza e/o di specializzazione; ricercatori senior (dirigenti di ricerca, primi ricercatori) impegnati in attività consulenziali inerenti al settore/materia progettuale e proprie del settore/materia di appartenenza e/o di specializzazione; dirigenti dell Amministrazione Pubblica; funzionari dell Amministrazione Pubblica impegnati in attività proprie del settore/materia di appartenenza e/o di specializzazione con esperienza almeno quinquennale; dirigenti d'azienda o imprenditori impegnati in attività consulenziali proprie del settore di appartenenza con esperienza professionale almeno quinquennale; esperti di settore senior e professionisti impegnati in attività di consulenza con esperienza professionale almeno quinquennale inerente al settore/materia progettuale o di conduzione/gestione progetti nel settore di interesse. Massimale di costo = max. 500,00/giornata singola, al lordo di Irpef, al netto di IVA e della quota contributo previdenziale obbligatorio. fascia B: ricercatori universitari di primo livello e funzionari dell Amministrazione Pubblica impegnati in attività di consulenza proprie del settore/materia di appartenenza e/o di specializzazione; ricercatori junior con esperienza almeno triennale di consulenza inerente al settore/materia progettuale o di conduzione/gestione progetti nel settore di interesse; professionisti od esperti con esperienza almeno triennale di consulenza inerente al settore/materia progettuale o di conduzione/gestione progetti nel settore di interesse. Massimale di costo = max 300,00/giornata singola, al lordo di Irpef, al netto di IVA e della quota contributo previdenziale obbligatorio. fascia C: assistenti tecnici con competenza ed esperienza professionale nel settore; professionisti od esperti junior impegnati in attività di consulenza inerenti al settore/materia progettuale. Sono riconducibili a questa fascia le attività di consulenza realizzata mediante contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Massimale di costo = max 150,00/giornata singola, al lordo di Irpef, al netto di eventuale IVA e della quota contributo previdenziale obbligatorio. L Assessorato Agricoltura e Foreste si riserva di graduare i compensi previsti in ragione dell esperienza del professionista, che si evince da curriculum vitae. 13

14 Documentazione minima per i controlli La documentazione per la verifica dell ammissibilità della spesa, da presentare in copia conforme all'originale, può essere suddivisa in documenti giustificativi di spesa e documenti attestanti l'effettivo e definitivo pagamento. Documenti giustificativi di spesa A titolo di esempio possono essere: v Contratto controfirmato per accettazione nel quale risulti esplicitato in dettaglio il tipo di prestazione/attività svolta, la durata temporale, la remunerazione, la quota attribuibile al progetto; v Fattura o nota di debito o parcella, riportante il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione, corredate da specifica relazione sull attività svolta controfirmata dal legale rappresentante della società beneficiaria; v Documenti attestanti il versamento degli oneri sociali e fiscali. Documenti giustificativi di pagamento A titolo di esempio possono essere: v Mandato di pagamento quietanzato dalla banca; v Ordinativo di pagamento; v Assegni bancari non trasferibili o circolari dai quali si evinca chiaramente l importo ed il nominativo del percepente; v Libro giornale attestante i pagamenti in contanti non superiori a 500,00; v Estratto conto bancario contenente eventuali bonifici (anche cumulativi) attestanti il versamento effettuato; v Modello F 24 attestante il versamento delle ritenute e dei contributi. Altre spese Sono consentite tutte quelle spese ben identificabili che sono funzionali, necessarie ed aggiuntive alle ordinarie attività, direttamente imputabili all attività riguardante il progetto. Per esempio, le spese relative alle sedi operative, con espressa esclusione delle sedi amministrative, delle società beneficiarie utilizzate nella realizzazione delle attività progettuali. I relativi costi e canoni potranno essere riconosciuti limitatamente al diretto utilizzo del bene in relazione alle effettive necessità progettuali e, comunque, nei limiti della durata progettuale, per la quota d'uso e di superficie effettivamente utilizzate. In tale ambito è riconoscibile la manutenzione ordinaria delle attrezzature in dotazione alla società beneficiaria in relazione al maggiore uso che implica la realizzazione del progetto. Le spese telefoniche nella misura massima di 750,00 per ciascun anno, di illuminazione, per materiale uso ufficio, postali, di riscaldamento uffici, pulizia, pubblicità, ecc. Detti costi devono essere determinati, in modo proporzionale in relazione alla durata del progetto finanziato, alla superficie dei locali utilizzati, al numero degli utilizzatori e dei destinatari delle attività progettuali. Tali spese saranno valutate caso per caso rispettando il criteri della attinenza alle attività espletate nel progetto. Tali spese sono ammissibili, dietro presentazione di dichiarazione del responsabile della società beneficiaria, nel limite massimo del 10% del costo totale del progetto. Documentazione minima per i controlli La documentazione per la verifica dell ammissibilità della spesa, da presentare in copia conforme all'originale, può essere suddivisa in documenti giustificativi e documenti attestanti l'effettivo e definitivo pagamento della spesa. 14

15 Documenti giustificativi di spesa A titolo esemplificativo possono essere: v Prospetto di calcolo per ogni importo rendicontato in pro-quota; v Fattura con il timbro di Spesa sostenuta totalmente/parzialmente ( %) sulla misura 4.12 del POR Sicilia Progetto - per e la data di rendicontazione; v contratto di locazione registrato con l'indicazione del canone iniziale e successivi aggiornamenti; v contratto di comodato d'uso; v eventuale contratto del servizio di pulizia, di vigilanza locali e relativi aggiornamenti: v prospetto riepilogativo delle fatture suddivise in sottovoci (locazione, spese condominiali, pulizia, ecc.), sottoscritto dal legale rappresentante della società beneficiaria; v prospetto dettagliato delle fatture sottoscritto dal legale rappresentante della società beneficiaria e relative fatture in copia conforme; v prospetto dettagliato delle giornate/periodi di effettivo utilizzo dell'immobile (o quote di esso) destinato alle attività progettuali, sottoscritto dal legale rappresentante della società beneficiaria. Documenti giustificativi di pagamento A titolo esemplificativo possono essere: v Assegno bancario non trasferibile intestato al percepente; v Assegno circolare intestato al percepente; v Estratto conto bancario attestante l avvenuto bonifico. Spese non Ammissibili Le seguenti spese sono considerate non ammissibili: Le spese effettuate prima della presentazione della domanda di finanziamento e quelle effettuate dopo la chiusura del progetto; Gli interessi debitori; Gli aggi (oneri esattoriali o di riscossione); Le perdite su cambio; Ammende, penali e spese per controversie legali L acquisto di immobili; Cellulari; Le automobili o altri veicoli a motore; Spese di marketing o relative alla vendita di servizi se non strumentali al progetto e previste nel progetto stesso; altre imposte, tasse o oneri: in particolare le imposte dirette e i contributi per la sicurezza sociale su stipendi e salari non costituiscono spesa ammissibile tranne quando sono effettivamente e definitivamente sostenuti dal beneficiario finale o dal singolo destinatario; spese di rappresentanza: tese a promuovere l immagine del contraente, soprattutto presso fornitori o partner negli affari. Sono considerate spese di rappresentanza anche cessioni a titolo gratuito di beni o servizi a detti soggetti. PALERMO, IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XI Dr. Paolo Girgenti IL DIRIGENTE GENERALE Dr. Dario Cartabellotta 15

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL Unione Europea GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÁ DI RICERCA 1^ scadenza e 2^ scadenza: DGR n. 1988/2011 e successive modificazioni

Dettagli

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Allegato 9 Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Nuova Generazione di Idee. Le politiche e le Linee di intervento di Regione Lombardia per i Giovani SPESE AMMISSIBILI E MASSIMALI

Dettagli

Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003. CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari del Patto Territoriale per L Agricoltura e la Pesca

Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003. CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari del Patto Territoriale per L Agricoltura e la Pesca Patto Territoriale per l Agricoltura e la Pesca Alto Belice Corleonese, Valle del Torto e dei Feudi e Fascia Costiera Prot. 2300 AGR/2003/ADL/adm Santa Cristina Gela, lì 31/07/2003 CIRCOLARE N 7 Ai Beneficiari

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE Allegato 9 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE in attuazione dell articolo 11, comma 1, lettera b) del d.lgs. 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI L'attività di supporto alla creazione di imprese

Dettagli

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DELLE CAMERE DI COMMERCIO, DEI PATLIB (PATENT LIBRARY), DEI PIP (PATENT INFORMATION POINT) E DELLE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER ATTIVITA DI SUPPORTO

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi INNOVA.RE INNOVAzione in REte C.U.P. J85G09000350002 Il presente Vademecum illustra le procedure a cui i soggetti attuatori dei progetti di sviluppo, finanziati a valere sull Avviso interno in intestazione

Dettagli

La gestione finanziaria dei progetti

La gestione finanziaria dei progetti Progettazione sociale ed europea per le Associazioni Culturali La gestione finanziaria dei progetti Torino 18 Marzo 2014 1 Pianificazione economico finanziaria Uno dei momenti della pianificazione è la

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. Sardegna 2000-2006 Misura 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO AZIONE 3.13.B INCENTIVAZIONE DIRETTA ALLE

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Allegato VI. Spese ammissibili. Regia Regionale. DOCUP obiettivo 2 2000/6. per le misure a

Allegato VI. Spese ammissibili. Regia Regionale. DOCUP obiettivo 2 2000/6. per le misure a Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dell Economia e delle Finanze DOCUP obiettivo 2 2000/6 Allegato VI Spese ammissibili per le misure a Regia Regionale Spese ammissibili per le

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA Linee guida per la rendicontazione degli interventi a sostegno della pesca e dell'acquacoltura

Dettagli

CATEGORIE DI COSTO PER MACROVOCI. Per la tipologia c) sono riconosciuti i costi riferibili a: 1. Individuazione del sostituto. 2. Progettazione.

CATEGORIE DI COSTO PER MACROVOCI. Per la tipologia c) sono riconosciuti i costi riferibili a: 1. Individuazione del sostituto. 2. Progettazione. Elenco dei costi ammissibili relativi ai progetti di azioni positive per la flessibilità art. 9 legge 8 marzo 2000, n. 53 e successive modificazioni. Criteri generali di ammissibilità dei costi e specifiche.

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11.

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare

Dettagli

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo Aspetti generali di Rendicontazione finanziaria L importo che deve essere rendicontato

Dettagli

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 43/14 del 28.10.2014 Direttive per la presentazione dei programmi di attività, per la ripartizione delle risorse tra le organizzazioni professionali agricole regionali e per

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori Registrazione partecipanti Il controllo contabile della Relazione finale I controlli di I livello Domande /Confronto Chiusura lavori Costi eleggibili art. II.14.1 dell Accordo di sovvenzione I costi, per

Dettagli

Criteri per la rendicontazione

Criteri per la rendicontazione L.R.34/2004 Programma pluriennale per le Attività Produttive 2011/2015 Misura 1.7 Supporto per la Partecipazione dei giovani ai Processi di innovazione Piano Giovani 2011/2013 Misura 6 Giovani ambasciatori

Dettagli

SPESE AMMISSIBILI DOCUMENTAZIONE DI SPESA

SPESE AMMISSIBILI DOCUMENTAZIONE DI SPESA SPESE AMMISSIBILI DOCUMENTAZIONE DI SPESA Sono ammissibili a contributo le spese sostenute a decorrere dalla data di adesione ufficiale al Patto dei Sindaci e riferibili alle seguenti attività: - preparazione

Dettagli

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE ALLEGATO E) LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve realizzare gli investimenti oggetto di finanziamento

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

Contratto.. ALLEGATO 3 - LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE

Contratto.. ALLEGATO 3 - LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE Contratto.. ALLEGATO 3 - LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE 1. COSTI AMMISSIBILI Sono ammissibili esclusivamente i costi strettamente connessi all attuazione del progetto per attività di ricerca industriale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

d) Relazione sull attività svolta

d) Relazione sull attività svolta Allegato 1 alla check list per operazioni in regime concessorio Verifica documentazione relativa ai costi per la realizzazione del progetto Verifica in loco n. Data e Luogo della verifica Titolo progetto

Dettagli

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data Attività di Finpiemonte 2 Attività di Finpiemonte Le verifiche documentali effettuate da Finpiemonte riguardano tutte le domande di rimborso presentate dai beneficiari

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis)

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis) LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE CONCESSIONE DI PICCOLI PRESTITI D'EMERGENZA PER MICROIMPRESE (PEM) (L.R. 77/2012, art. 31-bis) 1. DURATA Data di inizio attività progettuali Sono ammissibili le sole

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE

MANUALE DI RENDICONTAZIONE MANUALE DI RENDICONTAZIONE Sommario 1 INTRODUZIONE... 2 2 REGOLE GENERALI... 2 3 FORME DI COFINANZIAMENTO... 2 4 SPESE DI GESTIONE E AFFITTI... 3 4.1 AFFITTO... 3 4.2 ILLUMINAZIONE, RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO...

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura SOTTOMISURA 321/A Servizi essenziali e infrastrutture rurali AZIONE 4 PSR SICILIA 2007/2013 SOTTOMISURA 321/A4 Punti di accesso info-telematici

Dettagli

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Movimento 5 Stelle Boom Polmoni Urbani BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Questo Vademecum fornisce indicazioni riguardo l ammissibilità delle spese e le modalità di rendicontazione relative ai progetti ammessi

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N.215 21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE. Bando IMPRESA DIGITALE

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE. Bando IMPRESA DIGITALE LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE Bando IMPRESA DIGITALE Ultimo aggiornamento 04/02/2013 1 1. BENEFICIARI, PROGETTI E TEMPI DI REALIZZAZIONE... 3 1.1 Variazioni dei progetti... 3 1.2 Realizzazione dei

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DEI COSTI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DEI COSTI 1. Forma delle dichiarazioni di spesa Le dichiarazioni di spesa e le rendicontazioni dovranno essere redatte in conformità allo schema

Dettagli

Programma di aiuti per start up innovative

Programma di aiuti per start up innovative P.O.R. Sardegna 2007 2013 Linea di attività 6.2.1.d Sostegno alla creazione e sviluppo di imprese spin-off da Università e centri di ricerca e alla creazione e sviluppo di nuove imprese innovative Programma

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 11 marzo 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

Regolamento per il servizio di Cassa Economale

Regolamento per il servizio di Cassa Economale Azienda di Servizi alla Persona Regolamento per il servizio di Cassa Economale Approvato con Delibera di CdA n. 4 del 27/02/2014 Sede Legale: Via Di Mezzo n. 1 47900 RIMINI Sede Amministrativa: Via Massimo

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

PRINCIPI ATTIVI 2012

PRINCIPI ATTIVI 2012 REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale PRINCIPI ATTIVI 2012 Giovani idee per una Puglia migliore Allegato n. 2 Vademecum

Dettagli

1. CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E L IMPUTAZIONE DELLE SPESE E DEI COSTI AMMISSIBILI

1. CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E L IMPUTAZIONE DELLE SPESE E DEI COSTI AMMISSIBILI Progetto Casa intelligente per una longevità attiva ed indipendente dell'anziano Bando per la selezione di proposte progettuali finalizzate allo sviluppo di piattaforme di integrazione dedicate all' active

Dettagli

BANDO FAQ Aggiornate al 01-07-2013 1

BANDO FAQ Aggiornate al 01-07-2013 1 BANDO FAQ Aggiornate al 01-07-2013 1 INDICE 1. POSSO PRESENTARE LA DOMANDA SOLTANTO CON FIRMA DIGITALE?... 3 2. QUALI IMPRESE POSSONO PRESENTARE DOMANDA?... 3 3. POSSONO PARTECIPARE AL BANDO ANCHE AGGREGAZIONI

Dettagli

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti:

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti: Allegato alla Delib.G.R. n. 49/32 del 7.12.2011 L.R. 14. 5 2009 n.1, art.17. Criteri e modalità di concessione e rendicontazione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali ai sensi

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei

Dettagli

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000.

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. Art. 1 Principi generali -------------------------------

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività Linea di Attività 6.2.1.b Sostegno alla creazione e sviluppo di nuove imprese innovative Programma di aiuti per nuove imprese innovative ALLEGATO 1 CRITERI

Dettagli

START UP INN OVA TIVE

START UP INN OVA TIVE P.O.R. Sardegna 2007 2013 Linea di attività 6.2.1.A BANDO PUBBLICO Programma di aiuti per start up innovative II Invito a presentare proposte ALLEGATO 3 CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI START UP INN

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE)

PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE) 1 BANDO N. 2 ANNO 2014 PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE) SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE EDUCAZIONE,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLA SPESA

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLA SPESA òrepubblica ITALIANA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Servizio V Interventi per lo Sviluppo Agricolo

Dettagli

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7.8.2007, n. 7.

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7.8.2007, n. 7. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 22 settembre 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata La Regione, in coerenza con quanto previsto dalla programmazione sanitaria nazionale e regionale, allo

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BANDO N. 4 ANNO 2015 ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BUDGET COMPLESSIVO : Euro 110.000 messi a disposizione dalla Fondazione Cariplo per il tramite della Fondazione

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7/2007 Bandi 2010 e 2011

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7/2007 Bandi 2010 e 2011 potrà UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Indice Art. 1 Norme generali... 2 Art. 2 Strutture e personale coinvolti... 2 Art. 3 Sottomissione delle proposte di progetto e

Dettagli

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7.8.2007, n.

Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7.8.2007, n. UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI SASSARI Linee guida per la gestione e la rendicontazione dei progetti di ricerca di base finanziati dalla RAS nell ambito della L.R. 7.8.2007,

Dettagli

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione Allegato alla Delib.G.R. n. 28/41 del 17.7.2013 Modifica delle direttive in materia di aiuto all avviamento delle organizzazioni dei produttori (OP), delle loro unioni (OC) non ortofrutta e dei consorzi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Approvato con delibera n. 7 del 22/11/2006 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace Fondo Europeo Sviluppo Regionale a cura di: Bruno Diego Gallace 1 Gestione Amministrativa e Contabile Cosa fa una scuola che ha ricevuto un finanziamento del PON FESR Ambienti per l apprendimento? IL DIRIGENTE

Dettagli

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009 Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali Milano, 5 febbraio 2009 Premessa Riferimenti normativi: Regione Lombardia -DDUO n. 15169 del 22/12/2008; Approvazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE PER LA REDAZIONE DEL MODELLO DI RENDICONTO SPESE RELATIVO ALL UTILIZZO DELLE RISORSE DI START UP

NOTE ESPLICATIVE PER LA REDAZIONE DEL MODELLO DI RENDICONTO SPESE RELATIVO ALL UTILIZZO DELLE RISORSE DI START UP DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE PER L ORIENTAMENTO E LA FORMAZIONE FONDI PARITETICI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA NOTE ESPLICATIVE PER LA REDAZIONE DEL MODELLO DI RENDICONTO SPESE RELATIVO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014

PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014 PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014 (art. 159 e 190 D. Lgs 297/94; art. 3 L. 23/96) Allegato DGC n. 153/5.12.2013 L anno duemilatredici

Dettagli

Una carrellata veloce per ricapitolare

Una carrellata veloce per ricapitolare Una carrellata veloce per ricapitolare Un budget deve: Comprendere tutte le entrate e le spese necessarie per la realizzazione del progetto. Formare un quadro coerente tra costi e attività previste. Essere

Dettagli

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!!

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!! 1 Introduzione alla progettazione europea - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria Struttura tipo di un budget europeo Voce di costo Spesa stimata A Staff 100.000,00 B

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013.

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013. Allegato 12 Esempio pratico relativo ad attività di controllo di II livello ESEMPIO PRATICO Al fine di facilitare la comprensione di quanto esposto in precedenza, si riporta di seguito la simulazione di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2014 - Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 38/04.03.2010 Modificato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 58/10.06.2011

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana.

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana. REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 012000826 NUMERO DI PARTITA IVA 02711070827 REGIONE SICILIANA PRESIDENZA Dipartimento Regionale del Personale dei Servizi Generali di Quiescenza Previdenza

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e PMI ASPETTI

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. 1 Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007-

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. In applicazione dell

Dettagli